IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI"

Transcript

1 IL NUOVO ACCERTAMENTO FISCALE: RISCHI E RIMEDI Dott.ssa Giovanna Castelli 1

2 PRINCIPALI NOVITÀ E MODIFICHE 1. AVVISI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVI 2. INDAGINI BANCARIE 3. POTERI ATTRIBUITI AI COMUNI 4. MODIFICHE ALL ACCERTAMENTO DA STUDI DI SETTORE Dott.ssa Giovanna Castelli 2

3 AVVISI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVI (art. 29 DL 78/2010) Accelerazione del processo di riscossione mediante eliminazione della notifica della cartella di pagamento Avvisi di accertamento emessi dal 1 ottobre 2011 ai fini ii.dd, irap e iva relativi a periodi di imposta 2007 e successivi = TITOLI ESECUTIVI Dott.ssa Giovanna Castelli 3

4 AVVISI DI ACCERTAMENTO ESECUTIVI (art. 29 DL 78/2010) Primo comma, lett. a) articolo 29 l avviso di accertamento emesso dall Agenzia delle Entrate ai fini delle imposte sui redditi, dell imposta regionale sulle attività produttive e dell imposta sul valore aggiunto ed il connesso provvedimento di irrogazione delle sanzioni, devono contenere anche l intimazione ad adempiere, entro il termine di presentazione del ricorso, all obbligo di pagamento degli importi negli stessi indicati, ovvero, in caso di tempestiva proposizione del ricorso ed a titolo provvisorio, degli importi stabiliti dall articolo 15 del D.P.R. 602/73. Avviso di accertamento Provvedimento sanzioni collegate al tributo Dal sono sempre unificati Dott.ssa Giovanna Castelli 4

5 NON SONO INTERESSATI DAL NUOVO ACCERTAMENTO ESECUTIVO Imposta di registro Altri tributi indiretti Avvisi di irregolarità (art.36-bis e ter DPR 600/73 e art.54-bis DPR 633/72 Avvisi di liquidazione dell irpef sui redditi a tassazione separata senza obbligo di dichiarazione (art.17 comma 3 TUIR) N.B. Gli accertamenti a sensi art.37-bis DPR 600/73 (clausola antielusiva) non implicano l iscrizione a ruolo provvisoria. Le maggiori imposte accertate sono iscritte a ruolo unitamente agli interessi dopo la sentenza di Primo Grado eventualmente sfavorevole Dott.ssa Giovanna Castelli 5

6 QUANDO DIVENTA ESECUTIVO IL NUOVO AVVISO DI ACCERTAMENTO? L accertamento diviene esecutivo dopo il 60 giorno successivo alla notifica. Decorsi ulteriori 30 giorni le somme accertate sono affidate al concessionario della riscossione per il recupero coattivo. Dott.ssa Giovanna Castelli 6

7 LA SOSPENSIONE AUTOMATICA DELL ESPROPRIAZIONE FORZATA Se il contribuente non paga l esecuzione forzata è sospesa di 180 giorni dall esecutività dell atto. L Agente della riscossione può comunque adottare le procedure di garanzia come le ipoteche, i pignoramenti presso terzi, i blocchi dei pagamenti della Pubblica Amministrazione, ed i fermi. La sospensione automatica è, infatti, limitata all espropriazione forzata e non si applica alle azioni cautelari. Inoltre non opera in caso di fondato pericolo per la riscossione delle somme accertate. Dott.ssa Giovanna Castelli 7

8 INADEMPIMENTO: MANCATO PAGAMENTO ENTRO 60 GIORNI DALLA NOTIFICA AFFIDAMENTO AD EQUITALIA: ENTRO I SUCCESSIVI 30 GIORNI ALLA SCADENZA DELLA SOSPENSIONE AUTOMATICA (180 GIORNI) EQUITALIA PUO PROCEDERE AD ESECUZIONE FORZATA DECADENZA DEL POTERE DI RISCOSSIONE ENTRO IL DEL 2 ANNO SUCCESSIVO A QUELLO IN CUI L ACCERTAMENTO E DIVENUTO DEFINITIVO Dott.ssa Giovanna Castelli 8

9 QUANTO COSTA NON PAGARE UN AVVISO ESECUTIVO NON IMPUGNATO NEI TERMINI? Se il contribuente non versa le imposte, gli interessi e le sanzioni entro 60 giorni dalla notifica dell avviso dovrà corrispondere un importo ben più rilevante in quanto maggiorato da sanzione amministrativa, interessi, aggio e rimborso delle spese relative alle procedure esecutive. L aggravio è pari al 40% circa Dott.ssa Giovanna Castelli 9

10 QUANTO COSTA NON PAGARE UN AVVISO ESECUTIVO NON IMPUGNATO NEI TERMINI? INFATTI: Sanzione amministrativa * Interessi di ritardata iscrizione a ruolo (4% annuo) Interessi di mora del 5,0243% dalla data di notificazione* Aggio per l Agente di riscossione*** Rimborso delle spese relative alle procedure esecutive * pari al 30% delle imposte non versate ** su lle imposte non su interessi e sanzioni *** pari al 9% degli importi non versati dovuto anche sugli interessi di mora e sulle ulteriori somme aggiuntive Dott.ssa Giovanna Castelli 10

11 QUANTO OCCORRE VERSARE IN CASO DI IMPUGNAZIONE? In pendenza di ricorso il contribuente dovrà versare un terzo delle maggiori imposte e degli interessi entro i 60 giorni successivi alla notifica, salvo l ottenimento della sospensione della riscossione fino all emanazione della sentenza di Primo Grado Dott.ssa Giovanna Castelli 11

12 QUALE RIMEDIO? E consigliabile presentare, in calce al ricorso (laddove sussistano i presupposti: fumus boni iuris e danno grave ed irreparabile) istanza di sospensione giudiziale nonché costituirsi in giudizio presso la Commissione adita senza aspettare il termine dei 30 giorni in guisa da accorciare i tempi per la fissazione dell udienza. Va valutata anche l opportunità di presentare istanza di sospensione amministrativa. Dott.ssa Giovanna Castelli 12

13 SOSPENSIONE AMMINISTRATIVA Il contribuente può chiedere all Amministrazione Finanziaria la sospensione amministrativa dell atto. Con la RM 21 del è stato chiarito che il potere di sospendere la riscossione è strumentale a quello di annullamento e, quindi, implica una valutazione circa la fondatezza del presupposto impositivo. E, quindi, improbabile che l Amministrazione Finanziaria conceda la sospensione amministrativa in quanto a decidere è la stessa autorità fiscale che ha emesso l atto. Dott.ssa Giovanna Castelli 13

14 SOSPENSIONE GIUDIZIALE Se il contribuente chiede la sospensione al giudice tributario (art. 47 D.Lgs. n. 546/92), lo stesso può sospendere il pagamento fino alla decisione. L istanza di sospensione a sensi comma 5-bis è decisa entro 180 giorni dalla data di presentazione dell istanza. Poiché è frequente il caso in cui l ordinanza di sospensione non interviene nel breve lasso di tempo concesso dalla norma a causa degli endemici ritardi accumulati dalle Commissioni Tributarie, occorre valutare il rischio connesso all intempestività della sospensione. Dott.ssa Giovanna Castelli 14

15 SOSPENSIONE ESECUTIVA Può capitare che, sebbene l atto sia stato sospeso o annullato o definito, Equitalia non ne abbia tempestiva comunicazione da parte dell Amministrazione preposta. La Direttiva Equitalia 10/2010 prevede che il contribuente, onde evitare inique e dannose azioni esecutive, chieda direttamente agli agenti della riscossione l interruzione della fase esecutiva in caso di provvedimento di sgravio, sospensione amministrativa o giudiziale o pagamento. Dott.ssa Giovanna Castelli 15

16 SOSPENSIONE AUTOMATICA dell esecuzione forzata AMMINISTRATIVA GIUDIZIALE ESECUTIVA 180 g. dall affidamento ad Equitalia Da richiedere all Agenzia delle entrate Da richiedere alla Commissione Tributaria Da richiedere ad Equitalia Dott.ssa Giovanna Castelli 16

17 COSA PUO FARE IL CONTRIBUENTE IN DIFFICOLTA FINANZIARIA? CHIEDERE LA RATEIZZAZIONE In primo luogo occorre segnalare che la rateizzazione può essere chiesta solo dopo che il carico sia stato trasmesso all Agente alla riscossione con la nefasta conseguenza dell aggravio per il contribuente pari a circa il 40% (sanzioni, aggi, more) Dott.ssa Giovanna Castelli 17

18 LA RATEIZZAZIONE Le modalità della rateizzazione dipendono dalla entità del debito residuo, dalla natura giuridica del debitore (per importi fino ad non rileva la natura giuridica del debitore). Le rate che vengono concesse a seguito di semplice istanza motivata sono: Importi fino ad max 18 rate Importi da fino ad max 24 rate Importi da fino ad max 36 rate Dott.ssa Giovanna Castelli 18

19 PRESUPPOSTI PER LA RATEIZZAZIONE Per importi > di non è sufficiente un istanza motivata ma occorre dimostrare la temporanea situazione di difficoltà in relazione a: Isee Indice di liquidita * e indice Alfa** Negativi eventi straordinari * liquidità differita + liquidità corrente passivo corrente ** debito complessivo x 100 ricavi Dott.ssa Giovanna Castelli 19

20 PRESUPPOSTI PER LA RATEIZZAZIONE PERSONE FISICHE e IMPRENDITORI INDIVIDUALI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA Rapporto tra debito a ruolo e indice della situazione economica equivalente (Isee) o negativi eventi straordinari ALTRI SOGGETTI Rapporto tra mezzi finanziari e debiti finanziari a breve Indice di liquidità <1 e Indice Alfa > 3 o negativi eventi straordinari Dott.ssa Giovanna Castelli 20

21 QUANTE RATE? PERSONE FISICHE o DITTE INDIVIDUALI IN CONTABILITA SEMPLIFICATA ALTRI SOGGETTI Il numero delle rate dipende dalla classe ISEE (Direttiva DSR/NC/2008/017) Il numero delle rate mensili varia da 12 a 72 a seconda del valore dell indice Alfa (da 3 a 10) Dott.ssa Giovanna Castelli 21

22 RICORSO E RATEIZZAZIONE E possibile chiedere la rateizzazione delle somme riscuotibili in via provvisoria (con la citata maggiorazione per aggi, interessi e more). Anche in questo caso occorre considerare l aggravio di sanzioni, aggi ed interessi. Dott.ssa Giovanna Castelli 22

23 UNA SOLUZIONE DI RIPIEGO PER PAGARE E MORIRE C E SEMPRE TEMPO ALLUNGARE I TEMPI PRESENTANDO ISTANZA DI ACCERTAMENTO CON ADESIONE Dott.ssa Giovanna Castelli 23

24 ACCERTAMENTO CON ADESIONE Sospensione dei termini per proporre ricorso all ufficio e per il pagamento delle somme nei 90 giorni successivi alla notifica. ESITO POSITIVO ESITO NEGATIVO Pagamento di quanto accordato. Le sanzioni sono ridotte Ricorso. In questo caso occorre fare attenzione alle dichiarazioni da far inserire all Agenzia delle entrate nel verbale di esito negativo evidenziando i motivi di opportunità che hanno indotto alla presentazione dell istanza ed alla assenza di qualsivoglia riconoscimento della legittimità della pretesa impositiva Dott.ssa Giovanna Castelli 24

25 RATEIZZAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE Anche il pagamento dell accertamento con adesione può essere rateizzato. E possibile ottenere la rateizzazione in un massimo di 8 rate trimestrali (12 per importi > ,69). Non è più richiesta la garanzia fideiussoria per importi > ad Se gli importi da versare devono essere pagati con il modello F24, il versamento delle somme dovute può avvenire per compensazione con eventuali crediti d imposta vantati. Dott.ssa Giovanna Castelli 25

26 ADEMPIMENTI CONNESSI ALLA RATEIZZAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE Il contribuente deve far pervenire all ufficio la quietanza della prima rata entro 10 giorni dal pagamento. Per le rate successive è tollerato il ritardo di un trimestre (con pagamento di interessi e sanzioni). Oltre tale lasso temporale si decade dal beneficio della rateizzazione e la riscossione prosegue attraverso l emissione e notifica di un atto di rideterminazione degli importi dovuti. Dott.ssa Giovanna Castelli 26

27 MANCATO PAGAMENTO DI UNA RATA Il tardivo pagamento delle rate successive alla prima implica il pagamento della mora da corrispondere entro la data di scadenza della rata successiva e degli interessi legali oltre alle sanzioni graduate in funzione del ritardo. Se il ritardo non viene sanato si ha la decadenza dalla rateizzazione con sanzioni applicate al debito residuo in misura doppia 60% in luogo del 30%. E possibile essere riammessi alla rateizzazione solo dimostrando un temporaneo peggioramento della situazione di difficoltà e a seguito di concessione di garanzie. Dott.ssa Giovanna Castelli 27

28 COSA SUCCEDE IN CASO DI OMESSO PAGAMENTO DELL ATTO? Se il contribuente non versa le imposte, gli interessi e le sanzioni è soggetto a Azioni esecutive Blocco delle compensazioni Blocco dei pagamenti della Pubblica Amministrazione Dott.ssa Giovanna Castelli 28

29 DIVIETO DI COMPENSAZIONE Dal 1 gennaio 2011, non è più possibile il compensare crediti afferenti le imposte erariali in presenza di debiti della stessa natura, che risultino già scaduti, di importo superiore ad 1.500,00 (imposta più oneri accessori). Il divieto riguarda la compensazione orizzontale non opera invece per quella verticale. Non rientrano nel divieto di compensazione: - i ruoli emessi ma non ancora scaduti; - i ruoli aventi esecutorietà sospesa. Dott.ssa Giovanna Castelli 29

30 COME OPERA IL BLOCCO? Il contribuente prima di poter utilizzare il credito in compensazione deve provvedere ad estinguere l intero debito che risulti già scaduto ed iscritto a ruolo, anche mediante compensazione dello stesso attraverso il credito. Eventuali compensazioni fatte in divieto di tale blocco verranno punite con la sanzione pari al 50% dell importo indebitamente compensato. Dott.ssa Giovanna Castelli 30

31 BLOCCO DEI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La PA prima di pagare somme superiori a Euro ,00 deve verificare presso il sistema informativo di Equitalia l eventuale sussistenza di morosità per importi almeno pari a questa cifra. Inadempimento mancato pagamento da parte del contribuente nel termine di 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento Se l esito della verifica è positivo l ente pubblico sospende il pagamento per attendere l azione esecutiva di Equitalia, ovvero l eventuale pagamento da parte del beneficiario Dott.ssa Giovanna Castelli 31

32 IL BLOCCO DEI PAGAMENTI VALE ANCHE PER I NUOVI ACCERTAMENTI ESECUTIVI? L art. 48 bis DPR 602/73 recita se il beneficiario è inadempiente all obbligo di versamento derivante dalla notifica di una o più cartelle di pagamento,.. La norma non è stata coordinata con la legge istitutiva del nuovo avviso di accertamento esecutivo. Una interpretazione letterale sembra escludere gli accertamenti esecutivi ma è prevedibile che il blocco venga applicato in relazione alla ratio legis che è quella di evitare pagamenti delle pubbliche amministrazioni superiori ad in presenza di inadempimento dell obbligo di versamento. Dott.ssa Giovanna Castelli 32

33 BLOCCO DEI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E SOSPENSIONE NEI CASI DI SOSPENSIONE AMMINISTRATIVA (ARTT. 19-BIS E 39 DPR 602/73), O GIUDIZIALE (ART. 47 D.LGS 546/92) IL CONTRIBUENTE NON È CONSIDERATO INADEMPIENTE RISULTA, QUINDI, SOSPESO ANCHE IL BLOCCO DEI PAGAMENTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Dott.ssa Giovanna Castelli 33

34 QUANDO L INADEMPIMENTO PU0 ESSERE VERIFICATO? Nel caso di cartelle esattoriali l inadempimento può essere verificato dopo 60 giorni dalla notifica. Nel caso di accertamento esecutivo la consegna ad Equitalia avviene nei 30 giorni successivi alla scadenza del pagamento Ne consegue che il blocco dei pagamenti della Pubblica Amministrazione sia dilazionato di 30 giorni Dott.ssa Giovanna Castelli 34

CIRCOLARE SETTIMANALE

CIRCOLARE SETTIMANALE .. CIRCOLARE SETTIMANALE settembre 2011 N 2 Tutte le informazioni sono tratte, previa critica rielaborazione, dalla normativa vigente primaria (leggi, decreti, direttive) e secondaria (circolari ministeriali

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

Novità in materia di riscossione dei tributi iscritti a ruolo

Novità in materia di riscossione dei tributi iscritti a ruolo Studio Commerciale e Tributario TOMASSETTI & PARTNERS Informativa fiscale Ai gentili clienti Loro sedi Novità in materia di riscossione dei tributi iscritti a ruolo Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

Novità in materia di rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo

Novità in materia di rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo CIRCOLARE A.F. N. 82 del 17 Maggio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Novità in materia di rateazione del pagamento delle somme iscritte a ruolo Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

COMUNE DI T O R G I A N O U f f i c i o T r i b u t i REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONI DI TRIBUTI COMUNALI ARRETRATI

COMUNE DI T O R G I A N O U f f i c i o T r i b u t i REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONI DI TRIBUTI COMUNALI ARRETRATI COMUNE DI T O R G I A N O U f f i c i o T r i b u t i REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONI DI TRIBUTI COMUNALI ARRETRATI Approvato con delibera del Consiglio Comunale...2016 n... -----------------------------------------------------------------

Dettagli

prof. avv. Paola ROSSI

prof. avv. Paola ROSSI NUOVI LIMITI ALLA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI PER RUOLI SCADUTI prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta,

Dettagli

LA "NUOVA" RATEAZIONE DEI RUOLI: CHI, COME, QUANDO

LA NUOVA RATEAZIONE DEI RUOLI: CHI, COME, QUANDO LA "NUOVA" RATEAZIONE DEI RUOLI: CHI, COME, QUANDO 25 Marzo 2015 Riscossione di Saverio Cinieri - Dottore Commercialista e Pubblicista È possibile pagare a rate le cartelle dell Agente della riscossione

Dettagli

Avv. Nunzio Dario Latrofa. L accertamento esecutivo

Avv. Nunzio Dario Latrofa. L accertamento esecutivo Avv. Nunzio Dario Latrofa L accertamento esecutivo Milano, 14 marzo 2013 Sala convegni Milano Conference 1 L ACCERTAMENTO ESECUTIVO L avviso di accertamento esecutivo è stato introdotto con l art. 29 del

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

Dilazione straordinaria delle somme iscritte a ruolo - Provvedimento attuativo - Riepilogo generale della disciplina

Dilazione straordinaria delle somme iscritte a ruolo - Provvedimento attuativo - Riepilogo generale della disciplina Circolare n. 40 del 19 dicembre 2013 Dilazione straordinaria delle somme iscritte a ruolo - Provvedimento attuativo - Riepilogo generale della disciplina INDICE 1 Premessa... 2 2 Dilazione ordinaria...

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte.

NOTA INFORMATIVA N. 28/2015. Il DLgs. n. 159/2015 ha riformato il sistema di riscossione delle imposte. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122 VERONA TELEFONO:

Dettagli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli

Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli CIRCOLARE A.F. N. 39 del 14 Marzo 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Prorogata al 31.03.2014 la rottamazione dei ruoli Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che la proroga del pagamento

Dettagli

La nuova cartella di pagamento. Introduzione

La nuova cartella di pagamento. Introduzione Introduzione A partire dal 1 ottobre 2010 i ruoli consegnati agli Agenti della Riscossione saranno emessi utilizzando il nuovo modello di cartella di pagamento, approvato con Provvedimento dell Agenzia

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

CIRCOLARE n. 11/2015 1

CIRCOLARE n. 11/2015 1 CIRCOLARE n. 11/2015 1 Milano, 11 novembre 2015 Oggetto: Riforma della riscossione - Novità del D.Lgs. 24.9.2015 n. 150 Premessa Con il DLgs. 24.9.2015 n. 159, pubblicato sul S.O. n. 55 alla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione

Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Debiti che bloccano l'utilizzo dei crediti in compensazione Condizioni per il libero utilizzo dei crediti (art. 31 del Decreto Legge 78/2010) (D.M. 10 febbraio 2011) (RisMin. n. 18, del 21 febbraio 2011)

Dettagli

DIVIETO DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IN PRESENZA DI RUOLI SCADUTI

DIVIETO DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IN PRESENZA DI RUOLI SCADUTI CIRCOLARE INFORMATIVA N. 2 FEBBRAIO 2011 DIVIETO DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IN PRESENZA DI RUOLI SCADUTI A decorrere dal 1 Gennaio 2011 sono entrate in vig ore nuove limitazioni per le compensazioni

Dettagli

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA 3. CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA >> LA RISCOSSIONE MEDIANTE CARTELLA L Agenzia delle Entrate svolge l attività di riscossione nazionale dei tributi tramite la società per azioni

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI

STUDIO ASSOCIATO LEGALE TRIBUTARIO PERNI & DORENTI PERNI & DORENTI Partners Avv. Oliviero Perni Dott. Luca Dorenti Of Counsel Dott. Marco Gaspari Dott.ssa Barbara Bonsignori Milano, 16 Novembre 2015 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 28/2015: Riforma

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto.

LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014. Equitalia Nord SpA. Per un Paese più giusto. LA NUOVA DISCIPLINA DELLE RATEAZIONI Confindustria Vicenza 29 gennaio 2014 Equitalia Nord SpA Facilitazioni intervenute Dall entrata in vigore della nuova normativa (1/3/2008) - che ha attribuito agli

Dettagli

Circolare N.130 del 6 ottobre 2011. 1 ottobre 2011. Al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi

Circolare N.130 del 6 ottobre 2011. 1 ottobre 2011. Al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi Circolare N.130 del 6 ottobre 2011 1 ottobre 2011. Al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi 1 ottobre 2011: al via il nuovo sistema degli accertamenti esecutivi Gentile cliente, con la presente,

Dettagli

CITTA DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMANDO DI POLIZIA LOCALE

CITTA DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMANDO DI POLIZIA LOCALE CITTA DI FIUMICINO (Provincia di Roma) COMANDO DI POLIZIA LOCALE INFORMAZIONI PER GLI UTENTI INTERESSATI ALLA DEFINIZIONE AGEVOLATA DEI DEBITI RELATIVI A SANZIONI AMMINISTRATIVE PER VIOLAZIONI AL CODICE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONI DI PAGAMENTO APPLICABILI AI DEBITI PER IMPOSTE, TRIBUTI COMUNALI ED ALTRE ENTRATE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONI DI PAGAMENTO APPLICABILI AI DEBITI PER IMPOSTE, TRIBUTI COMUNALI ED ALTRE ENTRATE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI RATEIZZAZIONI DI PAGAMENTO APPLICABILI AI DEBITI PER IMPOSTE, TRIBUTI COMUNALI ED ALTRE ENTRATE COMUNE DI PROVAGLIO D ISEO SOMMARIO ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO ART.

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1

CONTROLLO FORMALE Gruppo di Lavoro Contenzioso Tributario - 29/01/2014 1 CONTROLLO FORMALE 1 Il controllo formale delle dichiarazioni Art. 36 bis Liquidazione delle imposte sulla base dei dati emergenti dalla dichiarazione dei redditi. Eseguita su tutte le dichiarazioni presentate.

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

Regolamento per il condono dei Tributi Locali

Regolamento per il condono dei Tributi Locali Regolamento per il condono dei Tributi Locali TARSU ICI TOSAP ( Approvato con delibera consiliare n. 57 del 21/11/2003) Sezione TARSU Articolo 1 Ambito di applicazione ed esclusioni Il presente regolamento,

Dettagli

Periodico informativo n. 75/2014. Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014

Periodico informativo n. 75/2014. Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014 Periodico informativo n. 75/2014 Rottamazione cartelle. Proroga al 31 maggio 2014 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo informarla che a seguito della pubblicazione

Dettagli

Il contenzioso fiscale

Il contenzioso fiscale Il contenzioso fiscale 1. I servizi del Caf Nel caso di ricevimento di cartelle di pagamento che contestano il mancato pagamento, parziale o totale, di imposte o tasse, anche riferite a tributi locali,

Dettagli

REGIME SANZIONATORIO INARCASSA DECORRENZA DAL 20/05/2011

REGIME SANZIONATORIO INARCASSA DECORRENZA DAL 20/05/2011 REGIME SANZIONATORIO INARCASSA DECORRENZA DAL 20/05/2011 1. SANZIONI PER RITARDATA/OMESSA DOMANDA DI ISCRIZIONE ART. 1 30% DEI CONTRIBUTI DOVUTI E NON VERSATI SE LA DOMANDA E PRESENTATA OLTRE IL 31 OTTOBRE

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott.Comm. ALESSANDRA NITTI Dott. STEFANO BARELLI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. A cura di Sebastiano Barusco IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA A cura di Sebastiano Barusco I SOGGETTI INTERESSATI Persone fisiche Società di persone Società di capitali IRRILEVANZA SOGGETTIVITÀ CONTRIBUENTE 2 LE CONDIZIONI TIPOLOGIA

Dettagli

COMUNE DI ALSENO (Provincia di Piacenza)

COMUNE DI ALSENO (Provincia di Piacenza) COMUNE DI ALSENO (Provincia di Piacenza) IMPOSTA UNICA COMUNALE COMPONENTE TASI REGOLAMENTO Approvato con atto del Consiglio Comunale n. in data Indice Articolo 1 Oggetto Articolo 2 Soggetto attivo Articolo

Dettagli

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI

ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI ESENZIONE FISCALE TOTALE: APPROFONDIMENTI E INFORMAZIONI In applicazione del Decreto 1/2014 della Repubblica Veneta sull Esenzione Fiscale Totale, Plebiscito.eu ha avviato una campagna di obiezione fiscale

Dettagli

Domanda di rateazione entro il 31 luglio per i soggetti decaduti dai "vecchi" piani di dilazione

Domanda di rateazione entro il 31 luglio per i soggetti decaduti dai vecchi piani di dilazione Numero 48/2015 Pagina 1 di 7 Domanda di rateazione entro il 31 luglio per i soggetti decaduti dai "vecchi" piani di dilazione Numero : 48/2015 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : RISCOSSIONE RATEAZIONE

Dettagli

Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1

Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1 Il blog del Commercialista Dott. Roberto Di Leo www.robertodileo.it Pagina 1 Giugno 2011 LA RISCOSSIONE COATTIVA Le modalità dell esercizio dell attività di riscossione nazionale dei tributi e contributi

Dettagli

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate

Allegato A. COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Allegato A COMUNE DI SANT AGOSTINO (Provincia di Ferrara) Regolamento per la riscossione coattiva delle entrate Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 5 del 9.4.2014 INDICE Titolo I DISPOSIZIONI

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII INDICE - SOMMARIO Prefazione... pag. XV Introduzione...» XXIII CAPITOLO I: La riforma della riscossione 1. La riforma della riscossione... pag. 1 2. L agente della riscossione: Riscossione s.p.a. ed il

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 Disposizioni in materia di accertamento esecutivo e modifiche alla disciplina

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 381 22.12.2014 Pagamento dell avviso bonario Categoria: Versamenti Sottocategoria: D imposta L'art. 3-bis del D.Lgs. 462/1997 dispone che le somme

Dettagli

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

COMUNE DI GONZAGA. Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI COMUNE DI GONZAGA Provincia di Mantova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI Testo coordinato con delibere del Consiglio Comunale: n. 26 del 26/04/2007 n.5 del 12/02/2008 n.

Dettagli

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA Gli aggiornamenti più recenti rateizzazione delle cartelle di pagamento compensazione tra somme iscritte a ruolo e crediti d imposta o crediti verso

Dettagli

A CURA DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

A CURA DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOLARE N. 22/IR DEL 7 MARZO 2011 LA CONCENTRAZIONE DELLA RISCOSSIONE NELL ACCERTAMENTO AI FINI DELLE IMPOSTE SUI REDDITI E DELL IMPOSTA SUL VALORE AGGIUNTO SOMMARIO: 1. Premessa. 2. L ambito di applicazione

Dettagli

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO

EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO EQUITALIA NORD ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO DI TRENTO Protocollo d Intesa e convenzione di erogazione di servizi Trento, 27 Marzo 2014 LE FINALITA PROMUOVERE E SVILUPPARE UNA FATTIVA COLLABORAZIONE

Dettagli

Circolare n. 12. DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE. del 15 settembre 2013

Circolare n. 12. DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE. del 15 settembre 2013 1 Dr. Flavio Staffa Circolare n. 12 del 15 settembre 2013 DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 (c.d. decreto Fare ) - Novità in materia di riscossione INDICE 1 Premessa... 2 2 Dilazione delle somme

Dettagli

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA

CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA CARTELLE DI PAGAMENTO E MEZZI DI RISCOSSIONE COATTIVA Gli aggiornamenti più recenti termini per la notifica delle cartelle di pagamento pagamento a rate del debito compensazione tra somme iscritte a ruolo

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare

Fiscal News N. 112. La circolare di aggiornamento professionale. 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito. Quattro aspetti da valutare Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 112 12.04.2013 Impugnazione cartelle. Natura del credito Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Varie Prima di impugnare una cartella esattoriale

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO TRIBUTARIO IN MATERIA DI DILAZIONE DEI PAGAMENTI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO TRIBUTARIO IN MATERIA DI DILAZIONE DEI PAGAMENTI C O M U N E DI N A P O L I I DIREZIONE CENTRALE TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO TRIBUTARIO IN MATERIA DI DILAZIONE DEI PAGAMENTI (Approvato con deliberazione consiliare n. 46 del 1 giugno 2005) I N D

Dettagli

Vademecum della cartella di pagamento

Vademecum della cartella di pagamento in collaborazione con Direzione Regionale Veneto Vademecum della cartella di pagamento Guida pratica per il cittadino contribuente La cartella di pagamento 3 La notifica 3 Dove e come pagare 4 Dove chiedere

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011

CIRCOLARE N. 17/E. Roma, 06 maggio 2011 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 06 maggio 2011 OGGETTO: IVA Rimborsi Procedura ordinaria e semplificata Omessa prestazione delle garanzie Sospensione dei termini di decadenza dell

Dettagli

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce)

COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) COMUNE DI LEVERANO (Provincia di Lecce) REGOLAMENTO PER LA DEFIZIONE AGEVOLATA DEI TRIBUTI COMUNALI (approvato con atto deliberativo del C.C. n. 08 del 01/04/2004) SCHEMA DI REGOLAMENTO PROPOSTO DALL ASSERRORE

Dettagli

COMPENSAZIONE DI CARTELLE ESATTORIALI EQUITALIA CON CREDITI ERARIALI

COMPENSAZIONE DI CARTELLE ESATTORIALI EQUITALIA CON CREDITI ERARIALI COMPENSAZIONE DI CARTELLE ESATTORIALI EQUITALIA CON CREDITI ERARIALI a cura del Dott. Vito SARACINO e Revisore Contabile in Bitonto (BA) Nella evoluzione delle procedure in materia di riscossione, a seguito

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Circolare n. 15 del 24 ottobre 2014 Crediti commerciali certificati

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE

Circolare n. 5. Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE Circolare n. 5 del 21 Luglio 2013 Crediti commerciali certificati vantati nei confronti di Amministrazioni pubbliche - Utilizzo in compensazione - Novità INDICE 1 Premessa... 3 2 Utilizzo dei crediti commerciali

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI

REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DELLE ENTRATE PATRIMONIALI 1. Le norme del presente regolamento costituiscono la disciplina generale dell accertamento e della riscossione di tutte le entrate comunali non aventi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 39 del 13 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Nuova veste grafica per l avviso di intimazione ad adempiere al pagamento dei debiti tributari Gentile cliente, con

Dettagli

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune

Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Regolamento per la definizione agevolata delle entrate tributarie e patrimoniali del Comune Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 L. 27 dicembre

Dettagli

Aspetti operativi del nuovo processo tributario

Aspetti operativi del nuovo processo tributario di Armando Urbano Aspetti operativi del nuovo processo tributario L accertamento esecutivo Il contributo unificato La nuova nota di iscrizione a ruolo Le controversie minori: Reclamo e mediazione La chiusura

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI

REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI REGOLAMENTO PER IL CONDONO DEI TRIBUTI LOCALI Ambito di applicazione Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento, in forza delle disposizioni contenute nell art. 13 della legge n. 289 del 27 dicembre 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI COMUNE DI GORLA MAGGIORE Provincia di Varese SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione C.C. n. 56 del 30/11/1998 Modificato con

Dettagli

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE

ART.4 VIOLAZIONI NON SANZIONABILI, TUTELA DELLA BUONA FEDE ED ESTINZIONE DI CREDITI TRIBUTARI DI MODESTO AMMONTARE REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI DI DETERMINAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE TRIBUTARIE APPLICABILI NEI CASI DI VIOLAZIONI RELATIVE AL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO ART.1

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice )

CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN MATERIA DI RISCOSSIONE DEI TRIBUTI (codice ) Programma corso Pag 1 di 6 Ministero dell economia e delle finanze Scuola superiore dell economia e delle finanze Dipartimento delle scienze Tributarie Destinatari: partecipanti Corso CORSO DI ALTA FORMAZIONE

Dettagli

Novità : divieto di compensazione dei crediti in presenza di ruoli non pagati

Novità : divieto di compensazione dei crediti in presenza di ruoli non pagati Circolare 2/2011 Compensazione crediti in presenza di ruoli Rovereto, 28 marzo 2011 Spett. Clienti Loro Sedi Novità : divieto di compensazione dei crediti in presenza di ruoli non pagati La manovra correttiva

Dettagli

PROCEDURE SANZIONATORIE IN ATTUAZIONE DEGLI ARTICOLI 9 E 10 DEL REGOLAMENTO DELL ENTE 1

PROCEDURE SANZIONATORIE IN ATTUAZIONE DEGLI ARTICOLI 9 E 10 DEL REGOLAMENTO DELL ENTE 1 E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 PROCEDURE

Dettagli

MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI

MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI MODIFICA REGOLAMENTO DEFINIZIONE AGEVOLATA TRIBUTI COMUNALI Il presente Regolamento composto da n. 44 articoli, è stato approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 27/07/2003 con atto n. 34. IL SEGRETARIO

Dettagli

Comune di Verrayes Comune de Verrayes. Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE.

Comune di Verrayes Comune de Verrayes. Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE. Comune di Verrayes Comune de Verrayes Regione Autonoma Valle d Aosta REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLE SANZIONI TRIBUTARIE. Approvato con deliberazione di Consiglio n. 62 del 22/12/1998 INDICE

Dettagli

CIRCOLARE TEMATICA RIFORMA DELLA RISCOSSIONE - NOVITÀ DEL DLGS. 24.9.2015 N. 159

CIRCOLARE TEMATICA RIFORMA DELLA RISCOSSIONE - NOVITÀ DEL DLGS. 24.9.2015 N. 159 Avv. GIORGIO ASCHIERI* Rag. Comm. SIMONETTA BISSOLI* Dott. Comm. MARCO GHELLI* Dott. Comm. ALBERTO MION* Dott. Comm. ALBERTO RIGHINI* Avv. ANTONIO RIGHINI* Dott. MONICA SECCO* Avv. ORNELLA BERTOLAZZI Avv.

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELLA RATEAZIONE DEI DEBITI TRIBUTARI AI SENSI DELL ART. 4, L.R. 13-2013

CRITERI E MODALITA PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELLA RATEAZIONE DEI DEBITI TRIBUTARI AI SENSI DELL ART. 4, L.R. 13-2013 ALLEGATO 1 CRITERI E MODALITA PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELLA RATEAZIONE DEI DEBITI TRIBUTARI AI SENSI DELL ART. 4, L.R. 13-2013 Al fine di favorire un applicazione razionale e coerente alle disposizioni

Dettagli

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica

La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica La regolarizzazione agevolata della tassa automobilistica Di cosa si tratta Regione Lombardia con l.r. 8 luglio 2015, n. 20, ha avviato una campagna di definizione agevolata delle posizioni irregolari

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 21.12.1998 N 93

Dettagli

TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE NONANTOLA (Provincia di Modena) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 47 del 20/05/2014 1 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli

CONSORZIO di BONIFICA dell EMILIA CENTRALE Corso Garibaldi n. 42 42121 Reggio Emilia - Tel. 0522443211- Fax 0522443254- c.f.

CONSORZIO di BONIFICA dell EMILIA CENTRALE Corso Garibaldi n. 42 42121 Reggio Emilia - Tel. 0522443211- Fax 0522443254- c.f. CONSORZIO di BONIFICA dell EMILIA CENTRALE Corso Garibaldi n. 42 42121 Reggio Emilia - Tel. 0522443211- Fax 0522443254- c.f. 91149320359 CONSORZIO DI BONIFICA DELL EMILIA CENTRALE REGOLAMENTO SULLA RISCOSSIONE

Dettagli

Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dottore Commercialista Revisore Contabile LE COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITA': DISCIPLINA E POSSIBILI SOLUZIONI A FAVORE DEL CONTRIBUENTE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Le comunicazioni derivanti dai controlli automatici e dai controlli

Dettagli

Il/La sottoscritto/a nato/a... (Prov...) il... codice fiscale.. residente in. (Prov...) indirizzo... C.A.P.. telefono fax.. e-mail...

Il/La sottoscritto/a nato/a... (Prov...) il... codice fiscale.. residente in. (Prov...) indirizzo... C.A.P.. telefono fax.. e-mail... Ad Equitalia Sportello di. ISTANZA DI RATEAZIONE AI SENSI DELL ART. 19, DPR N. 602/1973 SOCIETÀ DI PERSONE IN CONTABILITA ORDINARIA - SOCIETA DI PERSONE IN CONTABILITA SEMPLIFICATA - DITTE INDIVIDUALI

Dettagli

INDICE. Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13

INDICE. Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13 INDICE Prefazione... pag. 9 Le principali modifiche normative e interpretative del 2011 e 2012... pag. 13 CAPITOLO PRIMO L AUTOTUTELA 1. Inquadramento normativo... pag. 31 1.1 Le fonti... pag. 32 1.2 Gli

Dettagli

ESTRATTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALEI.U.C.

ESTRATTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALEI.U.C. COMUNE DI CASTELBALDO 35040 - PROVINCIA DI PADOVA ESTRATTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALEI.U.C. (Approvato con Deliberazione Consiliare n.20 del29/04/2014.) Imposta Unica Comunale

Dettagli

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA

COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA COMUNE DI CINETO ROMANO PROVINCIA DI ROMA REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 02.05.2007 Modificato con Delibera del Consiglio n. 52 del 20.12.2007

Dettagli

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI

LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI LA DEFINIZIONE AGEVOLATA DELLE SANZIONI RIFERIMENTI NORMATIVI Art. 16, terzo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997, n. 472 Art. 17, secondo comma, D.L.vo 18 dicembre 1997,

Dettagli

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi...

CIRCOLARE N. 49/E. 2. Rimborsi dovuti ai sensi dell articolo 68 del d.lgs. n. 546 del 1992...4. 2.1. Tempestiva esecuzione dei rimborsi... CIRCOLARE N. 49/E Roma, 01 ottobre 2010 Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso OGGETTO: Esecuzione dei rimborsi dovuti per effetto di sentenze nei giudizi tributari INDICE 1. Premessa...2 2. Rimborsi

Dettagli

CATANIA 15 MARZO 2011. Dott. Ernesto GATTO

CATANIA 15 MARZO 2011. Dott. Ernesto GATTO CATANIA 15 MARZO 2011 LA LEGGE DI STABILITA 2011 E LE ULTIME NOVITA PER PROFESSIONISTI E IMPRESE Dott. Ernesto GATTO BLOCCO COMPENSAZIONI DAL 2011 NON E PIU CONSENTITO UTILIZZARE IN COMPENSAZIONE I CREDITI

Dettagli

Regolamento Per La Disciplina Del Tributo Per I Servizi Indivisibili (TASI) Anno 2014

Regolamento Per La Disciplina Del Tributo Per I Servizi Indivisibili (TASI) Anno 2014 COMUNE DI PORTIGLIOLA 89040 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Tel (0964) 365002 Fax 365594 Cod. Fisc : 81001610807 Part. IVA : 00730350808 Email: tributi@comune.portigliola.rc.it; ragioneria@comune.portigliola.rc.it;

Dettagli

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8

INDICE. 5 Condizioni per il perfezionamento dei pagamenti dei debiti... 8 D O T T. C A R L O O R S E N I G A Commercialista - Revisore Contabile 20123 - MILANO Via Vincenzo Monti, 32 Tel. +39.02.36.55.04.76 Fax +39.02.89.07.49.33 Circolare n. 1 del 18 febbraio 2014 Compensazione

Dettagli

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE

GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE GUIDA PRATICA PER IL CITTADINO CONTRIBUENTE A cura dell Ufficio Relazioni Esterne Equitalia è una società per azioni, a totale capitale pubblico (51% Agenzia

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LA SOSPENSIONE GIURISDIZIONALE DELL ESECUZIONE DELL ATTO IMPUGNATO Documento n. 7 del 1 marzo 2005 Nel processo tributario è previsto l istituto della sospensione giurisdizionale

Dettagli

OGGETTO: Le novità in materia di riscossione

OGGETTO: Le novità in materia di riscossione Ai gentili Iscritti Loro sedi OGGETTO: Le novità in materia di riscossione Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza del fatto che il D.L. 21.6.2013,

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del Regolamento

Articolo 1 Oggetto del Regolamento CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA DI ASTI Allegato 2 alla Deliberazione del Consiglio Camerale n. 13 del 31.10.2013 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

LA CARTELLA DI PAGAMENTO. 2.4 Il pagamento rateale delle somme che risultano dal controllo della dichiarazione

LA CARTELLA DI PAGAMENTO. 2.4 Il pagamento rateale delle somme che risultano dal controllo della dichiarazione Avvertenza: entro il termine di 30 giorni il contribuente, in sede di autotutela, può chiedere l annullamento dell invito. Se l ufficio provvede a riliquidare la posizione, il termine di versamento decorre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA ALLEGATO A COMUNE DI PADERNO DEL GRAPPA Provincia di Treviso Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 05/04/2012 Modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 6 del 08.04.2014 IMPOSTA

Dettagli

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA

PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA Comune di Sarteano Provincia di Siena Regolamento TASI (Tributo sui servizi indivisibili) Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 25 del 12.05.2014 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART.

Dettagli