CESI. A Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 1/43

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CESI. A5049676 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 1/43"

Transcript

1 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 1/43 Cliente Ricerca di Sistema (secondo periodo) Oggetto Sperimentazione CMR su impianto pilota Ordine L17138H Note GEN21/CO2/Workpackage 2 (CO2CAT)/ milestone rapporto 1/1 della milestone La parziale riproduzione di questo documento è permessa solo con l'autorizzazione scritta del CESI. N. pagine 43 N. pagine fuori testo Data 30/12/2005 Elaborato Broglia Maria, Radaelli Mariano Mod. RAPP v. 01 Verificato Approvato Savoldelli Paolo, Mazzocchi Luigi Bregani Fiorenzo (CESI-GEN) CESI Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano Giacinto Motta SpA Via R. Rubattino Milano - Italia Telefono Fax Capitale sociale Euro interamente versato Codice fiscale e numero iscrizione CCIAA Registro Imprese di Milano Sezione Ordinaria N. R.E.A P.I. IT

2 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 2/43 Indice SOMMARIO INTRODUZIONE IMPOSTAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI SHIFT CON REATTORE A MEMBRANA DIMENSIONAMENTO DEL REATTORE A MEMBRANA Aspetti termodinamici Selezione della membrana selezione del catalizzatore verifica del processo APPARATO SPERIMENTALE DATI DI PROGETTO DEL CIRCUITO CMR SEZIONE DI PROVA SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI RISULTATI SPERIMENTALI CARATTERIZZAZIONE A PERMEAZIONE DELLA MEMBRANA REAZIONE DI SHIFT CON CMR CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA Copyright 2005 by CESI. All rights reserved - Activity code 27784E

3 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 3/43 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione 0 30/12/2005 Prima emissione SOMMARIO In questo rapporto sono presentati e discussi i risultati delle prove di laboratorio su impianto pilota finalizzate alla valutazione della fattibilità del processo di shift del gas di sintesi con reattore catalitico a membrana (CMR). La sperimentazione, focalizzata sulla reazione di shift a bassa temperatura ( C), aveva l obiettivo di verificare che il CMR consente di ottenere una conversione della reazione maggiore rispetto a un reattore tradizionale e, possibilmente, anche rispetto al valore corrispondente all equilibrio termodinamico. L attività ha innanzitutto riguardato la selezione e la definizione delle caratteristiche funzionali della membrana e del catalizzatore da utilizzare nel reattore, e il relativo dimensionamento. In questa ottica è stata sintetizzata e caratterizzata a permeazione una membrana composita asimmetrica costituita da uno strato di palladio (23-24%) -argento (76-77%) depositato elettrochimicamente su un substrato ceramico di α-allumina a porosità controllata. Lo strato depositato (internamente al supporto tubolare) presenta uno spessore di µm. Per quanto riguarda il catalizzatore la scelta è caduta sul C-18-AMT prodotto da Sud Chemie, già impiegato nelle prove di shift con reattore convenzionale (milestone ). Il suddetto catalizzatore, a base di Cu/Zn, opera nell intervallo di temperatura compresa tra C e per pressioni fino a 40 bar. L attività ha quindi riguardato il progetto, la costruzione e il collaudo dell impianto pilota in cui inserire il reattore a membrana, progettato e costruito al CESI (milestone ). In particolare in sede di collaudo si è verificato che la soluzione costruttiva utilizzata per il reattore a membrana (tenuta radiale tra reattore metallico e modulo ceramico mediante l impiego di guarnizioni in grafite e impermeabilizzazione degli estremi della membrana con resina epossidica), consente di minimizzare le fughe dei gas di processo attraverso le tenute e mantenerle a valori accettabili rispetto agli obiettivi della sperimentazione. L attività sperimentale sull impianto pilota ha infine confermato la fattibilità del processo di shift a bassa temperatura con CMR in quanto sono state ottenute conversioni superiori ai valori corrispondenti all equilibrio termodinamico (e quindi, a maggior ragione rispetto ad un reattore tradizionale). La differenza tra dati sperimentali e valori all equilibrio, come atteso, diventa più marcata all aumentare della temperatura e della differenza di pressione a cavallo della membrana (driving force del processo di separazione). L idrogeno separato, nonostante l inquinamento di CO 2 dovuto alle perdite attraverso le tenute, presenta una purezza che varia dal 94 al 97.5% ed è pertanto potenzialmente utilizzabile come combustibile. Il fattore di recupero dell idrogeno (percentuale d idrogeno separato) è risultata invece abbastanza basso (al massimo 37%) rispetto a quanto previsto in sede progettuale (80%); questo fatto è stato, con ogni probabilità, determinato da un imperfetto condizionamento della membrana in temperatura. Tale osservazione è contingente in quanto legata alle prestazioni dello specifico esemplare di membrana impiegata e quindi non pregiudica l esito positivo della verifica di fattibilità del CMR.

4 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 4/43 In sintesi la sperimentazione, oltre ad aver confermato la fattibilità del processo di shift a bassa temperatura con CMR, ha consentito di evidenziare le criticità legate allo sviluppo della tecnologia CMR per un suo potenziale utilizzo anche nei processi di shift ad elevata temperatura e reforming del metano e, conseguentemente, di definire le relative priorità di ricerca legate, in particolare, alle seguenti tematiche : Ottimizzazione della procedura di preparazione delle membrane su supporto ceramico Sintesi di membrane in lega di palladio su supporto metallico (es acciaio inossidabile sinterizzato) Sviluppo di giunzioni metallo-ceramiche che assicurino una perfetta tenuta dell accoppiamento reattore membrana valutazione in prove di lungo termine della stabilità delle caratteristiche meccaniche e separative delle membrane.

5 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 5/43 1 INTRODUZIONE Nel reattore catalitico a membrana (CMR) due processi distinti, conversione chimica catalizzata e separazione dei prodotti di reazione con membrana, sono combinati nella medesima unità. In particolare il CMR può essere utilizzato per la simultanea cattura della CO 2 e la produzione di H 2 : a partire dal gas di sintesi (miscela di H 2, CO, CO 2 ) prodotto nel processo di gassificazione del carbone; nel processo di reforming con vapore del gas naturale o di altri combustibili. Nella prima applicazione il CMR consente di combinare in un unico stadio la reazione WGS (Water Gas Shift): CO + H 2 O CO 2 + H 2 e la separazione dei prodotti di reazione. L idrogeno viene asportato in continuo dalla zona di reazione attraverso la membrana, rimuovendo le barriere termodinamiche della reazione WGS e aumentando di conseguenza la resa della reazione. L idrogeno prodotto, a seconda del grado di purezza, può essere utilizzato per alimentare celle a combustibile (PEM) o come combustibile per motori a combustione interna o turbine a gas, e il calore recuperato per la generazione di potenza con turbina a vapore. La CO 2 separata è invece disponibile per essere confinata o riutilizzata. Similmente il CMR può essere utilizzato per produrre H 2 da altri combustibili, quali il gas naturale. In questo caso le reazioni di reforming (CH 4 + H 2 O = CO + 3H 2 ) e WGS vengono combinate in un unico stadio in cui avviene anche la separazione dell H 2 dalla CO 2, con rese potenziali dell 85-90%. Anche in questo caso il CMR può essere integrato in un ciclo combinato con turbina a gas. La ricerca intrapresa dal CESI si propone di valutare la fattibilità della tecnologia CMR per le suddette applicazioni, in particolare relativamente allo shift del gas di sintesi prodotto nel processo di gassificazione del carbone. Essa si articola nelle seguenti fasi (fig. 1): (1) sintesi di membrane e caratterizzazione delle loro prestazioni (selettività e permeabilità); (2) sviluppo di un modello del CMR per la valutazione dei parametri di processo; (3) progettazione e realizzazione di un CMR pilota; (4) sperimentazione su impianto pilota per valutazione fattibilità processo; (5) analisi dell integrabilità del CMR in processi di produzione dell energia elettrica; Questo rapporto, si focalizza sulle fase 4 della ricerca e utilizza i risultati ottenuti nelle fasi 1, 2, 3, i cui risultati sono riportati nei rispettivi rapporti di milestone [1, 2, 3]. In particolare si è deciso di focalizzare la sperimentazione sulla reazione di shift a bassa temperatura ( C), utilizzando il reattore progettato in [3] e una membrana di Pd-Ag sintetizzata in accordo alla procedura descritta in [1]. Obiettivo della sperimentazione è verificare che la conversione della reazione di shift con reattore catalitico a membrana risulti maggiore rispetto a quella ottenibile con un reattore tradizionale e, quindi, più elevata rispetto al valore corrispondente all equilibrio termodinamico. In particolare l attività si articola nelle seguenti fasi: progettazione, costruzione e collaudo dell impianto pilota per prove di shift con CMR caratterizzazione a permeazione della sola membrana prove di shift con reattore a membrana

6 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 6/43 1. Sintesi e caratterizzazione membrane 2. Sviluppo modello CMR 3. Progetto e costruzione CMR 4. Prove su loop pilota 5. Integrazione del CMR in processi di produzione energia Figura 1 Diagramma di flusso delle attività relative al CMR

7 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 7/43 2 IMPOSTAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE 2.1 Descrizione del processo di shift con reattore a membrana Lo schema del processo di shfit del gas di sintesi con reattore catalitico a membrana è riportato nella seguente figura. Vapore Gas lavaggio (N 2 ) H 2 H 2 N 2 + H 2 Gas povero in H 2 Gas lavaggio (N 2 ) H 2 H 2 N 2 + H 2 Gas di sintesi Figura 2 Schema del processo di shift con CMR Il gas di sintesi (miscela di CO, CO 2, H 2 ) viene miscelato con vapore in rapporto stechiometrico in eccesso rispetto al CO, ed inviato al reattore a membrana (CMR) che, essenzialmente, presenta una configurazione simile ad uno scambiatore di calore cilindrico coassiale. La miscela di gas entrante fluisce all interno della membrana riempita con catalizzatore dove simultaneamente avviene la reazione di shift (CO+H 2 O = CO 2 +H 2, H = - 41 kj/mol) e la separazione dell H 2. 1 La driving force del processo di separazione risulta la differenza di pressione parziale dell H 2 a cavallo della membrana. 2 Nel lato mantello fluisce un gas di lavaggio (ad esempio azoto) che assolve la duplice funzione di abbassare la pressione parziale di H 2 aumentando il flusso di permeazione e di asportare parte del calore generato della reazione shift. Dal lato reazione, all uscita del reattore si troverà una miscela impoverita in H 2 e CO e ricca in CO 2 e H 2 O, la cui composizione dipende dal grado di conversione della reazione di shift e dall efficienza di rimozione dell H 2 da parte della membrana. La definizione dell assetto e delle condizioni sperimentali in cui verificare la fattibilità dello shift con CMR deve tener conto di fattori intrinseci al processo quali la composizione del gas (in particolare rapporto H 2 O/CO), le caratteristiche di permeazione della membrana e la cinetica della reazione in presenza del catalizzatore, e dei limiti operativi determinati dalle caratteristiche costruttive del reattore a 1 Se la membrana non presenta selettività infinita dell H 2 rispetto agli altri gas si ha anche un passaggio di CO e CO 2 attraverso la membrana. 2 Il meccanismo di permeazione dell H 2 e la relativa legge di dipendenza del flusso di permeazione dalla pressione dipendono del tipo di membrana [2].

8 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 8/43 membrana (massima temperatura di esercizio, volume utile) e del circuito di prova (pressione di lavoro, range di misura dei misuratori di portata, sensibilità strumentazione analitica). Tali aspetti verranno brevemente discussi nel paragrafo seguente. 2.2 Dimensionamento del reattore a membrana Aspetti termodinamici Gli impianti di gassificazione (IGCC) offrono interessanti opportunità per integrare la cattura della CO 2 in un ciclo combinato alimentato dal carbone come fonte primaria. Come illustrato in fig. 3, la CO 2 può essere recuperata prima della combustione facendo reagire il gas di sintesi, purificato, con vapore in un reattore catalitico per produrre CO 2 e H 2, mediante la reazione WGS (Water Gas Shift): CO + H 2 O = CO 2 + H 2 ( H = - 41,16 KJ/mole) La reazione è debolmente esotermica e la resa è termodinamicamente limitata; in particolare la cattura della CO 2 mediante la reazione WGS richiede un doppio stadio con un raffreddamento intermedio e, successivamente, uno step di separazione dall H 2. Lo stadio ad alta temperatura (fino a 550 C) della reazione WGS avviene tipicamente su un catalizzatore a base di Co-Mo resistente ai solfuri, mentre lo stadio a bassa temperatura ( C) avviene su un catalizzatore a base di rame. Come si evince dall andamento decrescente del K p della reazione di shift in funzione della temperatura (fig. 4) i maggiori vantaggi relativi all impiego del CMR si dovrebbero ottenere ad elevate temperature, tuttavia, come ampiamente discusso in [3] 3, il CMR costruito al CESI deve operare a temperature inferiori a 300 C in quanto la resina epossidica utilizzata per la sigillatura degli estremi è instabile a temperature più elevate. Per questo motivo si è deciso di focalizzare l attenzione sullo shift di bassa temperatura, operando quindi secondo lo schema concettuale riportato in fig. 5. Tale tipo di approccio, per quanto dettato da condizioni contingenti, viene attualmente perseguito da alcuni dei principali laboratori europei impegnati nella ricerca quali Sintef [4] ed ECN [5] e rappresenta una step intermedio significativo nello sviluppo di membrane composite in lega di palladio per CMR. La miscela da trattare con il CMR presenta pertanto una composizione (percentuale in volume sul secco) tipica del gas in uscita dallo shift di alta temperatura: H 2: 55% CO: 10% CO : 35% 2 La resa della reazione di shift, dipende, oltre che dalla temperatura, dal rapporto stechiometrico H 2 O/CO. Tale dipendenza è evidenziata in fig. 6 dove, per la suddetta miscela di gas, viene riportato l andamento della conversione in funzione del K p, per diversi valori del rapporto H2O/CO, ed il confronto con il K eq nell intervallo di temperature C. Si può osservare, ad esempio che a T = 200 C, per valori di H 2 O/CO =4 è possibile raggiungere una conversione di oltre il 95% del CO, mentre per H 2 O/CO =1,5 la conversione è di poco inferiore all 80%. Aumentando la temperatura la conversione diminuisce; ad esempio a T =280 C, i suddetti valori scendono rispettivamente a circa l 82% e al 42%. 3 La realizzazione di un tenuta impermeabile ai gas tra substrato ceramico della membrana e reattore metallico risulta uno dei problemi tecnologici di maggior rilievo nello sviluppo del CMR.

9 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 9/43 Per quanto riguarda la sperimentazione, nell ottica di evidenziare i benefici relativi all impiego del CMR, risulta quindi opportuno operare variando i valori della temperatura e del rapporto H 2 O/CO negli intervalli sopra riportati. Risulta altresì chiaro che i maggiori benefici rispetto ad un reattore tradizionale dovrebbero evidenziarsi per temperature prossime a 280 C per bassi valori del rapporto H 2 O/CO Selezione della membrana Per l attività sperimentale viene utilizzata una membrana composita asimmetrica costituita da uno strato di palladio-argento depositato elettrochimicamente su un substrato ceramico di α-allumina a porosità controllata. La metodologia di sintesi della membrana (deposizione elettrochimica da soluzione e successivo trattamento termico per l ottenimento della lega) è riportato in rif. 1. La membrana presenta le seguenti caratteristiche morfologiche e dimensionali: Supporto ceramico tubolare in α-allumina con porosità di 0.2 µm sul lato interno fornito da Pall - Exekia Diametro interno: 7 mm Diametro esterno: 9 mm Lunghezza: 145 mm Strato depositato (internamente al supporto) in Pd 76-77% Ag 23-24%,dello spessore di µm S i assume che la permeazione dell idrogeno J (moli/s/m 2 ) segue la legge di Sievert: J = (B/t) (P f 0.5 P p 0.5 ) dove B (moli/sec/m/pa 1/2 ) rappresenta la permeabilità, t lo spessore della membrana, P f e Pp la pressione parziale di idrogeno nell alimento e nel permeato. L andamento della permeabilità con la temperatura (T) viene espresso dall equazione di Arrhenius: B = B 0 exp(-e/rt) dove B 0 rappresenta il coefficiente di permeabilità ed E l energia di attivazione. In prima approssimazione vengono assunte per la membrana le caratteristiche a permeazione determinate sperimentalmente su membrane di Pd sintetizzate al CESI [1,3] 4 : Coefficiente di permeabilità: 2.94 *10-8 mol/s/m Energia di attivazione: J/mol selettività H 2 /altri gas (CO 2, CO, H 2 O) > 100 /Pa Nelle sperimentazioni precedenti sono state caratterizzate a permeazione soltanto membrane di palladio [1-3]. Il palladio puro, tuttavia, si infragilisce in presenza d idrogeno e subisce deformazioni durante ciclaggi termici a causa della transizione dalla forma allotropica α (stabile per T < 290 C ) a quella β. L aggiunta di un elemento di lega quale l argento stabilizza la fase β rispetto a quella α anche a bassa temperatura. Di qui la necessità di utilizzare membrane in Pd-Ag per la sperimentazione in oggetto in cui si opererà tra 200 e 280 C.

10 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 10/ selezione del catalizzatore Per l attività sperimentale viene utilizzato il catalizzatore C-18-AMT prodotto da Sud Chemie, già impiegato nelle prove di shift con reattore convenzionale [4]. Il suddetto catalizzatore, a base di Cu/Zn, opera nell intervallo di temperatura compresa tra C e per pressioni fino a 40 bar, e presenta rese ottimali per velocità spaziali inferiori a 2000 h -1 (Nl/h/l). Il catalizzatore viene fornito in sfere delle dimensioni di 5mm che, per le prove in oggetto, considerato il diametro della sezione di prova (7 mm) sono stati opportunamente polverizzati. Assumendo di operare con una velocità spaziale massima di 2000 h-1 5 e una pressione tra 2 e 3 bar ass, considerato che il volume utile del reattore è di circa 5 cc, le portate di gas da trattare saranno comprese tra 20 e 30 Nl/h. Ai fini delle successive verifiche della superficie di permeazione si può pertanto assumere una portata di gas massima di 30 Nl/h verifica del processo Scopo di questo calcolo è verificare che la superficie della membrana sia adeguata a rimuovere l idrogeno presente nel gas e quello prodotto dalla reazione di shift. Per il suddetto calcolo si è utilizzato il codice descritto in rif. 2, che assimila la membrana a un separatore puro. I dati di input sono i seguenti: portata volumetrica totale di gas da trattare: 30 Nl/h Composizione volumetrica miscela gassosa in ingresso, (miscela di gas in uscita da shift di alta temperatura): H 2 : 55% CO: 10% CO 2 : 35% composizione volumetrica della miscela umida da trattare Assumendo un rapporto H 2 O/CO = 4 si ottiene: Fraz.molare g/h (%) H CO 7, CO 2 25,5 25 H 2 O 27, conversione della reazione di shift: 90% pressione lato reattore: 3 bar 5 si può ragionevolmente ritenere che, a causa dell aumento della superficie specifica del catalizzatore, la resa della reazione presenti buoni valori anche per velocità spaziali superiori a 2000 h -1

11 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 11/43 pressione lato permeato: 1 bar efficienza di separazione: 90% portata gas di lavaggio: N 2 : 140 Nl/h I risultati sono i seguenti: composizione gas in uscita, lato reazione: Fraz. m olare (%) g/h H 2 lato estrazione: 1.12 g/h 2 superficie di membrana: 32 cm H CO CO H 2 O la superficie della membrana, di 31.9 cm 2 risulta pertanto sufficiente per rimuovere l idrogeno presente in alimento e quello prodotto dalla reazione di shift con un efficienza del 90%.

12 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 12/43 Figura 3 Schema di un IGCC con recupero della CO 2 ante-combustione [8] K eq = 7E+11*T -4, K eq T( C) Figura 4 Andamento del K eq della reazione di shift in funzione della temperatura [9]

13 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 13/43 N 2 Gas di sintesi purificato Reattore di shift ad alta T CMR shift a bassa T H 2 +N 2 vapore raffreddamento vapore CO 2 Figura 5 Schema concettuale per l impiego del CMR nello shift di bassa temperatura T( C) H2O/CO=4 80 conversione (%) H2O/CO=1, Kp Figura 6 Andamento della conversione della reazione di shift in funzione del K p per diversi valori del rapporto H 2 O/CO: confronto con il Keq nell intervallo di temperature C.

14 CO CO2 ANIDRIDE CARBONICA N 2 AZOTO H 2 IDROGENO FI 02 FI 03 FI 04 FI 05 FI 01 FC 02 FC 03 FC 04 FC 05 FC 01 VR02 VR03 VR04 VR05 VR01 VR06 FORNO 01 FI 06 PI 01 TI 01 PAH 01 TI 02 PC 01 PT 01 DPT 01 DPI 01 TAH 05 TI 05 TI 04 TI 03 TAH 03 VS1 DPAH 01 TAH 06 TE 05 TE 04 TE 03 TI 06 TE 06 R1 TI 07 TAH 08 TI 08 TE 08 E01 TI 10 TE 10 TAH 09 TI 09 TE 09 E02 SCARICATORE DI CONDENSA TAH 11 TI 11 TE 11 PCV01 CESI Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 14/43 3 APPARATO SPERIMENTALE Di seguito vengono presentate le caratteristiche del circuito sperimentale realizzato per lo svolgimento dei test di shift catalittico. 3.1 Dati di progetto del circuito CMR Presso il CESI è stato progettato e realizzato un circuito pilota in grado di svolgere test con un prototipo di Catalityc Membrane Reactor (CMR). Lo schema funzionale dell impianto sperimentale realizzato per lo svolgimento di prove di Shift catalitico con reattore a membrana (CMR), è riportato in figura 7. L impianto è costituito da tre sezioni principali: circuito di alimentazione dei gas di processo al reattore catalitico a membrana (R1); i gas di processo che vengono inviati al reattore sono: CO, CO2, H2, N2 e acqua, circuito secondario per l alimentazione del gas di lavaggio del permeato (denominato sweep gas) che è costituito da azoto (N2), circuito di raffreddamento dei gas in uscita dal reattore e dal circuito di sweep gas, allo scopo di condensare il vapore d acqua e consentire quindi le analisi gas cromatografiche.. N L M L A B C I D H E G F Fig. 7: Schema di flusso dell impianto pilota realizzato per lo svolgimento di test di reforming catalitico del metano. I reattivi inviati al circuito primario e secondario sono in forma gassosa e provengono da bombole in pressione, mentre l acqua è inviata al reattore con l impiego di una pompa dosimetrica a doppio pistone in grado di erogare portate costanti con incrementi minimi di 0.1 cc/min. La portata minima di acqua è quindi di 0.1cc/h (6cc/h). Le caratteristiche principali del circuito pilota sono:

15 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 15/43 Parametro di progetto pressione massima linee pressione di esercizio reattore portata azoto portata idrogeno portata minima acqua portata anidride carbonica portata ingresso monossido di carbonio portata minima di sweep gas (N2) portata in uscita dal reattore (circuito primario) portata in uscita dal circuito secondario portata acqua refrigerante Dato di progetto 15 bar 5 bar 300 Nl/h 25 Nl/h 6 cc/h 25 Nl/h 25 Nl/h 140 Nl/h 20 Nl/h 145 Nl/h 200 Kg/h Il prototipo del reattore CMR realizzato presenta le seguenti caratteristiche: Parametro di progetto Dato di progetto Diametro tubo esterno 60.3 mm Lunghezza utile tubo 140 mm Lunghezza del letto catalitico diluito 120 mm Temperatura massima di esercizio 900 C Pressione massima di esercizio continuo 5 bar produzione prevista di idrogeno circa 2.0 Nl/h Il circuito è dotato di una serie di misuratori di portata (mass flow meter), pressione e temperatura che permettono il controllo ed il monitoraggio del processo in atto. L analisi dei gas prodotti viene eseguita con un gas cromatografo della Varian tipo CP-2003P. Questo consente di eseguire un analisi quantitativa sulle miscele uscenti sia dal circuito primario (reattore) che dal circuito secondario (sweep gas); in particolare sono state eseguite delle curve di taratura che consentono la determinazione quantitativa delle seguenti specie: idrogeno (H 2 ), azoto (N 2 ), ossigeno (O 2 ), metano (CH 4 ), monossido di carbonio (CO) e biossido di carbonio (CO 2 ). Il riscaldamento del circuito viene eseguito con l impiego di un forno orizzontale con le seguenti caratteristiche: Parametro Dato di progetto Temp. massima ( C) 1700 Diametro interno (mm) 750 Diametro esterno (mm) 930 Uso forno orizzontale Potenza massima (kw) 9.0 Il forno è dotato di un sistema di riscaldamento a tre sezioni, queste sono comandate da una centralina che permette di ottenere una zona centrale di circa 300 millimetri ad una temperatura costante. La figura 8 mostra il sistema sperimentale adottato per i test di CMR; nella figura sono evidenziati i principali componenti: Forno e centralina di controllo di temperatura sistema di acquisizione: personal computer e data logger, pompa dosimetrica e serbatoio dell acqua, flangia ingresso reagenti.

16 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 16/43 Sistema di acquisizione forno Ingresso reattivi Serbatoio acqua Centralina di controllo Fig. 8: Sistema sperimentale adottato per i test CMR. Pompa dosimetrica

17 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 17/43 Flangia principale Linea per il lavaggio forno Sweep gas out H2O Gas in Sweep gas in Gas out Termocoppia Fig.9: Flangia principale del forno. La figura 9 mostra la flangia principale sulla quale è stato installato l assieme che sostiene il reattore CMR (vedi paragrafo 3.3). La figura riporta anche i diversi punti di alimentazione e scarico dei flussi gassosi entranti nel reattore e in uscita da esso. I gas in uscita vengono inviati a due scambiatori ariaacqua dal volume di circa 2 litri, che consentono il raffreddamento dei flussi gassosi in uscita dal reattore e dalla linea di sweep gas. In particolare la linea uscente dal reattore (linea primaria), contiene una elevata quantità di acqua non utilizzata dalla reazione, questa deve essere eliminata prima dell invio del gas al gas cromatografo. Lo scambiatore presenta infatti sul fondo una valvola di spurgo che consente di eliminare l eccedenza d acqua che viene condensata durante il raffreddamento del gas scaricato. Questa operazione risulta necessaria in quanto la presenza di acqua al gas cromatografo provoca un malfunzionamento delle colonne cromatografiche. La termocoppia, come mostrato in figura, è inserita al centro della flangia e questo consente l inserimento della stessa all interno del reattore. La termocoppia consente il rilevamento di tre temperature ad una distanza di circa 60 millimetri; questo consente la determinazione della temperatura di ingresso, mediana e di uscita dal reattore catalitico a membrana, denominate rispettivamente Tc03, 02 e 01. La misura della temperatura interna del reattore fornisce indicazioni necessarie riguardo al processo in atto.

18 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 18/43 Linea di spurgo gas di lavaggio forno Linee gas mass flow meter Fig.10: Flangia posteriore. La figura 10 riporta la flangia posteriore del forno; in essa si nota la linea di scarico del gas di lavaggio del forno. Il forno è costantemente mantenuto in condizioni di atmosfera inerte, a tal fine si è impiegato un flusso costante di azoto (N 2 ) ad una portata di circa 10 NLt/h con una leggera sovrapressione determinato dal contabolle montato in coda alla linea. La spirale inserita prima del contabolle consente al gas di lavaggio scaricato di raggiungere temperature di circa C. Il gas viene quindi inviato alla cappa aspirante per il successivo scarico in atmosfera. Dalla figura sono anche evidenziate le linee di alimentazione dei gas di reazione e i diversi mass flow meter che controllano le diverse portate. 3.2 Sezione di Prova Il disegno della sezione di prova 6 è riportato in figura 11 dove, in aggiunta alle caratteristiche geometriche e dimensionali dei componenti (membrana, involucro esterno, testate e tubazioni di ingresso/uscita dei gas di processo), vengono indicate le caratteristiche relative alle guarnizioni di Grafoil che assicurano la tenuta tra involucro metallico e membrana. All interno del reattore é stata inserita una termocoppia dal diametro di 2 mm con tre piani di misura per valutare il profilo di temperatura lungo il reattore. La tenuta tra membrana ceramica e reattore metallico è realizzata mediante: l impiego di guarnizioni in grafite grafoil che assicurano una compensazione della differenza di coefficiente di dilatazione termico dei due materiali (la tenuta, di tipo radiale, viene effettuata durante il montaggio per compressione della testa del reattore sull anello in grafite); 6 Il progetto della sezione di prova è riportato nel dettaglio in rif. 3.

19 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 19/43 l impermeabilizzazione degli estremi della membrana con una resina epossidica stabile in temperatura fino a 300 C (resina tipo G-1, prodotta da GATAN); La suddetta soluzione, se da un lato non è da considerarsi ottimale in vista dello sviluppo di un prodotto/prototipo industriale che deve assicurare di operare in continuo nel lungo termine, ed a più elevata temperatura, risulta però adeguata agli scopi attuali della ricerca in quanto consente di operare senza perdite, per una durata sufficiente a valutare la fattibilità del processo in esame. La figura 11 riporta il dettaglio di come è stata realizzata la zona di tenuta. Gas di lavaggio (N 2 ) Permeato (N 2 + H 2 ) Gas shift out Gas shift in Fig. 11: Progetto del reattore: tenute in grafite e sigillatura metallo-allumina con resina epossidica per alta temperatura

20 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 20/43 Fig. 12: Progetto del reattore: dettaglio della zona di tenuta con resina epossidica e grafite La sezione di prova riportata in figura 13 ne evidenzia la configurazione finale adottata per lo svolgimento dei test di interesse.

TEST DI PERMEAZIONE MISCELE GASSOSE SIMULANTI CON MODULO A MEMBRANE CERAMICHE TUBOLARI MODIFICATE

TEST DI PERMEAZIONE MISCELE GASSOSE SIMULANTI CON MODULO A MEMBRANE CERAMICHE TUBOLARI MODIFICATE Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO TEST DI PERMEAZIONE MISCELE GASSOSE SIMULANTI CON MODULO A MEMBRANE CERAMICHE TUBOLARI

Dettagli

CHIMICA INDUSTRIALE. IC131D - Colonnna di Assorbimento Gas - Cod. 994600

CHIMICA INDUSTRIALE. IC131D - Colonnna di Assorbimento Gas - Cod. 994600 CHIMICA INDUSTRIALE IC131D - Colonnna di Assorbimento Gas - Cod. 994600 1. Generalità L unità IC131D consente di studiare l assorbimento mediante una colonna a riempimento che opera in controcorrente.

Dettagli

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui.

Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Al Prof. Mario Beccari, professore ordinario di Impianti Chimici, va il mio ringraziamento per aver elaborato gli argomenti riportati qui. Nota per gli studenti. Sono stati usati simboli diversi da quelli

Dettagli

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative

BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000. Istruzioni operative BROCHURE QUADRO ABE_1200 CON ANALIZZATORE FISSO ABE_1000 Istruzioni operative A.B.ENERGY S.r.l. Versione 001 www.abenergy.it Caratteristiche principali ABE_1000 analizzatore per Metano (CH4), Anidride

Dettagli

Reazioni di combustione

Reazioni di combustione Forni Vengono utilizzati nei casi sia necessario riscaldare il fluido ad una temperatura molto alta non raggiungibile con gli scambiatori di calore convenzionali. Reazioni di combustione La reazione di

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

IC18DV/92 /C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato

IC18DV/92 /C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato CHIMICA INDUSTRIALE IC18DV/92/C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato - Cod. 991210 IC18DV/92 /C - Impianto Distillazione Multifunzionale Computerizzato DIDACTA Italia S.r.l. - Strada

Dettagli

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali

ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO. Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali SCHEDE ELETTRONICHE AI FINI DEL RECUPERO Dr. Ing. Giuseppe Todarello Senior Scientist Tecnologie Ambientali IL CENTRO SVILUPPO MATERIALI S.P.A. IN BREVE 2 Missione CSM è un Centro di Ricerca Industriale

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

V10CFD1/V10CFD2/V10CFD3 - Impianti di Generazione e Utilizzazione Vapore (200/450/750 Kg/h)

V10CFD1/V10CFD2/V10CFD3 - Impianti di Generazione e Utilizzazione Vapore (200/450/750 Kg/h) TERMODINAMICA V10CFD1/V10CFD2/V10CFD3 - Impianti di Generazione e Utilizzazione Vapore (200/450/750 Kg/h) 1. Generalità Gli impianti di generazione e utilizzazione del vapore hanno particolare rilevanza

Dettagli

CESI. A4524310 Rapporto FIA Informatica e Automazione Approvato Pag. 1/19. Sistema di supervisione della test facility: verifica funzionale

CESI. A4524310 Rapporto FIA Informatica e Automazione Approvato Pag. 1/19. Sistema di supervisione della test facility: verifica funzionale Rapporto FIA Informatica e Automazione Approvato Pag. 1/19 Cliente Ricerca di Sistema (secondo periodo) Oggetto Sistema di supervisione della test facility: verifica funzionale Ordine L17950Z Note GENDIS21

Dettagli

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore

Generatori di calore. Il generatore di calore a combustibile E CH Q D Q F. I generatori di calore Generatori di calore Il generatore di calore a combustibile I generatori di calore Combustibile E CH Superficie di Confine del Sistema Aria comburente Generatore di calore Fluido in ingresso Fumi Calore

Dettagli

Nell'articolo saranno indicate approssimativamente le rese in LNG ottenibili.

Nell'articolo saranno indicate approssimativamente le rese in LNG ottenibili. AMPLIAMENTO STOCCAGGI GAS NATURALE E PRODUZIONE LNG In questo articolo si esamina la possibilità di incrementare la capacità di stoccaggio di gas naturale nei giacimenti attualmente utilizzati. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Caldaie murali a gas a condensazione premiscelate per solo riscaldamento o con produzione sanitaria ECONCEPT 15-25 - 35

Caldaie murali a gas a condensazione premiscelate per solo riscaldamento o con produzione sanitaria ECONCEPT 15-25 - 35 Caldaie murali a gas a condensazione premiscelate per solo riscaldamento o con produzione sanitaria ECONCEPT 15-25 - 35 Generalità Per installazioni interne ed esterne in luoghi parzialmente protetti.

Dettagli

Cogenerazione: tecnologie a confronto

Cogenerazione: tecnologie a confronto CESI RICERCA Cogenerazione: tecnologie a confronto MILANO 8 ottobre 2008 Fabio Armanasco fabio.armanasco@cesiricerca.it 1. Definizione di CHP 2. Motori primi convenzionali Turbine a vapore Turbine a gas

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Condensazione e premiscelazione con ARENA

Condensazione e premiscelazione con ARENA Condensazione e premiscelazione con ARENA La tecnologia imita la natura 2 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO DELLA CONDENSAZIONE Nel loro processo di combustione (tabella 1) tutti i combustibili contenenti idrogeno

Dettagli

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti.

Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Una soluzione è un sistema omogeneo (cioè costituito da una sola fase, che può essere liquida, solida o gassosa) a due o più componenti. Solvente (componente presente in maggior quantità) SOLUZIONE Soluti

Dettagli

Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido

Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido Sistema di misura automatico per la caratterizzazione di sensori di gas a stato solido Consente di caratterizzare sensori chimici a variazione di resistenza (ad ossido di metallo - MOX), a variazione di

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

ECOLOGIA - AMBIENTE. RE-BIOMAS - Impianto Pilota per la Produzione di Biogas da Biomasse

ECOLOGIA - AMBIENTE. RE-BIOMAS - Impianto Pilota per la Produzione di Biogas da Biomasse ECOLOGIA - AMBIENTE RE-BIOMAS - Impianto Pilota per la Produzione di Biogas da Biomasse Foto puramente indicativa - Impianto base (Cod. 949100) 1. Generalità L impianto Re-Biomas è stato progettato per

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 3 Descrizione e dimensioni 6 Aspirazione aria e scarico fumi 8 Accessori 12 1 Mynute Special Guida al capitolato Mynute Special

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

AQUA 2. pompe di calore aria-acqua per installazione splittata con compressore ad inverter NEW MODEL >>> POMPE DI CALORE.

AQUA 2. pompe di calore aria-acqua per installazione splittata con compressore ad inverter NEW MODEL >>> POMPE DI CALORE. ECO -FRIENDLY FRIGERANT G AQUA 2 pompe di calore aria-acqua per installazione splittata con compressore ad inverter NEW MODEL f i n a n z i a i a r >>> POMPE DI CALORE POMPE DI CALORE > I VANTAGGI DEL

Dettagli

Progettazione e calcolo di

Progettazione e calcolo di Nicola Taraschi Progettazione e calcolo di * Calcolo delle reti aerauliche con il software CANALI * Le trasformazioni dell aria umida ed il software PSICRO * I ventilatori * Le batterie alettate ed il

Dettagli

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE?

PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? PERCHE LA POMPA DI CALORE E DA PREFERIRE RISPETTO AD UNA CALDAIA A COMBUSTIONE, OVVERO E TERMODINAMICAMENTE PIU EFFICIENTE? La pompa di calore è costituita da un circuito chiuso, percorso da uno speciale

Dettagli

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C

VIESMANN. Foglio dati tecnici. VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw. VITODENS 100-W modello WB1C VIESMANN VITODENS 100-W Caldaia murale a gas a condensazione da 6.5 a 35 kw Foglio dati tecnici Articoli e prezzi: vedi listino prezzi VITODENS 100-W modello WB1C Caldaia murale a gas a condensazione con

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

Misura e Analisi di Ossigeno

Misura e Analisi di Ossigeno Misura e Analisi di Ossigeno Soluzioni per la sicurezza sul processo, la riduzione dei costi e il miglioramento della qualità www.michell.com Misura e Analisi di Ossigeno Un ampia gamma di analizzatori

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

Caldaie murali a condensazione MURELLE EV HE

Caldaie murali a condensazione MURELLE EV HE Caldaie murali a condensazione MURELLE EV HE Caldaie murali Murelle EV HE istantanea e solo riscaldamento Murelle EV HE ad accumulo La caldaia evoluta MURELLE EV HE Murelle EV HE è una gamma di caldaie

Dettagli

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo.

MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. MODELLO di domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera da redigere in carta da bollo. Alla Provincia della Spezia Il/la sottoscritto/a... legale rappresentante/titolare della (riportare l esatta

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X

Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X ESERCITAZIONI DI CHIMICA FISICA A.A 2010/2011 I MODULO 6 crediti (Anna Corrias) Tecniche di Analisi Termica e Diffrazione di Raggi X Analisi Termica Cenni teorici Descrizione esperienze di laboratorio

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

Caldaia a condensazione IT 05

Caldaia a condensazione IT 05 Caldaia a condensazione IT 05 Termoidraulica I d e e d a i n s t a l l a r e Il calore... un bene prezioso Il calore è un bene prezioso che deve essere utilizzato con la massima attenzione nel rispetto

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 1 Meteo BOX Guida al capitolato Meteo MIX C.S.I.

Dettagli

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva...

Prefazione...III. 2.2.6 Impianto idrico con o senza serbatoio di compenso...18 2.2.7 Macchine e attrezzature produttive di riserva... Indice Prefazione...III CAPITOLO 1 GENERALITÀ SUGLI IMPIANTI MECCANICI DI SERVIZIO PER L INDUSTRIA 1.1 Contenuti e finalità...2 1.2 Definizione e classificazione degli impianti industriali...2 1.3 Definizione

Dettagli

SCHEDA TECNICA BOLLITORE COMBINATO SSP SOLAR. Vedi tabella codici. Tabella codici:

SCHEDA TECNICA BOLLITORE COMBINATO SSP SOLAR. Vedi tabella codici. Tabella codici: Descrizione: Bollitore combinato Kloben mod. SSP SOLAR per lo stoccaggio di acqua di riscaldamento e la produzione di a.c.s. mediante collegamento ad un impianto solare e ad un produttore convenzionale

Dettagli

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL

MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL MANUALE DI USO E MANUTENZIONE CALDAIE A LEGNA Mod. CL centopercento Made in Italy 1 Dati Tecnici Installazione, uso e manutenzione della caldaia combinata nella quale è possibile bruciare gasolio, gas

Dettagli

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%

CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c% 1 FISICA TECNICA 1 CORSO%DI%% FISICA%TECNICA%1% A.A.%201322014% Sezione%03c%!! Prof. Ing. Sergio Montelpare! Dipartimento INGEO! Università G. d Annunzio Chieti-Pescara" Termodinamica dell aria umida"

Dettagli

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI.

CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. CONTROLLO DEL COEFFICIENTE DI TRASFERIMENTO DEL CARBONIO (BETA) E RIDUZIONE DEI COSTI DEI TRATTAMENTI TERMICI. Karl-Michael Winter, Jens Baumann, Process Electronic GmbH, Heiningen (Germania) Sommario

Dettagli

I generatori di calore

I generatori di calore Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl I generatori di calore Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Generatore di calore: macchina comprendente le

Dettagli

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo

Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti. Massimiliano Vigolo Soluzioni progettuali e costruttive per il miglioramento dell efficienza energetica degli impianti 2 Ambiti di intervento per il miglioramento dell efficienza Dispersioni dell involucro (coibentazione)

Dettagli

Antonio Molino, Giacobbe Braccio. Report RdS/2013/233 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Antonio Molino, Giacobbe Braccio. Report RdS/2013/233 MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termodinamica e cinetica per il processo di produzione di gas naturale

Dettagli

NITROTHERMSPRAY INTERNATIONAL PATENT. L azoto usato come fluido di trasporto nell industria delle vernici o assimilate, a basso impatto ambientale

NITROTHERMSPRAY INTERNATIONAL PATENT. L azoto usato come fluido di trasporto nell industria delle vernici o assimilate, a basso impatto ambientale NITROTHERMSPRAY INTERNATIONAL PATENT L azoto usato come fluido di trasporto nell industria delle vernici o assimilate, a basso impatto ambientale 5 maggio 2006 Ing. Ing. Teodoro Du Du Marteau Relatore

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e dimensioni 7 Aspirazione aria e scarico fumi 10 Accessori 13 1 Paros HM Guida al capitolato Paros HM C.S.I. caldaia

Dettagli

Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi

Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi Progetto di norma 31/3/2005 Determinazione dell attività di degradazione catalitica di microinquinanti organici in aria da parte di materiali fotocatalitici cementizi 1. Scopo e campo di applicazione La

Dettagli

Evoluzione dei sistemi d analisi fumi

Evoluzione dei sistemi d analisi fumi Evoluzione dei sistemi d analisi fumi La situazione riscontrata su impianti termici esistenti, soggetti alla legislazione vigente fino alla pubblicazione del DPCM 8/03/2002, era caratterizzata dalla presenza

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Matthias Raisch, Bosch Industriekessel GmbH Sfruttamento della condensazione Sfruttando la sperimentata tecnologia della condensazione, i gestori di caldaie a vapore

Dettagli

Schemi di sistemi di controllo. Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano

Schemi di sistemi di controllo. Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano L8 Schemi di sistemi di controllo Davide Manca Strumentazione e Controllo di Impianti Chimici Politecnico di Milano L8 Controllo di singole apparecchiature Come discusso nelle lezioni precedenti, si rammenta

Dettagli

RinNOVA COND. Caldaie murali a condensazione compatte nelle dimensioni grandi nelle prestazioni

RinNOVA COND. Caldaie murali a condensazione compatte nelle dimensioni grandi nelle prestazioni RinNOVA COND Caldaie murali a condensazione compatte nelle dimensioni grandi nelle prestazioni CALDAIE MURALI RinNOVA COND Biasi presenta una nuova caldaia a condensazione premiscelata: RinNOVA COND è

Dettagli

14.4 Pompe centrifughe

14.4 Pompe centrifughe 14.4 Pompe centrifughe Le pompe centrifughe sono molto diffuse in quanto offrono una notevole resistenza all usura, elevato numero di giri e quindi facile accoppiamento diretto con i motori elettrici,

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Gamma Caldaie Murali

Gamma Caldaie Murali Gamma Caldaie Murali Caldaia a condensazione Ultra compatta Rapporto di modulazione 1:9 Interfaccia utente con LCD Regolazione della temperatura ambiente da caldaia con sonda esterna Relè supplementare

Dettagli

Specifiche tecniche. PELLEMATIC Smart 4 14 kw ITALIANO. www.oekofen.com

Specifiche tecniche. PELLEMATIC Smart 4 14 kw ITALIANO. www.oekofen.com Specifiche tecniche PELLEMATIC Smart 4 14 kw ITALIANO www.oekofen.com Specifiche tecniche PELLEMATIC Smart 4 8kW Denominazione PELLEMATIC Smart Potenza nominale kw 3,9 6,0 7,8 Carico parziale kw Impianto

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Sistemi di riscaldamento Caldaie e Pompe di calore Novembre 2011 Sistema di Riscaldamento Quando si parla di impianto di riscaldamento si comprendono sia

Dettagli

La ricerca nell ingegneria chimica: Separatori e miscelatori

La ricerca nell ingegneria chimica: Separatori e miscelatori Separatori e miscelatori Cosa: Trasporto di massa e di calore con fluidi multifase e multicomponenti. Perchè: Realizzazione di prodotti industriali. Applicazione: Industria farmaceutica. Industria chimica.

Dettagli

Sistemi ad adsorbimento

Sistemi ad adsorbimento Sistemi ad adsorbimento Il ciclo in oggetto impiega un solido capace di adsorbire su uno strato superficiale il fluido frigorigeno. Sostanze che presentano tali caratteristiche sono ad esempio zeolite

Dettagli

Energia dalle Biomasse - Parte C

Energia dalle Biomasse - Parte C Tecnologie delle Energie Rinnovabili Energia dalle Biomasse - Parte C Daniele Cocco Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Chimica e dei Materiali Università degli Studi di Cagliari daniele.cocco@unica.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 3. Impianti per la cogenerazione. Roberto Lensi Roberto Lensi 3. Impianti per la cogenerazione Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 3. Impianti per la cogenerazione Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico 2003-04

Dettagli

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE

Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE TI-P102-01 CH Ed. 4 IT - 2006 Termoregolatori auto-servoazionati a pilota 37D e 37DE Descrizione Le valvole 37D sono dei regolatori di temperatura a pilota per l utilizzo su applicazioni di scambio termico

Dettagli

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 Progetto Europeo AIR-BOX AUTOMOTIVE 2014 AIR-BOX (gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 APPARATO AIR-BOX per la riduzione dei NOx e del CO2 e per l incremento delle prestazioni del motore

Dettagli

Caldaie Murali. Brava DGT HE Format DGT Format Low NOx Metropolis DGT. www.sime.it

Caldaie Murali. Brava DGT HE Format DGT Format Low NOx Metropolis DGT. www.sime.it Caldaie Murali Brava DGT HE Format DGT Format Low NOx Metropolis DGT www.sime.it La piccola dalle grandi prestazioni Brava DGT HE, Format DGT e Metropolis DGT sono caldaie murali compatte, particolarmente

Dettagli

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun

ideale per la pulizia interna e esterna di tutte le autovetture rinnovamento di tessuti, tappeti e divani desert steam gun steam mop Unifica il potere di pulizia del vapore con la tecnologia delle microfibre, capaci di catturare sporco e polvere grazie alla carica elettrostatica. Steam mop offre una pratica soluzione per un

Dettagli

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia

Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Corso di Impianti Meccanici Laurea Triennale Modulo 10 Impianti per la cogenerazione di energia Prof. Ing. Cesare Saccani Prof. Ing. Augusto Bianchini Dott. Ing. Marco Pellegrini Dott. Ing. Michele Gambuti

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

Scalda acqua in pompa di calore HOT WATER

Scalda acqua in pompa di calore HOT WATER Scalda acqua in pompa di calore Caratteristiche Principali caratteristiche TWMI 190C TWMI 300A 1580 1920 568 101 kg 650 129 kg 2 Incentivi statali I requisiti da rispettare per usufruire di qualsiasi incentivo

Dettagli

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco

PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE. Ilario De Marco PROVINCIA di REGGIO CALABRIA Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio-Luglio 2008 LA COMBUSTIONE Ilario De Marco I COMBUSTIBILI Si definisce combustibile una sostanza che attraverso una

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill

GHERL. GreenHouse Effect Reduction from Landfill LIFE ENVIRONMENT PROJECT LIFE05-ENV/IT/000874 GreenHouse Effect Reduction from Landfill Dipartimento di Energetica "Sergio Stecco", Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Scienze e Tecnologie

Dettagli

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo

Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo Stagisti: Bottaini Federico, Konica Francesco Tutor aziendali: Calistri Cesare, Ferri Leonardo Tutor scolastico: Carosella Vincenzo 1 Prefazione Lo scopo principale di queste cabine è quello di ottenere

Dettagli

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C

Caldaia a legna a gassificazione con combustione a fiamma rovesciata ECOBiovent Serie C Tecnologia Abitativa Avanzata ECOTRIBE Tecnologia Abitativa Avanzata di Giancarlo Avataneo - Str. Miravalle 24/4-10024 Moncalieri (TO) P. IVA 09183030015 - Codice fiscale VTNGCR52R08L219B - Cell. 0039

Dettagli

Esperienza con la macchina. termica

Esperienza con la macchina. termica Esperienza con la macchina termica Macchina termica Il pistone in grafite scorre all interno del cilindro in pyrex in condizioni di quasi assenza di attrito. il sistema pistone-cilindro non garantisce

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Macchinari ausiliari per il funzionamento di un condensatore

Macchinari ausiliari per il funzionamento di un condensatore Approfondimento Macchinari ausiliari per il funzionamento di un Riteniamo utile una breve analisi dei macchinari ausiliari necessari per il corretto funzionamento del, e delle loro principali caratteristiche

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

Esercizi non risolti

Esercizi non risolti Esercizi non risolti 69 Turbina idraulica (Pelton) Effettuare il dimensionamento di massima di una turbina idraulica con caduta netta di 764 m, portata di 2.9 m 3 /s e frequenza di rete 60 Hz. Turbina

Dettagli

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA.

IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. CORSO DI CHIMICA E PROPEDEUTICA BIOCHIMICA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA. IL MODELLO DI MICHAELIS E MENTEN PER LA CINETICA ENZIMATICA. Un enzima è una proteina capace di catalizzare una specifica reazione

Dettagli

Tecnologia di formatura in autoclave

Tecnologia di formatura in autoclave POLITECNICO DI MILANO Dipartimento di Ingegneria Aerospaziale Corso di Tecnologie Aeronautiche Docente: Giuseppe Sala Tecnologia di formatura in autoclave Paolo Bettini tel. 0223998044 E-mail bettini@aero.polimi.it

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI

COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI CAPITOLO NONO COMPONENTI TERMODINAMICI APERTI Esempi applicativi Vengono di seguito esaminati alcuni componenti di macchine termiche che possono essere considerati come sistemi aperti A) Macchina termica

Dettagli

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC

Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC Convegno WIT 2010 Wöhler Institute of Technology e con il patrocinio di Confartiganato, Confatrigianato Veneto, Assocosma e ANIC UNI 10389-1 le novità sulle analisi di combustione di caldaie a gas Cosa

Dettagli

BRUCIATORI PARAMETRI DI RIFERIMENTO PER LA SCELTA DEI BRUCIATORI AD ARIA SOFFIATA

BRUCIATORI PARAMETRI DI RIFERIMENTO PER LA SCELTA DEI BRUCIATORI AD ARIA SOFFIATA I bruciatori ad aria soffiata si possono installare su caldaie sia pressurizzate che in depressione. È indispensabile fare sempre riferimento ai diagrammi portata-pressione, in quanto la portata dei bruciatori

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

ABE_1500 ANALIZZATORE PORTATILE PER BIOGAS

ABE_1500 ANALIZZATORE PORTATILE PER BIOGAS ABE_1500 ANALIZZATORE PORTATILE PER BIOGAS BROCHURE Pagina 1 di 9 Brochure ABE_1500 Caratteristiche principali ABE_1500 analizzatore per Metano (CH4), Biossido di carbonio (CO2), Monossido di carbonio

Dettagli

caldaia murale a gas a condensazione istantanea

caldaia murale a gas a condensazione istantanea caldaia murale a gas a condensazione istantanea Ecologica ed economica con la tecnologia a condensazione Compatta con il nuovo scambiatore primario Silenziosa con il mantello fonoassorbente e il silenziatore

Dettagli

Le tecnologie BTS Biogas per il biometano

Le tecnologie BTS Biogas per il biometano Le tecnologie BTS Biogas per il biometano Matthias Rogger, BTS Biogas Srl/GmbH TSenergyGroup 2014 1 Struttura Aspetti generali Descrizione della nuova situazione Tecnologia upgrading Configurazione impianto

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

Fino a qualche MW elettrico. Grande terziario e industriale piccolo-medio. 30% - 40% energia elettrica 40% - 50% calore recuperato 10% - 30% perdite

Fino a qualche MW elettrico. Grande terziario e industriale piccolo-medio. 30% - 40% energia elettrica 40% - 50% calore recuperato 10% - 30% perdite ,PSLDQWLGLPLFURFRJHQHUD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Si tratta di impianti che utilizzano un combustibile per la produzione combinata di elettricità e calore (detta cogenerazione), di piccola taglia

Dettagli

Nostra Tecnologia dell Idrogeno

Nostra Tecnologia dell Idrogeno Finanza di Progetto presenta un sistema innovativo che permette di ridurre il consumo del carburante in Moto, Auto, Suv, Furgoni, Camion, Mezzi Agricoli, Barche, Gruppi Elettrogeni ad un costo molto basso.

Dettagli

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012

Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente. Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Le misure negli impianti Sicurezza e efficienza energetica negli impianti termici secondo la normativa vigente Seminario tecnico/informativo c/o CNA di ROMA 19 Luglio 2012 Sommario Prova tenuta impianti

Dettagli

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE

Prof. Duilio Tazzi Le Canne Fumarie. LE CANNE FUMARIE LE CANNE FUMARIE Il camino, o canna fumaria, è il componente dell impianto termico che serve principalmente a smaltire i prodotti della combustione del generatore di calore nell atmosfera. Per tracciare

Dettagli

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL

)LJ±&RQIURQWRWUDLIOXVVLHQHUJHWLFLFDUDWWHULVWLFLGHOOHFDOGDLHWUDGL]LRQDOL &DOGDLHDFRQGHQVD]LRQH 'HVFUL]LRQHGHOODWHFQRORJLD Le caldaie sono il cuore degli impianti di riscaldamento dato che realizzano il processo di combustione da cui si ricava l energia termica necessaria per

Dettagli

Figura VIII.10.1: Bombole a idrogeno compresso

Figura VIII.10.1: Bombole a idrogeno compresso Approfondimento 1. Stoccaggio come gas compresso. Il modo più semplice di immagazzinare l idrogeno è utilizzarlo in forma compressa ad alta pressione in bombole cilindriche in acciaio. Infatti per percorrere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA. 1. Complementi sui sistemi termici. Roberto Lensi Roberto Lensi 1. Complementi sui sistemi termici Pag. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA 1. Complementi sui sistemi termici Roberto Lensi DIPARTIMENTO DI ENERGETICA Anno Accademico

Dettagli