AZIONE 1.1. Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner del progetto PART AERA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONE 1.1. Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner del progetto PART AERA"

Transcript

1 AZIONE 1.1 Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner del progetto PART AERA

2

3 INDICE pag.1 1. PART AERA: introduzione al problema del particolato nell area ALCOTRA..pag Origine e dinamiche del PM. pag Effetti sulla salute e sul clima....pag.3 2. Normativa europea vigente...pag Metodo d analisi di riferimento per i PM..pag Monitoraggio dei PM nell area ALCOTRA..pag.7 3. Gravimetria: confronto tra le metodiche utilizzate nell area ALCOTRA..pag Sistemi di prelievo..pag Portata pag Tipologia di filtri usati..pag Trasporto e condizionamento dei filtri.pag Pesata dei filtri...pag.11 Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 1

4 1. PART AERA: introduzione al problema del particolato nell area ALCOTRA Nato come prosecuzione del lavoro avviato dal progetto strategico AERA-ALCOTRA, il progetto PART AERA si pone come obiettivo di continuare ad affrontare, a livello transfrontaliero, le problematiche connesse al miglioramento della qualità dell aria. Le regioni che formano lo spazio ALCOTRA (Provence-Alpes-Côte d Azur e Rhône-Alpes in Francia; Piemonte, Valle d Aosta e Liguria in Italia) presentano infatti numerose analogie non solo per quanto riguarda le fonti di inquinamento (traffico veicolare, produzione di energia) e la loro localizzazione (centri urbani, vie di comunicazione) ma anche per l orografia e le condizioni climatiche. Uno degli inquinanti più problematici in quest area è sicuramente il particolato atmosferico (PM), responsabile di importanti episodi di inquinamento e conseguenti superamenti dei limiti di legge. Sulla base di queste considerazioni, il progetto PART AERA si propone di migliorare le conoscenze sui metodi di misura e sull analisi delle origini di inquinamento da polveri, con lo scopo di fornire ai diversi soggetti pubblici informazioni utili per l identificazione di politiche e piani di gestione efficaci. 1.1 Origine e dinamiche del particolato Il PM è un inquinante atmosferico la cui composizione è estremamente eterogenea, sia dal punto di vista chimico che dal punto di vista dimensionale. In generale, il PM può essere considerato come una miscela complessa di sostanze organiche e inorganiche in sospensione nell aria, sotto forma solida o liquida. Le loro proprietà sono definite in base al diametro aerodinamico e le classi granulometriche richieste in ambito di monitoraggio sono: la frazione toracica o PM 10 (particelle con diametro aerodinamico inferiore a 10 µm); la frazione alveolare o PM 2.5 (particelle con diametro aerodinamico inferiore a 2.5 µm). La dimensione delle particelle determina il loro tempo di volo e persistenza in atmosfera. Di conseguenza, le particelle costituenti la parte più grossolana del PM10 tendono a scomparire nell aria dopo poche ore dalla sua emissione per effetto della sedimentazione e delle precipitazioni mentre il PM 2.5 può persistere nell aria anche per diversi giorni se non addirittura settimane. Sulla base del processo di formazione, il PM viene classificato in primario o secondario. L emissione diretta (primaria) di particolato in atmosfera è risultato sia di processi antropici (ad esempio attività industriali, traffico veicolare, combustione di biomasse) che naturali (ad esempio spray marino, eruzioni vulcaniche, erosione naturale, trasporto di sabbie, produzione di spore e pollini). Il particolato di origine secondaria si forma in atmosfera per ossidazione e trasformazione di alcuni gas primari che vengono quindi definiti gas precursori (SO 2, NO x, NH 3, composti organici Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 2

5 volatili). Reagendo in atmosfera, SO 2, NO x, NH 3 formano ammonio-solfati e nitrati, i quali condensano a fase liquida creando così nuove particelle, definite aerosol inorganici secondari (SIAs). Allo stesso modo, i composti organici volatili possono subire processi di ossidazione, formando composti meno volatili, i cosiddetti aerosol organici secondari (SOAs). La formazione dei SIAs e dei SOAs in atmosfera dipende sia da fattori chimici (concentrazione dei precursori, presenza in atmosfera di sostanze altamente reattive come O 3 e radicali idrolitici) che da fattori fisici (condizioni metereologiche come radiazione solare, umidità relativa e copertura nuvolosa). 1.2 Effetti sulla salute e sul clima Gran parte dei cittadini europei spesso si trovano a respirare aria non in linea con gli standard qualitativi previsti dall Unione Europea (UE), in particolar modo in ambito urbano. In tabella 1.1 è riportato un confronto tratto dal report Air quality in Europe 2013 effettuato dalla European Environmental Agency; per i principali inquinanti vengono paragonati i valori limite e le rispettive stime di esposizione sulla popolazione a seconda si segua la legislazione UE oppure le linee guida della World Health Organization (WHO). Nel confronto vengono considerati i valori limite maggiormente restrittivi previsti dalla direttiva europea 2008/50/CE (ad esempio per il PM 10 è stata considerato il valore limite giornaliero e per il PM 2.5 il valore limite annuale da raggiungere nel 2020). Come si può notare, gli attuali livelli di inquinamento hanno un chiaro impatto sulle popolazioni che vivono in ambito urbano, in particolar modo per i PM, l ozono (O 3 ) e il benzo(a)pirene (BaP). Questa situazione risulta ancora più evidente se si considerano i limiti previsti dalle linee guida WHO, con una stima di esposizione per la popolazione che sfiora il 100% per gli inquinanti citati. INQUINANTE limite UE stima esposizione (%) limite WHO stima esposizione (%) PM 2.5 annuale (20 µg.m -3 ) annuale (10 µg.m -3 ) PM 10 giornaliero (50 µg.m -3 ) annuale (20 µg.m -3 ) O 3 8-orario (120 µg.m -3 ) orario (100 µg.m -3 ) NO 2 annuale (40 µg.m -3 ) 5-13 annuale (40 µg.m -3 ) 5-13 BaP annuale (1 ng.m -3 ) annuale (0,12 ng.m -3 )* SO 2 giornaliero (125 µg.m -3 ) < 1 giornaliero (20 µg.m -3 ) CO 8-orario (10 mg.m -3 ) < 2 8-orario (10 mg.m -3 ) < 2 Pb annuale (0,5 µg.m -3 ) < 1 annuale (0,5 µg.m -3 ) < 1 Benzene annuale (5 µg.m -3 ) < 1 annuale (1,7 µg.m -3 )* Tabella 1.1 Percentuali delle popolazioni urbane esposte alle concentrazioni di inquinanti atmosferici (limiti UE vs limiti WHO) in Europa * WHO non stabilisce limiti per le sostanze cancerogene(come BaP e benzene) in quanto la carcinogenesi è per sua natura un fenomeno probabilistico;il valore di riferimento in tabella è stato misurato assumendo un rischio aggiuntivo sull aspettativa di vita pari a 1x10-5 Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 3

6 Diversi studi epidemiologici attribuiscono all inquinamento atmosfericoimportanti effetti sulla salute umana anche a concentrazioni inferiori rispetto alle attuali linee guida di qualità dell aria. Come recentemente riportato dalla WHO e dai ricercatori del CIRC (Centre International de Recherche sur le Cancer), sono state trovate significative correlazioni tra l esposizione all inquinamento atmosferico e l insorgenza di alcuni tumori, come ad esempio il cancro ai polmoni. Il materiale particolato, uno dei maggiori componenti dell inquinamento atmosfericoè stato valutato separatamente ed è stato anch esso classificato come cancerogeno per l'uomo (Gruppo 1).Sulla base della loro granulometria, i PM sono in grado di penetrare all interno del sistema respiratorio a livelli differenti: più le dimensioni sono ridotte e più le particelle saranno in grado di penetrare profondamente, tanto da raggiungere il livello degli alveoli polmonari nel caso dei PM 2.5. Gli effetti evidenziati sulla salute sono l alterazione delle funzioni respiratorie, l irritazione delle vie superiori ed inferiori dell apparato respiratorio e possibili effetti mutageni e cancerogeni (dovuti all adsorbimento sulla superfice delle particelle di sostanze tossiche come gli idrocarburi policiclici aromatici). Alla presenza di polveri sospese in atmosfera sono legati fenomeniquali la formazione di nebbie e nubi, la variazione delle proprietà ottichedell atmosfera con effetti sulla visibilità e sul bilancio energetico terrestre,la contaminazione delle acque e del suolo attraverso deposizione secca eumida, la catalisi di reazioni chimiche in atmosfera ed il danneggiamentodei materiali. Oltre agli effetti sulla salute, alcune componenti della frazione fine del particolato influiscono notevolmente sul clima. Gli aerosol presenti in atmosfera possono avere comportamenti differenti, ossia comportarsi da scattering aerosol o da absorbing aerosol. Gli aerosol del primo tipo sono caratterizzati principalmente dalla capacità di riflettere la radiazione solare e in tal modo diminuisce la quantità di radiazioni in grado di arrivare alla superficie terrestre.a livello climatico l effetto che inizialmente ne deriva è di un locale raffreddamento, esteso poi a livello più ampio (regionale) grazie ai processi di circolazione e mescolamento delle masse d aria. Gli absorbing aerosol sono caratterizzati invece dalla capacità di assorbire le radiazioni solari. Per quanto riguarda il clima, l effetto che si osserva a livello locale è quello di un riscaldamento dello strato d aria interessato dall aerosol e di un raffreddamento a livello del suolo dovuto alla minore quantità di radiazioni solari che vi arrivano. A larga scala si verifica un effetto di riscaldamento perché la circolazione e i processi di mescolamento redistribuiscono l energia termica assorbita. Infine, il particolato è in grado di influenzare il clima anche a livello indiretto attraverso il cambiamento di alcune proprietà delle nuvole (come la riflettività, la formazione e la distribuzione delle nuvole) e delle precipitazioni. Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 4

7 2. Normativa europea vigente A livello legislativo, le norme relative alla qualità dell aria e alla tutela dall inquinamento atmosferico in ambito europeo sono attualmente contenute nella direttiva 2008/50/CE, recepite a livello nazionale in Italia con il D.Lgs 155/2010 e in Francia con il Décret n Con questo provvedimento sono stati raggiunti due scopi principali: l aggiornamento delle norme sulla base degli ultimi sviluppi in campo scientifico e sanitario; la raccolta in un unico atto di cinque precedenti provvedimenti europei in materia di inquinamento atmosferico (le direttive 1996/68/CE, 1999/30/CE, 2000/69/CE, 2002/2/CE e la decisione 97/101/CE). Attraverso questa direttiva l Unione Europea si propone di stabilire un impostazione comune nella valutazione della qualità dell aria ambiente sulla base di criteri comuni di valutazione, tenendo conto della dimensione delle popolazioni e degli ecosistemi esposti all inquinamento atmosferico.per quanto riguarda gli inquinanti PM 10 e PM 2.5, la direttiva stabilisce i valori limite e obiettivo come riportato in tabella 2.1. FRAZIONE DIMENSIONALE Periodo di valutazione Valore Commento PM 10, valore limite 24 ore 50 µg.m -3 da non superare più di 35 giorni all'anno; da raggiungere entro il 1 gennaio 2005 PM 10, valore limite anno civile 40 µg.m -3 da raggiungere entro il 1 gennaio 2005 PM 2.5, valore obiettivo anno civile 25 µg.m -3 da raggiungere entro il 1 gennaio 2010 PM 2.5, valore limite (I fase) PM 2.5, valore limite (II fase) PM 2.5, obbligo di concentrazione all'esposizione PM 2.5, obiettivo di riduzione all'esposizione anno civile 25 µg.m -3 da raggiungere entro il 1 gennaio 2015 anno civile 20 µg.m -3 da raggiungere entro il 1 gennaio µg.m riduzione dell'esposizione (0-20%), sulla base dell'indicatore di esposizione media dell'anno di riferimento; da raggiungere entro il 2020 Tabella 2.1 Limiti normativi previsti dalla direttiva 2008/50/CE per il PM 10 e PM 2.5 La direttiva pone una particolare attenzione al PM 2.5 : finora, infatti, è riconosciuto l impatto molto negativo sulla salute umana ma non è stata ancora individuata una soglia al di sotto del quale il particolato sottile non rappresenti un rischio. La definizione del valore limite per il PM2.5 passa quindi attraverso più fasi (definizione di un valore obiettivo e poi dei valori limite). Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 5

8 Bisogna comunque ricordare che questi valori sono più alti rispetto a quelli previsti dalle linee guida della WHO (2005) (tabella 2.2). Valore medio annuale Valore medio giornaliero PM 2,5 10 µg.m µg.m -3 PM µg.m µg.m -3 Tabella 2.2 Valori limite per il PM 10 e PM 2.5 previsti dalle linee guide WHO Il motivo di questa scelta parte dal presupposto che l obiettivo finale di queste regolamentazioni sia quello di ottenere le concentrazioni più basse possibili. Siccome non sono stati ancora identificati valori critici al di sotto dei quali non si osservano danni alla salute, i valori attualmente raccomandati rappresentano obiettivi accettabili al fine di minimizzare gli effetti sulla salute dell uomo e sugli ecosistemi in generale. 2.1 Metodo d analisi di riferimento per i PM L analisi gravimetrica è il metodo di misura previsto dalladirettiva europea 2008/50/CE per il particolato atmosferico. I metodi di riferimento che descrivono le varie fasi del campionamento e della misura del particolato sono contenuti in due norme: UNI EN 12341:1999 ( Qualità dell aria. Procedura di prova in campo per dimostrare l equivalenza di riferimento dei metodi di campionamento per la frazione di PM10 del materiale particolato ) per il PM 10 ; UNI EN 14907:2005 ( Standard gravimetric measurement method for the determination of the PM2,5 mass fraction of suspended particulate matter ) per ilpm 2.5. La procedura generale per l analisi del particolato atmosferico prevede il campionamento di un volume noto d aria. Questa operazione avviene utilizzando una pompa, collegata ad una testa di separazione ad impatto inerziale che seleziona la frazione di particolato di interesse.l aria aspirata viene convogliata da un tubo collettore verso un filtro, con lo scopo di trattenere le particelle selezionate in precedenza. I filtri vengono condizionati prima e dopo i prelievi (T = 20+/-1 C, umidità rel. = 50+/-5 %) per 48 ore; una volta stabilizzati vengono pesati (su bilance analitiche a 6 cifre decimali) e, per differenza di peso, si ricava la massa di particolato campionata. La concentrazione di particolato si ottiene dividendo il valore della massaper il volume d aria aspirato. Il campionamento può essere effettuato a basso (LVS) o ad alto volume (HVS) a seconda della portata utilizzata: nel LVS è prevista una portata di 2.3 m 3 /h sia per il PM 10 che per il PM 2.5 mentre nel HVS viene stabilita una portata di 68 m 3 /h per il PM 10 e di 30 m 3 /h per il PM 2.5. All interno della normativa sono previsti anche metodi di monitoraggio alternativi a quello gravimetrico, come ad esempio le analisi strumentali in continuo; per poter essere utilizzati in Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 6

9 conformità con quanto prescritto dalla legge, queste metodiche devono essere validate tramite una certificazione di equivalenza rilasciata dall Autorità Nazionale Competente. 2.2 Monitoraggio dei PM nell area Alcotra In conformità con la direttiva 2008/50/CE, il monitoraggio del PM nelle ragione appartenenti all area ALCOTRA viene attuato con diversi metodi: in primo luogo tutti i partner del progetto effettuano misurazioni gravimetriche del PM, così come prescritto dalla normativa europea; sono utilizzati poi metodi di monitoraggio in continuo,forniti di apposita certificazione di equivalenza. Uno schema riassuntivo delle metodiche utilizzate per il monitoraggio dei PM dai partner del progetto Part Aera è riportato in tabella 2.3. Gravimetria Metodi di monitoraggio dei PM Microbilancia a oscillazione Air Rhône-Alpes x x Air PACA x x Assorbimento raggi β Arpa Piemonte x x Analizzatore ottico Regione Liguria - Arpal x x x Tabella 2.3 Metodiche per il monitoraggio dei PM utilizzate dai partner di Part Aera Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 7

10 3. Gravimetria: confronto tra le metodiche utilizzate nell area ALCOTRA Una delle aree di indagine del progetto PART AERA consiste nella valutazione del PM 10 con metodo gravimetrico nelle quattro regioni partner. Per questo motivo sono state confrontate le procedure di campionamento e le metodiche di analisi al fine di evidenziarne eventuali differenze e analogie. I principali parametri confrontati sono: il sistema di prelievo, la portata di aspirazione, la tipologia dei filtri, il trasporto e il condizionamento dei filtri, la pesata dei filtri. Nella tabella 3.1 sono riportate le informazioni raccolte dai vari partner che saranno trattate nei paragrafi successivi. Campionatore PARTNER PART AERA Air Rhône-Alpes Air PACA Arpa Piemonte unità sequenziale PARTISOL (Thermo Scientific) unità sequenziale PARTISOL PLUS 2025I (Thermo Scientific) Sentinel PM, campionatore Charlie HV (Tecora) Regione Liguria - Arpal SKYPOST PM HV (Tecora) Portata di prelievo 1 m 3 /h 1 m 3 /h 2.3 m 3 /h 2.3 m 3 /h Tipo di filtri teflon teflon fibra di quarzo fibra di quarzo Trasporto temperatura ambiente (23 C circa) in appositi portafiltri; utilizzo di borse frigo Condizionamento cappe o camere climatizzate (48h), T = 20 +/- 1 C, HR = 50 +/- 5% Tipo di bilancia Sartorius MSA6.6S Sartorius MSA6.6S Mettler Toledo XP 26 Sartorius M5C doppia pesata (una Procedura di procedura interna procedura interna doppia pesata (una volta) con sistema pesata (LMRA) (LMRA) volta) automatizzato Tabella 3.1 Schema riassuntivo dei principali parametri utilizzati dai partner di Part Aera nell analisi gravimetrica del particolato Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 8

11 3.1 Sistemi di prelievo In tutte le regioni partner, il prelievo del PM 10 viene effettuato con l utilizzo di unità di campionamento sequenziali. Lo strumento utilizzato da Air-PACA e Air-Rhône-Alpes è l unità sequenziale PARTISOL (Thermo Scientific); la Regione Liguria-Arpal e Arpa Piemonte utilizzanocampionatori di marca TCR (Tecora) ma modelli differenti (modello Sentinel PM / campionatore Charlie HV e modello SKYPOST PM HV rispettivamente). Pur essendo strumenti appartenenti a case costruttrici diverse, le caratteristiche che si ritrovano sono sostanzialmente le stesse. Il sistema di sostituzione sequenziale della membrana filtrante (entrambi con autonomia di 16 filtri), insieme al controllo elettronico del flusso, consente il monitoraggio continuo senza presidio dell operatore, nonché di sostituire i filtri esposti senza interrompere il campionamento in corsoe quindi senza l'obbligo di eseguire l'intervento in tempi predeterminati. Il percorso rettilineo del tubodi aspirazione e laseparazione della zona di permanenza dei filtri da fonti di calore interne oradianti consentono di raccogliere e mantenere l'integrità dei campioni. Tutte le unità presentano sistemi per la misurazione elettronica della portata e la misura volumetrica mediante contatore, oltre a sensori per la valutazione della velocità e direzione del vento tranne per il campionatore usato da Arpa Piemonte; nel caso dell unità TCR si trovano ulteriori dispositivi per la misura della pressione atmosferica, della perdita di carico del filtro e della temperatura ambiente. Le unità sequenziali, se collegate alla rete, possono essere controllate in remoto attraverso software dedicati. 3.2 Portata La portata di campionamento è un parametro importante nel monitoraggio dei PM: è fondamentale che venga misurata e controllata costantemente in modo tale da garantire un flusso costante in entrata. In Liguria e Piemonte, la portata scelta per il flusso di aspirazione è di 2.3 m 3 /h, così come previsto dalla norma UNI EN 12341:1999. Air-PACA e Air-Rhône-Alpes utilizzano la portata di 1 m 3 /h: in questo caso si è deciso di seguire gli standard americani EPA per la testa di prelievo, a cui l unità sequenziale PARTISOL fa riferimento. 3.3 Tipologia di filtri usati Nell ambito del monitoraggio del particolato atmosferico possono essere utilizzate diverse tipologie di filtri, generalmente classificati in filtri a profondità e filtri a membrana sulla base del principio di filtrazione. La caratteristica principale che li differenzia è data dal meccanismo di filtrazione : i filtri a profondità trattengono le particelle sia sulla superficie che all interno mentre quelli a membrana solo sulla superficie. Le principali caratteristiche che ne derivano sono elencate nella tabella 3.2. Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 9

12 TIPO DI FILTRO Materiale Vantaggi Svantaggi A profondità fibra di vetro fibra di quarzo * grande capacità di ritenzione * quarzo: resistente alle alte temperature (circa 1000 C) * rilascio di materiale filtrante dovuto alla struttura fibrosa * tendenza ad adsorbire composti organici volatili A membrana esteri di cellulosa policarbonato Teflon * nessun rilascio di materiale filtrante grazie alla struttura continua del filtro * bassi livelli di bianco * bassa capacità di ritenzione e limitata alla superficie del filtro * intasamento molto rapido in caso di elevate quantità di particelle Tabella 3.2 Schema riassuntivo delle diverse tipologie di filtro nel monitoraggio del PM Occorre inoltre ricordare che i filtri per la raccolta del PM non agiscono come setacci, cioè come oggetti che permettono la ritenzione delle sole particelle con dimensioni superiori ai pori. Quando l aria attraversa la superficie filtrante, infatti, intervengono diversi fenomeni (impatto inerziale, intercettazione, diffusione browniana, deposizione gravitazionale, attrazione elettrostatica) che fanno si che l efficienza di raccolta (% di particelle che il filtro è in grado di trattenere) sia prossima al 100% per particelle in ogni range dimensionale. Per quanto riguarda i partner del progetto Part Aera, Air-PACA e Air-Rhône-Alpes utilizzano filtri a membrana in teflon (Pall Life Sciences, Type: PTFE supportedzefluor, Ø: 47 mm), piuttosto costosi ma con il vantaggio di evitare contaminazioni (ad esempio per i metalli). La Regione Liguria-Arpal e Arpa Piemonte utilizzano filtri a profondità in fibra di quarzo (Whatman cat.n , grade QMA, Ø: 47 mm e Millipore cod. AQFA, Ø: 47 mm rispettivamente), più economici rispetto a quelli in teflon ma con grande capacità di ritenzione e capacità di resistenza alle alte temperature (nel caso di quelli in fibra di quarzo). 3.4 Trasporto e condizionamento dei filtri Le procedure delle fasi di trasporto, condizionamento e pesatura dei filtri sono definite nel dettaglio all interno delle norme UNI EN 12341:1999 e UNI EN 14907:2005. Il trasporto dei filtri dalla stazione di campionamento al laboratorio analitico deve avvenire, secondo le norme, a temperatura ambiente (23 C circa) e con l utilizzo di appositi portafiltri; le stesse condizioni valgono anche per la fase di immagazzinamento, la cui durata deve essere al massimo di 23 giorni. Queste indicazioni sono funzionali alla minimizzazione dei cambiamenti in massa del PM campionato (come ad esempio la perdita di materiale semi-volatile) e dei fattori indesiderati (come ad esempio la condensazione). Tutti i partner di Part Aera seguono queste Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 10

13 indicazioni ed in particolare i tecnici di Air-Rhône-Alpes e Air-PACA utilizzano borse refrigerate da blocchi di ghiaccio per il trasporto. Per quanto riguarda la procedura di condizionamento dei filtri, tutti partner del progetto seguono le indicazioni riportate dalle due norme: sia prima che dopo la fase di campionamento, i filtri vengono mantenuti per 48 ore in apposite camere o cappe climatizzate ad una temperatura di 20 +/- 1 C e ad una umidità relativa di 50 +/- 5 %. Inoltre i filtri devono essere maneggiati con pinzette in acciaio inossidabile o PTFE-rivestito (quando si usano queste ultime possono verificarsi cariche elettrostatiche) e prima dell utilizzo devono essere visionati per verificare la presenza di eventuali difetti. 3.5 Pesata dei filtri A livello di strumentazione, la pesata dei filtri viene effettuata con bilance di precisione a 6 cifre decimali da tutti i partner del progetto. In dettaglio, le bilance usate dai partner sono: Sartorius MSA6.6S per Air-Rhône-Alpes e Air-PACA, Mettler Toledo XP 26 per Arpa Piemonte, SartoriusM5C per Regione Liguria Arpal. La Regione Liguria-Arpal durante questa fase utilizza un sistema automatizzato che permette la determinazione gravimetrica degli filtri escludendo qualsiasi attività manuale, garantendo così la precisione e l accuratezza dei risultati ottenuti.con il sistema automatico si evitano eventualierrori dell operatore e si implementano le possibilità di maggior definizione nei risultati (ad esempio, si possono eseguire più pesate del singolo filtro calcolandone la Deviazione Standard). L unità è composta da bracci-assi meccanici completamente indipendenti tra loro, chetramite un microcontrollore, effettuano le operazioni di prelevamento da una pila porta filtri (caricamento da 8 fino a 48 filtri) e di pesata. Le operazioni di pesata sono gestite da un software dedicato che con l ausilio di un PC garantisce il corretto funzionamento dell automatismo. Le principali differenze riscontrate durante questa fase riguardanole procedureattuate dai diversi partnera livello generale. Air-Rhône-Alpes e Air-PACA seguono una procedura interna(lmra) per la pesata dei filtri (figura 3.1), applicando quindi le indicazioni più rigorose previste dalla norma UNI EN 14907:2005 per la pesata del PM 2.5 anche al PM 10.I tecnici francesi effettuano quindi una doppia pesata nella fase precedente (12 ore di condizionamento tra le due misurazioni) e successiva al campionamento (48 ore di condizionamento tra le due misurazioni). I filtri bianchi vengono pesati prima della loro esposizione e se la differenza in massa è maggiore di 40 µg non vengono usati; viceversa, se la differenza rientra nel range previsto, viene considerato come valore di bianco la media della due pesate e il filtro può essere esposto. In modo analogo si procederà dopo il campionamento: se la differenza in massa tra le due pesate del filtro è maggiore di 60 µg la misura non è valida, in caso contrario la misura viene accettata e convalidata come la media delle due misure effettuate. Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 11

14 Figura 3.1 Schema della fase di pesata nella procedura LMRA Anche Arpa Piemonte e Regione Liguria-Arpal effettuano la doppia pesata ma senza lasciare intercorrere ulteriori ore di condizionamento tra le due misurazioni: questa situazione è da ricondurre alla notevole mole di lavoro a cui sono sottoposti i laboratori (ad esempio solo per la città di Torino devono essere pesati tra i 7000 e gli 8000 filtri all anno). Air-Rhône-Alpes, Air-PACA e Arpa Piemonte ad ogni sessione di lavoro misurano due filtri bianchi di riferimento (filtre témoin) al fine di valutare l influenza delle condizioni ambientali del laboratorio nel peso dei filtri. Sono stati notati comportamenti diversi a seconda del materiale del filtro: gli operatori di Air-Rhône-Alpes hanno notato una tendenza all aumento nelle misure della massa dei filtri in teflon da loro utilizzati (figura 3.2) mentre gli operatori di Arpa Piemonte hanno registrato una tendenza alla diminuzione nel valore di peso del filtro in quarzo (probabilmente dovuto alla perdita di fibre). A causa della mancanza di una pesiera certificata, Regione Liguria- Arpal non attua questo tipo di controllo giornaliero ma effettua una taratura annuale della bilancia in contemporanea alle altre in dotazione. Figura 3.2 Andamento del peso medio del filtro testimone misurato dagli operatori di Air-Rhône-Alpes Infine, per minimizzare eventuali errori nella pesata dei filtri dovuti alla formazione di cariche elettrostatiche (in particolare quando si utilizzano filtri in teflon) gli operatori di Air-Rhône-Alpes, Air-PACA utilizzano braccialetti antistatici da indossare durante l operazione; Arpa Piemonte e Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 12

15 Regione Liguria-Arpal hanno invece attrezzato le cappe di pesata con appositi sistemi deionizzanti (in Liguria si utilizza un cannone deionizzante all interno della cappa climatizzata dove è posto il robot). Gravimetria: monitoraggio dei PM nei partner di Part Aera Pag. 13

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI

PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI PCB NEI MOLLUSCHI BIVALVI I. SCARONI, G. CASTELLARI, D. PANNIELLO, A. SANTOLINI, D. FOSCOLI, E. RONCARATI, P. CASALI ARPA EMILIA-ROMAGNA SEZ. RAVENNA Il destino e gli effetti dei PCB nell ambiente sono

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia

Scheda n 1. Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA. Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia LIFE+ PROJECT ACRONYM ETA-BETA LIFE09 ENV IT 000105 Scheda n 1 Tecnologie ambientali per le Apea SISTEMI MODULARI DI TRATTAMENTO ACQUE DI PIOGGIA Aspetti ambientali interessati dalla tecnologia emissioni

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

una boccata d ossigeno

una boccata d ossigeno Offrite al vostro motore una boccata d ossigeno Il vostro Concessionario di zona è un professionista su cui potete fare affidamento! Per la vostra massima tranquillità affidatevi alla manutenzione del

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Nuovi limiti di qualità dell aria

Nuovi limiti di qualità dell aria Nuovi limiti di qualità dell aria DEA - Dipartimento di Energia e Ambiente - CISM http://www.cism.it/departments/energy-and-environment/ Premessa Le emissioni inquinanti si traducono in concentrazioni

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria

L aria che respiro. L inquinamento atmosferico locale e globale. Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria L inquinamento atmosferico locale e globale L aria che respiro Dal cittadino alle Istituzioni: insieme per migliorare la qualità dell aria www.regione.lombardia.it L aria che respiro L inquinamento atmosferico

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011)

DICHIARAZIONE DI PRESTAZIONE (art.4 CPR 305/2011) 1) Codice di identificazione unico: 0/4-GF 85 2) Numero di tipo: SABBIA ASTICO 3) Uso previsto di prodotto: UNI EN 12620- Aggregati per calcestruzzo; rilasciato il Certificato di conformità del controllo

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA

SILESTONE. Scheda di Dati di Sicurezza 01 IDENTIFICAZIONE DEL ARTICOLI E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 9ª Versione, data revisione: Dicembre 2013, sostituisce la versione del por luglio 2010. Aggiornato con A.St.A. Europe (Agglomerated Stones Association of Europe) SILESTONE Scheda di Dati di Sicurezza

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

QUALITA DELL ARIA INTERNA E

QUALITA DELL ARIA INTERNA E Impianti di Climatizzazione e Condizionamento QUALITA DELL ARIA INTERNA E SISTEMI DI FILTRAZIONE Prof. Cinzia Buratti DEFINIZIONE INDOOR AIR QUALITY Standard 62/04 ASHRAE Per ambienti ad uso prevalentemente

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

GEV ed EMICODE Domande e risposte

GEV ed EMICODE Domande e risposte GEV ed EMICODE Domande e risposte 01. Che cosa sono le emissioni? Il termine emissione indica il rilascio nell ambiente di sostanze gassose, liquide o solide da parte di impianti o materiali. Ciò nonostante,

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Treviso

Dipartimento Provinciale di Treviso Dipartimento Provinciale di Treviso Modellistica di dispersione degli inquinanti atmosferici emessi dal cementificio Industria Cementi Giovanni Rossi SpA nel Comune di Pederobba (Treviso) anno 2008 valutazione

Dettagli

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria

Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile. Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Dipartimento Tutela ambientale e del Verde - Protezione Civile Relazione sullo Stato dell Ambiente Qualità dell aria Qualità dell aria QUALITA' DELL ARIA Carlo Baroglio, Silvia Anselmi, Eugenio Donato,

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

LE SOLUZIONI 1.molarità

LE SOLUZIONI 1.molarità LE SOLUZIONI 1.molarità Per mole (n) si intende una quantità espressa in grammi di sostanza che contiene N particelle, N atomi di un elemento o N molecole di un composto dove N corrisponde al numero di

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani

Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione. Andrea Mariani Gestione delle vasche di prima pioggia: sistemi di pulizia e automazione Andrea Mariani Pulizia delle vasche volano e di prima pioggia LE ACQUE PIOVANE: Contengono SEDIMENTI - DEPOSITI in vasca; - Riduzione

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Emissioni di Polveri Fini e Ultrafini da impianti di combustione Sintesi finale

Emissioni di Polveri Fini e Ultrafini da impianti di combustione Sintesi finale Emissioni di Polveri Fini e Ultrafini da impianti di combustione Sintesi finale Ottobre 2010 Autori dello studio Prof. Stefano Cernuschi e Prof. Michele Giugliano DIIAR del Politecnico di Milano Prof.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile

La nuova direttiva UE sulle sostanze radioattive nell acqua potabile Abteilung 29 Landesagentur für Umwelt Amt 29.8 Labor für physikalische Chemie Ripartizione 29 Agenzia provinciale per l ambiente Ufficio 29.8 Laboratorio di chimica fisica La nuova direttiva UE sulle sostanze

Dettagli

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente

Piano regionale di coordinamento per la tutela della qualità dell aria ambiente 2 ELEMENTI DI SINTESI SULL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Nel presente capitolo viene inquadrata la situazione del sistema aria sul territorio regionale. Viene valutata l entità della pressione esercitata sul

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine

QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI. Elena Pezzetta ARPA FVG Laboratorio Unico Multisito Anna Lutman Laboratorio Unico Multisito - Udine AMBIENTE, SALUTE E QUALITÀ DELLA VITA 148 QUALITÀ DELLE ACQUE POTABILI La maggior parte dei grandi acquedotti attingono e distribuiscono acqua di elevata qualità (nitrati inferiori a 10 mg/l). Solo alcune

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI

VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI VALUTAZIONE DELL IMPATTO SULLA QUALITÀ DELL ARIA DEI PRINCIPALI IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA E TERMICA ALIMENTATI A BIOMASSA SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI TORINO 1 PREMESSA Le iniziative

Dettagli

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico

Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Criteri Ambientali Minimi (CAM) Gestione del verde pubblico Marco Glisoni Maria Lisa Procopio Incontro formativo Progetto APE settembre 2014 Il Piano d Azione Nazionale per il GPP Piano d azione per la

Dettagli

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO.

ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. ECOPITTURE E GUAINE DI FINITURA TERMO-RIFLETTENTI A BASE DI LATTE ED ACETO. L efficacia dell ecopitture e guaine a base di latte e aceto si basa su l intelligente impiego dell elettroidrogenesi generata

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente

DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente DECRETO 27 Marzo 1998 del Ministero dell'ambiente Mobilita' sostenibile nelle aree urbane (GU n. 179 del 3-8-1998) Registrato alla Corte dei conti il 9 luglio 1998 Registro n. 1 Ambiente, foglio n. 212

Dettagli