Ospitalità efficiente

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ospitalità efficiente"

Transcript

1 RTS REALIZZAZIONI Ospitalità efficiente Un edificio alberghiero che rappresenta un esempio di progettazione integrata volta all ottenimento di bassi consumi energetici. Massimiliano Poletti 70 L altissima efficienza energetica del Devero Hotel è stata ottenuta non solo mediante l isolamento spinto dell involucro edilizio ma anche con l installazione di impianti meccanici ad alto rendimento Il Devero Hotel Four Stars Executive, situato nel comune di Cavenago a pochi chilometri da Milano, è un oasi di comfort ed eleganza: 76 camere, 6 loft a due piani, 2 executive suite, serra panoramica per ricevimenti fino a 400 coperti, bar e lounge bar interno ed esterno, centro congressi con sale meeting modulabili, 2 ristoranti e parcheggio coperto. Il fabbisogno annuale di energia primaria dell albergo, pari a 43 kwh/(m 2 anno), soddisfa i limiti imposti dalla Delibera della Giunta Regionale D.G.R. 8/5773 per l anno 2008, pari a 49,09 kwh/(m 2 anno), ottenuti in funzione del rapporto di forma S/ V=0,32 m -1. I componenti opachi dell involucro edilizio presentano una trasmittanza termica media pari a 0,28 W/(m2K), al di sotto di circa il 15% del limite previsto dalla normativa per l anno Analogamente sono stati utilizzati dei componenti finestrati molto performanti sia nella fase estiva che in quella invernale, i cui valori

2 La centrale termofrigorifera La centrale termica, posta in copertura, è composta da tre caldaie in acciaio a tre giri di fumo (figura 1) funzionanti a gas metano aventi ciascuna potenza utile pari a 285 kw, con camera di combustione pressurizzata, dotate di bruciatori con funzionamento bistadio gestiti da una centralina elettronica di tipo termostatico per l accensione delle due fiamme in base all esigenza termica dell edificio. In prossimità della centrale termica sono posizionati due gruppi frigoriferi (figura 2) in versione super silenziata aventi COP di 3,15 e potenza frigorifera pari a 387 kw ciascuno, dotati di modulo idronico e di sistema di recupero totale di calore mediante scambiatore interno, la cui potenza termica viene utilizzata per preriscaldare l acqua di accumulo per usi sanitari. Il sistema di regolazione agisce attraverso l azionamento di valvole automatiche e permette la gestione dell impianto a seconda della stagionalità ottimizzando la riduzione dei consumi. I circuiti caldi e freddi dell impianto di sono suddivisi in primari per i sistemi di generazione e in secondari mediante due distinti collettori di distribuzione del fluido termovettore di diametro 406 mm, dai quali partono i circuiti di spillamento alle utenze (figura 3). Ogni circuito è dotato di due elettropompe ad inverter di tipo singolo in linea, di cui una di riserva all altra, ad esclusione dei circuiti di alimentazione delle batterie delle unità di trattamento aria. La produzione d acqua calda ad uso sanitario è garantita da un sistema misto di scambiatore a piastre ed accumulatori aventi capacità litri, integrati con 70 m2 di collettori solari piani vetrati, per la copertura del 50% di fabbisogno energetico delle utenze, dotati di miscelatori termostatici e dispositivi antilegionella (figura 4). 1 La centrale termica, posta in copertura, è composta da tre caldaie in acciaio a tre giri di fumo aventi ciascuna una potenza utile pari a 285 kw. 2 In prossimità della centrale termica sono posizionati due gruppi frigoriferi condensati ad aria in versione supersilenziata aventi una potenza frigorifera pari a 387 kw ciascuno. 3 I circuiti caldi e freddi dell impianto di sono suddivisi in primari e secondari mediante due distinti collettori di distribuzione del fluido termovettore dai quali partono i circuiti di spillamento alle utenze. di trasmittanza media risultano essere pari a circa 1,5 W/(m2K), ottenuti adottando un vetro basso emissivo avente una trasmittanza termica certificata pari a 1,1 W/(m2K). L altissima efficienza energetica è stata ottenuta non solo mediante l isolamento spinto dell involucro edilizio ma anche con l installazione di impianti meccanici ad alto rendimento, quali elettropompe e ventilatori elettronici dotati di inverter, controllati da un sistema di supervisione che consente di gestire in remoto il comfort termoigrometrico di tutti gli ambienti. Una delle caratteristiche peculiari dell impianto di è senza dubbio l adozione di un sistema di diffusione dell aria con elementi lineari ad alta induzione che rappresentano una tra le soluzione più congeniali per l ottenimento di elevato comfort ambientale soddisfacendo le soluzioni architettoniche esteticamente ricercate di un hotel di design, nella quasi assente percezione della rumorosità degli impianti. Dal punto di vista impiantistico è stata massimizzata la modularità attraverso l installazione di elettropompe di circolazione ad inverter e la suddivisione in zone sia degli impianti idronici che dei sistemi di trattamento dell aria. In relazione alle caratteristiche dell edificio e alle prestazioni richieste, l impianto di è stato suddiviso in sette zone autonome: zona camere; zona bar al piano 1 interrato; zona ristorante al piano 1 interrato; zona spogliatoi al piano 2 interrato; zona sale meeting al piano 1 interrato; zona hall uffici al piano terra; zona cucina al piano 1 interrato. 71

3 5 Il sistema di diffusione dell aria nelle camere e nelle suite è del tipo ad alta induzione con diffusori lineari installati a parete. 4 La produzione di acs è garantita da un sistema misto di scambiatore a piastre ed accumulatori aventi capacità litri, integrati con 70 m 2 di collettori solari piani vetrati, per la copertura del 50% di fabbisogno energetico delle utenze, dotati di miscelatori termostatici e dispositivi antilegionella. Le camere Per le camere è previsto un impianto con ventilconvettori e aria primaria. L impianto di distribuzione dell aria primaria è collegato ad un unità di trattamento posta in copertura con portata di m³/h. La taratura dei valori della quantità I PROTAGONISTI DELL IMPIANTO Committente: Devero Group, Vimercate (MI). Impresa edile: Devero Costruzioni, Vimercate (MI) d aria primaria è realizzata mediante regolatori a portata costante. I ventilconvettori, installati ad incasso nel controsoffitto del disimpegno delle camere, sono dotati di ventilatore centrifugo a tre velocità, di doppia batteria per la fase invernale ed estiva e di valvole a due vie o a tre Progettista impianti termotecnici: Studio Termotecnico di Poletti Massimiliano, Bergamo Impresa realizzatrice impianti termotecnica: Termoidraulica F.D.R., Suisio (BG) I fornitori Caldaie: Hoval Gruppi frigoriferi: Carrier Elettropompe e valvole automatiche: KSB Collettori solari termici: Solvis Unità di trattamento aria: Saiver Cassette a portata variabile: SagiCofim Diffusori d aria: SagiCofim Ventilconvettori a incasso nel controsoffitto: Rhoss Ventilconvettori a incasso a pavimento: Kampmann Sistema di regolazione e supervisione: Siemens vie complete di servomotore on/off, comandate dal sistema di telegestione dell edificio. Per la distribuzione dell aria sono stati previsti diffusori lineari ad alta induzione installati a parete (figura 5). Per i bagni è previsto un sistema di estrazione forzata mediante valvola di ventilazione. Ristorante, bar e cucina Gli impianti di a tutt aria del ristorante e del bar sono collegati ciascuno ad una specifica unità di trattamento aria posta in copertura, con portate rispettivamente di m³/h e di m³/h. Per gli spogliatoi è stata invece utilizzata un unità di trattamento aria incassata nel controsoffitto. La portata d aria immessa nel ristorante e nel bar è gestita da cassette di regolazione a portata variabile, dotate di silenziatore, servomotore proporzionale, dispositivo di misura e regolazione della portata. 72

4 Le unità di trattamento aria Tutte le unità di trattamento a servizio delle diverse zone sono installate sulla copertura e sono composte dalle seguenti sezioni: filtrazione a celle e tasche rigide; ventilatori di mandata e ripresa di tipo plug-fan con sistema di portata variabile; recuperatore di calore a flussi incrociati ad alta efficienza; sezione di free cooling; umidificatore a vapore; batterie di e raffreddamento. L unità di trattamento aria per gli spogliatoi è invece del tipo orizzontale da incasso nel controsoffitto ed è dotata di sistema di filtrazione, ventilatori di mandata e ripresa, recuperatore di calore a flussi incrociati e batterie di e raffreddamento. Il sistema di diffusione dell aria per garantire il comfort termoigrometrico nei locali ristorante e bar è del tipo ad alta induzione con diffusori lineari installati a soffitto (figura 6), mentre negli spogliatoi è stato utilizzato un tradizionale sistema con bocchette a parete. All interno dei bagni ciechi è installato un sistema di estrazione forzata mediante valvole di ventilazione. Al fine di realizzare una barriera termica in prossimità delle vetrate delle zone ristorante e bar sono stati incassati a pavimento dei ventilconvettori, dotati di ventilatore centrifugo a tre velocità e doppia batteria per la fase invernale ed estiva. I ventilconvettori sono equipaggiati con valvole a due vie o tre vie complete di servomotore on/off, comandate dal sistema di gestione attraverso sonde ambiente di zona. Per la serra vetrata del ristorante, servita un unità di trattamento dedicata con portata di m³/h, è stato adottato un sistema di diffusione dell aria mediante ugelli installati direttamente a canale (figura 7). L impianto di distribuzione a tutt aria esterna a servizio della cucina è collegato ad una unità di trattamento posta in copertura con portata di m³/h, dotata di sistema di filtrazione a celle e tasche rigide, ventilatore di mandata ad inverter e batterie di e raffreddamento. Il sistema di diffusione dell aria per garantire il comfort termoigrometrico nel locale è del tipo a diffusori circolari a geometria variabile con alette orientabili. Nel locale sono state previste delle cappe di aspirazione a tre velocità regolate da un potenziometro per l estrazione dell aria ambiente a seconda dell esigenza. Le sale meeting L impianto di a tutt aria delle 5 sale meeting è realizzato mediante l impiego di una unità di trattamento aria posta in copertura, con portata di m³/h. La portata d aria immessa nei locali è gestita da cassette di regolazione a portata variabile, dotate silenziatore, servomotore proporzionale e dispositivo di misura e regolazione della portata. Il sistema di diffusione dell aria per ga- 6 Negli ambienti destinati a ristorante e bar il sistema di diffusione dell aria è del tipo ad alta induzione con diffusori lineari installati a soffitto. 7 Per la serra vetrata del ristorante è stato adottato un sistema di diffusione dell aria mediante ugelli installati direttamente a canale. 74

5 8 Per le sale meeting sono stati utilizzati diffusori lineari ad alta induzione installati a soffitto, con ripresa nella zona centrale e mandata sui lati. 9 La diffusione dell aria nella hall di ingresso è realizzata con diffusori lineari ad alta induzione installati a parete e a soffitto. rantire il comfort termoigrometrico nel locale è del tipo ad alta induzione con diffusori lineari installati a soffitto, con due linee laterali per la mandata e una linea centrale per la ripresa dell aria (figura 8). Al fine di realizzare una barriera termica in prossimità delle vetrate sono stati incassati a pavimento dei ventilconvettori, dotati di ventilatore centrifugo a tre velocità e doppia batteria per la fase invernale ed estiva. I ventilconvettori sono equipaggiati con valvole a due vie o tre vie complete di servomotore on/off, comandate dal sistema di gestione attraverso sonde ambiente di zona. Hall ed uffici L impianto di distribuzione a tutt aria della hall è collegato ad una unità di trattamento posta in copertura, con portata di m³/h. Il sistema di diffusione dell aria è del tipo ad alta induzione con diffusori lineari installati a parete e a soffitto (figura 8), fatta eccezione per gli uffici ove è stato previsto un sistema di diffusione tradizionale con bocchette a parete. Il sistema di degli uffici è composto da ventilconvettori incassati nel controsoffitto del disimpegno, dotati di ventilatore centrifugo a tre velocità e doppia batteria per la fase invernale ed estiva, mentre all interno della hall sono installati ventilconvettori a pavimento ed a parete, nonché una lama d aria posta nella zona di ingresso (figura 10) alimentata da una unità di trattamento aria dedicata, dotata di sistema di filtrazione, ventilatore di mandata, batterie di e raffreddamento. I ventilconvettori sono equipaggiati con valvole a due vie o tre vie complete di servomotore on/off, comandate dal sistema di gestione dell edificio. All interno dei bagni ciechi è installato un sistema di estrazione forzata, mediante valvole di ventilazione. Il sistema di supervisione Il sistema di supervisione è dotato di comando remoto tramite personal computer (figura 11) posto nel locale ufficio situato al piano terra, per la gestione delle centrali termica e frigorifera, delle unità di trattamento aria e dei fan-coil delle parti comuni a servizio dell albergo. Tale sistema ha come scopo principale il contenimento dei consumi energetici dell edificio, ottimizzando al massimo il funzionamento degli impianti di. I regimi di funzionamento della regolazione sono i seguenti: regime diurno (inverno +20 C - estate +26 C); regime notturno (inverno +18 C - estate +26 C); regime spegnimento (inverno +8 C - estate +34 C). Nelle sale al piano interrato è previsto un triplice controllo dei parametri tramite sonda VOC, che effettua la diagnostica di temperatura ambiente, umidità relativa e contenuto di anidride carbonica. Tali regimi di funzionamento sono soggetti per tutti i locali al funzionamento degli impianti di, con l eccezione delle camere a cui si è lasciata la possibilità di scostare il valore di set point di +3 C o 3 C. Nei corridoi e nei locali accessori la temperatura è stabilita dal regime di funzionamento fisso impostato dal gestore dell albergo. Data la conformazione architettonica dell albergo il gestore ha la possibilità di poter far funzionare vari settori per cui il sistema attiva o disattiva anche i ventilconvettori dei corridoi in base 76

6 I diffusori lineari sono specialmente indicati per il montaggio in controsoffitti in gesso oppure in legno, come pure a parete con funzione di mandata e di ripresa. I diffusori lineari ad alta induzione Per la distribuzione dell aria nelle camere e negli ambienti comuni di maggiore pregio (hall, ristorante, sale meeting) sono stati adottati speciali diffusori lineari ad elevata induzione, con feritoia in alluminio estruso anodizzato nero e plenum di distribuzione dell aria in alluminio coibentato. Questi diffusori sono risultati i più idonei a coniugare le necessità estetiche di diffusori poco invasivi (avendo una larghezza massima della feritoia variabile da 18 a 45 mm a seconda dei modelli), con l esigenza di ottenere valori di elevata induzione con impianti a portata variabile. L induzione è un fenomeno in base al quale l aria di mandata emessa dal diffusore trascina una certa quantità d aria ambiente. I due flussi si miscelano tra loro e la temperatura si equalizza. Si dice rapporto di induzione di un diffusore il numero di parti d aria ambiente che viene trascinato da una parte d aria di mandata ad una distanza di riferimento dal diffusore stesso. Maggiore è il rapporto di induzione, tanto più rapida è la miscelazione tra i due flussi d aria e l equalizzazione della temperatura. I diffusori ad elevata induzione utilizzati per il progetto del Devero Hotel sono caratterizzati da un profilo del flusso d aria formato da una molteplicità di piccoli getti individuali direttamente verso la zona occupata, perciò con andamento nontangenziale, con spessore singolo di circa 3 mm, in direzioni alternate e con un angolo di 45 tra loro. Essi sono perciò particolarmente adatti per ambienti dove è richiesto un numero elevato di ricambi d aria poiché realizzano una buona diffusione con grandi portate e prevengono cadute d aria fredda. Inoltre hanno la caratteristica di distribuire l aria con rapporti di induzione molto elevati e sono perciò in grado di funzionare con ampi differenziali di temperatura che raggiungono i 14 K. Ciò consente di ridurre le portate d aria necessarie rispetto ai diffusori tradizionali. I diffusori sono adatti per impianti ove è richiesta una distribuzione diffusa e senza turbolenza, per variazioni di portata dal 20 al 100% senza modifiche di comportamento del getto. Essi sono disponibili con larghezze delle feritoie di diffusione da 15, 18, 20 e 45 mm e sono specialmente indicati per il montaggio in controsoffitti in gesso oppure in legno come pure a parete con funzione di mandata e di ripresa. Nel caso specifico nelle camere sono stati utilizzati i modelli con larghezza della feritoia di 45 mm mentre negli spazi comuni sono stati utilizzati i modelli da 20 mm per la mandata e da 45 mm per la ripresa. 10 La lama d aria posta nella zona di ingresso è alimentata da un unità di trattamento dedicata installata nel controsoffitto. 11 Il sistema di supervisione è dotato di comando remoto tramite personal computer posto nel locale ufficio situato al piano terra. all attivazione richiesta. Tale accorgimento si è reso necessario in quanto, qualora vi sia uno scarso affollamento, intere parti dell edificio rimangano inattive. Il sistema inoltre è stato studiato per intervenire sulla rete di ricircolo e di conseguenza poterne intercettare la linea servente l ala interessata. In centrale termica sono presenti dei complessi di regolazione climatici, completi di valvole, sonde e servomotori, per i circuiti caldo dei radiatori e dei ventilconvettori. Inoltre è previsto un complesso di regolazione climatico sequenziale in cascata delle caldaie, per l attivazione in base al reale fabbisogno energetico dell impianto. Il controllo della temperatura all interno delle camere dell albergo avviene mediante il sistema domotico. 78

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4

INDICE. 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE. 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 INDICE 1- DESIGNAZIONE DELLE OPERE pag. 3 2- DESCRIZIONE DELLE OPERE 2.1 centrale termica, frigorifera e sottocentrali pag. 4 2.2 - trattamento acqua di consumo e produzione acqua calda sanitaria pag.

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA

COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA COMUNE DI RAGUSA OGGETTO: PROGETTO PER LA "RISTRUTTURAZIONE DEL COMPENDIO EDILIZIO EX CPTA DI VIA NAPOLEONE COLAJANNI IN RAGUSA, DA ADIBIRE A CENTRO POLIFUNZIONALE PER L'INSERIMENTO SOCIALE E LAVORATIVO

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Sistemi ibridi integrati. Luna Platinum CSI

Sistemi ibridi integrati. Luna Platinum CSI Sistemi ibridi integrati Luna Platinum CSI Sistemi ibridi integrati Storicamente leader nel mercato del riscaldamento domestico, Baxi ha allargato la sua attività verso i sistemi ibridi integrati, in cui

Dettagli

2. DESCRIZIONE IMPIANTO

2. DESCRIZIONE IMPIANTO INDICE 1 PREMESSA 2 DESCRIZIONE IMPIANTO 2.1 Impianto di condizionamento... 2.2 Regolazione... 3 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DELL IMPIANTO PROPOSTO 3.1 Tecnologia ad inverter... 3.2 Carica automatica del

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi

Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi MADE IN ITALY Energie RINNOVABILI Gruppi Termici Ibridi solare termico SOLARdens aerotermico pompe di calore HPdens SOLARfryo geotermico GEOsolar UN REFERENTE E TANTE SOLUZIONI INTEGRATE PER LE ENERGIE

Dettagli

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A

BESST C.O.P. ~ 4,6 SERIE PECULIARITÀ. - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. con gas refrigerante ecologico R410A PECULIARITÀ - Funzionamento invernale garantito fino a -15 C. - Gas refrigerante ecologico R410A. - Rendimento C.O.P. 4,6. - Frequenza ridotta dei cicli di sbrinamento. - Regolazione automatica della velocità

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Marzo 2012 Descrizione impianti - Quinzano Eureka Immobiliare

Dettagli

sistemi solari soluzioni solari

sistemi solari soluzioni solari sistemi solari soluzioni solari per pompe SOLUZIONI INNOATIE PER ABITAZIONI A BASSO CONSUMO CON ENERGIA SOLARE E POMPE DI CALORE Lo scopo di questo catalogo è di fornire una serie di suggerimenti e soluzioni

Dettagli

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A

PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO CENED PROGETTARE UN EDIFICIO IN CLASSE A 27 gennaio 2010 PAVIA INQUADRAMENTO DEL SITO 2 INQUADRAMENTO DEL SITO 3 INQUADRAMENTO DELL INTERVENTO 4 STATO DI FATTO PROGETTO INQUADRAMENTO

Dettagli

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE

SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE _ SOCIETA' AGRICOLA TREZZA UTC LAVORI PUBBLICI DEL COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA- DIREZIONE DIDATTICA NUOVA SCUOLA ELEMENTARE RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TERMO-MECCANICI INDICE 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...

Dettagli

ixquadra HP Accessori a richiesta Kit antivibranti - Cod. 20Z03440 1/6

ixquadra HP Accessori a richiesta Kit antivibranti - Cod. 20Z03440 1/6 ixquadra HP Pompa di calore per installazione splittata di tipo aria/acqua Inverter per il riscaldamento ed il raffrescamento di ambienti di piccole e medie dimensioni. Ideali per impianti con ventilconvettori

Dettagli

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria:

Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 41 Impianto in pompa di calore tipo splittata in caldo e freddo con integrazione solare e produzione di acqua calda sanitaria: 1- Unità esterna 8- Impianto per riscaldamento o raffrescamento 2- Unità interna

Dettagli

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO

DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO DESCRIZIONE GENERALE INTERVENTO L intervento in oggetto consiste nel completamento di un porzione del Polo Scolastico di Trescore Balneario (BG) attraverso la creazione del terzo piano al corpo di fabbrica

Dettagli

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO

Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione con sistema solare integrato PERFISOL HYBRID DUO Caldaia a condensazione **** CE in acciaio inox 316 a basamento Con produzione ACS Solare Bruciatore modulante premiscelato Potenza

Dettagli

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti:

Gli elementi tipologici forniti, al solo scopo di supportare la presente relazione tecnica, sono i seguenti: all articolo 3 del D.P.R. 26 agosto 1993, n. 412 (per edifici costituiti da parti appartenenti a categorie differenti, specificare le diverse categorie) Numero delle unità immobiliari Committente(i) Progettista(i)

Dettagli

soluzioni per trattamento aria

soluzioni per trattamento aria soluzioni per trattamento aria Riscaldamento e raffreddamento con macchine secondarie Fancoil Adatto per riscaldamento e/o raffreddamento nel sistema a 2 o 4 tubi, per montaggio a soffitto o pavimento.

Dettagli

Perchè emix? PAT. PEND. RENEWABLE ENERGIES

Perchè emix? PAT. PEND. RENEWABLE ENERGIES Perchè emix? L acqua calda ad uso sanitario è un servizio sempre richiesto in qualsiasi edificio, dal piccolo appartamento ai grandi uffici open space o ai grandi alberghi. Tra tutte le possibili tecnologie

Dettagli

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1

CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 CALDAIE E RISCALDAMENTO: Gli incentivi possibili. 06/05/2008 1 Caldaia a condensazione 06/05/2008 2 Lo scambio termico è tale da raffreddare i fumi ben oltre il loro punto di rugiada (t = 55 C in eccesso

Dettagli

Capitolo 1 Condizioni di progetto

Capitolo 1 Condizioni di progetto Premessa L intervento in oggetto riguarda la ristrutturazione del sistema di generazione del calore della scuola dell infanzia Aquilone, via dei Comuni fraz. Ferriera - Comune di Buttigliera Alta (TO).

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente

Residenze private. Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente Tipologia edificio: villa con maneggio Località: Venezia Tipologia intervento: ristrutturazione complesso esistente CARATTERISTICHE IMPIANTO: realizzazione di impianto di riscaldamento, condizionamento

Dettagli

Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile

Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile Edificio principale: EDIFICIO F92 L edificio F92 si sviluppa su tre livelli (superficie totale pari a circa 230

Dettagli

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza

GHE Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza Display I deumidificatori con recupero di calore ad altissima efficienza della serie sono stati progettati per garantire la deumidificazione

Dettagli

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà

CITTA di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA. Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà Polo bibliotecario e delle Arti visive. Recupero funzionale del Palazzo del Podestà RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE E VENTILAZIONE Descrizione del progetto Il progetto prevede il rifacimento

Dettagli

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento

ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento 66 ARES Condensing 32 Caldaia a basamento, a condensazione, per solo riscaldamento VANTAGGI E CARATTERISTICHE GENERALI PREDISPOSTA PER FUNZIONAMENTO INDIPENDENTE O IN CASCATA ARES Condensing 32 può essere

Dettagli

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Distribuzione del calore E della portata idraulica Tipologie: A velocità fissa A 3 velocità regolabili A velocità variabile o elettronica modulante

Dettagli

SISTEMA IBRIDO DUPLEX R4

SISTEMA IBRIDO DUPLEX R4 SISTEMA IBRIDO DUPLEX R4 Recuperatore attivo per la ventilazione meccanica e la climatizzazione degli ambienti Unità di ventilazione meccanica controllata, ad altissima efficienza, dotata di batterie interne

Dettagli

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani

Riassunto della puntata precedente. ing. Massimiliano Pancani Riassunto della puntata precedente Capitolo 4: Impianti di ventilazione Macchine di trattamento aria Componenti per la distribuzione Componenti per la diffusione Capitolo 4 Impianti di ventilazione Macchine

Dettagli

La ventilazione meccanica controllata [VMC]

La ventilazione meccanica controllata [VMC] La ventilazione meccanica controllata [VMC] Sistemi di riscaldamento e di raffrescamento - Principio di funzionamento: immissione forzata di aria in specifici ambienti. - Peculiarità: garantisce il controllo

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI

CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI Prof. Cinzia Buratti GENERALITA Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

HUB RADIATOR HYBRID. 4 Sistema solare termico (vedi pag.27 e 35) Sistema ibrido multienergia per produrre riscaldamento, condizionamento e ACS

HUB RADIATOR HYBRID. 4 Sistema solare termico (vedi pag.27 e 35) Sistema ibrido multienergia per produrre riscaldamento, condizionamento e ACS è un sistema ibrido multienergia che offre al consumatore la possibilità di riscaldare la casa, produrre ACS e se necessario anche condizionare gli ambienti. La progettazione termotecnica ibrida multienergia

Dettagli

Pompa di calore per produzione di Acqua Calda Sanitaria

Pompa di calore per produzione di Acqua Calda Sanitaria POMPA DI CALORE ACQUA PLU 300 Pompa di calore per produzione di Acqua Calda anitaria POMPA DI CALORE PER ACQUA ANITARIA ACQUA PLU 300 La Pompa di calore ACQUA PLU 300 di HITEC è un prodotto innovativo

Dettagli

alfea M Pompe di calore aria-acqua Riscaldamento e raffrescamento Potenza da 6 a 12 kw

alfea M Pompe di calore aria-acqua Riscaldamento e raffrescamento Potenza da 6 a 12 kw alfea M Riscaldamento e raffrescamento Potenza da 6 a kw CARATTERISTICHE La pompa di calore Alfea nasce dalla lunga tradizione del Gruppo Atlantic,di cui Ygnis fa parte, nello sfruttare le energie alternative

Dettagli

nzeb NEARLY ZERO ENERGY BUILDING La scuola e l energia sostenibile, un primo passo verso il 2020

nzeb NEARLY ZERO ENERGY BUILDING La scuola e l energia sostenibile, un primo passo verso il 2020 Impiantistica in case ad energia quasi zero Architetto Stefano Belcapo Consulente esperto Agenzia Casaclima PREMESSE L approccio progettuale integrato al sistema edificio-impianto Potenza ed energia Temperatura

Dettagli

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI

source Source X Performance NUOVI SISTEMI RADIANTI source X Performance Source NUOVI SISTEMI RADIANTI X PERFORMANCE I componenti che fanno parte della sezione X Performance, sono realizzati con materiali di elevatissima qualità e studiati per dare il massimo

Dettagli

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio

Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Dott. Ing. Pietro Marforio Soluzioni impiantistiche per una riqualificazione energetica degli edifici esistenti Dott. Ing. Pietro Marforio Sistema edificio/impianto Per soddisfare il fabbisogno di energia termica di un edificio,

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano.

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO. Nuovo complesso edilizio. Via Selva Residence Quinzano. RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTO RECUPERATORE DI CALORE E RAFFRESCAMENTO ESTIVO Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Maggio

Dettagli

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE

RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE RISCALDAMENTO E CLIMATIZZAZIONE Gli oneri economici relativi al riscaldamento invernale e alla climatizzazione estiva di un edificio residenziale sono da considerarsi tra le componenti di spesa principali

Dettagli

La soluzione aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamigliare con impianti autonomi

La soluzione aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamigliare con impianti autonomi La soluzione aeraulica per il comfort totale nelle abitazioni a basso consumo e per il plurifamigliare con impianti autonomi Marco Grisot Application Manager Le nuove normative impongono di costruire abitazioni

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI CONDIZIONAMENTO E VMC RELAZIONE DI CALCOLO IMPIANTI DI VENTILAZIONE MECCANICA CONTROLLATA La ventilazione meccanica controllata degli ambienti con aria esterna rappresenta il sistema più efficace per controllare le condizioni

Dettagli

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE I VANTAGGI DELL IMPIANTO CENTRALIZZATO E DELL IMPIANTO AUTONOMO IN UN UNICA SOLUZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE Lo scenario energetico sta cambiando rapidamente; le direttive

Dettagli

Hydronic Unit LE. Pompe di calore idroniche

Hydronic Unit LE. Pompe di calore idroniche Hydronic Unit LE Pompe di calore idroniche UNIT LE LA NUOVA POMPA DI CALORE IDRONICA ARIA-ACQUA DI BERETTA CON CIRCOLATORE BASSO CONSUMO Le pompe di calore UNIT LE sono idonee per riscaldamento, raffrescamento

Dettagli

VICTRIX Superior TOP 26/32 VICTRIX Superior TOP 32 Plus Caldaie murali, a condensazione, a camera stagna e tiraggio forzato in versione istantanea ed

VICTRIX Superior TOP 26/32 VICTRIX Superior TOP 32 Plus Caldaie murali, a condensazione, a camera stagna e tiraggio forzato in versione istantanea ed 8 VICTRIX Superior TOP 26/32 VICTRIX Superior TOP 32 Plus Caldaie murali, a condensazione, a camera stagna e tiraggio forzato in versione istantanea ed abbinabile a Unità Bollitore separata (Plus) VANTAGGI

Dettagli

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50

DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche esterne: Stagione Temperatura ( C) Umidità relativa (%) Inverno -5 85 Estate 32 50 RELAZIONE GENERALE Oggetto del presente progetto è la messa a norma dell impianto di ricambio d aria dei locali di Didattica degli edifici sportivi siti in Via Montelungo e Via Casorati. Attualmente, infatti,

Dettagli

REQUISITO. (Parte seconda, allegato 2, punto 19 )

REQUISITO. (Parte seconda, allegato 2, punto 19 ) REQUISITO 6.5 Sistemi e dispositivi per la regolazione degli impianti termici e per l'uso razionale dell'energia mediante il controllo e la gestione degli edifici (BACS) (Parte seconda, allegato, punto

Dettagli

UNITA DI CLIMATIZZAZIONE HRU

UNITA DI CLIMATIZZAZIONE HRU 2014 HRU HRU Unità di climatizzazione aria/aria in pompa di calore con recupero integrato per il ricambio dell aria con neutralizzazione dei carichi termici esterni ove già si disponga di riscaldamento

Dettagli

Presidio Ospdaliero A. Manzoni di Lecco

Presidio Ospdaliero A. Manzoni di Lecco CARBOTERMO S.P.A. IMPIANTO DEL PRESIDIO OSPEDALIERO A. MANZONI AZIENDA OSPEDALIERA DELLA PROVINCIA DI LECCO. PREMESSA Di seguito vengono descritte le principali caratteristiche tecniche dell impianto di

Dettagli

Aura FLC B. Possibilità di installazione in cascata

Aura FLC B. Possibilità di installazione in cascata Aura FLC B Generatore termico in acciaio a condensazione, funzionante anche in batteria (cascata certificata INAIL). Corpo caldaia in acciaio a sviluppo verticale a basso carico termico, grande contenuto

Dettagli

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici

Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Regione Marche Prezzario ufficiale in materia di lavori pubblici Codice Sub Descrizione UNM Prezzo Sicurezza 13 IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, DI CONDIZIONAMENTO, DI VENTILAZIONE 13.01 Prezzi a corpo di impianti

Dettagli

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO

50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO pag. 1 50 - IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Nr. 1 S50.A05.010 Nr. 2 S50.A05.020 Nr. 3 S50.A05.030 Impianto riscaldamento a raatori - quota fissa per ciascuna caldaia Impianto riscaldamento a raatori per unita'

Dettagli

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE

TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE TIPOLOGIE IMPIANTISTICHE La scelta della tipologia impiantistica varia a seconda della destinazione d uso: EDILIZIA CIVILE: Classe Esempi 1 Locali per la residenza Alloggi ad uso privato 2 Locali per il

Dettagli

Efp E 8-I (cod. 2C01102T)

Efp E 8-I (cod. 2C01102T) Efp E 8-I (cod. 2C01102T) Pompe di calore aria/acqua Inverter adatti per il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria di ambienti di piccole e medie dimensioni. Ideali per

Dettagli

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08

EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 EMMETI CLIMA FLOOR Sistemi di riscaldamento e raffrescamento radiante IT 08 Idee da installare Il comfort tutto l anno Da qualche anno anche in Italia l impianto a pavimento si sta presentando quale soluzione

Dettagli

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali

Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Progettazioni e Consulenze Termotecniche Edifici Evoluti Bertelli Residenza via Mazzali Presentazione in Milano - 19 novembre 2010 Per garantire il confort indoor negli Edifici Evoluti Bertelli gli impianti

Dettagli

Lavori intelligenti per il risparmio energetico

Lavori intelligenti per il risparmio energetico Città di San Donà di Piave Assessorato all Ambiente SPORTELLO ENERGIA Lavori intelligenti per il risparmio energetico SOLARE TERMICO Un impianto a collettori solari (anche detto a pannelli solari termici

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO. Azienda Casa Emilia-Romagna di Reggio Emilia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA EDIFICI PUBBLICI COMUNE DI CAVRIAGO CENTRO CULTURALE MUNICIPIO SCUOLA CINEMA PALESTRA SCUOLA ALLOGGI SOCIALI SCUOLA CASA PROTETTA Soluzione - La riqualificazione energetica

Dettagli

MURELLE HE 25-30/55 PLANET DEWY 60-100 BFR. CONDENSAZIONE - Con accumulo. CONDENSAZIONE - Alta potenza

MURELLE HE 25-30/55 PLANET DEWY 60-100 BFR. CONDENSAZIONE - Con accumulo. CONDENSAZIONE - Alta potenza MURELLE HE CONDENSAZIONE Caldaia murale premiscelata a condensazione per solo riscaldamento e per riscaldamento e produzione istantanea di acqua calda sanitaria. Murelle HE è la caldaia premiscelata a

Dettagli

Libretto di impianto per la climatizzazione

Libretto di impianto per la climatizzazione Libretto di impianto per la climatizzazione conforme al Decreto n. 5027 del 11.6.2014 EDIFICIO LOCALITÀ Condominio La Torre Milano INDIRIZZO via Mazzini, 12 DATA martedì 3 marzo 2015 Rif. Esempio.E7201

Dettagli

Modulo Control. modulo control: tanta energia in poco spazio. www.ygnis.it

Modulo Control. modulo control: tanta energia in poco spazio. www.ygnis.it modulo control: tanta energia in poco spazio Luis Perito termotecnico Modulo Control Caldaia a condensazione in acciaio inox a gas con bruciatore modulante da 116 kw a 450 kw www.ygnis.it L evoluzione

Dettagli

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI -

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - A. INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE COMPLESSIVA DELL EDIFICIO...2 A) VALORI LIMITE...2 B) COSTI AMMISSIBILI...3 C) CONTENUTO DELL ASSEVERAZIONE...3 B. INTERVENTI SU STRUTTURE

Dettagli

METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA. 14 luglio 2014 - INRIM - Torino

METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA. 14 luglio 2014 - INRIM - Torino METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA 14 luglio 2014 - INRIM - Torino Contabilizzazione dell energia termica: quadro normativo, Contesto applicativo e tecnologie allo stato dell'arte Marco Masoero

Dettagli

ixcondens 35C/IT (M) (cod. 00916340)

ixcondens 35C/IT (M) (cod. 00916340) ixcondens 35C/IT (M) (cod. 00916340) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria. Corpo caldaia lamellare in alluminio

Dettagli

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema

Giampiero Colli Anima/Coaer. Logo associazione nello schema Work shop tecnico: Edifici Impianti a pompa di calore per la climatizzazione annuale e la produzione di acqua calda sanitaria: soluzioni per edifici polifunzionali, residenziali, uffici. Giampiero Colli

Dettagli

VIA XXV APRILE SIRMIONE - BS.

VIA XXV APRILE SIRMIONE - BS. HOTEL VINCI VIA XXV APRILE SIRMIONE - BS. *************** RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRO-TERMO-SANITARI DESENZANO D/G, Ottobre 2014 RIF. PS 2148 1 Gli impianti idraulici previsti al servizio dell hotel

Dettagli

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere

IMPIANTI TERMICI. Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere IMPIANTI TERMICI Gli impianti termici o di riscaldamento sono i sistemi più diffusi per modificare le condizioni di benessere Secondo lutenza da servire gli impianti di riscaldamento si dividono in: IMPIANTI

Dettagli

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170)

FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) FUTURIA SOLAR 180/25 (M) (cod. 00918170) Caldaia a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatta per il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria in abbinamento ad un sistema

Dettagli

Caldaie a basamento LOGO

Caldaie a basamento LOGO Caldaie a basamento LOGO Caldaie a basamento Logo 32/50 OF TS Logo 32/80 OF TS Logo 22-32 OF TS LOGO Il rispetto per l ambiente Logo è la gamma di caldaie a basamento in ghisa inquinare e senza sprecare

Dettagli

Easy Compact Clima 4 in 1

Easy Compact Clima 4 in 1 Easy Compact Clima 4 in 1 Innovativo sistema compatto per la ventilazione meccanica a doppio flusso, il riscaldamento, il raffrescamento e la produzione di acqua calda sanitaria, con pompa di calore. In

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Il Tecnico Ing. Renato Borrini

Il Tecnico Ing. Renato Borrini COMUNE DI DESENZANO DEL GARDA PROVINCIA DI BRESCIA RELAZIONE TECNICA DELL IMPIANTO DI CONDIZIONAMENTO E DI RICAMBIO DELL ARIA E DELL IMPIANTO IDRICO- SANITARIO A SERVIZIO DELLA DISCOTECA SESTO SENSO SITA

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via San Zeno PROGETTO ESECUTIVO SOSTITUZIONE GENERATORE TERMICO Ing. Paolo Silveri Via Valle Bresciana, 10 25127 Brescia Tel. 347.9932215 silveri.progea@gmail.com COMUNE di ODOLO Provincia di Brescia RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Scuola Elementare F.lli Rossetti Via

Dettagli

Impianti di termoventilazione per alberghi

Impianti di termoventilazione per alberghi Impianti di termoventilazione per alberghi Riteniamo che quello dell impianto di riscaldamento e condizionamento, sia uno dei punti più importanti da prendere in considerazione al momento della costruzione

Dettagli

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità

VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità 1 VMC: comfort, gestione del calore e dell umidità Ing. Luca Barbieri Product manager Hoval 2 Definizione ventilazione meccanica controllata «I sistemi di ventilazione meccanica controllata (VMC) sono

Dettagli

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità.

> HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA. Gamma disponibile. Descrizione dell unità. > HMW LT POMPE DI CALORE ACQUA - ACQUA E BRINE - ACQUA PER INSTALLAZIONE ESTERNA O INTERNA ECO-FRIENDLY Gamma disponibile REFRIGERANT GAS Tipologia di unità IH Pompa di calore IP Pompa di calore reversibile

Dettagli

Edition 2011 L ULTIMA EVOLUZIONE DELLA CALDAIA A CONDENSAZIONE DOC00119/05.11

Edition 2011 L ULTIMA EVOLUZIONE DELLA CALDAIA A CONDENSAZIONE DOC00119/05.11 Edition 2011 L ULTIMA EVOLUZIONE DELLA CALDAIA A CONDENSAZIONE L integrazione SOLARE TOTALE DOC00119/05.11 Generatore di calore termosolare da incasso premiscelato a condensazione ad integrazione solare

Dettagli

Allegato A SPECIFICAZIONI TECNICHE

Allegato A SPECIFICAZIONI TECNICHE Allegato A SPECIFICAZIONI TECNICHE * * * DESCRIZIONE SOMMARIA L'attività oggetto del presente capitolato consiste nell esercizio e nella manutenzione, compresa la funzione di terzo responsabile dell esercizio

Dettagli

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO

IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO IL COLLEGAMENTO IDRAULICO RACCOMANDAZIONI ED ESEMPI DI IMPIANTO RACCOMANDAZIONI E consigliabile applicare schemi semplici e di provata efficacia e dotare il sistema di elementi utili a verificare il buon

Dettagli

Recuperatori di calore serie DRU. Unità di recupero calore per ventilazione meccanica controllata Serie DRU

Recuperatori di calore serie DRU. Unità di recupero calore per ventilazione meccanica controllata Serie DRU INTRODUZIONE Le nuove conquiste tecnologiche nel campo degli isolanti termici e nella tenuta dei serramenti ha reso le moderne abitazioni sempre più confortevoli sia a livello acustico che termico, riducendo

Dettagli

APPLICAZIONE AUTOFLOW N 9 DA/A CENTRALE TERMICA

APPLICAZIONE AUTOFLOW N 9 DA/A CENTRALE TERMICA CALEFFI 00 98 Stabilizzatori automatici di portata APPLICAZIONE AUTOFLOW N 9 Impianto di riscaldamento a termostrisce L impianto di cui si tratta è destinato alla climatizzazione di un capannone industriale

Dettagli

Caldaie a condensazione murali IDRA CONDENS 4100

Caldaie a condensazione murali IDRA CONDENS 4100 Caldaie a condensazione murali IDRA CONDENS 4100 Caldaie a condensazione a gas **** CE Scambiatore in acciaio inox 316 a dissipazione radiale forzata Bruciatore a premiscelazione totale Potenza da 20 a

Dettagli

ixincondens 25T/IT (M) (cod. 00916350)

ixincondens 25T/IT (M) (cod. 00916350) ixincondens 25T/IT (M) (cod. 00916350) Caldaie a condensazione, a camera stagna ad altissimo rendimento adatte per il riscaldamento (mod. T - C) e la produzione di acqua calda sanitaria (mod. C). Funzionamento

Dettagli

COSA E COSA E UNA POMP UNA

COSA E COSA E UNA POMP UNA COSA E UNA POMPA DI CALORE Una pompa di calore è un dispositivo che sposta calore da un luogo in bassa temperatura (chiamato sorgente) ad uno in alta temperatura (chiamato utenza), utilizzando dell energia.

Dettagli

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità.

Ventilatori Brushless modulanti a magneti permanenti con inverter, per uso continuo, a risparmio energetico e bassa rumorosità. Scheda Tecnica: Piastra idronica SKUDO DC Inverter Codice scheda: XSCT00078 Data 15/11/2014 Famiglia: Recuperatori di calore Descrizione SKUDO è la piastra idronica con spessore di 13 cm e batteria di

Dettagli

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Principi di Funzionamento pag. 3. 3. Modalità di installazione pag. 3. 4. Edificio B3 pag. 3

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Principi di Funzionamento pag. 3. 3. Modalità di installazione pag. 3. 4. Edificio B3 pag. 3 INDICE 1. Premessa pag. 2 2. Principi di Funzionamento pag. 3 3. Modalità di installazione pag. 3 4. Edificio B3 pag. 3 4.1 Dimensionamento Impianto pag. 4 4.2 Componenti dell Impianto pag. 4 5. Edificio

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi.

IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. IL RISPARMIO ENERGETICO E GLI AZIONAMENTI A VELOCITA VARIABILE L utilizzo dell inverter negli impianti frigoriferi. Negli ultimi anni, il concetto di risparmio energetico sta diventando di fondamentale

Dettagli

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59

LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA. D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E. D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 LEGGE 9 gennaio 1991, n. 10 RELAZIONE TECNICA D.Lgs. 29 dicembre 2006, n. 311 - ALLEGATO E D.P.R. 2 aprile 2009, n. 59 COMMITTENTE : CONI SPA EDIFICIO : PISCINA MILANO CONI INDIRIZZO : VIA MONTEVIDEO N.20

Dettagli

ACU UNITA DI CLIMATIZZAZIONE

ACU UNITA DI CLIMATIZZAZIONE ACU UNITA DI CLIMATIZZAZIONE ACU Unità di climatizzazione aria/aria in pompa di calore con recupero integrato per il ricambio dell aria con neutralizzazione dei carichi termici esterni ove già si disponga

Dettagli

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG).

Una gamma completa. di serie fino a -15 C (modelli AG). Meteo Meteo è una gamma completa di caldaie specifiche per esterni. Gli elevati contenuti tecnologici ne esaltano al massimo le caratteristiche specifiche: dimensioni, pannello comandi remoto di serie,

Dettagli

Caldaie murali a basse emissioni. PLANET LOW NOx

Caldaie murali a basse emissioni. PLANET LOW NOx Caldaie murali a basse emissioni PLANET LOW NOx Caldaie murali PLANET LOW NOx Planet Low NOx: l ecologica Sime La gamma di caldaie murali Planet si arricchisce di notevolmente le emissioni di ossidi di

Dettagli

Doxa D 24S (G) (cod. 00922460)

Doxa D 24S (G) (cod. 00922460) Doxa D 24S (G) (cod. 00922460) Caldaie murali ad altissimo rendimento alimentate a Metano (M) o G.P.L. (G) da 24 kw. Disponibile in versione camera stagna, adatte per il riscaldamento e la produzione istantanea

Dettagli

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede

e unità canalizzabili della serie recuperare il calore dall aria di espulsione La serie Energy prevede Energy Recuperatore L e unità canalizzabili della serie Energy sono state studiate per permettere un risparmio energetico negli impianti di ventilazione di locali pubblici e privati quali bar, ristoranti,

Dettagli

Pompa di calore che gestisce contemporaneamente climatizzazione e produzione di ACS con due stadi di temperatura

Pompa di calore che gestisce contemporaneamente climatizzazione e produzione di ACS con due stadi di temperatura Pompa di calore che gestisce contemporaneamente climatizzazione e produzione di ACS con due stadi di temperatura COP > 4 ACS a 75 C 06 TECNOLOGIA BREVETTATA La combinazione di una pompa di calore inverter

Dettagli

FUTURIA FLC B 70 (cod. 00922620)

FUTURIA FLC B 70 (cod. 00922620) FUTURIA FLC B 70 (cod. 00922620) Generatore termico in acciaio a condensazione, funzionante anche in batteria (cascata certificata INAIL). Corpo caldaia in acciaio a sviluppo verticale a basso carico termico,

Dettagli