Perché la salute non è monetizzabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perché la salute non è monetizzabile"

Transcript

1 Questo spazio informativo, è stato prodotto grazie all impegno ed alla volontà di tante lavoratrici e lavoratori, collaborando con diverse modalità alla sua realizzazione, in maniera anonima o palese. Per questo numero, desideriamo ringraziare: Scauta Barbara Sacco Monica Rapillo Luigi Petrucci Domenico Parisi Valentina Musto Antonio Murolo Davide Lombardo Marzia Gnolo Giancarlo Di Maio Giovanni Cusano Veronica Cordova Vincenzo Conte Paola Cavaliere Vincenzo Canfora Massimo Balzamo Luigi Autiero Flavia Perché la salute non è monetizzabile Appunti di democrazia Anno 0 n 4 - Aprile 2011 Progetto grafico a cura di : Fortunato Vincenzo Se hai proposte, suggerimenti, voglia di collaborare (anche in maniera anonima), critiche, scrivi ad: oppure trovaci su FACEBOOK

2 Sommario L Editoriale - Le battaglie non si perdono, si vincono sempre pag. 1 Mal d Africa pag. 2 Abile diversamente pag. 2 In seduta stante pag buone ragione per scioperare il 6 maggio pag. 3 Il Rappresentante Sindacale Unitario pag. 3 Per una giusta causa, per rendere concreta la solidarietà pag. 5 I contributi figurativi sono accreditati? pag. 6 Quando andremo in pensione? pag. 6 Il lavoro non è una merce pag. 7 Altro che morti bianche, spesso sono omicidi pag. 7 Malattia prolungata pag. 8 Crisi nelle TLC pag. 8 L editoriale :: Le battaglie non si perdono, si vincono sempre In questo numero... A cura di Gino Balzamo Questa frase di E. Guevara mi rimbomba nella mente: penso a tutte quelle persone che davanti alle difficoltà, davanti al mondo che apparentemente non cambiava, non si sono arrese, né adeguate. Spesso riteniamo che le battaglie che portiamo avanti debbano dare dei frutti immediatamente, dimenticando che ci sono istanze che non hanno mai fine, che vanno difese oltre che estese. Penso a coloro che lottarono contro i fascisti, a quanti sono morti anni prima che il fascismo capitolasse; ricordo quante operaie ed operai sono morti sul lavoro, hanno subito fame, vessazioni, umiliazioni prima di poter giungere allo Statuto dei lavoratori o più semplicemente ottenuto un diritto. Nessuno di loro aveva certezza che ce l avrebbe fatta, che la loro idea si sarebbe concretizzata eppure non hanno esitato, non hanno lesinato alcuna energia per rendere concreta la loro volontà, mossi da una visione della società che andava ben oltre l immediato o il subito. Le battaglie non si perdono, si vincono sempre si è così, anche quando il padrone mi vuole convincere che tanto nulla cambierà, che abbiamo già perso, che se vuole ci toglierà quel diritto, che ci potrà esternalizzare e noi non potremo fare nulla se non piegare la testa o magari elemosinare una migliore collocazione, un occhio di riguardo o peggio svendere i nostri diritti. Una volta si diceva che i diritti fossero insindacabili, irrinunciabili e non contrattabili; in molti, proprio tra i lavoratori, tra i cittadini, si sono abituati all idea che invece possiamo svenderli, svendendo finanche noi stessi, mercificando il nostro corpo e soprattutto la nostra anima. NON E COSI e NON CONSENTIRO a NESSUNO di trattarmi come un numero, una matricola, una pezza. Penso ad una frase tratta dal film Baaria nel quale il padrone ripete in siculo Tutto cambia, nulla cambia ed invece il mondo cambia se lo vogliamo e soprattutto se riusciamo a portare avanti tra successo e sconfitte, tra passioni sociali ed umane, l idea di una società migliore, più equa, più giusta. Una battaglia che non avrà mai fine ed alla quale non possiamo far mancare il nostro contributo, la nostra dedizione. Solo così le battaglie non si perdono ma si vincono sempre perché, a prescindere dall esito immediato, abbiamo vinto per il solo fatto di non aver piegato la testa, sostenendo un idea di libertà, di uguaglianza, di diritti. La rassegnazione è un suicidio quotidiano (Honoré de Balzac) Buono a sapersi :: Malattia prolungata Nel caso di assenza per malattia al lavoratore assunto a tempo indeterminato sarà conservato il posto di lavoro per i periodi di tempo e con la retribuzione sotto specificati: giorni di calendario ad intera retribuzione; giorni di calendario al 50% della retribuzione. Qualora i suddetti periodi di conservazione vengano superati a causa di un evento morboso continuativo caratterizzato da assenza ininterrotta, o interrotta da un unica ripresa del lavoro per un periodo non superiore a due mesi, il periodo di conservazione del posto ed il relativo trattamento retributivo sono prolungati sino ad un massimo di ulteriori 120 giorni di calendario. In ogni caso ove si verifichino più assenze per malattia o infortunio non sul lavoro, i trattamenti si intendono riferiti alle assenze complessivamente verificatesi nel periodo di tre anni precedente ogni nuovo ultimo episodio morboso. Nei suddetti periodi l anzianità decorre ad ogni effetto. Il FSW può intervenire nell'ambito della gestione straordinaria, secondo il disposto dell'art. 9 del Regolamento, quando vi è la cessazione totale della corresponsione della retribuzione e, in via eccezionale,, quando vi è una parziale riduzione della retribuzione stessa. Il FSW interverrà comunque, in una misura che non potrà eccedere complessivamente l'85% della normale retribuzione mensile lorda, per i casi di quei dipendenti che siano sottoposti a trattamento di e- modialisi, o affetti da morbo di Cooley o da neoplasie, nonché per le situazioni che per prospettive prognostiche siano assimilabili a quelle precedentemente indicate nel presente capoverso, sia nel caso di cessazione totale della corresponsione della retribuzione che nel caso di parziale riduzione della retribuzione stessa. Nei casi di episodi morbosi significativi il FSW potrà integrare quanto il lavoratore ha percepito mensilmente in base al disposto contrattuale, fino al raggiungimento del 75% della sua normale retribuzione mensile lorda. Per poter usufruire dell'intervento il dipendente deve farne espressa richiesta, facendo pervenire al FSW la documentazione, anche sanitaria, necessaria alla valutazione del caso. Crisi nelle TLC A cura di Davide Murolo A cura di Gino Balzamo La vicenda Vodafone, ovvero la volontà aziendale di esternalizzare le attività lavorative dei tecnici è l ennesimo segnale che la crisi, purtroppo già palesata in tantissimi settori della nostra società senza che siano state poste le basi per uno sviluppo prossimo, oramai attanaglia anche un settore, quello delle TLC, che aveva subito meno gli effetti nefasti del mercato creato ed alimentato dalle banche e dalle loro speculazioni. Sia ben chiaro che segnali di debolezza erano già stati registrati in passato o recentemente (H3G, Eutelia, Alicos, Teleperformance) ma dopo gli esuberi in Telecom e qualche cessione di call center (proprio Vodafone e Wind), ecco il primo strappo di una grossa società, che pur senza il vento il poppa certamente non è in crisi economica. Questo scenario, parzialissimo in questa breve analisi, è supportato anche dalle volute disattenzioni del Governo, che non solo ha eliminato o sminuito norme che dessero stabilità ai precari (tipico dei call center) ma non ha nemmeno sistemato, prospettato, progettato il futuro della rete, creando di fatto una separazione tra gli detiene la rete fisica (Telecom ed in parte Fastweb) e soprattutto gli OLO (Infostrada, Vodafone, ecc), una separazione operata dal mercato senza regole e dunque a danno dei più deboli, ovvero chi lavora. Ed ovviamente la divisione tra le diverse sigle sindacali, abilmente superata nel 2010 relativamente al rinnovo del contratto , non fa precludere a nulla di buono. C è la volontà di isolare la SLC-CGIL dal rinnovo del contratto, prevedendo nello stesso deroghe e condizioni davvero capestro e quindi schiacciare a stessa SLC-CGIL tra due fuochi ovvero l accettazione di norme palesemente contrarie agli interessi dei lavoratori oppure l isolamento e quindi la mancata rappresentanza di tantissime lavoratrici e lavoratori. Dunque lo scenario è complicato, delicato e si sviluppa su più fronti che s interscambiano. La sensazione è che senza una presa di coscienza forte da parte di chi lavora e produce, finiremo per essere schiacciati da mere scelte opportunistiche ed economiche.

3 Il lavoro non è una merce A cura di Valentina Parisi Mal d Africa A cura di Gigi Rapillo La flessibilità è figlia primogenita della globalizzazione, ma cosa intendiamo per flessibilità? Si usa definire flessibili quei lavori che richiedono alla persona di adattare ripetutamente l'organizzazione della propria esistenza. Per comodità è corretto parlare di 2 tipi di flessibilità: quella dell'occupazione e quella della prestazione. La prima consiste nella possibilità da parte dell'azienda di far variare la forza lavoro in base al ciclo produttivo e spesso essa si concretizza in tutti quei contratti atipici che sono previsti dal diritto del lavoro. Per flessibilità delle prestazioni per contro si riferisce l'eventuale modulazione da parte dell'impresa di vari parametri, dai salari, agli orari slittanti, ogni tot lavorare il sabato o la domenica e bla bla. Le improvvise variazioni di ritmo di luogo di lavoro servono a far fronte alle "disfunzioni" dei cicli produttivi.. Ma a che serve questa flessibilità??a ridurre il costo diretto o indiretto del lavoro in quanto nessun componente, nessun ausilio deve giungere nel punto fisico in cui deve venir lavorato montato o fornito solo nel preciso momento in cui esso deve essere utilizzato e quindi si produce solo su domanda, la quale può crescere o diminuire in base al periodo e quindi al ciclo produttivo (esempio la produzione di gelati!) Le imprese possono modificare di loro iniziativa orari, retribuzioni assumere licenziare senza vincoli rappresentati dal diritto del lavoro., i lavori flessibili sono una forma di erosione (IN ITALIA) a quello che è il diritto al lavoro. Il lavoro o la prestazione è considerata una merce di scambio, ma vengono lese la dignità, le competenze professionali, la progettualità..non esiste più possibilità per chi è oggetto di contratti atipici la di creare i fare voli pindarici senza rete di protezione,si parla di ammortizzatori sociali nel momento in cui un individuo che ha scambiato la merce lavoro si trova per periodi medio lunghi senza lavori..certo perché qua in Italia funzionano!! Gli orologi della storia del lavoro sono tornati all indietro Ora mi chiedo dove dobbiamo arrivare, la precarietà oggettiva o soggettiva è sinonimo di insicurezza che diviene insicurezza di vita generata dal fatto che il lavoro, e con essa il reddito è revocabile a discrezione del soggetto bah Una proposta semplice, immediata ed efficace è quella di pagare maggiormente i lavoratori che non hanno un contratto a tempo indeterminato, incentivando la loro formazione continua. Non per barattare precarietà con soldi, sia ben chiaro ma che il ricorso a tali istituti non siano solo un vantaggio per le aziende. Non abbiamo fatto in tempo ad evidenziare che il numero di morti ed infortuni fosse in calo ed ecco la doccia gelata. Prima di snocciolare dati e cifre, il pensiero va alle vittime della Thyssen ed alla condanna dell A.D. a 16 anni per non aver coscienziosamente posto in sicurezza la fabbrica. Ciò non restituirà alle famiglie i loro cari, ma rende meno amara la loro privazione e soprattutto le morti bianche non sono più tali, ma spesso sono veri e propri omicidi di chi per risparmiare espone la nostra vita a pericolo. Aumentano nuovamente, nei primi tre mesi dell'anno, le morti sul lavoro. Sono infatti 114 i decessi sul lavoro da gennaio a marzo, contro i 91 del primo trimestre Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte sono le regioni con più decessi. In rapporto al numero di occupati, invece, ad indossare la maglia nera è sempre la Valle D Aosta. Milano la provincia maggiormente colpita, seguita da Torino, Catania, Bologna e Napoli. Nel settore agricolo si è verificato il 35,1% delle morti bianche, seguito da quello delle costruzioni (21,9 % delle vittime). La fascia d età maggiormente a rischio è invece quella che va dai 40 ai 49 anni con 29 vittime (25,7 % del totale). Dalla ricerca poi emerge che le morti bianche non conoscono spazi vuoti neppure nel fine settimana perché tra venerdì e domenica viene accertato circa il 30% delle tragedie. Significativo il dato relativo a come avvengono gli incidenti mortali: il 28,1% sono causati dalla caduta di persone, mentre il 25,4% sono prodotti dallo schiacciamento conseguente ad oggetti caduti dall'alto. Non arrendiamoci. Ogni morto sul lavoro è una ferita indimenticabile Purtroppo è proprio così e dopo i moti rivoluzionari in Tunisia ed Egitto è ora il momento della Libia, anche se il reggente qui è molto più ostico dei suoi colleghi E allora interiene la forza internazionale, capeggiata da Francesi e Inglesi oltre che ai soliti esportatori di democrazia quali gli Americani, e per fortuna che lo fanno a fin di bene e solo per salvaguardare i civili altrimenti ci sarebbe da interrogarsi perché in Libia si e in altre parti del mondo no, vedi Ruanda e Somalia. La situazione è ingarbugliata, certo non possiamo lasciare i civili inermi e alla merce di Gheddafi, però è anche vero che un popolo deve meritarsi la propria libertà, questo a parer mio deve valere oggi come sarebbe dovuto valere in passato (ogni riferimento è puramente casuale) e ancor di più per il futuro, se non avviene si corre il rischio di finire dalla padella alla brace nel senso che se un popolo non è capace di conquistarsi la propria liberta tantomeno una volta che questa gli viene regalata sarà capace di gestirla. Come potete notare non ho impostato il discorso sul petrolio, sarebbe fin troppo facile giustificare l intervento in Libia con gli interessi petroliferi, probabilmente ce ne sono di diversi e variegati, dal gas al turismo e al controllo sul Mediterraneo, quindi ritengo in questa fase inutile fossilizzarsi su argomenti noti ai più ma non avevamo un trattato con la Libia? La forma del verbo in questo caso è corretta avevamo, quindi l Italia non avrebbe dovuto partecipare agli attacchi? Ecco questo è uno dei problemi legati alla gestione della propria libertà al quale facevo riferimento in precedenza, se mi liberi ma in cambio non ho più una mia dignità, non ho più la possibilità decisionale, non ho una mia identità di stato, allora che libertà ho? Forse quella di acquistare TV, auto, elettrodomestici o molto più facilmente di entrare a far parte del mondo capitalista, facendolo accrescere, ho sentore che questo sia anche il futuro dei popoli freschi liberi. Oltre la beffa di aver stipulato un accordo con uno dei peggiori dittatori del secolo scorso, baciandogli anche le mani, ora ci si trova perfino a non rispettare quell accordo passando noi dalla parte dei non leali, ecco il danno. Non ci resta che aspettare e vedere come va a finire come semplici spettatori che offrono ospitalità a chi parte per la guerra e a chi fugge dalla guerra, quest ultima azione molto più meritevole di rispetto e lo sarebbe ancora di più se non avessi il dubbio che si cercasse di scroccare soldi alla comunità europea per la gestione del transito di queste povere anime. ABILE diversamente A cura di Marzia Lombardo Un piccolo spazio da utilizzare per focalizzare grande attenzione su una questione che da undici anni (anni lavorativi in Wind) si insinua nell'animo di chi suo malgrado da sempre e' -DIVERSAMENTE ABILE- La mia non vuole essere una polemica ma una riflessione ad ampio raggio rivolta a chi giorno per giorno ci da' la certezza di appartenere ad una realtà lavorativa all'avanguardia e ci da la certezza di una vita migliore In caso di pericolo per chi come me appartiene alla categoria di DIVERSAMENTE ABILI con difficoltà DE- AMBULATORIE quali sono le primarie vie di fuga? Scale ed ascensori sono la prima cosa da evitare eppure nella realtà lavorativa del call center (2 piano) sembra non ci siano alternative. Ci sono punti di raccolta, uscite di sicurezza con scale, ma tutto per chi e' diversamente abile SEMBRA ESSERE irraggiungibile e impraticabile. Con forte voce pongo questo interrogativo a chi può far qualcosa perché 'il mio grido sia il grido di tutti e ne scuota le coscienze affinché la nostra categoria protetta non sia categoria DISABILE ma ABILE IN MODO DIVERSO In seduta stante La mia non vuole essere una polemica ma solo una costatazione visti gli innumerevoli commenti che i colleghi hanno fatto. L'azienda ha finalmente provveduto di recente alla sostituzione di monitor e sedie ormai considerate obsolete e sgangherate. Proprio in merito a queste ultime, le sedie, si sono sollevate numerose critiche relative all'igiene ed alla comodità. Per quanto riguarda la comodità può ritenersi anche un dato soggettivo ed imputabile magari al fatto che essendo nuove non hanno ancora "fatto la faccia", ma la cosa che più non è andata giù alle persone è che tali sedie sono rivestite di un materiale che attira notevolmente polvere sudore capelli e quant'altro.. direi decisamente poco igieniche!!! Credo sia opportuno da parte dell'azienda fornire delle coperture o in plastica oppure di un qualsiasi materiale che potrebbe essere lavato periodicamente. In alternativa consiglierei ad ogni collega di munirsi di una copertura personale in maniera da preservare se stessi e gli altri. A cura di Venus

4 12 buone ragioni per scioperare il 6 maggio A cura della redazione Il Rappresentante Sindacale Unitario A cura di Gianni Rago I settori della conoscenza, pubblici e privati, si fermeranno per l'intera giornata. Uno sciopero generale a sostegno di proposte concrete per il lavoro e per il paese 1. Per uscire dalla crisi ed avviare la crescita difendere il lavoro con un sistema di ammortizzatori sociali che copra tutti coloro che lo hanno perso, per promuovere "buona" occupazione e nuove occasioni di impiego; potenziare l'economia italiana, mediante investimenti, spesa in opere pubbliche, innovazione e ricerca, controllo sui prezzi, qualificazione della Pubblica Amministrazione. 2. Per difendere i redditi Un fisco più giusto, attraverso una vera lotta all'evasione (che ogni anno sottrae circa euro ad ogni contribuente onesto) Un fisco più leggero per le famiglie di lavoratori e pensionati che porti mediamente 100 euro in più ogni mese Un fisco più pesante su transazioni speculative, rendite e grandi ricchezze 3. Per una nuova politica industriale e per rilanciare gli investimenti Riordino degli incentivi per un maggiore e migliore sviluppo, puntando sui programmi di ricerca e di innovazione industriale, con particolare attenzione al Mezzogiorno Nuove misure per il sistema produttivo per portarlo verso settori e prodotti sostenibili, ad alto valore tecnologico e di conoscenza Favorire la crescita dimensionale delle piccole e medie imprese 4. Per la scuola pubblica, l'università, la ricerca Investimenti sulla conoscenza e sul diritto allo studio Sviluppo della qualità per la scuola pubblica, l'università e la ricerca Stabilizzazione del personale precario Considerare la cultura come un investimento per la crescita civile, morale ed economica Valorizzare il patrimonio storico, artistico, architettonico e culturale del Paese 5. Per un welfare diffuso e di qualità Rifinanziare adeguatamente il Servizio sanitario, il Fondo per le politiche sociali, il Fondo per la non autosufficienza Definire un piano nazionale contro la povertà e l'esclusione sociale 6. Per un adeguato livello delle pensioni e del benessere oltre il lavoro Meccanismi di rivalutazione delle pensioni, riconoscere la 14^ Garantire alle future generazioni un reddito da pensione adeguato Ripristinare la flessibilità dell'età pensionabile 7. Per i giovani e per il futuro Avviare interventi straordinari per creare occupazione, sradicare la precarietà Costruire un sistema di welfare che dia ai giovani autonomia dalla famiglia 8. Per le donne, una battaglia per la dignità Introdurre incentivi fiscali all'occupazione Garantire la tutela concreta della maternità, introdurre il congedo obbligatorio di paternità Una legge che impedisca il licenziamento "preventivo" come le dimissioni in bianco 9. Per il lavoro pubblico Rinnovo dei contratti nazionali e dei contratti integrativi contro ogni accordo separato Immediato rinnovo delle RSU Blocco dei licenziamenti dei precari e definizione di un piano occupazionale 10. Per un a politica di accoglienza e cittadinanza attiva dei migranti Regolarizzare i lavoratori immigrati per sconfiggere la piaga del lavoro nero Fornire i livelli essenziali di welfare Regolare i diritti di cittadinanza per superare le discriminazioni a partire dal diritto di voto 11. Per un federalismo solidale ed efficace a livello regionale e comunale Definire i livelli essenziali delle prestazioni sociali affinché il federalismo non divida ulteriormente il Paese Garantire agli Enti Locali le risorse per i diritti sociali, il welfare e l'equità della tassazione Promuovere l'integrazione socio-sanitaria investendo nei servizi territoriali e nella riqualificazione della rete ospedaliera 12. Per più democrazia nei luoghi di lavoro Eleggere ed estendere le RSU in tutti i settori privati Misurare la rappresentatività delle organizzazioni sindacali sulla base degli iscritti e dei voti ricevuti nelle elezioni delle RSU. Garantire ai lavoratori la possibilità di esprimere un voto vincolante sugli indirizzi e sugli esiti contrattuali La RSU, per me rappresenta il generoso impegno di tanti uomini e tante donne, che ad una progressiva esperienza contrattuale che sono andati maturando hanno affiancato la non facile "arte" del sapersi rapportare con gli altri lavoratori e che credono che la contrattazione rappresenta uno strumento fondamentale per garantire i diritti fondamentali ed imprescindibili di lavoratrici e lavoratori, per assicurare la trasparenza nelle scelte nelle difficoltà. Sostenere la dignità del lavoro non solo nelle regole del contratto nazionale ma anche nelle decisioni che si prendono in ogni luogo di lavoro è un nostro continuo impegno. Tanto maggiore quanto più "pesanti" sono gli interventi Aziendali, rispetto ad un continuo ed implacabile impoverimento delle condizioni del mondo del lavoro che abbiamo subito e che rischiamo di subire in un prossimo futuro. I poteri e le competenze contrattuali nei luoghi di lavoro vengono esercitati da noi RSU in accordo con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria firmatarie del relativo CCNL.Chi come noi è eletto nella RSU, tuttavia, non è un funzionario del sindacato, ma una lavoratrice o un lavoratore che svolge un preciso ruolo: rappresenta le esigenze dei lavoratori senza con ciò diventare un sindacalista di professione. La RSU, dunque, tutela i lavoratori collettivamente, controllando l'applicazione del contratto o trasformando in una vertenza un particolare problema. Tra le competenze necessarie per svolgere il nostro ruolo vi sono, poi, quelle relazionali. La nostra forza, infatti, non deriva solamente dal potere assegnatoci dal contratto e dalle leggi ma anche dalla capacità di creare consenso intorno alle nostre proposte e azioni e una ampia condivisione degli obiettivi. La RSU funziona come unico organismo che decide a maggioranza la linea di condotta e se firmare un accordo.il luogo dove tali funzionamento si concretizza è il Coordinamento Nazionale, luogo deputato alla dialettica e alla gestione delle questione di ordine generale in rapporto con le Segreterie Nazionali. Le commissioni sono lo strumento tecnico del coordinamento che agiscono su temi specifici e su mandato preciso. Colgo questa occasione per invitarvi a riflettere sul nostro ruolo, sul peso del coordinamento, sulla sua autonomia,sulla nostra proattività rispetto alle questioni e in funzione del ruolo delle Segreterie Nazionali nei rapporti e nella gestione dei rapporti con l Azienda. Il mio è un invito a tutti affinché il coordinamento RSU riprenda il suo naturale ruolo, ne ricostituisca il nucleo fondamentale della rappresentanza dei lavoratori di Wind. Saremo chiamati a sfide importanti e difficili, possiamo rimanere a guardare ed essere chiamati solo a gestire le ricadute o esserne parte attiva e provare a modificarne gli esiti

5 Think Pink! A cura di Paola Conte I contributi figurativi sono accreditati? A cura di Veronica Cusano :: Per una giusta causa, per rendere concreta la solidarietà Questo mese ho pensato di dedicare il mio spazio ad una giusta causa. Una mia amica e collega ha avuto problemi di salute con uno dei due suoi bellissimi bambini. Ricoverato per diversi giorni al Policlinico nuovo, un bimbo di 6 anni, costretto in un letto, come trascorre la giornata? Aspetta e poi, aspetta e poi si guarda un po in giro e poi fa qualche domanda e poi si guarda un altro po in giro e poi? Poi si annoia, le ore non passano, si intristisce Non ci sono giochi, o meglio, quelli che ci sono non sono sufficienti o non adatti ai bimbi di quell età. I volontari sono gli angeli, i clown, gli animatori del giorno di festa, uno a settimana troppo poco per i bambini che giocherebbero e che dovrebbero giocare tutto il giorno! Non c è neanche la TV che, per quanto diseducativa e bla, bla, bla, in determinate situazioni tiene compagnia, distoglie da e- ventuali preoccupazioni o peggio dolori, e quanto meno fa passare qualche ora, che in ospedale durano sempre di più! Soprattutto se mancano anche libri o computer. La mia amica Laura, dovendo trattenersi col suo bambino per un periodo abbastanza lungo in ospedale e visto che il piccolo era suo malgrado bloccato a letto, ha pensato di portare nella sua stanza un televisore che in qualche modo lo aiutasse a distrarsi da quello che era il suo malessere. Questo ha fatto si che altri bimbi ricoverati si dessero il cambio nella stanza di Simone per guardare i cartoni, stando in compagnia senza pensare al fatto che si trovassero in un ospedale Solo alcuni però gli altri che, come Simone per altre ragioni non potevano muoversi, non hanno potuto farlo, non sono potuti andare nella stanza accanto e Dove voglio arrivare: è vero che così come ha fatto la mia amica probabilmente faranno altre mamme portando da casa un piccolo televisore, ma magari non possono farlo, altrimenti non mi spiego il perché in un reparto di bimbi non c è neppure uno per i piccoli degenti e così a Laura è venuta un idea: COMPRIAMOLI NOI! Facciamo una raccolta anche di pochi a testa e facciamo questa buona azione! Si è informata sul da farsi presso la struttura ospedaliera e le hanno detto che non accettano denaro, ma oggetti in donazione si, quindi i televisori vanno più che bene! E allora che ne pensate? Raccogliamo noi questi soldini e contribuiamo a rendere un po più sopportabili quei giorni trascorsi in quelle stanze che ce la mettono tutta per ricordargli che sono le mura di un ospedale? I bimbi in quell ospedale, sono tutti nostri figli, i loro genitori sono presi da pensieri molto più pesanti, alleggeriamoli per quel che possiamo. Sono 6 stanze, servirebbero quindi 6 piccoli televisori con il digitale. Oggi si trovano a prezzi accessibilissimi ed abbiamo già mobilitato un po di amici che lavorano presso alcuni centri commerciali. Ora tocca a noi! Da oggi che leggete parte la raccolta dei fondi per i piccoli del policlinico. Se riuscissimo a comprarli tutti sarebbe una bellissima cosa e se avanzasse qualcosa (MAGARI!) potremmo anche comprare altri giochini, libri, album, colori ecc. A me sembra una cosa molto bella. Onore al cuore di mamma della mia amica, per aver pensato, nonostante i suoi problemi, agli altri bambini che erano e saranno ricoverati li. Per la raccolta dei fondi abbiamo pensato di individuare alcuni volontari: Mobile Consumer: Vincenzo Cordova Barbara Scauta Antonio Musto Mobile Corporate: Monica Sacco Veronica Cusano Fisso/ADSL: Rino Polidoro Flavia Autiero Davide Murolo Commerciale/Galileo Ferraris: Paola Conte Gino Balzamo Ovviamente, ad acquisto avvenuto, verranno pubblicati sul primo numero utile di Articolo 1, gli scontrini di acquisto e la copia del documento di donazione rilasciato dall azienda ospedaliera. Vi ringrazio fin d ora a nome di tutti i bimbi che saranno certamente contenti di potersi distrarre un po durante le lunghe degenze al Policlinico nuovo. Buona vita C è una prima volta per tutto anche per un estratto conto contributivo! Forse sono stata un poco precipitosa ma l idea che il giorno in cui potrò andare in pensione possa avvenire qualche intoppo mi ha spaventata e così ho deciso di verificare che la mia situazione contributiva fosse regolare ai fini pensionistici. Come penso sappiate, oltre ai contributi obbligatori o di riscatto (ad es. corso legale di laurea) esistono anche i contributi figurativi, che sono definiti fittizi (cioè non versati né dal datore di lavoro né dal lavoratore), che vengono accreditati dall Inps sul conto assicurativo del lavoratore per periodi in cui si è verificata un interruzione o riduzione dell attività lavorativa e di conseguenza non c è stato versamento dei contributi obbligatori da parte del datore di lavoro. Sul sito dell Inps è presente un interessante opuscolo che dettaglia i periodi per i quali si ha diritto ai contributi figurativi. Il mio obiettivo era verificare che i periodi che avevo richiesto mi fossero stati accreditati e potevo scegliere se verificarlo dal sito o andare ad uno sportello. Ovviamente ho preferito la soluzione più complicata e cioè decidere di fare la fila per qualche ora, ma ho potuto parlare con una dipendente molto gentile, la quale non solo mi ha spiegato cosa avrei dovuto controllare ma mi ha fatto osservare un inesattezza sul mio estratto, fortunatamente risolvibile. Sapete quale sarebbe stato il rischio? Andare in pensione una settimana più tardi.. Dalla mia esperienza vorrei suggerirvi di non trascurare di fare anche questi controlli:potete scegliere anche di farlo dal sito dell Inps. Se avete smarrito,come me, il pin che vi è pervenuto a casa o non lo avete ricevuto, potete richiederlo on line. Vi perverrà una prima parte del codice via o via sms e la seconda via posta. Le settimane contributive dovranno essere 52, per dodici mesi lavorativi e al netto dei periodi per quali non si ha diritto ai contributi (ad esempio l aspettativa.) e se ci sono dubbi potrete chiedere direttamente all Inps tramite il numero verde (803164) o l invio di un . alla famiglia, ecc) sarebbero positivi. Quando andremo in pensione? A cura di G. Balzamo A meno di ulteriori modifiche alla legge (e non sarebbe una novità viste le tante modifiche apportate in questi ultimi 15 anni) lo schema laterale evidenzia i requisiti minimi per andare in pensione. Però due-tre considerazioni semplici e sintetiche devo farle visto che i media ed i politici ci allarmano sempre sullo stato delle pensioni. La prima è che i conti dell INPS se togliessimo la parte assistenziale al lavoro (mobilità, cassa integrazione, sostegno La seconda è che senza gli immigrati, i contributi che questi versano allora la pensione sarebbe una chimera per molti. Aggiungiamoci, per ultimo, che l importo della pensione sarà sempre più basso per effetto del metodo scelto (contributivo ovvero basato su tutti i contributi versati) nonché per tanti disincentivi economici implementati dai vari Governi. Con l ultima chicca del Governo Berlusconi maturati i requisiti per andare in pensione (come da tabella), si potrà andare letteralmente in pensione dopo 12 mesi. Ci hanno allungato l età pensionabile indirettamente, un atto da vigliacchi che le lavoratrici ed i lavoratori non devono dimenticare.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi

Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi Economia: dal Fisco all Immigrazione, la terapia d urto della Cgil contro la crisi I 6 punti del manifesto-piattaforma oggi all'assemblea quadri e delegati Roma, 5 novembre - Un vero e proprio manifesto-piattaforma

Dettagli

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1

Solidarietà Veneto - Fondo Pensione. Tavola rotonda. Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Solidarietà Veneto - Fondo Pensione Tavola rotonda Giovani e Pensioni: quale educazione alla previdenza 1 Intervento di Antonio Finocchiaro Presidente della COVIP Vicenza, 22 novembre 2012 1 Il testo costituisce

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Avere un figlio oggi è un privilegio?

Avere un figlio oggi è un privilegio? Avere un figlio oggi è un privilegio? 18 maggio 2010 Avere un figlio oggi è un privilegio? una sfida? un rischio troppo forte? un desiderio che viene continuamente rimandato? Sembrerebbe di sì, visto che

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

La previdenza in Europa

La previdenza in Europa La previdenza in Europa Dati tratti da: «LEGISLAZIONE STRANIERA. MATERIALI DI LEGISLAZIONE COMPARATA» Camera dei Deputati, giugno 2013 Una premessa Le pensioni, in Italia come negli altri paesi europei,

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Costi, finanziamento e struttura degli ammortizzatori sociali in Italia

Costi, finanziamento e struttura degli ammortizzatori sociali in Italia Costi, finanziamento e struttura degli ammortizzatori sociali in Italia Abstract La spesa per ammortizzatori sociali in Italia è arrivata nel 2013 alla cifra record di 23,6 miliardi di euro (nel 2007 erano

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

LAVORO. Ecco le nostre proposte: Combattere il lavoro nero e rivedere la normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.

LAVORO. Ecco le nostre proposte: Combattere il lavoro nero e rivedere la normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro. OGGI PRECARIETÀ LAVORO Ridurre di 5 punti il carico contributivo sul lavoro dipendente entro il primo anno della legislatura.è un provvedimento che aiuterà le imprese (che avranno una riduzione della pressione

Dettagli

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia.

IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO. Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia. A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia. IL TFR COS È, COME SI UTILIZZA, E ALTRO Manualetto a uso di lavoratrici e lavoratori Aprilia A cura dei delegati FIOM CGIL Aprilia Agosto 2010 1 Sommario 1. Un po di storia... 3 2. La normativa attuale

Dettagli

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA

FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA FRANCESCO GIAVAZZI ECONOMISTA Grazie. Dirò anche due cose su Venezia, impiegherò dieci minuti. Fatemi ricominciare riprendendo da dove ci siamo fermati questa mattina. E difficile per una persona che per

Dettagli

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE? La possibilità, per i lavoratori dipendenti ed autonomi, di riscattare, ai fini pensionistici, il periodo di studi universitari necessario al conseguimento

Dettagli

Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA DEL MESE DI LUGLIO 2009.

Oggetto: CIRCOLARE INFORMATIVA DEL MESE DI LUGLIO 2009. STUDIO ANSALDI & ASSOCIATI Dott. Rag. Marco Ansaldi e Rag. Antonella Bolla ALBA - Via San Paolo n. 3/A tel. 0173-366212 CANALE - P.zza Trento T. n. 21 tel. 0173-970386 www.ansaldiassociati.it Ai Signori

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo).

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). È un cambiamento radicale: si passa dalla tutela del posto di lavoro alla tutela del lavoratore. Basta precarietà. Abbiamo

Dettagli

MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia

MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia MOBILITÀ: QUELLO CHE OCCORRE SAPERE PER POTER DECIDERE (e che di solito si chiede) scheda a cura dei delegati FIOM- CGIL Aprilia 1) Cosa succede se ci vado? Viene chiuso il rapporto di lavoro: il lavoratore,

Dettagli

ELEZIONI POLITICHE 2008 MERCATO DEL LAVORO, PROGRAMMI A CONFRONTO SCHEDE A CURA DELLA UIL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI

ELEZIONI POLITICHE 2008 MERCATO DEL LAVORO, PROGRAMMI A CONFRONTO SCHEDE A CURA DELLA UIL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI Servizio Politiche Territoriali ELEZIONI POLITICHE 2008 MERCATO DEL LAVORO, PROGRAMMI A CONFRONTO SCHEDE A CURA DELLA UIL SERVIZIO POLITICHE TERRITORIALI 1 MERCATO DEL LAVORO SUPERARE LA LEGGE 30 USCIRE

Dettagli

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE

I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE CGIL SPI TORINO TORINO TORINO I PENSIONATI VOGLIONO DELLE RISPOSTE Nel corso degli ultimi anni la fase di contrattazione con i Comuni sulle loro politiche di bilancio, è andata incontro a molte difficoltà.

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO

EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO CGIL-CISL-UIL PIEMONTE SUNIA-SICET-UNIAT PIEMONTE RELAZIONE INTRODUTTIVA EMERGENZA CASA IN PIEMONTE INTERVENIRE PER GARANTIRE IL DIRITTO In Piemonte come in Italia la pesante crisi economica ha generato

Dettagli

DISCORSO DEL PRESIDENTE MINA GIANNANDREA IN OCCASIONE DEL PRIMO CONVEGNO DI FEDERstrade Le proposte dei commercianti di vicinato

DISCORSO DEL PRESIDENTE MINA GIANNANDREA IN OCCASIONE DEL PRIMO CONVEGNO DI FEDERstrade Le proposte dei commercianti di vicinato DISCORSO DEL PRESIDENTE MINA GIANNANDREA IN OCCASIONE DEL PRIMO CONVEGNO DI FEDERstrade Le proposte dei commercianti di vicinato Cari amici, illustri ospiti, Voglio innanzitutto ringraziarvi tutti per

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

OGGI PRECARIETÀ DOMANI LAVORO

OGGI PRECARIETÀ DOMANI LAVORO PRECARIETÀ LAVORO Ridurre di 5 punti il carico contributivo sul lavoro dipendente entro il primo anno della legislatura. E un provvedimento che aiuterà i lavoratori (che avranno più soldi in busta paga)

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

Dall Università al lavoro Roma, 23 febbraio 2006. Intervento di Salvatore Muratore (Presidente del CNSU)

Dall Università al lavoro Roma, 23 febbraio 2006. Intervento di Salvatore Muratore (Presidente del CNSU) Dall Università al lavoro Roma, 23 febbraio 2006 Intervento di Salvatore Muratore (Presidente del CNSU) L indagine AlmaLaurea ci consente di analizzare l assetto del sistema formativo del nostro Paese

Dettagli

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa

Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Pensioni: correggere le gravi criticità della riforma Futuro a rischio per 350 mila lavoratori. La questione non è chiusa Secondo le stime più attendibili, di 350 mila lavoratori che si trovano a dover

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale-

COSTRUIRE PREVIDENZA. Diamo Dignità alla Nostra Pensione. -Programma elettorale- COSTRUIRE PREVIDENZA Diamo Dignità alla Nostra Pensione -Programma elettorale- Una risposta alla crisi Negli ultimi anni il calo dei redditi dei professionisti è stato di significativo. Il risultato è

Dettagli

SALVARE IL LAVORO, TUTELARE I REDDITI E RILANCIARE LO SVILUPPO

SALVARE IL LAVORO, TUTELARE I REDDITI E RILANCIARE LO SVILUPPO CGIL TOSCANA SALVARE IL LAVORO, TUTELARE I REDDITI E RILANCIARE LO SVILUPPO 3 REPORT SULL ECONOMIA REGIONALE - MAGGIO 2009 LE AZIENDE TOSCANE IN BORSA Quanto valgono in borsa - dati in milioni di euro

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

Fondo di solidarietà per il personale del Credito

Fondo di solidarietà per il personale del Credito Fondo di solidarietà per il personale del Credito La denominazione completa e corretta del fondo è: Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, all occupazione e alla riconversione e riqualificazione

Dettagli

Documento su: PREVIDENZA

Documento su: PREVIDENZA Documento su: PREVIDENZA La FISASCAT sottopone alla Confederazione il presente documento, concernente l insieme delle problematiche inerenti il sistema previdenziale, con riferimento specifico alle categorie,

Dettagli

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori

Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale 31-5-2013 VP Decreto Interministeriale 22 aprile 2013 e Tabelle

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00

Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 Problematiche inerenti il pubblico impiego Roma - Martedì 4 giugno ore 10.00 La nostra Confederazione, quale Organizzazione maggiormente rappresentativa della Dirigenza dello Stato, dei Ministeri, degli

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

C.C.N.L. delle Case da Gioco Considerazioni sullo stato del settore

C.C.N.L. delle Case da Gioco Considerazioni sullo stato del settore C.C.N.L. delle Case da Gioco Considerazioni sullo stato del settore Il gioco pubblico (fonte AGIPRONEWS), registra l ennesimo record di incassi attestandosi per il 2010 ad una chiusura di 61 miliardi di

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Coordinamento Generale MEDICO-LEGALE. Direzione Centrale delle Entrate Contributive

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito. Coordinamento Generale MEDICO-LEGALE. Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Coordinamento Generale MEDICO-LEGALE Direzione Centrale delle Entrate Contributive Direzione Centrale Previdenza Agricola Direzione Centrale delle

Dettagli

FACILE GUIDA ALLE PENSIONI per il personale della scuola. (a cura del Prof. Rosario Cutrupia)

FACILE GUIDA ALLE PENSIONI per il personale della scuola. (a cura del Prof. Rosario Cutrupia) FACILE GUIDA ALLE PENSIONI per il personale della scuola (a cura del Prof. Rosario Cutrupia) 1 Roma gennaio 2014 UFFICIO STAMPA Ecco cosa abbiamo detto e fatto sulla riforma della previdenza Pensioni,

Dettagli

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015

NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 NEWSLETTER Periodico di informazione del Fondo Espero N 02/2015 IN QUESTO NUMERO l Lettera del Presidente l Il nuovo Presidente del Fondo Giuseppe Pierro, eletto dai consiglieri durante la riunione del

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

Disegno di legge recante disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita Osservazioni della CISL

Disegno di legge recante disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita Osservazioni della CISL Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori \\ \\\\ Disegno di legge recante disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita Osservazioni della CISL Capo I Disposizioni

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione LE PENSIONI COMPLEMENTARI a cura di Marco Perelli Ercolini Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione La riforma

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

INCONTRO MIMMO GARGANO BITETTO. con. www.mimmogargano.it

INCONTRO MIMMO GARGANO BITETTO. con. www.mimmogargano.it INCONTRO BITETTO con www.mimmogargano.it MIMMO GARGANO Domenico Gargano Sono stato Assessore al Personale, Servizi Sociali e Sanitari, Anagrafe e Demografici, Polizia Municipale del Comune di Bitetto.

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

DIRETTORE RESPONSABILE

DIRETTORE RESPONSABILE Nei prossimi giorni, gli oltre 430.000 lavoratori che si sono iscritti negli anni al fondo di previdenza integrativa COMETA, saranno chiamati ad esprimere il loro voto per il rinnovo degli organi statutari

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali.

NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. NEWS di Aran in materia di interpretazione del contratto degli Enti Locali. Pubblichiamo una serie di pareri resi recentemente dall ARAN che interpreta numerose questioni legate all applicazione del CCNL

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

SOMMARIO: 1. GENERALITA

SOMMARIO: 1. GENERALITA OGGETTO: Donazione del midollo osseo - Legge 6 marzo 2001, n. 52. Modalità di compilazione del mod. DM10/2 e della denuncia EMens. Istruzioni contabili. Variazioni al piano dei conti. SOMMARIO: Il lavoratore

Dettagli

STATUTO UILDM GENOVA ONLUS Associazione di Volontariato L. 266/1991

STATUTO UILDM GENOVA ONLUS Associazione di Volontariato L. 266/1991 STATUTO UILDM GENOVA ONLUS Associazione di Volontariato L. 266/1991 ART. 1 - DENOMINAZIONE E SEDE. L organizzazione di volontariato, denominata: Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Genova -

Dettagli

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI

Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI Atti Parlamentari - 1 - Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato NARDUCCI Modifica agli articoli 1, 2, 3 e 4 della legge 5 giugno 1997, n. 147, concernente la

Dettagli

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI

LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI LA FINANZIARIA 2010 IN SINTESI Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.302 del 30 dicembre 2009, entra in vigore, dal 1 gennaio, la Legge Finanziaria per il 2010 (Legge 23 dicembre 2009, n.191).

Dettagli

DISOCCUPAZIONE: ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) (art. 2, commi da 1 a 10 e 12 - entrata in vigore: 1 gennaio 2013)

DISOCCUPAZIONE: ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) (art. 2, commi da 1 a 10 e 12 - entrata in vigore: 1 gennaio 2013) DISOCCUPAZIONE: ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) (art. 2, commi da 1 a 10 e 12 - entrata in vigore: 1 gennaio 2013) Chi sono i destinatari: tutti i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti

Dettagli

Contributi individuali. Versamenti volontari Riscatti di laurea

Contributi individuali. Versamenti volontari Riscatti di laurea Contributi individuali Versamenti volontari Riscatti di laurea Dott. Elvira Filiaggi Direzione Centrale Sistemi Informativi e tecnologie Dirigente Area contributi individuali continuativi e lavoro domestico

Dettagli

Precariato in Italia e Olanda

Precariato in Italia e Olanda Precariato in Italia e Olanda Gentile signora, Mi chiamo Tonnie van Bezouw e sono una studentessa olandese. Mi sono laureata in lingua e cultura italiana presso l Università Utrecht e al momento sto scrivendo

Dettagli

Se la sussidiarietà diventa un voucher

Se la sussidiarietà diventa un voucher Voucher universale: ragioni e obiettivi della proposta Perché istituire un voucher universale per i servizi alla persona e alla famiglia? Quali sono i risultati attesi della riforma? di Roberto Cicciomessere

Dettagli

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne

15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne 15 proposte concrete per migliorare la vita delle donne (e quella degli uomini) Per un maggior sostegno alla maternità e alla paternità 1 UNA TUTELA PER TUTTE LE MAMME L Italia ha uno dei tassi di natalità

Dettagli

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626

LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 LA SALUTE E LA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO DOPO IL DECRETO LEGISLATIVO 626 Introduzione pag. 02 Quali sono i lavoratori tutelati dal 626? pag. 04 Il datore di lavoro pag. 05 Il responsabile del servizio

Dettagli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli

by Salvatore Martorelli per Previdenza Flash Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 1 Riscattare la laurea: conviene o non conviene Riscattare la laurea: conviene o non conviene? Salvatore Martorelli 2 Riscattare la laurea: conviene o non conviene RISCATTARE LA LAUREA:CONVIENE O NON CONVIENE?

Dettagli

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012

La riforma degli ammortizzatori sociali. Legge n. 92 del 28 giugno 2012 La riforma degli ammortizzatori sociali Legge n. 92 del 28 giugno 2012 1 Il nuovo sistema degli ammortizzatori sociali si fonda su 3 pilastri: O Istituzione dell ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego)

Dettagli

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie.

Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. Un patto per attraversare la crisi. Accordi e interventi a favore di imprese, lavoratori e famiglie. nell anno della crisi la Regione ha: promosso un patto da 520 milioni per tutelare i lavoratori e la

Dettagli

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80

Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere. Roma 07/07/15 Prot. n. 80 Sede Centrale Area delle Politiche dei diritti e del benessere 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85563268 Internet : http: //www.inca.it E-mail : politiche-previdenziali@inca.it

Dettagli

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito

Dipartimento FP CGIL LOMBARDIA - Graphic Designer Mirko Esposito PREMESSA Dal 1992 in poi i vari Governi che si sono succeduti hanno messo mano al sistema previdenziale obbligatorio per renderlo compatibile con le ridotte risorse economiche a disposizione. Pertanto

Dettagli

Cosa si intende per perdita di autosufficienza

Cosa si intende per perdita di autosufficienza RSA e fondi sanità integrativa: prospettive di sviluppo per la long term care 5 Convegno Annuale dell Osservatorio Settoriale sulle RSA Università Carlo Cattaneo LIUC Cosa si intende per perdita di autosufficienza

Dettagli

RIFLESSIONI PER COSTRUIRE UNA PENSIONE

RIFLESSIONI PER COSTRUIRE UNA PENSIONE SALA CONFERENZE ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI di BARI 24 MARZO 2012 FEDER.S.P.eV. Sezione di Bari - Bat COSCIENZA PREVIDENZIALE I nostri giovani verso il futuro a cura di Marco Perelli

Dettagli

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16

sabato 7 settembre 2013 alle ore 16 ASSOCIAZIONE ZASTAVA BRESCIA PER LA SOLIDARIETA INTERNAZIONALE ONLUS Via F.lli Folonari, 20 25126 BRESCIA (c/o Camera del Lavoro ) TEL. 347.3224436-347.2259942 http://digilander.iol.it/zastavabrescia/

Dettagli

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Cervia 16 Maggio 2008 UNA NUOVA FASE DI CONTRATTAZIONE La contrattazione collettiva di tutti gli aspetti

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Le novità in materia di Lavoro

Legge di Stabilità 2015 Le novità in materia di Lavoro Legge di Stabilità 2015 Le novità in materia di Lavoro Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Area Lavoro Sul Supplemento ordinario n. 99 alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre è stata

Dettagli

Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro

Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro Conferenza stampa Professionisti: a quali condizioni? Le condizioni di lavoro Daniele Di Nunzio (IRES-CGIL) Presentazione n. 06/2011 Roma, 27 aprile 2011 I gruppi professionali Questionario on-line: per

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta. Consulenti del Lavoro DESTINATARI Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.ssa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 26.05.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: NASpI Circolare Inps 94/2015 Il 1 maggio

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI

SPECIALE RIFORMA MERCATO DEL LAVORO AMMORTIZZATORI SOCIALI Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita. LEGGE n. 92 28 giugno 2012 Affrontiamo una prima analisi del testo di legge pubblicato in gazzetta ufficiale, focalizzando

Dettagli

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI

PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI PER IL LAVORO E LO SVILUPPO IL PIEMONTE OLTRE LA CRISI Il quadro economico del Piemonte Il Piemonte è una delle regioni a più alta concentrazione industriale d Europa, tanto che ancora oggi, nella grave

Dettagli

Vademecum sulle pensioni

Vademecum sulle pensioni Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185 Roma tel.: 0670452452; fax: 0677206060. e-mail: mail@cobas-scuola.org

Dettagli

OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA

OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA OSSERVAZIONI DELLA CIDA ALLA LEGGE 92 DEL 28 GIUGNO 2012 RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MERCATO DEL LAVORO IN UNA PROSPETTIVA DI CRESCITA giugno 2013 Premessa Il testo della legge n. 92/2012 in materia

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE IN EDILIZIA

STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE IN EDILIZIA STRUTTURA DELLA RETRIBUZIONE IN EDILIZIA La struttura retributiva in edilizia è differanziata tra operai ed impiegati, in quanto alcuni istituti contrattuali vedono un accantonamento presso le casse edili

Dettagli

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona?

A quanto ammonta il reddito per un nucleo familiare composto da una persona? Uno degli obiettivi del M5S è Nessuno deve rimanere indietro. E inaccettabile che un cittadino italiano venga abbandonato a sé stesso dallo Stato perché perde il lavoro, magari dopo aver pagato contributi

Dettagli