L'imposta comunale sulla pubblicità. Tutto quello che occorre sapere per essere in regola

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L'imposta comunale sulla pubblicità. Tutto quello che occorre sapere per essere in regola"

Transcript

1 L'imposta comunale sulla pubblicità Tutto quello che occorre sapere per essere in regola

2 Premessa L'Amministrazione Comunale e la concessionaria del servizio di accertamento e riscossione dell'imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni intendono rispondere, in via primaria, all esigenza di fornire una guida a quanti sono tenuti al pagamento dell'imposta comunale sulla pubblicità. Detta finalità è quella di evitare disinformazione ed allarmismo che nella quasi totalità portano ad errori o ritardi, le cui conseguenze potrebbero ricadere sul contribuente, appesantendo, altresì, il carico Fiscale, già oggi gravoso e penalizzante. La funzione di questa guida è appunto quella di spiegare in termini chiari e semplici che cosa è l'imposta, come si paga, e di dare utili informazioni al contribuente. L Amministrazione Comunale La concessionaria 2

3 Indice 1. LA NORMATIVA 2. GESTIONE DIRETTA O CONCESSIONE DEL SERVIZIO 3. AFFISSIONE E PUBBLICITA 4. MEZZI PUBBLICITARI 5. SOGGETTI D IMPOSTA 6. MAGGIORAZIONI TARIFFA BASE 7. TEMPORALITA E STAGIONALITA 8. RIDUZIONI 9. ESENZIONI 10. OBBLIGHI DEL CONTRIBUENTE 11. DICHIARAZIONE 12. MISURAZIONE MEZZI PUBBLICITARI 13. PAGAMENTO DELL IMPOSTA 14. ACCERTAMENTO E RECUPERO DELL IMPOSTA EVASA 15. SANZIONI 16. RICORSO 17. RAVVEDIMENTO OPEROSO 18. RIMBORSI 19. ALTRI OBBIGHI DEL CONTRIBUENTE 3

4 1. La normativa Dal 1 gennaio 1994 l'imposta comunale sulla pubblicità ed il diritto sulle pubbliche affissioni sono disciplinati dal Decreto legislativo n. 507 del e successive modificazioni. Detto Decreto approvato dal Governo è legge dello Stato Italiano. Per effetto di tale decreto, la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso forme di comunicazione visiva o acustica, in luoghi pubblici, aperti al pubblico o percepibili da tali luoghi, nell'ambito del territorio comunale, è soggetta all'imposta comunale sulla pubblicità; così pure l'esposizione di manifesti è soggetta al pagamento di un diritto a favore del Comune. I comuni italiani sono ripartiti, in base alla popolazione residente, in cinque classi: Classe I Comuni con oltre abitanti Classe II Comuni da a abitanti Classe III Comuni da a abitanti Classe IV Comuni da a abitanti Classe V Comuni fino a abitanti Il cittadino è tenuto all'osservanza del Decreto legislativo 507/93 ed al rispetto del regolamento comunale, che fissa alcuni parametri per l'applicazione dell'imposta e per l'effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni, in relazione a particolari condizioni locali. Per la violazione della normativa vigente sono applicate sanzioni di carattere amministrativo. 2. Gestione diretta o in concessione La gestione del servizio di accertamento e riscossione dell'imposta sulla pubblicità e delle pubbliche affissioni è effettuata in forma diretta dal Comune. Tuttavia il Comune, qualora lo ritenga più conveniente sotto il profilo sia economico sia della efficienza del servizio stesso, può affidare in concessione il servizio ad azienda specializzata, a seguito di licitazione privata, cioè a seguito di gara pubblica nella quale è preferita l'offerta più vantaggiosa per il Comune. Il concessionario subentra al Comune in tutti i diritti ed obblighi inerenti alla gestione del servizio. 4

5 3. Affissione e pubblicità II Decreto legislativo 507/93 distingue l'affissione dalla pubblicità. L affissione è l'esposizione di manifesti su spazi determinati e prefissati, effettuata dal personale del Comune o della Concessionaria. I manifesti possono contenere un messaggio di carattere sociale, politico o commerciale. Per tale servizio, il cittadino è tenuto a corrispondere al Comune un diritto che è di natura composita; una parte è il compenso per il servizio svolto e l altra un imposta per l'esposizione del messaggio. La diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso qualsiasi forma di comunicazione visiva o acustica, diversa dall'affissione, che avvenga in luoghi pubblici o aperti al pubblico o che sia da tali luoghi percepibile, costituisce pubblicità ed è soggetta alla relativa imposta. 4. Mezzi pubblicitari Il supporto di ogni messaggio pubblicitario diffuso nell'esercizio di una attività economica allo scopo di promuovere la domanda di beni o servizi, ovvero finalizzata a migliorare l'immagine del soggetto pubblicizzato costituisce il mezzo pubblicitario, la cui superficie viene presa in considerazione per la determinazione dell'imposta (o del diritto ove trattasi di affissione). Ai fini della determinazione dell'imposta, i mezzi pubblicitari vengono così raggruppati: - Pubblicità ordinaria, che comprende insegne, cartelli, locandine, targhe, cavalletti, segnaletica industriale, gonfaloni e similari; - Pubblicità visiva effettuata con veicoli, ossia con mezzi mobili anche dotati di rimorchio ed effettuata per conto proprio o di terzi; - Pubblicità visiva effettuata con pannelli luminosi o proiezioni, che comprende le scritte scorrevoli, lampeggianti (o analoghe) e le proiezioni luminose e cinematografiche; - Pubblicità varia, che comprende la pubblicità effettuata con striscioni, aeromobili, palloni frenati, oppure mediante distribuzione di manifestini o materiale similare, o ancora mediante apparecchi di diffusione sonora. 5

6 5. Soggetti d'imposta Soggetto passivo dell'imposta sulla pubblicità, tenuto al pagamento in via principale è colui che dispone a qualsiasi titolo del mezzo attraverso il quale il messaggio pubblicitario viene diffuso. E' solidalmente obbligato al pagamento dell'imposta colui che produce o vende la merce o fornisce i servizi oggetto della pubblicità. A titolo di esempio, si supponga che un bar esponga una insegna luminosa con pubblicità di una ditta produttrice di caffé: in tale ipotesi, in primo luogo è soggetto agli obblighi derivanti dalla legge il titolare dell'esercizio, in via subordinata tali obblighi vengono assolti dall'azienda produttrice di caffé. 6. Maggiorazioni della tariffa base Il legislatore ha graduato l'imposta in proporzione all'efficacia di trasmissione del messaggio, con particolare riferimento all'importanza economica e sociale della località in cui esso è esposto, nonché alle caratteristiche di maggior richiamo e attrattiva del mezzo stesso. Per tale motivo, la tariffa posta a base del calcolo dell'imposta è suscettibile di eventuali maggiorazioni, in dipendenza alla: località di esposizione categoria speciale, "luminosità" e superficie del mezzo pubblicitario Categoria speciale. (non applicata a Ciriè) Il territorio dei comuni, a seconda dell'importanza delle zone, può essere suddiviso in due categorie: normale e speciale, per la speciale è prevista una maggiorazione della tariffa non superiore al centocinquanta per cento, che viene stabilita con delibera dell'amministrazione Comunale. Pubblicità luminosa. Qualora la pubblicità ordinaria e quella visiva all'interno o all'esterno dei veicoli venga effettuata in forma luminosa o illuminata, la relativa tariffa di imposta è maggiorata nella misura fissa del cento per cento. Superficie. Quando la superficie del mezzo pubblicitario è compresa tra metri quadrati 5.5 e 8.5 la tariffa dell imposta è maggiorata del 50 % ; per quella di superficie superiore la maggiorazione è del 100% 6

7 7. Temporalità e stagionalità dell'imposta (non applicata a Ciriè) Altre maggiorazioni alla tariffa base dell'imposta sono stabilite in dipendenza della durata dell'esposizione e dell'importanza turistica del Comune. In genere l'esposizione dei mezzi pubblicitari va riferita all'anno solare; tuttavia essa può durare per un periodo più breve. Nell'ipotesi di una pubblicità temporanea, se il periodo non è superiore a tre mesi, per ogni mese o frazione di esso si applica una tariffa pari a un decimo di quella annuale. Se il periodo è superiore a tre mesi si applica invece la tariffa prevista per la pubblicità annuale. Per la sola pubblicità temporanea, il Comune, in relazione a rilevanti flussi turistici, può applicare, per un periodo complessivo non superiore a quattro mesi, il cosiddetto aumento stagionale, cioè una maggiorazione fino al cinquanta per cento delle tariffe. Tale maggiorazione é prevista, altresì, per le sole affissioni di carattere commerciale. 8. Riduzioni La tariffa dell'imposta è ridotta alla metà: a) per la pubblicità effettuata da comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non abbia scopo di lucro; b) per la pubblicità relativa a manifestazioni politiche, sindacali e di categoria, culturali, sportive, filantropiche e religiose, da chiunque realizzate, con il patrocinio o la partecipazione degli Enti pubblici territoriali; c) per la pubblicità relativa a festeggiamenti patriottici, religiosi, a spettacoli viaggianti e di beneficenza. La stessa riduzione si applica per le pubbliche affissioni di manifesti contenenti analoghi messaggi, oltre che di quelli riguardanti lo Stato, gli Enti pubblici territoriali e gli annunci mortuari. 7

8 9. Esenzione Sono esenti dall'imposta i mezzi pubblicitari di superficie inferiore a trecento centimetri quadrati nonché: a) la pubblicità realizzata all'interno dei locali adibiti alla vendita di beni o alla prestazione di servizi quando si riferisca all'attività negli stessi esercitata, nonché i mezzi pubblicitari, ad eccezione delle insegne, esposti nelle vetrine e sulle porte d'ingresso dei locali medesimi purché siano attinenti all'attività in essi esercitata e non superino, nel loro insieme, la superficie complessiva di mezzo metro quadrato per ciascuna vetrina o ingresso; b) gli avvisi al pubblico esposti nelle vetrine o sulle porte d'ingresso dei locali, o in mancanza nelle immediate adiacenze del punto di vendita, relativi all'attività svolta, nonché quelli riguardanti la localizzazione e l'utilizzazione dei servizi di pubblica utilità, che non superino la superficie di mezzo metro quadrato, e quelli riguardanti la locazione o la compravendita degli immobili sui quali sono affissi, di superficie non superiore ad un quarto di metro quadrato; c) la pubblicità comunque effettuata all'interno,sulle facciate esterne o sulle recinzioni dei locali di pubblico spettacolo qualora si riferisca alle rappresentazioni in programmazione; d) la pubblicità, escluse le insegne, relativa ai giornali e alle pubblicazioni periodiche, se esposte sulle sole facciate esterne delle edicole o nelle vetrine o sulle porte di ingresso dei negozi ove si effettua la vendita; e) la pubblicità esposta all'interno delle stazioni dei servizi di trasporto pubblico di ogni genere inerente l'attività esercitata dall'impresa di trasporto, nonché le tabelle esposte all'esterno delle stazioni stesse o lungo l'itinerario di viaggio, per la parte in cui contengano informazioni relative alle modalità di effettuazione del servizio; f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi; g) la pubblicità comunque effettuata in via esclusiva dallo Stato e dagli enti pubblici territoriali; 8

9 h) le insegne, le targhe e simili apposte per l'individuazione delle sedi di comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non persegua scopo di lucro; i) le insegne, le targhe e simili la cui esposizione sia obbligatoria per disposizioni di legge o di regolamento sempre che le dimensioni del mezzo usato, qualora non espressamente stabilite, non superino il mezzo metro quadrato di superficie; i-bis) L imposta non è dovuta per le insegne di esercizio di attività commerciali e di produzione di beni e servizi che contraddistinguono la sede ove si svolge l attività cui si riferiscono, di superficie complessiva fino a 5 mq. Si definisce insegna di esercizio la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da marchi, realizzata e sopportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede dell attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta. N. B. Si identifica insegna di esercizio quel mezzo pubblicitario che riporta la ragione sociale dell impresa, l attività svolta o la tipologia del prodotto venduto. E considerata, altresì, insegna di esercizio, il mezzo pubblicitario che oltre a quanto sopra indicato riporti, sempre nello stesso mezzo pubblicitario, indicazioni relative al simbolo o al marchio del prodotto venduto l) la pubblicità in qualunque modo realizzata, da associazioni sportive senza scopo di lucro, rivolta all'interno degli impianti dagli stessi ed utilizzati per manifestazioni sportive dilettantistiche, con capienza inferiore a tremila posti, è esente dall'imposta di pubblicità. Per le pubbliche affissioni sono esenti dal pagamento del diritto i manifesti dello Stato, degli Enti territoriali, delle autorità militari e di polizia, i manifesti relativi agli adempimenti elettorali, quelli la cui affissione sia obbligatoria per legge e quelli concernenti corsi scolastici e professionali gratuiti regolarmente autorizzati. 9

10 10. Obblighi del contribuente Gli obblighi del contribuente sono sia di natura amministrativa che di natura tributaria. Per la installazione del mezzo pubblicitario il contribuente presenta una istanza all'ufficio Tecnico Comunale, onde ottenere un'apposita autorizzazione. Tale domanda deve essere corredata dalla documentazione prevista dal regolamento comunale sulla pubblicità e dal regolamento edilizio comunale; a tal fine è opportuno contattare l'ufficio Tecnico Comunale. Una volta in possesso di tale autorizzazione, il contribuente deve presentare, all'ufficio preposto alla riscossione del tributo, la dichiarazione che ha natura tributaria. 11. Dichiarazione (scarica il modulo di dichiarazione) La dichiarazione deve essere presentata, prima di dare inizio all'esposizione della pubblicità, su appositi modelli predisposti e messi a disposizione dall'ufficio. Essa deve indicare fedelmente ed esattamente le caratteristiche del mezzo, tipologia (es. cassonetto, scritta su tenda), dimensioni del mezzo utilizzato, numero delle facce adibite alla pubblicità, contenuto dei messaggi pubblicitari, eventuale luminosità o illuminazione, ed inoltre l'ubicazione e il periodo di esposizione. L'obbligo della dichiarazione sussiste anche nei casi di variazione della pubblicità che comportino la modificazione della superficie esposta o del tipo di pubblicità o il trasferimento dell'ubicazione. E' importante sottolineare che per la pubblicità annuale la dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi, sino a quando non venga presentata denuncia di cessazione, purché non si verifichino modificazioni sostanziali degli elementi dichiarati. L'eventuale disdetta deve essere presentata entro il 31 gennaio dell'anno di riferimento. Dove presentare la dichiarazione ed ottenere informazioni e chiarimenti I.C.A. srl Via Nino Costa, CIRIE Tel. 011/ Orario d ufficio: Lunedì Mercoledì Giovedi dalle ore 9.00 alle ore Martedì Venerdì dalle 14 alle 17,00 Call center e Centro Elaborazione Dati (solo per imposta sulla pubblicità annuale) - I.C.A. srl. Via Parma, LA SPEZIA - Tel. 0187/

11 12. Misurazione dei mezzi pubblicitari L'imposta sulla pubblicità si determina i n base alla superficie della minima figura geometrica piana in cui è circoscritto il mezzo pubblicitario, indipendentemente dal numero dei messaggi in esso contenuti. Le superfici inferiori ad un metro quadrato si arrotondano per eccesso al metro quadrato e le frazioni di esso, oltre il primo, al mezzo metro quadrato. Per i mezzi pubblicitari polifacciali (cioè con più di due facce) l'imposta si calcola in base alla superficie complessiva adibita alla pubblicità, con il minimo di un metro quadrato. Per i mezzi pubblicitari bifacciali si deve invece procedere al calcolo separato delle due facce dei mezzi, con arrotondamento quindi per ciascuna di esse, posto che detti mezzi non sono funzionalmente destinati a diffondere nel loro insieme lo stesso messaggio, così da accrescerne l'efficacia. Diretta conseguenza di tale finalità é che, nell'ipotesi di pubblicità realizzata con mezzi bifacciali, la superficie minima tassabile é di mq. 2, e che l'eventuale maggiorazione per i grandi formati va applicata procedendo al calcolo separato delle due facce, indipendentemente quindi dalle modalità di calcolo previste per i mezzi polifacciali. Per i mezzi pubblicitari aventi dimensioni volumetriche (es. globo, piramide) l'imposta è calcolata in base alla superficie complessiva risultante dallo sviluppo del minimo solido geometrico in cui può essere circoscritto il mezzo stesso. I festoni di bandierine e simili, agli effetti del calcolo della superficie imponibile, si considerano un unico mezzo pubblicitario. Viene invece considerata forfetariamente (prescindendo cioè dalla effettiva superficie utilizzata) l'imposta corrisposta per la pubblicità esposta su veicoli di proprietà dell'impresa o adibiti ai trasporti propri. Nel caso di scritta pubblicitaria su tende o cappottine la figura geometrica da considerare è quella che circoscrive la scritta e non l'intera tenda o cappottina. Particolare attenzione va data alle esposizioni pubblicitarie sulle vetrine o porte d'ingresso dei locali. Sono esenti dall'imposta la pubblicità realizzata all'interno dei locali adibiti alle vendite di beni o alla prestazione di servizi, quando si riferisca all'attività negli stessi esercitata, nonché i mezzi pubblicitari, ad eccezione delle insegne, esposti nelle vetrine e sulle porte d'ingresso dei locali medesimi purché siano attinenti all'attività in essi esercitata e non superino, nel loro insieme, la superficie complessiva di mezzo metro quadrato per ciascuna vetrina o ingresso. In materia di imposta sulla pubblicità il criterio distintivo tra pubblicità e insegna è dato dalla funzione che il mezzo impiegato assolve in concreto. Tale funzione, per l'insegna, consiste nella identificazione del luogo in cui si svolge l'attività economica allo scopo di indirizzare il pubblico in quel luogo e per la pubblicità, nel richiamo dell'attenzione su una determinata ditta o su uno dei suoi prodotti. 11

12 Esempio: in un bar, una scritta su vetrina "BAR" è insegna, e come tale è esente sino al raggiungimento di complessivi cinque metri quadrati, un cassonetto esposto dietro la vetrina reclamizzante la marca di un caffé ivi venduto è pubblicità, e come tale è esente solo se non supera la superficie di mezzo metro quadrato. Dove chiedere verifiche alle esposizioni pubblicitarie I.C.A. srl. C.so Francia, 221 RIVOLI - Tel/fax 011/ N.B: Le verifiche dovranno coincidere con le periodiche visite all agenzia locale Dove presentare reclami - I.C.A. srl. Via N. Costa Ciriè Tel. 011/ I.C.A. srl. Via Parma, LA SPEZIA - Tel. 0187/ Pagamento dell'imposta II pagamento dell'imposta dovuta deve essere eseguito contestualmente alla presentazione della dichiarazione. Per la pubblicità annuale l'imposta è dovuta per anno solare di riferimento. Per gli anni successivi, senza presentare la dichiarazione, si può prorogare la esposizione della pubblicità con il semplice pagamento entro il 31 gennaio dell'anno di riferimento. Per la pubblicità temporanea sino a tre mesi invece, non si fa riferimento all'anno solare. Per la pubblicità annuale l'imposta può essere corrisposta in rate trimestrali anticipate (con scadenza al 31 gennaio, 31 marzo, 30 giugno e 30 settembre) quando l'importo relativo sia superiore a Euro 1.549,37. Il versamento dell'imposta o del diritto di affissione, con arrotondamento all euro, può essere effettuato sia con conto corrente postale, sia in forma diretta presso gli sportelli della concessionaria. Per la pubblicità annuale il pagamento deve essere effettuato mediante versamento in conto corrente postale n intestato a: I.C.A. srl Concessionario Comune CIRIE Via Parma, La Spezia ed ha efficacia liberatoria dalla obbligazione tributaria dal momento in cui la somma dovuta e' versata all'ufficio postale; Per la pubblicità temporanea il pagamento può essere effettuato direttamente presso gli uffici della concessionaria in Via Nino Costa, 1 - Ciriè. 12

13 14. Accertamento e recupero dell'imposta evasa. Il Comune o la sua concessionaria, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione o il versamento sono stati o avrebbero dovuto essere effettuati, procede a rettifica o accertamento d'ufficio, notificando al contribuente apposito avviso motivato. In caso di omessa dichiarazione la pubblicità si presume effettuata in ogni caso con decorrenza dal primo gennaio dell'anno in cui è stata accertata. Per le forme soggette a tariffa giornaliera, diversa da quella mensile o annuale, la presunzione decorre dal primo giorno del mese in cui è stato eseguito l'accertamento. 15. Sanzioni - omessa presentazione della dichiarazione: si applica, oltre al pagamento dell'imposta o del diritto dovuti, la sanzione amministrativa dal cento al duecento percento, con un minimo di 51 Euro. - infedele dichiarazione: si applica, oltre al pagamento dell'imposta o del diritto dovuti, la sanzione amministrativa dal cinquanta al cento percento della maggiore imposta. Le sanzioni sopra indicate sono ridotte ad un quarto se, entro il termine per ricorrere alle commissioni tributarie (60 giorni), interviene adesione del contribuente con il pagamento dell imposta o del diritto, se dovuti, e della sanzione. Sulle somme dovute per l'imposta sulla pubblicità, per il diritto sulle pubbliche affissioni si applicano interessi. moratori calcolati al tasso legale, maggiorato nel limite massimo di tre punti percentuali, con maturazione giorno per giorno. - ritardato od omesso versamento dell'imposta, del diritto o delle singole rate: è dovuta, indipendentemente da quella precedente, una sanzione amministrativa pari al 30%. Per la violazione delle norme regolamentari il Comune può applicare sanzioni amministrative di carattere pecuniario. Indipendentemente dall'applicazione delle sanzioni, il Comune o il Concessionario del servizio può effettuare la immediata copertura della pubblicità abusiva, in modo che sia privata di efficacia pubblicitaria. 16. Ricorso L'eventuale ricorso all'avviso di accertamento deve essere presentato entro 60 giorni dalla data di notifica. Il ricorso non sospende l'esecuzione dell'atto impugnato. Il ricorso va inoltrato alla Commissione Tributaria Provinciale di Torino. 13

14 17. Ravvedimento La sanzione è ridotta, sempre ché la violazione non sia già stata contestata e comunque non siano iniziati accessi, ispezioni, verifiche o altre attività amministrative di accertamento delle quali l autore o i soggetti solidamente obbligati, abbiano avuto formale conoscenza: - a) ad un ottavo del minimo nei casi di mancato pagamento del tributo o di un acconto, se esso viene eseguito nel termine di trenta giorni dalla data della sua commissione; - b) ad un quinto se la regolarizzazione degli errori e delle omissioni, anche se incidenti sulla dichiarazione relativa all anno nel corso del quale è stata commessa la violazione ovvero, quando non è prevista la dichiarazione periodica, avviene entro un anno dall omissione o dall errore; - c) ad un ottavo del minimo di quella prevista per l omissione della presentazione della dichiarazione, se questa viene presentata con ritardo non superiore a trenta giorni: Il pagamento della sanzione ridotta deve essere eseguito contestualmente alla regolarizzazione del pagamento del tributo o della differenza, quando dovuti, nonché al pagamento degli interessi moratori calcolati al tasso legale, maggiorato nel limite massimo di tre punti percentuali, con maturazione giorno per giorno. 18. Rimborsi Il contribuente può chiedere il rimborso di somme versate e non dovute, presentando istanza in carta libera, entro il termine di cinque anni dal giorno in cui è stato effettuato il pagamento, ovvero da quello in cui è stato definitivamente accertato il diritto al rimborso. Il concessionario provvede nel termine di novanta giorni. Dove presentare la richiesta di rimborso - I.C.A. srl. Via N. Costa Ciriè Tel. 011/ I.C.A. srl. Via Parma, LA SPEZIA - Tel. 0187/

15 19. Altri obblighi del contribuente E' fatto obbligo di conservare la ricevuta del pagamento effettuato. In particolare, per la pubblicità sui veicoli, sussiste l'obbligo di conservare l'attestazione dell'avvenuto pagamento dell'imposta e di esibirla a richiesta degli agenti autorizzati. Il pagamento dell'imposta comunale sulla pubblicità, non esclude, se dovuto, l'assoggettamento alla tassa sulla occupazione di spazi e aree pubbliche o alla corresponsione di eventuali canoni di concessione. 15

16 TARIFFE ANNO 2007 PUBBLICITA ANNUALE CLASSE 4 ( ab.) In questa categoria sono comprese tutte le esposizioni di durata superiore a tre mesi, ad eccezione degli automezzi di proprietà dell impresa per i quali la tariffa è la medesima anche per un solo giorno di esposizione. Art Tariffe in Euro per ogni metro quadrato per insegne, targhe, cartelli, cassonetti ecc. Tipologia Mezzi di 1 mq Da 1,5 mq fino a 5,5 mq Da 6 mq fino a 8,5 mq 9 mq e superiori Pubblicità opaca 16,11 20,14 30,21 40,28 Pubblicità luminosa o illuminata 32,22 40,28 50,35 60,42 ART. 13 comma 3 - Autoveicoli di proprietà dell impresa - tariffe in Euro per veicolo Autoveicoli con portata superiore a kg. 89,24 Autoveicoli con portata inferiore a kg. 59,49 Motoveicoli e veicoli non ricompresi nelle precedenti categorie 29,74 Per i veicoli circolanti con rimorchio la tariffa è raddoppiata. Se il veicolo viene sostituito ad anno in corso, l imposta viene corrisposta per intero in relazione al nuovo veicolo. L imposta non è dovuta per l indicazione del marchio, ragione sociale ed indirizzo dell impresa, purché sia apposta non più di due volte e ciascuna iscrizione non sia superiore a mezzo metro quadrato di superficie. ART. 13 commi 1 e 2 - Pubblicità effettuata per conto proprio o altrui all interno e all esterno di veicoli in genere, autobus, filobus, battelli, barche, taxi ecc., di uso pubblico e privato. Tariffe a mq: Pubblicità effettuata all'interno dei veicoli da calcolare sulla superficie complessiva fino a 1 mq. mq 1,5 e oltre 16,11 20,14 Pubblicità effettuata all'esterno dei veicoli fino a 1 mq da 1 mq fino a 5,5 mq da 6 mq fino a 8,5 mq 9 mq e superiori 16,11 20,14 30,21 40,28 16

17 Per i veicoli adibiti ad uso pubblico l imposta è dovuta al comune che ha rilasciato la licenza di esercizio; per i veicoli adibiti a servizi di linea interurbana l imposta è dovuta nella misura della metà a ciascuno dei comuni in cui ha inizio e fine la corsa; per i veicoli adibiti ad uso privato l imposta è dovuta al comune in cui il proprietario del veicolo ha la residenza anagrafica o la sede. Art Pubblicità effettuata con pannelli luminosi e proiezioni - Per la pubblicità effettuata con insegne, pannelli o altre analoghe strutture caratterizzate dall impiego di diodi luminosi, lampadine e simili mediante controllo elettronico, elettromeccanico o comunque programmato in modo da garantire la variabilità del messaggio o la sua visione in forma intermittente, lampeggiante o similare, si applica l imposta indipendentemente dal numero di messaggi, per metro quadrato di superficie e per anno solare in base alla seguente tariffa: 1 mq mq 1,5 e superiori Tariffa a mq se la pubblicità è per conto altrui 49,57 61,97 Tariffa a mq se la pubblicità è per conto proprio dell'impresa 24,78 30,98 17

18 PUBBLICITA TEMPORANEA CLASSE 4 Art Tariffe per targhe, insegne, cartelli ecc. la cui durata non sia superiore a tre mesi per mq; tariffa per locandine per mq; tariffe per striscioni non attraversanti vie o piazze: Tipologia fino a 1 mq da 1,5 mq fino a 5,5 mq da 6 mq fino a 8,5 mq 9 mq e superiori Pubblicità opaca 1 mese 1,61 2,01 3,02 4,28 Pubblicità opaca 2 mesi 3,22 4,02 6,04 8,05 Pubblicità opaca 3 mesi 4,83 6,04 9,06 12,08 Pubblicità luminosa o illuminata 1 mese 3,22 4,02 5,03 6,04 Pubblicità luminosa o illuminata 2 mesi 6,44 8,05 10,07 12,08 Pubblicità luminosa o illuminata 3 mesi 9,66 12,08 15,10 18,12 ART. 13 commi 1 e 2 - Pubblicità effettuata per conto proprio o altrui all interno e all esterno di veicoli in genere, autobus, filobus, battelli, barche, taxi ecc., di uso pubblico e privato. Tariffe a mq.: fino a 1 mq mq 1,5 e oltre Pubblicità effettuata all'interno dei veicoli da calcolare sulla superf. complessiva 1 mese 1,61 2,01 Pubblicità effettuata all'interno dei veicoli da calcolare sulla superf. complessiva 2 mesi 3,22 4,02 Pubblicità effettuata all'interno dei veicoli da calcolare sulla superf. complessiva 3 mesi 4,82 6,04 Pubblicità all'esterno dei veicoli durata: 1 mq da 1,5 mq fino a 5,5 mq da 6 mq fino a 8,5 mq 9 mq e superiori 1 mese 1,61 2,01 3,02 4,28 2 mesi 3,22 4,02 6,04 8,05 3mesi 4,83 6,04 9,06 12,08 Art. 14 commi 2 e 3 - Pubblicità effettuata con pannelli luminosi e proiezioni a mezzo diodi luminosi, lampadine e simili mediante controllo elettronico, elettromeccanico o comunque programmato per garantire la variabilità del messaggio o la sua intermittenza, si applica l imposta indipendentemente dal numero di messaggi, per metro quadrato di superficie e per mese o frazione comunque per un periodo inferiore a tre mesi: 18

19 1 mq mq 1,5 e superiori Tariffa a mq se la pubblicità è per conto altrui durata 1 mese 3,96 4,95 Tariffa a mq se la pubblicità è per conto altrui durata 2 mesi 7,92 9,90 Tariffa a mq se la pubblicità è per conto altrui durata 3 mesi 11,88 14,85 Tariffa a mq se la pubblicità è per conto proprio dell'impresa durata 1 mese 1,98 2,48 Tariffa a mq se la pubblicità è per conto proprio dell'impresa durata 2 mesi 3,96 4,95 Tariffa a mq se la pubblicità è per conto proprio dell'impresa durata 3 mesi 5,94 7,43 Art. 14 commi 4 e 5 - Pubblicità in luoghi pubblici o aperti al pubblico attraverso diapositive, proiezioni luminose o cinematografiche su schermi o pareti riflettenti, tariffa giornaliera indipendentemente dai Mq di superficie e dal numero di messaggi: Tariffa giornaliera fino a 30 giorni di durata 3,09 Tariffa giornaliera a partire dal 31 giorno 1,54 Art. 15 comma 1 - Striscioni o similari che attraversano strade o piazze, tariffe per metro quadrato e per quindicina o frazione: da 1 a 15 giorni da 16 a 30 giorni da 31 a 45 giorni 1 mq mq 1,5 e oltre 1 mq mq 1,5 e oltre 1 mq mq 1,5 e oltre 16,11 20,14 32,22 40,28 48,33 60,42 Art. 15 commi 2 e 3 - Pubblicità effettuata da aeromobili e con palloni frenati e simili per giorno o frazione, indipendentemente dai soggetti pubblicizzati, per ogni giorno o frazione: Tariffa giornaliera pubblicità con aereomobili 74,36 Tariffa giornaliera pubblicità con palloni frenati e simili 37,18 Art. 15 comma 4 - Per pubblicità effettuata con distribuzione, anche con veicoli, di manifestini e altro materiale pubblicitario, oppure mediante persone circolanti con cartelli o altri mezzi pubblicitari, è dovuta l imposta per ciascuna persona impiegata nella distribuzione od effettuazione e per ogni giorno o frazione, indipendentemente dalla misura dei mezzi pubblicitari o dalla quantità di materiale distribuito, in base alla seguente tariffa: Tariffa giornaliera volantinaggio e simili 3,09 Art. 15 comma 5 - Per pubblicità a mezzo apparecchi amplificatori e simili, per ciascun punto di pubblicità e per ciascun giorno o frazione: Tariffa giornaliera pubblicità sonora 9,29 19

20 TARIFFA DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI FO RMATO/FO GLI FO RMATO/FO GLI FORMATO /FO GLI FO RMATO /FO GLI FORMATO /FOGLI FORMATO /FOGLI 70 X 100 = X 140 = 2 140/200 = 4 200/140 = 4 200/280 = 8 600/280 = 24 Giorni di esposizione Tariffa a foglio per commissioni inferiori a 50 fogli per formato 70/100 Tariffa a foglio per commissioni inferiori a 50 fogli per formati superiori al 70/100 da 1 a 10 gg da 11 a 15 gg da 16 a 20 gg da 21 a 25 gg da 26 a 30 gg 2,04 2,65 3,27 3,88 4,49 2,55 3,32 4,09 4,85 5,62 Giorni di esposizione Tariffa a foglio per commissioni superiori a 50 fogli per formato 70/100 Tariffa a foglio per commissioni superiori a 50 fogli per formati superiori al 70/100 da 1 a 10 gg da 11 a 15 gg da 16 a 20 gg da 21 a 25 gg da 26 a 30 gg 1,36 1,77 2,18 2,59 2,99 1,70 2,21 2,72 3,23 3,74 Per i manifesti di formato superiore a dodici fogli (esempio poster 600/280) si applica una maggiorazione tariffaria del 100 % da calcolarsi sulla tariffa base - ovvero la tariffa per commissioni superiori a 50 fogli. Diritto di urgenza: Per le affissioni a carattere commerciale, richieste per i due giorni successivi la commissione, è dovuta una maggiorazione del 10 % del diritto, con un minimo di Euro 25,82. Stessa maggiorazione si applica alle affissioni di natura non commerciale, se eseguite nella stessa giornata in cui sono state commissionate (affissioni funebri e di enti senza fine di lucro). Riduzioni del 50 % del diritto - Ne godono le seguenti categorie: - manifesti dello Stato che non rientrano nei casi di esenzione - manifesti di comitati, associazioni, fondazioni non aventi scopo di lucro, privi di sponsorizzazioni - manifesti relativi ad attività politiche, sindacali e di categoria, culturali, sportive, filantropiche e religiose, da chiunque realizzate, con il patrocinio e la partecipazione degli enti pubblici territoriali, privi di sponsorizzazioni - manifesti relativi a festeggiamenti patriottici, religiosi, a spettacoli viaggianti e di beneficenza, privi di sponsorizzazioni - annunci mortuari (la comunicazione della famiglia) Esenzioni: - manifesti riguardanti attività istituzionali del comune da esso svolte in via esclusiva, nell ambito del proprio territorio - manifesti delle autorità militari relative alle iscrizioni nelle liste di leva, chiamata e richiamata alle armi - manifesti di Stato, Regioni e Province in materia di tributi - manifesti delle autorità di polizia in materia di pubblica sicurezza - manifesti relativi ad adempimenti di legge in materia di referendum, elezioni politiche europee regionali e amministrative - ogni manifesto la cui affissione sia obbligatoria per legge - manifesti concernenti corsi scolastici e professionali gratuiti, regolarmente autorizzati (se i corsi non rientrano in tali ipotesi, ad esempio manifesti di scuole private e di corsi linguistici, il diritto va corrisposto per intero). 20

21 Affissioni annullate - Per le affissioni annullate o rinviate dal committente prima dell esecuzione dell affissione è dovuto il rimborso della metà del diritto pagato. Se l annullamento perviene oltre la data prevista per l uscita dei manifesti, nessun rimborso è dovuto, ne è possibile accreditare il diritto versato dal committente a copertura di future affissioni. MODALITA DELL ARROTONDAMENTO FINALE DELLA QUIETANZA. L importo della quietanza deve essere arrotondato all euro, per difetto se la frazione è inferiore a 50 centesimi ovvero per eccesso se superiore a 49 centesimi. 21

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

PUBBLICITA ANNUALE CLASSE 3 (30.001-100.000 ab.)

PUBBLICITA ANNUALE CLASSE 3 (30.001-100.000 ab.) PUBBLICITA ANNUALE CLASSE 3 (30.001-100.000 ab.) In questa categoria sono comprese tutte le esposizioni di durata superiore a tre mesi, ad eccezione degli automezzi di proprietà dell impresa per i quali

Dettagli

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA CITTA DI SAMARATE Provincia di Varese INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

C I T T A D I M O R T A R A (Provincia di Pavia)

C I T T A D I M O R T A R A (Provincia di Pavia) C I T T A D I M O R T A R A (Provincia di Pavia) AREA TRIBUTI PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: Imposta Comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni. Tariffe per

Dettagli

COMUNE DI TIGLIETO PROVINCIA DI GENOVA

COMUNE DI TIGLIETO PROVINCIA DI GENOVA IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 1993, n. 507 Tariffe vigenti a decorrere dal 1 gennaio 2002 A) IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ art.12 Pubblicità ordinaria

Dettagli

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato IMPOSTA DI PUBBLICITÀ E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs n.507/93 art. 12 - Categoria normale - Pubblicità ordinaria (insegne,

Dettagli

L'imposta comunale sulla pubblicità. Tutto quello che occorre sapere per essere in regola

L'imposta comunale sulla pubblicità. Tutto quello che occorre sapere per essere in regola L'imposta comunale sulla pubblicità Tutto quello che occorre sapere per essere in regola 2 Premessa L'Amministrazione Comunale e la concessionaria del servizio di accertamento e riscossione dell'imposta

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Città di Trevi Provincia di Perugia Imposta comunale sulla pubblicità PG TRIB 006 Rev 00 11-04-13 UFFICIO TRIBUTI Dove rivolgersi Ufficio Tributi- Piazza Mazzini 21 Tel. 0742/332233 Fax 0742332237 Orario

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA In concessione a I.C.A. srl Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione

Dettagli

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi. Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.it IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Prima di iniziare

Dettagli

Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso

Dettagli

f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art.

f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art. Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA'

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' (+ %) PUBBLICITA' ORDINARIA ( Art 12; per 1 mq.) - Annuale: da mq 5,5 a mq 8,5 13,634 20,451 27,268 - Non superiore a 3 mesi, per ogni mese o frazione: da mq 5,5 a mq 8,5 1,363

Dettagli

COMUNE DI VILLIMPENTA (Provincia di Mantova)

COMUNE DI VILLIMPENTA (Provincia di Mantova) ---------------- OMISSIS ------------------ PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 1. PUBBLICITA' ORDINARIA (artt.12 c. 2 e art. 7, c. 6 e 7) 1.1 Pubblicità ordinaria effettuata mediante

Dettagli

1) TARIFFA PER LA PUBBLICITA ORDINARIA (art.12).

1) TARIFFA PER LA PUBBLICITA ORDINARIA (art.12). TARIFFE VIGENTI PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Avvertenze: l importo finale da corrispondere al comune deve essere arrotondato all euro, per difetto, se la è inferiore o uguale

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Oggetto dell'imposta e soggetti passivi Presupposto per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità è la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso

Dettagli

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE Imposta Comunale Pubblicità e Diritto Pubbliche Affissioni Comune di Cesano Maderno (MB) Gestore: ASSP S.p.A. Via Garibaldi n. 20 Cesano Maderno (MB) Telefono 0362/6445205 Fax 0362/553963 e-mail: affissioni@assp.it

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 11.09.2014 COMUNE DI SISSA TRECASALI Provincia di Parma REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 36 del 14/03/2014 PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA'

Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 36 del 14/03/2014 PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' Allegato alla deliberazione della Giunta Comunale n. 36 del 14/03/2014 PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' IN VIGORE NELL'ANNO 2014 1.PUBBLICITA' ORDINARIA ( artt. 12 e 7, c.2,6 e

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di FERRARA In concessione ad I.C.A. srl Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Oggetto dell imposta L imposta sulla pubblicità si applica alla diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO TRIBUTI

COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO TRIBUTI Vedi D. Giuntale n. 252/2001 COMUNE DI CERVIGNANO DEL FRIULI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO TRIBUTI TARIFFE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA

Dettagli

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ C O M U N E D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione. 1. La pubblicità esterna effettuata nell ambito del Comune

Dettagli

TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2012

TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2012 TARIFFE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2012 1 - PUBBLICITA' ORDINARIA PARTE I - TARIFFE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA'

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE D E L I B E R A

LA GIUNTA COMUNALE D E L I B E R A LA GIUNTA COMUNALE Premesso che il servizio di accertamento e riscossione dell'imposta comunale sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni è affidato in concessione, per quattro anni e fino

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA diritto sulle pubbliche affissioni

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA diritto sulle pubbliche affissioni COMUNE DI CASSANO D'ADDA Provincia di Milano IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA diritto sulle pubbliche affissioni Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507 Classificazione dei comuni Tariffe Classificazione

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI (Provincia di Livorno) Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.

Dettagli

TARIFFA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Comune di Classe IV^ PARTE I TARIFFA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

TARIFFA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Comune di Classe IV^ PARTE I TARIFFA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Allegato A) TARIFFA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Comune di Classe IV^ PARTE I TARIFFA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA 1. PUBBLICITA ORDINARIA 1.1 Pubblicità ordinaria

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti Che cos è l imposta sulla pubblicità? Come l occupazione di suolo pubblico, l ICI o la tassa sui

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI TARIFFE ANNO 2006

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI TARIFFE ANNO 2006 All.to A) alla Deliberazione di G.C. n 2 del 4/0 2/2006 IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI TARIFFE ANNO 2006 *********** PARTE I^ TARIFFA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 OGGETTO DELL IMPOSTA È oggetto dell imposta la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata con forme di comunicazione visive e acustiche

Dettagli

Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014

Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014 Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014 Gli annunci immobiliari, anche se esposti sulla vetrina dell agenzia, scontano l imposta sulla pubblicita Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

COMUNE DI GUASTALLA Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI GUASTALLA Provincia di Reggio Emilia TARIFFE DELL'IMPOSTA DI PUBBLICITA E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI PER I COMUNI DI CLASSE IV in vigore dal 01.01.2007 PARTE I - TARIFFA DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBB LICITÀ 1 PUBBLICITÀ ORDINARIA

Dettagli

I conti correnti postali dedicati alla riscossione delle entrate in concessione sono i seguenti:

I conti correnti postali dedicati alla riscossione delle entrate in concessione sono i seguenti: Imposta Comunale sulla Pubblicità Comune di Bologna L imposta è disciplinata dal D.Lgs. n. 507/93 e dal Regolamento Comunale vigente. PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA: sono tutti i messaggi pubblicitari diffusi

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Con questa guida il Comune di Pavullo nel Frignano e la Società I.C.A., concessionaria per la riscossione dell imposta comunale

Dettagli

GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA COMUNE DI IMPRUNETA GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Con questa guida il Comune di Impruneta e la Società I.C.A. S.r.l. concessionaria per la riscossione dell imposta comunale sulla pubblicità,

Dettagli

imposta comunale sulla pubblicità Diritti pubbliche affissioni

imposta comunale sulla pubblicità Diritti pubbliche affissioni Con questa guida il Comune di Bertinoro e la Società AIPA S.p.A., concessionaria per la riscossione dell, vogliono offrire ai cittadini uno strumento di chiarezza che li agevoli nel corretto adempimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Allegato A) COMUNE DI LIZZANO IN BELVEDERE ( Provincia di Bologna ) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 25 dell 8 marzo

Dettagli

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia)

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (delibera C.C. n. 17 del 5 maggio 2008)

Dettagli

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità Comune di Castenaso Le guide dell URP Informazioni utili sull imposta di pubblicità 1 COS È È una imposta che si applica sulle esposizioni pubblicitarie, visive o acustiche, nell ambito del territorio

Dettagli

Comune di REANA DEL ROJALE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. 15/11/1993, n. 507

Comune di REANA DEL ROJALE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Comune di REANA DEL ROJALE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 L'imposta comunale sulla pubblicità ed il diritto sulle pubbliche affissioni

Dettagli

Vademecum Imposta comunale sulla pubblicità

Vademecum Imposta comunale sulla pubblicità Vademecum Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati Esenzione dell'imposta Soggetti passivi Modalità di applicazione dell'imposta Insegna Pubblicità su automezzi Dichiarazione di inizio

Dettagli

TARIFFE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

TARIFFE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Comune di Milano Settore Pubblicità Settore Finanze e Oneri Tributari TARIFFE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Deliberazione di Giunta Comunale n.859 del 31 marzo 2006 PUBBLICITÀ ORDINARIA (art. 12, comma

Dettagli

CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Atto N.295 In data 15-11-2013

CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Atto N.295 In data 15-11-2013 CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto N.295 In data 15-11-2013 OGGETTO: Approvazione tariffe Imposta sulla Pubblicita' e Diritti sulle Pubbliche Affissioni. - Anno 2013.

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ADOZIONE: Deliberazione consiliare N. 22 del 26.03.2007 1 INDICE GENERALE

Dettagli

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine approvato con deliberazione CC. n. 36 dd.09.11.2002 (aggiornato con emendamenti) S O M M A R I O CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Art.

Dettagli

COMUNE DI BORGOSATOLLO

COMUNE DI BORGOSATOLLO CODICE ENTE N. 10271 COMUNE DI BORGOSATOLLO PROVINCIA DI BRESCIA DELIBERAZIONE di Giunta Comunale N. 15 del 19/01/2008 Prot. 1307 OGGETTO: DETERMINAZIONE TARIFFE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTI

Dettagli

COMUNE DI ALBINEA. Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI ALBINEA. Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI ALBINEA Provincia di Reggio Emilia NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

COMUNE DI CAMINO AL TAGLIAMENTO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI CAMINO AL TAGLIAMENTO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI CAMINO AL TAGLIAMENTO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÁ E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507) Approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino / COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino CLASSE V REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI. ( Decreto

Dettagli

REGOLAMENTO AFFISSIONI

REGOLAMENTO AFFISSIONI Pagina 1 di 6 Documento PER L APPLICAZIONE DEL DIRITTO SULLE AFFISSIONI PUBBLICHE Rev. Data Oggetto della revisione 1 2 3 25.08.1994 13.02.2006 22.09.2012 1a emissione - Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 33 DEL 13.05.1994

Dettagli

COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO TRIBUTI PUBBLICITA E AFFISSIONI PRONTUARIO A CURA DI GRAZIA DI FRESCO

COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO TRIBUTI PUBBLICITA E AFFISSIONI PRONTUARIO A CURA DI GRAZIA DI FRESCO COMUNE DI MESSINA DIPARTIMENTO TRIBUTI PUBBLICITA E AFFISSIONI PRONTUARIO A CURA DI GRAZIA DI FRESCO COS È L IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ ESTRATTO DEL DECRETO LEGISLATIVO N. 507 DEL 15.11.1993 L Imposta

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni COMUNE DI MORTEGLIANO PROVINCIA DI UDINE C.A.P.: 33050 PIAZZA G. VERDI, 10 FAX 0432/761778 TEL. 0432/826842 C.F. 80006650305 P.IVA 00677260309 Email: tributi@com-mortegliano.regione.fvg.it Internet: http://www.comune.mortegliano.ud.it/

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 24 del 30 marzo 1999 Modificato con

Dettagli

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON Provincia di Bergamo

COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON Provincia di Bergamo COMUNE DI SAN PAOLO D ARGON Provincia di Bergamo VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 05-03-2007 C O P I A Oggetto: DETERMINAZIONE TARIFFE PUBBLICITA' E DIRITTI PUB= BLICHE AFFISSIONI,

Dettagli

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONZANO VENETO

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONZANO VENETO CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONZANO VENETO L Imposta Comunale sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni Di seguito riportiamo un sintetico

Dettagli

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE L Imposta Comunale sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni Di seguito riportiamo un sintetico

Dettagli

COMUNE DI BERTIOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE

COMUNE DI BERTIOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE COMUNE DI BERTIOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato con deliberazione consiliare n.

Dettagli

TARIFFE PER IL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ANNO 2007

TARIFFE PER IL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ANNO 2007 Milano Comune di Milano Settore Pubblicità TARIFFE PER IL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI ANNO 2007 Trattazione di Massima della Giunta Comunale n. 13623.055/2002 del 17 settembre 2002 SERVIZIO DELLE

Dettagli

COMUNE DI OULX AREA ECONOMICO-FINANZIARIA finanziario@comune.oulx.to.it

COMUNE DI OULX AREA ECONOMICO-FINANZIARIA finanziario@comune.oulx.to.it COMUNE DI OULX AREA ECONOMICO-FINANZIARIA finanziario@comune.oulx.to.it REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. n. 507/93 Approvato

Dettagli

VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DECRETO LEGISLATIVO N. 507/93

VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DECRETO LEGISLATIVO N. 507/93 COMUNE DI CRESCENTINO VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DECRETO LEGISLATIVO N. 507/93 Presupposto dell imposta ( art. 5 D.Lgs. 507/93 ) 1. La diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI FORMIGNANA Provincia di Ferrara REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI LASPLASSAS PROVINCIA DI CAGLIARI TARIFFA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI LASPLASSAS PROVINCIA DI CAGLIARI TARIFFA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI LASPLASSAS PROVINCIA DI CAGLIARI TARIFFA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Il criterio che si ritiene debba essere informare la predisposizione alla tariffa comunale

Dettagli

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE di CASELETTE Provincia di TORINO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I NORME GENERALI ART. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO 1. E istituito, in tutto il

Dettagli

CITTA DI SOMMA LOMBARDO REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI.

CITTA DI SOMMA LOMBARDO REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI. CITTA DI SOMMA LOMBARDO REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE CC N 39 DEL 13 LUGLIO 2012 Art. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE. E' istituito nel Comune

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA Adottato con deliberazione di C.C. n. 29 del 15/06/1994; Modificato con deliberazione di C.C. n. 53 del 26/09/1994; Modificato con

Dettagli

INDICE. CAPO IV - SANZIONI TRIBUTARIE ED AMMINISTRATIVE Articolo 28 Sanzioni tributarie Articolo 29 Sanzioni amministrative

INDICE. CAPO IV - SANZIONI TRIBUTARIE ED AMMINISTRATIVE Articolo 28 Sanzioni tributarie Articolo 29 Sanzioni amministrative COMUNE DI FABRIANO Provincia di Ancona Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissi INDICE CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.23 DEL 28/6/94 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA CAPO I -DISPOSIZIONI GENERALI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento APPLICAZIONE dell'imposta COMUNALE sulla PUBBLICITÀ e per l'effettuazione del SERVIZIO delle PUBBLICHE AFFISSIONI S O M M A R I O

Dettagli

COMUNE DI VERRAYES COMMUNE DE VERRAYES REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

COMUNE DI VERRAYES COMMUNE DE VERRAYES REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI VERRAYES COMMUNE DE VERRAYES REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con deliberazione di consiglio n. 53

Dettagli

COMUNE DI VILLAFALLETTO

COMUNE DI VILLAFALLETTO COMUNE DI VILLAFALLETTO PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO COMUNALE PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI CAPO I D.Lgs. 15 novembre 1993, n. 507 Testo coordinato del regolamento approvato

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE ALL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

OGGETTO: APPROVAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE ALL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Provincia di Bologna Delibera N. 19 del 07/02/2008 Pubblicata all Albo Pretorio il _08/02/2008_ VERBALE DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DELLE

Dettagli

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì Cesena

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì Cesena COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI 1 I N D I C E TITOLO I

Dettagli

Servizio Pubbliche Affissioni (Affissione, a cura del Comune, di manifesti su appositi impianti a ciò destinati)

Servizio Pubbliche Affissioni (Affissione, a cura del Comune, di manifesti su appositi impianti a ciò destinati) Comune di Triggiano SCHEDA INFORMATIVA Servizio Pubbliche Affissioni (Affissione, a cura del Comune, di manifesti su appositi impianti a ciò destinati) Riferimenti normativi e regolamentari D.Lgs. 507/93:

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO. per l applicazione della

COMUNE DI OCCHIOBELLO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO. per l applicazione della COMUNE DI OCCHIOBELLO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO per l applicazione della IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE - a cura Federico Gavioli - Prima di inoltrarsi nell analisi relativa alle esenzioni dal pagamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina la sola applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità così come previsto

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell Imposta Comunale sulla Pubblicità e del diritto sulle pubbliche Affissioni

Regolamento per l applicazione dell Imposta Comunale sulla Pubblicità e del diritto sulle pubbliche Affissioni Regolamento per l applicazione dell Imposta Comunale sulla Pubblicità e del diritto sulle pubbliche Affissioni Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 61 del 29/102007 In vigore dal 1/1/2008

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

R E G O L A M E N T O PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERRAVECCHIA Provincia COSENZA R E G O L A M E N T O PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato alla delibera

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ COMUNE DI SEGONZANO - PROVINCIA DI TRENTO - REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 32 DD. 05.10.2006 IN VIGORE DAL GIORNO 1 GENNAIO 2007

Dettagli

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI NOTA INFORMATIVA

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI NOTA INFORMATIVA IL SOGGETTO PASSIVO Il soggetto passivo dell imposta sulla pubblicità, ovvero colui che è tenuto al pagamento, è la persona fisica o giuridica che dispone a qualsiasi titolo del mezzo attraverso il quale

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E SUL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E SUL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E SUL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CC. N. 5 DEL 25.02.2006 PARTE

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CAMPITELLO DI FASSA - PROVINCIA DI TRENTO -

COMUNE DI CAMPITELLO DI FASSA - PROVINCIA DI TRENTO - COMUNE DI CAMPITELLO DI FASSA - PROVINCIA DI TRENTO - REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO PER LE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato alla deliberazione del Consiglio comunale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Comune di CASTELNUOVO di GARFAGNANA Provincia di Lucca DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA DELIBERAZIONE N.66 DEL 30/07/2015 OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE IMPOSTA DI PUBBLICITA' E DIRITTO PUBBLICHE

Dettagli

CITTA DI IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

CITTA DI IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI CITTA DI IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Testo definitivo approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.19 del 25/02/2002 CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO Provincia di Vicenza

COMUNE DI CREAZZO Provincia di Vicenza COMUNE DI CREAZZO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

OGGETTO DEL REGOLAMENTO

OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE ART. 1 - Oggetto del Regolamento ART. 2 - Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA'

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' Allegato A) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' Approvato con deliberazione CC N. 7 del 28.02.1994 Modificato con deliberazione CC N. 23 del 06.05.1994 Modificato con

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Giunta Comunale n del COMUNE DI CERVETERI PROVINCIA DI ROMA

Allegato A alla deliberazione di Giunta Comunale n del COMUNE DI CERVETERI PROVINCIA DI ROMA Allegato A alla deliberazione di Giunta Comunale n del COMUNE DI CERVETERI PROVINCIA DI ROMA TARIFFE dell IMPOSTA COMUNALE sulla PUBBLICITÀ e del DIRITTO sulle PUBBLICHE AFFISSIONI Ai sensi del Decreto

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e dei diritti sulle pubbliche affissioni REGOLAMENTO PER L APPLIICAZIIONE DELL IIMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLIICIITA E DEII DIIRIITTII SULLE PUBBLIICHE AFFIISSIIONII ((Delliiberra dii C..C.. n..20//103471//06 dell 12//03//2007)) 1 Numero articolo

Dettagli