Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 18 Marzo 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 18 Marzo 2010"

Transcript

1 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 18 Marzo 2010 PRESIDENTE CALLARI Buonasera, Consiglieri Comunali, ordine in aula, seduti che iniziamo con l appello questa seduta del Question Time. Prego, Dottoressa Inglima. Il Vice Segretario Generale procede all appello nominale dei Consiglieri. PRESIDENTE CALLARI - Iniziamo con le interrogazioni. La prima interrogazione sulla mancata erogazione del contributo per gli uffici giudiziari a firma del Consigliere De Francisci che non c è. Seconda interrogazione: Programma operativo regionale FERS , linea di intervento Bando pubblico per la realizzazione e/o riqualificazione e/o completamento di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico a firma del Consigliere Salsedo che non c è, andiamo avanti. Interrogazione N. 3: interrogazione programma operativo sempre la stessa cosa del Consigliere Salsedo, che non c è e andiamo avanti. Quarta interrogazione: dichiarazione del Ministro della Giustizia Onorevole Angelino Alfano eccetera, eccetera, a firma del Consigliere Salsedo che non c è, andiamo avanti. Interrogazione delle metodologie e delle procedure inerenti le richieste di allaccio alla utenza del gas, a firma del 1

2 Consigliere Vella che non c è, andiamo avanti. Interrogazione sulla disciplina di funzionamento del fondo regionale per l impiantistica sportiva, a firma del Consigliere Salsedo che non c è e andiamo avanti. Interrogazione sul grave stato di abbandono frazione del Villaggio Mosè, a firma del Consigliere Saeva che c è. Prego, Consigliere Saeva, le ricordo i tempi. (intervento fuori microfono) Cinque minuti, risposta dieci, replica cinque. Interrogazione sul grave stato di abbandono frazione del Villaggio Mosè, a firma del Consigliere Saeva. CONSIGLIERE SAEVA Grazie, Presidente, colleghi Consiglieri, signori della Giunta. Presidente, la mia interrogazione nasce da una constatazione di fatto, ossia che una delle zone che in questi anni ha avuto una maggiore espansione, sia da un punto di vista abitativo che commerciale, la nostra città è indubbiamente la frazione del Villaggio Mosè. A fronte di un incremento abitativo e di attività commerciali che si è avuto in questi anni, possiamo dire che non vi è stata una altrettanta attenzione da parte delle Amministrazioni che in questi anni si sono succedute per cercare di adeguare la zona del Villaggio Mosè alle nuove esigenze che si sono venute a creare. Mi spiego meglio. Vi sono delle intere zone, alcune delle zone che hanno avuto la maggiore espansione sicuramente sono state sia Villaggio Mosè che Fontanelle. Per quanto riguarda Villaggio Mosè si è assistito a nuovi insediamenti urbani, gli abitanti hanno regolarmente pagato gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria, ma vi sono interi quartieri, intere zone del Villaggio Mosè che ad 2

3 oggi sono prive di una decente struttura stradale priva di illuminazione pubblica con gravi disagi per gli abitanti. Ora io sicuramente non voglio addossare le colpe di quello che non è stato fatto a questa Amministrazione o all Assessore che di fatto se ne dovrebbe occupare, però la mia interrogazione nasce dal fatto che non ho visto in questi anni quella giusta attenzione che un quartiere così popoloso meriterebbe. Assessore Buscaglia, io so che lei lavora costantemente, cerca di mettere il massimo del suo impegno in quello che fa, però chiedo all Amministrazione intanto di porre dei rimedi, perché se noi, passando da qualsiasi strada del Villaggio Mosè, possiamo notare che vi è una mancanza, un abbandono per quel che riguarda le zone pedonali, i marciapiedi sono abbandonati, vi sono numerose buche, intere zone sono completamente al buio, per non parlare per esempio della zona di via dei Fiumi che è impercorribile, soprattutto quando ha un minimo accenno di pioggia, è impraticabile. Ora a fronte di tutto questo arrivano numerose lamentele da parte dei cittadini, che giustamente dicono: noi che siamo venuti ad abitare a Villaggio Mosè abbiamo pagato gli oneri di urbanizzazione e non abbiamo i servizi per cui abbiamo uscito questi soldi. Vi è stata probabilmente al Comune di Agrigento e forse vi è ancora una pratica non del tutto consona, ovvero quello di utilizzare i soldi che vengono incassati dagli oneri di urbanizzazione per fare altro. Purtroppo questo è il cane che si morde la coda, perché il Comune ha mancanza di liquidità, però se i cittadini pagano per avere un servizio, è giusto che quel servizio venga erogato. Io penso che anche l Assessore Buscaglia dovrebbe rimettere un po di ordine in tal senso, perché se no, visto che il Comune, le casse comunali non sono sicuramente floride, non vedo come si possa fare fronte a esigenze di questo tipo. Se i soldi che vengono incamerati per fare le opere di 3

4 urbanizzazione primaria, strade, illuminazione, vengono spesi per altro, per spesa corrente, sicuramente questi disagi non potranno mai essere attenuati e colmati. Ora quello che io chiedo all Amministrazione, all Assessore Buscaglia questa sera è un impegno per il quartiere di Villaggio Mosè per programmare degli interventi strutturali che possano sanare questa grave situazione che si è venuta a creare. È una zona a un alta percorribilità da un punto di vista delle auto. Vi sono numerosissimi insediamenti commerciali e scarsissimi servizi a fronte di questi numerosi insediamenti. Assessore, io attendo la sua risposta e poi mi riservo di replicare. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Dieci minuti per l Assessore, prego. ASSESSORE BUSCAGLIA - Il Consigliere Saeva ha certamente sollevato una questione che preoccupa l Amministrazione attiva, nel senso che noi ci stiamo trovando a dover metter mano a una situazione di disagio e di pregiudizio per anche la pubblica incolumità di molti cittadini che abitano in questa parte della città. Però devo dire che il problema non riguarda solo Villaggio Mosè, riguarda un po tutte le periferie. Ma in particolare per Villaggio Mosè abbiamo una situazione che nasce qualche decennio fa in seguito alla urbanizzazione di questo nuovo quartiere che sta a nord est di Villaggio Mosè, quindi del vecchio nucleo di Villaggio Mosè, che è un quartiere che è nato, dal punto di vista quantitativo, rilevante, e però, purtroppo, si sono fatte le case, ma non si sono fatte né le strade né le opere di urbanizzazione. Al contrario di quello che sarebbe una condotta ordinaria, cioè prima si fanno le strade, si fanno le fognature, si fa l illuminazione e dopo si fanno le case. Purtroppo da noi ad Agrigento è successo esattamente il contrario. Noi ci troviamo, quindi, di fronte a una situazione diffusa, in cui 4

5 adesso siamo costretti a sanare situazioni che abbiamo ereditato. Qua non si sta facendo il processo a nessuno, ma certamente questa situazione risale a qualche anno fa, quindi un urbanizzazione selvaggia, nel senso che non è stata fatta secondo i canoni ordinari delle buone regole delle costruzioni e purtroppo ci troviamo di fronte a dover sanare queste situazioni che sono situazioni non solo di carattere tecnico ma anche di carattere amministrativo, perché, cosa è successo nel passato? Vero è che sono stati pagati gli oneri di concessione, ma i costruttori degli edifici non hanno di fatto ceduto al Comune le aree su cui insistono queste strade, quindi abbiamo la situazione di strade di uso pubblico, ma ancora non acquisite al demanio comunale. Questa è una ulteriore complicazione che rende difficile intervenire su queste aree. Allora, certamente la strada che i cittadini che abitano lì colpe di questo genere non ne hanno sicuramente, le colpe sono di altri, certamente non di chi si è andato a comprare l appartamento e che adesso ha il diritto di arrivare in maniera dignitosa a casa sua, cosa che certe volte in inverno non succede. Non succede non solo in questa zona di Villaggio Mosè, non succede purtroppo in qualche altra parte della città. E allora dobbiamo, da un punto di vista amministrativo, sanare questo problema dall acquisizione e dal demanio di queste aree, e questo lo stiamo facendo, con gli uffici stiamo già provvedendo. (intervento fuori microfono) Dovrebbe farsi una procedura espropriativa o una gestione volontaria da parte che sarebbe la cosa più semplice e più razionale, una gestione volontaria da parte dei proprietari delle strade al Comune. Infatti stiamo attivando gli uffici per fare questo. Nel frattempo cosa stiamo facendo? Innanzitutto noi ci troviamo di fronte a una situazione che deriva dal fatto che l anno scorso noi avevamo fatto un progetto per la manutenzione delle strade di 5

6 due milioni e mezzo di euro, che abbiamo dovuto ritirare perché altrimenti correvamo il rischio di andare in dissesto. Quindi, per mancanza di liquidità siamo stati costretti a ritirarli. Questo anno ne abbiamo riproposto un altro da un milione di euro, con il quale è certamente insufficiente per coprire tutte le necessità che in questo momento, purtroppo richiede la situazione delle nostre strade, però molte cose le potremo fare. La consegna dei lavori è prevista per la prossima settimana, quindi dalla prossima settimana potremo cominciare a lavorare per sistemare non solo questa zona ma soprattutto tutte le buche, tutte le situazioni di pericolo che in questo momento impegnano le nostre strade e certamente dedicheremo particolare attenzione a questa zona di Villaggio Mosè. Certamente magari in una prima fase faremo un ricoprimento della pavimentazione con materiale arido, materiale di cava, in modo da preparare il tutto per la bitumatura che faremo successivamente. Sempre perché ci rendiamo conto che questa zona è molto abitata, è molto popolata, faremo pure una serie di interventi sulla viabilità per migliorare la viabilità esistente e mi riferisco soprattutto alla via Lucrezio che noi intendiamo trasformare in una sorta di circonvallazione di Villaggio Mosè e alla via di collegamento tra la via De Sica non mi ricordo se si chiama via De Sica, ma credo che sia quella, cioè una strada che sale verso Cozzo Mosè, con la strada della Mosella, dove anche lì c è un problema di pericolo, di innesto pericoloso, e stiamo provvedendo con progetti che abbiamo già inserito nel programma triennale a sistemare queste aree. Quindi l attenzione dell Amministrazione è massima, compatibilmente con le risorse che abbiamo a disposizione noi faremo quello che potremo fare, certamente condividiamo la preoccupazione del Consigliere Saeva che non è assolutamente degno di un paese civile avere strade in queste condizioni. 6

7 Quindi l Amministrazione farà di tutto per risolvere al più presto questo problema. PRESIDENTE CALLARI Tre minuti, Consigliere Saeva. (intervento fuori microfono) L Assessore mi dice che non è che abbia fatto l intervento che voleva, perché si sentiva disturbato da questo io mi sono sempre dimostrato abbastanza fermo quando l Amministrazione ha fatto delle azioni contro però è giusto pure che noi rispettiamo l Amministrazione, in particolar modo l Amministrazione che in questo caso deve rispondere a delle interrogazioni. Prego, Consigliere. CONSIGLIERE SAEVA Grazie Presidente. Mi ritengo soddisfatto della risposta datami dall Assessore Buscaglia che stimo personalmente e professionalmente. Naturalmente la mia soddisfazione, Assessore, lei sa, io controllerò, perché questo è il mio compito, che l impegno assunto dall Amministrazione poi si concretizzi in fatti, appunto. Per quanto riguarda l illuminazione volevo anche suggerire all Amministrazione di pensare se sia il caso valutare se si possa mettere in atto un progetto di finanza con cui magari, anche facendo attenzione a quelle che sono le fonti energetiche rinnovabili, ci sono dei progetti in atto per illuminare se non sbaglio qualche anno fa era stato pure presentato un emendamento, che poi non passò, per l illuminazione pubblica, un importo che è un progetto di finanza di circa 6 milioni di euro, che appunto prevedeva l installazione di pali della luce, alimentati da energia fotovoltaica. Non so se questa sia una strada percorribile, comunque siccome l Amministrazione sicuramente non ha la disponibilità economica per fare fronte a questi problemi, so che ci sono stati dei problemi con la società che si occupava appunto di illuminazione pubblica, potrebbe intraprendere un 7

8 percorso di questo tipo. Per il resto mi auguro che al più presto si faccia qualche cosa per migliorare le condizioni di vita degli abitanti del Villaggio Mosè. Oggi ho presentato questa interrogazione per la frazione di Villaggio Mosè, ma mi riservo di dedicare attenzione anche ad altri quartieri di Agrigento che si trovano in situazioni analoghe. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Va bene. Abbiamo concluso la trattazione della settima interrogazione. Qualche consigliere comunale mi ha chiesto come mai non ci eravamo espressi circa questo increscioso fatto che ha visto l accoltellamento del Carabiniere di Agrigento. Faccio sapere che abbiamo fatto un comunicato stampa in merito all increscioso episodio che ha visto soccombere innocentemente nell esercizio delle proprie funzioni istituzionali il Carabiniere Diego Gamberoni, rimasto vittima del folle e sconsiderato gesto di un giovane psicolabile. Esprimo all Arma dei Carabinieri la mia solidarietà a nome mio personale e dell intero civico consesso. Il fatto accaduto di per sé è gravissimo, ingiustificabile, visto che è stata messa a repentaglio la vita di un giovane lavoratore che ha scelto una professione nobile ma rischiosa. Ho il piacere di rivolgere un invito al Carabiniere Diego Gamberoni, che se vorrà, una volta guarito, e quindi speriamo al più presto, anche perché le notizie sono che sta guarendo, potrà essere gradito ospite o nel mio ufficio all interno del Palazzo, all interno di questo civico consesso per ricevere un attestato di onorificenza. Poi, leggo il regolamento che abbiamo approvato, al punto 5 dell articolo 32: L esame delle interrogazioni viene effettuato nell ordine cronologico di presentazione nel quale sono iscritte all ordine del giorno dell adunanza. Se il consigliere proponente non è presente al momento in cui deve illustrare la sua interrogazione, questa si intende decaduta, salvo che il 8

9 proponente non abbia chiesto un rinvio ad altra adunanza. Io faccio sapere che, salendo ho visto il Consigliere Salsedo e il Consigliere Vella che mi dicevano che stavano salendo e per legittimo impedimento hanno fatto leggermente ritardo. Non ho ricevuto alcuna notizia da parte del Consigliere De Francisci, quindi l interrogazione del Consigliere De Francisci, proprio lui che ha fatto 130 (intervento fuori microfono) C è una giustificazione? Io non ne so nulla. Va bè, ma la giustificazione non cambia nulla, quindi riproponiamo le interrogazioni di Salsedo e Vella. È chiaro che nulla ricevendo, dalla prossima volta al momento in cui vengono chiamati (intervento fuori microfono) Non ho ricevuto niente, è decaduta quella, non c è De Francisci, ha dichiarato che non può venire, per cui decade lo stesso, non giustifica nulla, e quindi stiamo attenti a questa presenza quando ci sono le interrogazioni. E poi ricordo, perché ho sbagliato, i tempi, sono 7 minuti per illustrare, 10 per rispondere e 3 per replicare. Consigliere Salsedo, la sua seconda interrogazione. II Interrogazione: Programma operativo regionale FERS , linea di intervento Bando pubblico per la realizzazione e/o riqualificazione e/o completamento di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico a firma del Consigliere Salsedo. PRESIDENTE CALLARI Quindi il Consigliere Salsedo interroga, sette minuti. CONSIGLIERE SALSEDO Grazie, Presidente. Signor Presidente, lo scorso 19 gennaio il Dipartimento regionale del Turismo, dello Sport e dello 9

10 Spettacolo della Regione siciliana ha pubblicato il bando con il quale intende promuovere opere pubbliche atte a consentire la migliore fruizione turistica del territorio siciliano attraverso la valorizzazione turistica delle aree urbane, riqualificanti e migliorando la qualità del tessuto urbano, affinché non vengano vanificate, tra l altro, tutte quelle azioni per l attivazione, la riqualificazione e l ampliamento dell offerta ricettiva locale e delle correlate attività di completamento. Nell ambito dell attuazione complessiva della linea di intervento 2 dell obiettivo operativo del Por , il Dipartimento regionale Turismo in questa prima fase ha emanato il presente bando per la presentazione delle istanze da parte degli enti locali della Regione Siciliana, degli enti pubblici, non economici e degli organismi di diritto pubblico per la realizzazione e/o riqualificazione e/o completamento di infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico. Alla luce delle decisioni adottate dalla Giunta di governo regionale, con deliberazione del 6 marzo 2009 l attuale disponibilità finanziaria, per gli interventi di cui al presente bando, resta così stabilita: per gli interventi di realizzazione e/o riqualificazione e/o completamento di altre infrastrutture pubbliche funzionali allo sviluppo turistico, è stata prevista la dotazione finanziaria di 20 milioni di euro, corrispondenti al 30% della dotazione finanziaria delle linee di intervento. Nello specifico, il presente bando, che è allegato alla presente interrogazione, è rivolto anche ai Comuni della Provincia di Agrigento, tra cui la città capoluogo, dove oggi riscontriamo scarse condizioni di sviluppo turistico, ma grazie al presente bando, potremmo eseguire interventi infrastrutturali, tendenti a riqualificazioni a finalità turistica degli spazi pubblici, attraverso la realizzazione e il miglioramento delle infrastrutture di superficie sia primarie 10

11 che secondarie, quali ad esempio strade interne al perimetro dei centri storici dei Comuni, strade esterne e di elevato interesse turistico, piazze, giardini, illuminazioni artistiche dei centri storici. Considerato che è trascorso quasi più di un mese dalla sua pubblicazione, il sottoscritto interpella l Amministrazione comunale al fine di conoscere se gli uffici preposti hanno già recepito il bando; se gli uffici sono a lavoro per la predisposizione e la redazione dei progetti; se esistono progetti esecutivi e di conseguenza meritevoli di finanziamento e quali progetti l Amministrazione intende presentare e a quali intende dare la priorità al fine di raggiungere l obiettivo. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Per favore un po di silenzio che l Assessore Buscaglia risponde all interrogazione. ASSESSORE BUSCAGLIA Anche in questo caso la problematica sollevata è di estremo interesse e devo dire che il Consigliere Salsedo fin da gennaio a me personalmente ma all ufficio ha segnalato la presenza della pubblicazione di questo bando e l ufficio si è immediatamente attivato. Si tratta di un bando che scade il 5 giugno del 2010, quindi abbiamo circa un mese e 40 giorni ancora di tempo, ma stiamo già lavorando da tempo. Dice giustamente il Consigliere Salsedo che c è una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro per tutta la Regione, quindi non ci sono molti soldi. Noi stiamo lavorando in due direzioni, con due progetti che abbiamo agli atti: un progetto è di più ampio respiro e un progetto invece è di rilevanza economica inferiore, proprio perché intendiamo, acquisendo le notizie necessarie naturalmente verso l Assessorato al Turismo, scegliere una delle due soluzioni, quella che ha più probabilità di essere finanziata. È chiaro che se possiamo farci finanziare quella di più ampio respiro è meglio, però in alternativa siamo pronti a presentare un altro progetto di 11

12 importo inferiore. Perché questo? Perché nel bando viene specificato che ogni Amministrazione può presentare una sola istanza. Quindi è chiaro che la dobbiamo scegliere. I due progetti quali sono? I due progetti sono: uno è quello delle piazze cioè nel senso che noi nella proposta di riqualificazione urbana che avevamo presentato l anno scorso a luglio all Assessorato Regionale delle Infrastrutture, avevamo presentato come primo progetto quello più qualificante, il rifacimento delle piazze più importanti di questa zona del centro storico, cioè piazza Pirandello, piazza San Giuseppe e piazza Lena. Queste tre piazze con le vie di collegamento, quindi vicolo Teatro, discesa Lumia e così via, fanno parte di un progetto che secondo l obiettivo dell Amministrazione dovrebbe riqualificare questa parte importante che dovrebbe essere il fulcro del centro storico, perché ricordiamoci che piazza Pirandello ha già la presenza del Teatro Pirandello, del Palazzo municipale dei Filippini e noi abbiamo in programma di completare la ristrutturazione del Museo civico. Quindi è chiaro che se riqualifichiamo questa piazza nel senso che vogliamo pensare a una piazza che sia punto di aggregazione, per esempio piazza del Campo a Siena, ma chiaramente non siamo così ambiziosi, però certamente vediamo nella piazza un posto dove possono trovarsi occasioni di sviluppo turistico importante. Quindi punti di aggregazione non solo dei nostri concittadini ma soprattutto di chi viene da fuori. Quindi questo progetto di riqualificazione delle piazze è un progetto che secondo noi dovrebbe qualificare molto bene questa parte della città, è un progetto su cui puntiamo. Ha naturalmente un importo rilevante, perché sistemare queste tre piazze e le vie adiacenti comporta una spesa di circa 2 milioni e mezzo 3 milioni, adesso non mi ricordo ma siamo su quell ordine di grandezza, e quindi noi pensiamo di partecipare con quel progetto. Se però ci 12

13 rendiamo conto che, vista la dotazione così ridotta di 20 milioni di euro per tutta la Sicilia, voi pensate parteciperà Palermo, parteciperà Catania, Messina, quindi le città grosse, ma anche tutti i paesi, quindi voi pensate bene che non è facile. Allora ci siamo preparati un progetto di riserva che abbiamo già esecutivo agli atti del Comune, redatto dall ufficio, che stiamo aggiornando nei prezzi, che è un altro intervento di riqualificazione di una parte importante del centro storico, che è il rifacimento della piazzetta San Francesco di Paola qua accanto a via Garibaldi. Un altra zona che ci sta molto a cuore, perché pensiamo che se noi, ripeto, diamo posti di incontro, dove la gente può andare a incontrarsi, può andare a sedersi in un bar a prendersi un caffè, credo che queste siano occasioni anche di sviluppo sociale ed economico. Quindi abbiamo pronto questo progetto. È un progetto di circa ,00 euro, che aggiornato arriverà a ,00 euro. Quindi siamo pronti per partecipare al bando e abbiamo le due opzioni o l una o l altra. Evidentemente quella che capiamo possa avere più probabilità di successo, porteremo avanti. In questo senso, quindi, abbiamo raccolto la sollecitazione che ci è venuta dal Consigliere Salsedo, e siamo convinti di riuscire a dare alla città un altra occasione di finanziamento e quindi di benessere sociale ed economico. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Consigliere Salsedo, 3 minuti. CONSIGLIERE SALSEDO Grazie, Presidente. Io prendo atto di quanto dichiarato dall Assessore Buscaglia, con il quale ho avuto modo in questi mesi di interloquire su questo bando e sempre per quanto riguarda questa interrogazione comunico anche all Assessore, quindi all Amministrazione, che la Regione venerdì scorso ha pubblicato delle modifiche al bando, aggiungendo altre somme. In sostanza la Regione siciliana, per quanto riguarda questo bando, 13

14 finanzia anche i costi di progettazione. Io queste modifiche con l estratto della Gazzetta lo consegno nelle mani dell Assessore, auspicando naturalmente che le cose dette dall Assessore, appunto, possano diventare realtà per gli agrigentini, grazie. PRESIDENTE CALLARI Grazie a lei. Ritengo completata la seconda interrogazione, la terza è sempre del Consigliere Salsedo. III Interrogazione: Programma operativo regionale FESR linea di intervento bando pubblico per la realizzazione di interventi nei centri di maggiore attrattiva turistica e nei siti di interesse per la migliore fruizione da parte dei visitatori, quali la realizzazione di adeguata segnaletica stradale e pannelli informativi, a firma del Consigliere Salsedo. CONSIGLIERE SALSEDO Signor Presidente. Sempre lo scorso 19 gennaio il Dipartimento regionale del Turismo, dello Sport dello Spettacolo della Regione siciliana ha pubblicato il bando con il quale si intende promuovere opere pubbliche atte a consentire la migliore fruizione turistica del territorio siciliano attraverso la valorizzazione turistica delle aree urbane, riqualificando e migliorando la qualità del tessuto urbano affinché non vengano vanificate tra l altro tutte quelle azioni per l attivazione e la riqualificazione e l ampliamento dell offerta ricettiva locale delle correlate attività di completamento. Nell ambito dell attuazione complessiva della linea di intervento 3 dell obiettivo operativo del Por , il dipartimento regionale 14

15 turismo ha emanato il presente bando per la presentazione delle istanze da parte degli enti pubblici della Regione siciliana e degli enti strumentali. Alla luce delle decisioni adottate dalla Giunta di governo regionale, con deliberazione del 6 marzo 2009 l attuale disponibilità finanziaria per gli interventi di cui al presente bando resta così stabilita. Per gli interventi dei centri a maggiore attività turistica nei siti di interesse per la migliore fruizione da parte dei visitatori, quale la realizzazione di adeguata segnaletica stradale e pannelli informativi esplicativi, è stata prevista la dotazione finanziaria di 4 milioni di euro. Nello specifico il presente bando che è allegato all interrogazione è rivolto anche ai Comuni della Provincia di Agrigento, tra cui le città capoluogo, dove oggi riscontriamo una scarsa e inadeguata segnaletica sia stradale che turistica che consente innanzitutto il miglioramento del servizio, ma soprattutto permetta ai flussi turistici un facile ingresso in città e una migliore fruizione dei siti archeologici e monumentali. Considerato che è passato un po di tempo dalla sua pubblicazione, il sottoscritto interpella l Amministrazione comunale al fine di conoscere se gli uffici preposti hanno già recepito il bando, se gli uffici sono al lavoro per la predisposizione e la redazione dei progetti e quali e quanti progetti l Amministrazione comunale intende presentare sia per quanto riguarda la segnaletica stradale e pannelli informativi turistici esplicativi sia per la realizzazione di nuovi parcheggi. Anche qui, signor Presidente, nello specifico per questo bando, così evito anche di fare la replica, la Regione siciliana ha anche venerdì pubblicato delle modifiche al bando, aggiungendo altre somme destinate alle spese di progettazione, che consegno anche all Assessore Buscaglia, grazie. 15

16 PRESIDENTE CALLARI Assessore. Risponde l Assessore Buscaglia. Prego, ASSESSORE BUSCAGLIA Anche in questo caso il Consigliere Salsedo tempestivamente aveva investito me personalmente e gli uffici di questa problematica, che noi abbiamo subito recepito e in questo senso ci stiamo muovendo. Cosa stiamo facendo? Ci stiamo occupando proprio di segnaletica, soprattutto nella zona turistica della Valle dei Templi. Abbiamo recuperato un vecchio progetto che era stato presentato al PIT qualche tempo fa, quando noi eravamo capofila del PIT Valle dei Templi e in quella occasione era stato predisposto un progetto che poi non aveva trovato copertura finanziaria. Partendo da quel progetto, lo stiamo aggiornando e integrando, però è importante precisare che chiaramente in questa progettazione ci stiamo preoccupando di fare le opportune concertazioni, perché riteniamo che una segnaletica turistica abbia una valenza sovracomunale. Probabilmente potrebbe essere utile ipotizzare una segnaletica unica per tutto il territorio del comprensorio di Agrigento, nel senso che voi sapete che noi facciamo parte di una coalizione territoriale, assieme al Comune di Favara e assieme ad altri nove Comuni, Aragona, Raffadali, Porto Empedocle, Comitini, eccetera, eccetera, anche sino a Lampedusa e Linosa, quindi pensiamo che in questo comprensorio che ha caratteristiche analoghe sia opportuno uniformare la segnaletica turistica, appunto. In questo senso stiamo facendo una concertazione con tutti i Comuni della coalizione. Ma stiamo anche facendo una opportuna concertazione naturalmente con la Sovrintendenza ai Beni Culturali e con l Ente Parco, ma la faremo anche con la provincia, con l Ente Provincia, perché è chiaro che una parte di questa segnaletica dovrà essere collocata sulle strade provinciali. 16

17 Quindi è chiaro che tutto questo lavoro di affinamento ci sta impegnando. L ufficio sta lavorando. Anche questo è un progetto che sta facendo l ufficio. Devo dire che il bando è stato ulteriormente prorogata la scadenza e scade il 10 luglio di questo anno e quindi noi impiegheremo questo tempo per affinare la progettazione che abbiamo già abbozzato, soprattutto sulla scorta di quello che viene fuori dalla concertazione. Quindi in questo senso le sollecitazioni che ci sono venute dal Consigliere Salsedo sono state raccolte e ne terremo conto anche nei prossimi mesi, prima della presentazione, in modo da definire un percorso che sia vincente. Devo dire che anche qui le risorse che abbiamo a disposizione sono molto ridotte. Il bando prevede una copertura di 4 milioni più questa integrazione che è stata fatta adesso, ma sono sempre pochi, perché ricordiamoci che questi soldi sono destinati all intera regione. Quindi, tenendo conto di questo, noi faremo la nostra parte e speriamo di arrivare in porto con successo. Grazie. PRESIDENTE CALLARI Consigliere Salsedo, completi la sua replica, 3 minuti. CONSIGLIERE SALSEDO Sì, Presidente. Prendo atto anche delle dichiarazioni dell Assessore Buscaglia. Lo ringrazio per tutto quello che sta facendo e sicuramente continuerò io ancora a fare in maniera costruttiva il mio lavoro e di collaborare attivamente con l Amministrazione, grazie. PRESIDENTE CALLARI Quarta interrogazione. IV Interrogazione: Interrogazione dichiarazione del Ministro della Giustizia Onorevole Angelino Alfano sulla presunta conferenza dei 17

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE.

OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PUNTO N. 6 DEL 27/06/2011 OGGETTO: SESTO PUNTO ALL ODG: PROGRAMMA TRIENNALE LAVORI PUBBLICI 2011-2013 APPROVAZIONE. PRESIDENTE: Prima di passare al punto successivo, volevo dire che probabilmente per quanto

Dettagli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli

progetto di riqualificazione urbana dei Lidi di Comacchio sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Allegato 1 PUNTO N. 6 all'o.d.g.: Progetto di Riqualificazione urbana Lidi di Comacchio in sostituzione del progetto di Riqualificazione Lido degli Scacchi Prestito obbligazionario "Comune di Comacchio

Dettagli

Dott. Maurizio Melucci Vice Sindaco del Comune di Rimini Assessore al Turismo

Dott. Maurizio Melucci Vice Sindaco del Comune di Rimini Assessore al Turismo Dott. Maurizio Melucci Vice Sindaco del Comune di Rimini Assessore al Turismo Il vostro convegno è sicuramente interessante, perché al di là delle valutazioni di merito che possono essere anche diverse,

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo

COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011. PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo COMUNE DI PARABITA CONSIGLIO COMUNALE DEL 9 MAGGIO 2011 PUNTO 2 O.D.G. aggiuntivo Sistemazione attrezzature sportive all interno dell area di proprietà comunale in Via Gorizia. Modifica deliberazione C.C.

Dettagli

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013

VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 VERBALE DI SEDUTA CONSILIARE DEL 28 NOVEMBRE 2013 Oggetto: Quarto Punto all OdG: Modifica Elenco Annuale LL.PP. Anno 2013 e Piano Triennale OO.PP. 2013-2015. PRESIDENTE: Quarto Punto all OdG: Modifica

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1

55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 55 del 10 GIUGNO 2003 PROT. N. 13419 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO AL PROGETTO DEL PERCORSO PEDONALE MECCANIZZATO NELLA GALLERIA DEL COMMERCIO.

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini

PUNTO 2 ALL ORDINE DEL GIORNO: Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. tantissimi anni quali sono catastalmente i confini Prego Assessore. Gianfranco Bartoloni per l esposizione del punto. PRESIDENTE: Passo la parola all Assessore DI CIAMPINO - APPARTENENZA TRA IL COMUNE DI MARINO E IL COMUNE - PIANO DI VARIAZIONE AMBITO

Dettagli

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più

Nel prossimo esercizio se non vi sarà l introduzione di nuovi tributi come tutti auspicano la previsione di incasso potrà essere ovviamente più Interventi dei Sigg. consiglieri Bilancio 2014 Ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e salvaguardia degli equilibri (art. 193 d.lgs n. 267/00 e degli art. 82 del regolamento di contabilità.

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001

Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Convegno Indicam Contraffazione, abusivismo e amministrazioni locali Milano, 31 gennaio 2001 Quali strade per il futuro? Il ruolo della regione nell ottica della devolution (*) Guido Della Frera Assessore

Dettagli

(Durante la discussione entrano in aula il sindaco e i consiglieri Bonomo, Cagnoni, Cattaneo, Ferraro; sono presenti n. 33 consiglieri).

(Durante la discussione entrano in aula il sindaco e i consiglieri Bonomo, Cagnoni, Cattaneo, Ferraro; sono presenti n. 33 consiglieri). Il presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 16 avente per oggetto: Sostegno al disegno di legge per il finanziamento statale della manutenzione delle Mura Venete e trasferimento della

Dettagli

Resoconto integrale n.97/a della seduta di audizione del 30 settembre 2014

Resoconto integrale n.97/a della seduta di audizione del 30 settembre 2014 Commissione Consiliare Speciale per il controllo delle bonifiche ambientali e i siti di smaltimento rifiuti ed ecomafie, riutilizzo dei beni confiscati Resoconto integrale n.97/a della seduta di audizione

Dettagli

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative

Comune dell'aquila. Assessore al Bilancio. Il Bilancio 2012. Le risorse e le principali iniziative Il Bilancio 2012 Le risorse e le principali iniziative Lelio De Santis Assessore al Bilancio Massimo Cialente Sindaco I perché di un bilancio quasi alla fine dell anno Il Bilancio di previsione per il

Dettagli

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO

COMUNE DI BITONTO. Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE. N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO Si trasmette in copia l esecuzione a... Il Segretario Generale COMUNE DI BITONTO Provincia di Bari COPIA VERBALE CONSIGLIO COMUNALE N. 16... del...17.02.2010. OGGETTO INSEDIAMENTO INTERVENTI VARI. L anno

Dettagli

Regione Molise -58- Resoconti Consiliari

Regione Molise -58- Resoconti Consiliari Regione Molise -58- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERROGAZIONE CON RISPOSTA ORALE E SCRITTA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FEDERICO E MANZO, PER AVERE INFORMAZIONI CIRCA LO STATO DEI LAVORI PREDISPOSTI

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A 8 a COMMISSIONE PERMANENTE (Lavori pubblici, comunicazioni) 4 o R e s o c o n t o s t e n o g r a f i c o SEDUTA DI MARTEDÌ 5 NOVEMBRE

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014

ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 ASOLA IMPEGNO COMUNE PROGRAMMA PER LE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2014 La situazione economico e sociale dalla quale partiamo per la elaborazione del nostro programma elettorale è completamente variata rispetto

Dettagli

consiglio Regionale della Campania

consiglio Regionale della Campania consiglio Regionale della Campania IV Commissione Consiiare Permanente (Trasporti, Urbanistica, Lavori Pubblici) RESOCONTO INTEGRALE N. 62 SEDUTA IV COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE DEL 21 DICEMBRE 2011

Dettagli

Interventi dei Sigg. Consiglieri. Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors

Interventi dei Sigg. Consiglieri. Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors Interventi dei Sigg. Consiglieri Approvazione delle modifiche al regolamento dell arredo urbano chioschi e dehors Passiamo al decimo punto dell ordine del giorno: Approvazione delle modifiche al regolamento

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Cessione a titolo oneroso suolo in Via Parzanese Ditta Lo Conte

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Cessione a titolo oneroso suolo in Via Parzanese Ditta Lo Conte DNO COMUNE DI ARIANO IRPINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 38 OGGETTO: Cessione a titolo oneroso suolo in Via Parzanese Ditta Lo Conte Massimino e Cusano Rocco - Sdemanializzazione - Rinvio del

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 23 del Reg. DATA: 02.03.2015 OGGETTO: Approvazione perizia giustificativa somma urgenza relativa agli interventi

Dettagli

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania

COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania COMUNE DI RIPOSTO Provincia di Catania REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETA COMUNALE Luglio 2000 Adottato con deliberazione consiliare n 29 del 25/02/2002 COMUNE

Dettagli

In qualità di responsabili del servizio clienti IKEA in Italia ricevete la lettera di protesta allegata.

In qualità di responsabili del servizio clienti IKEA in Italia ricevete la lettera di protesta allegata. In qualità di responsabili del servizio clienti IKEA in Italia ricevete la lettera di protesta allegata. - Utilizzando uno schema concettuale a vostra scelta individuate le singole defaillance del servizio

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA -------------- DELIBERAZIONE N. 71 in data: 27.11.2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO L anno

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

AGENDA DIGITALE: DECRETO DEL FARE

AGENDA DIGITALE: DECRETO DEL FARE AGENDA DIGITALE: DECRETO DEL FARE di Emanuele Bellano CONFERENZA STAMPA PALAZZO CHIGI 15/06/2013 ENRICO LETTA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO Buonasera, questo decreto rilancia l'agenda Digitale. È un intervento

Dettagli

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO

c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO INFRASTRUTTURE E TERRITORIO Pag. 51 c. MIGLIORAMENTO ED ESPANSIONE DELLE INFRASTRUTTURE E CON- SEGUENTE VALORIZZAZIONE DEL TERRITORIO Quadro di riferimento Le infrastrutture sono lo scheletro del territorio,

Dettagli

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE

Comune di Padova. Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Comune di Padova Unità di Progetto di Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE MODELLO DI INTERVENTO PER INCIDENTE STRADALE Procedura di emergenza DISTRETTO PROVINCIALE PADOVA CITTÀ Aggiorna

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432

COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 COMUNITA MONTANA DELL APPENNINO MODENA EST Via M. Tesi, 1209 41059 ZOCCA (MO) Tel. 059/987270 Fax 059/986432 SCHEDA RILEVAMENTO PROGETTO (in attuazione della Legge regionale del 20 gennaio 2004 n. 2 Legge

Dettagli

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante

Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante Adrano, Fabio Mancuso. Bilancio comunale falso e Ferrante di Alice Vaccaro - 25, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/adrano-fabio-mancuso-bilancio-comunale-falso-e-ferrante/ 1 / 6 ADRANO Ex sindaco

Dettagli

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri).

(Durante la discussione escono dall aula i consiglieri Cappuccio, Girola, Maggioni; sono presenti n. 30 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione congiunta dell interrogazione in oggetto con l interpellanza urgente n. 8 presentata dal consigliere comunale Simone Paganoni avente per oggetto: gestione del sito

Dettagli

AGENDA DIGITALE RAVENNA

AGENDA DIGITALE RAVENNA FOCUS GROUP AZIENDE 1 Sala Maraldi 13/11/2013 AGENDA PARTECIPANTI: 20 GENERE: 18 uomini, 2 donne ETA MEDIA: 48,3 NAZIONALITA : italiana COMUNE /QUARTIERE DI RESIDENZA: 14 Ravenna (chi ha specificato: 1

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7

SERVIZIO RESOCONTI BOZZA NON CORRETTA 1/7 1/7 CAMERA DEI DEPUTATI SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECIRE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI RESOCONTO STENOGRAFICO MISSIONE MARTEDÌ 14 LUGLIO 2009 PRESIDENZA

Dettagli

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45.

BOZZA NON CORRETTA. MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA. La seduta inizia alle 16.45. 1/6 MISSIONE A TARANTO 14 settembre 2010 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE GAETANO PECORELLA La seduta inizia alle 16.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio della vostra presenza, voi sapete naturalmente, anche per l impegno

Dettagli

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia.

7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. 7 punto all ordine del giorno: Cessione volontaria strada privata Giovanni Giolitti. Atto di indirizzo. PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE - Consigliere De Lucia. CONSIGLIERE DE LUCIA C. - Nulla, è giunto

Dettagli

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri).

(Durante la discussione esce dall aula il consigliere Amati; sono presenti n. 35 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno n. 53 avente per oggetto: Approvazione del progetto comportante variante agli strumenti urbanistici, relativo alla riqualificazione e potenziamento

Dettagli

VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 MARZO 2015

VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 MARZO 2015 Allegato B) VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 30 MARZO 2015 INTERROGAZIONE PRESENTATA DAL GRUPPO CONSILIARE "TERNO BENE COMUNE" IN ORDINE AL CIMITERO, ACQUA NELLE TOMBE E LAVORI ALLE CAPPELLE. Passiamo

Dettagli

Cagliari e la pedonalizzazione dei quartieri storici

Cagliari e la pedonalizzazione dei quartieri storici 1 Cagliari e la pedonalizzazione dei quartieri storici Le opinioni dei cagliaritani e gli effetti della pedonalizzazione di Marina e Villanova in una prospettiva multitarget Modulo popolazione Cagliari,

Dettagli

Comune di Polverigi. Provincia di Ancona

Comune di Polverigi. Provincia di Ancona Comune di Polverigi Provincia di Ancona Trascrizione integrale dei verbali della seduta del Consiglio Comunale del 28 novembre 2013 1) Lettura e approvazione verbali seduta precedente Appello SEGRETARIO

Dettagli

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi

Gruppo di lavoro territorio. I questionari conoscitivi Gruppo di lavoro territorio I questionari conoscitivi Aprile 2010 Presentazione Questionario sul "Puc Partecipato" a cura di Alessia Fracchia e Valentina Rivera In previsione della redazione del nuovo

Dettagli

Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 31 Agosto 2010

Comune di Agrigento. Seduta del Consiglio Comunale del 31 Agosto 2010 Comune di Agrigento Seduta del Consiglio Comunale del 31 Agosto 2010 PRESIDENTE CALLARI Iniziamo la seduta del Consiglio comunale con l appello. Prego, Segretario. Il Segretario Generale procede all appello

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. Audizione Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Commissione Camera VIII, 12.11.2015, ore 8.30 Audizione (Eventi alluvionali che hanno colpito il territorio Calabrese ed emergenza idrica

Dettagli

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1

11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 11 del 10 FEBBRAIO 2003 PROT. N. 3102 1 OGGETTO: MOZIONE PRESENTATA DAI CONSIGLIERI MENGHI E MUNAFO DEL COMITATO ANNA MENGHI IN MERITO ALLE ASSUNZIONI DI PERSONALE ATTRAVERSO PROCEDURE PUBBLICHE DA PARTE

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri. Approvazione verbali seduta precedente

CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri. Approvazione verbali seduta precedente CONSIGLIO COMUNALE DELL 11.07.2013 Interventi dei Sigg.ri Consiglieri Approvazione verbali seduta precedente Buonasera a tutti i cittadini presenti, al signor Sindaco, al segretario Emanuele dott. Mirabile,

Dettagli

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE

PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (Provincia di Livorno) PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE ED URBANISTICHE Relazione generale PROGRAMMA DI INTERVENTO PER L ABBATTIMENTO

Dettagli

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE

ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 31 MAGGIO 2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DEL CANDIDATO LORENZA OREFICE PREMESSA La nostra città ha bisogno di normalità. Dopo tanti anni di proclami e di promesse credo che sia giunto

Dettagli

PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE

PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE V Settore Servizi Al Territorio U.O. LL.PP. PIANO TRIENNALE PER LE OO.PP. TRIENNIO 2014 2016 L U.O. LL.PP. IL DIRIGENTE DEL SETTORE PROGRAMMA TRIENNALE OO.PP. TRIENNIO 2014-2016 RELAZIONE GENERALE Il presente

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A

PROVINCIA DI BERGAMO SEDUTA DEL 25 MAGGIO 2015 R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A PROVINCIA DI BERGAMO C O N S I G L I O P R O V I N C I A L E R E S O C O N T O D E L L A S E D U T A CONSIGLIO PROVINCIALE RESOCONTO L'anno DUEMILAQUINDICI, il giorno 25 del mese di MAGGIO alle ore 9:00,

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER I CRITERI DI RIPARTIZIONE E PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROCEDURA INERENTE I CONTRIBUTI INTROITATI DAL COMUNE A TITOLO DI ONERI DI URBANIZZAZIONE

Dettagli

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari

Regione Molise -25- Resoconti Consiliari Regione Molise -25- Resoconti Consiliari RISPOSTA ALL INTERPELLANZA, A FIRMA DEI CONSIGLIERI FUSCO PERRELLA, LATTANZIO, CAVALIERE,IORIO, AD OGGETTO: "CONVENZIONE TRA LE FORZE DI POLIZIA E TRENITALIA -

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

Lista degli atti linguistici più frequenti nel settore del turismo

Lista degli atti linguistici più frequenti nel settore del turismo SLEST (European Linguistic Standard for Professionals in Tourism) 2.0 1 : Project No: 2013-1-ES1-LEO05-66445 Lista degli atti linguistici più frequenti nel settore del turismo CONTENUTO 1.) all'albergo

Dettagli

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE

COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE COMUNE DI NUORO CONSIGLIO COMUNALE DEL 17 NOVEMBRE 2011 I. D. N. S.n.c. Istituto Dattilografico Nuorese di Uscidda Agostina & Co. Sede legale: Via Mannironi, 125 /FAX 0784/203726 Sede operativa: Via Nonnis,

Dettagli

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza

Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza COMUNE DI VALENZA ELEZIONE DIRETTA DEL SINDACO E RINNOVO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEL 31-05-2015 PROGRAMMA AMMINISTRATIVO DELLA LISTA N. 1: Con noi per la città Area Civica Merlino Sindaco di Valenza Cerchio

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del 15/06/2010 n. 31

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE. Seduta del 15/06/2010 n. 31 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: INTERPELLANZA presentata dal gruppo consiliare Progetto Filottrano con oggetto: "funzionamento ufficio postale e ADSL". L'Anno Duemiladieci il giorno Quindici

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015

VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 VERBALE DELL INCONTRO FORUM SCUOLA DEL 26 MAGGIO 2015 Il giorno 26 maggio 2015 alle ore 18.30, presso la Sede del Comune di Cavriago, si riunisce il Forum scuola,con il seguente ordine del giorno 1) aggiornamento

Dettagli

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità

AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità AREA SERVIZI AL CITTADINO Direzione Centrale DECENTRAMENTO E SERVIZI AL CITTADINO Direzione di Progetto Area metropolitana e Municipalità «Decentramento e Municipalità: i casi di Bologna, Napoli, Roma»

Dettagli

ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO

ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO Il Sindaco-Presidente pone in discussione il presente punto dell o.d.g. e affida la parola all Assessore di Reparto che relaziona nei seguenti termini: ASSESSORE TEMPESTA LUIGINO Le Leggi finanziarie 2002

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago.

Sono presenti i ragazzi della Scuola Primaria, della Scuola Secondaria di 1 grado e del Collegio S. Antonio di Busnago. 31 gennaio 2009 Consiglio comunale ragazzi Verbale Consiglio Comunale dei di sabato 31 gennaio 2009 La riunione si apre alle ore 11.05 con il seguente Ordine del Giorno: 1. Elezione del Sindaco 2. Varie

Dettagli

3.4.1 Descrizione del Programma

3.4.1 Descrizione del Programma PROGRAMMA N - 014 REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE DELLE OPERE PUBBLICHE E DEI BENI DEMANIALI E PATRIMONIALI RESPONSABILE ING. LEO GALLI (Il riferimento al Responsabile è puramente indicativo, individuazione

Dettagli

l'unione delle province siciliane 18 gennaio 2010 pag. 0 ANNO XXVIII - N 1 Palermo, 18 Gennaio 2010

l'unione delle province siciliane 18 gennaio 2010 pag. 0 ANNO XXVIII - N 1 Palermo, 18 Gennaio 2010 l'unione delle province siciliane 18 gennaio 2010 pag. 0 ANNO XXVIII - N 1 Palermo, 18 Gennaio 2010 IN QUESTO NUMERO Nota dell Urps all Assessore alle AA.LL. / ERRATA APPLICAZIONE NEL D.A. DELL ASSEGNAZIONE

Dettagli

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor

Trento, 9 novembre 2006. DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327. BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Trento, 9 novembre 2006 DISCUSSIONE DELLA PROPOSTA DI MOZIONE n. 327 BOMBARDA (Verdi e Democratici per l Ulivo): Grazie, signor Presidente. Io sono stato più parco nei consumi di tempo e quindi mi ritrovo

Dettagli

COMUNE DI CETONA Provincia di Siena

COMUNE DI CETONA Provincia di Siena COPIA COMUNE DI CETONA Provincia di Siena VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 32 del Reg. OGGETTO: APPROVAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE DEI LAVORI PUBBLICI 2012-2014 ED ELENCO ANNUALE 2012.

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 106 del 11.09.2014

COMUNE DI COMACCHIO deliberazione n. 106 del 11.09.2014 Gli Assessori signori: Denis Fantinuoli, Alice Carli, Sara Bellotti, Stefano Parmiani, Sergio Provasi, presenti in aula, partecipano all'odierna seduta consiliare senza il diritto di voto e senza essere

Dettagli

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA

CASA COMUNE. Trasparenza TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA ELEZIONI AMMINISTRATIVE 2015 - GELA CASA COMUNE TRASPARENZA, PARTECIPAZIONE, EFFICIENZA DEL COMUNE, CONNETTIVITÀ, COMUNICAZIONE Trasparenza In questi anni il distacco dei cittadini dalla politica ha raggiunto

Dettagli

VERBALE N. 94 del 22.12.2014

VERBALE N. 94 del 22.12.2014 VERBALE N. 94 del 22.12.2014 . Prego Assessore Mauro Scroccaro. Ancora grazie. Anche questo

Dettagli

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania

COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania COMUNE DI MISTERBIANCO Provincia di Catania Cod. Fisc. 80006270872 - Part. IVA 01813440870 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE

Dettagli

PISTOIA ED IL COMMERCIO

PISTOIA ED IL COMMERCIO Pistoia PISTOIA ED IL COMMERCIO FAR VIVERE E RILANCIARE IL COMMERCIO NEL CENTRO STORICO È NECESSARIO UN ACCORDO CONDIVISO Pistoia Confesercenti ha dimostrato di avere a cuore il commercio del centro storico.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI Comune di Pitigliano (Provincia di Grosseto) Comune di Pitigliano Provincia di Grosseto Allegato alla delibera del C.C. n. 40 del 28.09.2010 Il Segretario Comunale F.to Sommovigo M.P. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci

COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO, DEMANIO E PATRIMONIO. Oggetto: Proposta di riqualificazione su Piazza Leonardo da Vinci Al Sindaco Moratti Agli Assessori Cadeo, Croci, Simini e Terzi Al settore pianificazione mobilità e trasporti E p.c. ai Consiglieri comunali tutti COMMISSIONE AMBIENTE, PARCHI E GIARDINI, ARREDO URBANO,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETÀ COMUNALE

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETÀ COMUNALE Ufficio COMUNE DI TAVAZZANO CON VILLAVESCO REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO STRADALE DI PROPRIETÀ COMUNALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 54 DEL 29.11.2000 ART. 1 (AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali

REGOLAMENTO COMUNALE DEL BILANCIO PARTECIPATO 2015. Capo I - Disposizioni generali Comune di c Caronno Pertusella Provincia di Varese Iniziativa del Sindaco di Caronno Pertusella coordinata da Marco Giudici: Assessore Bilancio, Tributi, Attività Economiche Produttive, Tempo Libero. REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 10 del 22/01/2015 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: COMPLESSO DELL ANNUNCIATA. ACCORDO PER LA REALIZZAZIONE DI EVENTI NEL SETTORE DELLE ECCELLENZE

Dettagli

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020

BASE PROGRAMMATICA DELLA COALIZIONE PER IL RINNOVAMENTO DEL COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI 2015-2020 ELEZIONI COMUNALI DI CIVIDALE DEL FRIULI DOMENICA 31 MAGGIO 2015 Candidato Sindaco: MASSIMO MARTINA Liste a sostegno: Partito Democratico Cittadini per Massimo Martina Sindaco Alternativa Libera Cividale

Dettagli

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013

N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 VERBALE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 10/2013 Seduta del 20.11.2013 L anno 2013 addì 20 del mese di novembre alle ore 20.10 nella Residenza Municipale, previa convocazione con avvisi scritti, tempestivamente

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico

COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico COMUNE DI FAENZA Settore Sviluppo economico Analisi del procedimento di variante urbanistica accelerata di Claudio Facchini, dirigente del Settore Sviluppo economico del Comune di Faenza Edizione 1/CF/cf/11.04.2011

Dettagli

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004

COMUNE DI SOLOFRA. Piano Urbanistico Comunale L.R. 16/2004 CONSULTAZIONI PER LA DEFINIZIONE CONDIVISA DEGLI OBIETTIVI E DELLE SCELTE STRATEGICHE DELLA PIANIFICAZIONE ( Legge 241/90, art. 5 L.R.16/04 e Regolamento di attuazione per il governo del territorio della

Dettagli

IL FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE

IL FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE IL FONDO PER LE INFRASTRUTTURE PRODUTTIVE Bando relativo alla Riqualificazione ambientale di aree destinate ad insediamenti produttivi Regione Toscana D.G. Sviluppo Economico Settore Infrastrutture e servizi

Dettagli

INCUBATORE DI IMPRESE - REGOLAMENTO -

INCUBATORE DI IMPRESE - REGOLAMENTO - Pag 1/7 INCUBATORE DI IMPRESE Rev 5 del 19/07/2011 L incubatore d imprese consente di favorire il processo di sviluppo imprenditoriale, fornendo un sostegno che prevede: la disponibilità di spazi attrezzati

Dettagli

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente

Comune di Tortona Settore Territorio e Ambiente Sistema Ambiente - Indagine conoscitiva Il questionario inerente al quarto forum sul sistema infrastrutturale produttivo è organizzato in dodici domande, di cui n. 7 a risposta singola e n. 5 a risposta

Dettagli

E un idea nata per caso

E un idea nata per caso Che cos è? E un idea nata per caso E possibile realizzare ciclabili vicine, parallele o immediatamente affiancate alle grandi vie presenti nel Paese? Collegamenti sostenibili ed ecologici che permetterebbero

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI

COMMISSIONE CONSILIARE III. Sanità e Assistenza. Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI COMMISSIONE CONSILIARE III Sanità e Assistenza Seduta del 28 settembre 2011 PRESIDENZA DEL PRESIDENTE MARGHERITA PERONI Argomento n. 4 all ordine del giorno: ITR N. 3113 Bando per l'accesso alla "Dote

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/40 O G G E T T O

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/40 O G G E T T O COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/40 O G G E T T O Progetto di recupero di Sala Colonne e degli altri ambienti nella medesima

Dettagli

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto,

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto, ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL COMUNE DI AOSTA, LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA E L AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA VALLE D AOSTA (A.R.E.R.) PER L AFFIDAMENTO ALL A.R.E.R DELLA GESTIONE

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna

Alfredo Bertelli. Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Alfredo Bertelli Sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regione Emilia-Romagna Il convegno organizzato oggi dalla Prefettura di Bologna rappresenta un occasione importante di confronto. Proprio per

Dettagli

RESOCONTO STENOGRAFICO

RESOCONTO STENOGRAFICO CAMERA DEI DEPUTATI 1/6 SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONE PARLAMENTARE DI INCHIESTA SULLE ATTIVITÀ ILLECITE CONNESSE AL CICLO DEI RIFIUTI E SU ILLECITI AMBIENTALI AD ESSE CORRELATI RESOCONTO STENOGRAFICO

Dettagli