Alimentazione in gravidanza e allattamento secondo i consigli dell igienista dentale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Alimentazione in gravidanza e allattamento secondo i consigli dell igienista dentale"

Transcript

1 Italian Edition Alimentazione in gravidanza e allattamento secondo i consigli dell igienista dentale Clelia Mazza, Nicoletta De Chiara Igieniste dentali Speciale 19 Sane abitudini alimentari della gestante sono la migliore garanzia per la salute del feto e del primo periodo di vita del neonato, soprattutto se il bambino sarà allattato al seno (1). Molta attenzione va data alla qualità degli alimenti: vanno limitati, o meglio eliminati, i cibi contenenti additivi come conservanti e coloranti, preferendo ad essi cibi freschi, poco trattati, e optando per cotture veloci come quella al cartoccio e al vapore, ideali anche per limitare i grassi e tenere a bada il proprio peso (in gravidanza l incremento di peso non dovrebbe superare i kg). Tenere d occhio la bilancia significa non soltanto ritornare facilmente al proprio peso dopo la nascita del bambino ma, soprattutto, condurre una gestazione tranquilla, prevenendo problematiche quali il diabete gravidico e l ipertensione che predispone alla gestosi, una sindrome che impedisce una corretta conduzione delle sostanze nutritive dalla madre al feto (2). In gravidanza il fabbisogno di calcio aumenta considerevolmente per un appropriata coagulazione del sangue e per la formazione e sviluppo di ossa e denti del nascituro (1). Considerando che la deposizione di calcio nei denti del feto comincia al quarto mese di gravidanza, è intuibile pensare come un efficace prevenzione delle malattie della bocca del bambino debba iniziare proprio nel periodo fetale (3). Maggiore attenzione va data anche alle quantità di ferro, essenziale per la maggiore sintesi di emoglobina materna. La gestante sarà sensibilizzata dall igienista dentale anche sull importanza di un corretto apporto di vitamine al fine di evitare il verificarsi di stomatomucositi, dovute, appunto, a carenze vitaminiche. In particolare: - un deficit di vitamina A causa ipercheratosi della mucosa orale e predispone a processi infiammatori; - insufficienti quantità di vitamina C provocano facilità di sanguinamento, oltre a rendere la gengiva più vulnerabile alle endotossine batteriche; - un ridotto apporto di vitamina PP determina alterazioni gengivali (edema, ulcerazioni e sanguinamento); - una carenza di vitamine del complesso B predispone a stati infiammatori della mucosa orale, in particolare la carenza di vitamina B6 sembra determinare alterazioni regressive dell osso alveolare e dell epitelio delle papille interdentali (4). In generale, il fabbisogno delle vitamine del complesso B aumenta durante la gravidanza, in quanto cresce la necessità di produrre grandi quantità di energia. Nell ambito del gruppo delle suddette vitamine è importante, per la gestante, assicurarsi adeguate quantità di acido folico (vitamina B9), una cui carenza sembrerebbe correlata alla comparsa del labbro leporino. Tale vitamina riveste un ruolo fondamentale nella maturazione dei globuli rossi del feto e nel corretto sviluppo dei tessuti embrionali, soprattutto durante le prime settimane di gravidanza, allorquando avviene l organogenesi (1). Anche le richieste di vitamina C aumentano per aiutare la placenta a formarsi correttamente e accrescere la resistenza alle infezioni. Tra le donne in gravidanza che fumano il fabbisogno di vitamina C giornaliero è raddoppiato rispetto alle non fumatrici. L igienista dentale, comunque, motiverà le future mamme a non fumare, suggerendo di non frequentare ambienti fumosi. Il fumo, infatti, sia esso attivo o passivo, induce un restringimento dei vasi sanguigni con riduzione del flusso del sangue e interferisce con la disponibilità di nutrienti al feto e con la capacità di trasporto dell ossigeno a causa della formazione di carbossiemoglobina (1). HT pagina 20

2 20 Speciale HT pagina 19 Altro aspetto da non trascurare è il problema relativo all assunzione di crackers, biscotti, fette biscottate, caramelle ecc., consumati dalla gestante per mitigare il senso di nausea frequente soprattutto durante il primo trimestre di gravidanza per la produzione di lattogeno placentare, ormone deputato alla crescita della placenta. I residui di tali carboidrati, se non allontanati attraverso una scrupolosa igiene orale, possono diventare fattori promuoventi la formazione della placca batterica, aggravando il già delicato equilibrio del cavo orale in cui la saliva si arricchisce di mucoproteine, fattore che già di per sé predispone alla placca (3). L igienista dentale potrà consigliare alla gestante sciacqui al bicarbonato di sodio dopo il vomito per neutralizzare l attacco acido sui denti e la informerà e istruirà circa l importanza di conservare uno stato di salute orale durante i mesi di gestazione, quale presupposto fondamentale per l integrità della salute propria e per lo sviluppo ottimale di denti e cavità orale del nascituro. A tale scopo l igienista dentale darà informazioni utili alla paziente gravida per la prevenzione della carie dentale e il mantenimento della salute delle strutture di supporto del dente (5), attraverso una dieta varia, contenente i gruppi nutritivi essenziali, con un minimo di cibi cariogeni. Compito dell igienista è, inoltre, quello di impostare un programma di preparazione al parto per offrire alla paziente gravida un adeguata cura prenatale, per cui l istruzione alla salute orale del nascituro deve cominciare prima della sua nascita per preparare non solo la mamma, ma anche il papà, alle attenzioni di cui il piccolo avrà bisogno (3). Durante l allattamento è richiesto un apporto di energia maggiore rispetto alla gravidanza (1), tuttavia la dieta deve consentire sia alla mamma di ritornare al proprio peso forma sia di stimolare e mantenere la lattazione. Per bruciare le calorie in eccesso un po di moto può essere utile. Per avere un buon latte bisogna mangiare alcuni tipi di alimenti, vale a dire cibi oleosi, frutta secca, legumi, cereali e uova; per idratare frutta e verdura: l idratazione è fondamentale poiché il latte è un alimento liquido e per produrne a sufficienza occorre bere molta acqua (2). Nei primi mesi di vita del bambino uno degli errori più comuni è quello di tenerlo tranquillo con una tettarella intinta nello zucchero o nel miele, oppure di somministrargli con il biberon liquidi zuccherati come acqua, camomilla o succhi di frutta. Tali abitudini sono determinanti per lo sviluppo della cosiddetta carie da biberon o baby bottle tooth decay, una delle principali cause di lesioni cariose dei bambini nei primi anni di vita. La carie da biberon si manifesta solitamente a carico degli incisivi centrali e laterali superiori e, solo quando il processo carioso ha coinvolto in maniera destruente le superfici dei suddetti elementi, vengono coinvolti anche i canini. La distruzione delle corone degli elementi interessati è rapidamente progressiva, tale che già verso i 3-4 anni sono visibili le sole radici. Ciò è collegato alla sottigliezza dello smalto degli elementi decidui che presentano uno spessore smalteo di 0,5 mm contro 1 mm dei denti permanenti (3). Il gruppo frontale inferiore è protetto dall autodetersione esercitata dalla lingua e dal labbro inferiore, nonché dalla produzione notturna di secrezione mucinosa delle ghiandole salivari. La sindrome da biberon riconosce un eziologia multifattoriale: - errate abitudini alimentari; - elevata permanenza del contatto tra denti e alimenti cariogeni; - scarsa igiene orale; - abitudini scorrette all utilizzo di sostanze zuccherine veicolate dal biberon o dal ciuccio, soprattutto durante le ore notturne (2). È utile ricordare che il latte, sia che si parli di latte bovino Le sostanze zuccherine possono determinare carie nel bambino. che di quello umano, contiene una quantità importante di lattosio; più precisamente, il latte umano contiene una quantità doppia di lattosio rispetto al latte di vaccino. Ampiamente riconosciuta è l attività cariogena del lattosio ed è pertanto superfluo, se non addirittura errato, aggiungere al latte altri dolcificanti che influenzano lo sviluppo della patologia in questione, fornendo alla flora batterica cariogena, S. Mutans in particolare, substrati per la produzione di acidi e loro adesione sulle superfici dentali. Di contro il latte, oltre al lattosio, contiene anche grandi quantità di calcio e fosforo, elementi che gli conferiscono attività anticarie in quanto contribuiscono alla remineralizzazione dello smalto (4). Il grado di resistenza conferita da calcio e fosforo allo smalto nei confronti della produzione acida è stato dimostrato misurando comparativamente il diverso grado di dissoluzione dello smalto nella saliva osservato in presenza di latte o di solo lattosio. La dissoluzione è risultata maggiore nel secondo caso. Il latte contiene alcune proteine come la caseina, capace di costituire un rivestimento organico protettivo della superficie dello smalto. Per quel che concerne il tipo di allattamento, materno o artificiale, viene portata avanti la tesi che l allattamento al seno rappresenti un fattore di protezione nei confronti della patologia cariosa (2), inoltre mostra numerosi vantaggi rispetto all utilizzo del biberon, non solo perché rappresenta la forma fisiologica dell alimentazione, ma anche perché influisce in maniera positiva sul corretto sviluppo psicofisico del bambino. Nel latte naturale sono presenti principi nutrienti in percentuali idonee alle esigenze e alle capacità digestive del neonato, percentuali difficilmente riproducibili nel latte artificiale; in più, le immunoglobuline della madre, contenute nel latte, immunizzano il neonato, incapace nei primi mesi di produrre anticorpi in maniera autonoma. Attraverso la suzione al seno, inoltre, il neonato stabilisce una simbiosi con la madre e soddisfa il proprio bisogno d affetto, aspetto importante ai fini di un corretto sviluppo psicoaffettivo (5). Per quel che concerne l apparato stomatognatico, la suzione al seno facilita lo sviluppo neuromuscolare, stimola le creste alveolari attraverso l esercizio continuo, rende la conformazione palatale più concava per la sollecitazione esercitata dalla lingua contro di esso, sviluppando nel bambino la capacità di respirare attraverso il naso (7). Secondo quanto riportato dall Oms e dall Unicef, il mancato allattamento al seno durante i primi sei mesi di vita può rappresentare un importante fattore di rischio predisponendo i neonati ad ammalarsi con più facilità, oltre a una minore produttività e un diminuito sviluppo intellettuale e sociale durante l infanzia. Per tali motivi si raccomanda di protrarre l allattamento al seno in modo esclusivo per i primi 6 mesi di vita e di continuarlo fino a oltre 1 anno, associandolo a idonei alimenti complementari durante lo svezzamento (6). Nel caso di allattamento artificiale, l igienista dentale potrà consigliare l utilizzo di tettarelle anatomiche la cui forma riproduca il più fedelmente possibile quella del capezzolo materno, non troppo lunghe per mantenere la funzione che si realizza durante la suzione del capezzolo, ossia la pressione che la lingua esercita sul palato duro. Bibliografia Italian Edition Inoltre, è opportuno che i fori sulla tettarella non siano troppo larghi affinché il latte non defluisca rapidamente o comunque spontaneamente, evitando di sopprimere il coinvolgimento attivo dei muscoli (5). In genere i pediatri consigliano di sospendere l allattamento al seno o con il biberon intorno ai nove mesi; in ogni caso l utilizzo prolungato del biberon dovrebbe essere scoraggiato, soprattutto l uso aggiuntivo nel latte di dolcificanti o la somministrazione attraverso il biberon di bevande dolci dal momento che tutte queste abitudini possono avere ripercussioni negative sul cavo orale. L igienista dentale motiverà i genitori sull importanza che assume l alimentazione seguita dal bambino e sulla necessità di eseguire manovre di igiene orale per prevenire problematiche patologie dell apparato orodentario, quale la sindrome da biberon. Per queste ragioni l igienista spiegherà la modalità di pulizia di denti e gengive dopo ogni pasto: il capo del bambino viene messo sul grembo con le gambe distese in avanti, tenendogli il mento con una mano e una garza viene passata gentilmente sulle superfici da detergere (8). 1. Il benessere invisibile in Sapere & salute. 2. Di Pietro P. Gravidanza e parto in piena salute. Biblioteca della salute - Ed. Red. 3. Fonzi L., Passagrilli B., Kaitsas V. Prevenzione dentale. 2 ediz. Servizio Informazione Scientifica - Mentadent. 4. Liuzzi D. Prevenzione odontoiatrica in gravidanza. Riv Italiana di Stomatologia 2002: lug-set; Fitzsimons D, Dwyer JT, Palmer C, Boyd L.D. Nutrition and oral health guidelines for pregnant women, infants and children. J Am Diet Assoc Feb; 98 (2) : Valentino C., Riccio C., Di Pietro G., Guidetti A.M. Carie dentaria nel bambino sottoposto ad allattamento artificiale. Eziologia e conseguenze cliniche odontostomatologiche. Doctor Os 2000: 5; Ed. Ariesdue, Como. 7. Toselli A., Ricciardi C., Ghezzi L., Malerba A. Carie da biberon. Inquadramento epidemiologico, patogenesi, terapia e prevenzione. Prevenzione & Assistenza dentale 1994: 3; Ed. Masson Milano. 8. Ottolenghi L., Polimeri A., Giordano G., Lucera L., Capasso F. La carie della prima infanzia. Aspetti clinici e terapeutici. Dental Cadmos 2000: 11; Ed. Masson Milano. 9. Levrini L., Calmozzi A., Tagliabue A. Alimentazione nel neonato e malocclusioni. Revisione della letteratura. Doctor Os 2000; Set: Ed. Ariesdue Como. 10. Balestrini G., Corrao C.R.N. Trattato di biomeccanica applicata all apparato stomatognatico. Vol. 1. Ed. Piccin Padova, della Salute /Nutrizione/Allattamento al seno.it 12. Delitala G. Linee guida per la prevenzione in età pediatrica. Prevenzione & Assistenza dentale 1998: 6. Ed. Masson Milano.

3 Italian Edition Uno studio clinico dimostra i benefici dell uso del Triclosan sulla mucosite perimplantare Speciale 21 Primi diplomati del Master di Igiene Orale Il prof. Ramberg, ospite di punta del Congresso nazionale Aidi, presenta i risultati dello studio: effettiva riduzione dell infiammazione perimplantare entro sei mesi con l utilizzo regolare di un dentifricio con Triclosan. Il programma scientifico del Congresso nazionale dell Aidi (Associazione Igienisti Dentali Italiani) quest anno vede sul podio dei relatori un ricercatore di prestigio internazionale: il professor Per Ramberg, del Dipartimento di Parodontologia della Sahlgrenska Academy presso l Università di La protezione di Colgate Total Gothenburg (Svezia), che ha contribuito alla validazione clinica dell innovativa formula del dentifricio Colgate Total (Triclosan + copolimero). La relazione del prof. Ramberg focalizza l uso degli antisettici nel trattamento della mucosite perimplantare e della perimplantite e riferisce di alcuni importanti risultati scaturiti da un suo recente studio sugli effetti del Triclosan nella mucosite perimplantare. Presupposto dello studio è la consapevolezza di quanto emerso dal sesto European Workshop on Periodontolo- Con la sua formulazione clinicamente testata, Colgate Total fornisce fino a 12 ore di protezione completa dai batteri. La combinazione di Triclosan (un efficace antibatterico) e di uno speciale copolimero che ne prolunga la ritenzione sulla superficie di denti e gengive consente infatti la creazione di una barriera protettiva di lunga durata. Testato con oltre 200 studi clinici nel mondo, Colgate Total è il primo dentifricio ad aver ottenuto l approvazione dell ente governativo americano Food and Drug Administration e globalmente è un brand che vale 1 miliardo di dollari in termini di vendite. In Italia è approvato dall Associazione Dentisti Italiani (ADI). È disponibile anche nelle versioni Advanced Whitening (che aiuta a ripristinare il bianco dei denti) e Advanced Fresh (per una protezione completa e un alito fresco più a lungo). gy (2008), e cioè che la mucosite perimplantare si verifica in circa l 80% dei soggetti portatori di implantoprotesi e nel 50% dei siti implantari, mentre la perimplantite ha un incidenza variabile tra il 28 e il 56% dei soggetti con impianti (12-50% dei siti implantari) (Lindhe & Meyle 2008). Lo scopo dello studio del professor Ramberg era verificare gli effetti di un dentifricio a base di Tricolosan nel trattamento della mucosite in soggetti portatori di impianti. Sono stati perciò selezionati 60 pazienti (tra 30 e 70 anni) con infiammazione della mucosa perimplantare e suddivisi in due gruppi: - il Gruppo sperimentale (30 soggetti), che ha previsto lo spazzolamento 2 volte al giorno con un dentifricio al fluoro e Triclosan; - il Gruppo placebo (30 pazienti), che ha effettuato lo spazzolamento 2 volte al giorno con un comune dentifricio al fluoro. Il confronto dei dati clinici all inizio dello studio, a 3 e a 6 mesi ha mostrato nel Gruppo sperimentale una riduzione del sanguinamento al sondaggio (BoP) dal 53,8% al 29,1%, mentre nel Gruppo placebo un incremento dal 52,35% al 58,8%. Inoltre, la profondità media della tasca individuale (PPD) e anche l incidenza di tasche profonde (5 mm e 6 mm) risultano significativamente ridotte nel Gruppo sperimentale trattato con Triclosan rispetto al Gruppo placebo. L approccio standard ai problemi di gengive e mucose perimplantari consiste nell impiego di antimicrobici che contengono principi attivi antisettici sotto forma di dentifrici e collutori. Tra questi il Triclosan, un antisettico ad ampio spettro, è stato utilizzato nella formulazione del dentifricio Colgate Total: frutto di 10 anni di lavoro di ricerca e innovazione da parte di Colgate- Palmolive, Colgate Total presenta una formula unica e brevettata, che lo rende rivoluzionario perché in grado di fornire una copertura antibatterica ad ampio spettro e di lunga durata. Oltre al Fluoruro di Sodio e al Triclosan, Colgate Total contiene un innovativo copolimero (chiamato Gantrez) che permette l adesione del Triclosan sullo smalto con una prolungata azione antibatterica e protettiva su denti e gengive fino a 12 ore dopo l uso. Addirittura dopo aver mangiato o bevuto. Senza il copolimero, infatti, l effetto benefico del Triclosan sparirebbe rapidamente. Tale azione è stata clinicamente dimostrata sulle diverse problematiche orali in oltre 230 studi clinici svolti in tutto il mondo. Complimenti ai primi dottori in igiene dentale che hanno concluso il Master in Tecnologie Avanzate nelle Scienze di Igiene Orale all Università Sapienza di Roma. Il percorso formativo, della durata di un anno e che ha rilasciato 65 crediti formativi, ha preso in esame tutte le tecnologie avanzate esistenti per i protocolli operativi di prevenzione, per rispondere alle moderne esigenze professionali e culturali derivanti dalla necessità di fornire un approfondimento nel campo dell Igiene orale. A dicembre scade il Bando per il Master , che vedrà impegnati nella docenza relatori di fama nazionale e internazionale. Per ulteriori informazioni: oppure chiamare il Prognosi parodontale: workshop teorico-pratico A Bologna, un corso sull Igiene orale e la terapia causale in Parodontologia Si è svolto a Torino lo scorso 24 ottobre il workshop La prognosi parodontale: dall approccio diagnostico alla strategia terapeutica, promosso da GABA Vebas e coordinato dal Centro di Ricerca e Servizi per lo Studio delle Malattie Parodontali dell Università di Ferrara diretto dal prof. Leonardo Trombelli. L incontro di Torino, ultimo appuntamento del 2009, è stato realizzato in collaborazione con i Corsi di Laurea in Odontoiatria e Igiene dentale dell Università di Torino e ha visto la partecipazione di circa 200 professionisti, odontoiatri, igienisti dentali e studenti. Il workshop, cui sono stati attribuiti 3 crediti ECM, verrà replicato anche nel 2010 in diverse città italiane. Il Centro di Ricerca e Servizi per lo Studio delle Malattie Parodontali dell Università di Ferrara ha sviluppato una metodica, sulla base di fattori e indicatori di rischio validati scientificamente, per la valutazione rischio della prognosi parodontale. Durante il workshop viene affrontata l applicazione clinica del metodo attraverso casi clinici paradigmatici di terapia parodontale non-chirurgica e chirurgica, discussi sulla base delle evidenze scientifiche. Il team dei relatori, guidato dal prof. Leonardo Trombelli, direttore del Centro di Ricerca di Ferrara, comprende il dott. Roberto Farina, la dott.ssa Maria Elena Guarnelli, il dott. Luigi Minenna. In uno studio recentemente pubblicato (Trombelli et al. 2009), il metodo sviluppato dal team dell Università di Ferrara (UniFe) è stato comparato a un algoritmo informatizzato di calcolo del rischio, il metodo PAT, basato su un algoritmo che prende in considerazione un numero maggiore di parametri rispetto al metodo UniFe. I due metodi hanno mostrato una completa concordanza nel 74,8% dei casi, una discordanza minima nel 20,5% dei casi e solamente nel 4,6% dei casi una discrepanza sostanziale tra i giudizi generati dai due metodi. Il metodo Uni- Fe si è quindi rivelato uno strumento di facile utilizzo per la valutazione del rischio parodontale. Il metodo è reperibile gratuitamente sul sito dell Università di Ferrara (www.unife.it/parodontologia) oppure può essere richiesto presso la GABA Vebas in formato di opuscolo interattivo. Leonardo Trombelli. È organizzato dal Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche dell Università di Bologna (Reparto di Parodontologia, diretto da Luigi Checchi) il corso di Alta Formazione (36 crediti ECM richiesti) in programma da gennaio ad aprile Intitolato Igiene orale e terapia causale in parodontologia, prende in esame la formazione teorica dell odontoiatrica e dell igienista dentale su argomenti specifici della terapia iniziale e del mantenimento in Parodontologia. Ossia: esame extraorale, intraorale, diagnosi microbiologica, motivazione igienica nonché caling e root planino, con e senza ausilio dell endoscopia, che verranno esaminati e spiegati in dettaglio ai partecipanti. Grazie all utilizzo di varie metodologie didattiche (didattica frontale,con audiovisivi, diretta del lavoro in clinica e stage) il partecipante, al termine del corso, sarà in grado di applicare conoscenze e capacità diagnostiche in ambito parodontale, conoscerà e saprà applicare terapie nei casi iniziali di parodontite sarà in grado di sviluppare le capacità conoscitive per una corretta gestione della fase di mantenimento igienico. Destinato a laureati in Igiene dentale, in Medicina con specializzazione in Odontoiatria e Protesi dentaria, laureati in Odontoiatria annovera tra i docenti Luigi Checchi, professore ordinario presso l Università degli Studi di Bologna e direttore dei Reparti di Parodontologia e Ortodonzia (Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche) nonché presidente del Corso di laurea in Igiene dentale all Università di Bologna; M. Montevecchi ricercatore universitario (svolge attività clinica, didattica e di ricerca presso il Dipartimento di Scienze Odontostomatologiche - Reparto di Parodontologia all Università a Bologna) G. Daprile, professore a contratto di Parodontologia II (CLOPD - Università di Bologna), C. Camorali, igienista dentale, professore a contratto di Scienze e tecniche di Igiene dentale nel Corso di Laurea in Igiene dentale (Università di Bologna), O. Marchisio, igienista dentale, docente e tutor clinico al Corso di Laurea in Igiene dentale (Università di Pavia) e al Master di I livello in Prevenzione Odontostomatologica (a Roma, Sapienza ). Inoltre, Gianna Nardi, igienista dentale, ricercatrice presso la Facoltà di Medicina (a Roma, Sapienza ), Mara Ziliotto, igienista dentale, professore a contratto di Scienze e tecniche di Igiene dentale nel Corso di Laurea in Igiene dentale all Università di Bologna. L iscrizione deve essere effettuata online tramite il sito unibo.it; per le modalità di iscrizione consultare il bando relativo al Corso di Formazione Permanente sul sito dell Università di Bologna: Offerta+formativa/Altaformazione. La scadenza ultima per l iscrizione è il 20 gennaio 2010.

4 22 Speciale Igienista: figura professionale irrinunciabile per una implantologia di qualità Italian Edition HT pagina 13 Nella sua presentazione Lei parla dell igienista come di una figura irrinunciabile nella professione e nella pratica. Vuole entrare più nel dettaglio? Tutti noi che ci occupiamo di implantologia non abbiamo dubbi: la figura dell igienista dentale è essenziale per il mantenimento del risultato. Già preventivamente, il paziente viene loro affidato perché sia preparato e motivato all applicazione delle regole fondamentali dell igiene orale. In seguito, la stabilità del manufatto protesico è strettamente dipendente dalle corrette procedure di igiene orale professionale e domiciliare. Trattando, in più relazioni della sessione congressuale, il tema della perimplantite, può indicarci preventivamente l importanza della figura professionale per evitare questo tipo di problema, che pure verrà trattato nella relazione di Matrigiani? In caso contrario, quali sono le ipotesi di trattamento non chirurgico (relazione Koch)? Campagna abbonamenti 2010 Giuseppe Luongo, presidente della Società Italiana di Implantologia Osteointegrata. Leggero nel formato Distinto nel contenuto In oltre 90 Paesi del mondo Entrare a far parte del circuito DENTAL TRIBUNE conviene! Con soli 50 euro annuali riceverà 11 numeri di Dental Tribune Inserti specialistici: Endo Tribune, Ortho Tribune, Laser Tribune, Hygiene Tribune 4 numeri di Implant Tribune 4 numeri di Cosmetic Dentistry Newsletter informativa Anteprima delle riviste in formato e-paper Notizie in tempo reale sul sito in più Sconti e agevolazioni su tutte le iniziative di formazione TU.E.OR.: - corso ECM on-line congressi - libri - dvd Per abbonarsi chiamare il o visitare il sito L insorgenza di una perimplantite è la principale causa di insuccesso del trattamento implantare, e i dati recenti della letteratura ci offrono un quadro meno roseo di quanto avremmo sperato attraverso il progressivo affinarsi delle tecniche e dei materiali. Il trattamento di questa patologia è sempre molto complesso e le tecniche chirurgiche rigenerative rispondono meno bene rispetto a quello eseguito su dentatura naturale. In tal senso si fa molta attenzione ai risultati dei trattamenti non chirurgici cui è dedicata un ampia parte del programma scientifico. Quale ruolo si ipotizza per l igienista in una implantologia di eccellenza? Non credo, per riprendere il filo conduttore del congresso, si possa aspirare a un implantologia d eccellenza o, quanto meno, di qualità, senza che il team disponga di un igienista con specifica competenza implantologica. Nelle principali realtà cliniche internazionali pubbliche e private, spesso è l unica figura professionale che segua il paziente nei controlli di routine post trattamento. Un programma interessante, pratico, a carattere internazionale, in linea con il resto dell evento. Che cosa vorrebbe aggiungere per stimolare i lettori a una più ampia partecipazione? Guardando il programma scientifico del Congresso, è facile rendersi conto dello straordinario impegno riposto nella sua realizzazione, come è ormai tradizione della Società. Dal momento in cui la Sio ha deciso di istituire una sessione dedicata agli igienisti, in occasione del nostro corso autunnale e del Congresso annuale, il riscontro di partecipazione è sempre stato molto lusinghiero. Il corso per igienisti di Padova è andato esaurito due mesi prima dell evento. Contiamo di ottenere altrettanto interesse anche a Roma. Patrizia Gatto

5 Italian Edition OptraGate facilita l accesso al campo operatorio Speciale 23 Difficilmente uno strumento presenta un così ampio spettro d indicazione come OptraGate. La sua particolare struttura lo rende uno strumento in grado di assicurare l accesso al campo operatorio in modo ottimale per il medico e decisamente confortevole per il paziente: è pertanto apprezzato in tutti i trattamenti odontoiatrici. La sua peculiarità è la forma tridimensionale anatomica, che consente una retrazione circolare e uniforme di labbra e guance. Per assecondare il desiderio dei pazienti di un posizionamento ancora più confortevole, l affermato OptraGate è oggi presente in versione ExtraSoft. Oltre all ottimizzazione delle caratteristiche del materiale, è stato modificato l anello interno a contatto con i frenuli superiori e inferiori. Grazie a questo adattamento, l uso di OptraGate Extra Soft in trattamenti prolungati risulta decisamente più comodo per il paziente. Rispetto agli apribocca convenzionali, rigidi e duri, Optra- Gate Extra Soft, grazie alla sua flessibilità tridimensionale si adatta in modo ottimale alle esigenze individuali. OptraGate Extra Soft è un prodotto monouso, che soddisfa tutti i requisiti igienici del moderno studio odontoiatrico. Oltre alla funzione principale di retrarre labbra e guance, OptraGate Extra Soft supporta l apertura della bocca del paziente anche in trattamenti prolungati. Grazie alla sua struttura, le labbra e gli angoli della bocca sono protetti da eventuali contaminazioni da prodotto che potrebbero portare a irritazioni. OptraGate Extra Soft è pertanto molto apprezzato sia da adulti che da bambini. Le tre versioni Junior, Small e Regular consentono all odontoiatra la scelta della dimensione idonea, che è presupposto per un posizionamento funzionale e stabile importante quanto la corretta applicazione. Il campo di indicazione di OptraGate Extra Soft è molto ampio e inizia già dall anamnesi clinica. Nella profilassi, il suo utilizzo permette un elevata autonomia dell assistente dentale. In parodontologia, la conformazione elastica e flessibile di OptraGate permette ai pazienti di sopportare più gradevolmente i trattamenti fastidiosi, come curettage oppure levigature radicolari. Inoltre, OptraGate consente la rapida cementazione adesiva vestibolare di brackets, proteggendo contemporaneamente le labbra da pinze e legature durante il trattamento ortodontico. Questo strumento innovativo, semplifica la gestione delle attività per tutto il team odontoiatrico soprattutto nei casi in cui i tempi di lavoro siano prolungati, come la preparazione di monconi in protesi fissa, oppure la presa di impronte di precisione. OptraGate Extra Soft è disponibile nei seguenti confezionamenti: OptraGate Extra Soft Assortment (40 pz. Regular 40 pz. Small); OptraGate Extra Soft Regular (80 pz.); OptraGate Extra Soft Small (80 pz.); OptraGate Extra Soft Junior (80 pz.); OptraGate Extra Soft PromoPack (3 pz. Regular, 3 pz. Small, 2 pz. Junior).

6 24 Speciale XIX Congresso Aidi Pazienti: speciali sempre Italian Edition Il tema scelto del Congresso parte da quale considerazione? Il titolo è stato scelto per puntualizzare sulla centralità del paziente, che sempre merita l attenzione di chi si prende cura di lui come un individuo speciale. Di rimando, mi piacerebbe che i pazienti considerassero gli igienisti dentali come professionisti particolari alle cui cure ricorrere con regolarità e fiducia nella certezza di ricevere ogni attenzione. Il Congresso ha offerto l intervento di tanti relatori, ma quali ritiene siano stati i temi più fedeli al tema dell evento? Mi riesce davvero difficile stilare una classifica: come si fa a scegliere tra tanti big? Per Ramberg, Rolando Crippa, Maria Grazia Cagetti, Filippo Graziani, Stefano Chieffi Ogni relatore ha, con le sue parole, catturato l attenzione della numerosissima platea (oltre 400 persone). Non credo comunque di far torto a nessuno citando la lectio magistralis del prof. Maurizio Tonetti che ha evidenziato come, per il trattamento ottimale di pazienti affetti da parodontite e ad alto rischio sistemico, sia necessario un approccio di squadra. E l igienista dentale è elemento indispensabile della squadra. Ma tra le presentazioni dei colleghi igienisti dentali? Accanto a nomi tanto illustri non hanno poi certo sfigurato i relatori igienisti dentali: Elisabetta Polizzi, Salvatore Sauro, Antonella Barone, Selvaggia Mason, che hanno presentato le loro esperienze lavorative e i loro lavori di ricerca a testimonianza di quanto stiano crescendo la professionalità e le competenze di questa figura professionale. La tavola rotonda ha trattato un tema che sta diventando per l Aidi un impegno difficile e controverso. Non le sembra che oggi, dato che le evidenze scientifiche parlano di approccio alla professione di minimum interventium, forse l anestesia non è proprio in linea come richiesta, visto che esiste una tecnologia che senza ago permette all igienista di risolvere il problema dell ansia? Indubbiamente il tema della tavola rotonda L igienista dentale e l anestesia ha contribuito a suscitare interesse, a destare curiosità e anche, sicuramente, qualche mal di pancia. So perfettamente che si tratta di un argomento spinoso, che incontra la disapprovazione di molti odontoiatri e di molti medici, ma ritengo sia giunto il momento di affrontare il problema anche in Italia. Quali argomentazioni sono state disquisite e da chi? Durante il dibattito sono stati presi in considerazione i punti di vista dell igienista dentale (Irene Guarrella), del presidente della Commissione dei Clid (Mario Giannoni), dell odontologo forense (Marco Scarpelli) dell anestesista (Gastone Zanette), dell avvocato esperto in diritto sanitario (Silvia Stefanelli). Certamente non si aveva la pretesa di uscire dal Congresso con delle certezze, ma la possibilità per l igienista dentale di praticare l anestesia loco-regionale per infiltrazione sarà oggetto della richiesta dell Aidi nell immediato futuro. A tal fine ho fatto pervenire al Ministero competente il parere legale dell avv. Stefanelli che mi auguro venga attentamente considerato, senza pregiudizi di sorta, prima di un qualunque pronunciamento. Quali altre categorie hanno queste opportunità nello scenario delle professioni sanitarie? L infermiere; mi chiedo perché l infermiere possa somministrare farmaci (ben inteso prescritti dal medico) e l igienista dentale no? Perché l igienista dentale può lavorare come libero professionista e non deve essere messo in condizione di svolgere al meglio il suo lavoro? Credo sia eticamente corretto che, se un intervento quale la levigatura radicolare (pratica che rientra nel profilo professionale dell igienista dentale) necessita di anestesia, la si possa, anzi la si debba, somministrare. Ma ritengo che l infermiere abbia un percorso formativo profondamente diverso e che abbia opportunità di condividere scelte con il medico in maniera molto diretta. Non crede? Nei nostri corsi di laurea sono previsti sia l insegnamento di anestesiologia, sia quello di farmacologia e praticamente tutti gli igienisti dentali seguono i corsi di BLSD (questo si che dovrebbe essere reso obbligatorio!); non facciamo tirocinio pratico per l infiltrazione? Facciamolo! Non sarebbe più semplice inserire nell insegnamento anche tecniche di approccio psicologico per il controllo dell ansia e utilizzare strumentazione soft di ultima generazione e anestetici topici senza ago? Il problema è la puntura con l ago? E allora i tatuatori? Le estetiste che praticano la depilazione definitiva? Gli orefici che bucano i lobi delle orecchie? Coloro che applicano i piercing? E tutti questi non sono neppure lontanamente degli operatori sanitari! Un servizio di Striscia la notizia ha mostrato come va considerato purtroppo anche il problema dell abusivismo e l Ordine dei Medici è fortemente attento e contrario. Con quali argomenti risponde l Aidi? Il problema è che si teme di incrementare l abusivismo? Mi viene da ridere Chi vuol fare l abusivo lo fa comunque. L abusivismo è una grossa piaga per tutte le professioni sanitarie ed è certamente diffusissimo in odontoiatria. Non dimentichiamo, tuttavia, che ancora in molti studi (le ispezioni dei Nas ne danno testimonianza sempre più spesso) l igiene orale viene eseguita dall assistente alla poltrona, certamente complice l odontoiatra: anche questo è abusivismo! Credo sarà un braccio di ferro molto duro e che metta a rischio di una forte avversità, verso una professione che finalmente viene riconosciuta importante per la salute del cittadino. Ne vale davvero la pena? Lo so che sarà una lotta dura, ma non dimentichiamo che sto rispondendo a Gianna Nardi; quanto hai lottato, fatto anticamera, scritto, girato per uffici, parlato con politici e funzionari per ottenere il riconoscimento anche in Italia della professione di igienista dentale? Negli altri paesi qual è l atteggiamento nei confronti dell anestesia? In molti paesi in Europa e nel mondo l igienista dentale può praticare l anestesia: mi sembra legittimo chiedere che così sia anche in Italia e io continuerò a chiedere come, a suo tempo, hai fatto tu e mi auguro di trovarti al mio fianco. Cosa si sente di lasciare come messaggio al mondo odontoiatrico? Un ultima considerazione: vorrei che L interdisciplinarità chiave del successo Congresso interessante quello Nazionale Unid, svoltosi dall 1 al 3 ottobre nella sede dell Università Tor Vergata di Roma. Non solo per i contenuti scientifici, in linea su tematiche abbastanza ricorrenti, ma per la parte sindacale, avendo posto l accento sull interazione fra le discipline mediche e il ruolo importante dell igienista dentale nel potenziare, attraverso il controllo del cavo orale, la capacità omeostatica del nostro organismo di ristabilire un equilibrio, condizione essenziale dello stato di salute e benessere sistemico. Si è parlato quindi di genetica e di come i fattori ambientali possano influenzare l insorgenza di patologie sistemiche e del cavo orale. Relatori italiani e stranieri hanno disquisito sulle ultime tecnologie in campo diagnostico, indispensabili per un percorso terapeutico innovativo ed efficace. quanto prima gli odontoiatri, tutti, considerassero l igienista dentale una risorsa, un collaboratore indispensabile e non un problema fastidioso. Auguro un buon lavoro al presidente e all Aidi, in attesa di poter ritornare sull argomento dopo che le istituzioni si saranno pronunciate ufficialmente. Gianna Maria Nardi Ricercatore Università di Roma Sapienza Di grande interesse per la professione, la Tavola Rotonda (cui la scrivente ha preso parte quale docente Clid), con il presidente Unid, G. Sorgente, il presidente Aio, G. Migliano e altri personaggi di rilievo (come il capitano M. Datti dei NAS, e S. Proia, rappresentante del Ministero della Salute ed esperto in legislazione). Sempre di interesse il tema dell abusivismo, fenomeno incontrollato di appropriazione di ruoli fra le categorie. Sottolineata, inoltre, l importanza di considerare le forze dell ordine al servizio non solo del cittadino, ma delle professioni, e auspicata una proficua collaborazione. Alla premiazione del concorso Unid, cui hanno partecipato neo laureati del , da dieci Università italiane, non è stato semplice per la Commissione esaminatrice, scegliere soltanto un lavoro, dato il numero e la qualità. Miglior lavoro, quello presentato da F. Raschi dal titolo Effetti dell air polishing sulla superficie del titanio: studio morfologico e microbiologico, relatrice L. Rimondini. La vincitrice, ha ricevuto in premio un biglietto aereo per il prossimo congresso dell Ifdh (Glasgow, luglio 2010). G. M. N.

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Corsi p e r O d o n t o i a t r i

Corsi p e r O d o n t o i a t r i corsi accreditati ECM Corsi p e r O d o n t o i a t r i 2015 20 marzo Approccio Razionale alla Terapia Implantare dalla pianificazione del caso alla realizzazione protesica 22 maggio Rialzo del Pavimento

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015

Milano 2015. RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA.indd 1. Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI. Milano 2015 Giovedì, Giovedì, RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA RIPARLIAMO DI IMPLANTOLOGIA 26 marzo - 16 aprile - 7 maggio 18 giugno - 9 luglio - 24 settembre 8 ottobre - 19 novembre Relatori Dr. Alessandro Ceccherini,

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO Comune di Trino Assessorato Istruzione e Cultura Settore Extrascolastico-Culturale Istituto Comprensivo di Trino Scuola dell Infanzia e Scuola Primaria Asl 21 di Casale Dipartimento di Prevenzione Servizio

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

La semplicità è la vera innovazione

La semplicità è la vera innovazione La semplicità è la vera innovazione Vi siete mai sentiti frustrati dalla complessità di certe cose? Un unico strumento NiTi per il trattamento canalare utilizzabile nella maggior parte dei casi Efficacia

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME

OUTCOME COCAINA 19 DICEMBRE 2006 VERONA VERONA CONGRESS OUTCOME PATROCINI E COLLABORAZIONI MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SOLIDARIETA SOCIALE NOP NATIONAL O J E C T OUTCOME P R Assessorato alle Politiche Sociali Assessore Stefano Valdegamberi O sservatorio

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Maggiore libertà, maggior controllo

Maggiore libertà, maggior controllo Maggiore libertà, maggior controllo Semplicità in implantologia con stabilità, resistenza e velocità Il nostro desiderio in Neoss è sempre stato di offrire ai professionisti del settore dentale una soluzione

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico

Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti. Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Corso avanzato di farmacovigilanza: approfondimenti Corso ECM di formazione a distanza (FAD) con tutoraggio didattico Procedura per sottoscrivere la partecipazione Il professionista sanitario che voglia

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi

Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi Dott. Mauro Rota Medico Chirurgo Iscritto all Albo dei Medici e Chirurghi STUDIO MEDICO DENTISTICO ROTA - Ripa - 20800 - BASIGLIO (MI) Tel: 02 90753222 Fax: 02 90753222 E-mail:maurorota2002@libero.it P.IVA

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

3,5 CREDITI. Provider ECM Medical Service n ID. 176 Ig. Dentali

3,5 CREDITI. Provider ECM Medical Service n ID. 176 Ig. Dentali 3,5 CREDITI ACCREDITAMENTO E.C.M. Provider ECM Medical Service n ID. 176 Ig. Dentali PRESENTAZIONE Cari Colleghi, Cari Amici, La Società Italiana di Scienze dell Igiene Orale, nata 5 anni fa, è arrivata

Dettagli

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona

MAN- GIAR BENE. Mantenere il corpo in buona MAN- GIAR BENE vivere sani 3 Mantenere il corpo in buona salute ha la sua base in una corretta alimentazione. Essa si basa sull apporto equilibrato di acqua, carboidrati (zuccheri e amidi), proteine, grassi

Dettagli

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle

Progetto La salute vien mangiando. 4 B Crolle Progetto La salute vien mangiando 4 B Crolle Obiettivi, finalità Conoscere i cibi e le sostanze nutrienti che rispondono ai bisogni del nostro organismo. Valorizzare l'importanza di una corretta e sana

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico.

in:joy Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. Qualità eccellente, se la rana è presente. in:joy: il nuovo composito per rivestimento estetico. è un nuovo composito fotopolimerizzabile per rivestimenti estetici di alta qualità. E adatto per la polimerizzazione

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO

DIRITTO ALLO STUDIO. Università degli Studi del Sannio. Costruiamo insieme il tuo FUTURO DIRITTO ALLO STUDIO I capaci e i meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi. art. 34 Costituzione della Repubblica Italiana Diritto allo studio universitario

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli