Catalogo corsi Centro REACH Veneto. settembre giugno 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catalogo corsi Centro REACH Veneto. settembre 2013- giugno 2014"

Transcript

1 Catalogo corsi Centro REACH Veneto settembre giugno 2014

2 w w w. f o r e m a. i t

3 PANORAMICA DEI CORSI Per cominciare REACH e CLP: Percorso base per utilizzatori a valle 24 settembre 2013 o 4 marzo 2014 (due edizioni), 4h pag.3 REACH e CLP: Percorso base per produttori e importatori di articoli 26 novembre 2013 o 13 maggio 2014 (due edizioni), 4 h pag. 4 Lo scenario di esposizione: come applicarlo in azienda 10 dicembre 2013, 4 h pag.5 Per approfondire Lo scenario di esposizione: cos è, a cosa serve, come leggerlo e come comunicare a valle le informazioni contenute 16 ottobre 2013, 8 h pag.6 Sicurezza Prodotto: dalle norme tecniche ai requisiti legali di sicurezza prodotto e le responsabilità del produttore 09 aprile 2014, 8 h pag. 7 Classificazione CLP delle sostanze: ricerca e valutazione dei dati 18 giugno 2014, 8 h pag.8 Schede dati di sicurezza: formazione del tecnico competente Dal 21 maggio 2014, 24 h pag.9 Per chi spedisce merci pericolose Preparazione all esame di consulente per il trasporto di merci pericolose su strada Dal 11 gennaio 2014, 24 ore pag. 11 Elementi base della spedizione ADR 18 febbraio 2014, 4 h pag.12 La spedizione multimodale di merci pericolose 25 marzo 2014, 4 h pag. 13 La classificazione dei rifiuti e le intersezioni con il trasporto di merci pericolose 15 aprile 2014, 4 h pag. 14 Classificazione CLP: corso pratico con esercitazione Dal 21 maggio 2014, 12 h pag.10

4 REACH e CLP: Percorso base per utilizzatori a valle Utilizzo sostanze o miscele (colle, solventi, vernici, ecc.) e voglio capire cosa chiedere ai fornitori; Voglio capire quali sono i requisiti minimi di una scheda di sicurezza; Voglio gestire le richieste di conformità dei miei clienti. Voglio imparare a redigere una scheda dati di sicurezza; Mi interessa in modo particolare la gestione degli articoli (minuteria metallica, moda, ecc); Voglio imparare a classificare una sostanza. 24 settembre 2013 o 4 marzo 2014 (due edizioni), 4h (mattina) sede: Padova Il corso è pensato per mettere i partecipanti in grado di interagire con clienti e fornitori in merito alle richieste su REACH, CLP e schede dati di sicurezza con un linguaggio tecnico corretto e inoltre di orientarsi tra le numerose fonti informative per reperire informazioni puntuali. Il corso, arricchito da numerosi quiz e brevi esercitazioni pratiche basate su casi realmente affrontati dai tecnici del Centro REACH Veneto, cerca di far applicare immediatamente ai partecipanti le informazioni apprese in un contesto il più possibile simile alla loro realtà quotidiana. Coloro che affrontano per la prima volta gli aspetti regolatori o necessitano di un quadro organico in merito al regolamento REACH come utilizzatori a valle. Le imprese di riferimento sono quelle della chimica fine (colle, vernici, detergenti, cosmesi), della gomma plastica e in genere le imprese che utilizzano sostanze e miscele chimiche. Il pericolo chimico e la sua identificazione: l emanazione del CLP; Le informazioni sulle sostanze e la loro diffusione: l emanazione del REACH; Dal decreto 52/1997 al regolamento 453/2010: la scheda dati di sicurezza; Lo scenario di esposizione; I database ECHA: informazioni sulle sostanze registrate e notificate; Esercitazione: questa scheda di sicurezza è conforme? Test finale Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 3

5 REACH e CLP: Percorso base per produttori e importatori di articoli Sono un produttore di articoli (es. moda, elettronica, ecc.) e devo gestire le richieste di conformità dei miei clienti; Voglio capire il confine tra obbligo di legge e richiesta commerciale; Voglio capire dove reperire informazioni sulle sostanze ristrette o vietate. Voglio approfondire standard specifici di prodotto (es. OEKO-TEX, ecc); Mi interessa in modo particolare la scheda dati di sicurezza; Mi interessano in modo particolare le etichette di pericolo. 26 novembre 2013 o 13 maggio 2014 (due edizioni), 4 h (mattina) sede: Padova Il corso è pensato per fornire un background sul REACH che tenga in forte considerazione gli aspetti legati alla sicurezza prodotto e alla compliance. Al termine i partecipanti avranno acquisito la terminologia specifica, identificato le fonti di informazione e compreso dove si trova la linea di transizione tra obbligo legislativo e richiesta commerciale. Il corso, arricchito da numerosi quiz e brevi esercitazioni pratiche basate su casi realmente affrontati dai tecnici del Centro REACH Veneto, cerca di far applicare immediatamente ai partecipanti le informazioni apprese in un contesto il più possibile simile alla loro realtà quotidiana. Coloro che affrontano per la prima volta gli aspetti regolatori o necessitano di un quadro organico in merito al regolamento REACH come produttori e importatori di articoli. Le imprese di riferimento sono quelle della moda, della metalmeccanica e in genere le imprese che producono o importano articoli e devono gestire le richieste di compliance di clienti e fornitori. Il REACH: un quadro organico per tutto il ciclo di vita di una sostanza; La gestione delle informazioni: quali sono i requisiti normativi per gli articoli; Sostanze da monitorare: il registro delle intenzioni; Gestione della complessità: esempi pratici; Esercitazione: come rispondere al questionario inviato dal cliente? Test finale Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 4

6 Lo scenario di esposizione: come applicarlo in azienda Ricevo scenari di esposizione per i prodotti che utilizzo e voglio capire come trattarli; Voglio capire il significato dei parametri che compaiono; Voglio gestire le richieste di conformità dei miei clienti. Voglio imparare a redigere lo scenario per le mie miscele; Voglio imparare a usare CHESAR o ECETOC; Voglio imparare a preparare il Chemical Safety Report. 10 dicembre 2013, 4 h (mattina) sede: Padova Il corso affronta la problematica dello scenario di esposizione dal punto di vista dell utilizzatore finale, focalizzandosi sugli aspetti pratici e applicativi. Al termine del corso i partecipanti sapranno capire gli scenari di esposizione ricevuti dai fornitori, saranno in grado di valutare l eventuale necessità di ulteriori azioni da intraprendere, in particolare quella di aggiornare la valutazione del rischio chimico. Il corso è rivolto principalmente a RSPP e ASPP, responsabili ambientali, ufficio acquisti e a tutti coloro che nelle imprese ricevono degli scenari di esposizione e devono capire che uso farne e quali azioni intraprendere. In particolare si sottolinea che il corso non affronta la problematica della produzione dello scenario di una miscela e della trasmissione dello scenario lungo la catena di fornitura, in quanto si focalizza sulla lettura e gestione interna dello scenario. Il REACH, la registrazione, il CSR e la produzione degli scenari; In quali occasioni si riceve uno scenario di esposizione; Come si legge uno scenario e il significato dei principali parametri contenuti; Esercitazione: il mio uso è previsto? Esercitazione: il mio uso è sicuro? Esercitazione: lo scenario non è conforme, cosa fare? Test finale. Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 5

7 Lo scenario di esposizione: cos è, a cosa serve, come leggerlo e come comunicare a valle le informazioni contenute Devo imparare a leggere lo scenario e capire come effettuare lo scaling; Formulo miscele chimiche (es. colle, vernici, ecc.) e devo capire come preparare lo scenario delle miscele; Voglio capire come il produttore ha creato lo scenario. Il corso ha lo scopo di trattare in modo approfondito i requisiti e le caratteristiche del nuovo allegato alle schede dati di sicurezza estese, lo scenario di esposizione. Al termine del corso i partecipanti sapranno in quali occasioni devono attendersi uno scenario di esposizione, come interpretare il documento, quale significato hanno i parametri che compaiono e come devono comportarsi quando ricevono questo documento, anche in relazione agli obblighi di comunicazione a valle. Il corso si rivolge alle aziende che a vario titolo utilizzano sostanze chimiche: formulatori ad esempio di colle, prodotti chimici per l edilizia, vernici, ma anche metalmeccaniche, aziende della plastica, eccetera. In particolare il corso si rivolge a RSPP e ASPP, tecnici che preparano le schede di sicurezza e a tutti coloro che in azienda dovranno gestire lo scenario di esposizione. Mi sono sufficienti delle informazioni di base sulla gestione dello scenario in azienda; Non so cosa sia la registrazione REACH; Voglio usare CHESAR e ECETOC durante il corso. 16 ottobre 2013, 8 h sede: Padova Da dove nasce lo scenario di esposizione: il dossier di registrazione e il CSR (cenni); Scenario di esposizione per la comunicazione: quando è previsto; Formato dello scenario di esposizione; Il significato dei parametri che compaiono nello scenario; Come deve comportarsi l utilizzatore che riceve uno scenario; Scenario di esposizione: come comunicarlo a valle; I cambiamenti normativi previsti; Aspetti critici; Dibattito e conclusioni. Docenti: Raffaella Butera, IRCCS Fondazione Maugeri 6

8 Sicurezza Prodotto: dalle norme tecniche ai requisiti legali di sicurezza prodotto e le responsabilità del produttore Sono un produttore di articoli e devo gestire una notevole complessità e tutelare il brand; Voglio capire il confine tra obbligo di legge e richiesta commerciale; Voglio approfondire gli aspetti legali legati alla sicurezza prodotto. Voglio approfondire standard specifici di prodotto (es. OEKO-TEX, ecc); Sono interessato esclusivamente agli aspetti tecnici e regolatori; I miei prodotti non sono destinati al consumatore. 9 aprile 2014, 8h sede: Padova Il corso si propone di offrire una panoramica del complesso quadro che regola la sicurezza prodotto, esplorando alcuni aspetti tecnici (per esempio la candidate list istituita dal REACH) che soprattutto gli aspetti legali che spesso entrano in gioco a fronte di catene di approvvigionamento complesse e brand da tutelare. Lo scopo è di inquadrare la tematica e fornire ai partecipanti soluzioni operative per gestire la complessità. Il corso si rivolge alle aziende che immettono sul mercato articoli e devono garantirne la sicurezza verso il destinatario. In particolare, il corso è pensato per le aziende che producono oggetti destinati ai consumatori e a fasce sensibili (es. bambini) e hanno esigenze di tutela del brand. Settori comuni di riferimento sono quelli della moda, della calzatura, dell occhiale, dei colori scolastici, eccetera. - Introduzione; - Aspetti tecnici: REACH - Aspetti tecnici: standard volontari; - Il codice del consumo e le responsabilità dell importatore; - Tutelarsi lungo la catena di fornitura; - Contrattualistica internazionale e nazionale; - Responsabilità extracontrattuale. Docenti: avv. Marco Dell Antonia - ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE 7

9 Classificazione CLP delle sostanze: ricerca e valutazione dei dati Produco sostanze chimiche (es. farmaceutiche, inorganica, ecc) e le devo classificare secondo il CLP; Voglio capire come valutare dati discordanti, eseguiti in condizioni diverse, ecc.; Voglio capire quando e come posso usare i metodi alternativi. Produco e devo classificare miscele chimiche; Non ho un infarinatura di base dei principali concetti di tossicologia; Mi interessano i requisiti formali del CLP (notifica, dimensioni etichette, ecc). 18 giugno 2014, 8h sede: Padova Il corso ha lo scopo di approfondire alcuni aspetti cruciali nella classificazione delle sostanze chimiche, spesso oggetto di difficoltà interpretative e applicative. In particolare ci si focalizzerà sulla ricerca di dati tossicologici, sulla valutazione della loro attendibilità e sulla loro comparazione con i parametri previsti dal regolamento CLP. I destinatari del corso sono coloro che in azienda si occupano della classificazione delle sostanze e devono valutarne la pericolosità a partire da dati sperimentali. Le aziende di riferimento sono principalmente quelle farmaceutiche, della chimica di base e in genere tutte le aziende che producono sostanze chimiche. - La ricerca di dati ai fini della classificazione secondo il Regolamento CLP: quale informazione (con riferimento ai criteri dell Allegato I del Reg. CLP e alla Guida ECHA); - Fonti di dati: punti qualificanti e criticità; - Come valutare l affidabilità del dato; - Dati multipli e dati assenti; - Casi particolari (grouping); - Approfondimento: CMR; - Approfondimento: STOT; - Test finale. Docenti: dott.ssa Ida Marcello - Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità 8

