SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE: DALLA RACCOLTA ALLE APPLICAZIONI CLINICHE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE: DALLA RACCOLTA ALLE APPLICAZIONI CLINICHE"

Transcript

1 SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE: DALLA RACCOLTA ALLE APPLICAZIONI CLINICHE Lorenza Lazzari, PhD Department of Regenerative Medicine Fondazione Ospedale Maggiore Policlinico Milan, Italy

2 Introduction Il sangue di cordone ombelicale viene usato come fonte alternativa di cellule staminali al trapianto di midollo osseo e più di 4000 trapianti sono stati effettuati in tutto il mondo durante gli ultimi dieci anni soprattutto in pazienti (80% pazienti pediatrici) affetti da patologie oncoematologiche

3 Goals of the Milano Cord Blood Bank Banking for unrelated transplantation Banking for related transplantation

4 Development of Milano Cord Blood Bank February 1993: first unrelated collection September 1993: first related collection September 1994: trained midwives start collection July 1997: ISO 9002 certification January 2004: FACT inspection March 31, 2007: unrelated related units cryopreserved and available for clinical use

5 CORD BLOOD COLLECTION

6 CB Collection Procedure Cord blood is collected by: Trained midwives or bank s personnel After vaginal or cesarean deliveries by a closed collection system 1 Vaginal delivery: Collection is performed with placenta in utero Cesarean delivery: Collection is performed after expulsion of the placenta, which is held at its edge and suspended with the fetal aspect and the cord down 3 2

7 Delivery suites collecting cord blood for the Milano Cord Blood Bank MCBB 13 2 MI-Vittore Buzzi MI-Mangiagalli CO-S.Anna CO-Valduce BS- Poliambulanza Cernusco Melegnano Melzo Sondrio Desenzano Manerbio Cavalese Riva del Garda Sondalo Varese

8

9

10 PLACENTAL BLOOD UNIT

11 Scoperta delle cellule staminali nel sangue di cordone ombelicale (CB) Primo trapianto di CB Gluckman et al.: Hematopoietic reconstitution of a patient with Fanconi anemia by means of umbilical cord blood from an HLA-identical sibling. NEJM 1989;321:1174 Kurtzberg et al.: Placental blood as a source of hematopoietic stem cells for transplantation into unrelated recipients. NEJM 1996;335:157 Nakahata & Ogawa: Hemopoietic colony-forming cells in umbilical cord blood with extensive capability to generate mono- and multipotential hemopoietic progenitors. J Clin Invest 1982;70:1324 Broxmeyer et al.: Human umbilical cord blood as a potential source of transplantable hematopoietic stem/progenitor cells. PNAS USA 1989;86:3828

12 Le cellule staminali da CB sono più naïve e pertanto l attecchimento di globuli bianchi e di piastrine è più lento esponendo il paziente immunodepresso a maggiori rischi Caratteristiche biologiche delle cellule staminali del CB verso il midollo osseo (BM) CB contiene una frequenza maggiore di cellule staminali. Le cellule staminali da CB hanno un maggiore potenziale di proliferazione e di espansione. Nonostante una dose cellulare minore, le cellule staminali da CB attecchiscono e sostengono l ematopoiesi in vivo.

13 Donazione di CB: criteri di esclusione Storia familiare di malattie ereditarie Fattori di rischio nei genitori Sierologia positiva nei genitori Parto pre-termine (<34 settimane) Anormalità congenite Stress fetale

14 Final product standard (1) Assenza dei criteri di esclusione Consenso informato firmato Volume >60 ml e WBC >10 x 10 9 Congelamento entro le 36 ore dalla raccolta Negatività per HBsAg, TPHA, anti- HIV 1,2 anti-hcv, anti HTLV I-II (sul siero della madre)

15 Final product standard (2) Determinazione di: ABO e Rh HLA-A, B, DRB1 (unità e madre) Valutazione del potenziale clonogenico Anti-CMV e toxotest (sul siero della madre) Contaminazione batterica Disponibilità della documentazione relativa alla criopreservazione (-135 C or minore) Re-test del sangue materno a 6 mesi dal parto

16 DONOR EVALUATION

17 Exclusion criteria Family history of inherited diseases Risk factors in the parents Positive serology of the parents Pre-term delivery (<34 weeks) Congenital abnormalities Fetal distress

18 DONOR CONSENT

19 Mother s informed consent is requested in regard to: Collecting cord blood Banking the cord blood unit Using the cord blood for unrelated transplantation Performing serology tests Being available for a 6 months check Storing data in the registry Storing samples

20 MICB FACILITY

21

22 LABORATORIO RICERCA DI UNITA COMPATIBILI E CONTROLLO DEI DATI

23 LABORATORIO PROCESSAMENTO DEL SANGUE PLACENTARE

24 LABORATORIO DI CRIOCONSERVAZIONE

25 SOFTWARE DI CONTROLLO DELLA SALA DI CRIOCONSERVAZIONE

26 QUADRO DI GESTIONE E DI CONTROLLO

27 THE BANKING PROCESS

28 ACCETTAZIONE DELLA SACCA DI SANGUE PLACENTARE

29 SOFTWARE DI GESTIONE DELLE UNITA DI SANGUE PLACENTARE

30 DETERMINAZIONE DEL VOLUME DI SANGUE RACCOLTO

31 CONSERVAZIONE DELLA SACCA DURANTE LE FASI DEL PROCESSAMENTO

32 UNIT CHARACTERIZATION

33 Characterization (1) Informed consent Clinical history of the mother, the father and their families Volume > 60 ml NC count before volume reduction >1000x10 6 Volume reduction: bottom-and-top procedure NC count after volume reduction >800x10 6 Cryopreservation: volume to volume final DMSO 10% Check 6 months after delivery

34 Characterization (2) ABO and Rh (unit) Serological (class I) and genomic HLA (class I-II) on unit and maternal sample Contamination with maternal DNA evaluation (upon request) Clonogenic potential: CFU-GM, CFU-GEMM, BFU-E, CFC colonies CD34+ cell count Nucleated red cell count Hemoglobin screening for thalassemia and hemoglobinopathies Sterility test: aerobic and anaerobic bacteria and antibiogram

35 Characterization (3) Serological screening on maternal serum collected at delivery: HBsAg, anti-hiv 1-2, anti-hcv, HCV-RNA, HIV- RNA, TPHA, ALT, anti-htlv I-II, anti-cmv, anti- Toxoplasma, anti-hbc Serological screening on maternal serum collected 6 months after delivery: HBsAg, anti-hiv 1-2, anti-hcv, TPHA, ALT, anti- HTLV I-II, anti-cmv, anti-toxoplasma Serological screening on the unit: HBsAg, anti-hiv 1-2, anti-hcv, anti-htlv I-II CMV-DNA on the unit (if anti-cmv IgM positive)

36 Characterization (4) Quality control on a thawed sample from a unit s segment cryopreserved and stored : Viability Nucleated cell count Clonogenic potential: CFU-GM, CFU- GEMM, BFU-E, CFC colonies Sterility test: aerobic and anaerobic bacteria and antibiogram HLA-A,B,DRB1 confirmatory typing

37 MANIPOLAZIONE DELLA SACCA SOTTO CAPPA A FLUSSO LAMINARE

38 CENTRIFUGAZIONE DELLE SACCHE

39 SEPARAZIONE DEL BUFFY-COAT

40 CONTROLLO DELL IDENTITA DELLA SACCA TRAMITE BARCODE

41 ALLESTIMENTO DELLE PROVETTE E DELLE SACCHE PER L ESECUZIONE DEI TEST

42 PREPARAZIONE DEI CAMPIONI PER LA CARATTERIZZAZIONE DELL UNITA

43 PREPARAZIONE DELLA SOLUZIONE DI CONGELAMENTO

44 AGGIUNTA DELLA SOLUZIONE DI CONGELAMENTO

45 TRASFERIMENTO NELLE SACCHE DI CONGELAMENTO

46 SALDATURA DEI COLLARINI PER CONTROLLO DI QUALITA

47 UNITA CONGELATA IN 3 SACCHE CORREDATE DI CAMPIONI

48 CONGELAMENTO IN CONGELATORE A DISCESA PROGRAMMATA

49 DOCUMENTAZIONE DELLA CURVA DI CONGELAMENTO

50 SALA CRIOBIOLOGICA

51 CONSERVAZIONE IN AZOTO LIQUIDO

52 VALUTAZIONE DEL POTENZIALE CLONOGENICO INCUBAZIONE DELLE PIASTRE

53 VALUTAZIONE DEL POTENZIALE CLONOGENICO LETTURA DELLE COLONIE AL MICROSCOPIO

54 DATA MANAGEMENT

55 SELEZIONE DI UNITA COMPATIBILI E PRODUZIONE DEL REPORT

56 VALIDAZIONE DELLE UNITA

57 UNIT TRANSPORTATION

58 PREPARAZIONE DELL UNITA DA SPEDIRE

59 LE SACCHE VENGONO POSTE NEL DRY SHIPPER

60 APPLICAZIONI CLINICHE

61 Milano Cord Blood Bank 309 Unrelated Units released till

62 CORD BLOOD TRANSPLANTATIONS

63 WHY EXPANDING? Cell number too small for larger adults expand early progenitors long-term hematopoiesis Prolonged tempo to platelet engraftment expand more mature progenitors short term engraftment

64 LABORATORY STUDIES: EX VIVO EXPANSION (1) Extensive expansion and maintenance of hematopoietic progenitor cells in the presence of TPO, FLT-3, IL-6, SCF and their engraftment potential in NOD/SCID mice (BJH 2001) Cryopreservation and thawing do not modify ex-vivo expansion of cord blood stem cells (BMT 2001)

65 LABORATORY STUDIES: EX VIVO EXPANSION (2) Comparison of serum-free media (Transfusion, 2001) Repopulation in secondary and tertiary recipients indicates stability of transgene expression and long-term self-renewal potential of transduced HSCs, suggesting that retroviral gene transfer into HSCs, followed by ex-vivo expansion, could facilitate longterm engraftment of genetically modified HSCs (Stem Cells, 2006)

66 CLINICAL GRADE CELL MANIPULATION Process description from idea to transplant 1. Laboratory studies Purification Culture Characterization 2. Animal studies Ex vivo expansion 3. Regulatory issues Facilities Staff training Quality control Approval by regulatory body Translation and validation Transplant Year

67 EX-VIVO EXPANSION OF HEMOPOIETIC PROGENITORS FROM CORD BLOOD FOR ALLOGENEIC HEMOPOIETIC TRANSPLANTATION IN PEDIATRIC RECIPIENTS Participants Cell Factory, MTC, Fondazione Osp. Maggiore, Milano Clinica Pediatrica, IRCCS Policlinico S. Matteo, Pavia Clinica Pediatrica, Università degli Studi, Torino Divisione Universitaria di Oncologia ed Ematologia, Ordine Mauriziano, Istituto per la Ricerca e la Cura del Cancro, Candiolo (Torino)

68 Primary aims 1.To evaluate the safety of ex-vivo expanded CB cells 2.To evaluate the influence of ex-vivo expanded CB cells on the engraftment kinetics AIMS Secondary aims 1.To evaluate the influence of ex-vivo expanded cells on the immunologic reconstitution, on the probabilty to develop GvHD and GvHL 2.To evaluate long term hemopoietic engraftment after ex-vivo expansion

69 EX VIVO EXPANSION PROTOCOL (1) For the selection of CD34+ cells from small volume thawed CB samples, we adapted and validated the use of a closed, clinicalgrade automated device (CliniMACS, Miltenyi Biotech).

70 EX VIVO EXPANSION PROTOCOL (2) CD34+ cells were cultured at a concentration of 5x10 3 cells/ml in the presence of a serum-free medium (CellGro SCGM, CellGenix), IL-6 (10ng/ml), SCF (50ng/ml), Flt3 (50ng/ml) and TPO (10ng/ml) and 10% AB allogeneic plasma, for 2 weeks. The expansion was carried out in our GMP class B facility

71 PATIENTS Patient #1 A 6-year old boy with beta-thalassemia was given 2 cord blood units derived from 2 HLA-identical fraternal (i.e. non syngeneic) twins (1 unmanipulated CB and 1 CB after ex vivo expansion) Patient #2 A 7-year old girl with sickle cell disease was given 2/3 of the cord blood unit derived from an HLA-identical sibling unmanipulated and 1/3 after ex vivo expansion Patient #3 A 8-year old boy with myelodisplastic syndrome was given 2/3 of the one-mismatch HLA unrelated cord blood unit unmanipulated and 1/3 after ex vivo expansion

72 Ex vivo expansion: patient #1 Pre-thawing: NC 168.8x10e6, CD34+ cells 0.96x10e6 Post selection: CD34+ cells 0.36x10e6, purity 88% Post expansion: Vitality 97% NC 124.6x10e6. Fold expansion: 623 CD34+ cells 9.97x10e6 Fold expansion: 56.6 CD133+ cells 9.06x10e6 CD19+ cells 0.007x10e6 NK+ cells 0.007x10e6 CD x10e6 CD61+ cells 1.4x10e6

73 Clinical evaluations: patient #1 Neutrophil and platelet (>20,000/mL) recovery occurred on day +16 and +32, (median time needed for both neutrophil and platelet reconstitution after CB transplant is usually days and days), respectively He did not have GvHD (acute or chronic)

74 Clinical evaluations: patient #1 Through the evaluation of STRs, both the ex vivo expanded and the unmanipulated units contributed to hematopoietic reconstitution. DNA derived from the ex vivo expanded unit was found also in peripheral blood, in CD4-enriched lymphocytes and in CD19- enriched B cells. The patient is alive and well at +27 months

75 Ex vivo expansion: patient #2 Pre-thawing: NC 376.7x10e6, CD34+ cells 2.06x10e6 Post selection: CD34+ cells 0.59x10e6, purity 67% Post expansion: Vitality 96.5% NC 125x10e6. Fold expansion: CD34+ cells 13.5x10e6 Fold expansion: 30.5 CD133+ cells 10.1x10e6 CD19+ cells 0.008x10e6 NK+ cells 0.075x10e6 CD x10e6 CD61+ cells 1.35x10e6

76 Comparison of CD34+ cell content with and without expansion 20 Patients #2 15 without expansion with expansion x10e CD34+ cells

77 Clinical evaluations: patient #2 Neutrophil and platelet (>20,000/mL) recovery occurred on day +18 and +24, respectively She did not have acute GvHD and she did not experience fever Through the evaluation of STRs, more than 90% of the circulating leukocytes are of donor origin The patient is alive and well at +20 months

78 Ex vivo expansion: patient #3 Pre-thawing: NC 358.1x10e6, CD34+ cells 0.82x10e6 Post selection: CD34+ cells 0.23x10e6, purity 22% Post expansion: Vitality 91% NC 58.3x10e6 CD34+ cells 11.6x10e6 Fold expansion: 56.6 CD133+ cells 10.4x10e6 CD19+ cells 0.005x10e6 NK+ cells 0.029x10e6 CD x10e6 CD61+ cells 2.67x10e6

79 Comparison of CD34+ cell content with and without expansion 20 Patient #3 without expansion 15 with expansion x10e CD34+ cells

80 Clinical evaluations: patient #3 Neutrophil and platelet (>20,000/mL) recovery occurred on day +29 and +45, respectively He had grade II agvhd and limited cgvhd of the oral cavity The patient is alive and well, with full donor chimerism, at +17 months

81 CONCLUSIONS Clinical grade GMP expansion of CB progenitor cells is feasible and safe. The expanded cells are able to contribute to long-term hematopoietic reconstitution. The method herein described is now open to adult patients in the context of a phase I/II clinical trial.

82 THANKS Cell Factory - Rosaria Giordano - Tiziana Montemurro - Elisa Montelatici - Gabriella Andriolo - Viviana Lo Cicero - Valentina Parazzi - Francesca Chelli Milano Cord Blood Bank - Lucilla Lecchi - Ilaria Ratti - Silvia Giovanelli - Mina Garcea - Manuela Brasca - Paolo Rebulla

83 THANKS Department of Regenerative Medicine

84

85 Banking process at the Milano Cord Blood Bank (1)

86 Banking process at the Milano Cord Blood Bank (2) 8 9 Quality control on the thawed segment

87 Transportation (non-frozen) Methods shall be designed to protect the integrity of the unit and the safety of facility personnel Sealed secondary plastic bag Shipping container shall be made of material adequate; and shall be carry specific labels Transport records shall permit the tracing of CB unit from the collection facility to its final destination Transport records shall document: the identify of responsible for shipping, date and time of shipping and receipt of the unit Shipping list identifying each unit enclosed Transport records shall be maintained indefinitely 1 2 Milano Cord Blood Bank 2004

88 Acceptance Criteria Absence of exclusion criteria Written informed consent Collection < 36 hours Volume > 60 ml NC > 1000x10 6

89 Volume reduction Bottom-and-Top procedure Buffy-coats collected from cord blood units fractionated in Bottom-and-Top Compoflex bags processed with Compomat G4 (NPBI)

90 Freezing solution addition 3 freezing bags with segments 1 2 Freezing solution: Dextran 80% DMSO 20% (final DMSO 10%)

91 Cryopreservation Controlled rate freezer Quarantine 2 1

92 Donor evaluation 6 months after delivery

93 6 months check program (1) A bank volunteer calls the mother who donated cord blood 2 months before, to remind her of the retesting scheduled at 6 months who donated cord blood 6 months before, to schedule her visit at the Cord Blood Bank or at her delivery suite

94 6 months check program (2) Serology is repeated on a fresh mother s blood sample Mother s serum is tested for HBsAg, anti-hiv 1-2, anti-hcv, syphilis, ALT, HTLV I-II, anti-cmv, anti-toxoplasma The blood samples are frozen and stored A bank physician interviews the mothers to check their medical history form collected at donation and to collect the baby s medical history

95 6 months check program (3) The newborn s medical history and health status at 6 months are collected through mother s interview according to a protocol to identify: inherited diseases blood-borne diseases untoward effects of cord blood collection Routine pediatric assistance is accessible to mothers through the National Health Service

96 6 months check program (4) The bank sends the results of serology to the mother If checks are uneventful, the unit exits quarantine and can be released If the 6 months check cannot be carried out, the unit is flagged with this information If the unit is selected, the requesting physician is informed

97 Results of check at 6 months Of the 2315 mothers with negative serology at delivery, who attended the 6 months check, 1 showed indeterminate anti-hcv seroconversion (c22). HCV-RNA determination negative by RT-PCR

98 Local Data Management A software was developed in house with Microsoft Visual Basic and Oracle to perform: Data storage and management Search of compatible units Patient s follow up

99 Before Release

100 Before release Quality Control on the thawed segment: Viability (trypan blue) Nucleated cells count CFU-GM Aerobic and anaerobic bacterial contamination Confirmatory typing Review of the records Mother s HLA typing

101 Unit Transport

102 Transport of Cryopreserved Units Transport in a dry shipper Temperature below 135 C Temperature monitoring device Documentation to avoid X- ray control 2 1

103 Unit Thawing

104 Process Management How to ensure that the frozen product we release is the same product as the one we have collected and characterized? HLA type cord blood unit newborn s mother

105 Cord Blood Bank Facility Adequate space Adequate equipment Adequate staff Job description Training Competence evaluation

106 Cord Blood Bank Cryobiology Area Security Monitoring and alarm system Frozen storage at below 135 C Quarantine storage Written disaster procedure

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio Marina Buzzi BO S.ORSOLA BO MAGGI BENTIVOGLIO PORRETTA IMOLA PARMA FIDENZA BORGOTARO

Dettagli

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Compatibilità nel trapianto di CSE e sistema HLA

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Compatibilità nel trapianto di CSE e sistema HLA Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Compatibilità nel trapianto di CSE e sistema HLA Nicoletta Sacchi Italian Bone Marrow Donor Registry E.O. Ospedali

Dettagli

Senato della Repubblica Commissione Igiene e sanità Roma. 19 marzo 2014

Senato della Repubblica Commissione Igiene e sanità Roma. 19 marzo 2014 Riccardo Saccardi, Banca Sangue Placentare Firenze Roberta Destro, Banca Sangue Placentare Padova Michele Santodirocco, Banca Sangue Placentare S. Giovanni Rotondo Senato della Repubblica Commissione Igiene

Dettagli

Il trapianto di cellule staminali da sangue cordonale

Il trapianto di cellule staminali da sangue cordonale staminali da sangue 2/2008 RIASSUNTO L articolo propone una considerazione dello stato attuale del trapianto di cellule, una nuova risorsa in grado di curare con successo determinate patologie. Vengono

Dettagli

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the

Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the 1 2 3 Le cellule staminali dell embrione: cosa possono fare Embryonic stem cells are exciting because they can make all the different types of cell in the body scientists say these cells are pluripotent.

Dettagli

INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI 1.1.2 DOTAZIONI MINIME 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE 1.1.4 DOTAZIONI OTTIMALI

INDICE 1. LABORATORIO DI CRIOPRESERVAZIONE 1.1 ASPETTI GENERALI 1.1.2 DOTAZIONI MINIME 1.1.3 DOTAZIONI RACCOMANDATE 1.1.4 DOTAZIONI OTTIMALI FRANCESCO ZINNO CARATTERISTICHE STRUTTURALI DI UNA BANCA DEL SANGUE PLACENTARE; PROCEDURE DI PRELIEVO, TRASPORTO, MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO DELLE UNITÀ DI CELLULE STAMINALI DA CORDONE OMBELICALE INDICE

Dettagli

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Donazione di cellule staminali emopoietiche, aspetti normativi Dr.ssa Letizia Lombardini San Donato Milanese, 23

Dettagli

Cord Blood Banking in Italy

Cord Blood Banking in Italy Cord Blood Banking in Italy Paolo Rebulla, MD Milano Cord Blood Bank Center of Transfusion Medicine, Cellular Therapy and Cryobiology Foundation Ospedale Maggiore Policlinico, Mangiagalli e Regina Elena,

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI

INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI INFORMAZIONE AGLI UTENTI DI APPARECCHIATURE DOMESTICHE O PROFESSIONALI Ai sensi dell art. 13 del Decreto Legislativo 25 luglio 2005, n. 151 "Attuazione delle Direttive 2002/95/CE, 2002/96/CE e 2003/108/CE,

Dettagli

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK

30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK UNA VITA CHE NASCE RIGENERA LA VITA 30.000 DONAZIONI, 10.000 UNITÀ, 500 TRAPIANTI: 20 ANNI DELLA MILANO CORD BLOOD BANK 8 giugno 2013 ore 9.00 Auditorium del Palazzo dei Congressi Provincia di Milano Via

Dettagli

Una nuova. L Autologo

Una nuova. L Autologo Una nuova opportunità : L Autologo Solidale l Il Gruppo Cryo Save La banca delle cellule staminali Holding costituita nel 2000 in Olanda Sede centrale in Svizzera La più grande azienda in Europa (e terza

Dettagli

REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION REPORT

REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION REPORT PROGRAMMA DI ASSICURAZIONE QUALITÀ QUALITY ASSURANCE PROGRAMM PROCEDURA DI QUALITÀ PQ 008 QUALITY PROCEDURE Pag. 1 di 6 REPORT AUDIT DI DOSE PER STERILIZZAZIONE RAGGI BETA ELECTRON BEAM STERILIZATION VALIDATION

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli

Congelamento, conservazione e rintracciabilità dell unità di sangue placentare

Congelamento, conservazione e rintracciabilità dell unità di sangue placentare Congelamento, conservazione e rintracciabilità dell unità di sangue placentare Laura Perugini (1), Luigina Fazio (1), Enrico Incarbone (1), Laura Bardella (1), Silvia Panciera (1), Paola Saracco (2) (1)

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

PREMIO 2009. Giuseppe Del Console. tutti quelli che non ce l hanno fatta

PREMIO 2009. Giuseppe Del Console. tutti quelli che non ce l hanno fatta PREMIO 2009 a Giuseppe Del Console e. a tutti quelli che non ce l hanno fatta via Piero Gobetti via Giuseppe Di Vittorio Infatti, per realizzalo sono stati necessari : 1) finanziamenti extra-istituzionali

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE

TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE Agenda Item 9 EACC(11)M22Prep-QUESTIONS TEMPLATE FOR CC MEMBERS TO SUBMIT QUESTIONS AT THE 22 nd MEETING OF THE EA CERTIFICATION COMMITTEE WARNING: Documento NON UFFICIALE. Quando disponibile il verbale

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli

Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli Corso Regionale per Dirigenti Associativi donatori del sangue Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli Sapienza Università di

Dettagli

Cellule Staminali. Arti Ahluwalia

Cellule Staminali. Arti Ahluwalia Cellule Staminali Arti Ahluwalia Le Proprietà di cellule staminali Capacita di auto rinnovarsi (self-renewal) Capacità di differenziarsi lungo almeno una linea (potency) The cell which results from the

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Filtri in linea per leucoriduzione

Filtri in linea per leucoriduzione Filtri in linea per leucoriduzione Leucoflex LST Filtro in linea per sangue intero Filtro morbido costituto da strati di polipropilene La filtrazione del sangue intero può essere effettuata a temperatura

Dettagli

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013

Ingegneria del Software Testing. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 Ingegneria del Software Testing Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2012/2013 1 Definizione IEEE Software testing is the process of analyzing a software item to detect the differences between

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases,

Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, Stefano Goldwurm Medical geneticist Centro Parkinson - Parkinson Institute Istituti Clinici di Perfezionamento-Milan neurodegenerative diseases, movement disorders, Parkinson disease 1- genetic counselling

Dettagli

Sacca singola con volume nominale di 110 ml per crioconservazione di cellule staminali (10-30 ml).

Sacca singola con volume nominale di 110 ml per crioconservazione di cellule staminali (10-30 ml). > Sacche per la crioconservazione in EVA (Ethil Vinil Acetato) > GSR 1001 AU Sacca singola con volume nominale di 110 ml per crioconservazione di cellule staminali (10-30 ml). Confezione: scatola da 25

Dettagli

UN SERVIZIO CHE GUARDA AL FUTURO, PER CHI VIVRÀ NEL FUTURO

UN SERVIZIO CHE GUARDA AL FUTURO, PER CHI VIVRÀ NEL FUTURO UN SERVIZIO CHE GUARDA AL FUTURO, PER CHI VIVRÀ NEL FUTURO Che cosa è? StemCellsMedicalService è il servizio che consente ai genitori italiani la conservazione autologa delle cellule staminali cordonali

Dettagli

Emoglobinopatie: Anemia falciforme, ß-Talassemia (morbo di Cooley).

Emoglobinopatie: Anemia falciforme, ß-Talassemia (morbo di Cooley). InScientiaFides s.p.a. Strada Paderna 2 Località Fiorina 47895 Domagnano Repubblica di San Marino tel 0549 900 994 (ufficio) tel 0549 904 455 (laboratorio) tel. 0549 919 077 (amministrazione) fax 02 700

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione

LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione Dr.ssa Barbara Grecchi Direzione Formazione e HPH Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi 1 Che cos è il sangue del cordone

Dettagli

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello

RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT. Compilare in stampatello RAPPORTO DEL MEDICO DI FAMIGLIA PRIVATE MEDICAL ATTENDANT S REPORT Si prega il medico di famiglia di rispondere con accuratezza ad ogni singola domanda The Medical Attendant is requested to take particular

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome VASSANELLI AURORA ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Tipo di azienda o settore Tipo di impiego Principali

Dettagli

Biologia, uso clinico delle cellule staminali ematopoietiche. Prospettive future. Prof. Franco Aversa

Biologia, uso clinico delle cellule staminali ematopoietiche. Prospettive future. Prof. Franco Aversa Biologia, uso clinico delle cellule staminali ematopoietiche. Prospettive future Prof. Franco Aversa CD34 + Separatore cellulare Prelievo Midollo osseo PRELIEVO CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE DAL DONATORE

Dettagli

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra

CHI SIAMO ABOUT US. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene immediatamente un ottimo successo conseguendo tassi di crescita a doppia cifra CHI SIAMO Nel 1998 nasce AGAN, societa specializzata nei servizi di logistica a disposizione di aziende che operano nel settore food del surgelato e del fresco. Azienda giovane fresca e dinamica ottiene

Dettagli

IL CONGELAMENTO DEGLI OVOCITI: UNA VALIDA ALTERNATIVA AL CONGELAMENTO DEGLI EMBRIONI?

IL CONGELAMENTO DEGLI OVOCITI: UNA VALIDA ALTERNATIVA AL CONGELAMENTO DEGLI EMBRIONI? IL CONGELAMENTO DEGLI OVOCITI: UNA VALIDA ALTERNATIVA AL CONGELAMENTO DEGLI EMBRIONI? Silvia Bernardi Centri Medici GynePro Bologna Congelamento degli ovociti umani Le prime gravidanze ottenute con ovociti

Dettagli

CONSERVAZIONE FAMILIARE PRIVATA DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

CONSERVAZIONE FAMILIARE PRIVATA DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE CONSERVAZIONE FAMILIARE PRIVATA DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE CONTRIBUTO PER UN INFORMAZIONE CORRETTA E COMPLETA ELABORATO E DIFFUSO CONGIUNTAMENTE DALLE SEGUENTI SOCIETÀ: Futuri Genitori, a fronte

Dettagli

LABORATORY OF CELLULAR THERAPY G. LANZANI Scientific Director: Dr. M Introna. USC EMATOLOGIA Ospedali Riuniti Bergamo Director: Prof.

LABORATORY OF CELLULAR THERAPY G. LANZANI Scientific Director: Dr. M Introna. USC EMATOLOGIA Ospedali Riuniti Bergamo Director: Prof. LABORATORY OF CELLULAR THERAPY G. LANZANI Scientific Director: Dr. M Introna USC EMATOLOGIA Ospedali Riuniti Bergamo Director: Prof. A Rambaldi DL 24/4/2006 n 219 Codice comunitario (attua le 2001/83/CE,

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

Le Cellule Staminali Cordonali

Le Cellule Staminali Cordonali 1 Le Cellule Staminali Cordonali risorsa biologica per l intera umanità opuscolo informativo per i genitori STATE ASPETTANDO UN BAMBINO? Informatevi sulle possibilità di donare il sangue cordonale. L attesa

Dettagli

correzione, verifica e validazione dei risultati

correzione, verifica e validazione dei risultati Università degli Studi di Padova Scuola di Specializzazione in Biochimica Clinica (A.A. 2005-2006) INDIRIZZI: DIAGNOSTICO E ANALITICO TECNOLOGICO Biochimica Clinica e Biologia Molecolare Clinica: automazione

Dettagli

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems

Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Guide line for projects and managmenet of the geologic monitoring systems Dr. Geologo Luca Dei Cas Dirigente U.O. Centro Monitoraggio Geologico di ARPA Lombardia The Geologic Monitoring Center (CMG) started

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO. Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Instructions to apply for exams ONLINE Version 01 updated on 17/11/2014 Didactic offer Incoming students 2014/2015 can take exams of courses scheduled in the a.y. 2014/2015 and offered by the Department

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES

ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORTI DIPENDENTI MINISTERO AFFARI ESTERI ATTESTATO DELL ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO CERTIFICATE OF VOLUNTARY ACTIVITIES ASSOCIAZIONE CONSORT I DIPENDENTI MINISTE RO AFFARI ESTER I ATTESTATO

Dettagli

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making)

consenso informato (informed consent) processo decisionale condiviso (shared-decision making) consenso informato (informed consent) scelta informata (informed choice) processo decisionale condiviso (shared-decision making) Schloendorff. v. Society of NY Hospital 105 NE 92 (NY 1914) Every human

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Standard internazionali per raccolta, manipolazione, caratterizzazione, conservazione, selezione e distribuzione del sangue cordonale Seconda edizione (2001) degli standard

Dettagli

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION

ELCART. Manuale di istruzioni/scheda tecnica SPECIFICATION PAGINA 1 DI 7 SPECIFICATION Customer : ELCART Applied To : Product Name : Piezo Buzzer Model Name : : Compliance with ROHS PAGINA 2 DI 7 2/7 CONTENTS 1. Scope 2. General 3. Maximum Rating 4. Electrical

Dettagli

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica

Bruno Meduri. Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena. Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Bruno Meduri Radioterapia Oncologica - A.O.U. Policlinico di Modena Associazione Italiana di Radioterapia Oncologica Follow up condiviso Il follow-up attivo della donna trattata è parte integrante del

Dettagli

INDUSTRIAL AUTOMATION

INDUSTRIAL AUTOMATION INDUSTRIAL AUTOMATION INDUSTRIAL AUTOMATION PRELIMINARY VERIFICATION DESIGN CONSTRUCTION INSTALLATIONS START SYSTEM INDUSTRIAL AUTOMATION Gli impianti industriali di produzione sono completati da apparecchiature

Dettagli

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia

L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia L impatto dei biosimilari nella pratica clinica in Oncologia ed Ematologia Giuseppe Longo Dipartimento di Oncologia ed Ematologia Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico di Modena Milano 13 settembre

Dettagli

up date basic medium plus UPDATE

up date basic medium plus UPDATE up date basic medium plus UPDATE Se si potesse racchiudere il senso del XXI secolo in una parola, questa sarebbe AGGIORNAMENTO, continuo, costante, veloce. Con UpDate abbiamo connesso questa parola all

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

RICEVUTA DI RACCOLTA INTERNATIONAL CORD BLOOD AND TISSUE. PCI_ITY_Labospace_Collection_Docs_Split_V5_09.07.14

RICEVUTA DI RACCOLTA INTERNATIONAL CORD BLOOD AND TISSUE. PCI_ITY_Labospace_Collection_Docs_Split_V5_09.07.14 1 RICEVUTA DI RACCOLTA INTERNATIONAL CORD BLOOD AND TISSUE UNIQUE CLIENT ID: UNIQUE CLIENT ID: 2 PRECIOUS CELLS PROOF OF COLLECTION FORM 2A PRECIOUS CELLS RICEVUTA DI RACCOLTA FORM 2A Mother s First Name:

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

This document shows how.

This document shows how. Security policy GTS è impegnata a garantire alti standard di sicurezza per le spedizioni dei propri clienti. Il presente documento illustra le principali misure adottate. GTS commits itself to guarantee

Dettagli

Quality Certificates

Quality Certificates Quality Certificates Le più importanti certificazioni aziendali, di processo e di prodotto, a testimonianza del nostro costante impegno ed elevato livello di competenze. Qualità * certificata * Certified

Dettagli

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità

Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Oncologici: sistemi e politiche per la sostenibilità Pierluigi Navarra Convegno Nazionale SIFEIT: Innovazione e sostenibilità delle politiche farmaceutiche: quale futuro? Roma, 19 Novembre 2014 Forecasting

Dettagli

DSSD per Therapeutic Drug Monitoring e Farmacogenetica.

DSSD per Therapeutic Drug Monitoring e Farmacogenetica. Via Lessolo, 19-10153 TORINO Tel.011.8129005 - fax.011.5364575 e-mail : info@biomicron.it DSSD Dried Sample Spots Device for Low Cost Shipping (Laboratori Biomicron srl in collaborazione con Laboratorio

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Page 1 of 3 ANTONELLA TRAVERSO

CURRICULUM VITAE. Page 1 of 3 ANTONELLA TRAVERSO CURRICULUM VITAE Page 1 of 3 ANTONELLA TRAVERSO DATI PERSONALI Data di nascita: 13/12/1965 Luogo di nascita: Voghera (PV) Indirizzo: Via Rembrandt n. 45 20147 Milano ISTRUZIONE 1984-1988 Laurea in Scienze

Dettagli

SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

SANGUE DA CORDONE OMBELICALE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Tutte le donne che intendano mettere a disposizione di altri (uso Allogenico), e donare il Sangue Cordonale, in maniera che sia disponibile per chiunque sia portatore di una

Dettagli

Telecontrol systems for renewables: from systems to services

Telecontrol systems for renewables: from systems to services ABB -- Power Systems Division Telecontrol systems for renewables: from systems to Adrian Timbus - ABB Power Systems Division, Switzerland Adrian Domenico Timbus Fortugno ABB - Power ABB Power Systems Systems

Dettagli

www.gimsi.it Registro GIMSI

www.gimsi.it Registro GIMSI www.gimsi.it Registro GIMSI Registro GIMSI Board: Ammirati if Badami A Brignole M (responsabile progetto) Casagranda I De Seta F Furlan R Registro multicentrico prospettico costituito dai pazienti valutati

Dettagli

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007

AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 AVVISO n.17252 25 Settembre 2007 Mittente del comunicato : Borsa Italiana Societa' oggetto : dell'avviso Oggetto : Modifiche alle Istruzioni al Regolamento IDEM: Theoretical Fair Value (TFV)/Amendments

Dettagli

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO

LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO LABORATORIO CHIMICO CAMERA DI COMMERCIO TORINO Azienda Speciale della Camera di commercio di Torino clelia.lombardi@lab-to.camcom.it Criteri microbiologici nei processi produttivi della ristorazione: verifica

Dettagli

Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali

Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali Raccolta e caratterizzazione delle cellule cordonali Laura Salvaneschi, Cesare Perotti, Miryam Martinetti, Gianluca Viarengo, Claudia Del Fante, Paola Bergamaschi, Angela Maria Iannone, Lorella Torretta

Dettagli

brand implementation

brand implementation brand implementation brand implementation Underline expertise in reliable project management reflects the skills of its personnel. We know how to accomplish projects at an international level and these

Dettagli

LABORATORY OF CELLULAR THERAPY G. LANZANI Scientific Director: Dr. M Introna. USC EMATOLOGIA Ospedali Riuniti Bergamo Director: Prof.

LABORATORY OF CELLULAR THERAPY G. LANZANI Scientific Director: Dr. M Introna. USC EMATOLOGIA Ospedali Riuniti Bergamo Director: Prof. LABORATORY OF CELLULAR THERAPY G. LANZANI Scientific Director: Dr. M Introna USC EMATOLOGIA Ospedali Riuniti Bergamo Director: Prof. A Rambaldi DL 24/4/2006 n 219 Codice comunitario (attua le 2001/83/CE,

Dettagli

Contributo per l assistenza all infanzia

Contributo per l assistenza all infanzia ITALIAN Contributo per l assistenza all infanzia Il governo australiano mette a disposizione una serie di indennità e servizi per contribuire ai costi che le famiglie sostengono per l assistenza dei figli

Dettagli

Il processo di fabbricazione mediante saldatura di strutture metalliche ed il suo controllo alla luce della EN 1090

Il processo di fabbricazione mediante saldatura di strutture metalliche ed il suo controllo alla luce della EN 1090 Seminario Gestione del livello di qualità nella fabbricazione di strutture e componenti saldati Roma 16 Ottobre 2009 Il processo di fabbricazione mediante saldatura di strutture metalliche ed il suo controllo

Dettagli

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015

ISO 9001:2015. Ing. Massimo Tuccoli. Genova, 27 Febbraio 2015 ISO 9001:2015. Cosa cambia? Innovazioni e modifiche Ing. Massimo Tuccoli Genova, 27 Febbraio 2015 1 Il percorso di aggiornamento Le principali novità 2 1987 1994 2000 2008 2015 Dalla prima edizione all

Dettagli

64 2-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 9

64 2-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 9 64 2-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 9 DECRETO 6 febbraio 2012. Linee guida per l accreditamento della Banca di sangue da cordone ombelicale di Sciacca. L ASSESSORE PER

Dettagli

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging

Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Principi tossicologici del risk assessment applicati al food packaging Raffaella Butera Toxicon srl Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it normativa complessa articolata obiettivi comuni

Dettagli

Linee guida NBF parte III: GMP related documents

Linee guida NBF parte III: GMP related documents DIPARTIMENTO DELLA SANITÁ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE DELLA SANITÁ ANIMALE E DEI FARMACI VETERINARI Linee guida

Dettagli

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi

Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi ÉTUDES - STUDIES Impresa e innovazione nel settore energetico europeo: il contributo della conoscenza alla creazione di valore Silvia Bruzzi Polo Interregionale di Eccellenza Jean Monnet - Pavia Jean Monnet

Dettagli

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più.

I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Piante transgeniche prive di geni marker I geni marker sono necessari per l'isolamento di piante transgeniche (efficienza di trasf. non ottimale), ma poi non servono più. Possibili problemi una volta in

Dettagli

3 rd INTERREGIONAL FORUM: CYCLING POLICIES IN ITALY: PROBLEMS, SOLUTIONS, PROJECTS

3 rd INTERREGIONAL FORUM: CYCLING POLICIES IN ITALY: PROBLEMS, SOLUTIONS, PROJECTS 3 rd INTERREGIONAL FORUM: CYCLING POLICIES IN ITALY: PROBLEMS, SOLUTIONS, PROJECTS BIKEMI, BIKE SHARING MILANO Gestione: CLEAR CHANNEL Committenti: ATM, Azienda Trasporti Milanesi e Comune di Milano BIKEMI,

Dettagli

Combinazioni serie IL-MIL + MOT

Combinazioni serie IL-MIL + MOT Combinazioni tra riduttori serie IL-MIL e MOT Combined series IL-MIL + MOT reduction units Combinazioni serie IL-MIL + MOT Sono disponibili varie combinazioni tra riduttori a vite senza fine con limitatore

Dettagli

ACQUISTI PORTALE. Purchasing Portal

ACQUISTI PORTALE. Purchasing Portal ACQUISTI PORTALE Purchasing Portal Il portale acquisti della Mario De Cecco è ideato per: The Mario De Cecco purchase portal is conceived for: - ordinare on line in modo semplice e rapido i prodotti desiderati,

Dettagli

Pamplona - Spain Ubarmin Clinic Clinica Ubarmin

Pamplona - Spain Ubarmin Clinic Clinica Ubarmin Pamplona - Spain Ubarmin Clinic Clinica Ubarmin Surgical units, intensive care units and recovery care units made with self-loading prefabricated systems with cladding panels in: ASEPSI ANTIBACTERIAL SMS

Dettagli

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY

NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY NORME E GUIDE TECNICHE PROGRAMMA DI LAVORO PER INCHIESTE PRELIMINARI TECHNICAL STANDARDS AND GUIDES PROGRAMME OF WORKS FOR PRELIMINAR ENQUIRY Il presente documento viene diffuso attraverso il sito del

Dettagli

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it

Renzo Andrich renzo.andrich@siva.it Gruppo di Studio SIGG La cura nella fase terminale della vita sostenuto da un contributo non condizionato della Fondazione Alitti SOSTENIBILITA DELLE CURE DI FINE VITA TRA CULTURA E ORGANIZZAZIONE Bologna

Dettagli

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto

Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Giornata di studio Applicazione del Quality by Design (QbD) ai processi farmaceutici 22 Aprile 2013 Quality by Design: innovazione per il life-cycle del prodotto Paolo Mazzoni Agenda Cosa è il Quality

Dettagli

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi

SEGATO ANGELA. Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi SEGATO ANGELA Progettazione, costruzioni stampi per lamiera Stampaggio metalli a freddo conto terzi Designing and manufacturing dies for sheet metal and metal forming for third parties. Segato Angela,

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CLAUDIO FAVRE. Nazionalità. Italiana Data di nascita 8 novembre 1954

INFORMAZIONI PERSONALI. Nome CLAUDIO FAVRE. Nazionalità. Italiana Data di nascita 8 novembre 1954 C U R R I C U L U M V I T A E E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità CLAUDIO FAVRE Italiana Data di nascita 8 novembre 1954 ESPERIENZA LAVORATIVA Da luglio 2015 è Direttore del Centro Regionale

Dettagli

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant

A Solar Energy Storage Pilot Power Plant UNIONE DELLA A Solar Energy Storage Pilot Power Plant DELLA Project Main Goal Implement an open pilot plant devoted to make Concentrated Solar Energy both a programmable energy source and a distribution

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

Attuatore a relè Manuale di istruzioni

Attuatore a relè Manuale di istruzioni Attuatore a relè Manuale di istruzioni www.ecodhome.com 1 Sommario 3 Introduzione 4 Descrizione e specifiche prodotto 5 Installazione 6 Funzionamento 6 Garanzia 2 Introduzione SmartDHOME vi ringrazia per

Dettagli

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013

Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Introduzione ai Test di Avidità 3 Congresso NEWMICRO Padenghe sul Garda 20-22 Marzo 2013 Daniela Bernasconi Product Manager Infectious Disease Abbott Diagnostici Italia CMV e T. gondii Principali Differenze:

Dettagli

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02

no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 TECHNICAL REPORT RAPPORTO TECNICO no. SIC04053.03 Rev. 00 Dated 2008.10.02 This technical report may only be quoted in full. Any use for advertising purposes must be granted in writing. This report is

Dettagli