WOL. welfare on line. Associazione Nuovo Welfare. welfare on line

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WOL. welfare on line. Associazione Nuovo Welfare. welfare on line"

Transcript

1 WOL Webzine dell Associazione Nuovo Welfare Anno VI, Numero 7, Novembre Foto di Marco Biondi In questo numero: Finanziaria 2011: fine delle politiche sociali? di Antonio Misiani pag. 2 Gli effetti della manovra correttiva sulle politiche sociali di Francesco Montemurro e Daniele De Pretto pag. 5 Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni: principali cambiamenti tra il 2004 e il 2007 di Roberto Fantozzi pag. 8 Le disabilità oltre l invisibilità istituzionale di Carla Collicelli pag. 10 Verso l Economia del Ben-Essere a cura dell Ufficio stampa Aiccon pag. 12 News&Anticipazioni a cura dell Associazione Nuovo Welfare pag. 4 Le nostre rubriche: Cineforum a cura di Matteo Domenico Recine pag. 7 LibrInMente a cura di Silvia Spatari pag. 10 Associazione Nuovo Welfare

2 Finanziaria 2011: fine delle politiche sociali?* 2 WOL / numero 7, novembre 2010 Tratto da Il drastico ridimensionamento deciso con la manovra finanziaria per il 2011 dei fondi statali di carattere sociale potrebbe segnare la fine di importanti politiche socio assistenziali. È uno dei dati più eclatanti che emerge dai numeri del Disegno di legge di stabilità 2011 (A. C. 3778) e del Bilancio di previsione 2011 dello Stato (A. C. 3779). Il taglio più significativo riguarda il Fondo nazionale per le politiche sociali (FNPS), istituito dall art. 59, comma 44 della Legge 449 del La configurazione del Fondo è stata ridefinita dall art. 80, comma 17 della Legge finanziaria 2001 e dall art. 20, comma 8 della Legge 328 del 2000 ( Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali ). Da ultimo, l art. 2, comma 103 della Legge finanziaria 2010 ha stabilito che gli oneri relativi ai diritti soggettivi (agevolazioni a genitori di handicappati, assegni di maternità, assegno ai nuclei familiari, indennità per i lavoratori affetti da talassemia major) in precedenza finanziati dal riparto del FNPS, sono finanziati tramite appositi capitoli di spese obbligatorie iscritti nello stato di previsione del Ministero del lavoro e delle politiche sociali. Le risorse del FNPS, che rappresenta la principale fonte di finanziamento statale degli interventi di assistenza alle persone e alle famiglie, contribuiscono in misura decisiva al finanziamento della rete integrata dei servizi sociali territoriali attraverso la quota del Fondo ripartita tra le regioni (che a loro volta attribuiscono le risorse ai comuni, che erogano i servizi ai cittadini in conformità ai Piani sociali di zona). Al netto delle risorse dedicate ai diritti soggettivi gli stanziamenti del Bilancio di previsione dello Stato relativi al FNPS destinati in gran parte alle regioni erano pari a 939,3 milioni nel Nel biennio successivo il governo Berlusconi ha deciso una prima, drastica riduzione fino ai 435,3 milioni previsti per il Per il 2011 si prospetta, di fatto, lo smantellamento del Fondo con uno stanziamento ab-battuto a 75,3 milioni di euro (-82,7% rispetto al 2010). Poiché tale somma basterà a malapena a coprire l attribuzione al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, dal 2011 le risorse destinate alle regioni (progressivamente diminuite, come evidenzia un recente Dossier della Conferenza delle regioni, dai 670,8 milioni del 2008 ai 518,2 milioni del 2009 fino ai 380,2 milioni del 2010) verranno azzerate, compromettendo dieci anni di lavoro di costruzione della rete territoriale dei servizi sociali. La manovra di bilancio per il 2011 cancella o- gni stanziamento per il Fondo per la non autosufficienza, istituito dall art. 1, comma 1264 della Legge finanziaria 2007 e finalizzato a garantire su tutto il territorio nazionale l attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni assistenziali in favore delle persone non autosufficienti. Le risorse destinate al Fondo, pari nel 2007 a 100 milioni (di cui 99 attribuiti alle regioni), erano salite a 300 milioni nel 2008 (di cui 299 alle regioni) e a 400 milioni nel 2009 (di cui 399 alle regioni) e nel 2010 (di cui 380 alle regioni). La cancellazione del Fondo è un passo indietro molto negativo, in un * Rispetto al momento in cui è stato scritto questo articolo, lo stanziamento di 75,3 milioni di euro relativo al Fondo Nazionale Politiche Sociali previsto per il 2011 è stato incrementato di 200 milioni di euro, facendo registrare una riduzione del 36,8% rispetto al 2010 e del 70,4% rispetto al Si vuole inoltre segnalare il taglio dei fondi destinati al cinque per mille, ridotti da 400 a 100 milioni di euro.

3 Paese dove come ricordato da una recente Ricerca promossa dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali a fronte di almeno 2,6 milioni di persone non autonome nello svolgere le normali funzioni quotidiane le risorse pubbliche destinate a sostenere le disabilità e la non autosufficienza sono assolutamente esigue in rapporto a quanto accade nel resto d Europa. Il Fondo per le politiche della famiglia, istituito dall art. 19, comma 1 del Decreto legge 223 del 2006, era destinato a finanziare il funzionamento dell Osservatorio nazionale sulla famiglia, l elaborazione del Piano nazionale per la famiglia, il sostegno delle adozioni internazionali, le iniziative di conciliazione dei tempi di vita e di lavoro, il fondo di credito per i nuovi nati e alcuni interventi relativi ad attività di competenza regionale. Se nel 2008 il Fondo poteva contare su 346,5 milioni, nel biennio successivo gli stanziamenti sono stati dimezzati (186,5 milioni nel 2009 e 185,3 milioni nel 2010). Nel 2011 le risorse destinate al Fondo verranno ridotte del 71,3% rispetto al 2010, scendendo a 52,5 milioni. Con buona pace di tanta retorica sulla necessità di un welfare più orientato verso le famiglie. Il Decreto legge 223 del 2006 aveva anche istituito (art. 19, comma 2) un Fondo per le politiche giovanili finalizzato al finanziamento di progetti per la promozione del diritto dei giovani alla formazione culturale, professionale e all inserimento nella vita sociale (attraverso interventi riguardanti il diritto all abitazione e l accesso al credito). Nel 2008 il Fondo era stato finanziato con 137,4 milioni, poi scesi a 79,8 milioni nel 2009 e 94,1 milioni nel Nel 2011 gli stanziamenti saranno ridotti a 32,9 milioni (-65% rispetto all anno precedente). Molto significativo è il pesante ridimensionamento del Fondo nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione, previsto dall art. 11, comma 1 della Legge 431 del Obiettivi del Fondo sono la concessione, ai conduttori aventi i requisiti minimi richiesti, di contributi integrativi per il pagamento dei canoni di locazione nonché il sostegno delle iniziative intraprese dai comuni tese a favorire la mobilità nel settore della locazione attraverso il reperimento di alloggi da concedere in locazione per periodi determinati. Nel 2008 il Fondo aveva ricevuto risorse per 205,6 milioni. Nel biennio successivo gli stanziamenti erano stati ridotti a 161,8 milioni nel 2009 e a 143,8 milioni nel Nel 2011 il Fondo sarà praticamente cancellato, con la riduzione delle risorse disponibili a 33,5 milioni (-76,7% rispetto al 2010). Nello stesso anno dovrebbe essere introdotta, nelle intenzioni del governo (art. 2 dello schema di Decreto legislativo sul federalismo municipale ), la cosiddetta cedolare secca sugli affitti con la previsione di un aliquota unica del 20% per la tassazione dei canoni di locazione relativi agli immobili ad uso abitativo. La cedolare secca comporterebbe, elaborando i dati della Relazione tecnica del decreto, un risparmio per i proprietari immobiliari pari a ben 852 milioni annui. Sono stati azzerati negli anni scorsi il Fondo per l inclusione sociale degli immigrati, i- stituito dall art. 1, comma 1267 della Legge finanziaria 2007 (i 100 milioni stanziati nel bilancio di previsione 2008 sono stati cancellati dal Decreto legge 93 del Nessun finanziamento è stato previsto negli anni successivi) e i fondi destinati al Piano straordinario di intervento per lo sviluppo del sistema territoriale dei servizi socio educativi per la prima infanzia previsto dall art. 1, commi della Legge finanziaria 2007 (finanziato con 446 milioni nel triennio , di cui 100 milioni nel 2009, dal 2010 non è stato più rifinanziato). Quasi del tutto smantellato è anche il Fondo per le politiche relative ai diritti e alle pari opportunità, istituito dall art. 19, comma 3 del Decreto legge 223 del 2006: dai 64,4 milioni stanziati nel 2008 si è passati ai 30 del 2009, ai 3,3 del 2010 e ai 2,2 dal Il Fondo nazionale per l infanzia e l adolescenza, introdotto dall art. 1 della Legge 285 del 1997 e destinato alla realizzazione di interventi a livello nazionale, regionale e locale a favore dell infanzia e dell adolescenza è invece rimasto sostanzialmente invariato: 43,9 milioni nel 2008 e 2009 e 40 milioni nel 2010 e seguenti. Sono stati drasticamente tagliati, infine, gli stanziamenti destinati al Fondo nazionale per il servizio civile degli obiettori di coscienza, istituito dall art. 19 della Legge 230 del Dai 299,6 milioni del 2008 si è scesi a 171,4 milioni (2009) e 170,3 milioni (2010). Dal 2011 le risorse per il Servizio civile nazionale (SCN) verranno abbattute a 113 milioni (- 33,6% rispetto al 2010). Dopo il picco toccato nel 2006 (4.100 progetti finanziati e volontari avviati), il SCN ha registrato negli ultimi anni un progressivo ridimensionamento. Nel 2009 sono stati finanziati progetti con l avviamento di WOL / numero 7, novembre 2010

4 volontari. Dei volontari avviati in Italia (il 61% del totale) sono stati impiegati nel settore dell assistenza. Il taglio dei finanziamenti è destinato a produrre un ulteriore, forte calo delle attività di valenza sociale promosse dal SCN. Conclusioni I dieci Fondi a carattere sociale presi in esame (quattro dei quali istituiti nel e sei nel ) potevano contare, nel 2008, su stanziamenti complessivamente pari a 2 miliardi e 520 milioni nel Bilancio di previsione dello Stato. La diversa scala di priorità del nuovo governo di centrodestra, insieme alla crisi dei conti pubblici, ha dato luogo ad un netto calo delle risorse statali destinate alle politiche sociali, scese ad 1 miliardo e 851 milioni nel 2009 (-30,5%) e 1 miliardo e 472 milioni nel 2010 (-15,9%). La manovra di bilancio per il 2011 ha segnato un ulteriore, drastico taglio, abbassando gli stanziamenti di bilancio a poco più di 349 milioni. Una riduzione di tali proporzioni (-86,1% tra il 2008 e il 2011) avrà come inevitabile conseguenza la cancellazione o il ridimensionamento di una moltitudine di iniziative e servizi, molti dei quali gestiti da enti territoriali a loro volta colpiti duramente dalla manovra di finanza pubblica. È una prospettiva decisamente negativa per un Paese colpito dalla crisi occupazionale e sociale peggiore del dopoguerra. Antonio Misiani L articolo è stato pubblicato sul sito dell Associazione NENS - Nuova Economia Nuova Società, fondata da Pier Luigi Bersani e Vincenzo Visco, con Nicola Rossi, Giulio Sapelli, Giuseppe Farina e Paolo Ferro Luzzi, nell estate del Lo scopo è quello di dar vita a un centro di studi, dibattiti, ricerche e pubblicazioni, nel quale liberamente la cultura riformista possa confrontarsi al suo interno, e all esterno, con altre culture, sui cambiamenti economico-sociali che si stanno verificando. News&Anticipazioni GLI EFFETTI DEL FEDERALISMO SULLE POLITICHE SOCIALI MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE 2010 ORE Provincia di Roma, Palazzo Valentini - Sala Peppino Impastato Via IV Novembre, 119/A Roma PROGRAMMA Accoglienza e apertura dei lavori Saluto delle istituzioni Massimiliano Smeriglio Assessore alle Politiche del Lavoro e Formazione Provincia di Roma Claudio Cecchini Assessore alle Politiche Sociali e per la Famiglia e ai Rapporti Istituzionali Provincia di Roma Definizione dei LEP, modelli di finanziamento, costi e fabbisogni standard Andrea Tardiola Dirigente Presidenza del Consiglio dei Ministri Bisogni informativi nel sociale e monitoraggio dei servizi e degli interventi Margherita Brunetti Esperta di Politiche sociali Il punto di vista regionale Anna Maria Candela Dirigente Servizio Programmazione sociale e Integrazione socio-sanitaria Regione Puglia Il punto di vista locale Franco Pesaresi Direttore Asur 4 di Senigallia; Presidente Anoss Federalismo: un idea alla prova dei fatti Nereo Zamaro Ricercatore Dibattito Conclude Giulio Marcon Presidente Comitato Scientifico Scuola del Sociale Modera Emiliano Monteverde Presidente Associazione Nuovo Welfare Per maggiori informazioni: oppure WOL / numero 7, novembre 2010

5 5 WOL / numero 7, novembre 2010 Gli effetti della manovra correttiva sulle politiche sociali Il drastico ridimensionamento deciso con la manovra finanziaria per il 2011 dei fondi statali di carattere sociale rischia di ridimensionare fortemente il sistema di welfare locale, specie nella qualità delle prestazioni erogate. Tanto più che, in attesa dell avvio della riforma del federalismo fiscale, per il 2011 e 2012 la manovra estiva cosiddetta correttiva (d.l. 78 convertito con modifiche nella legge 122/2010) ha approvato una riduzione di ben 8 miliardi di euro al sistema dei trasferimenti erariali alle autonomie regionali. Complessivamente, la riduzione delle risorse gestite dal governo locale costituisce, in termini finanziari, più della metà della manovra: il 56,21%. Il fattore destabilizzante di questo taglio è costituito dall incerta prospettiva del federalismo fiscale (l entrata a regime è prevista infatti per il 2016) e dalla mancata individuazione delle fonti di entrata per Regioni ed enti locali, come la compartecipazione al gettito di tributi nazionali e i tributi propri. Sulla necessità della manovra, pochi sono coloro che affermano che non serve, anche perché è bene ricordare che il Paese si trova in una situazione complessa, sotto il profilo del debito pubblico. Tuttavia, sulla iniquità sociale della manovra non ci sono dubbi: le risorse destinate alle politiche sociali allargate (servizi sociali in senso stretto, istruzione, cultura, sport e tempo libero) subiranno un ulteriore ridimensionamento. Per valutare almeno in parte i possibili effetti della manovra correttiva estiva sui bilanci degli enti locali, Legautonomie ha realizzato un agile sondaggio presso un piccolo ed eterogeneo campione di 15 Amministrazioni comunali. Hanno risposto al questionario alcuni grandi Comuni (Genova, Napoli) e un gruppo di Comuni di medie dimensioni demografiche, rappresentanti dell intero territorio nazionale (Bagno a Ripoli (Fi), Battipaglia (Sa), Castel Maggiore (Bo), Cinisello Balsamo (Mi), Cosenza, Grottaferrata (Rm), Imola (Bo), Lamezia Terme (Cz), Lodi, Nardò (Le), Nuoro, Pisa, Trento). Il questionario è composto da sei domande, quasi tutte a risposta chiusa, ma con la possibilità da parte dell intervistato (Assessore alle politiche sociali o Sindaco) di aggiungere le proprie considerazioni. È proprio questa peculiarità a rendere interessante il lavoro, stante il poco valore statistico dei dati più propriamente quantitativi. Con la prima domanda si chiede agli amministratori qualche informazione in merito alla situazione antecedente alla manovra correttiva. Più nello specifico si chiede quali siano le condizioni in cui le Amministrazioni si trovano ad operare, sia a livello complessivo che sotto il profilo finanziario, per quanto concerne i servizi sociali. Pur tenendo conto delle problematiche legate alla scarsa numerosità del campione sopra richiamate, emerge da questa domanda una situazione chiara, con larga parte dei Comuni coinvolti che vede le condizioni in cui operare poco o per niente adeguate, soprattutto sotto il profilo finanziario. Guardando la situazione complessivamente, invece, cresce la quota di risposte abbastanza adeguate, e si registra un caso di molto a- deguate, segnale forse che gli amministratori ritengono possibile una buona organizzazione dei servizi sociali, anche con fondi limitati. Dalle annotazioni a margine della domanda, emerge, in alcuni casi, una forte preoccupazione per il futuro. In un caso, infatti, si afferma che la crisi economica impoverisce sempre di più le famiglie. Dai Comuni ci si aspetta un sostegno più incisivo e più efficace (Nardò) ; in un altro siamo molto preoccupati rispetto alla tenuta del sistema sociale messo in campo nel precedente mandato ( ) che ci ha visti aumentare la spesa sociale del 21% come precisa scelta politica. Oggi i bisogni sociali stanno drammaticamente aumentando a fronte del venir meno di risorse disponibili e stiamo quindi affrontando difficoltà sul piano delle risposte. Per la prima volta in 5 anni e mezzo ci stiamo ponendo il problema della formazione della lista di attesa per l'accesso ai servizi sociali (Lodi). C è anche chi afferma che si tratta di una problematica più ampia, difficilmente inquadrabile nelle domande codificate del questionario: La domanda di politiche sociali nel nostro territorio è in continua crescita anche a causa degli effetti sulle fasce più deboli della popolazione della crisi economica degli ultimi anni. L Amministrazione Comunale, in questo contesto di accresciute condizioni di disagio sociale, in cui le nuove fasce di povertà si aggiungono a quelle già esi-

6 stenti e le fasce sociali più deboli vivono condizioni di maggiore emarginazione ed esclusione, ha costantemente incrementato negli anni i livelli di spesa, che oggi sono tra i più alti in Calabria (Lamezia Terme). Da questi commenti è possibile capire il senso delle preoccupazioni delle diverse Amministrazioni che vedono diminuire i fondi a loro disposizione per le politiche sociali a fronte di una domanda da parte dei cittadini in crescita. Successivamente, il questionario si concentra maggiormente sugli effetti della manovra correttiva sulle politiche sociali dei diversi Comuni. È particolarmente indicativo della percezione delle diverse Amministrazioni il fatto che tutte le risposte prospettino un ridimensionamento del sistema di welfare e la razionalizzazione di alcune spese, con solo due risposte che fanno riferimento alla necessità di aumentare le tariffe e/o i tributi per garantire la stabilità. In un caso, si afferma che procedere alla razionalizzazione e all'ottimizzazione delle risorse è sempre doveroso, soprattutto in ambito sociale, dove alcune economie possono permettere sia una maggiore fruizione in termini quantitativi che l'attivazione di progetti innovativi (Grottaferrata). L unica alternativa al taglio dei servizi sociali sarebbe quella di ridurre altre spese per servizi, ridimensionandoli (Pisa). La riduzione del sistema di welfare, in ogni caso, recherebbe con sé il rischio di vanificare il lavoro fatto con la cooperazione sociale e il Terzo Settore per le prestazioni innovative (grave emarginazione) oltre a stoppare alcuni progetti per i minori e le famiglie (Lodi). La quarta domanda chiede agli amministratori se ritengono che le misure previste dallo schema di decreto attuativo del federalismo fiscale riguardante il fisco municipale, approvato il 4 agosto 2010 dal Consiglio dei Ministri (ad es. Cedolare secca, quota comunale di recupero dell evasione pari al 50%, ecc.), alimenteranno in modo adeguato la dotazione finanziaria destinata dal suo Comune alle spese correnti e in modo particolare ai servizi sociali. Ne emerge, da parte di tutti gli amministratori, la considerazione che le risorse non saranno in alcun modo sufficienti a compensare i tagli ai trasferimenti erariali previsti per il A specificare la risposta, c è anche chi afferma che nella sostanza, per il 2011, il decreto non serve a compensare alcunché (Pisa). Con la quinta domanda si vogliono andare ad indagare gli orientamenti dei diversi Comuni circa le manovre di bilancio, tenendo conto degli effetti della manovra, sia per quanto riguarda il 2010, che per il Con riferimento all anno corrente, a livello di assestamento e di previsioni iniziali, quasi tutti i Comuni si ripropongono una razionalizzazione delle spese correnti, sia per quanto riguarda l amministrazione generale e il governo del territorio, sia per welfare, cultura e tempo libero. In alcuni casi (Nuoro, Nardò, Bagno a Ripoli, Imola e Grottaferrata) diminuiranno anche gli investimenti, mentre a Castel Maggiore, oltre alla razionalizzazione delle spese correnti, sarà necessario intervenire sulle ASP (Aziende Pubbliche di Servizi alle Persone). In un altro caso, la discussione è ancora aperta. In effetti si stanno vagliando varie azioni possibili che riguardano sia l aumento delle entrate che la razionalizzazione delle spese (Cosenza). Per quanto riguarda gli stanziamenti per il 2011, le risposte sono simili a quelle date per il 2010, con una generalizzata razionalizzazione delle spese correnti e riduzione degli investimenti, a cui, in alcuni casi, si andranno ad aggiungere aumenti alle tariffe dei servizi sociali (Grottaferrata), e aumenti Tarsu (Pisa e Castel Maggiore). Il questionario si chiude con una domanda aperta, nella quale si chiede agli amministratori di descrivere la strategia che intendono adottare per sviluppare il sistema dei servizi sociali per il 2011 e il Rispetto alle strategie future, quello che emerge è innanzitutto una situazione di instabilità e incertezza, è difficile parlare di strategia per i servizi senza avere un quadro di riferimento chiaro sul quale modellare l intervento più generale dell offerta del welfare (Cinisello Balsamo). Per alcuni, addirittura, non esiste una strategia volta allo sviluppo, ma si cerca di limitare i danni della manovra correttiva (Castel Maggiore), oppure non abbiamo ancora ideato alcuna strategia in quanto l attenzione attuale è rivolta ad alcuni interventi di grossa natura per rientrare nel patto di stabilità. A seconda dell obiettivo raggiunto, definiremo i nostri interventi futuri. Stiamo lavorando per mantenere i servizi sociali essenziali (Lodi). Per quanto riguarda le iniziative e le strategie dei diversi Comuni, c è chi si è già mosso, con sviluppo e razionaliz- 6 WOL / numero 7, novembre 2010