10 Schede dati di sicurezza: formazione del tecnico competente Voglio imparare a redigere autonomamente una scheda dati di sicurezza per le mie miscele; Voglio applicare i criteri CLP ai miei prodotti; Voglio conoscere e comprendere i principali riferimenti legislativi. Non devo redigere schede di sicurezza ma soltanto leggere quelle dei fornitori; Voglio imparare a utilizzare un software, tipo EPY o simili; Mi è sufficiente un infarinatura generica sul documento. 21 e 28 maggio 2014, 4 giugno 2014, dalle 9:00 alle 18:00, 24 h sede: Padova Il percorso formativo prevede l interazione di più professionalità (chimico-regolatoria, medicotossicologica) che esporranno oltre agli elementi teorici numerosi esempi pratici frutto del confronto quotidiano con il mondo dell industria. Tale preparazione è pensata per anche in funzione di quanto previsto dal regolamento CE n.453/2010 (come già dal DM 27/09/2002) secondo il quale le schede dati di sicurezza vengono redatte da personale adeguatamente preparato, denominato tecnico competente. Il corso è progettato per chi vuole essere in grado, al termine degli incontri, di classificare una miscela o una sostanza e preparare autonomamente una scheda dati di sicurezza. Le aziende di riferimento sono principalmente quelle della chimica fine e in genere tutte le aziende che devono produrre la scheda di sicurezza per le loro miscele. Primo incontro (8 ore) Introduzione normativa; Etichettatura; Principi base di classificazione; Pericoli chimico-fisci; Pericoli per la salute; Pericoli per l ambiente; Fonti di dati. Secondo incontro (8 ore) Esercitazione: classificazione di una miscela e costruzione dell etichetta Informazioni tossicologiche (concetti chiave); Punti 4,6,7,8 e 11 (aspetti sanitari e di manipolazione) Terzo incontro (8 ore) Punti 1,2,3,15,16 (aspetti regolatori) Sezioni 5,6, 9 e 10 (aspetti chimico-fisici e misure antincendio); Allegato alla SDS: lo scenario di esposizione; Punto 14 (Trasporto) Punti 12 e 13 (aspetti ambientali) Esercitazioni e test finale Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto Andrea De Simone Medico del Lavoro 9

11 Classificazione CLP: corso pratico con esercitazione Voglio essere in grado di classificare, senza l ausilio di software, una miscela chimica; Voglio imparare a costruire l etichetta di pericolo; Sono un produttore di miscele o sostanze chimiche. Mi interessano soprattutto gli aspetti legati alla classificazione delle sostanze più che delle miscele; Voglio imparare a utilizzare un software, tipo EPY o simili; Voglio solo leggere le classificazioni che ricevo dai fornitori. 21 maggio 2014 dalle 9:00 alle 18:00 e 28 maggio 2014 dalle 9:00 alle 13:00, 12h sede: Padova Nota: svolto in concomitanza con il corso Tecnico Competente Il corso ha lo scopo di mettere in grado i partecipanti di classificare una miscela chimica e costruirne l etichetta di pericolo, con le modalità previste dal regolamento CLP. A tal fine l intero ultimo incontro è dedicato a un esercitazione pratica, dove i partecipanti applicano quanto appreso nell incontro precedente. Il corso è progettato per chi vuole essere in grado, al termine degli incontri, di classificare una miscela. Le aziende di riferimento sono principalmente quelle della chimica fine e in genere tutte le aziende che immettono sul mercato miscele chimiche e ne devono produrre la scheda di sicurezza. Primo incontro (8 ore) Introduzione normativa; Etichettatura; Principi base di classificazione; Pericoli chimico-fisci; Pericoli per la salute; Pericoli per l ambiente; Fonti di dati. Secondo incontro (4 ore) Esercitazione: classificazione di una miscela e costruzione dell etichetta Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 10

12 Voglio sostenere l esame di consulente ADR presso la motorizzazione; Voglio affrontare in modo organico la materia; Devo effettuare l esame di rinnovo (in tal caso posso frequentare solo le ultime 8 ore, dedicate ai quiz) La mia azienda effettua qualche spedizione, ma non devo diventare consulente ADR; Devo prepararmi anche per l abilitazione per le classi di esplosivi e radioattivi; Mi interessano le spedizioni via nave e aerea. A partire dal 8 gennaio 2014, 24 ore Nota: per chi deve sostenere solo l esame di rinnovo del certificato, è possibile partecipare solo alle ultime 8 ore dedicate alla risoluzione dei quiz Preparazione all esame di consulente per il trasporto di merci pericolose su strada Il corso ha lo scopo di preparare i partecipanti agli esami per il conseguimento del certificato CE di Consulente alla Sicurezza del Trasporto di Merci Pericolose secondo il D. Lgs. 35/2010. Il corso è rivolto a chi intende affrontare l esame per il conseguimento del certificato di consulente ADR: consulenti, RSPP che desiderano integrare la loro preparazione e in generale tutti coloro che intendono svolgere tale ruolo. I Incontro - Figura e compiti del consulente; - Accordo ADR e sua struttura; - Disposizioni generali (applicabilità, obblighi e responsabilità degli operatori, formazione, security). II Incontro - Classificazione (classi di pericolo, N ONU, gruppo di imballaggio, criteri di classificazione per soluzioni, miscele e rifiuti); - Esempi di applicazione dei criteri di classificazione; - Elenco delle merci pericolose; - Esenzioni. III Incontro - Imballaggi e istruzioni di imballaggio; - Trasporto in colli, alla rinfusa e in cisterna. Docenti: Maria Cristina Dalla Vecchia esperta nel settore sede: Padova 11 IV Incontro - Etichettatura ed iscrizioni sui colli; - Etichettatura e segnalazione dei veicoli e delle cisterne; - Documento di trasporto; - Istruzioni scritte per il conducente. V Incontro - Prescrizioni di carico, scarico e manipolazione; - Prescrizioni relative all equipaggio, agli equipaggiamenti e all esercizio; - Esercitazioni conclusive. VI Incontro - Esercitazioni conclusive, quiz e svolgimento di studi del caso; - Simulazione prova di esame.

13 Elementi base della spedizione ADR Voglio imparare a gestire da un punto di vista operativo (etichettatura, documento di trasporto) le spedizioni ADR; Voglio capire la differenza tra spedizioni standard, in e in LQ; Ho bisogno di conoscere gli aspetti pratici e operativi dell ADR. Devo preparare l esame per il certificato CE di consulente ADR; Voglio imparare la classificazione ADR delle merci; Voglio capire le differenze con la spedizione via mare e aerea. 18 febbraio 2014, 4 h (mattina) Sede: Padova Il corso ha lo scopo di mettere in grado di effettuare semplici spedizioni di merci pericolose gli operatori di aziende che, pur non avendo l obbligo di nominare un consulente per il trasporto di merci pericolose su strada, effettuano occasionalmente la spedizione di merci o rifiuti pericolosi per il trasporto. Il corso è predisposto in conformità al capitolo 1.3 dell ADR che prevede l obbligo di una formazione di base, comprensiva di aggiornamento, per gli operatori addetti al trasporto di merci pericolose, ed è aggiornato all edizione 2013 dell ADR, in vigore obbligatoriamente dal 1 luglio L incontro è rivolto a coloro che devono orientarsi nelle procedure di spedizione ADR per poter effettuare spedizioni occasionali di merci pericolose o devono richiamare una formazione di base effettuata in precedenza. In particolare l incontro è rivolto a chi gestisce operativamente i diversi aspetti della spedizione, dalla scelta dell imballaggio e dell etichettatura all aspetto documentale e per questo motivo ha un taglio fortemente pratico ed è arricchito da quiz e esercitazioni operative. - La struttura delle normativa ADR: classi di pericolo, gruppi di imballaggio; - Principi di classificazione; - Come si legge la Tabella A dell ADR; - Etichettatura dei colli; - I trasporti in regime di esenzione; - Aspetti documentali; - Esercitazione finale. Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 12

14 La spedizione multimodale di merci pericolose Devo gestire da un punto di vista operativo (etichettatura, documento di trasporto) spedizioni multimodali; Spedisco molto in regime di quantità limitata; Voglio capire le differenze principali tra ADR e spedizione via mare o aerea. Non conosco l ADR; Voglio imparare la classificazione ADR delle merci; Devo preparare l esame per il certificato CE di consulente ADR; Il corso ha lo scopo di mettere in grado i partecipanti, da un punto di vista operativo e documentale, di realizzare trasporti in modalità multimodale (strada-mare o strada-aerea). L incontro si rivolge a tutte le aziende che spediscono merci pericolose sfruttando diverse modalità, dalla spedizione stradale, a quella navale ed aerea. L incontro è pensato in modo particolare per aziende che spediscono occasionalmente merci pericolose o che effettuano spedizioni sfruttando regimi di esenzione. - La struttura delle normative di riferimento del trasporto di merci pericolose: - Confronto dei criteri di classificazione (ADR/IMDG/IATA): - Materie MARINE POLLUTANT (IMDG) - I trasporti in regime di esenzione ; - Aspetti documentali; - Esercitazione finale. Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 25 marzo 2014, 4 h (mattina) Sede: Padova 13

15 La classificazione dei rifiuti e le intersezioni con il trasporto di merci pericolose Spedisco rifiuti e devo capire quando sono in ADR; Voglio capire come valutare i certificati di analisi; Voglio capire le intersezioni tra ADR e Testo unico ambientale. Non spedisco rifiuti pericolosi per il trasporto; Mi interessano aspetti particolari della spedizione dei rifiuti (Es. trasporto transfrontaliero); Non ho un infarinatura nemmeno minima sull ADR. 15 aprile 2014, 4 h (mattina) Sede: Padova L identificazione della pericolosità segue criteri diversi a seconda del destino di ciò che si va a classificare: per questo motivo può capitare che ciò che è pericoloso per un sistema di classificazione non lo sia per un altro sistema. I rifiuti sono un buon esempio di queste situazioni: può verificarsi per esempio che un rifiuto pericoloso secondo il D.Lgs. 152/2006 non lo sia per la normativa ADR. Chi deve spedire un rifiuto deve quindi valutare due diversi sistemi di classificazione (testo unico ambientale e ADR) e comprendere quali dati analitici è necessario far produrre per operare una classificazione corretta secondo le due normative. Il corso è stato pensato per chi spedisce rifiuti pericolosi e vuole capire i diversi requisiti previsti dalla normativa per il trasporto di merci pericolose su strada e dalla normativa ambientale, e interagire con i laboratori di analisi. Il corso si rivolge a coloro che in azienda sono coinvolti negli aspetti relativi alla classificazione e spedizione dei rifiuti pericolosi. - I tre sistemi di classificazione: sanitaria, per il trasporto, ambientale; - Il GHS ed il CLP: impatto sulla classificazione ambientale e per il trasporto; - Classificazione del rifiuto: fonti di dati, aspetti analitici e attribuzione delle caratteristiche di pericolo H; - Le iscrizioni e le etichette di pericolo (ADR e D.lgs.152/2006); - Le indicazioni che devono figurare nei documenti di trasporto e nel formulario di identificazione del rifiuto (sistema SISTRI) (ADR e D.lgs.152/2006); - Esercitazione: classificazione di un rifiuto secondo il D.lgs. 152/2006 e l ADR, definizione dell etichettatura, dell imballaggio e del documento di trasporto. Docenti: Michele Checchin, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 14

16 Quote di partecipazione: Corsi di 4h Corsi di 8h Corsi di 12 h Corsi di 24 h (*) per gli Associati al sistema Confindustria IVA IVA IVA IVA per i clienti del Centro REACH Veneto IVA IVA IVA IVA per gli associati al sistema Confindustria e clienti del Centro REACH Veneto IVA IVA IVA IVA per gli altri partecipanti IVA IVA IVA IVA Sconto del 10% a partire dal secondo partecipante della stessa azienda (*) La quota di partecipazione al corso di conseguimento del certificato ADR (pag.11) è rispettivamente di IVA, IVA e IVA.

17 Per ulteriori informazioni su quale corso scegliere, sui contenuti dei corsi e sui regolamenti, contatta il Centro REACH Veneto

18 Fòrema scarl Via E.P. Masini, 2 (P.le Stanga) Padova tel Fax: Società soggetta a direzione e coordinamento di Confindustria Padova

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle Rev. 01 - Novembre 2012 Documento elaborato dall ASL di MONZA e BRIANZA in collaborazione con Confindustria Monza, APA Confartigianato,

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza ORIENTAMENTI Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013 2 Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione GUIDA Maggio 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Maggio 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione giugno 2007 Versione 1 Prima revisione 18/02/2008

Dettagli

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011 AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul regolamento REACH, che spiegano gli obblighi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci Associazione nazionale imprese agrofarmaci La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole Finito di stampare nel mese di Marzo 2014 dalla Compagnia della Stampa - Massetti Rodella

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia INDICE 1. Premessa... pag. 2 2. Finalità... pag. 2 3. Campo di applicazione... pag. 2 4. Aggiornamento...

Dettagli

Primi passi con ChemGes

Primi passi con ChemGes Descrizione Primi passi con ChemGes DR Software Version 40.0 Sommario Introduzione... 1 Start del programma... 1 Ricercare e visualizzare delle sostanze... 1 Immissione di materie prime... 4 Immissione

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero:chr../cosvud../cosvue../ CR../COSVI../TENDERFP Usi pertinenti identificati

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO FORMATO: Flacone 1 lt bianco in PE TAPPO: blu CODICE E.A.N.: 8033447581230 NATURA: tensioattivi non ionici, tensioattivi cationici, profumo, coloranti,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 00511319BT, (4)511310BT, (4)511311BT, (4)511312BT, 511313, 5113130,

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

6.10 Compensazione import/export

6.10 Compensazione import/export 6.10 Compensazione import/export Da inviare a: CONAI Consorzio Nazionale Imballaggi Via posta (raccomandata A.R.): Via P. Litta 5, 20122 Milano Via fax: 02.54122656 / 02.54122680 On line: https://dichiarazioni.conai.org

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 13.04.2010 Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/im presa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione 1.2. Pertinenti usi identificati della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE QUESTIONARIO DI GRADIMENTO PERCORSO FORMATIVO SISTEMI DI MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Gentili colleghi, il presente questionario ha lo scopo di raccogliere le vostre percezioni relativamente

Dettagli

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico Pagina n. 1 / 6 Scheda Informativa SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: 78002 Denominazione 78002 - Copper XS Hi-Temp

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS

MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS MANUALE OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI PRODOTTI ALL INTERNO DELL ISS Responsabile della Gestione Rifiuti dell ISS (Dott.ssa Loredana Musmeci) Responsabile dell Unità Gestione Rifiuti dell ISS (Ing.

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO

SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO SCUOLA NAZIONALE DEL BROKER MARITTIMO Presentazione del corso Istituzionale Il broker marittimo: la figura professionale Lo Shipbroker, in italiano mediatore marittimo, è colui che media fra il proprietario

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI

MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI MONITORARE IL TERRITORIO CON SISTEMI RADAR SATELLITARI Dalla tecnica PSInSAR al nuovo algoritmo SqueeSAR : Principi, approfondimenti e applicazioni 30 Novembre - 1 Dicembre 2010 Milano Il corso è accreditato

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE Scheda di sicurezza del 18/4/2011, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale: Codice

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1

RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 RIVOLTA TIP TOP INDUSTRIALE S.p.A. Via Rivolta, 2 20060 Pessano con Bornago - Milano (Italia) Tel. 02/95421 1 SCHEDA DATI DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA TIP TOP

Dettagli

Diritto all accesso alle informazioni

Diritto all accesso alle informazioni Diritto all accesso alle informazioni Susanna Lupi Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le valutazioni e le autorizzazioni ambientali lupi.susanna@minambiente.it

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 56Z011898, 56P011820 Numero CAS: 7681-11-0 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Relatore: per.agr. Roberto Nataloni Dlgs 150/2012 Art. 1 Oggetto Il presente decreto definisce le misure per un uso sostenibile dei pesticidi, che sono prodotti fitosanitari come definiti all articolo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/5 * SEZONE 1: dentificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm 07/30/2014 Kit Components Product code V3951 Components: V395 Description IPTG IPTG, Dioxane Free, 5gm IPTG Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: Denominazione PRIM. C.S. PRIMER CENTRI STORICI

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato

Re: Cessione di crediti pubblici assistiti da garanzia dello Stato ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE CORSO MATTEOTTI, 10 20121 MILANO, ITALIA TEL +39 02 45 41 3800 FAX +39 02 45 41 3801 PIAZZA DELLA CROCE ROSSA, 2 00161 ROMA, ITALIA TEL +39 06 45 21 3900 FAX +39 06 68 19

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.

che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C. laformazione che serve Corso base sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Direttore: Dr. Marco Leonardi 26 ottobre 2013 CEFPAS Caltanissetta 6 CREDITI E.C.M Premessa Di recente i disturbi specifici dell

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015

Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Corso per Tecnico Esperto in Sistemi di Gestione per la Qualità e la Sicurezza Alimentare 100 ore Udine, Febbraio 2015-Aprile 2015 Formula Weekend (Venerdì e Sabato) Con il patrocinio e la collaborazione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Seminario Formativo di approfondimento: REACH e i settori della carta e della stampa L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Udine, 9-10 Luglio 2008 FEDERICA CECCARELLI

Dettagli

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015

THE FUND RAISING SCHOOL. www.fundraisingschool.it. Calendario Corsi 2015 THE FUND RAISING SCHOOL Calendario Corsi 2015 www.fundraisingschool.it LA PRIMA SCUOLA ITALIANA DI RACCOLTA FONDI Nata nel 1999 The Fund Raising School è la prima scuola di formazione italiana dedicata

Dettagli

I Professionisti della digitalizzazione documentale

I Professionisti della digitalizzazione documentale CON IL PATROCINIO DI PROGRAMMA MASTER COURSE ANORC MILANO, dal 3 al 26 NOVEMBRE 2015 Hotel degli Arcimboldi (Viale Sarca, n. 336) I Professionisti della digitalizzazione documentale Guida formativa per

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 / ISO 11014 Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero: 203086 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa

La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno. Luca Spinelli Theolab spa La classificazione dei rifiuti: indicazioni pratiche e novità dal 1 giugno Luca Spinelli Theolab spa Milano, 15 aprile 2015 Le novità dall Europa I 2 nuovi provvedimenti UE «Regolamento (UE) n. 1357/2014

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/7 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 26.10.2009 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 9006.0137 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013

AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 AVVISO DEL 31 OTTOBRE 2013 FORMAZIONE DI UN ELENCO DI OPERATORI ECONOMICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS. 163/2006) Ai sensi dell art.125 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i, la Fondazione

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti

Indice della presentazione. 1. Obiettivo del progetto. 2. Identificazione degli attori coinvolti. 3. Fasi del progetto. Tecnologie e Strumenti OGGETTO: PROGETTO TECO A ATTIVITÀ CINECA AUTORE: MAURO MOTTA Indice della presentazione 1. Obiettivo del progetto 2. Identificazione degli attori coinvolti 3. Fasi del progetto Tecnologie e Strumenti Il

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

"IMPARIAMO A RICICLARE"

IMPARIAMO A RICICLARE COLLEGIO ARCIVESCOVILE Castelli PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE "IMPARIAMO A RICICLARE" (progetto di durata annuale) Anno scolastico 2008/2009 Classi terze e quarte - Scuola primaria FINALITA' Il Progetto

Dettagli

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO

CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA E ALTERNATIVA: DAL GIOCO ALL AUSILIO Rif. Organizzatore 8568-10035201 IN COLLABORAZIONE CON ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM CORSO SULLE STRATEGIE DI COMUNICAZIONE AUMENTATIVA

Dettagli

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155

Scheda di sicurezza ai sensi della direttiva comunitaria 91/155 1 1 Elementi identificativi della sostanza o del preparato e della società/impresa produttrice. - Dati del prodotto Denominazione commerciale: mega-trim Polvere Produttore/fornitore: Megadental Vertrieb

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli