LA VALUTAZIONE DELLA RISERVA SINISTRI NELLE ASSICURAZIONI DANNI: METODI ATTUARIALI DETERMINISTICI E STOCASTICI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA VALUTAZIONE DELLA RISERVA SINISTRI NELLE ASSICURAZIONI DANNI: METODI ATTUARIALI DETERMINISTICI E STOCASTICI"

Transcript

1 UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE DI MILANO Interfacoltà d Economa/Scenze Bancare Fnanzare e Acuratve Coro d Laurea n Scenze Stattche Attuaral ed Economche LA VALUTAZIONE DELLA RISERVA SINISTRI NELLE ASSICURAZIONI DANNI: METODI ATTUARIALI DETERMINISTICI E STOCASTICI Relatore: Char.mo Prof. Nno SAVELLI Te d Laurea d: Iabella Mara Slvetr Matr. N Anno Accademco 25/26

2 Alla Vta, un dono meravgloo Alla ma Famgla, l mo orgoglo

3 Indce Introduzone pag. 4 Captolo Uno Generaltà ulla rerva ntr. La leglazone della rerva ntr pag La rerva ntr nella R.C.Auto " 3. Il trangolo d run-off " La modultca d vglanza allegata al blanco: l modulo 28 " L allegato al modulo 28 de ntr tardv " La modultca d vglanza allegata al blanco: l modulo 29 " Metod d calcolo per la rerva ntr " Metod determntc " Metod tocatc " 36 Captolo Due I prncpal metod determntc. Il metodo Chan Ladder pag Le pote del metodo " 4... La tma de fattor d vluppo " La tma della rerva ntr " Le varant del metodo chan ladder claco " Il metodo chan ladder con aggutamento per nflazone " Il metodo chan ladder a coto medo d generazone " Il metodo chan ladder con gl ncurred " La logca del metodo " La tma della rerva ntr " 5.3. Applcazon del bac chan ladder e delle ue varant " Il metodo chan ladder baato u pagat " Il metodo chan ladder con nflazone " Il metodo chan ladder con cot med d generazone " Il metodo chan ladder con gl ncurred " Vantagg e vantagg del metodo chan ladder " Il metodo Fher-Lange " Le aunzon del metodo " 8

4 2.2. La tma della rerva ntr pag Applcazon del metodo Fher-Lange " Vantagg e vantagg del metodo Fher-Lange " 9 3. Il metodo della eparazone artmetca d Taylor " Le pote del metodo " La tma de parametr " La tma della rerva ntr " Applcazon del metodo della eparazone artmetca d Taylor " Vantagg e vantagg del metodo della eparazone artmetca d Taylor " 4. Sentvty analy " 6 Captolo Tre I metod tocatc. Un paaggo graduale da metod determntc a metod tocatc pag Il predcton error e lo tandard error " La verone tocatca del chan ladder " Il Mean Squared Error of Predcton per l chan ladder " 3 3. La tecnca del Boottrappng " Il chan ladder econdo l boottrappng " La propota d Mack e Quarg: l Munch Chan Ladder " Introduzone al Munch Chan Ladder " Il problema del bac chan ladder " Un dea per rolvere l problema del bac chan ladder e prmo confronto con l Munch Chan Ladder " Il modello del Munch Chan Ladder " Le aunzon del modello " La tma de parametr " La tma degl mport futur " Applcazone del metodo Munch Chan Ladder " 48 Captolo Quattro Dtrbuzon della rerva ntr a confronto. Introduzone a modell d mulazone pag La dtrbuzone d probabltà econdo l Boottrappng " La dtrbuzone d probabltà della Normale " La dtrbuzone d probabltà della LogNormale " 83 2

5 5. Il rk margn pag. 96 Concluon pag. 2 Bblografa pag. 25 3

6 Introduzone Le mpree d acurazone ono chamate ogn anno a redgere l blanco d fne eerczo. Una delle voc pù mportant del pavo è enza dubbo la rerva ntr. La rerva ntr ndca l mpegno futuro della compagna ne confront degl acurat o danneggat e come tale deve eere tmata. Tale tma è upervonata al fne d evtare uno de maggor rch per la olvbltà d un mprea d acurazone, oa ottovalutare gl accantonament tecnc. Se nfatt l mprea non è n grado d far fronte agl mpegn aunt, rcha d cadere n lqudazone coatta ammntratva. All Ivap (Ittuto per la Vglanza Sulle Acurazon Prvate e d Interee Collettvo), qund, petta l controllo delle procedure utlzzate per l calcolo della rerva ntr. I ntr ono pot n rerva fno a quando non aranno rarct totalmente, fanno eccezone ntr elmnat per enza eguto. La valutazone della rerva ntr è regolata dall artcolo 33 del decreto leglatvo n.73 del 26 maggo 997. La tma della rerva ntr è caratterzzata da un alto grado d ncertezza dovuta alla cartà d nformazon u ntr d cu dpone l mprea all atto d redgere l blanco d fne eerczo; pertanto, meno nformazon hanno pù arà dffcle tmare l valore della rerva che avrà come tale un ntabltà maggore. Contrbuce ad accrecere la varabltà, noltre, la prevone de fattor evolutv d coto che ncdono ull eboro fnale e d cu l mprea deve tener conto coerentemente al prncpo d valutazone del coto ultmo. Tra fattor evolutv d coto ono preent n modo partcolare: l nflazone economca generale o quella carattertca della clae d rcho; le entenze della magtratura n genere tendenzalmente favorevol al ralzo de rarcment n cao d leon alla perona; l mutare delle legg e del comportamento degl acurat defnt comunemente come nflazone ocale 2. Gl accantonament per ntr rervat devono eere valutat a coto ultmo perché pù affne al prncpo d prudenza n bae al quale le mpree devono valutare la rerva ntr. Oltre al uddetto prncpo le mpree, econdo la normatva vgente, ono tenute a rpettare altr prncp d cu drà meglo nel prmo captolo. Un tempo dava la Tal procedure devono eere prudenzal per far ì che l mprea non trov nolvente nel momento n cu dovrà rarcre l ntro. 2 Rultato ottenuto dal gruppo d lavoro ttuto n occaone della conferenza europea delle autortà d vglanza volta nel 2. Per ulteror approfondment rmanda all opera menzonata n bblografa. 4

7 pobltà d attualzzare l valore della rerva ntr facendo n ogn cao rfermento, come valore bae, a quello della tea a coto ultmo. I ntr del ramo R.C.Auto ono, n genere, molto comple e necetano d lungh perod d lqudazone (long-tal). Pertanto l metodo dell nventaro rchede partcolare attenzone e mama prudenza nel calcolo del coto d tal ntr. Invece per ntr caratterzzat da un elevata veloctà d lqudazone (hort-tal), come poono eere ntr dello teo ramo che hanno rportato dann a coe, l metodo dell nventaro porta, con pù certezza, ad un valore a coto ultmo del ntro. I metod d tma per la rerva ntr ono molteplc, n queto conteto verranno eamnat alcun tra metod determntc e tocatc. Ne captol uccev, e pù precamente nel econdo aranno llutrat tre crter determnt; n partcolar modo, come eempo d metodo concatenato llutrerà l chan ladder con le ue varant, come tpo d metod a coto medo, l metodo Fher-Lange, e tra pobl metod della eparazone analzzerà l metodo della eparazone artmetca d Taylor. Nel terzo captolo aranno ntrodott metod tocatc e le mure d varabltà che permettono d calcolare, nonché le dfferenze che ntercorrono tra le tee. Nello teo captolo cercherà d uperare gl vantagg del chan ladder a fn d determnare la rerva per ntr tardv, preentando un nuovo metodo d calcolo, l Munch Chan Ladder. Nel quarto captolo aranno preentate tre pobl dtrbuzon d probabltà predttve, ottenute, rpettvamente, con la tecnca del Boottrappng, potzzando per pagament futur una dtrbuzone Normale e LogNormale. Per tutt metod ono tate eegute delle applcazon a dat d una generca compagna d mede dmenon. I rultat conegut ono tat uccevamente confrontat n modo da comprendere meglo le analoge e le dvertà tra metod. La chuura d un ntro, e qund la ua permanenza n rerva, dpende dal danno cauato: e l ntro ha cauato olo dann a coe verrà chuo n temp abbatanza brev, qualora vengano rcontrat dann a perona l proceo d lqudazone arà pù lungo e l rarcmento rcheto alla compagna d acurazone nettamente maggore d quello rcheto n cao d dann a ben. Negl eemp rportat all nterno de dver captol, l perodo d vluppo è tato poto par a dodc ann, dunque farà rfermento ad un ramo long-tal con temp d lqudazone abbatanza lungh. In tutte le anal operatve volte non è fatta alcuna dfferenza rpetto alla tpologa d ntr convolta nella valutazone della rerva, vale a dre, per ogn anno d dffermento 5

8 ono conderat gl mport pagat e/o rervat, ncludendo n tal dat ntr rapert o denuncat, qualora c foero tat. Etono nfatt dver tp d ntr che l mprea deve empre analzzare affnché l valore della rerva non dcot tanto dal valore vero che l mprea non conoce. 6

9 CAPITOLO UNO Generaltà ulla rerva ntr. La leglazone della rerva ntr Tutte le mpree autorzzate ad eerctare l attvtà d acurazone contro dann ono obblgate a cotture le rerve tecnche econdo quanto precrtto dall artcolo 23 del decreto leglatvo 75/995. Con l termne rerve tecnche ntende l accantonamento necearo che l mprea deve dporre per far fronte agl mpegn aunt ne confront degl acurat, e come tal ono determnate ommando alla rerva prem la rerva ntr. La rerva prem è regolamentata dall artcolo 32 del decreto leglatvo 73/997 che prevede l utlzzo del metodo pro rata tempor per l calcolo della tea, o n alternatva permette alle mpree d mpegare l metodo forfettaro qualora a probable che da appromatvamente l medemo rultato del pro rata tempor. La valutazone della rerva ntr rchede un attenzone maggore a caua del uo mporto complevo. Infatt, tale rerva cottuce crca l 5% de prem eme nell anno 3. L artcolo 33 dello teo decreto n.73 rbadce la defnzone d rerva ntr precando come la ua enttà debba eere l rultato d una prudente valutazone dell ammontare complevo degl mport da crvere n blanco 4. La rerva ntr è ntea come l accantonamento necearo per far fronte a al coto d que ntr avvenut nello teo eerczo o n quell precedent e non ancora pagat alla data d chuura del blanco 5, a all onere relatvo alle pee d lqudazone. Nel calcolo della rerva ntr ono conderat a ntr d cu l mprea è a conocenza, a coddett IBNR (ncurred but not reported), ntendendo con cò ntr avvenut n un dato anno d eerczo ma d cu l mprea non è ancora al corrente al momento della teura del blanco. S tratta nfatt de ntr tardv, oa d que ntr denuncat con un certo 3 La rerva prem è crca l 4% de prem eme. 4 Crcolare Ivap n.36 D. del 2 Gennao Quet ono anche chamat ntr apert per qual l mprea è chamata ad un eboro totale o parzale. 7

10 rtardo ma che l mprea deve conderare per la valutazone della rerva poché è aunta l mpegno d ntervenre laddove l evento avvero foe verfcato. Nell artcolo 5 del provvedmento Ivap n.59-g del 4 dcembre 998 è fornta la dpozone n matera d ntr tardv e attnente alla rerva ntr. L accantonamento da porre n blanco per ntr tardv deve eere valutato ulla bae dell eperenza paata n merto alla frequenza e al coto medo de ntr denuncat tardvamente. Se ntr hanno l carattere dell eccezonaltà o ono partcolarmente onero, e pertanto non è poble far rcoro al paato, l mprea deve egnalare quete eccezon n nota ntegratva ndcando la procedura che ntende egure al fne d cotture la rerva per quet partcolar ntr tardv. In ogn cao le compagne d acurazone terranno conto della compatbltà tra dat torc n loro poeo e quanto prevto per lo vluppo degl IBNR. Il leglatore ha prevto l obblgo della valutazone a coto ultmo, coì come legge al comma 2 dell artcolo 33 dove ono contenut la tpologa de dat da conderare e l motvo del rcoro a tale crtero. Il concetto d coto ultmo prevedble, che per cotruzone comprende anche le pee d lqudazone, può eere rferto ad un ngolo ntro come la omma compleva corrpota al benefcaro, e rferto ad un ntera generazone gnfca conderare l ammontare totale necearo per pagare tutt ntr ed etnguere coì la generazone tea. E mportante rcordare che la drettva comuntara u cont annual e conoldat del 99 conentva la valutazone delle rerve ntr a a coto ultmo che a coto attualzzato, eppure con cert vncol, rnvando la celta all autortà d vglanza d cacuno Stato membro. Il paaggo da coto attualzzato a coto ultmo nace dall egenza d non conderare, durante la fae d tma delle rerve, eventual rendment fnanzar dervant dagl nvetment a copertura della rerva ntr, ma d proettare l coto al futuro, appunto coto ultmo, al fne d evtare che l mprea a epota al rcho d run-off per lo montamento della tea. Pertanto l valore della rerva ntr calcolata a coto ultmo è maggore della tea calcolato a coto attualzzato, dovendo, tale dfferenza, coprre l rcho d avere eventual perdte dallo montamento della rerva. Nella crcolare n.36/d del 999, l Ivap afferma d rtenere che l valore della rerva ntr a coto ultmo debba eere l rultato d una valutazone tecnca complea multfae, ndcando le dvere fa che l mprea deve egure per ottenere un ammontare della rerva ntr che 8

11 a ragonevolmente pù promo al coto ultmo. Al fne d pervenre al coto ultmo, le compagne d acurazone devono tener conto delle pee d lqudazone 6, che nel cao foero comun a pù ram, arà l mprea a procedere alla guta attrbuzone medante crter d rpartzone. Da un attenta lettura del decreto d rfermento, l n.73 del 997, nota come l leglatore non abba dettato quale metodo mpegare per la determnazone della rerva ntr, ma, emplcemente, ha defnto ndrettamente qual ono prncp che le mpree devono rpettare nel valutare la omma da rervare e da apporre n blanco. Tra quet rcorda l prncpo dell analtctà che mpone alle mpree d procedere alla determnazone delle omme da accantonare per ogn ngolo ntro. S tratta n realtà del coddetto metodo dell nventaro 7 che rchede una valutazone eparata per ogn ngolo ntro n quanto vene maggormente rpettato l prncpo d una prudente valutazone. A fn della tma della rerva, n deroga a tale prncpo, l leglatore ammette la pobltà d far rcoro al coto medo 8 per grupp d ntr omogene, uffcentemente numero e per la generazone corrente, coè la generazone d blanco. Non bogna dmentcare che anche n quet ultmo cao l crtero da egure è comunque quello del coto ultmo. Per ram credto e cauzone non è poble l mpego del coto medo 9. La pobltà d poter far rcoro al coto medo preuppone che l mprea d acurazone abba a dpozone un affdable metodo d rlevazone de dat torc n modo da poter dentfcare qual ono ntr, della generazone d blanco, che oddfano le carattertche d numerotà uffcente oltre che d omogenetà quanttatva e qualtatva, e a qual è poble applcare l coto medo. Una volta concluo l proceo dentfcatvo verrà mpegato l crtero del coto medo a ntr done, lacando la valutazone econdo l metodo dell nventaro agl altr ntr. Nella pratca l utlzzo d tme d nventaro non conente d norma d pervenre alla mglore tma e non otto l pote che tutt ntr rervat vengano lqudat e pagat al pù tard entro la fne dell eerczo uccevo. D contro l mpego d metodologe tattco-attuaral e d coeffcent d proezone della paata eperenza conentono con buona appromazone d pervenre ad 6 Nella crcolare n.36/d del 999 bpartcono le pee d lqudazone n nterne ed eterne. 7 La crcolare Ivap n.36/d del 2 gennao 999 ottolnea che l artcolo 33, comma 3 del decreto n.73, aegna al metodo dell nventaro un ruolo premnente nella quantfcazone dell mporto da rervare poché rtenuto maggormente aderente al prncpo della prudente valutazone n bae ad element obettv, n alternatva al metodo del coto medo. Inoltre, anche qualora a quet ultmo l metodo eguto per la valutazone d alcun ntr, la loro determnazone deve comunque condurre al coto ultmo prevedble. 8 Tale pobltà vene comunque permea oltanto a partcolar ram. S rmanda pertanto al comma 3 dell artcolo 33 del decreto leglatvo n I metod d valutazone della rerva ntr de ram appena rchamat ono defnt nel provvedmento ISVAP 978 G/2. 9

12 una prudente valutazone del coto ultmo per aggregazon o generazon d ntr (o per grupp o categore d ntro) e non per ngolo ntro. Succevamente l mprea farà uo d adeguat parametr d attrbuzone allo copo d rpartre l coto ultmo, o per ntr della generazone corrente l coto medo, a ngol ntr d ogn generazone. Il prncpo dell obettvtà rchede che le mpree d acurazone faccano uo d tutte le nformazon raccolte, dponbl e neceare per gungere alla bet etmate della rerva ntr. In tal modo è necearo conderare, oltre agl ebor che la compagna è tenuta a otenere, anche eventual omme che la tea potrà recuperare. Le eventual omme recuperabl, oltre a rendment fnanzar, non poono però eere convolte al fne d una deduzone o conto della rerva ntr. Se dver metod d tma doveero fornre valor nettamente dver, l prncpo della prudenza mpone l accantonamento della omma maggore. Infne, ma non meno mportante, rcorda l prncpo della competenza che fa da flo conduttore per la redazone d tutto l blanco d fne eerczo. Secondo tale prncpo l mprea deve porre n rerva l coto futuro prevto per ntr ancora da pagare, nclue le pee d lqudazone, tenuto conto dell nflazone e de ntr tardv, che eppur non ancora denuncat ono d competenza dell eerczo n cu redge l blanco. L nflazone convolta nel coto ntr può eere compota n nflazone eogena e nflazone endogena. L nflazone eogena è quella generale coè relatva alla crecta economca del Paee e la cu tma è fornta da ttut tattc come l Itat. L nflazone endogena è quella nterna all mprea tea, è la coddetta clam nflaton, ntendendo con cò l tao annuo d aumento del coto ntr carattertco dell mprea. Un attenzone partcolare dovrà eere rvolta dagl epert del ettore alla tma d quet ultma, che è legata a dvere varabl tra le qual rcordano la poltca tarffara e l effcenza delle trutture lqudatve ed ammntratve della compagna. Infne vuole rcordare che, non olo per una compagna d acurazone vta, ma anche per una compagna d acurazone contro dann, è necearo eere metcolo nella defnzone delle pote tecnche e fnanzare pote alla bae de metod celt per la prevone della rerva ntr. Infatt, un loro allontanamento per dfetto dalla realtà azendale potrebbe eere caua d una ottotma degl mpegn tecnc con nevtabl coneguenze ulla getone dell mprea. Infne, è bene rchamare qual ano le nformazon che devono eere rportate n nota ntegratva: Crcolare Ivap n.36/d del 999. Lo teo comma 7 dell artcolo 33 mpone mplctamente una corretta valutazone delle pote proettve.

13 metodologa utlzzata nella valutazone (tma eparata ntro per ntro ovvero coto medo per la generazone d blanco); ndcazone, n cao d utlzzo del crtero del coto medo lmtatamente a ntr dell eerczo: de grupp d ntr omogene e uffcentemente numero con relatv crter d ndvduazone; de cot med ultm applcat; decrzone degl eventual metod tattco-attuaral mpegat per la determnazone del coto ultmo de ntr, con partcolare rguardo a: eventual categore d ntr ntereat; pote tecnche e fnanzare applcate n pece per quanto attene al tao d crecta del coto de ntr utlzzato; ndcazone delle rmanent categore d ntr, o dell ntero ramo, valutat con crter dver dalle metodologe tattco-attuaral con decrzone delle procedure e pote applcate per la determnazone del coto ultmo; l ammontare dello cotamento, per dfetto o per ecceo, e rlevante, tra la rerva ntr n entrata e l aggregato cottuto da pagament d eercz precedent effettuat nell anno e dalla relatva nuova rerva d fne eerczo, con llutrazone de motv che lo hanno determnato. 2. La rerva ntr nella R.C.Auto Le mpree che eerctano l ramo dann hanno una forte preenza d polzze d Reponabltà Cvle Auto nel propro portafoglo. Queto pega perché ete un nteree non ndfferente ne confront d una corretta tma della rerva per ntr cagonat dalla crcolazone tradale d vecol a motore. La normatva pecale per l ramo R.C.Auto e natant prevede che la relatva rerva ntr a calcolata, alla fne d cacun eerczo, dtnguendo ntr econdo l'eerczo d denunca/avvenmento ( veda l veccho Modello 7 vluppo ntr RCA nonché l Modulo 29 ogg n vgore). Nella Crcolare Ivap n.53/d è ndcato che l attuaro ncarcato R.C.Auto decrve l proceo d formazone e metod d calcolo delle rerve tecnche adottat dall mprea. Con rfermento alla rerva ntr, l attuaro llutra l proceo d determnazone della rerva

14 attravero la valutazone eparata d cacun ntro (metodo dell nventaro). Laddove mpegata, llutra noltre la metodologa e le pote per la valutazone a coto medo della generazone d blanco. Decrve nfne crter ed metod d tma per la determnazone del coto ultmo de ntr nonché l procedmento d quantfcazone ed attrbuzone delle pee d lqudazone. L artcolo 8 del decreto leglatvo n.73 dcplna l comportamento delle compagne d acurazone n fae d tranzone, coè nel paare da coto attualzzato a coto ultmo. Nell artcolo legge che le mpree eercent l ramo d reponabltà cvle autovecol terretr ono tate autorzzate, fno alla redazone del blanco d eerczo del 2, ad utlzzare l crtero del coto medo attualzzato, potevano qund tener conto de provent fnanzar dervant dagl nvetment al fne d operare una deduzone o conto della rerva ntr lmtatamente alle generazon 997 e precedent. In nota ntegratva dovevano eere rportat l valore della rerva ntr prma della deduzone o conto, l ammontare del benefco fnanzaro, ta mpegat per le valutazon, l mporto della rerva contata e crter adottat per la valutazone del perodo che deve decorrere prma del pagamento de ntr. Nel cao d attualzzazone della rerva ntr, era noltre rcheto l nermento, n nota ntegratva, de metod tattco-attuaral mpegat; del perodo d dffermento delle ngole generazon d ntr e de relatv crter d determnazone; del tao d crecta del coto de ntr applcato a fn della determnazone del coto ultmo; del tao d rendmento utlzzato. Nello teo artcolo è noltre fornto l orzzonte temporale mamo che era conceo alle mpree per l attualzzazone, tale perodo è par a e ann n funzone dell anzantà d ogn generazone, n tal modo le generazon che rmanevano fuor dal range coì tablto dovevano eere valutate a coto ultmo 2. A fn della deduzone o conto della rerva ntr, l mprea doveva fornre una prevone ull andamento futuro de mercat fnanzar, da qu l egenza d eere prudent nel fornre le pote fnanzare 3 da applcare per l attualzzazone. Qund, e lo cenaro fnanzaro prevedeva de rba del tao d nteree, quet trend dovevano eere contemplat nella defnzone delle pote rguardant l tao d nteree. Sembra ntereante poter accennare a ram 4 e 5 4 del punto A) dell allegato al decreto leglatvo n.75 del 7 marzo Per maggor charment a rguardo rmanda alla crcolare n.36/d del Al punto d) del prmo comma dell artcolo 8 del decreto leglatvo n.73 ono fornt requt rchet affnché a poble l utlzzo d un partcolare tao d nteree per l attualzzazone. 4 Rpettvamente ramo credto e ramo cauzone. 2

15 Il provvedmento dell Ivap n cu ono contenute le dpozon a rguardo della rerva ntr per ram credto e cauzone è l n.978-g del 4 dcembre 2. Il provvedmento è entrato n vgore a partre dall eerczo 22 e pertanto non poono pù eere applcate, alle mpree che eerctano l ramo credto e l ramo cauzone, le dpozon contenute nel D.M. 23 maggo 98 uccevamente modfcato dal D.M. 22 gugno 982. Le dpozon del 4 dcembre 2 prevedono che, ferma retando l applcazone de crter general d cu all artcolo 33 del decreto leglatvo del 26 maggo 997 n.73, la rerva ntr per l ramo cauzone a cottuta a n cao d rcheta d ncameramento della cauzone a comunque al verfcar d att o fatt che confgurno o poano obettvamente confgurare preuppot della pretazone della garanza. La rerva ntr deve eere par alla omma acurata a meno che documentat element oggettv non conentano d rdurne l mporto 5. Anche per l ramo credto rmane d fatto poble l applcazone d quanto rportato all artcolo 33 del decreto leglatvo n.73, ma la rerva ntr deve eere cottuta oltanto al verfcar d determnate tuazon rportate nella ezone III artcolo 5 del provvedmento n.978-g. Al comma 4 dell artcolo 5 è tablto che la rerva ntr deve eere par alla omma acurata a meno che non prov la pobltà d una rduzone oggettva dell mporto acurato. Ogn anno l Ivap elabora delle tattche d mercato per l ramo R.C.Auto che rguardano, anche, dat necear per la valutazone della rerva ntr. S voglono rportare d eguto alcune d dette tattche Numero de ntr denuncat e con eguto Eerczo N. denuncat* Δ% N. denuncat con eguto** , , , , , , , , , , , , , , Δ ,9-24,5 * I ntr denuncat ono al netto de CID mandatar. ** S ntendono ntr pagat nell'eerczo o rervat alla fne dello teo eerczo. 5 Provvedmento Ivap 978-G del 4 dcembre 2. 6 Sono tate nerte le pù gnfcatve a fn del preente lavoro. Δ% 3

16 Dalla tabella opra evnce come l numero de ntr denuncat a tato tendenzalmente decrecente nell ntervallo d tempo conderato, lo teo andamento è rcontrable per ntr con eguto. Non tutt ntr che vengono denuncat alla compagna d acurazone daranno luogo a rarcment, è nfatt poble che un ntro venga chuo perché n eguto a vare anal non è rcontrata alcuna necetà d pagamento, quet ntr ono chamat enza eguto e non ono pù convolt nella tma della rerva ntr Dtrbuzone del numero de ntr elmnat enza eguto fno al (ncdenza percentuale rpetto al numero de ntr denuncat*) Gen. d accadmento Nell'anno d generazone Nel anno uccevo Nel 2 anno uccevo Nel 3 anno uccevo Nel 4 anno uccevo Nel 5 anno uccevo Valor al ,73% ,5% ,92% 57.77,9% ,43% 2.24,23% ,89% ,94% ,6% ,% ,96% 22.5,46%,% ,6% ,% ,68% ,57% ,%,%,% 8.4 8,7% ,33% ,85% ,5%,%,%,% ,39% ,56% ,66%,%,%,%,% ,3% ,9%,%,%,%,%,% 365.7,9% * Il numero de ntr denuncat per ogn generazone modfca n cacun anno uccevo all'accadmento per effetto delle denunce tardve pervenute. L ncdenza del numero de ntr elmnat perché enza eguto, come è guto attender, per una generazone rduce e l dffermento è maggore. Queta ovva rduzone è dovuta otanzalmente al fatto che ne var ann l mprea lquda de ntr. Infatt, la gran parte delle chuure per enza eguto avvene entro l econdo anno d dffermento, l motvo è da rcercare nel fatto che molt ntr ono tat gà pagat o elmnat negl ann precedent. Oervando l ultma colonna rcava, per le generazon rportate n tabella, la percentuale de ntr elmnat enza eguto n data 3 dcembre 24. S può affermare che ono tat elmnat per enza eguto n meda l 5% de ntr denuncat ne dver ann. Il retante 85% è compoto da ntr pagat, rervat o elmnat per enza eguto n data ucceva al 3 dcembre 24. 4

17 2.3.Dtrbuzone del numero de ntr rapert fno al (ncdenza percentuale rpetto al numero de ntr denuncat*) Generazone Nel anno Nel 2 anno Nel 3 anno Nel 4 anno Nel 5 anno Valor al d uccevo uccevo uccevo uccevo uccevo accadmento ,9% 74.67,4% 3.49,59% 7.52,33%.48,2% ,7% ,5% 7.757,46% 33.48,68% 9.48,39%,% ,67% ,54% ,87% ,73%,%,% ,% ,86% 73.8,74%,%,%,% ,58% ,22%,%,%,%,% ,22% * Il numero de ntr denuncat per ogn generazone modfca n cacun anno uccevo all'accadmento per effetto delle denunce tardve pervenute. I dat della tabella 2.3. ono tat raccolt dal mercato acuratvo nell ntervallo d tempo che va dall eerczo 999 all eerczo 24. Come nota però non è preente la rga relatva al 24, l motvo è molto emplce: nello teo anno d generazone non etono, per defnzone, ntr rapert, nfatt non è preente la colonna relatva alla tea generazone. I ntr del 24 aranno rapert a partre dal 25. L ncdenza percentuale de rapert è decrecente ne dver ann d vluppo per lo teo motvo de enza eguto. Fno al 3 dcembre 24 ono tat rapert n meda l 4% de ntr denuncat nelle dvere generazon Veloctà d lqudazone per numer Generazone Rerva Nell'anno d Al anno Al 2 anno Al 3 anno Al 4 anno Al 5 anno d Sntr al generazone uccevo uccevo uccevo uccevo uccevo accadmento ,4% 89,% 95,% 97,3% 98,4% 99,%,% 2 57,7% 89,% 95,% 97,2% 98,4%,%,6% 2 56,6% 88,2% 94,6% 97,2%,%,% 2,8% 22 56,2% 88,% 94,6%,%,%,% 5,4% 23 57,% 88,9%,%,%,%,%,% 24 63,%,%,%,%,%,% 37,% NB: Percentuale de ntr pagat, cumulat n cacun anno d vluppo, rpetto a ntr rultat con eguto al (pagat + rervat) La veloctà d lqudazone per numer d ntr è abbatanza table per tutt gl ann d accadmento ne dver ann vluppo. Nel paare dall anno d generazone al qunto anno d vluppo, gl ncrement ono empre meno proporzonal, cò vuol dre che la 5

18 veloctà d lqudazone per numer egue un andamento concavo. S uppone che tutte le generazon eguano lo teo andamento: partono da un valore ntorno al 6% e dopo un qunquenno raggungono crca l %; n queta tabella è poble vedere cò olo per l anno 999. Nell ultma colonna ono rportate le percentual del numero de ntr che n data 3 dcembre 24 non ono tat ancora chu e che pertanto contnueranno ad eere pot n rerva fno a quando non procederà ad una loro elmnazone, o perché pagat o perché enza eguto. La percentuale de ntr rervat è molto baa per generazon lontane perché ono tat gà lqudat la gran parte de ntr, retano da pagare molto probablmente ntr che rchedono una fae d lqudazone pù lunga come per eempo quell che hanno cagonato dann a perone. Invece, per le generazon pù recent la percentuale redua è molto pù elevata perché maggore è l numero d ntr ancora da lqudare. Prendendo come eempo la generazone 24 può affermare che al 3 dcembre dello teo anno le compagne eercent l ramo R.C.Auto n Itala avevano pagato l 63% de ntr denuncat nello teo anno, le tee avevano meo a rerva l 37% del totale de ntr avvenut. E bene rcordare che le percentual relatve all anno d generazone ono puttoto elevate perché prm ntr ad eere chu ono quell con ol dann a coe, relatvamente non troppo onero Veloctà d lqudazone per mport Nell'anno Rerva Gen. d Al anno Al 2 anno Al 3 anno Al 4 anno Al 5 anno d Sntr al accadmento uccevo uccevo uccevo uccevo uccevo generazone ,6% 6,7% 75,6% 82,% 86,% 89,3%,7% 2 27,6% 62,2% 75,4% 8,8% 86,%,% 4,% 2 27,7% 6,6% 75,% 8,6%,%,% 8,4% 22 27,8% 62,% 75,7%,%,%,% 24,3% 23 29,3% 63,%,%,%,%,% 36,9% 24 33,%,%,%,%,%,% 67,% NB: Percentuale de pagament, cumulat n cacun anno d vluppo, rpetto al coto complevo de ntr rultat con eguto al (pagat + rervat) In modo analogo a quanto fatto per l numero de ntr, l Ivap preenta una tabella rauntva ulla veloctà d lqudazone per mport. L andamento è dentco a quello della tabella precedente: al 3 dcembre 24 c è una percentuale baa d ntr ancora da lqudare per la generazone 999 e una percentuale pù alta per ntr del 24. La dfferenza è ne valor aolut d tal percentual. Le due tabelle motrano valor alquanto 6

19 dfferent, nfatt, dat della 2.5. ono cotantemente nferor a relatv dat della 2.4. E poble qund dedurre che le veloctà d lqudazone per numer ono tematcamente pù elevate delle relatve veloctà d lqudazone per mport. Generalmente le mpree d acurazone chudono prma ntr con dann a coe, oprattutto quell d mport puttoto ba, e uccevamente ntr che hanno cauato dann alle perone perché quet ultm rchedono delle pecfche perze d durate non ndfferent. E raputo che l ramo R.C.Auto ha de temp d lqudazone puttoto lungh quando negl ncdent dervant dalla crcolazone tradale de vecol a motore ono convolte delle perone. Poché ul totale de ntr avvenut, l numero de ntr con ol dann a coe è molto pù elevato d quell con dann a perone, d quet ultm, fortunatamente, non ne accadono tant, la veloctà d lqudazone per numer è maggore d quella per mport Sntr pagat dell eerczo e degl eercz precedent (mport n mlon d Euro; cot med n untà d Euro) Eerczo Sntr accadut nell'eerczo Sntr accadut negl eercz precedent Totale n.pag mp.pag pag.medo n.pag Δ % -8,3 2,4-4, mp.pag Δ % -2,8 6,3 3,4 pag.medo Δ % 6, 3,8 7,7 n.pag Δ % -,7-3,7-8,3 mp.pag Δ %,7 7,8 6, Pag.medo Δ % 5,2 2, 5,5 n.pag Δ % -5,9-7,5-6,6 mp.pag Δ % 2,3-2, -,8 Pag.medo Δ % 8,7 6, 6,3 7

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO

CINEMATICA DEL CORPO RIGIDO INEMTI DE ORPO RIGIDO o tudo della geometra degl potament de punt d un tema materale potzzato come rgdo rentra n quella parte della Meccanca laca che è la nematca. a cnematca tuda pobl movment d un corpo

Dettagli

Liste di specie e misure di diversità

Liste di specie e misure di diversità Lte d pece e mure d dvertà Carattertche delle lte d pece I dat ono par, coè hanno molt valor null (a volte la maggoranza!) La gran parte delle pece preent è rara. I fattor ambental che nfluenzano la dtrbuzone

Dettagli

LA COMPATIBILITA tra due misure:

LA COMPATIBILITA tra due misure: LA COMPATIBILITA tra due msure: 0.4 Due msure, supposte affette da error casual, s dcono tra loro compatbl quando la loro dfferenza può essere rcondotta ad una pura fluttuazone statstca attorno al valore

Dettagli

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m

w w w. a x i o s i t a l i a. c o m w w w. a x o t a l a. c o m SISSIWEB AXIOS SIDI INVIO SMS INVIO EMAIL ACQUISIZIONE ASSENZE - DA SCANNER - DA PALMARE C/C POSTALE E BANCARIO DICHIARAZIONE DEI SERVIZI GESTIONE ORARIA DEL PERSONALE PRIVACY

Dettagli

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE

UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE UNA RASSEGNA SUI METODI DI STIMA DEL VALUE at RISK (VaR) Chara Pederzol - Costanza Torrcell Dpartmento d Economa Poltca - Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Marzo 999 INDICE Introduzone. Il concetto

Dettagli

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione

Relazione funzionale e statistica tra due variabili Modello di regressione lineare semplice Stima puntuale dei coefficienti di regressione 1 La Regressone Lneare (Semplce) Relazone funzonale e statstca tra due varabl Modello d regressone lneare semplce Stma puntuale de coeffcent d regressone Decomposzone della varanza Coeffcente d determnazone

Dettagli

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E

Strutture deformabili torsionalmente: analisi in FaTA-E Strutture deformabl torsonalmente: anals n FaTA-E Il comportamento dsspatvo deale è negatvamente nfluenzato nel caso d strutture deformabl torsonalmente. Nelle Norme Tecnche cò vene consderato rducendo

Dettagli

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri

La rappresentazione dei numeri. La rappresentazione dei numeri. Aritmetica dei calcolatori. La rappresentazione dei numeri Artmetca de calcolator Rappresentazone de numer natural e relatv Addzone e sommator: : a propagazone d rporto, veloce, con segno Moltplcazone e moltplcator: senza segno, con segno e algortmo d Booth Rappresentazone

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita

Corso di laurea in Ingegneria Meccatronica. DINAMICI CA - 04 ModiStabilita Automaton Robotcs and System CONTROL Unverstà degl Stud d Modena e Reggo Emla Corso d laurea n Ingegnera Meccatronca MODI E STABILITA DEI SISTEMI DINAMICI CA - 04 ModStablta Cesare Fantuzz (cesare.fantuzz@unmore.t)

Dettagli

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice

Metodologia di controllo. AUTORIMESSE (III edizione) Codice attività: 63.21.0. Indice Metodologa d controllo AUTORIMESSE (III edzone) Codce attvtà: 63.21.0 Indce 1. PREMESSA... 2 2. ATTIVITÀ PREPARATORIA AL CONTROLLO... 3 2.1 Interrogazon dell Anagrafe Trbutara... 3 2.2 Altre nterrogazon

Dettagli

Corrente elettrica e circuiti

Corrente elettrica e circuiti Corrente elettrca e crcut Generator d forza elettromotrce Intenstà d corrente Legg d Ohm esstenza e resstvtà esstenze n sere e n parallelo Effetto termco della corrente Legg d Krchhoff Corrente elettrca

Dettagli

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo

CHAPTER 1 CINEMATICA. 1.1. Moto Rettilineo ESERCIZI DI FISICA CHAPTER 1 CINEMATICA 1.1. Moto Rettilineo Velocità media: vettoriale e calare. Exercie 1. Carl Lewi ha coro i 100m piani in circa 10, e Bill Rodger ha vinto la maratona (circa 4km)

Dettagli

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica

Progetto Lauree Scientifiche. La corrente elettrica Progetto Lauree Scentfche La corrente elettrca Conoscenze d base Forza elettromotrce Corrente Elettrca esstenza e resstvtà Legge d Ohm Crcut 2 Una spra d rame n equlbro elettrostatco In un crcuto semplce

Dettagli

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica

Unità Didattica N 25. La corrente elettrica Untà Ddattca N 5 : La corrente elettrca 1 Untà Ddattca N 5 La corrente elettrca 01) Il problema dell elettrocnetca 0) La corrente elettrca ne conduttor metallc 03) Crcuto elettrco elementare 04) La prma

Dettagli

5. Il lavoro di un gas perfetto

5. Il lavoro di un gas perfetto 5. Il lavoro d un gas perfetto ome s esprme l energa nterna d un gas perfetto? Un gas perfetto è l sstema pù semplce che possamo mmagnare: le nterazon a dstanza fra le molecole sono così debol da essere

Dettagli

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media

Errori di misura. è ragionevole assumere che una buona stima del valore vero sia la media Errori di miura Se lo trumento di miura è abbatanza enibile, la miura rietuta della tea grandezza fiica darà riultati diveri fra loro e fluttuanti in modo caratteritico. E l effetto di errori cauali, o

Dettagli

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare

Relazioni tra variabili: Correlazione e regressione lineare Dott. Raffaele Casa - Dpartmento d Produzone Vegetale Modulo d Metodologa Spermentale Febbrao 003 Relazon tra varabl: Correlazone e regressone lneare Anals d relazon tra varabl 6 Produzone d granella (kg

Dettagli

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel

Misura della distanza focale. di una lente convergente. Metodo di Bessel Zuccarello Francesco Laboratoro d Fsca II Msura della dstanza focale d una lente convergente Metodo d Bessel A.A. 003-004 Indce Introduzone..pag. 3 Presuppost Teorc.pag. 4 Anals de dat.pag. 8. Modo d operare...pag.

Dettagli

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer

Messa a punto avanzata più semplice utilizzando Funzione Load Observer Mea a punto avanzata più emplice utilizzando Funzione Load Oberver EMEA Speed & Poition CE Team AUL 34 Copyright 0 Rockwell Automation, Inc. All right reerved. Co è l inerzia? Tutti comprendiamo il concetto

Dettagli

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO

CONTO CONSUNTIVO PER L'ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL DIRIGENTE SCOLASTICO DIREZIONE DIDATTICA DEL 4 CIRCOLO DI FORLI' Va Gorgna Saff, n.12 Tel 0543/33345 fax 0543/458861 C.F. 80004560407 CM FOEE00400B e-mal foee00400b@struzone.t - posta cert.: foee00400b@pec.struzone.t sto web:

Dettagli

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali

BOZZA. Lezione n. 20. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tensioni normali Lezione n. Stati limite nel cemento armato Stato limite ultimo per tenioni normali Determinazione elle configurazioni i rottura per la ezione Una volta introotti i legami cotitutivi, è poibile eterminare

Dettagli

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica.

Argomenti. Misure di corrente elettrica continua, di differenza di potenziale e di resistenza elettrica. ppunt per l corso d Laboratoro d Fsca per le Scuole Superor rgoent Msure d corrente elettrca contnua, d dfferenza d potenzale e d resstenza elettrca. Struent d sura: prncp d funzonaento. Coe s effettuano

Dettagli

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI

CIRCUITI DI IMPIEGO DEI DIODI UT D MPEGO DE DOD addrzzare ad na seonda. l crcto pù seplce, che pega l dodo coe raddrzzatore d na tensone alternata, è rappresentato n Fg.. n esso n generatore deale d tensone alternata l c valore stantaneo

Dettagli

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno

Indici di Posizione. Gli indici si posizione sono misure sintetiche ( valori caratteristici ) che descrivono la tendenza centrale di un fenomeno Idc d Poszoe Gl dc s poszoe soo msure stetche ( valor caratterstc ) che descrvoo la tedeza cetrale d u feomeo La tedeza cetrale è, prma approssmazoe, la modaltà della varable verso la quale cas tedoo a

Dettagli

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE

COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/09/02) LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE COMUNICAZIONE AI GRUPPI DI LAVORO SIDEA (13/9/2) ECONOMIA E POLITICA DEL SETTORE ITTICO 1.INTRODUZIONE. LE CONDIZIONI DI OTTIMALITÀ PER LA DETERMINAZIONE DELLE CATTURE DI PESCE (una applcazone ad un contesto

Dettagli

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso.

I vettori. a b. 180 α B A. Un segmento orientato è un segmento su cui è stato fissato un verso. di percorrenza, da verso oppure da verso. I vettor B Un segmento orentto è un segmento su cu è stto fssto un verso B d percorrenz, d verso oppure d verso. A A Il segmento orentto d verso è ndcto con l smolo. Due segment orentt che hnno l stess

Dettagli

Leggere i dati da file

Leggere i dati da file Esempo %soluzon d una equazone d secondo grado dsp('soluzon d a^+b+c') anput('damm l coeffcente a '); bnput('damm l coeffcente b '); cnput('damm l coeffcente c '); deltab^-4*a*c; f delta0 dsp('soluzon

Dettagli

Problema 1: Una collisione tra meteoriti

Problema 1: Una collisione tra meteoriti Problema : Una colliione ra meeorii Problemi di imulazione della econda prova di maemaica Eami di ao liceo cienifico 5 febbraio 05 Lo udene deve volgere un olo problema a ua cela Tempo maimo aegnao alla

Dettagli

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti

Dimostrazione della Formula per la determinazione del numero di divisori-test di primalità, di Giorgio Lamberti Gorgo Lambert Pag. Dmostrazoe della Formula per la determazoe del umero d dvsor-test d prmaltà, d Gorgo Lambert Eugeo Amtrao aveva proposto l'dea d ua formula per calcolare l umero d dvsor d u umero, da

Dettagli

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine

Lezione 4. Risposte canoniche dei sistemi del primo e del secondo ordine Lezione 4 Ripoe canoniche dei iemi del primo e del econdo ordine Parameri caraeriici della ripoa allo calino Per ripoe canoniche i inendono le ripoe dei iemi dinamici ai egnali coiddei canonici (impulo,

Dettagli

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso

Nadia Garbellini. L A TEX facile. Guida all uso Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso 2010 Nada Garbelln L A TEX facle Guda all uso seconda edzone rveduta e corretta 2010 PRESENTAZIONE L amca e brava Nada Garbelln, autrce d questa bella e semplce

Dettagli

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto

PREFAZIONE. di Giuseppe Berto , PREFAZIONE d Guseppe Berto RICORDO DEL TERRAGLIO Quand'ero govane, e la vogla d grare l mondo m spngeva n terre lontane, a ch m chedeva notze del mo paese, rspondevo: l mo paese è una strada. In effett,

Dettagli

Impianti VAV di ultima generazione

Impianti VAV di ultima generazione PANORAMICA Impianti VAV di ultima generazione Prodotti all'avanguardia per la ventilazione regolabile u richieta! www.wegon.com La ventilazione regolabile u richieta garantice grande comfort e coti di

Dettagli

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile

Lorenzo Pistocchini RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO. Agenzia Nazionale per le Nuove Tecnologie, l Energia e lo Sviluppo Economico Sostenibile Agenza Nazonale per le Nuove Tecnologe, l Energa e lo Svluppo Economco Sostenble RICERCA DI SISTEMA ELETTRICO Ottmzzazone termofludodnamca e dmensonamento d uno scambatore d calore n controcorrente con

Dettagli

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI

ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI ONDE ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. TRIVIA GIANLUIGI 1. Tipi di Onde Exercie 1. Un onda viaggia lungo una corda tea. La ditanza verticale dalla creta al ventre è di 13 c e la ditanza orizzontale dalla creta

Dettagli

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO.

ARGOMENTO: MISURA DELLA RESISTENZA ELETTRICA CON IL METODO VOLT-AMPEROMETRICO. elazoe d laboratoro d Fsca corso M-Z Laboratoro d Fsca del Dpartmeto d Fsca e Astrooma dell Uverstà degl Stud d Cataa. Scala Stefaa. AGOMENTO: MSUA DELLA ESSTENZA ELETTCA CON L METODO OLT-AMPEOMETCO. NTODUZONE:

Dettagli

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI

ELABORAZIONE DI SEGNALI E IMMAGINI Fltraggo d un segnale EABORAZIOE DI SEGAI E IAGII. Bertero P. Boccacc bertero@ds.unge.t boccacc@ds.unge.t Al ne d glorare la qualtà d un segnale dgtale una tecnca d prara portanza è l ltraggo. Con l quale

Dettagli

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI

ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI ALU STAFFE IN ALLUMINIO SENZA FORI Giunzione a compara in lega di alluminio per utilizzo in ambienti interni ed eterni (cl. di erv. 2) Preforata con ditanze ottimizzate per giunzioni ia u legno (chiodi

Dettagli

Raffinamenti dell equilibrio di Nash

Raffinamenti dell equilibrio di Nash Raffinamenti dell equilibrio di Nah equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) ed altro Appunti a ura di Fioravante PATRONE verione del: maggio ndie Equilibri perfetti nei ottogiohi (SPE) SPE problematii 4

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale

ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA. anni di AIP. Relazione del Presidente in occasione del 10 Congresso Nazionale ASSOCIAZIONE ITALIANA PSICOGERIATRIA anni di AIP Relazione del Preidente in occaione del 10 Congreo Nazionale Gardone Riviera (BS), 15 aprile 2010 Preidenti Onorari Mario Barucci Lodovico Frattola Pat

Dettagli

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al

tramite della Segreteria della scuola), trasmissione dei verbali e degli atti al L verbae n"..8j... Ogg, se marzo duemaqundc, ae ore 13.00, s è runta nea sede d questa sttuzone Scoastca a commssone Eettorae così composta RBEZZO ASSUNTA Presdente; VAL SABNA Segretaro, FATORELLO GAMPETRO

Dettagli

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma.

._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ CIRCOLARE N. 21. MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 ID: 382320. Roma. D: 382320 MEF - RGS - Prot. 47613 del 09/06/2015 CRCOLARE N. 21 Roma.._~zio/ei,o, ck//jg~~e~ Y~ DPARTMENTO DELLA RAGONERA GENERALE DELLO STATO SPETTORATO GENERALE PER GL ORDNAMENT DEL PERSONALE UFFCO V

Dettagli

1. Integrazione di funzioni razionali fratte

1. Integrazione di funzioni razionali fratte . Integazone d fnzon azonal fatte P S songa d vole calcolae n ntegale del to: d Q ove P e Q sono olno nell ndetenata d gado assegnato. Sonao ce: P a n n a n n a a Q b b b b oleent s etod d ntegazone I

Dettagli

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015

COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 COMUNICATO STAMPA DEL 15 MAGGIO 2015 Nel 2014 la raccolta premi complessiva realizzata dalle imprese di assicurazione italiane e dalle rappresentanze in Italia di imprese extra europee continua il trend

Dettagli

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali

PROCESSI CASUALI. Segnali deterministici e casuali POCESSI CASUALI POCESSI CASUALI Segnal deermnsc e casual Un segnale () s dce DEEMIISICO se è una funzone noa d, coè se, fssao un qualunque sane d empo o, l valore ( o ) assuno dal segnale è noo con esaezza

Dettagli

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI

Il MINISTRO DELLA GIUSTIZIA di concerto con IL MINISTRO DEI LAVORI PUBBLICI Corrispettivi delle attività di progettazione e delle altre attività ai sensi dell articolo 17, comma 14 bis, della legge 11 febbraio 1994 n.109 e successive modifiche. l MNSTRO DELLA GUSTZA di concerto

Dettagli

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici

Stim e puntuali. Vocabolario. Cambiando campione casuale, cambia l istogramma e cambiano gli indici Stm e putual Probabltà e Statstca I - a.a. 04/05 - Stmator Vocabolaro Popolazoe: u seme d oggett sul quale s desdera avere Iformazo. Parametro: ua caratterstca umerca della popolazoe. E u Numero fssato,

Dettagli

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI

6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI 6 DINAMICA DEI SISTEMI DI PUNTI MATERIALI Consdeao un sstea d n unt ateal con n > nteagent ta loo e con l esto dell unveso. Nello studo d un tale sstea sulta convenente scooe la foza agente ( et) sull

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY Dental Buyer Club S.r.l. rispeta la privacy dei suoi visitatori. La salvaguardia della riservatezza dei dat personali dei nostri client e delle persone con le quali entriamo in contato è

Dettagli

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s.

PROBLEMI. 1) Calcolare il tempo impiegato dal suono per percorrere 8 Km. La velocità del suono nell aria è v = 340 m/s. PROBLEMI 1) Calcolare il tempo impiegato dal uono per percorrere 8 Km. La velocità del uono nell aria è v = 340 m/. ) Dopo quanto tempo un onda onora emea da un punto ditante 400 m da una uperficie ripaa

Dettagli

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE

IIIEGIOEE S1(ìrL1.fiNA IL DIRIGENTE GENERALE REPBBLCA TALANA Doo. N, 7 gšfl- n.a.r. [../', 1- EGOEE S1(ìrL1.fiNA AS SES SORATO REGONALE DEl..L.'ENERGA E DE SERVZ D PUBBLCA UTLTÀ DPARTMENTO REGONALE DE.,'ACQUA E DE RFUT ui', L DRGENTE GENERALE VSTO

Dettagli

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2

Orientamenti ABE in materia di. valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Orientamenti ABE in materia di valore a rischio in condizioni di stress (VaR in condizioni di stress) EBA/GL/2012/2 Londra, 16.05.2012 1 Oggetto degli orientamenti 1. Il presente documento contiene una

Dettagli

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti Il presente documento defnisce le condizioni generali ( Condizioni ) per l utlizzo del sito internet www.becomingossola.com ( Sito web ) da

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. TRECESM MENSLT' RRETRT NNO RRETRT PER NN RECUPER PER RTR mporto Totale ECONOMC CORRENTE PRECEDENT SSENZE ECC. NZNT' N Mesi

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

T12 Oneri per Competenze Stipendiali

T12 Oneri per Competenze Stipendiali T12 Oneri per Competenze Stipendiali Qualifica MENSLT' STPENO..S. R.../ PROGR. ECONOMC NZNT' TRECESM MENSLT' RRETRT NNO CORRENTE RRETRT PER NN PRECEDENT RECUPER PER RTR SSENZE ECC. mporto Totale N Mesi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset

come si tiene conto della limitazione d ampiezza e di velocità come si tiene conto della limitazione di frequenza come si tiene conto degli offset 8a resentazone della lezone 8 /6 Obettv come s tene conto della lmtazone d ampezza e d veloctà come s tene conto della lmtazone d reqenza come s tene conto degl oset 8a saper preved. col calcolo l nlenza

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboraorio di Algorimi e Sruure Dai Aniello Murano hp://people.na.infn.i people.na.infn.i/ ~murano/ 1 Algorimi per il calcolo di percori minimi u un grafo 1 Un emplice problema Pr oblema: Supponiamo che

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14

ISTITUTO COMPRENSIVO UGO FOSCOLO VESCOVATO SCUOLA SECONDARIA DI 1 GRADO PIANO ANNUALE DELLE ATTIVITA' A.S. 2013/14 STTUTO COMPRENSVO UGO FOSCOLO SCUOLA SECONDARA D 1 GRADO PANO ANNUALE DELLE ATTVTA' A.S. 2013/14 PROT. N. 5991 /A-19 Vescovato, 19/09/2013 Data Giorno Sedi scolastiche Classi Orario Durata ATTVTA' COLLEGO

Dettagli

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio.

Guida Rapida. Guida Rapida. Telefoni. Progetto. Collegati ai sistemi Progetto. PROMELIT Meglio comunicare meglio. Guida Rapida Guida Rapida Progetto Telefoni N e x t Collegati ai sistemi Progetto 35 PROMELT Meglio comunicare meglio. Telefoni PROGETTO NEXT Telefono ntercomunicante PROGETTO NEXT l Vs. apparecchio ha

Dettagli

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA

ISOTOPI LA SICUREZZA NON VA VISTA COME UN IMPEDIMENTO A SVOLGERE LA PROPRIA ATTIVITA, MA DIVENTA PARTE INTEGRANTE DELL ATTIVITA STESSA LA SCUREZZA NON VA VSTA COME UN MPEDMENTO A SVOLGERE LA PROPRA ATTVTA, MA DVENTA PARTE NTEGRANTE DELL ATTVTA STESSA Dott.ssa Benedetta Persechino - SPESL - DML 1895 SCOPERTA DE RAGG X RADOATTVTA PROPRETA

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39)

REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE n.806 del 01/07/2014 REGIONE PUGLIA AZIENDA SANITARIA LOCALE DELLA PROVINCIA DI FOGGIA (Istituita con L.R. 28/12/2006, n. 39) DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE n.806 del 01/07/2014 Proposta

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE

DIODO E RADDRIZZATORI DI PRECISIONE OO E AZZATO PECSONE raddrzzar ( refcar) sn crcu mpega per la rasfrmazne d segnal bdreznal n segnal undreznal. Usand, però, dd per raddrzzare segnal, s avrà l svanagg d nn per raddrzzare segnal la cu ampezza

Dettagli

DOC SI-RR+ ITAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 SI-RR+

DOC SI-RR+ ITAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 SI-RR+ DOC -RR+ TAL OK der 18/06/03 10:05 Page 1 25 cm 25 cm -RR+ A/ NFORMAZON GENERAL 1/ nstallazione Collocare il programmatore presso una presa di corrente a 230 V, 50 Hz. La presa deve far parte di un impianto

Dettagli

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA

ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA ALCUNI ELEMENTI DI TEORIA DELLA STIMA Quado s vuole valutare u parametro θ ad esempo: meda, varaza, proporzoe, oeffete d regressoe leare, oeffete d orrelazoe leare, e) d ua popolazoe medate u ampoe asuale,

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016)

DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM. Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) DETERMINA DELLA CNFC 23 LUGLIO 2014-10 OTTOBRE 2014 IN MATERIA DI CREDITI FORMATIVI ECM Art. 1 (Obbligo formativo triennio 2014-2016) 1. L obbligo formativo standard per il triennio 2014-2016 è pari a

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

AVVER. Si raccomanda, dopo la prima ora di allenamento, di controllare tutti i serraggi, con particolare attenzione a:

AVVER. Si raccomanda, dopo la prima ora di allenamento, di controllare tutti i serraggi, con particolare attenzione a: EVO Grazie per la fiducia accordata e buon divertimento. Con questo libretto abbiamo voluto darle le informazioni necessarie per un corretto uso e una buona manutenzione della Sua moto. dati e le caratteristiche

Dettagli

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI

51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI SERVIZIO NORMATIVA E POLITICHE DI VIGILANZA Roma 15 aprile 2014 Prot. n. All.ti n. 1 51-14-000579 Alle Imprese di assicurazione e riassicurazione con sede legale in Italia LORO SEDI Alle Alle Imprese capogruppo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

COMMISSIONE AZIENDALE DEL FARMACO PROCEDURA SULLA PRESCRIZIONE DI FARMACI PER INDICAZIONI NON AUTORIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO COMMISONE AZIENDALE DEL FAMACO POCEDUA SULLA PESCIZIONE DI FAMACI PE INDICAZIONI N AUTOIZZATE DALL AGENZIA ITALIANA DEL FAMACO 1. SCOPO/OBIETTIVO Informare il Personale Medico dell Aziende Sanitarie della

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T.

PROGRAMMA DI RlQUALIFICAZIONE URBANA E SVILUPPO SOSTENIBILE DEL TERRlTORlO PRUSST CALIDONE. COLLEGIa DI VIGILANZA P.R.U.S.S.T. PRUSST "CALDONE" Programma di Riqualificazione Urbana e Sviluppo So sren i bi le del Terr it o r i o Collegio d i Vigilanza Via Traianc.tc- 821 ne-benevento. Tel.:0824/21549 Fax:0824/25432 Email: collegiodivigilanza@virgilio.it

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23

Unità 2 Inviluppo di volo secondo le norme F.A.R. 23 Untà Invlupp d vl secnd le nrme F.A.R. 3.1 Il dgrmm d mnvr Cn rferment qunt rprtt nel prgrf 1.4 dell precedente Untà s può scrvere: n f z L 1 ρscl 1 ρs CL v ( cs t) C v L uest sgnfc che per un dt qut (ρ)

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Analisi in regime sinusoidale (parte V)

Analisi in regime sinusoidale (parte V) Appunti di Elettrotecnica Analisi in regime sinusoidale (parte ) Teorema sul massimo trasferimento di potenza attiva... alore della massima potenza attiva assorbita: rendimento del circuito3 Esempio...3

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

Il villaggio delle fiabe

Il villaggio delle fiabe Il villaggio delle fiabe Idea Progetto bambini 2^ A A. Mei Costruzione Direzione dei lavori maestre L idea di partenza Il DADO è un cubo. Noi siamo molto curiosi e ci siamo posti questa domanda: Come sono

Dettagli

Business Intelligence. Il data mining in

Business Intelligence. Il data mining in Business Intelligence Il data mining in L'analisi matematica per dedurre schemi e tendenze dai dati storici esistenti. Revenue Management. Previsioni di occupazione. Marketing. Mail diretto a clienti specifici.

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli