Gli associati alla CNA dell Emilia Romagna in pensione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli associati alla CNA dell Emilia Romagna in pensione"

Transcript

1 Freni Ricerche Sociali e di Marketing CNA Pensionati Emilia Romagna Associazione di Bologna Gli associati alla CNA dell Emilia Romagna in pensione Gli anziani riprogrammano il loro futuro Aspettative, bisogni e sicurezze Bologna, 6 Marzo 2008 Celebrating 25 Years Quality ad hoc research

2 Universo e campione Universo: associati alla CNA della Regione Emilia Romagna in pensione Campione: 442 soggetti stratificati in misura proporzionale all elenco degli iscritti per sesso, età e provincia di appartenenza Obiettivi conoscitivi Titolo di possesso e manutenzione dell abitazione per aumentarne comfort, efficienza, estetica sicurezza, anche in vista di un eventuale riduzione della mobilità e autosufficienza Struttura del nucleo familiare e reddito disponibile dopo la fuoriuscita dal mondo del lavoro, stile di vita, interessi e comportamenti anche in ambito salutistico Situazione dei rapporti interparentelari e rete di relazioni sociali Interesse per un offerta di servizi rivolta alla fascia più anziana della popolazione Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 2/ 48

3 Struttura dell universo (secondo ISTAT) La popolazione italiana nella fascia 65 anni e over ammontava al 19,7% della popolazione totale La popolazione nella fascia 80 anni e over pesa per il 5,1% del totale Nel Centro-nord la popolazione over 65 supera quota 20% e quella con 80 anni e over il 5% L età media attuale del pensionamento nei paesi della UE è di 60 anni In Italia l età media del pensionamento è 58.4 per gli uomini e 57.2 per le donne (fonte dati: Eurostat) versus i anni ufficiali L Italia è il paese dove si trovano i pensionati più giovani Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 3/ 48

4 Pensionati associati alla CNA: un pianeta che cresce e si rinnova Ogni anno entra nel mondo degli associati alla CNA in pensione una quota del 5% di neofiti Un larga maggioranza (58 %) è andata in pensione da oltre 10 anni Quasi un intervistato su 4 dispone ormai di un anzianità di pensionamento superiore a 15 anni Il traguardo dei 60 anni rappresenta l età della pensione in conseguenza di un precoce ingresso nel mondo del lavoro e di molti anni di contribuzione Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 4/ 48

5 L uscita dal mondo del lavoro Molti artigiani hanno anticipato il pensionamento Mancanza di convenienza economica a proseguire l attività lavorativa L età media dei pensionati iscritti alla CNA dell Emilia-Romagna è in linea con la media italiana Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 5/ 48

6 A quale età è andato in pensione? 60 anni o prima anni anni dopo i 70 anni donne uomini over 75 anni anni da anni anni fino a 60 anni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 6/ 48

7 Lavorare stanca? Sì, ma aiuta Un artigiano su 3 (ma quasi il 50% degli uomini) ha continuato, attenuandola, l attività lavorativa Continuare l attività dopo il pensionamento ha consentito ad alcuni di mantenere inalterato il tenore di vita Superati i 65 anni gli irriducibili del lavoro sono quasi il 10%, una percentuale inalterata anche tra gli ultra 75enni Abbandonare il lavoro significherebbe per alcuni la perdita dello scopo della propria vita Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 7/ 48

8 Ha continuato a lavorare dopo essere andato in pensione? sta ancora lavorando 12% ha smesso di lavorare dopo la pensione 68% ha lavorato anche dopo la pensione ma adesso non più 20% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 8/ 48

9 Il reticolo familiare e sociale resta fondamentale La famiglia degli artigiani in pensione si compone di 2 persone (quasi 60%) La presenza di figli adulti che prolungano la propria permanenza nel nucleo familiare d origine è un fenomeno tipicamente italiano che coinvolge anche la famiglia dell artigiano pensionato Un figlio/a è presente nel 23% delle abitazioni dei pensionati Un artigiano in pensione su 6 è single (più che di vedovi si tratta di separati o divorziati) Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 9/ 48

10 Lei ha figli? Dove vivono i Suoi figli? 45% 40% 41% 35% 30% 25% 23% 20% 18% 16% 15% 10% 7% 11% 5% 0% nella stessa abitazione nello stesso edificio nello stesso quartiere nella stessa città nella stessa provincia non ha figli Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 10/ 48

11 L unione fa la forza La forza dei legami familiari si esprime in termini di vicinanza fisica (i figli vivono nello stesso edificio o nello stesso quartiere) I figli tendono a rimanere nell abitazione dei genitori anche quando sono ormai in pensione Di regola i figli restano nella stessa città Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 11/ 48

12 Lei ha figli? Dove vivono i Suoi figli? nella stessa abitazione nello stesso edificio over 75 anni da 71 a 75 anni da 66 a 70 anni da 61 a 65 anni fino a 60 anni 0% 5% 10% 15% 20% 25% 30% 35% 40% 45% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 12/ 48

13 Anzianità e autosufficienza, in aumento il ricorso ad un aiuto esterno 13% la presenza all interno del nucleo familiare di persone con problemi di mobilità. Ci sono nella Sua abitazione delle persone con problemi di mobilità e/o di autosufficienza? (presenti nel 13% delle famiglie) persona costretta a letto 1.8% persona che non si può spostare da sola 6.7% persona che si può spostare soltanto con supporti meccanici 4.6% persona che non può salire le scale senza ascensore 4.4% persona che non può uscire dall'appartamento 0.9% 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 13/ 48

14 Le problematiche relative all autosufficienza risultano aggravate nelle famiglie alle pensionate donne, probabilmente in conseguenza di una maggiore longevità. Ci sono nella Sua abitazione delle persone con problemi di mobilità e/o di autosufficienza? uomini donne persona costretta a letto persona che non si può spostare da sola persona che si può spostare soltanto con supporti meccanici (bastone, stampelle persona che non può salire le scale senza ascensore persona che non può uscire dall'appartamento 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 14/ 48

15 Svalutazione del reddito disponibile Il potere d acquisto dell assegno di pensione si riduce a causa del processo inflattivo 3 artigiani pensionati su 4 denunciano una perdita del potere d acquisto La perdita media ammonta al 35% del reddito disponibile prima della pensione Soltanto chi mantiene anche dopo il pensionamento un attività lavorativa è in grado di assicurarsi un tenore di vita non distante da quello precedente Le donne sono le più penalizzate Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 15/ 48

16 Rispetto alla media degli ultimi anni prima di andare in pensione il suo reddito attuale è superiore o inferiore? è superiore 5% è allo stesso livello 19% è inferiore 76% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 16/ 48

17 Rispetto alla media degli ultimi anni prima di andare in pensione il suo reddito attuale è superiore o inferiore? è superiore è allo stesso livello è inferiore adesso non lavora più sta ancora lavorando 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 17/ 48

18 Rispetto alla media degli ultimi anni prima di andare in pensione il suo reddito attuale è superiore o inferiore? è superiore è allo stesso livello è inferiore donne uomini over 75 anni da 71 a 75 anni da 66 a 70 anni da 61 a 65 anni fino a 60 anni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 18/ 48

19 Il tenore di vita negli anni della pensione Andare in pensione significa di fatto ritrovarsi improvvisamente più poveri Solo poco più di un pensionato su 3 può disporre di altri redditi per complementare il trattamento di pensione Il processo di downgrading coinvolge sempre più ampi strati della classe media La situazione penalizza maggiormente le donne ed i più anziani Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 19/ 48

20 Dispone di altri redditi per integrare il trattamento di pensione? non dispone di altri redditi oltre al trattamento di pensione 71% dispone di altri redditi oltre al trattamento di pensione 29% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 20/ 48

21 Una pensione non basta Assegno medio di pensione: 740 Euro mensili Il 40% dei trattamenti di pensione si colloca nella fascia fino a 600 Euro Per quasi la metà degli artigiani in pensione l assegno della pensione risulta inadeguato rispetto alle necessità del nucleo familiare Con il passare degli anni la progressiva riduzione del reddito disponibile sospinge fasce sempre più consistenti della popolazione in situazione di difficoltà Sono i pensionati più anziani (e ancor più per le donne) che dispongono dei redditi più bassi I pensionati più anziani avvertono più intensamente l inadeguatezza dell assegno di pensione per la progressiva svalutazione) Anche fra i neo-pensionati c è un acuta percezione di perdita di potere d acquisto (rispetto al reddito di lavoro) Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 21/ 48

22 Assegno pensionistico mensile fino a 60 anni da 61 a 65 anni da 66 a 70 anni da 71 a 75 anni over 75 anni uomini donne Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 22/ 48

23 Rispetto alle Sue esigenze il reddito mensile di cui dispone è sufficiente? 40% 35% 35% 30% 29% 25% 20% 15% 18% 16% 10% 5% 2% 0% è largamente sufficiente è abbastanza sufficiente è appena sufficiente è insufficiente è decisamente insufficiente Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 23/ 48

24 Rispetto alle Sue esigenze il reddito mensile di cui dispone risulta sufficiente? largamente sufficiente abbastanza sufficiente appena sufficiente insufficiente decisamente insufficiente donne uomini over 75 anni da 71 a 75 anni da 66 a 70 anni da 61 a 65 anni fino a 60 anni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 24/ 48

25 Rispetto alle Sue esigenze il reddito mensile di cui dispone risulta sufficiente? largamente sufficiente abbastanza sufficiente appena sufficiente insufficiente decisamente insufficiente oltre 15 anni da 13 a 15 anni da 10 a 12 anni da 7 a 9 anni da 4 a 6 anni fino a 3 anni 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 25/ 48

26 Casa, dolce casa Primo investimento e rifugio sicuro Investimento degli anni di lavoro nella proprietà dell abitazione 92% (+comodato d uso: 3%) vs 81.2% a livello Italia e 82.5% della regione Emilia-Romagna Presso gli artigiani in pensione che sono affitto (5%) si accentua la percezione di un reddito inadeguato alle proprie necessità L abitazione rappresenta il perno della vita sociale e di relazione (parenti, amici e conoscenti), una dimensione costruita nel corso di decenni Solo il 9% delle famiglie artigiane si è insediato nell attuale abitazione negli ultimi 10 anni) Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 26/ 48

27 Lei vive in un'abitazione di proprietà oppure in affitto? comodato d'uso, usufrutto 3% affitto 5% abitazione di proprietà 92% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 27/ 48

28 Rispetto alle Sue esigenze il reddito mensile di cui dispone è sufficiente? largamente sufficiente abbastanza sufficiente appena sufficiente insufficiente decisamente insufficiente abita in affitto abita in proprietà o comodato d'uso 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 28/ 48

29 Da quanti anni abita nell'abitazione nella quale risiede attualmente? 80% 72% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 15% 10% 5% 4% 4% 0% fino a 5 anni da 6 a 10 anni da 11 a 15 anni da 16 a 20 anni oltre 20 anni Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 29/ 48

30 Mobilità e anzianità: non per tutti il mondo è fatto a scale Per oltre la metà degli artigiani in pensione (52%) l abitazione è al piano terra (oppure si tratta di un terratetto) Nel 31% dei casi l abitazione si trova in un condominio servito da un ascensore (oppure è stato installato un montascale) Nel 17% dei casi l artigiano pensionato si trova in un abitazione ai piani superiori senza disporre di ascensore Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 30/ 48

31 A che piano del condominio si trova la Sua abitazione? è presente l'ascensore non dispone di ascensore oltre il quinto piano quinto piano quarto piano terzo piano secondo piano primo piano 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 31/ 48

32 Casa mia, per piccina che tu sia L acquisto della casa risale agli anni della maturità, quando l artigiano poteva disporre di un reddito consolidato e regolare e la famiglia si allargava Nonostante si tratti in maggioranza di nidi vuoti, le famiglie degli artigiani in pensione dispongono, in media, di 100 metri quadrati e di 4-5 stanze Lo spazio disponibile riflette la dimensione familiare degli anni del baby-boom Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 32/ 48

33 Comfort e manutenzione dell abitazione Il comfort di uno spazio abitativo superiore alle strette necessità rappresenta un valore aggiunto quando le limitazioni nella mobilità costringono a trascorrere la maggior parte del tempo in casa L ampiezza degli spazi disponibili contribuisce ad attenuare il disagio di un reddito più basso Ma la proprietà di abitazioni più grandi comporta maggiori costi di manutenzione e servizi Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 33/ 48

34 Di quanti metri quadrati dispone la Sua abitazione? 40% 35% 30% 25% (valore medio: 100 mq) 38% 20% 15% 10% 5% 0% 17% 12% 10% 5% 3% 8% 7% 1% fino a 40 mq mq mq mq mq mq mq mq oltre 150 mq Di quante stanze dispone la Sua abitazione? 30% 25% (valore medio: 4.5 stanze) 26% 24% 20% 18% 15% 13% 10% 5% 1% 9% 6% 4% 0% monolocale bilocale trilocale quadrilocale 5 stanze 6 stanze 7 stanze 8 o più stanze Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 34/ 48

35 Rispetto alle esigenze Sue e della Sua famiglia la Sua abitazione è troppo grande o troppo piccola? troppo grande dimensioni adeguate troppo piccola oltre 150 mq mq mq mq mq mq mq mq fino a 40 mq 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 35/ 48

36 Intenzione di trasferimento Scarsa disponibilità a trasferirsi in un altra abitazione È la fascia d età meno anziana quella che programma di spostarsi in una nuova abitazione Per i residenti in condominio la vicinanza ai familiari risulta la motivazione più frequente per il trasferimento Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 36/ 48

37 Lei pensa nei prossimi anni di trasferirsi in un'altra abitazione? Perché? abita in un condominio abita in una casa indipendente vicinanza a familiari prossimità ai servizi è troppo grande, per una casa più piccola per andare ad abitare al piano terra tranquillità,sicurezza costi, prezzi, affitto eredità, successione altre motivazioni 0% 1% 2% 3% 4% 5% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 37/ 48

38 La sicurezza e il comfort dell abitazione Migliore attrezzatura, per quello che riguarda la sicurezza personale ed il comfort dell abitazione in condominio. Come è attrezzata la Sua abitazione per quello che riguarda il comfort e la sicurezza? abita in un condominio abita in una casa indipendente è presente l'impianto di condizionamento sono presenti i doppi vetri alle finestre è dotata di telecamera di controllo è dotata di porta blindata è dotata di sistema di allarme è presente il videocitofono è presente il citofono 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 38/ 48

39 (imbiancatura/carta da parati: 36%) Quali lavori di ammodernamento dell'abitazione pensa di dover eseguire nei prossimi 2-3 anni? sostituzione/riparazione elettrodomestici installazione/riparazione ascensore/montascale sostituzione vetri/specchi nuova pavimentazione/superfici antisdrucciolo lavori sulle facciate/tetto installazione/sostituzione antenna/parabola installazione ausili per disabili isolamento termico/infiltrazioni di umidità manutenzione/modifiche impianto di condizionamento manutenzione/modifiche impianto di riscaldamento ammodernamento/riparazione impianto elettrico installazione impianti di sicurezza sostituzione/riparazione degli infissi abita in un condominio abita in una casa indipendente 0% 2% 4% 6% 8% 10% 12% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 39/ 48

40 La sicurezza della stanza da bagno La zona a maggiore rischio dell abitazione per l incolumità dell anziano Quasi un artigiano in pensione su 4 ha apportato all ambiente bagno ausili e dispositivi per migliorarne la sicurezza e la fruibilità Una quota analoga ampia intende istallare a breve le facilitazioni d accesso e di utilizzo Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 40/ 48

41 Per quello che riguarda la stanza da bagno quali dispositivi antiscivolamento e/o facilitazioni d'accesso ha già installato? Quali sarebbe interessato ad installarle? ha installato intende istallare maniglioni di sicurezza doccia con sedia superfici antiscivolo vasca con sedile vasca con ingresso frontale o laterale 0% 5% 10% 15% 20% 25% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 41/ 48

42 La manutenzione della casa Alcunipiccoli lavori di manutenzione sono eseguiti dall artigiano in pensione a causa della manualità inerente alla professione artigiana L artigiano in pensione interviene di persona soprattutto per le piccole riparazioni in legno, l imbiancatura, il cambio delle guarnizioni dei rubinetti. Non interviene intervenire per lavori che richiedono specifica professionalità tecnica e padronanza degli strumenti Tra i più anziani diventa sempre più necessario l intervento di un professionista esterno anche per i piccoli interventi Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 42/ 48

43 piccole riparazione degli elettrodomestici piccole riparazioni in legno, lavori su persiane, infissi piastrelle, carta da parati, imbiancatura interventi sull'impianto elettrico pulizie, lavori domestici Dei piccoli lavori di manutenzione dell'abitazione di quali si occupa Lei personalmente (o altra persona che vive con Lei)? Per quali si rivolge invece ad una persona estranea al nucleo familiare? se ne occupa di persona o provvede un convivente si rivolge a persona estranea al nucleo familiare riparazione impianto idraulico cambio di lampadine 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 43/ 48

44 Il ciapinaro Il ciapinaro resta una figura conosciuta da buona parte dei pensionati artigiani Manualità dell artigiano e competenze acquisite negli anni della professione consentono ad alcuni artigiani in pensione di intervenire di persona nelle situazioni più semplici: il ciapinaro sono io!. Ha fatto ricorso per piccoli interventi ai servizi di un ciapinaro un artigiano in pensione su 6 Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 44/ 48

45 Esigenze di servizi La frequentazione del negozio rappresenta un ulteriore difficoltà per il pensionato artigiano più anziano Un pensionato su quattro è interessato alla proposta di servizi alla persona presso la propria abitazione Fra gli over 75 gli interessati alla proposta di servizi alla persona presso la propria abitazione salgono ad uno su 3 Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 45/ 48

46 servizio di preparazione di pasti a domicilio servizio di disbrigo pratiche amministrative servizio di accompagnamento e trasporto per spostamenti servizio di parrucchiere Quali dei seguenti servizi di assistenza domiciliare Lei pensa che potrebbero interessarla? 1% 2% 5% 6% (non è interessato: 75%) servizio di pedicure/manicure 5% servizio di acquisto della spesa 4% servizio di pulizie settimanali/quotidiane 7% servizio di pulizia a fondo della casa 10% 0% 1% 2% 3% 4% 5% 6% 7% 8% 9% 10% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 46/ 48

47 Interesse da parte di più di un artigiano in pensione su 5 (22%) Servizio di manutenzione dell abitazione Quanto potrebbe essere interessato ad un servizio di manutenzione dell'abitazione? molto interessato 4% per niente interessato 56% abbastanza interessato 18% poco interessato 22% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 47/ 48

48 Interesse per le residenze destinate agli anziani Percezione della casa sia come il rifugio dalle avversità del mondo esterno e come memoria storica dell esistenza anche quando diventa difficile da conservare o magari troppo grande da gestire. Interesse da parte del 19% nell immediato e del 34% nel prossimo futuro ( complessivamente oltre il 50%) per la formula di residenza destinata agli anziani organizzata dai comuni dell Emilia Romagna Lei sarebbe interessato a conoscere cosa stanno organizzando i comuni della regione Emilia- Romagna per le residenze destinate agli anziani? per niente interessato 31% molto interessato 9% abbastanza interessato 10% poco interessato 16% interessato ma per ora non ne sente la necessità 34% Pensionati CNA dell Emilia Romagna 2008 Freni Ricerche Sociali e di Marketing slide 48/ 48

Terza Età: Abitare in Sicurezza

Terza Età: Abitare in Sicurezza Terza Età: Abitare in Sicurezza A casa? Me la cavo, grazie! La Situazione Abitativa degli Anziani in Alto Adige apollis Centro di ricerche sociali e demoscopia Institut für Sozialforschung & Demoskopie

Dettagli

Gli italiani e il solare V RAPPORTO

Gli italiani e il solare V RAPPORTO Gli italiani e il solare V RAPPORTO Focus su Città e bioedilizia Settembre 2011 1 Metodologia Universo di riferimento Popolazione italiana Numerosità campionaria 1.000 cittadini, disaggregati per sesso,

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011

Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Lombardia Statistiche Report N 0 / 17 febbraio 2014 Reddito e condizioni di vita in Lombardia e nella macroregione del Nord - Anno 2011 Sintesi Nel 2010 le famiglie residenti in Lombardia hanno percepito

Dettagli

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE

CONSORZIO SERVIZI SOCIALI DELL OLGIATESE ASSISTENZA A DOMICILIO DI SOGGETTI DESTINATARI DEL VOUCHER SOCIALE COMUNE DI SCHEDA PRESA IN CARICO PROGETTO DI ASSISTENZA INDIVIDUALIZZATO di Dati personali: Nome Cognome Nato a il Residente a via ISEE

Dettagli

ABITARE ESPERIENZE DI GREVE IN CHIANTI, SCANDICCI, FIRENZE

ABITARE ESPERIENZE DI GREVE IN CHIANTI, SCANDICCI, FIRENZE ABITARE ESPERIENZE DI GREVE IN CHIANTI, SCANDICCI, FIRENZE Parliamo di abitare, non solo di casa Il diritto all abitare è un diritto di cittadinanza e pertanto da praticare in tutto l arco della vita.

Dettagli

Principali risultati della ricerca

Principali risultati della ricerca 1 Gli italiani e la crisi: disposti ad investire nel miglioramento della casa? Principali risultati della ricerca Milano, Maggio 2011 (Rif. 1412v111) 2 Capitolo 1 Gli italiani e la crisi La quasi totalità

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN)

CARTA DEI SERVIZI. Servizio Assistenza Domiciliare. del Comune di. Poggio Rusco (MN) C O M U N E D I P O G G I O R U S C O c. a. p. 46025 T e l. 0386 / 51001 PROVINCIA DI MANTOVA CAP 46025 - Piazza 1 Maggio, 5 SERVIZI SOCIALI P a r t. I V A 0040203 020 9 Fax 0386/733009 Codice Ente 10860

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI

INDAGINE CONOSCITIVA SULLA CONDIZIONE DEGLI ANZIANI 116 questionari compilati in modo completo su 154 inviti con visita a domicilio CENTRO 64 S.PIETRO-S.GALLO LIMITROFI 7 MASCHI 45 9% ONETA E LIMITROFI 1 FEMMINE 1 88% CORNALITA 11 C. RIPOSO-OSP. DA PARENTI

Dettagli

L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un indagine regionale

L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un indagine regionale Azioni locali contro l'inquinamento di aria e acqua. Il ruolo dei cittadini Sala Aula Magna - Ordine della Casa Matha - piano 1 L inquinamento dell aria e dell acqua e il comportamento dei cittadini, un

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB

PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB PRESENTAZIONE DEL PRIMO REPORT DEI DATI OSPOWEB Povertà rilevate dai centri di ascolto parrocchiali aderenti al progetto "Centri di ascolto in rete" nell anno 2013 In ascolto per costruire comunità La

Dettagli

Parentela e reti di solidarietà

Parentela e reti di solidarietà 10 ottobre 2006 Parentela e reti di solidarietà Il volume Parentela e reti di solidarietà presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel novembre 2003 su un campione

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Il comportamento economico delle famiglie straniere

Il comportamento economico delle famiglie straniere STUDI E RICERCHE SULL ECONOMIA DELL IMMIGRAZIONE Il comportamento economico delle straniere Redditi, consumi, risparmi e povertà delle straniere in Italia nel 2010 Elaborazioni su dati Banca d Italia Perché

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

CASA ALBERGO PER ANZIANI

CASA ALBERGO PER ANZIANI COMUNE DI LACCHIARELLA P r o v i n c i a d i M i l a n o CASA ALBERGO PER ANZIANI *** Requisiti per l accesso Criteri di accoglimento e selezione delle domande ALLEGATO A CANDIDATO: 1) Nome e cognome:

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ADULTI HANDICAPPATI COMUNE DI CASINA PROVINCIA DI REGGIO NELL EMILIA P.zza IV Novembre, 3-42034 CASINA (Reggio Emilia) Tel. 0522/604711 - Telefax 0522/609464 - P.IVA 00447820358 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI ASSISTENZA

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute Direzione generale della comunicazione e dei rapporti europei ed internazionali INFORMATIVA OMS: MALTRATTAMENTI AGLI ANZIANI Traduzione non ufficiale a cura di Katia Demofonti -

Dettagli

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA

OLTRE LA CRISI? NON ANCORA OLTRE LA CRISI? NON ANCORA Le PMI dell Emilia Romagna nella doppia morsa della stretta creditizia e del ritardo dei pagamenti Allarme occupazione: a rischio la sua tenuta Bologna, 17 Novembre 2009 Ricerche

Dettagli

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE

SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE SCENARI IMMOBILIARI ISTITUTO INDIPENDENTE DI STUDI E RICERCHE OSSERVATORIO NAZIONALE IMMIGRATI E CASA 9 RAPPORTO LUGLIO 2012 VIA LORENZO MAGALOTTI, 15 00197 ROMA TEL. 06/8558802 FAX 06/84241536 E' in corso

Dettagli

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati

La vita di coppia. 21 agosto 2006. Si allunga il periodo di fidanzamento, cambiano i luoghi in cui si conoscono i fidanzati 21 agosto 2006 La vita di coppia Il volume La vita di coppia presenta alcuni risultati dell indagine Famiglia e soggetti sociali svolta dall Istat nel Novembre 2003 su un campione di oltre 19 mila famiglie

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA PROTOCOLLO DI INTESA TRA REGIONE EMILIA-ROMAGNA E LE ASSOCIAZIONI PENSIONATI DEL LAVORO AUTONOMO ADERENTI AL CUPLA Le associazioni dei pensionati del lavoro autonomo aderenti al CUPLA esprimono un giudizio

Dettagli

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano

Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Intervento Bambini e bambine nelle famiglie che cambiano Separazioni, divorzi e servizi di mediazione familiare Enrico Moretti Statistico, Istituto degli Innocenti di Firenze ATTI DEL CICLO DI INCONTRI

Dettagli

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania

Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania I LAVORI MINORILI NELLE GRANDI CITTA ITALIANE Torino, Milano, Verona, Firenze, Roma, Napoli, Bari, Reggio-Calabria, Catania Indagine Ires Cgil 2006 Ipotesi della nuova indagine Ires Si possono individuare

Dettagli

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia

Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia Profili e organizzazione dei tempi di vita delle madri sole in Italia 5 luglio 2005 Il testo qui presentato è pubblicato anche nel volume Madri sole - Sfide politiche e genitorialità alla prova, a cura

Dettagli

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE:

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE: Cos è l ISEE? L ISEE è un indicatore che valuta la situazione economica delle famiglie ed è utilizzato come base per: fissare soglie oltre le quali non è ammesso l accesso alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Dettagli

Premessa. La spesa e le politiche per l Assistenza in Italia

Premessa. La spesa e le politiche per l Assistenza in Italia Bosi (a cura di), Corso di scienza delle finanze, il Mulino, 2012 1 Capitolo VII. Premessa La spesa e le politiche per l Assistenza in Italia Necessità di fornire informazioni sulla dimensione della spesa

Dettagli

Una prima definizione del fenomeno

Una prima definizione del fenomeno Una prima definizione del fenomeno " dovrebbero essere definiti poveri quegli individui, famiglie e gruppi di persone le cui risorse materiali, culturali e sociali sono così limitate da escluderli dallo

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI

COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI COMUNE DI PISA DIREZIONE SERVIZI EDUCATIVI AFFARI SOCIALI REPORT DI RILEVAZIONE DEL GRADIMENTO DEL SERVIZIO EDUCATIVO 0-3 anni Anno Scolastico 2011/12 A cura della Direzione Servizi Educativi - Affari

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo.

offrire un abitazione migliore a chi già abita nell immobile da decenni e che costituisce la memoria storica del luogo. IL PROGETTO Il progetto Maison du monde è realizzato grazie al Fondo Immobiliare di Lombardia e si propone di recuperare e valorizzare un edificio collocato in Via Padova 36, realizzando e offrendo alloggi

Dettagli

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli.

Il documento viene adeguato sulla base delle evoluzioni regolamentari e normative disposte dalle istituzioni competenti ai vari livelli. Carta dei Servizi AREA ANZIANI E NON AUTOSUFFICIENTI L area comprende i seguenti servizi 1. Servizio di assistenza Domiciliare (SAD) 2. Centro aggregazione anziani 3. Comunità alloggio Il presente documento

Dettagli

22 settembre 2015 Imola

22 settembre 2015 Imola 22 settembre 2015 Imola ASSOLUTAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia RELATIVAMENTE POVERI Dati riferiti al Nord Italia LINEA STANDARD DI POVERTA Valore di spesa per consumi al di sotto della quale

Dettagli

15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011. La condizione abitativa a Bologna

15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011. La condizione abitativa a Bologna 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011 La condizione abitativa a Bologna Giugno 2014 Capo Dipartimento Programmazione: Gianluigi Bovini Direttore Settore Statistica: Franco Chiarini

Dettagli

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE

L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE L OFFERTA DI ABITAZIONI IN AFFITTO INDAGINE SULLE OFFERTE LOCATIVE NELLE AREE METROPOLITANE CANONI MEDI E INCIDENZE SUI REDDITI DELLE FAMIGLIE SUNIA Ufficio Studi L'indagine effettuata fa parte di un monitoraggio

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE

COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE COMUNICATO STAMPA L INDAGINE TECNOBORSA 2015 LE FAMIGLIE ITALIANE E IL MERCATO IMMOBILIARE TRANSAZIONI EFFETTUATE E MUTUI a cura del Centro Studi sull Economia Immobiliare - CSEI Tecnoborsa Roma 18 giugno

Dettagli

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO

REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO REGOLAMENTO PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA DOMICILIARE, TRASPORTO SOCIALE E TELESOCCORSO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 443 del 11/12/1989. Art. 1 Oggetto del servizio Il presente Regolamento

Dettagli

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI

LAVORO IL MERCATO DEL LAVORO IN SICILIA E LE FORZE DI LAVORO POTENZIALI LAVORO NOTIZIARIO DI STATISTICHE REGIONALI A CURA DEL SERVIZIO STATISTICA DELLA REGIONE SICILIANA IN COLLABORAZIONE CON ISTAT ANNO 6 N.1/2014 In questo notiziario torniamo ad occuparci di mercato del nella

Dettagli

Indagine e proposta progettuale

Indagine e proposta progettuale Indagine e proposta progettuale Silver CoHousing Condividere. Per affrontare positivamente crisi economica e mal di solitudine della terza età Direzione della ricerca: Sandro Polci E noto che la popolazione

Dettagli

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi?

QUESTIONARIO. 2. Puoi indicare i consumi termici ed elettrici della tua abitazione e/o i relativi costi? QUESTIONARIO A) Risparmio energetico e fonti rinnovabili nelle abitazioni residenziali. Indagine conoscitiva ai fini dello sviluppo del Piano d Azione per l Energia Sostenibile 1.Quale tipo di abitazione

Dettagli

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008

53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29-11-2008 53 Congresso Nazionale Sigg L Italia? Non è un paese per vecchi 7 Corso di Riabilitazione geriatrica: un approccio globale Firenze 26/29--28 Linee guida T.O. C Cotroneo T.O. M. Quadrana, T.O. D. russo

Dettagli

L AUMENTO DELLA POVERTÀ

L AUMENTO DELLA POVERTÀ L AUMENTO DELLA POVERTÀ A inizio anno la Banca d Italia ha reso disponibili i dati sui bilanci delle famiglie italiane relativi al 24, frutto dell unica indagine sui redditi disponibile in Italia in grado

Dettagli

Una grande azienda di distribuzione

Una grande azienda di distribuzione Metano ti amo! Una grande azienda di distribuzione Gas Natural Distribuzione, in Italia dal 2004, fa parte di Gas Natural Fenosa, un gruppo multinazionale leader nel settore energetico, pioniere nell

Dettagli

UNA RICERCA DEL CENTRO STUDI CNA REALIZZATA DA ELETTRODOMESTICO ROTTO? LO RIPARO, NON LO CAMBIO CASA. agosto 2013

UNA RICERCA DEL CENTRO STUDI CNA REALIZZATA DA ELETTRODOMESTICO ROTTO? LO RIPARO, NON LO CAMBIO CASA. agosto 2013 UNA RICERCA DEL CENTRO STUDI CNA REALIZZATA DA ELETTRODOMESTICO ROTTO? LO RIPARO, NON LO CAMBIO CASA agosto 2013 Elettrodomestico fa le bizze? Non si cambia più. Si ripara. Cresce il ricorso agli artigiani

Dettagli

Le persone senza dimora

Le persone senza dimora Le persone senza dimora Linda Laura Sabbadini Direttore Dipartimento statistiche sociali e ambientali 9 Ottobre 2012 In maggioranza vivono al Nord Sono 47.648 le persone senza dimora che tra novembre e

Dettagli

per una legge regionale sul reddito minimo garantito

per una legge regionale sul reddito minimo garantito per una legge regionale sul reddito minimo garantito YES WE CASH! PER UNA LEGGE REGIONALE SUL REDDITO MINIMO GARANTITO Gli effetti della crisi, sempre più devastanti, sono ormai una realtà per tutti noi;

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo Isee

OGGETTO: Il nuovo Isee Informativa per la clientela di studio del 04.12.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo Isee Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

Percezioni e atteggiamenti rispetto ai pagamenti digitali. Ricerca SIA realizzata da SWG

Percezioni e atteggiamenti rispetto ai pagamenti digitali. Ricerca SIA realizzata da SWG Percezioni e atteggiamenti rispetto ai pagamenti digitali Ricerca SIA realizzata da SWG Metodologia e campione L indagine è stata realizzata attraverso una rilevazione online con metodo CAWI su un campione

Dettagli

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane

CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare. Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane CITTA DI BASSANO DEL GRAPPA Medaglia d Oro al Valor Militare Area 1^ -Amministrativa - Economico finanziaria Risorse Umane L EVOLUZIONE DEL MODELLO FAMILIARE A BASSANO DEL GRAPPA Traccia di lettura dei

Dettagli

Benessere e disuguaglianze: come vivono gli stranieri in Italia e in Calabria

Benessere e disuguaglianze: come vivono gli stranieri in Italia e in Calabria 10 Benessere e disuguaglianze: come vivono gli stranieri in Italia e in Calabria Domenico Tebala e Stefano Vitaletti Istat, Direzione Centrale per lo sviluppo e il coordinamento della rete territoriale

Dettagli

Nuovo calcolo ISEE 2014 redditi inclusi NUOVO ISEE

Nuovo calcolo ISEE 2014 redditi inclusi NUOVO ISEE NUOVO ISEE Con la riforma del nuovo ISEE a partire dal 1 gennaio 2014, ai fini di determinazione delle fasce di reddito e della misurazione della situazione economica delle famiglie, viene introdotto un

Dettagli

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre).

L età anziana si distingue in almeno due grandi aree: gli anziani giovani (60-75 anni), e gli anziani anziani o grandi anziani (76 e oltre). Quando si diventa anziani? Quando la carriera lavorativa termina e ci si ritira dalla vita attiva. Il pensionamento, quindi, è convenzionalmente l inizio dell età anziana. L età anziana si distingue in

Dettagli

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010

L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE. I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 L ANZIANO FRAGILE E LA RETE PER LA CONTINUITA ASSISTENZIALE I servizi territoriali LECCO, 01.10.2010 II QUADRO DEMOGRAFICO Dal Rapporto 2010 sulla non autosufficienza in Italia In Italia le persone con

Dettagli

IL GENIO DEL SALVADANAIO

IL GENIO DEL SALVADANAIO IL GENIO DEL SALVADANAIO L importanza di un Fondo Pensione per i giovani. Al tuo fianco, ogni giorno 6 ANNI L ISCRIZIONE AL FONDO PENSIONE Chiara ha 6 anni e il padre ha deciso di regalarle il Genio del

Dettagli

Famiglie e abitazioni

Famiglie e abitazioni Famiglie e abitazioni A Milano le famiglie in affitto sono più di 380.000 per un totale di quasi quasi 1 milione persone e occupano il 25% delle abitazioni della città circa il 50% delle abitazioni in

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS TU SEI MIO FIGLIO

ASSOCIAZIONE ONLUS TU SEI MIO FIGLIO PROFILO DELL UTENZA E opportuno premettere che sono stati raccolti i dati relativi a 63 persone/famiglie, che si sono rivolte all associazione da fine 2009 ad oggi. Per alcune di queste, ai fini di fornire

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI BAGNOLO IN PIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 22.03.2006 Pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI,

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, IN SITUAZIONI DI DIFFICOLTA Approvato con deliberazione del

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE. Notizie Operative ed Informazioni Pratiche CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO ASSISTENZA DOMICILIARE Notizie Operative ed Informazioni Pratiche 15/04/2014 ESTRATTO notizie operative ed informazioni pratiche numeri utili Relativi al servizio di Assistenza

Dettagli

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI INARZO. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI INARZO Provincia di Varese REGOLAMENTO PER I SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Art. 1 Il Comune di Inarzo istituisce per i residenti il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) agli anziani

Dettagli

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE

Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Dicembre 2009 presentazione Monitor Marca 2009 Si avvertono i segnali della fine della fase critica ABSTRATC INDAGINE Il quadro economico provinciale: le prospettive E ritiene che nel futuro la situazione

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale INTRODUZIONE L'orientamento progettuale della domiciliarità: 1. diversificazione di interventi e servizi

Dettagli

IL SERVIZIO DOMICILIARE

IL SERVIZIO DOMICILIARE CASA ALBERGO PER ANZIANI Sistema qualità certificato COMUNE DI LENDINARA IL SERVIZIO DOMICILIARE Questo opuscolo riporta brevemente le principali informazioni per aiutarvi a capire meglio il servizio domiciliare,

Dettagli

Proteggere è un gesto d amore

Proteggere è un gesto d amore Proteggere è un gesto d amore Proteggere è un gesto d amore. E di responsabilità. Affrontare in modo consapevole il tema della sicurezza economica è il primo passo per tutelare se stessi, la propria famiglia

Dettagli

Famiglia, infanzia e povertà.

Famiglia, infanzia e povertà. Università Politecnica delle Marche Facoltà di Economia G. Fuà Convegno Povertà, Infanzia, Immigrazione in occasione del 70 Anniversario della Mensa del Povero Ancona, 5 aprile 2008 Famiglia, infanzia

Dettagli

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42%

L OSSERVATORIO. 29 Luglio 2013 CATEGORIA: ECONOMIA L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE 29% 23% 42% L OSSERVATORIO L INCIDENZA DEI PROBLEMI PSICOLOGICI E PSICOSOMATICI EVIDENZE PSICOLOGICHE Problemi di condotta Iperattivita' 42% 31% Problemi con i propri POVERI pari 24% CHE LAVORANO 17% Difficolta' diffuse

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera C.S. n. 80 del 21/4/2004 ART. 1 - Premessa Ai sensi della

Dettagli

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana

Famiglie. Evoluzione del numero di famiglie residenti in Toscana Famiglie La società pratese negli ultimi anni è stata sottoposta a profonde trasformazioni; la prima struttura sociale a subire delle modificazioni è la famiglia, che tende a ridurre le sue dimensioni

Dettagli

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia

La vita quotidiana di separati e divorziati in Italia 10 maggio 2004 La vita quotidiana di separati e in Italia Media 2001-2002 Ogni anno le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana

Dettagli

Impiantistica Elettrica: situazione attuale

Impiantistica Elettrica: situazione attuale Impiantistica Elettrica: situazione attuale Ad oltre 17 anni dall'emanazione della legge 46/90, strumento che ha delineato i confini di competenza di tutti i soggetti interessati alla sicurezza degli impianti,

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale

Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale Imballaggi protezione al 100% impiegando sempre meno materiale La plastica: maestra nell arte dell imballaggio In Europa oltre il 50 % delle merci è imballato in materiali plastici, nonostante ciò, in

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

Il nuovo Isee: novità e continuità

Il nuovo Isee: novità e continuità Regione Emilia-Romagna Seminario PRIMO APPROFONDIMENTO SUL NUOVO ISEE Il nuovo Isee: novità e continuità Stefano Toso Università di Bologna 3 aprile 2014 Auditorium, Viale Aldo Moro 18, Bologna Il vecchio

Dettagli

proposta di legge n. 405

proposta di legge n. 405 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 405 a iniziativa dei Consiglieri Marinelli, D Anna, Foschi, Natali, Bugaro presentata in data 20 marzo 2014 DISCIPLINA DELLA VALORIZZAZIONE E

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 11 del 16 febbraio 2006 INDICE: Art. 1 Finalità del servizio Art. 2 Destinatari del servizio

Dettagli

REGIONE LAZIO. Comune di Campodimele. L.R. n.6/2004 AGGIORNAMENTO 2011. a cura dell Ufficio di Piano

REGIONE LAZIO. Comune di Campodimele. L.R. n.6/2004 AGGIORNAMENTO 2011. a cura dell Ufficio di Piano REGIONE LAZIO Fondi Terracina San Felice Circeo Sperlonga Lenola Monte San Biagio Campodimele Azienda Sanitaria Locale Latina XXII Comunità Montana Ente Capofila Comune di FONDI Comune di Campodimele PIANO

Dettagli

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS)

Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà. Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Stime sul costo e sugli effetti distributivi di programmi di contrasto alla povertà Massimo Baldini (CAPP) Daniele Pacifico (CAPP e MLPS) Il modello di riferimento Per le simulazioni è stato impiegato

Dettagli

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale

I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale Forum Bologna. Città che cambia. I DATI IN SINTESI per la costruzione del Piano Strutturale 6. L EVOLUZIONE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Bologna aprile 2005 Indice 1. LE ABITAZIONI IN COMPLESSO...1 2. LE

Dettagli

Servizi e interventi per i disabili

Servizi e interventi per i disabili Servizi e interventi per i disabili Il termine prendere ha in sé diversi significati: portare con sé, interpretare, giungere a una decisione, scegliere, ma anche subire, catturare, pervadere, occupare.

Dettagli

Progetto Voglia di mutualismo

Progetto Voglia di mutualismo Progetto Voglia di mutualismo Questionario sulla domanda di mutualismo Versione PDF per l inoltro via fax. Se vuoi rispondere tramite mail all indirizzo staff@vita.it, scarica il questionario in formato

Dettagli

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI

FEDERCONSUMATORI FEDERAZIONE NAZIONALE CONSUMATORI E UTENTI 17 Novembre 2014 V Rapporto sui costi degli Atenei italiani II parte: lo studente fuori sede Introduzione Gli studenti universitari in Italia sono circa 1.663.800 1. Questo significa che ci sono altrettante

Dettagli

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana

Questionario Trasporti pubblici e Igiene urbana 1. In quale comune risiede abitualmente? 1. Torino Proseguire 2. Milano Proseguire 3. Roma Proseguire 4. No (Chiudere intervista) 2. Sesso 1. Maschio 2. Femmina Domande Sociodemo Agenzia (8) 3. Mi può

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AGLI APPARTAMENTI PROTETTI DEL CENTRO SERVIZI SOCIO SANITARI E RESIDENZIALI MALÉ

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AGLI APPARTAMENTI PROTETTI DEL CENTRO SERVIZI SOCIO SANITARI E RESIDENZIALI MALÉ REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AGLI APPARTAMENTI PROTETTI DEL CENTRO SERVIZI SOCIO SANITARI E RESIDENZIALI MALÉ Il Centro Servizi dispone di una palazzina di quindici appartamenti, autonomi: dodici ad un

Dettagli

10. Mercato immobiliare

10. Mercato immobiliare 10. Mercato immobiliare I prezzi relativi al mercato immobiliare residenziale, dopo un periodo di forte crescita (fig. 10.1), negli anni 90 hanno subito un decremento; poi, con la fine del decennio, la

Dettagli

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni

RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni RISCHIO DA CALAMITÀ NATURALI La percezione dei residenti in zone ad elevato rischio sismico, frane o alluvioni Indagine condotta per: 12 Novembre 2010 Obiettivi dell indagine L'Italia è un Paese in cui

Dettagli

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione

Questionario 2010 Aem Torino Distribuzione Buongiorno, sono un intervistatore/trice dell Istituto Swg. Stiamo effettuando una ricerca per conto dell Università degli Studi di Torino e di. L azienda Aem Torino Distribuzione sta conducendo un indagine

Dettagli

Indice delle tavole statistiche

Indice delle tavole statistiche FAMIGLIA E SOGGETTI SOCIALI. ANNO 2009 1 Indice delle tavole statistiche 1. I pendolari della famiglia Prospetto 1.1 Tavola 1.1 Tavola 1.2 Tavola 1.3 Tavola 1.4 Tavola 1.5 Tavola 1.6 motivo, durata media

Dettagli

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007

I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 I TREND DEMOGRAFICI NELLA PROVINCIA DI RIMINI TRA IL 2000 E IL 2007 Natalità in ripresa Mortalità stazionaria Immigrazione in aumento Giovani (0-14) in aumento Giovani (25-35) in diminuzione I giovani

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

Progetto Mai più soli/e-care

Progetto Mai più soli/e-care COMUNE DI PIEVE DI CENTO Progetto più soli/e-care UN QUESTIONARIO PER CHI HA PIÙ DI 75 ANNI Caro cittadino, cara cittadina, il Comune di Pieve di Cento intende raccogliere alcune informazioni al fine di

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

Comune di Azzanello Provincia di Cremona

Comune di Azzanello Provincia di Cremona Comune di Azzanello Provincia di Cremona Regolamento del servizio di assistenza domiciliare prestato dal Comune di Azzanello Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 47 del 28.10.1996. INDICE

Dettagli