FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (F.A.Q.) MARCHI, BREVETTI E PROPRIETA INTELLETTUALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (F.A.Q.) MARCHI, BREVETTI E PROPRIETA INTELLETTUALI"

Transcript

1 FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (F.A.Q.) MARCHI, BREVETTI E PROPRIETA INTELLETTUALI 1. D. Perché la Guardia di Finanza si occupa anche di contraffazione dei marchi? R. La Guardia di Finanza, quale Corpo di Polizia economico-finanziaria annovera tra i suoi compiti istituzionali anche quello di vigilare affinché tutti i comportamenti economici posti in essere dalle aziende non si pongano in contrasto con il normale e corretto funzionamento del mercato interno e comunitario. In tale ambito vi è un impegno particolarmente intenso alla lotta al mercato del falso. Quest ultimo, infatti, incide significativamente sulla realtà economica del Paese e dell Unione Europea ed ha effetti negativi molteplici in danno ai consumatori, al mercato, alla società ed all erario pubblico. 2. D. In quale sanzione incorre l acquirente di un prodotto contraffatto? R. L attuale norma di riferimento (art. 1, co. 7, del D.L. 14 marzo 2005, n. 35 convertito in Legge 80/95) prevede una sanzione amministrativa pecuniaria fino a per chi acquista o accetta un bene che viola le norme a tutela della proprietà intellettuale. La stessa norma pone, altresì, degli obblighi in capo all acquirente, il quale deve accertarsi che il bene sia di legittima provenienza. In tal senso, la qualità del prodotto, la condizione di chi lo offre e l entità del prezzo, possono indurre il consumatore medio, dotato di ordinaria diligenza, a ritenere che siano state violate le norme in materia di origine e provenienza dei prodotti ed in materia di proprietà intellettuale.

2 3. D. Un prodotto falso può essere comunque qualitativamente buono e sicuro? R. Sulla base delle esperienze acquisite in campo operativo un prodotto contraffatto, nella generalità dei casi, non offre alcuna garanzia di qualità e sicurezza. Ciò perché i contraffattori, a differenza dei produttori originali, hanno quale unico obiettivo quello di massimizzare i profitti, senza alcun interesse ad investire risorse economiche per assicurare la qualità del prodotto, per introdurre sistemi di controllo ai fini della sicurezza, per innovarsi nella ricerca e nello sviluppo e per svolgere attività di marketing sui propri prodotti. 4. D. Perché oggi c è particolare attenzione sui fenomeni della contraffazione e della pirateria? R. Tali fenomeni illeciti non sono reati minori e non costituiscono solo un danno economico per le imprese bensì hanno effetti negativi molteplici atteso che provocano: un danno e/o un pericolo per i consumatori, connesso alla sicurezza dei prodotti stessi; un danno sociale per il fatto che, tramite lo sfruttamento di soggetti deboli, generano lavoro nero, evasione contributiva, mancanza di coperture assicurative e perdita di posti di lavoro; un danno per l erario pubblico atteso che la commercializzazione di tali prodotti avviene, nella quasi totalità dei casi, attraverso circuiti paralleli in totale evasione delle imposte dirette ed indirette; un danno al mercato che è inevitabilmente compromesso nel suo normale funzionamento; il reinvestimento dei profitti di tale attività illecita in altrettante attività delittuose da parte di organizzazioni criminali.

3 5. D. Perché il bene contraffatto che appare di buona fattura costa generalmente molto meno di quello originale? R. Chi produce illegalmente generi contraffatti, rispetto ai produttori originali, ha minori costi materiali, di produzione e di lavoro (evadendo ad es. ogni spesa previdenziale e contributiva a favore dei dipendenti) nonché erariali ai fini delle imposte dirette ed indirette. Il fine del contraffattore non è quello di come erroneamente possa pensarsi agire nell interesse del consumatore bensì unicamente quello di massimizzare i propri profitti. Il contraffattore, infatti, non ha alcun interesse - al contrario delle aziende che operano in normali condizioni di concorrenza e mercato ad investire risorse economiche per assicurare alla propria clientela la qualità del prodotto, per introdurre sistemi di controllo sugli standards di sicurezza, per innovarsi nella ricerca e nello sviluppo e per promuovere, mediante pubblicità, i propri prodotti. 6. D. Cosa si intende per proprietà intellettuale? R. Con il termine proprietà intellettuale si intende in generale la paternità ed il diritto di sfruttamento ai fini economici delle creazioni dell intelletto umano, la cui protezione è disciplinata dalla legge e valorizzata da alcuni strumenti giuridici chiamati privative. Le privative industriali sono: - il brevetto quale titolo, rilasciato in genere all autore di un invenzione o di un particolare processo produttivo, che ne consente il diritto esclusivo di sfruttamento ai fini commerciali, sempre che abbiano i requisiti di novità, originalità, liceità ed applicabilità al processo industriale; - il marchio inteso come figura o segno identificativo dei prodotti o merci, al fine di identificarli, individuando l azienda produttrice;

4 - il diritto d autore quale opera dell ingegno a carattere creativo nei campi della letteratura, architettura, cinema, teatro, musica, arti figurative nonché nell informatica con riferimento ad esempio a programmi per elaboratore, banche dati ed enciclopedie multimediali. A differenza del brevetto, il diritto d autore si origina quando nasce l opera senza che venga richiesta e concessa la registrazione del diritto esclusivo. 7. D. Si può parlare di contraffazione quando il prodotto, seppur molto simile all originale, riporta un marchio diverso? R. Con il termine contraffazione si intende, in linea generale, la riproduzione di un marchio identico con contemporanea imitazione del prodotto originale e talvolta anche del suo confezionamento ovvero l impiego di un marchio identico apposto su un altro prodotto dello stesso genere. In taluni casi l imitazione è confusoria nel senso che il marchio apposto sul prodotto è molto simile anche se volutamente modificato per sfuggire all applicazione rigorosa della legge. Anche in tal caso, tuttavia, la sostituzione di alcuni caratteri del marchio o della denominazione originale può generare confusione nelle scelte del consumatore. Per questo, oltre la legge sui marchi, l art del codice civile ha inteso inserire, tra gli atti di concorrenza sleale, l utilizzo di nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi ed i segni distintivi legittimamente usati da altri od anche l imitazione servile dei prodotti di un concorrente. 8. D. Il c.d. falso grossolano è reato? R. La Corte di Cassazione, in ordine alla portata dell art. 474 del codice penale introduzione e commercio di prodotti con segni falsi, ha confermato (Sentenze del n , n. 6062,

5 n ) che tale fattispecie penalmente rilevante, a tutela della fede pubblica, si realizza con la messa in circolazione di un prodotto con marchio contraffatto, senza che possa assumere rilievo - nel senso di escludere la sussistenza del reato per falso grossolano - la libera determinazione dell acquirente. Si tratta, in sostanza, di un reato di pericolo per la cui configurazione non è necessaria l avvenuta realizzazione dell inganno nei confronti del singolo che sia indotto ad effettuare l acquisto. 9. D. Quali sono i generi più colpiti dal mercato del falso? R. Sulla base delle risultanze operative conseguite dalla Guardia di Finanza negli ultimi due anni, i settori relativi ai beni di consumo e dei giocattoli, in termini quantitativi, appaiono i più colpiti; seguono poi i comparti del sistema moda e dell elettronica. 10. D. Perché contraffazione e pirateria hanno avuto uno sviluppo così forte negli ultimi anni? R. La recrudescenza del fenomeno illecito è legata a motivi diversi che, in sintesi, possono così riassumersi: - scarsa presa di coscienza del problema atteso che spesso i cittadini sono più interessati ad acquistare a basso prezzo prodotti divenuti dei veri e propri status symbol piuttosto che a meditare sulla garanzia, sicurezza e qualità offerte dal prodotto stesso; - costituisce un attività criminale da cui conseguono alti guadagni ed a cui corrispondono bassi rischi; - lo sviluppo delle tecnologie informatiche e digitali hanno reso più facile e meno costosa la riproduzione abusiva dei beni oggetto di tutela; - l avvento del commercio elettronico ha moltiplicato la possibilità di abusi;

6 - per effetto della globalizzazione si sono aperti nuovi mercati anche per i contraffattori. 11. D. Come fare a riconoscere se un bene è originale od al contrario falso? R. In taluni casi, la qualità stessa del prodotto che richiama marchi e griffe famose, la condizione di chi lo offre e l entità del prezzo possono, di per sé, già consentire all acquirente di valutare l originalità o meno del prodotto. Naturalmente, l acquirente ha maggiori garanzie rivolgendosi a fornitori/rivenditori affidabili e professionali. Talvolta il falso può non essere così palese e tale da poter essere immediatamente riconosciuto. Molte aziende produttrici hanno reso riconoscibili i propri prodotti, oltre che grazie a marchi concretamente distinguibili, anche attraverso sistemi d identificazione apposti sul prodotto nonché sulla confezione, come a titolo esemplificativo e non esaustivo: certificati di garanzia, etichette, marcature, bollini, chip, codici a barre, gift cards, licenze e manuali d uso nonché indicazione di numeri verdi e siti web per l assistenza e la consulenza alla clientela. Ove, comunque, l acquirente abbia il ragionevole dubbio di aver inconsapevolmente comprato un prodotto falso, potrà segnalare il fatto al numero di pubblica utilità 117 della Guardia di Finanza ovvero si potrà recare presso il competente Comando del Corpo per denunziare l accaduto affinché possano essere intrapresi i successivi approfondimenti investigativi. 12. D. Che vantaggio c è ad avere un marchio registrato? R. I vantaggi sono numerosi ed importanti, in quanto registrando il marchio si impedisce ad altri possibili concorrenti di poterlo utilizzare per le loro attività. Ciò comporta notevoli benefici soprattutto per i marchi più noti, evitando così che i concorrenti possano approfittare a loro vantaggio di

7 questa situazione di popolarità. Inoltre, disponendo di un marchio registrato, si ha titolo esclusivo ad effettuare operazioni commerciali di diverso tipo (es. franchising). Da non dimenticare, tra gli altri vantaggi, il fatto che il marchio aumenta di valore con il trascorrere del tempo ed è un bene capitale che può essere affittato, ceduto o sfruttato al pari di ogni altro bene dell'azienda. 13. D. Registrare un marchio costa molto? R. La registrazione di un marchio in Italia ha costi contenuti. E anche possibile registrare il marchio in: - Unione Europea; il marchio comunitario è decisamente vantaggioso, considerando che una sola registrazione ha validità negli attuali 25 paesi membri dell'unione Europea; - più Paesi, anche extracomunitari; è possibile presentare una domanda di registrazione internazionale per i Paesi che aderiscono all'accordo / Protocollo di Madrid. 14. D. La registrazione del marchio mi garantisce il diritto all'uso esclusivo in tutto il mondo? R. La registrazione di un marchio ha valore territoriale, limitato allo stato in cui viene effettuata. Vi sono tuttavia sistemi di protezione sopranazionali per i paesi dell'unione Europea (marchio comunitario) e per quelli membri dell'accordo / Protocollo di Madrid (registrazione internazionale). 15. D. Come scegliere un nuovo marchio?

8 R. Per la scelta di un marchio si deve tenere conto di alcune regole fondamentali: - non deve essere descrittivo del prodotto o servizio, per esempio un termine generico usato comunemente in relazione al prodotto stesso, né composto unicamente da un termine laudatorio; - non deve essere identico o simile ad altri marchi già registrati per prodotti o servizi identici o simili: non tenere conto di questa regola può esporre al rischio di essere citati per danni dal titolare di un marchio precedente, nonché di dover cambiare il marchio col quale è stato già lanciato un nuovo prodotto o servizio (per non correre questo rischio, è consigliabile effettuare una ricerca); - non deve trarre in inganno circa la qualità del prodotto o servizio; - deve essere capace di identificare il prodotto o servizio e distinguerlo da quelli dei concorrenti; - deve essere tutelabile contro imitazioni e usurpazioni; - deve essere utilizzabile anche in tutti i paesi in cui si ha intenzione di esportare il prodotto o prestare il servizio. 16. D. Quando si sceglie un nuovo marchio, come si fa a sapere che non sia già di proprietà altrui? R. La novità di un marchio è un requisito essenziale per la sua adozione, inclusa la registrazione. Il marchio non deve essere né identico né troppo simile a un marchio già usato e / o registrato da terzi per la stessa categoria di prodotti o servizi. Ci si può accertare della novità del proprio marchio con l aiuto di un consulente in proprietà intellettuale, che effettua una ricerca fra i marchi già registrati in Italia e nei paesi in cui si desidera depositare una domanda di registrazione.

9 17. D. Si hanno maggiori tutele - con riferimento al mercato del falso se si registra come marchio solo una parola oppure il nome con la grafica? R. La scelta dipende dal tipo di nome che vuole registrare, nel senso che se la parola che si ha in mente e' fortemente innovativa perché di fantasia e completamente nuova, può valere la pena registrare solo il nome, in modo che nessun altro possa utilizzare quello stesso nome scritto in qualsiasi grafica. Se invece il nome che si utilizza e' debole, perché vagamente descrittivo del servizio o perché ricorda parole analoghe, conviene registrare nome e grafica, perché in questo caso il marchio acquista maggiore valore. 18. D. Un marchio registrato per certi prodotti può essere utilizzato anche per prodotti diversi? R. Quando si deposita una domanda di registrazione del marchio si indicano i prodotti per i quali verrà utilizzato; quelli che vengono indicati sono gli unici per i quali viene concessa la protezione. Per estendere la portata di un marchio non basta fare una semplice "integrazione" ma bisogna depositare completamente una nuova domanda di registrazione che raffiguri lo stesso marchio già depositato indicando però le nuove classi di prodotti per cui verrà utilizzato. 19. D. E obbligatorio indicare che il marchio è registrato? R. In Italia non vi sono disposizioni che impongono l utilizzo di specifiche indicazioni per contraddistinguere marchi depositati o registrati. La funzione del simbolo è semplicemente quella di ricordare al pubblico dei consumatori e ai concorrenti che il marchio è registrato. Ciò può essere necessario soprattutto per i marchi di cui si teme la volgarizzazione, fenomeno di cui sono stati vittime alcuni marchi

10 utilizzati per prodotti innovativi di successo. Se è vero che la legge non impone accanto al marchio l indicazione di registrazione, è anche vero che la vieta espressamente nel caso in cui il marchio non sia effettivamente registrato. Se si appone il segno accanto al marchio ancora in attesa di registrazione si può incorrere in sanzioni amministrative. E' invece possibile indicare, magari tramite un asterisco e una piccola nota, che il marchio è depositato. Alternativamente può essere utilizzato il simbolo, che in inglese equivale a Trade Mark ossia Marchio di Commercio, e che viene utilizzato nei paesi di lingua anglosassone per indicare un marchio indipendentemente dal fatto che sia registrato. Nulla ha a che fare con il mondo dei marchi la, simbolo internazionale che significa copyright, cioè diritto d autore. Solitamente essa indica l esistenza di un diritto d autore sull opera letteraria, musicale, artistica su cui è apposta. Normalmente è seguita dall anno di prima pubblicazione dell opera e dal nominativo della persona o società che detiene i diritti di sfruttamento esclusivi sulla stessa. 20. D. Se si utilizza un nome da tempo, e qualcuno lo registra cosa si può fare? R. Occorre innanzitutto valutare a fondo la notorietà acquisita nel tempo dalla propria ditta. L'art. 16 della Legge sui marchi prevede che uno dei requisiti fondamentali per poter validamente registrare un marchio sia la novità del segno; il seguente art. 17 elenca alcune ipotesi in cui detta novità viene meno. In particolare la lettera e) di quest ultimo articolo prevede che non sono nuovi i marchi che siano identici o simili ad un segno già noto come ditta, denominazione o ragione sociale e insegna adottato da altri, se a causa dell'identità o somiglianza tra i segni e dell'identità o affinità tra l'attività d'impresa da questi esercitata ed i

11 prodotti o servizi per i quali il marchio è registrato possa determinare un rischio di confusione per il pubblico. 21. D. Posso difendere l esclusiva di un marchio che uso da tempo ma che non ho mai registrato? R. In Italia ed in alcuni paesi esteri è prevista la tutela per marchi usati ma non registrati (marchi di fatto). Tuttavia è sicuramente più difficile difendere l esclusiva di questo genere di marchi, la cui protezione è notevolmente più limitata rispetto a quella del marchio registrato: essa è circoscritta al territorio in cui il marchio è stato effettivamente usato e si perde ogni diritto con qualsiasi interruzione dell uso. Al contrario, per un marchio registrato l uso è d obbligo solo entro il quinto anno dalla registrazione. La registrazione del marchio è dunque sempre la strada consigliabile per mantenerne l esclusiva, ed è evidentemente possibile richiederla e ottenerla anche per marchi in uso già da tempo. 22. D. Quali strumenti ho per difendere, in tempi rapidi, il marchio che ho registrato? R. Il titolare del marchio può chiedere, tramite procedura d urgenza: - Un inibitoria, ordinata dal giudice, che vieti al contraffattore l uso del marchio e lo obblighi a eliminare i mezzi con cui tale uso è avvenuto; - il sequestro dei beni contraddistinti dal marchio oggetto di disputa. Entrambi i provvedimenti hanno l effetto di interrompere immediatamente l attività che costituisce violazione dei diritti di marchio.

12 23. D. Il marchio comunitario prevale sui marchi nazionali? R. Il sistema del marchio comunitario coesiste con i sistemi nazionali di registrazione di ciascun paese europeo. Ciò significa che un marchio nazionale anteriore prevale nei confronti di un marchio comunitario e viceversa. 24. D. In quanto tempo viene concessa la registrazione di un marchio comunitario? R. Attualmente le registrazioni vengono concesse dai 2 ai 3 anni dopo la data di deposito, se la domanda non viene rigettata. L'attesa è più breve (dai 3 ai 5 mesi) se la domanda di marchio italiano è la base per una registrazione Internazionale, secondo l'accordo di Madrid. La protezione decorre comunque dalla data di deposito. 25. D. Quanto dura la registrazione di un marchio comunitario? R. La durata della registrazione è di 10 anni dalla data di deposito ed è rinnovabile indefinitamente di decennio in decennio. 26. D. La registrazione di un brevetto protegge veramente da chi vuole copiare l invenzione? R. La possibilità di difendere un'invenzione brevettata dalle usurpazioni e contraffazioni dipende essenzialmente da due fattori: l'originalità dell'invenzione e la qualità del brevetto. Quanto più un ritrovato è originale, tanto più ampio sarà il suo ambito di tutela. È opinione diffusa che basta cambiare un minimo particolare per poter copiare impunemente un invenzione, aggirando il brevetto. Ciò è vero solo nel caso in cui sia proprio quel minimo particolare l oggetto dell invenzione, in quanto l esclusiva brevettuale riguarda solo le parti originali di un ritrovato. Ma la possibilità di difendere efficacemente un brevetto

13 dipende, in secondo luogo, dal modo in cui l invenzione viene descritta negli allegati tecnici della domanda di brevetto. In tal senso, oltre alla descrizione completa del ritrovato, occorre redigere un documento contenente le "rivendicazioni", in cui vengono specificati gli aspetti originali e inventivi del ritrovato per i quali si rivendica l esclusiva e che definiscono l ambito di tutela del brevetto. 27. D. Una domanda di brevetto tutela in tutto il mondo? R. Il diritto di esclusiva conferito da una domanda di brevetto depositata presso gli uffici brevetti nazionali ha valore solo nel territorio dello stato in cui si deposita la domanda. Per estendere tale esclusiva ad altri stati esteri, è necessario depositare singole domande di brevetto in ogni stato, oppure utilizzare la procedura prevista da accordi internazionali come la Convenzione sul Brevetto Europeo che permette l ottenimento di una tutela in oltre 30 paesi europei. Se vi è la necessità di depositare la domanda di brevetto in molti stati anche fuori dall'europa, ci si può avvalere del Trattato di Cooperazione Internazionale (PCT) che prevede una procedura più semplice ed economica per inoltrare una richiesta di protezione in più paesi. 28. D. E possibile brevettare un invenzione che sia stata già utilizzata o divulgata? R. Un requisito fondamentale per la brevettabilità di un invenzione è la novità. Un invenzione non è più brevettabile una volta che il suo contenuto sia stato reso disponibile in qualsiasi forma e modo a terzi. Dunque ad esempio: la commercializzazione o la descrizione su una pubblicazione scientifica di un nuovo ritrovato ne pregiudicano la brevettabilità. Anche se si riuscisse a ottenere un brevetto, questo vizio d origine incomberebbe sempre e un concorrente potrebbe chiedere la

14 nullità del brevetto per mancanza di novità in qualsiasi momento. E importante pertanto affidare la redazione di brevetti a consulenti di settore. SICUREZZA DEI PRODOTTI 29. D. Che cos è la marcatura CE? R. E l indicazione di conformità del prodotto ai requisiti essenziali di sicurezza previsti da una o più Direttive Comunitarie applicabili al prodotto stesso. Essa non è quindi un marchio ma è esclusivamente la dichiarazione che sono stati rispettati tali requisiti di sicurezza ed è obbligatoria in tutta Europa. 30. D. Perché occorre la marcatura CE? R. Perché esistono direttive CEE che, recepite in Italia con decreti legislativi ed altri atti, lo impongono. Ciò allo scopo di uniformare la sicurezza dei prodotti che possono essere utilizzati nei Paesi della Comunità Europea. 31. D. Che significato ha la marcatura CE? R. Il costruttore (oppure un suo mandatario nell Unione Europea) apponendo la marcatura CE sul prodotto, attesta che lo stesso soddisfa i requisiti essenziali delle direttive applicabili e che sono state assolte le procedure stabilite nelle direttive: ad esempio è stata compilata la dichiarazione di conformità, è stato predisposto il fascicolo tecnico, ecc..

15 32. D. Che forma deve avere la marcatura CE? R. La forma è quella indicata di seguito: se a causa delle dimensioni del prodotto è necessario che la marcatura venga rimpicciolita (comunque non sotto i 5 mm) o ingrandita è comunque necessario rispettarne le proporzioni. Tale marcatura non deve assolutamente essere confusa con il marchio China Export il quale, si differenzia principalmente perché: - la distanza tra le lettere C ed E è inferiore (le due lettere non sono inscritte in due cerchi tangenti come nella figura sopra); - la forma delle lettere si basa su di una struttura ovale e non su di una circolare. marchio China Export 33. D. Tutti i prodotti devono avere la marcatura CE? R. Soltanto quelli che ricadono sotto le Direttive comunitarie cosiddette del Nuovo Approccio (es. giocattoli, tutti i prodotti elettrici, occhiali da sole e da vista, apparecchi a gas o a pressione). Vi sono prodotti di largo consumo che non necessitano della marcatura CE come ad esempio:

16 orologi, strumenti musicali non elettrici, materassi, forbici, coltelli, stoviglieria, calzature da passeggio, valigeria, etc D. Qual è la procedura da seguire per marcare CE un prodotto? R. La procedura non è uguale per tutti i prodotti: esistono procedure che prevedono semplicemente una dichiarazione del costruttore e la predisposizione del fascicolo tecnico, altre che impongono l approvazione del prodotto e/o la certificazione del sistema di qualità da parte di un organismo notificato. Ogni direttiva indica la procedura da seguire; a volte la stessa direttiva indica procedure diverse secondo la tipologia del prodotto e la sua pericolosità. 35. D. Che cosa sono le direttive CEE? R. Sono documenti che fissano i requisiti essenziali dei prodotti e rinviano a norme specifiche (norme di prodotto) per tutte le altre caratteristiche che gli stessi devono possedere. 36. D. Come individuare le direttive da applicare? R. Le direttive vengono applicate in base al tipo di prodotto da realizzare. Ci sono, ad esempio, direttive riguardanti i giocattoli (Direttiva del Consiglio n. 88/378/CEE del 3 maggio 1988), le apparecchiature a gas (Direttiva 90/396/CEE del Consiglio del 29 giugno 1990), i dispositivi medici (Direttiva 93/42/CEE del Consiglio del 14 giugno 1993) ecc.. Esistono poi direttive più generali quali ad esempio quella sulla "compatibilità elettromagnetica" (Direttiva del Consiglio n. 89/336/CEE del 3 maggio 1989) e la direttiva bassa tensione (Direttiva del Consiglio 73/23/CEE, del 19 febbraio 1973), che si applicano ai prodotti di tipo elettrico /elettronico.

17 37. D. Come provare la conformità? R. La conformità viene provata attraverso una serie di procedure che possono coinvolgere il solo produttore oppure un ente terzo, a seconda che sia richiesta la DICHIARAZIONE oppure la CERTIFICAZIONE di conformità. 38. D. Cos è la dichiarazione di conformità? R. È l atto con il quale il costruttore (o chi per lui) dichiara che quel prodotto è conforme alla direttiva (o direttive) e norme armonizzate applicabili allo specifico prodotto. 39. D. Cos è la certificazione? R. È l atto che attesta che un prodotto, un processo o un servizio è conforme ad una specifica norma o documento normativo. La certificazione viene effettuata da organismi, appunto, di certificazione, che agiscono sempre quale parte terza. In seguito all avvenuta certificazione, viene rilasciato un certificato ed il diritto d'uso della marcatura e/o del marchio. 40. D. In quali casi si parla di certificazione obbligatoria? R. La certificazione è obbligatoria nei casi e nei modi previsti dalla legge: ad esempio, la Comunità Europea impone la marcatura CE in relazione a determinati prodotti particolarmente pericolosi o associati a gravi rischi, indicati dalle Direttive "Nuovo Approccio". In relazione a questi prodotti, la marcatura CE è indispensabile per poter circolare liberamente nel mercato Unico. 41. D. In quali casi invece si parla di certificazione volontaria? Perché è importante ricorrervi? R. Si parla di certificazione volontaria quando la conformità a norme tecniche è una scelta del produttore. La certificazione di conformità ad

18 una determinata norma tecnica - oltre ad essere una garanzia interna all azienda - può costituire un fattore strategico di competitività, rappresentando agli occhi del consumatore un simbolo di qualità. 42. D. Che cosa è un marchio di qualità? R. Il marchio è un segno distintivo applicato su un prodotto o sulla sua confezione, in seguito al rilascio di un certificato di conformità. Esistono marchi obbligatori e marchi volontari. 43. D. Qual è la funzione dei marchi obbligatori? Qual è la funzione dei marchi volontari? R. I marchi obbligatori attestano la conformità a regole tecniche di impiego obbligatorio, mentre i marchi volontari attestano la conformità a norme tecniche di impiego volontario, testimoniando presso il pubblico il buon livello del prodotto. 44. D. Marchi obbligatori e marchi volontari possono essere apposti sul medesimo prodotto? R. Si. Marchi obbligatori (ad esempio, la marcatura CE) e marchi volontari possono comunque essere apposti sullo stesso prodotto: il marchio volontario fornisce infatti una "garanzia supplementare" sulla qualità dei prodotti, al di là del possesso dei requisiti essenziali previsti dalle direttive comunitarie. 45. D. Cosa sono le norme "armonizzate"? R. Sono norme le quali, dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea, vengono recepite dagli Stati membri. La loro applicazione garantisce la presunzione di conformità del prodotto.

19 46. D. A quali prodotti ed in che modo si deve applicare il Decreto Legislativo 206/2005? R. Si applica a tutti i prodotti non alimentari destinati ai consumatori finali: nella sua totalità a prodotti di consumo che non rientrano nel campo d applicazione delle normative di settore e parzialmente ai prodotti disciplinati da una legislazione specifica (ad esempio i prodotti elettrici che funzionano entro certi limiti di tensione, i giocattoli, ecc.). L art. 102 del Decreto Legislativo n. 206/05 (pubblicato nella GU n. 235 del Supplemento Ordinario n. 162) definisce il campo di applicazione, stabilendo che le disposizioni della Parte IV Sicurezza e Qualità, Titolo I Sicurezza dei Prodotti - si applicano a tutti i prodotti definiti all art. 103, comma 1, lettera a); ciascuna delle sue disposizioni si applica laddove non esistono, nell ambito della normativa vigente, disposizioni specifiche aventi come obiettivo la sicurezza dei prodotti. 47. D. Quali sono i soggetti destinatari del Decreto Legislativo 206/2005? R. I soggetti destinatari, a norma dell art. 103 del decreto legislativo 206/05, sono i seguenti: a. il PRODUTTORE, cioè colui che, stabilito nella Unione europea, appone sul prodotto elementi atti ad identificarlo come responsabile della sicurezza del prodotto stesso (nome marchio segno caratteristico); anche la persona che in qualche modo modifica il prodotto per ripristinarne le caratteristiche iniziali (rimesso a nuovo) è soggetto alle disposizioni del Decreto Legislativo 206/2005; b. il RAPPRESENTANTE, nel territorio comunitario, del fabbricante che ha sede in un paese che non è tra gli Stati membri dell Unione europea; c. l IMPORTATORE quando non esiste il legale rappresentante; d. tutti gli altri OPERATORI COMMERCIALI che possono intervenire sul prodotto modificandone la conformità iniziale;

20 e. il DISTRIBUTORE, cioè qualsiasi operatore professionale che commercializza il prodotto, anche se non interviene sulle caratteristiche di sicurezza. 48. D. Quali sono le Autorità di controllo preposte alla sorveglianza del mercato? R. Sono le Autorità individuate dagli articoli 106 e 107 del Decreto Legislativo 206/2005, vale a dire: i Ministeri delle Attività Produttive, della Salute, del Lavoro e delle Politiche Sociali, dell Interno, dell Economia e delle Finanze, delle Infrastrutture e dei Trasporti, nonché le amministrazioni pubbliche di volta in volta competenti per materia all effettuazione dei controlli. 49. D. Cosa significa immesso sul mercato ed immesso in libera pratica? R. E immesso sul mercato il prodotto fruibile dal consumatore finale, senza ulteriori lavorazioni, mentre è immesso in libera pratica quel prodotto che ha completato le operazioni di verifica doganale ed è reso materialmente disponibile al soggetto che ne ha curato l importazione (importatore). 50. D. Che differenza c è tra richiamo e ritiro? R. Il richiamo è l intervento fatto allo scopo di ottenere la restituzione di un prodotto che è già disponibile al consumatore (intervento a valle), mentre il ritiro è quella misura atta ad impedire che il prodotto pericoloso sia distribuito o anche semplicemente esposto per la fruizione del consumatore (intervento a monte) - Art. 103, comma 1, lettere f) g).

Oggi ho sentito parlare del diritto d autore! Ah si e che cosa è il diritto d autore?

Oggi ho sentito parlare del diritto d autore! Ah si e che cosa è il diritto d autore? Oggi ho sentito parlare del diritto d autore! Ah si e che cosa è il diritto d autore? Laleggespeciale22 aprile 1941, n. 633istituiscela tutela delle opere dell ingegno di carattere creativo, che appartengano

Dettagli

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio

Codice Civile. Libro Quinto Del lavoro. Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Codice Civile Libro Quinto Del lavoro Titolo VIII Dell'azienda [...] Capo III Del marchio Art. 2569. Diritto di esclusività. Chi ha registrato nelle forme stabilite dalla legge un nuovo marchio idoneo

Dettagli

Legge 18 ottobre 1977, n. 791.

Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Legge 18 ottobre 1977, n. 791. Attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità europee (n 73/23/CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad essere

Dettagli

Introduzione al diritto d autore

Introduzione al diritto d autore Introduzione al diritto d autore Lezione n. 1 Il diritto d autore Legge 22 aprile 1941 n. 633, Protezione del diritto d autore e di altri diritti connessi al suo esercizio Art. 1 Sono protette ai sensi

Dettagli

FPM Federazione contro la Pirateria Musicale

FPM Federazione contro la Pirateria Musicale FPM Federazione contro la Pirateria Musicale Cosa dice la legge? La Legge sul Diritto d Autore 633/41, aggiornata dalla Legge 248/00, prevede dure sanzioni penali per coloro che violano le disposizioni

Dettagli

LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE SU INTERNET

LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE SU INTERNET LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE SU INTERNET Alcune istruzioni per l uso a cura della Prof.ssa Rita Mele Diritto ed Economia A.S. 2013/14 1 LA TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE IN INTERNET Le

Dettagli

POLICY DELLA FONDAZIONE CARIPLO IN TEMA DI TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE

POLICY DELLA FONDAZIONE CARIPLO IN TEMA DI TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE 1 POLICY DELLA FONDAZIONE CARIPLO IN TEMA DI TUTELA DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE VADEMECUM / FAQ 1. Per innovazione si intende qualsiasi risultato delle attività di ricerca afferente al progetto oggetto

Dettagli

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA

UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA UFFICIO BREVETTI E MARCHI ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI DOMANDA DI REGISTRAZIONE PER MARCHIO D IMPRESA Il marchio di impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere i prodotti o i servizi

Dettagli

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi Roma, 23 maggio 2011 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Protocollo: 59658/RU Rif.: Allegati: 2 Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi All Ufficio centrale antifrode Sede e, p.c. Al Ministero

Dettagli

Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc

Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc Dal sito dell Univideo: http://www.univideo.org/cms/attach/editor/quadro_normativo_copi a_privata_per_sito.doc LA RATIO DELLA DISCIPLINA LEGISLATIVA SULLA COPIA PRIVATA La copia privata consiste nella

Dettagli

Il compito di applicare il contrassegno, cioè di "vidimare" i supporti è affidato alla SIAE.

Il compito di applicare il contrassegno, cioè di vidimare i supporti è affidato alla SIAE. Il contrassegno La Legge sul diritto d'autore, n. 633/1941), stabilisce (art. 181 bis) che su ogni supporto contenente programmi per elaboratore o multimediali nonché su ogni supporto (CD, cassette audio

Dettagli

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE.

PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. PROTEGGIAMO I VOSTRI MARCHI E LE VOSTRE IDEE. STUDIO TRINCHERO Lo Studio Trinchero è una società di consulenza che tratta il tema della Proprietà Intellettuale specializzata nel deposito, mantenimento,

Dettagli

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione

CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione OGGETTO: CITTA' DI TORINO CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE SETTORE SERVIZI INTEGRATI Ufficio Studi e Formazione CIRCOLARE N. 134 Operativa Attività Produttive. D.lgs 11 Aprile 2011 n. 54 recante Attuazione

Dettagli

di impianti e macchinari sicuri

di impianti e macchinari sicuri La nuova direttiva macchine 2006/42/CE Un nuovo approccio metodologico alla progettazione e costruzione di impianti e macchinari sicuri 1 Recepimento e D.Lgs 27 gennaio 2010, n. 17-6 Marzo 2010: entrata

Dettagli

Cos e un disegno o un modello?

Cos e un disegno o un modello? Disegni e modelli La forte propensione all innovazione ed i repentini mutamenti di scenario, che caratterizzano il contesto economico attuale, rendono gli interventi di tutela e valorizzazione della Proprietà

Dettagli

Marchio CE su prodotti non soggetti a marchiatura CE. Avv. Maurizio Iorio

Marchio CE su prodotti non soggetti a marchiatura CE. Avv. Maurizio Iorio Marchio CE su prodotti non soggetti a marchiatura CE Avv. Maurizio Iorio 1 Un mio cliente si é visto recentemente notificare una sanzione amministrativa di Euro 20.000, emessa ai sensi della normativa

Dettagli

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione FONTI NORMATIVE: Legge N. 791/77 Direttiva del consiglio delle Comunità Europee N. 73/23/CEE (abrogata dalla Direttiva n. 2006/95/CEE) Prodotti inclusi:

Dettagli

SCHEDA 3 I giocattoli

SCHEDA 3 I giocattoli SCHEDA 3 I giocattoli Normativa di riferimento La normativa di riferimento in materia di giocattoli è molto articolata, poiché consta di leggi nazionali, decreti ministeriali, circolari e direttive CEE.

Dettagli

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! BREVETTO, DIRITTI D AUTORE, MODELLI DI UTILITA

OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! BREVETTO, DIRITTI D AUTORE, MODELLI DI UTILITA OCCHIO AL DOWNLOAD E UPLOAD!!! DIRITTI DI PROPRIETA INDUSTRIALE TUTELANO ANCHE TE!!! BREVETTO, DIRITTI D AUTORE, MODELLI DI UTILITA Cos' è la Proprietà intellettuale?? Settore del diritto che si riferisce

Dettagli

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano

Servizio Accertamenti a Tutela della Fede Pubblica CCIAA Milano Pubblica CCIAA Milano La competenza Le funzioni di autorità di vigilanza per il controllo della conformità dei giocattoli alle disposizioni del presente decreto legislativo sono svolte dal Ministero dello

Dettagli

Il Diritto d Autore su Internet. Tutela del sito web e utilizzo dei contenuti. Modena, 17 ottobre 2013. Modena, 17 ottobre 2013 1

Il Diritto d Autore su Internet. Tutela del sito web e utilizzo dei contenuti. Modena, 17 ottobre 2013. Modena, 17 ottobre 2013 1 Il Diritto d Autore su Internet Tutela del sito web e utilizzo dei contenuti Modena, 17 ottobre 2013 Modena, 17 ottobre 2013 1 LA PROPRIETA INTELLETTUALE Diritto d autore Cos è il diritto d autore La legge

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Proprietà industriale o diritto d autore? Istruzioni per l uso Di che cosa parleremo Il diritto d autore

Dettagli

CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE

CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE 44 CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE CONTRAFFAZIONE: STOP!CONTRAFFAZIONE: STOP! 55 COME TUTELARE MARCHIO DESIGN INNOVAZIONE PREMESSAPREMESSA COME TUTELARE

Dettagli

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo

CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara Iengo Foro di Bergamo Seminario IL BREVETTO LA PROTEZIONE DELLA CREATIVITÀ INTELLETTUALE NEL CAMPO DELL INVENZIONE INDUSTRIALE Lunedì 21 maggio 2007 CARATTERISTICHE PRINCIPALI DEI BREVETTI: DEFINIZIONI E TIPOLOGIE Avv. Chiara

Dettagli

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL)

La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) La libera circolazione dei prodotti e le problematiche della sicurezza Dal Nuovo Approccio al New Legal Framework (NFL) 9 febbraio 2010 Ing. Fabio DATTILO Direttore Centrale della Direzione Centrale per

Dettagli

La violazione del marchio

La violazione del marchio +39.06.97602592 La violazione del marchio Le Sanzioni previste in tema di marchi d impresa Le sanzioni comminate a seguito delle violazioni previste in tema di marchi sono disciplinate dal codice civile,

Dettagli

Circolazione e tutela del software nella federazione russa

Circolazione e tutela del software nella federazione russa Circolazione e tutela del software nella federazione russa Nell esercizio di attività di impresa e commerciali nella Federazione Russa rivestono crescente importanza i software e le banche dati. Presentiamo

Dettagli

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni

LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO. avv. Paolo Tosoni LA TUTELA PENALE DEL COMMERCIO DEL VINO PREMESSA a) la genuinità e la bontà del vino che quotidianamente consumiamo determinano lo stato fisico e la condizione del cittadino-consumatore; b) il consumatore

Dettagli

http://www.studiodicarlo.org

http://www.studiodicarlo.org Contratto di affiliazione commerciale Tra le Parti: A s.p.a. , con sede in (provincia di ) in via al civico numero (), capitale sociale deliberato euro (/00),

Dettagli

Con li patrocinio del:

Con li patrocinio del: Con li patrocinio del: BENVENUTI 26 Novembre 2010 Varese Con li patrocinio del: Sponsor della serata: 27 Novembre 2010.. ricordiamoci.. AGENDA DELLA SERATA 1. Modalità di associazione anno 2011. 2. E tu...scarichi?

Dettagli

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato.

Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Direttiva 98/84/CE del 20 novembre 1998, sulla tutela dei servizi ad accesso condizionato e dei servizi di accesso condizionato. Decreto legislativo 15 novembre 2000, n. 373 OBIETTIVO Armonizzazione delle

Dettagli

Registrazione I soggetti del diritto d autore

Registrazione I soggetti del diritto d autore Cosa sono i beni informatici? I beni informatici Corso Nuove tecnologie e diritto Lezione 2-4 maggio 2004 Claudia Cevenini Beni in senso giuridico = cose che possono formare oggetto di diritti (art. 810

Dettagli

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti.

Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Regolamento dell Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna B. Ubertini in materia di brevetti. Titolo I Disposizioni generali Art. 1 (Oggetto) 1. Il presente regolamento

Dettagli

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA

Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Prof.ssa Enrica Morena AZIENDA Definizione Art. 2555 c.c. È il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa AZIENDA E IMPRESA Sono concetti differenti AZIENDA è il complesso

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y EMIRATI ARABI UNITI MARCHI E BREVETTI NEGLI EMIRATI ARABI UNITI di Avv. Francesco Misuraca Disciplina della proprietà intellettuale La fonte disciplinare per la tutela dei marchi è la legge federale n.

Dettagli

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti

MARCHIO e BREVETTO. Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016. Avv. Elena Menotti MARCHIO e BREVETTO Alleanza delle Cooperative Italiane Imola Progetto Experiment Gennaio Febbraio 2016 DIRITTO DELLA PROPRIETA INTELLETTUALE Diritto della proprietà intellettuale ( in senso stretto ) -

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo I SEGNI DISTINTIVI: IL MARCHIO I SEGNI DISTINTIVI DELL IMPRENDITORE Presupposto della possibilità che la concorrenza

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE PROPRIETÀ INTELLETTUALE A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Registrazione del Marchio a Singapore Le fonti normative a tutela dei marchi sono: il Trade Marks Act, le Trade Marks Rules ed i

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio

PARTE SPECIALE Sezione IV. Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Reati contro industria e commercio PARTE SPECIALE Sezione IV Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic 25 bis 1 D lgs 231/01)... 3 2.Processi Sensibili... 5 3.Regole

Dettagli

La Direttiva Macchine

La Direttiva Macchine La Direttiva Macchine Enti, Norme, Presupposti Il Quadro Normativo Presupposto fondamentale: distinguere subito ed in modo preciso le due grandi famiglie di Norme di riferimento. Le Norme Legislative Le

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto si intende per: - Contratto : denominato anche Contratto per l uso del Servizio Indagini Finanziarie indica le presenti Condizioni Generali di Contratto, la Richiesta

Dettagli

Materiale elettrico a bassa tensione

Materiale elettrico a bassa tensione La sicurezza dei prodotti Materiale elettrico a bassa tensione Avv. LA SICUREZZA COME VALORE COMUNITARIO Reg. CE/765/2008 È necessario assicurare che i prodotti che beneficiano della libera circolazione

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA ISTRUZIONI PER LA REGISTRAZIONE DI UN MARCHIO D IMPRESA CHE COS E UN MARCHIO D IMPRESA Il marchio d impresa è un segno distintivo che serve a contraddistinguere

Dettagli

La tutela del marchio

La tutela del marchio La tutela del marchio INCREDIBOL! l Innovazione CREativa DI BOLogna Bologna, 9 giugno 2015 Avv. Raffaella Pellegrino 1 Requisiti validità (novità, capacità distintiva, liceità) Ricerche anteriorità Classi

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione.

Direttiva Macchine 2006/42/CE. Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Direttiva Macchine 2006/42/CE Dichiarazione CE di Conformità: la corretta compilazione. Fonte: Guida Ufficiale Commissione europea Direttiva macchine 2006/42/CE Ed. 2010 Dati fabbricante La ragione sociale

Dettagli

tra in persona del legale rappresentante... con sede legale in... Via/Piazza d ora in avanti denominata Impresa

tra in persona del legale rappresentante... con sede legale in... Via/Piazza d ora in avanti denominata Impresa PROTOCOLLO APPLICATIVO PER LE IMPRESE DISTRIBUTRICI DI SUPPORTI VERGINI (CD-R E DVD- R) NON ISCRITTE NEL REPERTORIO DEL MINISTERO DELLA SALUTE COME FABBRICANTI DI DISPOSITIVI MEDICI N. tra S.I.A.E. - Società

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y MAROCCO PROPRIETÀ INTELLETTUALE IN MAROCCO di Avv. Francesco Misuraca Proprietà intellettuale in Marocco L Office Marocain de la Propriété Industrielle et Commerciale di Casablanca conserva il registro

Dettagli

URL del documento: http://creativecommons.ieiit.cnr.it/bollinosiae_e_licenzecc.pdf

URL del documento: http://creativecommons.ieiit.cnr.it/bollinosiae_e_licenzecc.pdf IL BOLLINO SIAE E LE LICENZE CREATIVE COMMONS URL del documento: http://creativecommons.ieiit.cnr.it/bollinosiae_e_licenzecc.pdf Partendo dall analisi delle disposizioni che disciplinano l apposizione

Dettagli

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione)

GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) GUIDA Il marchio comunitario (Diritti, costi e fasi del procedimento di registrazione) Il marchio comunitario è un marchio unico valevole sull intero territorio dell Unione Europea. Il marchio comunitario

Dettagli

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE

SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE Art.1 Art.2 Art.3 Art.4 Art.5 Art.6 Art.7 Art.8 Art.9 Art.10 Art.11 Art. 12 Art. 13 Art. 14 Art. 15 Art. 16 INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA E APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI

Dettagli

PARTE SPECIALE Sezione VIII. Reati in materia di violazione del diritto di autore

PARTE SPECIALE Sezione VIII. Reati in materia di violazione del diritto di autore PARTE SPECIALE Sezione VIII Reati in materia di violazione del diritto di autore PARTE SPECIALE Sezione VIII Sommario 1.Le fattispecie di Reati Presupposto (Artic. 25 novies D.Lgs. 231/01)... 3 2.Processi

Dettagli

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze

Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze Qualità e Certificazione certificazione di prodotto - Marcantonio Catelani Facoltà di Ingegneria Firenze 1 Focus sulla Certificazione Organismi di certificazione Certificazione personale Certificazione

Dettagli

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it

Tecniche Informatiche di ricerca giuridica. Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Tecniche Informatiche di ricerca giuridica Nicolò Ghibellini Università di Ferrara ghbncl@unife.it Sesta lezione I contratti del software Modelli di tutela Distribuzione commerciale Tutela giuridica del

Dettagli

Principali elementi degli obiettivi di sicurezza del materiale elettrico destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di tensione

Principali elementi degli obiettivi di sicurezza del materiale elettrico destinato ad essere adoperato entro taluni limiti di tensione L. 18 ottobre 1977, n. 791 (1). Attuazione della direttiva del consiglio delle Comunità europee (n. 72/23/CEE) relativa alle garanzie di sicurezza che deve possedere il materiale elettrico destinato ad

Dettagli

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012

Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 25 maggio 2012 Robert Bosch S.p.A. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO EX DECRETO LEGISLATIVO 8 GIUGNO 2001, N. 231 PARTE SPECIALE H: REATI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO Approvato dal Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole

Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva 84/450/Cee sulla pubblicità ingannevole Testo aggiornato al 10 dicembre 2007 Decreto legislativo 2 Agosto 2007, n. 145 Gazzetta Ufficiale 6 Settembre 2007, n. 207 Attuazione dell articolo 14 della direttiva 2005/29/Ce che modifica la direttiva

Dettagli

LICENZA PER L UTILIZZAZIONE DELLE OPERE MUSICALI AMMINISTRATE DALLA SIAE IN SITI WEB NON MUSICALI n. /I/... URL DEL SITO OGGETTO DELLA LICENZA...

LICENZA PER L UTILIZZAZIONE DELLE OPERE MUSICALI AMMINISTRATE DALLA SIAE IN SITI WEB NON MUSICALI n. /I/... URL DEL SITO OGGETTO DELLA LICENZA... Questo contratto di licenza è visualizzato per informazione. La licenza deve essere richiesta attraverso i servizi on line. Si attiva così la procedura automatizzata di emissione MAV. A pagamento avvenuto,

Dettagli

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1

MACCHINE SICURE. MACCHINE SICURE Vittore Carassiti - INFN FE 1 Vittore Carassiti - INFN FE 1 LA SICUREZZA DEI LUOGHI DI LAVORO Ha il suo riferimento base in un numero di direttive comunitarie di tipo sociale Esse sono state recepite in blocco in Italia mediante il

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE VII IL DIRITTO D AUTORE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 Definizione -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO Trento 08 aprile 2010 stefano@armprocess.com - www.armprocess.com N 1 / 39 DEFINIZIONI conformità: Soddisfacimento

Dettagli

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com

DAL MARCHIO AL BRAND. CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014. Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com DAL MARCHIO AL BRAND CCIAA Bolzano, 11 settembre 2014 Emanuele Montelione Lexico S.r.l. - emontelione@gmail.com PROGRAMMA - Il brand come segno distintivo - Il marchio come cardine del sistema dei segni

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4341 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore GRECO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 17 NOVEMBRE 1999 Istituzione del marchio

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui. di Alessio Canova

INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui. di Alessio Canova INTERNET E LE IMPRESE: difendere i propri diritti ed evitare di violare i diritti altrui di Alessio Canova Reggio Emilia, 11 aprile 2013 Le imprese e la loro presenza su internet Il sito internet ed i

Dettagli

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie

Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Pubblicazione delle nuove Direttive Comunitarie Milano, 21 Ottobre 2014 Ivan Furcas ivan.furcas@it.bureauveritas.com Nuovo quadro legislativo Pubblicazione L96 GUCE (Gazzetta Ufficiale Comunità Europea)

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Prot. n. 5930.. Pos. n. Allegati n.... Risposta Modena, addì 16 mar 2001.. MODENA, 41100 via Università, 4 tel. 059 2056461 telefax 059 P.I. 00427620364

Dettagli

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K

DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE K DELITTI CONTRO L INDUSTRIA ED IL COMMERCIO 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

Commissione europea Imprese e industria. La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo!

Commissione europea Imprese e industria. La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo! Commissione europea Imprese e industria La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo! Sommario Che cosa rappresenta la marcatura CE? Che cosa rappresenta la marcatura CE? 3 Obblighi dei fabbricanti

Dettagli

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO

PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO PARTE SPECIALE SEZIONE XI DELITTI CONTRO L INDUSTRIA E IL COMMERCIO INDICE 1. FATTISPECIE EX ART.25-BIS.1 D.LGS. 231/01 2. PRINCIPI DI COMPORTAMENTO 3. PRINCIPI GENERALI DI CONTROLLO 4. AREE A RISCHIO

Dettagli

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012

PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI INFORMATICI Approvato. Data. Rev C.d.A 02/01/2012 . PROT. 8 Pag 1/7 PROTOCOLLO INTERNO PER LA PREVENZIONE DEI REATI E DEL TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI, PER LA PREVENZIONE DEI DELITTI IN MATERIA DI VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE E DEI DELITTI CONTRO

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE

CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE CONFERENZA PERMANENTE FRA GLI ORDINI DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE Schema di proposta di legge Norme per la semplificazione degli adempimenti connessi all obbligo di deposito e iscrizione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO DIVISIONE RICERCA E RELAZIONI INTERNAZIONALI Ufficio Brevetti e della Proprietà Intellettuale Via Bogino 9-10124 Torino Tel. 011-670.4374/4381/4170 Fax 011-670.4436 ufficio.brevetti@unito.it

Dettagli

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA

LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA LA TUTELA DELLA PROPRIETÀ INTELLETTUALE NELL UNIONE EUROPEA Cosa si intende per proprietà intellettuale? Come avviene per i beni materiali, anche le creazioni intellettuali possono essere oggetto di proprietà.

Dettagli

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE

La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE La Nuova Direttiva Macchine 2006/42/CE 1/36 Scopo della Direttiva UNIFORMARE: Lo scopo delle direttive comunitarie del nuovo approccio è quello di creare le condizioni necessarie affinché le industrie

Dettagli

DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE I

DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE I MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D. LGS. 231/2001 DI CONSIP S.P.A. a socio unico ***** PARTE SPECIALE I DELITTI IN VIOLAZIONE DEL DIRITTO D AUTORE 1 IL RISCHIO SPECIFICO DEI

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO

ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DELLA DOMANDA DI REGISTRAZIONE DI MARCHIO Normativa di riferimento: Decreto legislativo 10 febbraio 2005 n. 30 "CODICE DELLA PROPRIETA INDUSTRIALE". DECRETO 13 gennaio 2010 n.

Dettagli

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE MANUALE PRATICO SU E INDICE INTRODUZIONE 1. MARCHI: E 2. BREVETTI: E 3. DESIGN: E 4. COPYRIGHT: E 5. SEGRETO INDUSTRIALE: E Introduzione Ogni impresa, sia essa una start-up o un azienda consolidata, possiede

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA

LISTA DEI CONTROLLI SULLE IMPRESE EFFETTUATI DALLA CAMERA DI COMMERCIO DI VERONA Ai sensi dell art. 14 comma 2 D.L. 9.2.2012 n. 5, convertito dalla L. 4.4.2012 n. 35, è pubblicata la seguente lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese operanti nella circoscrizione territoriale

Dettagli

Regolamento del sistema di garanzia

Regolamento del sistema di garanzia REGOLAMENTO DI GARANZIA DEL MARCHIO DI QUALITÀ DEL PARCO NATURALE DOLOMITI FRIULANE Il presente documento ha lo scopo di individuare gli strumenti necessari per la definizione e l attuazione del Marchio

Dettagli

I.D.E.E. S.r.l. ESTRATTO DAI COMMENTI ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE

I.D.E.E. S.r.l. ESTRATTO DAI COMMENTI ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE I.D.E.E. S.r.l. Consulenze per la Sicurezza e la Qualità N.B. La Direttiva Macchine 98/37/CE sarà valida fino al 29 Dicembre 2009, poi entrerà in vigore la Direttiva 2006/42/CE. In ogni caso fino a che

Dettagli

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione

Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure. Cosmetici e contraffazione Direzione generale dei dispositivi medici, del servizio farmaceutico e della sicurezza delle cure Cosmetici e contraffazione 20 dicembre 2013 Cosmetici e contraffazione Definizione Per cosmetico contraffatto

Dettagli

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari L art. 62 del D.L 24 gennaio 2012 n.1, convertito nella L. n. 27 del 24 marzo 2012, ha introdotto una disciplina specifica in materia

Dettagli

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale:

Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: Protezione e valorizzazione della proprietà intellettuale: dalla ricerca universitaria al sistema produttivo Stefano Borrini Società Italiana Brevetti Ancona 14 novembre 2006 Alcuni concetti (luoghi comuni)

Dettagli

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A,

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITA EUROPEE, visto il trattato che istituisce la Comunità economica europea, in particolare l articolo 100 A, ',5(77,9$&(('(/&216,*/,2GHOOXJOLR FKH PRGLILFD OH GLUHWWLYH GHO &RQVLJOLR &(( UHFLSLHQWL VHPSOLFL D SUHVVLRQH &(( VLFXUH]]D GHL JLRFDWWROL &(( SURGRWWL GD FRVWUX]LRQH &(( FRPSDWLELOLWj HOHWWURPDJQHWLFD

Dettagli

La marcatura CE secondo CPR

La marcatura CE secondo CPR 118 33- La marcatura CE deve essere l unica marcatura che attesta che il prodotto da costruzione è conforme alla prestaarch. Mario Sanvito La marcatura CE secondo CPR Il Regolamento n. 305/2011 che entra

Dettagli

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO

LINEE GUIDA IN MERITO ALL ACQUISTO E ALL USO DI MACCHINE E/O APPARECCHI ELETTRICI SOMMARIO Pag. 1 / 6 1 MODIFICHE 2 PREMESSA 3 DEFINIZIONI SOMMARIO 4 PRINCPALI NORMATIVE DI RIFERIMENTO 5 MESSA IN SERVIZIO E UTILIZZO 6 INDICAZIONI PER UN CORRETTO ACQUISTO 7 SICUREZZA E MARCATURA CE 8 PROTOTIPI

Dettagli

Gentile Preside, Gentile Professore,

Gentile Preside, Gentile Professore, Gentile Preside, Gentile Professore, La ringraziamo innanzitutto per aver manifestato interesse per il progetto "Repubblica@SCUOLA", che si propone, di supportare gli Istituti Scolastici, nella realizzazione

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

Le presenti disposizioni di applicazione sono finalizzate a:

Le presenti disposizioni di applicazione sono finalizzate a: OGGETTO: Protocollo di intesa tra il Gruppo Antipirateria e Contraffazione della Polizia Municipale di Pescara, denominato per brevità Gruppo Antipirateria da una parte la S.I.A.E. (Società Italiana Autori

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE. Versione 4.0. CG43 Vers. 10/2012 2

CONDIZIONI GENERALI DEI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE. Versione 4.0. CG43 Vers. 10/2012 2 InfoCert S.p.A., con sede legale in Roma, P.zza Sallustio n. 9, ufficio amministrativo in Roma, Via Marco e Marcelliano n. 45, Sede Operativa in Padova, Corso Stati Uniti 14, opera quale certificatore

Dettagli

DIRETTIVA 2009/24/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 23 aprile 2009. relativa alla tutela giuridica dei programmi per elaboratore

DIRETTIVA 2009/24/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO. del 23 aprile 2009. relativa alla tutela giuridica dei programmi per elaboratore Direzione Generale per le Biblioteche, gli Istituti Culturali ed il Diritto D Autore Servizio III Diritto D Autore e Vigilanza sulla S.I.A.E. DIRETTIVA 2009/24/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

Dettagli

Stampa 3 D e diritti di proprietà intellettuale: vantaggi, rischi e tutele. Avv. Emidia Di Sabatino

Stampa 3 D e diritti di proprietà intellettuale: vantaggi, rischi e tutele. Avv. Emidia Di Sabatino Stampa 3 D e diritti di proprietà intellettuale: vantaggi, rischi e tutele Avv. Emidia Di Sabatino Definizione: La Stampa 3D Metodo di produzione per la realizzazione di oggetti con diverse caratteristiche

Dettagli

Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati

Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati Giornalismo 3.0 e Pensiero Critico Diritti d autore/copyright diritto e responsabilità, reati Avv.Luigi Gianfelice Avv. Gianluca Ludovici a cura di Valentina Benedetti ed Arianna Vagni 1 Intellettual Property

Dettagli