SILICE LIBERA CRISTALLINA. VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE E MISURE DI PREVENZIONE. UNO STUDIO NEI COMPARTI PRODUTTIVI IN EMILIA ROMAGNA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SILICE LIBERA CRISTALLINA. VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE E MISURE DI PREVENZIONE. UNO STUDIO NEI COMPARTI PRODUTTIVI IN EMILIA ROMAGNA."

Transcript

1 GRUPPO ESP SIZIONE SILICE emilia romagna SILICE LIBERA CRISTALLINA. VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE E MISURE DI PREVENZIONE. UNO STUDIO NEI COMPARTI PRODUTTIVI IN EMILIA ROMAGNA. DIPARTIMENTI DI SANITÀ PUBBLICA AZIENDE UNITÀ SANITARIA LOCALE PIACENZA PARMA REGGIO EMILIA MODENA BOLOGNA FERRARA RAVENNA ARPA ER REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO TECNICO LABORATORIO AMIANTO POLVERI E FIBRE

2 2 SILICE LIBERA CRISTALLINA. VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE OCCUPAZIONALE E MISURE DI PREVENZIONE. UNO STUDIO NEI COMPARTI PRODUTTIVI IN EMILIA ROMAGNA. Claudio Arcari (RESPONSABILE DI PROGETTO) Anna Bosi Lucia Corcagnani Mariacristina Mazzari Giorgio Passera Alessandra Pompini Gianni Rozzi Lorena Bedogni Patrizia Ferdenzi Fulvio Ferri Massimo Magnani Antonella Sala Rosanna Braglia Luigi Iori Fabrizio DePasquale Walter Gaiani Manuela Mattioli Ivan Paredes Bruno Marchesini Giovanni Passeri Anita Zambonelli Adolfo Buzzoni Aleardo Marocchi Ausl Piacenza Ausl Piacenza Ausl Piacenza Ausl Piacenza Ausl Piacenza Ausl Piacenza Ausl Parma Ausl Reggio Emilia Ausl Reggio Emilia Ausl Reggio Emilia Ausl Reggio Emilia Ausl Reggio Emilia ARPA ER - Reggio Emilia ARPA ER - Reggio Emilia Ausl Modena Ausl Modena Ausl Modena Ausl Modena Ausl Bologna Ausl Bologna Ausl Bologna Ausl Ferrara Ausl Ravenna

3 3 I DANNI PER LA SALUTE E IL VALORE LIMITE DI ESPOSIZIONE PROFESSIONALE La silice contenuta nella polvere che giunge a contatto con l organismo di lavoratori esposti è causa determinante o concorrente di una nutrita serie di patologie, di tipo neoplastico e non. Ultimamente sempre maggiore importanza patogenetica viene attribuita alle caratteristiche (citotossiche) della superficie delle particelle di silice. SILICE E PATOLOGIE NON NEOPLASTICHE SILICOSI Insorge per la maggior parte come una diffusa reazione fibrotico-nodulare del polmone, indotta da inalazione e deposizione di silice cristallina formata da particelle di diametro inferiore ai 10 µm. Si possono sviluppare tre tipi di silicosi in relazione alla concentrazione di silice cristallina nell aria respirata. Silicosi cronica è la forma più comune di silicosi e si manifesta dopo circa dieci anni di esposizione a concentrazioni relativamente basse di silice; Silicosi accelerata si manifesta tra i cinque e dieci anni dall esposizione ad alte concentrazioni di silice; Silicosi acuta si può verificare dopo esposizione ad elevate concentrazioni di silice (tipiche elevate esposizioni: sabbiatura, perforazione di rocce e macinazione di silice); determina sintomi in un periodo compreso da poche settimane a 5 anni dall iniziale esposizione. I sintomi possono essere analoghi a quelli della silicosi cronica, ma con progressione clinica e radiologica molto più rapida. La fibrosi può non presentarsi o essere più irregolare e diffusa. Le caratteristiche della silicosi acuta richiamano quelle della proteinosi alveolare (detta anche silicoproteinosi). Gli studi epidemiologici condotti hanno mostrato che la silicosi cronica può progredire anche dopo la sospensione dell esposizione e, quindi, quest ultima non garantisce il blocco della progressione (la stabilizzazione) della malattia, una volta diagnosticata. La frequenza di casi di silicosi in popolazioni di esposti a silice a livelli pari o superiori al TLV (ACGIH) varia da 1 a 7 ogni 100 esposti per meno di 30 anni (definendo per silicosi i casi con un quadro radiologico di livello 1/0 o superiore, della classificazione ILO-BIT). TUBERCOLOSI E da tempo nota la stretta associazione tra Silicosi e Tubercolosi, provocata dalla ridotta efficienza delle difese cellulari polmonari che l accumulo di silice induce nel tessuto polmonare di lavoratori esposti per decenni a silice: in tali condizioni i macrofagi non sono più una valida difesa contro i Micobatteri della TBC e di altre malattie micotiche (da Nocardia, Cryptococco,...) che spesso si presentano in tali generi di pazienti. L associazione tra Silicosi e TBC è molto più frequente se il lavoratore appartiene a classi sociali, etniche o economiche più sfavorite sia per la qualità della vita stessa che per il fatto che tali persone sono più spesso impiegate in mansioni comportanti una più elevata esposizione al rischio. Anche per la TBC, l insorgenza della malattia può verificarsi a distanza di anni dalla fine dell esposizione. BRONCOPATIA OSTRUTTIVA POLMONARE CRONICA La malattia ostruttiva cronica polmonare (COPD), (in Italia BPCO) comprende quattro processi patologici tra loro collegati: 1. bronchite cronica, 2. enfisema, 3. asma, 4. malattia delle vie aeree periferiche. Il fumo di sigaretta è la causa principale della BPCO ma l associazione con l esposizione a polvere, a silice in particolare, contribuisce significativamente alla sua insorgenza.

4 4 MALATTIE AUTOIMMUNI In tutto il XX secolo sono stati descritti casi di varie malattie autoimmuni insorte in lavoratori o pazienti che erano stati esposti a silice cristallina. Le malattie di questo genere più frequenti sono state: sclerodermia, lupus eritematosus sistemico, artrite reumatoide, anemia emolitica autoimmune, dermatomiosite. Altre forme patologiche connesse ad alterazioni immunologiche dei pazienti sono state: insufficienza renale cronica, neuropatia sensoriale atassica, tiroidite cronica, ipertiroidismo (Morbo di Flajani Basedow-Graves), gammopatia monoclonale, poliarterite nodosa. SILICE E CANCRO CANCRO DEL POLMONE La discussione sulla possibile cancerogenicità della silice cristallina inizia negli anni 80 con gli studi di Goldsmith et Al., Westerholm, e Finkelstein e altri. Nel 1996 lo IARC conferma (a maggioranza) la affidabilità degli studi che depongono per una attività cancerogena della silice cristallina respirabile in specifici ambiti lavorativi. Dagli studi disponibili, in particolare, viene osservato un potenziamento dell effetto del fumo, in quanto l evidenza epidemiologica è maggiore tra i silicotici fumatori. La IARC nella monografia N. 68 del 1997 ha classificato la silice cristallina quale cancerogeno di categoria 1: Sostanze note per effetti cancerogeni sull uomo. Esistono prove sufficienti per stabilire un nesso causale tra l esposizione dell uomo ad esse e lo sviluppo di tumori La monografia IARC stabilisce che la silice cristallina: inalata sotto forma di quarzo o cristobalite da fonti occupazionali risulta cancerogena per l uomo inoltre specifica che la cancerogenicità non è stata rilevata in tutte le realtà industriali esaminate e che è considerata prioritaria l associazione meccanismo cancerogeno-attività industriale. Le attività industriali individuate nella monografia IARC sono: -miniere di minerali metalliferi, -cave e lavorazioni del granito e altri lapidei, -ceramica, sanitari, terraglia e mattoni refrattari, -fonderie. Diversi altri Enti si sono pronunciati sulla cancerogenicità della silice fra i quali: - il NIOSH statunitense che nel Report dell aprile 2002 concorda con le conclusioni della IARC e ricorda di aver raccomandato già nel 1989 (54 Fed. Reg. 2521) all OSHA di etichettare la silice cristallina come un potenziale cancerogeno. - l American Torax Society, nel 1997, descrive, tra gli effetti avversi della silice cristallina, il tumore polmonare. - Commissione Tossicologica Nazionale nel verbale del 5 giugno 2001 (non stampato) con allocazione di cancerogenesi 1 sostenendo che l esposizione a Silice Libera Cristallina (SLC) è cancerogena per l uomo. - Concise International Chemical Assessment Document (CICAD) N 24 Cristalline silica, quartz, sotto egida OMS e ILO, riporta Effetti dell esposizione a lungo termine o ripetuta: la sostanza può avere effetti sui polmoni, risultando in fibrosi (silicosi). Questa sostanza è cancerogena per l uomo. - National Toxicology Program (NTP-USA ) nono rapporto del sottocomitato per i cancerogeni (2000): nota per essere cancerogena per l uomo. La silice cristallina non risulta classificata, dalla Unione Europea (UE), come sostanza chimica pericolosa e può ricadere in regime di classificazione provvisoria all atto della commercializzazione.

5 5 Il Valore Limite per l esposizione occupazionale con cui confrontare i valori dell esposizione giornaliera a SLC è stato individuato attraverso la consultazione dei principali Enti, Associazioni ed Istituti tra cui citiamo quale riferimento: ACGIH (American Conference of Governmental Industrial Hygienists) nella lista dei TLV pubblicata nel 2003 e SCOEL (Scientific Committee on Occupational Exposure Limits) nella sua Raccomandazione del giugno Entrambi identificano il valore di 0,050 mg/mc (50 μg/mc) di silice cristallina nella frazione respirabile come quella concentrazione che, riferita ad 8 ore di esposizione, e con esposizione ripetuta, salvaguarda da effetti sulla salute, riferiti alla silicosi, la maggior parte dei lavoratori esposti a meno di una frazione stimabile in circa il 5%. In questo studio per la valutazione dell esposizione viene adottato il Valore Limite di Esposizione Professionale di 0,050 mg/mc (50 μg/mc) e tutti i valori misurati sono rapportati alle 8 ore di riferimento (T 0 ) con cui sono espressi i Valori Limite. L indicatore utilizzato è C esp,g intendendo che ogni misurazione della silice cristallina viene rapportata, attraverso il tempo di esposizione T e, ad un tempo T 0 di riferimento secondo la formula: C esp,g = C mis T e /T 0

6 6 IL PIANO DELL INDAGINE E stato eseguito uno studio multicentrico con lo specifico obiettivo di realizzare una matrice comparto-lavorazione/esposizione a Silice Cristallina Libera (SLC) in alcuni comparti produttivi nella Regione Emilia Romagna. Ogni Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro (SPSAL) che partecipa a questo studio ha realizzato misurazioni e valutazioni dell esposizione a silice cristallina nei comparti/lavorazioni che insistono nei territori di competenza. Lo studio non realizza una matrice esaustiva dei comparti e delle lavorazioni che possono comportare una esposizione a SLC ma indica le esposizioni misurate nei comparti indagati. Altresì va sottolineato che i valori di esposizione rilevati non sono automaticamente estensibili ad ogni azienda del comparto, ma segnalano la dimensione possibile dell esposizione a silice in aziende di quel comparto e per quella lavorazione. Lo studio si è articolato in due tipologie di indagine con diverso approccio ed approfondimento: per una valutazione dell esposizione attraverso una stima di massima dell intervallo dei valori riscontrati (nella tabella indicato con sonda ), realizzando un minimo di 6/8 misurazioni per comparto; per una valutazione dell esposizione attraverso un indagine in aziende appartenenti allo stesso comparto per realizzare una stima in diversi gruppi omogenei opportunamente individuati (indicato in tabella con indagine ), realizzando un minimo di 20 misurazioni. Tabella 1: Quadro generale dei comparti indagati e del numero di misurazioni eseguite. Comparto o lavorazione oggetto di indagine Numero di misurazioni Tipo di approccio TAV VAV Perforazioni gallerie 24 Indagine Fusione materiali ferrosi 32 Indagine Frantoi / Estrazioni cave 16 Sonda Manufatti in cemento 8 Sonda Cementifici 11 Sonda Lavorazioni marmo e granito 6 Sonda Vetrerie 8 Sonda Produzione Laterizi / fornaci 18 Sonda Ceramica per Piastrelle 64 Indagine Refrattari 16 Sonda Area Portuale (movimento Terre) 10 Sonda Edilizia 20 Indagine Linea TAV 10 Sonda

7 7 MATERIALI E METODI Le fasi identificate per la realizzazione di questo studio sono: 1. CAMPIONAMENTO DELLA FRAZIONE RESPIRABILE 2. DETERMINAZIONE DELLA SILICE CRISTALLINA LIBERA 3. VALUTAZIONE DEI RISULTATI DELLE MISURAZIONI 1. CAMPIONAMENTO DELLA FRAZIONE RESPIRABILE Scelta del selettore Il campionamento personale della frazione respirabile viene usualmente realizzato con un selettore dimensionale (comprensivo di alloggiamento per membrane) del tipo a ciclone. Partendo dalla considerazione che la frazione respirabile può essere determinata in ambienti di lavoro sia a bassa che ad alta polverosità, è stato individuato per questo studio l uso del ciclone GS3 multi inlet con flusso pari a 2,75 l/min. Questo selettore opera ad una portata tale da poter raccogliere volumi di aria relativamente alti in un unico campionamento quando la situazione lavorativa espone a basse concentrazioni di polvere e naturalmente permette di frazionare il campionamento quando la concentrazione di polvere risulta essere elevata. Attrezzatura Dotazione minima per poter effettuare un campionamento personale: Pompa personale a flusso costante, completa di tracolla e cintura, che risponda a quanto previsto dalla norma UNI EN 1232/1999; Ciclone GS3 (Dorr-Oliver modificato, multi inlet); Flussimetro a bolla con lettura garantita di almeno 400 ml o analogo dispositivo di calibrazione del flusso; Cronometro con lettura di almeno 1/10 sec; Filtri in argento con diametro 25 mm, porosità 0,8 micron (macchia di impolveramento di diametro circa 20 mm). Essi evitano, o riducono, le problematiche legate al condizionamento, all assorbimento dell umidità e nella successiva analisi diffrattometrica consentono di gestire al meglio l eventuale effetto matrice e l effetto strato; Bilancia analitica con sensibilità di almeno 0,01 mg. Per la realizzazione della retta di calibrazione la bilancia analitica possiede una sensibilità di 0,001 mg.

8 8 Tempo di campionamento Il tempo di campionamento è scelto in funzione della presunta quantità di polvere depositata sul filtro, quindi per la sua individuazione occorre tener conto di due esigenze: la necessità di raccogliere sul filtro una quantità minima di silice che permetta di eseguire l analisi con una precisione soddisfacente; la necessità di campionare per un periodo di tempo che sia rappresentativo di tutta la giornata lavorativa. Nel caso di lavorazioni a bassa polverosità, il tempo di campionamento coinciderà quando possibile con l intero turno di lavoro e comunque non sarà inferiore alle 7 ore: in tal modo con il ciclone adottato si raccoglie un volume non inferiore a 1 metro cubo. Nel caso di polverosità elevata, il campionamento va frazionato su più filtri seguendo le indicazioni contenute nella Norma UNI EN 689/1997 (punto e Appendice A); il tempo complessivo di campionamento non dovrà essere comunque inferiore alle 5 ore. Un indicazione al fine di orientarsi nel frazionamento del campionamento è contenuta nella Norma UNI Determinazione della silice libera cristallina nei flussi di gas convogliati dove viene indicato che utilizzando un filtro di argento con diametro 25 mm e porosità compresa tra 0,8 e 1,2 micron, la massa totale dovrebbe essere compresa tra 0,6 e 3,0 mg, in quanto al di sotto di questo valore diventa problematica la pesata e al di sopra risulterebbe troppo evidenziato l effetto matrice in fase analitica DRX (punto 2 della Norma). 2. DETERMINAZIONE DELLA SILICE LIBERA CRISTALLINA La determinazione del contenuto in Silice Libera Cristallina (SLC) nelle polveri aerodisperse campionate in ambiente di lavoro viene effettuata attraverso l analisi in Difrattometria di raggi X. Curva di calibrazione Le membrane di riferimento per costruire la curva di calibrazione della SLC vengono predisposte secondo quanto indicato dalla Norma UNI 10568/1997 Misura delle emissioni-determinazione della silice libera cristallina nei flussi gassosi convogliati. Metodo per diffrazione a raggi X punto 8. L apparecchiatura utilizzata per l impolveramento delle membrane è quella schematizzata nel punto 8.2 della norma UNI 10568/1997. Le membrane di riferimento devono essere dello stesso tipo di quelle usate per i campionamenti in ambiente di lavoro. Come materiale di riferimento, si utilizza quarzo della Fluka BCR- Reference material con particelle di granulometria compresa tra 1,2 e 20 micron. Per la pesata delle membrane di riferimento si utilizza una bilancia analitica con sensibilità di 0,001 mg.

9 9 Strumentazione La strumentazione difrattometrica a raggi X utilizzata per la lettura delle membrane di riferimento (D 5000 X-Ray Diffractometer) risponde ai seguenti parametri: Tensione di acquisizione = 40 KV Intensità di acquisizione = 40 ma Tubo generatore di raggi X = anticatodo in Cu Kα Finestra in Berillio Fenditura divergente = 2 mm Fenditura ricevente = 2 mm 0,2 mm Portacampioni rotante automatico Filtro Ni Passo (2Θ ) = 0,010 Tempo di acquisizione/passo = 10 sec Per ciascuna membrana di riferimento viene eseguita un unica lettura. Determinazione del Limite di Rilevabilità (LdR) e del Limite di Quantificazione (LdQ) Ogni metodo analitico è caratterizzato dai seguenti due parametri: Limite di Rilevabilità (LdR) = la più piccola quantità di analita che può essere distinta dal bianco. Limite di Quantificazione (LdQ) = la quantità di analita oltre la quale è possibile fornire una misura quantitativa dell analita sufficientemente precisa. La curva di calibrazione, ottenuta mettendo in ascissa le quantità di SLC e in ordinata l area del picco, viene calcolata con la retta di regressione lineare con la seguente equazione: y = a + bx a = intercetta sull asse delle ordinate b = coefficiente angolare Il Limite di Rilevabilità (LdR) viene quindi calcolato secondo la formula: LdR = [(Y B + 3 S B ) - a]/ b Dove Y B è il valore medio delle letture del bianco, S B è la relativa deviazione standard, b è il coefficiente angolare della retta di calibrazione; nello specifico Y B e S B devono essere determinati misurando una serie di almeno 7 letture di un bianco nelle medesime condizioni di analisi. Il Limite di Quantificazione (LdQ) viene calcolato secondo la formula: LdQ = [(Y B + 10 S B ) - a]/ b dove Y B S B e b hanno i significati visti precedentemente.

10 10 Esempio di una curva di calibrazione e determinazione del Limite di Rilevabilità (LdR) e del Limite di Quantificazione (LdQ) Retta di regressione lineare Area media y = 0,1172x - 0,5162 R 2 = 0, M icrogram m i di silice Schema di calcolo per LdR e LdQ Letture del BIANCO: n= 8 Valore medio dell'area (Y B ) = 0,099 Deviazione standard campionaria (S B ) = 0,057 Valori calcolati: LdR = 7 μg LdQ = 10 μg LdR = [(Y B + 3 S B ) - a]/ b LdQ = [(Y B + 10 S B ) - a]/ b Ad ogni serie di analisi viene effettuato un controllo della retta di taratura attraverso la lettura di un filtro di riferimento (centrale rispetto ai punti della retta) e uso di carte di controllo. La predisposizione di nuovi standard e la relativa curva di calibrazione deve essere comunque ripetuta periodicamente.

11 11 In questa procedura viene, a scopo cautelativo, adottato un valore di LdR = 10 μg, che risulta coincidente con il valore calcolato di LdQ. Griglia di lettura delle misurazioni I valori di SLC ottenuti devono essere confrontati sia con il Limite di Rilevabilità (LdR) che con il Limite di Quantificazione (LdQ) e si individuano le seguenti tre possibilità: Risultato inferiore a LdR: Non è possibile confermare né negare la presenza di silice cristallina, in quanto il risultato è inferiore al limite di rilevabilità Risultato compreso tra LdR e LdQ: Sicuramente la silice cristallina è presente in quantità superiore al limite di rilevabilità, ma la precisione della lettura non è pienamente soddisfacente Risultato superiore a LdQ: La precisione della lettura e quindi il risultato sono pienamente soddisfacenti Nel nostro studio è stata assunta l eguaglianza del valore di LdR e LdQ e pertanto quando viene indicato un valore di concentrazione di silice cristallina questo oltre che essere rilevabile (>LdR) risulta anche determinato con una soddisfacente precisione (>LdQ). 3. VALUTAZIONE DEI RISULTATI DELLE MISURAZIONI Per una singola misurazione La quantità di silice cristallina raccolta sul substrato filtrante viene diviso per il volume d aria campionata per ottenere la concentrazione espressa in μg/m 3. E molto importante conoscere le concentrazioni minime rilevabili in aria (CMR) di SLC; allo scopo si utilizza la seguente formula: q CMR = [μg/m 3 ] F C T c q = quantità di SLC [microgrammi] corrispondente ai valori di LdR e LdQ F C = portata [metri cubi/minuto] T c = tempo di campionamento [minuti].

12 12 CMR è la concentrazione in aria di SLC che si avrebbe se, alla portata definita e per il tempo di campionamento individuato, si raccogliesse una quantità di SLC pari rispettivamente a LdR e a LdQ. NOTA: Dopo un campionamento di 1 metro cubo di aria (campionamento di 364 minuti a 2,75 l/min) la concentrazione minima rilevabile (CMR), che risulta nella nostra procedura è: CMR = 10/1 = 10 μg/m 3 Se invece viene campionato un volume d aria pari a 0,330 metri cubi (campionamento di 120 minuti a 2,75 l/min) risulta: Per un gruppo di dati CMR = 10/0,330 = 30 μg/m 3 Si utilizza la norma UNI EN 689/1997 Atmosfera nell ambiente di lavoro. Guida alla valutazione dell esposizione per l inalazione a composti chimici ai fini del confronto con i valori limite e strategia di misurazione. Si può fare riferimento sia all appendice D ( Esempio di possibile approccio per confrontare la concentrazione dell esposizione professionale con i valori limite ) che all appendice G ( Analisi statistica dei dati ). Particolarmente importante è la selezione degli addetti per le misurazioni; la norma consente di assegnare l esposizione sulla base della identificazione di gruppi omogenei di esposti all agente chimico. Se i lavoratori svolgono compiti identici o simili nello stesso posto di lavoro o presentano un esposizione simile, il campionamento può essere effettuato in tale gruppo. Quando il numero delle misurazioni risulta ridotto (n<6) la valutazione dell esposizione viene effettuata per ogni singolo valore con il criterio predisposto attraverso frazioni specifiche del Valore Limite di Esposizione Professionale adottato. La griglia di valutazione è illustrata nelle pagine successive. Quando il numero delle misurazioni risulta adeguato (n>6) la valutazione dell esposizione viene effettuata anche con il criterio statistico che prevede il calcolo delle Percentuali di superamento del valore limite e successiva indicazione della zona come previsto dalla norma UNI EN 689. Per i calcoli statistici è stato utilizzato il programma messo a disposizione da INRS (Institut National de Recherche et de Sécuritè ) sul sito web: denominato ALTREX (Analyse Log-normale et Traitement des mesures d Exposition) specifico per i calcoli delle misurazioni dell esposizione in ambienti di lavoro. Nelle pagine che seguono: 1) è sviluppata la matrice delle esposizioni per lavorazione/comparto con tutti i valori misurati e con il giudizio ricavato dall applicazione dello specifico criterio; 2) sono mostrati i risultati sintetici dell applicazione del criterio statistico; 3) è predisposto, in appendice A, un atlante dei risultati delle misurazioni e dei principali parametri statistici secondo la rappresentazione delle carte di probabilità.

13 13 MATRICE DELLE ESPOSIZIONI PER LAVORAZIONE/COMPARTO La valutazione dei valori di esposizione viene effettuata attraverso uno schema realizzato tramite frazioni specifiche del VLEP per le seguenti considerazioni: Quando l esposizione è superiore al valore limite (VLEP) deve essere ricercata la causa e vanno predisposte con urgenza le misure di prevenzione e protezione tese a ridurre l esposizione al di sotto del valore limite (D.Lgs. 626/94 Titolo VII-bis art. 72 sexsies comma 3 nonché norma UNI EN 689 punto 5.5). Quando il valore dell esposizione è compreso fra la metà del valore limite (1/2 VLEP) e il valore limite stesso, è alta la probabilità che una serie di misure di esposizione possa superare il valore limite (NIOSH. Occupational Exposure Sampling Strategy Manual. 1977). La misurazione dell esposizione a silice è condizionata da Limiti di Rilevabilità (LdR) relativamente alti rispetto al valore limite di 50 μg/m 3 (LdR = 10μg che per il campionamento di 1 m 3 di aria non permette di misurare al di sotto di 10 μg/m 3 pari ad 1/5 del valore limite) per cui: i) la prima fascia, fra la metà del valore limite e il Limite di Rilevabilità (CMR), corrisponde ancora ad una valutazione dell esposizione misurabile che può essere considerata meritevole di un piano di mantenimento delle misure di prevenzione e protezione. La fascia rappresenta una condizione di relativa conformità rispetto al valore limite quanto più i valori sono inferiori ai 25 μg/m 3 (½ VLEP); ii) la seconda fascia, esposizione al di sotto del Limite di Rilevabilità (CMR), realizza una situazione in cui la probabilità di conformità al valore limite è alta (anche se, per esempio, non ci consente di realizzare misurazioni senz altro sotto a 1/10 del VLEP così come previsto nella procedura formale della Norma UNI EN 689-Appendice C) per cui la situazione espositiva non necessita di introdurre ulteriori misure di prevenzione e protezione. Nella matrice la valutazione per lavorazione o mansione viene pilotata dal valore più alto delle misurazioni effettuate, in relazione alla considerazione che la condizione peggiore di esposizione individui l intensità e l urgenza delle misure di Prevenzione e Protezione.

14 14 Tabella 2: Misurazione dell esposizione a silice. Valutazione dell esposizione nei confronti del Valore Limite. ESPOSIZIONE C esp,g > VLEP (50μg/m 3 ) VALUTAZIONE (*) ELEVATA 0,5 VLEP < C esp,g < VLEP (25 μg/m 3 ) (50μg/m 3 ) ALTA LdR < C esp,g < 0,5 VLEP (25 μg/m 3 ) MEDIA AZIONI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE E necessario individuare un piano di riduzione dell esposizione con urgenza. Vanno intraprese misure di prevenzione e protezione. Ricontrollare l esposizione dopo l applicazione delle misure Devono essere individuate ed applicate misure di prevenzione e protezione. Misure Periodiche (MP) dell esposizione Deve essere individuato un piano di mantenimento delle misure di prevenzione e protezione in essere e ricercate eventuali ulteriori misure MISURE PERIODICHE (MP) PERIODICITA 26 SETTIMANE ANNUALE BIENNALE O TRIENNALE C esp,g < LdR BASSA (*)Il valore di C esp,g più alto individua la fascia di valutazione in tabella La situazione appare sotto controllo: confermare che non ci sono cambiamenti nell attività lavorativa e nella produzione. QUADRIENNALE O QUINQUENNALE

15 15 Tabella 3: Matrice lavorazione/comparto e risultati della misurazione dell esposizione. LAVORAZIONE/COMPARTO N DI MISURAZIONI CEMENTIFICIO 11 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Addetto pulizie ELEVATA Controllo impianto <8 <8 <9 BASSA Addetti manutenzione MEDIA Addetto frantoio 10 MEDIA LAVORAZIONE/COMPARTO LAVORAZIONE MARMO E GRANITO * Lavorazione a secco N DI MISURAZIONI 6 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Taglio acqua MEDIA Lucidatura ELEVATA Taglio finitura * ELEVATA LAVORAZIONE/COMPARTO N DI MISURAZIONI VETRERIA 8 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Composizione forni MEDIA Addetti pulizie <10 29 ALTA Palista <9 <8 BASSA Responsabile reparto <8 <8 BASSA (continua)

16 16 Tabella 3: (continua) LAVORAZIONE/COMPARTO N DI MISURAZIONI PREFABBRICATO 8 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Materie prime <8 15 MEDIA Trattorista <8 <9 BASSA Centrale di betonaggio <9 10 MEDIA Pulizia jolly <8 <8 BASSA LAVORAZIONE/COMPARTO N DI MISURAZIONI LINEA TAV 10 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Perforazione <9 MEDIA Prefab. Pulizia cassero <14 <15 <13 BASSA Prefab. Prep. Miscela iniezione ELEVATA (continua)

17 17 Tabella 3: (continua) LAVORAZIONE/COMPARTO TAV VAV PERFORAZIONE GALLERIA N DI MISURAZIONI 24 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Escavatorista <10 17 ELEVATA Palista <10 68 ELEVATA Caposquadra Fronte <10 smarino ELEVATA Lancista 39 <10 <10 ALTA Assistente lancista 34 ALTA Addetto cassaforma 16 MEDIA LAVORAZIONE/COMPARTO N DI MISURAZIONI FRANTOI 16 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Palista <10 <10 <10 ELEVATA < Addetto impianto 16 <10 19 <10 ELEVATA Conduzione <10 BASSA (continua)

18 18 Tabella 3: (continua) LAVORAZIONE/COMPARTO N DI MISURAZIONI LATERIZIO 18 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Trafilatura < <10 MEDIA Prep. impasti 16 MEDIA Ruspista <10 BASSA Confezionamento < ALTA Carrellista ALTA Impilatrice < ALTA Taglio listelli <10 BASSA LAVORAZIONE/COMPARTO N DI MISURAZIONI PRODUZIONE REFRATTARI 16 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Rettifica isolanti <13 <10 BASSA Scarico carrelli ALTA Presse <13 22 MEDIA Miscelazione ALTA Macinazione ALTA Rettifica densi <10 <16 BASSA (continua)

19 19 Tabella 3: (continua) LAVORAZIONE/COMPARTO ATTIVITA PORTUALI CARICO E SCARICO N DI MISURAZIONI 10 MANSIONE VALORE DI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) Carico vagoni 56 ELEVATA Autista MEDIA Palista 52 ELEVATA Pulizia stiva 11 <10 <10 MEDIA Tramoggia <10 BASSA Addetto sbarco 21 MEDIA (continua)

20 20 Tabella 3: (continua) EDILIZIA LAVORAZIONE TAGLIO MURATURA CON SMERIGLIATRICE (SCASSO) RIMOZIONE MACERIE RIMOZIONE INTONACO A MANO CON MARTELLO RIMOZIONE MACERIE TAGLIO MURATURA CON SMERIGLIATRICE E MARTELLO RIMOZIONE MACERIE SMANTELLAMENTO SOLAIO E PAVIMENTO IN COTTO GETTO CLS SMANTELLAMENTO SOLAIO E PAVIMENTO IN COTTO GETTO CLS VALORE DI ESPOSIZIONE (μg/m 3 ) VALUTAZIONE 71 ELEVATA 160 ELEVATA 401 ELEVATA 25 MEDIA 20 MEDIA TIPOLOGIA CANTIERE RISTRUTTURAZIONE FABBRICATO RIMOZIONE SOLAIO E PAVIMENTO (continua)

21 21 Tabella 3: (continua) EDILIZIA LAVORAZIONE VALORE DI ESPOSIZIONE (μg/m 3 ) VALUTAZIONE ADDETTO AL VAGLIO MOBILE 21 MEDIA AUTISTA 9 MEDIA ESCAVATORISTA PIAZZALE 19 MEDIA ESCAVATORISTA DISCARICA 13 MEDIA ASSISTENZA A TERRA BAGNATURA MATERIALE DEMOLIZIONE PARTI INTERNE E TAGLI PARETI TIPOLOGIA CANTIERE MOVIMENTAZIONE MATERIALE DI RISULTA <10 BASSA DEMOLIZIONE FABBRICATO ELEVATA ADDETTO VAGLIO ALTA ESCAVATORISTA DISCARICA 13 <10 <8 MEDIA ADDETTO PALA <9 <7 BASSA RISTRUTTURAZIONE INTERNA DI LOCALI DEMOLIZIONE DI FABBRICATI INDUSTRIALI Campionamenti con tempi inferiori e limitati alle attività svolte che non sono espressi come esposizioni giornaliere e che non rientrano nelle elaborazioni statistiche. Edilizia abitativa e ristrutturazione VALORE DI LAVORAZIONE MINUTI CAMPIONATI ESPOSIZIONE VALUTAZIONE (μg/m 3 ) RISTRUTTURAZIONE ALTA TAGLIO PARETI E PAVIMENTO MECCANICO & MANUALE ELEVATA FORATURA MECCANICA CALCESTRUZZO ELEVATA (continua)

La Valutazione del Rischio da Polveri e Silice Libera Cristallina in Edilizia

La Valutazione del Rischio da Polveri e Silice Libera Cristallina in Edilizia La Valutazione del Rischio da Polveri e Silice Libera Cristallina in Edilizia Piacenza 30 Maggio 2007 A cura di Anna Bosi, Giorgio Passera e Claudio Arcari Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL di Piacenza

Dettagli

Esposizione a Silice, Valutazione del rischio e indicazioni di Prevenzione. Claudio Arcari AUSL di Piacenza Modena 8 ottobre 2008

Esposizione a Silice, Valutazione del rischio e indicazioni di Prevenzione. Claudio Arcari AUSL di Piacenza Modena 8 ottobre 2008 Esposizione a Silice, Valutazione del rischio e indicazioni di Prevenzione Claudio Arcari AUSL di Piacenza Modena 8 ottobre 2008 Sommario MC e VdR Perché se ne parla oggi Dove è rintracciabile l esposizione

Dettagli

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010

ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 ESPOSIZIONE A SILICE LIBERA CRISTALLINA IN EDILIZIA Claudio Arcari MODENA 25 maggio 2010 Perché parlare di Silice Libera Cristallina (SLC)? Presenza estremamente comune in natura Ampio utilizzo di materiali

Dettagli

AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro AGENTI CHIMICI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Arcari Claudio e Mariacristina Mazzari Piacenza 6 maggio 2011 1 CURVA DOSE-EFFETTO

Dettagli

Proficiency Testing per i laboratori che effettuano analisi di silice cristallina mediante DRX

Proficiency Testing per i laboratori che effettuano analisi di silice cristallina mediante DRX Convegno Network Italiano Silice: dieci anni dopo Il sistema di Prevenzione del rischio in Italia Proficiency Testing per i laboratori che effettuano analisi di silice cristallina mediante DRX E. Incocciati,

Dettagli

Gli Agenti Cancerogeni del Titolo IX Capo II-D.Lgs.81/08 e la nostra esperienza sul territorio di Piacenza

Gli Agenti Cancerogeni del Titolo IX Capo II-D.Lgs.81/08 e la nostra esperienza sul territorio di Piacenza U.O.Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Gli Agenti Cancerogeni del Titolo IX Capo II-D.Lgs.81/08 e la nostra esperienza sul territorio di Piacenza Piacenza, 10 Febbraio 2012 A cura di Anna Bosi Titolo

Dettagli

L ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A SILICE IN EDILIZIA

L ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A SILICE IN EDILIZIA L ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A SILICE IN EDILIZIA Gli effetti sulla salute e la sorveglianza sanitaria dei lavoratori esposti Dr. Renato Di Rico Modena, 5 maggio 00 SILICE LIBERA CRISTALLINA Principali

Dettagli

STUDIO DELLE ESPOSIZIONI LAVORATIVE E VALUTAZIONE DEL RISPETTO DEL VALORE LIMITE

STUDIO DELLE ESPOSIZIONI LAVORATIVE E VALUTAZIONE DEL RISPETTO DEL VALORE LIMITE RIMOZIONE DI LASTRE DI CEMENTO AMIANTO DA COPERTURE DI EDIFICI STUDIO DELLE ESPOSIZIONI LAVORATIVE E VALUTAZIONE DEL RISPETTO DEL VALORE LIMITE Gennaio 2008 DIPARTIMENTI DI SANITÀ PUBBLICA AZIENDA UNITÀ

Dettagli

Settore delle costruzioni Edilizia

Settore delle costruzioni Edilizia Settore delle costruzioni Edilizia MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA RIDUZIONE DEL RISCHIO ESPOSITIVO DEI LAVORATORI A POLVERI E SLC Roma 20 dicembre 2011 fasi Risultati dello studio del 2005 in

Dettagli

NIS Network Italiano Silice

NIS Network Italiano Silice Le attività di prevenzione nei comparti produttivi: le attività in galleria. Misure di prevenzione e protezione per la riduzione dell esposizione a polveri contenenti silice libera cristallina nelle GALLERIE

Dettagli

Settore delle Costruzioni Edili

Settore delle Costruzioni Edili Settore delle Costruzioni Edili APPROFONDIMENTO SULLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE PER LA RIDUZIONE DELLA ESPOSIZIONE A POLVERI CONTENENTI SILICE LIBERA CRISTALLINA MAGGIO 2007 DIPARTIMENTI DI SANITÀ

Dettagli

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE F. CAVARIANI

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE F. CAVARIANI Asbesto, asbestosi e cancro: dal riconoscimento e controllo del rischio alla qualità della sorveglianza sanitaria degli esposti ed ex esposti. IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE

Dettagli

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica

CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica Regione Lombardia Sanità Laboratorio di approfondimento del Rischio Chimico CRITERI E STRUMENTI PER UNA CORRETTA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO Strategia dell'indagine igienistica La norma UNI EN 689/97

Dettagli

Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore

Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore Pagina 1 di 7 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA / PREPARATO E DEL FORNITORE Identificazione del preparato / nome commerciale Presa Rapida Utilizzazione del preparato / descrizione Identificazione del Fornitore

Dettagli

VALUTAZIONE ESPOSIZIONE A RISCHIO SILICE AERODISPERSA

VALUTAZIONE ESPOSIZIONE A RISCHIO SILICE AERODISPERSA Istituto Superiore d Arte Adolfo Venturi Via Belle Arti, 16 41121 Modena (MO) VALUTAZIONE ESPOSIZIONE A RISCHIO SILICE AERODISPERSA Preparato da: ISO-STUDIO Data S.r.l. campionamento: Ottobre 2008 Revisione

Dettagli

Aspetti metodologici

Aspetti metodologici GRUPPO ESP SIZIONE SILICE emilia romagna Valutazione del rischio da esposizione a S.L.C. a cura di Bruno MARCHESINI Aspetti metodologici Sassuolo, 7 maggio 2009 DIPARTIMENTI DI SANITÀ PUBBLICA AZIENDE

Dettagli

In data odierna io sottoscritto ricevo il Quaderno n. 5 Assovetro, dal titolo: SILICE LIBERA CRISTALLINA

In data odierna io sottoscritto ricevo il Quaderno n. 5 Assovetro, dal titolo: SILICE LIBERA CRISTALLINA Assovetro, al fine di migliorare la conoscenza del tema dell esposizione alla silice libera cristallina ed in particolare alla frazione respirabile ha curato la redazione e distribuzione del presente opuscolo

Dettagli

SILICE LIBERA CRISTALLINA

SILICE LIBERA CRISTALLINA SILICE LIBERA CRISTALLINA Edizione Gennaio 2010 Assovetro, al fine di migliorare la conoscenza del tema dell esposizione alla silice libera cristallina ed in particolare alla frazione respirabile ha curato

Dettagli

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza

3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro. Guida ai rischi. Protezione Vie Respiratorie. Prendi. a cuore. la tua sicurezza 3M Prodotti per la Sicurezza sul Lavoro Protezione Vie Respiratorie Guida ai rischi Prendi a cuore la tua sicurezza A ogni respiro, possiamo inalare milioni di particelle. Le particelle nocive non sono

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

Titolo IX Capo III Protezione dei lavoratori dai rischi connessi all esposizione ad amianto

Titolo IX Capo III Protezione dei lavoratori dai rischi connessi all esposizione ad amianto Assessorato politiche per la salute Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica CORSO DI FORMAZIONE /AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA

SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA SCHEDA DI SICUREZZA (91/155 CEE - 2001/58/CE) Decreto 7 settembre 2002 Ministero della Salute 2001/58/CE SABBIA SILICEA 1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO 1.1. Identificazione della sostanza o preparato. Sabbia

Dettagli

I principali rischi per la salute in Edilizia

I principali rischi per la salute in Edilizia CORSO PER COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE I principali rischi per la salute in Edilizia Piacenza, 18/03/2008 A cura di Anna Bosi AUSL di Piacenza 1 Il settore COSTRUZIONI NON HA SOLO

Dettagli

SCHEDA DATI DI SICUREZZA ARGILLA. Argilla di cava

SCHEDA DATI DI SICUREZZA ARGILLA. Argilla di cava S.E.I. SpA SCHEDA DATI DI SICUREZZA (REGOLAMENTO CE 1907/2006, TITOLO IV) Rev. 0 Data 31/5/2008 ARGILLA 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Descrizione del prodotto

Dettagli

Le categorie di ricerca sono quattro:

Le categorie di ricerca sono quattro: La mappatura ha come finalità quella di evidenziare i siti nei quali è riscontrata la presenza di amianto, ovvero l utilizzo di materiali che lo contengono, includendo nell analisi i siti nei quali la

Dettagli

I criteri INAIL per il riconoscimento delle pneumoconiosi. Marta Clemente INAIL Milano Sabaudia

I criteri INAIL per il riconoscimento delle pneumoconiosi. Marta Clemente INAIL Milano Sabaudia I criteri INAIL per il riconoscimento delle pneumoconiosi Marta Clemente INAIL Milano Sabaudia Diagnosi di malattia professionale (a fini previdenziali) Deriva dalla associazione di più condizioni Rischi

Dettagli

ESPOSIZIONE A SILICE NELLA LAVORAZIONE DEI MARMI TECNICI Le indagini condotte nel territorio dell azienda USL 3 di Pistoia e USL 11 di Empoli

ESPOSIZIONE A SILICE NELLA LAVORAZIONE DEI MARMI TECNICI Le indagini condotte nel territorio dell azienda USL 3 di Pistoia e USL 11 di Empoli ESPOSIZIONE A SILICE NELLA LAVORAZIONE DEI MARMI TECNICI Le indagini condotte nel territorio dell azienda USL 3 di Pistoia e USL 11 di Empoli Riassunto. Nella lavorazione dei lapidei da circa 15 anni si

Dettagli

Esperienze nelle lavorazioni del settore porfido Trentino. Dati sanitari ed ambientali Inail

Esperienze nelle lavorazioni del settore porfido Trentino. Dati sanitari ed ambientali Inail Seminario AIDII Sez.Triveneta Esposizione a silice. Valutazione del rischio e misure di prevenzione Direzione Provinciale di Trento Esperienze nelle lavorazioni del settore porfido Trentino Dati sanitari

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO PER LA RACCOLTA E L'ELABORAZIONE DEI DATI DI CAMPIONAMENTO E ANALISI.

REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO PER LA RACCOLTA E L'ELABORAZIONE DEI DATI DI CAMPIONAMENTO E ANALISI. Gruppo di lavoro Repertorio del NIS: Il REPERTORIO RISCHIO-SILICE NEI COMPARTI PRODUTTIVI DOCUMENTO (3) IN PREPARAZIONE DELLE LINEE GUIDA PER ESPOSIZIONE PROFESSIONALE A SILICE LIBERA CRISTALLINA. Componenti:

Dettagli

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO

IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO Via Cassala 88 Brescia Tel. 030.47488 info@cbf.191.it Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche e integrazioni IL RISCHIO CHIMICO, CANCEROGENO, MUTAGENO CHE COS E IL RISCHIO CHIMICO?

Dettagli

Numero 6 /2015 Esposizione a silice nella lavorazione dei marmi tecnici

Numero 6 /2015 Esposizione a silice nella lavorazione dei marmi tecnici Numero 6 /2015 Esposizione a silice nella lavorazione dei marmi tecnici Sul Giornale Italiano di Medicina del lavoro ed Igiene Industriale sono stati pubblicati i risultati delle indagini ambientali condotte

Dettagli

Il rischio cancerogeno e mutageno

Il rischio cancerogeno e mutageno Il rischio cancerogeno e mutageno Le sostanze cancerogene Un cancerogeno è un agente capace di provocare l insorgenza del cancro o di aumentarne la frequenza in una popolazione esposta. Il cancro è caratterizzato

Dettagli

SALDATURA & VERNICIATURA VALUTAZIONE DEL RISCHIO

SALDATURA & VERNICIATURA VALUTAZIONE DEL RISCHIO Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro SALDATURA & VERNICIATURA VALUTAZIONE DEL RISCHIO Arcari Claudio e Mariacristina Mazzari Piacenza 6 maggio 2011 VALUTAZIONE

Dettagli

Igiene e Sicurezza del Lavoro

Igiene e Sicurezza del Lavoro Quadro normativo Igiene e Sicurezza del Lavoro La verifica della compliance normativa ai sensi del Testo Unico della Sicurezza Il D.Lgs. 81/08, noto come Testo Unico della Sicurezza sul lavoro, ha sostituito

Dettagli

La prevenzione del rischio silicotigeno nella lavorazione dei marmi tecnici

La prevenzione del rischio silicotigeno nella lavorazione dei marmi tecnici La prevenzione del rischio silicotigeno nella lavorazione dei marmi tecnici Milano 18 settembre 2015 Clinica del Lavoro Roberto ZANELLI Direttore S.Pre.S.A.L. A.S.L. ASTI www.snop.it INPUT DELL INTERVENTO

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA ALL'ATTIVITA' DI TRATTAMENTO, STOCCAGGIO E MOVIMENTAZIONE DI MATERIALI INERTI POLVERULENTI NON PERICOLOSI.

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto Assessorato politiche per la salute Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

30.10.2001 Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 304 E/179

30.10.2001 Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 304 E/179 30.10.2001 Gazzetta ufficiale delle Comunità europee C 304 E/179 Proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio recante modifica della Direttiva del Consiglio 83/477/CEE sulla protezione

Dettagli

Prof. Pietro Sartorelli Medicina del Lavoro - Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze Università degli Studi di Siena

Prof. Pietro Sartorelli Medicina del Lavoro - Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze Università degli Studi di Siena INDICATORI BIOLOGICI DI PREGRESSA ESPOSIZIONE AD ASBESTO Prof. Pietro Sartorelli Medicina del Lavoro - Dipartimento di Scienze Mediche Chirurgiche e Neuroscienze Università degli Studi di Siena Le indagini

Dettagli

Le FAV:.pologie di u.lizzo e se;ori di impiego [Stefano Cera Segretario generale FIVRA]

Le FAV:.pologie di u.lizzo e se;ori di impiego [Stefano Cera Segretario generale FIVRA] Sicurezza ed efficienza energe.ca: le Fibre Ar.ficiali Vetrose Presentazione delle Linee Guida sulle misure di prevenzione per la tutela della salute nell u5lizzo delle Fibre Ar5ficiali Vetrose Le FAV:.pologie

Dettagli

4.5.5 Risultati analisi XRPD

4.5.5 Risultati analisi XRPD 4.5.5 Risultati analisi XRPD CAMPIONE N.11 Campione abbastanza massivo, di colore biancastro-verde pallido, costituito da cristalli da aciculari a fibrosi, tendenzialmente isorientati. - XRPD: diopside

Dettagli

Il problema SILICE nelle aziende di lavorazione lapidei. Livelli di rischio, danni alla salute e modalità di prevenzione.

Il problema SILICE nelle aziende di lavorazione lapidei. Livelli di rischio, danni alla salute e modalità di prevenzione. Reggio Emilia Modena Parma Il problema SILICE nelle aziende di lavorazione lapidei. Livelli di rischio, danni alla salute e modalità di prevenzione. Giovedì 15 gennaio 2015 ore 15.00-19.00 RES Edili Reggio

Dettagli

Il CAMPIONAMENTO e l ANALISI. vecchi e nuovi riferimenti normativi

Il CAMPIONAMENTO e l ANALISI. vecchi e nuovi riferimenti normativi Il CAMPIONAMENTO e l ANALISI delle fibre di amianto: vecchi e nuovi riferimenti normativi ARPA sez. Provinciale REGGIO EMILIA FERRARA - 26 SETTEMBRE 2008 Valori limite previsti dalla legislazione italiana

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA SCELTA DELLE CAPPE CHIMICHE e dei SISTEMI DI ASPIRAZIONE

LINEE GUIDA PER LA SCELTA DELLE CAPPE CHIMICHE e dei SISTEMI DI ASPIRAZIONE REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Via E. Fermi, 15 01100 VITERBO 0761-236750 FAX 0761-236748 e.mail: alessandro.selbmann@asl.vt.it http://www.asl.vt.it/staff/spp/base.php

Dettagli

Numero 2 /2014 I rischi per la salute nel settore della stampa industriale

Numero 2 /2014 I rischi per la salute nel settore della stampa industriale Numero 2 /2014 I rischi per la salute nel settore della stampa industriale Nell ultimo numero della rivista ISL è stato pubblicato un approfondimento dedicato al settore della stampa. Da questo interessante

Dettagli

La gestione del rischio AMIANTO. dott. Celsino Govoni (c.govoni@ausl.mo.it cegovoni@regione.emilia-romagna.it) Valutazione del rischio

La gestione del rischio AMIANTO. dott. Celsino Govoni (c.govoni@ausl.mo.it cegovoni@regione.emilia-romagna.it) Valutazione del rischio La gestione del rischio AMIANTO dott. Celsino Govoni (c.govoni@ausl.mo.it cegovoni@regione.emilia-romagna.it) Valutazione del rischio SOSTANZE PERICOLOSE TITOLO IX CAPO III Protezione dai rischi connessi

Dettagli

Perché siamo contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse legnose a Crespellano

Perché siamo contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse legnose a Crespellano Perché siamo contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse legnose a Crespellano L inquinamento in Europa (PM 10 ) Grafico tratto da Air Quality 2014 - Agenzia Europea per l ambiente L inquinamento

Dettagli

D.Lgs. 81/08. La valutazione del rischio chimico: le modifiche alla normativa introdotte dal D. Lgs. 81/08. Bruno Marchesini

D.Lgs. 81/08. La valutazione del rischio chimico: le modifiche alla normativa introdotte dal D. Lgs. 81/08. Bruno Marchesini D.Lgs. 81/08 La valutazione del rischio chimico: le modifiche alla normativa introdotte dal D. Lgs. 81/08 Bruno Marchesini D. Lgs. 81/08... Art. 15. Misure generali di tutela: h) Utilizzo limitato degli

Dettagli

ATTUALITA IN TEMA DI PNEUMOCONIOSI INDICATORI BIOLOGICI DI PREGRESSA ESPOSIZIONE AD AMIANTO NELLA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI EX-ESPOSTI

ATTUALITA IN TEMA DI PNEUMOCONIOSI INDICATORI BIOLOGICI DI PREGRESSA ESPOSIZIONE AD AMIANTO NELLA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI EX-ESPOSTI ATTUALITA IN TEMA DI PNEUMOCONIOSI INDICATORI BIOLOGICI DI PREGRESSA ESPOSIZIONE AD AMIANTO NELLA SORVEGLIANZA SANITARIA DEGLI EX-ESPOSTI V. Paolucci, A.C. Serio, P.Sartorelli Sezione di Medicina del Lavoro

Dettagli

4.1 PELLE In caso di irritazione della pelle, sciacquare e lavare delicatamente con acqua la zona irritata. Non strofinare o grattare.

4.1 PELLE In caso di irritazione della pelle, sciacquare e lavare delicatamente con acqua la zona irritata. Non strofinare o grattare. REFRATTARI PREFORMATI CERAMICA TECNICA INDUSTRIALE SCHEDA DATI DI SICUREZZA (ai sensi della Direttiva 91/155/CEE) NUMERO SDS IT01SM DATA DELL ULTIMA REVISIONE 02/2006 DATA DI REDAZIONE 11/2004 1. IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione

Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi di disinchiostrazione Dicembre 2014 6 Pagine Preparazione dei provini per i test, ottenuti da impasti e filtrati dei processi Introduzione L impasto ottenuto da carta di recupero tipicamente contiene gli inchiostri di stampa

Dettagli

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007

GUIDA APPLICATIVA BS OHSAS 18001:2007 5 Febbraio 2009 Sicurezza e Salute sul Lavoro nel mondo delle costruzioni. Le responsabilità derivanti dal nuovo Testo Unico e i vantaggi di un sistema di gestione certificato secondo la norma OHSAS 18001:2007

Dettagli

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009

SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 SCHEMA per la certificazione dei tubi, raccordi ed accessori di ghisa sferoidale e relativi giunti per fognature, di cui alla norma UNI EN 598:2009 Il presente documento è stato approvato dalla Commissione

Dettagli

BENEFICI PREVIDENZIALI BENEFICI PREVIDENZIALI E LIVELLI DI ESPOSIZIONE PER I LAVORATORI PER I LAVORATORI DELL AMIANTO DELL AMIANTO

BENEFICI PREVIDENZIALI BENEFICI PREVIDENZIALI E LIVELLI DI ESPOSIZIONE PER I LAVORATORI PER I LAVORATORI DELL AMIANTO DELL AMIANTO BENEFICI PREVIDENZIALI BENEFICI PREVIDENZIALI E LIVELLI DI E LIVELLI DI PER I LAVORATORI PER I LAVORATORI DELL AMIANTO DELL AMIANTO Fulvio d Orsi Direttore SPRESAL ASL RM C Fulvio d Orsi Direttore SPRESAL

Dettagli

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DEL PARTICOLATO PM10 IN PROSSIMITA DELL AREA DI CANTIERE DELLA STAZIONE ALTA VELOCITA DI VIA DE CARRACCI BOLOGNA

CAMPAGNA DI MONITORAGGIO DEL PARTICOLATO PM10 IN PROSSIMITA DELL AREA DI CANTIERE DELLA STAZIONE ALTA VELOCITA DI VIA DE CARRACCI BOLOGNA Sezione Provinciale di Bologna Via F.Roccchi, 19 40138 Bologna Tel. 051/396211 Fax 051/342642 E-mail: sez@bo.arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Area S.O. Monitoraggio e Valutazione Aria CAMPAGNA DI

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR) e Rischio Cancerogeno

Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR) e Rischio Cancerogeno XXXI Congresso Fonderia, Vicenza 26-27 Ottobre 2012 Fibre Ceramiche Refrattarie (FCR) e Rischio Cancerogeno RESPONSABILITA per i PRODUTTORI e per gli UTILIZZATORI di preformati isolanti e esotermici per

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DALLE POLVERI PRODOTTE DURANTE LA LAVORAZIONE LAPIDEI (pietre naturali e/o artificiali)

LISTA DI CONTROLLO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DALLE POLVERI PRODOTTE DURANTE LA LAVORAZIONE LAPIDEI (pietre naturali e/o artificiali) GRUPPO ESP SIZIONE SILICE emilia romagna LISTA DI CONTROLLO DELLE MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DALLE POLVERI PRODOTTE DURANTE LA LAVORAZIONE LAPIDEI (pietre naturali e/o artificiali) Azienda : Indirizzo

Dettagli

Le Fibre Artificiali Vetrose. La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati

Le Fibre Artificiali Vetrose. La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati Le Fibre Artificiali Vetrose La determinazione della concentrazione ambientale delle FAV: metodiche analitiche ed interpretazione dei dati ORIETTA SALA ARPA Emilia Romagna Milano, 3 dicembre 2015 PREMESSA

Dettagli

IL RISCHIO SILICOTIGENO NELLA SABBIATURA DEI TESSUTI *

IL RISCHIO SILICOTIGENO NELLA SABBIATURA DEI TESSUTI * IL RISCHIO SILICOTIGENO NELLA SABBIATURA DEI TESSUTI * Carella A., Papa G. INAIL Direzione Regionale Marche ConTARP PREMESSA La silice, o anidride silicica o biossido di silicio (SiO ), è una sostanza

Dettagli

STARSET 30. SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 20/11/2013 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

STARSET 30. SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 20/11/2013 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Pag. 1 di 5 STARSET 30 SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 03 del 20/11/2013 Redatta da AB 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza o del

Dettagli

Mesoteliomi maligni: la frazione eziologica attribuibile ad asbesto e la relazione dose-risposta

Mesoteliomi maligni: la frazione eziologica attribuibile ad asbesto e la relazione dose-risposta Registro Mesoteliomi del Piemonte CPO Piemonte Torino Mesoteliomi maligni: la frazione eziologica attribuibile ad asbesto e la relazione dose-risposta M.Bertolotti, D.Mirabelli, C. Magnani BRESCIA 26 27

Dettagli

Allegato B: modello di presentazione

Allegato B: modello di presentazione Allegato B: modello di presentazione ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA Pulitura polveri TITOLO DELLA SOLUZIONE Metodi di pulitura in ceramica per la riduzione del rischio da Silice Libera Cristallina AZIENDA/ORGANIZZAZIONE

Dettagli

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO Dr.ssa Marinella Natali Dr.ssa Mariella Riefolo Assessorato Sanità REGIONE

Dettagli

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali

DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984. concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali DIRETTIVA DEL CONSIGLIO del 28 giugno 1984 concernente la lotta contro l ' inquinamento atmosferico provocato dagli impianti industriali ( 84/360/CEE ) IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE, visto il trattato

Dettagli

IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO

IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO IL RISCHIO AD ESPOSIZIONI AMBIENTALI AD AMIANTO Dr. Stefano Galavotti Servizio Igiene Pubblica Medolla, 28 febbraio 2015 1 Amianto nelle Scuole 2 Amianto sui giornali 3 EPIDEMIOLOGIA in Italia nei Siti

Dettagli

POLVERI CONTENENTI SLC NELLO SCAVO E DEMOLIZIONI

POLVERI CONTENENTI SLC NELLO SCAVO E DEMOLIZIONI POLVERI CONTENENTI SLC NELLO SCAVO E DEMOLIZIONI Monitoraggio e strategie di riduzione delle emissioni DM Cavallo, A Cattaneo, PA Bertazzi SETTORE DEMOLIZIONI Attività edilizie con il massimo potere disperdente

Dettagli

Il monitoraggio sanitario delle attività estrattive

Il monitoraggio sanitario delle attività estrattive Attività estrattive, sostenibilità e riciclaggio degli inerti: il contributo italiano al progetto europeo SARMa Parma - 27 maggio 2011 Il monitoraggio sanitario delle attività estrattive Bianca Rimoldi,

Dettagli

USL 3 PISTOIA Dipartimento della Prevenzione e USL 10 FIRENZE Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Centro Paese

USL 3 PISTOIA Dipartimento della Prevenzione e USL 10 FIRENZE Laboratorio di Sanità Pubblica Area Vasta Toscana Centro Paese Allegato B Modello di presentazione ESEMPI DI BUONA PRASSI TEMA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZONE A POLVERI DI FARINA NEL COMPARTO PANIFICATORI TITOLO DELLA SOLUZIONE MIGLIORAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE DEL

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

2. LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO NEI SETTORI DI INTERESSE. CAS - - Carc. 1B H350i Skin Sens. 1 H317 Aquatic Acute 1 H400 Aquatic Chronic 1 H410

2. LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO NEI SETTORI DI INTERESSE. CAS - - Carc. 1B H350i Skin Sens. 1 H317 Aquatic Acute 1 H400 Aquatic Chronic 1 H410 8 Seminario di aggiornamento dei professionisti Contarp za chimica (CSA - Chemical Safety Assessment). I risultati di queste valutazioni, effettuate con presupposti e strumenti diversi, sono stati quindi

Dettagli

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti

Nome commerciale: PROMASPRAY P300 Data di pubblicazione 10/11/2010 La presente versione annulla sostituisce le precedenti 1. Identificazione del prodotto e della Società Nome del prodotto: PROMASPRAY P300 Impiego previsto: PROMASPRAY P300 è un intonaco applicato a spruzzo, adatto per la protezione passiva al fuoco di strutture

Dettagli

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini

Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Documentazione attestante l adeguatezza dell impianto elettrico e dell impianto di protezione contro i fulmini Giovanni Michele Sai La prevenzione delle esplosioni da polvere, La è uno strumento necessario

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 05

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 05 Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 05 REQUISITI DI CONFORMITA E VALUTAZIONE DEL RISCHIO DELLE ATTREZZATURE

Dettagli

Linea progettuale 3 Valutazione dell esposizione nella coorte di popolazione residente intorno agli impianti

Linea progettuale 3 Valutazione dell esposizione nella coorte di popolazione residente intorno agli impianti Seminario regionale Il progetto MONITER: monitoraggio degli inceneritori nel territorio dell Emilia-Romagna Bologna, 26 maggio 2008 Linea progettuale 3 Valutazione dell esposizione nella coorte di popolazione

Dettagli

Definizione di Limite di esposizione professionale (Threshold Limit Value o TLV): Concentrazione della sostanza alla quale

Definizione di Limite di esposizione professionale (Threshold Limit Value o TLV): Concentrazione della sostanza alla quale Definizione di Limite di esposizione professionale (Threshold Limit Value o TLV): Concentrazione della sostanza alla quale si ritiene che la maggior parte dei lavoratori possa rimanere esposta ripetutamente

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ

CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Rischio cancerogeno MODULO A Unità didattica A5.5 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03 CLASSIFICAZIONE DI CANCEROGENICITÀ

Dettagli

SEMINARIO. Le nuove regole

SEMINARIO. Le nuove regole SEMINARIO Le nuove regole I lavori non elettrici alla luce della IV edizione della norma CEI 11-27 Ing. Fausto Di Tosto INAIL Coordinatore del GdL INAIL per i Lavori sotto tensione ROMA, 11 MARZO 2014

Dettagli

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81

Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Corso di Gestione del Cantiere e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Classe IIIª B as 2012/2013 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 20/02/2013 1 Decreto Legislativo 09 Aprile 2008, n.81 Documento

Dettagli

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE (2) F. CAVARIANI

IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE ANALISI DEI MATERIALI E NELLE MISURE DI ESPOSIZIONE (2) F. CAVARIANI Asbesto, asbestosi e cancro: dal riconoscimento e controllo del rischio alla qualità della sorveglianza sanitaria degli esposti ed ex esposti. IGIENE INDUSTRIALE E AMIANTO OGGI: PROBLEMI E CRITICITA NELLE

Dettagli

La lavorazione negli impianti inerti

La lavorazione negli impianti inerti Giorgio Manara CEO Ma estro Srl Specialisti nei sistemi di automazione per gli impianti di frantumazione La lavorazione negli impianti inerti L esposizione lavorativa a polveri è molto frequente, in particolare

Dettagli

Politecnico di Milano. Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica. Giulio Natta

Politecnico di Milano. Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica. Giulio Natta IMPIANTO PER SMALTIMENTO DI AMIANTO PER TRATTAMENTO TERMICO DA REALIZZARSI IN COMUNE DI GIANICO (BS) Prof. dott. ing. Paolo Céntola Cattedra di Ingegneria Chimica Ambientale Milano 8 gennaio 2012 Politecnico

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto»

Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» Amianto Questo argomento è trattato nel Titolo IX «Sostanze pericolose», al Capo III «Protezione dai rischi connessi all esposizione all amianto» (artt. da 246 a 265). Fermo restando quanto previsto dalla

Dettagli

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura

Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Il risultato di un analisi chimica è un informazione costituita da: un numero un incertezza un unità di misura Conversione del risultato in informazione utile È necessario fare alcune considerazioni sul

Dettagli

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno

Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno La salute negli ambienti di lavoro Caratteristiche degli impianti di aspirazione a servizio delle lavorazioni del legno Servizio di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro ASS6 Friuli Occidentale

Dettagli

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015

Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico. Ing. Davide Casaro Area Ambiente e Sicurezza 1 dicembre 2015 Gli obblighi normativi in merito alla valutazione e gestione del rischio chimico Ing. Davide Casaro 1 dicembre 2015 GLI AGENTI CHIMICI Il d.lgs. n.81/08 individua quali agenti chimici da considerare tutti

Dettagli

Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano

Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano mianto nell edilizia Dr. Tiziano Teruzzi SUPSI-Laboratorio Tecnico Sperimentale, Lugano-Trevano Inquinamento indoor: l amianto nell edilizia 1 Argomenti 1. Cos è l amianto? 2. Come e dove lo possiamo trovare

Dettagli

UNI CEI EN 17025:2005 Assicurazione di Qualità: I Circuiti Interlaboratorio

UNI CEI EN 17025:2005 Assicurazione di Qualità: I Circuiti Interlaboratorio agenzia regionale prevenzione e ambiente dell emilia-romagna WORKSHOP CIRCUITI DI QUALITA NELLE ATIVITA ANALITCHE DELL AMIANTO: I RISULTATI E LE CRITICITA. ACCORDO STATO REGIONI 7 MAGGIO 2015 UNI CEI EN

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ACQUA E RIFIUTI Prot. Generale N. 0064577 / 2013 Atto N. 2675 OGGETTO: AUTORIZZAZIONE ALLA GESTIONE

Dettagli

Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione

Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione Decreto Legislativo n. 114 del 17 marzo 1995 Attuazione della direttiva 87/217/CEE in materia di prevenzione e riduzione dell'inquinamento dell'ambiente causato dall'amianto Pubblicato nella G.U. 20 aprile

Dettagli

COMUNE di ROCCAVIONE

COMUNE di ROCCAVIONE REGIONE PIEMONTE COMUNE di ROCCAVIONE PROVINCIA di CUNEO AUA Autorizzazione Unica Ambientale ai sensi e per gli effetti del D.P.R. 13 marzo 2013 n.59 TITOLO: Procedimento di Verifica Impatto Ambientale

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE Monitoraggio degli effetti dell inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica Monitoring Air Pollution Effects on Children for supporting

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto

CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO. in materia di Gestione del Rischio derivante da. Materiali Contenenti Amianto ASSESSORATO POLITICHE PER LA SALUTE DIREZIONE GENERALE SANITÀ E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO SANITÀ PUBBLICA CORSO DI FORMAZIONE/AGGIORNAMENTO in materia di Gestione del Rischio derivante da Materiali Contenenti

Dettagli

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema

Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema SEMINARIO Contaminazione indoor: sicurezza, ambiente e sostenibilità Inquinamento indoor: definizione di una strategia di approccio al problema BRUNO MARCHESINI 3 maggio 2011 S a l a B o l e r o Ambiente

Dettagli

ABBIANO AD OGGETTO CARICHI SOLIDI ALLA RINFUSA SUSCETTIBILI DI EMETTERE GAS E/O VAPORI

ABBIANO AD OGGETTO CARICHI SOLIDI ALLA RINFUSA SUSCETTIBILI DI EMETTERE GAS E/O VAPORI AGGIORNAMENTO E INTEGRAZIONI DEL DOCUMENTO: INDICAZIONE DEGLI ELEMENTI/CRITERI MINIMI DI VALUTAZIONE E PREVENZIONE NELLE OPERAZIONI IN STIVA CHE ABBIANO AD OGGETTO CARICHI SOLIDI ALLA RINFUSA SUSCETTIBILI

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 07

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 07 Dipartimento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEL D. Lgs. 81/08 N. 07 SOSTANZE PERICOLOSE PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI Titolo IX Capo I

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva

Università del Piemonte Orientale. Corsi di Laurea Triennale. Corso di Statistica e Biometria. Introduzione e Statistica descrittiva Università del Piemonte Orientale Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria Introduzione e Statistica descrittiva Corsi di Laurea Triennale Corso di Statistica e Biometria: Introduzione

Dettagli