CESI. A Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 1/43

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CESI. A5049676 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 1/43"

Transcript

1 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 1/43 Cliente Ricerca di Sistema (secondo periodo) Oggetto Sperimentazione CMR su impianto pilota Ordine L17138H Note GEN21/CO2/Workpackage 2 (CO2CAT)/ milestone rapporto 1/1 della milestone La parziale riproduzione di questo documento è permessa solo con l'autorizzazione scritta del CESI. N. pagine 43 N. pagine fuori testo Data 30/12/2005 Elaborato Broglia Maria, Radaelli Mariano Mod. RAPP v. 01 Verificato Approvato Savoldelli Paolo, Mazzocchi Luigi Bregani Fiorenzo (CESI-GEN) CESI Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano Giacinto Motta SpA Via R. Rubattino Milano - Italia Telefono Fax Capitale sociale Euro interamente versato Codice fiscale e numero iscrizione CCIAA Registro Imprese di Milano Sezione Ordinaria N. R.E.A P.I. IT

2 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 2/43 Indice SOMMARIO INTRODUZIONE IMPOSTAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE DESCRIZIONE DEL PROCESSO DI SHIFT CON REATTORE A MEMBRANA DIMENSIONAMENTO DEL REATTORE A MEMBRANA Aspetti termodinamici Selezione della membrana selezione del catalizzatore verifica del processo APPARATO SPERIMENTALE DATI DI PROGETTO DEL CIRCUITO CMR SEZIONE DI PROVA SISTEMA DI ACQUISIZIONE DATI RISULTATI SPERIMENTALI CARATTERIZZAZIONE A PERMEAZIONE DELLA MEMBRANA REAZIONE DI SHIFT CON CMR CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA Copyright 2005 by CESI. All rights reserved - Activity code 27784E

3 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 3/43 STORIA DELLE REVISIONI Numero Data Protocollo Lista delle modifiche e/o dei paragrafi modificati revisione 0 30/12/2005 Prima emissione SOMMARIO In questo rapporto sono presentati e discussi i risultati delle prove di laboratorio su impianto pilota finalizzate alla valutazione della fattibilità del processo di shift del gas di sintesi con reattore catalitico a membrana (CMR). La sperimentazione, focalizzata sulla reazione di shift a bassa temperatura ( C), aveva l obiettivo di verificare che il CMR consente di ottenere una conversione della reazione maggiore rispetto a un reattore tradizionale e, possibilmente, anche rispetto al valore corrispondente all equilibrio termodinamico. L attività ha innanzitutto riguardato la selezione e la definizione delle caratteristiche funzionali della membrana e del catalizzatore da utilizzare nel reattore, e il relativo dimensionamento. In questa ottica è stata sintetizzata e caratterizzata a permeazione una membrana composita asimmetrica costituita da uno strato di palladio (23-24%) -argento (76-77%) depositato elettrochimicamente su un substrato ceramico di α-allumina a porosità controllata. Lo strato depositato (internamente al supporto tubolare) presenta uno spessore di µm. Per quanto riguarda il catalizzatore la scelta è caduta sul C-18-AMT prodotto da Sud Chemie, già impiegato nelle prove di shift con reattore convenzionale (milestone ). Il suddetto catalizzatore, a base di Cu/Zn, opera nell intervallo di temperatura compresa tra C e per pressioni fino a 40 bar. L attività ha quindi riguardato il progetto, la costruzione e il collaudo dell impianto pilota in cui inserire il reattore a membrana, progettato e costruito al CESI (milestone ). In particolare in sede di collaudo si è verificato che la soluzione costruttiva utilizzata per il reattore a membrana (tenuta radiale tra reattore metallico e modulo ceramico mediante l impiego di guarnizioni in grafite e impermeabilizzazione degli estremi della membrana con resina epossidica), consente di minimizzare le fughe dei gas di processo attraverso le tenute e mantenerle a valori accettabili rispetto agli obiettivi della sperimentazione. L attività sperimentale sull impianto pilota ha infine confermato la fattibilità del processo di shift a bassa temperatura con CMR in quanto sono state ottenute conversioni superiori ai valori corrispondenti all equilibrio termodinamico (e quindi, a maggior ragione rispetto ad un reattore tradizionale). La differenza tra dati sperimentali e valori all equilibrio, come atteso, diventa più marcata all aumentare della temperatura e della differenza di pressione a cavallo della membrana (driving force del processo di separazione). L idrogeno separato, nonostante l inquinamento di CO 2 dovuto alle perdite attraverso le tenute, presenta una purezza che varia dal 94 al 97.5% ed è pertanto potenzialmente utilizzabile come combustibile. Il fattore di recupero dell idrogeno (percentuale d idrogeno separato) è risultata invece abbastanza basso (al massimo 37%) rispetto a quanto previsto in sede progettuale (80%); questo fatto è stato, con ogni probabilità, determinato da un imperfetto condizionamento della membrana in temperatura. Tale osservazione è contingente in quanto legata alle prestazioni dello specifico esemplare di membrana impiegata e quindi non pregiudica l esito positivo della verifica di fattibilità del CMR.

4 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 4/43 In sintesi la sperimentazione, oltre ad aver confermato la fattibilità del processo di shift a bassa temperatura con CMR, ha consentito di evidenziare le criticità legate allo sviluppo della tecnologia CMR per un suo potenziale utilizzo anche nei processi di shift ad elevata temperatura e reforming del metano e, conseguentemente, di definire le relative priorità di ricerca legate, in particolare, alle seguenti tematiche : Ottimizzazione della procedura di preparazione delle membrane su supporto ceramico Sintesi di membrane in lega di palladio su supporto metallico (es acciaio inossidabile sinterizzato) Sviluppo di giunzioni metallo-ceramiche che assicurino una perfetta tenuta dell accoppiamento reattore membrana valutazione in prove di lungo termine della stabilità delle caratteristiche meccaniche e separative delle membrane.

5 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 5/43 1 INTRODUZIONE Nel reattore catalitico a membrana (CMR) due processi distinti, conversione chimica catalizzata e separazione dei prodotti di reazione con membrana, sono combinati nella medesima unità. In particolare il CMR può essere utilizzato per la simultanea cattura della CO 2 e la produzione di H 2 : a partire dal gas di sintesi (miscela di H 2, CO, CO 2 ) prodotto nel processo di gassificazione del carbone; nel processo di reforming con vapore del gas naturale o di altri combustibili. Nella prima applicazione il CMR consente di combinare in un unico stadio la reazione WGS (Water Gas Shift): CO + H 2 O CO 2 + H 2 e la separazione dei prodotti di reazione. L idrogeno viene asportato in continuo dalla zona di reazione attraverso la membrana, rimuovendo le barriere termodinamiche della reazione WGS e aumentando di conseguenza la resa della reazione. L idrogeno prodotto, a seconda del grado di purezza, può essere utilizzato per alimentare celle a combustibile (PEM) o come combustibile per motori a combustione interna o turbine a gas, e il calore recuperato per la generazione di potenza con turbina a vapore. La CO 2 separata è invece disponibile per essere confinata o riutilizzata. Similmente il CMR può essere utilizzato per produrre H 2 da altri combustibili, quali il gas naturale. In questo caso le reazioni di reforming (CH 4 + H 2 O = CO + 3H 2 ) e WGS vengono combinate in un unico stadio in cui avviene anche la separazione dell H 2 dalla CO 2, con rese potenziali dell 85-90%. Anche in questo caso il CMR può essere integrato in un ciclo combinato con turbina a gas. La ricerca intrapresa dal CESI si propone di valutare la fattibilità della tecnologia CMR per le suddette applicazioni, in particolare relativamente allo shift del gas di sintesi prodotto nel processo di gassificazione del carbone. Essa si articola nelle seguenti fasi (fig. 1): (1) sintesi di membrane e caratterizzazione delle loro prestazioni (selettività e permeabilità); (2) sviluppo di un modello del CMR per la valutazione dei parametri di processo; (3) progettazione e realizzazione di un CMR pilota; (4) sperimentazione su impianto pilota per valutazione fattibilità processo; (5) analisi dell integrabilità del CMR in processi di produzione dell energia elettrica; Questo rapporto, si focalizza sulle fase 4 della ricerca e utilizza i risultati ottenuti nelle fasi 1, 2, 3, i cui risultati sono riportati nei rispettivi rapporti di milestone [1, 2, 3]. In particolare si è deciso di focalizzare la sperimentazione sulla reazione di shift a bassa temperatura ( C), utilizzando il reattore progettato in [3] e una membrana di Pd-Ag sintetizzata in accordo alla procedura descritta in [1]. Obiettivo della sperimentazione è verificare che la conversione della reazione di shift con reattore catalitico a membrana risulti maggiore rispetto a quella ottenibile con un reattore tradizionale e, quindi, più elevata rispetto al valore corrispondente all equilibrio termodinamico. In particolare l attività si articola nelle seguenti fasi: progettazione, costruzione e collaudo dell impianto pilota per prove di shift con CMR caratterizzazione a permeazione della sola membrana prove di shift con reattore a membrana

6 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 6/43 1. Sintesi e caratterizzazione membrane 2. Sviluppo modello CMR 3. Progetto e costruzione CMR 4. Prove su loop pilota 5. Integrazione del CMR in processi di produzione energia Figura 1 Diagramma di flusso delle attività relative al CMR

7 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 7/43 2 IMPOSTAZIONE DELLA SPERIMENTAZIONE 2.1 Descrizione del processo di shift con reattore a membrana Lo schema del processo di shfit del gas di sintesi con reattore catalitico a membrana è riportato nella seguente figura. Vapore Gas lavaggio (N 2 ) H 2 H 2 N 2 + H 2 Gas povero in H 2 Gas lavaggio (N 2 ) H 2 H 2 N 2 + H 2 Gas di sintesi Figura 2 Schema del processo di shift con CMR Il gas di sintesi (miscela di CO, CO 2, H 2 ) viene miscelato con vapore in rapporto stechiometrico in eccesso rispetto al CO, ed inviato al reattore a membrana (CMR) che, essenzialmente, presenta una configurazione simile ad uno scambiatore di calore cilindrico coassiale. La miscela di gas entrante fluisce all interno della membrana riempita con catalizzatore dove simultaneamente avviene la reazione di shift (CO+H 2 O = CO 2 +H 2, H = - 41 kj/mol) e la separazione dell H 2. 1 La driving force del processo di separazione risulta la differenza di pressione parziale dell H 2 a cavallo della membrana. 2 Nel lato mantello fluisce un gas di lavaggio (ad esempio azoto) che assolve la duplice funzione di abbassare la pressione parziale di H 2 aumentando il flusso di permeazione e di asportare parte del calore generato della reazione shift. Dal lato reazione, all uscita del reattore si troverà una miscela impoverita in H 2 e CO e ricca in CO 2 e H 2 O, la cui composizione dipende dal grado di conversione della reazione di shift e dall efficienza di rimozione dell H 2 da parte della membrana. La definizione dell assetto e delle condizioni sperimentali in cui verificare la fattibilità dello shift con CMR deve tener conto di fattori intrinseci al processo quali la composizione del gas (in particolare rapporto H 2 O/CO), le caratteristiche di permeazione della membrana e la cinetica della reazione in presenza del catalizzatore, e dei limiti operativi determinati dalle caratteristiche costruttive del reattore a 1 Se la membrana non presenta selettività infinita dell H 2 rispetto agli altri gas si ha anche un passaggio di CO e CO 2 attraverso la membrana. 2 Il meccanismo di permeazione dell H 2 e la relativa legge di dipendenza del flusso di permeazione dalla pressione dipendono del tipo di membrana [2].

8 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 8/43 membrana (massima temperatura di esercizio, volume utile) e del circuito di prova (pressione di lavoro, range di misura dei misuratori di portata, sensibilità strumentazione analitica). Tali aspetti verranno brevemente discussi nel paragrafo seguente. 2.2 Dimensionamento del reattore a membrana Aspetti termodinamici Gli impianti di gassificazione (IGCC) offrono interessanti opportunità per integrare la cattura della CO 2 in un ciclo combinato alimentato dal carbone come fonte primaria. Come illustrato in fig. 3, la CO 2 può essere recuperata prima della combustione facendo reagire il gas di sintesi, purificato, con vapore in un reattore catalitico per produrre CO 2 e H 2, mediante la reazione WGS (Water Gas Shift): CO + H 2 O = CO 2 + H 2 ( H = - 41,16 KJ/mole) La reazione è debolmente esotermica e la resa è termodinamicamente limitata; in particolare la cattura della CO 2 mediante la reazione WGS richiede un doppio stadio con un raffreddamento intermedio e, successivamente, uno step di separazione dall H 2. Lo stadio ad alta temperatura (fino a 550 C) della reazione WGS avviene tipicamente su un catalizzatore a base di Co-Mo resistente ai solfuri, mentre lo stadio a bassa temperatura ( C) avviene su un catalizzatore a base di rame. Come si evince dall andamento decrescente del K p della reazione di shift in funzione della temperatura (fig. 4) i maggiori vantaggi relativi all impiego del CMR si dovrebbero ottenere ad elevate temperature, tuttavia, come ampiamente discusso in [3] 3, il CMR costruito al CESI deve operare a temperature inferiori a 300 C in quanto la resina epossidica utilizzata per la sigillatura degli estremi è instabile a temperature più elevate. Per questo motivo si è deciso di focalizzare l attenzione sullo shift di bassa temperatura, operando quindi secondo lo schema concettuale riportato in fig. 5. Tale tipo di approccio, per quanto dettato da condizioni contingenti, viene attualmente perseguito da alcuni dei principali laboratori europei impegnati nella ricerca quali Sintef [4] ed ECN [5] e rappresenta una step intermedio significativo nello sviluppo di membrane composite in lega di palladio per CMR. La miscela da trattare con il CMR presenta pertanto una composizione (percentuale in volume sul secco) tipica del gas in uscita dallo shift di alta temperatura: H 2: 55% CO: 10% CO : 35% 2 La resa della reazione di shift, dipende, oltre che dalla temperatura, dal rapporto stechiometrico H 2 O/CO. Tale dipendenza è evidenziata in fig. 6 dove, per la suddetta miscela di gas, viene riportato l andamento della conversione in funzione del K p, per diversi valori del rapporto H2O/CO, ed il confronto con il K eq nell intervallo di temperature C. Si può osservare, ad esempio che a T = 200 C, per valori di H 2 O/CO =4 è possibile raggiungere una conversione di oltre il 95% del CO, mentre per H 2 O/CO =1,5 la conversione è di poco inferiore all 80%. Aumentando la temperatura la conversione diminuisce; ad esempio a T =280 C, i suddetti valori scendono rispettivamente a circa l 82% e al 42%. 3 La realizzazione di un tenuta impermeabile ai gas tra substrato ceramico della membrana e reattore metallico risulta uno dei problemi tecnologici di maggior rilievo nello sviluppo del CMR.

9 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 9/43 Per quanto riguarda la sperimentazione, nell ottica di evidenziare i benefici relativi all impiego del CMR, risulta quindi opportuno operare variando i valori della temperatura e del rapporto H 2 O/CO negli intervalli sopra riportati. Risulta altresì chiaro che i maggiori benefici rispetto ad un reattore tradizionale dovrebbero evidenziarsi per temperature prossime a 280 C per bassi valori del rapporto H 2 O/CO Selezione della membrana Per l attività sperimentale viene utilizzata una membrana composita asimmetrica costituita da uno strato di palladio-argento depositato elettrochimicamente su un substrato ceramico di α-allumina a porosità controllata. La metodologia di sintesi della membrana (deposizione elettrochimica da soluzione e successivo trattamento termico per l ottenimento della lega) è riportato in rif. 1. La membrana presenta le seguenti caratteristiche morfologiche e dimensionali: Supporto ceramico tubolare in α-allumina con porosità di 0.2 µm sul lato interno fornito da Pall - Exekia Diametro interno: 7 mm Diametro esterno: 9 mm Lunghezza: 145 mm Strato depositato (internamente al supporto) in Pd 76-77% Ag 23-24%,dello spessore di µm S i assume che la permeazione dell idrogeno J (moli/s/m 2 ) segue la legge di Sievert: J = (B/t) (P f 0.5 P p 0.5 ) dove B (moli/sec/m/pa 1/2 ) rappresenta la permeabilità, t lo spessore della membrana, P f e Pp la pressione parziale di idrogeno nell alimento e nel permeato. L andamento della permeabilità con la temperatura (T) viene espresso dall equazione di Arrhenius: B = B 0 exp(-e/rt) dove B 0 rappresenta il coefficiente di permeabilità ed E l energia di attivazione. In prima approssimazione vengono assunte per la membrana le caratteristiche a permeazione determinate sperimentalmente su membrane di Pd sintetizzate al CESI [1,3] 4 : Coefficiente di permeabilità: 2.94 *10-8 mol/s/m Energia di attivazione: J/mol selettività H 2 /altri gas (CO 2, CO, H 2 O) > 100 /Pa Nelle sperimentazioni precedenti sono state caratterizzate a permeazione soltanto membrane di palladio [1-3]. Il palladio puro, tuttavia, si infragilisce in presenza d idrogeno e subisce deformazioni durante ciclaggi termici a causa della transizione dalla forma allotropica α (stabile per T < 290 C ) a quella β. L aggiunta di un elemento di lega quale l argento stabilizza la fase β rispetto a quella α anche a bassa temperatura. Di qui la necessità di utilizzare membrane in Pd-Ag per la sperimentazione in oggetto in cui si opererà tra 200 e 280 C.

10 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 10/ selezione del catalizzatore Per l attività sperimentale viene utilizzato il catalizzatore C-18-AMT prodotto da Sud Chemie, già impiegato nelle prove di shift con reattore convenzionale [4]. Il suddetto catalizzatore, a base di Cu/Zn, opera nell intervallo di temperatura compresa tra C e per pressioni fino a 40 bar, e presenta rese ottimali per velocità spaziali inferiori a 2000 h -1 (Nl/h/l). Il catalizzatore viene fornito in sfere delle dimensioni di 5mm che, per le prove in oggetto, considerato il diametro della sezione di prova (7 mm) sono stati opportunamente polverizzati. Assumendo di operare con una velocità spaziale massima di 2000 h-1 5 e una pressione tra 2 e 3 bar ass, considerato che il volume utile del reattore è di circa 5 cc, le portate di gas da trattare saranno comprese tra 20 e 30 Nl/h. Ai fini delle successive verifiche della superficie di permeazione si può pertanto assumere una portata di gas massima di 30 Nl/h verifica del processo Scopo di questo calcolo è verificare che la superficie della membrana sia adeguata a rimuovere l idrogeno presente nel gas e quello prodotto dalla reazione di shift. Per il suddetto calcolo si è utilizzato il codice descritto in rif. 2, che assimila la membrana a un separatore puro. I dati di input sono i seguenti: portata volumetrica totale di gas da trattare: 30 Nl/h Composizione volumetrica miscela gassosa in ingresso, (miscela di gas in uscita da shift di alta temperatura): H 2 : 55% CO: 10% CO 2 : 35% composizione volumetrica della miscela umida da trattare Assumendo un rapporto H 2 O/CO = 4 si ottiene: Fraz.molare g/h (%) H CO 7, CO 2 25,5 25 H 2 O 27, conversione della reazione di shift: 90% pressione lato reattore: 3 bar 5 si può ragionevolmente ritenere che, a causa dell aumento della superficie specifica del catalizzatore, la resa della reazione presenti buoni valori anche per velocità spaziali superiori a 2000 h -1

11 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 11/43 pressione lato permeato: 1 bar efficienza di separazione: 90% portata gas di lavaggio: N 2 : 140 Nl/h I risultati sono i seguenti: composizione gas in uscita, lato reazione: Fraz. m olare (%) g/h H 2 lato estrazione: 1.12 g/h 2 superficie di membrana: 32 cm H CO CO H 2 O la superficie della membrana, di 31.9 cm 2 risulta pertanto sufficiente per rimuovere l idrogeno presente in alimento e quello prodotto dalla reazione di shift con un efficienza del 90%.

12 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 12/43 Figura 3 Schema di un IGCC con recupero della CO 2 ante-combustione [8] K eq = 7E+11*T -4, K eq T( C) Figura 4 Andamento del K eq della reazione di shift in funzione della temperatura [9]

13 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 13/43 N 2 Gas di sintesi purificato Reattore di shift ad alta T CMR shift a bassa T H 2 +N 2 vapore raffreddamento vapore CO 2 Figura 5 Schema concettuale per l impiego del CMR nello shift di bassa temperatura T( C) H2O/CO=4 80 conversione (%) H2O/CO=1, Kp Figura 6 Andamento della conversione della reazione di shift in funzione del K p per diversi valori del rapporto H 2 O/CO: confronto con il Keq nell intervallo di temperature C.

14 CO CO2 ANIDRIDE CARBONICA N 2 AZOTO H 2 IDROGENO FI 02 FI 03 FI 04 FI 05 FI 01 FC 02 FC 03 FC 04 FC 05 FC 01 VR02 VR03 VR04 VR05 VR01 VR06 FORNO 01 FI 06 PI 01 TI 01 PAH 01 TI 02 PC 01 PT 01 DPT 01 DPI 01 TAH 05 TI 05 TI 04 TI 03 TAH 03 VS1 DPAH 01 TAH 06 TE 05 TE 04 TE 03 TI 06 TE 06 R1 TI 07 TAH 08 TI 08 TE 08 E01 TI 10 TE 10 TAH 09 TI 09 TE 09 E02 SCARICATORE DI CONDENSA TAH 11 TI 11 TE 11 PCV01 CESI Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 14/43 3 APPARATO SPERIMENTALE Di seguito vengono presentate le caratteristiche del circuito sperimentale realizzato per lo svolgimento dei test di shift catalittico. 3.1 Dati di progetto del circuito CMR Presso il CESI è stato progettato e realizzato un circuito pilota in grado di svolgere test con un prototipo di Catalityc Membrane Reactor (CMR). Lo schema funzionale dell impianto sperimentale realizzato per lo svolgimento di prove di Shift catalitico con reattore a membrana (CMR), è riportato in figura 7. L impianto è costituito da tre sezioni principali: circuito di alimentazione dei gas di processo al reattore catalitico a membrana (R1); i gas di processo che vengono inviati al reattore sono: CO, CO2, H2, N2 e acqua, circuito secondario per l alimentazione del gas di lavaggio del permeato (denominato sweep gas) che è costituito da azoto (N2), circuito di raffreddamento dei gas in uscita dal reattore e dal circuito di sweep gas, allo scopo di condensare il vapore d acqua e consentire quindi le analisi gas cromatografiche.. N L M L A B C I D H E G F Fig. 7: Schema di flusso dell impianto pilota realizzato per lo svolgimento di test di reforming catalitico del metano. I reattivi inviati al circuito primario e secondario sono in forma gassosa e provengono da bombole in pressione, mentre l acqua è inviata al reattore con l impiego di una pompa dosimetrica a doppio pistone in grado di erogare portate costanti con incrementi minimi di 0.1 cc/min. La portata minima di acqua è quindi di 0.1cc/h (6cc/h). Le caratteristiche principali del circuito pilota sono:

15 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 15/43 Parametro di progetto pressione massima linee pressione di esercizio reattore portata azoto portata idrogeno portata minima acqua portata anidride carbonica portata ingresso monossido di carbonio portata minima di sweep gas (N2) portata in uscita dal reattore (circuito primario) portata in uscita dal circuito secondario portata acqua refrigerante Dato di progetto 15 bar 5 bar 300 Nl/h 25 Nl/h 6 cc/h 25 Nl/h 25 Nl/h 140 Nl/h 20 Nl/h 145 Nl/h 200 Kg/h Il prototipo del reattore CMR realizzato presenta le seguenti caratteristiche: Parametro di progetto Dato di progetto Diametro tubo esterno 60.3 mm Lunghezza utile tubo 140 mm Lunghezza del letto catalitico diluito 120 mm Temperatura massima di esercizio 900 C Pressione massima di esercizio continuo 5 bar produzione prevista di idrogeno circa 2.0 Nl/h Il circuito è dotato di una serie di misuratori di portata (mass flow meter), pressione e temperatura che permettono il controllo ed il monitoraggio del processo in atto. L analisi dei gas prodotti viene eseguita con un gas cromatografo della Varian tipo CP-2003P. Questo consente di eseguire un analisi quantitativa sulle miscele uscenti sia dal circuito primario (reattore) che dal circuito secondario (sweep gas); in particolare sono state eseguite delle curve di taratura che consentono la determinazione quantitativa delle seguenti specie: idrogeno (H 2 ), azoto (N 2 ), ossigeno (O 2 ), metano (CH 4 ), monossido di carbonio (CO) e biossido di carbonio (CO 2 ). Il riscaldamento del circuito viene eseguito con l impiego di un forno orizzontale con le seguenti caratteristiche: Parametro Dato di progetto Temp. massima ( C) 1700 Diametro interno (mm) 750 Diametro esterno (mm) 930 Uso forno orizzontale Potenza massima (kw) 9.0 Il forno è dotato di un sistema di riscaldamento a tre sezioni, queste sono comandate da una centralina che permette di ottenere una zona centrale di circa 300 millimetri ad una temperatura costante. La figura 8 mostra il sistema sperimentale adottato per i test di CMR; nella figura sono evidenziati i principali componenti: Forno e centralina di controllo di temperatura sistema di acquisizione: personal computer e data logger, pompa dosimetrica e serbatoio dell acqua, flangia ingresso reagenti.

16 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 16/43 Sistema di acquisizione forno Ingresso reattivi Serbatoio acqua Centralina di controllo Fig. 8: Sistema sperimentale adottato per i test CMR. Pompa dosimetrica

17 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 17/43 Flangia principale Linea per il lavaggio forno Sweep gas out H2O Gas in Sweep gas in Gas out Termocoppia Fig.9: Flangia principale del forno. La figura 9 mostra la flangia principale sulla quale è stato installato l assieme che sostiene il reattore CMR (vedi paragrafo 3.3). La figura riporta anche i diversi punti di alimentazione e scarico dei flussi gassosi entranti nel reattore e in uscita da esso. I gas in uscita vengono inviati a due scambiatori ariaacqua dal volume di circa 2 litri, che consentono il raffreddamento dei flussi gassosi in uscita dal reattore e dalla linea di sweep gas. In particolare la linea uscente dal reattore (linea primaria), contiene una elevata quantità di acqua non utilizzata dalla reazione, questa deve essere eliminata prima dell invio del gas al gas cromatografo. Lo scambiatore presenta infatti sul fondo una valvola di spurgo che consente di eliminare l eccedenza d acqua che viene condensata durante il raffreddamento del gas scaricato. Questa operazione risulta necessaria in quanto la presenza di acqua al gas cromatografo provoca un malfunzionamento delle colonne cromatografiche. La termocoppia, come mostrato in figura, è inserita al centro della flangia e questo consente l inserimento della stessa all interno del reattore. La termocoppia consente il rilevamento di tre temperature ad una distanza di circa 60 millimetri; questo consente la determinazione della temperatura di ingresso, mediana e di uscita dal reattore catalitico a membrana, denominate rispettivamente Tc03, 02 e 01. La misura della temperatura interna del reattore fornisce indicazioni necessarie riguardo al processo in atto.

18 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 18/43 Linea di spurgo gas di lavaggio forno Linee gas mass flow meter Fig.10: Flangia posteriore. La figura 10 riporta la flangia posteriore del forno; in essa si nota la linea di scarico del gas di lavaggio del forno. Il forno è costantemente mantenuto in condizioni di atmosfera inerte, a tal fine si è impiegato un flusso costante di azoto (N 2 ) ad una portata di circa 10 NLt/h con una leggera sovrapressione determinato dal contabolle montato in coda alla linea. La spirale inserita prima del contabolle consente al gas di lavaggio scaricato di raggiungere temperature di circa C. Il gas viene quindi inviato alla cappa aspirante per il successivo scarico in atmosfera. Dalla figura sono anche evidenziate le linee di alimentazione dei gas di reazione e i diversi mass flow meter che controllano le diverse portate. 3.2 Sezione di Prova Il disegno della sezione di prova 6 è riportato in figura 11 dove, in aggiunta alle caratteristiche geometriche e dimensionali dei componenti (membrana, involucro esterno, testate e tubazioni di ingresso/uscita dei gas di processo), vengono indicate le caratteristiche relative alle guarnizioni di Grafoil che assicurano la tenuta tra involucro metallico e membrana. All interno del reattore é stata inserita una termocoppia dal diametro di 2 mm con tre piani di misura per valutare il profilo di temperatura lungo il reattore. La tenuta tra membrana ceramica e reattore metallico è realizzata mediante: l impiego di guarnizioni in grafite grafoil che assicurano una compensazione della differenza di coefficiente di dilatazione termico dei due materiali (la tenuta, di tipo radiale, viene effettuata durante il montaggio per compressione della testa del reattore sull anello in grafite); 6 Il progetto della sezione di prova è riportato nel dettaglio in rif. 3.

19 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 19/43 l impermeabilizzazione degli estremi della membrana con una resina epossidica stabile in temperatura fino a 300 C (resina tipo G-1, prodotta da GATAN); La suddetta soluzione, se da un lato non è da considerarsi ottimale in vista dello sviluppo di un prodotto/prototipo industriale che deve assicurare di operare in continuo nel lungo termine, ed a più elevata temperatura, risulta però adeguata agli scopi attuali della ricerca in quanto consente di operare senza perdite, per una durata sufficiente a valutare la fattibilità del processo in esame. La figura 11 riporta il dettaglio di come è stata realizzata la zona di tenuta. Gas di lavaggio (N 2 ) Permeato (N 2 + H 2 ) Gas shift out Gas shift in Fig. 11: Progetto del reattore: tenute in grafite e sigillatura metallo-allumina con resina epossidica per alta temperatura

20 Rapporto PGE Processi per la Generazione Approvato Pag. 20/43 Fig. 12: Progetto del reattore: dettaglio della zona di tenuta con resina epossidica e grafite La sezione di prova riportata in figura 13 ne evidenzia la configurazione finale adottata per lo svolgimento dei test di interesse.

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

: acciaio (flangia in lega d alluminio)

: acciaio (flangia in lega d alluminio) FILTRI OLEODINAMICI Filtri in linea per media pressione, con cartuccia avvitabile Informazioni tecniche Pressione: Max di esercizio (secondo NFPA T 3.1.17): FA-4-1x: 34,5 bar (5 psi) FA-4-21: 24 bar (348

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3 Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3.1 Introduzione Uno dei gas serra derivanti dall attività dell uomo è il CO 2, che proviene principalmente dalla combustione di combustibili

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA MAIM ENGINEERING S.r.l. UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE Mario Cruccu, Laura Sanna Maim Engineering S.r.l., Piazza Giovanni

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio

Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio Intelligenza fin nell'ultimo dettaglio «La questione non è ciò che guardate, bensì ciò che vedete.» Henry David Thoreau, scrittore e filosofo statunitense Noi mettiamo in discussione l'esistente. Voi usufruite

Dettagli

Idrogeno - Applicazioni

Idrogeno - Applicazioni Idrogeno - Applicazioni L idrogeno non è una fonte di energia, bensì un mezzo per accumularla, un portatore di energia che potrà cambiare in futuro molti settori della nostra vita e, con la cella a combustibile,

Dettagli

Tutto sulle sonde lambda

Tutto sulle sonde lambda www.beru.com Tutto sulle sonde lambda Informazione tecnica N 03 Pe r f e z i o n e i n t e g r a t a Indice Introduzione Il principio della misurazione d'ossigeno di confronto Struttura e funzionamento

Dettagli

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000.

Rapporto CESI. Cliente: Oggetto: Ordine: Contratto CESI n. 71/00056. Note: N. pagine: 13 N. pagine fuori testo: Data: 30.05.2000. A0/010226 Pag.1/13 Cliente: Ricerca di Sistema Oggetto: Determinazione della tenacità di acciai eserciti - Correlazioni per stime di FATT da prove Small Punch Ordine: Contratto CESI n. 71/00056 Note: DEGRADO/GEN04/003

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche:

OGGETTO: PAROS GREEN. Vi indichiamo le principali caratteristiche tecniche: OGGETTO: Egregi, a breve verrà commercializzata una nuova gamma di caldaie a condensazione, chiamata Paros Green, che andranno a integrare il catalogo listino attualmente in vigore. Viene fornita in tre

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR

Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Guida alla Cogenerazione ad Alto Rendimento CAR Edizione n.1 Marzo 2012 - 1 - INDICE GENERALE 1 Premessa... - 7-2 Cogenerazione ad Alto Rendimento (CAR)... - 8-2.1 Principi generali della... - 8 - Box:

Dettagli

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS

TECnologie innovative per l up-grading del biogas TECGAS Proposta in risposta al bando del MATTM Finanziamento di progetti di ricerca finalizzati ad interventi di efficienza energetica e all utilizzo delle fonti di energia rinnovabile in aree urbane TECnologie

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo

A prima vista: Dati tecnici microfonditrice MC 15. 44 cm. 40 cm. Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie. Minimo utilizzo di metallo A prima vista: Perfettamente adatta per piccole fusioni e piccole serie Minimo utilizzo di metallo Generatore ad induzione da 3,5 kw per un riscaldamento estremamente veloce e per raggiungere alte temperature

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8

SAFAP 2012, Napoli 14-15 giugno ISBN 978-88-7484-230-8 Valutazione della Minimum Pressurizing Temperature (MPT) per reattori di elevato spessore realizzati in acciai bassolegati al Cr-Mo, in esercizio in condizioni di hydrogen charging Sommario G. L. Cosso*,

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS Maggiore flessibilità operativa e miglior ritorno economico L. Mancuso - Foster Wheeler Italiana - Power Division N. Ferrari - Foster Wheeler Italiana - Power Division J. Davison - IEA Greenhouse Gas R&D

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Legge del Raffreddamento di Newton

Legge del Raffreddamento di Newton Legge del Raffreddamento di Newton www.lepla.eu Obiettivo L'obiettivo di questo esperimento è studiare l'andamento temporale della temperatura di un oggetto che si raffredda e trovare un modello matematico

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli