Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 18 Marzo 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 18 Marzo 2010"

Transcript

1 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 18 Marzo 2010 PRESIDENTE CALLARI Buonasera, Consiglieri Comunali, ordine in aula, seduti che iniziamo con l appello questa seduta del Question Time. Prego, Dottoressa Inglima. Il Vice Segretario Generale procede all appello nominale dei Consiglieri. PRESIDENTE CALLARI - Iniziamo con le interrogazioni. La prima interrogazione sulla mancata erogazione del contributo per gli uffici giudiziari a firma del Consigliere De Francisci che non c è. Seconda interrogazione: Programma operativo regionale FERS , linea di intervento Bando pubblico per la realizzazione e/o riqualificazione e/o completamento di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico a firma del Consigliere Salsedo che non c è, andiamo avanti. Interrogazione N. 3: interrogazione programma operativo sempre la stessa cosa del Consigliere Salsedo, che non c è e andiamo avanti. Quarta interrogazione: dichiarazione del Ministro della Giustizia Onorevole Angelino Alfano eccetera, eccetera, a firma del Consigliere Salsedo che non c è, andiamo avanti. Interrogazione delle metodologie e delle procedure inerenti le richieste di allaccio alla utenza del gas, a firma del 1

2 Consigliere Vella che non c è, andiamo avanti. Interrogazione sulla disciplina di funzionamento del fondo regionale per l impiantistica sportiva, a firma del Consigliere Salsedo che non c è e andiamo avanti. Interrogazione sul grave stato di abbandono frazione del Villaggio Mosè, a firma del Consigliere Saeva che c è. Prego, Consigliere Saeva, le ricordo i tempi. (intervento fuori microfono) Cinque minuti, risposta dieci, replica cinque. Interrogazione sul grave stato di abbandono frazione del Villaggio Mosè, a firma del Consigliere Saeva. CONSIGLIERE SAEVA Grazie, Presidente, colleghi Consiglieri, signori della Giunta. Presidente, la mia interrogazione nasce da una constatazione di fatto, ossia che una delle zone che in questi anni ha avuto una maggiore espansione, sia da un punto di vista abitativo che commerciale, la nostra città è indubbiamente la frazione del Villaggio Mosè. A fronte di un incremento abitativo e di attività commerciali che si è avuto in questi anni, possiamo dire che non vi è stata una altrettanta attenzione da parte delle Amministrazioni che in questi anni si sono succedute per cercare di adeguare la zona del Villaggio Mosè alle nuove esigenze che si sono venute a creare. Mi spiego meglio. Vi sono delle intere zone, alcune delle zone che hanno avuto la maggiore espansione sicuramente sono state sia Villaggio Mosè che Fontanelle. Per quanto riguarda Villaggio Mosè si è assistito a nuovi insediamenti urbani, gli abitanti hanno regolarmente pagato gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, ma vi sono interi quartieri, intere zone del Villaggio Mosè che ad 2

3 oggi sono prive di una decente struttura stradale priva di illuminazione pubblica con gravi disagi per gli abitanti. Ora io sicuramente non voglio addossare le colpe di quello che non è stato fatto a questa Amministrazione o all Assessore che di fatto se ne dovrebbe occupare, però la mia interrogazione nasce dal fatto che non ho visto in questi anni quella giusta attenzione che un quartiere così popoloso meriterebbe. Assessore Buscaglia, io so che lei lavora costantemente, cerca di mettere il massimo del suo impegno in quello che fa, però chiedo all Amministrazione intanto di porre dei rimedi, perché se noi, passando da qualsiasi strada del Villaggio Mosè, possiamo notare che vi è una mancanza, un abbandono per quel che riguarda le zone pedonali, i marciapiedi sono abbandonati, vi sono numerose buche, intere zone sono completamente al buio, per non parlare per esempio della zona di via dei Fiumi che è impercorribile, soprattutto quando ha un minimo accenno di pioggia, è impraticabile. Ora a fronte di tutto questo arrivano numerose lamentele da parte dei cittadini, che giustamente dicono: noi che siamo venuti ad abitare a Villaggio Mosè abbiamo pagato gli oneri di urbanizzazione e non abbiamo i servizi per cui abbiamo uscito questi soldi. Vi è stata probabilmente al Comune di Agrigento e forse vi è ancora una pratica non del tutto consona, ovvero quello di utilizzare i soldi che vengono incassati dagli oneri di urbanizzazione per fare altro. Purtroppo questo è il cane che si morde la coda, perché il Comune ha mancanza di liquidità, però se i cittadini pagano per avere un servizio, è giusto che quel servizio venga erogato. Io penso che anche l Assessore Buscaglia dovrebbe rimettere un po di ordine in tal senso, perché se no, visto che il Comune, le casse comunali non sono sicuramente floride, non vedo come si possa fare fronte a esigenze di questo tipo. Se i soldi che vengono incamerati per fare le opere di 3

4 urbanizzazione primaria, strade, illuminazione, vengono spesi per altro, per spesa corrente, sicuramente questi disagi non potranno mai essere attenuati e colmati. Ora quello che io chiedo all Amministrazione, all Assessore Buscaglia questa sera è un impegno per il quartiere di Villaggio Mosè per programmare degli interventi strutturali che possano sanare questa grave situazione che si è venuta a creare. È una zona a un alta percorribilità da un punto di vista delle auto. Vi sono numerosissimi insediamenti commerciali e scarsissimi servizi a fronte di questi numerosi insediamenti. Assessore, io attendo la sua risposta e poi mi riservo di replicare. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Dieci minuti per l Assessore, prego. ASSESSORE BUSCAGLIA - Il Consigliere Saeva ha certamente sollevato una questione che preoccupa l Amministrazione attiva, nel senso che noi ci stiamo trovando a dover metter mano a una situazione di disagio e di pregiudizio per anche la pubblica incolumità di molti cittadini che abitano in questa parte della città. Però devo dire che il problema non riguarda solo Villaggio Mosè, riguarda un po tutte le periferie. Ma in particolare per Villaggio Mosè abbiamo una situazione che nasce qualche decennio fa in seguito alla urbanizzazione di questo nuovo quartiere che sta a nord est di Villaggio Mosè, quindi del vecchio nucleo di Villaggio Mosè, che è un quartiere che è nato, dal punto di vista quantitativo, rilevante, e però, purtroppo, si sono fatte le case, ma non si sono fatte né le strade né le opere di urbanizzazione. Al contrario di quello che sarebbe una condotta ordinaria, cioè prima si fanno le strade, si fanno le fognature, si fa l illuminazione e dopo si fanno le case. Purtroppo da noi ad Agrigento è successo esattamente il contrario. Noi ci troviamo, quindi, di fronte a una situazione diffusa, in cui 4

5 adesso siamo costretti a sanare situazioni che abbiamo ereditato. Qua non si sta facendo il processo a nessuno, ma certamente questa situazione risale a qualche anno fa, quindi un urbanizzazione selvaggia, nel senso che non è stata fatta secondo i canoni ordinari delle buone regole delle costruzioni e purtroppo ci troviamo di fronte a dover sanare queste situazioni che sono situazioni non solo di carattere tecnico ma anche di carattere amministrativo, perché, cosa è successo nel passato? Vero è che sono stati pagati gli oneri di concessione, ma i costruttori degli edifici non hanno di fatto ceduto al Comune le aree su cui insistono queste strade, quindi abbiamo la situazione di strade di uso pubblico, ma ancora non acquisite al demanio comunale. Questa è una ulteriore complicazione che rende difficile intervenire su queste aree. Allora, certamente la strada che i cittadini che abitano lì colpe di questo genere non ne hanno sicuramente, le colpe sono di altri, certamente non di chi si è andato a comprare l appartamento e che adesso ha il diritto di arrivare in maniera dignitosa a casa sua, cosa che certe volte in inverno non succede. Non succede non solo in questa zona di Villaggio Mosè, non succede purtroppo in qualche altra parte della città. E allora dobbiamo, da un punto di vista amministrativo, sanare questo problema dall acquisizione e dal demanio di queste aree, e questo lo stiamo facendo, con gli uffici stiamo già provvedendo. (intervento fuori microfono) Dovrebbe farsi una procedura espropriativa o una gestione volontaria da parte che sarebbe la cosa più semplice e più razionale, una gestione volontaria da parte dei proprietari delle strade al Comune. Infatti stiamo attivando gli uffici per fare questo. Nel frattempo cosa stiamo facendo? Innanzitutto noi ci troviamo di fronte a una situazione che deriva dal fatto che l anno scorso noi avevamo fatto un progetto per la manutenzione delle strade di 5

6 due milioni e mezzo di euro, che abbiamo dovuto ritirare perché altrimenti correvamo il rischio di andare in dissesto. Quindi, per mancanza di liquidità siamo stati costretti a ritirarli. Questo anno ne abbiamo riproposto un altro da un milione di euro, con il quale è certamente insufficiente per coprire tutte le necessità che in questo momento, purtroppo richiede la situazione delle nostre strade, però molte cose le potremo fare. La consegna dei lavori è prevista per la prossima settimana, quindi dalla prossima settimana potremo cominciare a lavorare per sistemare non solo questa zona ma soprattutto tutte le buche, tutte le situazioni di pericolo che in questo momento impegnano le nostre strade e certamente dedicheremo particolare attenzione a questa zona di Villaggio Mosè. Certamente magari in una prima fase faremo un ricoprimento della pavimentazione con materiale arido, materiale di cava, in modo da preparare il tutto per la bitumatura che faremo successivamente. Sempre perché ci rendiamo conto che questa zona è molto abitata, è molto popolata, faremo pure una serie di interventi sulla viabilità per migliorare la viabilità esistente e mi riferisco soprattutto alla via Lucrezio che noi intendiamo trasformare in una sorta di circonvallazione di Villaggio Mosè e alla via di collegamento tra la via De Sica non mi ricordo se si chiama via De Sica, ma credo che sia quella, cioè una strada che sale verso Cozzo Mosè, con la strada della Mosella, dove anche lì c è un problema di pericolo, di innesto pericoloso, e stiamo provvedendo con progetti che abbiamo già inserito nel programma triennale a sistemare queste aree. Quindi l attenzione dell Amministrazione è massima, compatibilmente con le risorse che abbiamo a disposizione noi faremo quello che potremo fare, certamente condividiamo la preoccupazione del Consigliere Saeva che non è assolutamente degno di un paese civile avere strade in queste condizioni. 6

7 Quindi l Amministrazione farà di tutto per risolvere al più presto questo problema. PRESIDENTE CALLARI Tre minuti, Consigliere Saeva. (intervento fuori microfono) L Assessore mi dice che non è che abbia fatto l intervento che voleva, perché si sentiva disturbato da questo io mi sono sempre dimostrato abbastanza fermo quando l Amministrazione ha fatto delle azioni contro però è giusto pure che noi rispettiamo l Amministrazione, in particolar modo l Amministrazione che in questo caso deve rispondere a delle interrogazioni. Prego, Consigliere. CONSIGLIERE SAEVA Grazie Presidente. Mi ritengo soddisfatto della risposta datami dall Assessore Buscaglia che stimo personalmente e professionalmente. Naturalmente la mia soddisfazione, Assessore, lei sa, io controllerò, perché questo è il mio compito, che l impegno assunto dall Amministrazione poi si concretizzi in fatti, appunto. Per quanto riguarda l illuminazione volevo anche suggerire all Amministrazione di pensare se sia il caso valutare se si possa mettere in atto un progetto di finanza con cui magari, anche facendo attenzione a quelle che sono le fonti energetiche rinnovabili, ci sono dei progetti in atto per illuminare se non sbaglio qualche anno fa era stato pure presentato un emendamento, che poi non passò, per l illuminazione pubblica, un importo che è un progetto di finanza di circa 6 milioni di euro, che appunto prevedeva l installazione di pali della luce, alimentati da energia fotovoltaica. Non so se questa sia una strada percorribile, comunque siccome l Amministrazione sicuramente non ha la disponibilità economica per fare fronte a questi problemi, so che ci sono stati dei problemi con la società che si occupava appunto di illuminazione pubblica, potrebbe intraprendere un 7

8 percorso di questo tipo. Per il resto mi auguro che al più presto si faccia qualche cosa per migliorare le condizioni di vita degli abitanti del Villaggio Mosè. Oggi ho presentato questa interrogazione per la frazione di Villaggio Mosè, ma mi riservo di dedicare attenzione anche ad altri quartieri di Agrigento che si trovano in situazioni analoghe. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Va bene. Abbiamo concluso la trattazione della settima interrogazione. Qualche consigliere comunale mi ha chiesto come mai non ci eravamo espressi circa questo increscioso fatto che ha visto l accoltellamento del Carabiniere di Agrigento. Faccio sapere che abbiamo fatto un comunicato stampa in merito all increscioso episodio che ha visto soccombere innocentemente nell esercizio delle proprie funzioni istituzionali il Carabiniere Diego Gamberoni, rimasto vittima del folle e sconsiderato gesto di un giovane psicolabile. Esprimo all Arma dei Carabinieri la mia solidarietà a nome mio personale e dell intero civico consesso. Il fatto accaduto di per sé è gravissimo, ingiustificabile, visto che è stata messa a repentaglio la vita di un giovane lavoratore che ha scelto una professione nobile ma rischiosa. Ho il piacere di rivolgere un invito al Carabiniere Diego Gamberoni, che se vorrà, una volta guarito, e quindi speriamo al più presto, anche perché le notizie sono che sta guarendo, potrà essere gradito ospite o nel mio ufficio all interno del Palazzo, all interno di questo civico consesso per ricevere un attestato di onorificenza. Poi, leggo il regolamento che abbiamo approvato, al punto 5 dell articolo 32: L esame delle interrogazioni viene effettuato nell ordine cronologico di presentazione nel quale sono iscritte all ordine del giorno dell adunanza. Se il consigliere proponente non è presente al momento in cui deve illustrare la sua interrogazione, questa si intende decaduta, salvo che il 8

9 proponente non abbia chiesto un rinvio ad altra adunanza. Io faccio sapere che, salendo ho visto il Consigliere Salsedo e il Consigliere Vella che mi dicevano che stavano salendo e per legittimo impedimento hanno fatto leggermente ritardo. Non ho ricevuto alcuna notizia da parte del Consigliere De Francisci, quindi l interrogazione del Consigliere De Francisci, proprio lui che ha fatto 130 (intervento fuori microfono) C è una giustificazione? Io non ne so nulla. Va bè, ma la giustificazione non cambia nulla, quindi riproponiamo le interrogazioni di Salsedo e Vella. È chiaro che nulla ricevendo, dalla prossima volta al momento in cui vengono chiamati (intervento fuori microfono) Non ho ricevuto niente, è decaduta quella, non c è De Francisci, ha dichiarato che non può venire, per cui decade lo stesso, non giustifica nulla, e quindi stiamo attenti a questa presenza quando ci sono le interrogazioni. E poi ricordo, perché ho sbagliato, i tempi, sono 7 minuti per illustrare, 10 per rispondere e 3 per replicare. Consigliere Salsedo, la sua seconda interrogazione. II Interrogazione: Programma operativo regionale FERS , linea di intervento Bando pubblico per la realizzazione e/o riqualificazione e/o completamento di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico a firma del Consigliere Salsedo. PRESIDENTE CALLARI Quindi il Consigliere Salsedo interroga, sette minuti. CONSIGLIERE SALSEDO Grazie, Presidente. Signor Presidente, lo scorso 19 gennaio il Dipartimento regionale del Turismo, dello Sport e dello 9

10 Spettacolo della Regione siciliana ha pubblicato il bando con il quale intende promuovere opere pubbliche atte a consentire la migliore fruizione turistica del territorio siciliano attraverso la valorizzazione turistica delle aree urbane, riqualificanti e migliorando la qualità del tessuto urbano, affinché non vengano vanificate, tra l altro, tutte quelle azioni per l attivazione, la riqualificazione e l ampliamento dell offerta ricettiva locale e delle correlate attività di completamento. Nell ambito dell attuazione complessiva della linea di intervento 2 dell obiettivo operativo del Por , il Dipartimento regionale Turismo in questa prima fase ha emanato il presente bando per la presentazione delle istanze da parte degli enti locali della Regione Siciliana, degli enti pubblici, non economici e degli organismi di diritto pubblico per la realizzazione e/o riqualificazione e/o completamento di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico. Alla luce delle decisioni adottate dalla Giunta di governo regionale, con deliberazione del 6 marzo 2009 l attuale disponibilità finanziaria, per gli interventi di cui al presente bando, resta così stabilita: per gli interventi di realizzazione e/o riqualificazione e/o completamento di altre infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico, è stata prevista la dotazione finanziaria di 20 milioni di euro, corrispondenti al 30% della dotazione finanziaria delle linee di intervento. Nello specifico, il presente bando, che è allegato alla presente interrogazione, è rivolto anche ai Comuni della Provincia di Agrigento, tra cui la città capoluogo, dove oggi riscontriamo scarse condizioni di sviluppo turistico, ma grazie al presente bando, potremmo eseguire interventi infrastrutturali, tendenti a riqualificazioni a finalità turistica degli spazi pubblici, attraverso la realizzazione e il miglioramento delle infrastrutture di superficie sia primarie 10

11 che secondarie, quali ad esempio strade interne al perimetro dei centri storici dei Comuni, strade esterne e di elevato interesse turistico, piazze, giardini, illuminazioni artistiche dei centri storici. Considerato che è trascorso quasi più di un mese dalla sua pubblicazione, il sottoscritto interpella l Amministrazione comunale al fine di conoscere se gli uffici preposti hanno già recepito il bando; se gli uffici sono a lavoro per la predisposizione e la redazione dei progetti; se esistono progetti esecutivi e di conseguenza meritevoli di finanziamento e quali progetti l Amministrazione intende presentare e a quali intende dare la priorità al fine di raggiungere l obiettivo. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Per favore un po di silenzio che l Assessore Buscaglia risponde all interrogazione. ASSESSORE BUSCAGLIA Anche in questo caso la problematica sollevata è di estremo interesse e devo dire che il Consigliere Salsedo fin da gennaio a me personalmente ma all ufficio ha segnalato la presenza della pubblicazione di questo bando e l ufficio si è immediatamente attivato. Si tratta di un bando che scade il 5 giugno del 2010, quindi abbiamo circa un mese e 40 giorni ancora di tempo, ma stiamo già lavorando da tempo. Dice giustamente il Consigliere Salsedo che c è una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro per tutta la Regione, quindi non ci sono molti soldi. Noi stiamo lavorando in due direzioni, con due progetti che abbiamo agli atti: un progetto è di più ampio respiro e un progetto invece è di rilevanza economica inferiore, proprio perché intendiamo, acquisendo le notizie necessarie naturalmente verso l Assessorato al Turismo, scegliere una delle due soluzioni, quella che ha più probabilità di essere finanziata. È chiaro che se possiamo farci finanziare quella di più ampio respiro è meglio, però in alternativa siamo pronti a presentare un altro progetto di 11

12 importo inferiore. Perché questo? Perché nel bando viene specificato che ogni Amministrazione può presentare una sola istanza. Quindi è chiaro che la dobbiamo scegliere. I due progetti quali sono? I due progetti sono: uno è quello delle piazze cioè nel senso che noi nella proposta di riqualificazione urbana che avevamo presentato l anno scorso a luglio all Assessorato Regionale delle Infrastrutture, avevamo presentato come primo progetto quello più qualificante, il rifacimento delle piazze più importanti di questa zona del centro storico, cioè piazza Pirandello, piazza San Giuseppe e piazza Lena. Queste tre piazze con le vie di collegamento, quindi vicolo Teatro, discesa Lumia e così via, fanno parte di un progetto che secondo l obiettivo dell Amministrazione dovrebbe riqualificare questa parte importante che dovrebbe essere il fulcro del centro storico, perché ricordiamoci che piazza Pirandello ha già la presenza del Teatro Pirandello, del Palazzo municipale dei Filippini e noi abbiamo in programma di completare la ristrutturazione del Museo civico. Quindi è chiaro che se riqualifichiamo questa piazza nel senso che vogliamo pensare a una piazza che sia punto di aggregazione, per esempio piazza del Campo a Siena, ma chiaramente non siamo così ambiziosi, però certamente vediamo nella piazza un posto dove possono trovarsi occasioni di sviluppo turistico importante. Quindi punti di aggregazione non solo dei nostri concittadini ma soprattutto di chi viene da fuori. Quindi questo progetto di riqualificazione delle piazze è un progetto che secondo noi dovrebbe qualificare molto bene questa parte della città, è un progetto su cui puntiamo. Ha naturalmente un importo rilevante, perché sistemare queste tre piazze e le vie adiacenti comporta una spesa di circa 2 milioni e mezzo 3 milioni, adesso non mi ricordo ma siamo su quell ordine di grandezza, e quindi noi pensiamo di partecipare con quel progetto. Se però ci 12

13 rendiamo conto che, vista la dotazione così ridotta di 20 milioni di euro per tutta la Sicilia, voi pensate parteciperà Palermo, parteciperà Catania, Messina, quindi le città grosse, ma anche tutti i paesi, quindi voi pensate bene che non è facile. Allora ci siamo preparati un progetto di riserva che abbiamo già esecutivo agli atti del Comune, redatto dall ufficio, che stiamo aggiornando nei prezzi, che è un altro intervento di riqualificazione di una parte importante del centro storico, che è il rifacimento della piazzetta San Francesco di Paola qua accanto a via Garibaldi. Un altra zona che ci sta molto a cuore, perché pensiamo che se noi, ripeto, diamo posti di incontro, dove la gente può andare a incontrarsi, può andare a sedersi in un bar a prendersi un caffè, credo che queste siano occasioni anche di sviluppo sociale ed economico. Quindi abbiamo pronto questo progetto. È un progetto di circa ,00 euro, che aggiornato arriverà a ,00 euro. Quindi siamo pronti per partecipare al bando e abbiamo le due opzioni o l una o l altra. Evidentemente quella che capiamo possa avere più probabilità di successo, porteremo avanti. In questo senso, quindi, abbiamo raccolto la sollecitazione che ci è venuta dal Consigliere Salsedo, e siamo convinti di riuscire a dare alla città un altra occasione di finanziamento e quindi di benessere sociale ed economico. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Consigliere Salsedo, 3 minuti. CONSIGLIERE SALSEDO Grazie, Presidente. Io prendo atto di quanto dichiarato dall Assessore Buscaglia, con il quale ho avuto modo in questi mesi di interloquire su questo bando e sempre per quanto riguarda questa interrogazione comunico anche all Assessore, quindi all Amministrazione, che la Regione venerdì scorso ha pubblicato delle modifiche al bando, aggiungendo altre somme. In sostanza la Regione siciliana, per quanto riguarda questo bando, 13

14 finanzia anche i costi di progettazione. Io queste modifiche con l estratto della Gazzetta lo consegno nelle mani dell Assessore, auspicando naturalmente che le cose dette dall Assessore, appunto, possano diventare realtà per gli agrigentini, grazie. PRESIDENTE CALLARI Grazie a lei. Ritengo completata la seconda interrogazione, la terza è sempre del Consigliere Salsedo. III Interrogazione: Programma operativo regionale FESR linea di intervento bando pubblico per la realizzazione di interventi nei centri di maggiore attrattiva turistica e nei siti di interesse per la migliore fruizione da parte dei visitatori, quali la realizzazione di adeguata segnaletica stradale e pannelli informativi, a firma del Consigliere Salsedo. CONSIGLIERE SALSEDO Signor Presidente. Sempre lo scorso 19 gennaio il Dipartimento regionale del Turismo, dello Sport dello Spettacolo della Regione siciliana ha pubblicato il bando con il quale si intende promuovere opere pubbliche atte a consentire la migliore fruizione turistica del territorio siciliano attraverso la valorizzazione turistica delle aree urbane, riqualificando e migliorando la qualità del tessuto urbano affinché non vengano vanificate tra l altro tutte quelle azioni per l attivazione e la riqualificazione e l ampliamento dell offerta ricettiva locale delle correlate attività di completamento. Nell ambito dell attuazione complessiva della linea di intervento 3 dell obiettivo operativo del Por , il dipartimento regionale 14

15 turismo ha emanato il presente bando per la presentazione delle istanze da parte degli enti pubblici della Regione siciliana e degli enti strumentali. Alla luce delle decisioni adottate dalla Giunta di governo regionale, con deliberazione del 6 marzo 2009 l attuale disponibilità finanziaria per gli interventi di cui al presente bando resta così stabilita. Per gli interventi dei centri a maggiore attività turistica nei siti di interesse per la migliore fruizione da parte dei visitatori, quale la realizzazione di adeguata segnaletica stradale e pannelli informativi esplicativi, è stata prevista la dotazione finanziaria di 4 milioni di euro. Nello specifico il presente bando che è allegato all interrogazione è rivolto anche ai Comuni della Provincia di Agrigento, tra cui le città capoluogo, dove oggi riscontriamo una scarsa e inadeguata segnaletica sia stradale che turistica che consente innanzitutto il miglioramento del servizio, ma soprattutto permetta ai flussi turistici un facile ingresso in città e una migliore fruizione dei siti archeologici e monumentali. Considerato che è passato un po di tempo dalla sua pubblicazione, il sottoscritto interpella l Amministrazione comunale al fine di conoscere se gli uffici preposti hanno già recepito il bando, se gli uffici sono al lavoro per la predisposizione e la redazione dei progetti e quali e quanti progetti l Amministrazione comunale intende presentare sia per quanto riguarda la segnaletica stradale e pannelli informativi turistici esplicativi sia per la realizzazione di nuovi parcheggi. Anche qui, signor Presidente, nello specifico per questo bando, così evito anche di fare la replica, la Regione siciliana ha anche venerdì pubblicato delle modifiche al bando, aggiungendo altre somme destinate alle spese di progettazione, che consegno anche all Assessore Buscaglia, grazie. 15

16 PRESIDENTE CALLARI Assessore. Risponde l Assessore Buscaglia. Prego, ASSESSORE BUSCAGLIA Anche in questo caso il Consigliere Salsedo tempestivamente aveva investito me personalmente e gli uffici di questa problematica, che noi abbiamo subito recepito e in questo senso ci stiamo muovendo. Cosa stiamo facendo? Ci stiamo occupando proprio di segnaletica, soprattutto nella zona turistica della Valle dei Templi. Abbiamo recuperato un vecchio progetto che era stato presentato al PIT qualche tempo fa, quando noi eravamo capofila del PIT Valle dei Templi e in quella occasione era stato predisposto un progetto che poi non aveva trovato copertura finanziaria. Partendo da quel progetto, lo stiamo aggiornando e integrando, però è importante precisare che chiaramente in questa progettazione ci stiamo preoccupando di fare le opportune concertazioni, perché riteniamo che una segnaletica turistica abbia una valenza sovracomunale. Probabilmente potrebbe essere utile ipotizzare una segnaletica unica per tutto il territorio del comprensorio di Agrigento, nel senso che voi sapete che noi facciamo parte di una coalizione territoriale, assieme al Comune di Favara e assieme ad altri nove Comuni, Aragona, Raffadali, Porto Empedocle, Comitini, eccetera, eccetera, anche sino a Lampedusa e Linosa, quindi pensiamo che in questo comprensorio che ha caratteristiche analoghe sia opportuno uniformare la segnaletica turistica, appunto. In questo senso stiamo facendo una concertazione con tutti i Comuni della coalizione. Ma stiamo anche facendo una opportuna concertazione naturalmente con la Sovrintendenza ai Beni Culturali e con l Ente Parco, ma la faremo anche con la provincia, con l Ente Provincia, perché è chiaro che una parte di questa segnaletica dovrà essere collocata sulle strade provinciali. 16

17 Quindi è chiaro che tutto questo lavoro di affinamento ci sta impegnando. L ufficio sta lavorando. Anche questo è un progetto che sta facendo l ufficio. Devo dire che il bando è stato ulteriormente prorogata la scadenza e scade il 10 luglio di questo anno e quindi noi impiegheremo questo tempo per affinare la progettazione che abbiamo già abbozzato, soprattutto sulla scorta di quello che viene fuori dalla concertazione. Quindi in questo senso le sollecitazioni che ci sono venute dal Consigliere Salsedo sono state raccolte e ne terremo conto anche nei prossimi mesi, prima della presentazione, in modo da definire un percorso che sia vincente. Devo dire che anche qui le risorse che abbiamo a disposizione sono molto ridotte. Il bando prevede una copertura di 4 milioni più questa integrazione che è stata fatta adesso, ma sono sempre pochi, perché ricordiamoci che questi soldi sono destinati all intera regione. Quindi, tenendo conto di questo, noi faremo la nostra parte e speriamo di arrivare in porto con successo. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Consigliere Salsedo, completi la sua replica, 3 minuti. CONSIGLIERE SALSEDO Sì, Presidente. Prendo atto anche delle dichiarazioni dell Assessore Buscaglia. Lo ringrazio per tutto quello che sta facendo e sicuramente continuerò io ancora a fare in maniera costruttiva il mio lavoro e di collaborare attivamente con l Amministrazione, grazie. PRESIDENTE CALLARI Quarta interrogazione. IV Interrogazione: Interrogazione dichiarazione del Ministro della Giustizia Onorevole Angelino Alfano sulla presunta conferenza dei 17

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 44 Seduta del 28 settembre 2006 IL CONSIGLIO COMUNALE VISTI i verbali delle sedute del 12.06.06 (deliberazioni n. 23, 24, 25, 26, 27), del 4.07.2006 (deliberazioni

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla

GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in. moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla GAMBA: Oggi noi ci troviamo ad approvare come stanno facendo in moltissimi Comuni, visto che c è la scadenza prevista dalla legge al 30 di novembre, questi assestamenti al bilancio previsionale che abbiamo

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa

11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa 11 punto all ordine del giorno: Riapprovazione piano industriale del servizio raccolta integrato dei rifiuti solidi urbani. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE Per quanto riguarda questa delibera di Consiglio,

Dettagli

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del

pubblicitario on-line sul sito del Comune di Santa Lucia del PRESIDENTE: Passiamo adesso al terzo punto all'ordine del Giorno, avente ad oggetto: " Approvazione Regolamento sponsorizzazione per la disciplina e la gestione dello spazio pubblicitario on-line sul sito

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1.

l emendamento, l art.21 del Regolamento di Polizia mortuaria: il Comune fornisce gratuitamente la cassa di cui l art.20.1.1 e 1.5.1. CONSIGLIO COMUNALE DEL 29.11.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Regolamento di polizia mortuaria. Modifiche ed integrazioni. Approvazione nuovo testo coordinato con le modifiche. Passiamo al sesto punto:

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility.

quindi la Federazione dei trasporti Astra, Federambiente e FederUtility. Giancarlo CREMONESI (Presidente nazionale di Confservizi) Buonasera. Confservizi Industria rappresenta le tre federazioni di Servizi Pubblici Locali industriali, quindi la Federazione dei trasporti Astra,

Dettagli

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il consigliere Beretta. Ha chiesto la parola la consigliera Cercelletta, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 16.12.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Sistema Bibliotecario dell Area Metropolitana di Torino, Area Ovest (SBAM Ovest) Approvazione della bozza di convenzione e della bozza

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà.

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole intervenire? Ha chiesto la parola il consigliere Vinciguerra, ne ha facoltà. CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2014 Interventi dei Sigg. consiglieri Nuovo regolamento per la disciplina dell attività e spettacolo viaggiante, circhi e simili. Abbiamo il quarto punto che è: Nuovo regolamento

Dettagli

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO

LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO LE ANALISI E LE PROPOSTE DEL SIAP SUI PRESTITI AGEVOLATI, CON RELAZIONE ALLE POLITICHE ABITATIVE IN FAVORE DEI DIPENDENTI DELLA POLIZIA DI STATO I PRESTITI AGEVOLATI SONO DELLE FORME DI FINANZIAMENTO (

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2011 I. D. N. S.n.c. Istituto Dattilografico Nuorese di Uscidda Agostina & Co. Sede legale: Via Mannironi, 125 /FAX 0784/203726 Sede operativa: Via Nonnis,

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri

CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012. Interventi dei Sigg. consiglieri CONSIGLIO COMUNALE DEL 09.03.2012 Interventi dei Sigg. consiglieri Gestione del servizio di segreteria comunale in forma associata tra i comuni di Orbassano e Villar Dora. Costituzione ed approvazione

Dettagli

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa

Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa A ACQUISIZIONE INCARICO PRESENTAZIONE DA 1 MINUTO Buongiorno vi ringrazio nuovamente per avermi invitato sono molto lieto di assistervi nella vendita della vostra casa Posso dare un occhiata veloce alla

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO;

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO; Approvato con deliberazione di G.M. n. 57 del 24/03/2003 REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA TENUTA DELL

Dettagli

Progetti di legge regionali e nazionali

Progetti di legge regionali e nazionali CONSIGLIO REGIONALE DELL EMILIA ROMAGNA OSSERVATORIO LEGISLATIVO INTERREGIONALE Roma 8-9 febbraio 2007 Progetti di legge regionali e nazionali A cura di: di Giovanni Fantozzi PROPOSTA DI LEGGE N. 108 Di

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Gentilissimo dr. Carli,

Gentilissimo dr. Carli, 1) Mail inviata il giorno 6 marzo 2014 al dr. Guido Carli, Consigliere Federale FISI, con delega allo Sci di Fondo Gentilissimo dr. Carli, da questa mattina siamo in frenetica agitazione per la copiosa

Dettagli

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo

Un laboratorio d integrazione nel cuore di Palermo Intervista a Rosita Marchese, Rappresentante Legale dell asilo il Giardino di Madre Teresa di Palermo, un associazione di promozione sociale. L asilo offre una serie di servizi che rappresentano una risorsa

Dettagli

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto,

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto, ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL COMUNE DI AOSTA, LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA E L AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA VALLE D AOSTA (A.R.E.R.) PER L AFFIDAMENTO ALL A.R.E.R DELLA GESTIONE

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.29. MISSIONE A BARI 26 gennaio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA 1/6 La seduta inizia alle 18.29. PRESIDENTE. Siamo in audizione durante la seconda missione in Puglia come Commissione parlamentare

Dettagli

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO

SO Office Solutions SOLUZIONI E MACCHINE PER UFFICIO SO Office Solutions Con la Office Solutions da oggi. La realizzazione di qualsiasi progetto parte da un attenta analisi svolta con il Cliente per studiare insieme le esigenze al fine di individuare le

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015

RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 RASSEGNA STAMPA CREDITO SPORTIVO Domenica, 13 settembre 2015 13/09/2015 Gazzetta del Sud (ed. Catanzaro) Pagina 43 Dopo sedici anni di stop

Dettagli

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento

STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE. CAPO I Istituzione e insediamento STATUTO DELLA CONSULTA PER LE POLITICHE GIOVANILI TITOLO I COSTITUZIONE Istituzione e insediamento Art. 1 Istituzione La Consulta per le politiche giovanili è istituita dal Comune di Floridia con deliberazione

Dettagli

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per

Cina pubblicizzare il nostro territorio è troppo difficile perché quel territorio è troppo vasto, io, facendo una battuta, senza volerla prendere per Verbale di Consiglio del 25 gennaio 2012 INTERPELLANZA DEI CONSIGLIERI PERNIGOTTI E OLIVERI IN MERITO AGLI STRUMENTI DA ADOTTARE PER COMUNICARE CON I PAESI EMERGENTI ED ECONOMICAMENTE FORTI COME LA CINA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI Comune di Pitigliano (Provincia di Grosseto) Comune di Pitigliano Provincia di Grosseto Allegato alla delibera del C.C. n. 40 del 28.09.2010 Il Segretario Comunale F.to Sommovigo M.P. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013

Ordine del Giorno. Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 27 Dicembre 2013 Ordine del Giorno 1. Designazione scrutatori; 2. Relazione previsionale e programmatica 2013 2015. Bilancio di Previsione 2013. Bilancio

Dettagli

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione

CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO. Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione CONSORZIO ELETTRICO INDUSTRIALE DI STENICO Allacciamento alla rete elettrica delle utenze (punti di prelievo) in bassa e media tensione Allacciamento alla rete elettrica L allacciamento è la connessione

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

Avviso pubblico per la concessione degli immobili di proprietà comunale: mulino e gualchiera

Avviso pubblico per la concessione degli immobili di proprietà comunale: mulino e gualchiera COMUNE DI SANTU LUSSURGIU Provincia di Oristano C.A.P. 09075 0783/55191 0783/5519227 e-mail: segreteria.santulussurgiu@pec.comunas.it Area amministrativa Allegato alla determinazione n. 136/A in data 02/04/2015

Dettagli

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA

GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA GARE D AMBITO. IL BANDO DI GARA Sommario: 1. Premessa. 2. Il modo di scelta per l affidamento del servizio. 3. I requisiti generali. 4. Le regole particolari per la partecipazione alle gare de quibus.

Dettagli

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea

Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Amministrazione federale delle dogane (AFD), Basilea Enzo De Maio, datore di lavoro Nella mia funzione di case manager e consulente HR della Direzione generale delle dogane, ho ricevuto una comunicazione

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico

COMUNE DI COMACCHIO. Provincia di Ferrara. Settore Territorio e Sviluppo Economico COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore Territorio e Sviluppo Economico Allegato A STUDI DI FATTIBILITA - PROGRAMMA MANUTENZIONI INTERVENTI PIANO OPERE PUBBLICHE ANNO 2014 0. PREMESSE Il programma

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due Donato ROTUNDO A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due anni fa se ci fossimo trovati in questa

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici;

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici; REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER IL MIGLIORAMENTO ESTETICO ED IL RISANAMENTO DEI CENTRI STORICI DI SCANZO E ROSCIATE ART. 1 - CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Il Comune

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/5 MISSIONE IN CALABRIA 10 marzo 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 19.45. PRESIDENTE. Buonasera. Noi abbiamo già assunto una serie di notizie che riguardano la presenza

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI

CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI TERMICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 52 del 29/09/2008

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

COMUNE DI ORTA NOVA PROVINCIA DI FOGGIA

COMUNE DI ORTA NOVA PROVINCIA DI FOGGIA COMUNE DI ORTA NOVA PROVINCIA DI FOGGIA SCHEMA DI CONVENZIONE REGOLANTE I RAPPORTI TRA LA DITTA ED IL COMUNE DI ORTA NOVA (FG) PER REALIZZAZIONE E LA GESTIONE DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA FOTOVOLTAICA

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

Contributi per il Restauro di Ville Venete

Contributi per il Restauro di Ville Venete Contributi per il Restauro di Ville Venete CARATTERE DEI FINANZIAMENTI L Istituto regionale per le Ville venete promuove l erogazione di contributi a fondo perduto per il consolidamento, manutenzione e

Dettagli

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis

Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Vincono famiglie e studenti pendolari: fino a giugno si viaggia gratis Un incontro dai toni piuttosto accesi è quello che si è svolto presso la sala consiliare del comune di Santa Croce. Da una parte genitori

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio:

Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR. s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina. ROBERT BELLOTTI Presidente del Consiglio: allegato 1) PUNTO N. 3 all O.d.G.: Pratica Sportello Unico n. 293/2009 - TECNO CAR s.n.c. di Ronconi Gianni - Ampliamento officina meccanica. Cedo la parola al Sindaco. MARCO FABBRI Sindaco: Sì, grazie

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI:

(Durante la discussione entra in aula l'assessore Nespoli). ASSESSORE ARCH. FORNONI: Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 106 avente per oggetto: programma triennale dei lavori pubblici 2008-2010. Variazione all'elenco annuale per l'anno 2008. (Durante la discussione

Dettagli

INTERVENTO ON. BERGAMINI

INTERVENTO ON. BERGAMINI Informativa urgente del Governo sul trattamento riservato ai migranti nel Centro di soccorso e di prima accoglienza di Lampedusa, come emerso in un recente filmato trasmesso dalla RAI 21 dicembre 2013

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 ================================================================= OGGETTO: INDIRIZZI SULLA VERIFICA

Dettagli

ART. 1 OGGETTO DEL BANDO

ART. 1 OGGETTO DEL BANDO BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DI CASA PEDROLLI/PELILLO DI GARDOLO ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO REGOLAMENTO DELLA CONSULTA DEL VOLONTARIATO E DELL ASSOCIAZIONISMO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del 04.05.2006 Indice ART. 1 - OBIETTIVI...2 ART. 2 - FUNZIONI DELLA CONSULTA...2

Dettagli

Un altro anno di crescita per Media Vending

Un altro anno di crescita per Media Vending edia Vending Un altro anno di crescita per edia Vending e i t e n d i v R l I e r c a t o d d e l V e n d i n g edia Vending è una dinamica rivendita che da alcuni anni opera con successo nella Provincia

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20.

BOZZA NON CORRETTA MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 11.20. 1/5 MISSIONE IN SICILIA 9 GIUGNO 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 11.20. PRESIDENTE. Buongiorno. Innanzitutto la ringraziamo e ci scusiamo del ritardo, ma stiamo finendo

Dettagli

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO

APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CICLICO FS- BORSA ATTENZIONE: ATTENDI QUALCHE SECONDO PER IL CORRETTO CARICAMENTO DEL MANUALE APPROFONDIMENTO 2 METODO CICLICO METODO CHE UTILIZZO PER LE MIE ANALISI - 1 - www.fsborsa.com NOTE SUL

Dettagli

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO

SERVIZIO PRONTO INTERVENTO CITTÀ DI MONCALIERI Settore Servizi Tecnici e Ambientali REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO PRONTO INTERVENTO INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Oggetto del Regolamento Scopo del Regolamento

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE

FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE FESI 2008: UN ANTICIPO PRIMA DI NATALE Ancora una VOLTA il SAPPE RINGRAZIA la SENSIBILITA del PRAP di BARI che E VENUTA INCONTRO alle ESIGENZE della POLIZIA PENITENZIARIA e perché NO alle RICHIESTE di

Dettagli

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni

Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni Grazie per l invito, ringrazio il vice ministro per aver inquadrato e aver illustrato le problematiche che oggi avvertiamo tutti nel campo dei beni culturali e delle attività culturali. Noi Dottori Commercialisti

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci

LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci LA FATTURA ELETTRONICA di Giuliano Marrucci FUORI CAMPO Luca Richelli insegna informatica musicale al conservatorio di Verona. E siccome di informatica ci capisce, quando a fine corso ha dovuto fare la

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

Adrano, Mancuso: Ferrante Simulatore di legalità

Adrano, Mancuso: Ferrante Simulatore di legalità Adrano, Mancuso: Ferrante Simulatore di legalità di Alice Vaccaro - 05, lug, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-mancuso-ferrantesimulatore-di-legalita/ 1 / 5 ADRANO Una proposta per Adrano questo

Dettagli

Comune di Bologna Dipartimento Economia e Promozione della Città

Comune di Bologna Dipartimento Economia e Promozione della Città Comune di Bologna Dipartimento Economia e Promozione della Città 1. DURATA - DOMANDE come fa una azienda a rendicontare l attività del 2014 non essendo ancora assegnataria del bando? Il progetto ha un

Dettagli

DOSSIER Giovedì, 05 febbraio 2015

DOSSIER Giovedì, 05 febbraio 2015 DOSSIER Giovedì, 05 febbraio 2015 DOSSIER Giovedì, 05 febbraio 2015 3 5 febbraio 04/02/2015 Il Resto del Carlino (ed. Modena) Pagina 16 «Centro storico, il tema ztl è prematuro» 1 03/02/2015 (ed. Modena)

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA

COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA COMUNE DI GALLIATE PROVINCIA DI NOVARA ART. 12 L. 7.8.1990 N. 241 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CESSIONE DI FINANZIAMENTI E DI BENEFICI ECONOMICI A PERSONE, AD ENTI PUBBLICI E SOGGETTI PRIVATI Approvato

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni

Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni Holcim (Svizzera) SA Cornelia Eberle, HR Business Partner, datrice di lavoro con Franz Schnyder, ex responsabile del Settore Servizi interni In una riunione del Comitato di direzione, la nostra direzione

Dettagli