ÉUPOLIS LOMBARDIA SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO-SCIENTIFICO POLITICHE REGIONALI DI PREVENZIONE DEI RISCHI E DELL INCIDENTALITA STRADALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ÉUPOLIS LOMBARDIA SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO-SCIENTIFICO POLITICHE REGIONALI DI PREVENZIONE DEI RISCHI E DELL INCIDENTALITA STRADALE"

Transcript

1 SERVIZIO DI SUPPORTO TECNICO-SCIENTIFICO POLITICHE REGIONALI DI PREVENZIONE DEI RISCHI E DELL INCIDENTALITA STRADALE ÉUPOLIS LOMBARDIA OFFERTA TECNICO-ECONOMICA

2 INDICE PREMESSA... 1 PIANO DI LAVORO: FASI OPERATIVE... 2 FASE 1: AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE DELLA RETE STRADALE REGIONALE... 3 FASE 2: SVILUPPI DELLA METODOLOGIA DI CLASSIFICAZIONE... 5 FASE 3: APPLICAZIONE DELLA NUOVA METODOLOGIA DI CLASSIFICAZIONE... 6 TEMPISTICHE, REPORTING DELLE ATTIVITÀ E COSTI... 7 TEMPISTICHE DI SVILUPPO... 7 REPORTING DELLE ATTIVITÀ... 7 COSTI... 7 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 8 GRUPPO DI LAVORO E STRUTTURA ORGANIZZATIVA... 9 DAVIDE TARTARO RESPONSABILE DEL SERVIZIO GIANCARLO DELLA VALLE ESPERTO DI SICUREZZA STRADALE ANGELO RISO SPECIALISTA IN ANALISI DI SICUREZZA STRADALE PROPOSTE AGGIUNTIVE... 14

3 PREMESSA La presente offerta tecnico-economica è stata ideata e definita sulla base delle indicazioni fornite nella comunicazione di EUPOLIS Lombardia del 12 novembre 2013, prot. N. RSF La comunicazione sopra citata richiede un offerta di servizi per supporto alle politiche regionali di prevenzione dei rischi e dell incidentalità stradale nell ambito del progetto Supporto alle attività del Centro Regionale di governo e Monitoraggio della sicurezza stradale. In particolare il supporto tecnico-scientifico ed operativo è richiesto finalizzato alla classificazione della rete regionale e provinciale di Regione Lombardia in base ai livelli di rischio e di incidentalità. La classificazione è alla base delle successive attività di messa in sicurezza delle tratte stradali a maggior rischio in Regione Lombardia, con una priorità assoluta rispetto alle direttrici fondamentali per l area Expo Questo supporto tecnico avverrà assicurando i due servizi richiesti nella comunicazione sopra citata, che sono: operare la classificazione della rete regionale e provinciale di Regione Lombardia in base ai livelli di rischio ed incidentalità, con un focus sulle direttrice primarie per l area di Expo 2015; analizzare la base dati 118 AREU, per verificare le modalità di impiego nella attività del CRM e con particolare riferimento al primo servizio sopra detto. L analisi del database 118 AREU dovrà tendere alla produzione di un modello applicativo di analisi benefici-costi ed a un arricchimento delle informazioni già disponibili nel database ISTAT gestito dal CMR. La presente offerta, oltre alla finalizzazione primaria sopra detta, tiene anche conto delle cinque linee operative che sono poi le funzioni primarie del Centro Regionale di governo e Monitoraggio della sicurezza stradale, di seguito CMR: 1. Supporto al PNSS 2. Valorizzazione delle ricerche e trasferimento tecnico 3. Trattamento statistico dei dati 4. Approfondimenti connessi all emergenza-urgenza e alla dimensione sanitaria dell incidentalità stradale 5. Giornata Regionale della sicurezza stradale Best practice Sulla base delle premesse sopra dette, l offerta illustra di seguito: il piano di lavoro, suddiviso per fasi; descrizione delle tre fasi operative di sviluppo dei servizi; il reporting delle attività, le tempistiche di sviluppo, suddivise per fasi operative, e i costi previsti per l espletamento del servizio; i principali documenti di riferimento alla base delle prestazioni offerte; il gruppo di lavoro offerto da Net Engineering e la struttura organizzativa; le prestazioni aggiuntive. 1

4 PIANO DI LAVORO: FASI OPERATIVE Il piano di lavoro definito dai tecnici specialisti di Net Engineering prevede una serie articolata di attività, raggruppabili essenzialmente in tre fasi operative: - Fase 1 - Aggiornamento della classificazione della rete stradale regionale in base ai livelli di rischio attuali e confronto con i risultati della Ricerca IReR 2007B069 Individuazione di strumenti e metodologie volti a valutare l efficacia dell azione regionale per l incremento della sicurezza stradale sul territorio della Regione Lombardia ; - Fase 2 - Sviluppi della metodologia di classificazione, in base alla disponibilità di nuovi database e con particolare riferimento alle informazioni rese disponibili dal servizio 118 AREU; - Fase 3 Applicazione della nuova metodologia di classificazione definita nella Fase 2 e confronto con i risultati della Fase 1. Al termine delle tre fasi si procederà ad un riesame critico delle attività svolte, dando solo avvio ad una quarta fase, mirata alla definizione di specifiche tecniche utili per lo sviluppo di un modulo software da implementare presso il Centro di Monitoraggio Regionale della Sicurezza Stradale. Nella presente offerta non sono, ovviamente, contemplate le attività elementari previste in questa quarta fase; saranno tuttavia consegnati i modelli di calcolo e i fogli elettronici adottati per le elaborazioni che di fatto rappresenteranno una specifica di sviluppo e testing dei moduli software da sviluppare nell ambito del sistema Incidere del CMR. Nel seguito dell offerta si fornisce una descrizione delle Fasi 1, 2 e 3. Per la fase 4, aggiuntiva rispetto alla richieste di offertasi rimanda all ultimo capitolo della presente offerta. Le attività da realizzare sono classificabili in: ricerca, sviluppo, servizi di consulenza e definizione di metodologie, con una fase finale di sperimentazione e consegna di materiale e documenti utili per la formazione da erogare a favore degli Enti Locali. Il progetto richiederà un ampio coinvolgimento di tutti i soggetti coinvolti per dare effettiva ed efficace attuazione alle fasi previste. 2

5 FASE 1: AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE DELLA RETE STRADALE REGIONALE In questa fase si procederà ad aggiornare la classificazione della rete stradale regionale in base ai livelli di incidentalità attuali; l obiettivo è quello di individuare le tratte stradali per la quali dovranno essere prodotte, prioritariamente, le analisi sui fattori di rischio propedeutiche alla pianificazione degli interventi Sarà applicata la metodologia già sviluppata nell ambito della Ricerca IReR 2007B069 Individuazione di strumenti e metodologie volti a valutare l efficacia dell azione regionale per l incremento della sicurezza stradale sul territorio della Regione Lombardia. Tale metodologia analizza le strade della rete per tratte chilometriche e le classifica sulla base di indicatori di gravità e ricorsività dei sinistri desunti dai dati di incidentalità; successivamente, per un approfondimento del fenomeno sulle tratte a maggior rischio, si può procedere al coinvolgimento degli Enti Locali (Comuni, Province) e delle Forze dell Ordine (Polizia Stradale, Carabinieri, Polizie Locali, Polizie Provinciali) per quanto riguarda l acquisiszione delle informazioni che non siano già presenti nei database di Regione Lombardia: caratteristiche dell infrastruttura stradale, flussi di traffico, dinamiche dei sinistri, ecc. Dal punto di vista operativo, la metodologia di classificazione sperimentata nell ambito della citata Ricerca IReR, prevede i passi riepilogati in Tabella 1: 1 Censimento dell incidentalità sulle strade della rete regionale 2 Classificazione di 1 livello: strada 3 Classificazione di 2 livello: tratte della strada Scheda con dettaglio chilometrico degli incidenti ed identificazione della tratta critica (es. tratta di 10 chilometri con più incidenti) Tabella di sintesi delle tratte 4 Approfondimento di una tratta e provinciale/regionale scelto Localizzazione degli incidenti Identificazione dei siti critici 5 Approfondimenti sui siti critici con il coinvolgimento delle Forze dell Ordine Tabella 1 Passi della metodologia di classificazione 3

6 Le attività da sviluppare nell ambito della Fase 1 sono le seguenti: - Definzione della rete stradale di riferimento con l aggiornamento e la validazione della rete utilizzata nella precedente classificazione (Ricerca IReR 2007B069) attraverso l inserimento degli assi di nuova realizzazione; - Acquisizione dei dati sugli incidenti provenienti dal sistema regionale INCIDERE e, relativi al triennio ; - Applicazione della metodologia di classificazione (secondo i passi riportati in tabella 1) con un approfondimento sui principali assi stradali dell area interessata da Expo 2015; - Redazione del Rapporto di Classificazione con i risultati ottenuti e il confronto con quelli ottenuti nella precedente classificazione (Ricerca IReR 2007B069). Nell operare questo aggiornamento della classificazione, rispetto alla metetodologia già definita ed applicata in una precedente ricerca IRER, saranno contemplati anche i dati di localizzazione degli incidenti che sono oggi forniti dall ACI su tutte le strade di competenza esclusivamente provinciale. Questo servizio aggiuntivo sarà assicurato già in questo fase di esclusivo aggiornamento della classificazione e saranno, pertanto contemplate le dovute integrazioni dei dati nella procedura preesistente per avere l aggiornamento della classificazione a livello sia regionale sia provinciale. La classificazione aggiornata sarà prodotta per ogni provincia lombarda e per le principali direttrici stradali che interesseranno l area di EXPO Queste direttrici saranno condivise con i tecnici di EUPOLIS e Regione Lombardia sulla base dei risultati di una precedente ricerca IRER. Saranno, inoltre, prodotte le relative mappe tematiche di rappresentazione della classificazione con: - Rete provinciale, regionale ed autostradale; - Rete provinciale, regionale ed autostradale, con rappresentazione a spessore e colore del danno sociale prodotto, complessivamente e a chilometro; - Rete provinciale, regionale ed autostradale, con rappresentazione a spessore e colore dell incidentalità prodotta, complessivamente e a chilometro; - Rete provinciale, regionale ed autostradale, con rappresentazione a spessore e colore della lesività prodotta, complessivamente e a chilometro. Il risultato finale di questa fase è il Rapporto di Classificazione ed una sintesi dello stesso in formato powerpoint. Il tempo necessario per l esecuzione di tali attività è fissato in 30 giorni a partire dalla data di avvio del progetto. 4

7 FASE 2: SVILUPPI DELLA METODOLOGIA DI CLASSIFICAZIONE Le attività di tale fase saranno finalizzate a sviluppare e affinare l attuale metodologia di classificazione per meglio caratterizzare il grado di pericolosità e di incidentalità di una strada. Si procederà, preliminarmente, ad una ricognizione sui possibili criteri e indicatori di prestazione che possono essere presi in esame per valutare il grado di pericolosità di una infrastruttura stradale: incidenti e loro conseguenze, livello di esposizione al rischio in relazione al traffico, costo sociale dei sinistri, ecc. Un attenzione particolare sarà posta alle informazioni rese disponibili dal sistema sanitario AREU, in particolare per quanto riguarda le conseguenze traumatologiche riportate dalle persone infortunate. Un capitolo a parte sarà dedicato alla valutazione del costo sociale dell incidentalità stradale con particolare riferimento alla spesa sanitaria ed ai tempi di degenza/cura. L integrazione del dato fornito dal servizio sanitario potrà migliorare i risultati già disponibili nel sistema INCIDERE che al momento prevede, come dato di base, esclusivamente quello rilevato e registrato dalla Polizie Locali. Le attività previste nella Fase 2 sono: - Definizione del database di riferimento per la classificazione (DB Classificazione), ottenuto dall integrazione dei dati provenienti dal sistema regionale INCIDERE e dal servizio sanitario AREU relativi al triennio Analisi dello stato dell arte sugli indicatori presenti in letteratura per la valutazione delle prestazioni, in terrmini di sicurezza stradale, delle reti di trasporto extraurbane; - Definizione della nuova metodologia di classificazione; - Redazione del Documento tecnico di descrizione della metodologia. Si precisa che nella prima attività sopra detta saranno prodotte le analisi dei tracciati record disponibili e forniti da AREU, con indicazione delle variabili che dovranno diventare di dominio del CMR per supportare le analisi e gli sviluppi previsti nella Linea 4 Approfondimenti connessi all emergenza-urgenza e alla dimensione sanitaria dell incidentalità stradale. Saranno indicate attraverso flow-chart le integrazioni e le logiche di associazioni del dato di incidentalità con il dato di intervento del servizio 118 e del successivo dato sanitario. Queste operazioni saranno condotte nella logica di fornire robusto avvio alla fase 4 citata in premessa. Il risultato finale di questa fase è la metodologia aggiornata di Classificazione ed una sintesi dello stesso in formato powerpoint. Il tempo previsto per l esecuzione di tali attività è fissato in 90 giorni a partire dalla data di avvio del progetto. 5

8 FASE 3: APPLICAZIONE DELLA NUOVA METODOLOGIA DI CLASSIFICAZIONE Nella Fase 3 si procederà all applicazione della nuova metodologia di classificazione messa a punto in Fase 2. L applicazione prevede lo sviluppo delle seguenti attività: - Popolamento del DB Classificazione a partire dalle informazioni contenute nelle base dati dei sistemi INCIDERE ed AREU; - Applicazione della metodologia di classificazione alla rete regionale messa a punto in Fase 1 e analisi dei risultati sui principali assi stradali dell area Expo 2015; - Redazione del Rapporto di Classificazione con i risultati ottenuti e il confronto con quelli ottenuti in Fase 1. La classificazione con la nuova metodologia, come per fase 1, sarà prodotta per ogni provincia lombarda e per le principali direttrici stradali che interesseranno l area di EXPO Stessa produzione è prevista per le relative mappe tematiche di rappresentazione: - Rete provinciale, regionale ed autostradale; - Rete provinciale, regionale ed autostradale, con rappresentazione a spessore e colore del danno sociale prodotto, complessivamente e a chilometro; - Rete provinciale, regionale ed autostradale, con rappresentazione a spessore e colore dell incidentalità prodotta, complessivamente e a chilometro; - Rete provinciale, regionale ed autostradale, con rappresentazione a spessore e colore della lesività prodotta, complessivamente e a chilometro. Per quanto riguarda la mappa tematica relativa al danno sociale si terrà in conto della possibilità di distinguere il ferito lieve dal ferito grave, essendo questa distinzione già oggetto di studio da parte del Ministero delle Infrastrutture e probailmente regolato nell immediato fututo. A questa aggiuntività, rispetto ai servizi basi richiesti, sarà affiancata una metodologia di rappresentazione del danno sociale sulla base delle Fasce di danno: AA, A, B, C così come già impostato dal Piano Nazionale della Sicurezza Stradale. Il risultato finale di questa fase è il nuovo Rapporto di Classificazione ed una sintesi dello stesso in formato powerpoint. In questo rapporto saranno prodotti anche i confronti, in termini di affidabilità del dato e dei risultati, rispetto al rapporto di classificazione previsto in fase 1. Il tempo previsto per l esecuzione di tali attività è fissato in 120 giorni a partire dalla data di avvio del progetto. 6

9 TEMPISTICHE, REPORTING DELLE ATTIVITÀ E COSTI TEMPISTICHE DI SVILUPPO Rispetto alle tempistiche di sviluppo e consegna che prevedono nella richiesta EUPOLIS al massimo 7 mesi, Net Engineering per il completamento delle attività precedentemente descritte ha programmato una durata di 4 mesi, a partire dalla data di avvio del progetto. Le fasi progettuali si svilupperanno secondo il tempogramma di seguito riportato. FASI Mesi Fase 1: Aggiornamento della classificazione della rete stradale regionale Fase 2: Sviluppi della metodologia di classificazione Fase 3: Applicazione della nuova metodologia di classificazione REPORTING DELLE ATTIVITÀ Oltre ai rapporti tecnici previsti al termine di ogni fase, Net Enigineering assicurerà le rendicontazioni di avanzamento richieste da EUPOLIS Lombardia: 1. Stato di avanzamento, entro 30 giorni dalla firma del contratto, con descrizione dei primi risultati; 2. Rapporto intermedio, previsto da EUPOLIS entro fine febbraio 2014, ma che sarà anticipato e assicurato entro 60 giorni dalla firma del contratto; 3. Rapporto pre-finale, previsto da EUPOLIS entro fino aprile 2014, anche questo anticipato nella presente offert entro 90 giorni dalla firma del contratto; 4. Rapporto finale, previsto da EUPOLIS entro il 20 giugno 2014, per successiva validazione, che sarà prodotto entro 120 giorni dalla firma del contratto. Ipotizzando l inizio delle attività al 1 dicembre 2013, si prevede la consegna del rapporto finale entro il 31 marzo COSTI Le prestazioni delle presente offerta saranno assicurate al costo complessivo, al netto dell IVA, di: ,00 (trentacinquemila/00 Euro) pari a ,00 (quarantaduemilasettecento/00 Euro) al lordo IVA al 22% Si dichiara che nella formulazione dell offerta economica si è tenuto conto dei costi dei lavori, della sicurezza ed assicurativi. 7

10 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Nello sviluppo delle attività comprese nella presente offerta si farà riferimento alle principali pubblicazioni e ricerche del settore ed in particolare ai seguenti documenti: - Ricerca IReR 2007B069 Individuazione di strumenti e metodologie volti a valutare l efficacia dell azione regionale per l incremento della sicurezza stradale sul territorio della Regione Lombardia ; - Ricerca IReR 2008B024 Secondo rapporto e aggiornamento del relativo Piano Regionale Sicurezza Stradale con inserimento dell identificazione di tratti stradali con elevata incidentalità e definizione dei modelli progettuali per la riduzione dei fattori di rischio infrastrutturali - Ricerca IReR 2009B070 Modelli di sicurezza a contrasto dell incidentalità stradale in relazione ad Expo 2015 ; - CNR Rapporto finale del della Commissione di studio per le norme relative ai materiali stradali e progettazione, costruzione e manutenzione delle strade, costituita con Decreto del Presidente del CNR n del Criteri per la classificazione della rete delle strade esistenti ai sensi dell art.13, comma 4 e 5 del Nuovo Codice della Strada ; - Circolare del Ministero dei Lavori Pubblici , n Linee Guida per le analisi di sicurezza stradale ; - Direttiva 2008/96/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio sulla Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali ; - D.Lgs. n 35/2011 Gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali e successivi Decreti attuativi; - Direttiva del Ministero dell Interno del 14/08/2009 Per garantire un azione coordinata di prevenzione e contrasto dell eccesso di velocità sulle strade. Saranno, inoltre, punto di riferimento tutte le pubblicazioni e le linee guida prodotte dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nell ambito del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale. 8

11 GRUPPO DI LAVORO E STRUTTURA ORGANIZZATIVA NET Engineering S.p.A. è una società di ingegneria privata ed indipendente che può contare sull esperienza di oltre 100 professionisti e su una struttura flessibile che lavora con approccio interdisciplinare. Informazioni dettagliate della società sono disponibili sul website: E presente sul mercato da oltre 40 anni offrendo tecnologia d avanguardia ed un ampia gamma di servizi nel campo della progettazione, Project Management, Direzione Lavori, consulenza ed assistenza di opere complesse nel campo dell ingegneria. E specializzata in studi ed analisi territoriali, studi di prefattibilità, studi e valutazioni ambientali, studi ed analisi economicofinanziarie, studi di Project Financing, studi trasportistici, piani urbani del traffico, sviluppo di modelli di esercizio, progettazioni di strade ed autostrade, ferrovie e tramvie metropolitane, sistemi di mobilità urbana e di trasporto integrato, progettazione architettonica, urbanistica ed idraulica. Elemento di distintività di NET Engineering è la presenza, a fianco del consolidato Settore Ingegneria, della Business Unit Pianificazione dei Trasporti e Sicurezza Stradale. Questa Business Unit coordina diverse settori operativi e fra questi Operation & Proposals Sicurezza Stradale. In questo modo viene assicurata, contestualmente alla progettazione, anche la valutazione e modellazione di tutte le componenti e di tutti gli impatti della mobilità, incluso quello della sicurezza stradale. La presenza in Net Engineering di un settore operativo completamente dedicato ai temi di sicurezza stradale e nel contempo integrato, per procedure e mission, nel gruppo Net Engineering consente di affrontare sviluppi di progetti anche complessi, senza ricorrere a consulenze e prestazioni esterne. Questa caratteristica assicura tempi di sviluppo ridotti, costi contenuti e conoscenze adeguate per i progetti di sicurezza stradale dove l integrazione delle competenze multidisciplinari è stabilmente presente. NET Engineering sin dal 1996 lavora con un sistema di qualità ISO e con un sistema informativo integrato (gestionale, procedurale, progettuale, elaborativi e di comunicazione interna ed esterna all azienda) che collega le sedi periferiche e gli uffici di Direzione Lavori alla sede centrale. Per lo svolgimento delle attività oggetto della presente offerta, Net Engineering adotterà una prospettiva di tipo multidisciplinare, riconducibile non soltanto alle metodologie proposte ma anche alle caratteristiche delle risorse professionali che Net Engineering intende impiegare nello svolgimento del progetto. Partendo da questi principi e analizzate le prestazioni richieste dalla Stazione Appaltante, è stata definita una matrice delle attività e delle competenze necessarie con esplicito riferimento alle fase descritte in precedenza. Di seguito solo una sintesi di questa attività preparatoria affrontata in preparazione della presente offerta da Net Engineering e necessaria per identificare le figure professionali apicali che coordineranno e parteciperanno agli sviluppi del progetto. 9

12 A valle di questa mappatura Azioni-Competenze sono state analizzate le figure professionali presenti in Net Engineering e si è operata la scelta del gruppo di coordinamento che prevede: Davide Tartaro, responsabile del settore Operation & Proposals Sicurezza Stradale, che avrà anche il ruolo di responsabile del servizio offerto; Giancarlo della Valle, esperto di sicurezza stradale ed analisi in profondità degli incidenti stradali; Angelo Riso, specialista in analisi di sicurezza stradale e di processi di ingegneria per la sicurezza stradale. Di seguito si riporta un estratto dei curriculum del gruppo di coordinamento; l estratto è stato operato al fine di mettere in evidenza le principali competenze e le esperienze strettamente legate alla richieste di prestazioni di EUPOLIS Lombardia. DAVIDE TARTARO RESPONSABILE DEL SERVIZIO Nato a Caserta il , ha conseguito la laurea in Ingegneria Civile, sezione Trasporti, ed è iscritto all Albo degli Ingegneri della Provincia di Caserta dal 1989 con il n Esperto Senior in qualità di dirigente responsabile del settore Sicurezza Stradale. Ha maturato una pluriennale esperienza nel coordinamento dei servizi di ingegneria per la sicurezza stradale. Ha coordinato e partecipato a vari progetti, si elencano i più significativi. - Individuazione di strumenti e metodologie volti a valutare l efficacia dell azione regionale per l incremento della sicurezza stradale sul territorio della Regione Lombardia IRER, Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia. - Aggiornamento del piano regionale sicurezza stradale con inserimento dell identificazione di tratti stradali con elevata incidentalità e definizione dei modelli progettuali per la riduzione dei fattori di rischio infrastrutturali IRER, Istituto Regionale di Ricerca della Lombardia. - Coordinamento delle attività di ricerca nel Progetto Sicurezza Stradale, finanziato dal Consiglio Nazionale delle Ricerche - Progetto Finalizzato Trasporti 2. - Rilievo, monitoraggio e analisi degli incidenti stradali in partnership con la Provincia di Milano (Finanziamento Ministero delle Infrastrutture nell ambito del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale Progetti Pilota). - MAIDAI Metodologie di Analisi degli Incidenti stradali: Decisioni, Approcci e Interventi Finanziamento MIUR. - Progetti Pilota del PNSS - in collaborazione con la Provincia di Mantova, la Provincia di Perugia e la Provincia di Macerata. - PNSS 2002 Progetto SUMMIT - in collaborazione con la Provincia di Milano, la Provincia di Macerata. 10

13 - Piano della Sicurezza Stradale Urbano in collaborazione con il Comune di Salerno e Analisi Preventiva della Sicurezza Stradale sulle vie urbane del Comune di Napoli. - Azioni Pilota per il miglioramento della Sicurezza Stradale nel Comune di Sorrento. Analisi, monitoraggio e informazioni all utenza turistica in collaborazione con il Comune di Sorrento. - La Sicurezza Stradale: un osservatorio per i bambini in età scolare in collaborazione con il Comune di Giffoni Valle Piana. - Partecipazioni alla Consulta Nazionale della Sicurezza Stradale in veste di rappresentante ANFIA e di consulente delle Pubbliche Amministrazioni di Milano e Regione Campania. Ha erogato docenze e formazione specialistica per operatori di Polizia Locale e/o operatori coinvolti a differenti livelli nelle tematiche della infortunistica stradale. Si elencano le principali docenze svolte nell ambito dei seguenti corsi di formazione, per un totale di circa 100 ore di formazione erogata. - Corso di alta formazione per specialisti in implementazione e gestione di sistemi di monitoraggio, controllo ed informazione per la gestione attiva della sicurezza di infrastrutture autostradali organizzato dall Università degli Studi di Napoli e dalla Società Autostrade Meridionali (2004) - Corso di formazione nell ambito del progetto Sistema per il miglioramento della Sicurezza Stradale Urbana del Comune di Salerno (2003) - II Corso di formazione per il rilievo, il monitoraggio e l analisi degli incidenti stradali organizzato dalla Provincia di Milano (2002) - Corso di Specializzazione. Ricerca e Sviluppo in ambito della Sicurezza Stradale organizzato da Centro Studi 3M (2002) - Corso Pilota di formazione per il rilievo, il monitoraggio e l analisi degli incidenti stradali organizzato dalla Provincia di Milano (2001) - Corso di Specializzazione. Aspetti metodologici e ambiti di intervento in relazione alla segnaletica stradale organizzato da Centro Studi 3M (2001) È autore di pubblicazioni su riviste specializzate del settore (Le strade, ) e relatore in convegni nazionali/internazionali. Attualmente ricopre il ruolo di Dirigente responsabile del settore Sicurezza Stradale nella Business Unit Pianificazione dei Trasporti e Sicurezza Stradale della società NET Engineering S.p.A. 11

14 GIANCARLO DELLA VALLE ESPERTO DI SICUREZZA STRADALE Nato il , ha conseguito la laurea in Ingegneria Meccanica ed è iscritto all Albo degli Ingegneri della Provincia di Napoli dal 1994 con il n Esperto Senior nell ambito dell analisi in profondità degli incidenti stradali. Dal 1992, ha maturato una pluriennale esperienza nella ricostruzione degli incidenti sia attraverso metodologie semplificate sia con l utilizzo di software specialistici. Ha ricoperto/ricopre incarichi all interno di gruppi di ricerca in ambito europeo, quali: - rappresentante ufficiale del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture Italiano nel Working Group 21 dell EEVC (European Enhanced vehicle-safety Committee) che svolge attività di ricerca sulla tematica Accident Studies ; - membro della Commissione Sicurezza Passiva ed Ergonomia della CUNA ed esperto italiano per il Working Group 7 dell ISO/TC22/SC12 che definisce i nuovi standard per la tematica Traffic Accident Analysis Methodology ; - già rappresentante ufficiale del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture Italiano nel Working Group 15 dell EEVC (European Enhanced vehicle-safety Committee) che svolge attività di ricerca sulla tematica Improvement of Car Crash Compatibility and Frontal Impact ; Ha coordinato e partecipato a vari progetti, nazionali ed europei, tra i quali in particolare: - Redazione del dossier di analisi sulla sicurezza stradale su due tratte provinciali della S.P. 175 e della S.P. 30. Progettazione esecutiva del piano di segnalamento su una tratta stradale della S.P in collaborazione con la Provincia di Salerno e nell ambito del Piano Nazionale della Sicurezza Stradale; - partecipazione a progetti europei orientati al miglioramento della sicurezza stradale (EACS-European Accident Causation Survey & TRACE TRaffic Accident Causation in Europe) e della protezione degli occupanti (VC-Compat Vehicle Crash Compatibility), con particolare attenzione agli utenti deboli (CREST - Child REstraint system STandard & CHILD - CHild Injury Led Design); Ha erogato attività formative per Polizie Locali e/o operatori coinvolti a differenti livelli nelle tematiche della infortunistica stradale (metodologie di rilievo degli incidenti stradali, caratteristiche dei veicoli in ottica di sicurezza attiva e passiva, ricostruzione degli incidenti stradali, ). È autore di pubblicazioni su riviste specializzate e relatore in convegni nazionali/internazionali. 12

15 ANGELO RISO SPECIALISTA IN ANALISI DI SICUREZZA STRADALE Nato il , ha conseguito la laurea in Ingegneria Civile, sezione Trasporti. Esperto Senior in qualità di coordinatore tecnico di progetti con attività di analisi dell incidentalità e valutazione dei fattori di rischio, sviluppati per conto di Pubbliche Amministrazione ed Enti Gestori di Infrastrutture Stradali. Dal 1991, ha maturato una pluriennale esperienza nel coordinamento tecnico dei servizi di ingegneria per la sicurezza stradale. Ha coordinato e partecipato a vari progetti, si elencano i più significativi: - SISS - Sistema Integrato Sicurezza Stradale, per la Provincia di Milano. - Sistema Sicurezza Stradale Provinciale, per la Provincia di Perugia. - Analisi Preventiva della Sicurezza Stradale sulle vie urbane del Comune di Napoli a maggior rischio d incidente. - Piano della Sicurezza Stradale Urbano del Comune di Salerno. - Piano degli Interventi sulla Sicurezza Stradale Urbana nel Comune di Scafati. - SUMMIT Sicurezza per l Utenza stradale: Modelli, Metodi e Innovazione Tecnologica, per la Provincia di Milano. - Analisi multisettoriale dei tratti neri nella Provincia di Mantova. - SICURI Strategie innovative di Comunicazione per la prevenzione e la dissuasione dei fattori di rischio sugli incidenti stradali, per la Provincia di Mantova. - Analisi dei dati di incidentalità e redazione del Dossier dei fattori di rischio per tre strade extraurbane del Veneto. Docenze e formazione specialistica per operatori di Polizia Locale e/o operatori coinvolti a differenti livelli nelle tematiche della infortunistica stradale. 13

16 PROPOSTE AGGIUNTIVE Net Engineering, rispetto alle richieste minime della comunicazione di EUPOLIS Lombardia del 12 novembre 2013, prot. N. RSF , assicurerà una serie di servizi aggiuntivi, alcuni dei quali già anticipati in precedenza: - Rendicontazione delle attività di fase 2 e 3 anche in ottica di supporto tecnico per la definizione di specifiche di sviluppo software. In sostanza assicurerà la fase di input della fase 4 di sviluppo dei moduli software, eventualmente, successiva alla ricerca della presente offerta e che sarà gestita direttamente da EUPOLIS Lombardia. - Allineamento delle procedure e dei parametri di calcolo della classificazione delle strade, durante il periodo di erogazione delle prestazioni e fino alla data di consegna finale, alle Linee Guida e Decreti in corso di emanazione da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. - Partecipazione del responsabile delle attività ad almeno altre 4 giornate di lavoro presso la sede di EUPOLIS Lombardia, in aggiunta al minimo previsto di 5 gg.. - Partecipazione del responsabile delle attività a tre riunioni tecniche di avanzamento, presso la sede di EUPOLIS Lombardia. - Partecipazione del responsabile delle attività ad un seminario tecnico di presentazione dei risultati. Saranno pertanto assicurate, in totale, 10 gg. del responsabile delle attività rispetto al minimo di 5 gg. di lavoro 14

17 NET Engineering S.p.A. Via Squero, Monselice (PD) Italia T F

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello

Schema Professionista della Security Profilo Senior Security Manager - III Livello STATO DELLE REVISIONI rev. n SINTESI DELLA MODIFICA DATA 0 05-05-2015 VERIFICA Direttore Qualità & Industrializzazione Maria Anzilotta APPROVAZIONE Direttore Generale Giampiero Belcredi rev. 0 del 2015-05-05

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio

Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio AIPCR - Comitato Tecnico Nazionale C. Infrastrutture Stradali più Sicure 008-0 WORKSHOP La DIRETTIVA 008/96/CE Roma, 9 luglio 009 Classificazione e analisi delle tratte stradali a maggior rischio Davide

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM. Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM Cavarretta Giuseppe Alfredo Via R. Sanzio 48/A 0984 33768 DATI ANAGRAFICI Cavarretta Giuseppe Alfredo Nato a CROTONE (KR) il 16/02/1954 Residente a 87036 RENDE (CS) Via R.

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali

Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali Convegno PREVENZIONE E SALUTE UN BINOMIO INSCINDIBILE SANIT Roma, 25 giugno 2009 Individuazione delle aree a maggior rischio di incidenti stradali I Ciaramella SISP - ASL RM B In collaborazione con D D

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD)

LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) LINEE GUIDA per la compilazione della Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) Indice 1. Le basi normative e aspetti generali 2. Parte I: obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Ministero dei lavori pubblici

Ministero dei lavori pubblici Ministero dei lavori pubblici ISPETTORATO GENERALE PER LA CIRCOLAZIONE E LA SICUREZZA STRADALE Prot. n. 3698 Alle Amministrazioni Comunali Loro Sedi Oggetto: Linee guida per la redazione dei piani urbani

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

Informazioni personali

Informazioni personali Informazioni personali Nome e cognome Alessandro Melchionna Laurea Scienze Statistiche Presetaie Le mie esperienze professionali e le competenze acquisite gravitano in diversi domini, quali quello del

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI

AMBIENTE SIA PER IL COLLEGAMENTO A23-A28 IN FRIULI DESCRIZIONE DEL PROGETTO Data: Agosto 2010 Oggetto: Affidamento concessione avente con ad procedura oggetto la aperta della progettazione, costruzione e gestione del raccordo Autostradale A23-A28 Cimpello

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE

l_debellis@libero.it PUBBLICA AMMINSTRAZIONE - REGIONE MARCHE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PASQUALE DE BELLIS Indirizzo Via Piave, nr. 20-60027 Osimo Stazione (AN) ITALIA Telefono 347 8228478 071 7819651 Fax E-mail pasquale.de.bellis@regione.marche.it

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA

PROTOCOLLO DI INTESA TRA PROTOCOLLO DI INTESA TRA L Associazione Fare Ambiente, Movimento Ecologista Europeo, già riconosciuta con Decreto del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare del 27 febbraio 2009,

Dettagli

Mario Fabio Polidoro. Curriculum vitae analitico

Mario Fabio Polidoro. Curriculum vitae analitico Mario Fabio Polidoro Curriculum vitae analitico Roma, Aprile 2013 1 DATI ANAGRAFICI: Mario Fabio Polidoro Nato a Roma il 30/05/1959 Email: f.polidoro@unimercatorum.it TITOLI ACCADEMICI e FORMAZIONE: Laurea

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1

SUA-RD. Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara. 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 SUA-RD Presidio Qualità Ateneo Università di Ferrara 8 Gennaio 2015 Presidio Qualità Ateneo 1 Finalità della presentazione Questa presentazione ha lo scopo di esaminare le modalità di compilazione della

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking

Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Seminario associazioni: Seminario a cura di itsmf Italia Problem Management proattivo di sicurezza secondo ITIL: attività di Etichal Hacking Andrea Praitano Agenda Struttura dei processi ITIL v3; Il Problem

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali

Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Castel San Pietro Terme, 9 maggio 2014 Rilevazione ed analisi statistica dei dati nazionali Ruggeri Denis Docente sezione ospedaliera IIS Castelli Brescia, collaboratore MIUR per il portale nazionale della

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro

Indagine nazionale. sulla salute. e sicurezza sul lavoro Indagine nazionale sulla salute e sicurezza sul lavoro Servizi di Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro PREMESSA La legge L. 833/1978 ha istituito il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) e successive norme

Dettagli

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971

FPA PROGETTI. presentazione SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 presentazione FPA PROGETTI SRL VIA PALMANOVA 24 20132 MILANO TEL. +39 02.2360126 FAX +39 02.70639971 1 1. DATI SOCIETÀ FPA PROGETTI SRL SEDE IN MILANO VIA PALMANOVA 24 20132 TEL.02/2360126 02/26681716

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

PRIT: contesto e strategie

PRIT: contesto e strategie PRIT: contesto e strategie A cura di Paolo Ferrecchi Bologna, 23 novembre 2007 Cabina di regia per il coordinamento delle politiche di programmazione e per il PTR: incontro tematico su Mobilità e Infrastrutture

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti

Curriculum Vitae Paolo Degl Innocenti INFORMAZIONI PERSONALI Paolo Degl Innocenti POSIZIONE RICOPERTA Responsabile di U.O. Agenzia del Demanio ESPERIENZA PROFESSIONALE Dal 1/7/2012 7/2006-6/2012 11/2005-7/2006 4/2004-10/2005 Responsabile Servizi

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli