Centro di Ricerca Eugenia Menni. I primi 10 anni del CREM CREM s first 10 years

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Centro di Ricerca Eugenia Menni. I primi 10 anni del CREM CREM s first 10 years"

Transcript

1 Centro di Ricerca Eugenia Menni 2002 I primi 10 anni del CREM CREM s first 10 years 2012

2 Il caso favorisce solo le menti preparate. Chance favours only the prepared mind. Louis Pasteur 3

3 4

4 Indice Index 1. Il CREM: Mission e struttura organizzativa pag. 11 CREM: Mission and organizational structure 2. Attività di Ricerca pag. 25 Research activity 3. Attività formativa promossa dal CREM pag. 107 Educational activities promoted by CREM 4. La nascita di IPLASS pag. 113 The birth of IPLASS 5. Altri momenti da ricordare dei 10 anni di attività Other moments to remember from the first 10 years pag Gestione finanziaria del CREM pag. 135 Financial Management of CREM 5

5 Messaggio del Presidente La celebrazione del 10 anniversario di fondazione del Centro di Ricerca intitolato a Madre Eugenia Menni non poteva avvenire in un momento più significativo dell attuale, caratterizzato dalla assegnazione del premio Nobel 2012 per la Medicina a due scienziati (Shinya Yamanaka e John Gurdon) impegnati sul fronte della ricerca sulle cellule staminali. Si tratta di una fortunata coincidenza che valorizza, in modo indiretto ma estremamente significativo, il grande lavoro compiuto dal gruppo di ricerca guidato dalla dottoressa Ornella Parolini che, all interno di un prestigioso network di scienziati internazionali, ha il merito di aver sempre creduto nella possibilità di recuperare dalle cellule placentari le opportunità per favorire la rigenerazione dei tessuti e la cura di tante malattie oggi precluse alla cura efficace. Dopo anni in cui la scienza ufficiale ha osservato con sufficienza e scetticismo la possibilità di ricercare la potenzialità staminale al di fuori delle cellule embrionali umane, giunge finalmente un riconoscimento di altissimo livello e di autorevole contenuto che non può che rendere soddisfatti tutti coloro che hanno sostenuto, in questi anni, l attività di tutti i ricercatori impegnati in questo particolare fronte di attività. I motivi di soddisfazione sono quindi evidenti per tutti coloro che hanno intuito, oltre 10 anni fa, la possibilità di contribuire, all interno di Poliambulanza, a far nascere un iniziativa ed un impegno finalizzati a costruire un legame culturale tra la cura e la ricerca e a promuovere il costante confronto con la comunità scientifica internazionale. Il CREM ha dato prova, in questo decennio, di saper tenere il passo con le sfide più avanzate della scienza ed ha anche saputo interpretare la capacità di coagulare risorse e disponibilità per sostenere la propria attività con il contributo degli Enti esterni, pubblici e privati, mettendo a frutto la propria credibilità e la capacità di relazionarsi con la comunità in cui è inserito. Costituisce quindi un modello di cui la Fondazione Poliambulanza è orgogliosa e dal quale ci si attende per il futuro un estensione ancora maggiore dei legami con le Istituzioni e con i circuiti più avanzati del mondo scientifico. Dott. Enrico Broli Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Poliambulanza 6

6 Message from the President The ten year anniversary celebrations of the Research Centre dedicated to the memory of Mother Eugenia Menni could not have fallen during a more significant time than the present, which has also been marked by the awarding of the 2012 Nobel Prize for Medicine to two scientists (Shinya Yamanaka e John Gurdon) who are working in the field of research into stem cells. This event represents a fortunate coincidence which, in an indirect yet extremely significant manner, serves to validate the tireless work of the group directed by Dr. Ornella Parolini, who must be credited for their unwavering belief in the possibility that the placenta may represent a source of cells which could aid in tissue regeneration and the treatment of disease conditions for which no cures are currently available. After many years of being viewed with skepticism by the broader scientific community, the possibility of finding stem cells from sources other than the human embryo has finally gained high-profile recognition, which would surely provide immeasurable satisfaction to those have sustained the activities of researchers in the field over recent years. The rewards which we are now beginning to see are therefore shared by all of those who, ten years ago, began to dedicate their hard work toward realizing a shared goal of creating a cultural link within the Poliambulanza Institute between patient care and scientific research, whilst also promoting constant cross exchange between this centre and the international scientific community. Over the last decade, CREM has proven its ability as a Research Centre to keep pace with the most advanced frontiers in science, whilst also managing its resources in such a way as to ensure the continuity of its research activities. This has been assisted by contributions from external entities, both public and private, which are testament to the strongly held reputation which CREM has established within the broader community. CREM therefore represents a model which the Poliambulanza Foundation views with great pride, and whose continued growth we look forward to witnessing as it continues to extend links with Institutes and networks worldwide which are at the forefront of scientific research. Dr. Enrico Broli Chairman of the Administrative Board of Poliambulanza Foundation 7

7 A coloro che hanno contribuito alla crescita del CREM Il CREM compie dieci anni, una vita significativa per un laboratorio. Solitamente la mia mente si protende in avanti pensando alla pianificazione di un progetto futuro, ma oggi desidero fermarmi e volgo lo sguardo sugli anni trascorsi nelle mura di questo Centro di Ricerca. Prendo in mano i risultati ottenuti: 27 progetti finanziati da enti nazionali o internazionali, 46 pubblicazioni, 77 invited lectures, 55 abstract con presentazioni a congressi, di cui più del 90% internazionali, la creazione di una società scientifica internazionale IPLASS. Sono numeri rilevanti, se pensiamo che la media del personale del CREM durante questi anni è stato di circa 8-10 persone e tutti giovani alla loro prima esperienza. Ma questi sono solo numeri. Io penso a tutti voi che oggi siete al CREM e a tutti quanti vi siete passati e oggi siete professionisti in altri laboratori in Italia o in giro per il mondo o magari avete fatto altre scelte. Ringrazio tutti, uno ad uno, coloro che per periodi brevi o lunghi si sono messi alla prova in questo laboratorio e hanno contribuito alla sua crescita e tutti lo hanno fatto! Il grande mosaico, infatti, è composto di piccoli tasselli che hanno colori diversi e forme diverse, ma tutti svolgono un ruolo fondamentale perché l immagine prenda forma. Il mio augurio è che il CREM, oltre a qualche nozione e competenza abbia lasciato a tutti voi il desiderio di conoscere e di aprire le vostre menti e la volontà di scegliere per il bene, sempre. Questo è ciò di cui la ricerca ha bisogno oggi. Forse era una idea naïve quella di creare dal nulla un centro di ricerca, tuttavia da una semplice intuizione iniziale di studiare il potenziale della placenta umana, al CREM siamo passati all isolamento delle cellule, alla caratterizzazione di queste e alla sperimentazione in modelli pre-clinici. E la sperimentazione clinica pare davvero vicina. Dovremmo ritenerci molto fortunati, perché in pochi anni è come se avessimo potuto vedere e vivere il ciclo della ricerca biomedica: dallo studio del campione biologico, alle prove per un possibile utilizzo clinico, che speriamo di poter prevedere nei prossimi dieci anni. Grazie a tutti coloro che all interno dell ospedale o al di fuori di questo hanno continuato a credere nel nostro lavoro e ad aiutarci, sostenendo in modo diverso il nostro impegno. In momenti difficili, tutti ci preoccupiamo del futuro, dell ignoto che ci sta di fronte. La ricerca, però, ci ha insegnato che non è ciò che non conosciamo che ci deve fare paura, anzi, la ricerca fa del non-ancora-conosciuto una meta desiderata e la ragione del suo impegno. Per questo, a dieci anni dall avvio di questa avventura, con fiducia e forza continuiamo il cammino e chiediamo a Madre Eugenia Menni, a cui il nostro laboratorio è dedicato, di vegliare su di noi, sulla nostra ricerca, sulle scelte importanti e che ci illumini nella scelta del bene perché il CREM possa continuare ad essere un esempio concreto di una ricerca biomedica che mira a prendersi cura della persona ammalata e fragile nel rispetto di ogni vita umana. Ornella Parolini Direttore del Centro di Ricerca E. Menni 8

8 To those who have helped CREM to grow CREM has now reached its tenth year of research activities - a significant milestone for a laboratory. Usually, my mind is focused on the future and the planning of new projects, but today, I would like to take a moment to pause and reflect on the past decade. To date, we have achieved many results to be proud of: 27 projects financed by both national and international entities, 46 publications, 77 invited lectures, 55 abstract presentations at different meetings, 90% of which were international, and the creation of the international scientific society IPLASS. These are impressive figures, especially considering that the average number of CREM staff at any given time has been between 8 and 10, all of whom were young researchers undertaking their first experience in the world of scientific research. However, although important, these are simply numbers, and so my thoughts extend even more so to the people of CREM; those of you who are here today, as well as those who have passed through our doors and now work in other laboratories in Italy or internationally, and even those who have since chosen a different career direction. I thank all of you who have challenged yourselves here, either for brief or extended periods, helping CREM to grow into the Research Centre that it is today, just as a mosaic comes together through joining of different pieces, each of different shape and colour, but each of which plays an essential role in the final piece. Aside from instilling in you a few ideas and skills, I hope that CREM has also given you all a desire to embrace knowledge with an open mind, and to aim to always make choices for a greater good. Now more than ever, scientific research requires such an attitude. Perhaps the idea of creating a research centre from nothing was naive; however, from a simple initial idea of studying the therapeutic potential of human placenta, CREM progressed to isolation and characterization of placental cells, as well as assessment of their effects in preclinical models. Now, clinical experimentation using these cells seems truly within visible reach. We should therefore consider ourselves fortunate, given that in a relatively short time, we have been able to see and live the cycle of biomedical research: from the study of biological samples to the assessment of their clinical potential, which we hope will come to fruition in the next ten years. I also thank all those, both within the Poliambulanza Foundation hospital as well as outside, who have continued to believe in and support our work, thereby contributing in their own way to our research. In moments of difficulty, we all tend to worry about the future and the unknowns ahead. Research, however, has taught us not to fear the unknown, instead drawing on it both as a focus and an inspiration to continue. For this reason, ten years since commencing this adventure, we continue our journey with hope and strength, and ask Mother Eugenia Menni, to whom our laboratory is dedicated, to guide us in our research and to light our path to ensure that our choices always serve the greater good of research, so that CREM may continue to be a concrete example of biomedical research which serves to treat the sick whilst maintaining full respect for human life. Ornella Parolini Director of Centro di Ricerca E. Menni 9

9

10 1. Il CREM: Mission e struttura organizzativa CREM: Mission and organizational structure

11 Il CREM: Mission e struttura organizzativa - Report Obiettivi e Mission del CREM Il Centro di Ricerca Eugenia Menni (CREM) della Fondazione Poliambulanza, Istituto Ospedaliero, nasce nel 2002 all interno dell Ospedale Poliambulanza, come luogo di studio e di ricerca, dedicato alla memoria di Madre Eugenia Menni, la quale volle fortemente un centro di ricerca accanto ad una struttura ospedaliera con l obiettivo di integrare due realtà ormai indistinguibili della medicina moderna: la ricerca e l assistenza al malato. Il Centro nasce con obiettivi e programmi ben precisi: Realizzare un centro di ricerca all interno di un Istituto, quale la Fondazione Poliambulanza, condividendone pertanto aspirazioni, ideali, valori ed obiettivi. Fare ricerca di base con l attivazione di progetti in alcuni settori specifici nelle discipline che comprendono la biologia molecolare e la biologia cellulare nel campo biomedico. Fare ricerca applicata trasferendo le acquisizioni tecnico-metodologiche più avanzate alle esigenze cliniche così da poter raggiungere il fine ultimo: integrazione tra ricerca e assistenza al malato. Educare alla ricerca, favorendo programmi di formazione per giovani ricercatori. Creare un ambiente internazionale promuovendo stage all estero ed ospitando ricercatori stranieri. Implementare e continuare a migliorare un sistema di controllo dei processi della ricerca. MISSION Credere nella ricerca come fonte di conoscenza, operare con entusiasmo scientifico sulle frontiere più avanzate della ricerca biomedica, creare vere competenze professionali, favorire collaborazioni scientifiche nazionali e internazionali e da questi presupposti elaborare strategie terapeutiche a servizio dell uomo nel rispetto della vita. 12

12 CREM: Mission and organizational structure - Report Objectives and Mission of CREM Centro di Ricerca Eugenia Menni (CREM), of the Poliambulanza Foundation Hospital Institute, was created in 2002 within Poliambulanza Hospital as a research and study centre dedicated to the memory of Mother Eugenia Menni, whose strong wish was to establish a research centre side by side with a structure which operated to care for the sick, thereby integrating two complementary aspects of modern medicine, namely, research and patient care. The research centre was created with the following specific objectives and programmes: Creation of a research centre, within the Poliambulanza Institute, which shares the Institute s aspirations, ideals, values and objectives. Conducting of basic research in the biomedical field, through the undertaking of projects in specific sectors that encompass molecular and cell biology. Conducting applied research, transferring the most advanced technico-methodological developments to existing clinical needs, in order to fulfil the final aim of integrating research and patient care. To contribute to the advancement of scientific research, while favouring initiatives for the professional development of young researchers. Creation of an international environment, promoting international exchanges and hosting of researchers from overseas. Implementing and striving for continual improvement of an auditing system for the centre s research practices. MISSION To believe strongly in research as a source of knowledge, to work with scientific enthusiasm at the most advanced frontiers of biomedical research, to create true professional competencies, to favour national and international scientific collaborations from these elements, to develop therapeutic strategies which aim to serve mankind, whilst maintaining respect for human life. 13

13 Il CREM: Mission e struttura organizzativa - Report Il Team del CREM CREM's Team Il gruppo di lavoro diretto dalla Dr.ssa Ornella Parolini è formato attualmente da ricercatori, post-doc, dottorandi, consulenti multidisciplinari, tecnici e impiegati. The group directed by Dr. Ornella Parolini currently includes researchers, post-doctoral fellows, PhD students, multidisciplinary consultants, technicians and administrative staff. Direttore / Director il CREM oggi / THE CREM TEAM TODAY Ornella Parolini, PhD Segreteria e Amministrazione / Administration Studente / Student Elena Sartorelli Elena Deboli Pietro Romele Post Doc e Ricercatori / Post Doc and Researchers Anna Cargnoni, PhD Marta Magatti, PhD Daniele Rossi, PhD Assistenti alla Ricerca / Research Assistants 14 Dr.ssa Ester Cotti Piccinelli Dr. Stefano Pianta Patrizia Bonassi Signoroni Silvia De Munari Elsa Vertua

14 CREM: Mission and organizational structure - Report Consulenti / Consultants Maddalena Caruso, PhD Marco Evangelista, B.Sc Federica Piccolo, PhD Laura Rossi, PhD Georg S. Wengler, MD, PhD, MBA Nel corso di questi dieci anni hanno collaborato al CREM diverse figure professionali, alcune delle quali hanno svolto il tirocinio per la tesi di laurea e di dottorato, altri il loro primo o secondo post-dottorato, altri ancora la formazione per la scuola di specializzazione. A tutti va un ringraziamento per aver contribuito alla realizzazione del CREM. Over the past ten years, various professionals have collaborated with CREM, some of whom undertook training for their degree or postdoctoral thesis at CREM laboratories, others of whom undertook their first or second postdoctoral fellowships here, whilst some worked at CREM as part of their specialist training. Thanks to the following professionals for their contribution to the shaping of CREM: Stefano Acali Luigi Baglioni Silvia Baiguera Marco Bailo Luciana Barros Sant Anna Arianna Beduschi Maria Oliva Bufano Antonella Bugatti Francesca Calamani Marta Cherubini Victor Ion Ciocotisan Nicola Comincini Teresa De Gregorio Marco Denegri Stefania Fontana Anna Franzoni Sara Ganzerla Annalisa Gervasoni Lucia Gibelli Alessandra Gregori Maria Grazia Marin Jelena Miharija Skripac Carmelo Milioto Rina Mayela Monasterio Muñoz Claudia Nassuato Lorenzo Ressel Emanuele Ricci Silvia Sanzone Antonietta Silini Maddalena Soncini Ivan Tagliaferri Elena Tarricone Daniela Telaro Alessandra Tosini Barbara Valetti Daniela Zatti 15

15 Il CREM: Mission e struttura organizzativa - Report Advisory Board Per garantire un appropriato controllo della gestione e della conduzione delle linee di ricerca e per poter così assicurare una produzione scientifica di alto livello è stato costituito un Advisory Board Internazionale che valuta l organizzazione e l attività di ricerca del laboratorio. In order to guarantee proper monitoring in the management and undertaking of research lines, thereby ensuring scientific output of the highest level, an International Advisory Board was established to review the organizational activities and research practices of the laboratory. L Advisory Board è formato da: The Advisory Board consists of: Dr. Mark Larché, Canada Research Chair in Allergy & Immune Tolerance and Professor in the Department of Medicine at McMaster University, Hamilton, Canada. Dr. Fabio Candotti, Head of Disorders of Immunity Section, Genetics and Molecular Biology Branch, National Human Genome Research Institute, National Institutes of Health, Bethesda, United States. Dr. Ignacio J. Molina, Professor of Immunology and Vice-Rector for the Health Sciences Technology Park, Institute of Biopathology and Regenerative Medicine and School of Medicine, Center for Biomedical Research, University of Granada, Spain. Advisory Board Meeting, April,

16 CREM: Mission and organizational structure - Report Collaborazioni Collaborations La ricerca scientifica richiede la collaborazione, a diversi livelli e spesso di tipo interdisciplinare, di esperti nei vari settori per poter avere una visione il più completa possibile delle problematiche da affrontare e per identificare le modalità di approccio più adeguate. Scientific research is aided by collaborations at different levels which are often interdisciplinary in nature, drawing on the knowledge of experts from various fields in order to obtain the most comprehensive vision possible regarding problems which are to be addressed and the most appropriate methods of doing so. Collaborazioni interne all Istituto Poliambulanza Internal collaborations within the Poliambulanza Institute Fondamentale è la collaborazione con l Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia che permette, grazie ad un assidua cooperazione, di avere a disposizione, dopo l ottenimento del consenso informato da parte delle madri, numerose placente post-parto per la ricerca. The establishment of an ongoing collaboration with the Obstetrics and Gynaecology Unit of Poliambulanza Hospital represented a fundamental step for CREM, which allow access to a plentiful supply of term placentas post-partum after the obtaining of maternal informed consent. Altre collaborazioni del nostro Istituto: Other collaborating Units within the Poliambulanza Institute: Unità Operativa di Anatomia Patologica, Unità Operativa di Oncologia, Unità Operativa di Radioterapia, Unità Operativa di Endoscopia Digestiva, Unità Operativa di Ortopedia e Traumatologia, Punto Prelievi. Dalla mission del CREM: favorire collaborazioni scientifiche nazionali e internazionali From CREM s Mission: To favour national and international scientific collaborations 17

17 Il CREM: Mission e struttura organizzativa - Report Nel corso degli anni sono state inoltre instaurate collaborazioni esterne con gli Istituti di Ricerca di seguito riportati: Over the years, external collaborations have also been established with the following Research Institutes: Collaborazioni con Istituti nazionali Collaborations with national Institutes Spedali Civili, Brescia Laboratorio di Biotecnologie Chirurgia Generale I Servizio Immuno-Trasfusionale Istituto Clinico S. Anna, Dipartimento di Alta Energia e Radioterapia, Brescia IRCCS Centro San Giovanni di Dio Fatebenefratelli, Brescia IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, Laboratorio Analisi, Roma Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna di Brescia Politecnico di Milano, Dipartimento Bioingegneria, Laboratorio di Biomateriali, Milano Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli, Roma Università degli Studi di Milano Facoltà di Agraria, Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali Facoltà di Medicina Veterinaria, Dipartimento di Scienze e Tecnologie Biomediche Dipartimento di Scienze Veterinarie e Sanità Pubblica Sezione di Riproduzione, Ospedale Grandi Animali, Polo Veterinario di Lodi Università Amedeo Avogadro del Piemonte Orientale, Dipartimento di Scienze Mediche, Novara Università degli Studi di Palermo, Dipartimento Biomedicina Sperimentale e Neuroscienze Cliniche BIONEC, Sezione Anatomia Umana, Palermo Università degli Studi di Sassari, Dipartimento di Biologia Animale, Sassari Università degli Studi di Teramo, Dipartimento di Scienze Biomediche comparate Sezione Fisiologia, Teramo Università degli Studi di Torino, Dipartimento Discipline Ginecologiche e Ostetriche, Torino 18

18 CREM: Mission and organizational structure - Report Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Neuroscienze, Sezione di Farmacologia cellulare e Molecolare, Milano Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto Tecnologie Biomediche, Milano Agenzia Regionale per la Ricerca in Agricoltura della Regione Autonoma della Sardegna, Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali, Olmedo ISMETT-UPMC, Palermo Centro di Ricerche e Applicazioni Biotecnologiche in Chirurgia Cardiovascolare Piera Santambrogio, Milano Istituto Auxologico Italiano, Milano Istituto Oncologico Europeo, Milano Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri, Milano Dipartimento di Biochimica e Farmacologia Molecolare Dipartimento di Neuroscienze, Laboratorio di Infiammazione e Malattie del Sistema Nervoso. Collaborazioni con Istituti internazionali Collaborations with international Institutes University of Antwerp, Belgium Medical University of Graz, Institute of Cell Biology, Histology and Embriology, Austria Ludwig Boltzmann Institut Traumatologie, Austria Red Cross Blood Transfusion Service of Upper Austria, Austrian Cluster for Tissue Regeneration, Austria University of Munich, Department of Cardiac Surgery, Germany University Hospital Virgen de la Arrixaca, Laboratory of Molecular Oncology and TGFß, Spain University of South Florida, Department of Neurosurgery, USA National Institutes of Health, Genetics and Molecular Biology Branch National Human Genome Research Institute, USA Medical College of Georgia, Department of Neurology, USA University of Vale do Paraiba Institute of Research and Development, Brazil Monash Institute of Medical Research, Monash University, Centre for Reproduction and Development, Australia 19

19 Il CREM: Mission e struttura organizzativa - Report University of Hong Kong, Department of Orthopaedics and Traumatology, Li Ka Shing Faculty of Medicine, Hong Kong, People s Republic of China Hospital of Academy of Military Medical Sciences, Laboratory of Oncology, People s Republic of China West China Hospital, Sichuan University, Division of Stem Cell and Tissue Engineering, Regenerative Medicine Research Center, People s Republic of China Collaborazioni con ditte nazionali ed internazionali: Collaborations with national and international companies: Areta International Srl, Italia. D-namic Srl, Italia Gexnano Srl, Italia IZO Spa, Italia Toma Advanced Biomedical Assays Spa, Italia Auxocell Laboratories Inc, USA Celgene Corporation - Celgene Cellular Therapeutics, USA Pluristem Therapeutics Inc, Israel 20

20 CREM: Mission and organizational structure - Report Il CREM ha potuto contare, oltre che su collaborazioni scientifiche in ambito accademico e ospedaliero, anche sulla collaborazione di altri servizi, dipartimenti e unità dell Istituto Poliambulanza di cui fa parte e di seguito riportate: As well as benefiting from scientific collaborations with the academic and clinical fields, the work of CREM is also supported through collaboration with the following service providers, departments and units of the Poliambulanza Institute, to which CREM itself also belongs: Consiglio di Amministrazione Affari Societari e Legali Direzione Generale Direzione Sanitaria Direzione Amministrativa Ufficio Personale Contabilità e Controllo Ufficio Formazione Ufficio Comunicazione Magazzino Economale Farmacia interna Ufficio Tecnico Servizio Prevenzione e Protezione Centro di Controllo Ingegneria Clinica Sistemi Informativi Logistica Ufficio Acquisti Servizi Esternalizzati Servizio Sterilizzazione Fisica Sanitaria 21

21 Il CREM: Mission e struttura organizzativa - Report Il Sistema di Gestione Qualità secondo la norma UNI EN ISO 9001:2008 Il Centro di Ricerca E. Menni (CREM), fin dall inizio della sua attività, ha scelto di operare secondo i canoni della Qualità, principi che si ritrovano nella mission del CREM. Il Sistema di Gestione della Qualità del CREM ha lo scopo di migliorare l organizzazione del laboratorio al fine di perseguire e garantire i criteri fondamentali della qualità, identificati nell efficienza, efficacia, uguaglianza, etica e soddisfazione degli operatori. Per tale motivo il Sistema di Gestione della Qualità non include solo aspetti relativi all esecuzione e al monitoraggio delle attività del laboratorio ma è anche l espressione dell intera gestione organizzativa che coinvolge tutta la vita del laboratorio. I processi principali del CREM sono rappresentati dalla progettazione ed esecuzione dell attività di ricerca; il Sistema di Gestione della Qualità garantisce che tali processi, così come le attività correlate, quali la gestione del personale, dei dati, degli strumenti e dei supporti di lavoro, siano effettuati con uno standard qualitativo elevato. A tal fine tutti i processi applicati presso il CREM sono documentati e monitorati attraverso l utilizzo di documenti e strumenti di supporto, che ne assicurano l avanzamento attraverso l applicazione di procedure adeguate e la disponibilità di risorse appropriate. Nell ambito della gestione di qualità del laboratorio, l obiettivo permanente del CREM è il miglioramento continuo del laboratorio nel suo complesso, pertanto, gli obiettivi che ci si prefigge di raggiungere sono finalizzati a: - aggiornare e sviluppare in modo continuo il Sistema di Gestione della Qualità con particolare riferimento alla struttura, ai processi e alla produzione scientifica; - promuovere all interno del gruppo la consapevolezza che lavorare secondo le linee guida del Sistema di Qualità consente di incrementare l efficacia e l efficienza con cui viene svolto il lavoro. Il CREM ha ottenuto dal TÜV ITALIA la certificazione del Sistema di Gestione della Qualità in conformità ai requisiti della norma UNI EN ISO 9001:2008, nel campo di applicazione relativo a Laboratorio di ricerca di base di Biologia Molecolare e Cellulare Applicata al Settore Biomedico ( EA 38c, 34). Certificazione ottenuta nel 2005 e rinnovata ad oggi. 22

22 CREM: Mission and organizational structure - Report Quality Management System in Accordance with the Standard UNI EN ISO 9001:2008 Since its beginning, Centro di Ricerca E. Menni (CREM) has chosen to operate in accordance with stringent guidelines for Quality, which themselves reflect the spirit of CREM s mission. The Quality Management System at CREM is aimed at promoting continual improvement in the organization of the laboratory, in order to guarantee the meeting of specific criteria which are used to define quality, namely: efficiency, efficacy, equality, ethics and worker satisfaction. For this reason, the Quality Management System considers not only aspects relating to the execution and monitoring of CREM s scientific activities, but also accounts for the overall organizational management of the laboratory, which considers all aspects of laboratory life. The primary activities of CREM are manifested in the planning and execution of research activities; the Quality Management System guarantees that these activities, as well as their correlated processes, such as management of personnel, data, equipment and other work support materials, is carried out to a high standard at all times. To this end, all activities undertaken at CREM are documented and monitored through the use of support documents and instruments, which ensure advancement through the application of appropriate procedures and the availability of adequate resources. Within the laboratory s Quality Management System, the permanent aim of CREM is that of achieving continual improvement in the laboratory as a whole, with the following specific objectives: - Continuous updating and development of the laboratory s Quality Management System, with particular attention to the laboratory s structure, processes and scientific output; - Promotion amongst staff of an awareness that operating in accordance with a Quality Management System will foster an increase in the efficacy and efficiency with which work is undertaken. CREM has obtained certification of its Quality Management System from TÜV ITALIA according to the guidelines of the Standard UNI EN ISO 9001:2008 as a Research Laboratory of Molecular and Cell Biology applied to the Biomedical Field (EA 38c, 34). This certification was first gained in 2005 and has been continuously renewed until today. 23

CELLULE STAMINALI DA TESSUTO ADULTO

CELLULE STAMINALI DA TESSUTO ADULTO FONDAZIONE INIZIATIVE ZOOPROFILATTICHE E ZOOTECNICHE BRESCIA ASSOCIAZIONE ITALIANA COLTURE CELLULARI-ONLUS (ITALIAN BRANCH OF THE EUROPEAN TISSUE CULTURE SOCIETY) CENTRO SUBSTRATI CELLULARI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO

Dettagli

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società

F ondazione Diritti Genetici. Biotecnologie tra scienza e società F ondazione Diritti Genetici Biotecnologie tra scienza e società Fondazione Diritti Genetici La Fondazione Diritti Genetici è un organismo di ricerca e comunicazione sulle biotecnologie. Nata nel 2007

Dettagli

Il differenziamento cellulare

Il differenziamento cellulare Liceo Classico M. Pagano Campobasso Docente: prof.ssa Patrizia PARADISO Allieve (cl. II sez. B e C): BARONE Silvia Antonella DI FABIO Angelica DI MARZO Isabella IANIRO Laura LAUDATI Federica PETRILLO Rosanna

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree magistrali in biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 00-0. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea Magistrale in

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

English-Medium Instruction: un indagine

English-Medium Instruction: un indagine English-Medium Instruction: un indagine Marta Guarda Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari (DiSLL) Un indagine su EMI presso Unipd Indagine spedita a tutti i docenti dell università nella fase

Dettagli

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA

LA STORIA STORY THE COMPANY ITI IMPRESA GENERALE SPA LA STORIA ITI IMPRESA GENERALE SPA nasce nel 1981 col nome di ITI IMPIANTI occupandosi prevalentemente della progettazione e realizzazione di grandi impianti tecnologici (termotecnici ed elettrici) in

Dettagli

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori

ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori ONCOLOGIA OGGI Animali e Uomo Alleati Contro i Tumori Venerdì 12 giugno 2009 ore 08.30 14.00 COMUNE DI ROMA Palazzo Senatorio- Aula Giulio Cesare P.zza del Campidoglio - Roma LE BIOBANCHE IN MEDICINA VETERINARIA

Dettagli

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923

APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 APPROFONDIMENTO PROGETTO DI RICERCA IRST IRCCS cod. L3P923 Titolo del progetto Studio dell'interazione tra le cellule del midollo osseo e le cellule tumorali del cancro alla mammella in piattaforme tridimensionali

Dettagli

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years

HIGH PRECISION BALLS. 80 Years HIGH PRECISION BALLS 80 Years 80 ANNI DI ATTIVITÀ 80 YEARS EXPERIENCE ARTICOLI SPECIALI SPECIAL ITEMS The choice to look ahead. TECNOLOGIE SOFISTICATE SOPHISTICATED TECHNOLOGIES HIGH PRECISION ALTISSIMA

Dettagli

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA.

Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. Scuola di specializzazione in GENETICA MEDICA. La Scuola di specializzazione in Genetica medica afferisce all Area Servizi clinici sotto area Servizi clinici diagnostici e terapeutici, Classe dei Servizi

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI

2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 2 MEETING INTERREGIONALE ANACI NORD OVEST BOARD OF CEPI-CEI MILANO 23/24/25 SETTEMBRE 2015 CON IL PATROCINIO LA CASA, L AMBIENTE, L EUROPA Nel corso dell Esposizione Universale EXPO2015 il 24 e

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

Prospettive filosofiche sulla pace

Prospettive filosofiche sulla pace Prospettive filosofiche sulla pace Atti del Colloquio Torino, 15 aprile 2008 a cura di Andrea Poma e Luca Bertolino Trauben Volume pubblicato con il contributo dell Università degli Studi di Torino Trauben

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT

Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti ICT GRUPPO TELECOM ITALIA Ministero dello Sviluppo Economico Scuola Superiore di Specializzazione in Telecomunicazioni Roma, 26 gennaio 2016 Le competenze richieste dal mercato per la conduzione dei progetti

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9)

Corso di Laurea Magistrale in BIOTECNOLOGIE MEDICHE Classe delle lauree in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche (LM-9) La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 202-203. Per ulteriori informazioni si rimanda al numero telefonico : 032 660 63 Sig.ra Stefania Perasso. Corso

Dettagli

Michaela Luconi, PhD

Michaela Luconi, PhD Michaela Luconi, PhD Unità di Endocrinologia Laboratorio di Biologia Cellulare dell Organo Adiposo Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali & Cliniche «Mario Serio» michaela.luconi@unifi.it COSA

Dettagli

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO

THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO THINKING DIGITAL SYNCHRONIZING WITH THE FUTURE PENSIERO DIGITALE: SINCRONIZZARSI COL FUTURO A STEP FORWARD IN THE EVOLUTION Projecta Engineering developed in Sassuolo, in constant contact with the most

Dettagli

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma

Domanda. L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze. Programma. Programma Domanda L approccio interprofessionale in sanità: razionale ed evidenze Perché è necessario un approccio interprofessionale in sanità? Giorgio Bedogni Unità di Epidemiologia Clinica Centro Studi Fegato

Dettagli

Università degli Studi di Pavia C.so Strada Nuova, 65 - Pavia www.unipv.eu FULLPRINT

Università degli Studi di Pavia C.so Strada Nuova, 65 - Pavia www.unipv.eu FULLPRINT Università degli Studi di Pavia C.so Strada Nuova, 65 - Pavia www.unipv.eu FULLPRINT Odontoiatria e protesi dentaria Medicine and Surgery Medicina e chirurgia MEDICINA E CHIRURGIA MEDICINA E CHIRURGIA

Dettagli

Senato della Repubblica Commissione Igiene e sanità Roma. 19 marzo 2014

Senato della Repubblica Commissione Igiene e sanità Roma. 19 marzo 2014 Riccardo Saccardi, Banca Sangue Placentare Firenze Roberta Destro, Banca Sangue Placentare Padova Michele Santodirocco, Banca Sangue Placentare S. Giovanni Rotondo Senato della Repubblica Commissione Igiene

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005 SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa Stage Advanced Educational Stage in Hypertension progetto di formazione biennale 2004-2005 PISA, 23-25 maggio 2005 Si ringrazia Pfizerper il fattivo supporto

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015

LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015 LAUREA MAGISTRALE IN IN BIOTECNOLOGIE SANITARIE,MEDICHE E VETERINARIE (LM-9) A.A. 2014/2015 GENERALITA Classe di laurea di appartenenza LM-9, Biotecnologie sanitarie mediche e veterinarie Durata del corso

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy.

Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Rinnova la tua Energia. Renew your Energy. Dai vita ad un nuovo Futuro. Create a New Future. Tampieri Alfredo - 1934 Dal 1928 sosteniamo l ambiente con passione. Amore e rispetto per il territorio. Una

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali Che cos è una cellula staminale? Le cellule, così come gli esseri viventi, invecchiano e muoiono, devono quindi essere rimpiazzate le cellule staminali sono

Dettagli

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire

Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire Obiettivo: tutelare sempre il diritto della madre a conservare il proprio sangue del cordone ombelicale per uso autologo e al tempo stesso garantire la possibilità di donare tale sangue per uso allogenico

Dettagli

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM

Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica. Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Innovazione tecnologica e farmacologica in chirurgia oncologica Milano, 20 novembre 2015 Dott. Massimo Castoldi Sovrintendente Sanitario IEO - CCM Medicina di precisione La transizione verso l'era della

Dettagli

Finanziato dalla Unione Europea. Contratto No. FP6-RII3-026155

Finanziato dalla Unione Europea. Contratto No. FP6-RII3-026155 Finanziato dalla Unione Europea Contratto No. FP6-RII3-026155 Visione d insieme della struttura di FP6 2 Finanziato dalla Unione Europea EUPRIM-NET European Primate Network: Infrastrutture Specializzate

Dettagli

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2013-2014 Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Caterina Bendotti Dept. Neuroscience caterina.bendotti@marionegri.it

Dettagli

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE

PRESENTAZIONE AZIENDALE ATTIVITA E SERVIZI TECNOLOGIE PERSONALE OBIETTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE ABOUT US ATTIVITA E SERVIZI ACTIVITY AND SERVICES TECNOLOGIE TECHNOLOGIES PERSONALE TEAM OBIETTIVI OBJECTIVI ESPERIENZE PRESENTAZIONE AZIENDALE B&G s.r.l. è una società di progettazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA

CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN: MEDICINA E CHIRURGIA (Classe delle Lauree Magistrale LM41 Medicina e Chirurgia) art. 4 del decreto ministeriale 22 ottobre 2004, n. 270 DURATA CREDITI ACCESSO 6 ANNI 360 di cui 283

Dettagli

ISAC. Company Profile

ISAC. Company Profile ISAC Company Profile ISAC, all that technology can do. L azienda ISAC nasce nel 1994, quando professionisti con una grande esperienza nel settore si uniscono, e creano un team di lavoro con l obiettivo

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Painting with the palette knife

Painting with the palette knife T h e O r i g i n a l P a i n t i n g K n i v e s Dipingere con la spatola Painting with the palette knife Made in Italy I t a l i a n M a n u f a c t u r e r La ditta RGM prende il nome dal fondatore

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

Convenzione ROL/NMS per Ricerca Pre-clinica

Convenzione ROL/NMS per Ricerca Pre-clinica Convenzione ROL/NMS per Ricerca Pre-clinica Milano 28 gennaio 2011 A MODEL UNDER ATTACK Pharma Know-how in drug development, limited access to new therapeutic concepts Output: Drug Discovery & Development

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA (art.46 e 47 del DPR 445/2000) La sottoscritta Emanuela Paldino nata a Roma in

Dettagli

Ufficio Stampa mercoledì 17 dicembre 2014. Il ringraziamento della Direzione Aziendale per questa importante donazione

Ufficio Stampa mercoledì 17 dicembre 2014. Il ringraziamento della Direzione Aziendale per questa importante donazione PRATO La generosità della Fondazione Sandro Pitigliani per la lotta contro i tumori Il ringraziamento della Direzione Aziendale per questa importante donazione Strumenti ed attrezzature per migliorare

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014

dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 La proposta di regolamento europeo sulle sperimentazioni cliniche: nuove opportunità per i pazienti e per la ricerca dr.ssa Enrica Capitoni 10 giugno 2014 Clinical research nurse: (UK e USA) Contesto Italiano:

Dettagli

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16

MASTER DEGREE IN MOLECULAR AA 2015/16 MASTER DEGREE IN MOLECULAR AND MEDICAL BIOTECHNOLOGY AA 2015/16 Classe LM-9 - Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche Come iscriversi Il Corso di Studio è ad accesso non programmato Accesso

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché.

LA RICERCA TI CERCA. Come diventare ricercatore. E perché. LA RICERCA TI CERCA Come diventare ricercatore. E perché. INDICE CHE COS È LA RICERCA FARMACEUTICA? Una lunga storia, in breve 3 COME SI ENTRA NEL MONDO DELLA RICERCA? Un lavoro che guarda lontano, visto

Dettagli

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali Corso di Comunicazione delle Scienze 2011 Lunedi 30 maggio LEZIONE 4 area biologica Le cellule staminali Yuri Bozzi, PhD bozzi@science.unitn.it Laboratorio di Neuropatologia Molecolare CIBIO, Università

Dettagli

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016

SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 SCHOOL LEADERSHIP AND MANAGEMENT 1^ EDIZIONE NOVEMBRE 2015 APRILE 2016 IPRASE propone in collaborazione con la Graduate School of Business del Politecnico di Milano, un percorso per i Dirigenti scolastici

Dettagli

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE

In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE In fucsia evidenziato le modifiche apportate rispetto all a.a. 2014/15 ALMALAUREA - SCHEDA DI RILEVAZIONE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOTECNOLOGIE MEDICHE CLASSE LM-9 Avvertenze per la compilazione:

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità

Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Approcci agili per affrontare la sfida della complessità Firenze, 6 marzo 2013 Consiglio Regionale della Toscana Evento organizzato dal Branch Toscana-Umbria del PMI NIC Walter Ginevri, PMP, PgMP, PMI-ACP

Dettagli

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014

Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Presentazione del sostegno linguistico on line, Sonia Peressini Conferenza per la Giornata europea delle Lingue, Firenze, 25 settembre 2014 Mobilità in Erasmus+ - Sostegno Linguistico Online: Dimostrazione

Dettagli

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione

Terzo modulo 2 dicembre 2010 Il progetto èconcluso Valutazione CORSO DI FORMAZIONE REGIONALE cosa stai cercando? riflessioni sulla ricerca sanitaria dall idea all application: come descrivere un progetto di ricerca e chiedere un finanziamento Regione Liguria Terzo

Dettagli

Informazioni per pazienti e famiglie

Informazioni per pazienti e famiglie 12 Alcune informazioni riguardo i vostri appuntamenti Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park

Dettagli

We take care of your buildings

We take care of your buildings We take care of your buildings Che cos è il Building Management Il Building Management è una disciplina di derivazione anglosassone, che individua un edificio come un entità che necessita di un insieme

Dettagli

Collaborazione e Service Management

Collaborazione e Service Management Collaborazione e Service Management L opportunità del web 2.0 per Clienti e Fornitori dei servizi IT Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

BMS. Welcome to the BILINGUAL MIDDLE SCHOOL OF BRESCIA. Scuola bilingue secondaria di primo grado. Bilingual Middle School Brescia

BMS. Welcome to the BILINGUAL MIDDLE SCHOOL OF BRESCIA. Scuola bilingue secondaria di primo grado. Bilingual Middle School Brescia BMS B Welcome to the BILINGUAL MIDDLE SCHOOL OF BRESCIA Scuola bilingue secondaria di primo grado The partnership between the Marco Polo Institute and Little England Bilingual School has given birth to

Dettagli

Promuovere l attività fisica sul luogo di lavoro

Promuovere l attività fisica sul luogo di lavoro Data di pubblicazione: Maggio 2008 Fact-sheet Promuovere l attività fisica sul luogo di lavoro Questa sintesi delle linee guida illustra le raccomandazioni inerenti La promozione della salute sul luogo

Dettagli

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale»

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale» «Vita, morte e miracoli della cellula staminale» Prof.ssa Gabriella Vannelli Sezione di Anatomia Umana e Istologia Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Firenze, 13 marzo 2015 Il lungo e affascinante

Dettagli

PRESENTAZIONE Time & Mind

PRESENTAZIONE Time & Mind PRESENTAZIONE Time & Mind Febbraio 2008 Time & Mind srl C.so Svizzera, 185 10149 Torino T +39 011 19505938 www.timeandmind.com - info@timeandmind.com Ecosistemi Digitali al servizio delle aziende L agenzia

Dettagli

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma)

Febbraio Agosto 2011. Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Febbraio Agosto 2011 Facoltà di MEDICINA E CHIRURGIA (Roma) Universita` Cattolica del Sacro Cuore Facolta` di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Sede di Brescia CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFERMIERISTICA

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D.

CURRICULUM VITAE. Ariela Benigni. Biol.Sci.D., Ph.D. CURRICULUM VITAE Ariela Benigni Biol.Sci.D., Ph.D. Dati Personali: Nome: Ariela Benigni Data e luogo di nascita: 16 Dicembre, 1955 - Bergamo Cittadinanza: Italiana Tel. 035 42131 E-mail: ariela.benigni@marionegri.it

Dettagli

Il Progetto internazionale HapMap

Il Progetto internazionale HapMap Notizie HapMap Una pubblicazione del Coriell Institute for Medical Research, Volume 1, 2004 Il Progetto internazionale HapMap Aumenta l entusiasmo mentre gli scienziati avviano la realizzazione di una

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Maria del Carmen RODRIGUEZ PEREZ Telefono 0303996295 Fax 0303995036 E-mail rodricarmen@alice.it Nazionalità

Dettagli

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle

Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One - Oracle FACOLTÀ DI INGEGNERIA RELAZIONE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA GESTIONALE Implementazione e gestione del transitorio nell introduzione di un sistema ERP: il caso Power-One

Dettagli

Energia libera s.r.l via Sergente Luigi Cosentino,1 95049 Vizzini (CT) Italy Tel./Fax +39 0933067103 info@solargroupcostruzioni.it

Energia libera s.r.l via Sergente Luigi Cosentino,1 95049 Vizzini (CT) Italy Tel./Fax +39 0933067103 info@solargroupcostruzioni.it IL SOLE è IL NOSTRO FUTURO La passione per lo sviluppo e la diffusione delle energie rinnovabili, a favore di una migliore qualità della vita, ci guida nel nostro cammino. Il nostro desiderio è quello

Dettagli

Customer Satisfaction SISSA 2012

Customer Satisfaction SISSA 2012 Customer Satisfaction SISSA 2012 1 - PERIODO DI SVOLGIMENTO DELL INDAGINE 31 luglio 2012-15 settembre 2012 2 - OBIETTIVI GENERALI L obiettivo principale è stato quello di effettuare una prima indagine

Dettagli

La terapia in utero delle malattie genetiche: cellule staminali, terapia genica

La terapia in utero delle malattie genetiche: cellule staminali, terapia genica La terapia in utero delle malattie genetiche: cellule staminali, terapia genica Prof. M.Seri: U.O. Genetica Clin ica Dipartimento per la Salute della Donna, del Bambin o e dell Adolescente Geni e malattie

Dettagli

Cellule staminali mesenchimali dell amnios equino per il trattamento delle tendinopatie del cavallo sportivo: prima segnalazione.

Cellule staminali mesenchimali dell amnios equino per il trattamento delle tendinopatie del cavallo sportivo: prima segnalazione. Cellule staminali mesenchimali dell amnios equino per il trattamento delle tendinopatie del cavallo sportivo: prima segnalazione. Stefano Tassan, A. Lange Consiglio, F. Cremonesi (Sez. Riproduzione Ospedale

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Consegue la Maturità Scientifica nell anno 1989 presso il Liceo Scientifico L. Da Vinci di Crema.

CURRICULUM VITAE. Consegue la Maturità Scientifica nell anno 1989 presso il Liceo Scientifico L. Da Vinci di Crema. CURRICULUM VITAE ELIANA ROVEDA Ricercatore Confermato in Scienze Tecniche Mediche Applicate - MED 50 Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute Facoltà di Scienze Motorie Università degli Studi di

Dettagli

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto

CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto CELLULE STAMINALI: POTENZIALITÀ TERAPEUTICA IN SICUREZZA. Brescia, 23 Ottobre 2009 In data 23 Ottobre si è svolta, organizzata dall Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia ed Emilia Romagna,

Dettagli

EMBA Executive Master in Business Administration

EMBA Executive Master in Business Administration Master Universitario EMBA Executive Master in Business Administration Master Universitario di Secondo Livello part-time 1 a EDIZIONE OTTOBRE 2015 MARZO 2017 LIUC UNIVERSITÀ CATTANEO La LIUC Università

Dettagli

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome.

Easter 2008 Gallery Benucci Rome. October 2008 Taormina Chiesa del Carmine, group picture and Gallery Benucci. December 2008 Benucci Gallery, Rome. Nino Ucchino nasce in Sicilia nel 1952. Dall età di otto anni lavora come allievo nello studio del pittore Silvio Timpanaro. Da 14 a 21 anni studia all Istituto Statale d arte di Messina e poi per alcuni

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System

Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System Quando la sicurezza stradale è una priorità. ISO 39001 Road Safety Management System ISO 39001: per una migliore gestione della sicurezza stradale Si stima che entro il 2030 gli incidenti stradali saranno

Dettagli

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly

The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly The information contained in this document belongs to ignition consulting s.r.l. and to the recipient of the document. The information is strictly linked to the oral comments which were made at its presentation,

Dettagli

CONVEGNO SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA (SLA): I MALATI E LA RICERCA

CONVEGNO SCLEROSI LATERALE AMIOTROFICA (SLA): I MALATI E LA RICERCA ISTITUTO DI RICERCHE FARMACOLOGICHE MARIO NEGRI Dr. Paola Mosconi Dipartimento di Oncologia Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Via Giuseppe La Masa, 19-20156 Milano Italy

Dettagli

A unique expertise combined with innovative solutions to improve Learning & HR efficiency

A unique expertise combined with innovative solutions to improve Learning & HR efficiency A unique expertise combined with innovative solutions to improve Learning & HR efficiency Evaluation services, and much more The monitoring of Learning and HR projects requires cutting edge services capable

Dettagli

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004

PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 PMBOK Guide 3 rd Edition 2004 Un modello di riferimento per la gestione progetti a cura di Tiziano Villa, PMP febbraio 2006 PMI, PMP, CAPM, PMBOK, PgMP SM, OPM3 are either marks or registered marks of

Dettagli

CAPACITA INNOVATIVA ITALIA

CAPACITA INNOVATIVA ITALIA PROGETTO VINCITORE BANDO CLUSTER MIUR 2013 CAPACITA INNOVATIVA ITALIA CAPACITA INNOVATIVA ITALIA CAPACITA INNOVATIVA ITALIA CAPACITA INNOVATIVA REGIONI ITALIANE LE CELLULE STAMINALI E LA MEDICINA

Dettagli

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP 7 ottobre 2014 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 MANAGER DELLE RP: IL NUOVO RUOLO IN AZIENDA Le 5 Key-Words

Dettagli

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo

Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo Un azienda di qualità ISO 9001, lo standard più diffuso al mondo BSI aiuta le organizzazioni a raggiungere l eccellenza. BSI aiuta a migliorare le organizzazioni per farle crescere e funzionare al meglio.

Dettagli

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005 SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa Stage Advanced Educational Stage in Hypertension progetto di formazione biennale 2004-2005 NAPOLI, 21-23 febbraio 2005 Si ringrazia Pfizerper il fattivo supporto

Dettagli

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO in collaborazione con ALTEMS Alta Scuola di Economia e Management Sanitario INTRODUZIONE ALL HTA. COME FARNE UNO STRUMENTO OPERATIVO: DALL

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE

PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE PROGRAMMA 1 RIDUZIONE DELLE DISPARITÀ NELL ACCESSO DEI PAZIENTI AI MEZZI DIAGNOSTICI E ALLE TERAPIE ex. Art. 3 Rete solidale e collaborazioni internazionali del DM del 21 luglio 2006 Programma straordinario

Dettagli

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO

FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO FORMAT PROPOSTA COSTITUZIONE DIPARTIMENTO DENOMINAZIONE del Dipartimento Medicina molecolare e dello sviluppo PROGETTO SCIENTIFICO E DIDATTICO che abbia una sostenibilità al 31.12.2016 Il Dipartimento

Dettagli

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005

SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa. Stage. Advanced Educational Stage in Hypertension. progetto di formazione biennale 2004-2005 SIIA Società Italiana Ipertensione Arteriosa Stage Advanced Educational Stage in Hypertension progetto di formazione biennale 2004-2005 ROMA, 7-9 febbraio 2005 Si ringrazia Pfizerper il fattivo supporto

Dettagli

Pubblicazioni COBIT 5

Pubblicazioni COBIT 5 Pubblicazioni COBIT 5 Marco Salvato CISA, CISM, CGEIT, CRISC, COBIT 5 Foundation, COBIT 5 Trainer 1 SPONSOR DELL EVENTO SPONSOR DI ISACA VENICE CHAPTER CON IL PATROCINIO DI 2 La famiglia COBIT 5 3 Aprile

Dettagli

Application Form Domanda di Ammissione Università degli Studi Link Campus University

Application Form Domanda di Ammissione Università degli Studi Link Campus University Marca da Bollo 16,00 Application Form Domanda di Ammissione Università degli Studi Link Campus University Anno Accademico 2014-15 Academic Year 2014-15 Il presente modulo deve essere consegnato a mano

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura del Laboratorio HTA della SIFO HTA PER LA VALUTAZIONE DEI FARMACI Codice 313-122539 Verona, c/o Centro Culturale Marani 8 maggio 2015 Con il patrocinio di Sihta

Dettagli

LA DOMANDA E L OFFERTA OSPEDALIERA NELLA FEDERAZIONE SANITARIA 3 - TORINO OVEST

LA DOMANDA E L OFFERTA OSPEDALIERA NELLA FEDERAZIONE SANITARIA 3 - TORINO OVEST LA DOMANDA E L OFFERTA OSPEDALIERA NELLA FEDERAZIONE SANITARIA 3 - TORINO OVEST a cura di Alberto Amidei (1), Marco Dalmasso (2), Roberto Gnavi (2) (1) Università degli Studi di Torino - Scuola di Specializzazione

Dettagli

REAL ESTATE Laboratory

REAL ESTATE Laboratory REAL ESTATE Laboratory Organismo accreditato per la formazione professionale UNI EN ISO 9001: 2008 (634/001 del 11/7/05) 2011 RE.Lab REAL ESTATE Laboratory SAA, Scuola di Amministrazione Aziendale dell

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 11 giugno 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Giovedì 11 giugno 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Giovedì 11 giugno 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 4 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 9 Prime Pagine 14 Rassegna associativa

Dettagli