Perché la salute non è monetizzabile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Perché la salute non è monetizzabile"

Transcript

1 Questo spazio informativo, è stato prodotto grazie all impegno ed alla volontà di tante lavoratrici e lavoratori, collaborando con diverse modalità alla sua realizzazione, in maniera anonima o palese. Per questo numero, desideriamo ringraziare: Scauta Barbara Sacco Monica Rapillo Luigi Petrucci Domenico Parisi Valentina Musto Antonio Murolo Davide Lombardo Marzia Gnolo Giancarlo Di Maio Giovanni Cusano Veronica Cordova Vincenzo Conte Paola Cavaliere Vincenzo Canfora Massimo Balzamo Luigi Autiero Flavia Perché la salute non è monetizzabile Appunti di democrazia Anno 0 n 4 - Aprile 2011 Progetto grafico a cura di : Fortunato Vincenzo Se hai proposte, suggerimenti, voglia di collaborare (anche in maniera anonima), critiche, scrivi ad: oppure trovaci su FACEBOOK

2 Sommario L Editoriale - Le battaglie non si perdono, si vincono sempre pag. 1 Mal d Africa pag. 2 Abile diversamente pag. 2 In seduta stante pag buone ragione per scioperare il 6 maggio pag. 3 Il Rappresentante Sindacale Unitario pag. 3 Per una giusta causa, per rendere concreta la solidarietà pag. 5 I contributi figurativi sono accreditati? pag. 6 Quando andremo in pensione? pag. 6 Il lavoro non è una merce pag. 7 Altro che morti bianche, spesso sono omicidi pag. 7 Malattia prolungata pag. 8 Crisi nelle TLC pag. 8 L editoriale :: Le battaglie non si perdono, si vincono sempre In questo numero... A cura di Gino Balzamo Questa frase di E. Guevara mi rimbomba nella mente: penso a tutte quelle persone che davanti alle difficoltà, davanti al mondo che apparentemente non cambiava, non si sono arrese, né adeguate. Spesso riteniamo che le battaglie che portiamo avanti debbano dare dei frutti immediatamente, dimenticando che ci sono istanze che non hanno mai fine, che vanno difese oltre che estese. Penso a coloro che lottarono contro i fascisti, a quanti sono morti anni prima che il fascismo capitolasse; ricordo quante operaie ed operai sono morti sul lavoro, hanno subito fame, vessazioni, umiliazioni prima di poter giungere allo Statuto dei lavoratori o più semplicemente ottenuto un diritto. Nessuno di loro aveva certezza che ce l avrebbe fatta, che la loro idea si sarebbe concretizzata eppure non hanno esitato, non hanno lesinato alcuna energia per rendere concreta la loro volontà, mossi da una visione della società che andava ben oltre l immediato o il subito. Le battaglie non si perdono, si vincono sempre si è così, anche quando il padrone mi vuole convincere che tanto nulla cambierà, che abbiamo già perso, che se vuole ci toglierà quel diritto, che ci potrà esternalizzare e noi non potremo fare nulla se non piegare la testa o magari elemosinare una migliore collocazione, un occhio di riguardo o peggio svendere i nostri diritti. Una volta si diceva che i diritti fossero insindacabili, irrinunciabili e non contrattabili; in molti, proprio tra i lavoratori, tra i cittadini, si sono abituati all idea che invece possiamo svenderli, svendendo finanche noi stessi, mercificando il nostro corpo e soprattutto la nostra anima. NON E COSI e NON CONSENTIRO a NESSUNO di trattarmi come un numero, una matricola, una pezza. Penso ad una frase tratta dal film Baaria nel quale il padrone ripete in siculo Tutto cambia, nulla cambia ed invece il mondo cambia se lo vogliamo e soprattutto se riusciamo a portare avanti tra successo e sconfitte, tra passioni sociali ed umane, l idea di una società migliore, più equa, più giusta. Una battaglia che non avrà mai fine ed alla quale non possiamo far mancare il nostro contributo, la nostra dedizione. Solo così le battaglie non si perdono ma si vincono sempre perché, a prescindere dall esito immediato, abbiamo vinto per il solo fatto di non aver piegato la testa, sostenendo un idea di libertà, di uguaglianza, di diritti. La rassegnazione è un suicidio quotidiano (Honoré de Balzac) Buono a sapersi :: Malattia prolungata Nel caso di assenza per malattia al lavoratore assunto a tempo indeterminato sarà conservato il posto di lavoro per i periodi di tempo e con la retribuzione sotto specificati: giorni di calendario ad intera retribuzione; giorni di calendario al 50% della retribuzione. Qualora i suddetti periodi di conservazione vengano superati a causa di un evento morboso continuativo caratterizzato da assenza ininterrotta, o interrotta da un unica ripresa del lavoro per un periodo non superiore a due mesi, il periodo di conservazione del posto ed il relativo trattamento retributivo sono prolungati sino ad un massimo di ulteriori 120 giorni di calendario. In ogni caso ove si verifichino più assenze per malattia o infortunio non sul lavoro, i trattamenti si intendono riferiti alle assenze complessivamente verificatesi nel periodo di tre anni precedente ogni nuovo ultimo episodio morboso. Nei suddetti periodi l anzianità decorre ad ogni effetto. Il FSW può intervenire nell'ambito della gestione straordinaria, secondo il disposto dell'art. 9 del Regolamento, quando vi è la cessazione totale della corresponsione della retribuzione e, in via eccezionale,, quando vi è una parziale riduzione della retribuzione stessa. Il FSW interverrà comunque, in una misura che non potrà eccedere complessivamente l'85% della normale retribuzione mensile lorda, per i casi di quei dipendenti che siano sottoposti a trattamento di e- modialisi, o affetti da morbo di Cooley o da neoplasie, nonché per le situazioni che per prospettive prognostiche siano assimilabili a quelle precedentemente indicate nel presente capoverso, sia nel caso di cessazione totale della corresponsione della retribuzione che nel caso di parziale riduzione della retribuzione stessa. Nei casi di episodi morbosi significativi il FSW potrà integrare quanto il lavoratore ha percepito mensilmente in base al disposto contrattuale, fino al raggiungimento del 75% della sua normale retribuzione mensile lorda. Per poter usufruire dell'intervento il dipendente deve farne espressa richiesta, facendo pervenire al FSW la documentazione, anche sanitaria, necessaria alla valutazione del caso. Crisi nelle TLC A cura di Davide Murolo A cura di Gino Balzamo La vicenda Vodafone, ovvero la volontà aziendale di esternalizzare le attività lavorative dei tecnici è l ennesimo segnale che la crisi, purtroppo già palesata in tantissimi settori della nostra società senza che siano state poste le basi per uno sviluppo prossimo, oramai attanaglia anche un settore, quello delle TLC, che aveva subito meno gli effetti nefasti del mercato creato ed alimentato dalle banche e dalle loro speculazioni. Sia ben chiaro che segnali di debolezza erano già stati registrati in passato o recentemente (H3G, Eutelia, Alicos, Teleperformance) ma dopo gli esuberi in Telecom e qualche cessione di call center (proprio Vodafone e Wind), ecco il primo strappo di una grossa società, che pur senza il vento il poppa certamente non è in crisi economica. Questo scenario, parzialissimo in questa breve analisi, è supportato anche dalle volute disattenzioni del Governo, che non solo ha eliminato o sminuito norme che dessero stabilità ai precari (tipico dei call center) ma non ha nemmeno sistemato, prospettato, progettato il futuro della rete, creando di fatto una separazione tra gli detiene la rete fisica (Telecom ed in parte Fastweb) e soprattutto gli OLO (Infostrada, Vodafone, ecc), una separazione operata dal mercato senza regole e dunque a danno dei più deboli, ovvero chi lavora. Ed ovviamente la divisione tra le diverse sigle sindacali, abilmente superata nel 2010 relativamente al rinnovo del contratto , non fa precludere a nulla di buono. C è la volontà di isolare la SLC-CGIL dal rinnovo del contratto, prevedendo nello stesso deroghe e condizioni davvero capestro e quindi schiacciare a stessa SLC-CGIL tra due fuochi ovvero l accettazione di norme palesemente contrarie agli interessi dei lavoratori oppure l isolamento e quindi la mancata rappresentanza di tantissime lavoratrici e lavoratori. Dunque lo scenario è complicato, delicato e si sviluppa su più fronti che s interscambiano. La sensazione è che senza una presa di coscienza forte da parte di chi lavora e produce, finiremo per essere schiacciati da mere scelte opportunistiche ed economiche.

3 Il lavoro non è una merce A cura di Valentina Parisi Mal d Africa A cura di Gigi Rapillo La flessibilità è figlia primogenita della globalizzazione, ma cosa intendiamo per flessibilità? Si usa definire flessibili quei lavori che richiedono alla persona di adattare ripetutamente l'organizzazione della propria esistenza. Per comodità è corretto parlare di 2 tipi di flessibilità: quella dell'occupazione e quella della prestazione. La prima consiste nella possibilità da parte dell'azienda di far variare la forza lavoro in base al ciclo produttivo e spesso essa si concretizza in tutti quei contratti atipici che sono previsti dal diritto del lavoro. Per flessibilità delle prestazioni per contro si riferisce l'eventuale modulazione da parte dell'impresa di vari parametri, dai salari, agli orari slittanti, ogni tot lavorare il sabato o la domenica e bla bla. Le improvvise variazioni di ritmo di luogo di lavoro servono a far fronte alle "disfunzioni" dei cicli produttivi.. Ma a che serve questa flessibilità??a ridurre il costo diretto o indiretto del lavoro in quanto nessun componente, nessun ausilio deve giungere nel punto fisico in cui deve venir lavorato montato o fornito solo nel preciso momento in cui esso deve essere utilizzato e quindi si produce solo su domanda, la quale può crescere o diminuire in base al periodo e quindi al ciclo produttivo (esempio la produzione di gelati!) Le imprese possono modificare di loro iniziativa orari, retribuzioni assumere licenziare senza vincoli rappresentati dal diritto del lavoro., i lavori flessibili sono una forma di erosione (IN ITALIA) a quello che è il diritto al lavoro. Il lavoro o la prestazione è considerata una merce di scambio, ma vengono lese la dignità, le competenze professionali, la progettualità..non esiste più possibilità per chi è oggetto di contratti atipici la di creare i fare voli pindarici senza rete di protezione,si parla di ammortizzatori sociali nel momento in cui un individuo che ha scambiato la merce lavoro si trova per periodi medio lunghi senza lavori..certo perché qua in Italia funzionano!! Gli orologi della storia del lavoro sono tornati all indietro Ora mi chiedo dove dobbiamo arrivare, la precarietà oggettiva o soggettiva è sinonimo di insicurezza che diviene insicurezza di vita generata dal fatto che il lavoro, e con essa il reddito è revocabile a discrezione del soggetto bah Una proposta semplice, immediata ed efficace è quella di pagare maggiormente i lavoratori che non hanno un contratto a tempo indeterminato, incentivando la loro formazione continua. Non per barattare precarietà con soldi, sia ben chiaro ma che il ricorso a tali istituti non siano solo un vantaggio per le aziende. Non abbiamo fatto in tempo ad evidenziare che il numero di morti ed infortuni fosse in calo ed ecco la doccia gelata. Prima di snocciolare dati e cifre, il pensiero va alle vittime della Thyssen ed alla condanna dell A.D. a 16 anni per non aver coscienziosamente posto in sicurezza la fabbrica. Ciò non restituirà alle famiglie i loro cari, ma rende meno amara la loro privazione e soprattutto le morti bianche non sono più tali, ma spesso sono veri e propri omicidi di chi per risparmiare espone la nostra vita a pericolo. Aumentano nuovamente, nei primi tre mesi dell'anno, le morti sul lavoro. Sono infatti 114 i decessi sul lavoro da gennaio a marzo, contro i 91 del primo trimestre Lombardia, Emilia Romagna e Piemonte sono le regioni con più decessi. In rapporto al numero di occupati, invece, ad indossare la maglia nera è sempre la Valle D Aosta. Milano la provincia maggiormente colpita, seguita da Torino, Catania, Bologna e Napoli. Nel settore agricolo si è verificato il 35,1% delle morti bianche, seguito da quello delle costruzioni (21,9 % delle vittime). La fascia d età maggiormente a rischio è invece quella che va dai 40 ai 49 anni con 29 vittime (25,7 % del totale). Dalla ricerca poi emerge che le morti bianche non conoscono spazi vuoti neppure nel fine settimana perché tra venerdì e domenica viene accertato circa il 30% delle tragedie. Significativo il dato relativo a come avvengono gli incidenti mortali: il 28,1% sono causati dalla caduta di persone, mentre il 25,4% sono prodotti dallo schiacciamento conseguente ad oggetti caduti dall'alto. Non arrendiamoci. Ogni morto sul lavoro è una ferita indimenticabile Purtroppo è proprio così e dopo i moti rivoluzionari in Tunisia ed Egitto è ora il momento della Libia, anche se il reggente qui è molto più ostico dei suoi colleghi E allora interiene la forza internazionale, capeggiata da Francesi e Inglesi oltre che ai soliti esportatori di democrazia quali gli Americani, e per fortuna che lo fanno a fin di bene e solo per salvaguardare i civili altrimenti ci sarebbe da interrogarsi perché in Libia si e in altre parti del mondo no, vedi Ruanda e Somalia. La situazione è ingarbugliata, certo non possiamo lasciare i civili inermi e alla merce di Gheddafi, però è anche vero che un popolo deve meritarsi la propria libertà, questo a parer mio deve valere oggi come sarebbe dovuto valere in passato (ogni riferimento è puramente casuale) e ancor di più per il futuro, se non avviene si corre il rischio di finire dalla padella alla brace nel senso che se un popolo non è capace di conquistarsi la propria liberta tantomeno una volta che questa gli viene regalata sarà capace di gestirla. Come potete notare non ho impostato il discorso sul petrolio, sarebbe fin troppo facile giustificare l intervento in Libia con gli interessi petroliferi, probabilmente ce ne sono di diversi e variegati, dal gas al turismo e al controllo sul Mediterraneo, quindi ritengo in questa fase inutile fossilizzarsi su argomenti noti ai più ma non avevamo un trattato con la Libia? La forma del verbo in questo caso è corretta avevamo, quindi l Italia non avrebbe dovuto partecipare agli attacchi? Ecco questo è uno dei problemi legati alla gestione della propria libertà al quale facevo riferimento in precedenza, se mi liberi ma in cambio non ho più una mia dignità, non ho più la possibilità decisionale, non ho una mia identità di stato, allora che libertà ho? Forse quella di acquistare TV, auto, elettrodomestici o molto più facilmente di entrare a far parte del mondo capitalista, facendolo accrescere, ho sentore che questo sia anche il futuro dei popoli freschi liberi. Oltre la beffa di aver stipulato un accordo con uno dei peggiori dittatori del secolo scorso, baciandogli anche le mani, ora ci si trova perfino a non rispettare quell accordo passando noi dalla parte dei non leali, ecco il danno. Non ci resta che aspettare e vedere come va a finire come semplici spettatori che offrono ospitalità a chi parte per la guerra e a chi fugge dalla guerra, quest ultima azione molto più meritevole di rispetto e lo sarebbe ancora di più se non avessi il dubbio che si cercasse di scroccare soldi alla comunità europea per la gestione del transito di queste povere anime. ABILE diversamente A cura di Marzia Lombardo Un piccolo spazio da utilizzare per focalizzare grande attenzione su una questione che da undici anni (anni lavorativi in Wind) si insinua nell'animo di chi suo malgrado da sempre e' -DIVERSAMENTE ABILE- La mia non vuole essere una polemica ma una riflessione ad ampio raggio rivolta a chi giorno per giorno ci da' la certezza di appartenere ad una realtà lavorativa all'avanguardia e ci da la certezza di una vita migliore In caso di pericolo per chi come me appartiene alla categoria di DIVERSAMENTE ABILI con difficoltà DE- AMBULATORIE quali sono le primarie vie di fuga? Scale ed ascensori sono la prima cosa da evitare eppure nella realtà lavorativa del call center (2 piano) sembra non ci siano alternative. Ci sono punti di raccolta, uscite di sicurezza con scale, ma tutto per chi e' diversamente abile SEMBRA ESSERE irraggiungibile e impraticabile. Con forte voce pongo questo interrogativo a chi può far qualcosa perché 'il mio grido sia il grido di tutti e ne scuota le coscienze affinché la nostra categoria protetta non sia categoria DISABILE ma ABILE IN MODO DIVERSO In seduta stante La mia non vuole essere una polemica ma solo una costatazione visti gli innumerevoli commenti che i colleghi hanno fatto. L'azienda ha finalmente provveduto di recente alla sostituzione di monitor e sedie ormai considerate obsolete e sgangherate. Proprio in merito a queste ultime, le sedie, si sono sollevate numerose critiche relative all'igiene ed alla comodità. Per quanto riguarda la comodità può ritenersi anche un dato soggettivo ed imputabile magari al fatto che essendo nuove non hanno ancora "fatto la faccia", ma la cosa che più non è andata giù alle persone è che tali sedie sono rivestite di un materiale che attira notevolmente polvere sudore capelli e quant'altro.. direi decisamente poco igieniche!!! Credo sia opportuno da parte dell'azienda fornire delle coperture o in plastica oppure di un qualsiasi materiale che potrebbe essere lavato periodicamente. In alternativa consiglierei ad ogni collega di munirsi di una copertura personale in maniera da preservare se stessi e gli altri. A cura di Venus

4 12 buone ragioni per scioperare il 6 maggio A cura della redazione Il Rappresentante Sindacale Unitario A cura di Gianni Rago I settori della conoscenza, pubblici e privati, si fermeranno per l'intera giornata. Uno sciopero generale a sostegno di proposte concrete per il lavoro e per il paese 1. Per uscire dalla crisi ed avviare la crescita difendere il lavoro con un sistema di ammortizzatori sociali che copra tutti coloro che lo hanno perso, per promuovere "buona" occupazione e nuove occasioni di impiego; potenziare l'economia italiana, mediante investimenti, spesa in opere pubbliche, innovazione e ricerca, controllo sui prezzi, qualificazione della Pubblica Amministrazione. 2. Per difendere i redditi Un fisco più giusto, attraverso una vera lotta all'evasione (che ogni anno sottrae circa euro ad ogni contribuente onesto) Un fisco più leggero per le famiglie di lavoratori e pensionati che porti mediamente 100 euro in più ogni mese Un fisco più pesante su transazioni speculative, rendite e grandi ricchezze 3. Per una nuova politica industriale e per rilanciare gli investimenti Riordino degli incentivi per un maggiore e migliore sviluppo, puntando sui programmi di ricerca e di innovazione industriale, con particolare attenzione al Mezzogiorno Nuove misure per il sistema produttivo per portarlo verso settori e prodotti sostenibili, ad alto valore tecnologico e di conoscenza Favorire la crescita dimensionale delle piccole e medie imprese 4. Per la scuola pubblica, l'università, la ricerca Investimenti sulla conoscenza e sul diritto allo studio Sviluppo della qualità per la scuola pubblica, l'università e la ricerca Stabilizzazione del personale precario Considerare la cultura come un investimento per la crescita civile, morale ed economica Valorizzare il patrimonio storico, artistico, architettonico e culturale del Paese 5. Per un welfare diffuso e di qualità Rifinanziare adeguatamente il Servizio sanitario, il Fondo per le politiche sociali, il Fondo per la non autosufficienza Definire un piano nazionale contro la povertà e l'esclusione sociale 6. Per un adeguato livello delle pensioni e del benessere oltre il lavoro Meccanismi di rivalutazione delle pensioni, riconoscere la 14^ Garantire alle future generazioni un reddito da pensione adeguato Ripristinare la flessibilità dell'età pensionabile 7. Per i giovani e per il futuro Avviare interventi straordinari per creare occupazione, sradicare la precarietà Costruire un sistema di welfare che dia ai giovani autonomia dalla famiglia 8. Per le donne, una battaglia per la dignità Introdurre incentivi fiscali all'occupazione Garantire la tutela concreta della maternità, introdurre il congedo obbligatorio di paternità Una legge che impedisca il licenziamento "preventivo" come le dimissioni in bianco 9. Per il lavoro pubblico Rinnovo dei contratti nazionali e dei contratti integrativi contro ogni accordo separato Immediato rinnovo delle RSU Blocco dei licenziamenti dei precari e definizione di un piano occupazionale 10. Per un a politica di accoglienza e cittadinanza attiva dei migranti Regolarizzare i lavoratori immigrati per sconfiggere la piaga del lavoro nero Fornire i livelli essenziali di welfare Regolare i diritti di cittadinanza per superare le discriminazioni a partire dal diritto di voto 11. Per un federalismo solidale ed efficace a livello regionale e comunale Definire i livelli essenziali delle prestazioni sociali affinché il federalismo non divida ulteriormente il Paese Garantire agli Enti Locali le risorse per i diritti sociali, il welfare e l'equità della tassazione Promuovere l'integrazione socio-sanitaria investendo nei servizi territoriali e nella riqualificazione della rete ospedaliera 12. Per più democrazia nei luoghi di lavoro Eleggere ed estendere le RSU in tutti i settori privati Misurare la rappresentatività delle organizzazioni sindacali sulla base degli iscritti e dei voti ricevuti nelle elezioni delle RSU. Garantire ai lavoratori la possibilità di esprimere un voto vincolante sugli indirizzi e sugli esiti contrattuali La RSU, per me rappresenta il generoso impegno di tanti uomini e tante donne, che ad una progressiva esperienza contrattuale che sono andati maturando hanno affiancato la non facile "arte" del sapersi rapportare con gli altri lavoratori e che credono che la contrattazione rappresenta uno strumento fondamentale per garantire i diritti fondamentali ed imprescindibili di lavoratrici e lavoratori, per assicurare la trasparenza nelle scelte nelle difficoltà. Sostenere la dignità del lavoro non solo nelle regole del contratto nazionale ma anche nelle decisioni che si prendono in ogni luogo di lavoro è un nostro continuo impegno. Tanto maggiore quanto più "pesanti" sono gli interventi Aziendali, rispetto ad un continuo ed implacabile impoverimento delle condizioni del mondo del lavoro che abbiamo subito e che rischiamo di subire in un prossimo futuro. I poteri e le competenze contrattuali nei luoghi di lavoro vengono esercitati da noi RSU in accordo con i rappresentanti delle organizzazioni sindacali di categoria firmatarie del relativo CCNL.Chi come noi è eletto nella RSU, tuttavia, non è un funzionario del sindacato, ma una lavoratrice o un lavoratore che svolge un preciso ruolo: rappresenta le esigenze dei lavoratori senza con ciò diventare un sindacalista di professione. La RSU, dunque, tutela i lavoratori collettivamente, controllando l'applicazione del contratto o trasformando in una vertenza un particolare problema. Tra le competenze necessarie per svolgere il nostro ruolo vi sono, poi, quelle relazionali. La nostra forza, infatti, non deriva solamente dal potere assegnatoci dal contratto e dalle leggi ma anche dalla capacità di creare consenso intorno alle nostre proposte e azioni e una ampia condivisione degli obiettivi. La RSU funziona come unico organismo che decide a maggioranza la linea di condotta e se firmare un accordo.il luogo dove tali funzionamento si concretizza è il Coordinamento Nazionale, luogo deputato alla dialettica e alla gestione delle questione di ordine generale in rapporto con le Segreterie Nazionali. Le commissioni sono lo strumento tecnico del coordinamento che agiscono su temi specifici e su mandato preciso. Colgo questa occasione per invitarvi a riflettere sul nostro ruolo, sul peso del coordinamento, sulla sua autonomia,sulla nostra proattività rispetto alle questioni e in funzione del ruolo delle Segreterie Nazionali nei rapporti e nella gestione dei rapporti con l Azienda. Il mio è un invito a tutti affinché il coordinamento RSU riprenda il suo naturale ruolo, ne ricostituisca il nucleo fondamentale della rappresentanza dei lavoratori di Wind. Saremo chiamati a sfide importanti e difficili, possiamo rimanere a guardare ed essere chiamati solo a gestire le ricadute o esserne parte attiva e provare a modificarne gli esiti

5 Think Pink! A cura di Paola Conte I contributi figurativi sono accreditati? A cura di Veronica Cusano :: Per una giusta causa, per rendere concreta la solidarietà Questo mese ho pensato di dedicare il mio spazio ad una giusta causa. Una mia amica e collega ha avuto problemi di salute con uno dei due suoi bellissimi bambini. Ricoverato per diversi giorni al Policlinico nuovo, un bimbo di 6 anni, costretto in un letto, come trascorre la giornata? Aspetta e poi, aspetta e poi si guarda un po in giro e poi fa qualche domanda e poi si guarda un altro po in giro e poi? Poi si annoia, le ore non passano, si intristisce Non ci sono giochi, o meglio, quelli che ci sono non sono sufficienti o non adatti ai bimbi di quell età. I volontari sono gli angeli, i clown, gli animatori del giorno di festa, uno a settimana troppo poco per i bambini che giocherebbero e che dovrebbero giocare tutto il giorno! Non c è neanche la TV che, per quanto diseducativa e bla, bla, bla, in determinate situazioni tiene compagnia, distoglie da e- ventuali preoccupazioni o peggio dolori, e quanto meno fa passare qualche ora, che in ospedale durano sempre di più! Soprattutto se mancano anche libri o computer. La mia amica Laura, dovendo trattenersi col suo bambino per un periodo abbastanza lungo in ospedale e visto che il piccolo era suo malgrado bloccato a letto, ha pensato di portare nella sua stanza un televisore che in qualche modo lo aiutasse a distrarsi da quello che era il suo malessere. Questo ha fatto si che altri bimbi ricoverati si dessero il cambio nella stanza di Simone per guardare i cartoni, stando in compagnia senza pensare al fatto che si trovassero in un ospedale Solo alcuni però gli altri che, come Simone per altre ragioni non potevano muoversi, non hanno potuto farlo, non sono potuti andare nella stanza accanto e Dove voglio arrivare: è vero che così come ha fatto la mia amica probabilmente faranno altre mamme portando da casa un piccolo televisore, ma magari non possono farlo, altrimenti non mi spiego il perché in un reparto di bimbi non c è neppure uno per i piccoli degenti e così a Laura è venuta un idea: COMPRIAMOLI NOI! Facciamo una raccolta anche di pochi a testa e facciamo questa buona azione! Si è informata sul da farsi presso la struttura ospedaliera e le hanno detto che non accettano denaro, ma oggetti in donazione si, quindi i televisori vanno più che bene! E allora che ne pensate? Raccogliamo noi questi soldini e contribuiamo a rendere un po più sopportabili quei giorni trascorsi in quelle stanze che ce la mettono tutta per ricordargli che sono le mura di un ospedale? I bimbi in quell ospedale, sono tutti nostri figli, i loro genitori sono presi da pensieri molto più pesanti, alleggeriamoli per quel che possiamo. Sono 6 stanze, servirebbero quindi 6 piccoli televisori con il digitale. Oggi si trovano a prezzi accessibilissimi ed abbiamo già mobilitato un po di amici che lavorano presso alcuni centri commerciali. Ora tocca a noi! Da oggi che leggete parte la raccolta dei fondi per i piccoli del policlinico. Se riuscissimo a comprarli tutti sarebbe una bellissima cosa e se avanzasse qualcosa (MAGARI!) potremmo anche comprare altri giochini, libri, album, colori ecc. A me sembra una cosa molto bella. Onore al cuore di mamma della mia amica, per aver pensato, nonostante i suoi problemi, agli altri bambini che erano e saranno ricoverati li. Per la raccolta dei fondi abbiamo pensato di individuare alcuni volontari: Mobile Consumer: Vincenzo Cordova Barbara Scauta Antonio Musto Mobile Corporate: Monica Sacco Veronica Cusano Fisso/ADSL: Rino Polidoro Flavia Autiero Davide Murolo Commerciale/Galileo Ferraris: Paola Conte Gino Balzamo Ovviamente, ad acquisto avvenuto, verranno pubblicati sul primo numero utile di Articolo 1, gli scontrini di acquisto e la copia del documento di donazione rilasciato dall azienda ospedaliera. Vi ringrazio fin d ora a nome di tutti i bimbi che saranno certamente contenti di potersi distrarre un po durante le lunghe degenze al Policlinico nuovo. Buona vita C è una prima volta per tutto anche per un estratto conto contributivo! Forse sono stata un poco precipitosa ma l idea che il giorno in cui potrò andare in pensione possa avvenire qualche intoppo mi ha spaventata e così ho deciso di verificare che la mia situazione contributiva fosse regolare ai fini pensionistici. Come penso sappiate, oltre ai contributi obbligatori o di riscatto (ad es. corso legale di laurea) esistono anche i contributi figurativi, che sono definiti fittizi (cioè non versati né dal datore di lavoro né dal lavoratore), che vengono accreditati dall Inps sul conto assicurativo del lavoratore per periodi in cui si è verificata un interruzione o riduzione dell attività lavorativa e di conseguenza non c è stato versamento dei contributi obbligatori da parte del datore di lavoro. Sul sito dell Inps è presente un interessante opuscolo che dettaglia i periodi per i quali si ha diritto ai contributi figurativi. Il mio obiettivo era verificare che i periodi che avevo richiesto mi fossero stati accreditati e potevo scegliere se verificarlo dal sito o andare ad uno sportello. Ovviamente ho preferito la soluzione più complicata e cioè decidere di fare la fila per qualche ora, ma ho potuto parlare con una dipendente molto gentile, la quale non solo mi ha spiegato cosa avrei dovuto controllare ma mi ha fatto osservare un inesattezza sul mio estratto, fortunatamente risolvibile. Sapete quale sarebbe stato il rischio? Andare in pensione una settimana più tardi.. Dalla mia esperienza vorrei suggerirvi di non trascurare di fare anche questi controlli:potete scegliere anche di farlo dal sito dell Inps. Se avete smarrito,come me, il pin che vi è pervenuto a casa o non lo avete ricevuto, potete richiederlo on line. Vi perverrà una prima parte del codice via o via sms e la seconda via posta. Le settimane contributive dovranno essere 52, per dodici mesi lavorativi e al netto dei periodi per quali non si ha diritto ai contributi (ad esempio l aspettativa.) e se ci sono dubbi potrete chiedere direttamente all Inps tramite il numero verde (803164) o l invio di un . alla famiglia, ecc) sarebbero positivi. Quando andremo in pensione? A cura di G. Balzamo A meno di ulteriori modifiche alla legge (e non sarebbe una novità viste le tante modifiche apportate in questi ultimi 15 anni) lo schema laterale evidenzia i requisiti minimi per andare in pensione. Però due-tre considerazioni semplici e sintetiche devo farle visto che i media ed i politici ci allarmano sempre sullo stato delle pensioni. La prima è che i conti dell INPS se togliessimo la parte assistenziale al lavoro (mobilità, cassa integrazione, sostegno La seconda è che senza gli immigrati, i contributi che questi versano allora la pensione sarebbe una chimera per molti. Aggiungiamoci, per ultimo, che l importo della pensione sarà sempre più basso per effetto del metodo scelto (contributivo ovvero basato su tutti i contributi versati) nonché per tanti disincentivi economici implementati dai vari Governi. Con l ultima chicca del Governo Berlusconi maturati i requisiti per andare in pensione (come da tabella), si potrà andare letteralmente in pensione dopo 12 mesi. Ci hanno allungato l età pensionabile indirettamente, un atto da vigliacchi che le lavoratrici ed i lavoratori non devono dimenticare.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA?

QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Allegato 1 Confederazione Sindacati Autonomi Lavoratori QUANTI SONO GLI ISCRITTI AL SINDACATO IN ITALIA? Sono oltre 3 milioni quelli fantasma Alcuni numeri Quando la stampa e gli enti di studio e di ricerca

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012

ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 ACCORDO DI RINNOVO 5 DICEMBRE 2012 MINIMI ED ALTRI ISTITUTI ECONOMICI 130 euro al 5 livello; 112 euro al 3 livello; 132 euro in media Tranche: 1/1/ 13 35 euro; 1/1/ 14 45 euro; 1/1/ 15 50 euro Conglobamento

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici Sintesi operative Paghe e contributi La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici a cura di Massimiliano Tavella Dottore commercialista - Cultore della materia presso la

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011

Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 MODELLO STATO E MERCATO, 15 Marzo 2011 1/12 Paolo Ferrario, Dispensa didattica n. 2: SCHEMI DI ANALISI DELLE POLITICHE SOCIALI: IL MODELLO STATO E MERCATO 15 marzo 2011 FATTORI (O VARIABILI, O COMPONENTI

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia

Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Schema di disegno di legge recante norme relative alle persone non autosufficienti, alle politiche sociali e alla famiglia Art. 1 (Delega al Governo in materia di protezione sociale e cura delle persone

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM)

CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? Fabio Pammolli (Direttore CeRM) Fabio Pammolli (Direttore CeRM) CHE FINE HA FATTO IL FEDERALISMO IN SANITÀ? E CHI SE NE STA OCCUPANDO? 1 CeRM Competitività, Regole, Mercati Dopo anni di dibattito e anche qualche tentativo non riuscito,

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio...

VS/2013/0379. Sviluppi recenti... 3 La tutela dei lavoratori e la crisi: la copertura asimmetrica degli ammortizzatori sociali... 4. Casi studio... Accordi difensivi e clausole di apertura: strategie integrate per il coinvolgimento dei lavoratori e la negoziazione collettiva contro la frammentazione e il declassamento. Casi studio in Italia a cura

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

inform@ata news n.02.14

inform@ata news n.02.14 inform@ata news n.02.14 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli