Art Ambito del polo scolastico Art bis. Ambito Bertanella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Art. 6.10. Ambito del polo scolastico Art. 6.10 bis. Ambito Bertanella"

Transcript

1 DELIBERA 1. DI ADOTTARE la variante parziale al P.S.C. consistente nella modifica delle classificazioni delle aree Bertanella (tav. 2) e Golf (tav. 1B) e della normativa (artt bis ); Art Ambito del polo scolastico Elementi di identificazione Si tratta di un area compresa tra l ambito C3bis e il t. Ghiara, attualmente adibita per parte a scuola media e relative attrezzature e pertinenze scoperte, per parte a verde con presenza di fabbricati di valore storico tipologico (La Bertanella). Indirizzi progettuali Si individua come finalizzazione principale la riserva dell'area ad un progetto di accorpamento di alcune strutture scolastiche e di integrazione con servizi di carattere educativo culturale. Direttive Il POC determina per quest ambito le funzioni di interesse pubblico nel campo dei servizi scolastici e di interesse comune. Particolare attenzione è richiesta alla riorganizzazione del sistema della accessibilità sia veicolare che pedonale ciclabile ed in particolare per la connessione con le aree urbane a nord oltre il t. Ghiara. Fino alla approvazione del POC e anche successivamente, per le parti d'ambito non ricomprese nel POC stesso, si applicano le disposizione del RUE. RUE In assenza del POC e di sue specifiche previsioni, sugli immobili compresi in tale ambito e non ricadenti nel subsistema delle attrezzature e degli spazi collettivi di cui all art. 3.2 possono essere effettuati interventi di sola manutenzione ordinaria e straordinaria con mantenimento delle superfici utili esistenti e degli usi in atto. Sugli immobili compresi in tale ambito e ricadenti nel subsistema delle attrezzature e degli spazi collettivi si applicano le disposizioni di cui all art Art bis. Ambito Bertanella Elementi di identificazione Si tratta di un area compresa tra via S. D'Acquisto e l ambito del Polo scolastico attualmente adibita per parte a serra, per parte a strutture di servizio termale, per parte a verde, nel complesso appare ancora sottoutilizzata rispetto alle potenzialità rappresentate dalla sua collocazione centrale in ambito urbano. Indirizzi progettuali L area di proprietà delle Terme, potrà essere oggetto di intervento edilizio che garantisca l inserimento di attività pregiate che consentano, dopo la dismissione di attività non strategiche, la possibilità di recupero di risorse per nuovi investimenti legati al settore del benessere termale che risulta in forte espansione. Direttive Il POC determina per quest ambito le funzioni e gli indici edificatori ed i parametri di intervento, assegnando funzioni commerciali (C1 C2 C2bis - C3 C4 per le sole attività compatibili con la residenza da definire nel POC), direzionali (D1 D2 D3), turistico ricettive (T1 T2 T7) e di servizio (S1 S2 S3 S4 S5 S6 S7) e, in minor misura residenziali (con un massimo di 40 alloggi). Prima dell inserimento nel P.O.C. dell area oggetto di intervento dovrà essere presentato uno studio di impatto archeologico. Per l inserimento nel POC, dovrà essere sottoposto all Amministrazione comunale il progetto urbanistico con rendering e specifica valutazione di impatto clima acustico in base alle destinazioni previste, per il parere preventivo alle cui condizioni il soggetto attuatore dovrà attenersi. L attuazione è subordinata a P.U.A., estesa alla totalità dell ambito che dovrà prevedere: -1) la realizzazione di parcheggi pubblici, di circa mq , a servizio della scuola, da realizzarsi, sulla base del progetto preliminare verificato dall Amministrazione comunale nella parte di area (eventualmente anche già di proprietà comunale) prospiciente la scuola; -2)la realizzazione e la cessione delle nuove strade d accesso all area scolastica con rotatoria in via S. D Acquisto in corrispondenza con via Grassi; -3) realizzazione e cessione al Comune di verde pubblico attrezzato il quale sarà localizzato ed organizzato in modo da consentire un accesso ciclo-pedonale alla scuola da via S. D Acquisto; -4) cessione gratuita al Comune di Salsomaggiore dell edificio esistente posto sul mappale 15 con l area cortilizia di circa mq (corrispondente all incirca ai mappali 15, 398, 20 parte e 21 parte) posta nell ambito del Polo Scolastico; -5) le nuove costruzioni dovranno adottare soluzioni tecnologiche che contemplino l utilizzo di fonti energetiche alternative ed accorgimenti per la mitigazione del rumore; i nuovi edifici dovranno essere dotati di certificato energetico; -6) la relazione geologico-sismica e le mitigazioni e/o compensazioni previste dalla VALSAT/VAS; -7) la dotazione degli standards di norma. Fino all inserimento dell area nel POC si applicano le disposizione del RUE.

2 RUE In assenza del POC e di sue specifiche previsioni, sugli immobili compresi in tale ambito e non ricadenti nel subsistema delle attrezzature e degli spazi collettivi di cui all art. 3.2 possono essere effettuati interventi di sola manutenzione ordinaria e straordinaria con mantenimento delle superfici utili esistenti e degli usi in atto. Sugli immobili compresi in tale ambito e ricadenti nel subsistema delle attrezzature e degli spazi collettivi si applicano le disposizioni di cui all art Art Dimensionamento residenziale Il presente si prefigge il contenimento della crescita insediativa residenziale nel territorio urbano, disponendo contenuti incrementi rispetto alle previsioni insediative confermate del PRG vigente. Il RUE ed i POC predispongono un dimensionamento della capacità insediativa teorica da essi prevista in termini di nuovi alloggi realizzabili negli ambiti da riqualificare, negli ambiti in trasformazione, negli ambiti per nuovi insediamenti e nelle aree libere inedificate o nelle aree soggette a trasformazione urbanistica o funzionale all interno degli ambiti urbani consolidati. Nella redazione del RUE e dei POC dovranno essere assunti a riferimento i valori dell offerta residenziale (abitativa di tipo permanente) del. La somma degli alloggi previsti complessivamente dal RUE e dai POC (considerando nei POC successivi al primo la quota effettivamente realizzata nei precedenti periodi) dovrà essere congruente con i valori del sotto specificati per le diverse tipologie di ambito, con valore prescrittivo nei casi espressamente dichiarati e con valore di indirizzo negli altri casi ove la quantificazione è stimata, fatte comunque salve eventuali variazioni derivanti da accordi di programma ai sensi dell art. 40 della L.R. n. 20/2000.: a) dimensionamento residenziale delle aree non edificate e delle aree edificate di potenziale trasformazione funzionale, interne agli ambiti urbani consolidati (art. 6.1) a conferma della capacità insediativa teorica residua di PRG: esso è stimato in 150 unità abitative; b) dimensionamento residenziale delle aree interne agli ambiti urbani consolidati (art. 6.1) per le quali POC e RUE possono prevedere nuovi interventi di completamento o di ridestinazione funzionale di aree ed immobili: esso è stimato in 100 unità abitative; c) dimensionamento residenziale degli ambiti di riqualificazione limitatamente all ambito del centro edile (art. 6.11) e all ambito delle porte della città (art. 6.12): nei casi e sotto le condizioni specificati agli artt. 6.11, 6.12 può essere previsto un carico insediativo massimo complessivo non superiore a 30 unità abitative; nell ambito Bertanella (art bis) si prevede un carico insediativo pari a n. 40 unità abitative; d) dimensionamento residenziale degli ambiti per servizi di rilievo urbano e per il verde attrezzato da integrare con funzioni residenziali (art. 6.15): nel rispetto dei dimensionamenti relativi a ciascuna scheda, è prescritto un carico insediativo complessivo massimo non superiore a 140 unità abitative; e) dimensionamento degli ambiti destinati a nuovi insediamenti residenziali (art. 6.14): è quello determinato dalla superficie utile o volume utile ammessi nelle schede allegate all art relative a ciascun ambito che comportano un carico insediativo stimato in 120 unità abitative; f) dimensionamento residenziale degli ambiti in trasformazione (art. 6.13): il carico insediativo è quello residuo (non ancora realizzato) previsto dai piani attuativi approvati e in esecuzione e stimato al momento della redazione del in 380 unità abitative. Ulteriori carichi insediativi, in variante ai piani particolareggiati in attuazione, possono essere previsti dal POC a scomputo dei dimensionamenti previsti dal presente articolo negli altri ambiti di ; g) dimensionamento residenziale nei centri abitati minori (art ): il numero massimo delle unità abitative che potrà essere previsto dai POC nelle aree esterne al perimetro del territorio urbanizzato non potrà essere complessivamente superiore per tutti i centri elencati nel Quadro sintetico allegato all art a 200; h) dimensionamento residenziale negli insediamenti annucleati: il numero delle nuove unità abitative realizzabili nelle aree non edificate interne agli insediamenti annucleati è stimato per tutti gli insediamenti annucleati elencati all art in 80. Il RUE provvede ad identificare ciascuna di tali aree e a determinarne il carico insediativo massimo; i) dimensionamento residenziale per la riqualificazione e lo sviluppo dell impinto golfistico di Ponte Grosso n. 61 unità abitative (collegate ad almeno due quote per ciascuna unità abitativa alla struttura golfistica); j) dimensionamento residenziale, a reintegrazione della quota di alloggi realizzati successivamente alla data di adozione del, che il POC può determinare di ripartire all interno degli ambiti urbani, in modo motivato ed in funzione del raggiungimento di specifici obiettivi, già individuati dal, di arricchimento della gamma di funzioni, di miglioramento della qualità urbana, di potenziamento delle dotazioni territoriali: esso è determinato in 70 unità abitative. L Amministrazione Comunale può utilizzare in tali casi lo strumento di cui all art. 18 della L.R. n. 20/2000. Nel dimensionamento residenziale suddetto non rientrano: - l edilizia abitativa agricola finalizzata alla conduzione delle attività agricole; - l edilizia residenziale strettamente connessa e pertinente le attività produttive, artigianali, alberghiere, commerciali - le unità abitative ricavabili attraverso interventi ordinari di ristrutturazione, ampliamento o trasformazione d uso consentiti sui fabbricati esistenti dalle norme di RUE. - i lotti residenziali previsti dal PRG in zona rurale all esterno dei centri abitati minori e degli insediamenti annucleati e non ancora edificati - le unità abitative di edilizia economica realizzate in base a programmi formati ai sensi delle normative vigenti nelle aree cedute al Comune all interno degli ambiti N di cui al precedente art

3 DI ADOTTARE la variante parziale al R.U.E. consistente nella modifica alla cartografia (adeguamento al P.S.C. di cui al punto 1- tavv. 1E e 2B) e normativa (artt bis 9.32 tabella riassuntiva degli standards relativa agli usi); Art bis Uso C2 bis: Medio-piccola struttura di vendita alimentare Funzione di appartenenza Funzione commerciale Specificazione delle attività ammesse Commercio al dettaglio di prodotti alimentari secondo le specifiche del D.Lgs n. 114/98 e della L.R. 14/99 e s.m.i. Spazi fisici e strutture Edifici ed aree di pertinenza destinati a: - esposizione e vendita compresa tra mq. 250 e mq di superficie lorda - magazzino e servizi Standards - parcheggi pubblici negli interventi trasformativi e nei casi di aumento del carico urbanistico: 1 mq/mq di Superficie utile lorda; - parcheggi di pertinenza delle costruzioni negli interventi trasformativi e nei casi di aumento di carico urbanistico: secondo le specifiche dei Criteri di pianificazione territoriale e urbanistica riferiti alle attività commerciali in sede fissa adottati dal Consiglio Regionale con atto n del 13/09/1999 e s.m.i.; - parcheggi di pertinenza delle costruzioni negli interventi di ristrutturazione edilizia: 0,15 mq/mq di superficie utile Prescrizioni Dovranno essere rispettate le specifiche dei Criteri di pianificazione territoriale e urbanistica riferiti alle attività commerciali in sede fissa adottati dal Consiglio Regionale con atto n del 13/09/1999 in ordine particolarmente alle condizioni e criteri per l individuazione delle aree idonee per la localizzazione delle strutture ed ai requisiti urbanistici. La possibilità di insediamento, ancorché prevista dalle presenti norme, rimane soggetta alle procedure indicate al comma 2 degli artt. 6 e 7 della L.R. n. 14/1999. Art Indice degli usi Gli usi disciplinati dal presente RUE sono raggruppati per Funzioni, nel seguente modo: A- Funzione agricola direttamente connessa alla conduzione del fondo, svolta al livello aziendale o interaziendale, che comprende: Uso A1 - Abitazione agricola Uso A2 - Servizi agricoli Uso A3 - Allevamento aziendale Uso A4 - Attività di conservazione, trasformazione, commercializzazione di prodotti agricoli direttamente connessi alla conduzione del fondo dell azienda agricola Uso A5 - Serre fisse Uso A6 - Attività agrituristiche

4 C-D Funzione commerciale e funzione direzionale (appartenente al settore terziario), che comprende: Uso C1 - Struttura commerciale di vicinato Uso C2- Media struttura di vendita Uso C2 bis Medio-piccola struttura di vendita alimentare Uso C3 - Esercizio pubblico Uso C4 - Artigianato di servizio e di produzione con vendita diretta Uso C5 - Commercio all'ingrosso e non compatibile con la residenza Uso C6 - Trasporti, magazzinaggio e comunicazioni Uso C7 - Distribuzione di carburanti ed altre attività di manutenzione per autoveicoli Uso D1 - Intermediazione monetaria e finanziaria Uso D2 - Attività professionali e imprenditoriali Uso D3 - Attività direzionali N- Funzione agricola non connessa alla conduzione del fondo, che comprende: Uso N1 - Allevamento industriale Uso N2 - Attività di conservazione, trasformazione, distribuzione di prodotti agricoli non connessi ad aziende agricole Uso N3 - Attività di lavorazione agricola per conto terzi Uso N4 - Attività di riparazione di macchine agricole Uso N5 - Ricovero e gestione di animali non a scopo di produzione zootecnica Uso N6 - Ricovero attrezzi, materiali, prodotti, animali non connessi all'esistenza di un'azienda agricola Uso N7- Servizi offerti alle aziende agricole o ad attività svolte nel territorio rurale Uso N8 - Turismo rurale P- Funzione produttiva di tipo artigianale e industriale, che comprende: Uso P1 - Artigianato produttivo Uso P2 - Artigianato di servizio non congruente con la residenza Uso P3 - Industria manifatturiera Uso P4 - Attività di rottamazione e di smaltimento o recupero rifiuti R- Funzione abitativa, che comprende: Uso R1 - Residenza Uso R2 - Residenza collettiva Uso R3 - Residenza turistica Uso R4 - Accessori alla residenza e usi compatibili S- Funzione di servizio, che comprende: Uso S1 - Pubblica amministrazione Uso S2 - Istruzione Uso S3 - Sanità e altri servizi sociali Uso S4 - Organizzazioni associative Uso S5 - Organizzazione del culto religioso Uso S6 - Attività ricreative e culturali

5 Uso S7 - Attività sportive Uso S8 - Difesa e protezione civile Uso S9 - Servizi tecnici e tecnologici Uso S10 - Impianti per le telecomunicazioni Uso S11 - Attrezzature cimiteriali Uso S12 - Attrezzature per la mobilità Uso S13 - Fruizione del verde Uso S14 - Spettacoli e manifestazioni all aperto Uso S15 - Parcheggio T- Funzione turistico ricettiva ricreativa, che comprende: Uso T1 - Albergo Uso T2 - Residenza turistica alberghiera Uso T3 - Ostello e altre forme di ricettività per il turismo itinerante Uso T4 - Campeggio Uso T5 - Villaggio turistico Uso T6 - Attività ludiche a carattere privato Uso T7 - Attività sportive ricreative all aperto Uso T8 - Attrezzature termali Z- Altre funzioni, che comprendono: Uso Z1 - Usi in atto Uso Z2 - Opere di infrastrutturazione del territorio Uso Z3 - Attrezzature private di pertinenza Uso Z4 - Autorimesse non pertinenziali Qualora gli usi richiesti in un particolare intervento attuativo non siano identificabili tra quelli elencati e descritti nelle presenti norme si procede per analogia, assimilando cioè gli usi richiesti ad usi già definiti dalle presenti norme.

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI

INDICATORI URBANISTICO EDILIZI INDICATORI URBANISTICO EDILIZI 1. Superficie territoriale (ST): Superficie totale di una porzione di territorio, la cui trasformazione è generalmente sottoposta a strumentazione urbanistica operativa e

Dettagli

9 ambito progettuale stazione ferroviaria

9 ambito progettuale stazione ferroviaria 9 ambito progettuale stazione ferroviaria Project manager: gruppo dirigenti: master plan e progettazione urbanistica: progettazione urbana: progettazione opere pubbliche: Lavorare in team si lavora in

Dettagli

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C

Norme Tecniche di Attuazione Allegato C (Aggiornamento 31.03.2004) Variante al P.R.G.C. di adeguamento alla normativa in materia commerciale approvata con delibera di Consiglio Comunale n 145 del 27.11.2003 ART. 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Norme

Dettagli

166 mq x 110,10 /mq = 18.277,00 (diciottomiladuecentosettantasette/00)

166 mq x 110,10 /mq = 18.277,00 (diciottomiladuecentosettantasette/00) III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO SERVIZIO URBANISTICA TERRITORIO E AMBIENTE Allegato OGGETTO: Inquadramento urbanistico e stima di un area a Fellegara in Via del Cristo identificata al Catasto

Dettagli

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART.

ART. 1 - FINALITÀ. 2 ART. 2 - DEFINIZIONI. 2 ART. 3 - PARAMETRI URBANISTICI PER LA VALUTAZIONE DELL'AREA. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 4 ART. 4 ART. 5 ART. REGOLAMENTO IN MATERIA DI VALORE DELLE AREE FABBRICABILI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI E DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012

Comune di Cenate Sotto PGT Piano dei servizi 6 settembre 2012 INDICE 1. Elementi costitutivi del... 2 2. Zona S1: aree per l'istruzione pubblica... 2 3. Zona S2: aree per servizi pubblici... 2 4. Zona S3: aree per attrezzature religiose... 2 5. Zona S4: aree pubbliche

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

COMUNE DI LASTRA A SIGNA

COMUNE DI LASTRA A SIGNA COMUNE DI LASTRA A SIGNA PROVINCIA DI FIRENZE VARIANTE PIANO STRUTTURALE DI CONVERSIONE DELLE UNITA DI MISURA DEL DIMENSIONAMENTO DELLE FUNZIONI NORME Proposta modifica art. 33 (Le parole sostitutive sono

Dettagli

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e

PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e P R O V I N C I A D I P A R M A Comune di SALA BAGANZA PSCP i a n o S t r u t t u r a l e C o m u n a l e Q U A D R O C O N O S C I T I V O Bilancio urbanistico del PRG vigente Sindaco Cristina Merusi

Dettagli

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio

Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 1 - Principi e scopi Art. 2 - Contenuti delle norme Art. 3 Principi interpretativi Art. 4 Ambito d intervento Art. 5 Suddivisione del territorio Art. 6 Comparti sottoposti a ristrutturazione edilizia

Dettagli

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE

Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE Allegato A alla Delibera Consiglio Comunale n.27 del 07/09/2015 Aggiornamento ONERI DI URBANIZZAZIONE TABELLA A - EDIFICI RESIDENZIALI Zone ZTS (ex P.R.G. Zone omogenee A) (U1) Euro 7,38/Mc Euro 2,95/Mc.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna 1 COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO Provincia di Bologna Area Programmazione e Gestione del Territorio ALLEGATO 1 DETERMINAZIONE VALORI DI RIFERIMENTO DELLE AREE INSERITE NEL P.R.G., NEL P.S.C. E NEL R.U.E.

Dettagli

Art. 4- Usi 1. RESIDENZA. Spazi per funzioni principali:

Art. 4- Usi 1. RESIDENZA. Spazi per funzioni principali: Art. 4- Usi Le funzioni ed i relativi spazi vengono definiti nel presente articolo e riuniti in gruppi che presentano omogeneità dal punto di vista delle ricadute normative. Ciascuna zona, come definita

Dettagli

ALLEGATO A COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d Argento al Valor Civile SERVIZIO URBANISTICA AGGIORNAMENTO DEL COSTO DI COSTRUZIONE E DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE ADEGUAMENTO ISTAT GIUGNO 2006 DICEMBRE

Dettagli

( testo attuale e modificato)

( testo attuale e modificato) C O M U N E d i C R E S P I N A Servizi al Territorio Variante al Regolamento Urbanistico - Modifica alle Norme Tecniche di Attuazione relative agli impianti e aree cimiteriali ( articoli 61 e 66 ) ( testo

Dettagli

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio

VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE PS 1 COMUNE DI CESENA VARIANTE GENERALE. Stralcio COMUNE DI CESENA PRG Settore Programmazione 2000 Urbanistica VARIANTE GENERALE VARIANTE 3/2012 AZIENDA A RISCHO D'INCIDENTE RILEVANTE NORME DI ATTUAZIONE Stralcio PS 1 Progettisti Anna Maria Biscaglia

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02

richiesta di valutazione preventiva ai sensi dell'art.16 della L.R. 31/02 Comune di Monterenzio Provincia di Bologna Area Servizi Tecnici Piazza Guerrino De Giovanni, 1 40050 Monterenzio telefono 051 929002 fax 0516548992 e-mail ediliziaprivata@comune.monterenzio.bologna.it

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente.

OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. OGGETTO: adeguamento del Regolamento per il pagamento dei diritti di segreteria di spettanza totale dell ente. PREMESSO Che con D.C.C. n. 106 del 21.12.1993 modificata con DCC n.17 del 1997 si approvava

Dettagli

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Regolamento Nuovi criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto C.C. n. 2700/223

Dettagli

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE

COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE COMUNE DI PERO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA TEMPORANEE NEL PERIODO DI EXPO 2015 INDICE 1. Finalità del regolamento 2. Definizione di attività temporanee e tipologie consentite 3. Deroghe

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO

REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO COMUNE DI CAPANNOLI REGOLAMENTO EDILIZIO UNIFICATO ALLEGATO A disposizioni diversificate in rapporto alle specificità dei singoli Comuni 1 INDICE TITOLO I Disposizioni diversificate Capo I - Norme specifiche

Dettagli

COMUNE DI MONTEGIORGIO

COMUNE DI MONTEGIORGIO COMUNE DI MONTEGIORGIO (Provincia di ASCOLI PICENO) STUDIO PRELIMINARE DI FATTIBILITA FINALIZZATO ALL AMPLIAMENTO DEL CENTRO COMMERCIALE ROSSETTI Località: Via Faleriense Est, 81 63025 Montegiorgio (AP)

Dettagli

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI Comune di Cisano B.sco Piano dei Servizi Disciplina degli interventi COMUNE DI CISANO BERGAMASCO DISCIPLINA DEL PIANO DEI SERVIZI DISCIPLINA URBANISTICA ED EDILIZIA INTEGRATIVA PER L ATTUAZIONE DEGLI INTERVENTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELL INCIDENZA DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE indice Art. 1 Premessa pag 5 Art. 2 Ambito di applicazione pag 5 Art. 3 Incidenza degli oneri di urbanizzazione: tabella parametrica

Dettagli

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco

NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco NUCLEI DI ANTICA FORMAZIONE - AMBITO DI RIQUALIFICAZIONE N 2: Piano di Recupero N 3 Albergo Trieste - via San Rocco ORTOFOTO PLANIMETRIA AEROFOTOGRAMETRICA (scala 1:1000) Nuclei di antica formazione Criteri

Dettagli

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale

Comunità Alto Garda e Ledro Piano stralcio in materia di programmazione urbanistica del settore commerciale COMUNITA' ALTO GARDA E LEDRO PIANO TERRITORIALE DELLA COMUNITA' PIANO STRALCIO IN MATERIA DI PROGRAMMAZIONE URBANISTICA DEL SETTORE COMMERCIALE art. 25 bis, comma 1 bis l.p.4 marzo 2008, n.1 NORME TECNICHE

Dettagli

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L.

TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI. D.P.R. 380/01 art. 6 modificato dall'art. 5 L. TIPOLOGIA INTERVENTO TITOLO ABILITATIVO RIFERIMENTO NORMATIVO DESCRIZIONE INTERVENTO COSTI ordinaria manutenzione D.P.R. 380/01 art. 6 e L.R. 12/05 art. 27 gli interventi edilizi che riguardano le opere

Dettagli

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2

Comune di Rivanazzano Terme 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 Comune di Rivanazzano Terme SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE: COMPARAZIONE... 2 DdP - Norme Tecniche di Attuazione: comparazione fra il testo adottato e quello definitivo conseguente

Dettagli

PRG C. Città di Rivoli. Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino

PRG C. Città di Rivoli. Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante) Regione Piemonte. Provincia di Torino Regione Piemonte Provincia di Torino Città di Rivoli PRG C piano regolatore generale comunale Variante ai sensi dell art 17, comma 8- LR 56/77 sm e i Scheda quantitativa dei dati urbani (oggetto di variante)

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

Comune di Brescia Oneri di Urbanizzazione

Comune di Brescia Oneri di Urbanizzazione Comune di Brescia Oneri di Tariffe Oneri di definite con deliberazione del Consiglio Comunale n. 260 P.G. n. 49199 del 20/12/2004 Adeguate in base alla L.R. n. 12 dell 11-03-2005 (tabella 1) (art. 60)

Dettagli

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA RELAZIONE Oggetto: VARIANTE ART.32 bis L.R.n.20/2000 AL PIANO STRUTTURALE COMUNALE INCREMENTO DELL ALTEZZA CONSENTITA PER LA REALIZZAZIONE DI MAGAZZINI AUTOMATICI PREMESSA La presente variante al Piano

Dettagli

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE

CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE Urbanistica Edilizia privata Comune di Fauglia Provincia di Pisa CONTRIBUTI RELATIVI AGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E COSTO DI COSTRUZIONE DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI AMMINISTRATIVE DI CUI L ART. 140

Dettagli

Studio sul settore del commercio in sede fissa

Studio sul settore del commercio in sede fissa COMUNE DI MASSA (Provincia di Massa Carrara) Studio sul settore del commercio in sede fissa Valutazioni finalizzate alla predisposizione delle norme di pianificazione commerciale da inserire nel Regolamento

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

TABELLE ONERI DI URBANIZZAZIONE (Delibera di Consiglio Regionale n.850 del 4/3/1998 e Determinazione dirigenziale n.

TABELLE ONERI DI URBANIZZAZIONE (Delibera di Consiglio Regionale n.850 del 4/3/1998 e Determinazione dirigenziale n. TABELLE ONERI DI URBANIZZAZIONE (Delibera di Consiglio Regionale n.850 del 4/3/1998 e Determinazione dirigenziale n.470 del 20/12/01) TABELLA A5 5 A CLASSE DI COMUNI Edilizia residenziale (funzione abitativa)*

Dettagli

ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE

ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE ESTRATTO PLANOVOLUMETRICO DEL PIANO URBANISTICO E DELLE RELATIVE NORME DI ATTTUAZIONE Norme di Attuazione 1^Variante Generale al PGT approvato con D.C.C. n. 33 dl 23.07.2008 o la modifica della tipologia

Dettagli

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania

COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania COMUNE DI BELPASSO Provincia di Catania VII SERVIZIO URBANISTICA SVILUPPO DEL TERRITORIO Dirigente Responsabile : Ing. Sebastiano Leonardi OGGETTO: Comune di Belpasso Art. 17, L.R. 16 aprile 2003, n. 4

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16

COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 COPIA DI ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14/05/2012 n. 16 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUT O DI COSTRUZIONE, QUOTA AFFERENTE IL CONTRIBUTO SUGLI ONERI

Dettagli

TABELLE. Contributi relativi agli oneri di urbanizzazione Aggiornamento al giugno 2007 COMUNE DI VIGLIANO BIELLESE

TABELLE. Contributi relativi agli oneri di urbanizzazione Aggiornamento al giugno 2007 COMUNE DI VIGLIANO BIELLESE COMUNE DI VIGLIANO BIELLESE Contributi relativi agli oneri di urbanizzazione Aggiornamento al giugno 2007 Nota: Tutte le sigle di destinazione d uso, contenute nelle presenti tabelle, sono riferite alla

Dettagli

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE 1 INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.6 ART.7 PIANO DEI SERVIZI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI MODALITÀ DI ESECUZIONE DELLE ATTREZZATURE PUBBLICHE E DI INTERESSE PUBBLICO

Dettagli

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana

Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Università Roma Tre CdLM Architettura - Progettazione urbana Laboratorio di Urbanistica 1 Titolarità del Laboratorio: Simone Ombuen Anno accademico 2012-2013 secondo semestre Modulo Diritto (4 cfu) Docente:

Dettagli

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico

PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) Avviso pubblico PUC3 PROGRAMMA INTEGRATO DI SVILUPPO URBANO (D.G.R. N. 281 DEL 03/04/2013, art.4) 1. Generalità Avviso pubblico La regione dell Umbria, con DGR 7 aprile 2013, n. 281, ha approvato l avviso per la presentazione

Dettagli

PIANO REGOLATORE GENERALE

PIANO REGOLATORE GENERALE SETTORE PIANIFICAZIONE URBANA E TERRITORIALE LEGGE REGIONE PIEMONTE 5/12/1977, n. 56 art. 17 PIANO REGOLATORE GENERALE APPROVATO CON D.G.R. DEL 06/06/1989, N. 93-29164 VARIANTE N. 14 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE

PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI MARENO DI PIAVE STIMA DEGLI EDIFICI E DELLE AREE PERTINENZIALI DELLA SCUOLA PRIMARIA DEL CAPOLUOGO Pagina 1 di 32 INDICE 1 - PREMESSA... 3 2 - DESCRIZIONE DEI BENI OGGETTO

Dettagli

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013

Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione. Anno 2013 Elementi di casistica per l applicazione degli oneri urbanizzazione e del costo di costruzione Anno 2013 Nessuna modifica rispetto all anno 2012 Applicazione degli oneri di urbanizzazione e della quota

Dettagli

Pagina 1 di 6. Allegato A

Pagina 1 di 6. Allegato A Allegato A LIMITI E MODALITÀ APPLICATIVE DEGLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ARTICOLI 2, 3 e 4 DELLA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 08.07.2009 e smi Pagina 1 di 6 Limiti e modalità applicative per gli interventi

Dettagli

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO

AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO AREA VERDE TRA VIA BARGAGNA E VIA CISANELLO VARIANTE ALLA SCHEDA 7.5 DEL REGOLAMENTO URBANISTICO Adottata dal Consiglio Comunale il 8 Novembre 2012 COMUNE DI PISA DIREZIONE URBANISTICA REGOLAMENTO URBANISTICO

Dettagli

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative.

A1b) Comprende le costruzioni a residenza ordinaria e prime case di cui alla lettera A1a) con non più di tre unità abitative. COSTI DI COSTRUZIONE STABILITI CON DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1132 DI DATA 27.05.2011 IN VIGORE DAL 08.06.2011, ED ADEGUATI ALLE DISPOSIZIONI DI CUI ALLA DELIBERA DELLA GIUNTA PROVINCIALE N.

Dettagli

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione

Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione COMUNE DI ALA Provincia di Trento Ufficio Tecnico Urbanistico Regolamento per l applicazione del Contributo di Concessione Art. 107 L.P. 5 settembre 1991, n. 22 e s.m.i. Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

U1 68.047 35,14346 68.047 35,14346 68.047 35,14346 68.047 35,14346 - - U1 68.047 35,14346 68.047 35,14346 61.242 31,62911 68.

U1 68.047 35,14346 68.047 35,14346 68.047 35,14346 68.047 35,14346 - - U1 68.047 35,14346 68.047 35,14346 61.242 31,62911 68. Tabella A1-1 a classe di comuni - Edilizia residenziale (funzione abitativa)* Zone omogenee A Zone omogenee B Zone omogenee C Zone omogenee D Zone omogenee E CATEGORIA D INTERVENTO ( /mq) ( /mq) ( /mq)

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Ai sensi della Legge Regionale n. 15 del 30 Luglio 2013

CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Ai sensi della Legge Regionale n. 15 del 30 Luglio 2013 Timbro protocollo Servizio Pianificazione e Gestione del Territorio Al Responsabile del Servizio Pianificazione e Gestione del Territorio CALCOLO CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Ai sensi della Legge Regionale

Dettagli

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE

PARTE IV - TABELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE PARTE IV - TAELLE INDICI DI DENSITÀ FONDIARIA E ZONE OMOGENEE Il parametro della densità fondiaria si riferisce non a quella dello specifico intervento, bensì a quella corrispondente all indice edificabile

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA

SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA SCHEDA TECNICA DI CONSISTENZA CONSISTENZA IMMOBILE DI VIA G. BANDI N 15 ATTUALE SEDE DELLE ATTIVITA DIREZIONALI DELL AZIENDA AMBIENTALE DI PUBBLICO SERVIZIO OHSAS 18001 Livorno, li 19 ottobre 2009 UFFICIO

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA

PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA PIANO CASA FRIULI VENEZIA GIULIA SCHEDA SINTETICA (si veda anche la parte normativa, più sotto) Norme L. 11/11/2009 n. 19; L. 21/10/2010 n. 17 Aumenti massimi (salvo casi particolari) + 35% volume con

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione

Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Schema per il Calcolo del Contributo di Costruzione Suddivisione contributi Oneri di Urbanizzazione U1 - Primaria U2 - Secondaria D - Trattamento e Smaltimento rifiuti (solo per destinazioni produttive)

Dettagli

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE

RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE COMUNE DI PREGNANA MILANESE (Provincia di Milano) SETTORE ASSETTO ED USO DEL TERRITORIO UFFICIO URBANISTICA RELAZIONE DI AGGIORNAMENTO ONERI DI URBANIZZAZIONE INTRODUZIONE L art. 43 della legge Regionale

Dettagli

PARAMETRAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Tabella A4-4 a classe di comuni - Edilizia residenziale (funzione abitativa)*

PARAMETRAZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Tabella A4-4 a classe di comuni - Edilizia residenziale (funzione abitativa)* Tabella A4-4 a classe di comuni - Edilizia residenziale (funzione abitativa)* Zone omogenee A Zone omogenee B Zone omogenee C Zone omogenee D Zone omogenee E CATEGORIA D INTERVENTO ( /mq) (/mq) ( /mq)

Dettagli

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ

LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE REGIONALE SUL CONSUMO DI SUOLO LR 31/14: CONTENUTI OPERATIVI, RAPPORTI CON I PGT E PTCP E OPPORTUNITA /CRITICITÀ LA NUOVA LEGGE VISTA DAL BASSO, L OPINIONE DEI COMUNI. A cura dell Arch.

Dettagli

COMUNE DI SCALENGHE S E T T O R E U R B A N I S T I C A

COMUNE DI SCALENGHE S E T T O R E U R B A N I S T I C A COMUNE DI SCALENGHE Provincia di Torino Via Umberto I, 1 C.A.P. 10060 Tel. (011) 9861721 Fax (011) 9861882 Partita IVA 02920980014 - Codice fiscale 85003410017 http://www.comune.scalenghe.to.it e.mail:

Dettagli

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy

BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy BNP Paribas Real Estate Investment Management Italy Comune di Camposampiero (PD) IL PARCO DI CAMPOSAMPIERO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Sintesi non Tecnica 2 Studio di Impatto Ambientale Il Parco di Camposampiero

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7

Indice 1. PREMESSA... 3 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 5. DETERMINAZIONE DEL CLIMA ACUSTICO... 7 5.1 RISULTATI... 7 Pag. 2 di 10 Indice 1. PREMESSA... 3 2. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 3. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 4 3.1 INQUADRAMENTO GENERALE... 4 3.2 INTERVENTO DI PROGETTO... 5 4. LIMITI DI RUMOROSITÀ... 6 5.

Dettagli

Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori

Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori Il contributo della Pianificazione Comunale nel calcolo degli indicatori A cura di: Gianluca Bortolini - referente per il Mosaico Informatizzato Provinciale - Sintesi PRG Settore Operativo Pianificazione

Dettagli

Articolo originale. Articolo emendato

Articolo originale. Articolo emendato In seguito alla variante per l'area centrale del quartiere "Torri ex Gescal" Marx-Livorno viene inserita nelle Norme Tecniche di Attuazione del Piano Regolatore Generale vigente - in aggiunta all'invariato

Dettagli

ALLEGATI ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1553 DEL 26 LUGLIO 2013 1. Dimensioni minime dei posti macchina

ALLEGATI ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1553 DEL 26 LUGLIO 2013 1. Dimensioni minime dei posti macchina ALLEGATI ALLA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N. 1553 DEL 26 LUGLIO 2013 1 Tabella A Tabella B Tabella C Tabella D Funzioni e quantità minime Dimensioni minime dei posti macchina Dimensioni minime

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO D ARGILE. VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000)

COMUNE DI CASTELLO D ARGILE. VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000) COMUNE DI CASTELLO D ARGILE VARIANTE AL RUE N. 8/2014 per modifica normativa all Art. 28 (ai sensi dell Art. 33 L.R. 20/2000) RELAZIONE ILLUSTRATIVA La Variante n. 8/2014 al RUE del Comune di Castello

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE

REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE DEI PARCHEGGI PRIVATI di PERTINENZA E DELLE AREE DA DESTINARE A STANDARDS DETERMINAZIONE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del REGOLAMENTO PER LA MONETIZZAZIONE

Dettagli

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo

Regolamento Urbanistico. NTA - Norme tecniche d attuazione. Comune di Montemurlo Regolamento Urbanistico Comune di Montemurlo Provincia di Prato PR Variante n.9 per la trasformazione di alcune aree del territorio Adozione 02 NTA - Norme tecniche d attuazione Adozione articoli modificati

Dettagli

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire

Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, differenze tra CIL, CILA, SCIA, Super-DIA e Permesso di costruire Interventi edilizi e titoli abilitativi, in questo articolo analizziamo le definizioni di CIL,

Dettagli

Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui al titolo VII della L.R Toscana 03.01.2005 n.1

Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui al titolo VII della L.R Toscana 03.01.2005 n.1 . Comune di Vicopisano Provincia di Pisa Servizio 3 U.O. 3.3 Tel. 050 796533 - Fax 050 796540 ediliziaprivata@comune.vicopisano.pi.it Disposizioni e tabelle per la determinazione del contributo di cui

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE PROVINCIA DI ASCOLI PICENO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE PER L INSEDIAMENTO DI MEDIE STRUTTURE DI VENDITA (ex art. 8, comma 4, D. Lgs. 114/98) E LIMITAZIONI

Dettagli

'#./&0)*%)1(&)-%#"-%#)*%)!%(&#!"#$%&'%()*%)+#,#-&(

'#./&0)*%)1(&)-%#-%#)*%)!%(&#!#$%&'%()*%)+#,#-&( '#./&0)*%)1(&)-%#"-%#)*%)!%(&#!"#$%&'%()*%)+#,#-&( *0,%+0"(2%#&0)*0,,()-%/&3()'#./&(,0 &4)56)789):;

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

BANDO PER L ALIENAZIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE FASCICOLO TECNICO

BANDO PER L ALIENAZIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE FASCICOLO TECNICO COMUNE DI ARCOLA (SP) Provincia di La Spezia AREA PIANIFICAZIONE TERRRITORIALE PROTEZIONE CIVILE E PATRIMONIO BANDO PER L ALIENAZIONE DI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE FASCICOLO TECNICO Aggiornamento novembre

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DI AREE PER STANDARD URBANISTICI

REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DI AREE PER STANDARD URBANISTICI COMUNE DI BARDONECCHIA Provincia di Torino CAP. 10052 UFFICIO TECNICO EDIIZIA PRIVATA REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI CESSIONE DI AREE PER STANDARD URBANISTICI Maggio 2010 Approvato con deliberazione

Dettagli

ALLEGATO A DEFINIZIONI

ALLEGATO A DEFINIZIONI 1 ALLEGATO A DEFINIZIONI Si intendono per: a) microimpresa, piccola impresa e media impresa : le PMI rispondenti alle definizioni di cui al Decreto del Ministro delle Attività Produttive del 18/04/2005,

Dettagli

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento

Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Medie strutture di vendita Criteri per il rilascio delle autorizzazioni per le medie strutture di vendita e norme sul procedimento Adottato con atto C.C. n. 3400/192 del 16.06.2000 Modificato con atto

Dettagli

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI

TITOLO I NATURA E DEFINIZIONI PIANO DI PROGRAMMAZIONE COMUNALE CONCERNENTE I CRITERI PER IL RILASCIO DELLE AUTORIZZAZIONI ED I CRITERI DI PROGRAMMAZIONE ALL APERTURA, AL TRASFERIMENTO DI SEDE E ALL AMPLIAMENTO DI SUPERFICIE DELLE MEDIE

Dettagli

PIANO URBANISTICO COMMERCIALE

PIANO URBANISTICO COMMERCIALE PIA URBANISTICO COMMERCIALE RME DI ATTUAZIONE Definizioni SV Superficie di vendita Per superficie di vendita di un esercizio commerciale si intende, la misura dell'area o delle aree destinate alla vendita,

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna Pag. 1 di 10 COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE Provincia di Ravenna AUTORIZZAZIONI PER LE MEDIE STRUTTURE DI VENDITA E NORME SUL PROCEDIMENTO - Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 84 del 16/12/2004

Dettagli

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI

Capitolo 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI 9 Il Piano per l assetto idrogeologico ha lo scopo di assicurare, attraverso vincoli, direttive e la programmazione di opere strutturali, la difesa del suolo - in coerenza con le finalità generali indicate

Dettagli

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale

COMUNE di ( indicare il Comune nel caso in cui è soggetto promotore ) Denominazione. Forma societaria. Rappresentante Legale REGIONE ABRUZZO DIREZIONE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IDRICO INTEGRATO, GESTIONE INTEGRATA DEI BACINI IDROGRAFICI, DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA Allegato 1 Servizio Edilizia Residenziale Via Salaria Antica

Dettagli

COMPARTECIPAZIONE ALTRI SERVIZI. fino a 20 tsl

COMPARTECIPAZIONE ALTRI SERVIZI. fino a 20 tsl COMPARTECIPAZIONE ALTRI SERVIZI Denominazione servizio tipologia tariffa tariffa 2012 Mercato Ittico operazioni di alaggio e varo presso lo scalo di alaggio fino a 20 tsl 49,20 da 20.01 a 30.00 tsl 60,80

Dettagli

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO

COMUNE DI SARONNO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER LA TUTELA DALL INQUINAMENTO ACUSTICO SETTEMBRE 2011 Sommario SOMMARIO...ERRORE. IL SEGNALIBRO NON È DEFINITO. TITOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1. Oggetto del regolamento...

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia)

COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) COMUNE DI CHIOGGIA (Provincia di Venezia) SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO ECOLOGIA-AMBIENTE CLASSIFICAZIONE ACUSTICA DEL TERRITORIO COMUNALE DI CHIOGGIA NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE GIUGNO 2002 Il Responsabile

Dettagli

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria

Città di Biella. Provincia di Biella. Regione Piemonte. RELAZIONE ILLUSTRATIVA del progetto di massima e delle opere di urbanizzazione primaria Città di Biella Provincia di Biella Regione Piemonte PIANO PARTICOLAREGGIATO DI COMPLETAMENTO DEL COMPARTO ZONA SUD COMPRESO TRA VIA PER CANDELO E LA STRADA TROSSI U.I.2 GARDENVILLE - STRADA TROSSI 27/A,

Dettagli