Gestione clinica dei pazienti affetti da retinite pigmentosa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione clinica dei pazienti affetti da retinite pigmentosa"

Transcript

1 Gestione clinica dei pazienti affetti da retinite pigmentosa L Ambulatorio Ipovisione Retinite Pigmentosa dell Azienda ULSS 15 Alta Padovana, attivo presso l U.O.A. di Oculistica del P.O. di Camposampiero (PD) utilizza attualmente diversi protocolli clinici e certificativi dedicati ai pazienti affetti da eredo-degenerazioni tapeto-retiniche, tra le quali la più frequente tipologia è rappresentata dalla Retinite Pigmentosa (RP). Le eredo-degenerazioni tapeto-retiniche sono considerate Malattie Rare, per le quali è prevista una specifica Certificazione che rende il paziente esente dal pagamento del ticket sanitario relativo a tutte le prestazioni diagnostico-terapeutiche oculistiche erogate dal Servizio Sanitario Nazionale. Nell ambito dell attività dell Ambulatorio Ipovisione Retinite Pigmentosa, la più consueta tipologia di Certificazione di Malattia Rara riguarda le Distrofie retiniche ereditarie (identificate con codice RFG110, relativo sia alle forme tipiche che atipiche di RP), seguita da quella concernente alle Distrofie ereditarie della coroide (codice RFG120). Descrizione sintetica della Retinite Pigmentosa Retinite Pigmentosa: problematiche epidemiologiche e ricadute clinico-terapeutiche Protocolli diagnostici specifici per pazienti con sospetto di Retinite Pigmentosa Protocolli terapeutici specifici per pazienti con Retinite Pigmentosa Filtri anti-fototossici a nanometri controllati Vitamina A palmitato Ossigeno-terapia iperbarica Revisione critica degli altri trattamenti per la Retinite Pigmentosa

2 Descrizione sintetica della Retinite Pigmentosa Nell ambito della terminologia classificativa delle eredo-degenerazioni tapeto-retiniche sono attualmente raggruppate una serie di malattie del segmento posteriore dell occhio. Le differenti forme di retinite pigmentosa (RP) rappresentano le eredo-degenerazioni tapeto-retiniche di più frequente riscontro clinico. La RP tipica rappresenta circa l 85% dei casi diagnosticati (Figura 1) ed è caratterizzata da un progressivo danno neuro-degenerativo a carico prevalentemente dei bastoncelli, i fotorecettori retinici dedicati alla visione notturna ed alla visione periferica. Nei pazienti colpiti da RP tipica in fase iniziale, i sintomi più frequentemente riferiti sono la riduzione delle capacità visive in situazioni di penombra (emeralopia), il restringimento del campo visivo e/o un marcato senso d abbagliamento (fotofobia). Quest ultima sintomatologia è presente anche nei pazienti affetti da RP atipica o inversa che rappresenta circa il 15% dei casi diagnosticati. Tali soggetti, come primo sintomo della malattia, spesso riferiscono anche una riduzione qualitativa e/o quantitativa della visione centrale, conseguente ad un prevalente coinvolgimento dei coni, i fotorecettori retinici dedicati a massimizzare l acuità visiva per lontano e per vicino (lettura/scrittura, riconoscimento dei volti, visione dei colori, etc.) (Figura 2). Figura 1. Retinografia a colori di un occhio affetto da RP tipica (eredo-degenerazione tapeto-retinica con prevalente coinvolgimento dei bastoncelli ovvero dei fotorecettori retinici periferici RP tipo rod-cone). Figura 2. Fluorangiografia retinica di un occhio affetto da RP atipica (eredo-degenerazione tapetoretinica con prevalente coinvolgimento dei coni ovvero dei fotorecettori retinici centrali RP tipo cone-rod). Dopo una fase iniziale quasi del tutto asintomatica, i pazienti cominciano a percepire crescenti difficoltà ad eseguire le normali attività della vita quotidiana (solitamente a partire dalla seconda o terza decade di vita e quindi in piena età scolastica o lavorativa) [1-5]. Le diverse forme di RP rappresentano un gruppo di disordini retinici estremamente eterogeneo, non solo dal punto di vista clinico, ma anche genetico essendo presenti tutte le possibilità di trasmissione ereditaria: autosomica dominante, autosomica recessiva e X-linked (ovvero legata al cromosoma X). Infatti, la malattia può colpire diversi membri oppure diverse generazioni di una stessa famiglia. Esistono, inoltre, forme sporadiche di RP, dovute verosimilmente a mutazioni intercorrenti durante il periodo di sviluppo embrionale della retina. Queste alterazioni eredo-degenerative dei fotorecettori retinici (tapetum) si manifestano più frequentemente come

3 un disturbo isolato, oppure possono far parte di quadri clinici più complessi ad interessamento sistemico (quali, ad esempio, RP associata a abetalipoprteineimia, malattia di Alstrom, sindrome di Bardet-Biedel, sindrome di Cockayane, malattia di Refsum, malattia di Laurence-Moon e le differenti tipologie di sindrome di Usher) [5]. I primi sintomi e/o l esordio clinico della patologia variano dalla prima infanzia all età adulta, dipendendo in parte dal tipo di RP. Il decorso naturale e la progressione della malattia risultano anch essi diversi ed imprevedibili, essendo correlati sia a fattori ereditari, quali l espressività e la penetranza genica, sia a fattori acquisiti come, ad esempio, quelli dipendenti dal livello d esposizione alle radiazione luminose nocive per il tessuto retinico (fototossicità) [5-9]. Riferimenti bibliografici 1. Pagon RA. Retinitis pigmentosa. Surv Ophthalmol 33: ; Jimenez-Sierra JM, Ogden TE, Van Boemel GB. Inherited retinal diseases. A diagnostic guide. The C.V. Mosby Company ed; De Crecchio G, Ambrosio G, Loffredo L, Alfieri MC. Distrofie pigmentarie retiniche: forme atipiche. Monografie della Società Oftalmologica Italiana. I.N.C. Editore, Roma, Italia; Turano KA, Geruschat DR, Sthal JW, Massorf RW. Perceived visual ability for independent mobility in persons with retinitis pigmentosa. Invest Ophthalmol Vis Sci 40: ; Parmeggiani F. Retinopatia pigmentosa: inquadramento clinico e terapeutico. In: Parmeggiani F, Milan E, Steindler P (ed.): La gestione clinica e riabilitativa del paziente ipovedente. Fabiano Editore, Canelli (AT); pp: 81-88; Yuong RW. The family of the sunlight-related eye diseases. Optom Vis Sci 71: ; Miller D. Optics of the normal eye. In: Podos SM, Yanoff M (ed.) Textbook of Ophthalmology. Optics and Refraction. A User- Friendly Guide. Vol. 1. Gower Medical Publishing, pp: ; Miller D. Light damage to the eye. In: Podos SM, Yanoff M (ed.) Textbook of Ophthalmology. Optics and Refraction. A User- Friendly Guide. Vol. 1. Gower Medical Publishing, pp: ; Wenzel A, Grimm C, Samardzija M, Reme CE. Molecular mechanisms of light-induced photoreceptor apoptosis and neuroprotection for retinal degeneration. Prog Retin Eye Res 24: ; 2005.

4 Retinite Pigmentosa: problematiche epidemiologiche e ricadute clinicoterapeutiche Nella realtà territoriale del Veneto, come anche nelle restanti Regioni Italiane, le diverse forme di RP sono troppo spesso non diagnosticate o non certificate. In Italia, i dati epidemiologici relativi alla RP risultano tuttora frammentari e difficilmente reperibili, nonostante che, dal 2006, siano stati attivati diversi Registri Regionali o Interregionali dedicati alle Malattie Rare. In qualità di Centro Regionale ed Interregionale di riferimento per la Retinite Pigmentosa (Deliberazioni della Giunta della Regione Veneto N del 30/12/2003 e N del 03/07/2007), l Ambulatorio Ipovisione Retinite Pigmentosa dell Azienda ULSS 15 Alta Padovana è tenuto a supportare la Direzione Piani e Programmi Socio- Sanitari della Regione Veneto nella definizione del contesto epidemiologico di riferimento (Deliberazione della Giunta della Regione Veneto N. 448 del 24/02/2009), anche se non è ancora possibile accedere alla totalità dei dati disponibili presso il Registro delle Malattie Rare del Veneto (vedi Stime registro nel sito In ogni caso, considerando l incidenza di RP riportata negli altri Paesi Europei (Gran Bretagna, Norvegia, Francia, Danimarca, Slovenia, Spagna e Germania) abitati, come il Veneto, da popolazioni di ceppo prevalentemente Caucasico [1-11], tale patologia appare fortemente sottostimate dal Sistema Sanitario Regionale. Infatti, poiché è quantificabile l esistenza di 1 caso di RP ogni 4000 abitanti, una proiezione realistica indicherebbe la presenza di almeno 1200 pazienti affetti da RP tra la popolazione totale del Veneto (di circa 4.8 milioni di persone) mentre, verosimilmente, tra i residenti della Regione Veneto non sono stati finora certificati più di casi di RP. Sebbene le numerosità di tale lacuna appaia di entità relativamente modesta (circa persone), la mancanza di un adeguato inquadramento diagnostico ed epidemiologico in oltre la metà dei pazienti Veneti affetti da RP è d importanza critica, soprattutto considerando gli aspetti socio-sanitari di una malattia neurodegenerativa con problematiche assistenziali molto complesse. Infatti, la RP è una patologia spesso gravemente invalidante, progressivamente più severa già in età scolastica o lavorativa ed, in molti casi, correlata a significativi rischi procreativi di trasmissione ereditaria. La maggiore attenzione, che dovrebbe essere dedicata alle suddette problematiche epidemiologiche da parte del Sistema Sanitario Italiano, risulta essere una condizione necessaria affinché si possa procedere verso una accurata fenotipizzazione clinica di ciascun paziente con sospetta o accertata diagnosi di RP. Infatti, proprio quest ultimo punto critico rappresenta un presupposto imprescindibile per poter [12-25]: - realizzare un registro differenziato delle varie forme cliniche di RP riguardante non solo il singolo paziente ma anche il suo albero genealogico; - effettuare uno scrupoloso bio-banking del DNA dei pazienti per poter essere pronti ad attuare in modo appropriato quelle strategie di diagnosi molecolare dedicate alle nuove frontiere terapeutiche della RP (sistemi nanotecnologici intra-vitreali per il rilascio continuativo e mirato di farmaci neurotrofici, cellule staminali o pre-staminali retiniche e/o terapie geniche transfettanti diverse parti del DNA umano), che necessitano di ricerche territoriali mirate all interno di ciascuna etnia proprio a causa della grande numerosità e variabilità razziale dei geni-malattia causativi di RP.

5 Riferimenti bibliografici 1. Bundey S, Crews SJ. A study of retinitis pigmentosa in the City of Birmingham. I Prevalence. J Med Genet 21: ; Grøndahl J. Tapeto-retinal degeneration in four Norwegian counties, I. Diagnostic evaluation of 89 probands. Clin Genet 29: 1-16; Grøndahl J. Tapeto-retinal degeneration in four Norwegian counties, II. Diagnostic evaluation of 407 relatives and genetic evaluation of 87 families. Clin Genet 29: 17-41; Grøndahl J. Estimation of prognosis and prevalence of retinitis pigmentosa and Usher syndrome in Norway. Clin Genet 31: ; Puech B, Kostrubiec B, Hache JC, Francois P. Epidemiology and prevalence of hereditary retinal dystrophies in the Northern France. J Fr Ophtalmol 14: ; Haim M, Holm NV, Rosenberg T. A population survey of retinitis pigmentosa and allied disorders in Denmark. Completeness of registration and quality of data. Acta Ophthalmol (Copenh) 70: ; Haim M, Holm NV, Rosenberg T. Prevalence of retinitis pigmentosa and allied disorders in Denmark. I Main results. Acta Ophthalmol (Copenh) 70: ; Haim M. Epidemiology of retinitis pigmentosa in Denmark. Acta Ophthalmol Scand Suppl 233: 1-34; Peterlin B, Canki-Klain N, Morela V, Stirn B, Rainer S, Cerar V. Prevalence of retinitis pigmentosa in Slovenia. Clin Genet 42: ; Nájera C, Millán JM, Beneyto M, Prieto F. Epidemiology of retinitis pigmentosa in the Valencian community (Spain). Genet Epidemiol 12: 37-46; Rohrschneider K, Greim S. Epidemiology of blindness in Baden, Germany. Klin Monatsbl Augenheilkd 221: ; Brand AM, Probst-Hensch NM. Biobanking for epidemiological research and public health. Pathobiology 74: ; Founti P, Topouzis F, van Koolwijk L, Traverso CE, Pfeiffer N, Viswanathan AC. Biobanks and the importance of detailed phenotyping: a case study--the European Glaucoma Society GlaucoGENE project. Br J Ophthalmol 93: ; Daiger SP, Bowne SJ, Sullivan LS. Perspective on genes and mutations causing retinitis pigmentosa. Arch Ophthalmol 125: ; Sieving PA, Caruso RC, Tao W, Coleman HR, Thompson DJ, Fullmer KR, Bush RA. Ciliary neurotrophic factor (CNTF) for human retinal degeneration: phase I trial of CNTF delivered by encapsulated cell intraocular implants. Proc Natl Acad Sci US A 103: ; Tao W. Application of encapsulated cell technology for retinal degenerative diseases. Expert Opin Biol Ther 6: ; MacDonald IM, Sauvé Y, Sieving PA. Preventing blindness in retinal disease: ciliary neurotrophic factor intraocular implants. Can J Ophthalmol 42: ; Mooney I, LaMotte J. A review of the potential to restore vision with stem cells. Clin Exp Optom 91: 78-84; Idelson M, Alper R, Obolensky A, Ben-Shushan E, Hemo I, Yachimovich-Cohen N, Khaner H, Smith Y, Wiser O, Gropp M, Cohen MA, Even-Ram S, Berman-Zaken Y, Matzrafi L, Rechavi G, Banin E, Reubinoff B. Directed differentiation of human embryonic stem cells into functional retinal pigment epithelium cells. Cell Stem Cell 5: ; Buchholz DE, Hikita ST, Rowland TJ, Friedrich AM, Hinman CR, Johnson LV, Clegg DO. Derivation of functional retinal pigmented epithelium from induced pluripotent stem cells. Stem Cells 27: ; Maguire AM, Simonelli F, Pierce EA, Pugh EN Jr, Mingozzi F, Bennicelli J, Banfi S, Marshall KA, Testa F, Surace EM, Rossi S, Lyubarsky A, Arruda VR, Konkle B, Stone E, Sun J, Jacobs J, Dell'Osso L, Hertle R, Ma JX, Redmond TM, Zhu X, Hauck B, Zelenaia O, Shindler KS, Maguire MG, Wright JF, Volpe NJ, McDonnell JW, Auricchio A, High KA, Bennett J. Safety and efficacy of gene transfer for Leber's congenital amaurosis. N Engl J Med 358: ; Bainbridge JW, Smith AJ, Barker SS, Robbie S, Henderson R, Balaggan K, Viswanathan A, Holder GE, Stockman A, Tyler N, Petersen-Jones S, Bhattacharya SS, Thrasher AJ, Fitzke FW, Carter BJ, Rubin GS, Moore AT, Ali RR. Effect of gene therapy on visual function in Leber's congenital amaurosis. N Engl J Med 358: ; Miller JW. Preliminary results of gene therapy for retinal degeneration. N Engl J Med 358: ; Tan MH, Smith AJ, Pawlyk B, Xu X, Liu X, Bainbridge JB, Basche M, McIntosh J, Tran HV, Nathwani A, Li T, Ali RR. Gene therapy for retinitis pigmentosa and Leber congenital amaurosis caused by defects in AIPL1: effective rescue of mouse models of partial and complete Aipl1 deficiency using AAV2/2 and AAV2/8 vectors. Hum Mol Genet 18: ; Smith AJ, Bainbridge JW, Ali RR. Prospects for retinal gene replacement therapy. Trends Genet 25: ; 2009.

6 Protocolli diagnostici specifici per pazienti con sospetto di Retinite Pigmentosa (1) protocollo diagnostico di base, durante il quale sono eseguiti i seguenti esami clinici e strumentali, considerati necessari per un prima diagnosi di RP: - valutazione della acuità visiva, - esame del campo visivo, - elettroretinogramma. (2) protocollo diagnostico di secondo livello, durante il quale sono eseguiti ulteriori esami clinici e strumentali, considerati necessari nei casi di difficile inquadramento diagnostico per RP: - valutazione della sensibilità al contrasto, - tomografia a coerenza ottica della retina (esame OCT, Optical Coherence Tomography), - micro-elettroretinogramma, - elettroretinogramma multifocale. Queste ultime indagini diagnostiche possono essere seguite da altri esami, considerati complementari per la diagnosi di RP, ma talvolta utili per un adeguata diagnosi differenziale e/o per una possibile diagnosi molecolare: - retinografia a colori, - esame microperimetrico, - retinografia ad autofluorescenza (oftalmoscopio a scansione laser confocale), - fluorangiografia retinica, - esame audiometro, - esame olfattometrico, - ecografia renale, - prelievo ematico per l eventuale estrazione di DNA e la ricerca di mutazioni genetiche. [Estratto e modificato dai verbali della Riunione del Comitato Scientifico Nazionale di Retina Italia ONLUS Federazione Italiana per la lotta alle distrofie retiniche del 23 maggio 2009].

7 Protocolli terapeutici specifici per pazienti con Retinite Pigmentosa Prima di focalizzare i possibili protocolli terapeutici dedicati ai pazienti affetti da RP, appare opportuno sottolineare che la terapia della RP è ancora un problema non risolto, nonostante i numerosi tentativi finora condotti. Infatti, non esiste a tutt oggi alcun trattamento per la RP che si sia dimostrato inequivocabilmente efficace in tutti i pazienti utilizzando i criteri di giudizio basati su evidenze oggettive e considerazioni analitiche di tipo statistico. Quindi non sono attualmente presenti a livello nazionale ed internazionale linee guida terapeutiche per la RP basate su trattamenti scientificamente comprovati. Tuttavia, l Ambulatorio Ipovisione Retinite Pigmentosa dell Azienda ULSS 15 Alta Padovana è in grado di consigliare ai pazienti diversi possibili strategie potenzialmente in grado di rallentare il deterioramento delle capacità visive secondario alla degenerazione retinica propria della RP, indicando anche le più plausibili prospettive future di trattamento. In attesa dell effettiva fattibilità delle nuove frontiere terapeutiche quali, principalmente, la terapia genetica intra-oculare, la somministrazione di fattori neurotrofici mediante sistemi miniaturizzati intra-vitreali, l impianto di microchip retinici di tipo nanotecnologico, l inserimento intra-retinico di cellule staminali, è proprio la mancanza di trattamenti efficaci nei confronti della RP che rende opportuno (soprattutto nei casi precocemente diagnosticati) un approccio complessivo basato anche sulle evidenze sperimentali e/o cliniche riguardanti: - lenti filtranti anti-fototossiche a nanometri controllati, - vitamina A palmitato, - ossigeno-terapia iperbarica. Nel corso dell effettuazione di tutte queste opportunità terapeutiche, non appare solitamente controindicata l eventuale associazione con supplementazione dietetica di integratori ad azione antiossidante, immuno-modulatrice e/o coadiuvante del microcircolo capillare retinico (sebbene non esista nessun dato medico-scientifico a sostegno della loro reale efficacia).

8 Filtri anti-fototossici a nanometri controllati Il rationale clinico per l utilizzo di queste lenti filtranti foto-selettive è basato sulla possibilità di ridurre l effetto tossico che la luce provoca a livello retinico. La luce solare come anche alcune sorgenti luminose artificiali (in particolare le luci alogene) emettono un range molto ampio di lunghezze d'onda (λ), che in parte risulta dannoso per la retina: i. raggi ultravioletti (radiazioni con λ = nanometri); ii. luce blu ad alta energia (radiazioni con λ = nanometri). La foto-tossicità retinica di tali radiazioni luminose è stata dimostrata su modelli sperimentali di RP. L utilizzo continuativo dei filtri a nanometri controllati è in grado di ridurre marcatamente l arrivo a livello retinico sia delle radiazioni ultraviolette sia delle luci blu, suggerendo un loro possibile rationale preventivo nei confronti della RP. Negli ultimi anni, queste specifiche lenti medicali sono state rese disponibili in numerose colorazioni da cui dipende il blocco delle varie lunghezze d onda luminose. Esse possono essere usate sia in ambienti esterni (lenti scure) che interni (lenti chiare), aumentando la sensibilità al contrasto e riducendo il senso d abbagliamento e la fotofobia nella grande maggioranza dei pazienti con RP. Tali possibilità sottolineano anche l importanza riabilitativa dei filtri a nanometri controllati, per ottimizzare la qualità della visione nelle persone colpite da RP, che sono fortemente consigliati ad una prova soggettiva delle lenti prima della loro scelta definitiva [1-4]. Vitamina A palmitato In alcune casistiche di pazienti con RP trattati, in modo continuativo, mediante supplementazione dietetica per via orale con vitamina A ad alti dosaggi ( Unità Internazionali al giorno) sono stati talvolta osservati risultati abbastanza soddisfacenti nella stabilizzazione del quadro campimetricofunzionale, oftalmoscopico ed elettroretinografico [5-9]. La terapia con vitamina A, eseguita a mediolungo termine, deve sempre essere preceduta ed accompagnata da periodici controlli ematochimici della funzionalità epatica, talvolta alterata per problemi di accumulo del farmaco (in tale eventualità in farmaco deve essere immediatamente sospeso) [3]. Il medesimo gruppo di ricerca che ha riportato i risultati citati in precedenza, ha successivamente evidenziato come nei pazienti affetti da RP in trattamento con vitamina A, la supplementazione dietetica per via orale mediante acido docosaesaenoico (DHA, 1200 mg al giorno), un acido grasso della classe omega-3, abbia ulteriormente rafforzato le possibilità di rallentare la progressione della RP in casi clinici selezionati [8-11]. Ossigeno-terapia iperbarica In alcune casistiche di pazienti affetti da RP e periodicamente sottoposti, in modo continuativo, a sedute di camera iperbarica (90 minuti di O 2 al giorno, a 2.2 AtA atmosfere assolute, per 5 giorni alla settimana per 1 mese, 1 settimana al mese per i successivi 11 mesi, 1 settimana ogni 3 mesi per i successivi 2 anni) sono stati talvolta osservati risultati soddisfacenti a lungo termine (10 anni) nella stabilizzazione del quadro campimetrico-funzionale, oftalmoscopico ed elettroretinografico. Questo protocollo curativo con sedute di ossigeno-terapia iperbarica ha evidenziato, in casi clinici selezionati di RP, una maggiore possibilità di rallentare la progressione della malattia rispetto al trattamento con vitamina A ad alti dosaggi [12, 13]. Infine, l Ambulatorio Ipovisione Retinite Pigmentosa dell Azienda ULSS 15 Alta Padovana è in grado di

