MODELLO DI IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI CRM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODELLO DI IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI CRM"

Transcript

1 Via Durini, Milano (MI) Tel Fax Piazza Marconi, Roma Tel Fax MODELLO DI IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI CRM

2 1. Le fasi di progetto in una prospettiva Strategico Organizzativa Tecnologica Lo schema sottostante esemplifica le macro-fasi processuali necessarie per l ideazione e l implementazione di un sistema di CRM. Realizzare un progetto di CRM è un obiettivo complesso e che va considerato da tre prospettive rilevanti: 1. la dimensione strategica 2. la dimensione organizzativa 3. la dimensione tecnologica. Se la dimensione tecnologica è maggiormente esplicitata nel relativo paper (Cfrt. Un modello architetturale del sistema di CRM, Value Lab 2001, è necessario soffermarsi su alcune considerazioni di carattere strategico e organizzativo emergenti dal modello qui proposto. 2

3 La dimensione strategica attiene all intervento del Top Management nelle fasi iniziali del progetto, per esplicitare le esigenze di miglioramento del proprio business, alla luce delle opportunità e delle minacce rilevate nel contesto competitivo in cui l azienda opera. i Tale intervento è inteso anche a porre i confini del progetto, pur nel rispetto di potenziali linee di sviluppo future, al fine di concentrare le aspettative su alcuni parametri chiave per valutare il grado di successo dell iniziativa. Spesso, infatti, un approccio olistico e totalizzante dei progetti di CRM ha condotto le aziende che lo hanno perseguito a disperdere le risorse, a non porre attenzione alle variabili critiche da monitorare per valutare i risultati conseguiti e a coinvolgere l organizzazione in una rivoluzione dei processi e delle procedure che non tiene conto dei tempi di assimilazione e delle resistenze al cambiamento. L intervento del Top Management è richiesto anche nelle fasi decisionali successive all avvio del progetto: come guida nelle fasi strategiche e come decisore ultimo delle questioni più cruciali. Ad esempio, la decisione sulla fattibilità economica del progetto è affidata al top management, seppur sulla base delle analisi e dei dati sintetici presentati dai responsabili coinvolti nel team di progetto. Il fatto di aver considerato il Top Management all avvio di un progetto di CRM non significa, peraltro, che esso rappresenti sempre il promotore dell iniziativa all interno dell azienda. Talvolta, infatti, sono il middle management o i direttori di funzione a percepire il bisogno e a promuovere l intervento del vertice. 3

4 L ultima considerazione in merito alla dimensione strategica attiene all intervento di società di consulenza esterne. Trattandosi di un processo aziendale di ampia portata, che coinvolge l intera organizzazione e che richiede competenze specialistiche talvolta difficilmente presenti tra il personale interno, si ricorre alla collaborazione di società di consulenza, con un ruolo, da un lato, di osservatore esterno, in grado di valutare con il dovuto distacco i punti di forza e di debolezza dell iniziativa, in relazione alle esigenze esplicitate a monte, nonché con funzioni di integratore e facilitatore della realizzazione concreta del progetto, nel rispetto della tempistica pianificata. L intervento dei consulenti esterni è particolarmente utile nelle fasi iniziali di definizione delle esigenze e degli obiettivi strategici del progetto di CRM. Con apposite check list, frutto dell esperienza condotta in altre aziende e in diversi settori, i consulenti pongono le domande necessarie a favorire il cambiamento di prospettiva rispetto alle idee consolidate nel management e, sulla scorta deimodelli di successo già implementati, possono fornire l apparato metodologico che guida la ricerca di una soluzione specifica per il singolo caso aziendale. Il team di consulenti può, inoltre, sfruttare le proprie competenze specialistiche in alcune o in tutte le fasi seguenti: 1. definizione dell architettura tecnologica, 2. mappatura dell architettura esistente, 3. analisi dei gap e della fattibilità tecnico-organizzativa, 4. definizione del modello di Return On Investment e della fattibilità economica, 5. analisi e scelta del software e dei partner più indicati per la particolare architettura tecnologica scelta, 6. gestione della relazione multipla tra l azienda e i diversi fornitori, in modo da favorire lo sviluppo coerente e armonioso delle singole parti rispetto al sistema globale. L ampiezza del ruolo giocato dai consulenti esterni varia in funzione del grado di autonomia dell azienda nella realizzazione di questi progetti e della presenza di competenze specialistiche interne. Tuttavia, trattandosi di un filone innovativo in cui non ci sono modelli di sviluppo consolidati e provati, un intervento esterno appare, in questo caso, inevitabile e può essere su tutti i livelli del progetto, dall affiancamento del top management nelle decisioni strategiche alla collaborazione attiva con il team di progetto nelle fasi più operative; oppure può operare ad un livello più elevato, in termini di definizione delle opzioni strategiche e delle linee guida, lasciando 4

5 all azienda il compito di implementare concretamente il sistema. Questa scelta può dipendere in parte dai fattori sopra citati e in parte dalla filosofia delle aziende di consulenza coinvolte. La dimensione organizzativa Alcune considerazioni rilevanti possono essere avanzate sulla dimensione organizzativa del modello, anticipando in parte gli aspetti organizzativi di un progetto di CRM, affrontati ampiamente in un paper autonomo (Crft. L impatto organizzativo di un sistema di CRM, VALUE LAB 2001, ) per il grado di criticità che li contraddistingue. Nel modello, infatti, sono evidenziati, per ogni fase, il livello organizzativo coinvolto e la modalità specifica di interazione tra le diverse unità organizzative partecipanti. di: Ogni organizzazione, tuttavia, è caratterizzata da un differente livello di complessità in termini numero di persone; livelli gerarchici in cui è strutturata; modello culturale di riferimento, soprattutto per quanto attiene la formulazione di strategie e la presa di decisioni (top-down, bottom-up e forme miste). Il modello organizzativo preso in considerazione è quello di un azienda con un livello di complessità medio-alto, con un top management a capo di più Business Unit e aree funzionali più o meno centralizzate ed un modello decisionale di tipo top down. Questa scelta è motivata dal fatto di comprendere il caso più ampio e ricco di criticità, relativamente al coinvolgimento nel processo di cambiamento, al lavoro in team interfunzionali e alla creazione di infrastrutture complesse. Nei casi più semplici, il modello è comunque un parametro cui riferirsi semplificando il numero/livello di persone coinvolte e la modalità di interazione e presa di decisioni. 5

6 Entriamo, dunque, nell analisi delle singole fasi di progetto. A) DEFINIZIONE DEI BUSINESS REQUIRMENTS E una fase critica in cui il Top Management stabilisce quali sono le linee strategiche di sviluppo del proprio business in termini di problemi da risolvere e di opportunità da cogliere. Nel caso di un progetto di CRM, spesso, le aziende sono indotte a fare questa riflessione dalla elevata pressione competitiva che si ripercuote sulla perdita di clienti, su un offerta non in linea con le nuove esigenze dei consumatori e con i nuovi canali di comunicazione e vendita come l ecommerce. Queste minacce fanno nascere nelle aziende una sempre più forte esigenza di presidiare le informazioni sui propri clienti, sull andamento dei propri canali di vendita, sull efficacia o meno delle campagne di marketing. Tutte esigenze alla base di un progetto di CRM. Ogni caso, tuttavia, va valutato alla luce delle reali esigenze di sviluppo dell azienda. Spesso si confondono i sistemi di CRM con l esigenza di migliorare la propria forza vendita, per la quale può essere sufficiente un applicazione di Sales Force Automation. In questa fase, la definizione dei bisogni del management e, a maggior ragione, la riflessione sugli obiettivi concreti (in termini di aumento del fatturato, di aumento del tasso di retention, di diminuzione di costi commerciali e di marketing e così via) con cui verrà valutato il successo dell iniziativa, aiuta a determinare i confini dell intervento e, dunque, la necessità di un investimento in un sistema di CRM, nell ottica del principio pratico di Thing global - Start Small. Questa fase è caratterizzata, inoltre, da un intensa attività di brainstorming in cui sono coinvolti il Top Management, i responsabili di area o funzionali ed i consulenti esterni per definire le reali esigenze informative che consentono di presidiare l obiettivo che ci si è posto. Le domande più frequenti che ci si pone in queste sessioni di brainstorming sono: Chi sono i miei clienti? Quali sono i clienti più interessanti? Quali i clienti a rischio? Quali i clienti fedeli? Qual prodotti vengono venduti congiuntamente? Qual è il fatturato sviluppato dalle carte fedeltà sul totale? Qual è il margine generato dalla clientela con carta. 6

7 Questa fase di produzione di idee di gruppo può anche essere seguita o accompagnata da interviste individuali ai singoli responsabili e manager per individuare eventuali ulteriori esigenze informative cui il sistema di CRM dovrà rispondere. E una fase importante e necessaria per impostare il progetto in modo da rispondere alle reali esigenze dell azienda e per focalizzare tutte le attività sui risultati di business rilevanti per l azienda stessa. B) CREAZIONE DEL TEAM DI PROGETTO Benché parte dei responsabili siano coinvolti anche nella fase precedente, questo è il momento ufficiale di formazione del team interfuzionale che seguirà il processo di ideazione e sviluppo del sistema. La creazione del team di progetto è un passo indispensabile proprio nelle fasi di partenza, per creare consenso, informazione e coinvolgimento di tutte le persone nel processo di trasformazione e, soprattutto, tutti coloro che si interfacciano con il mercato e subiscono, pertanto, l impatto immediato del nuovo sistema, riducendo nel contempo la resistenza al cambiamento. In particolare, la creazione del team di progetto è volto al conseguimento di alcuni risultati concreti immediati, in termini organizzativi: sistema; assicurarsi che il lavoro sia costantemente tarato sulle specifiche esigenze degli utenti del assicurarsi che le persone che dovranno successivamente continuare a gestire le attività condividano i modelli analitici adottati e le conclusioni emerse; impadronirsi e rendere patrimonio aziendale l approccio, le metodologie e le fonti informative utilizzate dai consulenti; ridurre i costi, svolgendo internamente una serie di attività. Tale team di progetto deve integrare le diverse competenze specialistiche e doti interpersonali richieste da un progetto di tale portata. La caratteristiche di un team adeguato sono: possedere uno coordinatore e sponsor tra il top management; essere interfunzionale; comprendere innanzitutto le persone chiave nel contatto e nell interfaccia con il mercato; comprendere persone con una buona conoscenza del mercato; comprendere le persone con un ottima conoscenza del sistema informativo e informatico aziendale; 7

8 comprendere persone con spiccate doti analitiche e padronanza di metodi quantitativi; comprendere persone con spiccate doti di leadership, problem solving, apertura mentale, comunicazione, facilitatori e promotori del cambiamento; comprendere persone in grado di dedicare una quota significativa del proprio tempo nella realizzazione del progetto. Talvolta è possibile prevedere la costituzione di un team su due livelli: 1. un gruppo di lavoro misto incaricato di effettuare le analisi e sviluppare le proposte; le persone da inserire nel team dovranno rappresentare le diverse funzioni coinvolte ed essere scelte in funzione della loro conoscenza specifica del business, dell organizzazione e dei diversi processi operativi, delle loro capacità analitiche e propositive e della oggettiva possibilità di dedicare una quota anche significativa del loro tempo a questo progetto. Anche i consulenti seguono e orientano le attività di questo team. 2. un comitato di progetto, con il compito di seguire l impostazione e la realizzazione dell intervento attraverso riunioni periodiche in cui presentare e discutere l avanzamento dei lavori e, ove opportuno, effettuare le necessarie modifiche al programma; generalmente fanno parte del comitato il Project Sponsor ed il Project Leader, altre figure decisionali rilevanti e gli eventuali consulenti esterni coinvolti. Operativamente, si alternano fasi di attività analitica con riunioni di condivisione delle evidenze emergenti e di presa di decisioni, procedendo per focalizzazioni successive e diffondendo l informazione e le decisioni prese tra tutte le persone coinvolte. Le proposte di attività provenienti dal Gruppo di Lavoro devono essere adeguatamente circostanziate in termini di motivazioni, obiettivi, risultati attesi, attività e ruoli e (se approvate dal Comitato di Progetto) sono organizzate come sotto-progetti, con un piano di lavoro ed uno stanziamento a preventivo. 8

9 C) ANALISI DELL ARCHITETTURA ESISTENTE (MODELLO AS IS) Questa fase consente di avere una visione completa e chiara a tutto il team, dell attuale situazione del sistema informativo. Essa comprende le seguenti sottofasi: Censimento delle attività in essere, per evitare di replicare altre iniziative, in essere, già svolte e / o avviate, ma poi interrotte, riguardanti i temi del progetto. Censimento delle informazioni già raccolte e delle fonti informative già attivate. Vengono mappate le informazioni già detenute dall azienda, rilevando dove e come sono gestite e valutando la loro adeguatezza in termini di completezza, affidabilità e aggiornamento. Le informazioni ricercate si riferiscono ai diversi aspetti del business e alle attività di vendita, marketing e customer service. Tali informazioni possono provenire dalla sede, dalle persone impegnate sul territorio, dai partner commerciali o da fonti esterne. Analisi dell assetto tecnologico attuale: si provvede a rilevare le soluzioni informatiche attualmente in uso o già pianificate per gestire le diverse componenti del sistema di CRM. La scelta di partire dall esistente implica l idea di fondo di adottare un approccio di tipo incrementale (e non puntare a costruire subito una soluzione completa e definitiva). Operativamente questo implica : Organizzare l esistente - Rendere coerenti e gestire organicamente le informazioni, le analisi e le conoscenze già esistenti in azienda. Migliorare l esistente - Completare il quadro informativo attuale e fare evolvere l approccio analitico attuale. Sviluppare il nuovo - Individuare e strutturare nuove informazioni, analisi e conoscenze a supporto del processo decisionale e gestionale del business. L ipotesi è che una buona base analitica di partenza possa essere costituita dai dati e dalle informazioni già detenute in azienda. In caso di inadeguatezza o insufficienza della base dati disponibile vengono attivate nuove rilevazioni e ricerche. Inoltre questo approccio consente di produrre risultati anche nel breve termine e di far evolvere persone e procedure contemporaneamente allo svolgersi del progetto. Il rischio, nel caso contrario, è quello di demotivare l organizzazione che non vede i risultati del proprio lavoro e finisce con l abbandonare l iniziativa. 9

10 D) DISEGNO DELL ARCHITETTURA DI MASSIMA (MODELLO TO BE) Una volta valutata ed esplorata la situazione esistente si procede a disegnare un architettura di massima per i diversi componenti del CRM e le loro interdipendenze. In questa fase, i business requirments emersi nella prima parte vengono tradotti in specifiche funzionali e tecniche cui il sistema progettato deve assolvere e da cui dipendono le proposte di collaborazione dei partner che saranno coinvolti nella progettazione e realizzazione del sistema. Questa analisi, inoltre, costituisce una base progettuale per effettuare una prima valutazione tecnico organizzativa ed economica del progetto. La figura professionale che spicca in questa fase è quella dell analista che deve essere in grado di comprendere le esigenze degli utenti, tradurle in specifiche funzionali e tecniche, ascoltare e comunicare con gli utenti per portare alla luce le problematiche rilevate nel sistema informativo esistente. Una delle criticità della progettazione di nuovi sistemi informativi, infatti, consiste proprio nella incomunicabilità tra utenti ed esperti informatici dovuti a: incapacità degli utenti; atteggiamento di prevenzione, per paura di perdere posizioni di privilegio o di non sapersi adattare alle nuove procedure di lavoro; la scarsa conoscenza del contesto aziendale; uno stile troppo personale di management: che porta alla definizione di esigenze legate più alle persone che alle funzioni che essi ricoprono. Alcuni modi per limitare l impatto di queste problematiche consistono, come evidenziato nelle prime fasi del progetto: nel costituire team interfunzionali fin dalle prime attività di analisi e definizione del problema; nel condurre discussioni di gruppo e interviste individuali (aperte e guidate) che facciano emergere tutte le esigenze e problematiche legate anche a fattori personali e all organizzazione del lavoro; nel creare all interno del team (compito del coordinatore e sponsor del progetto) un clima di fiducia e collaborazione verso l obiettivo comune; nell affrontare un analisi dell architettura esistente, in modo da aumentare la confidenza degli utenti meno esperti con il sistema informativo aziendale; 10

11 nel comunicare, discutere e condividere con gli utenti tutte le decisioni rilevanti prese nel corso della progettazione del sistema; Le attività svolte in questa fase sono: Proposta dei contenuti informativi e delle funzionalità del sistema: sono definiti i contenuti / output informativi per soddisfare le esigenze strategiche e operative delle diverse posizioni, specificando quali dati primari trattare (tipologia, dettaglio, formato, frequenza, fonte, modalità di reperimento); Proposta dell architettura tecnologica del sistema: sono identificate le specifiche per la scelta / verifica delle diverse componenti tecnologiche del sistema, con relative caratteristiche di costo e tecnologiche: o Con quale logica organizzare i dati (strutture e caratteristiche dei data base, algoritmi di normalizzazione dei dati, relazioni tra archivi, tabelle intermedie, schemi di calcolo, ecc.); o Quali funzionalità il sistema dovrà garantire (interrogazioni, tipologia di analisi, reporting, delivery, ecc.); o Quale scelte di software, hardware e infrastrutture (Data Warehouse, sistemi di query e reporting, applicazioni geografiche, applicazioni statistiche, data mining, ecc. ). E) ANALISI DEI GAP E FATTIBILITA TECNICO-ORGANIZZATIVA La gap analisys valuta lo scostamento tra situazione attuale e futura per le due dimensioni rilevanti del sistema di CRM: Valutazione del gap informativo rispetto alla situazione esistente: per le differenti funzioni e per i diversi temi, viene analizzato lo scostamento tra patrimonio informativo esistente e desiderato, identificando le fonti e le modalità per colmare il gap e valutando costi e benefici di allargare / approfondire le basi dati. Valutazione del gap tecnologico rispetto alla situazione esistente: anche sul versante tecnologico si provvede a verificare quanto la situazione attuale e pianificata sia già coerente con i requisiti e le funzionalità richieste o viceversa siano da valutare cambiamenti. 11

12 La gap analysis produce le linee guida su cui si innesta il processo incrementale di implementazione del sistema. E possibile fare, pertanto, alcune valutazioni sulla fattibilità tecnica del progetto e sull impatto organizzativo. Questo tipo di analisi segue un processo definito da due macro-fasi: 1. analisi della fattibilità tecnica; 2. analisi degli interventi organizzativi che permetteranno alla soluzione informatica di essere utilizzata adeguatamente in azienda. Per il primo punto, le considerazioni da fare discendono direttamente dai risultati della gap analysis ed attengono alle quattro componenti principali di un sistema informativo: procedure basi dati da realizzare risorse tecniche risorse professionali. Per quanto riguarda l impatto organizzativo, è necessario costruire una check list di tutte le aree dell organizzazione che subiranno cambiamenti con l introduzione del nuovo sistema ed approntare le azioni necessarie a che la soluzione informatica realizzata sia coerente con questi cambiamenti. Le aree di impatto generalmente prese in considerazione sono: le strutture di base dell impresa che si concretizzano con l analisi del mansionario e dell organigramma. La realizzazione di un progetto di CRM può far nascere l esigenza di modificare alcuni processi aziendali, centralizzare attività comuni e interdipendenti, inserire nuove figure professionali; i meccanismi operativi, soprattutto per quanto attiene i sistemi di programmazione e controllo, i sistemi di gestione del personale, tra cui, in modo particolare, i percorsi di formazione, i sistemi di incentivazione e carriera. Se il CRM impatta sulla cultura aziendale e sul modo con cui l azienda si interfaccia con il mercato, è necessario che anche le misure di performance con cui sono valutate le persone siano coerenti con il nuovo obiettivo di gestione della relazione con il cliente. gli assetti interorganizzativi, ossia le strutture e i meccanismi di collegamento di aziende in forte interazione tra loro (network di imprese). Nel caso del CRM quest area di impatto diventa cruciale nel momento in cui si progetta un sistema integrato a monte e a valle della Supply Chain per orientare tutta la filiera produttiva alla soddisfazione del cliente (Extended Enterprse o Virual 12

13 Supply Chain). E un area di studio che si sta sviluppando anche in concomitanza con il diffondersi di ambienti e-business integrati, di cui il CRM costituisce una sorta di antesignano. F) ANALISI DELLA FATTIBILITA ECONOMICA E una fase spesso trascurata dal management in quanto di difficile determinazione e con pochi modelli cui fare riferimento. Tuttavia, la valutazione economica del progetto, così come la definizione iniziale degli obiettivi concreti attesi dall implementazione del CRM, sono essenziali per monitorare il grado di successo dell iniziativa non solo ex-post ma anche durante l esecuzione del progetto, distinguendo tra risultati attesi a breve, a medio e a lungo termine. Se queste considerazioni sono valide per tutti gli investimenti in azienda e, soprattutto, per quelli tecnologici e infrastrutturali, nel caso dei progetti di CRM, non sono poche le peculiarità che rendono la valutazione economico-finanziaria ancora più ardua che in altri casi. 13

14 2. LA VALUTAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA DI UN PROGETTO DI CRM Fino ad alcuni anni or sono le realizzazioni di progetti informatici avevano come area di attenzione l automazione delle attività operative, dove è relativamente agevole valutare costi di impianto e benefici conseguenti. Più ardua o comunque meno facile appare la valutazione nel caso di progetti intesi al supporto delle attività direzionali e di controllo. I vantaggi di tipo immateriale prevalgono su quelli direttamente quantificabili e un analisi strettamente economico-finanziaria perde di significato. * + Il miglioramento della qualità del servizio alla clientela o una migliore immagine aziendale, o rapporti più agevoli con clienti e fornitori, sono tutti aspetti di rilevante importanza nel successo dell impresa sul mercato, ma sono difficili da tradurre in termini strettamente monetari. Se queste considerazioni valgono in generale per tutti i progetti di sistemi informativi, una valutazione strettamente finanziaria che porti a calcolare un parametro quantitativo come il ROI, nei progetti di CRM, in modo particolare, è complessa per tre ragioni fondamentali: non esiste una base di dati, prima dell implementazione, che renda possibile una comparazione; benefici. ci sono molte variabili indipendenti; molti benefici sono di natura intangibile e difficilmente quantificabili. Questo determina che molte aziende intraprendono progetti di CRM senza valutarne costi e Nel 1994, il 46% dei nuovi sistemi di CRM installati non ha avuto una giustificazione formale di costi-benefici ; del 54% che possedeva una giustificazione, molti casi presentavano solo motivazioni generiche come un andamento migliore delle vendite, un miglioramento nella gestione del cliente, affermazioni abbastanza tautologiche e poco significative ai fini della valutazione dell investimento. Eppure, recenti casi di applicazione del CRM in aziende diverse hanno prodotto risultati quantitativi evidenti. L ultima ricerca condotta da IDC mostra che i progetti di CRM hanno un impatto immediato: sulle vendite, per un aumento pari all 8%; sul numero di nuovi clienti acquisiti, con un tasso di aumento del 16%. 14

15 Questi risultati si riferiscono a progetti di grosse dimensioni, in media 3,1 milioni di dollari, intrapresi in aziende europee e statunitensi di grosse dimensioni. Nel 1998 una ricerca dell Insight Technology Group indicava che il 21% dei progetti di CRM aveva soddisfatto le aspettative del management. Questa minoranza riportava: 42% di aumento delle vendite; 35% di diminuzione dei costi di vendita; 25% di riduzione dei tempi del ciclo di vendita; 2% di aumento del margine; 20% di aumento dei tassi di retention. In realtà non è ancora stata elaborata una procedura di calcolo del ROI a causa dell intrinseca difficoltà, in questi progetti, di legare il risultato economico-finanziario all impatto del CRM. E possibile, viceversa, fare una stima di ROI su singole iniziative legate all uso di un sistema di CRM. Ad esempio, un applicazione di Sale Force Automation, all interno di un progetto di CRM, può diminuire i tempi di formazione del personale con una diminuzione di costi in termini di tempo impiegato per formare i venditori ed un aumento dei ricavi dovuto al maggior tempo dedicato all attività di vendita. Oppure, possono essere stimati i ritorni su un certo investimento di marketing in una campagna mirata, grazie all elaborazione dei dati del customer warehouse con un data miner, rispetto ad un iniziativa non mirata. La figura sottostante mostra una stima di questo beneficio confrontando la redemption attesa di una campagna generica (14,75 persone), contro una campagna mirata (29,3 persone). Si assume una popolazione di 1000 clienti/prospect e un budget di marketing tale da poter inviare 195 lettere via posta. Il risultato è notevole, inviando le 195 lettere solo ai primi due decili del target, quelli con la propensione di risposta più alta, rispetto ad un qualsiasi altro invio casuale, sussiste una differenza di redemption attesa pari al 98,6%. In valutazioni di questo tipo, realizzate con un data miner, lo scostamento di redemption tra una campagna generica ed una mirata può variare dal 25% al 100%. 15

16 Assumendo la posizione pessimistica, 25%, e ipotizzando, in base a stime di precedenti campagne, che il tasso di conversione della campagna in vendite sia del 5%, questo genera un aumento del fatturato dell 1,25%, nell ipotesi peggiore. Un altro beneficio misurabile, in questo caso, è sul risparmio di investimento in marketing. Se, infatti, una campagna mirata produce una redemption quasi doppia, a parità di risultato minimo desiderato, 14,75%, è possibile inviare solo 92 lettere invece di

17 Un analisi di data mining che indichi come aumentare il tasso di ritenzione dei clienti, infine, attraverso promozioni mirate (Cfrt. caso Felpi), è un altra area in cui è possibile collegare i benefici del CRM con un aumento dei profitti ed una riduzione dei costi. Si tratta, tuttavia, come indicato in questi esempi, di applicazioni del calcolo del ROI (ipotizzando di conoscere tutti i costi specifici dell applicazione di SFA, della campagna e delle promozioni mirate sulla fedeltà dei clienti) ad iniziative specifiche, rese possibili dall applicazione di alcune componenti operative e analitiche del CRM. Ben più complessa è la stima del ROI sul progetto globale, nel senso che, come anticipato nel modello degli economics (Cfrt. 2.2), pur identificando le variabili su cui il CRM può presumibilmente avere un influenza, in termini di aumento di ricavi o di diminuzione di costi, non si conosce l intensità quantitativa di questa correlazione. Oltre alla difficoltà di stimare l effetto positivo del CRM su ricavi e costi, ci si pone il problema di stimare cosa accadrebbe alle stesse variabili economiche se le aziende non investissero in una maggior capacità di gestione delle relazioni con i clienti, dato il livello competitivo, il nuovo profilo di consumatore esigente e le altre forze determinanti il cambiamento di strategia, visto nella prima parte del presente lavoro. Risultando inadeguata una valutazione strettamente finanziaria dell investimento in CRM, ci si accinge, in questo paragrafo, a delineare uno schema di riferimento per un analisi di costi-beneficirischi di un progetto di CRM. (Figura 3). 17

18 Secondo il modello proposto, il processo di valutazione si articola in tre fasi distinte: I) Valutazione dell interesse verso il progetto; II) Valutazione economica (analisi costi-benefici) III) Valutazione dei rischi; La prima fase consente di determinare, in linea di massima, l area su cui impatterà il progetto e, di conseguenza, le motivazioni di fondo dello stesso, nonché i risultati attesi. L obbligatorietà del progetto si riferisce ad eventuali leggi o regolamenti che impongono l adozione di certi sistemi da parte dell azienda. In questo caso non si tratta di una vera e propria valutazione. La rilevanza strategica concerne le motivazioni di business in termini di minacce e opportunità che spingono l azienda ad intervenire sul sistema. Scendendo lungo gli step della prima fase aumenta la possibilità di individuare costi e benefici tangibili e, dunque, di compiere un analisi economico-finanziaria. 18

19 Nel caso del progetto di CRM, si tratta di una valutazione già compiuta nella prima fase di definizione delle esigenze del top management e degli obiettivi concreti del progetto. Un progetto di CRM impatta prevalentemente sull area di rilevanza strategica, sulla capacità direzionale e di controllo e sulle attività operative. Anche l applicazione di questo modello conferma la presenza di numerosi fattori intangibili e di difficile determinazione quantitativa ma che è utile evidenziare al fine di conoscere quali variabili monitorare per la buona riuscita del progetto. 19

20 3. L ANALISI COSTI-BENEFICI-RISCHI Nel corso di questa analisi i responsabili di marketing, commerciale e servizi determinano i benefici tangibili e intangibili legati all implementazione del sistema. I responsabili IT, dal canto loro, determinano i costi da sostenere per la realizzazione del sistema, distinguendoli da quelli legati all utilizzo ed al mantenimento del sistema stesso. L analisi dei benefici Le principali categorie di benefici di un sistema di CRM sono tre: 1. aumento del fatturato; 2. risparmio di costi; 3. aumento della capacità di risposta al mercato. La Figura 4 sintetizza in una visione di insieme i benefici derivanti dall applicazione congiunta delle componenti del sistema di CRM. 20

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence

Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Realizzare un architettura integrata di Business Intelligence Un sistema integrato di Business Intelligence consente all azienda customer oriented una gestione efficace ed efficiente della conoscenza del

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSIGLIO NAZIONALE DEI RAGIONIERI COMMISSIONE PARITETICA PER I PRINCIPI DI REVISIONE LA COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Business Intelligence: dell impresa

Business Intelligence: dell impresa Architetture Business Intelligence: dell impresa Silvana Bortolin Come organizzare la complessità e porla al servizio dell impresa attraverso i sistemi di Business Intelligence, per creare processi organizzativi

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET

LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET LE ESIGENZE INFORMATICHE NELL ERA di INTERNET Internet una finestra sul mondo... Un azienda moderna non puo negarsi ad Internet, ma.. Per attivare un reale business con transazioni commerciali via Internet

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

Progetto BPR: Business Process Reengineering

Progetto BPR: Business Process Reengineering Progetto BPR: Business Process Reengineering Riflessioni frutto di esperienze concrete PER LA CORRETTA INTERPRETAZIONE DELLE PAGINE SEGUENTI SI DEVE TENERE CONTO DI QUANTO ILLUSTRATO ORALMENTE Obiettivo

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore

Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Smart ICT Solutions nel Real Estate: conoscere e gestire il patrimonio per creare valore Osservatorio ICT nel Real Estate Presentazione dei Risultati 2013 21 Maggio 2013 CON IL PATROCINIO DI PARTNER IN

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com

ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1. http://www.sinedi.com http://www.sinedi.com ARTICOLO 61 MARZO/APRILE 2013 LA BUSINESS INTELLIGENCE 1 L estrema competitività dei mercati e i rapidi e continui cambiamenti degli scenari in cui operano le imprese impongono ai

Dettagli

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali

SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAP per centralizzare tutte le informazioni aziendali Partner Nome dell azienda Ferretticasa Spa Settore Engineering & Costruction Servizi e/o

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson

Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo relazioni Gregory Bateson Le Tecnologie della Relationship Management e l interazione con le funzioni ed i processi aziendali Angelo Caruso, 2001 Relationship Management Nel regno degli esseri viventi non esistono cose, ma solo

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu

COME FRODE. la possibilità propri dati. brevissimo. Reply www.reply.eu FRAUD MANAGEMENT. COME IDENTIFICARE E COMB BATTERE FRODI PRIMA CHE ACCADANO LE Con una visione sia sui processi di business, sia sui sistemi, Reply è pronta ad offrire soluzioni innovative di Fraud Management,

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time

White Paper. Operational DashBoard. per una Business Intelligence. in real-time White Paper Operational DashBoard per una Business Intelligence in real-time Settembre 2011 www.axiante.com A Paper Published by Axiante CAMBIARE LE TRADIZIONI C'è stato un tempo in cui la Business Intelligence

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

un occhio al passato per il tuo business futuro

un occhio al passato per il tuo business futuro 2 3 5 7 11 13 17 19 23 29 31 37 41 43 47 53 59 61 un occhio al passato per il tuo business futuro BUSINESS DISCOVERY Processi ed analisi per aziende virtuose Che cos è La Business Discovery è un insieme

Dettagli

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso

In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso White Paper In Viaggio Verso la Unified Communication Pianificare il Percorso Executive Summary Una volta stabilito il notevole impatto positivo che la Unified Communication (UC) può avere sulle aziende,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO

LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO 1 INDICE LINEE GUIDA PER LA PIANIFICAZIONE E IL MONITORAGGIO DEL MIGLIORAMENTO ---------------------------------------------------------------------------------------------1

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno.

Automotive Business Intelligence. La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Automotive Business Intelligence La soluzione per ogni reparto, proprio quando ne avete bisogno. Prendere decisioni più consapevoli per promuovere la crescita del vostro business. Siete pronti ad avere

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1

General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 General Motors: la storia della nascita e della crescita di una giant firm 1 Centralized control with decentralized responsibility (Johnson and Kaplan, 1987) 1. Dalla nascita fino al 1920 La General Motors,

Dettagli

nel mondo delle professioni e della salute

nel mondo delle professioni e della salute Una Aggiornamento storia che e si formazione rinnova nel mondo delle professioni e della salute una rete di professionisti, la forza dell esperienza, l impegno nell educazione, tecnologie che comunicano.

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli:

Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: 2. IL PROCESSO DI VALUTAZIONE 2.1. Gli attori del processo di valutazione Nel processo di valutazione dei dirigenti sono principalmente coinvolti i seguenti ruoli: Direttore dell Agenzia delle Entrate.

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software

PLM Software. Answers for industry. Siemens PLM Software Siemens PLM Software Monitoraggio e reporting delle prestazioni di prodotti e programmi Sfruttare le funzionalità di reporting e analisi delle soluzioni PLM per gestire in modo più efficace i complessi

Dettagli

La Valutazione degli Asset Intangibili

La Valutazione degli Asset Intangibili La Valutazione degli Asset Intangibili Chiara Fratini Gli asset intangibili rappresentano il patrimonio di conoscenza di un organizzazione. In un accezione ampia del concetto di conoscenza, questo patrimonio

Dettagli

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA?

PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? PROCESSO ALLE PROMOZIONI IL GIOCO VALE LA CANDELA? La maggior parte dei Retailer effettua notevoli investimenti in attività promozionali. Non è raro che un Retailer decida di rinunciare al 5-10% dei ricavi

Dettagli

La valutazione della formula imprenditoriale

La valutazione della formula imprenditoriale La valutazione della formula imprenditoriale Come si apprezza e si analizza il grado di successo di un impresa A cura di : Ddr Fabio Forlani Premessa Nel governo strategico delle imprese la valutazione

Dettagli

Corso di Comunicazione d impresa

Corso di Comunicazione d impresa Corso di Comunicazione d impresa Prof. Gian Paolo Bonani g.bonani@libero.it Sessione 16 Sviluppo risorse umane e comunicazione interna Le relazioni di knowledge fra impresa e ambiente esterno Domanda

Dettagli

Vodafone Case Study Pulitalia

Vodafone Case Study Pulitalia Quello con Vodafone e un vero è proprio matrimonio: un lungo rapporto di fiducia reciproca con un partner veramente attento alle nostre esigenze e con un account manager di grande professionalità. 1 Il

Dettagli

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input

Release Management. Obiettivi. Definizioni. Responsabilità. Attività. Input Release Management Obiettivi Obiettivo del Release Management è di raggiungere una visione d insieme del cambiamento nei servizi IT e accertarsi che tutti gli aspetti di una release (tecnici e non) siano

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007

Presentazione di alcuni casi di successo. Paolo Piffer 28 Maggio 2007 Presentazione di alcuni casi di successo Paolo Piffer 28 Maggio 2007 AZIENDA 1 DEL SETTORE CERAMICO Il problema presentato L azienda voleva monitorare il fatturato in raffronto ai 2 anni precedenti tenendo

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli