SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4"

Transcript

1

2 SOMMARIO 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE... 4 Glossario...4 Norme Generali...6 Art. 1 Oggetto del Regolamento...6 Principi di organizzazione...7 Art. 2 I Principi fondanti...7 Art. 3 La Struttura Dipartimentale...7 Art. 4 L integrazione delle funzioni amministrative e assistenziali...8 Art. 5 La partecipazione del medico di medicina generale, del pediatra di libera scelta e del medico specialista convenzionato...8 Art. 6 Le collaborazioni professionali...8 L Articolazione Organizzativa...9 Art. 7 Tipologia di strutture organizzative...9 Art. 8 Le Strutture Organizzative Funzionali...9 Art. 9 Le Strutture Organizzative Professionali...9 L Organizzazione Funzionale...10 Art. 10 I Macrolivelli...10 Art. 11 Il Presidio Ospedaliero...10 Art. 12 Il Direttore del Presidio Ospedaliero...11 Art. 13 La Zona Distretto...11 Art. 14 Il Responsabile di Zona Distretto...12 Art. 15 Il Dipartimento della Prevenzione...12 Art. 16 Il Direttore del Dipartimento della Prevenzione...12 Art. 17 Il Dipartimento Gestionale...12 Art. 18 L articolazione del Dipartimento Gestionale...13 Art. 19 Il Dipartimento di Coordinamento Tecnico...14 Art. 20 L articolazione del Dipartimento di Coordinamento Tecnico...15 Art. 21 La matrice organizzativa...16 Art. 22 Il Coordinamento dei Dipartimenti...16 Art. 23 I Dipartimenti del Centro Direzionale...17 Art. 24 Il Dipartimento di STAFF...17 Art. 25 Il Direttore del Dipartimento di Staff...18 Art. 26 Il Dipartimento Amministrativo...18 Art. 27 Il Direttore del Dipartimento Amministrativo...19 Art. 28 Il Dipartimento Tecnico...19 Art. 29 Il Direttore del Dipartimento Tecnico...19 Art. 30 I Settori del Dipartimento di Staff...20 Art. 31 Le Unità Funzionali del Dipartimento della Prevenzione...20 L Organizzazione Professionale...21 Art. 32 L Unità Operativa Complessa...21 Art. 33 Il Direttore di Unità Operativa Complessa...21 Art. 34 L Unità Operativa Semplice Dipartimentale...22 Art. 35 Gli Incarichi di Alta Specializzazione...22 Procedure per il conferimento degli incarichi...24 Art. 36 I principi fondamentali...24 Art. 37 Il conferimento dell incarico di Direttore di Dipartimento...24 Art. 38 Il conferimento dell incarico di Coordinatore di Settore /96

3 Art. 39 Il conferimento dell incarico di Direttore di Struttura Professionale Complessa UOC Dirigenza Medico/Veterinaria e Sanitaria...26 Art. 40 Il conferimento dell incarico di Direttore di Struttura Professionale Complessa UOC Dirigenza Professionale/Tecnica/Amministrativa...27 Art. 41 Il conferimento dell incarico di Direttore di Struttura Professionale Semplice Dipartimentale UOSD...28 Art. 42 Il conferimento dell Incarico PROFESSIONALE di Alta Specializzazione IAS...28 Disposizioni finali e transitorie...30 Art. 43 Entrata in vigore...30 Art. 44 Norme transitorie...30 Art. 45 Norma di rinvio REPERTORIO DELLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE AZIENDALI REPERTORIO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI ALTA SPECIALIZZAZIONE FUNZIONIGRAMMA ORGANIGRAMMA...96 L originale del presente documento è depositato presso la U.O. Politiche e Gestione del Personale. Il presente documento è diffuso a tutti attraverso il programma White Paper visibile attraverso Intranet aziendale e visibile sul sito internet aziendale: Il presente Regolamento verrà revisionato ogni volta che intervengano sostanziali modifiche organizzative o eventuali variazioni nella normativa vigente o di altri documenti ufficiali presi a riferimento. In ogni caso sarà soggetto a formale verifica biennale. 3/96

4 1. REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE GLOSSARIO Centro Direzionale: articolazione aziendale che raggruppa le strutture organizzative professionali corrispondenti alle funzioni amministrative, tecniche e di supporto alla Direzione aziendale. Dipartimento: aggregazione organizzativa di strutture complesse e strutture semplici; può essere di due tipologie: Gestionale oppure di Coordinamento Tecnico. Dipartimento di Coordinamento Tecnico: aggregazione organizzativa garante dell omogeneità delle procedure operative adottate dalle strutture di appartenenza. E caratterizzato dall omogeneità delle strutture organizzative di appartenenza dal punto di vista delle attività, delle figure professionali coinvolte e delle tecnologie impiegate. Dipartimento Gestionale: aggregazione organizzativa titolare di budget. Al suo interno si espletano la gestione di tutte le risorse (umane e strumentali) e la loro organizzazione al fine del perseguimento degli obiettivi aziendali. E caratterizzato dalla multidisciplinarietà; in esso confluiscono strutture e professionisti appartenenti a diversi Dipartimenti di Coordinamento Tecnico. Incarico professionale di Alta Specializzazione IAS: articolazione funzionale della struttura organizzativa (UOC) connessa alla presenza di elevate competenze tecnico professionali che producono prestazioni quali-quantitative complesse riferite alla disciplina ed organizzazione interna della struttura di riferimento 1. Prevalenza: criterio di rappresentazione grafica delle strutture professionali e IAS all interno dell organigramma aziendale; la struttura o l incarico vengono rappresentati all interno del Dipartimento gestionale ove i professionisti prevalentemente operano. Settore: articolazione organizzativa del Dipartimento di Staff che aggrega strutture e IAS appartenenti a ambiti omogenei di attività. Struttura: articolazione interna dell Azienda alla quale è attribuita la responsabilità di gestione di risorse umane, tecniche o finanziarie. Struttura complessa: articolazione dotata di piena autonomia tecnico-professionale, esercitata nel rispetto degli indirizzi aziendali. Struttura organizzativa funzionale: insieme di più funzioni operative riconosciute appartenenti a settori omogenei di attività. Struttura organizzativa professionale: insieme di professionalità omogenee, attinenti ad una specifica funzione operativa. 1 Art. 27 ccnl 8/06/2000 modificato dall art. 11 ccnl 3/11/05 e dall art. 4 ccnl integrativo 6/05/10, comma 8 4/96

5 Struttura semplice dipartimentale: articolazione organizzativa a valenza dipartimentale, dotata di responsabilità ed autonomia che si esercita nell ambito di direttive impartite dal Direttore della struttura funzionale di riferimento. Unità Funzionale: unità organizzativa multiprofessionale che aggrega funzioni operative appartenenti a settori omogenei di attività all interno del Dipartimento della Prevenzione. Unità Operativa Complessa UOC: l'insieme di professionalità omogenee, attinenti ad una specifica funzione operativa; dotata di piena autonomia tecnico-professionale e direttamente titolare di una funzione operativa. Unità Operativa Professionale UOP: UO a titolarità comparto (D/Ds) attinente ad una specifica funzione delle professioni di cui alla Legge 251/00; dotata di autonomia tecnicoprofessionale da esercitare nell ambito delle direttive impartite dal Direttore del Dipartimento di Coordinamento Tecnico di afferenza. Unità Operativa Semplice Dipartimentale UOSD: l'insieme di professionalità omogenee, attinenti ad una specifica funzione operativa; dotata di autonomia tecnico-professionale da esercitare nell ambito delle direttive impartite dal Direttore del Dipartimento di Coordinamento Tecnico di afferenza; può essere titolare di funzione operativa. 5/96

6 NORME GENERALI ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il Regolamento di Organizzazione aziendale disciplina, in accordo con la normativa vigente e con lo Statuto dell Azienda USL 4 Prato (di seguito denominata Azienda) approvato con deliberazione DG 405 del 28 aprile 2010: l organizzazione del Presidio Ospedaliero, della Zona Distretto e del Dipartimento della Prevenzione; l organizzazione delle funzioni del Centro Direzionale. Il Regolamento di Organizzazione aziendale è formato: 1. dalla parte normativa, artt. 1-45; 2. dal Repertorio delle strutture organizzative; 3. dal Repertorio degli incarichi professionali di alta specializzazione; 4. dal Funzionigramma, quale repertorio delle funzioni operative e dei principali ambiti di attività; 5. dall Organigramma, quale rappresentazione grafica delle strutture organizzative e degli incarichi di alta specializzazione. Il presente Regolamento innova e sostituisce il precedente adottato con deliberazione DG 1705 del 21 ottobre Il Regolamento di Organizzazione aziendale è soggetto a costante monitoraggio e formale revisione biennale. 6/96

7 PRINCIPI DI ORGANIZZAZIONE ART. 2 I PRINCIPI FONDANTI L organizzazione ed il funzionamento dell Azienda e quindi l attività delle articolazioni organizzative aziendali, sono informati ai principi di seguito riportati: cultura del servizio e senso di appartenenza ad una Azienda di servizi alla persona orientamento all utenza (accoglienza flessibilità tempestività trasparenza rispetto della privacy) efficacia e appropriatezza, interna ed esterna efficienza tecnologica e comportamentale qualità delle prestazioni economicità sicurezza nei processi di lavoro. Il fulcro sul quale l Azienda fonda le prospettive di successo della nuova organizzazione è la leale collaborazione delle persone che, a diverso titolo, prestano la loro attività professionale e lavorativa per conto dell Azienda, sia nei riguardi degli utenti, sia degli altri operatori e delle altre istituzioni che concorrono, ciascuno per le specifiche competenze, alla promozione e alla tutela del diritto alla salute. L organizzazione aziendale pertanto favorisce e promuove: autonomia e responsabilità professionale attribuzione dei livelli decisionali coerente con i livelli di responsabilità semplificazione e informatizzazione sistematica dell attività collegamento operativo e collaborazione con tutti gli attori del SSR. ART. 3 LA STRUTTURA DIPARTIMENTALE Elemento distintivo dell organizzazione aziendale è la struttura dipartimentale, intesa sia quale luogo di integrazione e coordinamento sia quale luogo di accrescimento delle conoscenze e delle competenze, elementi strategicamente indispensabili ai fini di una prospettiva di sviluppo futuro del sistema sanitario nel suo complesso. Il Dipartimento, definibile come un aggregazione organizzativa di strutture complesse e strutture semplici, può essere di due tipi: Dipartimento Gestionale Dipartimento di Coordinamento Tecnico. Tutte le attività aziendali di natura sanitaria e socio sanitaria (Presidio Ospedaliero e Zona Distretto) sono svolte all interno di Dipartimenti Gestionali e di Coordinamento Tecnico. L organizzazione Dipartimentale consente il raggiungimento di: obiettivi organizzativi, con il miglioramento del coordinamento delle attività di assistenza, diagnosi e cura del paziente (Dipartimento Gestionale); obiettivi clinici, con la promozione della qualità dell assistenza (Dipartimento di Coordinamento Tecnico); 7/96

8 obiettivi economici, con la razionalizzazione e l ottimizzazione nell impiego delle risorse (Dipartimento Gestionale); obiettivi strategici, con la diffusione delle conoscenze e lo sviluppo delle competenze (Dipartimento di Coordinamento Tecnico). Il modello dipartimentale viene assunto anche per l organizzazione delle funzioni afferenti al Centro Direzionale. ART. 4 L INTEGRAZIONE DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E ASSISTENZIALI Nell ottica di una più stretta collaborazione tra il supporto amministrativo e le attività sanitarie, a supporto dell attività di erogazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera, di assistenza territoriale e di prevenzione collettiva, svolte nei Macrolivelli, vengono attivate specifiche strutture organizzative professionali amministrative, le cui funzioni sono inserite nel Funzionigramma allegato. Tali strutture coordinano, tra l altro, le attività amministrative di staff dei Dipartimenti gestionali. Il modello di integrazione delle funzioni amministrative viene esteso anche al Dipartimento di Staff. ART. 5 LA PARTECIPAZIONE DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE, DEL PEDIATRA DI LIBERA SCELTA E DEL MEDICO SPECIALISTA CONVENZIONATO I medici di medicina generale, i pediatri di libera scelta, anche in forma associata ed i medici specialisti convenzionati sono attori fondamentali della gestione della domanda sanitaria e socio sanitaria e nella valutazione dei bisogni di salute della popolazione. Nell ottica dell ottimizzazione dei servizi, dell omogeneizzazione dei comportamenti e dell integrazione Presidio Ospedaliero - Zona Distretto, l Azienda attiva, nel Dipartimento di Staff, le figure di Referenti per la medicina generale e la specialistica convenzionata. Nel rispetto delle Convenzioni e dei contratti in essere, l Azienda è impegnata a valorizzare la piena integrazione dei medici, non in rapporto di dipendenza, nel proprio assetto organizzativo e professionale. ART. 6 LE COLLABORAZIONI PROFESSIONALI In ambiti di particolare interesse e di specifica professionalità l Azienda può attivare rapporti convenzionali al fine di garantire l espletamento delle relative funzioni operative. L attività in Convenzione risponde comunque agli indirizzi della programmazione strategica ed è oggetto di monitoraggio aziendale. 8/96

9 L ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA ART. 7 TIPOLOGIA DI STRUTTURE ORGANIZZATIVE L Azienda, per il conseguimento degli obiettivi previsti dalla programmazione nazionale e regionale ed in coerenza con quanto previsto dalla Legge Regionale 40/05 e successive modifiche e dalla vigente programmazione sanitaria regionale, è articolata in strutture organizzative funzionali e professionali. Negli allegati sono individuate le strutture organizzative, funzionali e professionali, necessarie per il pieno assolvimento delle funzioni aziendali e le loro specifiche attività. Le strutture organizzative individuate dal presente Regolamento si intendono attivate con la nomina del relativo Direttore. ART. 8 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE FUNZIONALI Al fine di coordinare ed integrare le varie funzioni, le attività aziendali sono organizzate e dirette attraverso strutture organizzative funzionali che comprendono, nella loro sfera di competenza, l insieme delle strutture organizzative professionali raggruppate in settori omogenei di attività. Le strutture organizzative funzionali dell Azienda USL 4 Prato si qualificano come: Macrolivelli (Presidio Ospedaliero, Zona Distretto, Dipartimento della Prevenzione) Dipartimenti Gestionali Dipartimenti di Coordinamento Tecnico Dipartimento di Staff Dipartimento Amministrativo Dipartimento Tecnico Settori del Dipartimento di Staff Unità Funzionali del Dipartimento della Prevenzione. ART. 9 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE PROFESSIONALI Sono costituite in relazione alle dimensioni delle attività aziendali, con riferimento ai livelli ottimali di attività, in funzione dei percorsi assistenziali ed in previsione del miglioramento qualitativo delle attività, della semplificazione e dell adeguatezza di risposta alle esigenze gestionali, oltre che in ottemperanza delle indicazioni regionali e di pianificazione aziendale. Le strutture organizzative professionali dell Azienda USL 4 Prato si qualificano come: Unità operative complesse; Unità operative semplici dipartimentali. 9/96

10 L ORGANIZZAZIONE FUNZIONALE ART. 10 I MACROLIVELLI Il primo livello di articolazione organizzativa funzionale dell Azienda è rappresentato dai 3 Macrolivelli: Presidio Ospedaliero, Zona Distretto, Dipartimento della Prevenzione, così come disciplinati dalla normativa nazionale, regionale, dallo Statuto aziendale e dalle deliberazioni DG di riferimento 2. I Macrolivelli costituiscono le strutture organizzative funzionali di riferimento nell erogazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera, di assistenza territoriale e di prevenzione collettiva. I Direttori di Macrolivello (Direttore del Presidio Ospedaliero, Responsabile Zona Distretto e Direttore Dipartimento della Prevenzione), ciascuno per l ambito di rispettiva competenza: partecipano alla programmazione strategica delle attività aziendali e ne garantiscono la declinazione in piani di attività delle strutture funzionali del Macrolivello negoziano con le strutture organizzative funzionali del Macrolivello il budget assegnato dalla Direzione aziendale curano l esercizio integrato delle funzioni operative allocate nel Macrolivello favoriscono l integrazione tra le attività ospedaliere, i servizi sanitari territoriali e le attività di prevenzione. I Direttori di Macrolivello procedono annualmente all individuazione del proprio sostituto nel rispetto delle norme di riferimento. ART. 11 IL PRESIDIO OSPEDALIERO L Azienda dispone di un unico Presidio Ospedaliero Nuovo Ospedale di Prato S. Stefano. Esso costituisce la struttura funzionale finalizzata all organizzazione e all erogazione delle prestazioni specialistiche di ricovero, compreso il servizio psichiatrico di diagnosi e cura (S.P.D.C.) e delle altre prestazioni specialistiche erogate in ambito intraospedaliero. L Azienda per l erogazione delle prestazioni specialistiche ospedaliere di ricovero, di day hospital, day surgery e ambulatoriali si avvale, in base a programmi aziendali e ai relativi contratti, della collaborazione di strutture sanitarie accreditate. In tal caso, i rapporti, oltre che dagli accordi contrattuali, sono regolati da specifici protocolli operativi per l individuazione delle responsabilità e la messa a disposizione delle risorse. Nell ambito dell assistenza ospedaliera, le modalità assistenziali sono organizzate in livelli differenziati per intensità di cura, secondo la complessità del bisogno assistenziale del paziente e del carico di assistenza che ne deriva e per aree di degenza, con distinte responsabilità gestionali sul versante clinico-assistenziale, infermieristico e di supporto ospedaliero. Cardini di tale sistema sono: i livelli ospedalieri 2 Del. 973 del Regolamento Zona Distretto; Del. 654 del Modello organizzativo Dipartimento della Prevenzione. 10/96

11 l assegnazione flessibile del personale il tasso programmato di occupazione dei posti letto. ART. 12 IL DIRETTORE DEL PRESIDIO OSPEDALIERO Il Direttore del Presidio Ospedaliero, opera in conformità alle disposizioni dettate dalla Direzione aziendale. Risponde funzionalmente al Direttore Sanitario dell Azienda ed agisce per il raggiungimento degli obiettivi di funzionamento del Presidio, collabora con il Responsabile di Zona Distretto ed il Direttore del Dipartimento della Prevenzione per assicurare il coordinamento delle attività ospedaliere con i servizi territoriali di zona e della prevenzione. Assicura l organizzazione del Presidio in conformità alla pianificazione aziendale, di Area Vasta e regionale. Per l esercizio delle proprie funzioni, particolarmente per quelle di coordinamento ed indirizzo il Direttore si avvale del Coordinamento dei Dipartimenti (art. 22). L Azienda, con deliberazione DG 908 del 10 ottobre 2013 ha identificato il Direttore Sanitario del Presidio Ospedaliero come l unico interlocutore del Concessionario di Project Financing e Responsabile Unico del Procedimento (R.U.P.) della fase di gestione dei servizi in concessione a livello di Presidio. Sono affidate al Direttore del Presidio Ospedaliero specifiche attività di coordinamento, monitoraggio e controllo dei servizi non sanitari aggiudicati nel Project Financing, così come disciplinati dalla Convenzione in atto con il Concessionario. Esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. ART. 13 LA ZONA DISTRETTO In un modello organizzativo che ruota attorno ai bisogni del cittadino il territorio rappresenta il primo terminale di intercettazione dei bisogni e di erogazione dell offerta preventiva, clinica, terapeutica, assistenziale e riabilitativa. L Azienda USL 4 Prato opera sul territorio attraverso Dipartimenti ed unità operative specifiche, medici con rapporto di convenzione, proiezioni di servizi specialistici e altri attori territoriali (farmacie, volontariato, strutture convenzionate). La Zona Distretto è il livello organizzativo al quale sono affidati: a. la valutazione dei bisogni sanitari e sociali della popolazione di riferimento e la definizione dei servizi necessari a soddisfarne, in base alle risorse disponibili, i bisogni assistenziali; b. l organizzazione e l erogazione delle prestazioni sanitarie territoriali, socio sanitarie ad elevata integrazione sanitaria e delle prestazioni sociali ove delegate dai Comuni; c. il coordinamento e l integrazione operativa delle attività territoriali con i servizi ospedalieri e della prevenzione, nonché con le attività svolte dai Comuni; d. lo svolgimento dei percorsi assistenziali attivati dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta, nonché dai servizi direttamente gestiti dall Azienda USL 4 Prato; e. lo sviluppo di campagne di educazione sanitaria e di informazione; f. il coordinamento tra le attività ospedaliere, le attività territoriali e quelle di prevenzione. L ambito territoriale della Zona Distretto aziendale corrisponde anche all ambito territoriale della Società della Salute, secondo quanto indicato nello Statuto. 11/96

12 ART. 14 IL RESPONSABILE DI ZONA DISTRETTO Alla Zona Distretto è preposto un Responsabile in possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente. Laddove sia costituita la Società della Salute, il Direttore Generale delega al Direttore della Società della Salute le funzioni di Responsabile di Zona Distretto, che le esercita sulla base dell intesa prevista dall art. 50 comma 6 Legge Regionale 40/05 ed in conformità al Regolamento di organizzazione della Società della Salute. Il funzionamento della Zona Distretto e gli ambiti di intervento attribuiti al Responsabile sono disciplinati da apposito regolamento approvato con deliberazione DG 973 del Esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. Dalla data di adozione del presente Regolamento il Responsabile di Zona Distretto è impegnato nella revisione del Regolamento di Zona Distretto per i conseguenti aggiornamenti. ART. 15 IL DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE In ottemperanza alle disposizioni regionali di cui alla delibera GRT 1235/12, l Azienda ha definito l assetto organizzativo del Dipartimento con deliberazione DG 654 del Il Dipartimento della Prevenzione è la struttura organizzativa funzionale che, mediante azioni volte ad individuare e rimuovere i rischi presenti negli ambienti di vita e di lavoro, persegue obiettivi di promozione della salute, prevenzione delle malattie e miglioramento della qualità della vita, nonché di tutela medico legale della persona con disabilità funzionali, anche in coerenza con gli obiettivi di salute e di benessere di cui all art 21, comma 2, lettera a) della Legge Regionale 40/05 e successive modifiche e integrazioni. Realizza le proprie finalità mediante lo svolgimento delle funzioni di conoscenza, sorveglianza epidemiologica, informazione, assistenza, controllo, consulenza e vigilanza. ART. 16 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE Il Direttore del Dipartimento opera in conformità alle disposizioni della Direzione aziendale. Risponde funzionalmente al Direttore Sanitario dell Azienda ed agisce per il raggiungimento degli obiettivi di funzionamento della prevenzione collettiva; collabora con il Responsabile di Zona Distretto per assicurare il coordinamento di tali attività con i servizi territoriali di Zona. Assicura l organizzazione del Dipartimento in conformità alla pianificazione aziendale, di Area Vasta e regionale. Esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. ART. 17 IL DIPARTIMENTO GESTIONALE Il Dipartimento Gestionale: è titolare di budget; è quindi al suo interno che si espletano la gestione di tutte le risorse (umane e strumentali) e la loro organizzazione al fine del perseguimento degli obiettivi aziendali; è caratterizzato dalla multidisciplinarietà; in esso confluiscono professionisti di strutture organizzative professionali appartenenti a diversi Dipartimenti di Coordinamento Tecnico; 12/96

13 risponde alla necessità di ottimizzare l impiego delle risorse disponibili e di recuperare la centralità del paziente all interno dell organizzazione. Il Dipartimento Gestionale ha lo scopo: di allineare le attività delle strutture organizzative professionali e degli incarichi di alta specializzazione afferenti al Dipartimento in modo da indirizzarle al raggiungimento degli obiettivi fissati dalla programmazione regionale, Aziendale e locale; di indirizzare l operato del personale assegnato orientandolo a criteri di efficacia, efficienza, economicità, equità ed etica dei servizi; di promuovere la flessibilità nell utilizzo delle risorse umane e strumentali all interno delle strutture afferenti il Dipartimento nell ottica dell ottimizzazione e della sinergia. Il Dipartimento Gestionale può essere Ospedaliero, di Zona Distretto o afferente ad entrambi. Sono attivati i seguenti Dipartimenti Gestionali: 1. ALTA INTENSITÀ 2. MULTIDISCIPLINARE AD INDIRIZZO CHIRURGICO 3. MULTIDISCIPLINARE AD INDIRIZZO MEDICO 4. DEI SERVIZI 5. DEU 6. CONTINUITÀ ASSISTENZIALE 7. CURE PRIMARIE 8. DELLA COMPLESSITÀ SOCIOSANITARIA La suddetta articolazione risponde a due principi guida: livello di complessità assistenziale integrazione dell assistenza ospedaliera e territoriale. ART. 18 L ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO GESTIONALE Ad ogni Dipartimento Gestionale è preposto un Direttore che si avvale dello Staff di Dipartimento. Il Direttore del Dipartimento Gestionale espleta funzioni di natura prevalentemente manageriale, traducendo in termini operativi gli indirizzi strategici della Direzione Aziendale. Il Direttore di Dipartimento: propone alla Direzione Aziendale specifico regolamento di organizzazione del Dipartimento sentiti i Direttori dei Dipartimenti di Coordinamento Tecnico interessati, attraverso il Coordinamento dei Dipartimenti; negozia con il Direttore del Macrolivello di afferenza le attività, l allocazione delle risorse, il budget, gli obiettivi generali e specifici affidati al Dipartimento sulla base di una visione sistemica delle proposte e tenuto conto delle indicazioni regionali e delle prospettive di sviluppo dell intera organizzazione; negozia con i Direttori di Struttura Complessa e Semplice Dipartimentale il budget e gli obiettivi generali e specifici per le singole strutture afferenti al Dipartimento; promuove la definizione di percorsi di assistenza trasversali alle singole specialità e ne garantisce l attuazione, assicurando coerenza e continuità tra procedure e azioni programmate afferenti alle unità operative diverse; 13/96

14 verifica i risultati raggiunti; è responsabile dell organizzazione e dell economicità nell uso delle risorse assegnate al Dipartimento; è responsabile degli aspetti riguardanti la sicurezza dei Presidi, secondo il sistema di gestione della sicurezza aziendale; esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. Il Direttore di Dipartimento convoca almeno una volta l anno la Conferenza di Dipartimento. Alla Conferenza partecipa tutto il personale del Dipartimento. Le Conferenze di Dipartimento sono strumento di partecipazione e momento d informazione diffusa, al fine di: riportare i risultati raggiunti; valutare lo stato di attuazione dei piani di azione; comunicare e condividere i criteri di impostazione dei nuovi programmi. Lo Staff di Dipartimento è composto da: un Referente amministrativo, (posizione organizzativa afferente la UOC Attività amministrative del Presidio Ospedaliero/UOC Attività amministrative della Zona Distretto e Dipartimento della Prevenzione); un Referente delle Professioni infermieristiche e ostetriche oppure delle Professioni tecnico sanitarie, (posizione organizzativa afferente le UUOOCC di riferimento); un Referente della UOC Direzione medica di Presidio/un Referente del Sociale, (posizione organizzativa afferente UOC Assistenza Sociale). Lo Staff di Dipartimento coadiuva Il Direttore di Dipartimento nella gestione ordinaria delle attività. Il Direttore di Dipartimento è supportato, nell espletamento delle funzioni, dai Direttori delle UUOOCC e delle UUOOSSDD afferenti il Dipartimento. ART. 19 IL DIPARTIMENTO DI COORDINAMENTO TECNICO Il Dipartimento di Coordinamento Tecnico: è garante dell omogeneità delle procedure operative adottate dalle strutture di appartenenza; è caratterizzato dall omogeneità delle strutture organizzative di appartenenza dal punto di vista delle attività, delle figure professionali coinvolte e delle tecnologie impiegate; favorisce lo sviluppo di comportamenti clinico assistenziali basati sull evidenza e costituisce l ambito privilegiato in cui poter contestualizzare le attività di Governo Clinico nelle sue principali estensioni ovvero: o la misurazione degli esiti o la gestione del rischio clinico o l adozione di linee guida e protocolli diagnostico terapeutici o la formazione continua; garantisce la valorizzazione di tutte le categorie professionali operanti in Azienda; esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. 14/96

15 Il Dipartimento di Coordinamento Tecnico, quale struttura funzionale volta a garantire l uniformità tecnico professionale, espleta la propria funzione in maniera trasversale Presidio Ospedaliero/Zona Distretto. Sono attivati i seguenti Dipartimenti di Coordinamento Tecnico: 1. MATERNO INFANTILE 2. CHIRURGICO 3. ONCOLOGICO 4. MEDICO 5. INTENSIVO 6. DIAGNOSTICA 7. SALUTE MENTALE E DIPENDENZE 8. PROFESSIONI INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE 9. PROFESSIONI TECNICO SANITARIE La suddetta articolazione risponde a due principi: affinità professionale omogeneizzazione dei protocolli e delle procedure diagnostico assistenziali. ART. 20 L ARTICOLAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI COORDINAMENTO TECNICO Ad ogni Dipartimento di Coordinamento Tecnico è preposto un Direttore. Il Direttore del Dipartimento di Coordinamento Tecnico espleta funzioni di natura prevalentemente professionale, garantendo la qualità dell assistenza attraverso linee guida, protocolli, PDTA, ecc. Il Direttore del Dipartimento: partecipa attivamente alla definizione, programmazione, monitoraggio e valutazione degli obiettivi di budget per gli aspetti di competenza; presiede alla valutazione professionale in seno al Collegio Tecnico costituito per la valutazione periodica degli incarichi dei direttori delle strutture ed incarichi afferenti al Dipartimento; verifica i risultati raggiunti; utilizza metodiche appropriate finalizzate al miglioramento continuo della qualità delle attività svolte; elabora ed implementa sistemi e protocolli, per conferire la massima omogeneità e sicurezza alle procedure con idonei meccanismi di verifica; individua e promuove nuove attività o nuovi modelli nello specifico campo di competenza; individua il fabbisogno di formazione ed aggiornamento del personale operante nell'ambito delle differenti strutture, concertando le iniziative al fine di perseguire specifici obiettivi nella logica dello sviluppo continuo delle professionalità. Il Direttore di Dipartimento è supportato, nell espletamento delle funzioni, dai Direttori delle UUOOCC e delle UUOOSSDD afferenti il Dipartimento. 15/96

16 ART. 21 LA MATRICE ORGANIZZATIVA Il rapporto fra i Dipartimenti Gestionali e di Coordinamento Tecnico è di assoluta complementarietà e si sviluppa all interno di una matrice in cui i Direttori delle due tipologie di Dipartimento hanno la stessa autorità, agita in ambiti diversi (gestione e programmazione da una parte, qualità assistenziale ed uniformità professionale dall altra) ed i dipendenti riportano ad entrambi, come di seguito specificato. Il Direttore di Dipartimento Gestionale negozia con il Direttore di Dipartimento Tecnico, coadiuvato dai Direttori delle singole strutture organizzative professionali, le ore di lavoro dei diversi professionisti necessarie al raggiungimento degli obiettivi di attività. Il Direttore di UOC/UOSD, afferente al singolo Dipartimento Tecnico, ha il compito di assicurare le ore di lavoro negoziate attraverso la gestione dell orario di lavoro e degli istituti contrattuali connessi. Il singolo operatore, in linea con quanto previsto dalla normativa regionale di riferimento, ha una dipendenza in termini organizzativi dal Direttore del Dipartimento gestionale ed in termini professionali dal Direttore UO, in primo luogo, e dal Direttore del Dipartimento di Coordinamento Tecnico in senso più ampio. L assegnazione del personale alle strutture organizzative professionali può avvenire anche in misura percentuale rispetto all orario contrattualmente dovuto. Le funzioni operative, proprie delle strutture organizzative professionali, sono coordinate dai Dipartimenti di Coordinamento Tecnico ed esercitate all interno dei Dipartimenti Gestionali. ART. 22 IL COORDINAMENTO DEI DIPARTIMENTI Per lo sviluppo operativo della matrice organizzativa è istituito il Coordinamento dei Dipartimenti. Al Coordinamento partecipano i Direttori dei Dipartimenti Gestionali e di Coordinamento Tecnico. Il Coordinamento espleta funzioni consultive e di supporto sia per la Direzione aziendale che per i Direttori di Macrolivello. E coinvolto nel ciclo di Budget e nella predisposizione e definizione dei Regolamenti dei singoli Dipartimenti. Al Coordinamento è preposto un Referente, scelto dal Direttore Generale, su proposta del Direttore Sanitario, fra i dirigenti che abbiano maturato un esperienza di direzione di Area/Dipartimento. Le sedute del Coordinamento sono valide in presenza della metà più uno dei componenti e le soluzioni adottate, se sottoposte a votazione, devono raggiungere un quorum pari alla metà più uno dei componenti presenti. In caso di parità il voto del Referente è dirimente. Le stesse sono verbalizzate e rese pubbliche. Il Referente assicura il funzionamento del Coordinamento, garantendone la convocazione mensile nonché le procedure e la tempistica di intervento. L incarico di Referente è annuale ed è assimilato all incarico di Direttore di Dipartimento, qualora affidato ad un Direttore di Dipartimento l indennità maggiore assorbe l altra. 16/96

17 ART. 23 I DIPARTIMENTI DEL CENTRO DIREZIONALE In analogia al modello organizzativo adottato per le attività di assistenza sanitaria e socio sanitaria integrata, anche l organizzazione funzionale delle attività del Centro Direzionale risponde alla logica dipartimentale. Sono attivati i seguenti Dipartimenti: Dipartimento di Staff Dipartimento Amministrativo Dipartimento Tecnico. Essi rispondono, al loro interno, sia alle competenze puramente gestionali (budget, organizzazione del lavoro, ecc.) che di coordinamento tecnico (omogeneità procedure, formazione, ecc.). Sia le competenze gestionali che di coordinamento tecnico fanno capo al Direttore del Dipartimento. ART. 24 IL DIPARTIMENTO DI STAFF Il Dipartimento di Staff supporta la Direzione aziendale nella programmazione strategica e operativa e nelle funzioni di monitoraggio e controllo delle attività e dei costi. Le strutture organizzative di Staff agiscono come un sistema a rete dove ciascun nodo sviluppa la propria attività in stretto coordinamento funzionale con gli altri. In relazione a ciò lo Staff prevede articolazioni organizzative riportabili ai seguenti Settori di riferimento: 1. PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO cui afferiscono la gestione del processo di budget ed il monitoraggio delle attività; le analisi economiche e la contabilità analitica; le politiche del personale e le relazioni sindacali, la farmaceutica e le politiche del farmaco, l organizzazione dei servizi sanitari. A questo ambito fanno capo anche le figure dei Referenti della medicina generale e della medicina specialistica convenzionata. 2. FORMAZIONE, SVILUPPO E PROMOZIONE DELLA SALUTE cui afferiscono la formazione, educazione e promozione della salute; la ricerca e innovazione; la comunicazione e marketing; la salute partecipata e cooperazione sanitaria internazionale; il coordinamento donazione e trapianti; la clinica delle organizzazioni. 3. QUALITA, SICUREZZA E TRASPARENZA cui afferiscono la prevenzione e protezione dai rischi sui luoghi di lavoro; la medicina legale; il contenzioso e sinistri; il rischio clinico; la prevenzione rischi e contenzioso; la qualità, accreditamento e trasparenza; il governo clinico e delle liste d attesa. Questa soluzione organizzativa risponde: a principi di economicità di gestione aziendale alla necessità di fornire una visione multidimensionale della complessa realtà organizzativa delle Aziende Sanitarie. 17/96

18 ART. 25 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI STAFF Il Direttore del Dipartimento di Staff opera in conformità alle disposizioni della Direzione aziendale. Risponde funzionalmente alla Direzione aziendale ed assicura il raggiungimento degli obiettivi derivanti dalla pianificazione aziendale, di Area Vasta e regionale. Il Direttore del Dipartimento Staff ha compiti di coordinamento interno e di integrazione dell attività consulenziale nei confronti del resto dell Azienda ed in questo senso: cura lo svolgimento e le coerenze del processo di programmazione assicurando il coordinamento delle strutture interessate a livello aziendale; monitora l efficacia degli strumenti di programmazione adottati proponendo soluzioni e metodologie innovative a supporto anche dell analisi strategica; è direttamente responsabile della gestione del Ciclo del budget annuale aziendale, coordinando le attività periodiche previste e gli incontri di negoziazione, monitoraggio e verifica con le strutture funzionali e professionali; coordina l azione dei componenti del Dipartimento di Staff per il perseguimento degli obiettivi dei diversi Settori; orienta la gestione del Dipartimento di Staff rispetto ai principi di condivisione, collaborazione ed interazione fra le diverse specifiche competenze professionali che lo compongono; è responsabile del budget di Dipartimento e della programmazione operativa del Dipartimento, negozia con le UUOO appartenenti al Dipartimento i budget di unità operativa nei limite del Budget di Dipartimento e verifica gli scostamenti; esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. ART. 26 IL DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO La matrice organizzativa aziendale, oltre i Dipartimenti Gestionali e di Coordinamento Tecnico, che svolgono la loro attività in campo sanitario e socio sanitario ad alta integrazione, prevede la presenza di Dipartimenti, a valenza aziendale, a supporto di tali attività: il Dipartimento Amministrativo e il Dipartimento Tecnico. Il Dipartimento Amministrativo provvede: a tutti gli adempimenti di Legge in materia finanziaria, fiscale ed amministrativa in genere, nel rispetto dei principi di buona contabilità e gestione; all'esecuzione degli atti adottati dal Direttore Generale; alla responsabile gestione del personale assegnato alla struttura organizzativa, armonizzando gli orari di servizio e di apertura secondo le esigenze dell'utenza e dei vari servizi aziendali; ad assicurare la trasparenza dell'azione amministrativa e all'applicazione delle disposizioni di cui alla Legge 241/90 e s.m.i. e al relativo regolamento interno, individuando i responsabili dei procedimenti amministrativi; al supporto amministrativo delle varie attività aziendali, sia di tipo gestionale che di applicazione e di indirizzo tecnico/giuridico negli ambiti non trasferiti alla competenza degli ESTAV; è garante dell omogeneità delle procedure operative adottate dalle strutture di appartenenza e dalle strutture organizzative professionali amministrative collocate nei Macrolivelli e nel Dipartimento di Staff. 18/96

19 ART. 27 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO AMMINISTRATIVO Il Direttore del Dipartimento Amministrativo opera in conformità alle disposizioni della Direzione aziendale. Risponde funzionalmente al Direttore Amministrativo dell Azienda ed assicura il raggiungimento degli obiettivi derivanti dalla pianificazione aziendale, di Area Vasta e regionale. Il Direttore del Dipartimento Amministrativo: è responsabile del budget di Dipartimento e della programmazione operativa del Dipartimento, negozia con le UUOO appartenenti al Dipartimento i budget di unità operativa nei limite del Budget di Dipartimento e verifica gli scostamenti; cura la diffusione, tra le strutture afferenti, delle decisioni e degli indirizzi adottati dalla Direzione aziendale oltre che delle priorità da osservare nella realizzazione dei programmi unitari o di quelli interessanti altre strutture; predispone e cura le regole di attuazione delle procedure e si raccorda con il Direttore del Dipartimento Tecnico per la ottimizzazione delle attività interdipartimentali; orienta la gestione del Dipartimento rispetto ai principi di condivisione, collaborazione ed interazione fra le diverse specifiche competenze professionali che lo compongono; esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. ART. 28 IL DIPARTIMENTO TECNICO Il Dipartimento Tecnico provvede: a tutti gli adempimenti di carattere tecnico, gestionali ed amministrativi connessi alla realizzazione di nuove opere, alla manutenzione degli immobili e degli impianti, nel rispetto dei principi di buona contabilità e gestione; all'esecuzione degli atti adottati dal Direttore Generale; alla responsabile gestione del personale assegnato alla struttura organizzativa, armonizzando gli orari di servizio e di apertura secondo le esigenze dei vari servizi aziendali; ad assicurare la trasparenza dell'azione amministrativa e all'applicazione delle disposizioni di cui alla Legge 241/90 e s.m.i. e al relativo regolamento interno, individuando i responsabili dei procedimenti amministrativi; al supporto tecnico delle varie attività aziendali, negli ambiti non trasferiti alla competenza degli ESTAV; è garante dell omogeneità delle procedure operative adottate dalle strutture di appartenenza. ART. 29 IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO TECNICO Il Direttore del Dipartimento Tecnico opera in conformità alle disposizioni della Direzione aziendale. Risponde funzionalmente al Direttore Amministrativo dell Azienda ed assicura il raggiungimento degli obiettivi derivanti dalla pianificazione aziendale, di Area Vasta e regionale. è responsabile del budget di Dipartimento e della programmazione operativa del Dipartimento, negozia con le UUOO appartenenti al Dipartimento i budget di unità operativa nei limite del Budget di Dipartimento e verifica gli scostamenti. 19/96

20 cura la diffusione, tra le strutture afferenti, delle decisioni e degli indirizzi adottati dalla Direzione aziendale oltre che delle priorità da osservare nella realizzazione dei programmi unitari o di quelli interessanti altre strutture; predispone e cura le regole di attuazione delle procedure e si raccorda con il Direttore del Dipartimento Amministrativo per la ottimizzazione delle attività interdipartimentali; orienta la gestione del Dipartimento rispetto ai principi di condivisione, collaborazione ed interazione fra le diverse specifiche competenze professionali che lo compongono; esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. ART. 30 I SETTORI DEL DIPARTIMENTO DI STAFF I Settori del Dipartimento di Staff sono articolazioni organizzative a carattere gestionale che aggregano strutture e IAS appartenenti ad ambiti ad omogenei di attività. A ciascun Settore è preposto un Coordinatore che: supporta il Direttore del Dipartimento di Staff nella programmazione delle attività e nella gestione del budget; è garante dell omogeneità delle procedure operative adottate nel Settore; assicura il fabbisogno formativo dei professionisti afferenti al Settore; esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale e dal Direttore del Dipartimento di Staff. ART. 31 LE UNITÀ FUNZIONALI DEL DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE Le Unità Funzionali, a valenza Zonale, sono le Strutture organizzative che governano il personale, hanno rappresentatività esterna e sono responsabili degli obiettivi che vengono assegnati all interno della struttura dipartimentale. Possono essere strutture semplici o complesse, in ragione della molteplicità delle professionalità impiegate, della numerosità di personale, della complessità della programmazione operativa, ecc. In ordine alla disciplina delle Responsabilità delle UUFF si rinvia alla DGRT 1235/12 ed ai conseguenti atti aziendali. 20/96

21 L ORGANIZZAZIONE PROFESSIONALE ART. 32 L UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA L Unità Operativa Complessa è una struttura organizzativa professionale dotata di piena autonomia tecnico professionale da esercitare nel rispetto degli indirizzi aziendali, delle direttive professionali del Direttore di Dipartimento di Coordinamento Tecnico e delle esigenze del cittadino/utente. L Unità Operativa Complessa è direttamente titolare di una funzione operativa, cioè dell insieme di attività riconosciute come omogenee sotto il profilo professionale. La UOC è caratterizzata da: strategicità rispetto alla mission aziendale; complessità e specializzazione delle materie e delle patologie trattate; complessità e numerosità del sistema di relazioni intra ed extra-aziendali. In coerenza con tale complessità, le UUOOCC costituiscono Centri di Responsabilità all interno del processo di budget secondo i rapporti e le regole gerarchiche adottate in Azienda. La responsabilità dell UOC è attribuita ad un Dirigente nominato dal Direttore Generale in conformità alle procedure stabilite dalle normative in vigore e da quanto di seguito espresso. ART. 33 IL DIRETTORE DI UNITÀ OPERATIVA COMPLESSA Il Direttore di Unità Operativa Complessa, oltre ai compiti previsti dall art. 60 della Legge Regionale 40/05 e successive modifiche, esercita i seguenti compiti raccordandosi con i Direttori di Dipartimento: assicura tempestività ed adeguatezza di risposta ai problemi professionali tipici delle funzioni svolte; emana linee guida su aspetti deontologici, di responsabilità professionale rispetto alle competenze tipiche di ogni profilo professionale; cura l aggiornamento professionale del personale attraverso la promozione di interventi di aggiornamento e formazione e la partecipazione alla programmazione strategica del piano di formazione; propone e promuove, in accordo con i Direttori di Dipartimento interessati e compatibilmente con le risorse disponibili, eventuali sperimentazioni, anche in relazione all introduzione di nuove tecniche; promuove strumenti di valutazione e autovalutazione professionale volti alla misurazione della qualità della prestazione e dei servizi; cura l iter di inserimento del personale neo assunto; partecipa alle procedure informative, contabili, di controllo di gestione, di verifica e revisione delle qualità delle prestazioni; concorre all attivazione delle iniziative aziendali tendenti al miglioramento della qualità delle prestazioni e dell assistenza ed al miglioramento dei rapporti con i cittadini; 21/96

22 esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. ART. 34 L UNITÀ OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE È anch essa una struttura organizzativa professionale dotata di piena autonomia tecnico professionale da esercitare nel rispetto degli indirizzi aziendali, delle direttive professionali del Direttore di Dipartimento di Coordinamento Tecnico e delle esigenze del cittadino/utente. Pur non essendo graduata come struttura complessa, costituisce un articolazione interna del Dipartimento e ad essa è, di norma, attribuita la responsabilità di risorse umane, tecniche e finanziarie. Le UUOOSSDD costituiscono Centri di Responsabilità all interno del processo di budget secondo i rapporti e le regole gerarchiche adottate in Azienda. La responsabilità dell UOSD è attribuita ad un Dirigente nominato dal Direttore Generale in conformità alle procedure stabilite dalle normative in vigore e da quanto di seguito espresso. Il Direttore di Unità Operativa Semplice Dipartimentale svolge le seguenti funzioni: assicura tempestività ed adeguatezza di risposta ai problemi professionali tipici delle funzioni svolte; emana linee guida su aspetti deontologici, di responsabilità professionale rispetto alle competenze tipiche di ogni profilo professionale; cura l aggiornamento professionale del personale attraverso la promozione di interventi di aggiornamento e formazione e la partecipazione alla programmazione strategica del piano di formazione; propone e promuove, in accordo con i Direttori di Dipartimento interessati e compatibilmente con le risorse disponibili, eventuali sperimentazioni, anche in relazione all introduzione di nuove tecniche; promuove strumenti di valutazione e autovalutazione professionale volti alla misurazione della qualità della prestazione e dei servizi; cura l iter di inserimento del personale neo assunto; partecipa alle procedure informative, contabili, di controllo di gestione, di verifica e revisione delle qualità delle prestazioni; concorre all attivazione delle iniziative aziendali tendenti al miglioramento della qualità delle prestazioni e dell assistenza e al miglioramento dei rapporti con i cittadini; esercita le funzioni ed i compiti direttamente assegnati dalla Direzione aziendale. ART. 35 GLI INCARICHI DI ALTA SPECIALIZZAZIONE Alla luce dei criteri di complessità assistenziale e di crescente specializzazione degli atti professionali, la nuova organizzazione intende attuare quanto previsto dalla normativa contrattuale vigente introducendo oltre agli incarichi di struttura semplice dipartimentale, gli incarichi di alta specializzazione IAS. Gli IAS si presentano quali tipologie di incarico che possono raggiungere una valorizzazione economica analoga, nel quadro della graduazione delle funzioni prevista a livello aziendale, agli incarichi di struttura semplice presenti in Azienda. Gli Incarichi di Alta Specializzazione, costituiscono articolazioni interne dell Unità Operativa Complessa connessi alla presenza di elevate competenze tecnico professionali che producono 22/96

23 prestazioni quali-quantitative complesse riferite alla disciplina ed organizzazione interna della struttura di riferimento. Il Titolare dell incarico opera, nell ambito delle direttive impartite dal Direttore di UOC, con autonomia professionale. 23/96

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H

REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI DELLA ASL ROMA H INDICE Articolo 1- Ambito di applicazione... 3 Articolo 2- Fonti normative... 3 Articolo 3- Definizione... 3 Articolo 4- Obiettivi e finalità del Distretto...

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE. Rev. definitiva

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE. Rev. definitiva REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE Rev. definitiva 1 INDICE TITOLO I IL SISTEMA AZIENDA ED IL SUO GOVERNO Art. 1 Il sistema Azienda Pag. 5 Art. 2 Il

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE

REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO AZIENDALE DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DI DIREZIONE Articolo 1 Costituzione

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 3 - PROGRAMMAZIONE E SVILUPPO DELLA RETE PEDIATRICA REGIONALE Art. 20 - Art. 21 - Art. 22 - Art. 23 - Art. 24 - Art. 25 - Verso

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento

Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 1 Oggetto del regolamento Allegato alla Delibera n Il presente regolamento disciplina l organizzazione interna del Dipartimento della Prevenzione (di seguito chiamato Dipartimento), ai sensi di quanto

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. n. 12 VIAREGGIO STATUTO AZIENDALE

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. n. 12 VIAREGGIO STATUTO AZIENDALE REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. n. 12 VIAREGGIO STATUTO AZIENDALE SOMMARIO TITOLO I... 4 DISPOSIZIONI GENERALI... 4 Art. 1 Finalità e funzioni dell Azienda... 4 Art. 2 Ambito territoriale e sede... 4 Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA

REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA INDICE RIFERIMENTI NORMATIVI PREMESSE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Assetto organizzativo Art. 3 Strutture, Programmi

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole

Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole Regolamento di Organizzazione della Società della Salute della Valdinievole INDICE Art. 1 Premessa Art. 2 Attività di indirizzo e di controllo Art. 3 Principi relativi all organizzazione della SdS Art.

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA

Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Regolamento Regolamento Attuativo del Servizio di PSICOLOGIA Art. 1 Finalità e compiti. Capo I - Finalità e compiti. 1) L'assistenza Psicologica si occupa degli aspetti psicologici attinenti la domanda

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Distretto come previsto dall art. 8.3 dell Atto di indirizzo per l adozione dell

Dettagli

Documento di Pianificazione Aziendale REGOLAMENTO AZIENDALE DG 03 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

Documento di Pianificazione Aziendale REGOLAMENTO AZIENDALE DG 03 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Pag. 1 di 48 DG 03 REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Delibera del Direttore Generale N. 859 DEL 27.12.2010 Data Rev Redatto Verificato Approvato Direttore U.O. Affari Generali e Legali Direttore

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, LE UNIVERSITA DI FIRENZE PISA E SIENA E LE AZIENDE OSPEDALIERO-UNIVERSITARIE PER LA IMPLEMENTAZIONE DELL ATTIVITA DI DIDATTICA E DI RICERCA ALL INTERNO DELLE

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria VII^ Legislatura Progetto di legge Istituzione della dirigenza e dei Servizi delle Professioni Sanitarie Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecnico-Sanitarie

Dettagli

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO.

MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. ALLEGATO A MODELLO ORGANIZZATIVO REGIONALE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO. il sistema organizzativo che governa le modalità di erogazione delle cure non è ancora rivolto al controllo in modo sistemico

Dettagli

REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione

REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione REGIONE TOSCANA REGIONE TOSCANA Azienda USL3 di Pistoia REGOLAMENTO del Sistema Integrato di Valutazione - AREA della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA - 1 Finalità La gestione degli incarichi e delle verifiche

Dettagli

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE

LA SANITÀ DIVENTA SISTEMA AZIENDALE LEZIONE: ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SANITARIA (SECONDA PARTE) PROF. MASSIMO BUJA Indice 1 INTRODUZIONE --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE

TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE TITOLO VIII : LA PROGRAMMAZIONE 1. STRUMENTI DELLA PROGRAMMAZIONE La Direzione aziendale elabora le linee strategiche per il governo del sistema dei servizi sanitari sulla base degli atti di indirizzo

Dettagli

Art. 1. Istituzione dei Servizi

Art. 1. Istituzione dei Servizi LEGGE REGIONALE 5 febbraio 2010, n.13 Istituzione dei servizi delle professioni sanitarie infermieristiche, ostetriche, riabilitative, tecnico sanitarie e tecniche della prevenzione e delle professioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INDICE PARTE I - L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE: I PRINCIPI CAPO I - L Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari della Provincia Autonoma di Trento Art. 1 - Denominazione, sede legale, logo, patrimonio dell

Dettagli

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO

PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO PROPOSTA DI NUOVO MODELLO DI CARRIERA PER LA DIRIGENZA DEL RUOLO SANITARIO a cura di Giuseppe Montante VALUTAZIONE DEL MODELLO VIGENTE DI CARRIERA MOTIVAZIONI Da circa 16 anni è stato introdotto per la

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA

REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA REGOLAMENTO GENERALE DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELLA SOCIETA DELLA SALUTE DELL ALTA VAL DI CECINA settembre 2011 1 Il presente regolamento è frutto di un lavoro di condivisione tra le SDS

Dettagli

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio

Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Le linee guida regionali sui piani di zona 2011 2015: da Casa di Riposo a Centro di Servizio Il quadro Istituzionale organizzativo in Regione Veneto Dirigente Regionale Servizi Sociali dott. Mario Modolo

Dettagli

Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale

Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale Sistema di Valutazione della Performance del Segretario Comunale In applicazione dell art. 7 del D. Lgs. 150/2009 recante Attuazione della legge 4 marzo 2009, n. 15, in materia di ottimizzazione della

Dettagli

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE

Budget 2009. Chiusura processo di negoziazione. 05 marzo 2009. Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE Budget 2009 Chiusura processo di negoziazione Dr. Renzo Alessi DIRETTORE GENERALE 05 marzo 2009 Missione dell Azienda L Azienda ULSS 5 assicura ai cittadini l erogazione di prestazioni Socio-Sanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

(Marche, BUR 2 dicembre 2013, n. 94) LA GIUNTA REGIONALE. omissis. Delibera

(Marche, BUR 2 dicembre 2013, n. 94) LA GIUNTA REGIONALE. omissis. Delibera Deliberazione Giunta Regionale 11 novembre 2013 n. 1534 Modifica ed integrazione della Delib.G.R. n. 747/2004 - Riordino del sistema regionale dei servizi per le dipendenze patologiche. (Marche, BUR 2

Dettagli

Deliberazione N.: 228 del: 10/03/2015. Oggetto : ULTERIORI DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA MODIFICA DEL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE.

Deliberazione N.: 228 del: 10/03/2015. Oggetto : ULTERIORI DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA MODIFICA DEL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Deliberazione N.: 228 del: 10/03/2015 Oggetto : ULTERIORI DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA MODIFICA DEL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Pubblicazione all Albo on line per giorni quindici consecutivi dal:

Dettagli

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance

AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO. Sistema di misurazione e valutazione della performance AZIENDA ULSS N. 8 - ASOLO Sistema di misurazione e valutazione della performance in attuazione del D.Lgs. n. 150/2009 1 Indice Presentazione... 3 Principi... 3 Articolazione del sistema... 4 1. La Valutazione

Dettagli

ATTO AZIENDALE DELL AZIENDA USL DI CESENA. Approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 1877 del 03/12/2007 1/42

ATTO AZIENDALE DELL AZIENDA USL DI CESENA. Approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 1877 del 03/12/2007 1/42 ATTO AZIENDALE DELL AZIENDA USL DI CESENA Approvato con Delibera di Giunta Regionale n. 1877 del 03/12/2007 1/42 Sommario: Capo I - L Azienda Unità Sanitaria Locale di Cesena...4 Art. 1 La denominazione,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE

STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE STATUTO DELL AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA MEYER INDICE SEZIONE Titolo 4 - STRUMENTI DI GESTIONE Art. 26 - Pianificazione strategica e controllo strategico Art. 27 - Sistema di budget Art. 28.1 - Bilancio

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Delibera di Giunta - N.ro 2004/1016 - approvato il 31/5/2004 Oggetto: LINEE GUIDA PER IL POTENZIAMENTO DELL'ASSISTENZA AI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Prot. n. (SAM/03/27628) LA GIUNTA DELLA REGIONE

Dettagli

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia.

organizzazione della prevenzione e dell assistenza in oncologia. Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Linee guida del Ministero della sanità 1 febbraio 1996 Gazzetta Ufficiale 20 febbraio 1996, n. 42 Linee guida in applicazione di quanto previsto nel Piano sanitario

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO DIPARTIMENTO AZIENDALE

REGOLAMENTO DIPARTIMENTO AZIENDALE DATA emissione Dott. Salvatore Iannucci UOSD Gestione Processi Amm.vi Aziendali Redatto Verificato Approvato Controllato Direttore dipartimento Amministrativo Dott. Dino Ravaglia Direttore UOC Innovazione

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

ORGANIGRAMMA DELL ASP AZALEA

ORGANIGRAMMA DELL ASP AZALEA Allegato alla deliberazione del Consiglio di amministrazione n 29 del 20/11/2012 ORGANIGRAMMA DELL ASP AZALEA PREMESSA Nell organigramma sotto riportato, si è inteso rappresentare l unicum di governo dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

favorendo lo sviluppo dell organizzazione orizzontale e per processi e la valorizzazione e la gestione per percorsi assistenziali e clinici.

favorendo lo sviluppo dell organizzazione orizzontale e per processi e la valorizzazione e la gestione per percorsi assistenziali e clinici. Atto Aziendale AOUP versione del 21 giugno 2011 1 TITOLO I L AZIENDA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA PISANA Art. 1 Oggetto, denominazione, sede legale, logo Il presente atto disciplina, in conformità con le

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento per il Controllo di Gestione PROVINCIA DI ROMA Regolamento per il Controllo di Gestione Adottato con delibera della Giunta Provinciale n. 498/23 del 09/04/2003 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Ambito di applicazione 1. Il presente

Dettagli

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE

Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE Società della Salute della Lunigiana CONVENZIONE 1 INDICE...1 CONVENZIONE...1...1 INDICE...2 ART. 1 Costituzione Denominazione Sede Durata...3 ART. 2 Finalità...3 ART. 4 Modalità di gestione...5 ART. 5

Dettagli

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino

Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Politiche della Qualità Servizio Qualità e Medicina Legale Azienda ULSS 4 Alto Vicentino Anno 2014-2015 Un Sistema qualità per l eccellenza socio-sanitaria I piani ed i documenti di governo del sistema

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STRUTTURA ORGANIZZATIVA E RESPONSABILITA A LIVELLO DI ATENEO L'Università degli Studi di Perugia, per assolvere i propri fini primari quali la ricerca scientifica, il

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

Art. 3 (Relazione tra attività assistenziale, didattica e ricerca)

Art. 3 (Relazione tra attività assistenziale, didattica e ricerca) Legge Regionale 6 agosto 2009, n. 15 Disciplina dei rapporti tra la Regione e le università della Lombardia con facoltà di medicina e chirurgia per lo svolgimento di attività assistenziali, formative e

Dettagli

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata

Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Atto di indirizzo per la medicina convenzionata Premessa L approvazione del Decreto Balduzzi, oltre alla necessità di rivedere gran parte dell impianto normativo degli ACN vigenti, ha aperto e stimolato

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo

Comune di San Martino Buon Albergo Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona - C.A.P. 37036 SISTEMA DI VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI DIRIGENZIALI Approvato dalla Giunta Comunale il 31.07.2012 INDICE PREMESSA A) LA VALUTAZIONE

Dettagli

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali

- 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE. Capo I Finalità e disposizioni generali - 1 - Consiglio regionale Friuli Venezia Giulia INDICE Capo I Finalità e disposizioni generali Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 (Finalità) (Definizioni) (Pianificazione regionale) (Campagne di informazione)

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE

Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO DEI DISTRETTI SANITARI E SOCIALI DI BASE ART. 1 IL DISTRETTO SANITARIO SOCIALE Il distretto sanitario sociale è la struttura tecnico-funzionale di base per la erogazione dei servizi

Dettagli

Prove Esame di Stato

Prove Esame di Stato Prove Esame di Stato 2012 SEZ. A 1 Prova L Assistente Sociale specialista responsabile di un servizio sociale riceve dal proprio riferimento politico (Assessore alle politiche sociali) l incarico di redigere

Dettagli

UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO

UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO UNIVERSITA ED AZIENDE SANITARIE: SINERGIE PER IL TERRITORIO FERRARA, 20 FEBBRAIO 2008 AULA MAGNA RETTORATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA 1 LA REVISIONE DEI MODELLI ORGANIZZATIVI: I DIPARTIMENTI E I

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMACE TITOLO I PRESUPPOSTI DEL SISTEMA Oggetto Il Sistema di Misurazione e Valutazione della Performance dell ASL di Lucca ha la finalità complessiva di

Dettagli

REGOLAMENTO DI DIPARTIMENTO

REGOLAMENTO DI DIPARTIMENTO REGOLAMENTO DI DIPARTIMENTO Art. 1 - Il Dipartimento In accordo con il D.Leg.vo n. 502/92, e successive modificazioni ed integrazioni, e con la l articolo 9 della L.R. n. 10/2006, la Asl di Cagliari definisce

Dettagli

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 Premessa La programmazione Aziendale ricomprende in modo integrato il documento di programmazione annuale, il Piano Performance, gli Obiettivi di Interesse Regionale, gli obiettivi

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo)

REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA. (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) REGOLAMENTO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICHE, CHIRURGICHE E TECNOLOGIE AVANZATE G.F. INGRASSIA (art. 15, comma 12, dello Statuto di Ateneo) Art. 1 Oggetto, denominazione e sede Il presente regolamento

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO SANITARIA N. 6 VICENZA PROVVEDIMENTO DEL DIRIGENTE RESPONSABILE Servizio Risorse Umane e Relazioni Sindacali delegato dal Direttore Generale dell Azienda con

Dettagli

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico.

Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. Allegato alla Delib.G.R. n. 46/17 del 22.9.2015 Linee di indirizzo per la gestione del rischio clinico. 1. Modello organizzativo 1.1 Introduzione Il presente documento fonda ogni azione prevista sull importanza

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N. 317 Del 01/12/2014 Oggetto: Adozione del Documento di politica aziendale in materia di privacy, del nuovo Regolamento Aziendale in materia di protezione dei dati

Dettagli

FB SERVIZI S.r.l. Corso Italia 126 San Giovanni Teatino (CH) C.F./P.I. 02147910695

FB SERVIZI S.r.l. Corso Italia 126 San Giovanni Teatino (CH) C.F./P.I. 02147910695 FB SERVIZI S.r.l. Corso Italia 126 San Giovanni Teatino (CH) C.F./P.I. 02147910695 CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE Settembre 2007 INTRODUZIONE

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010

Allegato 1. Regione Abruzzo. Programma Operativo 2010 Allegato 1 Regione Abruzzo Programma Operativo 2010 Intervento 6: Razionalizzazione della rete di assistenza ospedaliera Azione 3: Razionalizzazione delle Unità Operative Complesse Determinazione delle

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Possamai ISTITUZIONE DELLE UNITA OPERATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA Presentato alla Presidenza

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI

REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI REGOLAMENTO DI ATENEO PER L INTEGRAZIONE ED IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI Emanato con D.R. n. 83 del 27 febbraio 2008 Entrata in vigore 13 marzo 2008 INDICE TITOLO I - CAMPO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014

Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Bozza al 10 marzo 2016 Documento integrativo dell atto di indirizzo per la medicina convenzionata deliberato in data 12 febbraio 2014 Con il presente documento il Comitato di Settore per il Comparto Regioni-Sanità

Dettagli

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE

PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE ALLEGATO A PARTE TERZA MISURAZIONE VALUTAZIONE E TRASPARENZA DELLE PERFORMANCE INVIDUALI E COLLETTIVE. VALUTAZIONE AREE POSIZIONI ORGANIZZATIVE CAPO I NUCLEO DI VALUTAZIONE ART. 92 - NUCLEO DI VALUTAZIONE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato.

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA. Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Page 1 of 9 LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 13-11-2006 REGIONE BASILICATA Disciplina degli aspetti formativi del contratto di apprendistato. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE BASILICATA N. 71 del 17

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ASSOCIATA TRA I COMUNI DELL UNIONE DEI NEBRODI DELLE FUNZIONI RELATIVE AL NUCLEO DI VALUTAZIONE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la gestione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE INTRA MOENIA DEI MEDICI SPECIALISTI AMBULATORIALI INTERNI E DELLE ALTRE PROFESSIONALITA 1 I N D I C E Articolo 1 PREMESSA Articolo 2 NORME GENERALI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

Le linee generali dell organizzazione e del funzionamento dell azienda

Le linee generali dell organizzazione e del funzionamento dell azienda Le linee generali dell organizzazione e del funzionamento dell azienda INDICE capo I: la finalità dell atto aziendale e gli elementi identificativi e caratterizzanti l azienda pag. 3 capo II: gli organi

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri

Organizzazione dei servizi sanitari. Dr. Silvio Tafuri Organizzazione dei servizi sanitari Dr. Silvio Tafuri Premessa metodologica Classificazione dei sistemi sanitari in base alle fonti di finanziamento: n n n n Sistemi assicurativi Sistemi finanziati dalla

Dettagli