La primavera dell anno del centenario del Servizio meteorologico aeronautico si è presentata con un fenomeno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La primavera dell anno del centenario del Servizio meteorologico aeronautico si è presentata con un fenomeno"

Transcript

1 impaginato :Layout :51 Pagina 1 La primavera dell anno del centenario del Servizio meteorologico aeronautico si è presentata con un fenomeno raro ma di grande effetto sulle attività aviatorie: la nube vulcanica. Per la prima volta a scala continentale europea la presenza nei cieli di una nuvola di ceneri ha costretto le autorità aeronautiche, per ragioni di sicurezza, a interdire la navigazione aerea sull intera Europa con notevoli conseguenze per i voli diretti e provenienti da tutto il mondo. I responsabili della meteorologia aeronautica sono stati impegnati a esprimersi sulla posizione, sulle dimensioni, sulla consistenza, sugli spostamenti della nube vulcanica e sul suo contenuto in particelle minerali piroclastiche pregiudizievoli per il corretto e regolare funzionamento dei motori degli aerei. Le norme sulla sicurezza del volo sono state applicate con rigore evitando così il determinarsi di situazioni di pericolo. Il coordinamento dei servizi meteorologici europei ha consentito agli organismi di governo di avere uno strumento decisionale con validità scientifica. La catena di informazioni principiata dalle osservazioni rilevate direttamente sul posto e dalle riprese da satellite del vulcano islandese dall impronunciabile nome di Eyjafjallajokull ha consentito ai centri deputati al controllo dello stato dei cieli in presenza di nubi di ceneri vulcaniche, di seguire l evoluzione del fenomeno e di stimarne le previsioni per le successive ore. In considerazione dell eccezionalità degli eventi abbiamo richiesto ai nostri collaboratori di predisporre due articoli sul tema per informare tempestivamente i nostri affezionati lettori. Apriamo così il fascicolo con un saggio sulla previsione di cenere vulcanica. Un problema da decenni ben noto a chi si occupa di meteorologia aeronautica. L articolo, a partire dagli episodi degli anni 80, illustra l International Airways Volcano Watch dell International Civil Aviation Organization. Viene quindi esposta la normativa con particolare riferimento al ruolo del Centro Meteorologico Regionale dell Aeronautica Militare di Linate quale Meteorological Watch Office italiano. Si illustrano quindi le precedenti esperienze sullo spazio aereo italiano legate all attività dell Etna. Viene poi esaminata la recente eruzione islandese. Si propone infine come migliorare questo tipo di previsioni. Il secondo articolo sul tema vulcanico descrive l evoluzione del Servizio di vigilanza meteorologica sulla cenere vulcanica. Sono bastate 48 ore di chiusura dei principali scali del nord Europa, con conseguente cancellazione di migliaia di voli e perdite economiche di svariati milioni di Euro, per riportare sotto i riflettori mediatici il problema dell impatto che hanno le ceneri vulcaniche sull aviazione. L articolo così descrive il sistema di Servizio di Veglia Meteorologica sulla Cenere Vulcanica e, in particolare, la documentazione prodotta dall Ente nazionale per l aviazione civile con il contributo dell Ente nazionale per l assistenza al volo e dell Aeronautica militare e del nuovo ruolo determinante dell Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Con il terzo saggio lasciati i vulcani anticipiamo un effetto dell estate: il disagio da calore afoso con il confronto fra le città di Firenze e Pisa. Il quarto articolo di questo numero riporta l analisi effettuata sulla serie storica di dati dell osservatorio bioclimatologico dell ospedale al mare sul lido di Venezia. Seguono 3 notiziari e la recensione del libro Gli strumenti di meteorologia dell Istituto Geografico Militare. Costante De Simone

2 impaginato :Layout :51 Pagina 2 ANNO 70 N 2 APRILE - GIUGNO 2010 Organo del Servizio Meteorologico dell Aeronautica Sommario Anno 70 aprile - giugno 2010 Editoriale Costante De Simone 1 La previsione di cenere vulcanica: un affascinante sfida interdisciplinare Sergio Fiacconi, Riccardo Peirolo 5 L'evoluzione del Servizio di Veglia Meteorologica sulla cenere vulcanica Franco Colombo 15 Il disagio da calore afoso in estate, un confronto tra le città di Firenze e Pisa Sergio Pinna 21 Serie storica di dati dell osservatorio bioclimatologico - Ospedale del mare, Lido di Venezia: analisi di climatologia Francesco De Biasio, Marcello Cerasuolo, Paolo Canestrelli e Franca Pastore 25 RIVISTA DI METEOROLOGIA AERONAUTICA - N 2/2010

3 impaginato :Layout :51 Pagina 3 Notiziario: 37 Visita del Capo del Corpo del Genio al CNMCA (24/03/98) Il Brig. Gen. De Simone al Teleposto Meteo di Monte San t Angelo Cambio al vertice del Centro Nazionale di Meteorologia e Climatologia Aeronautica Recensioni 41 Gli strumenti di meteorologia dell Istituto Geografico Militare Sommario climatologico italiano del trimestre gennaio - marzo 2010 gennaio 44 febbraio 56 marzo 68 EDITORE MINISTERO della DIFESA AERONAUTICA MILITARE STATO MAGGIORE AERONAUTICA UFFICIO GENERALE SPAZIO AEREO E METEOROLOGIA Legale rappresentante: gen. isp. Massimo Capaldo Le opinioni espresse negli articoli della Rivista di Meteorologia Aeronautica sono degli Autori e non riflettono necessariamente lo spirito del Servizio Meteorologico. La riproduzione degli articoli è consentita citando la fonte e inviando copia alla direzione della Rivista. La collaborazione alla Rivista è aperta a tutti gli studiosi. Periodico trimestrale fondato nel 1937 Anno 70 aprile-giugno 2010 Fascicolo n.2 Registrazione n. 191/1984 Tribunale di Roma-Sez. Stampa Direttore responsabile: Costante De Simone Redazione: Paolo Capizzi, Marina Bonanni, Maria Paola Giammatteo, Italo Piattelli Comitato scientifico: Paolo Pagano, Sergio Pasquini, Paolo Cesolari Corrado Tedeschi, Paolo Malco, Tiziano Colombo, Luigi De Leonibus, Massimo Ferri, Gaetano Cosimo Cacciola Consulenti di redazione: Adriano Raspanti, Roberto Tajani, Alessandro Galliani Progetto grafico e impaginazione: Italo Piattelli Direzione e produzione Rivista di Meteorologia Aeronautica Viale dell Università, Roma Italia tel.: fax.: sito web:www.meteoam.it - La Rivista di Meteorologia è ceduta esclusivamente per abbonamento postale. L abbonamento dà diritto a ricevere quattro fascicoli della pubblicazione. Le quote per il 2010 sono: Abbonamento annuale Italia: 20,00 - Estero: 30,00 Fascicoli arretrati Italia: 5,00 - Estero: 7,50 L abbonamento può essere acceso mediante versamento sul c/c postale intestato a: COMAER - Quartier Generale - Servizio Amministrativo - Rivista di Meteorologia Viale dell Università, Roma. In alternativa, tramite bonifico bancario sul seguente conto corrente Coordinate Bancarie Internazionali (IBAN) Coordinate Bancarie Nazionali (BBAN) Paese IT Check 04 CIN D ABI CAB Codice BIC: BPPIITRRXXX L abbonamento decorre dal primo numero utile successivo alla data del versamento. Per accelerare le pratiche di accensione dell abbonamento si prega di inviare via fax al copia della ricevuta del c/c postale o del bonifico bancario. Stampa e fotocomposizione: STILGRAFICA s.r.l. Via Ignazio Pettinengo, 31/ Roma - Italia Tel.: Fax.: N. CONTO

4 impaginato :Layout :51 Pagina 4 Spettacolare immagine da stellite del vulcano Eyjafjallajökull (Islanda), durante la fase eruttiva dell aprile In evidenza la nube di cenere vulcanica che ha invaso i cieli europei per più giorni determinando il blocco del traffico aereo. Immagine tratta dal sito ufficiale della NASA.

5 impaginato :Layout :51 Pagina 5 Lavoro pervenuto il 16/06/2010 La previsione di cenere vulcanica: un affascinante sfida interdisciplinare Sergio Fiacconi, Riccardo Peirolo Sommario L eruzione del vulcano Eyjafjallajökull ha fatto conoscere agli europei un problema da decenni ben noto a chi si occupa di meteorologia aeronautica. Il presente articolo, a partire dai gravi episodi degli anni 80, illustra la successiva istituzione dell International Airways Volcano Watch (IAVW) da parte dell International Civil Aviation Organization (ICAO). Viene quindi illustrata la normativa al riguardo, con particolare riferimento al ruolo del Centro Meteorologico Regionale (CMR) di Linate in quanto Meteorological Watch Office (MWO) italiano. Si illustrano quindi le precedenti esperienze sullo spazio aereo Summary The Eyjafjallajökull eruption brougth to the europeans attention a well known problem to aeronautical meteorologists. The present paper, starting from the serious accidents of the eighties, describe the creation of the International Airways Volcano Watch (IAVW) by ICAO. The specific rules are then explained, with reference in particular to the role of the Centro Meteorologico Regionale (CMR) of Linate as italian Meteorological Watch Office (MWO). Previous experiences on the italian airspace, mainly linked to Etna activity, are then described. The recent icelandic eruption is then examined. At last, it will be

6 impaginato :Layout :51 Pagina 6 italiano, principalmente legate all attività dell Etna. Viene poi esaminata la recente eruzione islandese. Si analizzerà infine come migliorare questo tipo di previsione. analyzed how to improve this kind of forecasts. Introduzione A partire dagli anni 80, una serie di episodi creò una crescente consapevolezza del pericolo rappresentato dalla cenere vulcanica per la navigazione aerea. Il primo significativo allarme si ebbe nel maggio del 1980, quando diversi aerei di linea riportarono danni dopo aver volato attraverso la nube emessa dal vulcano Saint Helens nello Stato di Washington (U.S.). Gli episodi più seri si ebbero però nel 1982 in seguito all eruzione del vulcano Galungung sull isola di Giava (Indonesia). Due Boeing 747 entrarono nella nube vulcanica a causa dell oscurità notturna. In entrambi i casi, i piloti rilevarono fuochi di Sant Elmo, odore di zolfo e deposizione di polvere in cabina. In entrambi i casi, la cenere causò lo spegnimento di tutti e quattro i motori. Solo dopo una discesa di circa piedi, i piloti riuscirono a riaccendere i motori e gli aerei atterrarono regolarmente a Jakarta. Ambedue gli aeroplani riportarono estesi danni ai motori e alle superfici esterne (Casadevall, 1992). Dal dicembre 1989 all aprile 1990, l eruzione del monte Redoubt (Alaska) ebbe un significativo impatto sui voli commerciali e militari, con numerose cancellazioni e cambiamenti di rotta. Cinque aerei di linea riportarono danni. L episodio più serio riguardò un Boing 747, a circa 250 chilometri dal vulcano; anche in questo caso si ebbe lo spegnimento di tutti e quattro i motori, che furono riaccesi In apertura: figura 1. Aree di competenza dei nove VAAC previsti all interno dell IAVW. Figura 2. Esempio di VAA emesso dal VAAC di Londra in formato grafico. Tale messaggio, emesso alle ore 17 UTC di sabato 17 aprile 2010, illustra l estensione prevista della nube di cenere vulcanica alle ore 18 UTC dello stesso giorno e alle 00, 06 e 12 UTC di domenica 18 aprile. La linea continua racchiude l area contaminata ad altitudini fino a FL200 ( piedi); la linea tratteggiata l area contaminata nei livelli fra FL200 e FL350 (fra e piedi).

7 impaginato :Layout :51 Pagina 7 Figura 3. Stemma del CMR di Milano Linate. solo dopo una discesa di piedi. Nessun passeggero fu ferito, ma l aereo riportò danni per più di 80 milioni di dollari (Casadevall, 1992). Una delle più grandi eruzioni in tempi recenti è stata quella del monte Pinatubo (Filippine) nel giugno Un enorme nube coprì gran parte del Mar della Cina Meridionale e zone limitrofe. Circa venti aerei in volo furono danneggiati; molti altri riportarono danni più limitati per essere stati ricoperti dalla cenere mentre erano al suolo. La cenere ricadde al suolo bagnata, insieme alle piogge prodotte da un tifone, per uno spessore fino a sei pollici. All aeroporto di Manila e in aeroporti militari delle Filippine numerosi hangar e altre infrastrutture crollarono per il peso. Mentre i precedenti incidenti erano sempre avvenuti entro 250 chilometri dal vulcano, nel caso del Pinatubo vi furono danni significativi anche a più di mille chilometri, in particolare nelle Flight Information Regions (FIR) di Singapore, Ho Chi Minh e Hong Kong. Questi episodi posero chiaramente il problema di una rapida ed appropriata comunicazione della presenza di cenere vulcanica a livello internazionale (Casadevall, 1992). Nascita e organizzazione della International Airways Volcano Watch Già nel 1982 l ICAO provvide alla creazione di un Volcanic Ash Warnings Study Group per studiare i rischi legati a questo tipo di eventi. Nel 1988, gli stati membri della stessa ICAO votarono a favore dell istituzione di una Sorveglianza internazionale della cenere vulcanica a livello aeronautico (International Airways Volcano Watch, IAVW; Casadevall, 1992). Nel corso degli anni 90 vennero così creati i nove Centri avvisi cenere vulcanica (Volcanic Ash Advisory Centres, VAAC), punti focali della IAVW, ognuno dei quali è responsabile per una parte del globo terrestre, come mostrato in figura 1. I VAAC sono inseriti nei rispettivi servizi meteorologici nazionali (Handbook on the IAVW, 2004). Come verrà illustrato in seguito, la previsione della diffusione di cenere richiede l integrazione di informazioni provenienti dai riporti di volo, dai satelliti, dai modelli di simulazione, ma sono necessarie anche osservazioni provenienti da enti esterni alle organizzazioni aeronautiche e meteorologiche, quali quelle relative all attività pre-eruttiva o eruttiva. Questo campo si presenta quindi come tipicamente interdisciplinare. In base al documento di riferimento a livello ICAO (Handbook on the IAVW, 2004), gli Stati responsabili di FIR al cui interno sono presenti vulcani attivi o potenzialmente attivi dovranno assicurare che ogni informazione circa un aumento dell attività vulcanica, un eruzione o presenza di cenere, proveniente da fonti vulcanologiche, sismologiche, geologiche, meteorologiche, politiche, militari o aeronautiche sia passata immediatamente ai Centri di Controllo d Area/Centri di Informazione Volo (Area Control Centre/Flight Information Centre, ACC/FIC) e al Meteorological Watch Office (MWO) competenti. In particolare, un appropriato canale di comunicazione dovrà essere istituito fra l ACC/FIC, l MWO e l osservatorio vulcanico in questione. A loro volta i piloti, in caso di osservazione di nube vulcanica, dovranno trasmettere uno specifico riporto di volo ( airep special ). L ACC/FIC dovrà trasmettere immediatamente l informazione agli aerei in volo che potrebbero attraversare l area contaminata e agli ACC limitrofi; provvederà quindi a emettere, attraverso il Notam Office, uno specifico NOTAM per cenere vulcanica (ASHTAM) contenente le informazioni sull attività eruttiva, sull estensione della nube e sull eventuale chiusura di determinate rotte. L ASHTAM andrà trasmesso, fra l altro, all MWO associato e a tutti i VAAC. A sua volta, l MWO dovrà trasmettere ogni informazione ricevuta al VAAC competente per area e quindi emettere un SIGMET per cenere vulcanica (SIGMET VA), con validità di sei ore e inviarlo, fra l altro, a tutti i VAAC. L ACC/FIC e l MWO dovranno mantenere un continuo coordinamento al fine di Figura 4. Immagine dell attuale sede del CMR di Linate.

8 impaginato :Layout :51 Pagina 8 Figura 5. Suddivisione dello spazio aereo italiano nelle tre FIR di Milano, Roma e Brindisi. Per tutte e tre le FIR, la responsabilità di Veglia meteorologica aeronautica (MWO) spetta al CMR di Linate. assicurare consistenza fra i rispettivi ASHTAM e SIGMET VA. Il VAAC, al ricevimento di informazioni su nubi di cenere o attività vulcanica (da parte dell MWO, dell ACC/FIC o di qualsiasi altra fonte) dovrà: - far partire il modello di simulazione delle traiettorie della cenere; - raccogliere immagini da satellite e altri dati per definire l area in cui la nube di cenere è effettivamente identificabile; - elaborare informazioni sull estensione e la traiettoria prevista della nube stessa in formato di messaggio e/o grafico e diffonderle fra l altro, a tutti gli ACC e MWO dell area di competenza. Lo scopo principale di tali avvisi è quello di assistere gli MWO nella preparazione dei SIGMET VA; - rinnovare tali avvisi (Volcanic Ash Advisory, VAA) almeno ogni sei ore. Possiamo vedere un esempio la VAA in formato grafico in figura 2. Le aree in cui è prevista contaminazione sono delimitate, per varie fasce di livelli di volo, da una poligonale di punti, identificati mediante valori di latitudine e longitudine nel corrispondente messaggio testuale; - nel caso in cui la nube entrasse nell area di competenza di un altro VAAC, il primo VAAC manterrà comunque la competenza fino a quando i due centri non si saranno accordati sul passaggio di competenze. In base all Annex 3 dell ICAO (2004), il periodo di validità di un SIGMET VA non deve essere superiore alle sei ore e deve essere emesso non prima di dodici ore dall inizio della validità. Esso va rinnovato almeno ogni sei ore. La SMA-USAM 207 (2008), documento di riferimento per la meteorologia aeronautica in ambito nazionale, riprende tali prescrizioni e, sempre sulla base dell Annex 3 (2004), specifica che «i SIGMET per nubi di cenere vulcanica devono essere elaborati sulla base delle informazioni fornite dal VAAC di Tolosa o sulla base delle segnalazioni provenienti dagli enti designati dall autorità nazionale per l aviazione civile per il monitoraggio delle nubi di cenere vulcanica... La presenza, l estensione, la consistenza e la direzione di moto di una nube di cenere vulcanica possono essere accertate, secondo i casi, anche direttamente dalle immagini da satellite o indirettamente attraverso riporti da aeromobili in volo o, ancora, mediante osservazioni a vista delle nubi di cenere vulcanica». Il CMR di Milano Linate come Meteorological Watch Office (MWO) nazionale L attuale CMR (Centro Meteorologico Regionale) nasce nel 1934 a Taliedo come ufficio meteorologico del campo di aviazione di Taliedo (primo aeroporto di Milano costruito nel 1910) e dell idroscalo; successivamente alla chiusura di Taliedo e alla costruzione dell aeroporto di Linate, viene spostato sul nuovo sedime. Nel 1947 nasce, a fianco dell ufficio meteo, la stazione Radiosondaggi. Dopo la nascita della RIV (Regione Informazioni Volo, 1954) il CMR viene inserito in questa struttura e assume la sua naturale connotazione di Ente meteo di Regione Aerea con compiti di assistenza all Aviazione Militare e Civile. Diviene Comando di Corpo ed Ente autonomo nel 1987 e viene posto in dipendenza al Centro Operativo di Regione (1 o ROC) e poi al Comando Operativo Forze Aeree (COFA); in figura 3 è illustrato lo stemma che da allora lo contraddistingue. Mantiene le sue competenze di assistenza meteo ai sensi ICAO sulla FIR di Milano. Trova adeguata sistemazione nella nuova palazzina (figura 4) nel Nel 1999 il CMR Linate viene posto alle dipendenze del neonato UGM (Ufficio Generale per la Meteorologia) all interno del Comando Squadra Aerea. Contemporaneamente vengono chiusi i CMR di Roma e Brindisi; il CMR Linate assume quindi il compito di Veglia Meteorologica Aeronautica su tutto il territorio nazionale e alternato (backup) del Cen-

9 impaginato :Layout :51 Pagina 9 tro Nazionale di Meteorologia e Climatologia Aeronautica (CNMCA) di Pratica di Mare (Roma). Nel maggio 2006 viene posto in dipendenza dal CNMCA. Attualmente, il CMR è l Ente del Servizio Meteorologico dell Aeronautica specializzato nell assistenza alla navigazione aerea. Esso opera a livello nazionale e internazionale per il supporto meteo aeronautico alle attività della F.A. e dell Aviazione Civile. Vediamo quindi più in dettaglio i suoi compiti: - assistenza meteo-aeronautica di area: il CMR sorveglia 24 ore su 24 tutto lo spazio aereo nazionale diviso in tre FIR (vedi figura 5) ed emette ai sensi ICAO Sigmet, Airmet e Sigmet VA (messaggi di allerta in Inglese codificato che riguardano fenomeni meteo pericolosi per la navigazione aerea). Quattro volte al giorno (00,06,12,18 UTC) compila la Significant Weather Low Level Chart (carta del tempo significativa, per cartelli di rotta, nei bassi strati) ed i GA- FOR (messaggio per l aviazione generale). Per questi compiti esso assume la connotazione ai sensi ICAO di METEOROLOGICAL WATCH OFFICE nazionale (MWO, Ufficio di Veglia Meteorologica Nazionale); - assistenza meteo-aeronautica di punto: per gli aeroporti militari (anche aperti al traffico civile) del nord Italia. Il CMR emette (H24) TAF e TAFOR (previsioni d aeroporto), avvisi d aerodromo, cartelli di rotta, briefing SAR (soccorso aereo) ed effettua il controllo dei cartelli di rotta emessi dagli Uffici meteo aeroportuali militari in Italia e nei teatri operativi; - compiti accessori: prevision regionali, convenzioni Università e altri Enti, messaggio antialluvione per Magistrato del Po (Protezione Civile), comuni lombardi, sostanze inquinanti, mass media; - METEOMONT: in collaborazione con il Comando Truppe Alpine e il Corpo Forestale dello Stato, il CMR è parte del Servizio Nazionale di previsione neve e valanghe; - gestisce la locale stazione di osservazione in quota tramite radiosondaggio e possiede, inoltre, un complesso Centro di Calcolo e Comunicazioni attraverso il quale realizza lo scambio nazionale e internazionale delle informazioni meteo e realizza il backup o disaster recovery del Centro Nazionale (CNMCA) di Pratica di Mare (in caso di mancanza di informazioni dal CNMCA ha la capacità di mantenere la totale assistenza meteo alla navigazione aerea e una parziale ma essenziale assistenza meteo generale). Precedenti esperienze sullo spazio aereo italiano Fin dal 1999, quando la sua competenza fu estesa alle FIR di Roma e Brindisi, il CMR ha famigliarità con il SIGMET VA. La costante presenza di un pennacchio sul monte Etna, principalmente composto di vapore acqueo, ma in cui non può essere esclusa la presenza di cenere, ha reso necessaria un altrettanto costante copertura mediante tale messaggio di allerta. In base ad accordi ormai da tempo consolidati, al primo mattino e alla sera, l Ufficio Meteorologico Aeroportuale di Sigonella produce il messaggio UXIY Osservazione di cenere vulcanica, indicante, in base all osservazione visiva, consistenza (FLB/MOD/SEV), livelli di volo interessati ed estensione della nube e lo invia, oltre che attraverso i normali canali, via o fax al CMR. Tale messaggio può anche essere prodotto a qualsiasi altra ora in caso di variazioni significative nella nube stessa. Il CMR può anche ricevere informazioni sull estensione della nube da un airep. In ogni caso, il previsore di veglia provvede a rinnovare il SIGMET VA utilizzando le informazioni ricevute circa la consistenza e l estensione tridimensionale della nube, e aggiungendo la direzione di spostamento prevista, desunta dalle carte dei venti in quota prodotte dal World Area Forecast Centre (WAFC) di Londra. Naturalmente, l impegno si è grandemente accresciuto in occasione delle fasi eruttive dell Etna. In tali Figura 6. Immagine della nube di cenere vulcanica scattata il 15 aprile alle ore UTC dal satellite Aqua della NASA (diverso dai tradizionali satelliti meteorologici) utilizzando il sistema MODIS (MODerate resolution Imaging Spectroradiometer). E chiaramente visibile l estendersi della nube dall Islanda verso il sud della Scandinavia.

10 impaginato :Layout :51 Pagina 10 Figura 7. Esempio di mappa emessa dal VAAC alle ore 12 UTC del 20 maggio 2010 indicante le concentrazioni previste al metro cubo alle ore 18 UTC dello stesso giorno fra il suolo e FL200 ( piedi). occasioni il CMR, nel suo ruolo di MWO, ha provveduto ad allertare il VAAC di Tolosa affinché desse inizio alla simulazione, e anche successivamente ha comunicato allo stesso centro ogni informazione utile. I SIGMET VA sono stati in tale occasione modellati sui VAA emessi da Tolosa stessa, indicando quindi, ai vari livelli, l estensione dell area potenzialmente contaminata in termini di poligonale. Naturalmente, il CMR è pronto a far fronte ai suoi compiti di MWO anche in caso di eruzione da parte di un vulcano italiano diverso dall Etna. Fino ad alcuni anni fa, tuttavia, si riteneva che non fosse necessario preoccuparsi per vulcani distanti migliaia di chilometri dai nostri cieli, come quelli islandesi. Fortunatamente, dal 2005 circa, l ICAO ha organizzato le esercitazioni Volcex. In tali esercitazioni, viene simulata un eruzione. I vari enti interessati, in base all Handbook on the IAVW (2004), effettuano messaggi e comunicazioni come se si trattasse di un evento reale, specificando però all interno degli stessi che si tratta di un test. Più di una volta la simulazione ha riguardato un vulcano islandese (generalmente il Katla, il più pericoloso) e in un occasione la nube fittizia, in base alle simulazioni del VAAC di Londra, è giunta fin sul Nord Italia. Tale esercitazione ha permesso di prendere confidenza con questo tipo di pericoli. La più recente Volcex, nel novembre 2009, ha riguardato invece un eruzione fittizia dell Etna e ha costituito una preziosa occasione per testare le comunicazioni fra CMR, Servizi del traffico aereo e la sezione di Catania dell Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. L eruzione del vulcano Eyjafjallajökull Una prima eruzione dell Eyjafjallajökull ebbe inizio il 20 marzo 2010 e continuò nei giorni successivi senza una significativa emissione di ceneri. Il 14 aprile 2010, dopo una breve pausa, l attività riprese, questa volta dal centro del ghiacciaio, causando una inondazione. Diversamente dalla prima eruzione, la seconda avvenne sotto i ghiacci. Il brusco raffreddamento della lava determinò la formazione di una gran quantità di minuscoli frammenti vetrosi altamente abrasivi, che si innalzarono nella colonna di vapore e fumo fino a un altitudine di circa 13 km. Que-

11 impaginato :Layout :51 Pagina 11 sto, assieme alle dimensioni dell eruzione, stimata venti volte maggiore di quella del 20 marzo, creò una nube di particelle di silicio; la presenza del jet stream al di sopra dell Islanda con orientazione verso sud-est diffuse a grande distanza verso l Europa tale nube, come possiamo vedere nell immagine da satellite in figura 6, impattando gravemente su una delle aree a maggior traffico aeronautico al mondo. Il VAAC competente, quello di Londra, iniziò a far girare il modello di simulazione ogni sei ore e a produrre gli avvisi indicanti l estensione dell area contaminata da cenere vulcanica per quella scadenza e per le successive 6, 12 e 18 ore, disponibili a tutti sia in formato grafico (un esempio in figura 2) quanto testuale all indirizzo Il Centro di Londra continuò a seguire l estendersi della nube anche sull Europa continentale, area di competenza del VAAC di Tolosa. Gli MWO dei paesi via via interessati dall estendersi della nube emisero SIGMET VA che indicavano come contaminate da cenere vulcanica aree date dall intersezione fra quella indicata dai VAA e la FIR in questione. Gli ACC/FIC mediante appositi ASHTAM, chiusero al volo tali aree. A partire da sabato 17 aprile la nube iniziò ad interessare il Nord Italia e il CMR di Linate, fin dal pomeriggio del 16, iniziò a emettere il SIGMET VA per la FIR di Milano. Nei giorni successivi, gran parte degli aeroporti del Nord Italia rimasero chiusi, al pari di quelli dell Europa centrale e settentrionale. A partire dal giorno 17, tuttavia, iniziarono a levarsi voci di protesta da parte delle compagnie aeree. Queste sostenevano, infatti, che il divieto di volo, fonte di grave danno economico per esse stesse e di estesi disagi per i passeggeri, era basato solo su una simulazione al calcolatore, senza alcuna evidenza sperimentale di concentrazioni realmente pericolose. Le compagnie ottennero quindi di effettuare dei voli di prova che si svolsero senza alcun incedente, vedi sito: 010_Eyjafjallajokull _eruption. Effettivamente, i VAA non forniscono alcuna indicazione quantitativa sulla concentrazione delle ceneri; d altro canto fino a questo momento i costruttori di motori aerei non si sono preoccupati di definire una concentrazione minima per rischio di danni. Si supponeva che i piloti volessero comunque evitare tale tipo di particolato, a qualsiasi concentrazione (http://www.arl.noaa.gov/ faq_v2.php). Lunedì 19 aprile 2010 i ministri dei trasporti dell Unione Europea riuniti in teleconferenza decisero di dividere lo spazio aereo in tre zone: - una zona in cui la contaminazione da cenere era tale da richiedere il divieto di volo (no fly zone); - una zona in cui, pur in presenza di cenere vulcanica, era possibile volare con opportune cautele e dietro autorizzazione dei Servizi del Traffico aereo (sostanzialmente, l area definita nei VAA al di fuori della no fly zone); - una zona libera da ceneri. Nei giorni successivi, la Civil Aviation Authority (CAA) del Regno Unito in base a test sperimentali stabilì quale limite per la no fly zone una concentrazione di 2000 µg/m 3. (http://www.newscientist.com/article/dn18802-enginestripdowns-establish-safe-volcanic-ash-levels.html). Conseguentemente, il VAAC di Londra iniziò a produrre mappe (figura 7) nelle quali la no fly zone era indicata in nero (oltre 2000 µg/m 3 ), mentre l area contaminata, in cui tuttavia era possibile volare, in rosso; successivamente, venne dichiarato che la soglia per l area in rosso era di 200 µg/m 3. Poiché tale area coincide con quella del tradizionale VAA, vennero per la prima volta dichiarati i valori di soglia utilizzati nel produrre tale avviso. Queste nuove mappe vennero rese disponibili al seguente indirizzo internet : Eurocontrol e le autorità nazionali del traffico aereo convennero su tali limiti, per cui gli spazi aerei chiusi furono assai più limitati rispetto ai primi giorni dopo l eruzione. Tuttavia, fino alla metà di maggio vi furono ancora significative limitazioni al traffico aereo nei cieli d Europa. Successivamente, il 18 maggio, in seguito ad ulteriori test, la soglia della no fly zone fu innalzata a 4000 µg, stabilendo che un aereo poteva entrare nella zona con concentrazioni fra 2000 e 4000 m 3 (time limited zone, TLZ) se opportunamente certificato (http://en.wikipedia.org/ wiki/air_safety); la TLZ venne indicata in grigio nelle mappe del VAAC (figura 7). E bene tuttavia precisare che il CMR, in qualità di MWO italiano, e nelle more dell aggiornamento delle normative nazionali e internazionali, ha continuato ad attenersi ai VAA, indicando quindi nei SIGMET VA l intera area contaminata. Conclusioni I modelli meteorologici vengono testati ogni giorno da più di tre decenni, attraverso il confronto fra le loro previsioni e le osservazioni. Questa puntuale attività di verifica, unita all aumento della potenza di calcolo disponibile

12 impaginato :Layout :51 Pagina 12 e degli strumenti di osservazione, ha portato a un costante miglioramento nelle previsioni numeriche, fino all attuale elevato grado di affidabilità. Nel caso dei modelli di dispersione per cenere vulcanica, le occasioni di validazione sono assai più sporadiche; si può dire che sull area europea l eruzione dell Eyjafjallajökull rappresenti il primo test significativo. Inoltre, le osservazioni sono rade e spesso più qualitative che quantitative (air report, osservazioni da terra), rendendo quindi più ardua una verifica oggettiva. Anche le immagini da satellite permettono di individuare solo concentrazioni particolarmente elevate e la cenere può venire mascherata da comuni nubi di vapore acqueo. Non deve quindi stupire che la previsione di cenere vulcanica sia affetta da margini di errore ben più ampi rispetto alle previsioni meteorologiche. I danni economici e ancor più i forti disagi ai viaggiatori prodotti dalla chiusura di gran parte dello spazio aereo europeo rendono urgente tuttavia un deciso miglioramento in questo settore, così che, pur tutelando senza compromessi la safety, sia possibile delimitare meglio l area contaminata, riducendo al minimo i disagi per il traffico aereo. In particolare, sulla base della recente esperienza, sono auspicabili i seguenti miglioramenti: - definire una rete di osservazioni da terra (principalmente basate sul lidar o palloni sonda con appositi sensori, per misurare la concentrazione di cenere vulcanica (http://www.metoffice.gov.uk/corporate/pressoffice/2010/ volcano/map.html); - predisporre aerei con opportune protezioni e strumenti di misura per voli di prova, in modo da constatare l effettiva presenza di concentrazioni pericolose; - migliorare, con opportuna strumentazione, la misurazione della quantità di cenere effettivamente emessa. Infatti, in determinate fasi dell eruzione l emissione è costituita quasi esclusivamente da vapore acqueo, in altre contiene significative concentrazioni di frammenti solidi. Figura 8. Esempio di output del software sviluppato al CMR per graficare le aree in cui il messaggio VAA indica una contaminazione da cenere vulcanica. Il VAA emesso alle ore UTC del 18 aprile 2010 dal VAAC di Londra indica per le ore UTC contaminazione a Nord della linea rossa fra il suolo e FL200. Il software del CMR permette di individuare ben più in dettaglio il parziale interessamento dello spazio aereo nazionale rispetto al VAA grafico di figura 2. Vengono inoltre indicati sulla mappa latitudine e longitudine dei punti che delimitano l area contaminata, in modo da facilitare la preparazione del SIG- MET VA.

13 impaginato :Layout :51 Pagina 13 Non essendo in grado di valutare questo parametro, al momento i modelli di dispersione utilizzano come input solo l altitudine della colonna, supponendo all interno di questa una densità di particolato costante, corrispondente alle fasi di emissione più intensa (http://www. metoffice.gov.uk/aviation/vaac/forecasting.html). Il modello HYSPLIT, utilizzato nei VAAC statunitensi di Washington e Anchorage considera una densità nella colonna di 2.5* 10 6 g/m 3 (Heffter e Stunder, 1993). Una migliore definizione di questa grandezza permetterebbe un netto miglioramento nei modelli di dispersione, riducendo di molto l attuale presupponibile overforecasting ; - definire da parte dei costruttori la soglia di rischio per ogni tipo di aeromobile; - adeguare la normativa della catena di allerta per l emissione dei messaggi in base ai progressi scientifici e tecnici citati. Naturalmente, anche lo sviluppo di programmi specifici a livello informatico può contribuire a migliorare la gestione di queste emergenze. Al CMR è stata sviluppata a cura della Sezione Assistenza e Sviluppo un applicazione web per graficare il VAA in formato testuale con risoluzione ben maggiore rispetto al VAA in formato grafico (vedi figura 8). E in corso di sviluppo un ulteriore applicazione per trasformare direttamente nel formato previsto per il SIGMET VA l intersezione fra le poligonali descritte nel VAA e la FIR di competenza. La previsione della dispersione atmosferica di cenere vulcanica si presenta, tanto a livello operativo quanto di ricerca e sviluppo, come un settore tipicamente interdisciplinare; richiede infatti la collaborazione fra meteorologi, vulcanologi, controllori del traffico aereo, piloti, ingegneri aeronautici. Richiede un costante collegamento a livello internazionale, e all interno dello stesso stato, fra svariati enti e agenzie. Proprio per questo si presenta come una sfida ardua e al tempo stesso affascinante per accrescere sempre più la sicurezza del volo. Centro Meteorologico Regionale - Milano Linate Sergio Fiacconi Riccardo Peirolo Bibliografia Annex 3 to the Convention on International Civil Aviation. Meteorological Service for International Air Navigation. Fifteenth Edition, July 2004, ICAO. Casadevall TJ Volcanic hazards and aviation safety: lessons of the past decade. Aviation safety journal 2: Handbook on the International Airways Volcano Watch (IAVW), Second edition, Doc 9766-AN/968, ICAO. Heffter JL, Stunder BJB Volcanic Ash Forecast Transport And Dispersion (VAFTAD) model. Weather and forecasting 8: SMA-USAM 207. Il servizio di meteorologia aeronautica. Edizione Stato Maggiore Aeronautica, Ufficio Generale Spazio Aereo e Meteorologia.

14 impaginato :Layout :51 Pagina 14

15 impaginato :Layout :51 Pagina 15 lavoro pervenuto il 28/05/2010 L'evoluzione del Servizio di Veglia Meteorologica sulla cenere vulcanica Franco Colombo Sommario Sono bastate appena 48 ore di chiusura dei principali scali del nord Europa, con conseguente cancellazione di migliaia di voli e perdite economiche di svariati milioni di Euro, per riportare sotto i riflettori mediatici il problema dell'impatto che hanno le ceneri vulcaniche sull'aviazione. Scopo del presente articolo è descrivere il sistema di Servizio di Veglia Meteorologica sulla cenere vulcanica e, in particolare, la documentazione prodotta dall ENAC con il contributo dell'enav e dell'aeronautica Militare e del nuovo ruolo determinante dell'istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV). Summary After 48 hours of closure of main north-european airports, with thousands fly deleted and economic loss for milions of Euros, the problem of aeronautic impact of volcanic ash has been dramatically showed by all media networks. In this work, we want describe the Volcanic Ash Italian Meteorological Weather Watch and in detail the new documents made by ENAC with ENAV and Italian Air Force cooperation and the new role of National Institut of Geophisic and Vulcanology (INGV).

16 impaginato :Layout :51 Pagina 16 Figura 1. Definizione di cenere vulcanica fino a provocarne il blocco totale. Essendo inoltre molto dura ed estremamente abrasiva, la cenere erode la struttura del velivolo, le superfici di volo e le parti del motore. Provoca l abrasione dei vetri della cabina di pilotaggio fino a ridurre o azzerare la visibilità a lungo raggio del pilota e può causare, inoltre, l intasamento degli strumenti di misura della velocità e altitudine fino a renderli inefficaci. E ancora, a causa delle dimensioni estremamente ridotte, la cenere vulcanica non viene fermata dai normali sistemi di filtraggio e può notevolmente contaminare il sistema di condizionamento, così come quello elettrico e le unità avioniche, rendendo difficoltoso il controllo dell aereo. Infine, la cenere vulcanica è spesso accompagnata da un aerosol molto corrosivo di acido solforico (H 2 SO 4 ) proveniente dall ossidazione e idratazione dell anidride solforosa (SO 2 ) rilasciata durante l eruzione (fig.1). Il termine cenere vulcanica si riferisce a piccole particelle di roccia polverizzata espulsa nell atmosfera durante un eruzione vulcanica. Nel caso di eruzioni ad alta esplosività, la cenere viene proiettata con velocità iniziali (misurate sull Etna da Dubosclard - Coltelli e altri -1999) intorno agli m/s, a decine di chilometri di altezza. Le particelle di dimensioni più piccole, che vanno da 1 a 15 micron, possono permanere nell atmosfera per diversi giorni e, trasportate dai venti troposferici o stratosferici, percorrono notevoli distanze. La cenere vulcanica è composta principalmente da particelle di silicati di alluminio e magnesio. Queste particelle, una volta "ingerite", fondono nella camera di combustione dei moderni motori jet, le cui temperature di esercizio si aggirano intorno a 1400 C. Solidificano quindi sulle palette e sulle parti in movimento delle turbine riducendo le prestazioni del motore Procedure e Normative nazionali La normativa e le disposizioni che attualmente regolano la gestione del Servizio di Veglia Meteorologica sulla cenere vulcanica e in particolare la documentazione prodotta dall ENAC (circolare APT 15 e Doc. APT ETNA) costituiscono un buon punto di partenza per affrontare il problema ma, tuttavia, bisogna riconoscere che la procedura in vigore presenta alcune limitazioni: - i documenti ENAC sono specifici e validi solo per l aeroporto di Catania-Fontanarossa; - l attuale procedura è basata primariamente sull osservazione diretta in quanto ancora non sono in funzione strumenti particolari per la rilevazione dell ash vulcanico in atmosfera. Per tale motivo l osservazione è fortemente condizionata dalla visibilità ed è praticamente impossibile Immagine a. Immagine b.

17 impaginato :Layout :51 Pagina 17 di notte; - il processo si basa su procedure complesse e non è chiaramente definita la responsabilità dei vari attori; - attualmente la procedura di allertamento richiede un tempo abbastanza lungo per essere attivata (oltre trenta minuti), il che non è compatibile con la sicurezza aerea. Tutto ciò comporta la necessità di trovare una risposta immediata e risolutiva della problematica "cenere vulcanica". L analisi del problema, fatta in occasione del 1 Workshop Internazionale sui rischi causati all Aviazione dalla presenza in atmosfera di cenere vulcanica, tenutosi a Sigonella nei giorni 23 e 24 giugno 2009, ha evidenziato che è necessario: - comprendere e reagire in maniera adeguata a un eruzione vulcanica; - passare dall attuale procedura reattiva a un nuovo modello di tipo previsionale; - definire in maniera univoca le responsabilità di ogni singolo attore che interviene nella procedura. Queste esigenze sono già da tempo unanimemente sentite nel mondo aeronautico tanto che, da maggio del 2008, l ENAC ha preparato la bozza di una nuova procedura che dovrebbe sostituire quella attualmente in vigore e interessare non solo l aeroporto di Catania-Fontanarossa ma anche quello di Reggio Calabria. Questa nuova procedura, attualmente in fase di validazione e verifica, è stata provvisoriamente denominata GEN XX (il nominativo definitivo, probabilmente, sarà GEN 20) e si compone di una Circolare GEN XX e di un allegato alla Circolare GEN XX (Procedura. GEN ETNA). Le fonti di informazione alla base di questa nuova procedura ricalcano quelle già esistenti e inoltre si avvalgono della collaborazione dell ARO/MET di Reggio Calabria e di una più attiva azione da Figura 2. parte della Protezione Civile. In particolare saranno costituite da(fig.2): - strumenti vari, per rilevare l attività vulcanica, messi a disposizione dall INGV; - mappe di previsione dell evento (elaborate sempre dall INGV); - satelliti di nuova generazione (satelliti meteorologici della serie MSG); - un triangolo di radar, da sviluppare a cura della Protezione Civile; - osservazioni dal suolo, effettuate a cura di: UMA Sigonella, ARO/MET Catania-Fontanarossa e ARO/MET Reggio Calabria. Sviluppo dell INGV all Interno della Nuova Procedura Per venire incontro a tale esigenza, l INGV ha sviluppato un nuovo sistema di monitoraggio e di previsione dello spostamento delle nubi vulcaniche che, ad oggi, può essere ri- Immagine c. Immagine d.

18 impaginato :Layout :51 Pagina 18 tenuto uno dei sistemi più evoluti al mondo. Consiste in un apparato complesso che, attraverso l impiego di nuovi strumenti di rilevazione e lo sviluppo di modelli previsionali sempre più sofisticati, permette di prevedere, con sufficiente sicurezza, la direzione che prenderà il plume vulcanico. I dati di input riguardano: i parametri meteorologici, acquisiti grazie alla collaborazione di ARPA/CI- NECA e dei satelliti meteorologici EUMETSAT MSG, i parametri vulcanologici, ottenuti tramite i moderni sistemi di rilevamento (camera a infrarossi, sistemi GPS, radar sounding, sonde atmosferiche, telemetri, ecc). Elaborando questi dati è possibile sviluppare delle mappe di previsione (immagini a, b, c) del fenomeno ash could e da queste estrapolare delle carte ad uso aeronautico che, attraverso il CFRV (Centro Funzionale Rischio Vulcanico) della Protezione Civile, Figura 3. vengono prontamente immesse sui canali degli enti aeronautici di controllo del traffico aereo. Tali mappe sono rese disponibili per gli utenti aeronautici sul sito dell INGV all indirizzo: Una mappa previsionale dà indicazione circa le aree in cui si può trovare la nube di cenere vulcanica in atmosfera e le zone conseguentemente interessate dalla ricaduta di cenere al suolo. Le Mappe di Previsione dell Evento sono formulate tenendo conto di fattori meteorologici, quali la velocità e la direzione del vento, dei cambiamenti di temperatura, e della topografia e orografia dei luoghi che determinano variazioni alle caratteristiche del fenomeno. Queste Mappe sono il risultato finale, ovvero la sintesi, di diversi modelli di diffusione (FAL 3D, VOL- CALPUFF e PUFF), ricavati attraverso l elaborazione dei dati acquisiti. Da queste mappe si ricavano le Mappe di Sintesi per i controllori di volo (immagine d) che servono per conoscere in anticipo l evolversi del fenomeno eruttivo ai diversi livelli di volo (FL). Nel prossimo futuro, con l introduzione, nella procedura di monitoraggio ash could, dell aeroporto di Reggio Calabria e delle infrastrutture e servizi ad esso connesse, ci sarà un ulteriore punto di osservazione dell attività dell Etna, (ARO/MET Reggio Calabria) a garanzia di una maggiore precisione nella formulazione dei modelli di dispersione. Questi risultati sono il frutto del cospicuo impegno di risorse che l INGV ha investito nel campo della Veglia Meteorologica sulla Cenere Vulcanica e della costante collaborazione con gli altri Enti interessati al problema. In particolare è rilevante la sinergia che si è instaurata con l Aeronautica Militare che vede, dal 2006, l Unità di Progetto Nubi Vulcaniche (UPNV) dell INGV, in costante contatto con l UMA di Sigonella (all interno dell NPMA). Questo impegno si è concretizzato nel progetto Figura 4. Figura 5.

19 impaginato :Layout :51 Pagina 19 Figura 6. Figura 7. Monitoring Etna Ash Emission (monitoraggio delle emissioni di nuvole di cenere vulcanica dall Etna), sostenuto dal Ministero per l Istruzione e la Ricerca Scientifica, con il quale l Istituto si è prefissato di raggiungere, nell immediato presente e nel prossimo futuro, una serie di obiettivi che riguardano: - lo studio e la progettazione di nuovi strumenti per la rilevazione di cenere vulcanica; - l elaborazione di nuovi modelli previsionali relativi alla dispersione della cenere vulcanica in atmosfera e ai processi di ricaduta al suolo, sempre più efficienti e funzionali ai fini dell accertamento dei rischi relativi; - l instaurazione di una stretta collaborazione fra le varie sezioni dell INGV che vede impegnata la Sezione di Catania, sostenuta da quella di Roma per l analisi e l elaborazione delle immagini da satellite, nonché le Sezioni di Pisa e Napoli impegnate nella elaborazioni di modelli di dispersione della nube di cenere; - la pubblicazione del lavoro svolto affinché tutti i partners possano confrontare il lavoro prodotto; - l elaborazione e l invio di mappe di dispersione di cenere al Dipartimento della Protezione Civile a cui spetta il compito di produrre il Bollettino di Criticità ; - il miglioramento dei sistemi di simulazione per ridurre i tempi di produzione delle mappe di dispersione (al di sotto di 1 ora mentre attualmente è necessario un tempo minimo di circa 3 ore); - l integrazione del sistema di previsione INGV con la sala operativa dell aeroporto di Catania Fontanarossa, come stabilito dal nuovo piano di contingenza in fase di studio da parte dell ENAC; - lo sviluppo e l applicazione della procedura EVR Etna Volcanic Report (Rapporto Vulcanico sull Etna) con lo scopo di emettere, in tempi brevi (meno dei 30 minuti attuali) messaggi di avvertimento circa l individuazione e l esatta posizione della nube di cenere vulcanica. La procedura si compone di tre fasi operative (fig. 3) concatenate fra loro: - una fase di Monitoraggio (Monitoring), che è la fase normalmente in atto quando l Etna è in uno stato di quie- Figura 8. Figura 9.

20 impaginato :Layout :51 Pagina 20 scenza; - la fase di Allerta (Allert) che si attiva ogni qualvolta ha inizio un fenomeno eruttivo; - la fase di Contingenza (Contingency) che si applica quando, a seguito del fenomeno eruttivo, si ha emissione di cenere vulcanica. Si ha l avvio della procedura (lo START ) ogni qual volta si presenta un fenomeno eruttivo. Quando, durante la fase di Monitoring, che è sempre attiva H 24, si rileva l inizio di un fenomeno eruttivo si avvia la procedura EVR (Start) che prevede vari stadi di attivazione. EVR-1: Comunicazione di inizio del fenomeno eruttivo a seguito della prima osservazione di un fenomeno di eruzione potenzialmente capace ad emettere cenere vulcanica. In questo stadio si intensifica l azione di monitoraggio, con l ausilio delle altre realtà che concorrono, in modo da rilevare prontamente l eventuale emissione di cenere in atmosfera. Se l eruzione avviene senza emissione di cenere si passa direttamente allo stadio EVR-2B Notifica che il fenomeno eruttivo non emette cenere vulcanica e si resta, comunque sempre, nella fase di allerta. Se, invece il fenomeno eruttivo avviene con emissione di cenere si passa allo stadio EVR-2A Conferma che il fenomeno eruttivo emette cenere vulcanica e si dà avvio alla fase di Contingency. Lo stadio successivo è l EVR-3 Caratterizzazione della nube di cenere vulcanica che permane fin quando il fenomeno di emissione non cessa. In tal caso si attiva lo stadio EVR-4 Cessazione della emissione di cenere vulcanica. A questo possono seguire due casi: se riprende l emissione di cenere vulcanica si passa di nuovo allo stadio EVR-2A; se non si ha emissione di cenere vulcanica e la nube lascia la zona di interesse dei CTR di Catania e Reggio Calabria, si passa all EVR-5 Notifica che la nube di cenere ha lasciato i CTR. Si entra così di nuovo nello stato di Allerta a cui può seguire, a secondo dell evoluzione del fenomeno eruttivo, la ripresa dello stesso o la cessazione. In quest ultimo caso si attiva lo stadio EVR-6 Fine del fenomeno eruttivo e si passa alla regolare fase di Monitoraggio e allo STOP della procedura EVR. Conclusioni Alla luce di quanto detto si può affermare che negli ultimi anni il campo della Veglia Meteorologica delle Nubi di cenere vulcanica ha avuto un considerevole sviluppo tecnologico e principalmente ha visto il coinvolgimento attivo e sinergico di tutte le realtà, scientifiche, tecniche e aeronautiche, presenti sul territorio. Oggi siamo nella fase di passaggio dell osservazione della nube di cenere vulcanica da una constatazione soggettiva e momentanea di un fenomeno che viene osservato in particolari condizioni di luce e visibilità orizzontale, con gli errori e le eventuali approssimazioni che ne derivano, a un nuovo sistema che, seppure non sottovaluta l importanza dell osservazione diretta, si avvale di un apparato di monitoraggio e sorveglianza dell attività vulcanica, messo a punto grazie all esperienza acquisita nel corso degli anni, capace di essere estremamente reattivo nel rispetto dei tempi che questa problematica richiede per permettere la circolazione aerea in piena sicurezza. L augurio per il futuro è che si continui a lavorare sulla strada già tracciata (il Volcanic Ash Awareness Workshop di Sigonella, del giugno scorso, ne è un valido esempio) al fine di migliorare sempre più il sistema e superare i problemi e le insufficienze che, ancora oggi, rappresentano una fonte di rischio per l attività aeronautica con la conseguente imposizione di pesanti limitazioni al traffico aereo. Ufficio Meteorologico Aeroportuale - Sigonella (CT) t.col. Franco Colombo Bibliografia Franco Colombo Cenere vulcanica: un rischio per l'aviazione! - Rivista Sicurezza Volo Anno IL n 224 marzo/aprile 2001 e su Orazio Rocca L'Etna tra fascino e rischi: il rischio da cenere vulcanica - Tesi di laurea Università di Perugia 2008/2009 Ente Nazionale Aviazione Civile su Gaetano Spata, Antonio Drago, Fabrizio Pistagna, Simona Scollo, Mauro Coltelli, Michele Prestifilippo Porting su Grid del modello TEPHRA per la previsione della dispersione delle ceneri vulcaniche Danilo Reitano Rapporti Tecnici INGV anno 2009, n 105

Aeroporto di Catania Fontanarossa

Aeroporto di Catania Fontanarossa Aeroporto di Catania Fontanarossa PROCEDURE E RACCOMANDAZIONI PER LA GESTIONE DELLE OPERAZIONI VOLO IN PRESENZA DI NUBE DI CENERE VULCANICA Doc. APT-ETNA ed. 1 del 24.07.2003 LISTA DELLE PAGINE EFFETTIVE

Dettagli

REGOLAMENTO METEOROLOGIA PER LA NAVIGAZIONE AEREA

REGOLAMENTO METEOROLOGIA PER LA NAVIGAZIONE AEREA REGOLAMENTO METEOROLOGIA PER LA NAVIGAZIONE AEREA Edizione n 1 approvata con delibera CdA n 36/2009 del 30 luglio 2009 Regolamento Meteorologia per la navigazione aerea Ed. 1 STATO DI AGGIORNAMENTO Emendamento

Dettagli

Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna

Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna Commenti alla Circolare ENAC GEN 04 Operatività degli aeroporti e spazi aerei limitrofi al vulcano Etna Società o Associazione che propone i commenti ANACNA Data 1 13/02/13 1. N 2. Riferimento Circolare

Dettagli

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014

RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA DIDATTICO PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI RADIOTELEFONIA EDIZIONE 1-2014 Approvato il 25.06.2014 RADIOTELEFONIA AERONAUTICA PER PILOTI VDS PROGRAMMA

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio

Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio L Atmosfera Intorno alla Terra è presente un atmosfera diversa da quella degli altri pianeti rende possibile la vita fornendo ossigeno e diossido di carbonio Protegge la superficie terrestre da temperature

Dettagli

Capitolo 1. Il fenomeno della fulminazione atmosferica

Capitolo 1. Il fenomeno della fulminazione atmosferica Capitolo 1 Il fenomeno della fulminazione atmosferica 1.1 Introduzione I fulmini costituiscono un tema che da sempre affascina gli uomini. Le prime tracce di questo fenomeno risalgono a 4500 anni fa con

Dettagli

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni

Sistema Rilevamento del Wind - Shear. per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo. Dr. Fabio Milioni Sistema Rilevamento del Wind - Shear per l Aeroporto Punta Raisi di Palermo 1 Sommario Obiettivi e punti chiave del Programma; Stato Attuale dei Sistemi Installati a Palermo; Sistema in realizzazione Palermo

Dettagli

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili

748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili 748.121.11 Ordinanza del DATEC concernente le norme di circolazione per aeromobili (ONCA) del 20 maggio 2015 (Stato 15 luglio 2015) Il Dipartimento federale dell ambiente, dei trasporti, dell energia e

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza (trattata nella parte I) il wind shear (trattato

Dettagli

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006

SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 SISTEMA NAZIONALE DI ALLARME PER LA PREVENZIONE DELL IMPATTO DELLE ONDATE DI CALORE PIANO DI ATTIVITA ESTATE 2006 Roma, 28 Aprile 2006 1 Introduzione Nel 2004 è stato attivato il progetto del Dipartimento

Dettagli

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 Roberto Barbiero Introduzione Un intensa nevicata ha interessato nella giornata dell 11 marzo 2004 molte regioni del nord Italia. Dalle prime ore della notte

Dettagli

Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007

Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007 Allegato alla proposta di delibera cod. n. 10/2007 EMERGENZA DERIVANTE DA RISCHIO AEROPORTUALE SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI NOVARA Progetto per la messa a punto di procedure di intervento e l organizzazione

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Gli enti aeronautici internazionali

Gli enti aeronautici internazionali N O E S Gli enti aeronautici internazionali Approfondimenti 1 L ICAO L ICAO è un organismo internazionale permanente con sede a Montreal, creato dalla Convenzione di Chicago per promuovere ed assicurare

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane Regione Lazio Dipartimento di Epidemiologia ASL RME Centro di Competenza Nazionale Rapporto sui Risultati dei Sistemi di Allarme e del Sistema Rapido di Rilevazione della Mortalità Estiva nelle Città Italiane

Dettagli

CAMBIAMENTI CLIMATICI...

CAMBIAMENTI CLIMATICI... CAMBIAMENTI CLIMATICI... ...O VARIABILITA? Riscaldamento Globale Cambiamenti Climatici Aumento del livello del mare Cambiamento pattern cicloni Cambiamento pattern idrologici e precipitazioni Cambiamento

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA Parte I 24/07/12 enav.it METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza

Dettagli

L ASSISTENZA AL VOLO: LE ORIGINI

L ASSISTENZA AL VOLO: LE ORIGINI ITALIAN AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATION MEMBER OF IFATCA INTERNATIONAL FEDERATION OF AIR TRAFFIC CONTROLLERS ASSOCIATIONS L ASSISTENZA AL VOLO: LE ORIGINI INTRODUZIONE Sin dagli albori della civiltà

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia

Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Secondo ciclo di incontri di consultazione pubblica Focal Point: Venezia Bacino di riferimento: Bacino Scolante della Laguna di Venezia Le azioni previsionali e di monitoraggio della Protezione Civile

Dettagli

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Fax SMS Messaggi vocali E-mail LA COMUNICAZIONE RELATIVA ALL AVVISO DI CRITICITÀ SI RITIENE EFFICACE QUALORA ALMENO UNO DEI CANALI

Dettagli

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA

23/06/2015. ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 23/06/2015 ALUNNA: SIMONA CENNAMO CL@SSE: 1 C A.s: 2014/2015 MATERIA: SCIENZE della TERRA 1 Quando due zolle si scontrano, il confine della zona che sprofonda fonde e forma nella profondità della Terra

Dettagli

Il controllo del traffico Aereo

Il controllo del traffico Aereo Il controllo del traffico Aereo Dispensa a cura di Giulio Di Pinto (MED107) Rev. 03 - Mar/11 1 Il controllo del traffico aereo (ATC - Air Traffic Control) è quell'insieme di regole ed organismi che contribuiscono

Dettagli

AEROPORTO DI LINATE. D. Lgs. 194/05

AEROPORTO DI LINATE. D. Lgs. 194/05 AEROPORTO DI LINATE Mappatura acustica dell infrastruttura aeroportuale D. Lgs. 194/05 Mappatura acustica ex D.Lgs 194/05 a cura di SEA Aeroporti di Milano Data: 29 giugno 2012 1 INTRODUZIONE La presente

Dettagli

Prof. Ing. Andrea Giuseppe CAPODAGLIO. Prof. Ing. Arianna CALLEGARI

Prof. Ing. Andrea Giuseppe CAPODAGLIO. Prof. Ing. Arianna CALLEGARI RIDUZIONE IMPATTO AMBIENTALE CERTIFICATI DI VALIDAZIONE DIFFUSIONE DELLE EMISSIONI ODORIGENE DAL CANALE DI INGRESSO DELL IMPIANTO DI NOSEDO: STUDIO DIFFUSIONALE DI CONFRONTO TRA RISULTATI DEL SISTEMA ODOWATCH

Dettagli

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali

ALLEGATO A. CAPO I Disposizioni Generali ALLEGATO A DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Indirizzi Operativi per la gestione organizzativa e funzionale del sistema di allertamento nazionale,

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

www.radiomontagna.org

www.radiomontagna.org Radiosondaggi Introduzione I radiosondaggi costituiscono una grandissima e per certi aspetti, l unica fonte di informazioni per la meteorologia, le informazioni raccolte tramite questa tecnica vengono

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA Parte IV Avvisi di sicurezza e carte significa>ve enav.it METEOROLOGIA AERONAUTICA PARTE IV I fenomeni pericolosi per l aviazione sono oggetto di appositi avvisi di sicurezza,

Dettagli

STUDIO DELL IMPATTO OLFATTIVO

STUDIO DELL IMPATTO OLFATTIVO Consorzio Gestione Servizi CGS Salerno s.r.l. via D. Cioffi Z.I. (SA) STUDIO DELL IMPATTO OLFATTIVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE A SERVIZIO DELL AREA INDUSTRIALE DEL COMUNE DI PALOMONTE (SA) PREMESSA Il problema

Dettagli

Il Sole Variazioni dell energia solare entrante: Obliquità orbitale Attualmente l asse di rotazione terrestre è inclinato di 23.4 rispetto alla perpendicolare sul piano orbitale terrestre. Ogni 41 000

Dettagli

I servizi del traffico aereo

I servizi del traffico aereo TURIN FLYING INSTITUTE I servizi del traffico aereo Circolazione aerea Carlo Molino A.S 2007/08 1.1 Il servizio del traffico aereo Gli stati membri dell ICAO sono tenuti ad indicare,in accordo con quanto

Dettagli

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR DEFINIZIONE DI WIND SHEAR Una variazione nella velocità e/o nella direzione del vento, includendo correnti ascendenti o discendenti. La definizione è tratta dalla Circolare ICAO 186 del 1987, che descrive

Dettagli

ISSN 2039-7941. Anno 2011_Numero 193. apporti. tecnici. Radiosondaggi atmosferici nell area etnea. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

ISSN 2039-7941. Anno 2011_Numero 193. apporti. tecnici. Radiosondaggi atmosferici nell area etnea. Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia t ISSN 2039-7941 Anno 2011_Numero 193 apporti tecnici Radiosondaggi atmosferici nell area etnea Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Direttore Enzo Boschi Editorial Board Raffaele Azzaro (CT)

Dettagli

Interazione tra Aeroporto e Territorio: Mappe di Vincolo e procedure di mitigazione. Ing. Galileo Tamasi Program Manager

Interazione tra Aeroporto e Territorio: Mappe di Vincolo e procedure di mitigazione. Ing. Galileo Tamasi Program Manager Interazione tra Aeroporto e Territorio: Mappe di Vincolo e procedure di mitigazione Ing. Galileo Tamasi Program Manager Contents - Introduzione - Lo schema logico della procedura di mitigazione - La costruzione

Dettagli

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI

TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI TRAFFICO AEREO AUTORIZZAZIONI 1 1 AUTORIZZAZIONI DEL CONTROLLO DEL TRAFFICO AEREO... 3 1.1 Autorizzazioni a volare provvedendo alla propria separazione in condizioni meteorologiche a vista... 6 1.2 Informazioni

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Associazione Amici Italia Islanda www.islanda.it - info@islanda.it 6

Associazione Amici Italia Islanda www.islanda.it - info@islanda.it 6 Le temperature medie in Gennaio nel periodo 1930-1960, periodo relativamente freddo. (Fonte: Iceland Meteorological Office / Markús Á. Einarsson). Associazione Amici Italia Islanda www.islanda.it - info@islanda.it

Dettagli

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile

Aggiornamento del sistema di allertamento e linee guida per la pianificazione del livello comunale e provinciale di Protezione Civile 2.4. FLUSSO INFORMATIVO E MESSAGGISTICA Il flusso informativo tra le diverse componenti del sistema di protezione civile e da/verso l esterno è un aspetto cruciale del piano regionale di gestione del rischio

Dettagli

MASSE D ARIA E PERTURBAZIONI

MASSE D ARIA E PERTURBAZIONI MASSE D ARIA E PERTURBAZIONI LE MASSE D ARIA La troposfera si compone di diverse porzioni d aria grandi, mutevoli e distinte le une dalle altre denominate masse d aria Caratteristiche di una massa d aria:

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Cieli chiusi ai civili, spalancati alla NATO - dalla falsa emergenza della nube di cenere al cielo unico

Cieli chiusi ai civili, spalancati alla NATO - dalla falsa emergenza della nube di cenere al cielo unico Cieli chiusi ai civili, spalancati alla NATO - dalla falsa emergenza della nube di cenere al cielo unico Il vulcanologo, professor Flavio Dobran, docente della New York University, prevede che l Etna e

Dettagli

IDS Ingegneria Dei Sistemi S.p.A. IDS Headquarters (Pisa)

IDS Ingegneria Dei Sistemi S.p.A. IDS Headquarters (Pisa) IDS Ingegneria Dei Sistemi S.p.A. IDS Headquarters (Pisa) 1 IDS in Italia IDS è un azienda di ingegneria fornitrice di sistemi e servizi ad elevata tecnologia per la ricerca, l'innovazione e di prodotti

Dettagli

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA

IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA IL RILIEVO LASER SCANNING DEL VULCANO ETNA INGV - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia L Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha usato il sistema a scansione laser (LiDAR Laser Imaging

Dettagli

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona

Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona Osservatorio Meteorologico Rifugio Fiori del Baldo 1850 metri - Monte Baldo Verona La sicurezza viene dal cielo www.meteomontebaldo.it L Osservatorio meteorologico Rifugio Fiori del Baldo é situato a 1850

Dettagli

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali

Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Corso di Trasporti Aerei Anno Accademico 2008-2009 Prof. L. La Franca Gli enti e le associazioni nazionali ed internazionali Elenco Enti: ICAO - FAA IATA EUROCONTROL EASA ENTI NAZIONALI ICAO (International

Dettagli

Stima della rifrattività radio superficiale in Sardegna

Stima della rifrattività radio superficiale in Sardegna Stima della rifrattività radio superficiale in Sardegna Ermanno Fionda (1), Fabrizio Pelliccia (2) (1) Fondazione Ugo Bordoni, Roma (I); ermanno@fub.it (2) Università di Perugia, Dip. di Ingegneria Elettronica

Dettagli

Alla scoperta dei vulcani del Mediterraneo 29 giugno 5 luglio 2014

Alla scoperta dei vulcani del Mediterraneo 29 giugno 5 luglio 2014 2014 Alla scoperta dei vulcani del Mediterraneo 29 giugno 5 luglio 2014 Divertiti a salire i tre fantastici vulcani attivi della Sicilia, nel cuore del Mare Mediterraneo! Organizzato da: Club Alpino Italiano

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014

FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 FPL - Novità introdotte AIRAC 11/2014 enav.it Web conference 02/12/2014 Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito

Dettagli

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria

Aeroporto di Lugo. Modifiche alle regole dell aria Aeroporto di Lugo Modifiche alle regole dell aria Documenti fonte REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 923/2012 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2012 + determinazioni ENAC ad esito GDL SERA ENAV-ENAC-AM

Dettagli

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000

6.1. Risultati simulazioni termovalorizzatore Osmannoro2000 pag. 217 6. Risultati Di seguito si riportano i risultati relativi alle diverse simulazioni di diffusione atmosferica degli inquinanti effettuate. In particolare sono riportati i risultati sotto forma

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0. BILANCIO AL TOP DELL ATMOSFERA RADIAZIONE SOLARE 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.8µ) L intensità della radiazione solare

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP

PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP IBN EDITORE prof. Francesco Iaccarino 1 PIANIFICAZIONE VFR STEP BY STEP Stabilire l aeroporto di partenza e di arrivo. Individuare le frequenze di comunicazione e di navigazione (DME, ADF, VOR, ILS). Effettuare

Dettagli

CORSO PRATICO PER PILOTA APR E CERTIFICAZIONE AL VOLO

CORSO PRATICO PER PILOTA APR E CERTIFICAZIONE AL VOLO Pag. 1 di 5 REGOLE GENERALI PREREQUISITI CANDIDATO CORSO PRATICO PER PILOTA APR E CERTIFICAZIONE AL VOLO 1. I candidati devono avere almeno 18 anni di età. 2. I candidati devono fornire prova di aver superato

Dettagli

IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR. Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti

IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR. Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti Meteorologia per la qualità dell aria la valutazione della qualità dell aria e in particolare l

Dettagli

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO

DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO REV. 0 PAG. 1/ DIFFUSIONE DELLE INFORMAZIONI SULL OPERATIVITÀ DELL AEROPORTO INDICE 6.0 SCOPO... 3 6.1 CAMPO DI APPLICAZIONE... 4 6.2 RIFERIMENTI... 5 6.3 RESPONSABILITÀ ED ATTIVITÀ... 6 6.4 Eventi per

Dettagli

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente

Sicurezza del Volo. Analisi di un incidente Sicurezza del Volo Aeroclub dello Stretto Scuola di volo Magis fatigo ut doleas DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS DO NOT FORGET DO NOT MISS Briefing del 11 maggio 2013 ore 18.00LMT Speaker: C.Ti: Ezio

Dettagli

L umidità atmosferica

L umidità atmosferica L umidità atmosferica Gli stati fisici dell acqua Nell atmosfera è sempre contenuta una certa quantità di acqua, in parte allo stato solido e liquido (nubi), in parte allo stato gassoso. Quest ultima deriva

Dettagli

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014 Regione Toscana Servizio Idrologico Regionale CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE TOSCANA DL 11/07/1998, n. 180; Legge 3/08/1998, n. 267; DPCM del 15/12/1998 Delibera G.R. n. 1003 del 10/09/2001; Delibera

Dettagli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli

Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera. L. Trainelli Lezioni di Meccanica del Volo 2 - Modello dell atmosfera L. Trainelli 1 2 Indice 1 INTRODUZIONE.......................... 3 1.1 Caratteristiche dell atmosfera.................... 3 1.2 Regioni dell atmosfera........................

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO D ASTI

CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO D ASTI STRUTTURA COMPLESSA - Dipartimento di Asti STRUTTURA SEMPLICE - Produzione RELAZIONE PRELIMINARE n. 07_12_B5.16 CARATTERIZZAZIONE DELLO STATO DI QUALITA DELL ARIA ZONA INDUSTRIALE DI ASTI CORSO ALESSANDRIA/QUARTO

Dettagli

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia

Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Advisory Council for Aviation Research and Innovation in Europe - Italia Strategic Research & Innovation Agenda - Italia Executive Summary Marzo 2014 Realising Europe s vision for aviation Strategic Research

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT)

REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) REGOLAMENTO OPERATIVO AVIOSUPERFICIE E. MATTEI PISTICCI (MT) 1 PREFAZIONE Il presente Regolamento Operativo costituisce una piccola raccolta di disposizioni,norme e criteri operativi che devono essere

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA

ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA ESPERIENZE DELL ARPA VALLE D AOSTA NELLA VALUTAZIONE INTEGRATA DELLA QUALITA DELL ARIA Manuela Zublena, Giordano Pession Italia Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Valle d Aosta Sezione

Dettagli

Trasmissione termica

Trasmissione termica ISOLAMENTO TERMICO Per oltre 80 anni l utilizzo della vetrata isolante è stata riconosciuta come una condizione essenziale per garantire l isolamento termico degli edifici. Recenti sviluppi tecnologici

Dettagli

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE

IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE IMPARIAMO A LEGGERE LE CARTE AERONAUTICHE BREVE GUIDA PER PILOTI DI PARAPENDIO E DELTAPLANO redatta con il supporto dell amico, socio e pilota Daniele Baranzini Pagina 1 La presente dispensa si pone come

Dettagli

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing.

RELATORE: Prof. Ing. Placido Munafò. TESI DI LAUREA DI: Emanuela Sbriccoli. CORRELATORI: Dott. Ing. Costanzo Di Perna. Dott. Ing. UNIVERSITA POLITECNICA DELLE MARCHE - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE - ARCHITETTURA ANALISI DELL EFFICACIA DELLE SCHERMATURE SOLARI: CONFRONTO FRA UN MODELLO IDEALE E UN CASO

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi.

L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi. Premessa L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi. Clima: condizioni atmosferiche che si ripetono; fattori essenziali del clima

Dettagli

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 1 - DEFINIZIONE - COMPOSIZIONE TEMPERATURA - PRESSIONE - DENSITÀ RELAZIONE PRESSIONE - QUOTA - TEMPERATURA SUPERFICI ISOBARICHE - ATMOSFERA STANDARD ICAO SISTEMI

Dettagli

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE

LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LEZIONI DEL LABORATORIO DI PROGETTAZIONE TECNICA E STRUTTURALE - A.A. 2013-14 DOCENTE ING. GIUSEPPE DESOGUS IL PERCORSO DEL SOLE LA POSIZIONE DEL SOLE È noto che la terra ruota intorno al sole muovendosi

Dettagli

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015

Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 Pianificazione Invernale Edizione 2014-2015 PIANIFICAZIONE INVERNALE PER LA GESTIONE DELLA VIABILITA E REGOLAMENTAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI PESANTI IN AUTOSTRADA IN CASO DI PRECIPITAZIONI NEVOSE

Dettagli

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale

Ente Nazionale per l'aviazione Civile. Regolamento. Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Ente Nazionale per l'aviazione Civile Regolamento Operazioni Ogni Tempo nello Spazio Aereo Nazionale Edizione 1-30/06/2003 REGOLAMENTO ENAC Operazioni ogni tempo nello spazio aereo nazionale Art. 1 Definizioni

Dettagli

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica

08.3. Attività. Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica 08.3 Attività Procedure strumentali di volo e cartografia aeronautica ENAV progetta per l aviazione civile tutte le procedure strumentali di volo e realizza la cartografia aeronautica. Il servizio comprende

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

AVVISI E CARTE. Le carte aeronautiche sono: SIGMET AIRMET Avvisi d aeroporto Avvisi di wind shear

AVVISI E CARTE. Le carte aeronautiche sono: SIGMET AIRMET Avvisi d aeroporto Avvisi di wind shear AVVISI E CARTE I fenomeni pericolosi per l aviazione sono oggetto di appositi avvisi di sicurezza e di carte aeronautiche che ne segnalano la presenza, la previsione di durata, la posizione e l estensione

Dettagli

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA

SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA giunta regionale 10^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 683 del 17 maggio 2016 pag. 1/6 SCHEMA DI PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE DEL VENETO, rappresentata da L AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2012-2013 L inverno 2012-2013 (trimestre dicembre 2012 febbraio 2013) è stato caratterizzato nella nostra regione sia da

Dettagli

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale

Qualità dell aria. Il monitoraggio ambientale Il monitoraggio ambientale Qualità dell aria Obiettivo primario: garantire a tutto il territorio livelli di qualità dell aria compatibili con la salute umana e dell ambiente Il monitoraggio della qualità

Dettagli

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana.

Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Il monitoraggio geodetico di una frana Il monitoraggio geodetico di una frana è un controllo nel tempo di tipo geometrico sulle variazioni della forma della superficie del corpo di frana. Per determinare

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche A cura di Fabio Turetti Leggiamo spesso nelle previsioni e in articoli di meteorologia il termine geopotenziale. Vediamo di chiarire un

Dettagli

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi

Il Progetto ASI PRIMI. PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Il Progetto ASI PRIMI PRogetto pilota Inquinamento Marino da Idrocarburi Nonostante la protezione dell ambiente marino sia di interesse internazionale primario, lo scarico illegale di idrocarburi a mare

Dettagli

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA misura della pressione atmosferica: barometri barometro a mercurio (Torricelli( Torricelli) è il più accurato necessita di correzioni per: altitudine

Dettagli

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015

ROMA ACC. Giornata di Studio. Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 ROMA ACC Gruppo Tematico Sistemi di Rilevamento, Monitoraggio e Navigazione Giornata di Studio Sistemi e tecnologie per il controllo del traffico aereo Giovedì, 22 Gennaio 2015 Sede ENAV/ACC di Ciampino

Dettagli

METEOROLOGA METEOROLOGO

METEOROLOGA METEOROLOGO Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 METEOROLOGA METEOROLOGO Aggiornato il 9 luglio 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2014 L estate 2014 (trimestre giugno-luglio-agosto 2014) verrà ricordata come particolarmente anomala sia nella nostra regione

Dettagli