7 zazione di iniziative già avviate nel 2009 e 2010: assegno di cura per i più indigenti, centro di accoglienza per lavoratori extracomunitari, ammodernamento sistema scuolabus. Rimodulare i servizi sociali alla luce delle mutevoli esigenze dei cittadini, sforzandosi di venire incontro alle esigenze delle famiglie, senza appesantire ulteriormente il bilancio comunale e senza gravare ulteriormente sulle famiglie (Nardò). Per quanto riguarda il Comune di Napoli, di fronte al rischio concreto che dal 2011 il Fondo Nazionale per le Politiche Sociali dei Comuni venga di fatto azzerato, l Amministrazione comunale punta a una strategia, innanzitutto, di razionalizzazione delle spese dedicate a strutture e servizi per rispondere in particolar modo alle situazioni di maggiore emergenza sociale e a rispondere agli obblighi di legge che impongono ai Comuni di erogare servizi, quali ad esempio l'assistenza domiciliare ad anziani, l assistenza anche scolastica ai disabili, l accoglienza presso centri specialistici di minori a rischio, gli interventi a favore delle fasce di popolazione più disagiata. Si tratta di situazioni sempre cogenti nella difficile realtà sociale di Napoli. Tutto ciò nell amara consapevolezza che a pagare maggiormente il prezzo dei tagli saranno le politiche di prevenzione del disagio, atte a rimuovere i fattori di esclusione sociale, strada fondamentale per vere politiche di inclusione sociale. Francesco Montemurro Daniele De Pretto Cineforum a cura di Matteo Domenico Recine Tra le nuvole Ryan Bingham è un tagliatore di teste a domicilio: le aziende in crisi che devono licenziare, ma non sono in grado di farlo direttamente, si rivolgono alla sua società. La sua vita è scandita dal continuo viaggiare, e si muove tra aeroporti e alberghi sempre uguali. Sempre in movimento, Bingham si è convinto della necessità di rendere più essenziale il proprio stile di vita, senza orpelli, né concreti (gira con un solo trolley e la sua casa è perennemente vuota) né metaforici (gli affetti sono ridotti al minimo) la teoria dello zainetto, che utilizza anche nelle sue attività di conferenziere. Questa sua convinzione è però minata da tre fattori concorrenti: l incontro con Alex, una donna sempre in viaggio come lui; il matrimonio della sorella minore; l arrivo di Natalie, una collega più giovane e con idee rivoluzionarie sul lavoro e un approccio meno cinico alla vita. Un evento drammatico e la scoperta che Alex non nutre nei suoi confronti lo stesso tipo d interesse faranno vacillare le convinzioni dell uomo, che torna così alla sua vita abituale, ma con un diverso approccio alla vita e al viaggio. Il film di Reitman, sempre attento a temi sociali attuali nei suoi film, affonda a piene mani nel periodo di crisi che da qualche anno affligge le economie occidentali. I volti che scorrono durante il film, quelli delle persone via via licenziate, lasciano pensare con preoccupazione a quanto saranno profondi gli effetti di questa crisi. La teoria dello zainetto di Ryan Bingham, su quanto sia più facile vivere senza alcun vincolo, ricorda rovesciandone l approccio ma non la logica quella di Into the wild, evidenziando non solo la stessa conclusione (no man is an Island, direbbe John Donne), ma un aspetto centrale dei non luoghi, in cui ciascuno è in massima parte solo. Quello che forse manca al film è il coraggio di essere più autentico. La regia si difende dal realismo dei temi mascherandosi dietro un eccesso di trattamento digitale (tranne nelle scene del matrimonio) e ciò impedisce allo spettatore di entrare fino in fondo nelle tematiche affrontate. George Clooney, in scena sostanzialmente per tutto il film, è invece davvero ispirato. Un film di Jason Reitman. Titolo originale Up in The Air. Commedia, durata 109 min. - USA Universal Pictures uscita venerdì 22 gennaio WOL / numero 7, novembre 2010

8 Indagine sugli interventi e i servizi sociali dei Comuni: principali cambiamenti tra il 2004 e il 2007 Con la pubblicazione dell indagine sugli interventi e i servizi sociali offerti dai Comuni 1 vengono presentati risultati in grado di fornire una panoramica sulle attività socio-assistenziali realizzate e gestite a livello locale. Grazie a questi dati è quindi possibile delineare un quadro di welfare (in senso stretto) all interno del quale si colloca il cittadino che riceve, da un lato, le prestazioni sanitarie e, dall altro, i servizi offerti dai Comuni (attività socio-assistenziali e contributi economici di varia natura). Nell indagine in questione la spesa totale è stata ripartita in sette aree di utenza: famiglia e minori, disabili, dipendenze, anziani, immigrati, disagio adulti, multiutenza 2. Le informazioni ad oggi disponibili permettono di effettuare alcune considerazioni in merito alla riforma federalista e di condurre allo stesso tempo anche un analisi spazio temporale. Di recente, infatti, la Copaff (Commissione per l'attuazione del federalismo fiscale) ha messo insieme le «prime basi informative» sui costi standard sanitari. A prescindere dai risultatati del tutto indicativi derivanti dall indagine alcuni aspetti potrebbero ancora essere rivisti mentre i conti veri si faranno nel 2013 in base ai risultati del 2011 emerge che la Liguria è la Regione che perderebbe di più, con (teorici) 103 euro a testa in meno per ogni cittadino, mentre con 36 euro pro-capite in più (teorici) la Sicilia è la Regione che avrebbe il maggior guadagno. I dati presentati, pur riguardando solo la sanità, fanno emergere una diversa ripartizione futura dei fondi, che per alcune realtà regionali significherà una riduzione delle proprie disponibilità. E, in alcuni casi, questa diminuzione potrebbe ricadere anche sui servizi sociali offerti dai Comuni. Nel 2007 dall indagine risulta che, del totale della spesa impegnata dai Comuni, il 76,9 per cento è finanziata dai Comuni stessi, il 10,5 per cento è corrisposto come compartecipazione dagli u- tenti, mentre il 12,6 per cento proviene dal Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Pertanto, se le stime del Copaff saranno confermate, alcuni Enti locali potrebbero dover sopportare uno sforzo economico maggiore per poter garantire i livelli di assistenza attuali. L indagine Istat ha rilevato che nel 2007 la spesa per l assistenza sociale erogata a livello locale è stata pari a 6,4 miliardi di euro, in crescita del 7,5 per cento rispetto al 2006 (circa 6,0 miliardi di euro). Le Regioni in cui si è concentrato l incremento Tabella 1 - Variazione percentuale ( ) e incidenza sul totale della spesa servizi sociali dei comuni per area di utenza e per Regione Famiglie e minori Anziani Disabili Disagio adulti Immigrati Dipendenze M ultiutenze Totale Var. % Peso % sul totale spesa anno 2007 Var. % Peso % sul totale spesa anno 2007 Var. % Peso % sul totale spesa anno 2007 Var. % Peso % sul totale spesa anno 2007 Var. % Peso % sul totale spesa anno 2007 Var. % Peso % sul totale spesa anno 2007 Var. % Peso % sul totale spesa anno 2007 Var. % Piemonte 3,3 36,4 8,7 24,0 12,6 22,5 14,8 5,6 20,2 3,3-37,6 0,2 1,4 8,0 7,3 100,0 Valle d'aosta -27,8 25,2-24,3 71,4-91,0 0,9-80,9 1,9-98,0 0,0-100,0 0,0 146,3 0,5-33,9 100,0 Lombardia 10,7 41,2-1,4 21,9 12,2 21,2 42,6 6,9 28,9 2,7-16,8 0,6 9,8 5,5 9,9 100,0 Trentino - Alto Adige 9,3 21,2-12,6 23,1 12,0 36,9 53,5 11,2 1,9 2,3 29,7 1,2 16,3 4,1 7,8 100,0 Bolzano - Bozen 17,0 8,6-29,1 21,3 17,7 46,9 82,6 16,6 2,0 4,1 30,6 2,6-0,0 8,4 100,0 Trento 7,7 31,5 4,9 24,6 5,1 28,7 16,2 6,8 1,5 0,9-32,5 0,0 16,3 7,5 7,3 100,0 Veneto 3,6 28,9-6,7 24,5-9,7 26,4 14,6 5,8 52,9 3,2-27,3 2,0-10,1 9,2-3,4 100,0 Friuli - Venezia Giulia -5,2 25,5-5,0 27,7-8,7 26,7 9,0 8,1 5,7 3,8-10,0 0,3 17,7 7,8-3,3 100,0 Liguria 39,1 45,7 13,1 26,7 9,8 12,9 21,3 6,3 67,3 1,7-22,4 0,9-72,3 5,7 3,7 100,0 Emilia - Romagna 7,4 47,9 9,8 21,6 13,4 15,8 5,5 3,6 10,0 2,9 3,0 0,7 13,6 7,5 9,3 100,0 Toscana 5,8 38,8 14,2 22,7 12,4 17,2 12,2 9,3 19,1 3,4 0,6 0,5 5,4 8,2 9,7 100,0 Umbria 5,8 49,5-14,8 14,7 11,4 16,8 12,0 6,0-22,0 4,1-53,4 1,4 23,9 7,6 1,2 100,0 M arche 8,1 34,6 6,2 17,2 4,0 25,8 4,9 4,3 14,8 2,5 3,1 0,6 20,3 15,1 8,3 100,0 Lazio 6,2 43,0 7,4 17,0 16,0 21,4 14,3 9,8 24,0 5,3-4,8 0,9 17,0 2,7 10,1 100,0 Abruzzo 7,2 45,2 0,2 22,0 4,0 22,2 67,6 4,8 4,8 0,9-58,6 0,5 6,8 4,5 5,8 100,0 M olise 11,0 38,5-6,2 24,0-1,0 19,3 14,0 12,4 65,2 1,3-45,4 1,3 92,8 3,1 4,7 100,0 Campania 18,3 41,2 24,6 21,4 34,0 13,8 13,6 13,4 13,3 1,0-12,5 0,9 5,4 8,2 19,2 100,0 Puglia 19,3 46,0 20,1 18,3 26,5 12,9 22,5 11,1 38,8 2,4-63,6 1,4 61,8 7,9 19,7 100,0 Basilicata -14,9 28,9 12,8 12,8 31,1 16,6 612,6 35,8 87,0 2,2 44,0 1,2-4,6 2,5 47,8 100,0 Calabria -2,8 38,6 25,3 17,3 10,1 16,1 3,9 21,5 85,7 2,8 0,0 1,3-37,2 2,5 4,7 100,0 Sicilia 0,9 42,6-14,1 21,9 2,9 22,0-21,3 7,5 19,7 1,1-14,5 0,7 9,5 4,2-4,0 100,0 Sardegna 14,2 29,6 8,0 20,5 42,6 32,5 8,8 10,6 48,2 0,9 25,1 1,0 49,8 5,0 21,8 100,0 IT A LIA 8,0 38,9 2,5 21,9 9,9 21,2 18,4 7,9 22,0 2,9-21,0 0,8 1,6 6,4 7,5 100,0 Elaborazione Nuovo Welfare su dati Istat Peso % sul totale spesa anno Istat Interventi e i servizi sociali nei Comuni singoli o associati Anno 2007 del 3 settembre Come precisato nell indagine, la suddivisione adottata è stata effettuata tenendo conto anche delle indicazioni della legge quadro sull assistenza (L. 328/2000). 8 WOL / numero 7, novembre 2010 maggiore della spesa sono state, in ordine, la Lombardia, il Lazio e l Emilia-Romagna che hanno contribuito alla crescita complessiva rispettivamente per l 1,7 per cento, l 1,1 per

9 cento e l 1,0 per cento. Analizzando, invece, su base nazionale la ripartizione della spesa per aree di utenza (cfr. tabella 1) emerge come l 82,0 per cento di questa si concentri negli interventi per la famiglia e minori (38,9 per cento), per gli anziani (21,9 per cento) e per i disabili (21,2 per cento). Il restante 18,0 per cento viene impiegato per il disagio adulti (7,9 per cento), per le multiutenze (6,4 per cento), per le politiche a favore degli immigrati (2,9 per cento) e per le dipendenze (0,8 per cento). Dall analisi della spesa, inoltre, è possibile evidenziare i contributi che le singole aree di u- tenza hanno apportato alla crescita totale (7,5 per cento). Emerge, quindi, che l apporto principale viene fornito dall area famiglia e minori (3,1 per cento) seguita dall area dei disabili (2,0 per cento), disagio adulti (1,3 per cento), immigrati e anziani (0,6 per cento), multiutenze (0,1 per cento). Contribuisce negativamente, invece, l area dipendenze (meno 0,2 per cento). Incrementi o decrementi di spesa non rappresentano tuttavia né pregi né virtù delle singole Amministrazioni Locali. Quello che bisognerebbe verificare, in realtà, è più che altro la qualità della spesa sostenuta e gli effetti prodotti dalle singole politiche adottate. Potrebbe risultare, infatti, che il taglio di un determinato intervento non abbia necessariamente prodotto effetti negativi, così come l adozione di nuove politiche non abbia necessariamente raggiunto gli obiettivi prefissati fornendo risposte diverse Grafico 1 - Spesa dei Comuni per servizi sociali: valori medi pro-capite per Regione anni ,0 350,0 300,0 250,0 200,0 150,0 100,0 50,0 0,0 Elaborazione Nuovo Welfare su dati Istat WOL / numero 7, novembre 2010 rispetto agli effettivi bisogni degli individui. Ferme restando queste considerazioni, osservando il grafico 1 in cui è riportato l andamento della spesa media pro-capite nelle diverse Regioni italiane, è possibile vedere che, nel 2007, su base nazionale si è registrata una spesa media pro-capite pari a 107,8 euro, in aumento del 6,7 per cento rispetto al 2006 (101,0 euro). Confrontando poi il dato del 2007 con i 90,2 euro del 2003, si evince che la variazione totale registrata è stata del 19,4 per cento, pari ad un incremento medio annuo del 4,9 per cento. Inoltre, dall indagine emerge un Italia profondamente divisa in due. Nei Comuni del Nord- Ovest e del Nord-Est la spesa media pro-capite ammonta rispettivamente a 125,4 euro e 148,7 euro ben al di sopra della media nazionale mentre nei Comuni delle Regioni del Sud il valore in esame è di appena 51,6 euro. È utile comunque sottolineare che i Comuni del Sud, tra il 2006 e il 2007, hanno fatto registrare l incremento di spesa pro-capite maggiore (17,4 per cento) rispetto alle altre macro aree. Osservando nel dettaglio, nel 2007, il Trentino Alto-Adige con 250 euro pro-capite risulta la Regione con la spesa più alta, mentre la Calabria con soli 26,2 euro è quella con la più bassa spesa pro-capite. Dal grafico emerge, inoltre, come dal 2003 in Calabria la spesa pro-capite sia rimasta pressoché invariata. Per completare il quadro risulta utile condurre l analisi della spesa pro-capite non solo su base regionale ma anche per singola area di utenza. Su base nazionale i disabili rappresentano l area con spesa procapite più elevata pari, nel 2007, a 2.401,2 euro, con un massimo di ,5 in Trentino Alto Adige nella provincia autonoma di Bolzano la spesa è stata pari a euro e un minimo di 334,6 euro nella Valle D Aosta. Al contrario, agli anziani vengono destinati solo 118,1 euro pro-capite, con un massimo di 820,5 euro in Valle d Aosta e un minimo di 24,4 euro in

10 Calabria. Dunque, osservando l andamento tra il 2003 e il 2007, almeno in termini di spesa, il persistente divario tra il Nord e il Sud dell Italia non sembra ridursi, anzi in alcuni casi sembra aumentare. Quello che bisogna ora approfondire è quali saranno gli effetti del federalismo su questa disparità e quanto questo divario di spesa si rifletta poi in termini di bisogni non soddisfatti della popolazione: sono soprattutto le esigenze delle persone disagiate a dover essere soddisfatte, e non solamente i meri equilibri contabili. Roberto Fantozzi LiBrInMenTe Handicappato e carogna di Silvia Spatari Chi pensa che le persone con disabilità siano vittime disgraziate di un fato avverso dovrebbe davvero leggere il libro di David Anzalone, che rivela alcune basilari verità finora taciute. Capirebbe finalmente il vero dilemma esistenziale dei disabili e la loro crisi di identità sociale, quanto la loro presenza sia vitale nelle metropoli motorizzate e l importanza maieutica di un ginecologo fascista e per giunta avanguardista. Scoprirebbe le delizie criminose dell etilismo da cannuccia; che il termine paramedico è un bieco trucco semantico per camuffare i paramilitari della sanità, e che le vere discriminazioni sono quelle impunemente perpetrate a vantaggio dei borghesi dell'handicap, quelli carrozzati. Anzalone è tetraplegico e fa il comico, ma sulla carta d identità "alla voce professione mi ci hanno scritto: handicappato! Segni particolari: nessuno!". Se l interpretazione cognitiva dell altro è autonoma e, spesso, risibile, allora nel suo mondo personalissimo Anzalone sarà pure un handicappato DOCG, ma è soprattutto una carogna impudente che si diverte a irridere il buonismo intellettualoide e gli stereotipi sul buon selvaggio handicappato, innocente e disgraziato. Ribaltando con incredibile verve la dialettica stantìa della contrapposizione tra abilità e disabilità. David Anzalone, Alessandro Castriota Mondadori, ,00 Le disabilità oltre l invisibilità istituzionale Non vi è dubbio che le trasformazioni del modello tradizionale di società, a partire dagli anni 70, abbiano contribuito a far emergere una serie di diversità precedentemente nascoste, tra cui in primo luogo le disabilità fisiche e psichiche, fino a quel momento chiuse nel guscio della protezione familiare. I diversi si sono affacciati sulla realtà, la malattia mentale non si lascia più nascondere nelle mura di casa o degli istituti, gli handicappati reclamano di poter uscire per strada, di vivere accanto agli altri, di lavorare. È nello stesso periodo che la 10 WOL / numero 7, novembre 2010

11 sanità pubblica inizia a prevedere, tra i propri compiti, quello di assistere e riabilitare i disabili. Anche se è solo nel corso degli ultimi due decenni che vengono emanate norme specifiche sulle garanzie per i disabili e le loro famiglie (L. 104/1992) e sull integrazione sanitaria e il progetto individuale di cura anche domiciliare (L. 328/2000 e Piano sanitario ). Ma i tempi del cambiamento sono davvero molto lenti e lunghi, se ancora oggi dobbiamo constatare una disattenzione nei confronti del fenomeno e gravi carenze nei servizi di riferimento. La ricerca del Censis, condotta per conto della Fondazione Cesare Serono, e presentata a Roma il 20 ottobre scorso con il titolo Le disabilità oltre l invisibilità istituzionale, è proprio volta a verificare la percezione diffusa, le conoscenze e le valutazioni in materia di disabilità nella popolazione italiana. In particolare ci si è chiesti se queste conoscenze siano accompagnate da sentimenti positivi o negativi, quali siano le disabilità più temute o problematiche (se quelle a carattere motorio o cognitivo), e quali le esigenze di intervento. Il quadro che ne esce è sconcertante, sia per le dimensioni del fenomeno rilevate, ma soprattutto per l immagine distorta, per la sommarietà e la superficialità delle conoscenze. Dall indagine emerge innanzitutto che sarebbero 4,1 milioni le persone disabili che vivono in Italia, pari al 6,7% della popolazione, dunque ben al di sopra di quanto sia possibile stimare a partire dalle indagini dell Istat (circa il 4,7% della popolazione). Ma soprattutto la maggioranza degli italiani ha un immagine della disabilità esclusivamente in termini di limitazione del movimento (62,9%), solo il 15,9% pensa a una disabilità intellettiva (ritardo mentale o demenza) e il 2,9% a una disabilità sensoriale (sordità o cecità). Il 68,7% degli intervistati associa la disabilità motoria negli adulti alle conseguenze di un incidente, il 14,2% la riconduce a una malattia congenita, mentre l ipotesi di una malattia neurologica viene menzionata solo dall 11,1%. Tra quanti affermano di conoscere la sindrome di Down, il 55,7% è convinto che nella maggior parte dei casi le persone che ne sono affette muoiano giovani, che non superino i 40 anni di età (in realtà l aspettativa di vita media per queste persone è oggi superiore ai 60 anni). E appare molto diffuso il luogo comune, ai limiti del razzismo, secondo il quale le persone con sindrome di Down si assomigliano tutte tra loro, sia esteticamente che come carattere, considerato vero da 2 intervistati su 3 (pari al 66%, il dato raggiunge il 75,6% tra i soggetti meno scolarizzati e rimane comunque maggioritario anche tra i laureati, che lo ritengono vero nel 60,5% dei casi). Per quanto riguarda il morbo di Parkinson, il 93,2% di quanti affermano di conoscerlo sa che causa una serie di disturbi e difficoltà del movimento, ma quasi 2 intervistati su 3 (il 61%) lo confondono con l Alzheimer, nella convinzione che i primi sintomi del Parkinson siano le perdite di memoria e il disorientamento nel tempo e nello spazio. Per quanto riguarda la sclerosi multipla, se l 87,6% di chi afferma di conoscerla sa che è una malattia che colpisce il sistema nervoso centrale, il 62,7% pensa però che le persone che ne sono colpite perdano rapidamente la mobilità e finiscano presto sulla sedia a rotelle. Il 74,6% ha l errata convinzione che le persone affette da questa patologia abbiano un aspettativa di vita molto inferiore alla media e il 60,7% pensa che non sia possibile vivere una vita normale. A proposito dell autismo, il 90,8% di quanti affermano di conoscerlo crede correttamente che le persone che ne sono affette soffrano di gravi difficoltà nel comunicare e stabilire relazioni con gli altri, ma è duro a morire il luogo comune circa la presunta genialità di queste persone nella matematica, nella musica o nell arte, che è condiviso da quasi 3 intervistati su 4 (il 73%). Secondo l indagine i sentimenti che vengono provati nei confronti della disabilità sono in gran parte di solidarietà, ma molto spesso anche di paura e preoccupazione, sia per quanto riguarda la difficoltà a rapportarsi ad un fenomeno che appare ancora oggi sconosciuto ed almeno parzialmente sommerso; sia per la sensazione della solitudine in cui vengono abbandonate le famiglie che ne sono interessate, con scarsi, ed in qualche situazione nulli, aiuti da parte delle istituzioni. Le persone disabili suscitano in gran parte degli italiani sentimenti come la solidarietà (per il 91,3%), l ammirazione per la loro forza di volontà e la determinazione che comunicano (85,9%), il desiderio di rendersi utili (82,7%). La metà (50,8%) afferma di provare tranquillità, di fronte a una situazione ritenuta normale. Ma sono diffusi anche sentimenti controversi, quali imbarazzo e disagio. Il 54,6% degli italiani prova paura, per l eventualità di potersi trovare un giorno a dover sperimentare la disabilità in prima persona o nella propria famiglia. Poi c è 11 WOL / numero 7, novembre 2010

12 il timore di poter involontariamente offendere o ferire la persona disabile con parole e comportamenti inopportuni (34,6%). Il 14,2% degli italiani afferma di provare indifferenza, perché il problema della disabilità non li tocca minimamente. In altre parole, con sentimenti che oscillano tra la partecipazione umana e la paura, costruire una relazione con le persone disabili è difficile. Due terzi degli intervistati (66%) ritiene che soprattutto le persone con disabilità mentale siano accettate solo a parole dalla società, ma nei fatti vengano spesso emarginate. Quasi un quarto del campione (23,3%) ha un opinione ancora più negativa, ritenendo che non c è nessuna accettazione sociale, perché la disabilità intellettiva fa paura e queste persone si ritrovano quasi sempre discriminate e sole. Solo il 10,7% degli intervistati ritiene che invece siano accettate pienamente e che nei loro confronti ci sia disponibilità all aiuto e al sostegno. Uno dei risultati principali dell indagine condotta sembra essere quello per cui ad una riscoperta della diversità, non programmata e non incasellata, si affianca spesso l ansia della diversità. Questo significa che le politiche verso la diversità dovranno soprattutto spingere nella direzione della comprensione, accettazione e condivisione delle differenze, per costruire una coesione sociale di tipo nuovo e spazi di convivenza innovativi. Ciò è stato sostenuto da tutti i partecipanti alla tavola rotonda di presentazione dell indagine; dal Sottosegretario Martini, che detiene la delega per le disabilità e la riabilitazione, all assessore agli Affari sociali del Comune di Genova, a quello della Regione Liguria, solo per citarne alcuni. Inoltre, accanto a ciò va ripensata una politica di sistema, che è stata ampiamente definita a livello normativo nel corso dei decenni, come ben esposto dal prof. Elio Guzzanti durante la presentazione, ma che ha trovato ancora oggi applicazioni del tutto parziali, anche a causa della incapacità di convogliare sul settore adeguate risorse. L auspicio emerso dallo studio e dall incontro di discussione che ne è seguito è che, nonostante i problemi della finanza pubblica e della crisi economica, l Italia sia in grado di recuperare un approccio positivo e costruttivo nei confronti delle disabilità, mentali e fisiche, dei giovani come degli anziani. Ciò può accadere solo attraverso l attivazione di alcune leve fondamentali: la collaborazione tra tutti i livelli istituzionali interessati, in un ottica di concentrazione degli sforzi e di integrazione dei servizi; la centralità delle persone con disabilità e delle loro famiglie nel progetto di intervento integrato e la lotta alla eccessiva burocratizzazione; il superamento degli stereotipi e della segregazione sociale e lavorativa delle persone con disabilità. Carla Collicelli Verso l Economia del Ben-Essere 12 WOL / numero 7, novembre 2010 Si è svolta lo scorso 8 e 9 ottobre 2010 la decima edizione delle Giornate di Bertinoro per l Economia Civile di AICCON, l appuntamento che mette a confronto i maggiori esponenti del mondo accademico e dei rappresentanti più autorevoli dell economia civile in Italia, quest anno dedicato al tema dell Economia del Ben-Essere. Il dibattito articolato ha affrontato temi importanti dedicati alle tendenze più rilevanti del settore non profit e dello scenario economico in Italia. Il titolo di questa edizione è Verso l Economia del Ben-Essere, un tema sempre più presente sui giornali internazionali e nel dibattito politico. L evento si è aperto con il contributo che Claudio Gagliardi, Segretario Generale Unioncamere, ha inviato alle Giornate in cui ha rilanciato il ruolo delle Camere di Commercio nello sviluppo dell impresa sociale in Italia: si stima che le imprese sociali impieghino circa 357mila dipendenti, quasi tutti concentrati nelle imprese dei servizi (96%), tra il 2003 e il 2009 l incremento occupazionale è stato di oltre il 60%, largamente superiore a quello di tutte le imprese italiane, pari al +9% circa. Inoltre Gagliardi ha annunciato la nascita dei Comitati per l imprenditorialità sociale che saranno istituiti presso le Camere di Commercio anche grazie alla collaborazione con il Ministero dello Sviluppo Economico e con il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Si è entrati quindi nel vivo del dibattito con la sessione di apertura Verso una nuova metrica dell economia del ben-essere: come misurare l immisurabile? che ha visto la partecipazione di Stefano Zamagni - Università di Bologna, Enrico Giovannini - Presidente Istat, Chiara Sa-

13 raceno - Wissenschaftszentrum für Sozialforschung di Berlino e Ermete Realacci Presidente Fondazione Symbola. Il presidente dell Istat Enrico Giovannini ha annunciato che il Parlamento ha approvato il finanziamento per la realizzazione del censimento sul non profit in Italia previsto per il Nel suo intervento, Stefano Zamagni ha sottolineato come la questione della misurazione sia antica: da Cartesio in poi ci si è posti il problema. La prima cosa che si è cercato di misurare sono stati gli attributi quantitativi: da un po di tempo a questa parte, si tenta di misurare la qualità. Non è impossibile, solo ci vuole una metrica diversa! Il senso di questa edizione delle Giornate di Bertinoro è quello di muovere verso la presa d atto della possibilità di misurare la qualità. Perché è cosi importante un confronto sulla ricerca di una metrica adeguata per la misurazione dell economia del ben-essere? Perché il modello di welfare state, ereditato dal passato, ha delle difficoltà: l acquisto di prestazioni di servizi sul totale della spesa sociale da parte dei comuni capoluogo è crollato. L ente pubblico sta rinunciando al proprio ruolo, perché sono puramente utenti/clienti di ciò che il privato offre. Una delle sessioni più importanti delle Giornate di Bertinoro è stata quella dedicata al tema Dare credito alla fiducia: la domanda di finanza del Terzo Settore che si è aperta con l intervento di Giorgio Gobbi (Banca d Italia, titolare della Divisione struttura e intermediari finanziari) che ha presentato alcuni dati sulla dimensione e struttura del mercato del credito per il Terzo Settore. A giugno 2010 circa istituzioni ed enti ecclesiastici e religiosi hanno ricevuto 2,1 miliardi di euro di finanziamenti da banche e società finanziarie; il dato si alza se consideriamo le altre istituzioni senza scopo di lucro (istituzioni ed enti con finalità di assistenza, beneficenza, istruzione, culturali, sindacali, politiche, sportive, ricreative e simili) che hanno ricevuto 7 miliardi di euro di finanziamenti; mentre cooperative sociali hanno ottenuto circa 1,6 miliardi di euro. L intero Terzo Settore a giugno 2010 ha ottenuto circa 11 miliardi di euro di finanziamenti da banche e società finanziarie. Le banche maggiori hanno il 50% delle organizzazioni del Terzo Settore come clienti (in questa percentuale la quota di mercato più alta è delle istituzioni senza scopo di lucro, seguite dalle istituzioni ecclesiastiche e dalle cooperative sociali). A seguire le banche grandi e medie (per una quota di mercato che supera il 20%) e le piccole (attorno al 7%). In 13 WOL / numero 7, novembre 2010

14 particolare il sistema delle BCC è intermediario per il Terzo settore nel circa 12% dei casi, e i principali clienti sono le cooperative sociali. I prestiti agli operatori del terzo settore ha concluso Gobbi - rappresentano una quota piccola, ma in rapida crescita (più delle imprese non finanziarie e della Pubblica Amministrazione), i dati dimostrano che negli ultimi 10 anni l indebitamento del Terzo Settore è più che raddoppiato. Accanto a numerosi operatori le cui esigenze finanziarie ammontano a poche decine di migliaia di euro, vi sono organizzazioni il cui indebitamento raggiunge dimensioni tipiche di quelle che si riscontra nelle piccole e medie imprese. Le caratteristiche del mercato del credito al terzo settore non si discostano in misura significativa da quelle del mercato dei prestiti alle imprese per prestiti agli operatori per tipologia degli intermediari, forme tecniche, tassi di interesse e rischiosità. Approfondimento: sul ruolo delle Organizzazioni Non-Profit in un economia che persegue la felicità delle persone L economia può incidere sulla felicità e sul benessere delle persone, e in periodi di crisi come quello che stiamo vivendo è particolarmente evidente quanto la sfera economica possa divenire una minaccia per la serenità degli individui. Eppure, come una serie di studi ha dimostrato nel corso degli ultimi 30 anni, non è la variazione della ricchezza il determinante principale delle variazioni della felicità individuale riportata dalle persone. L influenza dell economia sul benessere individuale, inoltre, non si esaurisce con la produzione di ricchezza, ma interessa sempre più le mutate dinamiche di produzione del valore tipiche dei sistemi economici contemporanei (definiti post-moderni) in cui la dimensione identitaria diviene centrale 3. Per lungo tempo, lo studio dell economia ha fatto riferimento a un concetto di felicità e benessere interamente identificabile e caratterizzabile in termini di aumento della ricchezza individuale 4. Parallelamente, a livello macro, la società del benessere incarnava l idea per cui l aumento della ricchezza economica e dei livelli di consumo si sarebbe tradotto nell aumento del grado di felicità degli individui e 3 Sacco e Viviani (2003). 4 Si rimanda all analisi svolta da Bruni e Zamagni (2004) per evidenziare l attenzione dedicata alla felicità pubblica dagli economisti politi italiani del settecento. 14 WOL / numero 7, novembre 2010 dell intera società. Dagli anni 70, tuttavia, una serie di studi ha evidenziato nelle economie avanzate la presenza di mancanza di appagamento pur nell abbondanza di beni 5. Paradossalmente, l aumento dei redditi individuali che si era registrato in tutte le economie occidentali dal secondo dopoguerra in poi e la possibilità degli individui di soddisfare un sempre maggior numero di bisogni non si erano tradotti in un aumento della felicità individuale. Questo fenomeno, identificato come paradosso della felicità, fu messo in luce per la prima volta nel 1974, da Richard Easterlin. Egli documentò come, all aumentare del reddito, il livello di felicità riportato dagli individui aumenta fino a un certo punto oltre il quale comincia a diminuire. Una serie di studi successivi ha confermato che la felicità delle persone dipende poco da variazioni di reddito mentre appare notevolmente più legata ad altri fattori come le relazioni personali con familiari e amici, la partecipazione in organizzazioni e associazioni, le comparazioni relative, etc. 6 Accanto al filone di studi sulla felicità, va ricordato il contributo di Amartya Sen che, unendosi alle crescenti critiche sull utilizzo del PIL e di altre variabili economiche come unici indicatori del benessere degli individui, ha analizzato i concetti di libertà e sviluppo definendoli in termini di funzionamenti e capacitazioni (capabilities). I funzionamenti indicano le esperienze effettive (di essere o di fare) che l'individuo ha deciso liberamente di vivere giacché gli attribuisce valore. Le capacitazioni sono invece le alternative di scelta, ossia l'insieme dei funzionamenti che un individuo può scegliere 7. Il dibattito sulla definizione e la misurazione del benessere individuale che si è sviluppato negli ultimi anni ha raggiunto pieno riconoscimento con la creazione, nel 2008, da parte del presidente Nicolas Sarkozy della Commissione sulla Misurazione della Performance Economica e del Progresso Sociale con l obiettivo di evidenziare i limiti dell utilizzo del PIL quale indicatore del benessere e formalizzare un set di indicatori e linee guida per la misurazione del 5 Questa definizione è tratta da Sacco e Viviani (2003) che a loro volta rimandano a Cross (1998). 6 In molti studi sulle determinanti della felicità, oltre ai beni relazionali, anche l età e l istruzione sembrano avere un impatto positivo e significativo sulla felicità al pari della salute e del grado di democrazia. Inflazione e disoccupazione hanno invece effetti negativi. 7 Sen (2000).

15 benessere da utilizzare nel momento di policy design e policy evaluation. La ragione per cui la scienza economica sia recentemente tornata ad interessarsi di felicità e benessere è da riscontrarsi nei caratteri delle società contemporanee 8. Oltre alla povertà dovuta alla scarsità di risorse materiali, nelle società contemporanee si osservano casi di c.d. povertà relazionale. Diversi autori, infatti, hanno evidenziato la tendenza delle società in cui viviamo a sostituire le relazioni interpersonali con i beni posizionali, legati cioè allo status relativo di chi li possiede 9. Mentre una relazione richiede un alto rischio iniziale e manutenzione, i beni posizionali rispondono alla necessità di affermare il proprio status in un gruppo di riferimento aumentando l isolamento sociale per il fatto di essere posseduti ma anche perché richiedono elevati ritmi di lavoro per essere acquistati e una volta che il loro potenziale gratificatorio si è esaurito sostituiti. Il tempo sottratto alle relazioni sociali non fa che isolare l individuo, e le conseguenze estreme di tali dinamiche sono le c.d. trappole di povertà relazionale. La marginalità sociale nelle società contemporanee non è necessariamente legata alla scarsità delle risorse materiali 10. In presenza di simili rischi si coglie l importanza delle organizzazioni non-profit (ONP, in seguito) nelle nostre società: essendo la produzione di beni relazionali la loro cifra distintiva, esse fungono da antidoto alla creazione di trappole di povertà relazionale indicendo positivamente sul benessere degli individui. A livello macro, le ONP favoriscono processi di accumulazione del capitale sociale presente sui territori rafforzando la fiducia interpersonale di cui il mercato si nutre senza esserne produttore 11. Uno studio molto interessante sul legame tra felicità e capitale sociale è stato realizzato uti- 8 Come rilevano Sacco e Viviani (2003) lo sviluppo economico ha modificato radicalmente le variabili da cui dipende il benessere individuale e di conseguenza le condizioni di scarsità che il soggetto deve affrontare. 9 Putnam (2004). 10 Zamagni (2005). 11 Antoci, Sacco e Vanin, (2004). Il capitale sociale indica la trama di relazioni fiduciarie fondate sul principio di reciprocità, il cui fine specifico è la fraternità, Zamagni (2009). Esso svolge un ruolo essenziale per il funzionamento dei mercati, garantendo il substrato di fiducia necessario alle transazioni economiche, favorendo la creazione di social network che stimolano la reciprocità e la cooperazione. 15 WOL / numero 7, novembre 2010 lizzando dati relativi alla società statunitense 12. Partendo dall evidenza che, negli ultimi trent anni, il declino del grado di felicità riportato dagli individui statunitensi si accompagna ad una riduzione del capitale sociale relazionale 13 (misurato con riferimento a: i contatti sociali con i vicini, gli amici e i parenti, la fiducia negli individui, l appartenenza a gruppi e organizzazioni e lo status maritale), l analisi statistica realizzata evidenzia che la diminuzione della felicità individuale e quella del capitale sociale vanno di pari passo. Si individua, infatti, l esistenza di una correlazione significativa tra gli indicatori di capitale sociale a livello individuale e le misure del grado di well-being riportate dagli individui. Sebbene sia difficile e- videnziare la direzione del nesso di causalità tra capitale sociale e felicità (ossia quale dei due andamenti influenzi l altro), è evidente che la dimensione del benessere individuale richiama quella sociale e ciò che unisce le due dimensioni è costituito dalle relazioni sociali. Gli approcci economici tradizionali non ammettendo motivazioni diverse dal self-interest alla base del comportamento economico, considerano simili evidenze come paradossali. La prospettiva di analisi dell Economia Civile, offrendo una visione più complessa dell agire economico individuale, è in grado di superare quelli che nella visione economica tradizionale sono definiti paradossi e ossimori: si pensi alla finanza etica, la mancanza nell abbondanza, al c.d. paradosso della felicità. L Economia Civile, inoltre, offre una lettura non residuale dell esistenza delle ONP, rintracciando la loro cifra distintiva nella capacità di fornire beni relazionali, piuttosto che come risposta ai fallimenti dello Stato e del Mercato 14. Ufficio stampa Aiccon 12 Bartolini, Bilancini e Pugno (2009). 13 Gli autori distinguono il capitale sociale in relational social capital, facendo riferimento alle componenti del capitale sociale che riguardano non-market relations. Il non-relational social capital fa riferimento alle componenti del capitale sociale che esprimono delle credenze verso le istituzioni (es. fiducia verso le istituzioni, etc). 14 Bruni e Zamagni (2004). L economia comportamentale è una branca dell economia che si pone l obiettivo di integrare nei modelli economici delle assunzioni psicologiche e dei fattori legati alle emozioni degli agenti con il fine di dotare la scienza economica di un set di assunzioni più realistiche. Una branca dell economia comportamentale si è concentrata sullo studio dell eterogeneità delle motivazioni economiche diverse dal self interest: altruismo, reciprocità, avversione alla disuguaglianza, etc. (cfr. Camerer, e Loewenstein, 2003).

16 Hanno collaborato a questo numero Aiccon, Carla Collicelli, Daniele De Pretto, Roberto Fantozzi, Antonio Misiani, Francesco Montemurro, Matteo Domenico Recine, Silvia Spatari Redattore Zaira Bassetti Impaginazione Zaira Bassetti, Marco Biondi Redazione Piazza del Gesù, 47 - Roma Potete inviarci le vostre osservazioni, le critiche e i suggerimenti, ma anche gli indirizzi e i recapiti ai quali volete ricevere la nostra webzine alla nostra 16 WOL / numero 7, novembre 2010

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia

L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia 14 giugno 2010 L offerta comunale di asili nido e altri servizi socio-educativi per la prima infanzia Anno scolastico 2008/2009 L Istat diffonde i principali risultati della rilevazione rapida relativa

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA 18 luglio 2011 Anno scolastico 2009/2010 L OFFERTA COMUNALE DI ASILI NIDO E ALTRI SERVIZI SOCIO-EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Nell anno scolastico 2009/2010 risultano iscritti negli asili nido comunali

Dettagli

Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni

Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni www.regioni.it Le politiche sociali oggi: riflessioni e proposte delle Regioni 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO Confindustria prevede crescita 0 ; OCSE indica una disoccupazione giovanile al 28%; Gli organismi

Dettagli

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 11/110/CRFS/C8 LE POLITICHE SOCIALI OGGI: RIFLESSIONI E PROPOSTE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI 1. IL QUADRO SOCIO-ECONOMICO IN ITALIA: Confindustria

Dettagli

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità

Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità Italia: la spesa sociale e la spesa per disabilità La spesa sociale dei Comuni Nel 2012 (ultimo dato disponibile) i Comuni italiani, singoli o associati, hanno speso per interventi e servizi sociali sui

Dettagli

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali

1 Coordinatore del Dipartimento Welfare Acli Nazionali Indagine Link-Marche : ricerca e azione sociale per favorire l inclusione delle persone in condizioni di marginalità e di disagio a cura di David Recchia 1 Link è un progetto nazionale che le Acli hanno

Dettagli

Dossier sulla non autosufficienza

Dossier sulla non autosufficienza 1 Dossier sulla non autosufficienza Tanti soldi (quasi 30 mld) ma spesi male E al Sud boom di invalidità ma niente servizi La spesa, la domanda di assistenza, le strutture e i servizi. La situazione nelle

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB

OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 2013, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB Sezione SUICIDI PER CRISI ECONOMICA OSSERVATORIO SUICIDI PER CRISI ECONOMICA Dati: 2012, 201, 2014, 1 Semestre 2015 A cura di LINK LAB (Laboratorio di Ricerca Socio Economica dell'università degli Studi

Dettagli

DATI AL 31/12/2008. Report

DATI AL 31/12/2008. Report Rilevazione coordinata dei dati in possesso delle Regioni e Province autonome su bambini e adolescenti fuori dalla famiglia in affidamento familiare (a singoli, famiglie e parenti) o accolti nei servizi

Dettagli

La ricchezza (vera) delle regioni

La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni La ricchezza (vera) delle regioni Anna Villa Nell'ottava edizione del Rapporto Quars, la classifica del benessere sostenibile. In testa il Trentino Alto Adige, scendono

Dettagli

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino

IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE FONDAZIONE BRUNO KESSLER. Garanzia Giovani in Trentino FONDAZIONE BRUNO KESSLER IRVAPP ISTITUTO PER LA RICERCA VALUTATIVA SULLE POLITICHE PUBBLICHE Garanzia Giovani in Trentino Rapporto di monitoraggio 2015 1 Aprile 2014 - Giugno 2015 FBK-IRVAPP in collaborazione

Dettagli

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare

Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare VERSIONE PROVVISORIA Disposizioni in materia di assistenza in favore delle persone affette da disabilità grave prive del sostegno familiare Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda

Dettagli

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI

I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI 14 dicembre 2012 Al 31 dicembre 2010 I PRESIDI RESIDENZIALI SOCIO-ASSISTENZIALI E SOCIO-SANITARI In Italia i presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari attivi il 31 dicembre 2010 sono 12.808

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2011. 17 luglio 2012. INCIDENZA DI POVERTÀ RELATIVA PER RIPARTIZIONE GEOGRAFICA. Anni 2008-2011, valori percentuali 17 luglio 2012 Anno 2011 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2011, l 11,1% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 8.173 mila persone) e il 5,2% lo è in termini assoluti (3.415 mila).

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro

Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Conferenza Regionale del Lavoro Avanti c è posto. Di lavoro Tavola rotonda I nuovi esclusi dal mercato del lavoro Introduzione al tema Giovanna Altieri Roma, 26 gennaio 2010 Presentazione N.01/2010 1 Il

Dettagli

Facoltà di Economia e Commercio

Facoltà di Economia e Commercio Facoltà di Economia e Commercio Una analisi comparata degli obiettivi dei Piani Sanitari e Socio Sanitari delle Regioni e delle Province Autonome : 2003-2005 di: Eleonora Todini (*) (*) Il presente contributo

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

7-8 dicembre 2014 FACTORY 365 TAVOLO DIRITTO ALLO STUDIO. Situazione Generale

7-8 dicembre 2014 FACTORY 365 TAVOLO DIRITTO ALLO STUDIO. Situazione Generale 7-8 dicembre 2014 FACTORY 365 TAVOLO DIRITTO ALLO STUDIO Ospiti: Federica Laudisa (Osservatorio per il Diritto allo Studio del Piemonte), Maurizio Natali (presidente Fondazione Andisu) Coordinatori tavolo:

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli

LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE: UNA TRADIZIONE VENETA

LE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE: UNA TRADIZIONE VENETA FEDERAZIONE ITALIANA SCUOLE MATERNE Associazione delle Scuole dell Infanzia paritarie e servizi alla Prima Infanzia Via Visinoni,4/c 30174 VENEZIA ZELARINO c/centro Cardinal Urbani c.f. 94046810266, IBAN

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA

FESTIVAL DELLA FAMIGLIA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO AGENZIA PER LA FAMIGLIA, LA NATALITÀ E LE POLITICHE GIOVANILI FESTIVAL DELLA FAMIGLIA La Famiglia come risorsa per la crisi economica Se cresce la Famiglia, cresce la Società

Dettagli

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO

LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO Direzione Affari Economici e Centro Studi LA REGIONALIZZAZIONE DEL PATTO DI STABILITA INTERNO UNO STRUMENTO PER LIBERARE I PAGAMENTI ALLE IMPRESE E FAVORIRE LE SPESE IN CONTO CAPITALE MAGGIO 2012 INDICE

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

Silvia Scozzese 21 gennaio 2014

Silvia Scozzese 21 gennaio 2014 Silvia Scozzese 21 gennaio 2014 IL CONTESTO FINANZIARIO 1 LA MANOVRA DEL COMPARTO COMUNALE ANNI 2007-2014 Valori in milioni di euro Totale Cumulato 2007-2014 Manovra di cui: 16.177 L obiettivo di Patto

Dettagli

La povertà in Italia nel 2009

La povertà in Italia nel 2009 15 luglio 2010 Anno 2009 La povertà in Italia nel 2009 L'Istituto nazionale di statistica comunica i dati relativi alla povertà relativa e assoluta delle famiglie residenti in Italia, sulla base delle

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali

L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali 19 gennaio 2011 L integrazione degli alunni con disabilità nelle scuole primarie e secondarie di I grado, statali e non statali Anni scolastici 2008/2009 e 2009/2010 L Istat diffonde i primi risultati

Dettagli

POLITICHE DELLO SPORT E DIVARIO NELLA WELLNESS

POLITICHE DELLO SPORT E DIVARIO NELLA WELLNESS Capitolo III POLITICHE DELLO SPORT E DIVARIO NELLA WELLNESS PREMESSA Questo capitolo affronta il tema delle politiche pubbliche per la wellness e lo sport che mette in evidenza ancora un annoso e ancora

Dettagli

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere

La lingua italiana, i dialetti e le lingue straniere 20 aprile 2007 La italiana, i dialetti e le lingue straniere Anno 2006 Le indagini Multiscopo condotte dall Istat rilevano i comportamenti e gli aspetti più importanti della vita quotidiana delle famiglie.

Dettagli

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale

Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Il mercato degli immobili in Italia: Focus sull edilizia sociale Ufficio Ricerca e Studi Asti, 28 novembre 2014 Perché Social housing La questione abitativa in Italia ha acquisito, nel corso degli ultimi

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa

Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Legalità e credito. Contrastare i costi del crimine organizzato Bologna, 5 novembre 2013 Legalità e credito. L'investimento in sicurezza per la libera attività d'impresa Giovanni Maria Mazzanti Università

Dettagli

IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO

IL FEDERALISMO DIFFERENZIATO ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO IL FEDERALISMO "DIFFERENZIATO" ITALIANO. IL CASO DEL TRENTINO ALTO ADIGE PROF. GIANFRANCO CEREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI - TRENTO UN TEMA COMPLESSO Le differenze fra gli statuti: 1. per i livelli di compartecipazioni

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali)

LA POVERTÀ IN ITALIA, 1980-2000 (valori percentuali) LA POVERTÀ IN ITALIA, 198-2 (valori percentuali) 3 3 25 25 2 Mezzogiorno 2 15 Italia 15 1 5 Nord Centro 1 5 198 1982 1984 1986 1988 199 1992 1994 1996 1998 2 vecchia serie nuova serie Fonte: Commissione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2012. 17 luglio 2013 17 luglio 2013 Anno 2012 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2012, il 12,7% delle famiglie è relativamente povero (per un totale di 3 milioni 232 mila) e il 6,8% lo è in termini assoluti (1 milione 725 mila). Le

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE

NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE NOVA NUOVI ORIZZONTI PER VIVERE L ADOZIONE Resto in Famiglia! Il progetto Resto in famiglia promosso da NOVA preserva la famiglia, attraverso un adeguata accoglienza delle problematiche presenti all interno

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012

SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 SCHEDA DI SINTESI LIBRO BIANCO 2012 La salute dell anziano e l invecchiamento in buona salute Stato di salute, opportunità e qualità dell assistenza nelle regioni italiane L analisi della struttura demografica

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI

AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI AGGIORNAMENTO DELLE ANALISI E DELLE PREVISIONI DEI CONSUMI DELLE FAMIGLIE NELLE REGIONI ITALIANE MARIANO BELLA LIVIA PATRIGNANI UFFICIO STUDI 9 AGOSTO 2010 L aggiornamento delle previsioni sull andamento

Dettagli

La povertà soggettiva in Italia

La povertà soggettiva in Italia ISTITUTO DI STUDI E ANALISI ECONOMICA Piazza dell Indipendenza, 4 Luglio 2005 00185 Roma tel. 06/444821 - fax 06/44482229 www.isae.it Stampato presso la sede dell Istituto La povertà soggettiva in Italia

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA

LA POVERTÀ IN ITALIA 15 luglio 2011 Anno 2010 LA POVERTÀ IN ITALIA La povertà risulta sostanzialmente stabile rispetto al 2009: l 11,0% delle famiglie è relativamente povero e il 4,6% lo è in termini assoluti. La soglia di

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO M A G G I O 2002 DODICI Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA Alla sua elaborazione hanno partecipato: Paolo Andreozzi

Dettagli

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita

Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Fragilità, povertà e diritto alla salute nelle età della vita Povertà e diritto alla salute La salute diseguale: aspetti sociali della tutela della salute Concetta M. Vaccaro Responsabile welfare e salute

Dettagli

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto

Abbandono scolastico ed il fenomeno della dispersione. Ricerca condotta da Adiconsum nell ambito del progetto Abbandonoscolasticoedilfenomenodelladispersione RicercacondottadaAdiconsumnell ambitodelprogetto Laquestioneeconomicadell abbandonodeigiovanineipercorsi formativi conilfinanziamentodi ForumANIA Consumatori

Dettagli

Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil

Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Il futuro non si taglia Il 20 giugno Giornata di mobilitazione nazionale dei Sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil Una mobilitazione generale per chiedere al governo di intervenire su

Dettagli

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL

Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL Il Veneto letto dai Bilanci dei Comuni IX RAPPORTO DI RICERCA NOBEL SINTESI a cura di Giacomo Vendrame e Paolo Vallese ottobre 2008 Nobel è un progetto dell Ires Veneto promosso da Il Veneto letto dai

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 SOMMARIO 1 - CONTESTO DI RIFERIMENTO...2 DATI DEMOGRAFICI...2 2 - OBIETTIVI GENERALI...6 3 - I COMPITI

Dettagli

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro

Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro Gli spostamenti quotidiani per motivi di studio o lavoro 4 agosto 2014 L Istat diffonde i dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni relativi agli spostamenti pendolari

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi)

X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) X RAPPORTO SULL'APPRENDISTATO Ministero del Lavoro Isfol (scheda di sintesi) Presentazione X Rapporto di monitoraggio sullo stato di avanzamento dell apprendistato, appuntamento annuale dell Isfol, che

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato

Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Rischio povertà. Una soluzione: dare dignità al mercato Leonardo Becchetti, Angela Schito - 15/04/2009 (BENE COMUNE:NET) Una delle conseguenze della crisi che stiamo vivendo riguarderà senza dubbio le

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006

Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione. Numeri del Sud. Indicatori regionali del QCS 2000-2006 Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e di Coesione Numeri del Sud Indicatori regionali del QCS 2-26 Bollettino statistico a cura dell'unità di Valutazione degli

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013

MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 MERCATO IMMOBILIARE E IMPRESE ITALIANE 2013 Sono 383.883 le imprese nate nel 2012 (il valore più basso degli ultimi otto anni e 7.427 in meno rispetto al 2011), a fronte delle quali 364.972 - mille ogni

Dettagli

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia

L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia L attuazione della GARANZIA GIOVANI in Italia 2 ottobre 2015 1. Programmazione attuativa (dati al 1 ottobre 2015) Le risorse finanziarie del Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani

Dettagli

Report agosto 2010. Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare. a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI

Report agosto 2010. Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare. a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI Una sintesi mensile dei dati e delle tendenze per una panoramica sul mondo immobiliare a cura di Alice Ciani Responsabile CSEI Indice 1. Le compravendite 2. Le locazioni 3. I mutui 4. Le ristrutturazioni

Dettagli

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA

I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA I REDDITI E IL MERCATO DEL LAVORO NEL FRIULI VENEZIA GIULIA Contributo di Laura Chies Esperta dell Agenzia e Dises - Università di Trieste e di Chiara Donati e Ilaria Silvestri Servizio statistica e affari

Dettagli

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon)

Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica. (a cura del prof. Bruno Bordignon) Sussidiarietà orizzontale nelle politiche regionali in materia di parità scolastica (a cura del prof. Bruno Bordignon) 1 ABRUZZO 1 BASILICATA BOLZANO (Provincia Autonoma di) A livello di normativa sono

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli

stabile o una serie di appartamenti dove l immigrato può permanere per un periodo già fissato dalla struttura stessa. Sono ancora tantissimi gli P R E M E S S A Con la presente rilevazione, la Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica si propone di fornire un censimento completo delle strutture di accoglienza per stranieri, residenziali

Dettagli

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag.

Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2. L appartenenza di genere pag. 4. Il settore di impiego e le condizioni contrattuali pag. Studi e ricerche sull economia dell immigrazione Le retribuzioni dei e i gap retributivi con gli italiani Anno 2011 Il differenziale salariale tra italiani e stranieri pag. 2 L appartenenza di genere pag.

Dettagli

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO

LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO LA SOSTENIBILITA DEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO Intervento del Direttore Generale Marcella Panucci SPESA PUBBLICA, PRIVATA E FINANZIAMENTO DEL SSN (Ministero della Salute e Istat, 2011) Valori assoluti

Dettagli

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699)

LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Università degli studi di Bologna Facoltà di Agraria-Polo di Cesena Legislazione Vitivinicola Gabriele Testa LEGISLAZIONE VITIVINICOLA (18699) Gabriele Testa Crediti formativi: 3 Anno accademico 2011/12

Dettagli

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi

una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi una iniziativa promossa da Welfare, Italia: focus sul Lazio. Ridare valore alle risorse di famiglie e lavoratori Sintesi Roma, 19 settembre 2013 Indice 1. L integrazione familiare dell offerta sanitaria

Dettagli

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa.

Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane. 12 edizione. 60 anni Artigiancassa. Rapporto Artigiancassa sul credito e sulla ricchezza finanziaria delle imprese artigiane 12 edizione 60 anni Artigiancassa Abstract SOMMARIO Descrizione sintetica dei risultati del Rapporto 3 Finanziamenti

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009

Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 Convegno Pensare il Sociale Cagliari, 13 marzo 2009 L ESPERIENZA DELL ULSS 15 DEL VENETO : 25 ANNI DI INTEGRAZIONE SOCIOSANITARIA Gianfranco Pozzobon, direttore dei servizi sociali ULSS 15 - Padova Ho

Dettagli

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse

L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse L uso dei dispositivi di sicurezza in Italia. I dati del Sistema Ulisse di Giancarlo Dosi L utilità dei dispositivi di sicurezza L utilità del casco e delle cinture di sicurezza è ormai fuori discussione.

Dettagli

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI

L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI L 82 PER CENTO DEI PROPRIETARI DI PRIMA CASA SONO PENSIONATI, OPERAI E IMPIEGATI Con l abolizione della Tasi sulla prima casa, la percentuale di famiglie più interessate dallo sgravio saranno quelle dei

Dettagli

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II

NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II NEWS OLTRE IL PIL n. 3/2012 Anno II Benessere e qualità della vita: dalla misurazione statistica alla percezione dei cittadini Introduzione Oggi la percezione della realtà è un elemento importante di cui

Dettagli

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE

CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME 16/17/CU02/C8-C9 PARERE SUL DISEGNO DI LEGGE DELEGA RECANTE NORME RELATIVE AL CONTRASTO ALLA POVERTÀ, AL RIORDINO DELLE PRESTAZIONI E AL SISTEMA DEGLI

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

La riforma del welfare Dieci anni dopo la «Commissione Onofri»

La riforma del welfare Dieci anni dopo la «Commissione Onofri» La riforma del welfare Dieci anni dopo la «Commissione Onofri» La politica sociale per la casa: il livello locale di Veronica Nicotra Lo spazio dedicato nell ambito delle politiche di welfare alla problematica

Dettagli

Cultura e Tempo Libero

Cultura e Tempo Libero Cultura e Tempo Libero Corso in Statistica Sociale Anno Accademico 2012-13 Anna Freni Sterrantino Sommario Definizione e introduzione Le indagini multiscopo Spesa in attività culturali Confronti con i

Dettagli

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari

Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Indagine sui presidi residenziali socio-assistenziali e socio-sanitari Caratteristiche generali dell'indagine L indagine sui Presidi residenziali socio assistenziali e socio-sanitari, prevista dal Programma

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI

1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI 2.1. DATI STATISTICI 1. LA SEPARAZIONE IN ITALIA OGGI. DATI STATISTICI N.d.R.: I dati qui di seguito riportati sono stati ricavati dal sito www.istat.it e sono aggiornati al: - 13/11/2013 (dati sui matrimoni) - 23/06/2014

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 205 273 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L empowerment degli operatori fa la buona sanità Nella tensione alla razionalizzazione

Dettagli

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA. Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*) CeSDES s.a.s Meina 28046 -Via Sempione 187 Milano 20126 Via P.Caldirola 6 sc.q OSSERVATORIO MINORI REGIONE LOMBARDIA Doc. 2/4 Report sulla condizione dei minori entro la realtà dei genitori separati (*)

Dettagli

STUDIO LINK LAB SUICIDI PER MOTIVI ECONOMICI: DALL INIZIO DELL ANNO 119 I CASI.

STUDIO LINK LAB SUICIDI PER MOTIVI ECONOMICI: DALL INIZIO DELL ANNO 119 I CASI. STUDIO LINK LAB SUICIDI PER MOTIVI ECONOMICI: DALL INIZIO DELL ANNO 9 I CASI. I DATI RELATIVI A SETTEMBRE E OTTOBRE RAPPRESENTANO UN NUOVO GRIDO DI ALLARME. UN SUICIDA SU DUE E IMPRENDITORE. PREOCCUPANTE

Dettagli

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE

I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE I TAGLI AI FONDI PER LE POLITICHE SOCIALI E AI SERVIZI DI WELFARE LOCALE La politica di riduzione delle risorse per il welfare e per i servizi sociali locali si sta realizzando attraverso la combinazione

Dettagli

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza

un aggiornamento sui dati del prestito della speranza 6. un aggiornamento sui dati del prestito della speranza Dal Censimento delle opere ecclesiali 1. Il Prestito della Speranza nel contesto nazionale del microcredito Il Prestito della Speranza è un progetto

Dettagli

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva

Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva Rapporto immobiliare 2009 Immobili a destinazione Terziaria, Commerciale e Produttiva con la collaborazione di Indice Presentazione 1 Introduzione 3 Le Fonti ed i Criteri Metodologici adottati 4 1. QUADRO

Dettagli

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre

I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre I risultati di PISA 2009. Alcune evidenze e alcuni (molti) approfondimenti necessari Bruno Losito Università Roma Tre 1. Il 7 dicembre l OCSE ha presentato i risultati di PISA 2009. Nello stesso giorno

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI

IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi IL MERCATO DEL CREDITO NEL SETTORE DELLE COSTRUZIONI I dati della Banca d Italia sul mercato del credito mostrano un diverso andamento per quanto riguarda i mutui

Dettagli

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero

2.3 Le rimesse degli immigrati all estero 2.3 Le rimesse degli immigrati all estero L importanza crescente che il fenomeno migratorio sta assumendo comporta la necessità di considerare la funzione economica svolta dai cittadini stranieri inseriti

Dettagli