AIL News. I 35 anni dell AIL di Padova. La scuola in ospedale...a pag.12

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AIL News. I 35 anni dell AIL di Padova. La scuola in ospedale...a pag.12"

Transcript

1 AIL News PERIODICO DELL A.I.L., ASSOCIAZIONE ITALIANA CONTRO LE LEUCEMIE - LINFOMI E MIELOMA - SEZIONE DI PADOVA NOTIZIARIO DELL AIL VENETO - SEZIONE DI PADOVA - VIA GABELLI 114, PADOVA TEL FAX SPEDIZIONE IN ABBONAMENTO POSTALE ART. 2 COMMA 20/C LEGGE 662/92 D.C.I. PADOVA I 35 anni dell AIL di Padova La scuola in ospedale...a pag.12 n 1/2010

2 AIL News PERIODICO DELL A.I.L., ASSOCIAZIONE ITALIANA CONTRO LE LEUCEMIE - LINFOMI E MIELOMA SEZIONE DI PADOVA NOTIZIARIO n 1/2010 In questo numero 03 EDITORIALE 05 FESTA NAZIONALE AIL ANNI AIL PADOVA 08 TRAGUARDI IN RICERCA 09 STORIA DI UN VOLONTARIO 11 APPUNTAMENTI 12 ANGOLO DEGLI ARTISTI 14 SANITÀ A MISURA DI BAMBINO 15 GIOVANI PER L AIL 16 FILO DIRETTO 21 SOSTENITORI Associazione Italiana contro le leucemie, linfomi e mieloma: Via Gabelli, Padova Tel Fax Registrazione Tribunale di Padova 3 marzo n. 933 Direttore Responsabile: Eva Franceschini Comitato di Redazione: Adriana Gallo, Armenio Vettore, Giuliana Vittadello, Emiliano Zerin Comitato Scientifico: Prof. Luigi Zanesco Tipografia: Litocenter Srl, Via Visco 24 - Limena (PD) 22 SPEDIZIONE CICLISTICA 24 I TANTI AMICI DELL AIL 26 LA MISSION DELL AIL PADOVA Scrivi all A.I.L. le tue idee, le tue esperienze, le tue domande, i tuoi pensieri... INFORMATIVA Dati non raccolti presso l interessato. Si informa che, ai sensi dell art. 24, comma 1, lett. c), del D.Lgs 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), il consenso per il trattamento dei dati personali non è richiesto quando riguardi dati provenienti da pubblici registri, elenchi, atti o documenti conoscibili da chiunque. Nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali (art. 13 del D.Lgs 196/2003) La informiamo che i Suoi dati personali, non sensibili, sono raccolti e trattati da A.I.L sez. di Padova, anche attraverso l inserimento in banche dati e l elaborazione mediante procedure informatizzate, al solo fine dell invio presso la Sua residenza del giornale periodico Notiziario A.I.L. Veneto sez. di Padova. Responsabile del trattamento dei dati è il dr. Armenio Vettore. Potrà in ogni caso accedere in ogni momento ai dati personali che La riguardano, ottenere l indicazione della loro origine, delle modalità e delle finalità di trattamento, l aggiornamento, la rettifica e l integrazione dei dati personali, nonchè opporsi all utilizzazione degli stessi ed esercitare ogni altro diritto previsto dall art. 7 scrivendo a: A.I.L. sez. di Padova, Via Gabelli, Padova.

3 L AIL di Padova festeggia i suoi 35 anni: impegno e dedizione per i piccoli pazienti 3 EDITORIALE DEL PRESIDENTE A.I.L. SEZIONE DI PADOVA DR.ARMENIO VETTORE 35 anni di gioie, dolori, speranze, un avventura iniziata quando l associazionismo era poco conosciuto e suscitava diffidenza: in quel momento nasceva l AIL, con i suoi volontari e il loro entusiasmo. Prima di tutto si trattava di dimostrare le nostre buone intenzioni, far comprendere alla gente quanto fossero forti le nostre motivazioni, tutte riconducibili ad un solo e unico imperativo: aiutare a guarire i piccoli pazienti affetti dalla leucemia. A quell epoca il reparto di oncoematologia pediatrica era ai primi passi e necessitava di tutto: in pochi metri quadrati venivano ospitati i bambini con le loro famiglie, e fin da subito è emersa la necessità di trovare una sistemazione più confortevole per questi nuclei familiari già duramente provati dall arrivo della malattia. Molte famiglie venivano da lontano, e si trovavano costrette a bivaccare in auto o, nei casi migliori, nelle roulotte. Per rispondere a queste esigenze primarie è arrivata la nostra prima conquista: in via Gabelli è sorta Casa Ca Lando, con la possibilità di ospitare quattro famiglie contemporaneamente! Questa prima realizzazione dava l opportunità all associazione di mostrare dove e come venivano spesi i soldi donati dalla gente. Erano gli anni 80, e iniziavano anche le prime distribuzioni delle stelle di Natale, una manifestazione che si è consolidata sempre di più negli anni successivi, fino ad arrivare ai giorni nostri, per diventare un appuntamento fisso e imperdibile per la cittadinanza, che coglie l occasione delle festività per aiutare i giovanissimi pazienti del reparto di oncoematologia. Ma tornando agli anni 80, e alla necessità impellente di andare in soccorso dei bambini che avevano bisogno del trapianto di midollo: al tempo i costi delle operazioni e dei medicinali era completamente a carico delle famiglie, troppo spesso costrette a rinunciare al dono della vita perché non in grado di far fronte alle spese. E in quel momento è intervenuta l AIL, iniziando a pagare queste operazioni di trapianto e sensibilizzando le istituzioni a questo grande tema, fino ad arrivare ad un risultato positivo: un 50 per cento veniva pagato dal sistema sanitario nazionale, l altro 50 dalle famiglie o dall associazione.

4 4 Negli anni 80 si salvava solo il 20 per cento dei piccoli malati, oggi siamo arrivati all 80 per cento: una conquista che non deve farci abbassare la guardia. Nel 1985 l AIL mette a segno un altro successo: viene acquistata la casa di accoglienza in via San Massimo, dove altre quattro famiglie avrebbero potuto trovare una degna sistemazione. Un momento felice, che vede la concomitanza dell inizio di un altra grande manifestazione, ovvero le partire di calcio che avrebbero avuto come protagonista la nazionale cantanti. E così le roulotte nel parcheggio del reparto di oncoematologia pediatrica hanno cominciato a ridursi, e le donazioni arrivavano copiose per aiutare i bambini nel loro percorso di guarigione. Poi, nel 1994, la prima tappa per concretizzare il grande sogno: il primo progetto di un nuovo reparto. Un sogno che diventa realtà grazie al contributo dell AIL e di un gruppo di imprenditori che daranno vita, in un secondo momento, alla Fondazione Città della Speranza. E stata la molla che ha portato alla credibilità assoluta, una concretezza che veniva testimoniata e documentata anche attraverso il giornalino dell associazione. Arrivavano finanziamenti per il reparto, divenuto punto di riferimento a livello europeo, e aumentavano le donazioni fino a dare l opportunità di realizzare altre due case di accoglienza per un totale di 22 posti totali. Fino ad arrivare agli anni 2000, con volontari solo nella provincia di Padova, costantemente impegnati nell organizzazione delle diverse iniziative e sempre entusiasti di poter rappresentare un sostegno per i bambini che necessitano di cure. Proprio i volontari, i veri protagonisti di questo lungo percorso, sono portatori di un messaggio fondamentale: tutti devono comprendere che la leucemia è un problema sociale e che non appartiene al singolo. La vita è un dono prezioso datoci dal cielo, ecco perché dobbiamo sentirci tutti coinvolti nell aiuto alla ricerca. Speriamo non siano necessari altri 35 anni per arrivare al traguardo finale, ovvero sconfiggere la malattia. LA CLINICA DI ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA.

5 I 40 anni dell AIL: la festa dei volontari 5 Per fortuna, in Italia, ci sono campi in cui lo scontro politico non ha spazio, terreni che le polemiche non possono contaminare. E non mi stancherò mai di dire che l'italia del volontariato e della solidarietà è davvero l'italia migliore. Con queste parole il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha celebrato i 40 anni dell'ail, nelle due giornate di festa del 5 e 6 ottobre, al Quirinale. Un evento che ha voluto essere soprattutto la sottolineatura dell'impegno dei volontari dell'associazione, e di tutti coloro hanno contribuito alla guarigione e alla serenità dei bambini. In rappresentanza dell'ail padovana si sono recati a Roma il presidente Armenio Vettore con consorte, il vicepresidente Annamaria Bonvini, e il Professor Luigi Zanesco, nominato proprio in questo frangente Responsabile Scientifico dell'ail Nazionale. Una giornata intensa e indimenticabile, che ha visto la partecipazione di una ricercatrice e di una volontaria e la testimonianza preziosa e toccante di una paziente guarita, a rappresentare le centinaia di migliaia di malati curati in Italia, delle decine di migliaia di volontari AIL e dei ricercatori supportati dai finanziamenti dell'associazione. In concomitanza con il 40 compleanno dell'ail è stata inaugurata una struttura che segnerà una svolta importante nello studio delle patologie oncoematologiche e nella diagnosi precoce: la nuova sede del Gruppo Italiano Malattie Ematologiche dell'adulto (GIMEMA). 300 volontari, con i presidenti di sezioni AIL provenineti da tutta Italia hanno festeggiato questa conquista, il cui valore è stato sottolineato anche dalla presenza dell'on. Gianni Letta, al quale è andato il compito simbolico del taglio del nastro. Riconosciuto a livello internazionale per la sua validità scientifica, il Centro GIMEMA costituisce una rete di alto livello che consente di validare protocolli diagnostico - terapeutici utilizzati dal Nord al Sud dell'italia: in questo modo a tutti i malati vengono garantite una diagnosi sicura e le migliori terapie disponibili al mondo. Occorre peraltro precisare che, accanto al GIMEMA, esiste l AIEOP (Associazione Italiana di Ematologia e Oncologia Pediatrica) che esiste da molti anni (prima del GIMEMA) e ha provveduto alla creazione delle linee guida e poi dei protocolli di cura di tutte le malatttie emato-oncologiche pediatriche, esempio di capacità scientifica e di organizzazione sanitaria di elevato livello IL PRESIDENTE NAZIONALE DELL AIL PROF.FRANCO MAN- DELLI CON IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA GIORGIO NA- POLITANO DURANTE LA CELEBRAZIONE PRESSO I GIARDINI DEL QUIRINALE.

6 6 35 anni di conquiste con la voglia di migliorarsi L'AIL COMPIE 35 ANNI ED È TEMPO DI BILANCI PER CHI HA LAVORATO A STRETTO CONTATTO CON L'AS- SOCIAZIONE FIN DAI SUOI PRIMI PASSI: IL COMITATO DIRETTIVO DELL AIL - SEZIONE DI PADOVA ESPRIME UNA LODE ALL'OPERATO DEI VOLONTARI E DI QUAN- TI SI SONO SPESI PER IL BENE DEI PICCOLI PAZIENTI, CON ALCUNI SUGGERIMENTI PER IL FUTURO: Sono tanti i risultati ottenuti dall'ail in questi lunghi 35 anni: pensiamo alle case di accoglienza per i bambini malati e per le loro famiglie provenienti da lontano, alle assunzioni di personale dall'associazione, come è avvenuto per le tre impiegate del Day Hospital, assunte a tempo indeterminato. Non si può dimenticare il finanziamento delle borse di studio finalizzate alla formazione di personale medico e sanitario che dovrebbe, poi, mettere le proprie competenze al servizio del reparto di oncoematologia pediatrica. Fin dagli esordi l'ail ha, inoltre, aiutato le famiglie con assegni di 200/400 euro al mese per 4/5 mesi, impegnandosi al fine di ottenere dallo Stato l'esenzione nell'acquisto di farmaci indispensabili per la guarigione dei giovani pazienti. Questa situazione non è ancora cessata del tutto, poiché vi sono alcuni farmaci tuttora a carico delle famiglie, ma il più è stato fatto. Con i suoi volontari e le tre principali manifestazioni annuali, l'ail ha consentito l'acquisto di macchinari e strumentazioni mediche fondamentali per il buon funzionamento del reparto e per lo sviluppo della ricerca. Le tre manifestazioni sono: l offerta delle uova di Pasqua e delle stelle di Natale nelle principali piazze cittadine e nei quartieri, e la tradizionale lotteria, che hanno permesso di raccogliere migliaia di euro da destinare unicamente alla causa ultima dell'associazione, al motivo della sua stessa esistenza, ovvero la cura dei bambini malati di leucemia. Altro fondamentale contributo dell'ail è stato l'aiuto alle associazioni che si occupano della raccolta del sangue del cordone ombelicale (ADI- SCO) favorendo la costituzione di una vera e propria banca del cordone. Resta indiscutibile il valore dell'intenso e proficuo operato dell'ail in questi 35 anni, ma siamo fermamente convinti della capacità di migliorarsi, sempre e comunque. I nostri suggerimenti per il futuro vanno nella direzione del potenziamento delle enormi risorse umane già esistenti: indispensabile sarà rafforzare ulteriormente il rapporto tra volontari e famiglie, dato che anche i piccoli aiuti dalla base concorrono ad una raccolta significativa di fondi. Sulla stessa linea dovrà essere condotto il dialogo con i comuni, dentro i quali va potenziata la propaganda così da realizzare manifestazioni meglio strutturate e pubblicizzate. A collegamento di tutte le iniziative proponiamo di elaborare un progetto concreto, che parta dalle esigenze vere dei piccoli pazienti, così da indirizzare gli sforzi dei volontari all'ottenimento di risultati tangibili. A tale proposito sottolineamo l'impegno dell'ail che negli ultimi 10 anni ha spinto in ogni modo per la realizzazione della camera sterile per il trapianto di midollo. Un iter non facile che richiederà l'approvazione da parte della regione. L'ultimo tassello che potrebbe essere perfezionato riguarda la collaborazione più stretta tra l'ail provinciale e quelle regionale e nazionale. Sarebbe auspicabile, da ultimo, una coesistenza pacifica tra Ail e Fondazione Città della Speranza, con una eventuale collaborazione per obiettivi, ad esempio la conquista della camera sterile e il potenziamento del laboratorio dei trapianti. Concludiamo le nostre riflessioni con un ringraziamento ai volontari, a tutti coloro hanno contribuito con il loro impegno a rendere grande l'associazione, e soprattutto a portare i piccoli pazienti sulla strada della guarigione. Il Comitato Direttivo dell AIL sezione di Padova

7 7 Ogni giornata è una piccola vita, ogni risveglio una piccola nascita Arthur Schopenhauer A volte un semplice pensiero, un intuizione, un immagine ci regala uno sguardo diverso sulla vita. Con un semplice gesto puoi donare una speranza concreta ai malati. Scegli di devolvere il 5 per mille all AIL. Aiutaci a sconfiggere le leucemie, i linfomi e il mieloma. Con la tua firma sosterrai il nostro impegno L AIL, Associazione Italiana contro le Leucemie-linfomi e mieloma, ha celebrato i 40 anni dalla sua costituzione. 40 anni di ricerca e di assistenza ai pazienti affetti da leucemie, linfomi e mieloma. Sconfiggere le malattie del sangue è il nostro obiettivo. Guarire o comunque allungare le prospettive di vita del malato è il nostro risultato. Migliorare la qualità della sua vita è il nostro impegno quotidiano. Devolvere il 5 per mille all AIL non ti costa nulla ed è facilissimo METTI LA TUA FIRMA NEL RIQUADRO: Sostegno del volontariato e delle altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale, delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni e fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui all art. 10, c. 1, lett a), del D.Lgs. n. 460 del 1997 RIPORTA NELL APPO- SITO SPAZIO IL CODICE FISCALE AIL:

8 8 Traguardi in ricerca UN METODO PER VERIFICARE L EFFICACIA DELLA TERAPIA Nuove frontiere nella lotta alla leucemia linfoblastica acuta: in soli 15 giorni dall inizio della terapia sarà possibile, d ora in avanti, verificarne l effettiva efficacia. Il nuovo metodo è risultato dallo studio condotto dall equipè del Prof. Giuseppe Basso, Direttore del Dipartimento di Pediatria Salus Pueri e Responsabile del laboratorio di Oncoematologia Pediatrica. Analizzando le cellule dei pazienti in trattamento terapeutico sarà dunque possibile guadagnare tempo prezioso, con un risparmio in termini economici e più informazioni a disposizione. La novità identificativa risiede nella sopravvivenza libera da eventi a 5 anni per i bambini affetti da leucemia linfoblastica acuta e ha raggiunto già ben l 86 per cento dei pazienti. La valutazione precoce della sensibilità della leucemia ai farmaci, identificata dai ricercatori padovani, sarà il nuovo parametro prognostico utilizzato da oggi in diversi centri sparsi in tutto il mondo. Grazie al metodo padovano è possibile identificare in pochissimi giorni quale sarà la prognosi del paziente e definire cura e assistenza in base alla previsione. BORSE DI STUDIO FINANZIATE DALL AIL: L ESPERIENZA DELLA PROF.SSA CHIARA MESSINA L AIL è vicina ai piccoli pazienti del reparto di oncoematologia pediatrica anche attraverso il sostegno ai ricercatori e a tutto il personale medico e paramedico. In questo numero di AIL News porteremo l esperienza della Professoressa Chiara Messina, Docente all Università di Padova e Responsabile dell Unità di Trapianto di Cellule Staminali Ematopoietiche del Reparto di Oncoematologia Pediatrica diretto dal Professor Modesto Carli: Quando è iniziata questa grande avventura? Mi sono laureata nel 1978, e da sempre mi occupo di trapianti. Al primo trapianto di midollo in reparto, risalente al 1981, ero presente, e da allora non mi sono mai fermata, partecipando a tutti i trapianti effettuati in questa Unità. Come ha incontrato l AIL, e come le è stata d aiuto l associazione? L AIL ha un importanza fondamentale perché ha sempre sopperito alle carenze del sistema socio-sanitario, per esempio sovvenzionando le borse di studio e venendo incontro alle esigenze del reparto. Tra il 1978 e il 1988, per ben dieci anni, sono stata supportata dalle borse di studio finanziate dall AIL, dato che in quegli anni non c erano stati concorsi che avessero potuto stabilizzare le situazioni di noi laureati. Come viene suddivisa l attività dell Unità di Trapianto che presiede? Per il 70 per cento dei trapianti ci dedichiamo a bambini con leucemia linfatica acuta dopo recidiva, mentre per il 30 per cento si tratta di pazienti affetti da leucemia mieloide acuta. Vi sono due tipi di trapianti: autologo, quando il paziente dona le cellule ematopoietiche a se stesso, e allogenico nel caso in cui esista un donatore con cellule ematopoietiche compatibili con quelle del paziente, che nel 25 per cento dei casi può essere un fratello. Sappiamo, però, che non è sempre facile trovare un donatore all interno della stessa famiglia, e dunque come si risolve il problema? Nel caso non vi sia un donatore all interno della famiglia, bisogna ricorrere alle banche di donatori volontari coordinate da un registro nazionale, a sua volta collegato ad uno internazionale. Inutile dire che è fondamentale l aiuto delle famiglie che donano il sangue del cordone ombelicale del proprio figlio e altrettanto importanti sono i donatori volontari adulti. Ci tengo a sottolineare che proprio nel Reparto di Oncoematologia Pediatrica ha sede la banca del sangue di cordone, ed è la quarta a livello nazionale.

9 Antonio Marcucci: memoria storica dell AIL di Padova 9 Nell ottobre 1975 il Centro Leucemie, come reparto funzionale, aveva già 7 anni. La sua crescita aveva creato una serie di problemi organizzativi e di situazioni intollerabili. Mancava lo spazio per un assistenza decente, il laboratorio viveva compresso in un unica stanza in cui convergevano tutte le attività di laboratorio della Pediatria. Nacque così da una situazione insostenibile l idea di riunire in un associazione di volontariato medici e genitori dei bambini ammalati per aiutare il Centro, e l idea trovò realizzazione nella creazione di una sezione veneta della Associazione Italiana contro le leucemie, ente creato nel 1968 con fini di ricerca, ma allargati ben presto all impegno assistenziale. I soci fondatori furono 10 e fu subito creato un Consiglio Direttivo, con idee combattive ma all inizio piuttosto nebulose. Lo spirito però era quello giusto. L AIL di Padova si pose subito come stimolo ai dirigenti dell ospedale, pressando da vicino i politici locali, regionali e nazionali. I risultati furono all inizio modesti, ma questo fermento sindacalista si dimostrò fecondo perché a lunga scadenza l AIL riuscì a far entrare nella mente della sanità (allora c era essenzialmente l azione del Ministero, poiché il Servizio Sanitario non esisteva ancora), il carattere di natura specialistica dell Oncoematologia Pediatrica. Ebbene, il consiglio Direttivo dell AIL di Padova aveva 8 membri, ognuno portatore di un attività propagandistica e, tutti insieme, organizzatori di un attività di volontariato finalizzata a raccogliere fondi. Il reparto era poverissimo, ma colpiva ancor di più allora la frequente povertà delle famiglie dei bambini ricoverati. I membri del Consiglio Direttivo dettero tutti un impulso importante alla raccolta economica che nei primi anni fu quindi utilizzata soprattutto per le famiglie. Ma problemi personali, e una giusta rotazione con forze nuove, portò a cambiamenti importanti nella composizione del CD. Nel 2009 rimanevano, della compagine iniziale dei fondatori, soltanto 2 persone il prof.luigi Zanesco (rimasto perché. non poteva dimettersi) e Antonio Marcucci. Questo articolo vuole rendere omaggio alla figura di Marcucci, elemento fondamentale per la continuità della attività della sezione AIL di Padova, ed esemplare per il suo spirito di collaborazione, silenzioso, attento agli equilibri interni dell AIL, e attivissimo. Marcucci all inizio aveva coinvolto la sua parentela a sostegno di iniziative pesanti, che richiedevano volontari e manodopera. Ricordo i trasferimenti AIL in giro per il Veneto per una mostra itinerante di quadri (pesanti!), organizzazione di concerti, manifestazioni sportive con distribuzione di gadget, spesso con interventi diretti per sistemazione di palchi, personale per biglietteria, rapporti conflittuali con personale SIAE, con sindaci piuttosto arcigni (all inizio). Dietro a questi eventi c era sempre Marcucci che correva per i permessi ufficiali, per stampare locandine, appendere manifesti voluminosi, portare nel baule della sua macchina regali e dolciumi per i bambini, stelle di Natale ecc (allora l AIL non aveva ancora un pullmino). Di Marcucci ci si accorgeva poco, perché agiva come detto, silenziosamente ma era quello che si interessava più di tutti dei problemi pratici. Nulla sfuggiva al suo sguardo e la critica, spesso inascoltata, si rivelava sempre corretta, perché si basava sulla esperienza concreta. Al passar del tempo la frenetica attività materiale di Marcucci si attenuò per un minimo di organizzazione dell Associazione, e altre famiglie (cito per dovere il Clan Zuccherini) intervennero in aiuto. Marcucci divenne allora segretario, tesoriere, quasi il burocrate dell AIL. Attività ingrata perché richiedeva e richiede un impegno quotidiano, spesso fastidioso (per es. rispondere a decine e decine di

10 10 lettere spesso richiedenti ricevute di versamenti anche minimi, il tutto da registrare; aggiornare l archivio, l elenco dei soci ecc.) E pur nella gestione di tipo familiare, quella che egli poteva permettersi, tutti i dati economici, tutti i movimenti finanziari e la gestione del personale (dapprima solo di volontari, poi con l aggiunta di alcuni pagati con contratti), se pur con criteri familiari appunto, si concentrarono nella sua persona. L età, la necessità di una contabilità sempre più difficile e complicata, l impossibilità di frequentare l ufficio dell AIL per motivi di famiglia portarono a un progressivo allentamento dei contatti con i nuovi consiglieri. Nel 2009 è stato quindi costretto a lasciare il CD dell AIL sez. di Padova, dopo aver prestato la sua opera indispensabile per 34 anni con grande dispendio di energie. Abbiamo definito Marcucci uomo silenzioso e con tendenza a dissimularsi nelle retrovie. Ma non riuscì a nascondersi, perché ha lasciato una importante memoria di sé in tutta la città: chiedete ai vecchi funzionari del Comune, alla farmacia Bonazzi (via Gorizia) dove Marcucci andava a prendere, specialmente negli anni 80 e 90, i farmaci nuovi acquistati anche all estero per il reparto; la libreria Studium di via Falloppio dove pagava gli abbonamenti alle riviste e acquistava alcuni manuali per la biblioteca dei medici; i funzionari della SIAE; i colleghi AIL delle nuove sezioni venete dell AIL; il sig. Adriano Morello Gioielliere in via Gorizia (amico e sponsor dell AIL da sempre) tutti domandano: dov è finito Marcucci? e si chiedono come mai non lavori più per l AIL. Ma non è vero che Marcucci non lavori più per l AIL. E diventato la memoria storica dell Associazione. A parte i dati amministrativi ufficiali trasferiti al nuovo tesoriere (l ammirevole sig. Cavaliere), è sempre disponibile per comunicare vecchi indirizzi, date importanti, illustrare come andavano le vecchie manifestazioni dare pareri e consigli (non sempre ascoltati). Caro Marcucci, la sua attività ufficiale, la sua onestà e la sua umiltà, e certo una giusta e corretta ruvidità di carattere necessaria in mezzo a molti cittadini chiacchieroni e troppo giulivi ci manca veramente; ma continueremo a godere della sua importante e puntuale consulenza privata. Il Consiglio Direttivo dell AIL Una persona speciale, una di noi. Lo scorso 24 dicembre la nostra collega Loredana ci ha lasciato. Il destino ha voluto lasciare una traccia di lei nei nostri Natali. Pur coscienti che doveva accadere, il reparto è subito penetrato nella tristezza, in una grande delusione, e ognuna di noi ha ripercorso i momenti belli, le esperienze vissute assieme. Tre anni prima avevano festeggiato il suo 25 anniversario di matrimonio, occasione nella quale si era dimostrata solare e raggiante, nulla lasciava pensare che da lì a un mese ci comunicasse l inizio della sua malattia. Con dignità, ha sempre accettato quello che le veniva proposto e con estrema naturalezza ha continuato a lavorare con noi, reagendo con tenacia, scherzando sul proprio stato, dimostrandosi forte come non mai. Era lei stessa che con la sua grinta ci incoraggiava ad accettare il suo destino, mentre con l impegno e la speranza nel futuro trasmetteva fiducia e serenità ai genitori. Ci mancheranno le tue battute, ma rimarrai sempre una di noi.. Mara Ci uniamo al cordoglio unanime. Tutti noi abbiamo avuto rapporti proficui e assidui per molti anni, e ricordiamo Loredana per la sua umanità, un esemplare dedizione al lavoro e l amore ai bambini: un esempio da imitare. La sua scomparsa è una perdita dolorosa che sarà difficile compensare. I Medici e i Genitori del Centro Leucemie

11 Appuntamenti EVENTI E MANIFESTAZIONI A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE. UN 2010 RICCO DI SPETTACOLO E CULTURA 11 Uova di Cioccolato marzo Ritorna il tradizionale appuntamento con le Uova di Cioccolato: In oltre piazze italiane i volontari dell Ail offriranno le Uova di Pasqua a chi verserà un contributo minimo di 12 euro diventando così sostenitore dell Associazione. 1^ Rassegna teatrale Palcoscenico Moto Club 2 Torri organizza: 1^ Rassegna teatrale PALCOSCENICO presso l Auditorium Santuari Antoniani di Camposampiero - Sabato 6 Marzo ore 21.00: Camerini con vista presenta: Black Comedy - Sabato 20 marzo ore 21.00: Sipario presenta Tredici a tavola - Sabato 10 aprile ore 21.00: Squinternati presenta Ora vado di là e metto la testa nel forno Crociera sulle orme di Belzoni 9 Maggio partenza da Fontaniva: Sulla scia della spettacolare spedizione ciclistica I mille colori della Vita, una crociera meravigliosa per conoscere i mille volti dell Egitto. Una settimana tra sogno e cultura. INFO 049/ Il ricavato della serata sarà devoluto all AIL Lotteria di Beneficenza Lotteria Regalami un Sorriso, Edizione 2010 Estrazione il 27 maggio. Biglietti disponibili nelle edicole di tutto il territorio provinciale

12 12 L angolo degli artisti, poeti e viaggiatori SPAZIO DEDICATO AI BAMBINI E AI RAGAZZI CHE FREQUENTANO LA SCUOLA DEI REPARTI DI ONCOEMATOLOGIA PEDIATRICA DI PADOVA Anche quest anno abbiamo il piacere di ospitare le opere realizzate dai bambini e ragazzi della Scuola Elementare e Scuola Media. Per motivi di spazio ne abbiamo potuto pubblicare solo alcune ma, per non escludere nessuno e premiare tanto entusiasmo, tutte le opere sono visibili nel sito del II Istituto Comprensivo R. Ardigò di Padova (www.istitutocomprensivopadovadue.it) e dell AIL sezione di Padova (www.ailpadova.net). A tutti gli insegnanti (e volontari che li affiancano) rivolgiamo un doveroso ringraziamento per il lavoro che svolgono ogni giorno con GRANDE professionalità e PROFONDA umanità. Siete GRANDI! A tutti i bambini auguriamo BUON LAVORO! Per chi volesse mettersi in contatto con la Scuola: - (scuola elementare); - (scuola media); I bambini della Scuola Elementare iniziano il nuovo anno proponendo un propria interpretazione della favola della cicala e della formica, ispirandosi a Jean de La Fontaine, un poeta vissuto in Francia nel 1600 e a Gianni Rodari, uno scrittore per ragazzi scomparso nel FILASTROCCA DI STAGIONE - ESTATE: LA CICALA E LA FORMICA Autore di testo e disegni: Alex T., 10 anni LA CICALA SULLA PIANTA ALL ESTATE CANTA, CANTA E DERIDE LA FORMICA CHE LAVORA E S AFFATICA. MA L INVERNO PRESTO VIENE, MUOR DI FAME CHI CANTO, VIVA LEI CHE VISSE BENE CHE ALL ESTATE LAVORO. I disegni sono stati realizzati con l utilizzo di programmi di disegno per computer.

13 LA CICALA E LA FORMICA Adattamento, commento e disegno: Enrico M., 9 anni La cicala passò l estate cantando in mezzo all erba e sui rami degli alberi, mentre la formica lavorava tanto e raccoglieva semi, grano e foglie saporite. Arrivò l inverno e la cicala chiese da mangiare alla formica, lei le disse Ma cosa hai fatto durante l estate? La cicala rispose Io ho cantato! e la formica: Ah sì? e allora adesso balla!. Così la cicala imprevidente morì di fame e di freddo Questo insegna che prima bisogna fare le cose importanti e poi le divertenti. 13 C è anche chi, come Luca, ha deciso di diventare giornalista per un giorno, scrivendo di un avvincente fuga su due ruote, piena di colpi di scena dal ritmo incalzante. Mercoledì 2 febbraio 2010 Rapina in banca Ladro fugge e polizia insegue Treviso Giornalista per un giorno Castello di Godego - Ieri alle 14,30 la Polizia la Banca di Treviso, ha notato una moto Suzuki rossa decorata con fulmini parcheggiata davanti all' istituto bancario. Pochi secondi dopo è uscito di corsa Pierino Barbutin, ha inforcato la moto ed è partito in direzione Treviso, subito inseguito dall' auto della polizia. Il Barbutin, affrontan- pochi chilometri... è caduto in un fosso ed è stato catturato dalla Polizia e portato alla prigione di Treviso. Il bottino di è stato restituito immediatamente alla banca. Cronista: Luca C. A scuola in Ospedale a Padova ho provato a scrivere un articolo di cronaca. Ho guardato un quotidiano come era fatto ed ho inventato una notizia. L ho ambientata nel mio paese perché sembrasse vera ma i personaggi sono di fantasia. Luca C., anni 8 classe 3 Gli alunni della Scuola Secondaria di 1 grado mentre realizzano un murales nella sala d attesa della Terapia Intensiva Pediatrica, per regalare un po di colori ai genitori dei bimbi ricoverati.

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli

Merate: Vita che dona vita. La donazione al centro del convegno tra associazioni ed enti

Merate: Vita che dona vita. La donazione al centro del convegno tra associazioni ed enti Scritto Mercoledì 23 maggio 2012 alle 17:42 Merate: Vita che dona vita. La donazione al centro del convegno tra associazioni ed enti Mielomi, leucemie, linfomi, neoplasie del sangue: sempre più spesso

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 5097 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI GAVA, ANTONIONE, MISTRELLO DESTRO, SANTORI, SARDELLI Disposizioni sanzionatorie per la violazione

Dettagli

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina

Chi siamo. Concorso ADMO 2007. Introduzione. Le nostre riflessioni. Ringraziamenti. Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina Classi 1^C e 2^C Scuola Media Statale Vibo Marina a.s. 2006/2007 Il midollo osseo e il sangue L Anemia mediterranea La leucemia La speranza Concorso ADMO 2007 L ADMO Chi siamo Introduzione Chi è il donatore

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4949 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI SAVINO, MELONI, ROCCELLA, ANGELI, BARBIERI, COMPA- GNON, DE NICHILO RIZZOLI, DELFINO, DI

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per l Unità Operativa di Ematologia e Immunologia Clinica?

Sai cosa fa l AIL per l Unità Operativa di Ematologia e Immunologia Clinica? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e l U.O. di Ematologia e Immunologia Clinica di Padova INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per l Unità Operativa di Ematologia e Immunologia Clinica? Passato, presente,

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro

Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Ministro Lorenzin alla Giornata nazionale per la ricerca sul cancro Il discorso pronunciato dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin alla Cerimonia di Celebrazione della Giornata Nazionale per la Ricerca

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012

ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1198 DEL 28 GIUGNO 2012 Accordo tra la Regione Friuli Venezia Giulia e la Regione del Veneto finalizzato alla collaborazione nel campo della raccolta, lavorazione e conservazione

Dettagli

presso l I.R.C.C.S. Burlo Garofolo 34137 Trieste v. dell Istria 65/1 Tel. 040 768362 Fax 040 768362 E mail: agmen@burlo.trieste.it www.agmen-fvg.

presso l I.R.C.C.S. Burlo Garofolo 34137 Trieste v. dell Istria 65/1 Tel. 040 768362 Fax 040 768362 E mail: agmen@burlo.trieste.it www.agmen-fvg. A.G.M.E.N. F.V.G. Associazione Genitori Malati Emopatici Neoplastici Friuli-Venezia Giulia per lo studio, la cura e l assistenza dei bambini con tumore O.N.L.U.S. presso l I.R.C.C.S. Burlo Garofolo 34137

Dettagli

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini)

IL SEGRETARIO (dott.ssa Alessandra Forgiarini) FEDERFARMA FRIULI VENEZIA GIULIA UNIONE REGIONALE TITOLARI DI FARMACIA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Circolare n. 046/11 Trieste, 11 aprile 2011 Alle Farmacie delle province di Gorizia Pordenone Trieste Udine

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA

PROVINCIA DI UDINE NOTIZIE PER LA STAMPA PROVINCIA DI UDINE 8 febbraio 2013 NOTIZIE PER LA STAMPA ASSOCIAZIONE OLTRE PER RIVIVERE PREMIATA CON LA MEDAGLIA DELLA PROVINCIA Fontanini: Voi siete i veri difensori della dignità della persona umana.

Dettagli

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637

AIRFA newsletter. Cari Amici, gentili Famiglie, N 4, Marzo 2014. Devolvi il 5 per mille all Airfa. Codice fiscale N 94073140637 AIRFA newsletter N 4, Marzo 2014 Cari Amici, gentili Famiglie, l Associazione Italiana per Ricerca sull Anemia di Fanconi (AIRFA), in collaborazione con alcuni centri clinico/scientifici italiani e l Associazione

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 941 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori FUMAGALLI CARULLI, CIRAMI, NAVA, NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura

CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura CAMERA DEI DEPUTATI Proposta di legge 5097 XVI Legislatura Disposizioni sanzionatorie per la violazione della disciplina in materia di prelievo, conservazione e utilizzazione del sangue del cordone ombelicale

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 30 gennaio 2014 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

Aiutaci a guarire un bambino in più.

Aiutaci a guarire un bambino in più. Aiutaci a guarire un bambino in più. sommario CHI SIAMO IL NOSTRO SOGNO: GUARIRE UN BAMBINO IN PIÙ. TRENT ANNI DI SOGNI REALIZZATI 2013 IL NUOVO CENTRO I NUMERI DI UNA GRANDE FORZA LE AREE DI INTERVENTO

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

DONATORE ADMO, DONATORE DI VITA 2 EDIZIONE

DONATORE ADMO, DONATORE DI VITA 2 EDIZIONE SINTESI SCHEDA PROGETTO Ente proponente il progetto: A.D.M.O. ASSOCIAZIONE DONATORI MIDOLLO OSSEO EMILIA ROMAGNA ONLUS DONATORE ADMO, DONATORE DI VITA 2 EDIZIONE Settore e Area di intervento: Educazione

Dettagli

1 di 5 20/01/15 12:01

1 di 5 20/01/15 12:01 N u m e rr o A :49643 tt tt i i A g g i i o rr n a tt : o 19 a gennaio l l 2015 HOME SERVIZI NEWS NEWSLETTER DIRETTIVE UE NUOVA RICERCA Dettaglio atto STAMPA ATTO SUDDIVISO 0 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

Presentazione Mai Soli.

Presentazione Mai Soli. Presentazione Mai Soli. Libretto per genitori in Oncoematologia Pediatrica presso la Sede della Fondazione Cassa di Risparmio Di Ferrara Via Cairoli, 13 - Ferrara Rassegna Stampa Associazione di Volontariato

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

ASLEM. San Marino. Aslem: una realtà importante ASLEM. Passano i mesi e siamo

ASLEM. San Marino. Aslem: una realtà importante ASLEM. Passano i mesi e siamo San Marino ASLEM Associazione Sammarinese per la lotta contro le Leucemie e le Emopatie Maligne Periodico dell Associazione Sammarinese per la lotta contro le Leucemie e le Emopatie Maligne - Via G. Giacomini,

Dettagli

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1)

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) I diretti interessati si recano presso la struttura all'uopo identificata: Direzione Sanitaria (DS) sede del parto per tutte le Aziende

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

UNITI contro la leucemia

UNITI contro la leucemia UNITI contro la leucemia Ecco come aiutare Cercasi salvatori di vite Cinque vie possibili per diventare salvatori di vite Diagnosi «leucemia»: questa è la notizia shock per più di 950 persone all anno

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4747 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BARANI Disciplina dei centri pubblici e privati di raccolta, conservazione e distribuzione

Dettagli

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25

Scritto da Giampiero Vagnoni Martedì 24 Aprile 2007 09:05 - Ultimo aggiornamento Martedì 24 Aprile 2007 14:25 Domande e risposte su Donazioni e Trapianti Si è svolta lo scorso giovedì 15 marzo presso la Casa del Volontariato la prima di una serie di serate dedicate all informazione sul tema delle Donazioni e Trapianti

Dettagli

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono

COLLANA VITAE. A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono COLLANA VITAE A Maria per quel dieci che ha portato a qualcosa di buono Serena Milano HO SCELTO DI GUARIRE Un viaggio dal Cancro alla Rinascita attraverso le chiavi della Metamedicina, della Psicologia,

Dettagli

Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli

Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli Corso Regionale per Dirigenti Associativi donatori del sangue Percorso alla donazione di sangue da cordone nella Regione Lazio: Banca SCO Policlinico Umberto I Gabriella Girelli Sapienza Università di

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 913

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 913 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 913 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRANAIOLA, AMATI, ALBANO, CUCCA, DE BIASI, FAVERO, GUERRIERI, LAI, LO GIUDICE, LUMIA, MANASSERO, MATTESINI, MATURANI,

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1152 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore TERRACINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 31 LUGLIO 1996 Istituzione

Dettagli

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23

Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Legge regionale 18 dicembre 2007, n. 23 Istituzione del Registro dei donatori di cellule staminali emopoietiche Regolamentazione e organizzazione della rete di raccolta (B. U. Regione Basilicata N. 58

Dettagli

Visita del Dr. Simi Deputato nella tua scuola Inter di Milano Prova Enlace Colazione per Giorni Migliori Opera Teatrale di Fondazione ALPURA

Visita del Dr. Simi Deputato nella tua scuola Inter di Milano Prova Enlace Colazione per Giorni Migliori Opera Teatrale di Fondazione ALPURA Visita del Dr. Simi Deputato nella tua scuola Inter di Milano Prova Enlace Colazione per Giorni Migliori Opera Teatrale di Fondazione ALPURA Testimonianza dei benefattori Giorno dei Morti Bazare Natalizio

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP.

Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori. Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP. Il Contributo Delle Associazioni Dei Genitori Alla Gestione Del Dolore Dei Bambini In Ospedale: L esperienza di ASEOP Erica Andreotti ASEOP ONLUS ASSOCIAZIONE SOSTEGNO EMATOLOGIA ONCOLOGIA PEDIATRICA ASEOP

Dettagli

Associazione Donatrici Italiane Sangue di Cordone Ombelicale. Carolina Sciomer

Associazione Donatrici Italiane Sangue di Cordone Ombelicale. Carolina Sciomer Associazione Donatrici Italiane Sangue di Cordone Ombelicale Carolina Sciomer Presidente Nazionale ADISCO Consiglio Nazionale ADMO Genova, 15 Novembre 2009 Origini della Associazione 1988: Primo trapianto

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

ABIO Brianza - Associazione per il Bambino in Ospedale Ospedale San Gerardo - Via Pergolesi 33-20900 Monza Villa Serena, 2 Piano

ABIO Brianza - Associazione per il Bambino in Ospedale Ospedale San Gerardo - Via Pergolesi 33-20900 Monza Villa Serena, 2 Piano ABIO Brianza - Associazione per il Bambino in Ospedale Villa Serena, 2 Piano Tel. 039 233 3653-039 233 9443 Fax 039233 2450 E-mail abiobrianza@hsgerardo.org Sito www.abiobrianza.org Da lunedì a venerdì,

Dettagli

Adotta UN RICERCATORE

Adotta UN RICERCATORE Fondazione TES Onlus pp 01 Adotta UN RICERCATORE Adotta un ricercatore è un progetto proposto da Avis Veneto per sostenere, attraverso la Fondazione TES, i giovani ricercatori che svolgono la loro ricerca

Dettagli

Fondazione Città della Speranza Dipartimento di Pediatria Scuola Elementare Statale: porte aperte per lezioni di Sicurezza ed Educazione Stradale

Fondazione Città della Speranza Dipartimento di Pediatria Scuola Elementare Statale: porte aperte per lezioni di Sicurezza ed Educazione Stradale PROGETTO: Fondazione Città della Speranza Dipartimento di Pediatria Scuola Elementare Statale: porte aperte per lezioni di Sicurezza ed Educazione Stradale Provincia di Padova Assessorato ai Trasporti

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38

centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 centro regionale trapianti Brochure_TrapiantoOrgani7_2.indd1 1 11/08/2008 12.16.38 Centri di Prelievo e Centri di Trapianto della Regione Friuli Venezia Giulia Centro trapianti Cuore Centro trapianti Fegato

Dettagli

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!!

Il gruppo delle famiglie compie 10 anni: Congratulazioni!!! Il è parte dell Area Rimettere le Ali del Borgo Ragazzi Don Bosco, insieme alla Casa Famiglia, al Centro diurno, al Centro di ascolto psico-educativo SOS Ascolto Giovani. Dal 2002 si occupa di sensibilizzare,

Dettagli

Nel 1989 è stato avviato un programma

Nel 1989 è stato avviato un programma scenari di Carlo Berutti Bergotto, Direttore S.C. Servizi Informatici e Telecomunicazioni (siet) Lino Squillace, Assistente Tecnico S.C. Servizi Informatici e Telecomunicazioni (siet) La dematerializzazione

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato

Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato DECRETO 18 novembre 2009 Disposizioni in materia di conservazione di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale per uso autologo dedicato IL MINISTRO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

AIRFA newsletter. Aiutaci a distribuire il kit scuola 2013 nelle scuole di Napoli e provincia! Cari amici e sostenitori,

AIRFA newsletter. Aiutaci a distribuire il kit scuola 2013 nelle scuole di Napoli e provincia! Cari amici e sostenitori, AIRFA newsletter N 1, Luglio 2013 Cari amici e sostenitori, ritorna l appuntamento con i nostri soci, amici e sostenitori, per continuare a tenervi al corrente delle nostre attività e delle ultime novità

Dettagli

DEL CORDONE OMBELICALE

DEL CORDONE OMBELICALE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura. Questo messaggio richiama l

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Fondazione Salesi. News. 10 anni per i bambini

Fondazione Salesi. News. 10 anni per i bambini Fondazione Salesi News 10 anni per i bambini In questo numero Editoriale 3 10 anni della Fondazione Salesi 5 La Festa! 9 Dicono di noi 12 Un lascito alla Fondazione Salesi 13 I nuovi progetti 14 Casa Antonella

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

FORMA Onlus. Per un ospedale a misura di bambino CARTELLA STAMPA

FORMA Onlus. Per un ospedale a misura di bambino CARTELLA STAMPA FORMA Onlus Per un ospedale a misura di bambino CARTELLA STAMPA LA FONDAZIONE FORMA Onlus è la Fondazione dell Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, polo pediatrico di rilievo nazionale ad alta

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE

Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura. Questo messaggio richiama l importanza

Dettagli

Voci da dentro fotolibro emozionale

Voci da dentro fotolibro emozionale Voci da dentro fotolibro emozionale Xvii Convegno Gruppo di Studio di Dialisi Peritoneale Montecatini Terme, 20-22 marzo 2014 Voci da dentro fotolibro emozionale Volume realizzato in occasione del Xvii

Dettagli

newsletter n. 02/ anno 3 Maggio 2014 EDIZIONE SPECIALE

newsletter n. 02/ anno 3 Maggio 2014 EDIZIONE SPECIALE newsletter n. 02/ anno 3 Maggio 2014 EDIZIONE SPECIALE Campagna di Comunicazione Donaction 2013/2014 La campagna di comunicazione Donaction, che si è svolta da dicembre 2013 a febbraio 2014, è stata promossa

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.)

LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) LA DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Italian bone marrow donor registry (I.B.M.D.R.) Donazione di midollo osseo o di cellule staminali emopoietiche da sangue periferico? Un tempo esisteva soltanto la donazione

Dettagli

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta;

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta; Cellule staminali da cordone ombelicale: misure urgenti Ministero Salute, ordinanza 04.05.2007, G.U. 14.05.2007 (Gesuele Bellini) Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 14 maggio 2007, l ordinanza del

Dettagli