Decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011 n S ETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E V ERIFICA Servizio Prevenzione e Protezione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011 n. 151. S ETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E V ERIFICA Servizio Prevenzione e Protezione"

Transcript

1 Decret del Presidente della Repubblica 1 agst 2011 n. 151 I STITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI I NFORTUNI SUL L AVORO S ETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E V ERIFICA Servizi Prevenzine e Prtezine FORMAZIONE ANTINCENDIO I NG. RAFFAELE S ABATINO 1

2 I STITUTO NAZIONALE PER L ASSICURAZIONE CONTRO GLI I NFORTUNI SUL L AVORO S ETTORE RICERCA, CERTIFICAZIONE E V ERIFICA Servizi Prevenzine e Prtezine FORMAZIONE ANTINCENDIO Ing. Raffaele Sabatin Respnsabile del SPP Ricerca INAIL Via Alessandria, 220/E Rma Tel.: 06/ Fax: 06/

3 Criteri generali di sicurezza antincendi per la gestine dell emergenza nei lughi di lavr Decret Minister dell Intern 10 marz 1998 a cura del Dtt. Ing. Raffaele Sabatin Respnsabile del SPP Ricerca INAIL cn la cllabrazine del Dtt. Ing. Massim Giuffrida Dipartiment Tecnlgie di Sicurezza Ricerca INAIL edizine aggirnata al febbrai

4 un ringraziament particlare all Arch. Marcell Tambne, autre della prima edizine 4

5 Indice L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO... 7 LE NORME DI PREVENZIONE INCENDI... 8 IL NUOVO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI DI PREVENZIONE INCENDI INTRODUZIONE L INCENDIO E LA PREVENZIONE INCENDI L incendi I principi della cmbustine La reazine al fuc dei cmbustibili Il triangl del fuc Le sstanze estinguenti Le principali cause di un incendi Le cause di prpagazine di un incendi I rischi alle persne in cas d incendi I principali accrgimenti e le misure per prevenire gli incendi Le misure di prevenzine La verifica dei lughi di lavr LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO D INCENDIO Gli biettivi della valutazine dei rischi d incendi La determinazine dei fattri di pericl d incendi L identificazine delle persne espste al rischi d incendi La valutazine dell entità dei rischi accertati La classificazine del livell del rischi d incendi L individuazine delle misure di prevenzine e prtezine Il prgramma delle misure antincendi IL RISCHIO INCENDIO IN EDIFICI AD USO UFFICIO L identificazine dei pericli d incendi più diffusi L identificazine delle prblematiche cnnesse alla ltta all incendi e all evacuazine L individuazine delle attività più cmuni a rischi d incendi LA PROTEZIONE ANTINCENDIO E LE PROCEDURE DA ADOTTARE IN CASO D INCENDIO La prtezine passiva La resistenza al fuc delle strutture Il caric d incendi Le cmpartimentazini Le scale antincendi Le distanze di sicurezza antincendi La prtezine attiva Le azini del persnale addett alla gestine delle emergenze

6 Le attrezzature di ltta agli incendi Gli estintri La quantificazine e la dislcazine degli estintri La durata di scarica di un estintre e le mdalità di utilizz Gli idranti I sistemi antincendi Gli impianti di spegniment autmatic e/ manuale d incendi I dispsitivi di rivelazine autmatica e di allarme incendi I sistemi di evacuazine di fum e calre Le vie di esd I criteri generali di sicurezza per le vie di uscita Le prcedure perative da adttare in cas di emergenza I cntenuti del pian di emergenza Le prcedure da attuare in cas d incendi Le prcedure per l esd La frmazine e l infrmazine dei lavratri La frmazine per gli addetti alla gestine delle emergenze I rapprti cn i Vigili del Fuc ed altri Enti istituzinali La cllabrazine cn i Vigili del Fuc La segnaletica di sicurezza La segnaletica aggiuntiva L illuminazine di emergenza I dispsitivi di prtezine individuale per l antincendi ESEMPIO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO GLOSSARIO DELL ANTINCENDIO DECRETO MINISTERIALE 10 MARZO STRALCIO DEL DECRETO MINISTERIALE 22 FEBBRAIO DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 1 AGOSTO 2011 N

7 L evluzine della nrmativa antincendi Cn la pubblicazine del DPR 27 aprile 1955 n. 547 Nrme per la prevenzine degli infrtuni sul lavr il legislatre vlle indicare, per tutte le attività ve eran impiegati lavratri subrdinati, la strada da percrrere per: rendere più sicuri: i psti di lavr; le macchine; gli apparecchi di sllevament; gli impianti e gli apparecchi elettrici; i prdtti periclsi e ncivi; cmbattere gli incendi. A tale ultima prblematica il DPR 547/55 destinò sltant 5 articli su 406, cn i quali vlle segnalare le misure più pprtune da adttare per la prevenzine degli incendi e la salvaguardia dei lavratri, in cas d incendi, cmprendenti: la difesa cntr gli incendi (art. 33), divieti, mezzi di estinzine ed allntanament dei lavratri (art. 34), lavrazini periclse e cntrll dei Vigili del Fuc (art. 36), tutte tematiche ancra ggi attuali, ma frse pste in maniera eccessivamente generica e pertant spess disattese, da datri di lavr pc sensibili alla sicurezza e alla salute dei lavratri sul lug del lavr. In seguit il Minister degli Interni prmulgand, nel temp, una lunga serie di dispsizini legislative, decreti e circlari in materia antincendi ha sviluppat una cmpleta nrmativa antincendi di carattere generale, cme ad esempi: DM 16 febbrai 1982 Mdificazini del Decret Ministeriale 27 Settembre 1965, cncernente la determinazine delle attività sggette alle visite di prevenzine incendi. DPR 29 lugli 1982 n. 577 Apprvazine del reglament cncernente l espletament dei servizi di prevenzine e di vigilanza antincendi ; DM 30 nvembre 1983 Termini, definizini generali e simbli di prevenzine incendi, ecc.; e di carattere specific, cme ad esempi: DM 01 febbrai 1986 Nrme di sicurezza antincendi per la cstruzine e l esercizi di autrimesse e simili ; DM 16 maggi 1987 n. 246 Nrme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazine ; DM 20 maggi 1992 Nrme di prevenzine incendi per l edilizia sclastica, ecc.. Sl cn l emanazine del D. Lgs. 19 settembre 1994 n. 626, seguit dal DM 10 marz 1998, venivan riprese le tematiche tracciate dal DPR 547/55, cncernenti la prevenzine incendi nei lughi di lavr e le misure da prre in essere per prevenire l insrgenza di un incendi e la sua eventuale prpagazine, prvvedere a prre in salv, nel minr temp pssibile, le persne presenti sul lug del sinistr, intervenire, quand pssibile, cn l utilizz dei mezzi, delle attrezzature e dei dispsitivi di ltta agli incendi, attuare tutte le prcedure del pian di emergenza, al fine di pter gestire nel miglire dei mdi un emergenza incendi sul lug di lavr. Si ritiene che il prim reglament di prevenzine incendi sia il DM 31 lugli 1934, cncernente l apprvazine delle nrme di sicurezza per la lavrazine, l immagazzinament, l impieg e la vendita degli li minerali, e per il trasprt degli stessi. Per individuare la prima vera nrma di prevenzine incendi di carattere generale, bisgna arrivare alla Legge 27 dicembre 1941 n Nuve nrme per l rganizzazine dei servizi antincendi (G.U. n. 27 del 3 febbrai 1942), dve viene istituit il Crp nazinale dei Vigili del Fuc, al quale vengn attribuite numerse cmpetenze in materia di emergenza in generale e di prevenzine incendi in particlare. 7

8 Le nrme di prevenzine incendi Nel temp si è quindi susseguita una vastissima prduzine di nrme e circlari, delle quali si riprtan gli estremi delle principali: DPR n. 151 del 1 Agst 2001: Reglament recante semplificazine della disciplina dei prcedimenti relativi alla prevenzine degli incendi, a nrma dell'articl 49, cmma 4-quater, del decret-legge 31 maggi 2010, n. 78, cnvertit, cn mdificazini, dalla legge 30 lugli 2010, n. 122 Circlare MI P4865/4101 del 5/10/2011: Nuv reglament di prevenzine incendi - DPR 1 agst 2011, n. 151 Lettera Circlare MI P13061 del 6/10/2011: Nuv reglament di prevenzine incendi - DPR 1 agst 2011, n. 151 "Reglament recante semplificazine della disciplina dei prcedimenti relativi alla prevenzine degli incendi, a nrma dell'articl 49, cmma 4- quater, del decret-legge 31 maggi 2010, n. 78, cnvertit, cn mdificazini, dalla legge 30 lugli 2010, n. 122". Primi indirizzi perativi Circlare MI del 22/10/2011: Precisazini DPR n. 689 del 1959: Determinazine delle aziende e lavrazini sggette, ai fini della prevenzine degli incendi, al cntrll del Cmand del Crp dei vigili del fuc DMI del 16 Febbrai 1982: Determinazine delle attività sggette alle visite di prevenzine incendi (abrgat dal DPR n. 151 del 1 Agst 2001) Circlare MI 2/6/1982, N.25: DM 16 febbrai Chiarimenti applicativi Circlare MI N. 52 del 20/11/1982: Decret Ministeriale 16 febbrai 1982 e DPR 29 lugli 1982, n Chiarimenti Lettera Circlare MI P21250/4106 del 19/10/1984: DM 31 marz 1984: "Nrme di sicurezza per la prgettazine, la cstruzine, l'installazine e l'esercizi dei depsiti di gas di petrli liquefatt cn capacità cmplessiva nn superire a 5 mc" - Criteri applicativi Circlare MI N. 14 del 28/05/1985: Nrmative di prevenzine incendi da applicarsi nell'ambit di cmunità religise Circlare MI N. 36 del 11/12/1985: Prevenzine incendi: chiarimenti interpretativi di vigenti dispsizini e pareri espressi dal Cmitat centrale tecnic scientific per la prevenzine incendi su questini e prblemi di prevenzine incendi Circlare MI 17/12/1986, N.42: Chiarimenti interpretativi di questini e prblemi di prevenzine incendi Chiariment MI P369/4101 del 24/05/2000: Ferrvie dell Stat S.p.a. - Legge 26 aprile 1974, n. 191 Lettera Circ. MI n. P725 / 4122 stt. 67 del 4/6/2001: Cmplessi edilizi ad us civile a gestine unica cmprendenti più attività ricadenti nel DM 16 febbrai 1982 Validità del Certificat di Prevenzine Incendi. Chiariment MI P77/4101 del 4/7/2002: Cmplessi edilizi a gestine unica Durata della validità del Certificat di P.I. Lettera Circlare del Minister dell Intern P325/4113 del 14/3/2006: Impianti fissi di distribuzine di benzina, gasli e miscele per auttrazine ad us pubblic e privat cn senza stazine di servizi cmprendenti depsiti e/ rivendite di lii lubrificanti e simili per capacità superire ad 1 mc. - Validità del Certificat di Prevenzine Incendi. 8

9 Lettera Circlare del Minister dell Intern P522/4113 del 20/4/2007: Peridicità del certificat di prevenzine incendi in presenza di impianti di distribuzine stradale di carburanti per auttrazine, anche di tip mist, cn annesse attività accessrie - Chiariment Lettera Circlare del Minister dell Intern MI.S.A. prt. Num P1132/4101 del 05/08/2002: Impianti di distribuzine di Kersene a servizi di elisuperfici DPR n. 577 del 1982: Apprvazine del reglament cncernente l'espletament dei servizi antincendi Circlare MI n. 46 del 7 Ottbre 1982: Apprvazine del reglament cncernente l'espletament dei servizi antincendi e di vigilanza antincendi, indicazini applicative Legge n. 818 del 1984: Nulla-sta prvvisri per le attività sggette ai cntrlli di prevenzine incendi, e nrme integrative dell'rdinament del Crp nazinale dei vigili del fuc DMI 8 Marz 1985: Misure urgenti ed essenziali per il rilasci del NOP DMI 25 Marz 1985: Prcedure e requisiti per l'autrizzazine e l'iscrizine dei prfessinisti negli elenchi del Minister dell'intern di cui alla legge n. 818 Circlare Minister dell'intern n. 9 del 17/04/1985: DM 25 marz 1985 "Prcedure e requisiti per l'autrizzazine e l'iscrizine dei prfessinisti negli elenchi del Minister dell'intern di cui alla legge 7 dicembre 1984, n DMI 3 maggi 1986: Prcedure e requisiti per l autrizzazine e l iscrizine dei dttri agrnmi, dei dttri frestali e dei periti agrari negli elenchi del Minister dell intern di cui alla legge 7 dicembre 1984, n Delimitazine del settre di peratività di tali prfessinisti nel camp della prevenzine incendi. DMI 16 maggi 1986: Prcedure per il cnferiment ai funzinari dei ruli tecnici delle amministrazini statali, delle regini e degli enti lcali territriali, di incarichi per il rilasci delle certificazini di cui alla legge 7 dicembre 1984, n Circlare Minister dell'intern n. 24 del 30/9/1989: Validità delle certificazini e delle dichiarazini rilasciate da prfessinisti nel settre della prevenzine incendi Lettera Circlare MI P16624/4101 del 5/10/1989: Crs di prevenzine incendi ai fini dell iscrizine dei prfessinisti negli elenchi del Minister dell Intern di cui all articl 1 della legge 818/84 Circlare Minister dell'intern n. 18 del 21/10/1992: Firma di tecnici su prgetti ed altri elabrati nel settre della prevenzine incendi DMI del 27 Aprile 2005: Prcedure e requisiti per l'autrizzazine e l'iscrizine degli agrtecnici ed agrtecnici laureati negli elenchi del Minister dell'intern, di cui alla legge 7 dicembre 1984, n Delimitazine del settre di peratività di tali prfessinisti nel camp della prevenzine incendi Lettera Circlare MI P504/4101 del 17/4/2007: Nuva versine dell applicativ infrmatic finalizzat all aggirnament degli elenchi dei prfessinisti abilitati di cui alla Legge 7 dicembre 1984, n. 818 Lettera Circlare MI P1334/4101 del 13/11/2007: Prfessinisti abilitati di cui alla Legge 7 dicembre 1984, n Sintesi delle dispsizini in vigre e relativi chiarimenti DPR n. 37 del 1998: Reglament recante disciplina dei prcedimenti relativi alla prevenzine incendi 9

10 Lettera Circlare MI Prt. P03/4101 del 5/2/1999: Articl 4 del DPR 12 gennai 1998, n. 37 Istanza di rinnv del Certificat di Prevenzine Incendi presentate in data successiva alla scadenza DMI del 4 Maggi 1998: Mdalità di presentazine e cntenut delle dmande di prevenzine incendi Elenc attività e durata delle fasi del prcediment Circlare MI del 5 Maggi 1998: Reglament per la disciplina dei prcedimenti relativi alla prevenzine incendi - Chiarimenti applicativi Lettera Circlare MI Prt. P681/4105 del 29/7/1999: DM 4 maggi Dcumentazine relativa alle attività 4 e 6 del D. M 16 Febbrai 1982 (SNAM) Lettera Circlare MI PROT. n. P 130 / 4101 stt. 72/E del 31 gennai 2001: Mdelli di certificazini e dichiarazini da allegare alla dmanda di sprallug ai fini del rilasci del C.P.I. Lettera Circlare MI del 22/03/2004: Aggirnament della mdulistica di prevenzine incendi Lettera Circlare MI Prt. n. P515/4101 stt. 72/E.6 del 24/4/2008: Aggirnament della mdulistica di prevenzine incendi da allegare alla dmanda di sprallug ai fini dei rilasci del C.P.I. Lettera Circlare DCPREV Prt. n del 24/03/2011: Sprtell Unic per le Attività Prduttive (DPR del 7 settembre 2010, n. 160). Indirizzi applicativi di armnizzazine tra le prcedure di prevenzine incendi ed il "prcediment autmatizzat" di cui capi I, II, III, V e VI del Reglament Circlare MI.SA n. 13 del 22 maggi 1999: Servizi di prevenzine incendi e di vigilanza antincendi - Criteri e mdalità di utilizzazine del fnd di cui all'art. 61 del C.C.N.L. emanat cn D.P.C.M del 26 febbrai 1996 Circlare Trasprti del 18/11/2005: Impiant ed esercizi di stabilimenti e depsiti cstieri di li minerali, GPL, bidiesel, prdtti chimici, petrlchimici e GNL. Articli 52, 2 cmma del cdice della navigazine e 47 del reglament di navigazine marittima. Nuve prcedure DMI del 29 dicembre 2005: Direttive per il superament del regime di nulla sta prvvisri Lettera Circlare Prt. n. P194 / 4101 stt. 135/A del 20 febbrai 2006: DM 29 dicembre 2005 recante direttive per il superament del regime del nulla sta prvvisri, ai sensi dell art. 7 del DPR , n.37. Chiarimenti e primi indirizzi applicativi. Lettera Circlare Prt. n. 5551/4108 del 29 maggi 2009: DM 29 dicembre Chiarimenti in merit all'adeguament delle autrimesse in pssess di Nulla Osta Prvvisri ai fini del cnseguiment del Certificat di Prevenzine Incendi DM del 22 febbrai 2006: Apprvazine della regla tecnica di prevenzine incendi per la prgettazine, la cstruzine e l'esercizi di edifici e/ lcali destinati ad uffici. D. Lgs. n. 139 del 2006: Riassett delle dispsizini relative alle funzini e ai cmpiti del Crp Nazinale dei Vigili del Fuc a nrma dell art. 11 della legge 29 lugli 2003, n. 229 Circlare n /21.01A del 10 marz 2006: Riassett delle dispsizini sulle funzini e i cmpiti del Crp Nazinale dei Vigili del Fuc Lettera Circlare del Minister dell Intern Prt. P368/4101 stt. 72/F del 19/3/2008: Cntrlli di prevenzine incendi ai sensi dell'art. 19 del D. Lgs. 139/

11 Decret Minister dell'intern 5 agst 2011: Prcedure e requisiti per l'autrizzazine e l'iscrizine dei prfessinisti negli elenchi del Minister dell'intern di cui all'articl 16 del decret legislativ 8 marz 2006, n DPR n. 214 del 12/4/2006: Reglament recante semplificazine delle prcedure di prevenzine di incendi relative ai depsiti di GPL in serbati fissi di capacità cmplessiva nn superire a 5 mc Lettera Circlare del Minister dell Intern Prt. P717/4106 stt. 40/A del 30/6/2006: DPR 12 aprile 2006 n Reglament recante semplificazine delle prcedure di prevenzine incendi relative ai depsiti di GPL in serbati fissi di capacità cmplessivi nn superire a 5 mc - Chiarimenti ed indirizzi applicativi. Lettera Circlare del Minister dell Intern Prt. P1155/4106 stt. 40/A del 2/11/2006: Decret del Presidente della Repubblica 12 aprile 2006 n Reglament recante semplificazine delle prcedure di prevenzine incendi relative ai depsiti di GPL in serbati fissi di capacità cmplessiva nn superire a 5 mc - Chiarimenti in rdine all'intestazine del Certificat di prevenzine incendi. Lettera Circlare del Minister dell Intern Prt. P1169/4106 stt. 40/A del 4/10/2007: Depsiti di GPL in serbati fissi di capacità cmplessiva nn superire a 5 mc - Attuazine del DPR 12 aprile 2006, n Indirizzi applicativi Lettera Circlare Minister dell'intern Prt. 2720/4106 del 7 Aprile 2009:di manutenzine per i piccli serbati di GPL DMI del 9 maggi 2007: Direttive per l'attuazine dell'apprcci ingegneristic alla sicurezza antincendi Lettera Circlare del Minister dell'intern Prt. n del 17 lugli 2007: Direttive per l attuazine dell apprcci ingegneristic alla sicurezza antincendi - DM 9 maggi Primi indirizzi applicativi Decret del Cap del Crp n. DCPST/830 del 17/7/2007: Osservatri per l apprcci ingegneristic alla sicurezza antincendi DMI del 12 lugli 2007: Apprvazine delle specifiche tecniche per la trasmissine dei dati per l'avvi nline di istanze di prevenzine incendi Lettera Circlare del Minister dell'intern Prt. 7377/2007/2102 del 1 Ottbre 2007: Prevenzine incendi nline - Decret Minister dell'intern 12 lugli 2007: "Apprvazine delle specifiche tecniche per la trasmissine dei dati per l'avvi nline di istanze di prevenzine incendi." Lettera Circlare DCRISLOG Area VIII Prt. n del 21/03/2011: Prevenzine nline. Dmande di Prevenzine Incendi in frma digitale Acquisizine dei dcumenti allegati alle dmande di prevenzine incendi Lettera Circlare P7075 del 27/04/2010: Rete nazinale di trasprt dell'energia elettrica. Autrizzazini ai sensi della legge 23 agst 2004, n. 239 DPR n. 160 del 7/09/2010: Reglament per la semplificazine ed il rirdin della disciplina sull sprtell unic per le attività prduttive, ai sensi dell'articl 38, cmma 3, del decret-legge 25 giugn 2008, n. 112, cnvertit, cn mdificazini, dalla legge 6 agst 2008, n. 133 Lettera Circlare DCPREV Prt. n del 24/03/2011: Sprtell Unic per le Attività Prduttive (DPR del 7 settembre 2010 n. 160) Indirizzi applicativi di armnizzazine tra le prcedure di prevenzine incendi ed il "prcediment autmatizzat" di cui capi I, II, III, V e VI del Reglament. Si rinvia al sit del Crp nazinale dei Vigili del Fuc per la cnsultazine della racclta cmpleta delle Dispsizini di Prevenzine Incendi (http://www.vigilfuc.it/aspx/page.aspx?idpage=4173). 11

12 Il nuv Reglament per la disciplina dei prcedimenti di Prevenzine Incendi Il 22 settembre 2011 è stat pubblicat sulla G.U. il DPR 1 agst 2011 n. 151, riguardante l schema di reglament per la disciplina dei prcedimenti relativi alla prevenzine incendi. Il nuv reglament, recepend quant previst dalla legge del 30 lugli 2010, n. 122 in materia di snelliment dell'attività amministrativa, individua le attività sggette alla disciplina della prevenzine incendi ed pera una sstanziale semplificazine relativamente agli adempimenti da parte dei sggetti interessati. La nuva disciplina tiene vviamente cnt degli effetti che l'avvent della segnalazine certificata di inizi attività (Legge n. 122/2010) dispiega, seppure cn le limitazini già descritte, sui prcedimenti di cmpetenza del Crp Nazinale, nnché di quant previst dal reglament per la semplificazine ed il rirdin della disciplina sull Sprtell Unic per le attività prduttive (S.U.A.P.), di cui al DPR 7 settembre 2010 n Per la prima vlta, in una materia csì cmplessa, viene cncretamente incraggiata un'impstazine fndata sul principi di prprzinalità, in base al quale gli adempimenti amministrativi vengn diversificati in relazine alla dimensine, al settre in cui pera l'impresa e all'effettiva esigenza di tutela degli interessi pubblici. In prim lug, il nuv reglament attualizza l'elenc delle attività sttpste ai cntrlli di prevenzine incendi e, intrducend il principi di prprzinalità, crrela le stesse a tre categrie, A, B e C, individuate in ragine della gravità del rischi piuttst che della dimensine, cmunque, del grad di cmplessità che cntraddistingue l'attività stessa. In secnd lug, il prvvediment individua, per ciascuna categria, prcedimenti differenziati, più semplici rispett agli attuali prcedimenti, cn riguard alle attività ricndtte alle categrie A e B. Grazie all individuazine di distinte categrie, A, B e C, è stat pssibile effettuare una mdulazine degli adempimenti prcedurali e, in particlare: nella categria A sn state inserite quelle attività dtate di regla tecnica di riferiment e cntraddistinte da un limitat livell di cmplessità, legat alla cnsistenza dell'attività, all'affllament ed ai quantitativi di materiale presente; nella categria B sn state inserite le attività presenti in A, quant a tiplgia, ma caratterizzate da un maggire livell di cmplessità, nnché le attività sprvviste di una specifica reglamentazine tecnica di riferiment, ma cmunque cn un livell di cmplessità inferire al parametr assunt per la categria superire ; nella categria C sn state inserite le attività cn alt livell di cmplessità, indipendentemente dalla presenza men della regla tecnica. In linea cn quant stabilit dal nuv quadr nrmativ generale, sn state quindi aggirnate e riadattate le mdalità di presentazine delle istanze cncernenti i prcedimenti di prevenzine incendi, per ciò che attiene la valutazine dei prgetti, i cntrlli di prevenzine incendi, il rinnv peridic di cnfrmità antincendi, la derga, il nulla sta di fattibilità, le verifiche in crs d'pera, la vltura, prevedend sia il cas in cui l'attivazine avvenga attravers l Sprtell Unic per le attività prduttive sia l'eventualità che si prceda direttamente investend il Cmand Prvinciale VV.F. cmpetente per territri. Si rimanda al sit del del Crp nazinale dei Vigili del Fuc per tutte le questini perative inerenti il nuv reglament (http://www.vigilfuc.it/aspx/attivitasggette.aspx) ed all utile cnvertitre delle attività previste nell abrgat DM 16 febbrai 1982 in quelle definite nel nuv reglament (http://www.vvf.t.it/cnvertitre_dpr151/). In ultim, si segnala dal sit dei Vigili del Fuc di Napli (http://www.vvfnapli.it/calctariffa.php) un utile applicativ per determinare le tariffe sulla base della nuva articlazine delle attività. 12

13 Intrduzine Cme nt, il Decret Legislativ 9 aprile 2008 n. 81 e s.m.i. bbliga gni datre di lavr, in relazine alla natura dell attività dell azienda di cui è respnsabile, ad una valutazine circa la scelta: 1. delle attrezzature di lavr, 2. delle sstanze dei preparati chimici impiegati, 3. della sistemazine dei lughi di lavr, cn riguard a tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavratri. In base a tale analisi il datre di lavr elabra un dcument cntenente: la valutazine dei rischi per la sicurezza e la salute durante il lavr; l individuazine delle misure di prevenzine e prtezine da adttare; il prgramma delle misure da adttare ritenute più pprtune per garantire nel temp il miglirament della sicurezza. Cn il Decret Ministeriale 10 marz 1998 sn stati frniti i criteri per la valutazine dei rischi d incendi nei lughi di lavr e sn state indicate le misure di prevenzine incendi da adttare al fine di evitare che pssa innescarsi un incendi e di prtare in salv le persne espste, nel cas in cui l incendi si fsse cmunque innescat. Si evidenzia che le prblematiche che devn essere affrntate, e rislte, al fine di ttenere un idnea difesa cntr gli incendi nei lughi di lavr nn prgettati e cstruiti cn criteri antincendi sn spess assai cmplesse, ed in alcuni casi, cme quand si ha a che fare cn edifici strici sttpsti a vincli architettnici ed urbanistici, nn sempre realizzabili. In questi casi la strada da percrrere per raggiungere l scp nn ptrà che essere: tecnica, installan pprtuni impianti, dispsitivi e mezzi di ltta agli incendi, vver separand i lughi di lavr a rischi specific d incendi da quelli adiacenti tramite idnee cmpartimentazini; rganizzativa, cllcand i psti di lavr delle persne presenti, il più vicin pssibile alle vie e alle uscite, vver limitand il numer di persne presenti cntempraneamente nei lughi di lavr. Si riprta, di seguit, l articl 46 del D. Lgs. 81/08 e s.m.i.: 13

14 Articl 46 - Prevenzine incendi 1. La prevenzine incendi è la funzine di preminente interesse pubblic, di esclusiva cmpetenza statuale, diretta a cnseguire, secnd criteri applicativi unifrmi sul territri nazinale, gli biettivi di sicurezza della vita umana, d inclumità delle persne e di tutela dei beni e dell ambiente. 2. Nei lughi di lavr sggetti al presente Decret Legislativ devn essere adttate idnee misure per prevenire gli incendi e per tutelare l inclumità dei lavratri. 3. Ferm restand quant previst dal Decret Legislativ 8 marz 2006, n. 139 e dalle dispsizini cncernenti la prevenzine incendi di cui al presente Decret, i Ministri dell intern, del lavr, della salute e delle plitiche sciali, in relazine ai fattri di rischi, adttan un più Decreti nei quali sn definiti: a) i criteri diretti atti ad individuare: 1) misure intese ad evitare l insrgere di un incendi ed a limitarne le cnseguenze qualra ess si verifichi; 2) misure precauzinali di esercizi; 3) metdi di cntrll e manutenzine degli impianti e delle attrezzature antincendi; 4) criteri per la gestine delle emergenze; b) le caratteristiche dell specific servizi di prevenzine e prtezine antincendi, cmpresi i requisiti del persnale addett e la sua frmazine. 4. Fin all adzine dei Decreti di cui al cmma 3, cntinuan ad applicarsi i criteri generali di sicurezza antincendi e per la gestine delle emergenze nei lughi di lavr di cui al Decret del Ministr dell intern in data 10 marz Al fine di favrire il miglirament dei livelli di sicurezza antincendi nei lughi di lavr, ed ai sensi dell articl 14, cmma 2, lettera h), del Decret Legislativ 8 marz 2006, n. 139, cn Decret del Ministr dell intern sn istituiti, press gni Direzine reginale dei Vigili del fuc, dei nuclei specialistici per l effettuazine di una specifica attività di assistenza alle aziende. Il medesim Decret cntiene le prcedure per l espletament della attività di assistenza. 6. In relazine ai principi di cui ai cmmi precedenti, gni dispsizine cntenuta nel presente Decret Legislativ, cncernente aspetti di prevenzine incendi, sia per l attività di disciplina che di cntrll, deve essere riferita agli rgani centrali e periferici del Dipartiment dei Vigili del Fuc, del sccrs pubblic e della difesa civile, di cui agli articli 1 e 2 del Decret Legislativ 8 marz 2006, n Restan ferme le rispettive cmpetenze di cui all articl Le maggiri risrse derivanti dall espletament della funzine di cntrll di cui al presente articl, sn rassegnate al Crp nazinale dei vigili per il miglirament dei livelli di sicurezza antincendi nei lughi di lavr. 14

15 L incendi e la prevenzine incendi L incendi Per incendi s intende il fenmen cnseguente all infiammarsi ed al bruciare di sstanze cstituenti clture e vegetazini, pere d ingegneria, vver di altri beni mbili ed immbili, cn danni a cse e/ persne. L incendi è quindi una cmbustine della quale nn si ha il cntrll; l biettiv che si pne la prevenzine incendi è quell della salvaguardia delle vite umane, a cui fa seguit quell della tutela dei beni. Per prevenire e cmbattere gli incendi è necessari imparare a cnscere le cause e le cndizini che pssn favrire l innesc di una cmbustine incntrllata, al fine di adttare preventivamente idnee precauzini affinché: l incendi nn si verifichi, vver nn si prpaghi; le persne presenti sul lug del sinistr, pssan essere rapidamente pste in salv; l incendi, nel cas in cui si fsse cmunque innescat, pssa essere dmat tramite i dispsitivi di ltta agli incendi, cn la cllabrazine dei VV.F.. I principi della cmbustine La cmbustine Per cmbustine s intende una reazine di ssidazine accmpagnata da svilupp di luce e calre, cn senza fiamma. Tali reazini sn dette cmbustini vive, mentre sn dette cmbustini lente quelle che per la lentezza cn cui si verifican, nn dann lug ad emissine di luce e a fenmeni termici sensibili 1. Il cmbustibile Per cmbustibile s intende una sstanza capace di bruciare all aria, frnend energia termica. Un cmbustibile può essere slid, liquid gasss, naturale artificiale. Sn ad esempi cmbustibili: Il cmburente slidi naturali: il legn, la trba, la lignite ecc.; slidi artificiali: il carbne di legna, il cke ecc.; liquidi naturali: il petrli ed il bitume; liquidi artificiali: le benzine, gli li distillati dal petrli e catrame, gli li vegetali ecc.; gasssi naturali: i gas naturali cme ad esempi il metan, l idrgen ecc.; gasssi artificiali: gas d alt frn, gas d li, l acetilene, l ssid di carbni ecc.. Per cmburente s intende la sstanza che aiuta mantiene la cmbustine; generalmente essa è cstituita dall ssigen presente nell aria 2 atmsferica (la cui miscela gasssa cnsta della seguente cmpsizine: ssigen 20,93%; azt 78,08%; anidride carbnica 0,04; argn 0,93 altri gas 0,02%). Di nrma quindi la cmbustine è una reazine di ssidazine. Affinché tale prcess pssa verificarsi nn è sufficiente la cntempranea presenza di cmbustibile e cmburente. Il cmbustibile deve essere infatti riscaldat, almen in parte, fin al raggiungiment della prpria temperatura di accensine. 1 Il fenmen reale del meccanism della cmbustine, è stat dimstrat dal chimic francese Lavsier Antnie Laurent (Parigi ), sl nel 1775, quand dimstrò sperimentalmente che l aria è (in gran parte) un miscugli di ssigen ed azt, e che la cmbustine è un fenmen di ssidazine; l ssigen funzina cme cmburente, mentre l azt nn prende parte alla reazine. 2 Si hann dei casi, tuttavia, in cui l ssigen può essere frnit da qualche cmpst ssigenat che si decmpne, ppure casi in cui il cmburente nn è l ssigen, cme nel cas dell idrgen, che può bruciare in un atmsfera di clr, che funge csì da cmburente. 15

16 La temperatura d infiammabilità Per temperatura, punt d infiammabilità, s intende la temperatura minima alla quale un cmbustibile (slid liquid) emette vapri in quantità sufficiente a frnire cn l aria una miscela infiammabile che pssa dare inizi ad una cmbustine in presenze di un innesc. Si riprtan di seguit i punti d infiammabilità di alcuni cmbustibili: Benzina - 42,80 C Acetne - 20,00 C Tlul + 7,22 C Gasli > 50,00 C Tale dat riveste una ntevle imprtanza in quant, i liquidi cn un punt d infiammabilità più bass ptrann infiammarsi anche a temperature ambientali, mentre quelli che avrann un punt d infiammabilità più elevat, avrann bisgn di un determinat riscaldament per pter emettere vapri in sufficiente quantità. Infatti, cme vist nell esempi riprtat, la benzina ptrà infiammarsi facilmente in gni latitudine ed in gni stagine dell ann, al cntrari del gasli. La temperatura di accensine Per temperatura di accensine (vver di autaccensine) s intende la temperatura minima alla quale un cmbustibile inizia spntaneamente a bruciare in presenza di ssigen. Questa nn è uguale per tutti i cmbustibili e generalmente viene raggiunta tramite il cntatt cn fnti d innesc cme: fiamme libere scintille dvute a prcessi di lavrazine (tagli, saldatura ecc.); crt circuiti; scintille elettrstatiche, da attrit da archi elettrici; crpi rventi; faville prvenienti da gas di scaric di mtri a cmbustine; fulmini ecc.. Nella tabella seguente si riprtan le temperature di accensine di alcuni cmbustibili slidi, liquidi e gasssi. Slidi C Carta 230 Legn 250 Liquidi C Benzina 440 Gasli 338 Gasssi C Idrgen 572 Metan

17 La reazine al fuc dei cmbustibili I materiali slidi, in base alle lr caratteristiche, pssn incendiarsi più men facilmente e successivamente partecipare men alla cmbustine. In base a tali caratteristiche questi materiali vengn classificati cme: nn cmbustibili, che nn pssn bruciare; difficilmente cmbustibili, che pssn bruciare se vengn a cntatt cn una srgente di accensine, ma una vlta allntanati da tale fnte, smettn di bruciare (in quant nn sn in grad di bruciare da sli); cmbustibili che una vlta innescati, brucian da sli. I cmbustibili, a lr vlta, si dividn in: facilmente accendibili, materiali che inizian a bruciare a cntatt cn una srgente di energia (scintilla, fiammifer ecc.); difficilmente accendibili, materiali che pssn essere accesi sl se entran in cntatt cn una srgente di accensine di elevata energia, applicata per un temp prlungat. In relazine a ciò, ai materiali cmbustibili, sn state assegnate delle classi indicanti la lr partecipazine alla cmbustine. Tali classi vann da 0 a 5: quelli di classe 0 sn nn cmbustibili. 17

18 Il triangl del fuc Cndizine necessaria affinché pssa verificarsi il fenmen della cmbustine (vver che s inneschi un incendi) è la cntempranea presenza di: Cmburente (ssigen) Calre temperatura di accensine (srgente d innesc) Cmbustibile Tale cndizine è rappresentata graficamente dal csiddett triangl del fuc (vedi figura), per cui l incendi può essere innescat se risultan presenti tutti e tre i lati che cmpngn il triangl e se si verifican le seguenti cndizini: 1. l ssigen raggiunge un minim di cncentrazine, generalmente nn inferire al 15% (fann eccezine i nitrati, i clrati, i perclrati ecc., in quant essi stessi cntengn ssigen che viene liberat); 2. l energia smministrata è almen uguale superire a quella minima necessaria per prvcare l innesc. 3. il cmbustibile risulta entr il prpri camp d infiammabilità. Quest ultim cnsiste in un intervall fra un limite di cncentrazine minima e massim, entr il quale può verificarsi una cmbustine di materiali infiammabili. Ciò significa che: al di stt del limite inferire la cmbustine nn può svilupparsi per difett di cmbustibile (miscela trpp pvera); al di spra del limite superire la cmbustine nn può svilupparsi per eccess di cmbustibile (miscela trpp ricca). 18

19 Nella tabella che segue si riprtan i campi d infiammabilità di alcuni cmbustibili: Le sstanze estinguenti Campi d infiammabilità nell aria di alcuni cmbustibili Cmbustibile Limite inferire % Limite superire % Liquidi Acetne Alcl etilic Benzina Gasssi Acetne Idrgen Metan Per sstanze estinguenti s intendn quei prdtti naturali artificiali, all stat slid, liquid gasss, che hann la caratteristica di pter estinguere un incendi. Gli estinguenti maggirmente utilizzati sn: l acqua; le schiume; le plveri (chimiche e speciali); l anidride carbnica; gli agenti estinguenti alternativi agli idrcarburi algenati haln (vietati in quant dannsi per la fascia di zn stratsferic). Al mment della scelta dell estinguente da adttare in un determinat lug di lavr è necessari analizzare preventivamente: il tip di attività; l rganizzazine del lavr; le sstanze utilizzate; gli impianti, le macchine e le apparecchiature installate ecc.. cnsiderand anche a quale classe di fuc l eventuale incendi ptrebbe appartenere. Tale classificazine deriva dalla nrma eurpea Nrma UNI EN 2: del Cmitat Eurpe di Nrmalizzazine (CEN), e recepita in Italia cn DM 20 febbrai 1982, in funzine dell stat fisic (slid, liquid e gasss per le classi A, B e C) del cmprtament chimic (classe D) dei materiali cmbustibili. Nella tabella che segue si riprta la classificazine dei fuchi : Classe A Classe B Classe C Classe D Classe F Classificazine dei fuchi Fuchi da materiali slidi (legname, carbne, carta, tessuti, gmma, ecc.) Fuchi da liquidi da slidi liquefatti (benzine, li, vernici, slventi ecc.) Fuchi da gas (idrgen, metan, acetilene, GPL ecc.) Fuchi da metalli (allumini, magnesi, sdi, ptassi, liti ecc.) Fuchi da materiali da cttura in apparecchi da cttura In relazine pi alle mdalità d impieg di un estinguente pssn essere indicati due mdi di utilizz: A) impieg lcalizzat, cnsistente nell indirizzare l estinguente direttamente sulle fiamme, tramite idranti ed estintri prtatili e carrellati; B) saturazine ttale del lcale (realizzabile vviamente in ambienti chiusi), dve la cubatura dell ambiente interessat dall incendi, viene saturata tramite appsiti impianti di estinzine incendi. 3 La nrma EN 2, basandsi sui materiali che brucian, nn include i fuchi d impianti elettrici ed apparecchi elettrici utilizzatri (ex classe E) in quant essere stt tensine è sl una cndizine. 19

20 L acqua L acqua è stricamente la sstanza estinguente più diffusa in quant risulta assai efficace, ecnmica e facilmente reperibile. L acqua trva impieg tramite: idranti, naspi, attacchi di mandata per autpmpa dei VV.F., impianti autmatici e/ manuali di estinzine incendi ed in alcuni casi anche negli estintri. L acqua, che è l estinguente ideale per l spegniment di fuchi di classe A (fuchi da slidi) e può essere impiegata, cn alcune precauzini, anche per fuchi di classe B (fuchi da liquidi), è asslutamente da evitare su: fuchi di classe D (metalli), perché ptrebbe prvcare reazini esplsive; sstanze chimiche reattive in presenza di acqua, cme il clr, il flur, ecc.; apparecchiature elettriche in tensine, in quant essend l acqua un ttim cnduttre di elettricità, ptrebbe prdurre fenmeni di flgrazine per l utilizzatre. L acqua infine, nn è adatta nemmen per fuchi di classe C (fuchi da gas), fatta eccezine per gli impianti ad acqua atmizzata. L azine dell acqua su di un incendi prvca: 1. raffreddament, in quant l acqua sttrae calre dal rg riscaldandsi fin alla temperatura di 100 C; pi, in seguit al prcess di evaprazine, sttrae altr calre; 2. riduzine della cncentrazine di ssigen, in quant per l effett dell evaprazine dell acqua, l spazi circstante al rg viene in parte saturat di vapr acque, che cn la sua presenza, sttrae spazi all aria (e all ssigen) e quindi diminuisce la presenza di cmburente stacland il prcess di cmbustine. L acqua può essere priettata sulle fiamme a gett pien vver frazinat, nebulizzat atmizzat a mezz di lance, cannni tramite impianti fissi di spegniment autmatic e/ manuale d incendi. Il grad di frazinament del fluss d acqua, dipende dalla pressine dell alimentazine ltre, naturalmente, dalle caratteristiche del dispsitiv ergatre. Pertant si avrà un gett: pien frazinat cn pressini < a 15 bar; nebulizzat cn pressini cmprese fra 15 e 60 bar; atmizzat cn pressini > a 60 bar. 20

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile

Strategia Energetica Nazionale: per un energia più competitiva e sostenibile Strategia Energetica Nazinale: per un energia più cmpetitiva e sstenibile Marz 2013 Premessa Il cntest nazinale e internazinale di questi anni è difficile ed incert. La crisi ecnmica ha investit tutte

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE,

TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, TURISMO MARITTIMO E COSTIERO SOSTENIBILE, CHIAVE PER LA CRESCITA BLU COM & CAP MARINA-MED #5 SEMINARIO DI CAPITALIZZAZIONE 12 &13 Maggi, 2015 Firenze (Regines Tscana- Italia) Luca Girdan Hall, Palazz Medici

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata

Gli acciai inossidabili resistenti all'urto alle basse temperature, impiegati nella costruzione di caldareria saldata Gli acciai inssidabili resistenti all'urt alle basse temperature, impiegati nella cstruzine di caldareria saldata dr. ing- Gabriele DI CAPRIO dirìgente del servizi tecnic del Centr Inx O Le applicazini

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Corso di formazione. Leonardo Lione

Corso di formazione. Leonardo Lione Corso di formazione PER ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELLE EMERGENZE Leonardo Lione 1 2 ART. 18 d.lgs. 81/08 Obblighi del datore di lavoro e del dirigente designare preventivamente i lavoratori

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili

Approcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestione rischio asset rinnovabili Mercati energetici e metdi quantitativi: un pnte tra Università e Aziende 22-23 Maggi, Padva Apprcci quantitativi per l Energy Trading & Risk Management: Gestine rischi asset rinnvabili Manuele Mnti, Ph.D.

Dettagli

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI

La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI 02/02/12 1 La nuova prevenzione incendi l'evoluzione del CPI Ing. Emanuele Gissi, PhD Direttore, vice dirigente Comando Vigili del Fuoco, Genova emanuele.gissi@vigilfuoco.it 02/02/12 2 Agenda La nuova

Dettagli

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006

AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL INTERNO DI CUI ALL ART. 16 DEL d.lgs. 139/2006 DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI AUTORIZZAZIONE ED ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI

Dettagli

Becomingossola.com. Politica della riservatezza

Becomingossola.com. Politica della riservatezza Becmingssla.cm Plitica della riservatezza Infrmativa per prentazini Aurive scietà cperatva sciale, sede legale Crs Cavallt 26/B Nvara, P.IVA 02101050033 Numer REA: NO 215498, e-mail inf@becmingssla.cm,

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO

DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO Avvis pubblic per la cncessine di cntributi ecnmici a sstegn di prgetti da attuare nelle Scule del Lazi - Presentazine n demand delle prpste prgettuali ALLEGATO A - Prgetti Esclusi - Scadenza 27 febbrai

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO

TRASFORMAZIONI: DALL UVA AL VINO Scuola elementare istituto comprensivo Adro Classi seconde a.s. 2003 2004 TRASFRMAZINI: DALL UVA AL VIN BIETTIV: sservare, porre domande, fare ipotesi e verificarle. Riconoscere e descrivere fenomeni del

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli