Catalogo corsi Centro REACH Veneto. settembre giugno 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Catalogo corsi Centro REACH Veneto. settembre 2013- giugno 2014"

Transcript

1 Catalogo corsi Centro REACH Veneto settembre giugno 2014

2 w w w. f o r e m a. i t

3 PANORAMICA DEI CORSI Per cominciare REACH e CLP: Percorso base per utilizzatori a valle 24 settembre 2013 o 4 marzo 2014 (due edizioni), 4h pag.3 REACH e CLP: Percorso base per produttori e importatori di articoli 26 novembre 2013 o 13 maggio 2014 (due edizioni), 4 h pag. 4 Lo scenario di esposizione: come applicarlo in azienda 10 dicembre 2013, 4 h pag.5 Per approfondire Lo scenario di esposizione: cos è, a cosa serve, come leggerlo e come comunicare a valle le informazioni contenute 16 ottobre 2013, 8 h pag.6 Sicurezza Prodotto: dalle norme tecniche ai requisiti legali di sicurezza prodotto e le responsabilità del produttore 09 aprile 2014, 8 h pag. 7 Classificazione CLP delle sostanze: ricerca e valutazione dei dati 18 giugno 2014, 8 h pag.8 Schede dati di sicurezza: formazione del tecnico competente Dal 21 maggio 2014, 24 h pag.9 Per chi spedisce merci pericolose Preparazione all esame di consulente per il trasporto di merci pericolose su strada Dal 11 gennaio 2014, 24 ore pag. 11 Elementi base della spedizione ADR 18 febbraio 2014, 4 h pag.12 La spedizione multimodale di merci pericolose 25 marzo 2014, 4 h pag. 13 La classificazione dei rifiuti e le intersezioni con il trasporto di merci pericolose 15 aprile 2014, 4 h pag. 14 Classificazione CLP: corso pratico con esercitazione Dal 21 maggio 2014, 12 h pag.10

4 REACH e CLP: Percorso base per utilizzatori a valle Utilizzo sostanze o miscele (colle, solventi, vernici, ecc.) e voglio capire cosa chiedere ai fornitori; Voglio capire quali sono i requisiti minimi di una scheda di sicurezza; Voglio gestire le richieste di conformità dei miei clienti. Voglio imparare a redigere una scheda dati di sicurezza; Mi interessa in modo particolare la gestione degli articoli (minuteria metallica, moda, ecc); Voglio imparare a classificare una sostanza. 24 settembre 2013 o 4 marzo 2014 (due edizioni), 4h (mattina) sede: Padova Il corso è pensato per mettere i partecipanti in grado di interagire con clienti e fornitori in merito alle richieste su REACH, CLP e schede dati di sicurezza con un linguaggio tecnico corretto e inoltre di orientarsi tra le numerose fonti informative per reperire informazioni puntuali. Il corso, arricchito da numerosi quiz e brevi esercitazioni pratiche basate su casi realmente affrontati dai tecnici del Centro REACH Veneto, cerca di far applicare immediatamente ai partecipanti le informazioni apprese in un contesto il più possibile simile alla loro realtà quotidiana. Coloro che affrontano per la prima volta gli aspetti regolatori o necessitano di un quadro organico in merito al regolamento REACH come utilizzatori a valle. Le imprese di riferimento sono quelle della chimica fine (colle, vernici, detergenti, cosmesi), della gomma plastica e in genere le imprese che utilizzano sostanze e miscele chimiche. Il pericolo chimico e la sua identificazione: l emanazione del CLP; Le informazioni sulle sostanze e la loro diffusione: l emanazione del REACH; Dal decreto 52/1997 al regolamento 453/2010: la scheda dati di sicurezza; Lo scenario di esposizione; I database ECHA: informazioni sulle sostanze registrate e notificate; Esercitazione: questa scheda di sicurezza è conforme? Test finale Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 3

5 REACH e CLP: Percorso base per produttori e importatori di articoli Sono un produttore di articoli (es. moda, elettronica, ecc.) e devo gestire le richieste di conformità dei miei clienti; Voglio capire il confine tra obbligo di legge e richiesta commerciale; Voglio capire dove reperire informazioni sulle sostanze ristrette o vietate. Voglio approfondire standard specifici di prodotto (es. OEKO-TEX, ecc); Mi interessa in modo particolare la scheda dati di sicurezza; Mi interessano in modo particolare le etichette di pericolo. 26 novembre 2013 o 13 maggio 2014 (due edizioni), 4 h (mattina) sede: Padova Il corso è pensato per fornire un background sul REACH che tenga in forte considerazione gli aspetti legati alla sicurezza prodotto e alla compliance. Al termine i partecipanti avranno acquisito la terminologia specifica, identificato le fonti di informazione e compreso dove si trova la linea di transizione tra obbligo legislativo e richiesta commerciale. Il corso, arricchito da numerosi quiz e brevi esercitazioni pratiche basate su casi realmente affrontati dai tecnici del Centro REACH Veneto, cerca di far applicare immediatamente ai partecipanti le informazioni apprese in un contesto il più possibile simile alla loro realtà quotidiana. Coloro che affrontano per la prima volta gli aspetti regolatori o necessitano di un quadro organico in merito al regolamento REACH come produttori e importatori di articoli. Le imprese di riferimento sono quelle della moda, della metalmeccanica e in genere le imprese che producono o importano articoli e devono gestire le richieste di compliance di clienti e fornitori. Il REACH: un quadro organico per tutto il ciclo di vita di una sostanza; La gestione delle informazioni: quali sono i requisiti normativi per gli articoli; Sostanze da monitorare: il registro delle intenzioni; Gestione della complessità: esempi pratici; Esercitazione: come rispondere al questionario inviato dal cliente? Test finale Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 4

6 Lo scenario di esposizione: come applicarlo in azienda Ricevo scenari di esposizione per i prodotti che utilizzo e voglio capire come trattarli; Voglio capire il significato dei parametri che compaiono; Voglio gestire le richieste di conformità dei miei clienti. Voglio imparare a redigere lo scenario per le mie miscele; Voglio imparare a usare CHESAR o ECETOC; Voglio imparare a preparare il Chemical Safety Report. 10 dicembre 2013, 4 h (mattina) sede: Padova Il corso affronta la problematica dello scenario di esposizione dal punto di vista dell utilizzatore finale, focalizzandosi sugli aspetti pratici e applicativi. Al termine del corso i partecipanti sapranno capire gli scenari di esposizione ricevuti dai fornitori, saranno in grado di valutare l eventuale necessità di ulteriori azioni da intraprendere, in particolare quella di aggiornare la valutazione del rischio chimico. Il corso è rivolto principalmente a RSPP e ASPP, responsabili ambientali, ufficio acquisti e a tutti coloro che nelle imprese ricevono degli scenari di esposizione e devono capire che uso farne e quali azioni intraprendere. In particolare si sottolinea che il corso non affronta la problematica della produzione dello scenario di una miscela e della trasmissione dello scenario lungo la catena di fornitura, in quanto si focalizza sulla lettura e gestione interna dello scenario. Il REACH, la registrazione, il CSR e la produzione degli scenari; In quali occasioni si riceve uno scenario di esposizione; Come si legge uno scenario e il significato dei principali parametri contenuti; Esercitazione: il mio uso è previsto? Esercitazione: il mio uso è sicuro? Esercitazione: lo scenario non è conforme, cosa fare? Test finale. Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 5

7 Lo scenario di esposizione: cos è, a cosa serve, come leggerlo e come comunicare a valle le informazioni contenute Devo imparare a leggere lo scenario e capire come effettuare lo scaling; Formulo miscele chimiche (es. colle, vernici, ecc.) e devo capire come preparare lo scenario delle miscele; Voglio capire come il produttore ha creato lo scenario. Il corso ha lo scopo di trattare in modo approfondito i requisiti e le caratteristiche del nuovo allegato alle schede dati di sicurezza estese, lo scenario di esposizione. Al termine del corso i partecipanti sapranno in quali occasioni devono attendersi uno scenario di esposizione, come interpretare il documento, quale significato hanno i parametri che compaiono e come devono comportarsi quando ricevono questo documento, anche in relazione agli obblighi di comunicazione a valle. Il corso si rivolge alle aziende che a vario titolo utilizzano sostanze chimiche: formulatori ad esempio di colle, prodotti chimici per l edilizia, vernici, ma anche metalmeccaniche, aziende della plastica, eccetera. In particolare il corso si rivolge a RSPP e ASPP, tecnici che preparano le schede di sicurezza e a tutti coloro che in azienda dovranno gestire lo scenario di esposizione. Mi sono sufficienti delle informazioni di base sulla gestione dello scenario in azienda; Non so cosa sia la registrazione REACH; Voglio usare CHESAR e ECETOC durante il corso. 16 ottobre 2013, 8 h sede: Padova Da dove nasce lo scenario di esposizione: il dossier di registrazione e il CSR (cenni); Scenario di esposizione per la comunicazione: quando è previsto; Formato dello scenario di esposizione; Il significato dei parametri che compaiono nello scenario; Come deve comportarsi l utilizzatore che riceve uno scenario; Scenario di esposizione: come comunicarlo a valle; I cambiamenti normativi previsti; Aspetti critici; Dibattito e conclusioni. Docenti: Raffaella Butera, IRCCS Fondazione Maugeri 6

8 Sicurezza Prodotto: dalle norme tecniche ai requisiti legali di sicurezza prodotto e le responsabilità del produttore Sono un produttore di articoli e devo gestire una notevole complessità e tutelare il brand; Voglio capire il confine tra obbligo di legge e richiesta commerciale; Voglio approfondire gli aspetti legali legati alla sicurezza prodotto. Voglio approfondire standard specifici di prodotto (es. OEKO-TEX, ecc); Sono interessato esclusivamente agli aspetti tecnici e regolatori; I miei prodotti non sono destinati al consumatore. 9 aprile 2014, 8h sede: Padova Il corso si propone di offrire una panoramica del complesso quadro che regola la sicurezza prodotto, esplorando alcuni aspetti tecnici (per esempio la candidate list istituita dal REACH) che soprattutto gli aspetti legali che spesso entrano in gioco a fronte di catene di approvvigionamento complesse e brand da tutelare. Lo scopo è di inquadrare la tematica e fornire ai partecipanti soluzioni operative per gestire la complessità. Il corso si rivolge alle aziende che immettono sul mercato articoli e devono garantirne la sicurezza verso il destinatario. In particolare, il corso è pensato per le aziende che producono oggetti destinati ai consumatori e a fasce sensibili (es. bambini) e hanno esigenze di tutela del brand. Settori comuni di riferimento sono quelli della moda, della calzatura, dell occhiale, dei colori scolastici, eccetera. - Introduzione; - Aspetti tecnici: REACH - Aspetti tecnici: standard volontari; - Il codice del consumo e le responsabilità dell importatore; - Tutelarsi lungo la catena di fornitura; - Contrattualistica internazionale e nazionale; - Responsabilità extracontrattuale. Docenti: avv. Marco Dell Antonia - ORRICK, HERRINGTON & SUTCLIFFE 7

9 Classificazione CLP delle sostanze: ricerca e valutazione dei dati Produco sostanze chimiche (es. farmaceutiche, inorganica, ecc) e le devo classificare secondo il CLP; Voglio capire come valutare dati discordanti, eseguiti in condizioni diverse, ecc.; Voglio capire quando e come posso usare i metodi alternativi. Produco e devo classificare miscele chimiche; Non ho un infarinatura di base dei principali concetti di tossicologia; Mi interessano i requisiti formali del CLP (notifica, dimensioni etichette, ecc). 18 giugno 2014, 8h sede: Padova Il corso ha lo scopo di approfondire alcuni aspetti cruciali nella classificazione delle sostanze chimiche, spesso oggetto di difficoltà interpretative e applicative. In particolare ci si focalizzerà sulla ricerca di dati tossicologici, sulla valutazione della loro attendibilità e sulla loro comparazione con i parametri previsti dal regolamento CLP. I destinatari del corso sono coloro che in azienda si occupano della classificazione delle sostanze e devono valutarne la pericolosità a partire da dati sperimentali. Le aziende di riferimento sono principalmente quelle farmaceutiche, della chimica di base e in genere tutte le aziende che producono sostanze chimiche. - La ricerca di dati ai fini della classificazione secondo il Regolamento CLP: quale informazione (con riferimento ai criteri dell Allegato I del Reg. CLP e alla Guida ECHA); - Fonti di dati: punti qualificanti e criticità; - Come valutare l affidabilità del dato; - Dati multipli e dati assenti; - Casi particolari (grouping); - Approfondimento: CMR; - Approfondimento: STOT; - Test finale. Docenti: dott.ssa Ida Marcello - Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità 8

10 Schede dati di sicurezza: formazione del tecnico competente Voglio imparare a redigere autonomamente una scheda dati di sicurezza per le mie miscele; Voglio applicare i criteri CLP ai miei prodotti; Voglio conoscere e comprendere i principali riferimenti legislativi. Non devo redigere schede di sicurezza ma soltanto leggere quelle dei fornitori; Voglio imparare a utilizzare un software, tipo EPY o simili; Mi è sufficiente un infarinatura generica sul documento. 21 e 28 maggio 2014, 4 giugno 2014, dalle 9:00 alle 18:00, 24 h sede: Padova Il percorso formativo prevede l interazione di più professionalità (chimico-regolatoria, medicotossicologica) che esporranno oltre agli elementi teorici numerosi esempi pratici frutto del confronto quotidiano con il mondo dell industria. Tale preparazione è pensata per anche in funzione di quanto previsto dal regolamento CE n.453/2010 (come già dal DM 27/09/2002) secondo il quale le schede dati di sicurezza vengono redatte da personale adeguatamente preparato, denominato tecnico competente. Il corso è progettato per chi vuole essere in grado, al termine degli incontri, di classificare una miscela o una sostanza e preparare autonomamente una scheda dati di sicurezza. Le aziende di riferimento sono principalmente quelle della chimica fine e in genere tutte le aziende che devono produrre la scheda di sicurezza per le loro miscele. Primo incontro (8 ore) Introduzione normativa; Etichettatura; Principi base di classificazione; Pericoli chimico-fisci; Pericoli per la salute; Pericoli per l ambiente; Fonti di dati. Secondo incontro (8 ore) Esercitazione: classificazione di una miscela e costruzione dell etichetta Informazioni tossicologiche (concetti chiave); Punti 4,6,7,8 e 11 (aspetti sanitari e di manipolazione) Terzo incontro (8 ore) Punti 1,2,3,15,16 (aspetti regolatori) Sezioni 5,6, 9 e 10 (aspetti chimico-fisici e misure antincendio); Allegato alla SDS: lo scenario di esposizione; Punto 14 (Trasporto) Punti 12 e 13 (aspetti ambientali) Esercitazioni e test finale Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto Andrea De Simone Medico del Lavoro 9

11 Classificazione CLP: corso pratico con esercitazione Voglio essere in grado di classificare, senza l ausilio di software, una miscela chimica; Voglio imparare a costruire l etichetta di pericolo; Sono un produttore di miscele o sostanze chimiche. Mi interessano soprattutto gli aspetti legati alla classificazione delle sostanze più che delle miscele; Voglio imparare a utilizzare un software, tipo EPY o simili; Voglio solo leggere le classificazioni che ricevo dai fornitori. 21 maggio 2014 dalle 9:00 alle 18:00 e 28 maggio 2014 dalle 9:00 alle 13:00, 12h sede: Padova Nota: svolto in concomitanza con il corso Tecnico Competente Il corso ha lo scopo di mettere in grado i partecipanti di classificare una miscela chimica e costruirne l etichetta di pericolo, con le modalità previste dal regolamento CLP. A tal fine l intero ultimo incontro è dedicato a un esercitazione pratica, dove i partecipanti applicano quanto appreso nell incontro precedente. Il corso è progettato per chi vuole essere in grado, al termine degli incontri, di classificare una miscela. Le aziende di riferimento sono principalmente quelle della chimica fine e in genere tutte le aziende che immettono sul mercato miscele chimiche e ne devono produrre la scheda di sicurezza. Primo incontro (8 ore) Introduzione normativa; Etichettatura; Principi base di classificazione; Pericoli chimico-fisci; Pericoli per la salute; Pericoli per l ambiente; Fonti di dati. Secondo incontro (4 ore) Esercitazione: classificazione di una miscela e costruzione dell etichetta Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 10

12 Voglio sostenere l esame di consulente ADR presso la motorizzazione; Voglio affrontare in modo organico la materia; Devo effettuare l esame di rinnovo (in tal caso posso frequentare solo le ultime 8 ore, dedicate ai quiz) La mia azienda effettua qualche spedizione, ma non devo diventare consulente ADR; Devo prepararmi anche per l abilitazione per le classi di esplosivi e radioattivi; Mi interessano le spedizioni via nave e aerea. A partire dal 8 gennaio 2014, 24 ore Nota: per chi deve sostenere solo l esame di rinnovo del certificato, è possibile partecipare solo alle ultime 8 ore dedicate alla risoluzione dei quiz Preparazione all esame di consulente per il trasporto di merci pericolose su strada Il corso ha lo scopo di preparare i partecipanti agli esami per il conseguimento del certificato CE di Consulente alla Sicurezza del Trasporto di Merci Pericolose secondo il D. Lgs. 35/2010. Il corso è rivolto a chi intende affrontare l esame per il conseguimento del certificato di consulente ADR: consulenti, RSPP che desiderano integrare la loro preparazione e in generale tutti coloro che intendono svolgere tale ruolo. I Incontro - Figura e compiti del consulente; - Accordo ADR e sua struttura; - Disposizioni generali (applicabilità, obblighi e responsabilità degli operatori, formazione, security). II Incontro - Classificazione (classi di pericolo, N ONU, gruppo di imballaggio, criteri di classificazione per soluzioni, miscele e rifiuti); - Esempi di applicazione dei criteri di classificazione; - Elenco delle merci pericolose; - Esenzioni. III Incontro - Imballaggi e istruzioni di imballaggio; - Trasporto in colli, alla rinfusa e in cisterna. Docenti: Maria Cristina Dalla Vecchia esperta nel settore sede: Padova 11 IV Incontro - Etichettatura ed iscrizioni sui colli; - Etichettatura e segnalazione dei veicoli e delle cisterne; - Documento di trasporto; - Istruzioni scritte per il conducente. V Incontro - Prescrizioni di carico, scarico e manipolazione; - Prescrizioni relative all equipaggio, agli equipaggiamenti e all esercizio; - Esercitazioni conclusive. VI Incontro - Esercitazioni conclusive, quiz e svolgimento di studi del caso; - Simulazione prova di esame.

13 Elementi base della spedizione ADR Voglio imparare a gestire da un punto di vista operativo (etichettatura, documento di trasporto) le spedizioni ADR; Voglio capire la differenza tra spedizioni standard, in e in LQ; Ho bisogno di conoscere gli aspetti pratici e operativi dell ADR. Devo preparare l esame per il certificato CE di consulente ADR; Voglio imparare la classificazione ADR delle merci; Voglio capire le differenze con la spedizione via mare e aerea. 18 febbraio 2014, 4 h (mattina) Sede: Padova Il corso ha lo scopo di mettere in grado di effettuare semplici spedizioni di merci pericolose gli operatori di aziende che, pur non avendo l obbligo di nominare un consulente per il trasporto di merci pericolose su strada, effettuano occasionalmente la spedizione di merci o rifiuti pericolosi per il trasporto. Il corso è predisposto in conformità al capitolo 1.3 dell ADR che prevede l obbligo di una formazione di base, comprensiva di aggiornamento, per gli operatori addetti al trasporto di merci pericolose, ed è aggiornato all edizione 2013 dell ADR, in vigore obbligatoriamente dal 1 luglio L incontro è rivolto a coloro che devono orientarsi nelle procedure di spedizione ADR per poter effettuare spedizioni occasionali di merci pericolose o devono richiamare una formazione di base effettuata in precedenza. In particolare l incontro è rivolto a chi gestisce operativamente i diversi aspetti della spedizione, dalla scelta dell imballaggio e dell etichettatura all aspetto documentale e per questo motivo ha un taglio fortemente pratico ed è arricchito da quiz e esercitazioni operative. - La struttura delle normativa ADR: classi di pericolo, gruppi di imballaggio; - Principi di classificazione; - Come si legge la Tabella A dell ADR; - Etichettatura dei colli; - I trasporti in regime di esenzione; - Aspetti documentali; - Esercitazione finale. Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 12

14 La spedizione multimodale di merci pericolose Devo gestire da un punto di vista operativo (etichettatura, documento di trasporto) spedizioni multimodali; Spedisco molto in regime di quantità limitata; Voglio capire le differenze principali tra ADR e spedizione via mare o aerea. Non conosco l ADR; Voglio imparare la classificazione ADR delle merci; Devo preparare l esame per il certificato CE di consulente ADR; Il corso ha lo scopo di mettere in grado i partecipanti, da un punto di vista operativo e documentale, di realizzare trasporti in modalità multimodale (strada-mare o strada-aerea). L incontro si rivolge a tutte le aziende che spediscono merci pericolose sfruttando diverse modalità, dalla spedizione stradale, a quella navale ed aerea. L incontro è pensato in modo particolare per aziende che spediscono occasionalmente merci pericolose o che effettuano spedizioni sfruttando regimi di esenzione. - La struttura delle normative di riferimento del trasporto di merci pericolose: - Confronto dei criteri di classificazione (ADR/IMDG/IATA): - Materie MARINE POLLUTANT (IMDG) - I trasporti in regime di esenzione ; - Aspetti documentali; - Esercitazione finale. Docenti: Michele Checchin e Marta Simion, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 25 marzo 2014, 4 h (mattina) Sede: Padova 13

15 La classificazione dei rifiuti e le intersezioni con il trasporto di merci pericolose Spedisco rifiuti e devo capire quando sono in ADR; Voglio capire come valutare i certificati di analisi; Voglio capire le intersezioni tra ADR e Testo unico ambientale. Non spedisco rifiuti pericolosi per il trasporto; Mi interessano aspetti particolari della spedizione dei rifiuti (Es. trasporto transfrontaliero); Non ho un infarinatura nemmeno minima sull ADR. 15 aprile 2014, 4 h (mattina) Sede: Padova L identificazione della pericolosità segue criteri diversi a seconda del destino di ciò che si va a classificare: per questo motivo può capitare che ciò che è pericoloso per un sistema di classificazione non lo sia per un altro sistema. I rifiuti sono un buon esempio di queste situazioni: può verificarsi per esempio che un rifiuto pericoloso secondo il D.Lgs. 152/2006 non lo sia per la normativa ADR. Chi deve spedire un rifiuto deve quindi valutare due diversi sistemi di classificazione (testo unico ambientale e ADR) e comprendere quali dati analitici è necessario far produrre per operare una classificazione corretta secondo le due normative. Il corso è stato pensato per chi spedisce rifiuti pericolosi e vuole capire i diversi requisiti previsti dalla normativa per il trasporto di merci pericolose su strada e dalla normativa ambientale, e interagire con i laboratori di analisi. Il corso si rivolge a coloro che in azienda sono coinvolti negli aspetti relativi alla classificazione e spedizione dei rifiuti pericolosi. - I tre sistemi di classificazione: sanitaria, per il trasporto, ambientale; - Il GHS ed il CLP: impatto sulla classificazione ambientale e per il trasporto; - Classificazione del rifiuto: fonti di dati, aspetti analitici e attribuzione delle caratteristiche di pericolo H; - Le iscrizioni e le etichette di pericolo (ADR e D.lgs.152/2006); - Le indicazioni che devono figurare nei documenti di trasporto e nel formulario di identificazione del rifiuto (sistema SISTRI) (ADR e D.lgs.152/2006); - Esercitazione: classificazione di un rifiuto secondo il D.lgs. 152/2006 e l ADR, definizione dell etichettatura, dell imballaggio e del documento di trasporto. Docenti: Michele Checchin, Centro REACH Veneto di Confindustria Veneto 14

16 Quote di partecipazione: Corsi di 4h Corsi di 8h Corsi di 12 h Corsi di 24 h (*) per gli Associati al sistema Confindustria IVA IVA IVA IVA per i clienti del Centro REACH Veneto IVA IVA IVA IVA per gli associati al sistema Confindustria e clienti del Centro REACH Veneto IVA IVA IVA IVA per gli altri partecipanti IVA IVA IVA IVA Sconto del 10% a partire dal secondo partecipante della stessa azienda (*) La quota di partecipazione al corso di conseguimento del certificato ADR (pag.11) è rispettivamente di IVA, IVA e IVA.

17 Per ulteriori informazioni su quale corso scegliere, sui contenuti dei corsi e sui regolamenti, contatta il Centro REACH Veneto

18 Fòrema scarl Via E.P. Masini, 2 (P.le Stanga) Padova tel Fax: Società soggetta a direzione e coordinamento di Confindustria Padova

Corsi di Formazione DGSA-ffi : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1

Corsi di Formazione DGSA-ffi : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1 Corsi di Formazione : Sedi di MILANO PISA TERNI CALENDARIO E PROGRAMMA DELLE LEZIONI 2004/1 Codice Corso MI 02-04 PI 03-04 TR 04-04 SEDE del Corso FLASHPOINT S.r.l. (MILANO) www.flashpointsrl.com Via Pelizza

Dettagli

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI DEI CHEMICALS IN UE E EEA Quali problematiche da affrontare Come fare per essere conformi Dott.ssa Simona Crementieri - Resp. Area Vendite Flashpoint

Dettagli

IL DOCUMENTO DI TRASPORTO PER IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA

IL DOCUMENTO DI TRASPORTO PER IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA IL DOCUMENTO DI TRASPORTO PER IL TRASPORTO DI MERCI PERICOLOSE SU STRADA a cura del Dott. Filippo Bonfatti L ADR prescrive che ogni trasporto di merci pericolose su strada soggetto ai dettami della normativa,

Dettagli

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica LUBE DAY 2010 - Milano, 14 ottobre 2010 GHS, REACH e CLP GHS Identificazione

Dettagli

Master di II livello in: "Gestione delle sostanze chimiche - REACH e CLP" edizione A.A. 2013-2014

Master di II livello in: Gestione delle sostanze chimiche - REACH e CLP edizione A.A. 2013-2014 Master di II livello in: "Gestione delle sostanze chimiche - REACH e CLP" edizione A.A. 2013-2014 Direttore: prof. Luisa Schenetti Organizzato da: Dipartimento di Scienze della Vita e dall Ordine Provinciale

Dettagli

http://echa.europa.eu/web/guest/support/guidance-on-reach-and-clpimplementation/consultation-procedure/

http://echa.europa.eu/web/guest/support/guidance-on-reach-and-clpimplementation/consultation-procedure/ 1) Nella sua presentazione sono state nominate diverse linee guida. Posso avere i riferimenti? Come si possono trovare? Le linee guida per gli utilizzatori a valle possono essere reperite dal sito web

Dettagli

Corso di Formazione DGSA 04-03 Sede del Corso: VICENZA

Corso di Formazione DGSA 04-03 Sede del Corso: VICENZA Corso di Formazione DGSA 04-03 Sede del Corso: VICENZA Consulente per la Sicurezza dei Trasporti di Merci Pericolose (DGSA - Dangerous Good Safety Advisor) Formula Full Immersion 3+2 Versione 2 in 1 per

Dettagli

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH B. Maresta Milano, 05 giugno 2013 1 Uno degli obiettivi di REACH e CLP è di uniformare e armonizzare il modo

Dettagli

Conseguimento del certificato CE di Consulente alla Sicurezza del Trasporto di Merci Pericolose - DGSA

Conseguimento del certificato CE di Consulente alla Sicurezza del Trasporto di Merci Pericolose - DGSA I N F O @ T I M E V I S I O N. I T Corso di preparazione per l esame di Conseguimento del certificato CE di Consulente alla Sicurezza del Trasporto di Merci Pericolose - DGSA Presentazione e programma

Dettagli

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba I LEGAMI TRA CLP E : LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE Ilaria Malerba Bologna, 11 Giugno 2009 GHS Identificazione del pericolo Pericoli chimico-fisici Pericoli per la salute Pericoli per l ambiente Strumenti

Dettagli

Le attività a supporto delle aziende da parte di Federchimica

Le attività a supporto delle aziende da parte di Federchimica Le attività a supporto delle aziende da parte di Federchimica Ilaria Malerba LOGO SETTIMA... 4 ottobre 2011 Organizzazione e attività di FEDERCHIMICA Comitato Sicurezza Prodotti GdL REACH e CLP TF CLP,

Dettagli

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQ) SUI CONTROLLI PREVISTI DAI REGOLAMENTI REACH E CLP IN LOMBARDIA (versione 1.0)

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQ) SUI CONTROLLI PREVISTI DAI REGOLAMENTI REACH E CLP IN LOMBARDIA (versione 1.0) FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQ) SUI CONTROLLI PREVISTI DAI REGOLAMENTI REACH E CLP IN LOMBARDIA (versione 1.0) 1 PREMESSA A seguito dei primi controlli programmati coerentemente agli indirizzi del Piano

Dettagli

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach.

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Prime esperienze di vigilanza da parte delle Regioni. Tecnico della Prevenzione dott. Peruzzo Massimo 23 Maggio 2012 Controlli: evoluzione normativa

Dettagli

Software per la gestione delle Schede Dati di Sicurezza

Software per la gestione delle Schede Dati di Sicurezza Software per la gestione delle Schede Dati di Sicurezza Verona, 21 aprile 2011 Antonio Valenti Telematic srl Contenuto Presentazione Telematic EPY / Reg. 453 nuova scheda di sicurezza Distribuzione automatica

Dettagli

Rendicontazione del Piano Nazionale dei controlli sui prodotti chimici

Rendicontazione del Piano Nazionale dei controlli sui prodotti chimici Rendicontazione del Piano Nazionale dei controlli sui prodotti chimici Anno 2013 Ministero della Salute Direzione Generale della Prevenzione sanitaria Il documento intende fornire un quadro generale dei

Dettagli

7 conferenza Sicurezza Prodotti REACH CLP&SDS: l esperienza di un distributore chimico. Milano, 4 ottobre 2011

7 conferenza Sicurezza Prodotti REACH CLP&SDS: l esperienza di un distributore chimico. Milano, 4 ottobre 2011 7 conferenza Sicurezza Prodotti REACH CLP&SDS: l esperienza di un distributore chimico Milano, 4 ottobre 2011 Luca Costantini - Garzanti Specialties Spa 1 Contenuto - REACH&CLP: responsabilità dei distributori

Dettagli

Strumenti di comunicazione: la scheda di sicurezza

Strumenti di comunicazione: la scheda di sicurezza DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO SERVIZI DI IGIENE PUBBLICA SEMINARIO REACH, CLP, SDS: lo stato dell arte sul controllo di sostanze, miscele

Dettagli

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite Chiara Pozzi Ufficio Sicurezza Prodotti Direzione Tecnico Scientifica Milano, 15 aprile 2010 REACH e CLP GHS Identificazione del pericolo Pericoli

Dettagli

Settembre 2014. Sustaining the future

Settembre 2014. Sustaining the future Settembre 2014 Sustaining the future Il REACH dei coloranti IL REGOLAMENTO REACH Il Regolamento REACH EU 1907/2006 Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals Il REACH è un Regolamento Europeo

Dettagli

Le schede di sicurezza dei lubrificanti

Le schede di sicurezza dei lubrificanti Le schede di sicurezza dei lubrificanti Milano, 28 marzo 2014 Lube Day 2014 Simone Margheritis // Selerant Divisione EHS A proposito di Selerant Esperienza ventennale nei software Regulatory e di Product

Dettagli

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU)

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU) REACH Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze Frosinone- 8 Maggio 2008 Dr Roberto Monguzzi 1 UTILIZZATORE (DU) Chi sono i DOWNSTREAM

Dettagli

REACH: l esperienza di una PMI della distribuzione chimica

REACH: l esperienza di una PMI della distribuzione chimica 6 conferenza Sicurezza Prodotti REACH REACH: l esperienza di una PMI della distribuzione chimica Milano, 3 febbraio 2011 Luca Costantini - Garzanti Specialties Spa Profilo dell azienda - Fondata nel 1921

Dettagli

I principali cambiamenti introdotti nelle SDS dai Regolamenti REACH e CLP 2 parte

I principali cambiamenti introdotti nelle SDS dai Regolamenti REACH e CLP 2 parte Corso di Formazione Schede di sicurezza e prodotti per utilizzatori I principali cambiamenti introdotti nelle SDS dai Regolamenti REACH e CLP 2 parte Cesena, 17-04-2012 Paolo Pagliai SCOPO DEL REACH Quale

Dettagli

Schede Dati di Sicurezza: criticità e possibili soluzioni

Schede Dati di Sicurezza: criticità e possibili soluzioni Schede Dati di Sicurezza: criticità e possibili soluzioni Daniela Tolentino Milano, 3 febbraio 2011 Schede Dati di Sicurezza: integrazione GHS-CLP-REACH GHS: Sistema mondiale armonizzato di classificazione

Dettagli

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006

Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Sala Falck Assolombarda 30 gennaio 2006 Convegno LA SICUREZZA NEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE Intervento Francesco Carpinteri Capo Ufficio Sicurezza della Navigazione Comando Generale del Corpo della

Dettagli

REACH Management System

REACH Management System REACH Management System M B M Italia S.r.l. via L. Pellizzo, 14/A 35128 PADOVA Italy Tel. +39.049.2138422 Fax +39.049.2106668 E-mail: marketing@mbm.it Web: www.mbm.it 1. IL REGOLAMENTO REACH (CE) N. 1907/2006

Dettagli

CLP GHS ADR CLP IMDG IATA CLP. Soluzioni. Regulations. per l applicazione dei Regolamenti Legislativi per prodotti chimici.

CLP GHS ADR CLP IMDG IATA CLP. Soluzioni. Regulations. per l applicazione dei Regolamenti Legislativi per prodotti chimici. Soluzioni per l applicazione dei Regolamenti Legislativi per prodotti chimici ed aggiornamenti CLP ADR CLP IATA Compliance GHS CLP Regulations IMDG Indice Introduzione Corsi 2015 01 EuSHEET: Utilizzo base

Dettagli

Catalogo dei Corsi di Formazione

Catalogo dei Corsi di Formazione Catalogo dei Corsi di Formazione II semestre 2015 PREMESSA Obiettivo del Regolamento REACH N 1907/2006 è di realizzare nell Unione Europea un sistema unico di Registrazione, di Valutazione e di eventuale

Dettagli

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute CONFERENZA CLP L applicazione del titolo IX del D.lgs. 81/08: cosa cambia per le PMI Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute Alessandra Pera Ministero del Lavoro e delle Politiche

Dettagli

IL RUOLO DELLE REGIONI NELL ATTIVITA DI VIGILANZA DEL REGOLAMENTO REACH

IL RUOLO DELLE REGIONI NELL ATTIVITA DI VIGILANZA DEL REGOLAMENTO REACH COORDINAMENTO DELLE REGIONI E PROVINCE AUTONOME COMMISSIONE SALUTE - C.I.P. GRUPPO TECNICO INTERREGIONALE REACH IL RUOLO DELLE REGIONI NELL ATTIVITA DI VIGILANZA DEL REGOLAMENTO REACH 3 Conferenza Nazionale

Dettagli

Confronto tra le classificazioni, analisi di SDS ed errori comuni, documento di trasporto: soluzioni SIAM

Confronto tra le classificazioni, analisi di SDS ed errori comuni, documento di trasporto: soluzioni SIAM Confronto tra le classificazioni, analisi di SDS ed errori comuni, documento di trasporto: soluzioni SIAM Dott.ssa Veronica Cirillo Aida Rodo Arnedo (export manager SIAM) Classificazione ed etichettatura

Dettagli

Il Regolamento CE/1272/2008. Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010

Il Regolamento CE/1272/2008. Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010 Il Regolamento CE/1272/2008 Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010 1 Contenuto Classificazione ed etichettatura - scadenze Tempistiche delle SDS Conseguenze dell entrata

Dettagli

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI

CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI CONFINDUSTRIA PADOVA, TREVISO, VICENZA LA NUOVA DISCIPLINA PER LA CARATTERIZZAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI RIFIUTI Vicenza, 14 aprile 2015 INDICE 1. Il regolamento 1272/2008 CLP 2. i nuovi codici CER definiti

Dettagli

Una forza innovativa per lo sviluppo delle imprese SVILUPPA LA TUA IMPRESA

Una forza innovativa per lo sviluppo delle imprese SVILUPPA LA TUA IMPRESA Una forza innovativa per lo sviluppo delle imprese SVILUPPA LA TUA IMPRESA w w w. f o r e m a. i t Una forza innovativa per lo sviluppo delle imprese Fòrema è la società di Confindustria Padova per la

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte L impatto del REACh e del CLP nel modello di valutazione Torino, 16 Novembre 2013 Claudia Sudano Registration, Evaluation,

Dettagli

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle Rev. 01 - Novembre 2012 Documento elaborato dall ASL di MONZA e BRIANZA in collaborazione con Confindustria Monza, APA Confartigianato,

Dettagli

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Dipinto inizio 900 artista sconosciuto Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Seminario regionale Firenze venerdì 9 novembre 2012 1 NORMATIVA SPECIFICA D.Lgs.194/95 che recepiva la direttiva

Dettagli

SCHEDE DATI DI SICUREZZA ACETONE

SCHEDE DATI DI SICUREZZA ACETONE Roma, 10 Giugno 2010 SCHEDE DATI DI SICUREZZA ACETONE MERI SCARINGI PAOLO LAURIOLA CENTRO TEMATICO REGIONALE AMBIENTE E SALUTE ARPA EMILIA ROMAGNA Scheda Dati di Sicurezza (SDS): Art. 31 CE N 1907/2006

Dettagli

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie

Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Aspetti normativi e regolamentari sul ciclo di vita delle batterie Dott. Marco Ottaviani Coordinatore Area Ambiente ANIE-CSI Convegno Mercoledì 6 maggio 2009 Palazzo delle Stelline, Milano, C.so Magenta

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Scenari di esposizione: la gestione delle criticità

Scenari di esposizione: la gestione delle criticità Lo scenario di esposizione: sua comprensione e gestione AssICC - Milano, 28 febbraio 2012 Scenari di esposizione: la gestione delle criticità Anna Caldiroli, Raffaella Butera IRCCS Fondazione Maugeri e

Dettagli

Finalità del progetto di una Banca dati di Modelli di SDS. Paola Di Prospero Fanghella Centro Sostanze Chimiche ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA

Finalità del progetto di una Banca dati di Modelli di SDS. Paola Di Prospero Fanghella Centro Sostanze Chimiche ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Finalità del progetto di una Banca dati di Modelli di SDS Paola Di Prospero Fanghella Centro Sostanze Chimiche ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA Progetto ACCORDO DI COLLABORAZIONE tra l Istituto Superiore di

Dettagli

ADDESTRAMENTO. Accredited School

ADDESTRAMENTO. Accredited School 1 ADDESTRAMENTO Accredited School Tutte le normative che disciplinano il trasporto di merci pericolose, per aereo, strada e mare, impongono oramai che tutto il personale coinvolto nelle spedizioni di dette

Dettagli

Scheda del rifiuto classificato in ADR UN 3082

Scheda del rifiuto classificato in ADR UN 3082 Scheda del rifiuto classificato in ADR Modalità di Trasporto: in COLLI Data 26/03/2013 1. Classificazione ADR N. ONU: 3082 Denominazione: MATERIA PERICOLOSA PER L AMBIENTE, LIQUIDA, N.A.S. Classe ADR:

Dettagli

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci Il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP) relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele. Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa

Dettagli

ADR 2003 LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL TRASPORTO SU STRADA DI MERCI PERICOLOSE

ADR 2003 LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL TRASPORTO SU STRADA DI MERCI PERICOLOSE ADR 2003 LA NUOVA REGOLAMENTAZIONE DEL TRASPORTO SU STRADA DI MERCI PERICOLOSE di Renato Mari, Federchimica La ristrutturazione dell ADR ha avuto avvio, come noto, con l ADR 2001, concepito per renderne

Dettagli

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015 Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito Legnago 20 maggio 2015 Il Regolamento CLP Il Regolamento 1272/2008 (CLP - Classification, Labeling and Packaging)

Dettagli

Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica Federchimca Roma, 26 Ottobre 2012

Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica Federchimca Roma, 26 Ottobre 2012 Regolamento CLP e redazione delle schede di sicurezza Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica Federchimca Roma, 26 Ottobre 2012 Regolamento 1272/2008 (CLP) REACH e CLP GHS Identificazione del pericolo

Dettagli

Corsi di formazione organizzati da Bioikòs Ambiente (calendario 2014): AGGIORNAMENTO MODULO B PER RSPP/ASPP

Corsi di formazione organizzati da Bioikòs Ambiente (calendario 2014): AGGIORNAMENTO MODULO B PER RSPP/ASPP Circolare n. 14-1002-LE Bologna, 25 febbraio 2014 Spett. le Azienda, Corsi di formazione organizzati da Bioikòs Ambiente (calendario 2014): AGGIORNAMENTO MODULO B PER RSPP/ASPP con la presente rendiamo

Dettagli

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE

NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE Anno rif.: 2005 Pagina 1 di 8 NOMINA/ESENZIONE DEL CONSULENTE PER LA SICUREZZA DEL TRASPORTO DELLE MERCI PERICOLOSE INDICE 1. QUADRO GENERALE....2 2. DEFINIZIONI....2 3. MODALITA DI NOMINA...2 4. INTEGRAZIONE

Dettagli

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l.

IL TRASPORTO DEI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. IL TRASPORTO DEI RIFIUTI PERICOLOSI E L A.D.R. D.ssa Paola Siciliano Flashpoint s.r.l. ARGOMENTI TRATTATI Classificazione di un rifiuto ai fini della normativa A.D.R. Prescrizioni applicabili al trasporto

Dettagli

REACH e Titolo IX del D.Lgs. 81/08

REACH e Titolo IX del D.Lgs. 81/08 REACH e Titolo IX del D.Lgs. 81/08 Ruoli e responsabilità aziendali nella gestione della relazione tra normativa di prodotto e normativa su salute e sicurezza TdP Dott. Massimo Peruzzo Padova 25 novembre

Dettagli

LA SCHEDA DI SICUREZZA Parte 5 Fonti di informazione

LA SCHEDA DI SICUREZZA Parte 5 Fonti di informazione Master II Livello in REACH Napoli 21 maggio 2011 LA SCHEDA DI SICUREZZA Parte 5 Fonti di informazione Ida Marcello Centro Nazionale Sostanze Chimiche Istituto Superiore di Sanità 1 Sistemi per la gestione

Dettagli

Identificazione degli usi e applicazione degli scenari di esposizione in azienda

Identificazione degli usi e applicazione degli scenari di esposizione in azienda Identificazione degli usi e applicazione degli scenari di esposizione in azienda Raffaella Butera IRCCS Fondazione Maugeri e Università degli Studi di Pavia raffaella.butera@unipv.it Scenari di esposizione

Dettagli

Una nuova disciplina per le sostanze chimiche Gli adempimenti per la filiera del legno- arredo. Star: Software Tecnico Adempimenti

Una nuova disciplina per le sostanze chimiche Gli adempimenti per la filiera del legno- arredo. Star: Software Tecnico Adempimenti Bari, 13 maggio 2008 REACH Una nuova disciplina per le sostanze chimiche Gli adempimenti per la filiera del legno- arredo Star: Software Tecnico Adempimenti REACH Omar Degoli Federlegno-Arredo Ufficio

Dettagli

IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA

IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA Bologna, 8 giugno 2007 DOTT. SALVATORE SQUARCIONE 1 1 LEGGE 6 APRILE 2007, N. 46 ART.5 BIS CHI PROVVEDE ALL ATTUAZIONE

Dettagli

La formazione di figure professionali qualificate per le imprese. Prof. A. Marcomini Università Ca Foscari di Venezia

La formazione di figure professionali qualificate per le imprese. Prof. A. Marcomini Università Ca Foscari di Venezia La formazione di figure professionali qualificate per le imprese Prof. A. Marcomini Università Ca Foscari di Venezia Riflessione sull impatto del REACH In Italia il regolamento REACH coinvolge circa 390

Dettagli

DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR

DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR DOCUMENTO DI TRASPORTO ADR 5.4.1.1 Informazioni generali che devono figurare nel documento di trasporto 5.4.1.1.1 Il o i documenti di trasporto devono contenere le seguenti informazioni per ogni materia

Dettagli

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza ORIENTAMENTI Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013 2 Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013

Dettagli

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI. Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta:

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI. Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta: BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI Manuale operativo ISS FORMULA v.1.25. Configurazione minima richiesta Installazione del programma Definizioni Finestra iniziale del programma Come compilare Configurazione

Dettagli

Un cordiale benvenuto

Un cordiale benvenuto Trasporto di merci pericolose ADR/SDR 29 marzo 2011 SSIC - Gordola Un cordiale benvenuto 11 MMV SA, 6925 Gentilino - 6370 Stans Markus Maria Vonlaufen Merci pericolose & Sostanze pericolose Le merci percolose

Dettagli

REGGIO EMILIA 19 MAGGIO 2014

REGGIO EMILIA 19 MAGGIO 2014 REGGIO EMILIA 19 MAGGIO 2014 Schede di sicurezza e scenari di esposizione: la rilevanza per le aziende Scenari di esposizione e ambienti di lavoro: un caso pratico Ispezioni REACH: modello ispettivo e

Dettagli

Commento alle modifiche dell ADR

Commento alle modifiche dell ADR Commento alle modifiche dell ADR Il presente commento fa riferimento agli aspetti più importanti contenuti nel documento «Modifications de l ADR» (documento 1.1). Definizioni Nel capitolo vengono inserite

Dettagli

Coordinamento Interregionale della Prevenzione delle Regioni e delle Province autonome Commissione Salute C.I.P. - Gruppo tecnico esperti REACH

Coordinamento Interregionale della Prevenzione delle Regioni e delle Province autonome Commissione Salute C.I.P. - Gruppo tecnico esperti REACH Coordinamento Interregionale della Prevenzione delle Regioni e delle Province autonome Commissione Salute C.I.P. - Gruppo tecnico esperti REACH Dr. Celsino Govoni c.govoni@ausl.mo.it cegovoni@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it TRASPORTO MERCI PERICOLOSE ADR (Accord Dangereuses Route). Questi pochi e modesti appunti riguardo all accordo europeo relativo ai trasporti internazionali di merci pericolose su

Dettagli

LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008

LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008 AGENTI CHIMICI LAVORARE IN SICUREZZA - D.Lgs 81/2008 informazioni per la tutela della sicurezza e della salute di lavoratori e cittadini aggiornato ai Regolamenti REACH e CLP nell ambito del Progetto nell

Dettagli

L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH

L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH 10ª Conferenza Sicurezza Prodotti Il REACH al giro di boa Milano, 05 Giugno 2013 L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH Dr.ssa Niki Psegiannaki Specialista Normativa Prodotti SCAM SpA, Modena

Dettagli

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL

SCHEDA DEI DATI DI SICUREZZA CALCESTRUZZI PRECONFEZIONATI MARIOTTI CALCESTRUZZI SRL Pagina 1 di 9 1. INFORMAZIONI GENERALI: IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DEL PRODOTTO 1.1 IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO Conglomerato cementizio fresco, prima dell indurimento. In base alla diversa miscelazione

Dettagli

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011

CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 CONVEGNO AIAS IL TRASPORTO DELLLE MERCI PERICOLOSE - AGGIORNAMENTI NORMATIVI Catanzaro 7 Aprile 2011 ing. Cesare Cosentino Coordinatore AIAS Calabria Consigliere Nazionale 1 CLASSIFICAZIONE DELLE MERCI

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione GUIDA Maggio 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Maggio 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione giugno 2007 Versione 1 Prima revisione 18/02/2008

Dettagli

Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004

Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004 Normative trasversali: SGP e REACh Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004 Sicurezza Generale dei Prodotti Nuova direttiva: 2001/95/CE del 3 dicembre 2001 (G.U.C.E. il 15 gennaio

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE RIFIUTI: CLASSIFICAZIONE, MICRORACCOLTA E

PROCEDURA DI GESTIONE RIFIUTI: CLASSIFICAZIONE, MICRORACCOLTA E Revisione Data Motivazione 1. SCOPO... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 4. MODALITÀ OPERATIVE... 2 4.1 Classificazione e Microraccolta... 3 4.2 Conferimento al Deposito di

Dettagli

ADR 2015 Novità e tematiche emergenti inerenti il trasporto di merci pericolose Dott. Ing. Alfonso SIMONI Ministero dei Trasporti Direzione Generale per la Motorizzazione Milano 12_10_ 2015 Convegno ASSICC

Dettagli

SDS SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SDS SCHEDA DATI DI SICUREZZA SDS SCHEDA DATI DI SICUREZZA La SDS rappresenta all interno del regolamento REACH Uno strumento di INFORMAZIONE destinato al titolare di una azienda per determinare se sostanze chimiche pericolose sono

Dettagli

Le schede di sicurezza estese: valutazione delle 16 sezioni e degli scenari di esposizione. www.progettoscenari.it

Le schede di sicurezza estese: valutazione delle 16 sezioni e degli scenari di esposizione. www.progettoscenari.it Le schede di sicurezza estese: valutazione delle 16 sezioni e degli scenari di esposizione www.progettoscenari.it Indice La Scheda Dati di Sicurezza (SDS) introduzione regolatoria che cos è quando deve

Dettagli

REACH Scambio di informazioni all interno della catena di approvvigionamento Comunicazione degli usi identificati Nuove schede di sicurezza (SDS)

REACH Scambio di informazioni all interno della catena di approvvigionamento Comunicazione degli usi identificati Nuove schede di sicurezza (SDS) REACH Scambio di informazioni all interno della catena di approvvigionamento Comunicazione degli usi identificati Nuove schede di sicurezza (SDS) Regolamento CE n 1907/2006 GUUE L396 30-12-2006 FEDERACCIAI

Dettagli

Supporto alle imprese per gli obblighi del REACH

Supporto alle imprese per gli obblighi del REACH Supporto alle imprese per gli obblighi del REACH Bologna, 17 giugno 2015 Francesca Giannotti Helpdesk REACH Ministero dello Sviluppo Economico I livelli di supporto alle imprese per il REACH A chi ci si

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE SETTEMBRE - OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2015

CORSI DI FORMAZIONE SETTEMBRE - OTTOBRE - NOVEMBRE - DICEMBRE 2015 ADDETTI ANTINCENDIO Aziende RISCHIO BASSO 22 settembre - Sede Brembate 04 novembre - Sede: Brembate Lavoratori di aziende (con valutazione rischio incendio BASSO secondo DM 10/03/1998) incaricati dal DdL

Dettagli

Evoluzione dei Regolamenti REACH e CLP dopo la scadenza del giugno 2013. Dott. Pietro Pistolese Ministero della salute. Milano, 29 ottobre 2013 1

Evoluzione dei Regolamenti REACH e CLP dopo la scadenza del giugno 2013. Dott. Pietro Pistolese Ministero della salute. Milano, 29 ottobre 2013 1 Evoluzione dei Regolamenti REACH e CLP dopo la scadenza del giugno 2013 Dott. Pietro Pistolese Ministero della salute Milano, 29 ottobre 2013 1 REACH&CLP: primi passaggi Dal 2008, fabbricanti e importatori

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero: 828 Numero di registrazione Non applicabile Utilizzazione della Sostanza

Dettagli

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI

BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI BANCA DATI PREPARATI PERICOLOSI Manuale operativo ISS FORMULA v.1.26. 1 CONFIGURAZIONE MINIMA RICHIESTA...2 2 INSTALLAZIONE DEL PROGRAMMA...3 3 DEFINIZIONI...4 4 FINESTRA INIZIALE DEL PROGRAMMA...5 5 COME

Dettagli

Geowin SDS. 5 Classificazione. 8 Interrogazioni. 11 Dossier cosmetici 12 Aggiornamenti 13 Assistenza. 2014 Geowin

Geowin SDS. 5 Classificazione. 8 Interrogazioni. 11 Dossier cosmetici 12 Aggiornamenti 13 Assistenza. 2014 Geowin 1 1 Banca dati... sostanze classificate 2 2 Sostanze... 4 3 Miscele... 6 4 Ricette... 8 5 Classificazione... 9 6 Schede di... sicurezza 10 7 Stampe... 12 8 Interrogazioni... 19 9 Clienti... 20 10 Istituto

Dettagli

Guida per gli utilizzatori a valle

Guida per gli utilizzatori a valle Guida per gli utilizzatori a valle Gennaio 2008 Guida all attuazione del regolamento REACH AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una guida a REACH, che illustra gli obblighi imposti dal regolamento

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Regolamento REACH Lo scambio di informazioni: il punto di vista delle imprese del commercio chimico

Regolamento REACH Lo scambio di informazioni: il punto di vista delle imprese del commercio chimico Regolamento REACH Lo scambio di informazioni: il punto di vista delle imprese del commercio chimico Dr. Renato Porta 3 Conferenza Nazionale REACH Roma, 14 novembre 2011 1 AssICC Associazione Italiana Commercio

Dettagli

ACCREDITATO PER RSPP, ASPP, DLSPP (VALIDO PER TUTTI I MACROSETTORI ATECO)

ACCREDITATO PER RSPP, ASPP, DLSPP (VALIDO PER TUTTI I MACROSETTORI ATECO) ACCREDITATO PER RSPP, ASPP, DLSPP (VALIDO PER TUTTI I MACROSETTORI ATECO) Corso di aggiornamento per RSPP, ASPP e Datori di Lavoro che assolvono direttamente i compiti del RSPP in ottemperanza ai disposti

Dettagli

INFORMAZIONI PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE SOSTANZE NEI LABORATORI SCOLASTICI 27 MAGGIO 2013

INFORMAZIONI PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE SOSTANZE NEI LABORATORI SCOLASTICI 27 MAGGIO 2013 DOVE RECUPERARE LE INFORMAZIONI PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE SOSTANZE NEI LABORATORI SCOLASTICI 27 MAGGIO 2013 Corrado Scarnato Nucleo REACH-CLP AUSL Bologna corrado.scarnato@ausl.bologna.it FASI PER

Dettagli

Attività di vigilanza su sostanze chimiche

Attività di vigilanza su sostanze chimiche Attività di vigilanza su sostanze chimiche Dr. Pietro Pistolese, Dr. Mariano Alessi DG Prevenzione sanitaria- Ministero della salute Autorità competente REACH e CLP Accordo Stato-Regioni Programmazione

Dettagli

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 KNAUF STUCCO IN PASTA PER MURO/LEGNO

SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 KNAUF STUCCO IN PASTA PER MURO/LEGNO SCHEDA DI DATI DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Revisione: 30.11.2012 Versione n 00 Versione sostituita: n -- 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa

Dettagli

3 a Conferenza sul regolamento REACH

3 a Conferenza sul regolamento REACH 3 a Conferenza sul regolamento REACH Roma, 14 Novembre 2011 Quadro generale: registrazione delle sostanze, notifica delle sostanze contenute negli articoli e condivisione dei dati Dott. Carlo Zaghi Direttore

Dettagli

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Direzione Centrale Tecnico Scientifica Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Ilaria Malerba Cagliari, 14 maggio 2007 Direttiva 67/548. Sostanze Pericolose + Adeguamenti Obiettivo del nuovo

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Denominazione commerciale: Noritake Super Porcelain EX-3: Paste Opaque and Paste Opaque

Dettagli

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI. DECRETO 23 settembre 2005 MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DECRETO 23 settembre 2005 Pubblicazione della traduzione in lingua italiana del testo consolidato della versione 2005 delle disposizioni degli allegati A

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10011394, 10012368, 10014108 1.2 Usi pertinenti identificati

Dettagli

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2

GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali Terzo Anno 12-24 febbraio 2015 GESTIONE DEI RIFIUTI DI LABORATORIO 2 Lorella Di Giuseppe

Dettagli

Scheda dati di sicurezza secondo regolamento (CE) n 1907/2006 e 1272/2008

Scheda dati di sicurezza secondo regolamento (CE) n 1907/2006 e 1272/2008 Scheda dati di sicurezza secondo regolamento (CE) n 1907/2006 e 1272/2008 SACHTLEBEN SR 3 Slurry Data di stampa: 06.03.2015 rielaborata il: 06.03.2015 Revisione: 0 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA

Dettagli

La sicurezza dei prodotti chimici secondo le nuove norme europee REACH CLP SPISAL ROVIGO

La sicurezza dei prodotti chimici secondo le nuove norme europee REACH CLP SPISAL ROVIGO La sicurezza dei prodotti chimici secondo le nuove norme europee REACH CLP SPISAL ROVIGO 25 novembre 2013 Gianluca Stocco - Normachem Srl Introduzione alla normativa europea in materia di sicurezza prodotti

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO

I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO Bruno Marchesini Gruppo di lavoro Rischio chimico in ambiente di lavoro dell Ordine dei Chimici di Bologna e Ravenna

Dettagli