IV I S T I T U T O C O M P R E N S I V O STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE V. B R A N C A T I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IV I S T I T U T O C O M P R E N S I V O STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE V. B R A N C A T I"

Transcript

1 IV I S T I T U T O C O M P R E N S I V O STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE V. B R A N C A T I Pachino (SR) V i a T a f u r i plesso Centrale Tel Fax Sito: e.mail: P.O.F. Piano dell Offerta Formativa I

2 INDICE Presentazione del Dirigente Scolastico Prof. Sebastiano Spiraglia 1 DOVE SIAMO 2 Premessa 3 CHISIAMO 4 La nostra Scuola IV Istituto Comprensivo Statale V.Brancati 5 Omaggio a VitalianoBrancati 6 Contesto socio/economico/culturale formativo e territoriale 8 Risorse del territorio 9 Scuola e territorio 10 Finalità dell Offerta formativa e sua caratteristica 11 Risorse interne, umane e professionali 14 Risorse strutturali interne spazi fruibili 15 ORGANIZZAZIONE DELL ISTITUTO NEI TRE ORDINI DI SCUOLA 16 Organizzazione della scuoladell Infanzia 16 Orario settimanale 16 Ripartizione orario giornaliero 16 Progettazione 16 Visite guidate e gite di istruzione 16 Organizzazione della scuola Primaria 17 Orario settimanale degli alunni 17 Orario settimanale degli insegnanti 17 Progettazione 17 Quadro orario disciplinare settimanale 18 Visite guidate e gite di istruzione 18 Organizzazione della scuola secondaria I grado 19 Orario degli alunni 19 Orario disciplinare settimanale 19 Dipartimenti 20 Visite guidate e gite di istruziione 20 CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE 21 Rassegna musicale 21 ACCOGLIENZA E CONTINUITA NEI TRE ORDINI DI SCUOLA 22 Curriculo verticale per competenze disciplinari 23 Standard min imi di apprendimento 23 Strategie e metodologie 24 1)Criteri di valutazione 26 Tabella dei criteri di valutazione 27 Capacità relazionale 28 II

3 Modalità e strumenti di verifica 29 2)La valutazione del sistema scolastico 30 3)Criteri generali per l integrazione e l inclusione di alunni con bisogni educativi speciali 31 Premessa 31 Criteri 31 Individualizzazione degli interventi 31 La classe:luogo privilegiato dell azione educativa 31 Le procedure 31 La valutazione degli interventi realizzati 31 La documentazione 32 Le figure di riferimento: gli Insegnanti di sostegno 33 Gruppo di lavoro per l inclusione e l integrazione scolastica degli alunni con bisogni educativi speciali 34 Alunni disabili 34 Criteri di valutazione alunni disabili 35 Alunni svantaggiati 37 Alunni con D.S.A. (disturbi specifici dell apprendimento) 37 Alunni stranieri 39 AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA 40 I Progetti 41 Progetti esterni 46 Progetto PON 46 COMMISSIONI DI LAVORO 47 LO STAFF DELLA DIRIGENZA 48 REFERENTI 50 ALLEGATI 1)REGOLAMENTO D ISTITUTO 2) LA SCUOLA E LA FAMIGLIA: UN CONTRATTO FORMATIVO 3) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI IN SITUAZIONI DI HANDICAP 4) PROTOCOLLO PER L ACCOGLIENZA E L INTERVENTO SUGLI ALUNNI CON D.S.A. (disturbi specifici di apprendimento) 5) CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI III

4 PRESENTAZIONE DEL DIRIGENTE Cari genitori,carissimi bambini e ragazzi mi riesce difficile nascondervi la forte emozione a dirigere il nuovo Istituto Comprensivo V. Brancati che assorbe nel suo interno l istituto C. Sgroi e il plesso Rubera della Scuola dell Infanzia. Il Sistema Educativo in questi ultimi anni ha subito profonde trasformazioni, mutamenti, scossoni ma il neo nato V. Brancati rappresenta e sarà ancora una volta, un sicuro punto di crescita culturale e formativo. Soltanto una scuola sentita come risorsa della comunità potrà essere all altezza delle sfide del prossimo futuro ed assicurare una più incisiva qualità educativa. La scuola ha però bisogno di alleati e i primi alleati sono la famiglia e le pubbliche istituzioni ( i portatori di diritto, ovvero gli stakeholders ), ai quali chiediamo di esserci vicini, con un atteggiamento di costruttiva coerenza. Il nostro obiettivo è quello di ascoltare le voci dei ragazzi, delle loro famiglie e di tutti coloro che si interessano alla crescita delle persone per interpretarle e, quindi, realizzare il grande compito della scuola che è quello di prendersi cura dello sviluppo della persona e, nel contempo, della comunità sociale. Da tutto ciò si evince che educare non è un compito facile. Alto e nobile è il compito dei docenti! La squadra dei docenti del neo Istituto Comprensivo Vitaliano Brancati opera con passione e capacità professionale, anche in condizioni difficili ; i docenti comprendono le inclinazioni, le inquietudini, le aspirazioni dei loro allievi ponendoli al centro del processo formativo e fornendo loro le basi e gli strumenti per una partecipazione attiva alla vita futura. Ebbene, con sicurezza e orgoglio questo è quello che la nostra Scuola offre da sempre. Il Dirigente Scolastico Prof. Sebastiano Spiraglia - 1 -

5 DOVE SIAMO IV IST.COMP. V. BRACATI PLESSO RUBERA PLESSO SGROI - 2 -

6 PREMESSA Il POF (Piano dell Offerta Formativa) è il documento fondamentale nel quale ogni istituto definisce autonomamente le proprie linee programmatiche, comprende i curricoli, le discipline e le attività e i percorsi formativi integrati; è in altre parole la Carta di Identità della scuola. Voluto dal D.P.R. n. 275 /99, art. 3, del Regolamento dell autonomia scolastica, il POF trova la sua ragion d essere anche alla luce dei principi della Costituzione italiana e della Convenzione dei Diritti del Fanciullo espressi, entrambi, nella Carta dei Servizi dell Istituto: principi che si ispirano in particolare agli articoli 3, 33, 34 della Costituzione Italiana che sanciscono: 1. Uguaglianza La scuola si impegna a perseguire il diritto allo studio nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità individuali, sociali e culturali di ciascun alunno. Nessuna discriminazione nell erogazione del servizio sarà compiuta per motivi riguardanti sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socio-economiche. 2. Imparzialità e regolarità La scuola, nell ambito delle proprie competenze, si impegna ad assicurare la regolarità e la continuità del servizio e delle attività educative. 3. Accoglienza ed Integrazione La scuola si impegna a favorire l accoglienza degli alunni, il loro inserimento e la loro integrazione. Particolare impegno è prestato per la soluzione delle problematiche relative agli alunni con BES (Bisogni Educativi Speciali). 4. Partecipazione, efficienza, trasparenza La scuola per favorire la più ampia realizzazione dei contenuti del POF promuove la partecipazione e la collaborazione di tutte le componenti. Essa nel determinare le scelte organizzative si ispira a criteri di efficienza, efficacia e flessibilità; ricerca la semplificazione delle procedure e garantisce un adeguata informazione su tutte le attività promosse. 5. Libertà di insegnamento e aggiornamento del personale Il POF quindi costituisce il documento fondamentale del Progetto Formativo ed Educativo dell opera organizzativa del IV Istituto Comprensivo V. Brancati di Pachino che accorpa tre ordini di scuola: Scuola dell Infanzia Scuola primaria Scuola Secondaria di Primo Grado Questo documento si sostanzia in attività di progettazione ed esecuzione di interventi formativi secondo il binomio inscindibile educazione/istruzione. Si propone come strumento per l armonizzazione degli interventi educativo-didattici, organizzativi e gestionali della scuola che i docenti, nella loro dimensione collegiale, elaborano, attuano e verificano, per gli aspetti pedagogico-didattici e organizzativi, adattandone l articolazione alle differenziate esigenze degli alunni e tenendo conto del contesto socio-economico e culturale di riferimento - 3 -

7 Il POF nasce, altresì, dalla consapevolezza che la nostra Scuola deve aprirsi all esterno, fornire un servizio formativo sempre più adeguato, stabilire una costruttiva collaborazione con le famiglie e con gli studenti; necessita pertanto di momenti di analisi e di indagine nel territorio e dentro la scuola, per renderlo flessibile e dinamico, quindi soggetto a verifica. Parte integrante del POF è: la Progettazione Educativa e Didattica che stabilisce i percorsi formativi correlati agli obiettivi e alle finalità delineate nei Programmi Ministeriali, il Regolamento d Istituto il Patto di Corresponsabilità. Delibera Collegio Docenti del giorno 25/11/2014 CHI SIAMO IV I S T I T U T O C O M P R E N S I V O STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE V. B R A N C A T I Pachino (SR) Sito: e.mail: PLESSO CENTRALE Via Tafuri Tel Fax PLESSO SGROI Piazzale Verdi Tel.Fax PLESSO RUBERA Via Rubera TEL

8 LA NOSTRA SCUOLA: IV ISTITUTO COMPRENSIVO V. BRANCATI La nostra scuola, dedicata al nostro illustre concittadino Vitaliano Brancati, fu inaugurata nei primi anni settanta come edificio adibito a scuola media. E divenuta Istituto Comprensivo nell anno scolastico 2000/2001 a seguito della legge n. 59 del 1957 con la quale lo Stato ha riconosciuto alle scuole la personalità giuridica e l autonomia didattica, organizzativa, di ricerca e sperimentazione.in questo anno è stato accorpato il 2 Ist.Compr. C.Sgroi D obbligo un excursus storico sulla vita dello scrittore pachinese. Omaggio a Vitaliano Brancati Vitaliano Brancati nasce a Pachino in provincia di Siracusa il 24 luglio del 1907 da Rosario, avvocato con interessi letterari, e da Maria Antonietta Ciàvola. Entrambi i genitori appartengono alla media borghesia locale. A causa dei frequenti spostamenti del padre, impiegato di prefettura, l infanzia del piccolo Vitaliano trascorre fra Pachino, Ispica e Modica. Noi abbiamo la fanciullezza lontana, molto lontana, in un secolo diverso. I novantenni di altri tempi avevano la fanciullezza più vicina di quanto non l abbiamo noi oggi. Cosi Vitaliano Brancati vedeva se stesso nel romanzo Singolare avventura di viaggio del Non si può separare l opera letteraria del Brancati dalla Sicilia; la quale non è soltanto la radice, il luogo sorgivo della sua ispirazione, ma vi assurge a simbolo di una particolare condizione umana

9 Nel 1920 in seguito a ulteriori trasferimenti del padre, il giovane Brancati si stabilisce a Catania, la città della sua formazione, che diverrà il topos privilegiato della sua invenzione letteraria. Al liceo classico conosce il grecista e poeta Francesco Guglielmino, al quale lo scrittore rimane legato da grande affetto e stima. All età di quindici sedici, anni Brancati è uno scrittore ancora acerbo che scimmiotta molto i modi sofisticati di Gabriele D Annunzio, il grande poeta estetizzante, enfatico, che cerca di colpire il lettore con parole ad effetto. Nel 1924 Brancati fonda e dirige la rivista Ebe, di chiara ispirazione dannunziana. Nello stesso anno si iscrive al partito fascista. Tra il 1924 e il 1926 compone il poema drammatico Fedor, pubblicato a Catania nel 1928 con una dedica all amico Borghese. Sempre nel 1928 scrive il mito in un atto Everest, che si ispira alla figura di Mussolini. Intanto la sua formazione lo porta a leggere Ibsen, Pirandello, Gentile, Leopardi, Bergson. Nel 1929 si laurea in Lettere con una tesi su Federico De Roberto, critico, psicologo e novelliere, dando così inizio a un interesse costante per l opera e l onestà intellettuale dello scrittore autore dei Viceré. Nel 1930 Brancati incontra Borghese a Perugia, lo scrittore e critico per il quale già nutre grande ammirazione e stima, come testimoniano i numerosi articoli su di lui pubblicati proprio in questo periodo sul Giornale dell Isola e sul Popolo di Sicilia. Nel 1931 Brancati viene ricevuto da Benito Mussolini al quale era stato segnalato con la pubblicazione di Everest. Intanto si fa più intensa la collaborazione dello scrittore a giornali e riviste, quali Lavoro fascista, Critica fascista, la rivista di Bottai, e Popolo di Sicilia. Brancati con Benedetto Croce, al centro, e Sandro De Feo - 6 -

10 Nel 1933 lo scrittore siciliano lavora all idea di uno spettacolo per le masse da rappresentare in uno stadio, cercando di realizzarlo con L Urto, un dramma che non fu mai messo in scena. Nell agosto di quell anno gli intellettuali Interlandi e Chiarini danno vita alla rivista Quadrivio e Brancati diviene il redattore capo, senza interrompere la sua collaborazione alla Stampa. Del 1934 è pure la pubblicazione di Singolare avventura di viaggio, un romanzo breve a sfondo erotico che si allontana dal tono celebrativo delle opere precedenti. Spetta a Luigi Chiarini recensirlo negativamente proprio su Quadrivio. Questo episodio conduce Brancati a dimettersi dalla stessa rivista. Tutto questo lo fa precipitare in una crisi che lo porterà a rinnegare tutto quello che aveva scritto prima. Nel 1935 Brancati torna a Catania e si prepara al concorso per accedere all insegnamento presso gli Istituti Magistrali. Il capoluogo etneo e i suoi abitanti diventano i protagonisti principali delle sue opere. Nel 1937 si trova a Caltanissetta con l incarico di docente. Brancati, da questo momento, sceglie la vita appartata e dignitosa del professore. Tra il 1937 e il 1940 lo scrittore rivede le proprie coordinate culturali e vi annette nuovi autori: Croce, Mann, Proust, Joyce, Gide. A Roma incontra l attrice Anna Proclemer e si innamora subito di lei. Nel 1946 lo scrittore è di nuovo a Roma dove il 22 luglio sposa la Proclemer. Il 6 maggio del 1947 nasce la figlia Antonia. Brancati muore a Torino il 25 settembre del

11 CONTESTO SOCIO-ECONOMICO CULTURALE- FORMATIVO E TERRITORIALE Pachino, città sorta nel 1761 su un territorio collinare a pochi chilometri dal mare, non possiede, data la sua breve storia, un patrimonio storico-culturale rilevante. La sua identità è di natura prevalentemente agricola che si è realizzata nel tempo grazie a produzioni vitivinicole prima e di ciliegino e colture in serra poi. In seguito alla legge sul dimensionamento l Istituto Brancati dal 1 Settembre 2013 ha accolto al suo interno il 2 Istituto Comprensivo C. Sgroi e il plesso di via Rubera. L Istituto Brancati è situato nella periferia Nord del Paese( via Tafuri) ma al suo interno ha un bacino di utenza allargato in quanto comprende il Plesso Sgroi ( zona sud-est ) e il Plesso Rubera (zona est). Pertanto, accoglie, bambini e ragazzi dei tre Plessi. L utenza proviene da un contesto socio-economico prevalentemente agricolo e artigianale, pur non mancando quello commerciale e professionale. Tale contesto, tuttavia, è ancora più eterogeneo se consideriamo che negli ultimi anni nell istituto vengono accolti alunni stranieri, figli di extracomunitari ed immigrati. Un certo diffuso benessere economico ha agevolato senz altro la nascita di nuovi bisogni culturali (cinema, sport, teatro, musica ecc ), l esigenza tra i giovani di conseguire un titolo di studio per la ricerca di un lavoro qualificato, nonché la partecipazione all iter scolastico dei propri figli da parte di alcuni genitori. Pertanto il livello culturale medio risulta eterogeneo, in quanto da una parte aumentano i genitori che considerano la scuola una componente essenziale per la crescita del figlio, dall altra, tuttavia, c è una scarsa integrazione socio-culturale di alcune famiglie che considerano ancora l obbligo scolastico come una costrizione e delegano alla scuola la responsabilità formativa e culturale dei propri figli. Il IV Istituto Comprensivo di Pachino, considerato il modesto retroterra culturale in cui opera, le scarse risorse territoriali e il nascere di queste nuove esigenze, si propone di essere nel territorio un centro permanente di aggregazione, di cultura e di offerta formativa, ponendosi come obiettivo di far vivere attivamente la scuola ad alunni e genitori

12 RISORSE DEL TERRITORIO Il paese non offre risorse per la gestione del tempo libero. La grande Piazza V. Emanuele, il lungomare V. Starrabba di Marzamemi ed altre piazzette dislocate in vari punti della città rappresentano importanti punti di ritrovo per i ragazzi e i bambini; punti di riferimento organizzati con attività socio-culturali sono le parrocchie del paese; altre istituzioni di tal tipo sono di gestione privata e quindi usufruibili solo a pagamento. Nel territorio pachinese e nei suoi immediati dintorni esistono alcune risorse importanti per fini educativi: Zone archeologiche preistoriche di età paleolitica; Masserie e caseggiati del XIX e XX secolo; La Riserva Naturale di Vendicari; Aziende agricole; Palmenti e cantine per la trasformazione dell uva; Oleifici; Il Porto di Marzamemi; Il Porto di Portopalo che accoglie una grossa flotta peschereccia; Industrie ittiche e le antiche tonnare ormai in disuso; Pescicultura; Biblioteca; Pinacoteca; Associazioni culturali e di volontariato; Cine teatro; Struttura Sportiva (campi da tennis, pallavolo, calcio)

13 SCUOLA E TERRITORIO L autonomia non vuol dire isolamento, ma trae invece la sua legittimità da un fecondo ed attivo rapporto di collaborazione e scambio con il territorio. Ciò permette alla scuola di arricchire la propria offerta formativa e di individuare risorse importanti perché uscire, osservare, incontrare e conoscere per utilizzarne al meglio le molteplici opportunità, significa offrire agli alunni importanti ed insostituibili occasioni di crescita e di approfondimento di conoscenze e abilità. Tale interazione favorisce anche quei processi di appropriazione e di riappropriazione del territorio, resi oggi più urgenti dal sentimento di estraneità che spesso bambini e ragazzi vivono nei confronti di luoghi che, per motivi diversi, non sentono come propri o non conoscono. Il rapporto scuola-territorio è un rapporto dinamico, di integrazione e di scambio, all interno del quale la scuola si deve porre come importante punto di riferimento, capace di indirizzare e valorizzare. Ancora, conoscere l ambiente per utilizzarne le molteplici risorse culturali, significa offrire agli alunni occasioni per arricchire, ampliare, approfondire conoscenze, saperi, linguaggi. Peraltro la ricchezza del territorio non si esaurisce dentro i confini del nostro territorio comunale, per questo la scuola elabora itinerari e percorsi che abbracciano un orizzonte più ampio, innanzitutto con lo studio della storia e della geografia e poi organizzando visite guidate e viaggi di istruzione che possono interessare il territorio regionale, nazionale, europeo

14 FINALITA DELL OFFERTA FORMATIVA L azione educativa e formativa svolta dalla scuola si articola,quindi, in finalità che possono così sintetizzare la nostra MISSION: favorire lo star bene a scuola e promuovere il benessere degli alunni; accompagnare con continuità la loro crescita dall infanzia all adolescenza, seguendoli nel processo evolutivo, attraverso opportunità di apprendimento raccordate per rispettare le diversità; offrire occasioni di apprendimento dei saperi e dei linguaggi culturali di base; far acquisire gli strumenti di pensiero necessari per apprendere e selezionare informazioni; promuovere la capacità di elaborare metodi e strategie che possano fungere da bussola negli itinerari personali e favorire l autonomia di pensiero; educare ad una cultura attenta ai valori della vita, alla socialità e alle relazioni interpersonali in un ottica di consapevolezza di sé e d apertura al confronto con modelli culturali diversi; trasmettere competenze e metodi di lavoro nei diversi ambiti disciplinari, rafforzando abilità linguistiche, scientifiche,e tecnico operative; fare riconoscere nelle proposte culturali integrative ( interventi esterni, visite, viaggi d istruzione, progetti) delle preziose opportunità formative che concorrono a promuovere la crescita della personalità di ciascun alunno; formare l uomo e il cittadino secondo i principi dettati dalla Costituzione. E altresì importante segnalare ciò che è nelle nostre aspettative future e soprattutto nelle nostre intenzioni prossime. Noi vogliamo essere una scuola per il territorio, rispondente all esigenza di proporre in un ampio bacino d utenza ( sia della scuola Sgroi che quello di via Rubera) un corso di studi che sappia fornire una solida ed articolata base culturale, valorizzando le risorse umane dei giovani, delle loro famiglie e delle istituzioni locali. L Istituto V. Brancati si impegna a prevenire e controllare l evasione e la dispersione scolastica ; l istituto garantisce nei confronti dei propri iscritti forme di monitoraggio tendenti ad orientare, recuperare ed integrare quanti incontrano difficoltà cognitive o di socializzazione con tecniche didattiche mirate, a cura dei consigli di classe. L Istituto considerata la trasparenza nei rapporti interni amministrativi e in quelli con l utenza condizione fondamentale per favorire la partecipazione democratica alla gestione della scuola. Verranno pertanto garantiti: la possibilità di consultazione del P.O.F.da parte di alunni e genitori; una bacheca generale d Istituto ove verranno mantenuti affissi una copia del P.O.F, atti del Consiglio d Istituto e del Collegio dei Docenti. Albo del sito web Una bacheca del personale docente e A.T.A contenente l elenco del personale docente con la materia insegnata, l orario delle lezioni di ricevimento,l elenco del personale A.T.A,e le graduatorie d istituto di entrambi. Il Curricolo dell istituto, partendo dalla persona che apprende con l originalità del proprio percorso individuale, definisce i seguenti obiettivi formativi: formare individui capaci di autogestirsi, di adottare scelte autonome che siano il risultato di un confronto continuo tra i loro progetti di vita e i valori che orientano la società in cui vivono. formare cittadini in grado di partecipare consapevolmente alla costruzione di collettività sempre più ampie e composite; In base a quanto sopra espresso, si individuano le seguenti attività: Attività finalizzate all accoglienza e alla continuità;

15 Attività strettamente istituzionali; Attività finalizzate all apprendimento della lingua straniera; Attività finalizzate all apprendimento di nozioni di informatica; Attività finalizzate alla convivenza civile; Attività finalizzate all educazione alla salute, alimentare, stradale, interculturale; Attività di laboratorio; Attività espressive: musica, teatro, drammatizzazione; Di fondamentale importanza la collaborazione scuola-famiglia al fine di evitare che l azione educativa venga limitata alle sole ore scolastiche. L Istituto vuole quindi essere una scuola: ATTIVA... CHE ACCOGLIE IN LINEA... CHE AGGIORNA SCUOLA SOLIDA... CHE FORMA LIBERA... CHE INFORMA ATTENTA... CHE ORIENTA Si attiveranno: Attività inerenti le educazioni Partecipazione a spettacoli teatrali anche in lingua straniera Partecipazione a spettacoli cinematografici anche in lingua straniera. Attività di recupero- sostegno - potenziamento Attività sportive: formazione di squadre e partecipazione a manifestazioni

16 Interazioni con Enti e Strutture Istituzionali (Comune, ASL, etc ) Attività finalizzate alla conoscenza e fruizione del territorio Attività di aggiornamento e autoaggiornamento Attività di orientamento

17 RISORSE INTERNE, UMANE E PROFESSIONALI L Istituto è presieduto dal Dirigente Scolastico dott. Sebastiano Spiraglia Dispone di un ufficio di segreteria gestito da un Direttore Amministrativo e da 5 Assistenti Amministrativi di cui 2 part-time, 1 assistente tecnico con mansioni amministrative. L istituto accoglie in organico un corpo docente ed un personale A.T.A. preparati e sensibili alle problematiche della propria utenza nelle sue varie e numerose sfaccettature. La professionalità del corpo docente viene completata dalla presenza di un buon gruppo di insegnanti, con competenze specifiche e specialistiche. Altra risorsa dell istituto sono laboratori strutturati sia per l approfondimento di alcune discipline che per attività extracurriculari. L istituto comprende al suo interno tutti e tre gli ordini di scuola: Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di I grado In questo contesto il Collegio dei docenti, il Consiglio d istituto, il Personale ATA e il Dirigente scolastico sono impegnati a valorizzare pienamente le potenzialità che l Istituto comprensivo presenta: o la continuità educativa, ossia il diritto di ogni bambino ad un percorso scolastico unitario, organico e completo; o la realizzazione di una maggiore integrazione con il territorio; o la gestione unitaria dei percorsi formativi e delle strutture

18 RISORSE STRUTTURALI INTERNE SPAZI FRUIBILI AULA MAGNA LAB. SCIENTIFIC O LAB. MUSICALE AULA ARTISTIC A RISORSE STRUTTURALI INTERNE SALA MENSA PALESTR A CORTILE BIBLIOTECA LAB. LINGUISTIC O E INFORMATI CO

19 ORGANIZZAZIONE DELL ISTITUTO NEI TRE ORDINI DI SCUOLA ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Nove sezioni accolgono 183 alunni di 3, 4, 5 anni. Su ogni sezione operano 2 insegnanti che svolgono attività di insegnamento per 25 ore settimanali a cui si aggiungono 2 ore di programmazione bimestrali. Orario settimanale Le insegnanti di scuola dell Infanzia effettueranno il seguente orario settimanale: P e r i o d o Orario di Entrata Orario di Uscita Dal 15/09/2014 Al 16/10/2014 h. 8,15 h. 12,15 Dal 17/10/2014 Al 30/10/2014 h. 8,15 h. 13,15 Dal 30/10/2014 Al 30/06/2015 h. 8,15 h. 16,15 Ripartizione orario giornaliero Le attività didattiche si svolgeranno dalle 8.15 alle dal lunedì al venerdì sede centrale,e dalle 8,00alle 16,00 plesso Sgroi e Rubera, secondo la ripartizione oraria giornaliera di seguito illustrata: Accoglienza Attività di routin Attività curriculari e di laboratori riordino materiale mensa Giochi liberi e guidati, percorsi motori e attività musicali 14, Attività curriculari 15, Riordino materiale e preparazione uscita I docenti attueranno orario in compresenza nei giorni che prevedono il coinvolgimento di tutti gli operatori scolastici (San Martino, Natale, Carnevale, Pasqua, uscite didattiche, festa di fine anno, ). Per quanto riguarda l entrata e l uscita dei bambini si attuerà la flessibilità oraria di 1 ora, dalle 8.15 alle 9.15 (entrata) e dalle alle (uscita). Per i bambini che usufruiscono del permesso mensa l orario da osservare è dalle alle Progettazione Le insegnanti della scuola dell infanzia effettueranno la programmazione didattica dalle ore16,15 alle ore 18,15 con incontri bimestrali. Gli incontri di sezione intersezione e i colloqui con i genitori saranno stabiliti con calendario che sarà affisso alla bacheca. Visite guidate e gite d istruzione

20 Ragusa Modica: Fabbrica del cioccolato; Siracusa - Vendicari: Oasi Faunistica; Pachino e dintorni: Aziende e cooperative agricole; Siracusa - Ragusa Catania - Strutture Agrituristiche con attività didattico-formative. ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA PRIMARIA La scuola primaria accoglie in tutto 18 classi con un totale di n. 363 iscritti. Tutte le classi di scuola primaria della Brancati adottano un orario settimanale che va dalle ore 8,15 alle ore 13,45 dal lunedì al giovedì, venerdì dalle ore8.15 alle ore 13.15, per un totale di 27 ore settimanali,. Per il plesso Sgroi III e V a tempo pieno dalle ore 8,00 alle ore 16.00, le restanti classi dalle ore 8.00 alle ore dal lunedì al giovedì, venerdì dalle 8.00 alle Orario settimanale degli alunni P e r i o d o Orario di Entrata Orario di Uscita Dal 15/09/2014 Al 19/09/2014 h. 8,15 h. 12,15 dal 22/09/2014 Al 11/06/2014 h. 8,15 h. 13,14 Dal 3/11/2014 Al 11/06/2014 h.8.15 h Orario settimanale degli insegnanti I docenti di scuola primaria effettuano un orario di 24 ore settimanali. Di queste, 22 ore sono dedicate alle attività didattiche e due ad attività di programmazione. Le ore di compresenza dei docenti, nelle classi in cui si verificano, saranno utilizzate: - per attività di coordinamento; - per attività di laboratorio; - per attività di recupero individualizzate; - per attività programmate per gruppi ristretti di alunni; - per le supplenze. Progettazione La programmazione didattica avrà cadenza quindicinale e si effettuerà di martedì dalle ore 16,15 alle ore 18,15. L equipe pedagogica si riunisce per: - programmare le unità di apprendimento delle singole classi in cui opera; - valutare comparativamente i casi difficili e progettare itinerari di lavoro, di recupero, di sostegno; - elaborare piccoli progetti di lavoro interdisciplinare; - scambiare indicazioni su materiale didattico e fonti di studio

21 Gli incontri d interclasse e i colloqui con i genitori saranno stabiliti con il calendario annuale degli adempimenti elaborato dal Dirigente. Quadro Orario Disciplinare Settimanale T.N. T.P. T.N. T.N T.P T.N. T.N T.P Classe I I Classe II Classe III III Classe IV Classe V ITALIANO MATEMATICA SCIENZE STORIA GEOGRAFIA INGLESE MUSICA ARTE E IMMAGINE TECNOLOGIA E INF SCIENZE MOTORIE RELIGIONE TOTALE ORE Visite Guidate e Gite d Istruzione Tutte le città della Sicilia. Per le classi V si organizzerà una gita di più giorni

22 ORGANIZZAZIONE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO La scuola secondaria di 1 grado accoglie 340 alunni distribuiti su 4 corsi (sezioni C, D, E, G) di cui il corso G ad indirizzo musicale. Si effettua un orario che va dalle 8.00 alle dal lunedì al venerdì. Orario degli alunni P e r i o d o Orario di Entrata Orario di Uscita Dal 15/09/2014 Al 19/09/2014 h. 8,00 h. 12,00 Dal 22/09/2014 Al 11/06/2014 h. 8,00 h Orario Disciplinare Settimanale Il quadro orario settimanale delle discipline della scuola secondaria di primo grado, definito tenendo conto dei nuovi piani di studio, è così determinato: Discipline o gruppi di discipline I classe II classe III classe Italiano Storia Geografia Matematica e Scienze Tecnologia Inglese Seconda Lingua Comunitaria Arte e Immagine Scienze Motorie e Sportive Musica Religione Cattolica Attività di approfondimento (in materie letterarie) Totale Orario Settimanale Corso G Studio strumenti musicali:pianoforte,violino,clarinetto,percussioni) Totale Orario Settimanale

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa

Carta dei servizi scolastici. Patto educativo di corresponsabilita. Premessa Allegato 1. Carta dei servizi scolastici Patto educativo di corresponsabilita Premessa Il patto educativo di corresponsabilità ribadisce i contenuti presenti nella Carta dei Servizi dei P.O.F. precedenti.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1

ISTITUTO COMPRENSIVO N.1 PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE ANNO SCOLASTICO 2013-2013 Sommario PIANO ANNUALE PER L INCLUSIONE... 1 Bisogni educativi speciali... 2 Sezione 1. Definizioni condivise... 3 I B.E.S. non sono una categoria...

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6

Codice univoco Ufficio per fatturazione elettronica: UFNGS6 54 Distretto Scolastico ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE AD INDIRIZZO MUSICALE De Amicis Baccelli di Sarno (Sa) Sede Legale: Corso G. Amendola, 82 - C.M.: SAIC8BB008 - C.F.:94065840657 E mail:saic8bb008@istruzione.it

Dettagli

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI

A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri. La documentazione. Dall ICF alla DF al PDF al PEI A cura dei Supervisori SSIS-Sostegno Modena. E.Tarracchini V.Bocchini A.Barbieri La documentazione Dall ICF alla DF al PDF al PEI La Diagnosi Funzionale (DF) 1. Utilizzo degli items di ICF nella definizione

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: LA PROSPETTIVA IN BASE AL MODELLO ICF LA NORMATIVA SULL INCLUSIONE SCOLASTICA: LA RISPOSTA DELLA SCUOLA AI BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Ins. Stefania Pisano CTS I.C. Aristide

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

l'?~/?: /;/UI,"lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ";1

l'?~/?: /;/UI,lf/lr, r~# 't~l-l'ri.)//r--/,,;.,,;~4,-;{:.;r,,;.ir ;1 MIUR - Ministero dell'istruzione dell'untversùà e della Ricerca AOODGPER - Direzione Generale Personale della Scuola REGISTRO UFFICIALE Prot. n. 0006768-27/0212015 - USCITA g/~)/rir. (" J7rti///Nt4Ik0"i

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapporto di autovalutazione Sommario 1. Codice meccanografico istituto principale...3 2. Griglie di autovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contesto e risorse...4 1.3 Processi...5 3. Individuazione obiettivi

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE

PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PROGETTO EDUCATIVO SULL'INTEGRAZIONE E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO E DELL'ABBANDONO SCOLASTICO PRECOCE PREMESSA La Dispersione Scolastica è un fenomeno complesso che riunisce in sé: ripetenze, bocciature,

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089

ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 0434520104 0434520089 ISTITUTO COMPRENSIVO PORDENONE CENTRO PORDENONE 33170 PORDENONE - Via Gaspare Gozzi, 4 SEGRETERIA - PRESIDENZA: 04345204 0434520089 PROT. n. 199/B19 Pordenone, 15 gennaio 2014 Ai Sigg. Genitori Oggetto:

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli