Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del ) Art. 1 - Oggetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto"

Transcript

1 Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del ) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale (part time) dei lavoratori e delle lavoratrici dell Azienda USL n. 6 di Livorno relativamente a tutti i profili professionali appartenenti alle diverse categorie del personale del comparto. Le disposizioni del presente regolamento sono finalizzate a contemperare l interesse del dipendente alla trasformazione del rapporto di lavoro con il dovere dell Azienda di mantenere un efficace azione sanitaria, tecnica e amministrativa e garantire la puntuale erogazione dei servizi. Rimangono esclusi dall'applicazione degli art. 2, 5 e 6 del presente regolamento : i dipendenti titolari fin dalla loro assunzione di contratti di lavoro a tempo parziale; i dipendenti tutelati dalla legge n 68/99; i dipendenti titolari di contratti di lavoro a tempo parziale che abbiano sottoscritto il relativo contratto in esecuzione di un provvedimento di trasformazione del rapporto disposto dopo l'entrata in vigore del d.l. n 112/2008 e come tali esclusi dal procedimento di rivalutazione previsto dall'art.16 della legge n 183/2010. Art. 2 - Definizioni e tipologia di part-time concedibili Il rapporto di lavoro a tempo parziale o part-time è definito come attività lavorativa a carattere subordinato che si svolge con orario inferiore rispetto a quello a tempo pieno, stabilito dalla normativa vigente, fermo restando che non sono consentiti : part-time con orario di lavoro inferiore al 50% dell'orario (pari a 18 ore settimanali) e superiore al 83,33 % (pari a 30 ore settimanali); part-time con astensione dal lavoro limitata ai giorni festivi e prefestivi anche infrasettimanali o con astensione dal lavoro per periodi continuativi superiori a 4 giorni settimanali, compreso il festivo. La tipologia dei part-time consentiti presso l'azienda Usl 6 sono conseguentemente : Part-time orizzontale: con articolazione della prestazione di servizio ridotta in tutti i giorni lavorativi, fermo restando che l'orario di lavoro giornaliero non può essere inferiore a 3 ore. Part-time verticale: con articolazione della prestazione su alcuni giorni della settimana e astensione dal lavoro per periodi continuativi per un massimo di 4 giorni settimanali, compreso il festivo. Part-time in forma mista: a condizione che l'astensione dal lavoro per periodi continuativi non sia superiore a 4 giorni settimanali, compreso il festivo. Ciascuna tipologia di part-time sopra indicata può prevedere una prestazione lavorativa pari al 50%, al 66,66% o al 83,33 % dell'orario settimanale contrattualmente determinato nel rispetto di quanto riportato nella mappatura aziendale Art. 3 - Individuazione dei posti part-time. Il contingente dei posti a part time è fissato con l apposita mappatura di cui al punto successivo che non può superare comunque il massimo del 25% della dotazione organica del personale a tempo pieno di ciascun profilo professionale, fermo restando che è esclusa la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno in part-time nel caso in cui il soggetto richiedente sia titolare di un incarico correlato ad una posizione organizzativa e coordinamento. Mappatura dei posti disponibili a part-time

2 L Azienda USL di Livorno, tenendo conto delle vigenti disposizioni normative e contrattuali, definisce una mappatura dei posti a part-time, compatibili con le specifiche esigenze organizzative e funzionali di ciascuna unità operativa o struttura organizzativa. L'esito della mappatura rappresenta il limite percentuale dei rapporti di lavoro a tempo parziale che l'azienda nel biennio di riferimento può consentire. In particolare, nel processo di valutazione di assegnazione del contratto part-time in una struttura, l Azienda valuterà preventivamente la sostenibilità organizzativa, analizzando gli aspetti funzionali e l eventuale entità dell aggravio di lavoro a carico del restante personale della struttura stessa. In relazione alle specifiche esigenze organizzative e funzionali delle singole unità operative nella mappatura sarà prevista la tipologia di part-time compatibile, con riferimento anche all'orario complessivo (18 o 24 o 30 ore), con indicazione delle relative fasce orarie entro le quali dovrà essere garantita dal lavoratore la sua prestazione e, ove necessario per esigenze di servizio, l'indicazione specifica dell'orario del part-time offerto con la mappatura. Divulgazione e aggiornamento della mappatura. Al fine di assicurare la massima trasparenza e diffusione tra il personale del comparto il documento di mappatura è oggetto di informazione alle OOSS e RSU Aziendale ed è pubblicato nel sito intranet dell Azienda, provvedendo mensilmente l'u.o. Gestione Risorse Umane ad aggiornare la mappatura in ragione di posti a part-time che si liberano o che vengono occupati. Mobilità interna connessa al part-time Art. 4 - Gestione del rapporto di lavoro part-time Il dipendente, in possesso dei necessari requisiti, che presenta la domanda per la trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale potrà essere soggetto, in base alla mappatura di cui sopra, a procedure di mobilità intrazonale ai sensi di quanto previsto dal C.I.A , punto IX, sub 9), qualora la tipologia di rapporto non sia disponibile nell'unità operativa di attuale assegnazione oppure il posto non sia dall interessato ricopribile nella stessa U.O. per non essere utilmente collocato in graduatoria. In tal caso, per ciascun ambito di competenza, la possibilità di collocare il dipendente all interno di un altra struttura aziendale sarà valutata dai rispettivi Responsabili del Dipartimento Infermieristico, Ostetrico e delle Professioni Tecnico-Sanitarie, della Riabilitazione e Prevenzione, del Dipartimento Amministrativo, dell'area Tecnica e dello Staff, fermo restando che : A)il posto potrà essere assegnato solo se previsto dalla mappatura di cui sopra; B)gli operatori a tempo pieno che sono assegnati alle strutture di cui sopra possono conseguentemente essere soggetti a mobilità in uscita seguendo le regole della Determinazione n. 100 del ; in tal caso all atto dell espletamento delle procedure e dell assegnazione dei posti saranno valutate le situazioni di esubero o di carenza di personale, da esaminare in sede di confronto con le OO.SS. C) Il rifiuto alla diversa collocazione funzionale comporta la rinuncia al part-time da parte dell operatore, con permanenza nel contesto di origine, e la possibilità di assegnare il posto ad altro operatore avente diritto. Turni, servizi festivi e notturni. Per il personale a part-time verticale sottoposto a turni che presta servizio in unità operative aperte 12 o 24 ore giornaliere, l orario di lavoro dovrà conformarsi al calendario dei turni (mattutini, pomeridiani e notturni) fissati mensilmente sulla base delle esigenze funzionali della struttura di appartenenza. In questo caso l'orario di servizio sarà preventivamente assegnato sulla base di una programmazione interna alla unità operativa che terrà conto delle osservazioni del personale interessato. Per il personale a part-time orizzontale e misto i turni di servizio sono distribuiti equamente nelle fasce diurne - mattutine e pomeridiane - e notturne per tutti i giorni di apertura del servizio tenuto conto dell'articolazione oraria stabilita nel contratto.

3 Variazione dell'articolazione oraria Qualora si riscontrino situazioni particolari quali imprevisti picchi di aumento dell attività, malattie, infortuni, aspettative, può essere richiesta una specifica variabilità dell orario lavorativo del personale a tempo parziale. In queste ipotesi l Azienda, in accordo con il dipendente, può chiedere con un congruo anticipo (non inferiore a cinque giorni, fatte salve diverse intese tra le parti) una variazione dell'articolazione della prestazione fermo restando che dette variazioni temporanee devono: essere determinate da impreviste esigenze organizzative avere carattere eccezionale non comportare aumento dell orario part-time contrattualmente previsto, né pagamento di ore straordinarie oltre quanto contrattualmente previsto risultare da accordo scritto tra il dipendente e il Responsabile della struttura organizzativa di assegnazione che tenga conto delle reciproche esigenze. Il consenso alla possibilità di variare l'articolazione oraria può essere dato o essere escluso preventivamente dal lavoratore al momento della sottoscrizione del contratto di part-time. Analoga procedura viene seguita nel caso di richiesta del dipendente di temporanea e eccezionale variazione del proprio orario per oggettive esigenze personali debitamente documentate. Lavoro supplementare, straordinario e pronta disponibilità Il dipendente a part-time orizzontale può essere chiamato, mediante formale richiesta scritta, controfirmata per consenso dal lavoratore, a svolgere prestazioni di lavoro supplementare (consistente nello svolgimento di ore di prestazione lavorativa che eccedono quelle pattuite, ma rientrano nel limite del tempo pieno) nella misura massima del 10% annuale della durata di lavoro a tempo parziale riferita a periodi non superiori ad un mese e da utilizzare nell arco di più di una settimana. Il ricorso al lavoro supplementare è ammesso per eccezionali, specifiche e comprovate esigenze organizzative o in presenza di particolari situazioni di difficoltà organizzative derivanti da concomitanti assenze di personale non prevedibili od improvvise. Il dipendente a part-time verticale o misto può effettuare prestazioni di lavoro straordinario nelle sole giornate di effettiva attività lavorativa entro il limite massimo individuale di 20 ore annue. Il ricorso al lavoro straordinario, preventivamente autorizzato, è ammesso per eccezionali e temporanee esigenze di servizio o alla presenza di particolari situazioni di difficoltà organizzativa. Per la retribuzione delle ore di lavoro supplementare e straordinarie trova applicazione quanto previsto ai commi 3, 4 e 5 dell art. 35 CCNL Integrativo 1998/2001. Il personale del ruolo sanitario a tempo parziale orizzontale e misto assegnato alle Unità operative che operano garantendo la continuità assistenziale attraverso l istituto della pronta disponibilità, nel rispetto delle garanzie previste dalle leggi n. 151/2001 e n. 104/1992, può essere utilizzato, previo suo consenso, per la copertura dei turni di pronta disponibilità, turni proporzionalmente ridotti nel numero in relazione all orario svolto. Nei casi di tempo parziale verticale le prestazioni di pronta disponibilità ed i turni sono assicurati per intero nei periodi di servizio. Trattamento economico e diritti del lavoratore Il trattamento economico, anche accessorio, del personale con rapporto di lavoro a tempo parziale è proporzionale alla prestazione lavorativa, con riferimento a tutte le competenze fisse e periodiche, ivi compresa la produttività collettiva, l eventuale retribuzione individuale di anzianità, le indennità professionali specifiche e l indennità di rischio radiologico, ove

4 spettante, corrisposte al personale a tempo pieno appartenente alla stessa categoria e profilo professionale. I dipendenti a tempo parziale orizzontale hanno diritto ad un numero di giorni di ferie pari a quello dei lavoratori a tempo pieno e così pure usufruiscono in misura piena di festività soppresse, festività, santo patrono, permessi retribuiti giornalieri, malattia, aspettativa non retribuita, assenze per maternità, permessi per cariche e assemblee sindacali, permessi a tutela di portatori di handicap giornalieri, permesso per lutto, permesso matrimoniale; usufruiscono invece in misura proporzionale di permessi per il diritto allo studio, permessi brevi a recupero, e permessi retribuiti da fruirsi a ore. I dipendenti a tempo parziale verticale o misto hanno diritto ad un numero di giorni di ferie e di festività soppresse e di altri permessi a vario titolo proporzionati alle giornate di lavoro prestate nell'anno e il relativo trattamento economico è commisurato alla durata della prestazione giornaliera. Idoneità parziale lavoratore part-time Nel caso in cui, successivamente alla stipula del contratto di part-time ed in vigenza dello stesso, il dipendente, che a seguito di un giudizio della commissione medico-legale o del medico competente sia stato dispensato dall'espletamento di alcune mansioni, non possa essere impiegato presso la struttura di assegnazione, si applicano i criteri stabiliti con la determinazione n 100 del del in tema di criteri generali per l'utilizzo del personale e precisamente : ove sia disponibile sulla base della mappatura aziendale un posto di part-time di tipologia uguale a quella in godimento e compatibile con il suo stato di salute il dipendente sarà assegnato a detta struttura ed il posto precedentemente ricoperto sarà reso libero in mappatura per eventuali ulteriori contratti di part-time. Nell'ipotesi, invece, in cui non sia disponibile in mappatura alcun posto di part-time cui assegnare il dipendente idoneo parzialmente, al dipendente, prevalendo l'esigenza di tutela della salute del lavoratore, sarà ripristinato l'orario di lavoro a tempo pieno con assegnazione ad altra struttura secondo i dettami della citata determinazione n 100/06 Presentazione della domanda Art. 5 - Iter procedurale per la concessione del part-time Le domande di richiesta di part-time devono essere presentate all'u.o. GRU entro i termini fissati al momento della pubblicazione del relativo bando biennale per la concessione di contratti di part - time. Il lavoratore che sta già usufruendo del part-time il cui contratto avrà termine con l'assegnazione dei nuovi contratti di part-time, qualora interessato, è tenuto a presentare nuovamente la domanda. L Azienda valuterà le domande stilando una graduatoria delle richieste presentate dai lavoratori in base ai parametri indicati più avanti. Si procederà, quindi, all assegnazione dei contratti part-time, fino ad esaurimento dei posti, in base alle disponibilità che emergono dalla mappatura dei posti a part-time. I dipendenti, anche fuori dei termini previsti dal bando biennale, possono presentare motivata istanza, previamente protocollata, all'u.o. Gestione Risorse Umane relativamente ai posti che risultino ancora disponibili nella mappatura pubblicata ed aggiornata mensilmente reperibile sul sito aziendale In tale situazione l Amministrazione, a fronte della richiesta del dipendente attiverà la procedura di trasformazione del rapporto di lavoro solo nel caso in cui il posto chiesto sia compreso e risulti libero nella mappatura. In ogni caso il contratto di part-time come sopra concesso avrà durata sino al completo svolgimento dell iter procedurale previsto per l analisi delle nuove domande relative all'emanazione del successivo bando di part-time biennale. Stipula del contratto individuale di part-time La concessione della trasformazione del rapporto di lavoro a tempo parziale è formalizzata per iscritto attraverso la stipula del contratto individuale, in esecuzione del provvedimento

5 amministrativo di competenza. La trasformazione del rapporto di lavoro non comporta soluzione di continuità nel rapporto in essere con l Azienda. Il contratto dovrà indicare: a) Tipologia (orizzontale, verticale, misto) b) Decorrenza c) Monte ore settimanale d) Sede di servizio e) collocazione temporale dell'orario con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all'anno, relativamente al part-time orizzontale e misto, fatto salvo quanto previsto all art.4 (variazione dell articolazione oraria) Durata del contratto Il contratto di part-time ha durata biennale e, comunque, fino al completo svolgimento dell iter procedurale conseguente all emanazione del bando biennale successivo al contratto al fine di garantire la continuità nella fruizione del part-time ai lavoratori che fossero ancora nelle condizioni di usufruirne. Ripristino del rapporto di lavoro a tempo pieno. Ferma restando la durata biennale dei contratti di part-time, il ripristino del rapporto di lavoro a tempo pieno può essere richiesto dal lavoratore, con nota da far pervenire tramite protocollo, all U.O. Gestione Risorse Umane decorsi sei mesi dalla stipula del contratto di part-time,. Il ripristino a tempo pieno - a condizione che vi sia disponibilità del posto, in relazione alle previsioni del piano assunzioni, ovvero della frazione di orario corrispondente al completamento del tempo pieno ai sensi dell art. 6, comma 1 del D.Lgs. 61/ del dipendente in considerazione delle esigenze organizzative, sarà attivato mediante stipula di atto contrattuale da effettuarsi entro il termine di trenta (30) giorni dalla richiesta e avrà decorrenza dal 1 giorno del mese successivo alla stipula del contratto di ripristino a tempo pieno. Per i lavoratori assunti con contratto a tempo parziale si applicano le disposizioni previste dal d.lgs. 61/2000 e dall art. 24 del CCNL I dipendenti rientrati a tempo pieno potranno essere sottoposti alla variazione della sede di lavoro, all interno della zona di appartenenza, qualora non sia possibile il loro utilizzo nell ambito della struttura organizzativa di assegnazione durante la fruizione del part-time seguendo le regole della Determinazione n. 100 del Art. 6 - Requisiti per l accesso al contratto part-time da parte del lavoratore. Requisiti generali Il dipendente può inoltrare domanda per contratto part-time solo dopo il superamento del periodo di prova. Criteri di priorità e assegnazione. Fatto salvo quanto previsto dall art 12 bis del d.lgs. 61/2000 nel caso di dipendenti affetti da patologie oncologiche, per i quali residui una ridotta capacità lavorativa, ai quali l'ordinamento riconosce un diritto soggettivo alla trasformazione a tempo parziale - nell analizzare le domande presentate, l Azienda terrà conto delle seguenti situazioni che determinano ai sensi di quanto stabilito dal citato art. 12 bis una priorità nella richiesta di trasformazione e precisamente nel seguente ordine : 1)lavoratore portatore di handicap grave ai sensi della legge 104/1992 o di invalidità civile non inferiore al 67% o affetto da grave patologia che richiede terapia salvavita; 2)lavoratore il cui coniuge, figli o genitori siano affetti da patologie oncologiche; 3)lavoratore che assiste una persona convivente con totale e permanente inabilità lavorativa, che abbia connotazione di gravità ai sensi dell'art. 3, comma 3, della l. n. 104 del 1992, con riconoscimento di un'invalidità pari al 100% e necessità di assistenza continua in quanto non in grado di compiere gli atti quotidiani della vita;

6 4) lavoratore con figlio convivente in situazione di handicap grave o con figlio studente del primo ciclo di istruzione con disturbo specifico di apprendimento (DSA) nel caso in cui il lavoratore sia impegnato nell'assistenza alle attività scolastiche a casa. 5) lavoratore con figlio convivente di età non superiore a tredici anni in relazione al numero dei figli e all'età del figlio minore, ferma restando la prevalenza della condizione di genitore, con figlio/i convivente di età non superiore a tredici anni, unico, divorziato, separato non convivente o vedovo. 6) lavoratore che assiste un familiare con handicap grave ai sensi della Legge 104/92; 7) lavoratore che assiste un familiare con invalidità non inferiore al 67%. Le suddette situazioni non sono cumulabili tra loro per cui si terrà conto della condizione di maggiore priorità e a parità di criterio di priorità si terrà conto della maggiore anzianità di servizio nell azienda. Ai dipendenti che non siano in possesso dei suddetti requisiti di priorità sono attribuiti i seguenti punteggi relative alla seguenti situazioni personali : lavoratori che documentino l avvio di un attività lavorativa (casi di richiesta di part-time al 50%) (10 punti) dipendenti che non abbiano mai usufruito di part-time o che ne abbiano usufruito per un periodo inferiore a 24 mesi, attribuendosi in tale ultimo caso un punteggio riparametrato al periodo di minor fruizione (8 punti) lavoratori che documentino esigenze di studio (5 punti) prevedendosi che a parità di punteggio si terrà conto della maggiore anzianità di servizio nell'azienda. Art. 7 - Attività incompatibili con i compiti istituzionali dell Azienda I dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale e prestazione lavorativa pari al 50% di quella a tempo pieno, possono svolgere un altra attività lavorativa, subordinata o autonoma, a condizione che: non interferisca con i compiti istituzionali dell Azienda; non sussista un conflitto d interessi tra l attività esterna del dipendente con la specifica attività di servizio; non intercorra con un altra Pubblica Amministrazione. Non sono comunque consentite, limitatamente all ambito territoriale dell Azienda USL n. 6 di Livorno, poiché previamente individuate come attività che interferiscono con i compiti istituzionali dell Azienda, le attività, a qualsiasi titolo effettuate dal personale delle professioni sanitarie nell ambito delle medesime competenze professionali esercitate alle dipendenze dell Azienda. La sussistenza di conflitto di interessi sarà valutata in concreto nei singoli casi e non solo all atto della richiesta di trasformazione del rapporto, ma anche in seguito. In linea generale, ferma restando l analisi del singolo caso, esiste conflitto di interessi qualora il dipendente: 1.intenda assumere la qualità di socio dipendente, consulente di società, associazioni, ditte, enti, studi professionali o comunque persone fisiche o giuridiche, o libero professionista, la cui attività consista anche nel procurare a terzi provvedimenti amministrativi della Azienda USL ed il dipendente operi in servizi che predispongono il rilascio dei suddetti provvedimenti; 2.intenda assumere la qualità di socio dipendente, consulente di società, associazioni, ditte, enti, studi professionali o comunque persone fisiche o giuridiche, la cui attività si estrinsechi anche nello stipulare o comunque gestire convenzioni o altri rapporti contrattuali ovvero progetti, studi, consulenze con l Azienda per prestazioni da rendersi nelle materie di competenza del servizio nel quale il dipendente opera; 3.intenda essere libero professionista in campo legale o tributario ed intenda operare in rappresentanza di terzi in via giudiziale o extragiudiziale, per curare i loro interessi giuridici nei confronti dell Azienda ovvero rendere loro consulenza.

7 I titolari di rapporto di lavoro a tempo parziale e prestazione lavorativa pari al 50% di quella a tempo pieno, devono dichiarare di non trovarsi in una situazione di incompatibilità, in ordine ad altre attività lavorative, contestualmente alla stipulazione del contratto individuale. I dipendenti che chiedono la trasformazione del proprio rapporto di lavoro devono indicare nella medesima domanda l eventuale attività lavorativa che intendono svolgere. I dipendenti già in servizio con rapporto di lavoro a tempo parziale che successivamente intendano svolgere altra attività lavorativa dovranno darne comunicazione all Azienda con un preavviso minimo di 30 giorni rispetto al previsto inizio dell attività. Analogamente, in tutti i casi di successive variazioni, il dipendente dovrà darne comunicazione all azienda con un preavviso minimo di 30 giorni. Le comunicazioni dovranno essere redatte utilizzando la modulistica disponibile in rete intranet aziendale. L istruttoria relativa alla valutazione delle incompatibilità è curata dalla Direzione Aziendale, tramite i propri uffici di supporto, che acquisisce il parere del responsabile di struttura di appartenenza del dipendente circa la compatibilità della seconda attività con quella di servizio. Per i dipendenti che svolgono altre attività lavorative e/o professionali, subordinate o autonome, non autorizzate è prevista la sanzione del licenziamento per giusta causa. Art. 8 - Norme finali. Per tutto quanto non previsto nel presente regolamento si rinvia alla vigente normativa in materia, tra cui d.lgs. n 61/2000, l. n 662/1996, d.l. n 79/1997 e l. n 170/2010.

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO IMPEGNO ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 2 aprile 2010) Quali sono le norme contrattuali che regolano la possibilità di accedere ad un rapporto di lavoro part time per un anestesista di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO PART-TIME PERSONALE DEL COMPARTO AUSL VITERBO

REGOLAMENTO PART-TIME PERSONALE DEL COMPARTO AUSL VITERBO REGOLAMENTO PART-TIME PERSONALE DEL COMPARTO AUSL VITERBO Regolamento part-time personale Comparto AUSL VT/2012 1/7 INDICE PREMESSA ART. 1 DEFINIZIONI ART. 2 TIPOLOGIE DI RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART-TIME (approvato con delibera della Giunta comunale nr 66 del 14.05.2001 con le modifiche apportate con delibere della Giunta comunale nr 123 del 13.10.2008 e nr 101

Dettagli

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE

OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE 1 OGGETTO RIDUZIONI PREVISTE PER PORTATORI DI INVALIDITÀ CIVILE QUESITO (in data 20 maggio 2009) Sono un medico anestesista che nel 2001 é stato operato di trapianto di cornea all occhio sinistro e nel

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA G. CHIABA SAN GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

\ AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RAVENNA AREA DIRIGENZA RUOLI: SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO AZIENDALE

\ AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RAVENNA AREA DIRIGENZA RUOLI: SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO E AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO AZIENDALE \ AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI RAVENNA Programma Speciale Organizzazione e Sviluppo Risorsa Umana U.O. Relazioni Sindacali AREA DIRIGENZA RUOLI: SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO E AMMINISTRATIVO

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI - XIV LEGISLATURA

CAMERA DEI DEPUTATI - XIV LEGISLATURA CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTEGRATIVO DEL CCNL DELL'8 GIUGNO 2000 DELL'AREA DELLA DIRIGENZA DEI RUOLI SANITARIO, PROFESSIONALE, TECNICO ED AMMINISTRATIVO DEL SSN A seguito del parere favorevole

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO AZIENDALE SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO AZIENDALE SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (personale del comparto) Oggetto di concertazione con le con le OO.SS. Area Comparto e la RSU Aziendale, come da verbale dell 11 maggio 2012.

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013

GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 GUIDA SUL LAVORO A TEMPO PARZIALE (PART TIME) Aggiornata a novembre 2013 MODALITÀ RICHIESTE (TRASFORMAZIONE E/O MODIFICA) DURATA ORARIO : ARTICOLAZIONE E INTERVALLO CRITERI PRINCIPALI ACCOGLIMENTO DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ

REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ REGOLAMENTO DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E NORME IN TEMA DI INCOMPATIBILITÀ INDICE CAPO I - Disposizioni generali 2 CAPO II - Articolazione della prestazione lavorativa 2 CAPO III - Procedure

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Contratto part-time e le modifiche del Jobs Act: la nuova disciplina del rapporto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEL PERSONALE IN PART TIME Parte Prima- LA REGOLAMENTAZIONE Premessa Il rapporto di lavoro a tempo parziale viene convenzionalmente definito come attività lavorativa a carattere

Dettagli

Comune di Vicenza. Regolamento dei rapporti di lavoro part-time

Comune di Vicenza. Regolamento dei rapporti di lavoro part-time Comune di Vicenza Regolamento dei rapporti di lavoro part-time Comune di Vicenza Pagina 1 di 15 REGOLAMENTO DEI RAPPORTI DI LAVORO PART-TIME Art. 1 Definizione 1. Per rapporto di lavoro a tempo parziale

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato

PART TIME. Part time. da 5 a 8 1 da 9 a 11 2 da 12 a 16 3 da 17 a 22 4 5, comunque non oltre il 20% del personale a tempo indeterminato assegnato PART TIME NOZIONI GENERALI 1 L avvio del contratto a part time avviene con la firma del nuovo contratto di lavoro presso la Direzione provinciale del Lavoro. Il part time può essere: a tempo determinato

Dettagli

FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME

FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME FONDAZIONE CASA RIPOSO SAN GIUSEPPE ONLUS PIAZZA PADRE G. VIALE 4 18012 BORDIGHERA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PART TIME 1. OGGETTO Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione

Dettagli

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015

PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 PART TIME DOCENTI DI RUOLO. GUIDA E MODELLO DI DOMANDA. SCADENZA 15 MARZO 2015 di Lalla, Orizzonte scuola 23.2.2015 Scade il 15 marzo la domanda per la richiesta di part time. I requisiti e le modalità

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PART-TIME

REGOLAMENTO DEL PART-TIME REGOLAMENTO DEL PART-TIME (approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 279 del 14/11/2012, integrato con deliberazione di Giunta comunale n. 311 del 17/12/2013 e, da ultimo, modificato con deliberazione

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ACCESSO ALL ORARIO RIDOTTO QUESITO (posto in data 23 febbraio 2015) Dal 2007 sono assunta con contratto a tempo indeterminato presso con un incarico di dirigente medico di primo livello. Ho tre

Dettagli

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità

DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO. Art. 1 Generalità DISCIPLINARE ORARIO DI LAVORO Art. 1 Generalità Il presente disciplinare è volto a normare l'articolazione dell'orario di lavoro per tutto il personale dell'istituto sulla base di quanto previsto dalla

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTEGRATIVO DEL CCNL DELL 8 GIUGNO 2000 DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA DEL S.S.N.

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTEGRATIVO DEL CCNL DELL 8 GIUGNO 2000 DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA DEL S.S.N. CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INTEGRATIVO DEL CCNL DELL 8 GIUGNO 2000 DELL AREA DELLA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA DEL S.S.N. A seguito del parere favorevole espresso in data 25 gennaio 2001

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Allegato alla deliberazione di G.C. n. 23 del 16.02.2013 Art. 1 - Definizioni 1. Nel presente regolamento alle sotto elencate espressioni

Dettagli

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO

U.O.C. Risorse Umane Regolamento PERMESSI RETRIBUITI (150 ORE) REV.: /// PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 REGOLAMENTO PER DIRITTO ALLO STUDIO PAG.: 1 di 9 Allegato alla deliberazione n. 1217 del 22 ottobre 2015 REGOLAMENTO PER LA FRUIZIONE DEI PERMESSI RETRIBUITI PER DIRITTO ALLO STUDIO (150 ORE) COMPARTO SANITÀ Rev.

Dettagli

DI R I T T O A L L O S T U DI O

DI R I T T O A L L O S T U DI O AVVISO AL PERSONALE A TEMPO INDETERMINATO DEL COMPARTO SANITA DI R I T T O A L L O S T U DI O ANNO SOLARE 2014 In conformità a quanto previsto dall art. 22 del C.C.N.L. Comparto Sanità integrativo del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

C O M U N E D I L U V I N A T E

C O M U N E D I L U V I N A T E C O M U N E D I L U V I N A T E P R O V I N C I A D I V A R E S E REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Definizioni:

Dettagli

Verbale di incontro. Tra UniCredit Banca di Roma e le Segreterie dell Organo di Coordinamento, del 26/06/2009. premesso che :

Verbale di incontro. Tra UniCredit Banca di Roma e le Segreterie dell Organo di Coordinamento, del 26/06/2009. premesso che : Verbale di incontro Tra UniCredit Banca di Roma e le Segreterie dell Organo di Coordinamento, del 26/06/2009 premesso che : - Il presente verbale avviene dopo una serie di riunioni nelle quali UniCredit

Dettagli

Disposizioni applicative inerenti i permessi retribuiti per motivi di studio

Disposizioni applicative inerenti i permessi retribuiti per motivi di studio Disposizioni applicative inerenti i permessi retribuiti per motivi di studio Ai sensi dell art. 3 del D.P.R. 23/8/88 n. 395 e dell art. 22 del CCNL integrativo del 20 settembre 2001, al fine di garantire

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AREA COMPARTO

REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AREA COMPARTO REGIONE DEL VENETO AZIENDA OSPEDALIERA DI PADOVA AREA COMPARTO AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE Scadenza: 23 dicembre 2013

Dettagli

Mercato del lavoro. CCNL Mobilità / Area AF Contratto aziendale FS

Mercato del lavoro. CCNL Mobilità / Area AF Contratto aziendale FS Mercato del lavoro CCNL Mobilità / Area AF Contratto aziendale FS 1 Costituzione del rapporto di lavoro art 17 Il contratto di lavoro a tempo indeterminato è la forma comune dei rapporti di lavoro. Ricorso

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE Reparto 2 - Divisione 3^ - Sezione 3^ V.le dell Università, 4 00185 ROMA

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE Reparto 2 - Divisione 3^ - Sezione 3^ V.le dell Università, 4 00185 ROMA M_D GCIV Prot. n. C-3/651144 Data 20.12.2012 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE Reparto 2 - Divisione 3^ - Sezione 3^ V.le dell Università, 4 00185 ROMA Funz. amm.vo ROSSI

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola SOMMARIO Art. 1 Beneficiari del diritto Art. 2 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008

Prot. n. 124092/50/IV/7.4.6 Palermo, 28.08.2008 REPUBBLICA ITALIANA CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 DIPARTIMENTO REGIONALE DEL PERSONALE, DEI SERVIZI GENERALI, DI QUIESCENZA, PREVIDENZA ED ASSISTENZA DEL PERSONALE AREA INTERDIPARTIMENTALE

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO AZIENDALE 2002 2005 (AREA DEL COMPARTO)

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO AZIENDALE 2002 2005 (AREA DEL COMPARTO) CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO AZIENDALE 2002 2005 (AREA DEL COMPARTO) Premessa Servizi pubblici essenziali Ai sensi degli articoli 1 e 2 della L. 16 giugno 1990 n. 146 e successive modificazioni e integrazioni,

Dettagli

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi.

Normativa contrattuale relativa a ferie e permessi. Elenco dei tipi di assenza previsti dal contratto Enti Locali: Permesso per matrimonio Controlli prenatali. Congedo di maternità. Interdizione anticipata dal lavoro per maternità. Congedo di paternità.

Dettagli

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE

ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE ALLEGATO 1 LINEE GUIDA IN MATERIA DI MOBILITÀ INTERNA ED ESTERNA DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PREMESSE NORMATIVE Decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e successive modifiche ed integrazioni;

Dettagli

1. La disciplina del lavoro straordinario nella normativa e nella contrattazione nazionale

1. La disciplina del lavoro straordinario nella normativa e nella contrattazione nazionale A.O.O. Provincia di Roma Ufficio SG/0 Anno 2007..Classificazione LEN 5.. Fascicolo 14/15... N. 52669 Data 3 maggio 2007 Ai Direttori di Dipartimento ed Uffici equiparati Ai Dirigenti dei Servizi E, p.c.

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola

CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola CONTRATTO COLLETTIVO INTEGRATIVO REGIONALE concernente i criteri per la fruizione dei permessi per il Diritto allo Studio Personale della scuola SOMMARIO Art. 1 Beneficiari del diritto Art. 2 Finalità

Dettagli

Ccnl Lavoro Domestico

Ccnl Lavoro Domestico Ccnl Lavoro Domestico Parti contraenti Parti contraenti FIDALDO, DOMINA Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil, Federcolf Data CCNL 01/02/2007 Rinnovo economico 20/01/2009 parte economica Decorrenza

Dettagli

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01.

200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. 200 PERMESSI RETRIBUITI EX LEGGE 104/92 E CONGEDO RETRIBUITO EX ART.42, 5 COMMA, DECR.LEG.VO N.151/01. I permessi retribuiti per la tutela dell handicap sono stati introdotti dalla legge n. 104/1992, come

Dettagli

NORMATIVA PART-TIME PIANO INDUSTRIALE 2002/2005

NORMATIVA PART-TIME PIANO INDUSTRIALE 2002/2005 NORMATIVA PART-TIME PIANO INDUSTRIALE 2002/2005 Il giorno 26 settembre 2003 in Verona, le Aziende Banco Popolare di Verona e Novara Scarl, Banca Popolare di Novara SpA, Società Gestione Servizi BPVN SpA,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale

CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale ORARIO DI LAVORO E SUE ARTICOLAZIONI Orario di lavoro dei dirigenti (art. 14 CCNL 2002/05) Orario di lavoro dei dirigenti con incarico di direzione di struttura

Dettagli

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142)

Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) Ferie, permessi e aspettative del personale a Tempo Determinato (CCNL 2002-2005 e sequenza Art. 142) FERIE... 2 FESTIVITÀ... 2 PERMESSI... 2 PERMESSI BREVI... 2 PERMESSI PER FORMAZIONE... 3 PERMESSI PER

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER ACCUDIRE AL FIGLIO QUESITI (posti in data 28 ottobre 2009) 1) È possibile chiedere all'azienda un periodo di aspettativa senza assegni per accudire al figlio dell età di tre anni?

Dettagli

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo

21 - HANDICAP. 6 ha disposto che le persone, affette da sindrome di Down 7, possano essere dichiarate in. 9 dall altro, non essendo 21 - HANDICAP 21.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA

ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO VISTA VISTA VISTA VISTA VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA ALLEGATO 1 DETERMINAZIONI DEL DIRIGENTE IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO VISTO il CCNL Comparto Scuola 2006-2009; VISTA la Sequenza Contrattuale Docenti dell 8.04.2008; VISTA la Sequenza Contrattuale

Dettagli

Verbale di incontro. la Delegazione Sindacale della Federazione Autonoma Bancari Italiani (FABI);

Verbale di incontro. la Delegazione Sindacale della Federazione Autonoma Bancari Italiani (FABI); Verbale di incontro Il giorno 04/06/2009, in Bologna si sono incontrati : I rappresentanti di UniCredit Banca e la Delegazione Sindacale della Federazione Autonoma Bancari Italiani (FABI); la Delegazione

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

Verbale di accordo. tra

Verbale di accordo. tra Verbale di accordo In Verona, il giorno 11 gennaio 2008 Banca Popolare di Verona - S.Geminiano e S.Prospero S.p.A.; Banca Popolare di Novara S.p.A.; Società Gestione Servizi BP S.p.A.; Banca Aletti & C

Dettagli

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA

ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA Atti preliminari ORGANIZZAZIONE E ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE ATA All inizio di ogni anno scolastico e comunque prima dell inizio delle lezioni, sulla base del POF e delle attività ivi previste:?? Il

Dettagli

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano

Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Pagina 1 di 7 Raggiunto l Accordo di Armonizzazione in Banca di Trento e Bolzano Dopo la sottoscrizione in ambito di IntesaSanpaolo degli Accordi di indirizzo volti ad armonizzare i trattamenti contrattuali

Dettagli

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità

(emanato con D.R. Rep. n. 1203 2014, prot. n. 23143 I/3 del 30.09.2014) TITOLO I NORME GENERALI. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI RETRIBUITI, RIVENIENTI DA FINANZIAMENTI EXTRA FFO, DA PARTE DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DI FOGGIA (emanato con D.R.

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile

INAIL. circolare 24 agosto 2004, n. 57. Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile INAIL circolare 24 agosto 2004, n. 57 Oggetto: Lavoro a tempo parziale. Applicazione della nuova disciplina: retribuzione imponibile Quadro di riferimento - D.P.R. n. 1124 del 30 giugno 1965: "Testo unico

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo

Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Quaderno: Il rapporto di Lavoro Istituti di maggior rilievo Versione 1.0 17/11/2009 Giustificativo Pagina 1 Aspettativa altra esperienza lavorativa 3 2 Aspettativa dottorato di ricerca e borse di studio

Dettagli

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca

Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Congedi per maternità paternità e parentali di Barbara Busi UIL PA Coordinamento Università Ricerca Il Decreto Legislativo 26 marzo 2001, n. 151 è il Testo Unico che ha riunito e riordinato le leggi in

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce

COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce COMUNE DI GALLIPOLI Provincia di Lecce REGOLAMENTO IN MATERIA DI INCOMPATIBILITA E CRITERI PER LE AUTORIZZAZIONI AI DIPENDENTI ALLO SVOLGIMENTO DI INCARICHI A FAVORE DI ALTRI SOGGETTI Approvato con deliberazione

Dettagli

23.1 NOZIONI GENERALI

23.1 NOZIONI GENERALI 23 - HANDICAP 23.1 NOZIONI GENERALI Secondo la legge 1 una persona è disabile, ovvero ha un handicap, quando è affetta da un minorazione (fisica, psichica o sensoriale) che provochi difficoltà di apprendimento,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

Art.5 Congedi dei genitori Art.6 Congedi per la formazione

Art.5 Congedi dei genitori Art.6 Congedi per la formazione CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO RELATIVO ALL AREA DELLA DIRIGENZA DEL COMPARTO DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI PER IL BIENNIO ECONOMICO 2000/2001 Art.1 Stipendi tabellari 1. I bene ci economici

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO RAPPORTO DI LAVORO CON IMPEGNO RIDOTTO. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO RAPPORTO DI LAVORO CON IMPEGNO RIDOTTO. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO RAPPORTO

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 96 del 30.12.2014 In vigore dal 01.01.2015 ART. 1 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di

Dettagli

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU

I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU I.T.S. E.MATTEI DI DECIMOMANNU ACCORDO A LIVELLO DI ISTITUZIONE SCOLASTICA IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO E ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DEL PERSONALE ATA L anno 2015, nel mese di MAGGIO, il giorno

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale dirigente adottato con deliberazione n. 78 del 09.05.2011 Art. 1. ORARIO DI LAVORO 1. Per Orario di Lavoro è da intendersi qualsiasi periodo in cui il Dirigente

Dettagli

PART TIME A.S. 2010-2011

PART TIME A.S. 2010-2011 PART TIME A.S. 2010-2011 Part-time 2 Marzo 2010 Il rapporto di lavoro a tempo parziale La domanda Il 15 marzo 2010 scade il termine per la presentazione della domanda di trasformazione del rapporto di

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI

NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI NUMERO UNICO EMERGENZA - NUE112 VARESE DISCIPLINA DEI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI Premessa Si intendono lavori socialmente utili le attività che hanno per oggetto la realizzazione di opere e la fornitura

Dettagli

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011

decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 SINTESI CCNL LAVORO DOMESTICO decorrenze Scadenze 1/10/84 30/09/87 1/04/88 31/03/91 15/07/92 15/07/95 16/07/96 15/07/2000 8/03/2001 7/3/2005 1/03/2007 28/02/2011 Indice della Sintesi Contrattuale Artt.

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO Art. 1 Fonti e campo di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del personale tecnico e amministrativo

Dettagli