9 consigliare ai pazienti la più opportuna gestione diagnostico-terapeutica personalizzata delle patologie oculari che più frequentemente complicano il quadro clinico di RP quali, principalmente: - la cataratta (la cui insorgenza non deve essere considerata sinonimo d intervento d estrazione chirurgica specie nei casi lieve e/o limitata opacizzazione del cristallino) [14]; - l edema maculare cistoide (di tipo degenerativo, trazionale e/o post-chirurgico la cui evoluzione appare talvolta controllabile mediante l utilizzo di inibitori dell anidrasi carbonica [15]. Revisione critica degli altri trattamenti per la Retinite Pigmentosa Fin dall inizio del 900 sono stati proposti e valutati oltre 50 tipi di trattamenti diversi per la RP. Purtroppo, per nessuno di essi è stata mai comprovata una reale validità terapeutica utilizzando i parametri d efficacia dettati dalla evidence-based medicine, ovvero considerando i risultati di studi medico-clinici basati su evidenze scientifiche di tipo statistico. Schematicamente, possiamo ricordare alcuni di questi approcci (terapie chirurgiche, farmacologiche e con agenti fisici) che, attualmente, non sono consigliati dai Sistemi Sanitari dei Paesi ad elevato tasso di sviluppo socio-economico (USA, Canada, Australia e Paesi appartenenti alla Comunità Europea): interventi di cosiddetta chirurgia rivitalizzante retinica mediante innesti retro-coroideali di tipo autologo o eterologo, iniezioni para-chirurgiche di diversi farmaci o molecole in sede intra-vitreale, peri- o retro-bulbare e sotto-congiuntivale, miscele vitaminiche, miscele enzimatiche, aminoacidi, sali minerali, L-Dopa, estratti lipoidei di retina, miscele di gangliosidi o di nucleotidi, vasodilatatori, emoreologici, antiaggreganti piastrinici, inibitori dell anidrasi carbonica, sostanze antiossidanti, agenti immunomodulatori, qualsiasi tipologia di laser-terapia, magnetoterapia, ultrasuoni, agopuntura, elettro-stimolazione, eccetera. In particolare, Tra il 1993 ed il 1997 a Cuba, era stata proposta una nuova metodica terapeutica combinata, specifica per pazienti affetti da RP. Il cosiddetto trattamento Cubano consiste in: i. trattamento chirurgico, denominato rivitalizzante, che consiste nell inserzione di ampi lembi di tessuto adipo-vascolare orbitario autologo a livello del letto sclerocoroideale medio periferico per un estensione di circa 180 ; ii. 1 o 2 sedute di ozonoterapia per via endovenosa ogni anno; iii trattamenti elettrostimolativi cranio-orbitari ogni anno; iv. somministrazione sistemica personalizzata di alcuni farmaci ad azione di volta in volta emorelogica, antiischemica cellulare, antiossidante e/o immunomodulatrice. I risultati, riportati in 195 pazienti, sono stati confrontati con l evoluzione naturale della RP e si sono rivelati relativamente incoraggianti, soprattutto nei pazienti affetti dagli stadi iniziali della malattia: dopo l intervento l acuità visiva migliorava (anche se in maniera statisticamente non significativa), mentre il campo visivo (eseguito peraltro soltanto con metodiche cinetiche non computerizzate) appariva migliorato o stabilizzato in circa il 90% dei pazienti studiati [16-20]. Nonostante questi dati, basati sulla comparazione di valutazioni funzionali ma non elettroretinografiche, attualmente questa metodica di trattamento della RP, come anche altre simili strategie chirurgiche che ne sono derivate non sono effettuati in nessun Centro di Riferimento Europeo o Nordamericano per la RP. Si includono tra le cosiddette terapia simil-cubane: i. il trattamento Russo (eseguito mediante innesti retro-coroideali di estratti polverizzati di materiale biologico e tuttora proposto da alcune strutture sanitarie private della Repubblica di San Marino); ii. il trattamento Cubano modificato (eseguito mediante interventi d innesto adipo-vascolare in sede retro-coroideale limitati a circa 20 di circonferenza bulbare e talvolta proposto anche da alcune strutture sanitarie private Italiane). In considerazione della revisione critica cui sono stati sottoposti i profili d efficacia e/o sicurezza del

10 trattamento Cubano [21-26] e degli altri numerosi approcci terapeutici per la RP citati in precedenza, nessuno di essi appare attualmente consigliabile [3], anche se esistono casi aneddotici di pazienti affetti da RP che riferiscono un soggettivo miglioramento della loro capacità visiva dopo l effettuazione di alcuni dei suddetti trattamenti. Riferimenti bibliografici 1. Miller D. Light damage to the eye. In: Podos SM, Yanoff M (ed.) Textbook of Ophthalmology. Optics and Refraction. A User- Friendly Guide. Vol. 1. Gower Medical Publishing, pp: ; Yuong RW. The family of the sunlight-related eye diseases. Optom Vis Sci 71: ; Parmeggiani F. Retinopatia pigmentosa: inquadramento clinico e terapeutico. In: Parmeggiani F, Milan E, Steindler P (ed.): La gestione clinica e riabilitativa del paziente ipovedente. Fabiano Editore, Canelli (AT); pp: 81-88; Wenzel A, Grimm C, Samardzija M, Reme CE. Molecular mechanisms of light-induced photoreceptor apoptosis and neuroprotection for retinal degeneration. Prog Retin Eye Res 24: ; Berson EL, Rosner B, Sandberg MA, Hayes KC, Nicholson BW, Weigel-DiFranco C, Willett W. A randomized trial of vitamin A and vitamin E supplementation for retinitis pigmentosa. Arch Ophthalmol 111: ; Berson EL, Rosner B, Sandberg MA, Hayes KC, Nicholson BW, Weigel-DiFrano C, Willett W. Vitamin A supplementation for retinitis pigmentosa. Arch Ophthalmol 111: ; Sibulesky L, Hayes KC, Pronczuk A, Weigel-DiFranco C, Rosner B, Berson EL. Safety of <7500 RE (<25000 IU) vitamin A daily in adults with retinitis pigmentosa. Am J Clin Nutr 69: ; Hartong DT, Berson EL, Dryja TP. Retinitis pigmentosa. Lancet 18; 368: ; Berson EL. Long-term visual prognoses in patients with retinitis pigmentosa: the Ludwig von Sallmann lecture. Exp Eye Res 85: 7-14; Berson EL, Rosner B, Sandberg MA, Weigel-DiFranco C, Moser A, Brockhurst RJ, Hayes KC, Johnson CA, Anderson EJ, Gaudio AR, Willett WC, Schaefer EJ. Clinical trial of docosahexaenoic acid in patients with retinitis pigmentosa receiving vitamin A treatment. Arch Ophthalmol 122: ; Berson EL, Rosner B, Sandberg MA, Weigel-DiFranco C, Moser A, Brockhurst RJ, Hayes KC, Johnson CA, Anderson EJ, Gaudio AR, Willett WC, Schaefer EJ. Further evaluation of docosahexaenoic acid in patients with retinitis pigmentosa receiving vitamin A treatment: subgroup analyses. Arch Ophthalmol 122: ; Vingolo EM, Pelaia P, Forte R, Rocco M, Giusti C, Rispoli E. Does hyperbaric oxygen (HBO) delivery rescue retinal photoreceptors in retinitis pigmentosa? Doc Ophthalmol 97: 33-39; Vingolo EM, Rocco M, Grenga P, Salvatore S, Pelaia P. Slowing the degenerative process, long lasting effect of hyperbaric oxygen therapy in retinitis pigmentosa. Graefes Arch Clin Exp Ophthalmol 246: 93-98; Steindler P, Parmeggiani F, De Geronimo F, De Nadai K, Milan E, Miorin S. Eredo-degenerazioni tapeto-retiniche e cataratta. Ottica Fisiopatologica 3: ; Fishman GA, Apushkin MA. Continued use of dorzolamide for the treatment of cystoid macular oedema in patients with retinitis pigmentosa. Br J Ophthalmol 91: ; Peláez O, Alemán T, Moreno N. Computerized evaluation of visual fields from retinitis pigmentosa patients operated on by revitalizing surgery: three years of follow up. I Provincial Retinitis Pigmentosa meeting, Havana, Cuba, June; Peláez O, Sarmiento JA, Herrera M, Alemán T, Moreno N, Mendoza MA. Retinosis pigmentaria. Experiencia Cubana (eds.). Istituto Cubano del Libro - Editorial Cientifico-Tecnica; Peláez O. Evaluation of patients with retinitis pigmentosa receiving electric stimulation, ozonated blood, and ocular surgery in Cuba. Arch Ophthalmol 115: 133; Peláez O. In reply to GERDING H, MD: Evaluation of patients with retinitis pigmentosa receiving electric stimulation, ozonated blood, and ocular surgery in Cuba. Arch Ophthalmol 115: ; Moreno N, Peláez O, Caballero M. Alteraciones maculares en la retinosis pigmentaria. Experiencia Cubana. XXII Pan- American Congress of Ophthalmology, Orlando, Florida, USA, October 24-27; Berger W, Haase W, Gerding H. Aktiv-passive motilitätsstörungen nach augenmuskeloperationen gegen retinopathia pigmentosa ( Kuba-therapie ). Z Prakt Augenheilkd 15: ; Berson EL, Remulla JFC, Rosner B, Sandberg MA, Weigel D, Franco C. Evaluation of patients with retinitis pigmentosa receiving electric stimulation, ozonated blood, and ocular surgery in Cuba. Arch Ophthalmol 114: ; 1996.

11 23. Berson EL. Retinitis pigmentosa: unfolding its mystery. Proc Natl Acad Sci USA 93: ; Weleber RG. The Cuban experience. False hope for a cure for retinitis pigmentosa. Arch Ophthalmol 114: ; Gerding H. Evaluation of patients with retinitis pigmentosa receiving electric stimulation, ozonated blood, and ocular surgery in Cuba. Arch Ophthalmol 115: 1215; Bacal DA, Rousta S, Hertle RW, Maguire A. Restrictive strabismus after ocular surgery for retinitis pigmentosa in Cuba. Arch Ophthalmol 115, ; 1997.

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna

Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna Prof. Pier Paolo Piccaluga Università di Bologna DNA: la molecola della vita L'acido desossiribonucleico (DNA) è un acido nucleico, presente nel nucleo delle cellule, che contiene le informazioni genetiche

Dettagli

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus

PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus PER I TUOI OCCHI INIZIA UNA NUOVA STAGIONE. Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus L a vista va tenuta d occhio a tutte le età, anche se non si accusano disturbi

Dettagli

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETÀ (DMLE o AMD) Campagna informativa per la prevenzione

Dettagli

LENTI FILTRANTI MEDICALI

LENTI FILTRANTI MEDICALI LENTI FILTRANTI MEDICALI ES BLUE LENTI FILTRANTI MEDICALI L IMPORTANZA DELLA PROTEZIONE OCULARE La protezione oculare, per molteplici fattori, sta assumendo un ruolo sempre più rilevante nella vita di

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece Genetica LA GENETICA Cosa sta succedendo nell ambito della diagnostica e della terapia farmacologica oggi? Scoperta di geni

Dettagli

MALATTIE CAUSA DI IPOVISIONE IN ETÀ PEDIATRICA

MALATTIE CAUSA DI IPOVISIONE IN ETÀ PEDIATRICA SIPPS &FIMPAGGIORNA 2013 UNIVERSO PEDIATRIA: PROBLEMATICHE OFTALMOLOGICHE CASERTA - 7 MARZO 2013 MALATTIE CAUSA DI IPOVISIONE IN ETÀ PEDIATRICA PROF.SSA FRANCESCA SIMONELLI DIRETTORE CLINICA OCULISTICA

Dettagli

Luce blu e Lenti Transitions

Luce blu e Lenti Transitions Luce blu e Lenti Transitions Sommario Definizione di luce blu Dove si trova Benefici e problematiche potenziali relative all esposizione alla luce blu Lenti Transitions Caratteristica proprietà di filtrare

Dettagli

CHERATOCONO DEFINIZIONE. La cornea

CHERATOCONO DEFINIZIONE. La cornea CHERATOCONO DEFINIZIONE La cornea La cornea è la lente esterna dell occhio e quindi la prima lente che i raggi luminosi incontrano nel loro percorso verso la retina dove andranno a formare le immagini

Dettagli

L AMAUROSI CONGENITA DI LEBER: ASPETTI CLINICI ED EVOLUTIVI

L AMAUROSI CONGENITA DI LEBER: ASPETTI CLINICI ED EVOLUTIVI L AMAUROSI CONGENITA DI LEBER: ASPETTI CLINICI ED EVOLUTIVI Sabrina Signorini, Elisa Fazzi, Paolo Emilio Bianchi* Centro di Neuroftalmologia dell età evolutiva Dipartimento di Clinica Neurologica e Psichiatrica

Dettagli

Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica

Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica GIORNATA MONDIALE DELLA VISTA I 8 Ottobre 2015 Sotto l Alto Patronato del Presidente della Repubblica Degenerazione maculare, glaucoma, retinopatia diabetica e cataratta, soprattutto dopo i 50 anni, sono

Dettagli

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso

Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso Centro Oftalmologico Mediterraneo s.r.l Dir. Sanitario: Prof Bruno Lumbroso www.brunolumbroso.it OCT - Tomografia Ottica ad alta definizione (Spectral domain) e tridimensionale Prof. Bruno Lumbroso La

Dettagli

Fare della vista una priorità per la salute. Guida per il relatore

Fare della vista una priorità per la salute. Guida per il relatore Fare della vista una priorità per la salute Guida per il relatore DIAPOSITIVA 1 Presentazione del relatore. Lo scopo della presentazione è fornire informazioni riguardo ai cambiamenti della vista che si

Dettagli

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI

Stefano Miglior. Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico SMI Stefano Miglior Il glaucoma ad angolo aperto - G. Cronico Concetti fondamentali E una malattia estremamente particolare caratterizzata da una progressione lenta ma continua verso la perdita della funzione

Dettagli

DIPARTIMENTO OFTALMOLOGIA

DIPARTIMENTO OFTALMOLOGIA CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE II CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OFTALMOLOGIA

Dettagli

V I T A I N T I. T à L A U L C O L E N I

V I T A I N T I. T à L A U L C O L E N I A D L L A V I S T A I N T I T à A T A L D M U L L T A C O M P R V N I R L La IAPB Italia onlus Programmi di prevenzione, attività di educazione sanitaria, campagne informative, ricerca scientifica e comunicazione

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Stefano Miglior. Quando iniziare la terapia medica SMI

Stefano Miglior. Quando iniziare la terapia medica SMI Stefano Miglior Quando iniziare la terapia medica Tradizionalmente per tanti anni si e cominciato a trattare il glaucoma quando la pressione dell occhio (IOP) era =/> 21 mm Hg conseguenza 1: si sottovalutava

Dettagli

Definizione di ipovisione

Definizione di ipovisione Definizione di ipovisione L ipovisione è una condizione di ridotta capacità visiva, bilaterale ed irreversibile, tale da condizionare l autonomia dell individuo. L acutezza visiva o acuità visiva o visus

Dettagli

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A1.1 Dgr n. del pag. 1/5 RIORGANIZZAZIONE DEI CENTRI PER LA SCLEROSI MULTIPLA DELLA REGIONE VENETO SECONDO UN MODELLO HUB & SPOKE PREMESSA La sclerosi multipla

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE Dottor Michelangelo Faraci nato a Partinico il 24/06/1962 domiciliato in Partinico via Blanda 20. Laureato in Medicina e Chirurgia presso l Università degli Studi di

Dettagli

Patologia vascolare della retina, degenerazione maculare e distacco di retina

Patologia vascolare della retina, degenerazione maculare e distacco di retina Patologia vascolare della retina, degenerazione maculare e distacco di retina Dr. U. Benelli R. Magritte The false mirror Patologia vascolare della retina Retinopatia diabetica Retinopatia ipertensiva

Dettagli

AMA LA TUA VISTA, PRENDITENE CURA

AMA LA TUA VISTA, PRENDITENE CURA AMA LA TUA VISTA, PRENDITENE CURA La vista è un bene prezioso: va tenuta sempre d occhio. Questo è vero anche se non si ha alcun sintomo: molte malattie oculari possono passare inosservate. Solo attraverso

Dettagli

La prevenzione delle malattie oculari a carattere sociale

La prevenzione delle malattie oculari a carattere sociale AZIENDA SANITARIA DELLA PROVINCIA DI BARI STRUTTURA COMPLESSA DI OCULISTICA PUTIGNANO-GIOIA DEL COLLE DIRETTORE DR. SEVERINO SANTORO La prevenzione delle malattie oculari a carattere sociale UNIONE ITALIANA

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

LA DEGENERAZIONE MACULARE legata all età

LA DEGENERAZIONE MACULARE legata all età LA DEGENERAZIONE MACULARE legata all età 5 iapb Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità sezione italiana onlus La vista è un bene prezioso. Conservare una funzione visiva integra è condizione

Dettagli

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica

25/01/2014. Perché filtrare la luce? Filtri e lenti per patologie oculari. Cosa conoscere? Spettro elettromagnetico. Radiazione elettromagnetica Filtri e lenti per patologie oculari FIRENZE 19 GENNAIO 2014 Silvano Abati silvanoabati@tiscali.it Dr. Scuola Internazionale di Ottica Optometria Firenze Stazione di Santa Maria Novella Binario 1 A Perché

Dettagli

"Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple VIII Incontro-Convegno A.C.A.R 2006-2016: DIECI ANNI DI A.C.A.R. Montecatini Terme (PT), 16 Aprile 2016 A.C.A.R "Ma.Tr.OC: un progetto europeo per studiare la progressione di malignità delle esostosi multiple"

Dettagli

ADVANCED VITREORETINAL TECHNOLOGY CATANIA, 8 MAGGIO 2009 Dr. Lupo : PUCKER MACULARE Perché, quando, come operare

ADVANCED VITREORETINAL TECHNOLOGY CATANIA, 8 MAGGIO 2009 Dr. Lupo : PUCKER MACULARE Perché, quando, come operare CATANIA, 8 MAGGIO 2009 Dr. Lupo : PUCKER MACULARE Perché, quando, come operare Il PUCKER MACULARE E una membrana epiretinica maculare,che provoca come dice il termine stesso un raggrinzimento della retina.

Dettagli

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche

Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Biobanca Genetica per Malattie Rare Scheletriche Luca Sangiorgi S.S.D. di Genetica Medica e Malattie Rare Ortopediche, Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna SSD di Genetica Medica IOR Roma, 25 settembre

Dettagli

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A IL GLAUCOMA Che cos è? Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione

Dettagli

La chirurgia della Cataratta DR FABRIZIO CASPRINI

La chirurgia della Cataratta DR FABRIZIO CASPRINI La chirurgia della Cataratta DR FABRIZIO CASPRINI CAPITOLO 1 La chirurgia della Cataratta La cataratta, secondo la definizione dell Organizzazione Mondiale della Sanità OMS, è un opacizzazione del cristallino,

Dettagli

NUOVE PROSPETTIVE DI TERAPIA GENICA NELLE MALATTIE RETINICHE

NUOVE PROSPETTIVE DI TERAPIA GENICA NELLE MALATTIE RETINICHE Clinica Oculistica Antonio Rossi Direttore: Prof. Adolfo Sebastiani NUOVE PROSPETTIVE DI TERAPIA GENICA NELLE MALATTIE RETINICHE Francesco Parmeggiani Unità Operativa di Clinica Oculistica - Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

I Centri di ipovisione: l importanza della riabilitazione visiva

I Centri di ipovisione: l importanza della riabilitazione visiva ASSISTENZA I Centri di ipovisione: l importanza della riabilitazione visiva Il buio fa paura, ma anche nel buio c è vita Vito Felice Montaruli * Maurizio De Nuccio ** I Centri di Ipovisione e Riabilitazione

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R

F O R M A T O E U R O P E O P E R F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MUSICCO ILENIA Data di nascita 01 marzo 1971 Qualifica Dirigente Medico Amministrazione Incarico attuale

Dettagli

Accesso alle nuove tecnologie: lenti intraoculari refrattive (toriche, multifocali, accomodative)

Accesso alle nuove tecnologie: lenti intraoculari refrattive (toriche, multifocali, accomodative) Federazione nazionale per le tecnologie biomediche, diagnostiche, apparecchiature medicali, dispositivi medici borderline, servizi e telemedicina Accesso alle nuove tecnologie: lenti intraoculari refrattive

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER L UVA CROSS-LINKING CORNEALE Approvato dalla Società Oftalmologica Italiana - Ottobre 2007 Primo Aggiornamento Febbraio 2014

SCHEDA INFORMATIVA PER L UVA CROSS-LINKING CORNEALE Approvato dalla Società Oftalmologica Italiana - Ottobre 2007 Primo Aggiornamento Febbraio 2014 Gentile Sig./Sig.ra Lei è affetto in OD/OS/OO da una alterazione della forma della cornea denominata CHERATOCONO. Il trattamento che le viene proposto è... Il responsabile del trattamento chirurgico è...

Dettagli

Conferenza dei servizi LE DISABILITA VISIVE: PREVENZIONE DIAGNOSI-TERAPIA E RIABILITAZIONE VISIVA Bracciano, 30/11-01/12 2015

Conferenza dei servizi LE DISABILITA VISIVE: PREVENZIONE DIAGNOSI-TERAPIA E RIABILITAZIONE VISIVA Bracciano, 30/11-01/12 2015 Conferenza dei servizi LE DISABILITA VISIVE: PREVENZIONE DIAGNOSI-TERAPIA E RIABILITAZIONE VISIVA Bracciano, 30/11-01/12 2015 LE DISABILITÀ VISIVE La ridotta capacità visiva nel nostro millennio determina

Dettagli

31.12.2010 ATTESO OSSERVATO ATTESO OSSERVATO 12,

31.12.2010 ATTESO OSSERVATO ATTESO OSSERVATO 12, 1) Regione: Regione Liguria 2) Titolo del progetto: 3.9.1 Allunga la Vista: progetto di prevenzione delle malattie degenerative oculari che generano rischio di cecità e ipovisione. - V edizione 3) Identificativo

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA

La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI COSA È LA CATARATTA PERCHÉ COMPARE? COSA COMPORTA La cataratta INDICAZIONI E LIMITI DELL INTERVENTO DI CATARATTA NEGLI ANIMALI Prof. Claudio Peruccio Specialista in Clinica delle Malattie dei Piccoli Animali (SCMPA) Diplomato European College of Veterinary

Dettagli

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1

AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 AO FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO SC Oculistica 1 Direttore dott A. Scialdone INFORMAZIONE SUL TRATTAMENTO DI CROSS- LINKING CORNEALE ( TERAPIA FOTODINAMICA CORNEALE) PER IL CHERATOCONO E PATOLOGIE ECTASICHE

Dettagli

Il Trattamento del melanoma intraoculare. Carlo Mosci MD Genova carlomosci@libero.it

Il Trattamento del melanoma intraoculare. Carlo Mosci MD Genova carlomosci@libero.it Il Trattamento del melanoma intraoculare Carlo Mosci MD Genova carlomosci@libero.it I tumori oculari rappresentano l 1-2% delle neoplasie, sono pertanto una patologia rare ma importante sia per l occhio

Dettagli

Per rendere noto come questa patologia sia limitante per chi ne soffre, è stato realizzato uno studio per valutare la Qualità della Vita

Per rendere noto come questa patologia sia limitante per chi ne soffre, è stato realizzato uno studio per valutare la Qualità della Vita Epidemiologia della Disfunzione Lacrimale Per Disfunzione Lacrimale (DL) si intende una malattia multifattoriale delle lacrime e della superficie oculare che porta a sintomi di discomfort 1 oculare, disturbi

Dettagli

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETA (D.M.L.E.)

LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETA (D.M.L.E.) LA DEGENERAZIONE MACULARE LEGATA ALL ETA (D.M.L.E.) Degenerazione maculare secca Degenerazione maculare emorragica umida AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici

Dettagli

Casa di Cura Suore dell Addolorata Presidio autonomo di chirurgia ambulatoriale e Day Surgery 56100 Pisa, Via Manzoni, 13. Il percorso oculistico

Casa di Cura Suore dell Addolorata Presidio autonomo di chirurgia ambulatoriale e Day Surgery 56100 Pisa, Via Manzoni, 13. Il percorso oculistico Casa di Cura Suore dell Addolorata Presidio autonomo di chirurgia ambulatoriale e Day Surgery 56100 Pisa, Via Manzoni, 13 Il percorso oculistico L Unità Funzionale di Oculistica è un struttura organizzativa

Dettagli

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute degli occhi

PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO. Salute degli occhi PER SENTIRSI E VIVERE MEGLIO E MIGLIORARE IL PROPRIO ASPETTO Salute degli occhi Pycnogenol per la salute degli occhi Il processo di invecchiamento naturale influisce sull acutezza visiva: man mano che

Dettagli

Le Degenerazioni Miopiche

Le Degenerazioni Miopiche Le Degenerazioni Miopiche Dott.. U.O. Oculistica, Istituto Clinico Humanitas, Milano Miopia 11-36 % di tutti gli occhi sono miopi Miopia lieve (< 6.00 D) Miopia grave (>= 6.00 D): 27-33% dei miopi 1.7

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva

Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva Il Fattore Familiarità Prevenzione Visiva E.Piozzi AMGO BOLOGNA 21/03/2015 nella Familiarità e genetica Familiarità: Genetica: situazione in cui nella storia di una famiglia ci sono stati più casi di una

Dettagli

METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI

METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI METASTASI UVEALI: ESPERIENZA DEGLI ULTIMI 10 ANNI C.Mosci; F.Nasciuti Centro Specialistico di Oncologia Oculare Ente Ospedaliero Ospedali Galliera - Genova carlo.mosci@galliera.it XXVI RIUNIONE S.O.N.O.

Dettagli

La semeiotica strumentale

La semeiotica strumentale La semeiotica strumentale Dr. Umberto Benelli U.O. Oculistica Universitaria - Pisa Pachimetria Misura spessore corneale con ultrasuoni Valori medi centrali: 520 micron FLAP = 160 180 micron ABLAZIONE CON

Dettagli

SERVIZIO DI OCULISTICA

SERVIZIO DI OCULISTICA SERVIZIO DI OCULISTICA Cellula gangliare Bastoncello Nervo ottico Retina Cono Vasi sanguigni della retina Coroide Cornea Iride Pupilla Cristallino Corpo ciliare Corpo vitreo Sclera ASSOCIAZIONE ITALIANA

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA?

COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? COS E LA MIOPIA? QUALI SONO I SINTOMI? COME CORREGGERLA? La miopia è un'anomalia rifrattiva, a causa della quale i raggi luminosi che provengono dall infinito non si concentrano sulla retina, ma davanti

Dettagli

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere

GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere GLAUCOMA: una malattia importante da conoscere AMBULATORIO MEDICO-CHIRURGICO DI OCULISTICA Direttore Tecnico: dott. Giacomo Sanfelici 17027 Pietra Ligure SV Via Mameli, 54 12051 Alba CN Via Gastaldi, 5

Dettagli

2.1 Caratteristiche delle radiazioni elettromagnetiche

2.1 Caratteristiche delle radiazioni elettromagnetiche 2 Lenti assorbenti All interno dei trattamenti una parte rilevante è occupata dalle lenti assorbenti, che sono in grado di selezionare le varie lunghezze d onda, proteggendo così l occhio da effetti nocivi,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO

SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO SCHEDA INFORMATIVA PER IL/LA PAZIENTE RICERCA di tipo GENETICO Autori: Renato Frezzotti, Mauro Barni Approvata dalla Società Oftalmologica Italiana - 2006 CODICE DELLO STUDIO: TITOLO DELLO STUDIO: {{ Genetica

Dettagli

CARTA SERVIZI I CONSIGLI DELL ISTITUTO OTTICO ISOLANI 7 MOTIVI PER EFFETTUARE UNA VISITA DAL VOSTRO MEDICO OCULISTA DI FIDUCIA

CARTA SERVIZI I CONSIGLI DELL ISTITUTO OTTICO ISOLANI 7 MOTIVI PER EFFETTUARE UNA VISITA DAL VOSTRO MEDICO OCULISTA DI FIDUCIA CARTA SERVIZI I CONSIGLI DELL ISTITUTO OTTICO ISOLANI 7 MOTIVI PER EFFETTUARE UNA VISITA DAL VOSTRO MEDICO OCULISTA DI FIDUCIA Questo opuscolo ha la funzione di informare sull importanza della prevenzione

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

PATOLOGIE GENETICHE DELLA TRASDUZIONE DEL SEGNALE

PATOLOGIE GENETICHE DELLA TRASDUZIONE DEL SEGNALE PATOLOGIE GENETICHE DELLA TRASDUZIONE DEL SEGNALE Sono malattie associate a difetti in geni che codificano per proteine che trasmettono segnali extracellulari all interno della cellula RECETTORI DI SUPERFICIE

Dettagli

Informazioni sul GLAUCOMA

Informazioni sul GLAUCOMA Informazioni sul GLAUCOMA CHE COSA E IL GLAUCOMA? Il glaucoma è una malattia che colpisce il nervo ottico. Il nervo ottico è quella struttura che collega l occhio al cervello permettendoci di vedere (Vedi

Dettagli

Cross-Linking del Cheratocono

Cross-Linking del Cheratocono - Il Cheratocono (KC) è una malattia progressiva, non infiammatoria e bilaterale della cornea, la lente trasparente situata al davanti dell occhio. Come il nome di questa condizione suggerisce, la cornea

Dettagli

occhio e visione Il glaucoma

occhio e visione Il glaucoma occhio e visione Il glaucoma Scopo di questo depliant è di fornire alcune semplici informazioni per capire cos'è il glaucoma, come viene curato e come può essere trattato con il laser od operato chirurgicamente.

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA E MODULO DI CONSENSO INFORMATO PER AMD genetic test 6

SCHEDA INFORMATIVA E MODULO DI CONSENSO INFORMATO PER AMD genetic test 6 SCHEDA INFORMATIVA E MODULO DI CONSENSO INFORMATO PER AMD genetic test 6 Approvato dalla Società Oftalmologica Italiana Luglio 2012 Che cos è un test genetico? Per test genetico si intende l'analisi del

Dettagli

La nuova frontiera: una terapia efficace per l atrofia geografica

La nuova frontiera: una terapia efficace per l atrofia geografica La nuova frontiera: una terapia efficace per l atrofia geografica Felice Cardillo Piccolino Fondazione per la Macula, Genova felice.cardillopiccolino@gmail.com Che anni formidabili sono stati per la retina

Dettagli

La terapia in utero delle malattie genetiche: cellule staminali, terapia genica

La terapia in utero delle malattie genetiche: cellule staminali, terapia genica La terapia in utero delle malattie genetiche: cellule staminali, terapia genica Prof. M.Seri: U.O. Genetica Clin ica Dipartimento per la Salute della Donna, del Bambin o e dell Adolescente Geni e malattie

Dettagli

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto?

Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Il Gruppo Menarini ha appena concluso lo studio clinico denominato Florence. Cosa indica questo nome e perché è stato scelto? Florence è il nome con cui abbiamo battezzato questo studio clinico internazionale

Dettagli

20 compresse cronoattive. La Degenerazione Maculare Senile

20 compresse cronoattive. La Degenerazione Maculare Senile 20 compresse cronoattive La Degenerazione Maculare Senile La Degenerazione Maculare Senile Introduzione Nei Paesi occidentali la Degenerazione maculare senile è la principale causa d i perdita irreversibile

Dettagli

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA

IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA IL LASER PER I DIFETTI DELLA VISTA LA MIOPIA Si parla di miopia quando la vista da lontano è ridotta. Il miope vede bene a distanza ravvicinata, mentre le immagini lontane appaiono sfuocate. La ragione

Dettagli

MICROCHIRURGIA OCULARE

MICROCHIRURGIA OCULARE CARTA DEI SERVIZI 2014 BLUE EYE DIAGNOSTICA E MICROCHIRURGIA OCULARE Piazza Fontana, 6 20122 Milano Telefono: 02.89012307 r.a. Fax: 02.89010639 Sito Internet: www.blueeye.it - e- mail: contatti@blueeye.it

Dettagli

L intervento di cataratta nel paziente ipermetrope

L intervento di cataratta nel paziente ipermetrope Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Chirurgia e Medicina Traslazionale Clinica Oculistica Prof. Ugo Menchini L intervento di cataratta nel paziente ipermetrope Dr.ssa Eleonora Favuzza Dr.ssa

Dettagli

Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) www.fisiokinesiterapia.biz

Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) www.fisiokinesiterapia.biz Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) www.fisiokinesiterapia.biz Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA) La più grave fra le malattie che colpiscono il motoneurone: sclerosi atrofia gliotica laterale cordoni

Dettagli

Valutazione del rischio e sorveglianza sanitaria nell esposizione esposizione a radiazioni ottiche artificiali

Valutazione del rischio e sorveglianza sanitaria nell esposizione esposizione a radiazioni ottiche artificiali DIP. DI SANITA PUBBLICA SEZ. DI MEDICINA DEL LAVORO (UNIV. DI FIRENZE) (15 giugno 2012) Valutazione del rischio e sorveglianza sanitaria nell esposizione esposizione a radiazioni ottiche artificiali BRUNO

Dettagli

La retinopatia diabetica complica in modo simile i due gruppi

La retinopatia diabetica complica in modo simile i due gruppi E UNA DELLE COMPLICANZE VASCOLARI DEL DIABETE Il Diabete è un anomalia del metabolismo del glucosio dovuta ad alterata produzione dell insulina che si manifesta con una elevata glicemia. 10-15% diabete

Dettagli

SOSTEGNO ALLA RICERCA SCIENTIFICA IN AMBITO BIOMEDICO: RETINITE PIGMENTOSA (RP) CALL FOR PROPOSALS 2013

SOSTEGNO ALLA RICERCA SCIENTIFICA IN AMBITO BIOMEDICO: RETINITE PIGMENTOSA (RP) CALL FOR PROPOSALS 2013 SOSTEGNO ALLA RICERCA SCIENTIFICA IN AMBITO BIOMEDICO: RETINITE PIGMENTOSA (RP) CALL FOR PROPOSALS 2013 Sebbene le cosiddette malattie rare, per definizione, abbiano singolarmente un impatto modesto sui

Dettagli

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch

LASIK X-tra. Bilaterale Simultanea. Soluzioni in vista. www.seri-lugano.ch LASIK X-tra Bilaterale Simultanea Soluzioni in vista www.seri-lugano.ch Dr. Med. Roberto Pinelli Specialista FMH Oftalmologia e Oftalmochirurgia Se siamo in grado di vedere è perché i nostri occhi colgono

Dettagli

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI

Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Intervento di Capsulotomia Laser INFORMAZIONI Gentile Signore/ Signora, Lei soffre di una opacizzazione dell involucro (capsula) che avvolge parzialmente il suo cristallino artificiale.esso è responsabile

Dettagli

Le Malattie rare in oftalmologia:dalla conoscenza del bisogno all innovazione

Le Malattie rare in oftalmologia:dalla conoscenza del bisogno all innovazione Le Malattie rare in oftalmologia:dalla conoscenza del bisogno all innovazione Associazione Dossetti Dr. Stefano Reggio Direttore Scientifico e Relazioni istituzionali Allergan S.p.A. Roma, 3 Come orientare

Dettagli

Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva

Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva Approccio assistenziale integrato nell abilitazione/riabilitazione visiva nell ipovisione dell età evolutiva L.PINELLO CENTRO REGIONALE SPECIALIZZATO PER L IPOVISIONE INFANTILE E DELL ETA EVOLUTIVA Dip.

Dettagli

PROGETTO A ME GLI OCCHI 8 ANNO SCOLASTICO 2010/2011

PROGETTO A ME GLI OCCHI 8 ANNO SCOLASTICO 2010/2011 UNIONE ITALIANA CIECHI e IPOVEDENTI O.N.L.U.S. Sezione di Biella Via E. Bona 2 13900 Biella Tel. 015/30231 20355 Cell. 347 2565208 e-mail uicbi@uiciechi.it CROCE ROSSA ITALIANA Sezioni Femminili Biella

Dettagli

Seconda Parte Specifica di scuola - Oftalmologia - 30/07/2015

Seconda Parte Specifica di scuola - Oftalmologia - 30/07/2015 Domande relative alla specializzazione in: Oftalmologia Scenario 1: Al medico viene chiesta una valutazione cardiologica per un paziente di 89 anni, affetto da degenerazione maculare legata all'età con

Dettagli

PROGRESS IN STEM CELL BIOLOGY AND MEDICAL APPLICATIONS 12/01/13

PROGRESS IN STEM CELL BIOLOGY AND MEDICAL APPLICATIONS 12/01/13 PROGRESS IN STEM CELL BIOLOGY AND MEDICAL APPLICATIONS Fare clic Stresa 14-16 per modificare maggio 2009 lo stile del sottotitolo dello schema Self-renewal vs differentiation Controllo del self renewal

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

GLAUCOMA. Ilaria Longo Genetica Medica AOUS

GLAUCOMA. Ilaria Longo Genetica Medica AOUS GLAUCOMA Ilaria Longo Genetica Medica AOUS Il glaucoma è un tratto complesso dal punto di vista genetico Eterogeneità di locus (mutazioni in loci diversi possono causare la stessa malattia) Ereditarietà

Dettagli

Il Morbo di Alzheimer

Il Morbo di Alzheimer Il Morbo di Alzheimer Il morbo di Alzheimer, detta anche demenza senile di tipo Alzheimer, demenza degenerativa primaria di tipo Alzheimer o semplicemente di Alzheimer, è la forma più comune di demenza

Dettagli

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece

Clinica e terapia. malattie. retiniche. delle. Direttore Scientifico Alfredo Pece Clinica e terapia delle malattie retiniche Direttore Scientifico Alfredo Pece 2 Introduzione e specifichedella patologia retiniche vascolari: degenarazione maculare legata alla età (AMD) 1 Epidemiologia

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio

Università del Piemonte Orientale. Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia. Corso di Statistica Medica. I modelli di studio Università del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia Corso di Statistica Medica I modelli di studio Corso di laurea in medicina e chirurgia - Statistica Medica Disegno dello studio

Dettagli

La ROP per il pediatra di base

La ROP per il pediatra di base Il neonato prematuro o di basso peso La ROP per il pediatra di base Vito Console Conoscenze e prospettive nell attività del pediatra di famiglia Agadir (Marocco) 5 luglio 2006 Meccanismo del danno retinico

Dettagli

LA CATARATTA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

LA CATARATTA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LA CATARATTA I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LA Cataratta La cataratta è l opacizzazione del cristallino. Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari

Dettagli

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera

La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera La Radiazione Ultravioletta e la Biosfera L esposizione del corpo umano alla radiazione solare è un evento naturale, entro certi limiti inevitabile e responsabile di pressione selettiva nell evoluzione

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI

INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI INFORMAZIONE E CONSENSO NELLA CHIRURGIA REFRATTIVA ESEGUITA CON LASER AD ECCIMERI Torino, li Informazione in merito al caso clinico del Sig.: Nato a: Residente in: Lei presenta un difetto visivo che viene

Dettagli

LA VALUTAZIONE DELLE ALTERAZIONI

LA VALUTAZIONE DELLE ALTERAZIONI Professione LA VALUTAZIONE DELLE ALTERAZIONI DELLA VISTA NEGLI ANZIANI Progetto pilota ANTONELLA TOSELLI, MARIO BRANDA * Medico di Medicina Generale, ASL15 Cuneo; Animatore di formazione, tutor; * Tirocinante

Dettagli

Eredo-distrofia tapeto-retinica e miopia degenerativa: variabilità fenotipica familiare in tre pazienti di razza caucasica

Eredo-distrofia tapeto-retinica e miopia degenerativa: variabilità fenotipica familiare in tre pazienti di razza caucasica Eredo-distrofia tapeto-retinica e miopia degenerativa: variabilità fenotipica familiare in tre pazienti di razza caucasica Hereditary tapeto-retinal dystrophy and degenerative myopia: phenotypic familial

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli