Gli associati alla CNA dell Emilia Romagna in pensione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli associati alla CNA dell Emilia Romagna in pensione"

Transcript

1 Freni Ricerche Sociali e di Marketing CNA Pensionati Emilia Romagna Associazione di Bologna Gli associati alla CNA dell Emilia Romagna in pensione Gli anziani riprogrammano il loro futuro Aspettative, bisogni e sicurezze Bologna, 6 Marzo 2008 Celebrating 25 Years Quality ad hoc research

2 Universo e campione Universo: associati alla CNA della Regione Emilia Romagna in pensione Campione: 442 soggetti stratificati in misura proporzionale all elenco degli iscritti per sesso, età e provincia di appartenenza Obiettivi conoscitivi Titolo di possesso e manutenzione dell abitazione per aumentarne comfort, efficienza, estetica sicurezza, anche in vista di un eventuale riduzione della mobilità e autosufficienza Struttura del nucleo familiare e reddito disponibile dopo la fuoriuscita dal mondo del lavoro, stile di vita, interessi e comportamenti anche in ambito salutistico Situazione dei rapporti interparentelari e rete di relazioni sociali Interesse per un offerta di servizi rivolta alla fascia più anziana della popolazione Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 2/ 48

3 Struttura dell universo (secondo ISTAT) La popolazione italiana nella fascia 65 anni e over ammontava al 19,7% della popolazione totale La popolazione nella fascia 80 anni e over pesa per il 5,1% del totale Nel Centro-nord la popolazione over 65 supera quota 20% e quella con 80 anni e over il 5% L età media attuale del pensionamento nei paesi della UE è di 60 anni In Italia l età media del pensionamento è 58.4 per gli uomini e 57.2 per le donne (fonte dati: Eurostat) versus i anni ufficiali L Italia è il paese dove si trovano i pensionati più giovani Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 3/ 48

4 Pensionati associati alla CNA: un pianeta che cresce e si rinnova Ogni anno entra nel mondo degli associati alla CNA in pensione una quota del 5% di neofiti Un larga maggioranza (58 %) è andata in pensione da oltre 10 anni Quasi un intervistato su 4 dispone ormai di un anzianità di pensionamento superiore a 15 anni Il traguardo dei 60 anni rappresenta l età della pensione in conseguenza di un precoce ingresso nel mondo del lavoro e di molti anni di contribuzione Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 4/ 48

5 L uscita dal mondo del lavoro Molti artigiani hanno anticipato il pensionamento Mancanza di convenienza economica a proseguire l attività lavorativa L età media dei pensionati iscritti alla CNA dell Emilia-Romagna è in linea con la media italiana Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 5/ 48

6 A quale età è andato in pensione? 60 anni o prima anni anni dopo i 70 anni donne uomini over 75 anni anni da anni anni fino a 60 anni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 6/ 48

7 Lavorare stanca? Sì, ma aiuta Un artigiano su 3 (ma quasi il 50% degli uomini) ha continuato, attenuandola, l attività lavorativa Continuare l attività dopo il pensionamento ha consentito ad alcuni di mantenere inalterato il tenore di vita Superati i 65 anni gli irriducibili del lavoro sono quasi il 10%, una percentuale inalterata anche tra gli ultra 75enni Abbandonare il lavoro significherebbe per alcuni la perdita dello scopo della propria vita Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 7/ 48

8 Ha continuato a lavorare dopo essere andato in pensione? sta ancora lavorando 12% ha smesso di lavorare dopo la pensione 68% ha lavorato anche dopo la pensione ma adesso non più 20% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 8/ 48

9 Il reticolo familiare e sociale resta fondamentale La famiglia degli artigiani in pensione si compone di 2 persone (quasi 60%) La presenza di figli adulti che prolungano la propria permanenza nel nucleo familiare d origine è un fenomeno tipicamente italiano che coinvolge anche la famiglia dell artigiano pensionato Un figlio/a è presente nel 23% delle abitazioni dei pensionati Un artigiano in pensione su 6 è single (più che di vedovi si tratta di separati o divorziati) Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 9/ 48

10 Lei ha figli? Dove vivono i Suoi figli? 45% 40% 41% 35% 30% 25% 23% 20% 18% 16% 15% 10% 7% 11% 5% 0% nella stessa abitazione nello stesso edificio nello stesso quartiere nella stessa città nella stessa provincia non ha figli Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 10/ 48

11 L unione fa la forza La forza dei legami familiari si esprime in termini di vicinanza fisica (i figli vivono nello stesso edificio o nello stesso quartiere) I figli tendono a rimanere nell abitazione dei genitori anche quando sono ormai in pensione Di regola i figli restano nella stessa città Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 11/ 48

12 Lei ha figli? Dove vivono i Suoi figli? nella stessa abitazione nello stesso edificio over 75 anni da 71 a 75 anni da 66 a 70 anni da 61 a 65 anni fino a 60 anni 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 12/ 48

13 Anzianità e autosufficienza, in aumento il ricorso ad un aiuto esterno 13% la presenza all interno del nucleo familiare di persone con problemi di mobilità. Ci sono nella Sua abitazione delle persone con problemi di mobilità e/o di autosufficienza? (presenti nel 13% delle famiglie) persona costretta a letto 1.8% persona che non si può spostare da sola 6.7% persona che si può spostare soltanto con supporti meccanici 4.6% persona che non può salire le scale senza ascensore 4.4% persona che non può uscire dall'appartamento 0.9% 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 13/ 48

14 Le problematiche relative all autosufficienza risultano aggravate nelle famiglie alle pensionate donne, probabilmente in conseguenza di una maggiore longevità. Ci sono nella Sua abitazione delle persone con problemi di mobilità e/o di autosufficienza? uomini donne persona costretta a letto persona che non si può spostare da sola persona che si può spostare soltanto con supporti meccanici (bastone, stampelle persona che non può salire le scale senza ascensore persona che non può uscire dall'appartamento 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 14/ 48

15 Svalutazione del reddito disponibile Il potere d acquisto dell assegno di pensione si riduce a causa del processo inflattivo 3 artigiani pensionati su 4 denunciano una perdita del potere d acquisto La perdita media ammonta al 35% del reddito disponibile prima della pensione Soltanto chi mantiene anche dopo il pensionamento un attività lavorativa è in grado di assicurarsi un tenore di vita non distante da quello precedente Le donne sono le più penalizzate Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 15/ 48

16 Rispetto alla media degli ultimi anni prima di andare in pensione il suo reddito attuale è superiore o inferiore? è superiore 5% è allo stesso livello 19% è inferiore 76% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 16/ 48

17 Rispetto alla media degli ultimi anni prima di andare in pensione il suo reddito attuale è superiore o inferiore? è superiore è allo stesso livello è inferiore adesso non lavora più sta ancora lavorando 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 17/ 48

18 Rispetto alla media degli ultimi anni prima di andare in pensione il suo reddito attuale è superiore o inferiore? è superiore è allo stesso livello è inferiore donne uomini over 75 anni da 71 a 75 anni da 66 a 70 anni da 61 a 65 anni fino a 60 anni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 18/ 48

19 Il tenore di vita negli anni della pensione Andare in pensione significa di fatto ritrovarsi improvvisamente più poveri Solo poco più di un pensionato su 3 può disporre di altri redditi per complementare il trattamento di pensione Il processo di downgrading coinvolge sempre più ampi strati della classe media La situazione penalizza maggiormente le donne ed i più anziani Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 19/ 48

20 Dispone di altri redditi per integrare il trattamento di pensione? non dispone di altri redditi oltre al trattamento di pensione 71% dispone di altri redditi oltre al trattamento di pensione 29% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 20/ 48

21 Una pensione non basta Assegno medio di pensione: 740 Euro mensili Il 40% dei trattamenti di pensione si colloca nella fascia fino a 600 Euro Per quasi la metà degli artigiani in pensione l assegno della pensione risulta inadeguato rispetto alle necessità del nucleo familiare Con il passare degli anni la progressiva riduzione del reddito disponibile sospinge fasce sempre più consistenti della popolazione in situazione di difficoltà Sono i pensionati più anziani (e ancor più per le donne) che dispongono dei redditi più bassi I pensionati più anziani avvertono più intensamente l inadeguatezza dell assegno di pensione per la progressiva svalutazione) Anche fra i neo-pensionati c è un acuta percezione di perdita di potere d acquisto (rispetto al reddito di lavoro) Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 21/ 48

22 Assegno pensionistico mensile fino a 60 anni da 61 a 65 anni da 66 a 70 anni da 71 a 75 anni over 75 anni uomini donne Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 22/ 48

23 Rispetto alle Sue esigenze il reddito mensile di cui dispone è sufficiente? 40% 35% 35% 30% 29% 25% 20% 15% 18% 16% 10% 5% 2% 0% è largamente sufficiente è abbastanza sufficiente è appena sufficiente è insufficiente è decisamente insufficiente Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 23/ 48

24 Rispetto alle Sue esigenze il reddito mensile di cui dispone risulta sufficiente? largamente sufficiente abbastanza sufficiente appena sufficiente insufficiente decisamente insufficiente donne uomini over 75 anni da 71 a 75 anni da 66 a 70 anni da 61 a 65 anni fino a 60 anni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 24/ 48

25 Rispetto alle Sue esigenze il reddito mensile di cui dispone risulta sufficiente? largamente sufficiente abbastanza sufficiente appena sufficiente insufficiente decisamente insufficiente oltre 15 anni da 13 a 15 anni da 10 a 12 anni da 7 a 9 anni da 4 a 6 anni fino a 3 anni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 25/ 48

26 Casa, dolce casa Primo investimento e rifugio sicuro Investimento degli anni di lavoro nella proprietà dell abitazione 92% (+comodato d uso: 3%) vs 81.2% a livello Italia e 82.5% della regione Emilia-Romagna Presso gli artigiani in pensione che sono affitto (5%) si accentua la percezione di un reddito inadeguato alle proprie necessità L abitazione rappresenta il perno della vita sociale e di relazione (parenti, amici e conoscenti), una dimensione costruita nel corso di decenni Solo il 9% delle famiglie artigiane si è insediato nell attuale abitazione negli ultimi 10 anni) Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 26/ 48

27 Lei vive in un'abitazione di proprietà oppure in affitto? comodato d'uso, usufrutto 3% affitto 5% abitazione di proprietà 92% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 27/ 48

28 Rispetto alle Sue esigenze il reddito mensile di cui dispone è sufficiente? largamente sufficiente abbastanza sufficiente appena sufficiente insufficiente decisamente insufficiente abita in affitto abita in proprietà o comodato d'uso 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 28/ 48

29 Da quanti anni abita nell'abitazione nella quale risiede attualmente? 80% 72% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 15% 10% 5% 4% 4% 0% fino a 5 anni da 6 a 10 anni da 11 a 15 anni da 16 a 20 anni oltre 20 anni Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 29/ 48

30 Mobilità e anzianità: non per tutti il mondo è fatto a scale Per oltre la metà degli artigiani in pensione (52%) l abitazione è al piano terra (oppure si tratta di un terratetto) Nel 31% dei casi l abitazione si trova in un condominio servito da un ascensore (oppure è stato installato un montascale) Nel 17% dei casi l artigiano pensionato si trova in un abitazione ai piani superiori senza disporre di ascensore Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 30/ 48

31 A che piano del condominio si trova la Sua abitazione? è presente l'ascensore non dispone di ascensore oltre il quinto piano quinto piano quarto piano terzo piano secondo piano primo piano 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 31/ 48

32 Casa mia, per piccina che tu sia L acquisto della casa risale agli anni della maturità, quando l artigiano poteva disporre di un reddito consolidato e regolare e la famiglia si allargava Nonostante si tratti in maggioranza di nidi vuoti, le famiglie degli artigiani in pensione dispongono, in media, di 100 metri quadrati e di 4-5 stanze Lo spazio disponibile riflette la dimensione familiare degli anni del baby-boom Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 32/ 48

33 Comfort e manutenzione dell abitazione Il comfort di uno spazio abitativo superiore alle strette necessità rappresenta un valore aggiunto quando le limitazioni nella mobilità costringono a trascorrere la maggior parte del tempo in casa L ampiezza degli spazi disponibili contribuisce ad attenuare il disagio di un reddito più basso Ma la proprietà di abitazioni più grandi comporta maggiori costi di manutenzione e servizi Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 33/ 48

34 Di quanti metri quadrati dispone la Sua abitazione? 40% 35% 30% 25% (valore medio: 100 mq) 38% 20% 15% 10% 5% 0% 17% 12% 10% 5% 3% 8% 7% 1% fino a 40 mq mq mq mq mq mq mq mq oltre 150 mq Di quante stanze dispone la Sua abitazione? 30% 25% (valore medio: 4.5 stanze) 26% 24% 20% 18% 15% 13% 10% 5% 1% 9% 6% 4% 0% monolocale bilocale trilocale quadrilocale 5 stanze 6 stanze 7 stanze 8 o più stanze Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 34/ 48

35 Rispetto alle esigenze Sue e della Sua famiglia la Sua abitazione è troppo grande o troppo piccola? troppo grande dimensioni adeguate troppo piccola oltre 150 mq mq mq mq mq mq mq mq fino a 40 mq 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 35/ 48

36 Intenzione di trasferimento Scarsa disponibilità a trasferirsi in un altra abitazione È la fascia d età meno anziana quella che programma di spostarsi in una nuova abitazione Per i residenti in condominio la vicinanza ai familiari risulta la motivazione più frequente per il trasferimento Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 36/ 48

37 Lei pensa nei prossimi anni di trasferirsi in un'altra abitazione? Perché? abita in un condominio abita in una casa indipendente vicinanza a familiari prossimità ai servizi è troppo grande, per una casa più piccola per andare ad abitare al piano terra tranquillità,sicurezza costi, prezzi, affitto eredità, successione altre motivazioni 0% 1% 2% 3% 4% 5% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 37/ 48

38 La sicurezza e il comfort dell abitazione Migliore attrezzatura, per quello che riguarda la sicurezza personale ed il comfort dell abitazione in condominio. Come è attrezzata la Sua abitazione per quello che riguarda il comfort e la sicurezza? abita in un condominio abita in una casa indipendente è presente l'impianto di condizionamento sono presenti i doppi vetri alle finestre è dotata di telecamera di controllo è dotata di porta blindata è dotata di sistema di allarme è presente il videocitofono è presente il citofono 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 38/ 48

39 (imbiancatura/carta da parati: 36%) Quali lavori di ammodernamento dell'abitazione pensa di dover eseguire nei prossimi 2-3 anni? sostituzione/riparazione elettrodomestici installazione/riparazione ascensore/montascale sostituzione vetri/specchi nuova pavimentazione/superfici antisdrucciolo lavori sulle facciate/tetto installazione/sostituzione antenna/parabola installazione ausili per disabili isolamento termico/infiltrazioni di umidità manutenzione/modifiche impianto di condizionamento manutenzione/modifiche impianto di riscaldamento ammodernamento/riparazione impianto elettrico installazione impianti di sicurezza sostituzione/riparazione degli infissi abita in un condominio abita in una casa indipendente 0% 2% 4% 6% 8% 10% 12% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 39/ 48

40 La sicurezza della stanza da bagno La zona a maggiore rischio dell abitazione per l incolumità dell anziano Quasi un artigiano in pensione su 4 ha apportato all ambiente bagno ausili e dispositivi per migliorarne la sicurezza e la fruibilità Una quota analoga ampia intende istallare a breve le facilitazioni d accesso e di utilizzo Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 40/ 48

41 Per quello che riguarda la stanza da bagno quali dispositivi antiscivolamento e/o facilitazioni d'accesso ha già installato? Quali sarebbe interessato ad installarle? ha installato intende istallare maniglioni di sicurezza doccia con sedia superfici antiscivolo vasca con sedile vasca con ingresso frontale o laterale 0% 5% 10% 15% 20% 25% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 41/ 48

42 La manutenzione della casa Alcunipiccoli lavori di manutenzione sono eseguiti dall artigiano in pensione a causa della manualità inerente alla professione artigiana L artigiano in pensione interviene di persona soprattutto per le piccole riparazioni in legno, l imbiancatura, il cambio delle guarnizioni dei rubinetti. Non interviene intervenire per lavori che richiedono specifica professionalità tecnica e padronanza degli strumenti Tra i più anziani diventa sempre più necessario l intervento di un professionista esterno anche per i piccoli interventi Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 42/ 48

43 piccole riparazione degli elettrodomestici piccole riparazioni in legno, lavori su persiane, infissi piastrelle, carta da parati, imbiancatura interventi sull'impianto elettrico pulizie, lavori domestici Dei piccoli lavori di manutenzione dell'abitazione di quali si occupa Lei personalmente (o altra persona che vive con Lei)? Per quali si rivolge invece ad una persona estranea al nucleo familiare? se ne occupa di persona o provvede un convivente si rivolge a persona estranea al nucleo familiare riparazione impianto idraulico cambio di lampadine 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 43/ 48

44 Il ciapinaro Il ciapinaro resta una figura conosciuta da buona parte dei pensionati artigiani Manualità dell artigiano e competenze acquisite negli anni della professione consentono ad alcuni artigiani in pensione di intervenire di persona nelle situazioni più semplici: il ciapinaro sono io!. Ha fatto ricorso per piccoli interventi ai servizi di un ciapinaro un artigiano in pensione su 6 Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 44/ 48

45 Esigenze di servizi La frequentazione del negozio rappresenta un ulteriore difficoltà per il pensionato artigiano più anziano Un pensionato su quattro è interessato alla proposta di servizi alla persona presso la propria abitazione Fra gli over 75 gli interessati alla proposta di servizi alla persona presso la propria abitazione salgono ad uno su 3 Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 45/ 48

46 servizio di preparazione di pasti a domicilio servizio di disbrigo pratiche amministrative servizio di accompagnamento e trasporto per spostamenti servizio di parrucchiere Quali dei seguenti servizi di assistenza domiciliare Lei pensa che potrebbero interessarla? 1% 2% 5% 6% (non è interessato: 75%) servizio di pedicure/manicure 5% servizio di acquisto della spesa 4% servizio di pulizie settimanali/quotidiane 7% servizio di pulizia a fondo della casa 10% 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 10% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 46/ 48

47 Interesse da parte di più di un artigiano in pensione su 5 (22%) Servizio di manutenzione dell abitazione Quanto potrebbe essere interessato ad un servizio di manutenzione dell'abitazione? molto interessato 4% per niente interessato 56% abbastanza interessato 18% poco interessato 22% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 47/ 48

48 Interesse per le residenze destinate agli anziani Percezione della casa sia come il rifugio dalle avversità del mondo esterno e come memoria storica dell esistenza anche quando diventa difficile da conservare o magari troppo grande da gestire. Interesse da parte del 19% nell immediato e del 34% nel prossimo futuro ( complessivamente oltre il 50%) per la formula di residenza destinata agli anziani organizzata dai comuni dell Emilia Romagna Lei sarebbe interessato a conoscere cosa stanno organizzando i comuni della regione Emilia- Romagna per le residenze destinate agli anziani? per niente interessato 31% molto interessato 9% abbastanza interessato 10% poco interessato 16% interessato ma per ora non ne sente la necessità 34% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 48/ 48

Terza Età: Abitare in Sicurezza

Terza Età: Abitare in Sicurezza Terza Età: Abitare in Sicurezza A casa? Me la cavo, grazie! La Situazione Abitativa degli Anziani in Alto Adige apollis Centro di ricerche sociali e demoscopia Institut für Sozialforschung & Demoskopie

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI 116 questionari compilati in modo completo su 154 inviti con visita a domicilio CENTRO 64 S.PIETRO-S.GALLO LIMITROFI 7 MASCHI 45 9% ONETA E LIMITROFI 1 FEMMINE 1 88% CORNALITA 11 C. RIPOSO-OSP. DA PARENTI

Dettagli

Artigiani in pensione consumi, stile di vita e vita di relazioni, sicurezza economica, esperienze e aspettative

Artigiani in pensione consumi, stile di vita e vita di relazioni, sicurezza economica, esperienze e aspettative Freni Ricerche Sociali e di Marketing CNA Pensionati Emilia Romagna Artigiani in pensione consumi, stile di vita e vita di relazioni, sicurezza economica, esperienze e aspettative Castel San Pietro Terme

Dettagli

Congresso regionale SIGG 2012

Congresso regionale SIGG 2012 Congresso regionale SIGG 2012 15 dicembre 2012, Brescia Università degli Studi di Brescia - Facoltà di Medicina e Chirurgia LE CURE DOMICILIARI ALL ANZIANO NON AUTOSUFFICIENTE Servizio di Adattamento degli

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE ASSISTENZA A DOMICILIO DI SOGGETTI DESTINATARI DEL VOUCHER SOCIALE COMUNE DI SCHEDA PRESA IN CARICO PROGETTO DI ASSISTENZA INDIVIDUALIZZATO di Dati personali: Nome Cognome Nato a il Residente a via ISEE

Dettagli

il punto di vista delle donne SPECIALE DONNE

il punto di vista delle donne SPECIALE DONNE Crisi: il punto di vista delle donne Lo sguardo femminile sulla realtà economica si rivela molto concreto e obiettivo. Ma le donne non hanno perso la loro capacità di rispondere al cambiamento e affrontano

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Dicembre 2009 presentazione Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Il quadro economico provinciale: le prospettive E ritiene che nel futuro la situazione

Dettagli

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE

L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE Corso di Formazione teorico-pratico 8 febbraio 2013 L INNOVAZIONE TECNOLOGICA AL SERVIZIO DELLA NEURO-RIABILITAZIONE SPINALE SAV e CTVAI DUE PROGETTI PER L AUTONOMIA arch. Tiziana Cretti 1 il Il Servizio

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI (over 80 anni d età)

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI (over 80 anni d età) COMUNE DI SAN GIOVANNI BIANCO Servizi alla Persona INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI (over 80 anni d età) Dal settembre 2014 fino a marzo 2015 sono stati contattati 340 cittadini a partire

Dettagli

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia

Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia 22 dicembre 2008 Distribuzione del reddito e condizioni di vita in Italia Anni 2006-2007 Direzione centrale per la comunicazione e la programmazione editoriale Tel. + 39 06 4673.2243-2244 Centro di informazione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2014 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E PREVISTE - MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa

Dettagli

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne

ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne ALLEGATO - A Il questionario somministrato alle donne DONNE, LAVORO E FAMIGLIA IN PROVINCIA DI PISTOIA QUESTIONARIO SEZ. 0 - CONDIZIONE UNICA O PREVALENTE D1. Qual è attualmente la sua condizione prevalente

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

LO SCENARIO. Fonte: Elaborazioni Eures Ricerche Economiche e Sociali su dati Eurostat

LO SCENARIO. Fonte: Elaborazioni Eures Ricerche Economiche e Sociali su dati Eurostat Sono un quinto dei cittadini, ma la società non si occupa delle loro esigenze Qualità della vita, reti sociali e sicurezza soprattutto nei piccoli comuni 7 su 10 si sentono attivi dedicandosi alla famiglia

Dettagli

L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un indagine regionale

L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un indagine regionale Azioni locali contro l'inquinamento di aria e acqua. Il ruolo dei cittadini Sala Aula Magna - Ordine della Casa Matha - piano 1 L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un

Dettagli

sulle condizioni sociali dei cittadini con più di 55 anni

sulle condizioni sociali dei cittadini con più di 55 anni TORINO TORINO COMUNE DI AVIGLIANA sulle condizioni sociali dei cittadini con più di 55 anni Elaborazione dei 444 Questionari riconsegnati Perchè un'indagine sulle condizioni sociali dei cittadini Aviglianesi

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

Fondi Pensione e Casse di Previdenza:

Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Fondi Pensione e Casse di Previdenza: Cattolica Previdenza: un veicolo per gestire il rischio finanziario e demografico. Massimo Montecchio Responsabile Sistema di Offerta Vita e Previdenza Gruppo Cattolica

Dettagli

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO

I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO I LUOGHI DL VIVERE COME CURA E SOSTEGNO L edilizia residenziale privata: problemi e soluzioni di vivibilità Geom. Silvia Trolli CAAD di Reggio Emilia Bologna, 18 maggio 2012 CAAD - Centri per l Adattamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604711 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI APPARTAMENTI DI PROPRIETA' COMUNALE DESTINATI AD ANZIANI O DISABILI.

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI APPARTAMENTI DI PROPRIETA' COMUNALE DESTINATI AD ANZIANI O DISABILI. COMUNE di SAVIGNO (PROVINCIA di BOLOGNA) REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI APPARTAMENTI DI PROPRIETA' COMUNALE DESTINATI AD ANZIANI O DISABILI. - approvato con delibera di C.C. n. 47 del 21/05/2002; -

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011. La condizione abitativa a Bologna

15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011. La condizione abitativa a Bologna 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011 La condizione abitativa a Bologna Giugno 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini

Dettagli

Comune di Monchio delle Corti

Comune di Monchio delle Corti Comune di Monchio delle Corti PROVINCIA DI PARMA C.A.P. 43010 Tel. 0521.896521 Fax 0521.896714 Cod. Fisc. e Part. IVA 00341170348 REGOLAMENTO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ARTICOLO 1 Il Servizio di Assistenza

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A

PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI. Allegato A PROVINCIA DI PAVIA SETTORE TURISMO ALBERGHI Allegato A Standard qualitativi obbligatori minimi per gli alberghi di prima classificazione rispetto alla data in vigore del Regolamento Regionale 7 dicembre

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI SISTEMI EDILIZI E TERRITORIALI

POLITECNICO DI TORINO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI SISTEMI EDILIZI E TERRITORIALI POLITECNICO DI TORINO DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI SISTEMI EDILIZI E TERRITORIALI OSSERVATORIO REGIONALE SULLA CONDIZIONE ABITATIVA Analisi delle domande presentate ai sensi dell art.11 L. 431/98 prof.

Dettagli

Le nuove tendenze dell abitare a Milano

Le nuove tendenze dell abitare a Milano martedì, 6 maggio 2014 Le nuove tendenze dell abitare a Milano Osservatorio Housing Evolution Mario Abis Campione e iodo di rilevamento L IMPIANTO METODOLOGICO CAMPIONE 1.000 casi età 2565 anni rappresentativi

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D

SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D ALLEGATO D SPECIFICHE TECNICHE (PROGETTO) - PRASSI OPERATIVA SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) A FAVORE DI PERSONE: ANZIANE, DISABILI, IN SITUAZIONE DI DISAGIO PSICHICO E/O SOCIALE (Il presente

Dettagli

1) A quale Livello Acli appartieni? (una sola risposta) Punto famiglia Sportello immigrati Patronato altro: Nessuna risposta

1) A quale Livello Acli appartieni? (una sola risposta) Punto famiglia Sportello immigrati Patronato altro: Nessuna risposta Ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità o di disagio. Progetto, finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali ai sensi della legge

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

NUOVO ISEE PRIME OSSERVAZIONI ED ESEMPI DI CALCOLO DA VERIFICARE

NUOVO ISEE PRIME OSSERVAZIONI ED ESEMPI DI CALCOLO DA VERIFICARE Torino, 24 dicembre 2013 Fondazione promozione sociale onlus NUOVO ISEE PRIME OSSERVAZIONI ED ESEMPI DI CALCOLO DA VERIFICARE Quelli che seguono sono alcuni esempi di calcolo Isee relativi a persone non

Dettagli

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1

STIAMO COI PIEDI PER TERRA. GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 STIAMO COI PIEDI PER TERRA GUIDA per la PREVENZIONE DELLE CADUTE 1 Le cadute che possono verificarsi in casa, per la strada, in ospedale o presso le strutture per anziani o disabili sono un grave problema

Dettagli

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo.

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo. IL PROGETTO Il progetto Maison du monde è realizzato grazie al Fondo Immobiliare di Lombardia e si propone di recuperare e valorizzare un edificio collocato in Via Padova 36, realizzando e offrendo alloggi

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

Stime della povertà nel comune di Ferrara anno 2006

Stime della povertà nel comune di Ferrara anno 2006 UNITA OPERATIVA STATISTICA DEL COMUNE DI FERRARA Stime della povertà nel comune di Ferrara anno 2006 Nel dicembre 2006 l Indagine triennale sulle Condizioni di vita a Ferrara è giunta alla sua quinta realizzazione.

Dettagli

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI

COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI COMUNE DI BORETTO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI RESIDENZIALI PER ANZIANI CRITERI E MODALITÀ DI AMMISSIONE A TEMPO PROLUNGATO SUI POSTI DI CASA RESIDENZA PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI Approvato

Dettagli

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale.

Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. INCLUSIONE SOCIALE Il 28,4% della popolazione e a rischio di poverta o esclusione sociale. Lo stabilisca l indagine Reddito e condizioni di vita (EU SILC), condotta dall Istat nel 2013. Nel 2013, il 19,1%

Dettagli

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA

REDDITO E CONDIZIONI DI VITA 10 dicembre 2012 Anno 2011 REDDITO E CONDIZIONI DI VITA Nel 2011, il 28,4% delle persone residenti in Italia è a rischio di povertà o esclusione sociale, secondo la definizione adottata nell ambito della

Dettagli

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del 05.11.2010 Modificato con atto deliberativo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INDICE ART. 1...1 ART. 2...2 ART. 3...2 ART. 4...3 ART. 5...4 ART. 6...4 ART. 7...4 ART. 8...5 ART. 9...5 ART. 10...5 ART.

Dettagli

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006

NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 NOTE DI COMMENTO AI DATI DEGLI INTERVENTI DELLA FONDAZIONE ANTIUSURA: DAL 1 GENNAIO AL 31 DICEMBRE 2006 Le persone che hanno usufruito degli interventi, sia con risorse proprie della Fondazione, e sia

Dettagli

Gli anziani in lista. i servizi?

Gli anziani in lista. i servizi? 44 4 2012 ESPERIENZE li a partire dagli strumenti e dalle modalità operative rispetto a cui la cooperazione sociale ha sviluppato maggiori eccellenze. Accanto alla sfida storica della cooperazione sociale,

Dettagli

GLI ITALIANI E IL SOSTEGNO ALLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT (finanziamento, impegno volontario, donazioni e lasciti)

GLI ITALIANI E IL SOSTEGNO ALLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT (finanziamento, impegno volontario, donazioni e lasciti) GLI ITALIANI E IL SOSTEGNO ALLE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT (finanziamento, impegno volontario, donazioni e lasciti) La crisi economico-sociale del nostro Paese determina conseguenze negative anche sulla

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI INARZO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Il Comune di Inarzo istituisce per i residenti il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) agli anziani

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Questionario. COMUNE DI:... Codice Comune: ESITO CONTATTO: 1. Intervista realizzata Codice Esito: 2. Rifiuto 3. Non reperibile

Questionario. COMUNE DI:... Codice Comune: ESITO CONTATTO: 1. Intervista realizzata Codice Esito: 2. Rifiuto 3. Non reperibile Questionario UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA POLITICA CAPP Indagine sulle famiglie A cura dell'intervistatore Codice Famiglia: COMUNE DI:... Codice Comune: NOME

Dettagli

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Committente e Acquirente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa Public S.r.l. Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO SONDAGGIO IPSOS - ACRI 86ª Giornata Mondiale del Risparmio SONDAGGIO IPSOS - Rigore e sviluppo nell era del mercato. Risultati diffusi nell ambito della

Dettagli

A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5

A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5 Comune di Adelfia Comune di Capurso Comune di Triggiano Comune di Cellamare Comune di Valenzano Comune Capofila A M B I T O T E R R I T O R I A L E N. 5 REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEI SERVIZI DI ASSISTENZA

Dettagli

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi

Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi Statistiche al femminile impresa, previdenza, caratteristiche demografiche e conciliazione dei tempi di Nicola Serio Udine 30 settembre 2014 Donne Impresa FVG Caratteristiche demografiche delle imprenditrici

Dettagli

L andamento di acquisti, vendite, locazioni e mutui effettuati e previsti dalle famiglie italiane dal 2004 a oggi

L andamento di acquisti, vendite, locazioni e mutui effettuati e previsti dalle famiglie italiane dal 2004 a oggi L TECNOBORSA 2014: LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI E MUTUI a cura di Alice Ciani Centro Studi sull Economia Immobiliare di Tecnoborsa - CSEI L andamento di acquisti, vendite,

Dettagli

ABITARE A MILANO LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI

ABITARE A MILANO LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI LA CASA COME SERVIZIO VIA GALLARATE VIA APPENNINI VIA GALLARATE VIA APPENNINNI L intervento di via Gallarate L area di 33.860 mq è compresa in una fascia lunga e stretta tra via Gallarate e via Appennini.

Dettagli

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA

AZIENDA ULSS 20 DI VERONA AZIENDA ULSS 20 DI VERONA Sede legale: via Valverde n.42-37122 Verona - tel. 045/8075511 Fax 045/8075640Cod. Fiscale e P. IVA 02573090236 Dipartimento delle Unità Organizzative della Direzione dei Servizi

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture

Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture Regione Umbria Giunta Regionale Direzione Ambiente Territorio e Infrastrutture Protocollo comunale Marca da Bollo Legge 9 dicembre 1998, n.431, art. 11 FONDO NAZIONALE PER LA LOCAZIONE Richiesta di assegnazione

Dettagli

APPENDICE METODOLOGICA

APPENDICE METODOLOGICA APPENDICE METODOLOGICA Le indagini sul campo alla base del Rapporto su Torino di quest anno consistono in un ampia ricognizione e nell analisi di studi e ricerche prodotti di recente: sull area torinese,

Dettagli

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3

Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Indice Allegato A - Indice Struttura residenziale per persone anziane non autosufficienti (Residenza Sanitaria Assistenziale)...3 Struttura residenziale per persone disabili gravi con attestazione di gravità

Dettagli

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Fondazione in estate Prima della breve pausa estiva, la Fondazione si è riunita il 29 giungo per il Comitato dei Garanti concentrato sulla valutazione

Dettagli

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE

IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI TRA RISPOSTE PUBBLICHE E PRIVATE Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Facoltà di Sociologia Corso di Laurea Specialistica in Scienze per le Politiche Sociali e del Terzo Settore IL RISCHIO DI NON AUTOSUFFICIENZA PER GLI ANZIANI

Dettagli

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona

FACCIAMO I CONTI! Elaborazione dati e testi: Relatore: Valentina Mezzani Mara Sartori. Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona FACCIAMO I CONTI! Relatore: Alberto Mastini Presidente Federconsumatori Verona Elaborazione dati e testi: Valentina Mezzani Mara Sartori Elaborazione e stampa a cura di Federconsumatori Verona Per Credito

Dettagli

EDILTEK Fiera dell edilizia

EDILTEK Fiera dell edilizia EDILTEK Fiera dell edilizia Materiali, servizi e tecnologie con particolare attenzione ai diversamente abili DEFINIZIONE DI DOMOTICA La domotica è la tecnologia che ha come fine il miglioramento della

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

Sondaggio di AeA Informa: Invecchiare a casa propria, esigenze e comportamenti

Sondaggio di AeA Informa: Invecchiare a casa propria, esigenze e comportamenti 6 I risultati di un indagine qualitativa nell universo anziani Assunta D Innocenzo assunta_dinnocenzo@fastwebnet.it Si è appena conclusa la prima fase dell inchiesta avviata dalla nostra rivista sulle

Dettagli

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione

Assegno Mantenimento. Assegno di Mantenimento: Definizione Assegno Mantenimento Approfondimenti e spiegazioni utili sull assegno di mantenimento: cos è, quando è possibile richiederlo, a chi spetta, come viene quantificato e rivalutato e tanto altro. Assegno di

Dettagli

Repubblica Italiana COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna

Repubblica Italiana COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Repubblica Italiana COMUNE DI CREVALCORE Provincia di Bologna Copia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 55 Data Seduta 05/06/2015 OGGETTO: ORDINANZA COMMISSARIALE REGIONALE N. 20/2015. "DISPOZIONI IN

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA : SICUREZZA IN CASA

L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA : SICUREZZA IN CASA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE NELLE SEI GRANDI CITTA : SICUREZZA IN CASA a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Il Centro Studi sull

Dettagli

Le mani del Governo sulle pensioni

Le mani del Governo sulle pensioni Le mani del Governo sulle L Istat, come ogni anno, ha diffuso i dati sui trattamenti stici al 31 dicembre 2008 e sui relativi beneficiari. Il quadro che emerge non è nuovo e mette in evidenza le difficili

Dettagli

Gli italiani e il solare V RAPPORTO

Gli italiani e il solare V RAPPORTO Gli italiani e il solare V RAPPORTO Focus su Città e bioedilizia Settembre 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso,

Dettagli

AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA

AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA AAA GIOVANE PRECARIO CERCA CASA RICERCA SULL EMERGENZA ABITATIVA A TORINO TORINO, 10 MARZO 2011 1 Ogni individuo ha il diritto ad un tenore di vita sufficiente a garantire la salute e il benessere proprio

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli

PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli PROGETTO di LEGGE Norme a tutela dei genitori separati e/o divorziati e dei loro figli RELAZIONE ILLUSTRATIVA Secondo le rilevazioni statistiche, la rottura dei legami familiari è un fenomeno sociale che

Dettagli

Cosa si intende per perdita di autosufficienza

Cosa si intende per perdita di autosufficienza RSA e fondi sanità integrativa: prospettive di sviluppo per la long term care 5 Convegno Annuale dell Osservatorio Settoriale sulle RSA Università Carlo Cattaneo LIUC Cosa si intende per perdita di autosufficienza

Dettagli

Soggetto committente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa

Soggetto committente: Acri Associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio Spa NOTA INFORMATIVA (in ottemperanza all art. 5 del Regolamento in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa approvato dall Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO FAMIGLIE - APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42

Dettagli

La casa nel percorso di autonomia delle nuove generazioni

La casa nel percorso di autonomia delle nuove generazioni La casa nel percorso di autonomia delle nuove generazioni Esiste un emergenza giovanile in Italia e nessuno se n è accorto. Il fatto che 2/3 dei trentenni vive ancora con i genitori non scatena un dibattito

Dettagli

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI

FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI MOD. ISTAT/IMF-10/B1.03 SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Provincia INDAGINE STATISTICA MULTISCOPO SULLE FAMIGLIE FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI 1 2... Comune... Sezione di Censimento...

Dettagli

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012)

Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese. (Dati al 2012) Pensioni e pensionati nell area metropolitana bolognese (Dati al 2012) Febbraio 2015 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini Redazione: Paola Ventura

Dettagli

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI GENONI PROVINCIA DI ORISTANO PROGETTO SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE RIVOLTO AD ANZIANI, PORTATORI DI HANDICAP E FAMIGLIE MULTI PROBLEMATICHE Il servizio di assistenza domiciliare consiste nel

Dettagli

Nuovo calcolo ISEE 2014 redditi inclusi NUOVO ISEE

Nuovo calcolo ISEE 2014 redditi inclusi NUOVO ISEE NUOVO ISEE Con la riforma del nuovo ISEE a partire dal 1 gennaio 2014, ai fini di determinazione delle fasce di reddito e della misurazione della situazione economica delle famiglie, viene introdotto un

Dettagli

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA

COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA COMUNE DI ROCCABIANCA (PROVINCIA DI PARMA) Assessorato ai Servizi Sociali GUIDA INFORMATIVA SUI SERVIZI PER I CITTADINI ANZIANI DI ROCCABIANCA Presentazione L organizzazione dei Servizi Sociali a favore

Dettagli

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014

REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI. 2 EPPI - Benefici Assistenziali 2014 REGOLAMENTO BENEFICI ASSISTENZIALI 2 Dove cercare 3 4 5 Benefici assistenziali Parte I - Erogazione di contributi in conto interessi a fronte di mutui ipotecari e prestiti chirografari. Parte II - Erogazione

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI

Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI Via Mauro Macchi, 61 20124 MILANO Public Affairs S.r.l. Sondaggio realizzato da Ispos Public Affair IL RISPARMIO E LE GIOVANI ENERAZIONI NOTA INFORMATIVA da allegare al sondaggio (in ottemperanza al regolamento

Dettagli

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara

3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3. L andamento dell offerta di lavoro al 2019 in provincia di Ferrara 3.1. L offerta giovanile di lavoro nel lungo periodo Una delle debolezze di fondo che caratterizza l Italia è l evoluzione demografica,

Dettagli

Crisi familiare (86.000 separazioni ; 297/1000 matrimoni) (55.000 divorzi; 181/1000 matrimoni) Istat 2012 (dati 2010) Pluralità di modelli di crisi

Crisi familiare (86.000 separazioni ; 297/1000 matrimoni) (55.000 divorzi; 181/1000 matrimoni) Istat 2012 (dati 2010) Pluralità di modelli di crisi Crisi familiare (86.000 separazioni ; 297/1000 matrimoni) (55.000 divorzi; 181/1000 matrimoni) Istat 2012 (dati 2010) Pluralità di modelli di crisi Matrimoni durati meno di 4 anni 18-24% casi Matrimoni

Dettagli