Manovra Finanziaria. La riduzione del cuneo fiscale. Ulteriori deduzioni dalla base imponibile IRAP vengono introdotte con la Finanziaria

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manovra Finanziaria. La riduzione del cuneo fiscale. Ulteriori deduzioni dalla base imponibile IRAP vengono introdotte con la Finanziaria"

Transcript

1 Approfondimenti Manovra La riduzione del cuneo fiscale di Andrea Trevisani Ulteriori deduzioni dalla base imponibile IRAP vengono introdotte con la 2007 dopo quelle, già a regime, previste dall art. 11 del D.Lgs. n. 446/1997. In particolare, i commi dal 266 al 269 dell articolo unico della citata legge contengono numerose disposizioni che incidono sulla base imponibile IRAP al fine di ridurre il cosiddetto cuneo fiscale, ossia il divario esistente tra costo complessivo sostenuto dall impresa per i lavoratori dipendenti e retribuzione netta percepita dai lavoratori stessi. Il nuovo assetto normativo, in sostanza, consente alle imprese di dedurre nuovi oneri connessi al costo del lavoro perseguendo, anche, ulteriori finalità tese ad incrementare la capacità competitiva delle aziende e a promuovere l incremento dell occupazione stabile. La 2007 (1) interviene in maniera consistente per ridurre il cuneo fiscale e, conseguentemente, favorire la competitività delle imprese mediante l introduzione di ulteriori deduzioni, rispetto a quelle già vigenti contemplate nell art. 11 del D.Lgs. 15 dicembre 1997, n. 446, dalla base imponibile dell IRAP che vengono accentuate nel caso di lavoratori occupati nelle regioni del Mezzogiorno e di impiego di donne lavoratrici. Deduzione forfetaria IRAP e degli oneri sociali Deduzioni forfetarie Il comma 266 dell articolo unico della legge 2007 riscrive, in maniera ampia, l art. 11 del D.Lgs. n. 446/1997, in particolare la lett. a) sostituisce la lett. a) del comma 1 del predetto art. 11, introducendo ulteriori ipotesi di deduzione dalla base imponibile IRAP sempre collegate a costi inerenti alle spese di lavoro. La modifica normativa non coinvolge quella serie di spese, sempre riconducibili al personale, che già in precedenza erano deducibili dalla base imponibile IRAP: i contributi per assicurazioni obbligatorie contro gli infortuni sul lavoro, le spese relative agli apprendisti, ai disabili e al personale assunto con contratti di formazione lavoro (2) e, per tutti i soggetti passivi, ad eccezione delle pubbliche amministrazioni e delle amministrazioni degli organi costituzionali (3) e degli organi legislativi delle regioni a statuto speciale, i costi per il personale addetto alla ricerca e sviluppo, compresi quelli sostenuti da consorzi tra imprese costituiti per la realizzazione di programmi comuni di ricerca e sviluppo, a condizione che l effettività della spesa sia asseverata da uno dei soggetti indicati nella disposizione. Il nuovo art. 11 del decreto istitutivo dell IRAP concede, a decorrere dal periodo d imposta in corso al 1 gennaio 2007, la possibilità di dedurre una parte del costo dei dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato e l intero ammontare dei contributi sociali. Considerato che le nuove deduzioni dalla base imponibile IRAP sono entrate in vigore il 1 gennaio 2007 (come la maggior parte delle norme contenute nella legge per il 2007), le medesime dovranno essere, da subito, gestite nei quadri IQ dei modelli UNICO 2007 relativi alle società di capitali e agli enti non commerciali (4). Tali soggetti, infatti, possono essere Andrea Trevisani - Responsabile fiscale Confartigianato (1) Legge 27 dicembre 2006, n. 296, in Banca Dati BIG, IPSOA. (2) Si ricorda che con circolare 5 aprile 2005, n. 13/E, in Corr.Trib. n. 19/2005, pag. 1537, con commento di M. Procopio, l amministrazione finanziaria ha precisato che a seguito dell approvazione della legge 14 febbraio 2003, n. 30 (cd. «legge Biagi»), il riferimento a contratti di formazione lavoro, contemplato dal D.Lgs. n. 446/1997, è da intendersi esteso ai nuovi contratti d inserimento, destinati ad assolvere a finalità analoghe. (3) Camera dei Deputati, Senato della Repubblica, Corte costituzionale e Presidenza della Repubblica. (4) Il nuovo comma 3-bis inserito nell art. 2 del D.P.R. n. 322/1998 dal comma 67 dell articolo unico della legge 2007 prevede che i modelli UNICO devono essere resi disponibili dall Agenzia delle entrate entro il 15 febbraio di ciascun anno. Con comunicato stampa del 16 febbraio 2007 l Agenzia delle entrate ha informato che i modelli UNICO 2007 sono in corso di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale. 687

2 Manovra Approfondimenti caratterizzati da un periodo d imposta non coincidente con l anno solare (ad esempio, 1 giugno maggio 2007) e dovranno, in tale ipotesi, presentare comunque la dichiarazione sul modello UNICO 2007, in quanto, in base al comma 1 del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322, come modificato dall art. 37, comma 10, del D.L. 4 luglio 2006, n. 223, convertito, con modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248 «ai fini delle imposte sui redditi e dell imposta regionale sulle attività produttive le dichiarazioni sono redatte, a pena di nullità, su modelli conformi a quelli approvati entro il 31 gennaio omissis da utilizzare per le dichiarazioni dei redditi e del valore della produzione relative all anno precedente ovvero, in caso di periodo di imposta non coincidente con l anno solare, omissis per le dichiarazioni relative al periodo di imposta in corso alla data del 31 dicembre dell anno precedente a quello di approvazione». Ritornando all esame della novella deduzione, il numero 1) della nuova lettera a) prevede la deduzione di un ammontare pari a euro, su base annua, per ogni lavoratore dipendente a tempo indeterminato impiegato nel periodo d imposta mentre il numero 2), della medesima lettera, acconsente che per ogni lavoratore, sempre assunto con contratto a tempo indeterminato, venga dedotta, su base annua, una somma pari a euro purché il medesimo sia impiegato in una delle seguenti regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Quest ultima deduzione è alternativa a quella dei euro spettante, indipendentemente dal luogo in cui vengono impiegati i lavoratori, ed, inoltre, può essere fruita nel rispetto dei limiti derivanti dall applicazione della regola de minimis stabilita dal regolamento (CE) della Commissione 12 gennaio 2001, n. 69/2001 (5). Appare subito evidente che la deduzione in oggetto riduce l imposizione IRAP, che grava sul costo del lavoro, ponendo come unica condizione per poter beneficiare della riduzione stessa che l impresa, nel corso del periodo d imposta, abbia avuto in forza dipendenti con contratti di lavoro dipendente a tempo indeterminato; non risulta necessario, pertanto, effettuare nuove assunzioni come richiesto, ad esempio, per fruire della deduzione prevista per le neo assunzioni dal comma 4-quater del medesimo art. 11. La norma stabilisce, inoltre, che l importo dell agevolazione (pari a o euro) spetta su base annua e deve essere ragguagliato ai giorni di durata del rapporto di lavoro nel periodo d imposta. Riparametrazione similare è disposta nel caso di rapporti di lavoro a tempo parziale, in tutte le forme ammesse (orizzontale, verticale e misto) disciplinate dall art. 1 del D.Lgs. 25 febbraio 2000, n. 61. Risulta subito chiaro che la deduzione riguarda anche i dipendenti che non sono più in forza alla fine del periodo d imposta in quanto l agevolazione, come peraltro affermato nella Relazione governativa al provvedimento, consiste in un abbattimento forfetario della base imponibile in relazione a ciascun lavoratore dipendente a tempo indeterminato impiegato nel periodo d imposta. Caso esemplificativo Nel corso del periodo d imposta, l impresa Alfa ha evidenziato la seguente situazione in ordine ai lavoratori dipendenti a tempo indeterminato. Dipendente Periodo di assunzione Deduzione forfetaria di base spettante Rossi In forza per Euro tutto il periodo d imposta Verdi Assunto Euro 2.931,51 il 1 giugno pari a (5.000 x 214) 365 Bianchi In forza dal Euro 4.164,38 pari 1 gennaio a (5.000 x 304) al 31 ottobre 365 Neri Assunto il Euro 1.678,08 pari 1 maggio con a (5.000 x 245 x 1 ) contratto a tempo parziale di 4 ore giornaliere Totale deduzione spettante Euro ,97 Nota: (5) Dal 1 gennaio 2007 è operativo il nuovo regolamento sugli aiuti di Stato di importo limitato. Infatti il regolamento (CE) n. 1998/2006 ha sostituito la precedente disciplina elevando a euro (al lordo di imposte ed oneri), su tre anni, la soglia di aiuti precedentemente fissata a euro. Il nuovo Regolamento ha incluso, inoltre, nel regime de minimis anche il settore dei trasporti precedentemente non ammesso al citato regime, tuttavia, per tale comparto, la soglia de minimis è dimezzata ( euro). 688

3 Approfondimenti Manovra Deduzione dei contributi assistenziali e previdenziali La seconda deduzione introdotta attiene, invece, agli oneri sociali, vale a dire ai contributi previdenziali ed assistenziali a carico del datore di lavoro relativi ai lavoratori dipendenti a tempo indeterminato. I contributi previdenziali (6) servono a finanziare le pensioni di cui i lavoratori usufruiranno, mentre quelli assistenziali (7) sono destinati a salvaguardare il reddito dei medesimi in caso di eventi avversi (disoccupazione, malattia, maternità, ecc). In relazione alle diverse LA NOVITA NORMATIVA modalità di calcolo della base imponibile IRAP, la deduzione potrà essere applicata solo dai soggetti passivi che determinano la stessa con il metodo analitico; diversamente per chi utilizza il cosiddetto metodo retributivo, l esclusione di tali oneri dalla base imponibile è già operante (8). Deduzioni per lavoratori a tempo indeterminato A partire dal 1 gennaio 2007, in modo graduale nel corso dell anno, diverranno operative le nuove deduzioni relative a costi inerenti a lavoratori dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato. In particolare entreranno in vigore la deduzione forfetaria di base pari a per ogni lavoratore, quella maggiorata per le imprese operanti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia pari a euro per dipendente e quella relativa agli oneri sociali. ammontare. Nei citati commi viene espressamente previsto che le deduzioni forfetarie andranno ragguagliate ad anno; medesima disposizione non viene prevista per la deduzione dei contributi previdenziali in quanto l ammontare deducibile sarà determinato in relazione agli importi di detti oneri concernenti i singoli mesi retribuiti. Esempio di calcolo per il periodo d imposta 2007 Si consideri un impresa, operante nel Nord Italia, con un solo dipendente a tempo indeterminato per tutto il periodo d imposta 2007 avente retribuzione lorda annua pari a euro. I contributi sociali a carico del datore di lavoro (24,95% della retribuzione lorda) sono pari a euro. In relazione ai diversi periodi di paga il carico per oneri sociali ammonta ad euro 415,83 (4.990: 12). Ambito soggettivo di applicazione ed entrata in vigore delle nuove deduzioni Le nuove deduzioni non possono essere utilizzate da alcune tipologie di contribuenti: banche; altri enti finanziari; imprese di assicurazione; imprese operanti nel settore delle cosiddette utilities: imprese operanti in concessione e a tariffa nei settori dell energia, dell acqua, dei trasporti, delle infrastrutture, delle poste, delle telecomunicazioni, della raccolta e depurazione delle acque di scarico e della raccolta e smaltimento rifiuti. I commi 267 e 268 dell articolo unico della legge 2007 disciplinano l entrata in vigore delle nuove deduzioni prevedendo che sia la deduzione forfetaria di base (5.000 euro), che quella maggiorata ( euro), e sia la deduzione degli oneri sociali si applicano, per tutti i soggetti, a partire dal mese di febbraio 2007 e in misura ridotta alla metà fino al mese di giugno; solo a partire dalle retribuzioni di luglio, pertanto, le nuove deduzioni diverranno operative per il loro intero Mese Deduzione Deduzione forfetaria di per oneri sociali base Gennaio 2007 Zero Zero Da febbraio 208,33 per 207,91 per a giugno 2007 ciascun mese ciascun mese (5.000: 12: 2) (415,83: 2) Dal luglio a 416,66 per 415,83 per dicembre 2007 ciascun mese ciascun mese Deduzione 3.541, ,53 totale Per quanto concerne la tredicesima mensilità, prevista dalla generalità dei contratti, la stessa, di (6) Pari al 23,81% della retribuzione lorda. (7) Pari all 1,14% della retribuzione lorda. (8) La determinazione della base imponibile con il cosiddetto metodo retributivo è riservata ai soggetti di cui alle lettere e) ed e-bis) dell art. 3 del decreto istitutivo dell IRAP: enti non commerciali di cui alla lett. c), comma 1, dell art. 73 del T.U.I.R. relativamente all attività non commerciale svolta, pubbliche amministrazioni, amministrazioni degli organi Costituzionali e organi legislativi delle regioni a statuto speciale. 689

4 Manovra Approfondimenti IL PROBLEMA APERTO norma, viene corrisposta nel corso del mese di dicembre, ma la sua maturazione avviene per tanti dodicesimi quanti sono i mesi lavorati nel corso dell anno e all atto della corresponsione la medesima viene assoggettata agli oneri previdenziali e assistenziali. A tal riguardo dovrà essere chiarito se gli oneri sociali relativi alla tredicesima mensilità saranno integralmente deducibili in quanto determinati a dicembre 2007 ovvero se occorrerà imputare ad ogni singolo mese un dodicesimo degli stessi e, conseguentemente, in sede di deduzione tener conto dei limiti imposti in relazione al periodo d imposta L ammontare della deduzione, in tutti i casi, non può superare, ai sensi del nuovo comma 4-septies dell art. 11 del decreto istitutivo dell IRAP, il costo che l impresa deve sopportare in relazione a ciascun dipendente. Compatibilità con la disciplina comunitaria delle nuove norme Sia la deduzione forfetaria di base che quella relativa agli oneri sociali, essendo selettive, in quanto escludono dalla loro applicazione alcuni settori economici (vedi supra), necessitavano di autorizzazione comunitaria perché potenzialmente qualificabili come aiuti di Stato ai sensi dell art. 87, par. 1, del Trattato CE. Diversamente la deduzione forfetaria maggiorata riservata alle imprese operanti nelle cosiddette aree svantaggiate del Sud entra immediatamente in vigore (con le limitazioni temporali viste supra) non essendo richiesta nessuna autorizzazione comunitaria perché rientrante nel cosiddetto regime de minimis. La mancata autorizzazione da parte della Commissione europea entro gennaio 2007 potrebbe determinare un problema di decorrenza delle nuove disposizioni. Vale la pena, inoltre, ricordare che per quanto concerne la deduzione nelle aree del Mezzogiorno per la verifica del limite de minimis occorrerà aver riguardo all effettivo risparmio di IRAP scaturente dall applicazione delle nuove Autorizzazione della Commissione europea Le nuove deduzioni IRAP configurano dei potenziali aiuti di Stato e, pertanto, il regime avrebbe dovuto essere preventivamente autorizzato dalla Commissione europea entro il mese di gennaio La mancata autorizzazione potrebbe comportare una rimodulazione dei periodi interessati dall agevolazione: in particolare sia la deduzione forfetaria di base che quella concernente gli oneri sociali diverranno operative solo successivamente al via libera dato da Bruxelles. norme. In pratica, il limite dei euro, nell arco di un triennio, andrà verificato in relazione all imposta risparmiata e non all ammontare di base imponibile ammesso in deduzione. Alternatività delle nuove disposizioni rispetto ad altre deduzioni IRAP Le nuove deduzioni IRAP risultano alternative con altre disposizioni già tese a ridurre l impatto del costo del lavoro nel calcolo della base imponibile IRAP. Il nuovo comma 4-septies inserito nell art. 11 del D.Lgs. n. 446/1997 individua chiaramente le ipotesi di non cumulabilità; le deduzioni in commento non possono, infatti, sommarsi a quelle contemplate, sempre nel citato art. 11, dal: comma 1, lett. a), n. 5: spese relative agli apprendisti, ai disabili, al personale assunto con contratti di formazione lavoro e al personale addetto alla ricerca e sviluppo; comma 4-bis1: deduzione, per i soggetti passivi - ad esclusione delle pubbliche amministrazioni - con componenti positivi che concorrono alla formazione del valore della produzione non superiori a euro, di un importo pari a euro per ogni lavoratore dipendente impiegato nel periodo d imposta fino ad un massimo di 5 dipendenti (9); comma 4-quater: deduzione per gli incrementi occupazionali, rispetto alla base occupazione del 2004, intervenuti nei periodi d imposta e 2007 di un importo pari al costo del lavoro del neo assunto con un limite massimo di euro e dell incremento complessivo del costo del lavoro (10); (9) Cfr. risoluzione dell Agenzia delle entrate 10 agosto 2004, n. 116/E, in Corr.Trib. n. 36/2004, pag. 2870, con commento di G. Gavelli. (10) Cfr. circolari dell Agenzia delle entrate 13 febbraio 2006, n. 7/E, in Corr.Trib. n. 12/2006, pag. 959, con commento di A. Dodero e A. Trevisani, e 12 luglio 2006, n. 26/E, ivi n. 33/2006, pag. 2630, con commento di A.Trevisani. 690

5 Approfondimenti Manovra comma 4-quinquies: aumento della deduzione prevista dal comma 4-quater nelle ipotesi di neo assunzioni nelle aree svantaggiate del Centro-Nord e del Sud; comma 4-sexies: nuova agevolazione, introdotta dalla 2007, in relazione all assunzione di donne lavoratrici rientranti nella definizione di lavoratore svantaggiato (vedi infra). Considerata la formulazione letterale del comma 4-septies (11) la verifica della convenienza ad applicare le nuove LA NOVITA NORMATIVA deduzioni ovvero quelle sopra indicate andrà effettuata in relazione a ciascun dipendente in forza purché, ovviamente, ricorrano le condizioni di applicabilità delle deduzioni stesse. Assunzione di neo lavoratrici svantaggiate L assunzione di neo lavoratrici svantaggiate secondo i criteri stabiliti dal Regolamento (CE) n. 2204/2002 che determina un incremento di base occupazionale comporta la possibilità di incrementare la deduzione base che viene moltiplicata per sette o per cinque a seconda delle aree in cui opera l impresa che provvede all assunzione. La deduzione, così rinforzata, può azzerare completamente la base imponibile IRAP. Nuova deduzione per l assunzione di lavoratrici in situazioni di svantaggio Il nuovo comma 4-sexies introduce una specifica nuova deduzione collegata con l assunzione di lavoratrici che si trovano in situazione di svantaggio secondo quanto prescritto dal regolamento (CE) 12 dicembre 2002, n Il legislatore nel confermare le deduzioni spettanti nel caso di assunzione di neo lavoratori in zone svantaggiate del Paese (comma 4-quinquies del citato art. 11) ha previsto, in alternativa, un ulteriore deduzione dalla base imponibile IRAP in caso di assunzioni di donne lavoratrici rientranti nella definizione comunitaria di lavoratore svantaggiato, come identificata dalla relativa disciplina recata dal Regolamento (CE) n. 2204/2002 della Commissione europea del 12 dicembre 2002 (12). A tal riguardo l art. 2, lett. f), n. xi), del citato Regolamento prevede che per lavoratrice svantaggiata si intende qualsiasi donna di un area geografica al livello NUTS II (Nomenclatura delle unità territoriali statistiche), nella quale il tasso medio di disoccupazione superi il 100% della media comunitaria da almeno due anni civili precedenti, e nella quale la disoccupazione femminile abbia superato il 150% del tasso di disoccupazione maschile dell area considerata, per almeno due dei tre anni civili precedenti. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali 17 novembre 2005 sono state individuate le aree geografiche che presentano le caratteristiche previste dal Regolamento comunitario, in particolare sono interessate le seguenti regioni: Lazio, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. La norma dispone che nell ipotesi le nuove assunzioni riguardino tali soggetti, l importo deducibile determinato ai sensi del comma 4-quater - consistente nel minore importo tra il costo del lavoro del neoassunto e euro - è, rispettivamente, moltiplicato: per cinque, nel caso che le assunzioni vengano effettuate nelle aree ammissibili alla deroga prevista dall art. 87, par. 3, lett. c), del Trattato CE (si tratta di assunzioni effettuate in Molise, Abruzzo, e in determinate zone localizzate in regioni del Centro-Nord); per sette, nel caso che le nuove assunzioni avvengano nelle aree ammissibili alla deroga prevista dall art. 87, par. 3, lett. a), del Trattato CE (si tratta di assunzioni effettuate nelle regioni del Sud: Calabria, Basilicata, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia). Si sottolinea che la nuova disposizione normativa (contenuta nel comma 4-sexies) non risulta ben coordinata con il comma 4-quinquies per quanto concerne l individuazione dei territori che possono beneficiare dell agevolazione. È evidente, infatti, che non vi è perfetta coincidenza fra le aree individuate dal decreto ministeriale citato e quelle indicate nelle lettere a) e c) dell art. 87, par. 3, del Trattato CE: la regione Lazio non rientra, ad esempio, tra i territori in deroga mentre sia l Abruzzo (11) Testualmente il comma 4-septies prevede che «per ciascun dipendente... omissis l applicazione delle disposizioni di cui al comma 1, lettera a), numeri 2), 3) e 4) è alternativa omissis». (12) Si ricorda che ai sensi dell art. 11 il Regolamento ha cessato la sua validità al 31 dicembre

6 Manovra Approfondimenti che le altre aree del Centro-Nord ammesse alla deroga prevista dalla lett. c) non figurano fra i territori in cui la donna è considerata un lavoratore svantaggiato. Tale mancato coordinamento potrebbe determinare il mancato riconoscimento dell incremento della deduzione per le assunzioni di lavoratrici svantaggiate effettuate nel Lazio. Sul punto è necessario un chiarimento ufficiale dell amministrazione finanziaria. Condizione indispensabile per poter beneficiare dell agevolazione è costituita, come peraltro già previsto dalla disciplina attualmente vigente, dall assunzione di personale, in particolare donne lavoratrici, con contratto a tempo indeterminato nel periodo d imposta Verificata tale prima condizione, la spettanza dell agevolazione è ulteriormente subordinata al fatto che, al termine del citato periodo d imposta, il numero dei lavoratori occupati, con contratto a tempo indeterminato, risulti superiore a quello dei lavoratori mediamente occupati con il medesimo contratto nel periodo d imposta precedente. Per determinare la deduzione spettante occorre, preliminarmente, effettuare il calcolo della deduzione «base» e, solo successivamente, moltiplicare per sette ovvero per cinque tale valore. Una volta determinati i dipendenti per i quali compete la deduzione, la norma prevede che la deduzione base è pari al minor importo fra: a) euro moltiplicato per il numero dei dipendenti neoassunti; b) il costo del personale neoassunto nel corso del periodo d imposta; c) l incremento del costo globale del lavoro indicato in conto economico e classificabile nell art. 2425, primo comma, lett. B), numeri 9) e 14), c.c. È di tutta evidenza che la formulazione della norma, come confermato peraltro dalla circolare 13 febbraio 2006, n. 7/E (13), porta a concludere che la deduzione dalla base imponibile nella aree svantaggiate è superiore al costo del lavoro incrementale e può portare ad azzerare la base imponibile del tributo erodendo le altre componenti della stessa. Per meglio comprendere tale affermazione, basti il seguente esempio in relazione all assunzione di una donna lavoratrice avvenuta il 1 gennaio 2007 in un area ammessa alla deroga di cui alla lett. a), par. 3, dell art. 87 del Trattato CE: Costo del lavoro della neoassunta euro Deduzione massima spettante euro Incremento globale del costo del lavoro euro Deduzione base spettante euro sull intero territorio nazionale (pari al minore dei tre importi precedenti) Deduzione spettante per l area euro ammessa alla deroga ( x 7) La norma precisa, inoltre, che la maggiorazione spetta nei limiti di intensità di aiuto consentiti, per l assunzione di lavoratori svantaggiati, dal regolamento (CE) n. 2204/2002, nonché le ulteriori condizioni in materia di assunzioni di lavoratori svantaggiati previsti dallo stesso regolamento. Sul tema delle nuove deduzioni IRAP occorre, infine, segnalare il comma 269 dell articolo unico della 2007, il quale, al fine di anticipare gli effetti delle nuove disposizioni, in sede di calcolo del versamento in acconto del primo periodo di applicazione delle nuove norme (che nella generalità dei casi coinciderà con l anno 2007), prevede che il contribuente può assumere come dato storico, vale a dire, come imposta del periodo precedente (anno 2006), quella che si sarebbe determinata applicando le nuove deduzioni e tenendo conto anche della loro graduale introduzione. Analoga facoltà viene accordata per il secondo periodo d imposta di applicazione delle nuove deduzioni senza, però, dover tener conto delle limitazioni connesse con l entrata in vigore scaglionata delle nuove deduzioni. Nota: (13) Cit. nota

La riduzione del cuneo fiscale. La riduzione del cuneo fiscale

La riduzione del cuneo fiscale. La riduzione del cuneo fiscale La riduzione del cuneo fiscale (D.Lgs.. 15 dicembre 1997, n. 446) (art. 1, co. 266-269 269 Legge n. 296/2006) a cura di Cuneo Fiscale del datore Da cosa è dato: Costo del lavoro Retribuzione lorda - =

Dettagli

IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015

IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015 IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015 La Legge 190/2014, Legge di Stabilità 2015, ha previsto significative novità per soggetti IRAP con i commi da 20 a 25 dell articolo 1.

Dettagli

INDICE. 1 Nuove deduzioni dalla base imponibile IRAP introdotte dalla finanziaria2007..2

INDICE. 1 Nuove deduzioni dalla base imponibile IRAP introdotte dalla finanziaria2007..2 Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 6-bis del 18 febbraio 2008 Agevolazioni IRAP per lavoro

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 9/2015. OGGETTO: IRAP e il costo del personale dipendente, le nuove agevolazioni per il 2015

NOTA OPERATIVA N. 9/2015. OGGETTO: IRAP e il costo del personale dipendente, le nuove agevolazioni per il 2015 NOTA OPERATIVA N. 9/2015 OGGETTO: IRAP e il costo del personale dipendente, le nuove agevolazioni per il 2015 - Introduzione L imposta Regionale sulle Attività Produttive è una tassa che, da sempre, ha

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

Irap - Assunzioni a tempo indeterminato e riduzione del "cuneo fiscale" novità della l. 147/2013

Irap - Assunzioni a tempo indeterminato e riduzione del cuneo fiscale novità della l. 147/2013 Irap - Assunzioni a tempo indeterminato e riduzione del "cuneo fiscale" novità della l. 147/2013 QUADRO NORMATIVO L'art. 1, co. 132, L. 27.12.2013, n. 147 (cd. Legge di stabilità 2014) ha sostituito l'art.

Dettagli

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE

Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE Dott. Enrico Maria Vidali CONVEGNO ASSOCIAZIONI SPORTIVE L ATTIVITA DI ACCERTAMENTO E LA COMPLIANCE FISCALE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO Ai sensi dell art. 2 del D.Lgs. 446/97 il presupposto dell'irap e' costituito

Dettagli

Legge di stabilità 2014: gli interventi relativi alla riduzione del costo del lavoro

Legge di stabilità 2014: gli interventi relativi alla riduzione del costo del lavoro CIRCOLARE A.F. N. 11 del 23 Gennaio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Legge di stabilità 2014: gli interventi relativi alla riduzione del costo del lavoro Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

OGGETTO: Deduzioni dalla base imponibile IRAP - Riduzione del cuneo fiscale

OGGETTO: Deduzioni dalla base imponibile IRAP - Riduzione del cuneo fiscale CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 novembre 2007 OGGETTO: Deduzioni dalla base imponibile IRAP - Riduzione del cuneo fiscale 2 SOMMARIO PREMESSA...3 1. CUNEO FISCALE...4

Dettagli

LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012

LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 085 27 MARZO 2013 DICHIARAZIONI LE DEDUZIONI IRAP PER IL 2012 Art. 11, D.Lgs. n. 446/97 Art. 2, comma 2, DL n. 201/2011 Circolare Agenzia Entrate 19.11.2007, n. 61/E Risoluzioni Agenzia

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

GESTIONE IRAP IMPOSTAZIONI ANAGRAFICA AZIENDA. In azienda sono presenti alcune informazioni utili alla determinazione del calcolo Irap:

GESTIONE IRAP IMPOSTAZIONI ANAGRAFICA AZIENDA. In azienda sono presenti alcune informazioni utili alla determinazione del calcolo Irap: GESTIONE IRAP La stampa dei dati Irap e l export verso altri applicativi si eseguono dal menù principale accedendo alla sezione Elaborazioni annuali/ Gestione Irap (come da immagine sottostante) o lanciando

Dettagli

OGGETTO: Consulenza giuridica Imposta regionale sulle attività produttive Deduzioni IRAP Cuneo fiscale Richiesta parere

OGGETTO: Consulenza giuridica Imposta regionale sulle attività produttive Deduzioni IRAP Cuneo fiscale Richiesta parere RISOLUZIONE N. 235/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,10 giugno 2008 OGGETTO: Consulenza giuridica Imposta regionale sulle attività produttive Deduzioni IRAP Cuneo fiscale Richiesta parere

Dettagli

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015

L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 L ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO NEL 2015 di 1 Con il comma 118 e ss. della Legge di Stabilità 2015 2, al fine di promuovere forme di occupazione stabile, viene introdotto

Dettagli

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi

La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi La Certificazione CUD/2014 : le principali novità in sintesi a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale È stato approvato con provvedimento dell Agenzia delle Entrate del 15 gennaio 2014 Prot.5131-2014

Dettagli

IRAP: UTILE VADEMECUM IN VISTA DELL APPROSSIMARSI DELLE DICHIARAZIONI E LE NOVITA (IN CORSO DI MODIFICAZIONE) PER L ANNO D IMPOSTA 2014.

IRAP: UTILE VADEMECUM IN VISTA DELL APPROSSIMARSI DELLE DICHIARAZIONI E LE NOVITA (IN CORSO DI MODIFICAZIONE) PER L ANNO D IMPOSTA 2014. Prot. n 630/22 Circolare N 8/MARZO 2014 MARZO 2014 A tutti i colleghi (*) IRAP: UTILE VADEMECUM IN VISTA DELL APPROSSIMARSI DELLE DICHIARAZIONI E LE NOVITA (IN CORSO DI MODIFICAZIONE) PER L ANNO D IMPOSTA

Dettagli

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione.

All indennità si applica una riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione e di un ulteriore 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione. CIRCOLARE SETTIMANALE N. 3 FEBBRAIO 2013 INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE ASPI E MINI ASPI A decorrere dal 1 gennaio 2013 a tutti i lavoratori dipendenti (compresi gli apprendisti; i soci lavoratori di cooperativa

Dettagli

DL Milleproroghe Principali novità per le aziende

DL Milleproroghe Principali novità per le aziende DL Milleproroghe Principali novità per le aziende 11.2015 Marzo Sommario 1. PREMESSA... 2 2. PROROGA PER IL 2015 DEL REGIME DI VANTAGGIO PER L IMPRENDITORIA GIOVANILE... 2 2.1 Limite temporale della proroga...

Dettagli

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007.

OGGETTO: Contributi dovuti dalle aziende agricole per gli operai a tempo determinato e a tempo indeterminato per l anno 2007. Presidio Unificato Previdenza Agricola Roma, 6 Marzo 2007 Circolare n. 52 Allegati 1 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami

Dettagli

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI

Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Incentivi alle assunzioni, politiche attive e NASpI Dott. Salvatore Vitiello Consulente del lavoro Convegno «La riforma del lavoro - Jobs Act. COSA CAMBIA DAVVERO» Milano, 24 marzo 2015 www.hrcapital.it

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 146981/2008 Provvedimento di determinazione della misura del credito d imposta di cui all articolo 83-bis, comma 26, del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Camera dei deputati. Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori

Camera dei deputati. Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori Camera dei deputati XVII LEGISLATURA Agevolazioni fiscali e contributive per l assunzione di determinate categorie di lavoratori Servizio studi Dipartimenti Lavoro e Finanze 17 Giugno 2014 1 AGEVOLAZIONI

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004

Risoluzione n. 78/E. Roma, 28 maggio 2004 Risoluzione n. 78/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 28 maggio 2004 Oggetto: Richiesta di consulenza generica - deducibilità contributi versati al FASI da parte di contribuenti in pensione

Dettagli

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40/26120 del 25/07/2013 Agli indirizzi in allegato OGGETTO: Applicazione delle agevolazioni contributive e assicurative riconoscibili

Dettagli

IRAP determinazione imponibile

IRAP determinazione imponibile Imposta Regionale sulle Attività Produttive - IRAP L IRAP è stata introdotta nel 1997, dando seguito a moltissime polemiche, in quanto si presenta come un imposta del tutto atipica sia per quanto riguarda

Dettagli

IL CREDITO IMPOSTA PER ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO*

IL CREDITO IMPOSTA PER ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO* IL CREDITO IMPOSTA PER ATTIVITÀ DI RICERCA E SVILUPPO* PRECISAZIONI SU UN OPPORTUNITA DEL MERCATO ATTUALE DELLE AGEVOLAZIONI Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n.174 del 29 luglio u.s. del D.M.

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Il finanziamento dell ASpI

Il finanziamento dell ASpI Articoli 2, comma 25-39 Contribuzione di finanziamento Il finanziamento dell ASpI di Josef Tschöll L art. 2, del d.d.l. 3249-A, ai commi dal 25 al 39, disciplina la contribuzione diretta a finanziare la

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

DECRETO SVILUPPO 2011

DECRETO SVILUPPO 2011 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 3 AGOSTO 2011 DECRETO SVILUPPO 2011 E stata pubblicata sulla gazzetta ufficiale 12.07.2011, n. 160, la Legge 12.07.2011 n. 106 di conversione del D.L. 70/2011 c.d. Decreto Sviluppo.

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/E. Roma, 28 novembre 2011 OGGETTO :

CIRCOLARE N. 51/E. Roma, 28 novembre 2011 OGGETTO : CIRCOLARE N. 51/E Roma, 28 novembre 2011 Direzione Centrale Normativa Settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni Ufficio Agevolazioni Fiscali OGGETTO : Articolo 1 del decreto-legge 13 maggio 2011,

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE ALCUNE RIFLESSIONI SULLA CIRCOLARE N. 51/E DEL 28 NOVEMBRE 2011 DELL AGENZIA DELLE ENTRATE E di pochi giorni fa la circolare n. 51/E emessa dall Agenzia delle Entrate, con la quale si chiariscono i requisiti

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati.

STUDIO BD e ASSOCIATI Associazione Professionale Cod. Fisc. e Partita Iva 01727930354 web: www.bdassociati.it e-mail: info@bdassociati. Circolare n. 1/2013 Pagina 1 di 7 A tutti i Clienti Loro sedi Circolare n. 1/2013 del 15 gennaio 2013 Deducibilità dall Irpef / Ires dell Irap relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

RISOLUZIONE N. 121/E

RISOLUZIONE N. 121/E RISOLUZIONE N. 121/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 06 maggio 2009 OGGETTO: Istanza di interpello - Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IRAP.- Determinazione della base imponibile

Dettagli

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE AXA MPS PREVIDENZA PER TE - FONDO PENSIONE APERTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota Informativa relativa al fondo pensione aperto a contribuzione definita

Dettagli

Risoluzione n. 114/E

Risoluzione n. 114/E Risoluzione n. 114/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 maggio 2003 Oggetto: Istanza d interpello Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Fondo integrativo Sanitario Dirigenti delle

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012 IRAP Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili contenute nelle tabelle disponibili attraverso la navigazione

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi.

La tematica dell'utilizzo di auto aziendali da parte dei dipendenti o degli amministratori si articola in diverse questioni e temi. a cura di Antonio Gigliotti www.fiscal-focus.it www.fiscal-focus.info N. 01 FISCAL NEWS La circolare di aggiornamento professionale 02.01.2012 Tariffe Aci per il 2012 Categoria Sottocategoria Auto Imposte

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato

Esonero contributivo triennale assunti a tempo indeterminato OBIETTIVO: Al fine di promuovere forme di occupazione stabile Incentivo all occupazione DESTINATARI: Datori di lavoro privati e, sub condicione, agricoli. imprenditori, non imprenditori (Associazioni,

Dettagli

CIRCOLARE N. 51/E. Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali

CIRCOLARE N. 51/E. Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 51/E Roma, 28 novembre 2011 Direzione Centrale Normativa Settore Fiscalità Internazionale e Agevolazioni Ufficio Agevolazioni Fiscali Prot.: 166468 / 2011 Alle Direzioni regionali e provinciali

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 10 ottobre 2003 Criteri e modalita' di concessione delle agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le agevolazioni alla ricerca. (F.A.R.).

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

RISOLUZIONE N. 123/E

RISOLUZIONE N. 123/E RISOLUZIONE N. 123/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 novembre 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Riportabilità delle perdite dei contribuenti minimi in

Dettagli

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE

I PRINCIPALI INCENTIVI ALL'ASSUNZIONE PERSONE NON OCCUPATE NEI 6 MESI PRECEDENTI CON CONTRATTO A TEMPO INDETERMINATO Tutti i datori di lavoro privati Tempo (a tutele crescenti) Riduzione del 40% dei contributi previdenziali a carico del datore

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

LE SPESE ALBERGHIERE E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

LE SPESE ALBERGHIERE E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE LE SPESE ALBERGHIERE E PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE MANOVRA D ESTATE 2008: LA DEDUCIBILITA AI FINI IVA E PER LE IMPOSTE SUI REDDITI Il D.L. n. 112/2008, ha adeguato la normativa nazionale

Dettagli

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 3 08.01.2015 Tariffe Aci per il 2015 Categoria: Auto Sottocategoria: Imposte dirette Con il consueto comunicato di fine anno sono state pubblicate

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 22 luglio 2009 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 luglio 2009 OGGETTO: Modifiche alla disciplina della deducibilità degli interessi passivi dal reddito di impresa Articolo 96 del TUIR.

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

IRAP 2015: AUMENTI e RIDUZIONI del CARICO FISCALE

IRAP 2015: AUMENTI e RIDUZIONI del CARICO FISCALE Circolare informativa per la clientela n. 09 del 19 marzo 2015 IRAP 2015: AUMENTI e RIDUZIONI del CARICO FISCALE In questa Circolare 1. Novità Irap 2015 2. Deduzione dei costi del personale 3. Aliquote

Dettagli

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente

Dettagli

1) Le centrali elettriche a pannelli fotovoltaici vanno nella categoria D/1 opifici

1) Le centrali elettriche a pannelli fotovoltaici vanno nella categoria D/1 opifici Stampa Novità fiscali del 7 novembre 2008: affitto di azienda: deducibilità delle svalutazioni dei crediti; trust commerciale: deve compilare il modello Unico SC; codice tributo per PVC; tante altre notizie

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi Fondiari e di Lavoro Roma, 04 maggio 2012 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli

Dettagli

CIRCOLARE N. 48/E. Roma,10 luglio 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 48/E. Roma,10 luglio 2008. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 48/E Roma,10 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Credito di imposta per l incremento dell occupazione Articolo 2, commi 539-548, della legge finanziaria 2008 2

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI Fiscalità Edilizia LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI -DL 28 marzo 2014, n. 47, convertito con modifiche nella Legge 23 maggio 2014, n.80- Maggio 2015 1 Per sviluppare programmi di edilizia

Dettagli

Assicurazione sociale per l impiego

Assicurazione sociale per l impiego Aspi Assicurazione sociale per l impiego La riforma del lavoro voluta dal Governo Monti Fornero ha introdotto una nuova prestazione Inps a sostegno dei disoccupati. Si tratta dell Assicurazione sociale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007

RISOLUZIONE N. 186/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 25 luglio 2007 RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2007 OGGETTO: Trattamento fiscale applicabile alle prestazioni erogate dal fondo integrativo dell ENEL ai propri dipendenti

Dettagli

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati

Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati Vademecum Imposta Sostitutiva agli elementi retributivi soggetti all agevolazione fiscale per gli anni 2008/09/10 per i delegati CAAF CGIL CGIL UMBRIA tassazione agevolata al 10% Lavoro Notturno Lavoro

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2016 CIRCOLARE NUMERO 7 PART TIME E PREPENSIONAMENTO Premessa L art. 1 comma 284 della legge 208/2015 introduce uno strumento di flessibilità per lavoratori prossimi

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

RISOLUZIONE N. 92/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 92/E QUESITO RISOLUZIONE N. 92/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 02 aprile 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Assegnazione gratuita di azioni - Lavoratore

Dettagli

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007).

C CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre 2007). C CIRCOLARE N. 19/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,07 marzo 2008 OGGETTO: Detrazione per gli abbonamenti ai mezzi di trasporto pubblici (art. 1, comma 309, legge n. 244 del 27 dicembre

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

postaprevidenza valore

postaprevidenza valore postaprevidenza valore Fondo Pensione Piano Individuale Pensionistico di tipo assicurativo (PIP) Documento sul Regime Fiscale postaprevidenza valore Per informazioni: 800.316.181 infoclienti@postevita.it

Dettagli

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO.

BREVI CENNI SULLE NORME PREVIGENTI DEL SISTEMA PENSIONISTICO. Circolare n.1/2008 Prot. n.1008/cm0447 del 23.1.2008 Posiz. UFFICIO RISCATTI E PENSIONI Allegati n. - Al personale di ruolo e non di ruolo dell Università degli Studi del Sannio L O RO S E D I OGGETTO:

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 2/E. Roma, 13 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 2/E, Direzione Centrale Normativa Roma, 13 febbraio 2015 OGGETTO: Disposizioni in materia di previdenza complementare. Articolo 1, commi 621, 622, 624 della legge 23 dicembre 2014, n. 190

Dettagli

Esposizione del quesito

Esposizione del quesito RISOLUZIONE N. 30/E Roma, 31 gennaio 2002 Oggetto: Istanza di interpello n../2001, ai sensi dell articolo 11, della legge n. 212 del 2000, presentato dalla Banca XY società cooperativa per azioni a responsabilità

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 e successive modifiche e integrazioni, recante Disposizioni per la

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 15 GENNAIO 2008 Informativa n. 10 ULTERIORI NOVITÀ

Dettagli

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista

Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista Mod. 730/2015 quadro C: bonus IRPEF e Certificazione Unica Saverio Cinieri - Dottore commercialista e pubblicista ADEMPIMENTO " NOVITA " FISCO I contribuenti che possiedono redditi di lavoro dipendente,

Dettagli

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano

Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Detrazione a favore delle famiglie numerose: modalità di attribuzione del credito d imposta Potito Di Nunzio Consulente del lavoro in Milano Con decreto del Ministero dell economia e delle finanze 31 gennaio

Dettagli

Il punto di pratica professionale

Il punto di pratica professionale Il punto di pratica professionale La gestione fiscale della deducibilità dei contributi versati alla previdenza complementare da parte dei lavoratori di prima occupazione al 1 gennaio 2007: la risoluzione

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi

Gli Approfondimenti della Fondazione Studi ANNO 2015 Gli Approfondimenti della Fondazione Studi Approfondimento del 21.01.2015 ESONERO CONTRIBUTIVO TRIENNALE Per le nuove assunzioni con contratto di lavoro a tempo indeterminato effettuate dal 1

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 7. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 7. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 15/06/2015 Oggetto: Informativa n. 7. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a:. Regimi agevolati utilizzabili

Dettagli

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE

del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE Circolare n. 5 del 26 gennaio 2012 Agevolazioni fiscali e contributive per i premi di produttività - Proroga per il 2012 INDICE 1 Premessa... 2 2 Detassazione dei premi di produttività... 2 2.1 Regime

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

CIRCOLARE N. 62 /E. Roma, 31 dicembre 2003. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 62 /E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 31 dicembre 2003 Oggetto: Modificazioni delle disposizioni tributarie riguardanti i contratti assicurativi stipulati con imprese non

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VACCARO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VACCARO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 504 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VACCARO Modifiche alla legge 30 dicembre 2010, n. 238, in materia di incentivi fiscali per

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito

Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Direzione centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Roma, 15/06/2009 Circolare n. 80 Allegati n. 1 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM

FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM FONDO PENSIONE PER I DIRIGENTI IBM Iscritto all Albo tenuto dalla COVIP con il n. 1070 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE (Giugno 2015) - 1 - Le note che seguono sono una libera e parziale sintesi NON SOSTITUTIVA

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Omaggi natalizi delle imprese: regime fiscale Gentile cliente, in occasione dell approssimarsi delle festività natalizie, riteniamo utile ricordarle

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli