L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate"

Transcript

1 5591 APPROFONDIMENTO L imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate di Enzo Mignarri Con la pubblicazione della circolare dell Agenzia delle Entrate n. 29/E del 5 luglio 2012 è stato nella sostanza completato il quadro normativo sull imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate. In questo contributo, viene effettuata una disamina della complessiva disciplina riguardante la nuova imposta introdotta con il decreto salva Italia, anche per porre in evidenza talune problematiche applicative di indubbia rilevanza per gli operatori. 1. Premessa Con il varo del D.L. n. 201 del 6 dicembre 2011 (cosiddetto salva Italia ) convertito, con modifiche, dalla L. n. 214 del 22 dicembre sono state regolamentate alcune forme di prelievo volte a colpire le attività finanziarie e immobiliari. In particolare, si tratta: dell imposta di bollo ordinaria sugli estratti di conto corrente e i libretti di risparmio e le comunicazioni relative a prodotti finanziari; dell imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate; dell imposta straordinaria sulle attività oggetto di emersione prelevate o dismesse; 1 Pubblicata sul supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 27 dicembre 2011 e in vigore dal giorno successivo. dell imposta sul valore degli immobili situati all estero; dell imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero. In questo contributo viene effettuata una disamina della disciplina riguardante l imposta di bollo speciale sulle attività oggetto di emersione ancora segretate alla luce dei chiarimenti forniti dall Agenzia delle Entrate con la circ. n. 29/E del 5 luglio , anche allo scopo di porre in evidenza le problematiche che l applicazione delle norme pone agli operatori. 2. La normativa e la prassi Con l art. 19, comma 6, del D.L. n. 201/2011, si è stabilito che le attività finanziarie oggetto di e- mersione ai sensi dell art. 13-bis del D.L. n. 78 del 1 luglio 2009, convertito, con modificazioni, dalla L. 102 del 3 agosto 2009, e successive modificazioni, e degli artt. 12 e 15 del D.L. 301 del 25 settembre 2001, convertito, con modificazioni, dalla L. n. 409 del 23 novembre 2001, e successive modificazioni 3 sono soggette a un imposta di bollo speciale annuale (cosiddetta imposta sull anonimato) 4. 2 In il fisco n. 30/2012, fascicolo n. 1, pag Sono pertanto ricompresi tutti gli scudi fiscali ad oggi effettuati. 4 Da versare con il codice tributo 8111 denominato Imposta di bollo speciale di cui all art. 19, comma 6, del d.l. 201/2011.

2 5592 APPROFONDIMENTO Imposte indirette Le norme del D.L. n. 201/2011 sono state successivamente modificate dall art. 8 del D.L. n. 16 del 2 marzo 2012 convertito, con modifiche, nella L. n. 44 del 26 aprile In attuazione alle predette norme è stato emanato il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 5 giugno 2012 che ha sostituito quello del 14 febbraio 2012 mentre l Agenzia delle Entrate ha fornito agli operatori ulteriori chiarimenti con la circolare n. 29/E del 5 luglio 2012, chiarimenti riguardanti, tra l altro, il mantenimento del regime di riservatezza sulle attività oggetto di emersione, l applicazione del criterio pro rata temporis alle attività che perdono tale regime, l applicazione dell imposta alle polizze stipulate con le imprese di assicurazione italiane ed estere, le modalità di pagamento dell imposta di bollo speciale. Si rammenta che la normativa introdotta fa riferimento alle attività finanziarie scudate per cui non assume rilevanza il contenuto della dichiarazione riservata (che poteva includere anche gli immobili), ma il valore delle attività finanziarie immesse nei rapporti segretati. 3. L imposta di bollo speciale L imposta di bollo speciale si applicherà, a regime, nella misura del 4 per mille. Limitatamente agli anni 2012 e 2013 l aliquota è stabilita, rispettivamente, nella misura del 10 e del 13,5 per mille. L imposta è dovuta a decorrere dal periodo d imposta 2011 sulle attività finanziarie oggetto di emersione che, tramite la procedura del rimpatrio (fisico e giuridico), sono state formalmente assunte in custodia, deposito, amministrazione o gestione presso gli intermediari a ciò abilitati e che sono detenute in regime di riservatezza alla data del 31 dicembre di ciascun anno ed è determinata al netto dell eventuale imposta di bollo ordinaria pagata ai sensi dei commi 2-bis e 2-ter dell art. 13 della Tariffa allegata al D.P.R. n. 642/1972 e successive modificazioni 5. L imposta di bollo da scomputare è ovviamente quella riferita al medesimo rapporto segretato e risultante dai rendiconti relativi all anno di 5 Ossia quella sulle comunicazioni alla clientela relative agli estratti di conto corrente e ai libretti di risparmio e ai prodotti finanziari, anche non soggetti all obbligo di deposito, ad esclusione dei fondi pensione e dei fondi sanitari. riferimento (a partire dal 2011). Se nel corso dei periodi d imposta successivi al 2011 viene meno in tutto o in parte il regime di riservatezza, l imposta è dovuta in ragione del periodo in cui le attività finanziarie hanno fruito di tale regime sulla base di un criterio pro rata temporis. A tal fine, l imposta deve essere calcolata sul valore delle attività alla data della perdita della segretazione rapportandolo ai giorni per i quali il contribuente ha usufruito di tale regime 6. Per i rapporti estinti o per i quali è cessata la segretazione prima del 5 luglio 2012, ossia della data di emanazione della circolare n. 29/E, è da ritenere che l intermediario possa ancora trattenere l imposta dovuta o, in alternativa, ricevere provvista dal contribuente. L imposta di bollo speciale non è dovuta per le attività finanziarie oggetto di operazioni di e- mersione tramite la procedura della regolarizzazione 7. Per completezza si rammenta che l art. 19, comma 12, del D.L. n. 201/2011, prevedeva l applicazione di un imposta straordinaria pari al 10 per mille delle attività finanziarie rimpatriate che, nel periodo intercorrente tra il 1 gennaio e il 6 dicembre 2011, erano state in tutto o in parte prelevate a qualsiasi titolo in via definitiva dal rapporto di deposito, amministrazione o gestione acceso per effetto della procedura di emersione ovvero comunque dismesse. Su cosa dovesse intendersi nella fattispecie per prelievi l Agenzia delle Entrate ha successivamente precisato che si tratta delle movimentazioni in uscita di denaro o attività finanziarie dal rapporto segretato effettuate a titolo definitivo che causano la perdita del regime di riservatezza 8. Si trattava di un imposta una tantum il cui versamento è stato effettuato unitamente a quello dell imposta di bollo speciale dovuta per il 2011 il 16 luglio 2012 utilizzando il codice tributo 8112 denominato Imposta straordinaria di cui all art. 19, comma 12, del d.l. 201/2011. L imposta straordinaria è stata applicata anche nei confronti degli eredi dei contribuenti che avevano rimpatriato le attività finanziarie usu- 7 6 Cfr. l esempio fornito dall Agenzia delle Entrate nella citata circolare n. 29/E. Cfr. la circolare dell Agenzia delle Entrate n. 28/E del 2 luglio 2012, in il fisco n. 29/2012, fascicolo n. 1, pag. 4656, che assoggetta tali attività all imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero. 8 Cfr. la citata circolare n. 29/E.

3 Imposte indirette APPROFONDIMENTO 5593 fruendo del regime di riservatezza qualora il de cuius avesse effettuato prelievi nel periodo tra il 1 gennaio ed il 6 dicembre 2011 e fosse poi deceduto successivamente a quest ultima data. 4. Il regime della riservatezza Il regime di riservatezza si applica al denaro e alle attività rimpatriate fino a concorrenza dell importo indicato nella dichiarazione riservata. Quest ultimo costituisce, di norma, il plafond entro il quale il regime si estende anche alle attività finanziarie acquisite dall interessato con l utilizzo di denaro rimpatriato, con la cessione delle attività rimpatriate ovvero con operazioni di permuta dei titoli rimpatriati. Di seguito si procede, tenendo conto dei chiarimenti forniti nel tempo dall Agenzia delle Entrate, ad una disamina dei casi particolari nei quali il regime della riservatezza può venire meno oppure restare in vigore La perdita del regime di riservatezza Il regime di riservatezza viene meno con il trasferimento delle somme o delle attività finanziarie ad un altro rapporto identicamente intestato acceso presso lo stesso intermediario o presso un altro intermediario ove il contribuente non intenda mantenere la riservatezza delle somme o delle attività trasferite. Anche in assenza di trasferimento, la riservatezza del rapporto può cessare a seguito di una espressa rinuncia da parte del contribuente resa per iscritto e a- vente data certa all intermediario presso cui le somme o le attività finanziarie rimpatriate sono detenute. L estinzione di un rapporto fiduciario segretato non accompagnata da una contestuale richiesta del contribuente di trasferire le attività finanziarie rimpatriate su altri rapporti segretati identicamente intestati equivale ai fini dell applicabilità dell imposta di bollo speciale alla rinuncia alla segretazione. Con riguardo ai mandati fiduciari, la perdita del regime di segretazione su uno o più rapporti sottostanti comporta il venir meno della segretazione sull intero mandato interessato. Il regime della riservatezza viene meno anche per effetto dell esibizione all Agenzia delle Entrate o alla Guardia di Finanza della dichiarazione riservata in occasione di accessi, ispezioni e verifiche da parte dell Amministrazione finanziaria ovvero a seguito di avvisi di accertamento o di rettifica o di atti di contestazione di violazioni tributarie, compresi gli inviti, i questionari e le richieste di informazioni 9. In tal caso, l imposta di bollo speciale è dovuta fino alla data di esibizione della dichiarazione riservata comunicata all intermediario dal contribuente o dagli organi di controllo. Pertanto, l intermediario, per poter applicare l imposta pro rata temporis, deve essere portato a conoscenza della data in cui il contribuente ha esibito la dichiarazione riservata per opporre gli effetti preclusivi ed estintivi dell emersione. Qualora l intermediario non riceva notizia dell esibizione della dichiarazione riservata è tenuto ad applicare l imposta di bollo speciale per l intero periodo d imposta. La perdita del regime della riservatezza si verifica, inoltre, relativamente al denaro prelevato o alle attività finanziarie dismesse qualora le somme non vengano utilizzate per l acquisto di altre attività che confluiscono nel rapporto segretato ovvero il corrispettivo delle cessioni non sia immesso nel medesimo rapporto. Analoga conseguenza si verifica nel caso in cui i redditi di capitale e i redditi diversi di natura finanziaria derivanti dal denaro o dalle attività finanziarie rimpatriate (o da quelle acquisite attraverso il loro disinvestimento o attraverso l investimento dei relativi redditi) non siano assoggettati a tassazione definitiva da parte dell intermediario depositario o da altri intermediari e sostituti d imposta e confluiscano nel conto segretato. Il regime della riservatezza viene meno poi per effetto dell immissione nel conto segretato di denaro o attività finanziarie che non sono state oggetto della procedura di emersione. In questi ultimi casi, a differenza delle altre ipotesi in cui la riservatezza viene meno solo per l importo prelevato, dismesso o utilizzato, è l intero rapporto a perdere la riservatezza. La costituzione del rapporto segretato in garanzia di finanziamenti concessi a terzi fa perdere la riservatezza per l intero rapporto originariamente segretato, a differenza del caso in cui la garanzia sia fornita a fronte di finanziamenti concessi al soggetto che ha posto in essere l operazione di rimpatrio. Questa ipotesi di perdita della riservatezza era desumibile anche dalle indicazioni fornite dall Agenzia delle Entrate con la circolare n. 24/E del 13 marzo ove si precisava che il 9 Di cui all art. 51, comma 2, del D.P.R. n. 633 del 1972 e all art. 32 del D.P.R. n. 600 del In banca dati fisconline.

4 5594 APPROFONDIMENTO Imposte indirette regime della riservatezza si applica anche nell ipotesi in cui l Amministrazione finanziaria richieda alla banca informazioni circa le garanzie ricevute a fronte di finanziamenti erogati al soggetto che ha presentato la dichiarazione riservata lasciando, in tal modo, intendere che esso veniva meno nel caso di garanzie di finanziamenti concessi a terzi. Il regime della riservatezza non si estende alle informazioni relative a soggetti diversi dal contribuente che ha eseguito il rimpatrio, come ad esempio, i soggetti delegati alla movimentazione dei conti segretati per cui nel caso in cui venga conferita una delega ad un soggetto terzo il regime di riservatezza non trova ingresso nei confronti del delegato. Di conseguenza il regime della riservatezza cessa anche nei confronti del delegante in caso di richiesta di informazioni relative al delegato. Il decesso del contribuente che ha presentato la dichiarazione riservata causa la decadenza dal regime di riservatezza, in quanto, come è noto, tale regime non si trasmette agli eredi. L Agenzia delle Entrate ha stabilito che con la perdita del regime di segretazione l intermediario provvede a trattenere l imposta dovuta dal contribuente Il mantenimento del regime di riservatezza Il trasferimento della residenza all estero del contribuente, successivamente alla presentazione della dichiarazione riservata, con il mantenimento del rapporto scudato presso l intermediario residente non comporta la perdita della segretazione. Analogamente, il trasferimento delle somme o delle attività finanziarie ad altri intermediari in regime di riservatezza non riduce il plafond di riservatezza spettante al contribuente a seguito della presentazione della dichiarazione riservata. L importo su cui spetta la riservatezza, ossia quello indicato nella dichiarazione riservata, può essere superato, senza che la riservatezza venga meno, con l incasso dei redditi di capitale e dei redditi diversi di natura finanziaria derivanti dal denaro o dalle attività rimpatriate o da quelle acquisite con la loro cessione o tramite l investimento dei relativi redditi purché come detto si tratti di redditi assoggettati a tassazione definitiva da parte dell intermediario depositario o da altri intermediari e sostituti di imposta. La compensazione di plusvalenze e altri redditi diversi di natura finanziaria derivanti dalle attività finanziarie segretate con minusvalenze realizzate nell ambito di altri rapporti non segretati detenuti dallo stesso contribuente con il medesimo intermediario non determina il venir meno del regime di riservatezza 11. Non causano la perdita del regime di riservatezza le operazioni di riporto, pronti contro termine e prestito titoli, in quanto si tratta di prelievi che non possono considerarsi come effettuati a titolo definitivo, né le movimentazioni in uscita dal rapporto segretato necessitate per disposizioni di legge o per contratto in relazione al rapporto segretato e al trattamento fiscale delle attività in esso contenute (ad esempio, pagamento di commissioni o di imposte operate dall intermediario depositario o dai sostituti d imposta, compresa l imposta di bollo speciale o sui prelievi). Non fanno venir meno il regime di riservatezza a fini fiscali le eventuali indagini giudiziarie condotte dalla magistratura inquirente nell ambito di procedimenti penali. A seguito delle comunicazioni effettuate dagli intermediari all Anagrafe tributaria dei rapporti segretati accesi (cfr. la circ. 18/E del 4 aprile ) e di quelle previste dall art. 11 del D.L. n. 201/2011 (segnalazione delle movimentazioni e dei saldi di conti e depositi), il pagamento della cosiddetta tassa sull anonimato potrà comunque avere un senso, in futuro, solo se da quest ultime rilevazioni verranno esclusi i saldi e i movimenti dei conti segretati. 5. Ambito di applicazione soggettivo L imposta di bollo speciale si applica ai soggetti che hanno usufruito delle disposizioni concernenti l emersione delle attività detenute all estero in violazione della normativa sul cosiddetto monitoraggio fiscale, ossia le persone fisiche, gli enti non commerciali e le società semplici ed associazioni equiparate, fiscalmente residenti nel territorio dello Stato. Casi particolari, dettagliatamente considerati dall Agenzia delle Entrate nella citata circ. n. 29/E, si possono verificare a seguito del decesso del contribuente che ha presentato la dichiarazione riservata. Nell ipotesi in cui il contribuente che ha effettuato il rimpatrio delle attività finanziarie abbia 11 Cfr. la circ. dell Agenzia delle Entrate n. 24/E del 2002, par. 6 in cui comunque si fa presente che gli effetti delle operazioni di rimpatrio rilevanti ai fini dell accertamento, sono limitati agli importi indicati nelle dichiarazioni riservate. 12 In banca dati fisconline.

5 Imposte indirette APPROFONDIMENTO 5595 usufruito del regime della riservatezza nel periodo tra il 1 gennaio ed il 6 dicembre 2011 e sia successivamente deceduto, l imposta di bollo speciale annuale doveva essere applicata per il periodo di imposta 2011 nei confronti degli e- redi, in quanto il presupposto impositivo si era già verificato alla suddetta data del 6 dicembre L imposta di bollo speciale non è invece dovuta qualora il decesso sia avvenuto antecedentemente al 6 dicembre In tal caso, non era dovuta neanche l imposta straordinaria sui prelievi considerato che non si era realizzata la finalità che la norma intendeva contrastare consistente nell evitare artificiosi svuotamenti del conto con l intento di eludere il pagamento dell imposta annuale. Con riferimento all anno 2012 e agli anni successivi, l imposta è applicata nei confronti degli eredi qualora il decesso del soggetto che ha usufruito del regime della riservatezza sia intervenuto dal 2012 in poi. In tale evenienza, l imposta è dovuta tenendo conto del periodo per il quale il de cuius ha usufruito della riservatezza secondo il menzionato criterio pro rata temporis. 6. Soggetti tenuti al versamento Gli intermediari specificamente individuati nelle norme sullo scudo fiscale 14 ossia le banche, le società di intermediazione mobiliare, le Sgr, le società fiduciarie, gli agenti di cambio e le Poste italiane Spa, residenti nel territorio dello Stato, nonché le stabili organizzazioni in Italia di banche e imprese di investimento non residenti provvedono a trattenere l imposta di bollo speciale annuale dal conto del soggetto che ha effettuato l emersione o ricevono provvista dallo stesso contribuente in tempo utile per l effettuazione del versamento Il caso delle polizze di assicurazione Il Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 5 giugno 2012 ha stabilito che tra gli intermediari tenuti al versamento dell imposta di bollo speciale sono ricomprese anche le im- 13 Qualora il de cuius abbia effettuato prelievi nel periodo compreso tra il 1 gennaio ed il 6 dicembre 2011 e sia deceduto successivamente a tale ultimo termine, gli eredi sono tenuti a corrispondere anche l imposta straordinaria sui prelievi. 14 Cfr. l art. 11, comma 1, lettera b), del D.L. n. 350 del 2001 e successive modifiche e integrazioni. prese di assicurazione residenti nel caso in cui le attività rimpatriate, o comunque parte di esse, siano state utilizzate per la sottoscrizione di un contratto di assicurazione sulla vita o di capitalizzazione in regime di riservatezza. Gli adempimenti collegati al versamento delle imposte ricadono anche sulle imprese di assicurazione non residenti operanti in Italia in regime di libertà di prestazione di servizi ove dette imprese in presenza delle condizioni richieste dall articolo 3, comma 7, del decreto del Ministro dell economia e delle finanze del 24 maggio 2012 esercitino l opzione per l applicazione dell imposta di bollo di cui all art. 13, comma 2- ter, della Tariffa, Allegato A, Parte Prima, del D.P.R. n. 642 del La norma del citato decreto ministeriale fa riferimento, come è noto, alle comunicazioni relative a polizze di assicurazioni e operazioni di cui, rispettivamente, ai rami III e V di cui all art. 2, comma 1 del D.Lgs. n. 209/ nel caso in cui non sussista un rapporto di custodia e amministrazione, ovvero altro stabile rapporto, per i quali si prevede che il pagamento dell imposta di bollo ordinaria può essere effettuato all atto del rimborso o del riscatto. La disposizione in questione prosegue al secondo periodo stabilendo che la suddetta imposta può essere applicata con le stesse modalità dalle imprese di assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libertà di prestazione di servizi e stipulate da soggetti residenti in Italia alla duplice condizione che tali imprese richiedano l autorizzazione per il pagamento in modo virtuale e sempreché esercitino o abbiano esercitato l opzione di cui all art. 26-ter, comma 3, del D.P.R. n. 600/1973 riguardante l applicazione dell imposta sostitutiva sui redditi di capitali percepiti sulle polizze di assicurazione direttamente da parte della compagnia estera o tramite un proprio rappresentante fiscale in Italia. Tali polizze vengono, nella sostanza, considerate come detenute in Italia e, quindi non sono neppure assoggettate all imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero (Ivafe) 16. Nel caso in cui le imprese di assicurazioni operanti in Italia in regime di libertà di prestazione di servizi non abbiano esercitato le menzionate opzioni e le polizze non siano oggetto di contratti di amministrazione con una società fiduciaria 15 Nonché a buoni postali fruttiferi e a prodotti finanziari diversi da quelli dematerializzati. 16 Cfr. la circolare dell Agenzia delle Entrate n. 28/E, cit.

6 5596 APPROFONDIMENTO Imposte indirette residente ovvero con altri intermediari residenti, sulle stesse è dovuta l Ivafe, in quanto tali polizze si considerano detenute all estero. 7. Modalità di calcolo dell imposta Le disposizioni emanate, essendo riferite, come detto, alle attività finanziarie oggetto di emersione per le quali il contribuente continua a godere del regime di riservatezza, interessano tutte le attività finanziarie a suo tempo scudate che, come è noto, potevano comprendere anche le partecipazioni detenute all estero in società non quotate e i finanziamenti dei soci. A partire dal periodo di imposta 2012, l imposta di bollo speciale va calcolata sull ammontare delle somme di denaro e sul valore di mercato delle attività finanziarie o, in mancanza, sul valore nominale o di rimborso, determinati alla data del 31 dicembre di ciascun anno ovvero alla data del prelievo. Per le attività finanziarie che non presentino né un valore nominale né un valore di rimborso si deve tener conto del valore di acquisto. Il valore di mercato delle attività finanziarie è quello rendicontato dagli intermediari in applicazione di disposizioni di legge. Per le gestioni patrimoniali scudate dovrebbe essere tassato il valore di mercato delle attività ancora segretate al 31 dicembre dell anno precedente. Per le polizze di assicurazione, mancando sia un valore di mercato sia un valore nominale, si assume il valore di rimborso al 31 dicembre di ciascun anno intendendo per esso il valore di riscatto alla data di riferimento o, per la frazione dell anno in cui la polizza viene liquidata, il valore effettivamente rimborsato. Per le polizze di assicurazione e per i prodotti finanziari per i quali l imposta di bollo ordinaria per ciascun anno è dovuta all atto del rimborso o riscatto 17, l imposta di bollo speciale pagata annualmente va scomputata dall imposta di bollo ordinaria dovuta in sede di rimborso o riscatto. Quest ultima, infatti, non è dovuta fino a concorrenza dell imposta di bollo speciale versata annualmente. Nell ipotesi in cui tali attività siano oggetto di un contratto di amministrazione con una società fiduciaria o con altro intermediario residente, l imposta di bollo speciale pagata annualmente da tali intermediari deve essere comunicata all impresa di assicurazione al fine di consentirne lo scomputo all atto del rimborso o del riscatto. Al riguardo si rammenta che, in ogni caso, le predette attività non si considerano detenute all estero nel presupposto che per effetto del predetto mandato ad amministrare, la società fiduciaria o l intermediario si impegna ad applicare e versare le ritenute alla fonte o le imposte sostitutive previste dall ordinamento tributario sui redditi derivanti dalle attività oggetto del rapporto e, nelle ipotesi in cui le ritenute siano applicate a titolo di acconto ovvero non previste, ad effettuare le comunicazioni nominative all Amministrazione finanziaria 18. Per il calcolo dell imposta dovuta, occorrerà che la compagnia di assicurazione provveda a valorizzare, di iniziativa oppure su richiesta della società fiduciaria o dell intermediario, la polizza al 31 dicembre di ogni anno o alla data prevista dall applicazione del predetto criterio pro rata temporis. 8. Modalità di pagamento e versamento Di norma l imposta di bollo speciale annuale è trattenuta dall intermediario, in presenza di disponibilità liquide, al termine del periodo di imposta ovvero al momento della perdita della segretazione. Tuttavia, tenendo conto che la circolare n. 29/E dell Agenzia delle Entrate consente come detto agli intermediari di ricevere la provvista dal contribuente in tempo utile per l effettuazione del versamento (a regime il 16 luglio di ogni anno) potrebbe anche essere consentito al contribuente di versare l importo dovuto sull apposito conto dell intermediario tenuto ad effettuare il versamento nel rispetto del predetto termine. L intermediario deve trattenere le imposte prioritariamente dal conto segretato del contribuente. Inoltre, lo stesso è tenuto a trattenere le imposte dai conti comunque riconducibili al soggetto che ha effettuato l emersione. Per conti comunque riconducibili si intendono i conti, anche non segretati, che accolgono denaro identicamente intestati al soggetto che ha effettuato l emersione. 17 Cfr. l art. 3, comma 7, del decreto del Ministero dell economia e delle finanze del 24 maggio 2012, cit. 18 Cfr. la circolare dell Agenzia delle Entrate n. 28/E, cit.

7 Imposte indirette APPROFONDIMENTO 5597 Qualora i predetti conti non siano capienti la provvista può essere fornita dal contribuente anche mediante l autorizzazione al prelievo della somma dovuta da un conto ordinario detenuto presso altro intermediario ovvero mediante il versamento sul conto segretato della somma necessaria al pagamento delle imposte, senza che quest ultima operazione comporti il venir meno del regime di riservatezza. Nell ipotesi in cui il contribuente detenga il rapporto segretato presso il medesimo intermediario con il quale è stata effettuata la procedura del rimpatrio delle attività finanziarie, tale intermediario è tenuto a prelevare l imposta di bollo speciale annuale. Qualora nel corso dei periodi d imposta successivi il rapporto segretato venga trasferito ad altro intermediario mantenendo il regime della riservatezza, l intermediario presso cui il rapporto è detenuto al 31 dicembre di ciascun anno è tenuto all applicazione e al versamento dell imposta speciale. Qualora invece il trasferimento sia intervenuto nel 2012 ovvero in periodi d imposta successivi l imposta di bollo speciale è dovuta per il periodo di tempo in cui si è usufruito del regime della riservatezza. In tal caso, l intermediario presso cui il contribuente deteneva il rapporto segretato trattiene l imposta dalla somma da trasferire o comunque riceve provvista dal contribuente. 9. La segnalazione all Agenzia delle Entrate Gli intermediari segnalano all Agenzia delle Entrate i contribuenti nei confronti dei quali le imposte non sono state applicate e versate, ossia nel caso di incapienza dei conti comunque riconducibili al contribuente e in mancanza di fornitura della provvista da parte dello stesso. La segnalazione va effettuata nella dichiarazione dei sostituti d imposta e degli intermediari, modello 770 ordinario, quadro SO, a decorrere dal modello relativo al periodo d imposta 2012 (mod. 770/2013). Nei confronti dei contribuenti segnalati all Agenzia delle Entrate l imposta è riscossa mediante iscrizione a ruolo dei relativi interessi e di una sanzione pari all importo non versato. Gli interessi decorrono dalla data di scadenza prevista per il versamento da parte dell intermediario. Gli intermediari provvedono come detto ad effettuare il versamento dell imposta di bollo speciale entro il 16 luglio di ciascun anno successivo all anno di riferimento. Entro tale scadenza vanno effettuati anche i versamenti dovuti nel caso di perdita di riservatezza nel corso dell anno precedente. Per l accertamento, la riscossione e il contenzioso dell imposta di bollo speciale si applicano le disposizioni previste in materia di imposte sui redditi. 10. I rapporti fiduciari Una tematica di particolare rilevanza, anche sotto il profilo operativo, è costituita dai rapporti fiduciari, soggetti all imposta di bollo speciale, detenuti in Italia presso le banche dalle società fiduciarie per i quali si pone il problema di una corretta applicazione dell obbligazione tributaria, dato che le disposizioni vigenti stabiliscono come detto che l imposta di bollo speciale è determinata al netto di quella ordinaria pagata sulle comunicazioni alla clientela relative ai prodotti finanziari, il che impone almeno uno scambio di informazioni tra tali intermediari 19. Gli adempimenti necessari al pagamento dell imposta potrebbero trovare una soluzione in un accordo in base al quale la società fiduciaria affida alla banca le attività relative al calcolo dell imponibile, all applicazione dell imposta di bollo speciale, all addebito dei conti fiduciari e all accredito degli importi incassati su un conto intestato alla società fiduciaria per il riversamento all erario, nonché alla successiva attività di rendicontazione alla società fiduciaria da effettuarsi posizione per posizione. In vigenza di un siffatto accordo, la banca addebita i conti fiduciari che presentano capienza per il pagamento delle imposte e la società fiduciaria provvede a riversare all erario, nei termini di legge, le somme addebitate sui conti fiduciari e affluite sui propri conti appositamente accesi. La banca assicura alla società fiduciaria il corretto e regolare inserimento in procedura dello stato di pagato o non pagato, riferito a ciascuna posizione fiduciaria, e provvede, di conseguenza, a fornire alla società fiduciaria la necessaria rendicontazione, mediante gli strumenti informatici ritenuti più idonei, con riferimento a ciascuna delle posizioni fiduciarie interessate al pagamento dell imposta di bollo speciale specificando, in particolare, se sul rapporto oggetto di intestazione fiduciaria siano stati addebitati gli importi dovuti. 19 Analogamente a quanto deve accadere, come detto, per le polizze di assicurazione oggetto di un contratto di amministrazione.

8 5598 APPROFONDIMENTO Imposte indirette Considerato che ciascun intermediario è tenuto a segnalare all Agenzia delle Entrate i contribuenti per i quali non è stato possibile procedere all addebito delle imposte o che non hanno fornito la provvista, la società fiduciaria farà affidamento sull attività della banca al fine di assolvere gli obblighi di sostituto d imposta, senza per questo dover comunicare alla banca i nominativi dei propri fiducianti, ma avvalendosi degli appositi codici già inseriti nei singoli rapporti fiduciari al momento dell accensione. Con l individuazione, tramite tali codici, dei nominativi dei fiducianti operazione che verrà ovviamente effettuata dalla società fiduciaria quest ultima sarà in grado di adempiere alla successiva indicazione nel mod. 770 ordinario dei nominativi dei propri fiducianti per i quali non è stato possibile riscuotere le imposte. Diverso è il caso dei rapporti fiduciari detenuti all estero dalle società fiduciarie, ossia in regime di rimpatrio giuridico, dato che per tali rapporti gli adempimenti richiesti per il pagamento dell imposta di bollo speciale sono tutti a carico della società fiduciaria italiana che deve: effettuare il calcolo dell imponibile e dell imposta di bollo speciale a carico del fiduciante; richiedere all intermediario estero l addebito dei conti fiduciari interessati e l accredito degli importi addebitati sul conto intestato alla società fiduciaria appositamente acceso; riversare all erario, nei termini di legge, le imposte addebitate ai contribuenti; effettuare, posizione per posizione, l attività di rendicontazione al fine di essere in grado di segnalare all Agenzia delle Entrate i nominativi dei fiducianti per i quali non è stato possibile riscuotere l imposta dovuta. 11. Pagamenti oltre il termine stabilito Nella citata circolare n. 29/E del 2012 viene considerato solo il caso in cui l intermediario pur disponendo della provvista non effettui in tutto o in parte il versamento ovvero lo effettui oltre il termine previsto, stabilendo che, per le relative sanzioni, si applicano le disposizioni relative alle omissioni in materia di imposte sui redditi di cui al D.Lgs. n. 471 del 1997 e per il cosiddetto ravvedimento operoso si applica la disposizione di cui all art. 13 del D.Lgs. 18 dicembre 1997, n La prassi dell Agenzia delle Entrate non sembrerebbe, pertanto, accordare alcuna dilazione di pagamento al contribuente ritardatario, a differenza di quanto accade per l imposta sul valore degli immobili situati all estero (Ivie). Di conseguenza, gli intermediari non potranno accogliere proposte di versamento tardivo dell imposta da parte dei propri clienti e dovranno segnalarne le posizioni con la dichiarazione dei sostituti di imposta Analogo comportamento dovrà essere osservato nel modello 770/2013 riguardo all imposta straordinaria sui prelievi in scadenza il 16 luglio 2012.

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012

CIRCOLARE N. 29/E. Roma, 5 luglio 2012 CIRCOLARE N. 29/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2012 OGGETTO: Imposta di bollo speciale sulle attività finanziarie oggetto di operazioni di emersione e imposta straordinaria sui prelievi

Dettagli

L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi

L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi 1363 ATTUALITÀ Provvedimento Agenzia delle Entrate del 14 febbraio 2012 L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi di Enzo Mignarri Con un comunicato stampa

Dettagli

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione

Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione Diritto tributario italiano L imposta di bollo sulle attività finanziarie oggetto di emersione 13 Stefano Grilli Dottore commercialista, Studio Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners, Milano Le ultime

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it di Marco Piazza Si puo' far cessare il regime di riservatezza dei conti e depositi scudati e quindi

Dettagli

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*)

Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Attività finanziarie rimpatriate : imposta di bollo speciale e imposta strardinaria di Massimo Gabelli (*) e Davide Rossetti (*) Con l emanazione del decreto Monti (D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito

Dettagli

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione 6077 APPROFONDIMENTO L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione di Enzo Mignarri Con il varo del decreto legge cosiddetto Salva Italia, sono state introdotte

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

GPAV Dottori Commercialisti Associati

GPAV Dottori Commercialisti Associati Le novità fiscali contenute nell articolo 19 del cd. Decreto Monti (D.L. 201/2011) come integrato e modificato dal cd. Decreto sulle semplificazioni fiscali (D.L. 16/2012) Ordine Dottori Commercialisti

Dettagli

INTRODUZIONE -... IMPOSTA DI BOLLO SPECIALE.. IMPOSTA STRAORDINARIA UNA TANTUM.. VERSAMENTO DELLE IMPOSTE.. MODALITA DI APPLICAZIONE.

INTRODUZIONE -... IMPOSTA DI BOLLO SPECIALE.. IMPOSTA STRAORDINARIA UNA TANTUM.. VERSAMENTO DELLE IMPOSTE.. MODALITA DI APPLICAZIONE. CIRCOLARE NR. 8/2012 OGGETTO: IMPOSTE SULLO SCUDO FISCALE" (DECRETO LEGGE N.16 DEL 2/3/2102) CONTENUTO La commissione Finanze della Camera ha approvato alcuni emendamenti al decreto legge fiscale che interessano

Dettagli

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate

Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle entrate S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PRODOTTI E SERVIZI FINANZIARI: RECENTI NOVITA IN MATERIA DI IMPOSTE INDIRETTE Le novità in materia di imposta di bollo e gli orientamenti dell Agenzia delle

Dettagli

Attività delle società fiduciarie attraverso mandati ad amministrare senza intestazione

Attività delle società fiduciarie attraverso mandati ad amministrare senza intestazione 2919 APPROFONDIMENTO Attività delle società fiduciarie attraverso mandati ad amministrare senza intestazione di Enzo Mignarri Con la ris. n. 23/E dell 8 marzo 2012, l Agenzia delle Entrate ha risposto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

Il Ministro dell economia e delle finanze

Il Ministro dell economia e delle finanze Il Ministro dell economia e delle finanze Visto il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642, e successive modificazioni ed integrazioni recante la disciplina dell imposta di bollo;

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata

Scudo fiscale ter: - Le scelte strategiche nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata Scudo fiscale ter: - nell emersione e nella compilazione della dichiarazione riservata di Università di Genova - Professore aggregato di Diritto Commerciale Componente commissione Trust CNDCEC nell emersione

Dettagli

Intervento di Enzo Mignarri - Monte Paschi Fiduciaria Milano, 24 gennaio 2012

Intervento di Enzo Mignarri - Monte Paschi Fiduciaria Milano, 24 gennaio 2012 Agenda Intervento di Enzo Mignarri - Monte Paschi Fiduciaria Milano, 24 gennaio 2012 1) Le nuove disposizioni in materia di imposte di bollo sui conti correnti, titoli, strumenti e prodotti finanziari

Dettagli

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER

ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER ENTI NON COMMERCIALI E SCUDO FISCALE-TER Premessa Attraverso un emendamento al Decreto Legge 1 luglio 2009, n. 78 (i.e. Decreto anticrisi), introdotto dalla Legge 3 agosto 2009, n. 102, di conversione

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

Imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e prodotti. finanziari

Imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e prodotti. finanziari Imposta di bollo su conti correnti, libretti di risparmio e prodotti finanziari (di Leda Rita Corrado - Assegnista di ricerca in Diritto Tributario presso l Università degli Studi di Roma Tor Vergata e

Dettagli

Circolare N.82 del 1 Giugno 2012. Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli

Circolare N.82 del 1 Giugno 2012. Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Circolare N.82 del 1 Giugno 2012 Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Gentile cliente con la presente desideriamo informarla

Dettagli

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ

INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ INFORMATIVA SULLA FISCALITÀ Con la presente comunicazione si desidera fornire una breve sintesi del regime fiscale applicabile ai fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano, nonché del

Dettagli

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

Novembre 2013. Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Novembre 2013 Risoluzione 76/E del 6 novembre 2013 - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Avv. Vincenzo Bancone e Dott. Manfredi La Barbera, CBA Studio Legale e Tributario

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Premessa

Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Premessa CIRCOLARE A.F. N. 82 del 1 Giugno 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Precisazioni su imposta di bollo di c/c e dossier titoli Premessa Come noto, l art. 19 commi 1 e 5 del decreto salva Italia e l art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E INDICE

CIRCOLARE N. 19/E INDICE CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 giugno 2013 OGGETTO: Attuazione della direttiva 2009/65/CE (UCITS IV). Modifiche al regime di tassazione degli organismi di investimento collettivo

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014 Nel rigo RR15 devono essere indicate le informazioni utili per il calcolo del contributo integrativo. In particolare, indicare nel: campo 1 la posizione giuridica ricoperta dal singolo associato: IO (iscritto

Dettagli

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI

R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI R21 - QUADRO RZ - DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA RELATIVA A INTERESSI, ALTRI REDDITI DI CAPITALE E REDDITI DIVERSI 21.1 Generalità Il quadro RZ deve essere compilato dai soggetti che hanno corrisposto

Dettagli

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi?

1.2 D: In caso di rimpatrio giuridico il fiduciante è tenuto a compilare il quadro RW nell anno 2009? E negli anni successivi? 1 - RIMPATRIO GIURIDICO 1.1 D: Ai fini di poter effettuare un rimpatrio giuridico di titoli, gli stessi devono essere depositati/intestati alla fiduciaria. È possibile il deposito presso qualunque soggetto

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

Roma, 21 dicembre 2012

Roma, 21 dicembre 2012 CIRCOLARE N. 48/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 dicembre 2012 OGGETTO: Imposta di bollo Modifiche alla disciplina dell imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti

Dettagli

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione

La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione 470 APPROFONDIMENTO La tassazione dei redditi delle attività finanziarie dopo il mille proroghe e i decreti di attuazione di Enzo Mignarri Con il D.L. n. 216/2011 c.d. mille proroghe e con tre decreti

Dettagli

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE L IVIE / IVAFE ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 19, commi da 13 a 23, DL n. 201/2011 Art. 1, commi 518 e 519, Legge n. 228/2012 Circolari Agenzia Entrate 3.5.2013 n. 12/E e 9.5.2013,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE

Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE Quadro RW INVESTIMENTI ALL ESTERO E/O ATTIVITÀ ESTERE DI NATURA FINANZIARIA - MONITORAGGIO IVIE/IVAFE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SOGGETTI ESONERATI SCADENZA COME SI COMPILA Il Quadro

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama

GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama GROUPAMA ASSET MANAGEMENT SGR SpA appartenente al gruppo Groupama SUPPLEMENTO AL PROSPETTO D OFFERTA AL PUBBLICO DI QUOTE DEL FONDO COMUNE DI INVESTIMENTO MOBILIARE GROUPAMA FLEX APERTO DI DIRITTO ITALIANO

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE (Art.15 D.P.R. del 26 ottobre 1972 n. 642) I. INTRODUZIONE L imposta di bollo è dovuta fin dall origine per gli atti, documenti e registri indicati

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE

CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE FOGLIO INFORMATIVO CONTO CORRENTE SCUDO FISCALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801 - Fax +39 02 72093979 Codice

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati

Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009. Lo scudo fiscale III. Paolo Ludovici Maisto e Associati Hedge Invest Workshop Milano, 23 settembre 2009 Lo scudo fiscale III Paolo Ludovici Maisto e Associati Imposta straordinaria sulle attività finanziarie e patrimoniali estere a)attività detenute da soggetti

Dettagli

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015

Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Voluntary disclosure Casi risolti circolari n. 27/E/2015, 30/E/2015, 31/E/2015 Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 11/09/2015 1 Circolare 16/07/2015,

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014

CIRCOLARE N. 19/E. Ro Roma, 27 giugno 2014 CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Ro Roma, 27 giugno 2014 OGGETTO: Modifica dell aliquota di tassazione dei redditi di natura finanziaria. Articoli 3 e 4 del decreto legge 24 aprile 2014,

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA

LA MANOVRA SALVA ITALIA Circolare n. 1 del 10/01/2012 LA MANOVRA SALVA ITALIA Il Governo Monti con il decreto 06/12/2011 n. 201, convertito in legge n. 214 del 28/12/2011 ha adottato una serie di provvedimenti a largo raggio

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE

Dettagli

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE

GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE GLI ACCERTAMENTI FISCALI SULLE PERSONE FISICHE 1. Introduzione 2. Le nuove regole per gli accertamenti 3. L acquisizione delle informazioni 4. La tutela del

Dettagli

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014

LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 Ai gentili clienti Loro sedi Circolare n. 27 del 4 settembre 2014 LA TASSAZIONE DI DIVIDENDI E CAPITAL GAIN DALL 1.7.2014 ART. 3 e 4 D.L. N. 66/2014 Circolare Agenzia Entrate 27.6.2014, n. 19/E In breve:

Dettagli

CIRCOLARE N. / (BOZZA)

CIRCOLARE N. / (BOZZA) CIRCOLARE N. / (BOZZA) Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Settore Agevolazioni, Fiscalità internazionale e Finanziaria Ufficio Fiscalità Finanziaria Roma, xx/xx/20xx Prot.: 2009/116554 Alle Direzioni

Dettagli

CIRCOLARE 23 novembre 2009, n. 49/E

CIRCOLARE 23 novembre 2009, n. 49/E Circolare 23 novembre 2009, n. 49/E CIRCOLARE 23 novembre 2009, n. 49/E Emersione di attività detenute all estero. Articolo 13-bis del D.L. 1 luglio 2009, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla Legge

Dettagli

Incontri del Martedì

Incontri del Martedì Incontri del Martedì LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE ALL'ESTERO Luciano Olivieri Dottore Commercialista Milano, 9 Aprile 2013 1 IVIE: Imposta sul Valore degli Immobili detenuti

Dettagli

DICHIARAZIONI FISCALI

DICHIARAZIONI FISCALI QUADRO SG SOMME DERIVANTI DA RISCATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA E CAPITALI CORRISPOSTI IN DIPENDENZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE SULLA VITA, O DI CAPITALIZZAZIONE NONCHÉ RENDIMENTI DELLE PRESTAZIONI

Dettagli

DEPOSITO TITOLI SCUDO FISCALE

DEPOSITO TITOLI SCUDO FISCALE FOGLIO INFORMATIVO DEPOSITO TITOLI SCUDO FISCALE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Sistema S.p.A. Sede legale e amministrativa Corso Monforte, 20-20122 Milano Telefono +39 02 802801 - Fax +39 02 72093979

Dettagli

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti

Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti Proventi distribuiti da un fondo comune d investimento mobiliare di diritto italiano ai sottoscrittori non residenti di Mario Tommaso Buzzelli (*) Il regime di tassazione dei proventi erogati da fondi

Dettagli

NOTA SUL SISTEMA FISCALE ITALIANO

NOTA SUL SISTEMA FISCALE ITALIANO NOTA SUL SISTEMA FISCALE ITALIANO La informiamo che questo documento, EI0181I 28/08/15, è una traduzione di cortesia della versione originale in inglese, EI0181O 06/08/15. La versione in lingua inglese

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE:

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE: COMUNE DI GHISALBA (Provincia di Bergamo) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 26 dell 08/09/2014 REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE: TRIBUTO SUI SERVIZI

Dettagli

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi

Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi Imposizione sulle plusvalenze: regimi della dichiarazione, amministrato e gestito. Prof. Stefano Mazzocchi REGIME DELLA DICHIRAZIONE Dal punto di vista soggettivo il regime della dichiarazione, disciplinato

Dettagli

Circolare N.119 del 3 Agosto 2012

Circolare N.119 del 3 Agosto 2012 Circolare N.119 del 3 Agosto 2012 Rapporti bancari Dal 31 ottobre tutti i movimenti passano nelle mani del fisco Rapporti bancari: dal 31 ottobre tutti i movimenti passano nelle mani del fisco Gentile

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE

DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE DICHIARAZIONE DELL IMPOSTA DI BOLLO ASSOLTA IN MODO VIRTUALE (Art.15 D.P.R. del 26 ottobre 1972 n. 642) I. INTRODUZIONE L imposta di bollo è dovuta fin dall origine per gli atti, documenti e registri indicati

Dettagli

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE

La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero. Brevi appunti su IVIE ed IVAFE La tassazione degli immobili e delle attività detenute all estero Brevi appunti su IVIE ed IVAFE NORMATIVA DI RIFERIMENTO L'articolo 19 del DL 06/12/2011 n. 201 ha istituito: Decreto Legge Salva Italia

Dettagli

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres

CASA E FISCO. Aggiunti con Emendamento Fleres CASA E FISCO VADEMECUM SCUDO FISCALE 2009 Lo scudo fiscale prevede la possibilità di regolarizzare le attività finanziarie o patrimoniali detenute all estero in violazione della normativa relativa al monitoraggio

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria

Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del patrimonio e di pianificazione successoria S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Profili fiscali della polizza vita come strumento di protezione del

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina

Regimi di tassazione Prof. Maurizio Sebastiano Messina Premessa Soggetti lordisti Soggetti nei cui confronti non si applica l imposta sostitutiva e quindi percepiscono i redditi dei titoli senza applicazione di alcuna ritenuta (al lordo). Soggetti nettisti

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano

UNICO 2015: nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano : nel quadro RW anche IVIE e IVAFE Carlotta Benigni - Dottore commercialista in Milano ADEMPIMENTO " FISCO Il quadro RW deve essere compilato dai contribuenti soggetti agli obblighi di monitoraggio fiscale

Dettagli

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA

MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA MODELLO UNICO 2014 IL QUADRO RW: CON LA FIDUCIARIA SI EVITA COS E IL QUADRO RW Il quadro o modello RW è una sezione del Modello Unico relativo alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche. In questo

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 17 del 9 maggio 2013 Comunicazioni degli operatori finanziari all Anagrafe tributaria sui rapporti intrattenuti con i clienti - Provvedimento attuativo INDICE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09)

Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Professionisti Associati per l Impresa Genova - Milano Lo SCUDO FISCALE (C.M. 43/E del 10/10/09) Avv. Gian Enrico Barone PAI Sede di Genova Via XX Settembre 1/5 tel.: (+39) 010 56 47 12 fax: (+39) 010

Dettagli

DISCIPLINA BOLLI E TASSAZIONE CONTI CORRENTI POST DECRETO SALVA ITALIA

DISCIPLINA BOLLI E TASSAZIONE CONTI CORRENTI POST DECRETO SALVA ITALIA DISCIPLINA BOLLI E TASSAZIONE CONTI CORRENTI POST DECRETO SALVA ITALIA Con il Decreto Salva Italia si introduce una nuova tassazione sugli strumenti finanziari, sui conti correnti bancari e sui conti di

Dettagli

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n.

D.L. 13 agosto 2011, n. 138 conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 modificato dal D.L. 2 marzo 2012, n. 16 conv. in L. 26 aprile 2012, n. D.L. 13 agosto 2011, n. 138 (G.U. 13-8-2011, n. 188), conv. in L. 14 settembre 2011, n. 148 (G.U. 16-9- 2011, n. 216). Ulteriori misure urgenti per la stabilizzazione finanziaria e per lo sviluppo; modificato

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 La tassazione delle persone fisiche come stumento di redistribuzione della ricchezza:

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 18 DEL 11.12.2009 SCUDO FISCALE E ATTIVITÀ ALL ESTERO DA PARTE DEI LAVORATORI DIPENDENTI IL QUESITO Nella circolare n. 48 del 2009 l Agenzia delle entrate

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

Regime del risparmio gestito

Regime del risparmio gestito Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 323 25.11.2013 Regime del risparmio gestito Determinazione del risultato netto di gestione - R.M. 76/E/2013 - Categoria: Imposte dirette Sottocategoria:

Dettagli

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1.

Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI. Sezione I. Disposizioni in materia di redditi di impresa. Art. 1. LEGGE 21 novembre 2000, n.342 Misure in materia fiscale. Capo I DISPOSIZIONI IN MATERIA DI IMPOSTE SUI REDDITI Sezione I Disposizioni in materia di redditi di impresa Art. 1. (Disposizioni in materia di

Dettagli

Come aderire alla voluntary disclosure

Come aderire alla voluntary disclosure Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 56 21.02.2014 Come aderire alla voluntary disclosure La regolarizzazione spontanea di attività e investimenti all estero può essere richiesta

Dettagli

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi 1369 ATTUALITÀ Circolare n. 2/E del 15 febbraio 2012 Disciplina dei fondi immobiliari chiusi di Massimo Gabelli e Roberta De Pirro (*) Con la circ. n. 2/E del 15 febbraio 2012, l Agenzia delle Entrate

Dettagli