Si è proceduto all appello nominale dei 12 Consiglieri assegnati e in carica come segue:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Si è proceduto all appello nominale dei 12 Consiglieri assegnati e in carica come segue:"

Transcript

1 Verbale del Consiglio di Circoscrizione Seduta pubblica del Atti n Il 24 gennaio 2011, in seguito ad avvisi scritti, consegnati nei termini e nei modi prescritti dal vigente regolamento comunale del Decentramento, si è riunito il Consiglio di Circoscrizione 3 Isola del Bosco delle Corti, in seduta pubblica presieduto dal Presidente Sig. Matteo Quercia e con l assistenza della Segretaria Calogera Salamone. Si è proceduto all appello nominale dei 12 Consiglieri assegnati e in carica come segue: 1.Matteo Quercia 2. Maria Romana Novelli 3. Giuseppe Paterniti 4. Manuela Sturaro 5. Roberto Barelli 6. Emanuela Paola Carioti 7. Maurizio Merlotti 8. Rossano Sergio Pasquinelli 9. Ezio Giuliano Anzelmo 10. Vincenzo Ricupero 11. Daniela Richiusa 12. Antonietta Lodato Risultano assenti i Consiglieri: Vice Presidente Novelli (g.), Paterniti (g.), Merlotti (g.), Anzelmo (g.), Richiusa (g.) e Lodato (g.) Sono pertanto presenti n. 6 membri Il Presidente, constatata la presenza del numero legale degli intervenuti, dichiara aperta la seduta e invita il Consiglio a trattare i punti iscritti all ordine del giorno. Nomina scrutatori i Sigg.: Pasquinelli, Carioti e Barelli.

2 COMUNICAZIONI, INTERROGAZIONI, INTERPELLANZE ED ORDINI DEL GIORNO. PRESIDENTE: comunica che sono presenti in aula i Progettisti dei microgiardini di Via Fermi, Via Manzoni e Via Marsala, nonché l Assessore Brambilla e l Ing. Fabbri. Ringrazia i presenti e Invita l Assessore Brambilla ad illustrare, per la seconda volta, i progetti a seguito della manifestata esigenza di ulteriori chiarimenti da parte di alcuni Consiglieri. Informa che la documentazione relativa ai tre microgiardini è stata inviata per conoscenza a tutti i Consiglieri di Circoscrizione. ASSESSORE BRAMBILLA: propone di dare la parola ai progettisti. PRESIDENTE: chiede al Consiglio di dare la parola ai progettisti per illustrare la progettazione dei microgiardini, ogni gruppo per competenza. Il Consiglio all unanimità si dichiara favorevole. Votazione: Consiglieri presenti e votanti: n.6 ; Voti favorevoli: n.6 ING. FABBRI: precisa che se ci sono domande o questioni sull impostazione del procedimento, su questioni di scelte delle quali si era discusso la volta scorsa, si mette personalemte a disposizione per le risposte. Se invece l obiettivo è quello di entrare nel merito dei singoli progetti, ci si può rivolgere ai progettisti che sono stati invitati anche per avere dal Consiglio un ritorno sul lavoro che fatto. CONSIGLIERE PASQUINELLI: chiede con quale criterio sono state definite la priorità. ING. FABBRI: il percorso di questo progetto è articolato e originale, non è la consueta forma con cui viene condotta la progettazione del verde. Si è voluto introdurre una modalità innovativa anche per riuscire ad attirare un finanziamento esterno, che si è ottenuto a fondo perduto da parte di una Fondazione Bancaria (Banca del Monte di Lombardia) che ha concesso questo finanziamento anche in ragione di alcune scelte procedurali. In particare, l idea di microgiardino, che è un concetto innovativo in sé, ma anche l idea di aggrazione di giovani professionisti (il bando di progettazione è stato riservato a giovani under 32), con la scelta di avere in ogni gruppo di progettazione delle professionalità non usuali. Si è richiesto che ogni gruppo fosse composto da almeno una di queste figure: architetto, agronomo, designer e ingenere. Si è cercato di portare in città una ventata di freschezza e di novità nelle procedure. La scelta di questi progetti è avvenuta per selezione tramite una giuria tecnica con membri totalmente esterni all Amministrazione Comunale (tranne lui) e altamente qualificati, con competenze varie e provenienti da fuori città. Nessuna figura politica era presente all interno della commissione. Sono stati dati alla commissione di valutazione i seguenti tre criteri precisi per valutare i progetti: 1- genius loci (spirito del luogo) specificità del luogo, in ogni luogo approfondire ciò che caratterizza quel luogo, che lo rende diverso dagli altri, che può fare di quel luogo un luogo unico e speciale. Si cerca di dare valore a aree che altrimenti sarebbero insignificanti, degradate e prive di qualità. E stata fatta una indagine preliminare consultando i cittadini con questionari per capire le problematiche. I giardini candidati erano riferiti a tutta la città ed erano circa una dozzina. Il quartiere 3 ha avuto la fortuna di avere la ricaduta di tre progetti, senza pressioni di natura politica. Informa di aver proposto alla commissione di realizzare prima i giardini del quartiere 1 e 2, perché quartieri più poveri di verde, senza risultato. 2- Low cost le risorse sono scarse e si deve ragionare su quel che c è. I progettisti hanno visionato il materiale in magazzino per un eventuale riutilizzo nella realizzazione dei microgiardini. 3- Sostenibilità la progettazione in funzione della gestione delle strutture si orienta verso scelte che non sono dettate esclusivamente da criteri estetici, ma mirano anche all ottimizzazione degli sforzi manutentivi conseguenti. Sostenibilità in termini ambientali, attraverso la scelta del materiale, di tecnologie rinnovabili, ecc.. La necessità che gli elementi che compongono i microgiardini siano a prova di vandalo e facilmente sostituibili. Sono stati raccolti circa 22 progetti che sono stati valutati da una commissione in base a punteggi assegnati ai singoli criteri -a cui doveva ispirarsi il progetto. I quattro progetti che hanno ottenuto il miglior punteggio sono i quattro che in questa prima fase si intendono realizzare. 2

3 La scelta di tre progetti all interno del quartiere 3 è semplicemente frutto dell opportunità di avere ottenuto dei progetti validi su queste aree. Comunica che un altra area del quartiere ha avuto tantissima attenzione: l area di Via Salvemini nella parte terminale, ma che nessun progetto ha ottenuto un punteggio abbastanza elevato. Comunica che è in programma una mostra di tutti i progetti sui microgiardini raccolti, in quanto si prende in considerazione la possibilità di realizzarli in futuro. La mostra si terrà presso gli spazi della Bottega Sacchi al MIL a partire dal 15/2/2011 per un mese circa. I criteri di valutazioneprefissati e la ricchezza delle proposte che arrivano da giovani professionisti, possono essere per il futuro un utile riferimento per scelte progettuali su singoli progetti. Informa che altri quartieri si sono già candidati per mettere a disposizione le risorse economiche loro attribuite per interventi manutentivi della città, per realizzare alcuni di questi progetti di microgiardini. La dimensione micro, consente l attivazione di meccanismi di spesa di questa natura. ASSESSORE BRAMBILLA: la decisione presa dall Assessorato è stata quella di accompagnare senza intervenire nella scelta. La scelta doveva premiare la capacità, l innovazione, la professionalità. Fare un passo indietro della politica non è un disimpegno ma una scelta forte della progettualità in campo. Se fosse stata componente della commissione di valutazione, dal punto di vista delle risorse e delle necessità, avrebbe optato per via Gorizia e pensato a Via Picardi, inserendo un concetto legato ai bisogni della politica e alle relazioni con i quartieri. La scelta invece è stata quella che la politica non fosse presente, per dare un segnale della necessità di avere delle cose belle, che aiutano i cittadini a guardare un pò oltre i bisogni immediati. Gli interventi non sono molto onerosi. Fa un invito accorato di seguire questa strada, evitare di stravolgere o intervenire in modo pesante, per garantire la freschezza e la genuinità degli interventi e della progettazione. Si può cercare di trovare altre soluzioni, ma condividendole tutti insieme. CONSIGLIERE PASQUINELLI: comunica che l assessore ha anticipato la risposta ad una domanda che aveva in mente di porre in merito alle priorità, e alle situazioni più degradanti. Condivide e apprezza il lavoro di progettazione dei microgiardini di Via Manzoni ed in particolare di Via Fermi. Contesta quello di via Marsala, in quanto lo ritiene in ordine e pensa che qualche gioco per bambini basterebbe. Pensa che i soldi impegnati per la sua riqualificazione si potrebbero spendere meglio, risolvendo diverse situazioni (come ad esempio quella della la fontana di Via Gorizia e del giardino degli Alpini dove quando piove, l acqua non defluisce) con interventi più diretti. PRESIDENTE: esprime un pensiero di apprezzamento per il lavoro che viene svolto, in tempi adeguati dall Amministrazione Comunale e dall Assessorato. Le cose che si possono fare, vengono fatte risolvendo le problematiche connesse. CONSIGLIERE RICUPERO: si tratta di un progetto ben sviluppato. Sottolinea che la gente vede intorno a sé altri degradi nella città. E d accordo a progettare un qualcosa di bello, ma occorre anche mantenerlo. Ci sono giardini messi a posto un anno fa, che sono purtroppo in continuo degrado. Occorre assicurare il cittadino che i soldi sono spesi bene in questi progetti e che le situazioni di degrado esistenti sul territorio saranno comunque oggetto di attenzione e intervento. ING. FABBRI: propone che ciascun gruppo di progettisti relazioni sul proprio progetto. PRESIDENTE: propone di cominciare con il microgiardino di Via Marsala. ING. FABBRI: l Amministrazione Comunale é proprietaria di un giardino non fruibile dai cittadini. Si tratta di un area molto particolare con un accesso strano. Su questo giardino si affaciano due condomini e qualche residente ha espresso che non fosse opportuno aprirlo al pubblico. Anche se è un area con tanti vincoli,è possibile trasformarla in un area speciale. I documenti del livello preliminare della progettazione (tavole in mano ai Consiglieri) sono stati aggiornati con delle variazioni su indicazioni e sollecitazioni dei cittadini. Si è ancora in tempo a introdurre ulteriori modifiche e variazioni al progetto. Tra un paio di settimane ci sarà la conclusione della progettazione esecutiva e si conta di completare i lavori verso marzo / aprile I costi per eventuali variazioni si andranno a compensare tra i costi di un giardino e gli altri. PRESIDENTE: informa che l area di Via Marsala è stata scoperta non molto tempo fa, l ultimo anno della la giunta Penati. Si era tentato di dare l area in comodato d uso ai due Condomini senza trovare un accordo ( c è chi pensava a realizzare un parcheggio privato per i residenti). PROGETTISTI giardino Marsala: 3

4 Il progetto del salotto dell albicocco nasce dall idea di lasciare questa pianta che caratterizza l area, con del verde che può essere utilizzato come un giardino di casa. Si è quindi pensato come renderlo fruibile dai bambini. Si è pensato di creare la stanza delle aromatiche. Il percorso iniziale verrà caratterizzato con una ghiaia colorata drenante che non prevede la creazione di scovoli e quindi a low cost. Si pensa di movimentare il terreno con dei terrapieni. Il giardino è totalmente da creare. Le ultime modifiche riguardano l area delle aromatiche con l inserimento di alcuni giochi (uno scivolo e la risalita attraverso delle funi), che verranno predisposti sui terrapinei. Le sedute potranno essere fissate o lasiate libere da disporre a proprio piacere per vivere meglio lo spazio. CONSIGLIERE BARELLI: esprime un dubbio sulle sedute, in quanto sarebbe meglio fissarle. PROGETTISTI - giardino Marsala: Si pensava a sedie pesanti in ferro, spartane. Il giardino è controllato sia per la presenza dei condomini che sovrastano, che per il cancello che verrà chiuso secondo gli orari decisi dall Amministrazione. CONSIGLIERE BARELLI: chiede se è stata prevista una fontanella. PROGETTISTI - giardino Marsala: conferma, anche se non è indicata nella piantina. La fontenella verrà disposta in relazione ai giochi che verranno posizionati vicino alla pianta dell Albicocco. CONSIGLIERE CARIOTI: chiede se sono previsiti degli orari di utilizzo, visto che è un giardino che rimane molto nascosto. ING. FABBRI: conferma. PRESIDENTE: l area è abbastanza ombrosa e non crede occorra una ulteriore piantumazione. Le piante aromatiche saranno una attrattiva per molti. Per le sedie si pone anche un problema di sicurezza nell uso e propone di fissarle, per evitare rischi. Chiede di pensare anche ad attività per gli anziani che d estate vanno a ristorarsi all ombra PROGETTISTI - giardino Marsala: Si può pensare ad altre soluzioni di arredo per il giardino, con diversi utilizzatori: come gli anziani. Per le sedie, sperano di poter valutare una via di mezzo, magari una parte di sedie fisse e l altra mobile. ASSESSORE BRAMBILLA: si è sperimentato in questi anni che la gente vuole sedute che si possono personalizzare, spostarle per stare nel gruppo o isolarsi. L area in questione è uno spazio piccolo dedicato soprattutto al gioco dei bambini e a chi guarda i bambini. Si offrono così delle opportunità diverse a secondo dell uso. Il posto è protetto e se non si riesce in un posto così piccolo e protetto dalle case, non si riesce da nessuna parte. Non sarà un luogo di passaggio ogni quartiere ha il suo giardino con tante offerte di gioco. Si tratterà di rendere responsabili i cittadini che utilizzano il giardino verso la cura e l attenzione, facendo leva sulla loro sensibilità civica. CONSIGLIERE CARIOTI: sicuramente rappresenta un incentivo per cercare di creare una educazione nelle persone. L area, anche se chiusa, è attualmente una discarica. Si augura che la realizzazione di un giardino così bello e piacevole sviluppi una educazione civica nelle persone. ING. FABBRI: chiede se sulle sedie ci sono idee da proporre. Riflettendo si possono ipotizzare sedie un pò pesanti, modelli rustici non appetibili ( in metallo, pitturate e la presenza del logo del Comune), abbastanza vistose. CONSIGLIERE PASQUINELLI: il progetto va bene, è bello ma non è d accordo sull intervento in quanto non ritiene che rappresenti una priorità. PRESIDENTE: invita a trattare il giardino di Via Manzoni. PROGETTISTI - giardino Manzoni: Una vecchia cascina in centro a Sesto, una Corte, sostanzialmente ancora intatta anche se una ristrutturazione è prossima. Inserita in una zona che era in origine una Filanda - un aspetto tenuto in considerazione nella progettazione. Una comunità piccola inserita in un contesto di città industriale. Erano vincolati dal problema abbastanza spinoso di un giardino, che da fuori sembra un giardino privato che non si vede molto, resta un pò chiuso e non fa entrare la gente. Attualmente c è una piccola recizione, ma non viene chiuso. La prima idea è stata quella di togliere la rete, togliere la siepe di piante che impedisce la visuale, lasciando aperto il giardino sulla via Manzoni. Siccome si confina con il parcheggio del condominio di via Verdi, si è pensato fosse necessario dare comunque il passaggio per il parcheggio. Non verrà realizzata alcuna recinzione posteriore, in quando sembrava di andare un pò troppo dentro le case che sono 4

5 abbastanza vicine a quello che è il perimetro del parco. Si è quindi deciso di aprire il giardno sulla Via Manzoni, ma di creare una cancellata in un materiale particolare. Nell ottica di richiamare questo passato industriale di Sesto, si è prevista una finta siepe con tondini per costruzione (quelli per il cemento armato ) ipotizzati ad una altezza di 2 metri, come idea di partenza oppure intrecciati, più alti o più bassi e con piccole aperture per dare una visibilità intera e richiamare la via dei fili per ricollegarsi alla Filanda. Nella staccionata verrà creata una apertura al centro di circa 3 metri con un cancello scorrevole dello stesso materiale, che verrà aperto e chiuso secondo gli orari definiti dall Amministrazione. Le piante all interno (cedri) rimangono, fanno ombra ma lasciano abbastanza spazio per muoversi. Richiamando la via del filo, si è previsto un filo di mattoni interrati (che non creano gradini) che fa il giro per tutto il giardino e che diventa semplicemente dei pallini antiscivolo a tratti nella zona giochi. Si prevede la creazione di una piccola siepe con arbusti non troppo alti. Verranno posizionate delle panchine di dimensione normale e altre più piccole per la seduta dei bambini. Le sedie sono in plastica reciclata. L idea è quella di riallacciarsi alla corte, un circolo di case e uno spazio comune al centro, per trascorre dei momenti insieme. Si pensa di mettere sedie fissate al terreno e alcune mobili. Si potrebbe anche pensare di mettere un basamento in calcestruzzo al terreno e affondanrci una gamba della sedia per renderla inamovibile. Non si è ancora alla fase esecutiva e si attende qualche altra idea dei condomi che sono stati contattati a tal fine. Un angolo è riparato ed è più tranquillo con la presenza di due Nespoli (denominato l angolo sotto il Nespolo uno spazio di meditazione) dove verrà posto del vischio. In merito al passaggio tra la proprietà pubblica e quella privata: non si voleva chiudere il giardino verso la casa in quanto sembrava di fare qualcosa troppo impattante per la zona privata. La soluzione trovata è quella di lasciare una seduta a fioriera che da modo di sedersi dalla parte del giardino, ma lascia come poggiaschiena una fioriera, all interno della quale saranno messe essenze varie: floreali e aromatiche. Spinti dall ottica del low cost e della sostenibilità, si è pensato di matenere il ruolo di giardinieri volontari dei condomini, dando in gestione ai condomini la manutenzione una parte della fioriera, lasciando loro la possibilità di decidere cosa fare di una parte (esempio il 50%) della stessa fioriera. Ci è stato detto che verrà riqualificata anche l area esterna al giardino. Ci sono altre proposte da verificare. E stata ripresa l idea dell Amministrazione Comunale di riqualificare l area all esterno del giardino con una possibile pedonalizzazione e ripavimentazione della Via Manzoni con l idea di avere una piastra-ingresso che esce dal giardino, invitando le persone ad entrare all interno, dando così un elemento di trasparenza per un maggior utilizzo dei residenti. Si crea uno spazio osservato e sicuro per la presenza del Condomini. CONSIGLIERE PASQUINELLI: chiede quando partiranno i lavori e la tempistica di esecuzione. ING. FABBRI: il 15/2/2011 è il termine per la progettazione. I lavori richiedono due o tre mesi e si prevede di finire per l Estate Fa notare che ad ogni area verde viene attribuito un titolo e questo elemento rappresenta una novità che conferisce ai luoghi un valore aggiunto.. Normalmente i giardini vengono denominati con i nomi delle vie. Recentemente sono state introdotte alcune novità, come ad esempio con il giardino degli Alpini e si sta pensando a qualche dedica particolare per il giardino per Alda Merini. Il primo microgiardino è denominato il SALOTTO DELL ALBICOCCO, il secondo LA CORTE DEI FILI. Non sono giardini qualsiasi, ognuno è diverso dall altro e in ognuno c è una ricerca. Anche con l aiula Villoresi/Sabotino si è aggiunto un valore, con una dedica in memoria. Il vantaggio di queste realizzazioni è che con circa euro ( in media) si riescono a realizzare degli angoli particolari e a creare qualità, trovando in ogni luogo un motivo di valore. CONSIGLIERE PASQUINELLI: il problema è comunque riuscire a mantenere la qualità. CONSIGLIERE RICUPERO: chiede se si può pensare in un futuro a concorsi da realizzare nell ambito tematico Tieni vivo il Tuo giardino. ING. FABBRI: crede che questa modalità crei una relazione più convinta tra il cittadino e il luogo pubblico, perché vissuto dal cittadino come luogo che gli appartiene. PRESIDENTE: chiede chi si occuperà della manutenzione del microgiardino di Via Marsala. ING. FABBRI: l area pubblica è a carico dell Amministrazione Comunale, ma sono sostenuti e incoraggiati tutti coloro che desiderano fare attività di volontariato sul verde. Ci sono diverse adozioni da parte di volontari. 5

6 PRESIDENTE: a suo tempo aveva proposto di fare una chiusura dalla parte della Corte, poi ci ha ripensato a seguito di riflessioni con altri Consiglieri. Comunque pensa sia giusto provare la soluzione progettuale proposta e, se con il passare del tempo il giardino diventerà il giardino della Corte, si valuterà cosa fare in quanto il giardino è pubblico e deve essere adibito ad uso pubblico e non ad uso privato. UN CONDOMINO DELLA CORTE: comunica che nella Corte c è stato un grosso cambio generazionale. I Condimini si stanno impegnando a sitemare e a migliorare questa casa che ha un certo valore storico. Chiede di partire con buoni presupposti dando loro una mano e la speranza di riuscire a realizzare il progetto. CONSIGLIERE PASQUINELLI: chiede se si è pensato a come pubblicizzare questo giardino visto che è molto nascosto. PROGETTISTI - giardino Manzoni: si è pensato a fine lavori di fare una sorta di inaugurazione per presentare alla città il giardino rinnovato. PRESIDENTE: terminati i lavori verrà realizzata dal Quartiere insieme all Amministrane Comunale l inaugurazione di tutti i giardini. Informa che il giorno 8/2 alle ore 21:00 presso la sede della Circoscrizione si svolgerà l Assemblea dei Residenti sui microgiardini. ING. FABBRI: l eliminazione della siepe ha lo scopo di far percepire in modo evidente che questo è un giardino pubblico. La via Manzoni è in prospettiva una delle vie che può assumere un valore nel nucleo antico della città insieme alla Via Verdi. E un tassello nella stessa direzione di riqualificazione del Monastero di San Nicolao, dove si interviene sulla parte più antica della città e della Corte, facendo una operazione di inserimento in un ambito particolare. Il passo successivo sarà quello di riqualificare la piazzetta. CONSIGLIERE PASQUINELLI: chiede informazioni in merito all illuminazione prevista. ING. FABBRI: è previsto un sistema di illuminazione gialla. Ricorda l appuntamento della mostra dei 22 progetti presentati sui microgiardini che si terrà il 15/2/2011 a Spazio MIL PROGETTISTI - giardino Via Fermi: Si propone una trasformazione di questo spazio da luogo di transizione a luogo di permanenza. L area è ora completamente sprovvista di punti di aggregazione dove la gente possa permanere. Risulta oggi come luogo di collegamento tra il parco della Villa. A supportare questa idea c é la presenza della biblioteca che dà su un parco scarsamente sfruttabile dagli utilizzatori della biblioteca. La riqualificazione prevede i destinare l area non solo ai bambini e alle mamme ma anche agli utilizzatori della biblioteca. IL progetto si compone di una serie di sedute dislocate all interno di questa area, che consistono in un elemento MULTIMEDIALE centrale detto TOTEM, attorno al quale gravitano le sedute. Tutti gli elementi di arredo sono stati disegnati da loro ---- non si tratta di elementi a catalogo o in produzione. L elemento centrale funge da corpo illuminante e da TORRETTA MULTIMEDIALE, nella quale si prevede di inserire una presa elettrica ed un ripetitore WI FI per dare modo ai ragazzi che frequentano la biblioteca di recarsi in questa area con il computer, attaccarsi alla presa di corrente e navigare in Internet. Le sedute sono libere, ma vincolate a muoversi intorno a questo elemento centrale totem. Parallelamente a questo, che si localizza nella zona del sottobosco (sotto le piante), si forma un nuovo strato di vegetazione più a contatto con i fruitori, per creare e potenziare l atmosfera del sottobosco. In una pavimentazione di ghiaia verranno inserite delle macchie disordinate ma sempre contrallate di vegetazione di tipo erbaceo, con bulbi per dare maggior dinamismo all area avendo tempi diversi di fioritura. Verrà creata una pavimentazione drenante in queste grosse aiuole di sottobosco, un nuovo strato di vegetazione e un nuovo impianto di illuminazione. Vi saranno gli elementi totem come corpi illuminanti, ma anche una illuminazione scenografica del muro storico della villa con corpi illuminanti a led inseriti nel terreno, non vandalizzabili, che illumineranno con fiammate di luci tutto il muro storico. Altro elemento caratterizzante del progetto, visto che l area si distingue per la presenza di alberi ad alto fusto. Da una indagine è emerso che l area è utilizzata oltre che dai cani anche da volatili e si è pensato così di creare una sorta di giardino sonoro per potenziare l effetto sonoro già presente, non solo il suono degli uccelli, ma anche l introduzione di un suono artificiale, prevendendo due elementi: il posizionamento sugli alberi di nidi e di diffusori sonori che funzionano senza fili e che potranno produrre la musica direttamente selezionata dagli utenti dell area. Si tratta di ripetitori e quindi ci si può collegare. Si dovrà pensare comunque ad un sistema di regolazione e controllo dell utilizzo da parte di ciascun utente. CONSIGLIERE RICUPERO: chiede a che altezza si pensa di collocarli. 6

7 PROGETTISTI - giardino Via Fermi: Ad una altezza di m.3 o m. 4 al massimo, comunque hanno un cono che fa si che la musica non venga diffusa in strada, bensì nel raggio delle sedute. PRESIDENTE: chiede all Ing Fabbri che la cartellonistica verticale con il divieto di ingresso ai cani presente nel giardino di Villa Visconti d Aragona, venga sostituita, in quanto il divieto è stato cancellato. ING. FABBRI: quel giardino oggi è oggetto di segnalazioni negative, siamo sull asse che dalla piazza Petazzi porta al giardino storico di Villa De Ponti in pieno centro, un area a priorità pedonale. La via che in particolare da Piazza Petazzi porta in Via Fermi è degradata e occorre darle la qualità urbana che merita. Potrebbe essere un asse pedonale su cui si potrebbero sviluppare attività commerciali. Nel frattempo è partito il cantiere per l intervento di semipedonalizzazione sotto il campanile nel tratto di via Padre Ravasi fino all incrocio di Via San Clemente. Esiste attualmente una disomogeneità nella pavimentazione che si presenta sconnessa, con buche, gradini ecc.. Esiste una problematica di un mix di aree private e pubbliche, in quanto l Amministrazione è proprietaria delle due aiuole grandi, mentre la parte bassa (asfaltata) posizionata in prossimità dell altro condominio è di proprietà condominiale. Durante i contatti con i rispettivi Amministratori condominiali, è emersa una volontà di una collaborazione tra pubblico e privato che rappresenta un motivo in più per dare a queste aree un valore aggiunto. Se si riescono a realizzare dei progetti in cui è presente una commistione di utilizzo di aree con la condivisione di interessi, è evidente che quel luogo diventa un luogo di particolare attenzione per tutti i residenti, perché vissuto in prima persona. CONSIGLIERE PASQUINELLI: chiede coma mai non si è pensato di coinvolgere i coordinatori delle Commissioni Qualità Urbana dei Quartieri nelle fasi progettuali iniziali, come punto di riferimento delle Circoscrizioni. ING. FABBRI: ricorda che è la seconda volta che vengono sottoposti i progetti per raccogliere osservazioni su elaborati che non sono ancora completati. CONSIGLIERE PASQUINELLI: ma l incidenza di modifica adesso è molto bassa. CONSIGLIERE BARELLI: non si tratta di progetti ancora esecutivi. Adesso abbiamo la situazione dei tre progetti assegnati al quartiere 3 e a breve ci sarà l assemblea dei Residenti dalla quale accoglieremo eventuali richieste. Come coordinatore della Commissione Qualità Urbana condivide l approccio utilizzato. ASSESSORE BRAMBILLA: comunica che le commissioni sono state incontrate più volte su diversi argomenti. Nell individuare i posti dei microgiardini si è tenuto conto delle indicazioni dei quartieri. Il caso ha voluto che tre progetti siano ricaduti nello stesso quartiere. PRESIDENTE: ringrazia i progettisti presenti per il lavoro svolto invitandoli all Assemblea dei Residenti dell 8/2/2011. CONSIGLIERE PASQUINELLI: comunica che nel Parco dietro la Cascian Novella (Via Cavallotti/Via XXIV Maggio) c è una situazione di degrado inaccettabile e disastrosa. Chiede conferma se la recinzione dei cani (provvisoria) sarà spostata definitavamente verso la strada. E importante tranquillizzare e informare i cittadini se l Amministrazione prevede o non prevede di procedere alla riqualificazione di detto giardino. ASSESSORE BRAMBILLA: abbiamo preso in considerazione tutti i giardini della città e programmato nel tempo la riqualificazione, a partire da quelli più degradati. E già stato riqualificato molto, compreso Spazio Arte ed è in previsione la riqualificaficazione anche di quella parte del giardino che da sulla via Como. Per il 2011 si prevede di concludere lavori del giardino di Spazio Arte. Sicuramente nella programmazione futura rientrerà quel giardino che è oggettivamente conciato. In questo momento non è in programma e per l anno prossimo dipende dalle disponibilità di bilancio. L anno prossimo è comunque l anno delle elezioni e, di solito, i giardini devono essere prommati l anno prima (quest anno) per l anno successivo. Crede che sia difficile per l anno prossimo mettere mano a quel giardino, se non per aumentare un pò l illuminazione. CONSIGLIERE PASQUINELLI: propone di fare almeno interventi minimi, ne non radicali. ASSESSORE BRAMBILLA: se c è una urgenza, una situazione particolarmente pericolosa che viene segnalata, si può vedere di sistemarla. CONSIGLIERE PASQUINELLI: informa che nelle due parti centrali del Giardino di Viale Marelli/Via Modena, dove c è il tombino che raccoglie l acqua fluviale, in presenza di forti piogge si forma una chiazza di acqua di 20 cm. di altezza. 7

8 ING. FABBRI: la competenza sui sistemi di drenaggio in città non è dell Amministrazione Comunale ma di Amiacque che ha la proprietà e la gestione della fogna cittadina. L Amministrazione ha sollecitato ripetutamente Amiacque che ha fatto alcuni interventi tampone di spurgo senza risolvere il problema. Sembra che ci sia un problema sugli innesti degli scarichi al connettore principale. Spiega che i tombini possono essere di varie proprietà (gas, teleriscaldamento, ecc..) ed ogni soggetto che è proprietario della sua rete è anche tenuto agli interventi manutentivi. PRESIDENTE: sospende per cinque minuti la Seduta. Riapre i lavori del Consiglio, passando alla trattazione del primo punto in proposta di delibera. Atto n. 1 del 24/01/2011 ATTO N. 63 DEL 29/9/2010: INAUGURAZIONE AIUOLA VIA VILLORESI/VIA MONTE SABOTINO PER FINE LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE CON DEDICA ALLA MEMORIA DEL CONSIGLIERE DI CIRCOSCRIZIONE 3, SIG. FRANCESCO BESTETTI. APPROVAZIONE RENDICONTO. IL PRESIDENTE Riferisce che con atto n. 63 del 29/9/2010, questo Consiglio approvava uno stanziamento di spesa di 100,00= per l acquisto di una targa con dedica per l inaugurazione dell aiuola Via Villoresi/Via Monte Sabotino. Il rendiconto delle spese effettivamente sostenute per l inaugurazione dell aiuola che ha avuto luogo domenica 12/12/2010, risulta il seguente: Beneficiario Giustificativo della spesa IMPORTO ( ) Floricoltura Minetti - Lentate s/s (mi) Fattura n. 142/2010 del 3/12/ ,00 Totale 99,00 per importo totale di 99,00= ed una minore spesa di 1,00=. Invita, quindi, al Consiglio di volersi esprimere in merito all approvazione del rendiconto sopra riportato. - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamato l atto n. 63 del 29/9/2010; - Esaminata la proposta e ritenuta la stessa meritevole di accoglimento; - Richiamato l art. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 del 19/3/1990, concernente l attribuzione delle funzioni di Economo ai Segretari di Circoscrizione relativamente alla gestione del fondo spesa a rendere conto ; - Richiamate le determinazioni dirigenziali I n.6 del 1/2/2010; n.16 del 15/3/2010 e n.28 del 29/4/2010 relativi all anticipazione del fondo spesa a rendere conto a valere sul capitolo 30/00 Organismi di Quartiere attività diverse, per l anno CdC 1110; - Richiamata la determinazione dirigenziale I n. 21 del 10/07/2007 relativa all affidamento dell incarico di Agente Contabile alla Segretaria di Circoscrizione. - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del DELIBERA 1. di approvare il rendiconto delle spese sostenute per l inaugurazione in oggetto, di cui al proprio atto n. 63 del 29/9/2010, per un importo complessivo di 99,00= ed una minore spesa di 1,00=. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI : n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. 8

9 Atto n. 2 del 24/01/2011 ATTO N. 87 DEL 15/11/2010: FESTA DI CAPODANNO PER GLI ANZIANI 2010, ORGANIZZATA DALLE CIRCOSCRIZIONI N.3 E N.5 DELLA CITTA DI SESTO SAN GIOVANNI SALONE DI SPAZIO ARTE 31/12/2010 DALLE ORE 21:00. APPROVAZIONE RENDICONTO. IL PRESIDENTE Riferisce che con atto n. 87 del 15/11/2010, questo Consiglio approvava uno stanziamento di spesa di 600,00=, quale quota parte della spesa prevista per la realizzazione della Festa di Capodanno per gli anziani in oggetto. Il rendiconto delle spese effettivamente sostenute dalla Circoscrizione 3 per la realizzazione della Festa, risulta il seguente: Beneficiario Giustificativo della spesa IMPORTO ( ) DICO 56 Sesto San Giovanni Scontrino n. 57 del 17/12/2010 3,99 Carrefour Market GS Spa Cinisello B. Scontrino n. (16:52) del 24/12/ ,80 Caronte Srl Sesto San Giovanni Fattura n. 1359/3 del 17/12/ ,00 S.I.A.E. si Sesto San Giovanni Fattura n del 7/12/ ,54 per importo totale di 318,33= ed una minore spesa di 281,67=. Totale 318,33 Invita, quindi, al Consiglio di volersi esprimere in merito all approvazione del rendiconto sopra riportato. - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamato l atto n. 87 del 15/11/2010; - Esaminata la proposta e ritenuta la stessa meritevole di accoglimento; - Richiamato l art. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 del 19/3/1990, concernente l attribuzione delle funzioni di Economo ai Segretari di Circoscrizione relativamente alla gestione del fondo spesa a rendere conto ; - Richiamate le determinazioni dirigenziali I n.6 del 1/2/2010; n.16 del 15/3/2010 e n.28 del 29/4/2010 relativi all anticipazione del fondo spesa a rendere conto a valere sul capitolo 30/00 Organismi di Quartiere attività diverse, per l anno CdC 1110; - Richiamata la determinazione dirigenziale I n. 21 del 10/07/2007 relativa all affidamento dell incarico di Agente Contabile alla Segretaria di Circoscrizione. - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del DELIBERA 1. di approvare il rendiconto delle spese sostenute per la Festa di Capodanno in oggetto, di cui al proprio atto n. 87 del 15/11/2010, per un importo complessivo di 318,33= ed una minore spesa di 281,67=. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. 9

10 Atto n. 3 del 24/01/2011 ATTO N. 88 DEL 15/11/2010: NATALE 2010 ASSEGNAZIONE BUONI ACQUISTO LIBRI A FAVORE DELLE SCUOLE MATERNE E ASILI NIDO DEL QUARTIERE 3. APPROVAZIONE RENDICONTO. IL PRESIDENTE Riferisce che con atto n. 88 del 15/11/2010, questo Consiglio approvava uno stanziamento di spesa di 1.764,00=, per l assegnazione (come da prospetto agli atti) di un buono per l acquisto di libri alle scuole materne e asili nido pubblici e privati della Circoscrizione 3, utili allo svolgimento delle proprie attivtà didattiche. Il rendiconto delle spese effettivamente sostenute per tale assegnazione, risulta il seguente: Beneficiario Giustificativo della spesa IMPORTO ( ) Presenza Cooperativa Servizi Culturali a r.l. Fattura n. 224 del 20/12/ ,00 Totale 1.764,00 per importo totale di 1.764,00= pari allo stanziamento autorizzato. Invita, quindi, al Consiglio di volersi esprimere in merito all approvazione del rendiconto sopra riportato. - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamato l atto n. 88 del 15/11/2010; - Esaminata la proposta e ritenuta la stessa meritevole di accoglimento; - Richiamato l art. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 del 19/3/1990, concernente l attribuzione delle funzioni di Economo ai Segretari di Circoscrizione relativamente alla gestione del fondo spesa a rendere conto ; - Richiamate le determinazioni dirigenziali I n.6 del 1/2/2010; n.16 del 15/3/2010 e n.28 del 29/4/2010 relativi all anticipazione del fondo spesa a rendere conto a valere sul capitolo 30/00 Organismi di Quartiere attività diverse, per l anno CdC 1110; - Richiamata la determinazione dirigenziale I n. 21 del 10/07/2007 relativa all affidamento dell incarico di Agente Contabile alla Segretaria di Circoscrizione. - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del DELIBERA 1. di approvare il rendiconto delle spese sostenute per l assegnazione di buoni per acquisto libri, di cui al proprio atto n. 88 del 15/11/2010, per un importo complessivo di 1.764,00= pari allo stanziamento autorizzato. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Atto n. 4 del 24/01/2011 ATTO N. 102 DEL 14/12/2010: ACQUISTO BENI PER LA CIRCOSCRIZIONE 3 ISOLA DEL BOSCO DELLE CORTI. APPROVAZIONE RENDICONTO. IL PRESIDENTE Riferisce che con atto n. 102 del 14/12/2010, questo Consiglio approvava uno stanziamento di spesa di 104,00=, per l acquisto di basi per griglie espositive( con relativi morsetti e piedini) per la Circoscrizione 3. 10

11 Il rendiconto delle spese effettivamente sostenute, risulta il seguente: Beneficiario Giustificativo della spesa IMPORTO ( ) PRIMO SPA Cinisello Balsamo Fattura n /1 del 15/12/ ,68 per importo totale di 103,68= ed una minore spesa di 0,32= Totale 103,68 Invita, quindi, al Consiglio di volersi esprimere in merito all approvazione del rendiconto sopra riportato. - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamato l atto n. 102 del 14/12/2010; - Esaminata la proposta e ritenuta la stessa meritevole di accoglimento; - Richiamato l art. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 del 19/3/1990, concernente l attribuzione delle funzioni di Economo ai Segretari di Circoscrizione relativamente alla gestione del fondo spesa a rendere conto ; - Richiamate le determinazioni dirigenziali I n.6 del 1/2/2010; n.16 del 15/3/2010 e n.28 del 29/4/2010 relativi all anticipazione del fondo spesa a rendere conto a valere sul capitolo 30/00 Organismi di Quartiere attività diverse, per l anno CdC 1110; - Richiamata la determinazione dirigenziale I n. 21 del 10/07/2007 relativa all affidamento dell incarico di Agente Contabile alla Segretaria di Circoscrizione. - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del DELIBERA 1. di approvare il rendiconto delle spese sostenute per gli acquisti in oggetto, di cui al proprio atto n. 102 del 14/12/2010, per un importo complessivo di 103,68= ed una minore spesa di 0,32=. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Atto n. 5 del 24/01/2011 ATTO N. 103 DEL 14/12/2010: ACQUISTO PANNELLI IN LEGNO MULTISTRATO E TARGHETTE IDENTIFICATIVE, PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE DELLE BACHECHE DELLA CIRCOSCRIZIONE 3 ISOLA DEL BOSCO DELLE CORTI. APPROVAZIONE RENDICONTO. IL PRESIDENTE Riferisce che con atto n. 103 del 14/12/2010, questo Consiglio approvava uno stanziamento di spesa di 250,00=, per l acquisto di pannelli in legno, targhette e materiale di consumo per interventi di manutenzione come da piano i intervento <di massima> previsto sulle bacheche della Circoscrizione 3 (agli atti). Il rendiconto delle spese effettivamente sostenute, risulta il seguente: Beneficiario Giustificativo della spesa IMPORTO ( ) AN.PO ARTI GRAFICHE DI ANNA Fattura n. 189 DEL 27/12/ ,00 POCCHIA Sesto San Giovanni Brico center Cinisello Balsamo Fattura n del 15/12/ ,18 e scontrino n.124 in pari data Totale 248,18 per importo totale di 248,18= ed una minore spesa di 1,82=. 11

12 Invita, quindi, al Consiglio di volersi esprimere in merito all approvazione del rendiconto sopra riportato. - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamato l atto n. 103 del 14/12/2010; - Esaminata la proposta e ritenuta la stessa meritevole di accoglimento; - Richiamato l art. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 del 19/3/1990, concernente l attribuzione delle funzioni di Economo ai Segretari di Circoscrizione relativamente alla gestione del fondo spesa a rendere conto ; - Richiamate le determinazioni dirigenziali I n.6 del 1/2/2010; n.16 del 15/3/2010 e n.28 del 29/4/2010 relativi all anticipazione del fondo spesa a rendere conto a valere sul capitolo 30/00 Organismi di Quartiere attività diverse, per l anno CdC 1110; - Richiamata la determinazione dirigenziale I n. 21 del 10/07/2007 relativa all affidamento dell incarico di Agente Contabile alla Segretaria di Circoscrizione. - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del DELIBERA - di approvare il rendiconto delle spese sostenute per gli acquisti in oggetto, di cui al proprio atto n. 103 del 14/12/2010, per un importo complessivo di 248,18= ed una minore spesa di 1,82=. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Atto n. 6 del 24/01/2011 ATTO N. 104 DEL 14/12/2010: CONCESSIONE CONTRIBUTO ECONOMICO A FAVORE AIRC ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LA RICERCA SUL CANCRO. APPROVAZIONE RENDICONTO. IL PRESIDENTE Riferisce che con atto n. 104 del 14/12/2010, questo Consiglio approvava uno stanziamento di 350,00= per l erogazione di un contributo economico, a titolo di erogazione liberale a favore di AIRC Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro. Il rendiconto della spesa effettivamente sostenuta, risulta il seguente: Beneficiario Giustificativo della spesa IMPORTO ( ) A.I.R.C. Associazione Italiane per la Ricerca sul Cancro per importo totale di 350,00= pari allo stanziamento autorizzato. - Ricevuta di bonifico bancario eseguito in data 27/12/2010 tramite Banca Intesa Spa Via Dante 104 di Sesto San Giovanni; 350,00 - Autocertificazione della Segretaria e Agente Contabile della Circoscrizione 3 Isola del Bosco delle Corti Totale 350,00 Invita, quindi, al Consiglio di volersi esprimere in merito all approvazione del rendiconto sopra riportato. - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamato l atto n. 104 del 14/12/2010; 12

13 - Esaminata la proposta e ritenuta la stessa meritevole di accoglimento; - Richiamato l art. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 del 19/3/1990, concernente l attribuzione delle funzioni di Economo ai Segretari di Circoscrizione relativamente alla gestione del fondo spesa a rendere conto ; - Richiamate le determinazioni dirigenziali I n.6 del 1/2/2010; n.16 del 15/3/2010 e n.28 del 29/4/2010 relativi all anticipazione del fondo spesa a rendere conto a valere sul capitolo 30/00 Organismi di Quartiere attività diverse, per l anno CdC 1110; - Richiamata la determinazione dirigenziale I n. 21 del 10/07/2007 relativa all affidamento dell incarico di Agente Contabile alla Segretaria di Circoscrizione. - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del DELIBERA - di approvare il rendiconto delle spese sostenute per la concessione del contributo economico, a titolo di erogazione liberale, a favore di AIRC Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro, di cui al proprio atto n. 104 del 14/12/2010, per un importo complessivo di 350,00= pari allo stanziamento autorizzato. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANT n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Atto n. 7 del 24/01/2011 ATTO N. 118 DEL 21/12/2010: CONCESSIONE CONTRIBUTO ECONOMICO, A TITOLO DI DONAZIONE A FAVORE AISM ASSOCIAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA ONLUS DA LIQUIDARSI TRAMITE CONTO CORRENTE POSTALE INTESTATO A FISM FONDAZIONE ITALIANA SCLEROSI MULTIPLA ONLUS. APPROVAZIONE RENDICONTO. IL PRESIDENTE Riferisce che con atto n. 118 del 21/12/2010, questo Consiglio approvava uno stanziamento di 351,10= per l erogazione di un contributo economico, a titolo di donazione, di 350,00= a favore dell Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) Onlus ed il pagamento delle spese postali di 1,10= relative al bollettino di versamento. Il rendiconto delle spese effettivamente sostenute, risulta il seguente: Beneficiario Giustificativo della spesa IMPORTO ( ) AISM - Associazione Italiana Sclerosi Multipla - Onlus Poste Italiane Ricevuta Bollettino Postale del 350,00 27/12/2010 (38/189 - VCY 0340) per versamento sul c/c postale n intestato a FISM Fondazione Italiana Sclerosi Multipla Onlus di 350,00= e 1,10 spese postali di 1,10= Totale 351,10 per importo totale di 351,10= pari allo stanziamento autorizzato. Invita, quindi, al Consiglio di volersi esprimere in merito all approvazione del rendiconto sopra riportato. - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamato l atto n. 118 del 21/12/2010; - Esaminata la proposta e ritenuta la stessa meritevole di accoglimento; - Richiamato l art. 32 del vigente Regolamento Comunale del 13

14 - Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 del 19/3/1990, concernente l attribuzione delle funzioni di Economo ai Segretari di Circoscrizione relativamente alla gestione del fondo spesa a rendere conto ; - Richiamate le determinazioni dirigenziali I n.6 del 1/2/2010; n.16 del 15/3/2010 e n.28 del 29/4/2010 relativi all anticipazione del fondo spesa a rendere conto a valere sul capitolo 30/00 Organismi di Quartiere attività diverse, per l anno CdC 1110; - Richiamata la determinazione dirigenziale I n. 21 del 10/07/2007 relativa all affidamento dell incarico di Agente Contabile alla Segretaria di Circoscrizione. - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del DELIBERA - di approvare il rendiconto delle spese sostenute per la concessione del contributo economico, a titolo di donazione, a favore di AISM Associazione Italiana Sclerosi Multipla di cui al proprio atto n. 118 del 21/12/2010, per un importo complessivo di 351,10= ( di cui 350,00 donazione ed 1,10= spese postali), pari allo stanziamento autorizzato. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Atto n. 8 del 24/01/2011 LIQUIDAZIONE SPESE ECONOMALI E COMPETENZE BANCARIE - CIRCOSCRIZIONE 3 ISOLA DEL BOSCO DELLE CORTI ANNO APPROVAZIONE. IL PRESIDENTE Comunica che durante l anno 2010, sono state sostenute dalla Circoscrizione 3 Isola del Bosco delle Corti le seguenti spese economali e spese bancarie per un totale di 107,25= che occorre impegnare e liquidare con il presente atto sul fondo spesa a rendere conto - bilancio 2010, ai fini del rendiconto amministrativo SPESE ECONOMALI Data Pezze giustificative Importo ( ) 15/12/2010 Scontrino n. 125 del 15/12/2010 BRICO Center Cinisello 2,60 Balsamo 17/12/2010 Scontrino n. (16:42) NORD ELETTRICA SRL Sesto San Giovanni 18,60 22/12/2010 Scontrino n. (12:53) IL GIGANTE SPA Sesto San Giovanni 11,55 TOTALE SPESE ECONOMALI 32,75 SPESE BANCARIE Val. 31/03/2010 Spese c/c ( 0,70) e bollo ( 18,45) 19,15 Val. 30/06/2010 Bollo E/C 18,45 Val. 30/09/2010 Bollo E/C 18,45 Val. 31/12/2010 Bollo E/C 18,45 TOTALE SPESE BANCARIE 74,50 TOTALE SPESE ECONOMALI E BANCARIE 107,25 Informa il Consiglio, per una presa d atto, che sul fondo a rendere conto - anno 2010, sono maturate competenze a credito per l importo di 12,14= che verranno versate alla Tesoreria Comunale. Invita, pertanto, il Consiglio ad esprimersi in merito. 14

15 - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Esaminata la proposta e ritenuta la stessa meritevole di accoglimento; - Richiamato l art. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 del 19/3/1990, concernente l attribuzione delle funzioni di Economo ai Segretari di Circoscrizione relativamente alla gestione del fondo spesa a rendere conto ; - Richiamate le determinazioni dirigenziali I n.6 del 1/2/2010; n.16 del 15/3/2010 e n.28 del 29/4/2010 relativi all anticipazione del fondo spesa a rendere conto a valere sul capitolo 30/00 Organismi di Quartiere attività diverse, per l anno CdC 1110; - Richiamata la determinazione dirigenziale I n. 21 del 10/07/2007 relativa all affidamento dell incarico di Agente Contabile alla Segretaria di Circoscrizione. - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del D E L I B E R A 1. di imputare sul fondo spesa a rendere conto anno 2010, l importo complessivo di 107,25= di cui 32,75 spese economali ed 74,50= per spese bancarie sostenute dalla Circoscrizione 3 Isola del Bosco Delle Corti durante l anno 2010; 2. di dare mandato alla Segretaria di liquidare il predetto importo di 107,25= sul fondo spesa a rendere conto bilancio 2010; Il Consiglio, inoltre <prende atto> che sul fondo spesa a rendere conto - anno 2010, sono maturate competenze a credito per l importo di 12,14= che verranno versate alla Tesoreria Comunale. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all'esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Atto n. 9 del 24/01/2011 RENDICONTO DELLE SPESE SOSTENUTE DALLA CIRCOSCRIZIONE 3 ISOLA DEL BOSCO DELLE CORTI A VALERE SUL FONDO SPESA A RENDERE CONTO ANNO APPROVAZIONE. RELAZIONE DEL PRESIDENTE A fronte dello stanziamento del fondo spesa a rendere conto relativo all anno 2010, il rendiconto delle spese sostenute dalla Circoscrizione 3 Isola del Bosco - Delle Corti (come da prospetto - agli atti), presenta le seguenti risultanze finali: RISULTANZE FINALI FONDO A RENDERE CONTO - BILANCIO 2010 FONDO A RENDERE CONTO ASSEGNATO NELL ANNO 2010: - Determina I n. 6 del 01/02/2010 Mandato n. 580 del 4/2/2010 di 1.801,95= (2/12 anno 2010); - Determina I n. 16 del 15/3/2010 Mandato n del 18/3/2010 di 1.801,95= (2/12 ano 2010); - Determina I n. 28 del 29/4/2010 Mandato n del 5/5/2010 di 7.207,79= (restanti 8/12 anno 2010); ,69 (-) TOTALE SPESE SOSTENUTE (incluse spese economali e bancarie) ,82 (=) AVANZO SU FONDO SPESA A RENDERE CONTO (da restituire all Amministrazione Comunale) 5,87 15

16 In data 19/4/2010 sono stati emessi dall Amministrazione Comunale: - Reversale n di 187,20= - Mandato n di 156,00=, ai fini della movimentazione e successivo pagamento della ritenuta d acconto di 31,20= per fattura n. 6 del 25/3/2010 emessa da Michela Zucca, di cui alla delibera del Consiglio di Circoscrizione n.17 del 10/2/2010 e n. 20 del 22/3/2010. COMPETENZE A CREDITO - ANNO 2010 (da versare alla Tesoreria Comunale) 12,14 Invita, pertanto, il Consiglio a voler approvare il rendiconto sopra riportato 16 - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Esaminata la proposta e ritenuta la stessa meritevole di accoglimento; - Richiamato l art. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamata la deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 del 19/3/1990, concernente l attribuzione delle funzioni di Economo ai Segretari di Circoscrizione relativamente alla gestione del fondo spesa a rendere conto ; - Richiamate le determinazioni dirigenziali I n.6 del 1/2/2010; n.16 del 15/3/2010 e n.28 del 29/4/2010 relativi all anticipazione del fondo spesa a rendere conto a valere sul capitolo 30/00 Organismi di Quartiere attività diverse, per l anno CdC 1110; - Richiamata la determinazione dirigenziale I n. 21 del 10/07/2007 relativa all affidamento dell incarico di Agente Contabile alla Segretaria di Circoscrizione. - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del D E L I B E R A 1. di approvare nell importo di ,82= il rendiconto delle spese sostenute nell anno 2010 dalla Circoscrizione 3 Isola del Bosco Delle Corti, con un avanzo finale di 5,87= come da Tabella delle risultanze finali riportata in relazione. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all'esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Atto n.10 del 24/01/2011 APPROVAZIONE DEI VERBALI DEL CONSIGLIO DI CIRCOSCRIZIONE 3 "ISOLA DEL BOSCO - DELLE CORTI" DEL 26/10/2010 ORE 21,00; DEL 15/11/2010 ORE 21,00; DEL 25/11/2010 ORE 19,30; DEL 14/12/2010 ORE 21,00 E DEL 21/12/2010 ORE 21,00. RELAZIONE IL PRESIDENTE Onorevole Consiglio, In base all art. 18 del Regolamento Comunale del Decentramento, questo Consiglio è tenuto ad approvare i verbali delle Sedute del 26/10/2010 ore 21,00; del 15/11/2010 ore 21,00; del 25/11/2010 ore 19,30; del 14/12 /2010 ore 21,00 e del 21/12/2010 ore 21,00 che si sono svolte presso la sede della Circoscrizione 3. Dato per letto i verbali in oggetto, che sono stati trasmessi in visione ai Signori Consiglieri della Circoscrizione 3, invita il Consiglio a volerli approvare se nessuno ha osservazioni o correzioni da apportarvi.

17 - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - richiamato l art. 18, del Regolamento Comunale del - richiamati gli artt. 93 e 94 del Regolamento di Funzionamento del Consiglio Comunale; - dato atto che non ci sono osservazioni o correzioni da apportare ai verbali sopra indicati; - Visti i pareri espressi, ai sensi dell art. 17 comma 1 del vigente Regolamento Comunale del DELIBERA di approvare i Verbali delle Sedute del Consiglio di Circoscrizione 3 del 26/10/2010 ore 21,00; del 15/11/2010 ore 21,00; del 25/11/2010 ore 19,30; del 14/12 /2010 ore 21,00 e del 21/12/2010 ore 21,00. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all'esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Atto n. 11 del 24/01/2011 COMMISSIONE CULTURA - TEMPO LIBERO. DIMISSIONI COMPONENTI. RELAZIONE DEL PRESIDENTE Ricorda che: - con atto n. 6 del 17/07/2007, questo Consiglio ha costituito le Commissioni Permanenti della Circoscrizione che operano nella presente legislatura: Servizi alla Persona,Qualità Urbana, Cultura - Tempo Libero e Sport; - con atto n. 7 del 17/07/2007 questo Consiglio ha approvato il regolamento delle Commissioni Permanenti che saranno composte da cittadini sensibili alle problematiche della Circoscrizione e interessati all indirizzo specifico della Commissione scelta. E consentito ad ogni Consigliere di Circoscrizione di iscriversi a non più di 2 (due) Commissioni. A ogni singola persona è consentito iscriversi a non più di 1 (una) Commissione. E possibile cambiare Commissione solamente dimettendosi dalla precedente; Informa, che hanno presentato le dimissioni dalla Commissione Cultura - Tempo Libero, i Signori: - Giacomina Selis; - Gualtiero Anelli; - Rocco Carrassi. Invita, pertanto, il Consiglio a voler prendere atto delle dimissioni dei predetti nominativi da componenti della Commissione Cultura - Tempo Libero della Circoscrizione 3. - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamati gli artt. n. 19, n. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamati i propri atti n. 6 e n. 7 del 17/7/ Visti i pareri espressi in base all art. 17 punto 1 del vigente Regolamento Comunale del PRENDE ATTO delle dimissioni dei Signori: Giacomina Selis, Gualtiero Anelli e Rocco Carrassi, da componenti della Commissione Cultura Tempo Libero della Circoscrizione 3. 17

18 CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all'esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Atto n. 12 del 24/01/2011 COMMISSIONE QUALITA URBANA. DIMISSIONE COMPONENTE. Ricorda che: RELAZIONE DEL PRESIDENTE - con atto n. 6 del 17/07/2007, questo Consiglio ha costituito le Commissioni Permanenti della Circoscrizione che operano nella presente legislatura: Servizi alla Persona,Qualità Urbana, Cultura - Tempo Libero e Sport; - con atto n. 7 del 17/07/2007 questo Consiglio ha approvato il regolamento delle Commissioni Permanenti che saranno composte da cittadini sensibili alle problematiche della Circoscrizione e interessati all indirizzo specifico della Commissione scelta. E consentito ad ogni Consigliere di Circoscrizione di iscriversi a non più di 2 (due) Commissioni. A ogni singola persona è consentito iscriversi a non più di 1 (una) Commissione. E possibile cambiare Commissione solamente dimettendosi dalla precedente; Informa, che ha presentato le dimissioni dalla Commissione Qualità Urbana il signor : - Gualtiero Anelli. Invita, pertanto, il Consiglio a voler prendere atto delle dimissioni del signor Gualtiero Anelli, da componente della Commissione Qualità Urbana della Circoscrizione Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamati gli artt. n. 19, n. 32 del vigente Regolamento Comunale del - Richiamati i propri atti n. 6 e n. 7 del 17/7/ Visti i pareri espressi in base all art. 17 punto 1 del vigente Regolamento Comunale del PRENDE ATTO delle dimissioni del Signor Gualtiero Anelli da componente della Commissione Qualità Urbana della Circoscrizione 3. CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 Il Presidente, in base all esito della votazione, dichiara approvata all unanimità la presente delibera. Votazione a schede segrete Atto n. 13 del 24/01/2011 COMMISSIONE QUALITA URBANA. NOMINA COMPONENTE. RELAZIONE DEL PRESIDENTE Ricorda che con atto n. 6 del 17/07/2007, questo Consiglio ha costituito le Commissioni Permanenti della Circoscrizione che operano nella presente legislatura: Servizi alla Persona,Qualità Urbana, Cultura-Tempo Libero, Sport. Ricorda che con atto n. 7 del 17/07/2007 questo consiglio ha approvato il regolamento delle Commissioni Permanenti che saranno composte da cittadini sensibili alle problematiche della Circoscrizione e interessati all indirizzo specifico della Commissione scelta. E consentito ad ogni Consigliere di Circoscrizione di iscriversi a non più di 2 (due) Commissioni. A ogni singola

19 persona è consentito iscriversi a non più di 1 (una) Commissione. E possibile cambiare Commissione solamente dimettendosi dalla precedente. Comunica che ha presentato richiesta di far parte della Commissione Qualità Urbana la Signora Giacomina Selis. Invita, pertanto, il Consiglio a voler procedere alla nomina quale componente della commissione Qualità Urbana la signora Giacomina Selis. - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamati gli artt. n. 19, n. 32 comma 1 c), n. 36 comma 2 c) del vigente Regolamento Comunale del - Richiamati i propri atti 6 e 7 e richiamato l art. 78 c. 2 del Regolamento di Funzionamento del Consiglio Comunale Forma delle votazioni ; - Visti i pareri espressi in base all art. 17 punto 1 del vigente Regolamento Comunale del PROCEDE 1. alla nomina, mediante votazione a schede segrete, della signora GIACOMINA SELIS quale componente la Commissione Qualità Urbana. VOTAZIONE : a schede segrete SCRUTATORI: Pasquinelli, Carioti e Barelli CONSIGLIERI PRESENTI E VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 La votazione dà il seguente risultato: COMMISSIONE QUALITA URBANA : GIACOMINA SELIS Voti n. 6 Visti i risultati della votazione, il Presidente dichiara eletta quale componente della Commissione Qualità Urbana la Signora GIACOMINA SELIS. Votazione a schede segrete Atto n. 14 del 24/01/2011 COMMISSIONE SPORT. NOMINA COMPONENTE. RELAZIONE IL PRESIDENTE Ricorda che con atto n. 6 del 17/07/2007, questo Consiglio ha costituito le Commissioni Permanenti della Circoscrizione che operano nella presente legislatura: Servizi alla Persona,Qualità Urbana, Cultura-Tempo Libero, Sport. Ricorda che con atto n. 7 del 17/07/2007 questo consiglio ha approvato il regolamento delle Commissioni Permanenti che saranno composte da cittadini sensibili alle problematiche della Circoscrizione e interessati all indirizzo specifico della Commissione scelta. E consentito ad ogni Consigliere di Circoscrizione di iscriversi a non più di 2 (due) Commissioni. A ogni singola persona è consentito iscriversi a non più di 1 (una) Commissione. E possibile cambiare Commissione solamente dimettendosi dalla precedente. Comunica che ha presentato richiesta di far parte della Commissione Sport il Signor Rocco Carassi. Invita, pertanto, il Consiglio a voler procedere alla nomina quale componente della Commissione Sport il signor Rocco Carrassi. 19

20 - Udita la relazione che precede, che si intende fare parte integrante del presente atto; - Richiamati gli artt. n. 19, n. 32 comma 1 c), n. 36 comma 2 c) del vigente Regolamento Comunale del - Richiamati i propri atti 6 e 7 e richiamato l art. 78 c. 2 del Regolamento di Funzionamento del Consiglio Comunale Forma delle votazioni ; - Visti i pareri espressi in base all art. 17 punto 1 del vigente Regolamento Comunale del PROCEDE 1. alla nomina, mediante votazione a schede segrete, del Signor ROCCO CARRASSI quale componente della Commissione Sport ; VOTAZIONE : a schede segrete SCRUTATORI: Pasquinelli, Carioti e Barelli CONSIGLIERI PRESENTI e VOTANTI: n. 6 VOTI FAVOREVOLI: n. 6 La votazione dà il seguente risultato: COMMISSIONE SPORT: - ROCCO CARRASSI Voti n. 6 Visti i risultati della votazione, il Presidente dichiara eletto quale componente della Commissione Sport il signor ROCCO CARRASSI. 20

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA

STATUTO ALLEGATO A. È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 1. Denominazione STATUTO ALLEGATO A È costituita l Associazione culturale senza fini di lucro denominata ASSOCIAZIONE AMICI DELLA SMS BIBLIO PISA Art. 2. Sede L Associazione ha sede legale in Pisa

Dettagli

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015

Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico. Sala della Giostra 19/09/2015 Cittadini e Amministrazione insieme per progettare il nuovo volto del Centro Storico Sala della Giostra 19/09/2015 Presentazione Risultati - Il programma Accoglienza partecipanti e caffè di benvenuto Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

CITTA DI TORINO Provvedimento del Consiglio Circoscrizionale N. 10 MIRAFIORI SUD Estratto del verbale della seduta del 10 Luglio 2007

CITTA DI TORINO Provvedimento del Consiglio Circoscrizionale N. 10 MIRAFIORI SUD Estratto del verbale della seduta del 10 Luglio 2007 MECC. N. 2007 04396/093 NUM. DOC. 72/2007 CITTA DI TORINO Provvedimento del Consiglio Circoscrizionale N. 10 MIRAFIORI SUD Estratto del verbale della seduta del 10 Luglio 2007 Convocato il Consiglio di

Dettagli

Fondazione Istituto Andrea Devoto

Fondazione Istituto Andrea Devoto Fondazione Istituto Andrea Devoto Istituto di ricerca sulle marginalità e polidipendenze ONLUS Allegato al verbale del Consiglio di Amministrazione del Preambolo. Ai sensi dell articolo 11, lettera m e

Dettagli

COMUNE DI LOCERI Provincia dell' Ogliastra

COMUNE DI LOCERI Provincia dell' Ogliastra COPIA COMUNE DI LOCERI Provincia dell' Ogliastra DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 49 del 21/07/2015 OGGETTO: BANDO GAL MISURA 322 SVILUPPO E RINNOVAZIONE DEI VILLAGGI AZIONE 1 INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE

Dettagli

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Provincia di Rimini - Corso d'augusto, 231 - Rimini

GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA. Provincia di Rimini - Corso d'augusto, 231 - Rimini Progr.Num. 1329/2015 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 14 del mese di settembre dell' anno 2015 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori:

Dettagli

Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea

Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea Associazione Genitori Scuola Fabbri Verbale di Assemblea Milano, 14 ottobre 2013 Lunedì 14 ottobre 2013 alle ore 21,00 si è tenuto nei locali della Scuola Primaria F. e T. Fabbri, il primo incontro dell

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO

DELIBERAZIONE DEL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 1 CENTRO DELIBERAZIONE DEL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO N. 25 CDQ 1 Centro Seduta del 16.09.2010 N. Reg.Speciale OGGETTO: Associazione Collegio Universitario Don

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 06738/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 06738/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali Direzione Politiche e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 06738/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 318 approvata il 9 dicembre

Dettagli

COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di PARMA

COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di PARMA COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di PARMA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 111 DEL 26/11/2014 Oggetto: CONTRIBUTO ALLA ASSOCIAZIONE ITALIANA DONATORI DI ORGANI,TESSUTI E CELLULE- GRUPPOCOMPRENSORIALE

Dettagli

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1

6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 6.2.4 REGOLAMENTO DELL ATTIVITA EROGATIVA SU BANDI 1 Articolo 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina, in attuazione di quanto previsto all articolo 13, lettera g), dello Statuto della

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Viene sottoposta al Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione. IL CONSIGLIO COMUNALE In continuazione di seduta Vista la delibera di G.M. n. 104 del 20/11/2015 con la quale è stato approvato

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2630 Prot. n. 91/08-5-S112 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Dodicesimo aggiornamento del Piano degli investimenti per il Sistema

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013

DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 DELIBERAZIONE N X / 904 Seduta del 08/11/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96

Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori 21/11/2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 96 Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 19 novembre 2013, n. 385 Approvazione dei criteri e modalità per l'utilizzo del Fondo per prevenire e combattere il fenomeno dell'usura,

Dettagli

COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA. Verbale di deliberazione del. Consiglio Comunale. n. 21

COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA. Verbale di deliberazione del. Consiglio Comunale. n. 21 COMUNE DI PISOGNE PROVINCIA DI BRESCIA Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 OGGETTO: MODIFICA ART.1 DEL REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE SPORT E GESTIONE DELLE PALESTRE - Adunanza

Dettagli

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014

Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 7 - Venerdì 14 febbraio 2014 11 D.g.r. 7 febbraio 2014 - n. X/1339 Incentivi per la riqualificazione degli ostelli della gioventù di proprietà di enti pubblici attraverso l adeguamento al regolamento regionale n. 2/2011 recante Definizione

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012

ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 INDICE ALLEGATO alla delibera C.P. nn. 76/67066 del 13-9-2012 L.R. 1/2000 e successive modifiche Indirizzi provinciali per lo sviluppo, il consolidamento e la qualificazione dei servizi educativi rivolti

Dettagli

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi

Bilancio Partecipativo 2015. Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Bilancio Partecipativo 2015 Una iniziativa promossa dall Assessorato allo Sviluppo dei Processi Partecipativi Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Che cos'è il Bilancio Partecipativo? Il Bilancio Partecipativo

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLA CONSULTA DEI GIOVANI

COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLA CONSULTA DEI GIOVANI ORIGINALE COMUNE DI CLUSONE Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERA N. 241 DEL 30/12/2014 OGGETTO: CONTRIBUTO STRAORDINARIO ALLA CONSULTA DEI GIOVANI L'anno duemilaquattordici,

Dettagli

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI

FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI FORUM COMUNALE DEI GIOVANI E DELLE AGGREGAZIONI GIOVANILI REGOLAMENTO Regolamento Forum dei Giovani Pag. 1 di 8 ART.1 Istituzione Il Consiglio Comunale della Città di Pollena Trocchia riconosciuto: l importanza

Dettagli

CITTA' DI TORINO PROVVEDIMENTO DEL CONSIGLIO DI CIRCOSCRIZIONE II 8 NOVEMBRE 2010

CITTA' DI TORINO PROVVEDIMENTO DEL CONSIGLIO DI CIRCOSCRIZIONE II 8 NOVEMBRE 2010 MECC. N. 2010 06601/085 VDG SAL DECENTRAMENTO 2^ CIRCOSCRIZIONE SANTA RITA - MIRAFIORI NORD N. DOC. 74/10 CITTA' DI TORINO PROVVEDIMENTO DEL CONSIGLIO DI CIRCOSCRIZIONE II 8 NOVEMBRE 2010 Il Consiglio

Dettagli

G.A.L. SGT FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE (SOLE, GRANO, TERRA) SARRABUS, GERREI, TREXENTA, CAMPIDANO DI CAGLIARI

G.A.L. SGT FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE (SOLE, GRANO, TERRA) SARRABUS, GERREI, TREXENTA, CAMPIDANO DI CAGLIARI G.A.L. SGT FONDAZIONE DI PARTECIPAZIONE (SOLE, GRANO, TERRA) SARRABUS, GERREI, TREXENTA, CAMPIDANO DI CAGLIARI SEDE LEGALE: SAN BASILIO VIA CROCE DI FERRO N 32 C.F. 92167810925 VERBALE ASSEMBLEA DEI SOCI

Dettagli

Su relazione del Dirigente del Settore e proposta dell Assessore prof. Antonio Prencipe

Su relazione del Dirigente del Settore e proposta dell Assessore prof. Antonio Prencipe Su relazione del Dirigente del Settore e proposta dell Assessore prof. Antonio Prencipe Oggetto: Servizio di gestione e telecontrollo dell impianto di pubblica illuminazione nel territorio comunale, previo

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 00231/019 Servizio Vigilanza, Sicurezza, SFEP e Servizi Sociali CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 8 approvata

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO

COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO COMUNE DI PISA D I R E Z I O N E SERVIZI ISTITUZIONALI CULTURA TURISMO OGGETTO: APPROVAZIONE BANDO ANNO 2014 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ORDINARI. SETTORE D INTERVENTO : CULTURA. PRENOTAZIONE IMPEGNO

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 4 agosto 2010, n. 1832. Approvazione del progetto esecutivo del Piano di Comunicazione del PSR PUGLIA 2007-2013

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 4 agosto 2010, n. 1832. Approvazione del progetto esecutivo del Piano di Comunicazione del PSR PUGLIA 2007-2013 25258 comma 2 dell articolo 7 del Decreto del Presidente della Giunta Regionale 3 marzo 201, n. 215 - il divieto di bruciare le stoppie e qualsiasi materiale vegetale su tutto il territorio regionale prima

Dettagli

DELLA GIUNTA COMUNALE

DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.75 25.05.2013 OGGETTO: ANTICIPAZIONE DI LIQUIDITA' AI SENSI DELL'ARTICOLO 1, COMMA 13 DEL D.L. 08.04.2013,

Dettagli

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione

Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione ALLEGATO 2 (SCHEMA TIPO) Statuto dell Organizzazione di Volontariato Associazione Art. 1 Costituzione e Sede E costituita ai sensi dell art. 36 e seguenti del C.C., l Organizzazione di Volontariato denominata,

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73

Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 Bollettino Ufficiale n. 4/I-II del 26/01/2010 / Amtsblatt Nr. 4/I-II vom 26/01/2010 73 56384 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI

C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI C O M U N E D I O R B E T E L L O (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE E DI BENEFICI ECONOMICI Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento disciplina

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO

PREMESSA ART. 1 - FINALITA DEL BANDO Anno Accademico 2014/2015 - BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE: A) ATTIVITA CULTURALI E SOCIALI B) ATTIVITA DELLE ASSOCIAZIONI STUDENTESCHE UNIVERSITARIE PREMESSA Il presente bando - finanziato dall UniMoRe

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ

STATUTO ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ ASSOCIAZIONE VOLONTARI LA REALTÀ Via Contea, 1 31055 QUINTO DI TREVISO Cod. Fisc. 94020520261 Iscritta al registro regionale delle Associazioni di Volontariato al n. TV/0130 ONLUS STATUTO ASSOCIAZIONE

Dettagli

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1

Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 Allegato A REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI IN FORMA CIVILE ART.1 La celebrazione del matrimonio, come regolato degli art.101 e 106 e seguenti del Codice Civile, è attività istituzionale garantita.

Dettagli

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà:

Presidente Ringrazio il Sindaco. Chiedo chi vuole fare l intervento?. Ha chiesto la parola la consigliera Bosso, ne ha facoltà: CONSIGLIO COMUNALE DEL 18.12.2015 Interventi dei sigg. consiglieri Armonizzazione dei sistemi e degli schemi contabili di cui al D.Lgs. n.118/2011, rinvio al 2016 dell adozione del principio della contabilità

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 40 Reg. Seduta del 21/11/2012 OGGETTO SPESE PER MATERIALI DI PULIZIA DESTINATI ALLE SCUOLE STATALI PRESENTI SUL

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ATTO N. 19 del 02.07.2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. ATTO N. 19 del 02.07.2014 COMUNE DI MARZIO PROVINCIA DI VARESE Via Marchese Menefoglio n. 3 - CAP. 21030 - TEL 0332.727851 FAX 0332.727937 E-mail: info@comune.marzio.va.it PEC:comune.marzio@pec.regione.lombardia.it COPIA VERBALE

Dettagli

STATUTO FORUM DEI GIOVANI

STATUTO FORUM DEI GIOVANI STATUTO FORUM DEI GIOVANI ART.1 ADOZIONE DELLO STATUTO L Amministrazione Comunale di Osimo, con deliberazione del Consiglio Comunale del 3.8.2011, riconosciute: - l importanza di coinvolgere i giovani

Dettagli

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI CORI REGOLAMENTO CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI COMUNE DI CORI REGOLAMENTO CELEBRAZIONE MATRIMONI CIVILI Delibera Consiliare n. 15 del 15/03/2011 Pubblicata dal 12/4/2011 al 26/4/2011 1 Art. 1 Oggetto e finalità del regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite.

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite. Odg 1. isf italia Guido: piccola storia isf italia Quest anno week-end nazionale ad Ancona ma sovrapposto con altri eventi qui a TN (festa di mesiano). Cmq c è stato movimento e dopo percorso fatto dalle

Dettagli

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1

93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 93 del 12 OTTOBRE 2004 PROT. N. 32654 1 OGGETTO: ADESIONE AL PROGETTO METANO PROMOSSO DAL COMUNE DI TORINO E PREORDINATO A LIMITARE GLI EFFETTI INQUINANTI SULL AMBIENTE DEI TRADIZIONALI GAS DI SCARICO.

Dettagli

COMUNE DI PADOVA DELIBERAZIONE DELL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N.2 NORD

COMUNE DI PADOVA DELIBERAZIONE DELL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N.2 NORD 1 COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 2 Nord DELIBERAZIONE DELL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N.2 NORD N.54 (quartiere) Seduta del 07.12.2013 N. Reg.Speciale (Uff.coord.) OGGETTO: COLLABORAZIONE DEL QUARTIERE CON

Dettagli

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco

Proposte Didattiche. Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Proposte Didattiche Asilo Nido Bolle di Musica Via Somalia 1a/5 Grugliasco Il Progetto Un bambino è una persona piccola, con piccole mani, piccoli piedi e piccole orecchie, ma non per questo con idee piccole.

Dettagli

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 1 CENTRO DELIBERAZIONE DEL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 1 CENTRO DELIBERAZIONE DEL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 1 CENTRO DELIBERAZIONE DEL ESECUTIVO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO N. 48 di Reg Originale (quartiere) N. di Reg Speciale (Uff.coord.) Seduta del 12.10.2010 OGGETTO: Contributi

Dettagli

VISTO DI REGOLARITA CONTABILE SU DETERMINA

VISTO DI REGOLARITA CONTABILE SU DETERMINA VISTO DI REGOLARITA CONTABILE SU DETERMINA N. proposta 313 del 2015 N. 275 del 11-03-2015 del Registro Generale OGGETTO: AFFIDAMENTO INCARICO DI REDAZIONE DEL DOSSIER DI CANDIDATURA PER I PROGRAMMI DI

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE C O M U N E D I E M P O L I SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE S E R V I Z I O U R B A N I S T I C A SETTORE AMBIENTE, SICUREZZA E ATTIVITA PRODUTTIVE S E R V I Z I O A M B I E N T E, S I C U R E Z Z

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

Comune di Golasecca GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.42 DEL 19/03/2016

Comune di Golasecca GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.42 DEL 19/03/2016 Copia Comune di Golasecca PROVINCIA DI VARESE GIUNTA COMUNALE VERBALE DI DELIBERAZIONE N.42 DEL 19/03/2016 OGGETTO: APPROVAZIONE RELAZIONE A CONSUNTIVO ANNO 2016 DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETÀ PARTECIPATE

Dettagli

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO

CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO CITTÀ DI PIANO DI SORRENTO Provincia di Napoli DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 187 del 11/09/2014 OGGETTO: RECUPERO CREDITI: CONTRATTO REP. N. 2360/35 DEL 2007. INCARICO LEGALE. L'anno 2014, il giorno

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DELLA SECONDA EDIZIONE DEL BILANCIO PARTECIPATIVO DEL COMUNE DI LEGNANO PREMESSA L Amministrazione Comunale ha indicato nelle LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI E AI PROGETTI DA REALIZZARSI NEL CORSO DEL MANDATO 2012/2017, all interno del capitolo Cittadinanza attiva

Dettagli

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri).

(Durante la discussione entra in aula l assessore Tentorio ed esce il consigliere Personeni; sono presenti n. 34 consiglieri). Il Presidente propone la trattazione dell ordine del giorno urgente presentato dal gruppo consiliare Lega Nord Lega Lombarda avente per oggetto: Accesso al contributo regionale per l installazione di pannelli

Dettagli

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa

CITTÀ DI ISPICA Provincia di Ragusa Letto, confermato e sottoscritto IL SEGRETARIO GENERALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO F.TO: B. BUSCEMA F.TO: G. QUARRELLA CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE La presente deliberazione verrà affissa all albo Pretorio

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI MONTESCUDO PROVINCIA DI RIMINI ORIGINALE di deliberazione della Giunta Comunale N. 24 Reg. Seduta del 07/05/2015 OGGETTO: PROGRAMMA NUOVI PROGETTI INTERVENTI, PREVISTO DALL ART. 3 COMMI 2-3 DEL

Dettagli

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta

COPIA. Verbale di deliberazione della Giunta COMUNE DI AGNOSINE DELIBERAZIONE N. 54 COPIA in data 24/09/2015 Verbale di deliberazione della Giunta OGGETTO: ADESIONE A DOTE SPORT REGIONE LOMBARDIA CONTRIBUTO FINO A 200 EURO SPESE CORSI ATTIVITÀ SPORTIVE

Dettagli

Salviamo Paganica ONLUS

Salviamo Paganica ONLUS Il direttivo dell Associazione, si è riunito in data 27 giugno 2011, alle ore 21:00, presso il Centro Civico di. Risultano presenti: Cognome Nome Presente CICINO Franco X DE PAULIS Francesco X PERNA Paolo

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE

STATUTO ASSOCIAZIONE STATUTO ASSOCIAZIONE TITOLO 1: DISPOSIZIONI GENERALI Art 1 Denominazione e sede. Ai sensi della legge 7 dicembre 2000, n. 383, e delle norme del codice civile in tema di associazioni è costituita l Associazione

Dettagli

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno

COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno COMUNE DI SALA CONSILINA Provincia di Salerno GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE *** COPIA *** numero 48 del 14-04-2015 OGGETTO: PROGRAMMA "LE GIORNATE DELL'AMBIENTE". APPROVAZIONE. L'anno duemilaquindici addì

Dettagli

OGGETTO: Ristrutturazione e nuova costruzione Poligono di Tiro. Approvazione progetto definitivo.

OGGETTO: Ristrutturazione e nuova costruzione Poligono di Tiro. Approvazione progetto definitivo. 87 del 28 LUGLIO 2000 PROT. N. 23891 1 OGGETTO: Ristrutturazione e nuova costruzione Poligono di Tiro. Approvazione progetto definitivo. L anno duemila, addì ventotto del mese di luglio in Macerata e nella

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 24 novembre 2015

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 24 novembre 2015 Direzione Commercio, Lavoro, Innovazione e Sistema Informativo 2015 05895/016 Area Commercio e Attività Produttive Servizio Attività Economiche e di Servizio SUAP - Pianificazione Commerciale CT 5 CITTÀ

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 66 del 06-07-2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 66 del 06-07-2011 COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 66 del 06-07-2011 Oggetto: MANIFESTAZIONE 10^ RADUNO DELLE MITICHE 500 E DELLE AUTO STORICHE. DIRETTIVE AI

Dettagli

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 1 CENTRO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO

COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 1 CENTRO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO COMUNE DI PADOVA QUARTIERE N. 1 CENTRO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO CIRCOSCRIZIONALE N. 1 CENTRO N. 37 di Reg Originale (quartiere) Seduta del 26.11.2012 N. di Reg Speciale (Uff.coord.) OGGETTO: Contributo

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 02564/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 02564/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 02564/019 Servizio Coordinamento Servizi Sociali, SFEP, Vigilanza e Sicurezza CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale all Albo ufficiale con la pubblicazione di documenti digitali sui siti informatici;

che prevede l obbligo di sostituire la pubblicazione tradizionale all Albo ufficiale con la pubblicazione di documenti digitali sui siti informatici; 12094 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 49 del 09 04 2015 Il presente provvedimento, composto da n. 4 pagine: è redatto in unico esemplare è immediatamente esecutivo; si dà atto che per il presente

Dettagli

38 del 04 FEBBRAIO 2004 PROT. N. 3382 1

38 del 04 FEBBRAIO 2004 PROT. N. 3382 1 38 del 04 FEBBRAIO 2004 PROT. N. 3382 1 OGGETTO: Parcheggio Giardini Diaz e relativo percorso pedonale meccanizzato Determinazioni in ordine alle problematiche inerenti le rilevate infiltrazioni di acqua

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA ************************ VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 85 *********************************

COMUNE DI SALUGGIA ************************ VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 85 ********************************* COMUNE DI SALUGGIA ************************ VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 85 ********************************* OGGETTO: Saluggia Social Card Determinazioni per la concessione dei prestiti

Dettagli

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina

COMUNE DI GAETA Provincia di Latina COMUNE DI GAETA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DI GIUNTA N 253 del 29/09/2015 OGGETTO Partecipazione all Avviso pubblico regionale per la concessione e l erogazione di un finanziamento per il

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLA CONSULTA FEMMINILE DEL COMUNE DI SOLARINO Art. 1 - Istituzione della Consulta Ai sensi dell art. 80 dello Statuto Comunale e deliberazione del C.C. n 55 del 13/11/2008

Dettagli

COMUNE DI PONTEDASSIO

COMUNE DI PONTEDASSIO COMUNE DI PONTEDASSIO Provincia di Imperia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE X ORIGINALE COPIA CONFORME Delibera n. 013 anno 2013 OGGETTO: COOPERATIVA LA SPERANZA APPROVAZIONE BOZZA DI CONVENZIONE PULIZIA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E PLURIENNALE 2015/2017

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: VARIAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE 2015 E PLURIENNALE 2015/2017 COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DELIBERAZIONE N. 36 DEL 25/06/2015

Dettagli

DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI BORGETTO Provincia di Palermo DELIBERAZIONE COPIA DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 3 Del 26 Gennaio 2015 L anno Duemilaquindici il giorno Ventisei del mese di Gennaio alle ore 10:00, nella

Dettagli

Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna

Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna Perugia Viale Roma, 15 tel. e fax 075 5724328 cell. 329 2933602 email: presidenza@istitutosantanna.com web: www.istitutosantanna.com Perugia, 23 marzo

Dettagli

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT

GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT GIARDINI CONDIVISI LE REGOLE PER IL NON PROFIT A cura di Giulia Oriani, Franco Beccari Redazione Ciessevi Con la collaborazione di Legambiente Milano Si ringrazia il Comune di Milano per il contributo

Dettagli

VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013. Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino

VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013. Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino VERBALE DI ASSEMBLEA DEL 20 MARZO 2013 Oggi, 20 marzo 2013 alle ore 18.00, presso la sede sociale in Sambuceto di San Giovanni Teatino (CH), Largo Wojtyla, 19 si è riunita l assemblea della società FB

Dettagli

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto:

LA GIUNTA. A voti unanimi e palesi, anche per quanto riguarda l immediata esecutività dell atto: Oggetto: Modifica di alcune condizioni di svolgimento del Telelavoro nella Provincia di Bologna. Approvazione del relativo Progetto Generale e autorizzazione alla sottoscrizione del Contratto Collettivo

Dettagli

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale

COMUNE DI SUNO. Provincia di NOVARA. Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale COPIA Delibera n 30/2014 COMUNE DI SUNO Provincia di NOVARA Processo verbale delle deliberazioni della Giunta Comunale Seduta del 22/04/2014 - delibera n.30 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE

Dettagli

della GIUNTA COMUNALE N.89

della GIUNTA COMUNALE N.89 P R O V I N C I A D I T O R I N O C I T T À D I S U S A C o p i a VERBALE DI DELIBERAZIONE della GIUNTA COMUNALE N.89 OGGETTO: Assegnazione di unità abitativa di "Pronto intervento" con carattere precario

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PIEVE D OLMI SEDUTA DEL 16 DICEMBRE 2015 Provincia di Cremona DELIBERAZIONE N. 87 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA CONFORME ALL ORIGINALE OGGETTO: ADESIONE ALLA CONVENZIONE

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI

STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI STATUTO FONDAZIONE ASCOLTA E VIVI Art. 1 DENOMINAZIONE 1. E costituita la fondazione denominata Fondazione Ascolta e Vivi, in seguito chiamata per brevità fondazione, con sede legale a Milano via Foppa

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 740 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 20 dicembre 2011, n. 2883 Legge regionale n. 33/2006 Norme per lo Sviluppo dello Sport per Tutti Articolo 5 - Approvazione Protocollo d intesa e Convenzione tra

Dettagli

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis STATUTO CONSULTA GIOVANILE COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 21 DEL 06.03.2008) (MODIFICATO CON DELIBERA C.C. NR. 8 DEL 10.03.2009). I N D I C E CAPO I NORME

Dettagli

Rep. N. /ATTI PRIVATI CONVENZIONE

Rep. N. /ATTI PRIVATI CONVENZIONE Allegato alla delibera dell Organo esecutivo n. 44 dd. 9 marzo 2015 IL SEGRETARIO GENERALE dott. Roberto Lazzarotto Rep. N. /ATTI PRIVATI CONVENZIONE Affido incarico per la realizzazione di un progetto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE CASA ALPINA "CABRINI-BRESCIANI" Ente Morale R.D.10.2.1927 I.P.A.B. Legge 6972/1890 C E R E A (Verona) ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE N. 08 DEL 20/04/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO

Dettagli

Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Organizzazione 2014 02021/004 Servizio Formazione Ente CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 615 approvata il 24 aprile 2014 DETERMINAZIONE: AFFIDAMENTO IN ECONOMIA E ISCRIZIONE

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 352 IN DATA 20/07/2009 PROTOCOLLO N 0034648 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 22/07/09 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: E.N.P.A.

Dettagli

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi*

Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il Segretariato Sociale: uno strumento in via di estinzione? di Silvia Clementi* Il segretariato sociale ha una storia e una tradizione che hanno accompagnato la professione dalla sua nascita, e pertanto

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 014/2008

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 014/2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA ESECUTIVA N. 014/2008 OGGETTO: Approvazione progetto realizzazione impianto fotovoltaico presso la Cascina Le Vallere. L anno duemilaotto addì diciotto del mese di

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

C O M U N E D I S E N I G A L L I A

C O M U N E D I S E N I G A L L I A C O M U N E D I S E N I G A L L I A PROVINCIA DI ANCONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N 73 Seduta del 07/04/2015 OGGETTO: ADESIONE ALLA PROPOSTA DELLA SOCIETÀ EUROPA SERVIZI SRL PER LA MESSA IN

Dettagli

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di

Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato. Il giorno, alle ore, nel Comune di Atto costitutivo dell associazione - organizzazione di volontariato Il giorno, alle ore, nel Comune di Via n. con la presente scrittura privata si sono riuniti i sig.ri (1): per costituire l organizzazione

Dettagli

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014.

Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014. Deliberazione della Giunta esecutiva n. 85 di data 14 luglio 2014. Oggetto: Approvazione del protocollo di intenti da sottoscrivere con il sig. Luca Persiani in caso di aggiudicazione del finanziamento

Dettagli

PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE)

PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE) 1 BANDO N. 2 ANNO 2014 PER IL SOSTEGNO DI ASILI NIDO, SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E SCUOLE PER L INFANZIA (ENTI PARITARI GESTITI DAL PRIVATO SOCIALE) SETTORI DI INTERVENTO: ASSISTENZA SOCIALE EDUCAZIONE,

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA MUNICIPALE N. 26 del Reg. DATA: 07.03.2014 OGGETTO: Progetto di georeferenziazione delle infrastrutture a rete di proprietà

Dettagli