PRESENTE E FUTURO DEL MEDICO OSPEDALIERO. Anaao Giovani MESPAD Federspecializzandi 17 novembre 2015

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTE E FUTURO DEL MEDICO OSPEDALIERO. Anaao Giovani MESPAD Federspecializzandi 17 novembre 2015"

Transcript

1 PRESENTE E FUTURO DEL MEDICO OSPEDALIERO Anaao Giovani MESPAD Federspecializzandi 17 novembre 2015

2 VADEMECUM ANAAO

3 FARE IL MEDICO OGGI. DALLA A ALLA Z, TUTTO QUELLO CHE BISOGNA SAPERE PER MUOVERSI NELLA GIUNGLA DEL SSN. IL VADEMECUM DELL ANAAO A come avviso pubblico o assicurazione professionale ; G, come graduatorie concorsuali ; L, come libera professione intramoenia ; P, come permessi retribuiti e così via fino alla Z. In 80 pagine di schede, semplici e dirette nel linguaggio, i giovani medici dell Anaao Assomed hanno cercato di dare le dritte ai loro colleghi su come muoversi nella giungla del Servizio sanitario nazionale. «Quotidiano Sanità 07/10/2015

4

5

6 RCP E COLPA GRAVE: UN PERCORSO AD OSTACOLI

7 LA RESPONSABILITÀ PENALE DEL MEDICO La vita e l integrità fisica della persona umana sono beni primari costituzionalmente protetti. A garanzia di tali beni l ordinamento ha previsto una tutela penale contro le condotte lesive.

8 I REATI Omicidio colposo (art. 589 c.p.) Chiunque cagiona per colpa la morte di una persona è punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni. Lesioni personali colpose (art. 590 c.p.) Chiunque cagiona ad altri per colpa una lesione personale è punito con la reclusione fino a tre mesi Se la lesione è grave la pena è della reclusione da uno a sei mesi, se è gravissima, della reclusione da tre mesi a due anni

9 QUANDO UN DELITTO È DOLOSO O COLPOSO? ARTICOLO 43 cod. pen. Il delitto è: 1. doloso, o secondo l'intenzione, quando l'evento dannoso o pericoloso, che è il risultato dell'azione od omissione e da cui la legge fa dipendere l'esistenza del delitto, è dall'agente preveduto e voluto come conseguenza della propria azione od omissione; 2. preterintenzionale, o oltre l'intenzione, quando dall'azione od omissione deriva un evento dannoso o pericoloso più grave di quello voluto dall agente; 3. colposo, o contro l'intenzione, quando l'evento, anche se preveduto, non è voluto dall'agente e si verifica a causa di negligenza o imprudenza o imperizia, ovvero per inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline.

10 CONDOTTA COLPOSA LA CONDOTTA COLPOSA PUÒ CONSISTERE IN ATTI COMMISSIVI (CULPA IN AGENDO) O OMISSIVI (CULPA IN OMITTENDO). BISOGNA DISTINGUERE UNA COLPA GENERICA, CHE SI CONCRETIZZA NELLA NEGLIGENZA, IMPRUDENZA, IMPERIZIA E UNA COLPA SPECIFICA CHE CONSISTE NELLA VIOLAZIONE DI LEGGI, REGOLAMENTI, ORDINI O DISCIPLINE (AD ESEMPIO, MANCATO RISPETTO DELLE PROCEDURE SULLA TRASFUSIONE DEL SANGUE)

11 NEGLIGENZA Si ha quando il medico, per disattenzione, dimenticanza, disaccortezza, svogliatezza, leggerezza, superficialita o altro, trascuri quelle regole comuni di diligenza, richieste nell esercizio della professione e osservate dalla generalita dei medici.

12 IMPRUDENZA Si ha quando il medico agisce con avventatezza, eccessiva precipitazione o ingiustificata fretta, senza adottare quelle cautele consigliate dalla ordinaria prudenza o dall osservanza di precauzioni doverose. Il medico prudente è colui capace di prevedere le possibili complicanze derivanti dalla somministrazione di un dato trattamento, di prevedere la possibile evoluzione della situazione morbosa del paziente ed evitare le conseguenze dannose.

13 IMPERIZIA Si ha quando la condotta del medico è incompatibile con quel livello minimo di cognizione tecnica, di cultura, di esperienza e di capacità professionale, che costituiscono il presupposto necessario per l esercizio della professione medica.

14 NESSO DI CASUALITA IN TEMA DI RESPONSABILITA PENALE SI DEVE ANZITUTTO ACCERTARE IL NESSO DI CAUSALITA TRA IL FATTO DANNOSO RIPORTATO DAL PAZIENTE E IL COMPORTAMENTO DEL MEDICO CURANTE. LA COLPA NON E ASTRATTAMENTE CONFIGURABILE, MA RICHIEDE L EFFETTIVA DIMOSTRAZIONE DEL LEGAME DIRETTO TRA LA CONDOTTA (COMMISSIVA OD OMISSIVA) DEL MEDICO ED EVENTO DANNOSO.

15 CASUALITA DELLA CONDOTTA OMISSIVA IN AMBITO PENALE (SENT. FRANZESE CASS. SEZ. UN. PEN N ) IL RAPPORTO DI CAUSALITÀ TRA CONDOTTA OMISSIVA ED EVENTO LESIVO SUSSISTE SOLO QUANDO SI ACCERTI CHE, SE FOSSE STATA POSTA IN ESSERE LA CONDOTTA DOVEROSA OMESSA, L EVENTO CONCRETAMENTE VERIFICATOSI SAREBBE STATO EVITATO CON UNA PROBABILITÀ DI GRADO ELEVATO VICINO ALLA CERTEZZA, E CIOÈ CON UN ALTO GRADO DI PROBABILITÀ LOGICA OVVERO CON UNA ELEVATA CREDIBILITÀ RAZIONALE (CAUSALITA FORTE ).

16 COLPA LIEVE E COLPA GRAVE PREMESSA LA COLPA DEL MEDICO IN ASTRATTO, NON È NÉ GRAVE, NÉ GRAVISSIMA, NÉ LIEVE, MA LO PUÒ ESSERE SOLO IN CONCRETO, ALL ESITO DI UNO SPECIFICO ACCERTAMENTO CHE GIUSTIFICA UN TALE GIUDIZIO. INFATTI, NON SI PUÒ GIUDICARE ALLA STESSA MANIERA LA CONDOTTA DEL MEDICO CHE HA OPERATO IN UN CENTRO BEN ATTREZZATO ED È STATO COADIUVATO DA COLLABORATORI SPECIALIZZATI ED ESPERTI RISPETTO A QUELLA DI CHI È COSTRETTO AD INTERVENIRE IN CONDIZIONI DIFFICILI E DI URGENZA

17 IL LIVELLO DELLA COLPA PROFESSIONALE Art. 1176, 2 comma, c.c. Nell adempimento delle obbligazioni inerenti all esercizio di un attivita professionale, la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura dell attivita esercitata. In altri termini, il professionista e un soggetto che deve avere una preparazione professionale particolarmente elevata, e pertanto la sua diligenza professionale andrà valutata con i parametri della capacità propria di un medico esperto in quello specifico settore di intervento

18 LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA PER PRESTAZIONI COMPLESSE Art c.c. Se la prestazione implica la soluzione di problemi tecnici di particolare difficolta, il prestatore d opera non risponde dei danni, se non in caso di dolo o colpa grave

19 COLPA GRAVE Per colpa grave si intende invece, il compimento da parte del medico di un errore grossolano, dovuto specialmente alla violazione di quelle fondamentali regole dettate dalla tecnica, dalla cultura e dall esperienza professionale, che costituiscono il presupposto necessario per l esercizio della professione medica. La colpa grave riguarda le sole ipotesi di imperizia nell'ambito di interventi complessi o di speciale difficoltà.

20 LA RIFORMA BALDUZZI (L. N. 189/2012) ARTICOLO 3 Responsabilita' professionale dell'esercente le professioni sanitarie comma 1 L'esercente la professione sanitaria che nello svolgimento della propria attivita' si attiene a linee guida e buone pratiche accreditate dalla comunita non risponde penalmente per colpa lieve In tali casi resta comunque fermo l obbligo di cui all art del codice civile. Il giudice, anche nella determinazione del risarcimento del danno, tiene debitamente conto della condotta di cui al primo periodo

21 LINEE GUIDA LE LINEE GUIDA PER AVERE RILEVANZA NELL'ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITÀ DEL MEDICO DEVONO INDICARE STANDARD DIAGNOSTICO TERAPEUTICI CONFORMI ALLA REGOLE DETTATE DALLA MIGLIORE SCIENZA MEDICA A GARANZIA DELLA SALUTE DEL PAZIENTE

22 LA RIFORMA BALDUZZI HA VERAMENTE DEPENALIZZATO LA COLPA LIEVE? Cassazione penale sezione IV, 24 gennaio 2013, n ATTENZIONE: Le linee guida riguardano e contengono solo regole di perizia e non afferiscono ai profili di negligenza e di imprudenza del medico. CONSEGUENZA La legge Balduzzi, che esclude la responsabilità penale del medico in caso di colpa lieve, non trova applicazione nelle ipotesi di accertata negligenza o imprudenza. Il rispetto delle linee guida serve a distinguere fra colpa lieve o colpa grave solo limitatamente a questioni di perizia tecnica. Se il medico è stato negligente o imprudente nell esecuzione dell intervento, con colpa anche non grave, può essere punito penalmente nonostante la riforma Balduzzi

23 LA MANCATA DEFINIZIONE DELLE LINEE GUIDA DA PARTE DELLA LEGGE Il problema della Riforma Balduzzi è che non fornisce criteri per la determinazione delle linee guida. In particolare non vengono definite: quali siano le autorità titolate a produrle quali siano le procedure di raccolta dei dati statistici e scientifici quale sia il metodo di diffusione per portarle a conoscenza dei medici

24 IL RISPETTO DELLE LINEE GUIDA. SINTESI DELLA GIURISPRUDENZA LE LINEE GUIDA non possono fornire indicazioni di valore assoluto ai fini dell'apprezzamento dell eventuale responsabilità, sia per la libertà di cura che caratterizza l'attività del medico, sia perché, in taluni casi, la stesura delle stesse può essere influenzata da motivazioni legate al contenimento dei costi sanitari o perché sono obiettivamente controverse e non unanimemente condivise. ll medico è sempre tenuto ad esercitare le proprie scelte considerando le circostanze peculiari che caratterizzano il caso concreto e la specifica situazione del paziente, nel rispetto della sua volontà, al di là delle regole cristallizzate nei protocolli medici.

25 LA RESPONSABILITÀ CIVILE DEL MEDICO

26 IN GENERALE, LA RESPONSABILITÀ CIVILE SI DISTINGUE IN RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE E RESPONSABILITÀ EXTRACONTRATTUALE

27 RESPONSABILITA CONTRATTUALE LA RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE (ART C.C.) RIGUARDA TUTTE LE FORME DI RESPONSABILITÀ DERIVANTI DA UN RAPPORTO DI OBBLIGAZIONE CONTRATTUALE ESISTENTE TRA LE PARTI (CONTRATTO), IL CUI INADEMPIMENTO O L INESATTO ADEMPIMENTO PUÒ DETERMINARE UN DANNO RISARCIBILE

28 RESPONSABILITA EXTRACONTRATTUALE LA RESPONSABILITÀ EXTRACONTRATTUALE (ART C.C.) NON PRESUPPONE ALCUN RAPPORTO PREESISTENTE TRA LE PARTI, MA DERIVA DA UN ATTO ILLECITO, OSSIA DALLA VIOLAZIONE DEL GENERALE OBBLIGO CHE RICADE SU CIASCUN CONSOCIATO DI NON ARRECARE AD ALTRI UN DANNO INGIUSTO (PRINCIPIO DEL NEMINEM LAEDERE)

29 DIFFERENZE TRA RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE ED EXTRACONTRATTUALE SUL PIANO DELL AZIONE CIVILE DIFFERENZE RESP. CONTRATTUALE RESP. EXTRACONTRATTUALE Onere della prova il paziente deve dimostrare di aver richiesto una prestazione medica (es. rivolgendosi ad una struttura pubblica) e il danno subito. Mentre al medico spetterà di provare di non aver avuto colpa,ossia che ha tenuto un comportamento corretto come da prassi, ovvero che è sopravvenuto un fatto imprevedibile o che il caso era di particolare difficoltà Si inverte l onere della prova: è il paziente che deve dimostrare non solo l evento dannoso ma anche la colpevolezza (dolo o colpa) del medico danni risarcibili solo i danni prevedibili rispetto alla condotta colposa il responsabile dell atto illecito è tenuto a risarcire tutti i danni, prevedibili e non. Ad. es. perdita economica + mancato guadagno Prescizione 10 anni 5 anni

30 NATURA CONTRATTUALE DELLA RESPONSABILITA CIVILE DEL MEDICO (cd. tesi del contatto sociale) In base alla giurisprudenza ormai consolidata della Corte di Cassazione, la responsabilità civile del medico dipendente di una azienda sanitaria (medico strutturato), ha comunque natura contrattuale, anche se non viene stipulato un effettivo contratto scritto tra medico e paziente. Tale soluzione giurisprudenziale si fonda sulla tesi (di matrice tedesca) del c.d. contatto sociale, secondo cui nel momento in cui il paziente si rivolge ad un medico strutturato si verifica un contatto sociale che determina di per sé l instaurazione di un rapporto giuridico di fatto. In altri termini, il paziente, a seguito di atti o iniziative del medico con cui viene in contatto e offre le proprie cure, è indotta a ritenere sussistenti doveri e pretese di comportamento: ovvero quegli specifici obblighi di cura che sono imposti al professionista nell esercizio della propria arte medica.

31 LA SENTENZA DEL TRIBUNALE DI MILANO DEL 17 LUGLIO 2014 INVERSIONE DI TENDENZA: RITORNO AL PIU FAVOREVOLE REGIME DELLA RESPONSABILITÀ EXTRACONTRATTUALE Secondo il Tribunale di Milano, le disposizioni contenute nella Riforma Balduzzi (l art. 3 L. 189/2012) inducono a ritenere che il Legislatore del 2012 abbia voluto ricondurre la responsabilità del medico (e quella degli altri esercenti professioni sanitarie) nell alveo della responsabilita extracontrattuale da fatto illecito (e non più della responsabilità contrattuale) e che, dunque, l obbligazione risarcitoria possa scaturire solo in presenza di tutti gli elementi propri della responsabilità extracontrattuale che il danneggiato ha l onere di provare e soggiace al regime di prescrizione quinquennale.

32 IN OGNI CASO, AFFINCHÉ IL MEDICO POSSA ESSERE RITENUTO CIVILMENTE RESPONSABILE DEI DANNI PROVOCATI AL PAZIENTE DEVONO REALIZZARSI LE SEGUENTI CONDIZIONI: IL SANITARIO DEVE AVERE AVUTO UNA CONDOTTA COLPOSA NELLA PRESTAZIONE PROFESSIONALE. SI DEVE REALIZZARE UN DANNO AL PAZIENTE. DEVE ESSERE DIMOSTRATO IL NESSO DI CAUSALITÀ MATERIALE TRA L AZIONE OD OMISSIONE DEL MEDICO E L EVENTO LESIVO. L EVENTO DANNOSO DEVE ESSERE PREVEDIBILE.

33 LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELLA STRUTTURA OSPEDALIERA Art. 28 Costituzione I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici.

34 LA RESPONSABILITÀ CONTRATTUALE DELL AZIENDA O ENTE OSPEDALIERO (la tesi del c.d. contratto di spedalità) L Azienda sanitaria pubblica risponde dei danni causati ai pazienti ivi ricoverati sulla base di un rapporto contrattuale atipico. Difatti, secondo l evoluzione giurisprudenziale, tra Azienda sanitaria pubblica e paziente ricoverato, intercorre è un contratto di spedalità, in cui le prestazioni a carico dell ente non si esauriscono nell espletamento della prestazione sanitaria, ma comprendono anche obblighi accessori e strumentali di protezione (come ad esempio ricovero, forniture di servizi infermieristici, ristorazione, sicurezza degli impianti e delle attrezzature, nonché la loro sistemazione logistica, turni di assistenza e vigilanza, custodia del paziente, ecc.), il cui inadempimento fa sorgere una responsabilità a carico della struttura sanitaria che è di natura contrattuale. In virtù di tale contratto, valgono i principi civilistici sull inadempimento contrattuale, per cui il debitore, che nell'adempimento dell'obbligazione si vale dell'opera di terzi (es. medici e sanitari), risponde anche dei fatti colposi di costoro (art c.c.).

35 L AZIONE DI RIVALSA DELL AZIENDA OSPEDALIERA IN CASO DI DOLO O COLPA GRAVE DEL MEDICO Il riconoscimento della responsabilità medica genera una responsabilità solidale passiva tra più soggetti (struttura e personale medico) nei confronti del paziente; tuttavia, proprio perché solidale, il rapporto tra gli obbligati fa sorgere, in capo al soggetto adempiente il diritto di regresso o di rivalsa nei confronti degli altri coobbligati. Tale diritto di rivalsa, nei casi di rapporto di pubblico impiego medicoamministrazione, sussiste solo nelle ipotesi di dolo colpa grave, e viene fatto valere in via esclusiva dalla Corte dei conti.

36 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER DANNO ERARIALE Il giudizio di responsabilità amministrativa da parte della Corte dei Conti nei confronti dei dipendenti pubblici è indipendente rispetto al giudizio civile e penale, in quanto si fonda su presupposti diversi. Nello specifico, affinché si possa configurare la responsabilità erariale/amministrativa del medico (strutturato o convenzionato) sono necessari i seguenti elementi: 1) violazione degli obblighi che scaturiscono dal rapporto di servizio; 2) l elemento soggettivo del dolo o della colpa grave; 3) il danno erariale (perdita patrimoniale per l amministrazione certa, liquida ed esigibile - es. sentenza passata in giudicato oppure transazione stragiudiziale stipulata con il terzo); 4) il nesso di causalità tra la violazione dell obbligo ed il danno.

37 LA COLPA DEL MEDICO NELLA RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA PER DANNO ERARIALE NEL GIUDIZIO DI RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA DINANZI ALLA CORTE DI CONTI E SEMPRE RICHIESTA LA COLPA GRAVE SIA PER L IMPERIZIA CHE PER L IMPRUDENZA, E LA NEGLIGENZA. QUINDI, NON BASTA CHE IL COMPORTAMENTO DEL MEDICO SIA STATO NON CONFORME ALLE REGOLE DELLA SCIENZA E DELL ESPERIENZA, IN QUANTO È NECESSARIO CHE SI SIANO VERIFICATI ERRORI NON SCUSABILI PER LA LORO GROSSOLANITÀ OPPURE, L ASSENZA DELLE COGNIZIONI FONDAMENTALI DELLA PROFESSIONE MEDICA, O IL DIFETTO DI QUEL MINIMO DI PERIZIA CHE OGNI MEDICO DEVE POSSEDERE, O INFINE CHE VI SIA STATA UNA TEMERARIA SPERIMENTAZIONE O SUPERFICIALITÀ E DISINTERESSE PER LA SALUTE DEL PAZIENTE.

38 L OBBLIGO ASSICURATIVO PER LE ASL Le Aziende ed Enti del SSN sono obbligate, per legge e per contratto, a garantire al proprio personale medico - di ruolo o convenzionato - un adeguata copertura assicurativa per i danni da responsabilità civile derivanti a terzi, salvo i casi di dolo o colpa grave. FONTI DI LEGGE: Art. 3, comma 2, Legge Balduzzi (L. 189/2012) + art. 27 D.L. 90/2014 (convertito in Legge 11 agosto 2014, n. 114) FONTI CONTRATTUALI: Art. 21, Ccnl 3 novembre area dirigenza medica e veterinaria

39 OBBLIGO DI LEGGE ART. 27, CO. 1-BIS, DL 90/2014 A ciascuna azienda del Servizio sanitario nazionale (SSN), a ciascuna struttura o ente privato operante in regime autonomo o accreditato con il SSN e a ciascuna struttura o ente che, a qualunque titolo, renda prestazioni sanitarie a favore di terzi è fatto obbligo di dotarsi di copertura assicurativa o di altre analoghe misure per la responsabilità civile verso terzi (RCT) e per la responsabilità civile verso prestatori d'opera (RCO), a tutela dei pazienti e del personale. CAMPO DI APPLICAZIONE DELL OBBLIGO ASSICURATIVO riguarda tutte le strutture sanitarie (pubbliche o private); interessa tutto il personale medico che opera nell ambito della struttura sanitaria (sia esso strutturato, convenzionato o precario) non riguarda le ipotesi di dolo o colpa grave (v. art. 3, co. 4, L. 189/ legge Balduzzi); può riguardare anche misure analoghe all assicurazione (ad esempio autoassicurazione oppure sistema misto (franchigia + assicurazione)

40 OBBLIGO CONTRATTUALE ART. 21, CCNL 3 NOVEMBRE 2005 In materia di copertura assicurativa dei dirigenti medici dipendenti del SSN, trova tuttora applicazione la normativa di cui all art. 21 del Ccnl area dirigenza medico-veterinaria la quale dispone che le aziende garantiscono una adeguata copertura assicurativa della responsabilità civile di tutti i dirigenti della presente area - ivi comprese le spese di giudizio ai sensi dell art. 25 Ccnl per le eventuali conseguenze derivanti da azioni giudiziarie dei terzi, relativamente alla loro attività, ivi compresa la libera professione intramuraria, senza diritto di rivalsa, salvo le ipotesi di dolo o colpa grave. La richiamata disposizione ha carattere precettivo per le Aziende, le quali sono contrattualmente tenute a farsi carico di tutti gli oneri connessi alla stipula della polizza assicurativa per rischi derivanti da responsabilità civile nei confronti di terzi, esclusa l ipotesi di copertura di ulteriori rischi (per dolo o colpa grave), la quale continua ad avere per i singoli medici natura facoltativa.

41 IL PATROCINIO LEGALE (ART. 25 CCNL 8 GIUGNO 2000) L Azienda, oltre a garantire la copertura assicurativa, è tenuta a sostenere ogni onere di difesa dei propri dirigenti nei procedimenti civili, penali e contabili, avviati loro carico. LA DIFESA ASSUNTA DIRETTAMENTE DALL AZIENDA (art. 25, comma 1) L azienda, nella tutela dei propri diritti ed interessi, ove si verifichi l apertura di un procedimento di responsabilità civile, contabile o penale nei confronti del dirigente per fatti o atti connessi allo espletamento del servizio e allo adempimento dei compiti d ufficio, assume a proprio carico, a condizione che non sussista conflitto d interesse, ogni onere di difesa fin dalla apertura del procedimento e per ogni grado di giudizio, facendo assistere il dipendente da un legale, previa comunicazione all interessato per il relativo assenso IL DIFENSORE SCELTO DAL DIRIGENTE MEDICO (art. 25, comma 2) Qualora il dirigente intenda nominare un legale di sua fiducia in sostituzione di quello indicato dall azienda o a supporto dello stesso: i relativi oneri saranno interamente a carico dell interessato. TUTTAVIA: Nel caso di conclusione favorevole del procedimento, l azienda procede al rimborso delle spese legali nel limite delle tariffe applicate ai propri legali convenzionati. Tale ultima clausola si applica anche nei casi in cui al dirigente, prosciolto da ogni addebito, non sia stato possibile fornire un legale da parte dell azienda per presunto conflitto di interesse. COSA SI INTENDE PER CONCLUSIONE FAVOREVOLE DEL PROCEDIMENTO? assoluzione ex art. 530 comma 1 c.p.p.., contenente la formula Il fatto non sussiste, il fatto non costituisce reato oppure non è previsto dalla legge come reato, oppure l imputato non ha commesso il fatto. NON VALGONO: prescrizione o amnistia

42 ORARIO DI LAVORO. IL D-DAY COSA CAMBIA DAL 25 NOVEMBRE?

43 IL 25 NOVEMBRE DIVENTA FINALMENTE ATTUATIVA LA LEGGE 30 OTTOBRE 2014, N. 161, CHE CON L'ART. 14 RIALLINEA ANCHE PER I MEDICI E IL PERSONALE SANITARIO LA NOSTRA GIURISPRUDENZA AGLI ALTRI PAESI DELLA CE IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO E DURATA DEI RIPOSI. IN PARTICOLARE, LA LEGGE PREVEDE COME MINIMO 11 ORE CONSECUTIVE DI RIPOSO GIORNALIERO, MASSIMO 48 ORE DI LAVORO SETTIMANALE, COMPRESO LO STRAORDINARIO, 24 ORE DI RIPOSO SETTIMANALE E ALMENO 4 SETTIMANE DI RIPOSO ANNUALE.

44 ORGANIZZAZION E DEL LAVORO 1) Definizione del Tempo di Lavoro e normativa contrattuale

45

46 TEMPO DI LAVORO VISIONE BINARIA Orario di lavoro Periodo di riposo

47 Orario di lavoro Qualsiasi periodo in cui il lavoratore sia al lavoro, a disposizione del datore di lavoro e nell esercizio della sua attività o delle sue funzioni

48 38 ore ,30 Attività assistenziali e gestionali Riduzione liste d attesa Assistenza/prevenzione L Asl può chiedere con le procedure di budget (quindi accordo preventivo) ECM Formazione Didattica Ricerca Orario non assistenziale

49 MASSIMO 48 ORE SETTIMANALI IMPORTANZA DI MANTENERE 11 ORE DI RIPOSO CONSECUTIVE MINIME. SI MANTIENE L ATTUALE REGIME PER LA PRONTA DISPONIBILITA (REPERIBILITA) PERCHÉ LA NORMA IN MERITO E STATA INTERPRETATA A FAVORE DELL AZIENDA

50 PERIODO DI RIPOSO Qualsiasi periodo che non rientra nell orario di lavoro Riposo inteso come piena libertà di espressione delle proprie aspirazioni oltre che completo recupero psico fisico Luogo scelto in piena libertà dal lavoratore

51 ASPETTI SANZIONATORI AMMINISTRATIVI PER VIOLAZIONE DELL'ORARIO DI LAVORO L'articolo 18-bis del d.lgs. 8 aprile 2003, n. 66, contenente le sanzioni previste in caso di violazione della disciplina sull'orario di lavoro, ha subito numerose modifiche legislative (legge 6 agosto 2008, n. 133, legge 21 febbraio 2014, n. 9, dlgs. 15 giugno 2015, n. 80). L'attuale formulazione del testo prevede in particolare le sanzioni legate al mancato rispetto del riposo giornaliero (art. 7 del dlgs. 66/2003) prevedono un importo da 100 a 300 euro se la violazione coinvolge fino a 5 lavoratori o due periodi di riferimento. Tali importi passano da 600 a euro, se la violazione si riferisce a più di 5 lavoratori o si verifica in almeno tre periodi di 24 ore, se invece riguarda più di dieci lavoratori o almeno 5 periodi, l'importo va da a euro. Nelle violazione della durata massima del lavoro settimanale (art. 4, co.2 del dlgs 66/2003) la sanzione è compresa tra 200 e euro, se però la violazione riguarda più di 5 lavoratori o si è verificata in almeno 3 periodi di riferimento, l'importo sale da 800 a euro, se sono coinvolti più di 10 lavoratori o se questa si è protratta per più di 5 periodi, la sanzione sale in questo caso da a euro e non è ammesso il pagamento in misura ridotta. Le medesime sanzioni, in modo distinto, si applicano anche per le violazioni del riposo settimanale (art. 9, co. 1 del d.lgs 66/2003). Infine le sanzioni per il superamento del tetto massimo annuale di 250 ore di straordinario e per il computo e compenso dello stesso (art. 5, co. 3 e 5 del d.lgs 66/2003), prevedono una sanzione amministrativa da 25 a 154 euro; se ciò interessa più di 5 lavoratori o si è verificata in un anno solare per più di 50 giornate lavorative, la sanzione aumenta da 154 a euro. Chi conosce la realtà operativa di molti ospedali italiani sa che a essere applicate saranno le sanzioni massime.

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa

La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa La Responsabilità Civile, Penale e Amministrativa a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RECENTI ORIENTAMENTI DOTTRINALI E GIURISPRUDENZIALI IN ARGOMENTO DI RESPONSABILITA SANITARIA Responsabilità contrattuale

Dettagli

RCP e colpa grave, il peccato originale del medico

RCP e colpa grave, il peccato originale del medico RCP e colpa grave, il peccato originale del medico Dott. D.D Ambrosio ASL AT ART. 32 DELLA COSTITUZIONE: LA REPUBBLICA TUTELA LA SALUTE COME FONDAMENTALE DIRITTO DELL INDIVIDUO ED INTERESSE DELLA COLLETTIVITA

Dettagli

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ

DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ DECRETO BALDUZZI E RESPONSABILITÀ Assemblea TSRM Ferrara 28 maggio 2013 Avv. Roberta Li Calzi CONCETTO DI RESPONSABILITÀ Obbligo di rispondere di un'azione antigiuridica (contraria alle norme) cioè di

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra

I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra I principi generali che regolano la responsabilità professionale del medico e dell odontoiatra Lecco - 31-10 2009 - acuradi S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it Principi generali della

Dettagli

La responsabilità civile

La responsabilità civile La responsabilità civile Responsabilità contrattuale (art. 1218 cc) Scaturisce da qualsiasi rapporto obbligatorio già precostituito. Il Medico generalista si obbliga ad eseguire una prestazione professionalmente

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti

Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE. Avv. Ramona Lucchetti Corso di Aggiornamento per R.S.P.P. e CSP/CSE Avv. Ramona Lucchetti D.Lgs n. 81/2008 D.Lgs n. 106/2009 SINERGIA LEGISLATIVA NELLA SICUREZZA E SALUTE DEI LAVORATORI SINERGIA DEI SOGGETTI INTERESSATI ALLA

Dettagli

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari.

Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari. Il rispetto delle linee-guida e buone pratiche, tra colpa grave e colpa lieve- le novità giuridiche del Decreto Balduzzi Dott. A. Zagari Bologna 2014 Le novità normative art. 3, primo comma, legge n. 189/2012

Dettagli

Quale responsabilità per il medico competente?

Quale responsabilità per il medico competente? Quale responsabilità per il medico competente? Convegno nazionale SNOP Bologna 14-15 novembre 2012 dr. Alberto Chinaglia A me pare che la figura del medico competente emerga dal nuovo testo sulla sicurezza

Dettagli

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.)

FATTI ILLECITI. Responsabilità da fatto illecito. (art. 2043 c.c.) Responsabilità da fatto illecito (art. 2043 c.c.) Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno Responsabilità extra-contrattuale

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it

Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 www.studiolaplacagriva.it. www.studiolaplacagriva.it Medico (assi)cura te stesso. Milano - 26.3.2011 AMBITO ASSICURARSI COME. CIRCA IL PROBLEMA DELLA COLPA GRAVE NELL'ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO: PROBLEMI DI COPERTURA ASSICURATIVA. Responsabilità del

Dettagli

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com

MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA. www.mediazionetrapari.wordpress.com MEDIAZIONE TRA PARI PRESENTA LE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA GRAZIE PER AVER SCARICATO LA MIA GUIDA ALLA GESTIONE DELLE CONTROVERSIE IN MATERIA DI RESPONSABILITA MEDICA QUESTA GUIDA,

Dettagli

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA

Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO. RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA Rapporti giuridici possibili. RAPPORTO PAZIENTE-MEDICO RAPPORTO PAZIENTE-STRUTTURA SANITARIA (pubblica o privata) RAPPORTO MEDICO-STRUTTURA È un rapporto di natura contrattuale la cui fonte è il contatto

Dettagli

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA

ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA ASSICURAZIONE RC PROFESSIONALE OBBLIGATORIA 11 UN OBBLIGO O UN OPPORTUNITA? LINEE GUIDA PER UNA SCELTA CONSAPEVOLE Vicenza, 13 giugno 2012 AGENDA DELL INCONTRO 22 NOVITA LEGISLATIVE IL NUOVO OBBLIGO DI

Dettagli

AUSILI E SUSSIDI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ASPETTI GIURIDICI

AUSILI E SUSSIDI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ASPETTI GIURIDICI AUSILI E SUSSIDI IN FISIOTERAPIA PEDIATRICA ASPETTI GIURIDICI SAVIGLIANO 31 MAGGIO 2011 AVV. MAURA ACCHIARDI SOGGETTI COINVOLTI nel procedimento di erogazione degli ausili Medico specialista Professionista

Dettagli

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA

ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA ROMA Auditorium Ministero della Salute 22 maggio 2014 LE RESPONSABILITÀ PROFESSIONALI A VV. ITALO P ARTENZA IL QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO Il Decreto Balduzzi - L. 8 novembre 2012 n.189 Art. 3 1 L'esercente

Dettagli

Roma Spine 2012 VII Congresso annuale Roma, Hotel Crowne Plaza, 6-7 dicembre 2012

Roma Spine 2012 VII Congresso annuale Roma, Hotel Crowne Plaza, 6-7 dicembre 2012 Roma Spine 2012 VII Congresso annuale Roma, Hotel Crowne Plaza, 6-7 dicembre 2012 L esercizio dell arte medica è non solo consentito, ma anche autorizzato, direttamente dalla Costituzione italiana. Art.

Dettagli

CNIPA 27 ottobre 2004. Aspetti legali del teleconsulto medico IPOCM

CNIPA 27 ottobre 2004. Aspetti legali del teleconsulto medico IPOCM Corso sul teleconsulto IPOCM CNIPA 27 ottobre 2004 Aspetti legali del teleconsulto medico IPOCM A cura di Gianfranco Costanzo Coordinatore del dell Alleanza degli Ospedali Italiani nel Mondo Definizione

Dettagli

LINEE GUIDA E ASPETTI DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE 21/10/15

LINEE GUIDA E ASPETTI DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE 21/10/15 1 LINEE GUIDA E ASPETTI DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE Importanza delle linee guida in ambito difensivo 2 Intervento del legislatore Italiano: art. 3 DL 2012, n. 158 «L'esercente la professione sanitaria

Dettagli

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Buongiorno tutti sono l Avv. Maria SINAGRA e vi parlerò di RESPONSABILITÀ ED OBBLIGHI GIURIDICI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO INIZIAMO COL DARE UNA DEFINIZIONE AL CONCETTO DI RESPONSABILITÀ PENALE

Dettagli

Responsabilità e normativa

Responsabilità e normativa Responsabilità e normativa L elemento!soggettivo!del!fatto!dal!quale!ha!origine!il!danno!può!essere!di!natura: Dolosa fatto commesso con volontarietà ed intenzionalità; Colposa fatto commesso senza intenzionalità

Dettagli

La responsabilità del professionista sanitario dopo la Legge Balduzzi. Avv. Cosimo Maggiore Avv. Luigi Del Vento

La responsabilità del professionista sanitario dopo la Legge Balduzzi. Avv. Cosimo Maggiore Avv. Luigi Del Vento La responsabilità del professionista sanitario dopo la Legge Balduzzi Avv. Cosimo Maggiore Avv. Luigi Del Vento Novità normativa _ Art. 3 D.L. 158/2012, convertito in L. 189/2012 L esercente la professione

Dettagli

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA

CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA SANITARIO CONDIZIONE MORALE E GIURIDICA DI CHI E RESPONSABILE RESPONSABILITA. CIOE SAPER RISPONDERE DI QUALCOSA RESPONSABILE E.. CHI DEVE DAR CONTO DI QUALCHE COSA

Dettagli

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini

LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini LA RESPONSABILITA IN MEDICINA a cura di Marco Perelli Ercolini Con l allocuzione di responsabilità in medicina si intende la consapevolezza dell impegno assunto o di un comportamento, correlata alle funzioni

Dettagli

favore degli iscritti www.marsh.it

favore degli iscritti www.marsh.it L assicurazione della Colpa Grave a favore degli iscritti www.marsh.it 1 Premessa Che cos è la colpa grave? E una grave negligenza, imprudenza, imperizia o una grave inosservanza di leggi e regolamenti

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE REGOLAMENTO PER LA TUTELA LEGALE DEL PERSONALE DELL'ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA. ADOZIONE.

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE REGOLAMENTO PER LA TUTELA LEGALE DEL PERSONALE DELL'ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA. ADOZIONE. DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 47 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 22/02/2012 OGGETTO REGOLAMENTO PER LA TUTELA LEGALE DEL PERSONALE DELL'ARPA FRIULI VENEZIA GIULIA. ADOZIONE. IL DIRETTORE GENERALE (dott.

Dettagli

LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA

LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA ASSOCIAZIONE ITALIANA CASE MANAGER LA RESPONSABILITA INFERMIERISTICA OGGI: REGOLE SEMPLICI IN UNA REALTA COMPLESSA GIANNANTONIO BARBIERI studiobarbieri@iol.it Firenze, 17 ottobre 2014 Nell adempiere l

Dettagli

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro

Anaao-Cref Servizio Tutela Lavoro 1 QUESITO Si chiede se un dirigente medico con incarico libero professionale sia pienamente autonomo nello svolgimento delle proprie mansioni nell ambito dell unità operativa di afferenza. Si chiede, inoltre,

Dettagli

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1

LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 LA RESPONSABILITA DELLA STRUTTURA SANITARIA E DEL MEDICO 1 In tema di Responsabilità, occorre distinguere quelle relative: Alla Struttura Sanitaria; Al Medico Dipendente del SSN; Al Medico che svolge attività

Dettagli

QUALE ASSICURAZIONE PER IL MEDICO?

QUALE ASSICURAZIONE PER IL MEDICO? QUALE ASSICURAZIONE PER IL MEDICO? Varese, lì 16 novembre 2012 Aula Magna Università dell Insubria Avv. Cesare Q. Fiore Via Spartaco, 23 20135 Milano Diritti riservati DECRETO BALDUZZI -Il Decreto Legge

Dettagli

Il quadro normativo sulla Legionella in Italia

Il quadro normativo sulla Legionella in Italia Avv. Enrico Cellentani Studio professionale associato Cellentani Zacco Genzano (RM) 15 marzo 2013 Il quadro normativo sulla Legionella in Italia Le normative di riferimento Obblighi per Strutture Sanitarie

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO. Aspetti medico legali. Chiavari, 18 settembre 2015

LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO. Aspetti medico legali. Chiavari, 18 settembre 2015 LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE D ÈQUIPE IN AMBITO SANITARIO Aspetti medico legali Chiavari, 18 settembre 2015 le problematiche medico legali relative al trattamento delle infezioni si inquadrano nel tema

Dettagli

Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici

Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici avv. Mauro Crosato Presidente ASFO triveneto. Padova, 7 luglio 2015 Tipi di responsabilità Responsabilità penale; Responsabilità

Dettagli

Assicurazione professionale

Assicurazione professionale Assicurazione professionale dei medici-chirurghi e odontoiatri Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Caratteristiche per una copertura assicurativa ideale massima Nell analisi delle

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

Varese, 8 Novembre 2012 Avv. Claudio Casiraghi

Varese, 8 Novembre 2012 Avv. Claudio Casiraghi Varese, 8 Novembre 2012 Avv. Claudio Casiraghi Lo stato dell arte in materia di responsabilità medica e le specificità della Day Surgery nel contenzioso da malpractice: -Il nesso di causalità -L elemento

Dettagli

INCONTRO PRESENTAZIONE POLIZZA RC PROFESSIONALE TSRM COLLEGIO DI FERRARA

INCONTRO PRESENTAZIONE POLIZZA RC PROFESSIONALE TSRM COLLEGIO DI FERRARA INCONTRO PRESENTAZIONE POLIZZA RC PROFESSIONALE TSRM COLLEGIO DI FERRARA Relatore: Fabrizio Buzzi Agente Generale LA POLIZZA R.C. PER IL TSRM IL T.S.R.M. TSRM Il TSRM è una figura professionale in possesso

Dettagli

INDICE. CAPITOLO I LA RILEVANZA DEL CONSENSO DEL PAZIENTE NEL TRATTAMENTO MEDICO-CHIRURGICO (Gianfranco Iadecola)

INDICE. CAPITOLO I LA RILEVANZA DEL CONSENSO DEL PAZIENTE NEL TRATTAMENTO MEDICO-CHIRURGICO (Gianfranco Iadecola) PARTE I LA RESPONSABILITÀ DEI MEDICI E DELLE STRUTTURE SANITARIE DIRITTO PENALE CAPITOLO I LA RILEVANZA DEL CONSENSO DEL PAZIENTE NEL TRATTAMENTO MEDICO-CHIRURGICO 1. Il trattamento medico-chirurgico...

Dettagli

La responsabilità medica a 360 Torino 7 aprile 2014 CIMO ASMD

La responsabilità medica a 360 Torino 7 aprile 2014 CIMO ASMD La responsabilità medica a 360 Torino 7 aprile 2014 CIMO ASMD Gli aspetti civilistici Balduzzi novità sì, novità no. Differenti tecniche di difesa per il medico. Cosa è il «Balduzzi» Art. 3 DL n. 158/2012

Dettagli

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione

RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione RESPONSABILITÀ DELLA STRUTTURA SANITARIA Gaia Postiglione Seppur brevemente, bisognerà delineare i principi vigenti nell'ambito della responsabilità medica soffermandosi sulla distinzione esistente nella

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3

INDICE SOMMARIO. Parte generale... pag. 1. Capitolo I La responsabilità (F. Martini)...» 3 Indice sommario 1.1 INDICE SOMMARIO Parte generale...................... pag. 1 Capitolo I La responsabilità (F. Martini)............» 3 1.1. Gli elementi costitutivi della responsabilità.............»

Dettagli

Pubblico Dipendente colui che

Pubblico Dipendente colui che È Pubblico Dipendente colui che svolge attività a servizio della Pubblica Amministrazione dalla Costituzione Art. 97 I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge, in modo che siano

Dettagli

Importanza degli aspetti legali per un professionista

Importanza degli aspetti legali per un professionista Importanza degli aspetti legali per un professionista 26 ottobre 2015 Aspetti legali Avv. Massimiliano De Nisi 1) La responsabilità civile e penale del professionista 2) Aspetti assicurativi Aspetti legali

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Dr. Guido Rispoli, Procuratore della Repubblica Bolzano, Italia

LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE. Dr. Guido Rispoli, Procuratore della Repubblica Bolzano, Italia LA RESPONSABILITÀ GIURIDICA DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE 1 TIPI DI RESPONSABILITA Responsabilità penale Responsabilità civile Responsabilità erariale 2 Veste pubblicistica, anche se non esclusiva, del

Dettagli

La tipologia dei reati in materia di Igiene e Sicurezza del Lavoro

La tipologia dei reati in materia di Igiene e Sicurezza del Lavoro Alberto Alberto ANDREANI ANDREANI v.le Mameli, 72 int. 201/C - 0721.403718 v.le Mameli, 72 int. 201/C - 0721.403718 61100 :andreani@pesaro.com 61100 :andreani@pesaro.com La tipologia dei reati in materia

Dettagli

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012

STUDIO LEGALE BOGLIONE IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 A VV. I TALO PARTENZA IPOTESI DI RIFORMA DELLA RESPONSABILITÀ MEDICA E SCENARI ASSICURATIVI BOLOGNA 9 NOVEMBRE 2012 Il lontano passato: responsabilità extracontrattuale Il paziente che si riteneva danneggiato

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI

AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI INDICE ART.1: ART.2: ART.3: ART.4: ART.5: ART.6: ART.7: ART.8: ART.9: Finalita Patrocinio

Dettagli

LA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE IN SANITA. Dott.Laura Giurgola S.C. Igiene e Prevenzione- Settore Medicina Legale ASL4 Chiavarese

LA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE IN SANITA. Dott.Laura Giurgola S.C. Igiene e Prevenzione- Settore Medicina Legale ASL4 Chiavarese LA RESPONSABILITA' PROFESSIONALE IN SANITA Dott.Laura Giurgola S.C. Igiene e Prevenzione- Settore Medicina Legale ASL4 Chiavarese Le fasi della Responsabilita Inosservanza degli obblighi o violazione dei

Dettagli

LINEE GUIDA E ASPETTI DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE 13/09/15

LINEE GUIDA E ASPETTI DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE 13/09/15 1 LINEE GUIDA E ASPETTI DI RESPONSABILITA PROFESSIONALE Importanza delle linee guida in ambito difensivo 2 Intervento del legislatore Italiano: art. 3 L.189/12 «L'esercente la professione sanitaria che

Dettagli

fra questi in particolare sono da ricordare

fra questi in particolare sono da ricordare La responsabilità penale è quella in cui incorre un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio che compia uno dei reati contro la pubblica amministrazione previsti dal codice penale, fra questi

Dettagli

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO

DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO DALL AUTONOMIA PROFESSIONALE ALLA RESPONSABILITA DEL TECNICO DI LABORATORIO BIOMEDICO STUDIO LEGALE NODARO avv. Francesco Del Rio 25 Via Crescenzio 00193 Roma Tel. 06/68809743 r.a. Fax 06/68211161 e-mail:

Dettagli

Vademecum Responsabilità Professionale

Vademecum Responsabilità Professionale Vademecum Responsabilità Professionale Area Responsabilità Professionale e Rischio Assicurativo Chairman Francesco Melandri, Carla Riganti Membri Giuseppe De Fabrizio, Cosimo Perrone Consulenti esterni

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO OBBLIGO ASSICURATIVO QUESITO (posto in data 2 ottobre 2014) Sono un dirigente medico dipendente ospedaliero. Come attività libero professionale svolgo soltanto attività intramoenia di équipe

Dettagli

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali.

La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. La certificazione e il referto ex art. 365 c.p.. Responsabilità del medico nella gestione delle malattie professionali. Dr Salvatore Iannuzzi Dirigente medico di I livello, Centro Medico legale INAIL Catania

Dettagli

Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI

Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI Brevi note sulla responsabilità del dipendente bancario verso i terzi ed il datore di lavoro. R.C. PROFESSIONALE BANCARI FONTI DELLA RESPONSABILITA La normativa vigente in materia 2 I fondamenti concettuali

Dettagli

GUIDA ALLA RC PATRIMONIALE DEGLI ENTI PUBBLICI

GUIDA ALLA RC PATRIMONIALE DEGLI ENTI PUBBLICI GUIDA ALLA RC PATRIMONIALE DEGLI ENTI PUBBLICI File : RC PATRIMONIALE ENTI Pag. 1 a 5 PREAMBOLO Negli ultimi anni la responsabilità nella P.A. ha assunto sempre maggiore rilievo, soprattutto a seguito

Dettagli

Responsabilità dei soggetti coinvolti - impianti di distribuzione gas medicinali

Responsabilità dei soggetti coinvolti - impianti di distribuzione gas medicinali Responsabilità dei soggetti coinvolti - impianti di distribuzione gas medicinali Ancona, 28 giugno 2007 Direzione Affari Legali Premessa Obiettivo delle normativa sui dispositivi medici - M.D. - è perseguire

Dettagli

LE ALTRE CATEGORIE DEL DANNO INGIUSTO Consuela Cigalotti DANNO INGIUSTO Secondo la definizione del codice civile è da considerarsi danno ingiusto,, il danno prodotto non iure,, ( comportamento non giustificato

Dettagli

PROBLEMA: ART. 3, CO. 1, D.L. 158/2012 conv. con modificazioni in L. 189/2012

PROBLEMA: ART. 3, CO. 1, D.L. 158/2012 conv. con modificazioni in L. 189/2012 L'ORIENTAMENTO TRADIZIONALE E CONSOLIDATO CASS. CIV., SEZ. UN., SENTENZA 11 GENNAIO 2008 L obbligazione del medico dipendente dalla struttura sanitaria nei confronti del paziente ha natura contrattuale

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA ASSISTENZA LEGALE AI DIPENDENTI Indice ART. 1: Finalita ART. 2: Patrocinio legale ART. 3: Conflitto di interessi ART. 4: Assunzione diretta ed indiretta degli oneri

Dettagli

Caratteristiche della prestazione intellettuale:

Caratteristiche della prestazione intellettuale: LEGALITA E PROFESSIONE VETERINARIA 1 PROFESSIONE A CARATTERE INTELLETTUALE Caratteristiche della prestazione intellettuale: 1. Prevalenza del dato intellettuale sull attività materiale o manuale. 2. Autonomia

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare

Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001. Sistema Disciplinare Modello di organizzazione gestione e controllo ai sensi del D.Lgs 231/2001 Sistema Disciplinare ELENCO DELLE REVISIONI 2 INDICE Introduzione... 4 Sistema disciplinare... 4 Dirigenti... 5 Amministratori...

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PATROCINIO LEGALE A FAVORE DEI DIPENDENTI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PATROCINIO LEGALE A FAVORE DEI DIPENDENTI Servizio Sanitario Regionale Azienda per i Servizi Sanitari n.1- Triestina via Giovanni SAI nn. 1-3 34128 Trieste REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PATROCINIO LEGALE A FAVORE DEI DIPENDENTI Art. 25 dei

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

U.O. di Medicina Legale. Direttore: Mauro Martini Coordinatore Programma Risk Management e UGS

U.O. di Medicina Legale. Direttore: Mauro Martini Coordinatore Programma Risk Management e UGS U.O. di Medicina Legale Direttore: Mauro Martini Coordinatore Programma Risk Management e UGS Informazione mediatica pubblicità negativa trasmissioni in tema di salute Cittadini consapevolezza dei propri

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO COPERTURA ASSICURATIVA IN CASO DI COLPA GRAVE QUESITO (posto in data 22 settembre 2009) La nostra Azienda ci ha comunicato che a partire dal 29/09/09 non avremo più la copertura assicurativa,

Dettagli

LA RESPONSABILITA' NEL MONDO SPORTIVO

LA RESPONSABILITA' NEL MONDO SPORTIVO Bisogna distinguere fra: Responsabilità civile; Responsabilità penale. Responsabilità civile: Responsabilità contrattuale; Responsabilità extracontrattuale. Responsabilità contrattuale: Deriva da un contratto

Dettagli

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente

08/05/2012. La sorveglianza sanitaria e il medico competente UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO- BICOCCA FACOLTÀ DI ECONOMIA Corso di Diritto della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Anno Accademico 2011-20122012 Lezione 2 Dott.ssa Ferrua Sara La sorveglianza

Dettagli

La responsabilità professionale del medico

La responsabilità professionale del medico La responsabilità professionale del medico «Cosa succede quando avviene un sinistro?» I giornata ANAAO GIOVANI Bari, 19 giugno 2013 «nella Borsa del diritto il titolo responsabilità del medico è segnalato

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE BT (Andria Barletta Bisceglie Canosa Margherita di S. - Minervino S. Ferdinando di P. - Spinazzola Trani - Trinitapoli) 76123 A N D

Dettagli

La sicurezza sul lavoro nella P.A.

La sicurezza sul lavoro nella P.A. La normativa italiana D.Lgs. 81/2008 Le disposizioni contenute nel D.Lgs. 81 del 9 aprile 2008 costituiscono attuazione dell art. 1 della Legge 3/8/2007, n. 123 per il riassetto e la riforma delle norme

Dettagli

La CISL FP al servizio degli iscritti

La CISL FP al servizio degli iscritti La CISL FP al servizio degli iscritti ASSICURAZIONE DELLA COLPA GRAVE A cura di Paolo Scilinguo ASSICURAZIONE DELLA COLPA GRAVE A FAVORE DEGLI ISCRITTI Polizza per la copertura assicurativa dei rischi

Dettagli

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto)

Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Avvocati obbligati a informare il cliente sulla possibilità di successo dell azione (Guida al Diritto) Giuseppe Sileci Una delle disposizioni di maggior interesse del nuovo ordinamento forense è quella

Dettagli

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012

Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 Breve commento alle nuove disposizioni sulla responsabilità professionale medica contenute nell art. 3 della legge n. 189 del 2012 A cura di Sergio Fucci Giurista e bioeticista, magistrato tributario,

Dettagli

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE

CONSENSO INFORMATO. Partecipazione attiva del soggetto malato. Rapporto Medico Paziente. a cura dell Avv. Elio Garibaldi RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE CONSENSO INFORMATO Partecipazione attiva del soggetto malato Rapporto Medico Paziente a cura dell Avv. Elio Garibaldi 1 RAPPORTO MEDICO-PAZIENTE Conoscenza del proprio stato di salute Conoscenza delle

Dettagli

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni

LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE. Avv. Sibilla Santoni LA RESPONSABILITA CIVILE DELL ASSISTENTE SOCIALE Avv. Sibilla Santoni Società sempre più complessa e problematica necessità degli assistenti sociali di conoscere i rischi giuridici a cui vanno incontro

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MONCHIERO, RABINO, OLIARO, BINETTI, MATARRESE, GIGLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE MONCHIERO, RABINO, OLIARO, BINETTI, MATARRESE, GIGLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1902 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MONCHIERO, RABINO, OLIARO, BINETTI, MATARRESE, GIGLI Norme in materia di responsabilità professionale

Dettagli

Codice Penale art. 437

Codice Penale art. 437 Codice Penale art. 437 TITOLO VI Dei delitti contro l'incolumità pubblica Dei delitti di comune pericolo mediante violenza Rimozione od omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro. [I]. Chiunque

Dettagli

CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale

CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale CCNL Medici e Veterinari Normativa Contrattuale DISPOSIZIONI DI PARTICOLARE INTERESSE Coperture assicurative (art. 24 CCNL 1998/01 art. 21 CCNL 2002/05) Copertura assicurativa e tutela legale (art. 16

Dettagli

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE

L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE L AZIONE DI REGRESSO DELL INAIL COME STRUMENTO DI PREVENZIONE ART. 10 L'assicurazione a norma del presente decreto esonera il datore di lavoro dalla responsabilità civile per gli infortuni sul lavoro.

Dettagli

LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI

LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI LA RESPONSABILITA DEL PROFESSIONISTA PER ADEMPIMENTI INFEDELI corrado sanvito Il tema della responsabilità del professionista in quanto pertiene un contratto di prestazione d opera intellettuale trova

Dettagli

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE

Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE Art. 8 CCNL 06/05/2010 INTEGRATIVO DEL CCNL 17/10/2008 CODICE DISCIPLINARE 1. Le Aziende sono tenute al rispetto dei principi di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della

Dettagli

Obbligo di sicurezza sul lavoro cenni storici

Obbligo di sicurezza sul lavoro cenni storici Obbligo di sicurezza sul lavoro cenni storici In passato, nel codice civile del 1865, non si conosceva la parola «sicurezza» nei luoghi di lavoro, ma si puniva il datore di lavoro che cagionava danno ai

Dettagli

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un b CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI BARI SISTEMA DISCIPLINARE ex D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Principi generali Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un adeguato

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... INTRODUZIONE

INDICE SOMMARIO. Elenco delle principali abbreviazioni... INTRODUZIONE INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIII INTRODUZIONE 1. Responsabilità professionale... 1 2. Responsabilità medica e diritto alla salute... 3 3. La responsabilità medica oggi... 6

Dettagli

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto

I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario. a cura di. Riccardo Bucci. Dottore in Diritto I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario a cura di Riccardo Bucci Dottore in Diritto 1 I Responsabilità civile e penale del professionista sanitario Il tema della responsabilità del

Dettagli

RESPONSABILITA DELL OPERATORE SANITARIO DEGLI AMBULATORI VIAGGIATORI INTERNAZIONALI. ULSS 20 VERONA SERVIZIO LEGALE Novembre 2006

RESPONSABILITA DELL OPERATORE SANITARIO DEGLI AMBULATORI VIAGGIATORI INTERNAZIONALI. ULSS 20 VERONA SERVIZIO LEGALE Novembre 2006 RESPONSABILITA DELL OPERATORE SANITARIO DEGLI AMBULATORI VIAGGIATORI INTERNAZIONALI ULSS 20 VERONA SERVIZIO LEGALE Novembre 2006 Art. 32 Costituzione La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto

Dettagli

Allegato n. 6. Allegato n. 6 SISTEMA DISCIPLINARE

Allegato n. 6. Allegato n. 6 SISTEMA DISCIPLINARE Allegato n. 6 SISTEMA DISCIPLINARE 1 Premessa Un punto qualificante nella costruzione di un Modello di organizzazione e gestione, ex art. 6 e 7 del D.lgs 231/01, (di seguito Modello) è costituito dalla

Dettagli

LA CONVENZIONE DELLA CISL FP

LA CONVENZIONE DELLA CISL FP LA CONVENZIONE DELLA CISL FP La CISL FP offre ai propri iscritti soluzioni assicurative che riescono a garantire la piena, reale ed efficace copertura dai rischi derivanti da colpa grave a prezzi tra i

Dettagli

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231

Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Sistema Disciplinare relativo al MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 di Fujitsu Technology Solutions S.p.A. Vers. 2.0 approvato dal CdA il 21/01/2015

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale

Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale Contabilità e Bilancio Il Danno Erariale 29 agosto 2008 Vito Meloni - Dottore Commercialista e Revisore 1 Scaletta intervento: La responsabilità del Revisore; I presupposti di danno erariale; Fattispecie

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

ARTICOLATO DELLA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PATRIMONIALE RESPONSABILITA AMMINISTRATIVO - CONTABILE

ARTICOLATO DELLA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PATRIMONIALE RESPONSABILITA AMMINISTRATIVO - CONTABILE ARTICOLATO DELLA POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PATRIMONIALE E RESPONSABILITA AMMINISTRATIVO - CONTABILE 1 PREMESSA La Legge 24 Dicembre 2007 n. 244 (Finanziaria 2008) ha stabilito all articolo 3 comma

Dettagli