Myocardial oedema as the sole marker of acute injury in Takotsubo cardiomyopathy: a cardiovascular magnetic resonance (CMR) study

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Myocardial oedema as the sole marker of acute injury in Takotsubo cardiomyopathy: a cardiovascular magnetic resonance (CMR) study"

Transcript

1 Radiol med (2013) 118: DOI /s CARDIAC RADIOLOGY CARDIORADIOLOGIA Myocardial oedema as the sole marker of acute injury in Takotsubo cardiomyopathy: a cardiovascular magnetic resonance (CMR) study L edema miocardico come marker di danno acuto nella cardiomiopatia di tako-tsubo: valutazione con risonanza magnetica cardiaca Ilaria Iacucci Iacopo Carbone Giuseppe Cannavale Bettina Conti Ilaria Iampieri Riccardo Rosati Gennaro Sardella Andrea Frustaci Francesco Fedele Carlo Catalano Marco Francone Dipartimento di Scienze Radiologiche Oncologiche ed Anatomo-Patologiche, Sapienza, università degli Studi di Roma, V.le Regina Elena 324, Roma, Italy Correspondence to: M. Francone, Tel.: ; Fax: , Received: 2 January 2012 / Accepted: 5 March 2012 Springer-Verlag 2013 Abstract Purpose. The main hallmark of Takotsubo cardiomyopathy (TT-CMP) is transient ischaemia, with completely reversible regional contractile dysfunction, which involves the midapical segments and shows no angiographic signs of coronary artery disease (CAD). The acute and reversible myocardial injury suggests that tissue oedema may be an important marker of disease. Methods and materials. Seventeen patients with a clinical and angiographic diagnosis of TT-CMP underwent cardiovascular magnetic resonance (CMR) imaging in the acute phase and at follow-up after 4 months. A standard acquisition protocol including turbo spin echo (TSE) T2-weighted short-tau inversion recovery (T2 STIR), steady-state free-precession cine (SSFP cine) and lateenhancement (LE) imaging after gadolinium benzyloxypropionic tetraacetic acid (Gd-BOPTA) administration was performed. All images were analysed, and data on oedema and LE were correlated with regional dysfunction and histological findings from endomyocardial biopsy (EMB) where available. Results. In all patients, T2 STIR images showed a diffuse homogeneous hyperintensity that extended to all midapical segments and perfectly matched the area of regional dysfunction, reflecting tissue oedema. In the five patients who underwent EMB, histology confirmed the massive interstitial oedema associated with typical contractionband necrosis. No cases of LE were observed. At followup, complete regression of oedema was observed in all Riassunto Obiettivo. La cardiomiopatia di tako-tsubo (TTCMP) è una sindrome caratterizzata da un ischemia transitoria, con disfunzione contrattile completamente reversibile, che coinvolge i segmenti medio-apicali, con coronarie angiograficamente indenni. Questo studio si propone di valutare, attraverso risonanza magnetica cardiaca (CMR), i segni morfologici di infiammazione in pazienti con TTCMP, correlando i risultati con i dati laboratoristici. Materiali e metodi. Diciassette pazienti con diagnosi clinica e angiografica di TTCMP sono stati sottoposti a CMR in fase acuta e dopo 4 mesi, con protocollo standard comprendente cine steady state free precession (cine- SSFP), T2-short tau inversion recovery (T2-STIR) e late enhancement (LE) imaging. Sono stati quindi valutati sia qualitativamente che quantitativamente l edema e il LE correlando i reperti con la disfunzione contrattile e, ove possibile, con i dati bioptici (EMB). Risultati. In tutti i pazienti, le sequenze T2-STIR hanno evidenziato una diffusa imbibizione edematosa dei segmenti medio-apicali a distribuzione non-coronarica e correlata con la sede della disfunzione contrattile; in 5 pazienti sottoposti a EMB, l istologia ha confermato l edema interstiziale massivo associato al caratteristico quadro di necrosi a bande di contrazione. Non sono stati osservati casi di LE. Al controllo, tutti i pazienti hanno mostrato completa regressione dell edema con significativo recupero funzionale del ventricolo sinistro (frazione di eiezione FE da 48,7 a 59,8%).

2 2 Radiol med (2013) 118: cases, with significant recovery of regional and global left ventricular (LV) function (ejection fraction from 48.7% to 59.8%). Conclusions. Myocardial oedema on CMR is a characteristic feature of acute TT-CMP, which reflects acute inflammation and acute myocardial injury. It could therefore be used as a specific marker of disease severity. Keywords Takotsubo cardiomyopathy Myocardial oedema Magnetic resonance imaging Conclusioni. L edema miocardico valutato con CMR è un aspetto caratteristico della TTCMP, poiché riflette l infiammazione e il danno miocardico acuto: può pertanto considerarsi marker specifico di coinvolgimento patologico. Parole chiave Cardiomiopatia di tako-tsubo Edema miocardico Risonanza magnetica Introduction Takotsubo cardiomyopathy (TT-CMP) is an acute myocardial syndrome characterised by transient ischaemia with reversible contractile dysfunction and predominantly involves the midapical segments of the left ventricle (LV) with compensatory hyperkinesia of the basal segments and characteristic ballooning or octopus trap (takotsubo in Japanese) appearance of the LV (Fig. 1) [1 3]. Clinical, electrocardiographic (ECG) and laboratory findings of the syndrome mimic acute myocardial infarction owing to the presence of acute chest pain with ST segment elevation [ST-segment elevation myocardial infarction (STEMI)] or T-wave inversion and troponin elevation, such that it is distinguished from STEMI only by the absence of coronary disease on selective angiography (Fig. 2). TT-CMP appears to be triggered by neurohormonal factors often resulting from strong emotional stress preceding the acute event and reported by the patient (hence the name of broken heart syndrome ) [4]. The diagnosis is thus based on a combination of coronary angiography (which demonstrates the absence of epicardial coronary lesions and the typical ballooning appearance of the LV on ventriculography, shown in Fig. 2), ECG and laboratory tests, as well as on reversibility of the changes [5, 6]. These diagnostic criteria, however, are inadequate for differentiating acute-phase TT-CMP from other possible diagnoses caused by infarction with normal coronaries, such as acute myocarditis or subendocardial necrosis due to microvascular disease [7, 8]. In this perspective, cardiovascular magnetic resonance (CMR) imaging has an emerging role in diagnosing TT-CMP owing to the possibility of combining functional data and tissue characterisation, thereby allowing detection of possible irreversible tissue injury and interstitial oedema [9 12]. The aim of this study was to evaluate morphological signs of inflammation detected on CMR in patients with suspected TT-CMP by correlating CMR findings with laboratory data and, where available, results of endomyocardial biopsy (EMB). Introduzione La cardiomiopatia di tako-tsubo (TTCMP) è una sindrome miocardica acuta caratterizzata da un evento ischemico transitorio con disfunzione contrattile reversibile che coinvolge prevalentemente i segmenti medi e apicali del ventricolo sinistro con associata ipercinesia compensatoria dei segmenti basali e caratteristica modificazione balloniforme o con morfologia a cestello di polipo (dal giapponese tako-tsubo) del ventricolo sinistro (Fig. 1) [1 3]. La sindrome, dal punto di vista clinico, elettrocardiografico e laboratoristico, mima l infarto miocardico acuto per la presenza di dolore toracico acuto con sovra-slivellamento del tratto ST (STEMI) o inversione dell onda T e movimento troponinico, risultando differenziabile dallo STEMI per la sola assenza di coronaropatia a esame angiografico selettivo (Fig. 2). Dal punto di vista eziopatogenetico, il quadro sembra scatenato da fattori neuro-ormonali spesso scatenati da forti stress psico-emotivi che precedono l episodio acuto e riferiti anamnesticamente dal paziente (da cui il nome anche di broken heart syndrome ) [4]. La diagnosi si basa quindi sulla combinazione di esame coronarografico (che dimostra l assenza di lesioni a carico dei vasi coronarici epicardici e l aspetto tipico del ventricolo sinistro durante ventricolo grafia, come mostrato in Figura 2), clinico-laboratoristico ed elettrocardiografico e sul concetto di reversibilità della alterazioni [5, 6]. Sulla base di tali criteri diagnostici, tuttavia, non è possibile differenziare in fase acuta la sindrome da altre possibili diagnosi differenziali da infarto a coronarie indenne quali la miocardite acuta o la necrosi sub-endocardica da malattia del microcircolo [7, 8]; in tal senso, l esame di risonanza magnetica cardiaca (CMR) trova impiego sempre maggiore nell inquadramento di tale condizione, per la possibilità di combinare i reperti funzionali con la capacità di caratterizzazione tissutale della metodica, che consente di identificare l eventuale presenza di danno tissutale irreversibile e di edema interstiziale [9 12].

3 Radiol med (2013) 118: a b c Fig. 1a-c Steady-state free-precession (SSFP) cine sequences in the end-diastolic (a) and end-systolic (b) phases show the typical reversible contractile dysfunction involving the middle and apical left ventricular segments with compensatory hyperkinesia of the basal segments and the typical ballooning or octopus pot morphology (takotsubo in Japanese) of the left ventricle (c). Fig. 1a-c Sequenze cine SSFP in fase tele diastolica (a) e telesistolica (b) evidenziano la peculiare disfunzione contrattile reversibile che coinvolge i segmenti medi e apicali del ventricolo sinistro con associata ipercinesia compensatoria dei segmenti basali e caratteristica modificazione balloniforme o con morfologia a cestello di polipo (dal giapponese tako-tsubo) del ventricolo sinistro (c). a c b Fig. 2a-c A 55-year-old patient presenting to the emergency department with chest pain, elevated serum troponin and C-reactive protein levels. Ventriculography (a, b) shows hypoakinesia of the middle segments and akinesia of the apical segments and apex, with typical left ventricular ballooning in the end-systolic phase (b, arrowheads). Selective coronary catheterisation performed in the acute phase shows no evidence of coronary involvement (c). Fig. 2a-c Paziente di 55 anni, giunta in PS per dolore toracico, con rialzo dei marker sierici di troponina e CRP. L esame coronarografico, eseguito in urgenza, non evidenzia coinvolgimento patologico dell albero coronarico (c). La ventriculografia (a,b) mostra ipo-acinesia dei segmenti medi e acinesia dei segmenti apicali e dell apice, con tipico aspetto balloniforme del ventricolo sinistro in fase di tele-sistole (b, punte di freccia).

4 4 Radiol med (2013) 118: Table1 Laboratory findings in the study population Tabella 1 Dati laboratoristici della popolazione di studio Pts Tn I [mg/l] Peak CK CRP [mg/l] Tn I [mg/l] Peak CK CRP [mg/l] 1 2, ,1 33 2,3 2 3, ,1 43 0,5 3 1, ,0 57 5,4 4 6, , ,2 5 1, ,0 24 0,7 6 6, ,2 44 0,8 7 5, ,0 87 3,3 8 3, ,0 66 4,1 9 0, ,0 26 6,1 10 7, ,2 55 0,4 11 1, ,0 21 3,2 12 0, ,3 48 0,5 13 4, ,0 61 5,1 14 5, ,1 39 6,5 15 4, ,0 88 6,6 16 5, ,1 74 0,5 17 8, ,1 86 0,9 Materials and methods Study population Between January 2008 and February 2010, 17 women (mean age, 62±9.8 years; range, 54 72) underwent CRM for clinical suspicion of TT-CMP. All patients had chest pain and/or dyspnoea, troponin elevation with ECG ST changes and ballooning of the ventricular apical segment in the absence of epicardial coronary lesions on selective angiography performed at presentation. In addition, a nonspecific elevation of inflammatory markers, especially C-reactive protein (CRP) was detected on admission in all patients.. Laboratory data of the study population are summarised in Table 1. Patient histories in 8/17 (47%) cases revealed the presence of trigger events preceding the acute episode, predominantly consisting of emotional stress of varying nature (recent death or severe illness of a relative, stressful events at work, endoscopic procedures). All patients underwent a CMR study in the acute phase (on average within 2.4 days of admission) and at follow-up 3 4 months after symptom onset; five patients also underwent EMB in the acute phase. MR protocol CMR study was carried out with a new-generation system (Siemens Magnetom Avanto, Erlangen, Germany) operating at 1.5 T with high-performing gradients (rise time, 44 mt/m; slew rate, 600 ms) and using 16-element phasedarray surface coils. In all patients, vector-cardiogram gating (VCG) was applied by placing three electrodes on the chest Scopo del nostro studio è stato di valutare con CMR i segni morfologici di infiammazione in pazienti con sospetta TTCMP, correlando il quadro RM con i dati clinico-laboratoristici e, ove disponibile, con i dati forniti dalla biopsia endomiocardica (EMB). Materiali e metodi Popolazione di studio Nel periodo compreso tra gennaio 2008 e febbraio 2010, 17 pazienti di sesso femminile (età media 62±9,8 anni; range anni), sono state sottoposte a esame di CMR, nel sospetto clinico di TTCMP. In tutte le pazienti era stato infatti riscontrato dolore toracico e/o dispnea, movimento troponinico con modificazioni elettrocardiografiche del tratto ST e aspetto balloniforme dell apice ventricolare in assenza di lesioni coronariche epicardiche all esame angiografico selettivo effettuato all ingresso. In tutti i casi, inoltre, all ammissione era stato riscontrato un movimento aspecifico degli indici di flogosi (in particolare dei valori di proteina C reattiva). I dati laboratoristici della popolazione di studio sono stati riassunti in Tabella 1. Anamnesticamente è stato possibile identificare eventi trigger prima dell episodio acuto in 8/17 pazienti (47%) consistenti prevalentemente in stress emozionali di varia natura (lutto recente o severa malattia di un familiare, eventi stressanti in ambito lavorativo, procedure endoscopiche). Tutte le pazienti sono quindi state sottoposte a esame di CMR in fase acuta (media 2,4 giorni) e nel follow-up 3 4 mesi dall insorgenza della sintomatologia; in 5 pazienti è stata anche effettuata la biopsia endomiocardica (EMB) in fase acuta.

5 Radiol med (2013) 118: Dopo ricostruzione dei dati grezzi, le immagini sono state valutate in consenso da due esperti radiologi cardiovascolari, su una stazione di lavoro dedicata (Leonardo VD10A Siemens Medical Solutions, Forchheim, Germania), utilizzando software dedicato (syngo Argus, Siemens Medical Solutions) che consente di effettuare una valutazione di volumi ventricolari e massa miocardica tracciando i bordi endocardici ed epicardici in modo semiautomatico. Per l analisi delle immagini, il miocardio ventricolare sinistro è stato diviso in 17 segmenti in base alla classificazione AHA [13]. In tutti i pazienti è stata effettuata una valutazione qualitativa e quantitativa. L analisi qualitativa ha inizialmente permesso l identificazione di presenza, sede (segmenti AHA) ed estensione dei fenomeni di edema miocardico (sequenze T2 STIR) e LE (sequenze IR-LE) ove presenti. Successivawall at the level of the second intercostal space along the left lateral sternal line, at the level of the fourth intercostal space along the left lateral sternal line and at the level of the fifth intercostal space along the left hemiclavicular line so as to obtain an ECG trace providing good visualisation of the QRS complex. Images were acquired in the standard CMR scan planes, in the short axis, vertical long axis (two-chamber view) and horizontal long axis (four-chamber view) using a combined protocol consisting of morphological T2-weighted shorttau inversion recovery (STIR) black-blood sequences (T2 STIR: TR 2 RR; TE 64; thickness 10 mm; matrix ) in the short axis, vertical long axis and horizontal long axis to evaluate myocardial oedema. Functional steady-state free-precession gradient-echo sequences (SSFP: TR 3.5 ms, TE 2 ms, flip angle 500, matrix , thickness 10 mm, gap 10 mm) covered the entire LV to quantify ventricular volumes and evaluate cardiac motion. Moreover, all patients were imaged with inversion-recovery late-enhancement sequences (IR-LE: TR 5 ms; TE 2.3 ms; flip angle 150; thickness 8 mm; matrix ; TI optimised to null the signal of the myocardium) min after i.v. administration of contrast material [gadolinium benzyloxy-propionic tetraacetic acid (Gd-BOPTA), Multihance Bracco; 0.1 mmol/kg, dose 12 ml; flow rate 3 ml/s] to evaluate possible late enhancement (LE). Contrast material was administered with a dual-head automatic injector (Medrad Stellant Dual; Medrad, Palo Alto PA, USA). Image analysis After reconstruction of raw data sets, images were evaluated on a dedicated workstation (Leonardo VD10A Siemens Medical Solutions, Forchheim, Germany) during consensus reading by two radiologists experienced in cardiovascular imaging. Specific software (syngo Argus, Siemens) was used, allowing ventricular volumes and myocardial mass to be determined by tracing the endocardial and epicardial contours in a semiautomatic manner. For the purposes of image analysis, the LV was divided into 17 segments based on the classification of the American Heart Association (AHA) [13]. For all patients, both qualitative and quantitative assessments were obtained. Qualitative analysis permitted identification of the presence, site (AHA segments) and extent of myocardial oedema (T2 STIR sequences) and IR-LE sequences, where present. Then, the SSFP cine sequences were used to quantify ventricular volumes [end-systolic volume (ESV); end-diastolic volume (EDV); ejection fraction (EF)], regional and global LV function, and LV mass by semiautomatically tracing the endocardial and epicardial contours on images acquired at end-systole and end-diastole. Any LE was quantified in grams by manually drawing a region of Protocollo RM L indagine RM è stata eseguita utilizzando un magnete di ultima generazione (Siemens Magnetom Avanto, Erlangen, Germania) operante a 1,5 T con gradienti altamente performanti (velocità di risalita dei gradienti: 44 mt/m; slew-rate 600 V/ms) e impiegando bobine di superficie (tipo phased array) a 16 canali. In tutte le pazienti è stato utilizzato un gating cardiaco di tipo vector-cardiogram (VCG) posizionando 3 elettrodi sulla parete toracica a livello del secondo spazio intercostale sulla marginosternale di sinistra, sul quarto spazio intercostale sulla marginosternale di sinistra e sul quinto spazio intercostale sull emiclaveare di sinistra, in modo da ottenere un tracciato ECG in cui il complesso QRS fosse ben visualizzabile. Le immagini sono state acquisite secondo piani di scansione standard di cardio-rm in asse corto, 2 camere (o asse lungo verticale) e 4 camere (o asse lungo orizzontale), utilizzando un protocollo combinato che comprendeva sequenze morfologiche a sangue nero tipo Short Tau Inversion Recovery T2 pesate (STIR T2w: TR 2 RR; TE 64; spessore 10 mm; matrice ) in asse corto, asse lungo verticale e 4 camere per valutare i fenomeni di edema miocardico, sequenze funzionali Gradient Echo Steady State Free Precession (SSFP: TR 3,5 ms, TE 2 ms, FA 500, matrice , spessore 10 mm, gap 10 mm) coprendo l intero volume ventricolare sinistro per la quantificazione dei volumi ventricolari e la valutazione della cinesi cardiaca. In tutte le pazienti, inoltre, sono state effettuate sequenze inversion-recovery (IR-LE: TR 5 ms; TE 2,3 ms; flip angle 150; spessore 8 mm; matrice ; TI ottimizzato per abbattere il segnale miocardico) minuti dopo somministrazione endovenosa di mezzo di contrasto (mdc) (Gd-BOPTA, Multihance, Bracco, Italia; 0,1 mmol/kg, dose somministrata 12 ml; flusso 3 ml/sec), per la valutazione di eventuali fenomeni di late-enhancement (LE). Il mdc è stato somministrato utilizzando un iniettore automatico a doppia testata (Medrad Stellant Dual; Medrad, Palo Alto PA, USA). Analisi delle immagini

6 6 Radiol med (2013) 118: a b c d Fig. 3a-d Cardiovascular magnetic resonance (CMR) during the acute phase (within 2 days of admission). Steady-state free-precession (SSFP) cine sequences (a, b) confirm hypoakinesia of the middle segments and akinesis of the apical segments (arrowhead), with apical left ventricular ballooning. In the same segments, T2 short tau inversion recovery (STIR) (c) sequences show a noncoronary distribution of high signal intensity related to myocardial oedema (arrows). In the T1 inversion-recovery lateenhancement (IR-LE) sequences (d), no pathological foci of myocardial enhancement are present. Fig. 3a-d Esame RM eseguito entro due giorni dal ricovero. Le sequenze cine SSFP (a,b) confermano l ipo-acinesia dei segmenti medi e l acinesia dei segmenti apicali e dell apice (punte di freccia), con apicalbalooning del ventricolo sinistro. Nelle stesse sedi, le sequenze T2 STIR (c) mostrano la presenza di un estesa area di iperintensità del segnale con distribuzione non coronarica, da riferire a edema miocardico (frecce). Nelle sequenze T1 DE-IR (d) non si documenta tuttavia la presenza di accumuli patologici di mdc. interest (ROI) over the myocardial segments showing normal signal intensity (SI) and applying a cutoff value of 5 standard deviations (SD) above the mean SI of apparently normal heart to identify any segments with LE [14, 15]. Analysis of the T2 STIR images obtained to assess myocardial oedema involved measuring the increase in SI by placing an ROI over the entire LV; the value obtained was then related to the SI recorded in skeletal muscle (extensor spinae or longissimus dorsi, depending on muscle homogeneity) to obtain a ratio expressed as T2 SI ratio [16]. Areas exhibiting a T2 SI ratio 2 SD above the reference value were considered to be oedematous. The presence of pleural and pericardial oedema was also assessed in all patients. All analyses were repeated on the follow-up examinations obtained after 3 4 months. Results Acute phase In the acute phase, all patients exhibited a statistically significant increase in the T2 SI ratio, consistent with the presence of tissue oedema affecting myocardial segments (midapi- mente, utilizzando le sequenze cine-ssfp sono stati quantificati i volumi ventricolari (volume tele-sistolico, EDV; volume tele-diastolico, ESV; frazione di eiezione, FE), la funzione ventricolare sinistra regionale e globale e la massa ventricolare sinistra, tracciando in modo semiautomatico i bordi endocardici ed epicardici dalle immagini acquisite in fase telesistolica e telediastolica. L eventuale LE è stato inoltre quantificato in grammi tracciando manualmente una regione di interesse (ROI) nei segmenti miocardici che apparivano di normale intensità e utilizzando un valore soglia 5 deviazioni standard, superiore alla media dell intensità di segnale del miocardio apparentemente normale per identificare i segmenti con LE [14, 15]. L analisi delle immagini STIR T2-pesate per la valutazione dell edema miocardico prevedeva la misura dell incremento dell intensità del segnale attraverso il posizionamento di una ROI nell intero miocardio ventricolare sinistro; il valore ottenuto veniva quindi rapportato con il valore dell intensità del segnale riscontrato in un muscolo scheletrico (estensore della colonna o lunghissimo del dorso, a seconda dell omogeneità del muscolo), ottenendo in tal modo un rapporto espresso come T2-ratio [16]. Zone con valori di T2 ratio 2 deviazioni standard sono state considerate edematose. In tutte le pazienti veniva inoltre valutata la presenza di versamento

7 Radiol med (2013) 118: a b c d Fig. 4a-d A 57-year-old patient presenting to the emergency department with chest pain and dyspnoea (arising after an argument with colleagues at work), with elevated serum troponin-1 and ST elevation at electrocardiography (ECG). Cardiovascular magnetic resonance (CMR) was performed 18 h after admission: steady-state free-precession (SSFP) cine sequences (a, b) show segmental left ventricular wall-motion dysfunction, with dyskinesia and akinesia of the midapical segments and apex (arrowheads). T2 short-tau inversion recovery (STIR) sequences (c) show a bright area in the same location, related to myocardial oedema (arrowheads) and pericardial effusion along the inferior wall of the left ventricle (arrowheads). Inversion recovery late enhancement (IR-LE) sequences performed after contrast media administration (d) show no left ventricular area of hyperintensity. Fig. 4a-d Paziente di 57 anni giunta in pronto soccorso per dolore toracico e dispnea (insorti a seguito di un litigio sul posto di lavoro), con aumento dei valori sierici di TnI e sovraslivellamento del tratto ST all esame elettrocardiografico. L esame di RM cardiaca veniva eseguito durante il ricovero (18 ore dopo l accesso in PS): le sequenze cine SSFP (a,b) mostrano alterazione della contrattilità segmentaria del ventricolo sinistro, con discinesia e acinesia dei segmenti medio-apicali e dell apice (punte di freccia). Nelle stesse sedi le sequenze STIR T2 pesate (c) evidenziano un area a elevata intensità di segnale, da riferire a edema miocardico (punte di freccia) e falda di versamento pericardico lungo la parete inferiore del ventricolo sinistro (punte di freccia). Nelle sequenze DE-IR, eseguite dopo somministrazione di mdc (d) non si apprezzano aree di potenziamento nel contesto del miocardio ventricolare. cal), without coronary distribution of tissue injury (mean T2 SI ratio, 2.62±0.27) (Figs. 3 and 4). Functional assessment showed, at the same sites, regional contractile dysfunction with hypodyskinesia of the middle segments and hypokinesia, akinesia and dyskinesia of the apical segments and apex (Fig. 5). There were no cases of hypoakinesia affecting only the basal segments or of right ventricular (RV) involvement. Overall ventricular motion was slightly reduced, with mean EF of 47.2±8.4. LE was detected on contrast-enhanced imaging in 2/17 patients, with a noncoronary distribution of enhancement (patchy enhancement), predominantly seen at the lateral segments. Collateral findings included four cases of pleural effusion and three of pericardial effusion. No cases of thrombus formation were detected. pleurico e pericardico. La stessa analisi è stata ripetuta sull esame effettuato a distanza di 3 4 mesi. Risultati Fase acuta In fase acuta, in tutte le pazienti studiate è stato riscontrato un incremento statisticamente significativo del T2-ratio compatibile con la presenza di edema tissutale coinvolgente tutti i segmenti miocardici (medio-apicali), senza distribuzione coronarica del danno tissutale (valore medio T2-ratio: 2,62±0,27) (Figg. 3 e 4).

8 8 Radiol med (2013) 118: Fig. 5 Per-segment analysis of myocardial contractile dysfunction of the left ventricle. Regional kinetic dysfunction (hypokinesia, akinesia, dyskinesia) involves the middle and apical segments and the apex. Fig. 5 Analisi grafica per segmento del grado di disfunzione contrattile del miocardio ventricolare sinistro. L alterazione cinetica regionale (ipocinesia, acinesia e discinesia) si concentra a livello dei segmenti medi e soprattutto apicali e dell apice. Biopsy findings EMB was obtained in five patients (but in neither of the two patients with LE). Haematoxylin and eosin (H&E) staining demonstrated a reduction of contractile units within the sarcomere in the acute phase due to rupture of the contraction bands themselves, with increased interstitial concentration of inflammatory cells (monocyte derivatives) and tissue water (Fig. 6). None of the patients who underwent biopsy had evidence of fibrosis. Follow-up Follow-up at 4 months showed complete resolution of the myocardial oedema (Fig. 7), with a significant reduction in mean T2 SI ratio (mean value, 1.58±0.39). Determination of ventricular volumes revealed a substantial increase in EF (from 47.2±8.4% to 64.3±6.2%) and reduction in EDV (from 135.2±8.83 ml to 108.6±16.6 ml). Parietal thickness was also reduced compared with in the acute phase (8.1 mm vs. 6.3 mm). In the two patients with LE, there was no significant recovery of regional wall motion or any increase in global systolic function (substantially unchanged EF). Collateral findings such as pleural and pericardial effusion were also markedly reduced. Results in the acute phase and follow-up are summarised in Tables 2 and 3 and in Figs. 8 and 9. Discussion Findings of this study, in five cases with histological correlation, confirm two fundamental aspects of TT-CM. The first is the reversibility of the regional dysfunction, one of the La valutazione funzionale mostrava, nelle stesse sedi, una disfunzione contrattile regionale con ipo-discinesia dei segmenti medi e ipocinesia, acinesia e discinesia a carico dei segmenti apicali e dell apice (Fig. 5). In nessun caso è stata riscontrata ipo-acinesia esclusivamente dei segmenti basali o coinvolgimento del ventricolo destro. La cinesi ventricolare globale è risultata lievemente ridotta con FE media del 47,2±8,4. Dopo mdc, è stata rilevata la presenza di LE in 2/17 pazienti, con pattern di potenziamento a distribuzione non coronarica (enhancement a chiazze), prevalentemente localizzato nei segmenti laterali. Come reperti collaterali, sono stati riportati in quattro casi versamento pleurico e in tre casi versamento pericardico. Nessuna formazione trombotica era presente. Reperti bioptici La EMB di correlazione è stata effettuata in 5 pazienti (non è stata effettuata in nessuno dei due casi con LE). I preparati di colorazione con ematossilina-eosina forniti evidenziavano come nella fase acuta della patologia si verificasse una riduzione delle unità contrattili all interno del sarcomero, per rottura delle bande di contrazione stesse, con aumento della concentrazione interstiziale miocardica di cellule dell infiammazione (derivati monocitari) e del contenuto idrico tissutale (Fig. 6). In nessuna delle pazienti bioptizzate sono stati riscontrati segni di fibrosi tissutale. Follow-up Il controllo a distanza di 4 mesi dimostrava una completa risoluzione dell edema miocardico (Fig. 7), con significativa riduzione dei valori medi di T2-ratio (valore medio 1,58±0,39). Il calcolo dei volumi ventricolari ha inoltre mostrato un netto incremento della frazione di eiezione (FE da 47,2±8,4% a 64,3±6,2%) e riduzione del volume tele

9 Radiol med (2013) 118: diastolico (EDV da 135,2±8,83 ml a 108,6±16,6 ml). Gli spessori parietali risultavano inoltre ridotti rispetto alla fase acuta (8,1 mm vs 6,3 mm). Nei due pazienti con LE non si è riscontrato significativo recupero della cinesi regionale né incremento della funzione sistolica globale (FE sostanzialmente stabile). I reperti collaterali come versamenti pleurici e pericardici erano inoltre marcatamente ridotti. I risultati in fase acuta e nel follow-up sono riassunti nelle Tabelle 2 e 3 e nelle Figure 8 e 9. Discussione Fig. 6 Haematoxylin and eosin stain shows massive interstitial oedema (star) with typical contraction-band necrosis (arrow). Fig. 6 Il preparato di colorazione con ematossilina-eosina evidenzia massivo edema interstiziale (asterisco) associato alla necrosi a bande di contrazione (freccia), che caratterizza la patologia. hallmarks of the syndrome. In keeping with the literature, all patients in our study showed full functional recovery at follow-up, confirming the transient nature of the ventricular dysfunction seen in TT-CMP. The pattern of dysfunction observed consists of the typical apical ballooning with akinesia of the midapical segments of the LV. There were no cases of RV involvement, in contrast to reports from larger studies that detected RV dysfunction in 30% of cases; there were no cases of hypoakinesia affecting exclusively the basal segments (inverted Takotsubo). This greater uniformity Il presente studio, correlato in cinque casi dai reperti istologici, conferma due aspetti fondamentali della TTCM. Il primo riguarda la reversibilità della disfunzione regionale, che rappresenta uno degli elementi caratterizzanti della sindrome, con risultati nella nostra popolazione sostanzialmente allineati alla letteratura. Tutte le pazienti del nostro studio hanno infatti mostrato un pieno recupero funzionale al follow-up, confermando la natura transitoria della disfunzione ventricolare nella TTCMP. Il pattern di disfunzione osservato consiste nel tipico ballooning apicale con acinesia dei segmenti medio-apicali del ventricolo sinistro. Non sono stati riportati casi di coinvolgimento del ventricolo destro, diversamente da quanto descritto in studi con casistica più ampia in cui una disfunzione ventricolare destra è presente nel 30% dei casi, non sono stati inoltre riscontrati casi di ipo-acinesia esclusivamente a livello basale ( inverted tako-tsubo ). Questa maggiore uniformità dei pattern di ballooning nella nostra popolazione di studio potrebbe essere dovuta al più esiguo numero di casi analizzati rispetto agli studi multicentrici precedentemente pubblicati. Il secondo dato riguarda la costante presenza di edema tissutale in fase acuta nella popolazione di studio in esame, che si è rivelata poi reversibile al follow-up. L edema a b c Fig. 7 Cardiovascular magnetic resonance (CMR) follow-up at 4 months. Steady-state free-precession (SSFP) cine sequences show complete wall-motion recovery of the midapical segments of the left ventricle. T2 short-tau inversion recovery (STIR) sequences show complete resolution of myocardial oedema Fig. 7 Controllo RM a distanza di 4 mesi. Le sequenze cine SSFM mostrano completo recupero della cinesi segmentaria del ventricolo sinistro in sede medio-apicale. Si osserva inoltre, nelle sequenze STIR T2 pesate, completo riassorbimento dei fenomeni edemi geni intramiocardici.

10 10 Radiol med (2013) 118: Table 2 Results of morphological and functional evaluation in the acute phase and at follow-up. In the acute phase, reduction in ejection fraction and an increase in end-diastolic volume was seen, with a statistically significant increase of the T2 SI ratio, reflecting tissue oedema. At follow-up after 4 months, there was functional recovery of the left ventricle and complete resolution of the myocardial oedema (significantly decreased mean T2 SI ratio) Tabella 2 Risultati della valutazione morfologica e funzionale in fase acuta e follow-up. In fase acuta sono stati osservati riduzione dei valori di frazione di eiezione e aumento del volume tele-diastolico, con incremento statisticamente significativo del T2-ratio compatibile con la presenza di edema tissutale. Il controllo a distanza di 4 mesi dimostrava recupero funzionale del ventricolo sinistro, con completa risoluzione dell edema miocardico (significativa riduzione dei valori medi di T2 ratio) Acute phase Follow-up Pvalue LV ejection fraction (%) 47.2±8, ,3±6.2 <0.001 LV end diastolic volume (ml) 135.2± ±16.6 <0.001 Focal oedema (n) 17 0 <0.001 T2 radio (n) <0.001 Mean T2 radio 2.62± ±0.39 <0.001 Pleural effusion (n) 4 2 <0.001 Pericardial effusion (n) 3 2 <0.001 Elevated troponine I, peak Ck (n) 15 0 <0.001 Elevated CRP (n) 15 0 <0.001 Table 3 Per-patient analysis of changes in ejection fraction in the acute phase and at follow-up. Determination of ventricular volumes shows increased ejection fraction in all patients at follow-up Tabella 3 Analisi per paziente delle modificazioni dei valori di frazione di eiezione in fase acuta e al follow-up. Il calcolo dei volumi ventricolari ha mostrato, in tutti i pazienti, un netto incremento della frazione di eiezione durante il controllo a distanza Pts EDV1 EDV2 EF1 EF2 ESV1 ESV2 What stress No triggering events Physical stress Job stress Phusical stress No triggering events Physical stress No triggering events Physical stress No triggering events No triggering events Physical stress No triggering events No triggering events Death of a relative No triggering events Newly disabled relative No triggering events of the ballooning pattern in our study population may be due to the small number of cases analysed compared with previously published multicentre studies. The second aspect is the constant finding of tissue oedema in the acute phase, which was found to be reversible at follow-up. Myocardial oedema is another hallmark of TT- CMP, being present in the majority of patients affected by this syndrome [17, 18]. All patients in our study (100%) had oedema of the midapical segments, typically with transmural extension. The pathophysiological substrate justifying the myocardial oedema in these patients has not been elucidated, even though the presence of inflammatory phenomena and transient ischaemia would appear to play a central role. Moreover, in our series, myocardial segments exhibiting the most severe oedema corresponded to the ar- miocardico è infatti una caratteristica fondamentale della TTCMP, essendo generalmente presente nella maggior parte dei pazienti affetti da questa sindrome [17, 18]. Nel nostro studio, tutte le pazienti studiate (100%) presentavano edema diffuso a livello dei segmenti medio-apicali con estensione tipicamente transmurale. Il substrato patofisiologico che giustifichi la presenza di edema miocardico in questi pazienti non appare ancora ben definito; tuttavia, la presenza di fenomeni infiammatori e di ischemia transitoria sembrerebbero comunque giocare un ruolo fondamentale. Nella nostra casistica, inoltre, i segmenti miocardici più estesamente edematosi corrispondevano alle aree con maggiore disfunzione contrattile (Fig. 6). Inoltre, le pazienti che presentavano una maggiore quantità di edema a livello globale avevano valori di frazione di eiezione più bassi.

11 Radiol med (2013) 118: a b Fig. 8a, b Changes in ejection fraction (a) and end-diastolic volume (b) per patient in the acute phase and at follow-up. Fig. 8a,b Rappresentazione grafica per paziente delle modificazioni dei valori di frazione di eiezione (a) e di volume telediastolico (b) in fase acuta e al follow-up. Fig. 9 Decrease of parietal thickness in the midapical segments was observed at follow-up after regression of myocardial oedema. Fig. 9 Spessori parietali. Nel follow-up si osserva riduzione degli spessori parietali in sede medioapicale, per riassorbimento dei fenomeni edemigeni intra-miocardici. eas with greater contractile dysfunction (Fig. 6). Additionally, patients presenting with the greatest extent of overall oedema had lower EF values. These findings emphasise the importance of quantifying and mapping oedema in patients with TT-CMP, as these data reflect the extent of myocardial injury sustained during the acute phase and coincide with the areas of greater Questi dati sottolineano l importanza della quantificazione e dell identificazione dei fenomeni di edema nei pazienti con TTCMP, poiché questi riflettono l entità del danno che il miocardio subisce in fase acuta e coincidono con le zone maggiormente disfunzionanti a livello cinetico. Altro dato fondamentale per un corretto inquadramento della TTCMP, è la distribuzione tipicamente non-coronarica

12 12 Radiol med (2013) 118: dell edema tissutale, elemento utile per differenziare la sindrome, ad esempio, dal cosiddetto infarto abortito, in cui è presente edema senza LE, ma con distribuzione segmentaria-coronarica del danno tissutale e reperti coronarografici positivi [19, 20]. L assenza di LE è un altro dato emerso nella gran parte della nostra popolazione di studio ed è risultato associato in tutti i casi a recupero cinetico globale e regionale a distanza. Il dato è confermato anche in altri lavori con più ampia popolazione di studio [21, 22]. L assenza di recupero funzionale a distanza è stata osservata unicamente nelle due pazienti con LE positivo; la persistenza del LE nel follow-up in questi due casi potrebbe suggerire la possibilità di un danno tissutale dovuto a fenomeni di ischemia o infiammazione. Questo troverebbe conferma in alcuni dati presenti in letteratura che definiscono un sottogruppo di pazienti con TTCMP con LE positivo in assenza di recupero funzionale e reperti istologici di aumento di collagene di tipo I e fibronectina per espansione della matrice extracellulare [23]. Nella nostra popolazione di studio, quindi, la persistenza del danno tissutale in RM a distanza e l assenza di un trigger psico-emotivo precedente il quadro acuto riscontrate in 2 pazienti, sono elementi fortemente suggestivi per miocardite acuta che, però, non è stato possibile confermare dal punto di vista istologico. Ulteriori studi dovranno tuttavia essere condotti per correlare anche dal punto di vista istologico la presenza di LE con le altre possibili diagnosi differenziali di malattia a coronarie sane, anche se l idea è che l accumulo patologico di gadolinio in questi pazienti sia l espressione dei fenomeni di fibrosi interstiziale o di necrosi sub-endocardica che sono, ad esempio, presenti nelle miocarditi acute o nell infarto tipo non-stemi [24]. In generale, comunque, la CMR può avere un ruolo fondamentale nella diagnostica differenziale tra questo setting clinico, definibile come fenotipo tako-tsubo (assenza di lesioni coronarografiche, modificazioni tipo STEMI e apical ballooning del ventricolo sinistro), e le altre forme di disfunzione ventricolare acuta a coronarie sane (infarto a coronarie sane e miocardite acuta), con potenziale rilevante impatto sulla gestione clinica e terapeutica del paziente. La TTCMP annovera, infatti, un incidenza dello 0,7 2,5% dei pazienti che si presentano in ospedale con sospetto di sindrome coronarica acuta [25]. Il riconoscimento della TTCMP nell ambito delle diagnosi differenziali, soprattutto in donne in post-menopausa che si presentano con sintomi da sindrome coronarica acuta (SCA), potrebbe dunque evitare trattamenti potenzialmente dannosi con agenti trombolitici. Basti inoltre pensare al significato prognostico sfavorevole di una miocardite acuta con rischio di evolutività verso cardiomiopatia dilatativa e scompenso e necessità di trattare con farmaci immunosopressori in molti casi [26, 27]. Altro elemento di interesse nel nostro studio riguarda la possibilità di correlazione dei dati RM con l EMB, che ha confermato in tutte le 7 pazienti biopticate la presenza di intenso edema tissutale in assenza di segni di fibrosi interwall-motion dysfunction. Another crucial feature for correct diagnosis of TT-CMP is the typically noncoronary distribution of tissue oedema, an element that can help differentiate the syndrome from, for example, aborted infarction, characterised by oedema without LE but with segmental coronary distribution of tissue injury and positive coronary angiography [19, 20]. The absence of LE is another feature observed in the majority of our study population and which was found to be associated with global and regional wall-motion recovery in all patients. This result is also confirmed by other studies conducted on larger population samples [21, 22]. An absence of functional recovery at follow-up was observed only in the two patients, who showed LE persistence at follow-up, which in these cases may have reflected tissue injury due to ischaemia or inflammation. This hypothesis is supported by a previous report that defined a subgroup of TT-CMP patients with positive LE in the absence of functional recovery and histological findings of increased collagen 1 and fibronectin due to expansion of the extracellular matrix [23]. Therefore, persistence of tissue injury on follow-up CMR and lack of an emotional trigger preceding the acute event in two patients in our series strongly suggest acute myocarditis, even though we were unable to obtain histological confirmation of this diagnosis. Further studies are required to investigate the histological correlation between the presence of LE and other possible differential diagnoses of conditions presenting with normal coronary arteries. Nonetheless, it is thought that the pathological accumulation of gadolinium in these patients may reflect interstitial fibrosis or subendocardial necrosis, which are present in acute myocarditis or non-stemi infarction [24]. In general, CMR may play a fundamental role in differentiating this clinical setting, which is definable as a takotsubo phenotype (absence of coronary lesions, STEMI-type changes and LV apical ballooning), from the other forms of acute ventricular dysfunction associated with healthy coronary arteries (infarction with normal coronary arteries and acute myocarditis), where it may have a major impact on the clinical and therapeutic management of patients. TT-CMP has an incidence of % among patients presenting with suspected acute coronary syndrome (ACS) [25]. Inclusion of TT-CMP among differential diagnoses, especially in postmenopausal women presenting with ACS, could thus help to avoid potentially harmful treatments with thrombolytic agents. Moreover, it is enough to consider the negative prognostic significance of acute myocarditis, which carries the risk of evolving into dilated cardiomyopathy and decompensated heart failure, with a need for immunosuppressive treatment in many cases [26, 27]. Another interesting aspect of our study was the possibility of correlating CMR and EMB data, which confirmed the

13 Radiol med (2013) 118: presence of massive oedema in the absence of interstitial fibrosis in all five patients who underwent biopsy. Although little is still known regarding the mechanisms underlying the association between TT-CM and myocardial injury, the pathophysiological explanation seems to be an insult due to catecholamine hypersecretion, which leads to microvascular dysfunction or coronary spasm, in the absence of obstructive disease. The activity of plasma mediators is heightened by the increased responsiveness of adrenergic cardiac α and β receptors, which are especially represented at the level of the middle and apical segments, where the main biostructural and functional changes take place. The evidence provided by the histological sections shows inflammation to be a peculiar aspect of acute TT- CMP. This inflammation is characterised by an increase in intramyocardial water and extravasation of inflammatory cells, with cellular damage within the sarcomeres, due to disassembly of the actin myosin bridges within contractile fibres and resulting in loss of contractile function. In our study, biopsy findings confirmed the presence of inflammation (lymphocytes, leukocytes, macrophage infiltrates) and abnormalities in the contraction bands, elements that, instead, are absent in ischaemic heart disease, which is typically characterised by coagulation necrosis. In conclusion, in patients with TT-CMP, CMR allows not only precise evaluation of segmental contractility but also, thanks to the T2-weighted STIR sequences, noninvasive detection of myocardial oedema, which is a reflection of tissue damage and inflammation and thus potentially a specific marker for this disease. Study limitations Limitations of our study include the lack of systematic histological correlation in all patients and the acquisition of T2 STIR sequences with phased-array coils alone, with the risk of overestimating tissue oedema as a result of hyperintense signal on the anterior aspect of the LV, which is closer to the surface coil. However, to minimise this risk, we used a quantification method based on the T2 SI ratio, as suggested in the literature [28], which involved normalising the myocardial signal with that of a skeletal muscle. As an alternative approach, Abdel-Aty suggested using body coils that, despite their lower signal-to-noise ratio, allow for better estimation of myocardial oedema [29]. Our CMR protocol did not provide for systemic use of the early enhancement technique, which appears to have provided interesting results in the setting of TT-CMP, reflecting myocardial hyperaemia and capillary leakage [22]. stiziale. Sebbene il meccanismo sottinteso all associazione tra TTCM e danno miocardico sia poco conosciuto, il meccanismo fisiopatologico sembra consistere in un insulto da iperincrezione catecolaminica, che determina una disfunzione del microcircolo o uno spasmo coronarico, in assenza di persistente ostruzione microvascolare. L attività dei mediatori plasmatici viene potenziata dall aumentata responsività dei recettori α- e β-adrenergici cardiaci, particolarmente rappresentati a livello dei segmenti medio-apicali, che sono appunto quelli sede delle principali alterazioni bio-strutturali e funzionali. Le evidenze fornite dai preparati istologici dimostrano come l aspetto peculiare della TTCMP in fase acuta sia lo stato infiammatorio locale, caratterizzato dall aumento del contenuto idrico intramiocardico e stravaso di cellule infiammatorie, con danno cellulare all interno dei sarcomeri, per disgregazione dei ponti actina-miosina all interno delle fibre contrattili del miocardio e conseguente perdita della funzione contrattile. Nel nostro studio, i reperti bioptici hanno confermato la presenza di segni di infiammazione (infiltrati di linfociti, leucociti e macrofagi) e alterazione delle bande di contrazione, elementi invece assenti nella cardiopatia ischemica caratterizzata tipicamente da necrosi coagulativa. L esame RM nei pazienti con TTCMP, in conclusione, oltre alla precisa valutazione della contrattilità segmentaria, consente, grazie all utilizzo delle sequenze STIR T2-pesate, di individuare in modo non invasivo l edema miocardico che, riflettendo il danno tissutale e lo stato infiammatorio, può essere considerato un marker specifico di patologia. Limiti dello studio Tra i limiti dello studio sono da menzionare l assenza di correlazione istologica sistematica in tutti i pazienti esaminati e l acquisizione di sequenze T2-STIR con le sole bobine phased array, con rischio di sovrastima dell edema tissutale dovuta al presenza di segnale iperintenso sulla parete anteriore del ventricolo sinistro, più contigua alla bobina di superficie. Tuttavia, per minimizzare tale pitfall è stato utilizzato un approccio di quantificazione basato sul parametro del T2-ratio, come suggerito in letteratura [28], normalizzando il segnale del miocardio con quello di un muscolo scheletrico per minimizzare questo problema. Come approccio alternativo, Abdel-Aty suggerisce l utilizzo di bobine body che, seppur gravate da rapporto segnale-rumore ridotto, consentono una stima reale maggiore dell edema miocardico [29]. Nel nostro protocollo RM non è stato effettuato in modo sistematico la tecnica di early enhancement che, comunque, sembra aver dato risultati interessanti in pazienti con TTCMP, riflettendo la presenza di iperemia e stravaso di sangue dai capillari miocardici [22].

14 14 Radiol med (2013) 118: Conclusions This study shows that tissue oedema on CMR is a highly sensitive marker for acute TT-CMP when combined with location in the midapical segments affected by regional dysfunction, relative sparing of the basal segments and almost complete reversal at follow-up. Oedema, which was confirmed in all patients who underwent EMB, is a nonspecific marker that is constantly present in the acute phase and can thus be used to noninvasively monitor disease severity. Conclusioni Il presente studio, condotto con CMR, evidenzia come l edema tissutale rappresenti un marker altamente sensibile di TTCM in fase acuta, con localizzazione nei segmenti medio-apicali interessati dalla disfunzione regionale, relativo risparmio della base e regressione pressoché completa nel follow-up. L edema, confermato anche in tutti i pazienti sottoposti a EMB, rappresenta un marker aspecifico costantemente presente in fase acuta e può essere utilizzato per monitorare la severità di malattia. La CMR ne consente Conflict of interest statement The authors declare that they have no conflict of interest to the publication of this article. References/Bibliografia 1. Peter Riis Hansen (2007) Takotsubo cardiomyopathy: an under-recognised myocardial syndrome. Eur J Intern Med 18: Sharkey SW, Lesser JR, Maron BJ (2011) Takotsubo (stress) cardiomyopathy. Circulation 124:e Hurst RT, Prasad A, Askew JW 3rd et al (2010) Takotsubo cardiomyopathy: a unique cardiomyopathy with variable ventricular morphology. JACC Cardiovasc Imaging 3: Review. 4. Kurisu S, Inoue I (2012) Cardiac rupture in tako-tsubo cardiomyopathy with persistent ST-segment elevation. Int J Cardiol 158:e5 e6 5. M, Rihal CS, Lerman A, Prasad AJ (2011) Acute heart failure in apical ballooning syndrome (TakoTsubo/stress cardiomyopathy): clinical correlates and Mayo Clinic risk score. Madhavan Am Coll Cardiol 57: Patrignani A, Di Cesare E, Cicogna S. (2009) Echocardiography and cardiovascular magnetic resonance diagnostic role in Takotsubo cardiomyopathy. Int J Cardiovasc Imaging 25: Carrillo A, Fiol M, García-Niebla J et al (2010) Electrocardiographic differential diagnosis between Takotsubo syndrome and distal occlusion of LAD is not easy. Am Coll Cardiol 56: Author reply Mather AN, Fairbairn TA, Artis NJ et al (2010) Diagnostic value of CMR in patients with biomarker-positive acute chest pain and unobstructed coronary arteries. JACC Cardiovasc Imaging 3: Phrommintikul A, Abdel-Aty H, Friedrich MG et al (2010) Acute oedema in the evaluation of microvascular reperfusion and myocardial salvage in reperfused myocardial infarction with cardiac magnetic resonance imaging. Eur J Radiol 74:e12 e Kumar A, Patton DJ, Friedrich MG (2010) The emerging clinical role of cardiovascular magnetic resonance imaging.. Can J Cardiol 26: Bohl S, Friedrich MG, Schulz-Menger J (2010) T2-weighted magnetic resonance imaging to assess myocardial oedema. Heart 96: Eitel I, Friedrich MG (2011) T2- weighted cardiovascular magnetic resonance in acute cardiac disease. J Cardiovasc Magn Reson 13: Cerqueira MD, Weissman NJ, Dilsizian V et al ( 2002) American Heart Association Writing Group on Myocardial Segmentation and Registration for Cardiac Imaging. Standardized myocardial segmentation and nomenclature for tomographic imaging of the heart: a statement for healthcare professionals from the Cardiac Imaging Committee of the Council on Clinical Cardiology of the American Heart Association. Circulation 105(4): Bondarenko O, Beek AM, Hofman MB et al (2005) Standardizing the definition of hyperenhancement in the quantitative assessment of infarct size and myocardial viability using delayed contrast-enhanced CMR. J Cardiovasc Magn Reson 7: Abdel-Aty H, Zagrosek A, Schulz- Menger J et al (2004) Delayed enhancement and T2-weighted cardiovascular magnetic resonance imaging differentiate acute from chronic myocardial infarction. Circulation 109: Abdel-Aty H, Boye P, Zagrosek A et al (2005) Diagnostic performance of cardiovascular magnetic resonance in patients with suspected acute myocarditis: comparison of different approaches. J Am Coll Cardiol 45: Eitel I, von Knobelsdorff-Brenkenhoff F, Bernhardt P et al (2011) Clinical characteristics and cardiovascular magnetic resonance findings in stress (Takotsubo) cardiomyopathy. JAMA 306: Francone M, Carbone I, Agati L et al (2011) Utility of T2-weighted short-tau inversion recovery (STIR) sequences in cardiac MRI: an overview of clinical applications in ischaemic and nonischaemic heart disease. Radiol Med 116: Eitel I, Desch S, Schindler K et al (2011) Aborted myocardial infarction in intracoronary compared with standard intravenous abciximab administration in patients undergoing primary percutaneous coronary intervention for ST-elevation myocardial infarction. Int J Cardiol 153: Syed IS, Prasad A, Oh JK et al (2008) Apical ballooning syndrome or aborted acute myocardial infarction? Insights from cardiovascular magnetic resonance imaging. Int J Cardiovasc Imaging 24:

15 Radiol med (2013) 118: Naruse Y, Sato A, Kasahara K et al (2011 ) The clinical impact of late gadolinium enhancement in Takotsubo cardiomyopathy: serial analysis of cardiovascular magnetic resonance images. Cardiovasc Magn Reson 13: Eitel I, von Knobelsdorff-Brenkenhoff F, Bernhardt P et al (2011) Clinical characteristics and cardiovascular magnetic resonance findings in stress (takotsubo) cardiomyopathy. JAMA 306: Rolf A, Nef HM, Mo llmann H et al (2009) Immunohistological basis of the late gadolinium enhancement phenomenon in tako-tsubo cardiomyopathy. Eur Heart J 30: Romagnoli A, Sperandio M, Di Roma M et al (2011) Anatomical and functional evaluation of the myocardium in patients with acute coronary syndrome (NSTEMI) using MR imaging. Radiol Med 116: Pilgrim TM, Wyss TR (2008) Takotsubo cardiomyopathy or transient left ventricular apical ballooning syndrome: A systematic review. International Journal of Cardiology 124: Schultheiss HP, Kühl U, Cooper LT (2011) The management of myocarditis. Eur Heart J 32: JCS Joint Working Group (2011) Guidelines for diagnosis and treatment of myocarditis (JCS 2009): digest version. Circ J 75: Eitel I, Lücke C, Grothoff M et al (2010) Inflammation in takotsubo cardiomyopathy: insights from cardiovascular magnetic resonance imaging. Eur Radiol 20: Cocker MS, Shea SM, Strohm O et al (2011) A new approach towards improved visualization of myocardial edema using T2-weighted imaging: a cardiovascular magnetic resonance (CMR) study. J Magn Reson Imaging 34: Questions to authors CE1. Paragraph Study limitations: As an alternative approach, Abdel-Aty suggested using body coils that, despite their lower signal-to-noise ratio, allow for better estimation of myocardial oedema [29]. Ref. 29 is Cocker, and not Abdel-Aty, as indicated here. Pls. check and correct CE2. According to journal instructions, numbering of Figures and Graphs was modified as follows: Graf. 1= Fig. 5; Fig. 5= Fig. 6; Fig. 6=Fig. 7; Graf. 2=Fig. 8a; Graf. 3=Fig. 8b; Graf. 4=Fig. 9. Please check Domande per gli autori 1. Per concordanza con le istruzioni per gli autori, la numerazione dei grafici e figure è stata modificata come segue: Graf. 1= Fig. 5; Fig. 5= Fig. 6; Fig. 6=Fig. 7; Graf. 2=Fig. 8a; Graf. 3=Fig. 8b; Graf. 4=Fig. 9. Si prega di verificare la correttezza della sequenza e dei riferimenti nel testo 2. CE1: Paragrafo Protocollo RM, primo periodo: è corretta l unità di misura V/ms per la slew-rate? 3. CE2: Paragrafo Protocollo RM, secondo capoverso (SSFP: TR 3,5 ms, TE 2 ms, FA 500, matrice , spessore 10 mm, gap 10 mm) : è corretto 10 mm?

16 16 Radiol med (2013) 118: l individuazione in modo non invasivo.

17 Radiol med (2013) 118:

18 18 Radiol med (2013) 118:

19 Radiol med (2013) 118:

20 20 Radiol med (2013) 118:

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Diagnostic accuracy of second-generation dual-source computed tomography coronary angiography with iterative reconstructions: a real-world experience

Diagnostic accuracy of second-generation dual-source computed tomography coronary angiography with iterative reconstructions: a real-world experience DOI 10.1007/s11547-011-0754-x CARDIAC RADIOLOGY CARDIORADIOLOGIA Diagnostic accuracy of second-generation dual-source computed tomography coronary angiography with iterative reconstructions: a real-world

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base

Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base Dispensa Corso di Elettrocardiografia di Base A cura del dottor Umberto Gnudi 1 Generalità Elettricità cardiaca La contrazione di ogni muscolo si accompagna a modificazioni elettriche chiamate "depolarizzazioni"

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive:

Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Progettare Qualità di Vita nell ambito delle Disabilità Intellettive ed Evolutive: Dai diritti alla costruzione di un sistema di sostegni orientato al miglioramento della Qualità di Vita A cura di: Luigi

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

Il Doppler tissutale pulsato illustrato ad uno specializzando in cardiologia

Il Doppler tissutale pulsato illustrato ad uno specializzando in cardiologia Il Doppler tissutale pulsato illustrato ad uno specializzando in cardiologia Maurizio Galderisi, Stefano Nistri, Gerardo Ansalone, Frank Lloyd Dini, Giovanni Di Salvo, Sabina Gallina, Donato Mele, Roberta

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Official Announcement Codice Italia Academy

Official Announcement Codice Italia Academy a c a d e m y Official Announcement Codice Italia Academy INITIATIVES FOR THE BIENNALE ARTE 2015 PROMOTED BY THE MIBACT DIREZIONE GENERALE ARTE E ARCHITETTURA CONTEMPORANEE E PERIFERIE URBANE cured by

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS

PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS PerformAzioni International Workshop Festival 22nd February 3rd May 2013 LIV Performing Arts Centre Bologna, Italy APPLICATION FORM AND BANK DETAILS La domanda di partecipazione deve essere compilata e

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import

Smobilizzo pro-soluto di Lettere di Credito Import definizione L operazione presuppone l emissione di una lettera di credito IMPORT in favore dell esportatore estero, con termine di pagamento differito (es. 180 gg dalla data di spedizione con documenti

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9

BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 pag. 16 di 49 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 BOSCH EDC16/EDC16+/ME9 Identificare la zona dove sono poste le piazzole dove andremo a saldare il connettore. Le piazzole sono situate in tutte le centraline Bosch

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality.

These data are only utilised to the purpose of obtaining anonymous statistics on the users of this site and to check correct functionality. Privacy INFORMATIVE ON PRIVACY (Art.13 D.lgs 30 giugno 2003, Law n.196) Dear Guest, we wish to inform, in accordance to the our Law # 196/Comma 13 June 30th 1996, Article related to the protection of all

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOTECH & S 8 SeccoTech & Secco Tecnologia al servizio della deumidificazione Technology at dehumidification's service Potenti ed armoniosi Seccotech

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Process automation Grazie a oltre trent anni di presenza nel settore e all esperienza maturata in ambito nazionale e internazionale, Elsag Datamat ha acquisito un profondo know-how dei processi industriali,

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Introduzione al software SEER*Stat

Introduzione al software SEER*Stat Introduzione al software SEER*Stat Claudio Sacchettini, Carlotta Buzzoni, Emanuele Crocetti Registro Tumori Toscano Perché usare il SEER*Stat Alta qualità e competenza dei produttori Orientato alle esigenze

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004

Materia: INGLESE Data: 24/10/2004 ! VERBI CHE TERMINANO IN... COME COSTRUIRE IL SIMPLE PAST ESEMPIO e aggiungere -d live - lived date - dated consonante + y 1 vocale + 1 consonante (ma non w o y) cambiare y in i, poi aggiungere -ed raddoppiare

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer)

HIGH SPEED FIMER. HSF (High Speed Fimer) HSF PROCESS HSF (High Speed Fimer) HIGH SPEED FIMER The development of Fimer HSF innovative process represent a revolution particularly on the welding process of low (and high) alloy steels as well as

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009

Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 Catalogo Trattamento dell Aria - Collezione 2009 SECCOASCIUTT 16 SeccoAsciutto EL & SeccoAsciutto Thermo Piccolo e potente, deumidifica e asciuga Small and powerful, dehumidifies and dries Deumidificare

Dettagli

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence

Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy. da noi ogni sapone è unico. Authentically Made in Italy Florence Lavorazione artigianale Italiana Handmade in Italy da noi ogni sapone è unico alveare soap gori 1919 soap factory lavorazione artigianale italiana Handmade in Italy I nostri saponi sono il frutto di un

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140

Antonio Valle a a Istituto di Zoologia e Anatomia Comparata. To link to this article: http://dx.doi.org/10.1080/11250005109439140 This article was downloaded by: [178.63.86.160] On: 14 August 2015, At: 03:03 Publisher: Taylor & Francis Informa Ltd Registered in England and Wales Registered Number: 1072954 Registered office: 5 Howick

Dettagli

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue

tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue tmt 15 Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Rimozione ecologica di metalli pesanti da acque reflue Il problema: metalli pesanti nelle acque reflue In numerosi settori ed applicazioni

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011

1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 1 Congresso Nazionale ANFeA Roma, Auditorium ISPRA 1 e 2 dicembre 2011 DETERMINAZIONE DEI PARAMETRI DI CAPTAZIONE DEI NUCLEI DELLA BASE DA ESAME DATSCAN CON I 123 TRAMITE SOFTWARE BASAL GANGLIA MATCHING

Dettagli

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1

CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 1 CatalogoItalianBuffalo210x245esec_Layout 1 24/04/15 17.55 Pagina 2 BUFALO MEDITERRANEO ITALIANO Mediterranean Italian Buffalo RICONOSCIUTO

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Manuale BDM - TRUCK -

Manuale BDM - TRUCK - Manuale BDM - TRUCK - FG Technology 1/38 EOBD2 Indice Index Premessa / Premise............................................. 3 Il modulo EOBD2 / The EOBD2 module........................... 4 Pin dell interfaccia

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti

Web conferencing software. Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti 1 Web conferencing software Massimiliano Greco - Ivan Cerato - Mario Salvetti Arpa Piemonte 2 Che cosa è Big Blue Button? Free, open source, web conferencing software Semplice ed immediato ( Just push

Dettagli