COMUNE DI MARCIANISE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MARCIANISE"

Transcript

1

2 COMUNE DI MARCIANISE CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO NORME GENERALI (Il presente Capitolato è composto di N 42 pagine numerati da pagina 1 a pag. 42 ed ALLEGATO A) PON FESR Asse II Qualità degli ambienti scolastici, Obiettivo C del Programma Operativo Nazionale Ambienti per l apprendimento ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE A. CALCARA IMPORTO Lavori in appalto a base di gara: ,86 di cui per la manodopera ,74 ( non soggetto a ribasso) di cui per la sicurezza ,53 ( non soggetto a ribasso) RESPONSABILE DELLA PROGETTAZIONE: arch. Roberto Rossano COORD. DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTO: arch. Roberto Rossano Pagina 1 di 43

3 INDICE Capo I Natura ed oggetto dell appalto ART. 1 OPERE E FORNITURE OGGETTO DELL APPALTO PAG. 4 ART. 2 AMMONTARE DELL APPALTO PAG. 4 ART. 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE COMPRESE NELL APPALTO PAG. 4 ART.4 CATEGORIA PREVALENTE, CATEGORIE SCORPORABILI E SUBAPPALTABILI PAG. 10 Capo II Norme e prescrizioni relative alle caratteristiche e provenienza dei materiali finiti, modo di esecuzione delle principali categorie di lavoro, ordine da tenersi nell andamento dei lavori. ART.5 QUALITA E PROVENIENZA DEI MATERIALI PAG. 11 ART. 6 CONTROLLI DI ACCETTAZIONE DEI MATERIALI PAG. 12 Capo III Schema di contratto ART. 7 NORME REGOLATRICI DELL APPALTO PAG. 13 ART.8 DOCUMENTI CHE FANNO PARTE DEL CONTRATTO PAG. 14 ART.9 ORDINE DI PREVALENZA DELLE NORME CONTRATTUALI PAG. 14 Capo IV Contabilizzazione e liquidazione dei lavori ART.10 LAVORI DA CONTABILIZZARE A MISURA PAG. 15 ART.11 CONTABILIZZAZIONE E LIQUIDAZIONE DEI LAVORI PAG. 15 ART.12 PREZZO CHIUSO PAG. 17 Capo V Cauzione e garanzie ART.13 CAUZIONE PROVVISORIA E DEFINITIVA-RITENUTA DI GARANZIA PAG. 18 Capo VI Modalità di esecuzione e obblighi a carico dell appaltatore ART.14 MODALITA DI ESECUZIONE - RESPONSABILITA DELL APPALTATORE PAG. 20 ART.15 PROGRAMMA DI ESECUZIONE DEI LAVORI PAG. 22 ART.16 INSTALLAZIONE E GESTIONE DEL CANTIERE OBBLIGHI ED ONERI A CARICO DELL APPALTATORE PAG. 23 Pagina 2 di 43

4 ART.17 CONFERME PAG. 26 ART.18 CAMPIONATURE E PROVE TECNICHE PAG. 26 Capo VII Disposizioni in materia di sicurezza ART. 19 PIANO DELLA SICUREZZA E COORDINAMENTO DEL CANTIERE PAG. 29 Capo VIII Disciplina del subappalto ART. 20 DISCIPLINA DEL SUBAPPALTO PAG. 30 Capo IX Termine per l esecuzione dei lavori ART. 21 CONSEGNA DEI LAVORI- SOSPENSIONE DEI LAVORI PAG. 32 ART.22 NORME RELATIVE AI TERMINI PER LA ESECUZIONE DEI LAVORI PENALI IN CASO DI RITARDO PAG. 34 Capo X Disposizione per l ultimazione ART.23 ULTIMAZIONE DEI LAVORI-CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE COLLAUDO PAG. 35 Capo XI Disposizione per risoluzione contratto e definizione del contenzioso ART.24 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO ESECUZIONE D UFFICIO DEI LAVORI PAG. 36 ART.25 DEFINIZIONE DEL CONTEZIOSO PAG. 39 Capo XII Norme Finali ART.26 OSSERVANZA DEI CONTRATTI COLLETTIVI PAG. 40 ART.27 SPESE CONTRATTUALI ONERI FISCALI PAG. 40 Pagina 3 di 43

5 Capo I Natura ed oggetto dell appalto ART. 1 OPERE E FORNITURE OGGETTO DELL APPALTO Costituisce oggetto del presente appalto l esecuzione di tutti i lavori e forniture necessarie per i lavori relativi all ISTITUTO COMPRENSIVO ANIELLO CALCARA DI MARCIANISE e nel rispetto delle disposizioni procedurali di cui al Capo 3 co n il corrispettivo di cui al successivo art. 2, da liquidare secondo quanto disposto al successivo art. 10 e da ultimare nel termine di cui al successivo art. 23. ART. 2 AMMONTARE DELL APPALTO L importo complessivo dei lavori e delle forniture posto a base d asta, da valutarsi a corpo e a misura, secondo quanto specificato ai successivi art.10 ed 11 ammonta a uro ,86 di cui uro 2.838,53 quali oneri della sicurezza e ,74 per manodopera non soggetti a ribasso come risulta dal seguente prospetto: -LAVORI A CORPO E MISURA soggetti a ribasso d asta: -ONERI DI SICUREZZA non soggetti a ribasso d asta: -INCIDENZA MANODOPERA non soggetti a ribasso d asta: Euro ,59 Euro 2.838, ,74 TOTALE LAVORI: Euro ,86 ART. 3 DESIGNAZIONE DELLE OPERE COMPRESE NELL'APPALTO Le opere comprese nel presente appalto, risultanti o desumibili dalle descrizioni, norme e disegni di progetto allegati, si possono in sintesi riassumere come segue: C1 - Interventi per il risparmio energetico e idrico Prevede la sostituzione di buona parte degli infissi esterni della Scuola, in particolare di tutti quelli che si affacciano sulla strada principale, la via Novelli. Saranno installati nuovi infissi a taglio termico e con vetri camera in grado di ottenere un coefficiente di trasmittanza K fino ad 1,5. Pagina 4 di 43

6 Inoltre per il contenimento del consumo idrico, all interno dei servizi igienici di nuova realizzazione, precisamente al piano primo, meglio descritti nella categoria dell accessibilità, è previsto l utilizzo di rubinetti monocomando a chiusura temporizzata e scarico con interruttore o doppio tasto per ridurre notevolmente la quantità di acqua utilizzata normalmente. C2 Sicurezza Con questa categoria si intendono incrementare tutte quelle opere che vanno ad aumentare la sicurezza nell istituto con particolare riferimento alla materia dell antincendio. Per questo motivo si è scelto di adeguare parte dell impianto elettrico in particolare nei servizi igienici oggetto di intervento, nonchè il ripristino di alcune porte con maniglione antipanico. C3 Attrattività Altro elemento caratterizzante il progetto e particolarmente importante nell ambito delle scelte effettuate al fine di rendere la scuola più attraente e consona alle attività che vi si svolgono, è l utilizzo del colore, ottenendo al contempo il miglioramento del confort visivo ed ambientale di tutti gli utenti. I parametri di scelta dei colori terranno in considerazione anche l età degli alunni, dove la necessità di apprendimento e concentrazione che caratterizzano le scuole dell obbligo rendono più utili i colori freddi. Negli spazi comuni dedicati alla ricreazione, al contrario degli spazi d apprendimento, i colori caldi e saturi sono consigliati perché spingono alla socializzazione e allo sfogo delle tensioni e dell energia motoria accumulata durante le lezioni. I corridoi e gli atri ambienti, permettono un uso più creativo del colore: essendo luoghi di passaggio l applicazione di colori forti non crea alterazioni psicofisiche e anzi permette di giocare con lo spazio e diventa un ausilio all orientamento. Ovviamente nelle aule anche l illuminazione naturale è di fondamentale importanza, e la scelta di integrarla con sorgenti artificiali deve avvenire attraverso luci incolori e con distribuzione uniforme. Anche la facciata principale sarà resa più visibile mediante illuminazione, significa dare valore culturale aggiunto e riflettere un immagine positiva della scuola. L intervento previsto sulla facciata principale, (via Novelli), con un illuminazione diretta sulle superfici, posizionando i proiettori con l angolo di incidenza piccolo. La scelta del posizionamento è dipesa dalle condizioni ambientali e spaziali. I corpi illuminanti previsti sono collocati, a terra, nelle aiuole antistanti l edificio, ottenendo un illuminazione quasi radente alla facciata stessa che enfatizza i rilievi delle superfici. Questo per ottenere anche adeguati illuminamenti rispetto all ambiente circostante, non invasivi. Pagina 5 di 43

7 E necessario inoltre scegliere opportunamente l ottica dell apparecchio in modo da ottenere la desiderata impronta luminosa ma soprattutto scegliere un illuminazione sostenibile con un tipo di apparecchio a basso consumo ed evitare inutile inquinamento luminoso. C4 Accessibilità A questa categoria appartengono la maggior parte degli interventi di progetto sotto il profilo della quantità in quanto la spesa da sostenere ammonta a circa ,00 volti a migliorare la qualità ambientale del costruito. Saranno sostituite tutte le porte interne delle aule, si realizzeranno lavori di ristrutturazione completa di entrambi i blocchi servizi del piano primo anche con la creazione di servizi igienici per disabili, nonché l installazione di un ascensore per permettere di raggiungere il piano primo anche ai portatori di handicap, adeguamento degli arredi fissi, adeguamento dei terminali degli impianti. Tutte le porte delle aule saranno realizzare in alluminio con apertura verso l esterno, a doppia battuta e dotate di sopraluce. L intervento sulle porte delle aule del piano primo è più complesso e consiste principalmente nello smontaggio della vecchia porta e rimontaggio della nuova porta, arretrandola all interno dell aula di circa 20 cm in modo tale che la dimensione dell anta (90 cm) sia inclusa all interno dello spessore murario tale da non costituire un ostacolo, nel corridoio, in caso di fuga. All interno dell aula, sarà così creato un piccolo portale in cartongesso convenientemente tinteggiato con colori tali garantire l individuazione del varco come via di fuga. A completamento dell intervento è prevista la revisione, la sistemazione e la tinteggiatura delle porte in legno e quelle in ferro che non saranno sostituite. E previsto un intervento di restauro del portone in legno dell ingresso principale. l progetto esecutivo prevede la ristrutturazione completa dei bagni del piano primo destinati agli alunni, con la realizzazione dei servizi per i portatori di handicap (distinti per sesso), dove saranno garantite, con opportuni accorgimenti spaziali, le manovre di una sedia a ruote necessarie per l utilizzazione degli apparecchi sanitari, spazio necessario per l'accostamento laterale della sedia a ruote alla tazza, lo spazio necessario per l'accostamento frontale della sedia a ruote al lavabo, che sarà del tipo a mensola, la dotazione di opportuni corrimano in prossimità della tazza. Inoltre saranno installati rubinetti con manovra a leva e, porte che aprono verso l'esterno. E previsto il rifacimento degli impianti di carico e scarico, dell impianto elettrico, la sostituzione del pavimento e dei rivestimenti, la sostituzione delle porte nonchè l istallazione di rubinetti monocomando e scarico con interruttore o doppio tasto per il risparmio idrico. Pagina 6 di 43

8 La tipologia di ascensore scelto data la brevità della corsa da effettuare, sarà di tipo oleodinamico con pistone laterale, ed avrà una struttura indipendente in acciaio ancorata ad una propria fondazione in cemento armato con giunto statico rispetto alla struttura esistente. La portata netta dovrà sarà di Kg. 630, con n. 2 fermate compresa quella di partenza, corsa corrispondente alle quote dei piani di fermata (circa 4,90 mt), cabina con armatura metallica portante, dimensioni interne mt 1,10 x 1,40 x 2,15 h, rivestite in laminato plastico. Considerato che l ascensore verrà installato per il superamento delle barriere architettoniche, i comandi saranno con bottoniera tipo universale con scritta in rilievo e alfabeto BRAILLE, campanello di allarme, citofono, telefono in collegamento diretto con la postazione di pronto intervento, segnalazione acustica in cabina di arrivo al piano, luce d emergenza, segnalazione posizione e marcia cabina, comando esterno con bottoniera di chiamata a tutte le fermate ad altezza regolamentare e scritta in rilievo e alfabeto BRAILLE con gemma rossa indicante occupato e segnale indicante la posizione della cabina ed il senso di marcia, dispositivo di emergenza per il ritorno automatico in caso di mancanza di energia elettrica, con riapertura delle porte completo di batteria autoricaricabile a tampone. Lo sportello per relazioni con il pubblico sarà posto in luogo aperto, precisamente nell atrio principale al piano rialzato. Il contatto con il pubblico avviene mediante bancone continuo, dove una parte di questo prevede un piano di utilizzo (al pubblico) posto ad un altezza pari a 0,90 m da calpestio per poter essere utilizzato anche da una persona su sedia a ruote. E previsto l adeguamento dei terminali degli impianti che saranno accessibili e manovrabili anche da persone su sedia a ruote. Gli apparecchi elettrici, i quadri generali, le valvole e i rubinetti di arresto delle varie utenze, i regolatori degli impianti di riscaldamento, nonché i campanelli, pulsanti di comando e i citofoni, saranno, per tipo e posizione planimetrica ed altimetrica, tali da permettere un uso agevole anche da parte della persona su sedia a ruote; saranno, inoltre, facilmente individuabili anche in condizioni di scarsa visibilità ed essere protetti dal danneggiamento per urto. Gli apparecchi elettrici, con particolare riguardo ai dispositivi di comando, di comunicazione, di allarme e segnalazione, saranno ubicati in posizioni facilmente accessibili ed ad una altezza compresa tra i 40 e i 140 cm. C5 Interventi finalizzati a promuovere le attività sportive, artistiche e ricreative Gli interventi riguardano l attuale palestra dell Istituto scolastico che attualmente è costituita dall unione di due aule (al piano rialzato). In particolare sarà realizzata una nuova pavimentazione vinilica su tutta la superficie della palestra, costituita da uno strato antisdrucciolo con supporto stabilizzato con fibra di vetro, in teli, di colore a scelta della direzione lavori a tinta unita o marmorizzato, posto in opera con collante neoprenico sul piano di posa esistente, previa spazzolatura e pulizia. Pagina 7 di 43

9 Le pareti perimetrali saranno rivestite con pannelli antiurto flessibili imbottiti in gomma espansa e tessuto pvc. spessore 50mm - altezza 2mt. I vani porta ed il vano finestra saranno rivestiti con angolari antiurto imbottiti. pannelli e gli angolari antiurto flessibili imbottiti, dovranno rispettare le norme antincendio prescritte. Anche il sistema di illuminazione sarà integrato con corpi illuminanti tali da integrare quelli esistenti. Le caratteristiche qualitative, quantitative, funzionali e di prestazioni delle opere edili ed impiantistiche sono indicate e dettagliatamente specificate e rilevabili dagli elaborati di progetto esecutivo. OPERE A MISURA: da eseguirsi in base ai progetti esecutivi, ai particolari costruttivi i cui prezzi a corpo comprendono inoltre ogni lavorazione e fornitura prevista nelle descrizioni delle opere a misura ed Elenco dei prezzi unitari. Pagina 8 di 43

10 ONERI PER LA SICUREZZA: PREMESSA 1. Ove è prevista la redazione del PSC ai sensi del decreto legislativo 9 Aprile 2008, n 81, e successive modificazioni, sono da considerarsi costi per la sicurezza, non soggetti a ribasso d asta ai sensi dell art. 131 comma 3 del Dlgs n. 163/06 e sue s.m. e comma del paragrafo 4 dell Allegato XV del Dlgs 81/08: a. gli apprestamenti previsti nel PSC; b. le misure preventive e protettive e dei dispositivi di protezione individuale eventualmente previsti nel PSC per lavorazioni interferenti; c. gli impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche, degli impianti antincendio, degli impianti di evacuazione fumi; d. dei mezzi e servizi di protezione collettiva; e. delle procedure contenute nel PSC e previste per specifici motivi di sicurezza; f. degli eventuali interventi finalizzati alla sicurezza e richiesti per lo sfasamento spaziale o temporale delle lavorazioni interferenti; g. delle misure di coordinamento relative all'uso comune di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva. Pagina 9 di 43

11 2. Per le opere rientranti nel campo di applicazione del D.Lgs N. 163/06 e successive modificazioni, e per le quali non è prevista la redazione del PSC ai sensi del decreto legislativo 9 Aprile 2008, n 81, le amministrazion i appaltanti, nei costi della sicurezza stimano, per tutta la durata delle lavorazioni previste nel cantiere, i costi delle misure preventive e protettive finalizzate alla sicurezza e salute dei lavoratori. 3. La stima dovrà essere congrua, analitica per voci singole, a corpo o a misura, riferita ad elenchi prezzi standard o specializzati, oppure basata su prezziari o listini ufficiali vigenti nell'area interessata, o sull'elenco prezzi delle misure di sicurezza del committente; nel caso in cui un elenco prezzi non sia applicabile o non disponibile, si farà riferimento ad analisi costi complete e desunte da indagini di mercato. Le singole voci dei costi della sicurezza vanno calcolate considerando il loro costo di utilizzo per il cantiere interessato che comprende, quando applicabile, la posa in opera ed il successivo smontaggio, l'eventuale manutenzione e l'ammortamento. 4. I costi della sicurezza così individuati, sono compresi nell'importo totale dei lavori, ed individuano la parte del costo dell'opera da non assoggettare a ribasso nelle offerte delle imprese esecutrici. 5. Per la stima dei costi della sicurezza relativi a lavori che si rendono necessari a causa di varianti in corso d'opera previste dall'articolo 132 del D.Lgs 163/06, e successive modificazioni, o dovuti alle variazioni previste dagli articoli 1659, 1660, 1661 e 1664, secondo comma, del codice civile, si applicano le disposizioni contenute nei commi 1, 2 e 3. I costi della sicurezza così individuati, sono compresi nell'importo totale della variante, ed individuano la parte del costo dell'opera da non assoggettare a ribasso. 6. Il Direttore dei lavori liquida l'importo relativo ai costi della sicurezza previsti in base allo stato di avanzamento lavori, sentito il coordinatore per l'esecuzione dei lavori quando previsto. L analisi dei costi della sicurezza è stata affrontata classificando le misure di sicurezza in due tipologie: misure di sicurezza generale: misure preparatorie e funzionali a più attività lavorative; misure di sicurezza specifica: misure particolari legate allo svolgimento di un attività lavorativa specifica. In base a ciò, nel piano di sicurezza e coordinamento redatto dal Coordinatore per la sicurezza in fase di Progettazione gli oneri per la sicurezza sono stati distinti in Oneri per la Sicurezza Generale e Oneri per la Sicurezza di Fase. Gli Oneri per la Sicurezza Generale sono stati computati in base al sopraccitato Dlgs 81/08 valutando i lavori necessari all approntamento in particolare di: a) la recinzione del cantiere; b) i servizi igienico-assistenziali; c) gli accessi, la viabilità principale del cantiere e le sistemazioni dell area; d) le segnaletica; e) attrezzature e materiali sanitari; f) mezzi di estinzione degli incendi e le misure di sicurezza contro i possibili rischi di incendio o esplosione connessi con lavorazioni e materiali pericolosi utilizzati in cantiere; g) le protezioni o misure di sicurezza contro i possibili rischi provenienti dall ambiente esterno; h) gli impianti di alimentazione e le reti principali di elettricità, acqua, gas ed energia di qualsiasi tipo; Pagina 10 di 43

12 i) gli impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche; j) le misure relative alla gestione degli elementi d uso comune (elementi d uso comune: opere provvisionali, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva); k) le riunioni di coordinamento con il personale tecnico delle imprese. l) Dpi per contemporaneità lavorazioni in cantieri vicini Gli Oneri per la Sicurezza di Fase sono stati computati in base al sopraccitato Dlgs 81/08 valutando i lavori necessari all approntamento in particolare di: a) il parapetto sul bordo delle coperture; b) cestello elevatore per lavori temporanei in quota; c) Dpi per i lavoratori in quota d) Ponteggio per lavorazioni sopra la volta delle scale; e) Altro ; ART. 4 CATEGORIA PREVALENTE, CATEGORIE SCORPORABILI E SUBAPPALTABILI Ai fini di quanto disposto dal DPR n 554/99, dal D PR n 34/00, e dal D.Lgs n. 163/06, i lavori oggetto del presente appalto, dettagliamene illustrati nel Capo 1 del presente capitolato, per l importo totale indicato al precedente art. 2 sono complessivamente articolati nelle seguenti categorie: A Categoria OG1 - EDIFICI CIVILI E INDUSTRIALI Riguarda la costruzione, la manutenzione o la ristrutturazione di interventi puntuali di edilizia occorrenti per svolgere una qualsiasi attività umana, diretta o indiretta, completi delle necessarie strutture, impianti elettromeccanici, elettrici, telefonici ed elettronici e finiture di qualsiasi tipo nonché delle eventuali opere connesse, complementari e accessorie. Comprende in via esemplificativa le residenze, le carceri, le scuole, le caserme, gli uffici, i teatri, gli stadi, gli edifici per le industrie, gli edifici per parcheggi, le stazioni ferroviarie e metropolitane, gli edifici aeroportuali nonché qualsiasi manufatto speciale in cemento armato, semplice o precompresso, gettato in opera quali volte sottili, cupole, serbatoi pensili, silos ed edifici di grande altezza con strutture di particolari caratteristiche e complessità Per un importo lordo di euro ,86 (di cui ,59 per lavori soggetti a ribasso d asta e 2.838,53 per oneri di sicurezza e ,74 per manodopera non soggetti a ribasso d asta) Sono subappaltabili nella misura del 30% tutte le lavorazioni appartenenti alla categoria prevalente, in base a quanto stabilito dall art. 118 del D.Lgs 163/2006. Pagina 11 di 43

13 Capo II Norme e prescrizioni relative alle caratteristiche e provenienza dei materiali, modo di esecuzione delle principali categorie di lavoro, ordine da tenersi nell andamento dei lavori. Nell esecuzione di tutte le opere e forniture oggetto dell appalto devono essere rispettate tutte le prescrizioni di legge in materia di qualità, provenienza ed accettazione dei materiali e componenti, secondo quanto previsto dal Capitolato Speciale tipo per appalti di lavori edili predisposto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e approvato dal Consiglio superiore dei lavori pubblici il 14/12/90, nonché, per quanto concerne descrizione, requisiti di prestazione e modalità di esecuzione di ogni categoria di lavoro, tutte le indicazioni contenute o richiamate contrattualmente nei Capi 1 e 2 del presente Capi tolato speciale d appalto, negli elaborati grafici, negli elaborati del piano di sicurezza e di coordinamento, elaborati tutti allegati al contratto o da questo richiamati, nel rispetto dell ordine di prevalenza di cui al successivo articolo 9, da tenere presente nel caso di eventuale discordanza tra i vari elaborati. ART. 5 QUALITA E PROVENIENZA DEI MATERIALI I materiali da impiegare per i lavori compresi nell appalto dovranno corrispondere, come caratteristiche, a quanto stabilito nelle leggi e regolamenti ufficiali vigenti in materia, in mancanza di particolari prescrizioni dovranno essere delle migliori qualità esistenti in commercio in rapporto alla funzione a cui sono destinati. Per la provvista dei materiali in genere, si richiamano espressamente le prescrizioni dell art. 16 del DM 145/00. Tutte le opere dovranno essere eseguite a regola d'arte con magisteri e materiali appropriati e saranno uniformate alle indicazioni che, per ciascuna categoria, stabiliscono le norme vigenti, salvo quelle maggiori istruzioni che saranno fornite dalla Direzione dei Lavori in corso di esecuzione. L'Impresa condurrà i lavori secondo l'ordine dettato dalle buone norme e nel modo che meglio crederà ma con razionale sviluppo per darli compiti nel termine utile. La Direzione dei Lavori si riserva la facoltà di ordinare la esecuzione di alcune lavorazioni e sospenderne altre anche iniziate, quando ciò fosse richiesto da particolari circostanze di luogo e di fatto, senza che per questo l'impresa possa prendere compensi o prezzi diversi da quelli segnati in elenco. I materiali da impiegare debbono essere delle migliori qualità delle rispettive specie ed essere accettati in precedenza, con giudizio insindacabile della Direzione dei Lavori. L'Impresa avrà facoltà di provvedere i materiali da costruzione dalle località che riterrà più convenienti. Pagina 12 di 43

14 ART. 6 CONTROLLI DI ACCETTAZIONE DEI MATERIALI Fermo restando quanto prescritto dall art. 15 del DM n. 145/00 per quanto attiene accettazione, qualità ed impiego dei materiali, costituisce onere a carico dell'appaltatore, perché compensato nel corrispettivo d'appalto e perciò senza titolo a compensi particolari, provvedere con la necessaria tempestività, di propria iniziativa o, in difetto, su sollecitazione della Direzione dei lavori, alla preventiva campionatura di materiali, semilavorati, componenti e impianti, accompagnata dalla documentazione tecnica atta a individuarne caratteristiche e prestazioni e la loro conformità alle prescrizioni contrattuali e integrata, ove necessario, dai rispettivi calcoli giustificativi, ai fini dell'approvazione, prima dell'inizio della fornitura, da parte della stessa Direzione dei lavori. I campioni e le relative documentazioni accettati e, ove del caso, controfirmati dal Direttore dei lavori e dal rappresentante dell'appaltatore, devono essere conservati fino a collaudo nei locali messi a disposizione dell Appaltante da parte dell'appaltatore medesimo. È altresì a carico dell'appaltatore la fornitura di apparecchiature, materiali attrezzature necessari per l'esecuzione delle prove, in sito o in laboratorio, richieste dalla Direzione dei lavori e/o dalla Commissione di collaudo in corso d'opera per l'accertamento del collaudo statico, della tenuta delle reti, della sicurezza e della efficienza degli impianti. In ogni caso i materiali finiti e le lavorazioni previste nell Elenco Prezzi, prima della posa in opera, dovranno essere riconosciuti idonei ed accettati dalla Direzione dei Lavori, tramite modello allegato al presente Capitolato RICHIESTA DI IDONEITA DEI MATERIALI O DEI COMPONENTI NEI LAVORI PUBBLICI (Allegato A) Malgrado l accettazione dei materiali da parte della D.L., l impresa resta totalmente responsabile della riuscita delle opere anche per quanto può dipendere dai materiali stessi. Pagina 13 di 43

15 ART. 7 NORME REGOLATRICI DELL APPALTO CAPO III Schema di contratto Per l attuazione dei lavori in oggetto si fa espresso riferimento a tutte le disposizioni legislative e regolamentari che disciplinano l esecuzione dei lavori pubblici e, in particolare: -decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni; -legge 20/3/1865 n 2248, allegato F, per quanto con cerne gli articoli non abrogati dall art.231 del regolamento approvato con DPR 21/12/99 n 554 e dal decreto legislativo n.163/2006; -regolamento ex art.3 della legge 109/94 approvato con DPR 21/12/99, n 554, articoli non abrogati dal D.Lgs n. 163 del e successive modifiche ed integrazioni; -regolamento del sistema unico di qualificazione ex art.8 della legge 109/94, approvato con DPR 25/1/2000, n 34; -capitolato generale d appalto dei lavori pubblici, approvato con DM 19/4/2000, n 145, nei limiti di compatibilità del D.Lgs 163/06; - Il D. Lgs 9 Aprile 2008 N. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro; - Legge regionale 13/07/2007 N.38 e s.m.e.i. Le funzioni di Responsabile del Procedimento verranno svolte dal Dirigente Scolastico dell Istituto. La composizione dell Ufficio della direzione dei lavori di cui all art.123 del DPR n 554/99 verrà comunicata all appaltatore, dopo l aggiudicazione definitiva, a cura del responsabile del procedimento. I componenti di detto Ufficio hanno libero accesso al cantiere per lo svolgimento dei compiti di rispettiva competenza, con il coordinamento e la supervisione del Direttore dei lavori, al quale compete l emanazione degli ordini di servizio. Nello svolgimento dei compiti di rispettiva competenza, sia i Direttori Operativi, che gli Ispettori di cantiere, hanno la facoltà di impartire disposizioni a carattere temporaneo, che il Direttore dei Lavori provvederà a convalidare, integrare o modificare con tempestivo ordine di servizio. Tali disposizioni saranno impartite con iscrizione sul giornale dei lavori e controfirmate dal direttore di cantiere o da persona dallo stesso incaricata di ricevere le disposizioni dell Ufficio della direzione dei lavori in sua assenza. Pagina 14 di 43

16 ART. 8 DOCUMENTI CHE FANNO PARTE DEL CONTRATTO Fanno parte integrante del contratto i seguenti documenti: Il presente Capitolato Speciale d Appalto (Norme Generali); L Elenco Prezzi Il Capitolato Speciale tipo per appalti di lavori edili predisposto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e approvato dal Consiglio superiore dei lavori pubblici il 14/12/90 (che non si allega per brevità), alle cui norme l impresa è vincolata e tenuta ad osservare, quando non siano in opposizione con il presente Capitolato; Le relazioni tecniche; Gli elaborati grafici progettuali; Piano di Sicurezza e Coordinamento ART. 9 ORDINE DI PREVALENZA DELLE NORME CONTRATTUALI In caso di discordanza tra le norme e prescrizioni sopra indicate, quelle contenute nel contratto e quelle contenute negli altri documenti ed elaborati progettuali dallo stesso richiamati, va osservato il seguente ordine di prevalenza: norme legislative e regolamentari di carattere generale; contratto di appalto; Capitolato speciale d appalto, con prevalenza dei disposti dei Capi 1 e 3 rispetto a quelli del Capo 2, a meno che non si tratti di disposti l egati al rispetto delle norme cogenti; elaborati del progetto esecutivo posto a base di appalto; descrizione contenuta nei prezzi contrattuali, ove non diversamente riportata nei punti precedenti. In caso di discordanza tra gli elaborati grafici e le voci di Elenco Prezzi la scelta della realizzazione delle lavorazioni sarà quella più favorevole per l Amministrazione, a giudizio insindacabile della D.L. Non costituisce discordanza, ma semplice incompletezza grafica o descrittiva, la eventuale mancanza di particolari costruttivi o di specifiche relativi a lavorazioni, materiali ecc..che peraltro sono rilevabili da altri elaborati progettuali o dal capitolato speciale d appalto. In tale eventualità compete al Direttore dei lavori, sentito il progettista ed il Responsabile del procedimento, fornire sollecitamente le necessarie precisazioni, fermo restando il diritto dell appaltatore di formulare tempestivamente le proprie osservazioni o contestazioni secondo le procedure disciplinate dalle norme regolatrici dell appalto. Pagina 15 di 43

17 Capo IV Contabilizzazione e liquidazione dei lavori ART. 10 LAVORI DA CONTABILIZZARE A CORPO, A MISURA E IN ECONOMIA Lavori a corpo La valutazione del lavoro a corpo è effettuata secondo le specificazioni date nell enunciazione e nella descrizione del lavoro a corpo, nonché secondo le risultanze degli elaborati grafici e di ogni altro allegato progettuale ed in particolare a quanto stabilito ; il corrispettivo per il lavoro a corpo resta fisso e invariabile senza che possa essere invocata dalle parti contraenti alcuna verifica sulla misura o sul valore attribuito alla quantità di detti lavori. Nel corrispettivo per l esecuzione dei lavori a corpo s intende sempre compresa ogni spesa occorrente per dare l opera compiuta sotto le condizioni stabilite dal presente capitolato e secondo i tipi indicati e previsti negli atti progettuali. Pertanto nessun compenso può essere richiesto per lavori, forniture e prestazioni che, ancorché non esplicitamente specificati nella descrizione dei lavori a corpo, siano rilevabili dagli elaborati grafici o viceversa. Lo stesso dicasi per lavori, forniture e prestazioni tecnicamente e intrinsecamente indispensabili alla funzionalità, completezza e corretta realizzazione dell'opera appaltata secondo le regola dell'arte. La lista delle voci e delle quantità relative ai lavori a corpo non ha validità ai fini del presene articolo, in quanto l'appaltatore era tenuto, in sede di partecipazione alla gara, a verificare le voci e le quantità richieste per l esecuzione completa dei lavori progettati, ai fini della formulazione della propria offerta e del conseguente corrispettivo. Lavori a misura Le lavorazioni sono da contabilizzare a misura, con riferimento a quanto disposto dall art. 45 comma 9 del DPR. n 554/99 ed art. 81 comma 1, art. 82 comma 2 lettera a) del D.Lgs n. 163/06. Ai fini di quanto disposto dall art. 45 comma 7 del DPR. n 554/99 e dall art. 10 comma 1 e 6 del Capitolato generale d appalto approvato con DM. N 1 45/00, si precisa che i lavori a misura, ai fini sia della facoltà della Stazione Appaltante di disporre variazioni o addizioni di cui al citato art.10 del DM. N 145/00 e all art. 134 del DPR. n 554/99, si a delle variazioni quantitative che il Direttore dei lavori può disporre, ai sensi dell art.132 del D.Lgs n. 163/06, per risolvere aspetti di dettaglio, entro il limite del 10% in più o in meno senza l aumento dell importo del contratto stipulato. Lavori in economia La contabilizzazione dei lavori in economia, quando gli stessi siano stati previsti nel contratto d appalto, è effettuata secondo i prezzi unitari contrattuali per l'importo delle prestazioni e delle somministrazioni fatte dall'impresa stessa, con le modalità previste dall articolo 179 del regolamento generale. Pagina 16 di 43

18 Gli oneri per la sicurezza, per la parte eseguita in economia, sono contabilizzati separatamente con gli stessi criteri. Qualora tra i prezzi di cui all elenco prezzi contrattuale non siano previsti prezzi per i lavori in economia, si procede alla formazione di nuovi prezzi, mediante apposito verbale di concordamento, con i criteri di cui all articolo 163 della Legge. Lavorazioni comprese nella categoria OPERE EDILI dell importo di uro ,86 TOTALE escluso gli oneri della sicurezza e manodopera uro ,59 Ove non si tratti di voci di lavoro non comprese nell elenco prezzi contrattuale e non assimilabili ma rientranti nelle stesse categorie dell appalto, si procede alla determinazione ed approvazione dei nuovi prezzi in conformità di quanto disposto dall art. 136 del DPR. 554/99. ART. 11 CONTABILIZZAZIONE E LIQUIDAZIONE DEI LAVORI In relazione a quanto disposto dall articolo 5 del D.L.28/3/1997, n 79, convertito in legge 28/5/1997, n 140, non è consentita la corresponsion e di anticipazione sul prezzo d appalto. L'Appaltatore avrà diritto a pagamenti in acconto, in corso d'opera, ogni qual volta il suo credito al netto del ribasso d'asta e delle prescritte ritenute, di cui agli artt. 33 del Capitolato generale e 48 del Regolamento per la contabilità generale dello Stato approvato con regio decreto n. 827 nonché dell art. 168 del Dpr 554/99 - raggiunta la cifra di Euro ,00(cinquantamila), e la fatturazione dei lavori eseguiti dovrà avvenire sulla base delle azioni di intervento nelle quali è suddiviso il progetto. Sulla base degli stati d'avanzamento il Responsabile del procedimento provvederà a redigere i corrispondenti certificati di pagamento, da inoltrare al competente ufficio dell Appaltante per la relativa liquidazione. Dopo l accertata ultimazione di quanto ha formato oggetto dell'appalto e redatto il conto finale verrà rilasciata l'ultima rata di acconto, qualunque sia la somma cui possa ascendere. Nel caso di sospensione dei lavori di durata superiore a novanta giorni si dispone comunque il pagamento in acconto degli importi maturati fino alla data di sospensione. Il pagamento della rata di saldo, previa presentazione di garanzia fidejussoria, entro 90 giorni dalla data di emissione del certificato di collaudo o del certificato di regolare esecuzione, secondo quanto disposto dall art. 205, comma 2, del DPR. N 554/99. La contabilizzazione delle opere e delle forniture verrà effettuata come segue: Pagina 17 di 43

19 Per quanto concerne gli oneri relativi alla sicurezza,non soggetti a ribasso d asta ai sensi dell art.131 del D.Lgs 163/06 e successive modificazioni e integrazioni, distribuendo, essendo il relativo onere complessivo fisso ed invariabile, ad ogni singolo Stato d avanzamento, su ciascuna singola voce di Elenco prezzi il relativo importo in percentuale ai lavori contabilizzati; Si procederà alla redazione ed alla conseguente liquidazione dell'ultimo certificato di pagamento solo dopo accertata l'ultimazione dei lavori ed al pagamento della rata di saldo, previa presentazione di garanzia fidejussoria, entro 90 giorni dalla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio ovvero del certificato di regolare esecuzione, secondo quanto disposto dall art.205, comma 2, del DPR n 554/99. ART. 12 REVISIONE PREZZI COMPENSAZIONE PREZZI Ai sensi dell articolo 133, comma 2 del D.Lgs. n.163 del 2006, e successive modifiche e integrazioni, è esclusa qualsiasi revisione dei prezzi e non trova applicazione l articolo 1664, primo comma, del codice civile. Ove ricorrano le circostanze previste dall'articolo 133 del D.Lgs. 163 del 2006, si procederà alla compensazione dei prezzi con le modalità e nei limiti previsti da tale normativa. Ferme restando le disposizioni previste al comma 2 e qualora esse siano compatibili con quelle riportate nel presente comma, al contratto si applica il prezzo chiuso di cui all articolo 133, comma 3 del D.Lgs. 163 del 2006, consistente nel prezzo dei lavori al netto del ribasso d'asta, aumentato di una percentuale, determinata con decreto ministeriale, da applicarsi, nel caso in cui la differenza tra il tasso di inflazione reale e il tasso di inflazione programmato nell'anno precedente sia superiore al 2 per cento, all'importo dei lavori ancora da eseguire per ogni anno intero previsto per l'ultimazione dei lavori stessi. Pagina 18 di 43

20 Capo V Cauzione e Garanzie ART. 13 CAUZIONE PROVVISORIA E DEFINITIVA RITENUTE DI GARANZIA Con riferimento all art. 75, comma 1 del decreto legislativo n. 163/2006, l Appaltatore è tenuto a corredare la propria offerta in sede di gara, con una cauzione provvisoria di euro pari al 2% dell importo a base d asta, anche mediante polizza fidejussoria bancaria o assicurativa, mentre la garanzia fideiussoria è fissata nel 10% dell ammontare netto contrattuale ai sensi dell art. 113, comma 1 del decreto legislativo n. 163/2006. In caso di ribasso d asta superiore al 10% detta aliquota dovrà essere aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli eccedenti il 10% e ove il ribasso sia superiore al 20%, l aumento è di due punti percentuali per ogni punto di ribasso superiore al 20% come disposto dell art. 113, comma 1 del decreto legislativo n. 163/2006. Detta garanzia può essere costituita da fideiussione bancaria o assicurativa rilasciata da Istituti autorizzati in base alle norme vigenti, intestata quale Ente garantito, all Amministrazione Appaltante. Ai sensi dell art. 113, comma 3 del decreto legislativo n. 163/2006, la garanzia fideiussoria è progressivamente svincolata a misura dell'avanzamento dell'esecuzione, nel limite massimo del 75 per cento dell'iniziale importo garantito. Lo svincolo, nei termini e per le entità anzidetti, è automatico, senza necessità di benestare del committente, con la sola condizione della preventiva consegna all'istituto garante, da parte dell'appaltatore o del concessionario, degli stati di avanzamento dei lavori o di analogo documento, in originale o in copia autentica, attestanti l'avvenuta esecuzione. L'ammontare residuo, pari al 25 per cento dell'iniziale importo garantito, è svincolato secondo la normativa vigente. La garanzia copre gli oneri per il mancato od inesatto adempimento e cessa di avere effetto solo alla data di emissione del certificato di collaudo provvisorio o del certificato di regolare esecuzione. La stazione Appaltante ha il diritto di avvalersi della garanzia sopra detta, per il pagamento di quanto dovuto dall Appaltatore per inadempienze o per l eventuale maggiore spesa sostenuta per il completamento dei lavori, nel caso di esecuzione in danno, in conformità di quanto disposto dall art. 101 del DPR. 554/99. Pagina 19 di 43

Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva

Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva Il Direttore dei Lavori quale Coordinatore per la Sicurezza in fase esecutiva In base al vecchio regolamento, competevano al direttore dei lavori le funzioni attribuite al coordinatore per l esecuzione

Dettagli

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO

Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO Capo Primo: OGGETTO E MODALITA DI APPALTO ART. 1 OGGETTO DELL'APPALTO L appalto ha per oggetto l esecuzione di opere e provviste occorrenti per la realizzazione di N 1 Impianto Fotovoltaico Collegato Alla

Dettagli

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA LA STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA Ordine degli Architetti di Savona 13 maggio 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Art. 100. (Piano di sicurezza e di coordinamento) Comma 1. Il piano è costituito

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

COSTI PER LA SICUREZZA

COSTI PER LA SICUREZZA COSTI PER LA SICUREZZA All. XV 4.1-D.Lgs 81/2008 DALL USCITA DELLA 494/96 ESISTE L OBBLIGO DI REDIGERE UN COMPUTO PER LA SICUREZZA CIOE EFFETTUARE UNA VALUTAZIONE DEGLI ONERI PER LA SICUREZZA TALE VALUTAZIONE

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE.

PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA DI AUTOVETTURE PER L AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE. Articolo 1 OGGETTO DELLA FORNITURA Le prestazioni richieste al soggetto appaltatore

Dettagli

I costi della sicurezza

I costi della sicurezza Associazione dei Geometri della Provincia di Reggio Emilia I costi della sicurezza La stima dei costi della sicurezza nelle attività di cantiere: appalti pubblici e privati. 1. L evoluzione normativa dei

Dettagli

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO tra il Sig... codice fiscale... residente in... proprietario di (*)...di cui dispone dei libero uso, sito in... e il Sig... residente in... nella qualifica di... dell impresa... codice fiscale...

Dettagli

I COSTI DELLA SICUREZZA

I COSTI DELLA SICUREZZA Dipartimento di Architettura e Territorio darte Corso di Studio in Architettura quinquennale Classe LM-4 Corso di Progettazione e Organizzazione della Sicurezza nel Cantiere prof. Renato Laganà I COSTI

Dettagli

Confronto tra il DPR 222/2003 e l All. 15 del DLgs n. 81/2008

Confronto tra il DPR 222/2003 e l All. 15 del DLgs n. 81/2008 Confronto 6/08 17-06-2008 17:21 Pagina 28 Il nuovo PSC articolo per articolo, fase per fase Massimo Caroli* Confronto tra il DPR 222/2003 e l All. 15 del DLgs n. 81/2008 Prosegue la disamina delle principali

Dettagli

CAPITOLATO PRESTAZIONALE LOTTO N. 2 OPERE SPECIALISTICHE PER PARETI MOBILI, CARTONGESSO, CONTROSOFFITTATURE ED AFFINI

CAPITOLATO PRESTAZIONALE LOTTO N. 2 OPERE SPECIALISTICHE PER PARETI MOBILI, CARTONGESSO, CONTROSOFFITTATURE ED AFFINI Allegato 4) CAPITOLATO PRESTAZIONALE LOTTO N. 2 OPERE SPECIALISTICHE PER PARETI MOBILI, CARTONGESSO, CONTROSOFFITTATURE ED AFFINI CAPO 1 NATURA E OGGETTO DELL APPALTO Art. 1 Oggetto dell appalto Il presente

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR.

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. ALLEGATO 1 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER I SERVIZI DI PULIZIA E GUARDIANIA DEI LOCALI DEL MUSEO DEL TESSUTO DURANTE LA MOSTRA LO STILE DELLO ZAR. Pag. 1/7 PROVINCIA DI PRATO CAPITOLATO

Dettagli

Il calcolo degli oneri della sicurezza

Il calcolo degli oneri della sicurezza Il calcolo degli oneri della sicurezza Pier Luigi GHISI 1/7 Le metodologie di calcolo errate Oggi resta ancora diffusa l abitudine dei progettisti e/o dei coordinatori, di stimare gli oneri della sicurezza

Dettagli

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7 INDICE 1. Premessa 3 2. Riferimenti normativi 3 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4 4. Allegati del PSC 7 pagina 2 di 7 1. Premessa Il Piano di Sicurezza e Coordinamento è redatto per

Dettagli

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC L allegato XV al D. Lgs. n 81/2008 CONTENUTI DEL PSC (già DPR n 222/2003 - Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza) Il PSC è specifico per ogni

Dettagli

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. COORDINATORE in fase di: O PROGETTAZIONE O ESECUZIONE INDIRIZZO CANTIERE NATURA DELL

Dettagli

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 FC/MB BV DMP Emissione

Rev. Data Sez. Pag. Redatto Verificato Validato Descrizione 1 17/12/12 FC/MB BV DMP Emissione C 129 - VALORIZZAZIONE AREA CAMPI - IKEA DEMOLIZIONE DEL MAGAZZINO E PORZIONE DI MENSA DISMESSI UBICATI IN CORSO FERDINANDO MARIA PERRONE N. 15 NELL AREA EX ILVA LAMINATI PIANI OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze

Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Linee guida per il calcolo dei costi della sicurezza necessari per la eliminazione delle interferenze documento ad uso interno all istituto a cura di Marta Dalla Vecchia

Dettagli

D. LGS. 81/08 ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

D. LGS. 81/08 ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 1.1. Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono per: a) scelte progettuali ed organizzative:

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata Area Provveditorato e Patrimonio

Università degli Studi della Basilicata Area Provveditorato e Patrimonio Università degli Studi della Basilicata Area Provveditorato e Patrimonio PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI SPAZI UNIVERSITARI All. 6 STIMA DEI COSTI RELATIVI ALLA SICUREZZA

Dettagli

ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE)

Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE) UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA Settore 4 (CENTRO ELABORAZIONE DATI-RICOSTRUZIONE E PROTEZIONE CIVILE-DIREZIONE N.U.E DISCARICA-ECOLOGIA E AMBIENTE) 0835 587327 Fax 0835 581208 Capitolato

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA COMUNE DI BORGOSESIA Piazza Martiri n. 1 13011 BORGOSESIA (VC) Provincia di Vercelli Tel. 0163/290310 Fax 0163/24696 Mail: utc.borgosesia@reteunitaria.piemonte.it BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO MEDIANTE

Dettagli

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza Capitolo Secondo Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza I responsabili della sicurezza nei cantieri temporanei o mobili sono: Committente e Responsabile dei lavori (Scheda 2.1) Datore

Dettagli

Visto il decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494, e successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494, e successive modificazioni; Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell'articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE

SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE Pag. 1 SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3, D.Lgs. n. 81/20008) 1. PREMESSA Il presente

Dettagli

Provincia di Roma PROGETTO PER IL COLLEGAMENTO VIARIO ADIACENTE PALAZZO DORIA PAMPHILI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA VIABILITA' DI ACCESSO OGGETTO:

Provincia di Roma PROGETTO PER IL COLLEGAMENTO VIARIO ADIACENTE PALAZZO DORIA PAMPHILI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA VIABILITA' DI ACCESSO OGGETTO: Provincia di Roma OGGETTO: PROGETTO PER IL COLLEGAMENTO VIARIO ADIACENTE PALAZZO DORIA PAMPHILI LAVORI DI SISTEMAZIONE DELLA VIABILITA DI ACCESSO COMMITTENTE: Comune di Valmontone Dott Arch Roberto Pinci

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Sommario 1. PREMESSA 3 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 3. INDICAZIONI E PRESCRIZIONI DI SICUREZZA PRELIMINARI 6 4. VALUTAZIONE

Dettagli

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese

COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese COMUNE DI UBOLDO Provincia di Varese Ufficio Tecnico Comunale Servizio Lavori Pubblici Manutenzioni - Ecologia Centro Sportivo Comunale Fornitura e posa di due palloni pressostatici di copertura campi

Dettagli

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS 7 7.1 Introduzione Il Piano Operativo di Sicurezza è stato l ultimo piano introdotto dalla normativa sulla salute e sicurezza nei cantieri e sugli appalti di lavori pubblici, con lo scopo di separare le

Dettagli

CONTRATTO APPALTO LAVORI EDILI PRIVATI

CONTRATTO APPALTO LAVORI EDILI PRIVATI Ai Termini di legge Ristruttura Semplice si riserva tutti i diritti sul presente modello con divieto di riproduzione senza autorizzazione Via Mons. Razzoli 84-54028 - Villafranca in Lunigiana (MS) Tel.

Dettagli

I contenuti minimi del PSC e del POS

I contenuti minimi del PSC e del POS D.Lgs.81/08 e succ.m. e i. I contenuti minimi del PSC e del POS Agg: Gennaio 2013 arch.stefano Galati Allegato XV Definizioni a) scelte progettuali ed organizzative: insieme di scelte effettuate in fase

Dettagli

Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili

Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili Associazione Industriali Province della Sardegna Meridionale Cagliari, Carbonia-Iglesias e Medio Campidano CONFINDUSTRIA Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili Cagliari 16

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA COMUNE DI NOICÀTTARO (Provincia di Bari) Via Pietro Nenni n. 11 - C.A.P. 70016 - C.F./P.iva 05165930727 Tel. 080/4784209 Fax 080/4782984 - www.comune.noicattaro.bari.it III Settore: Lavori Pubblici e Manutenzione

Dettagli

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA"

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA Il Piano Oativo di Sicurezza POS Pag.1 POS OPERATIVO SICUREZZA ART. 89 D.Lgs 10609- DEFINIZIONI Comma 1, lettera h) Piano Oativo di Sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI

LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI LA SICUREZZA NEI CANTIERI DI LAVORI PUBBLICI Seminario di approfondimento per Responsabili di procedimento (R.U.P.) e Tecnici degli Enti Pubblici 12 19 26 Maggio 2004 LA STIMA DEI COSTI PER LA SICUREZZA

Dettagli

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto.

Con Deliberazione di Giunta Comunale n 118 del 26/ 03/2013 e stato approvato il progetto definitivo dell opera in oggetto. Note introduttive Il presente documento fa proprie le indicazioni di cui all Art. 34. Relazione generale del progetto esecutivo del d.p.r. 5 ottobre 2010, n. 207: 1. La relazione generale del progetto

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO SEVIZIO DI GESTIONE, CONTROLLO E REVISIONE DEGLI ESTINTORI NEGLI IMMOBILI COMUNALI. Via Libertà n 74 C.F. 00337180905 Tel. 0789612911-13 pasquale.caboni@tiscali.it 1 ARTICOLO

Dettagli

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Obblighieadempimenti TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Il Committente Privato in edilizia obblighi ed adempimenti Il Committente Privato è il soggetto fondamentale per garantire regolarità

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO008 FESR Calabria

Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO008 FESR Calabria Programma Operativo Regionale 2007 IT161PO008 FESR Calabria Istituto Magistrale Giuseppe Mazzini LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO DELLE SCIENZE UMANE CON OPZIONE ECONOMICO/ SOCIALE LICEO LINGUISTICO Corso

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA In riferimento alla normativa vigente in materia di sicurezza cantieri il sottoscritto ing. Pillinini Valentino, incaricato dall'amministrazione Comunale di

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009

Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro. Modena, 30 ottobre 2009 Ruolo e responsabilità del dirigente scolastico in ordine alla prevenzione e sicurezza sul lavoro Modena, 30 ottobre 2009 Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. n. 106 "Disposizioni integrative e correttive

Dettagli

D.P.R. 222/03 del 03/07/03 Gazzetta Ufficiale N. 193 del 21 Agosto 2003. Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI

D.P.R. 222/03 del 03/07/03 Gazzetta Ufficiale N. 193 del 21 Agosto 2003. Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell'articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109. D.P.R. 222/03 del 03/07/03 Gazzetta

Dettagli

Importo massimo prestabilito Euro 115.500,00 - (Oneri per la Sicurezza Euro 2.500,00.-) NORME TECNICHE PER LAVORI A CORPO

Importo massimo prestabilito Euro 115.500,00 - (Oneri per la Sicurezza Euro 2.500,00.-) NORME TECNICHE PER LAVORI A CORPO OGGETTO: Codice Opera n 09171 Programma di verifica dell efficienza energetica di alcuni edifici pubblici del Comune di Trieste mediante l installazione di un analizzatore di combustione in continuo per

Dettagli

VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE

VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI SETTORE EDILIZIA SCOLASTICA MANUTENZIONE OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER IL CONSEGUIMENTO DEL CERTIFICATO PREVENZIONE INCENDI NELLE SCUOLE MATERNE DI: CORSO

Dettagli

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia

Comune di MISANO DI GERA D ADDA Provincia di Bergamo Regione Lombardia BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA = PREZZO PIU BASSO DETERMINATO MEDIANTE MASSIMO RIBASSO SULL IMPORTO DEI LAVORI APPALTO CON CORRISPETTIVO A CORPO = LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA IMPIANTI

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Documentazione

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA OPERE CIVILI OPERE CIVILI 1 PREMESSA...3 DESCRIZIONE DELLO STATO DI FATTO... 3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO... 5 OPERE CIVILI...6 SCAVI, DEMOLIZIONI E RIMOZIONI... 6 OPERE IN CEMENTO ARMATO - SCALE METALLICHE... 7 SOTTOFONDI...

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art.

PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Ai sensi del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 Titolo IV - Cantieri temporanei o mobili - Capo I - art. 100 LAVORI DI RECUPERO ALLOGGI DI E.R.P. IN S.PANCRAZIO SAL. (BR)

Dettagli

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l)

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) 13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) La valutazione delle spese di seguito esposta è finalizzata esclusivamente alla

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE D ATTIVITA (D.U.V.R.I.) (Art. 26 comma 3, 5 D lgs. 9 Aprile 2008, n. 81) APPALTO PULIZIA UFFICI COMUNALI, UFFICI GIUDIZIARI, R.S.A. L. ACCORSI

Dettagli

S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A

S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A S.C. TECNICO PROGETTI INTEGRATI A Allegato 5 DISCIPLINARE DI INCARICO PROFESSIONALE DI COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI EX D.LGS. 81/2008 E S.M.I. PER LE OPERE DI RIORDINO

Dettagli

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO SCHEMA DI CONTRATTO N. Rep.... LAVORI PER LA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CALCESTRUZZO STAMPATO COME ESISTENTE NEL CORTILE INTERNO DELLA SEDE DI PIAZZA CARDINAL FERRARI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

Documentazione di gara

Documentazione di gara Comune di Santa Maria a Monte Provincia di Pisa SETTORE 3 OGGETTO ALLESTIMENTO DEGLI SPAZI ESPOSITIVI ALL INTERNO DEL PROGETTO DI VALORIZZAZIONE DEL CENTRO STRORICO E RECUPERO DELL AREA DELLA ROCCA CON

Dettagli

Gerarchia dei soggetti

Gerarchia dei soggetti Gerarchia dei soggetti Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI COMMITTENTE RESPONSABILE DEI LAVORI COORDINATORE IN FASE DI PROGETTAZIONE

Dettagli

FRIULI VENEZIA GIULIA STRADE S.p.A.

FRIULI VENEZIA GIULIA STRADE S.p.A. FRIULI VENEZIA GIULIA STRADE S.p.A. Reg/to il al n. Sede di Trieste Individuazione Aree Critiche (IAC), Piano Interventi di Contenimento ed Abbattimento del Rumore (PICAR), Mappatura Acustica (MA) e Piani

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

====================================================================

==================================================================== Sito internet: www.comune.platania.cz.it Comune di Platania Provincia di Catanzaro Via Roma, 18 Tel. 0968/205010-405051 - Fax 0968/205910 Servizio 4: Appalti-Contratti-Espropri E-mail - comune.platania@tiscali.it

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

COMUNE DI CENGIO. PROVINCIA DI SAVONA C.A.P. 17056 - Piazza Martiri Partigiani, 8 Lavori Pubblici

COMUNE DI CENGIO. PROVINCIA DI SAVONA C.A.P. 17056 - Piazza Martiri Partigiani, 8 Lavori Pubblici COMUNE DI CENGIO PROVINCIA DI SAVONA C.A.P. 17056 - Piazza Martiri Partigiani, 8 Lavori Pubblici Prot. n 6294 N Reg. Pubbl. 83 1. BANDO PROCEDURA APERTA: Il giorno 21/09/2010 alle ore 9,00 si terrà presso

Dettagli

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA

PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA PRONTUARIO ADEMPIMENTI DI SICUREZZA Documentazione aziendale DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA - Pratiche comunali: certificazione di agibilità - Denuncia di nuovo lavoro all INAIL (almeno 5 gg prima inizio

Dettagli

La realizzazione dei lavori

La realizzazione dei lavori 131 Nel caso di lavori da aggiudicare con il criterio del prezzo più basso, di importo pari o inferiore alla soglia comunitaria, se il bando prevede l esclusione automatica delle offerte anomale e il numero

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA SICUREZZA

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA SICUREZZA COMUNE DI VARENNA PROVINCIA DI LECCO REGIONE LOMBARDIA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA SICUREZZA PROGETTO ALLESTIMENTO PERCORSO GROTTA DI FIUMELATTE E RIQUALIFICAZIONE ESTERNA IMPORTO: COMPLESSIVAMENTE.

Dettagli

3. LUOGO, DESCRIZIONE, IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI, SICUREZZA E MODALITA DI PAGAMENTO DELLE PRESTAZIONI:

3. LUOGO, DESCRIZIONE, IMPORTO COMPLESSIVO DEI LAVORI, SICUREZZA E MODALITA DI PAGAMENTO DELLE PRESTAZIONI: BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA RELATIVA AL SEGUENTE INTERVENTO: COMPLETAMENTO DELL ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA SCUOLE MATERNE, ELEMENTARI E MEDIE DI VIA CARDUCCI CUP C28I07000020002 CIG

Dettagli

FORNITURA DI PIETRE TOMBALI IN MARMO BIANCO DEL TIPO CRISTAL PER IL NUOVO CORPO LOCULI DENOMINATO 6 LOTTO NEL CIMITERO COMUNALE DI MONDOLFO

FORNITURA DI PIETRE TOMBALI IN MARMO BIANCO DEL TIPO CRISTAL PER IL NUOVO CORPO LOCULI DENOMINATO 6 LOTTO NEL CIMITERO COMUNALE DI MONDOLFO FORNITURA DI PIETRE TOMBALI IN MARMO BIANCO DEL TIPO CRISTAL PER IL NUOVO CORPO LOCULI DENOMINATO 6 LOTTO NEL CIMITERO COMUNALE DI MONDOLFO FOGLIO DI PATTI E CONDIZIONI elaborato 4 Data: IL TECNICO COMUNALE

Dettagli

Comunità Montana.. della provincia di

Comunità Montana.. della provincia di Comunità Montana.. della provincia di CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA DI. NEI COMUNI DI.. DELLA COMUNITA MONTANA.. Art. 1 - OGGETTO DEI LAVORI I lavori

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI Corso di aggiornamento per coordinatori in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori 06/03/2013 Dott. Lucio QUATTROCCHI D.Lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

Dott., Ufficiale Rogante. per La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze con sede in Piazza

Dott., Ufficiale Rogante. per La Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze con sede in Piazza 1 CONTRATTO DI APPALTO REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemila il del mese di, in Firenze nella sede della Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, dinanzi a me Dott., Ufficiale Rogante delegato alla stipulazione

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE

CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE CAPITOLATO SPECIALE DESCRITTIVO E PRESTAZIONALE INDICE A. INDICAZIONE DELLE NECESSITÀ FUNZIONALI, DEI REQUISITI E DELLE SPECIFICHE PRESTAZIONI CHE DEVONO ESSERE PRESENTI NELL INTERVENTO IN MODO CHE RISPONDA

Dettagli

====================================================================

==================================================================== Sito internet: www.comune.platania.cz.it Comune di Platania Provincia di Catanzaro Via Roma, 18 Tel. 0968/205010-405051 - Fax 0968/205910 Servizio 4: Appalti-Contratti-Espropri E-mail - comune.platania@tiscali.it

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO Allegato II Modello semplificato per la redazione del PSC (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze

ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze ISTITUTO NAZIONALE DI DOCUMENTAZIONE INNOVAZIONE E RICERCA EDUCATIVA Palazzo Gerini Via Michelangelo Buonarroti n 10 Firenze Progetto Definitivo Esecutivo Sistemazione degli uffici ex IRRE Campania in

Dettagli

RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE

RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE RELAZIONE SUL CONTO FINALE E CERTIFICATO DI REGOLARE ESECUZIONE (art. 200 del Regolamento di cui al D.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207) LAVORI:... IMPRESA:... CONTRATTO:... ISTITUTO SCOLASTICO... (Provincia

Dettagli

Liceo Scientifico Statale ANTONIO LABRIOLA Via Capo Sperone, 50 00122 Roma CAPITOLATO

Liceo Scientifico Statale ANTONIO LABRIOLA Via Capo Sperone, 50 00122 Roma CAPITOLATO CAPITOLATO Art. 1 Premessa Il Liceo Scientifico Statale Antonio Labriola, situato in Via Capo Sperone, n.50 - Ostia, nell ambito delle attività di miglioramento del livello di sicurezza degli impianti

Dettagli

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO O D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Servizio Prevenzione e Protezione V IA A LBERTONI, 15-40138 BOLOGNA! 051.63.61.371-FAX 051.63.61.358 E-mail: spp@aosp.bo.it

Dettagli

DIOCESI DI CASSANO ALL JONIO

DIOCESI DI CASSANO ALL JONIO Pag. 1 a 5 DIOCESI DI CASSANO ALL JONIO Cassano all Jonio li 19 febbraio 2014 Prot. N 64 RACCOMANDATA ½ posta elettronica certificata LETTERA D INVITO ALL IMPRESA: Oggetto: Invito a partecipare alla gara

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO

CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO Il Piano di Sicurezza e Coordinamento; il Fascicolo con le caratteristiche

Dettagli

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E08 Edilizia, urbanistica e ambiente Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dell opera

Dettagli

PREMESSA PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA

PREMESSA PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA PREMESSA La presente Relazione riguarda il Progetto Preliminare per la DEMOLIZIONE PARZIALE A SEGUITO DEL SISMA DEL 6 APRILE 2009 DEGLI IMMOBILI SEDE DEL PALAZZO DI GIUSTIZIA DI L AQUILA PRIME INDICAZIONI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova EDILIZIA SCOLASTICA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 2080/2013 Determina n. 2019 del 19/08/2013 Oggetto: APPROVAZIONE PROGETTO DI UNICO LIVELLO ESECUTIVO DEI LAVORI DI COMPLETAMENTO

Dettagli