Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Part. Y1792A - 06/06-01 PC. Protocollo di comunicazione seriale Modbus"

Transcript

1 Part. Y1792A - 06/06-01 PC Protocollo di comunicazione seriale Modbus

2

3 3 INDICE 1. Protocollo Modbus Pag Impostazione parametri di comunicazione Pag Protocollo Modbus RTU Pag Funzioni Modbus implementate Pag Funzione 04 - Read input register Pag Funzione 06 - Preset single register Pag Funzione 07 - Read exception status Pag Funzione 17 - Report slave ID Pag Errori Pag Tabella 1 - Codici errore Pag Protocollo Modbus ASCII Pag Calcolo del CRC (CHECKSUM per RTU) Pag Calcolo del LRC (CHECKSUM per ASCII) Pag Tabelle degli indirizzi Pag Tabella 2 - Misure fornite dal protocollo di comunicazione Pag Tabella 3 - Bit di stato generali Pag Tabella 4 - Comandi da remoto Pag Tabella 5 - Parametri di Setup Pag Connessione PC-Centralina via RS-232 Pag Connessione PC-Centralina via RS-485 Pag. 20

4 Protocollo Modbus 4 1. Protocollo Modbus La Centralina supporta i protocolli di comunicazione Modbus RTU e Modbus ASCII sulle porte seriali RS-232 e RS-485. Grazie a questa funzione è possibile leggere lo stato degli apparecchi e controllare gli stessi tramite software dedicati, software di supervisione standard forniti da terze parti (SCADA) oppure tramite apparecchiature dotate di interfaccia Modbus quali PLC e terminali intelligenti. Si tratta di un protocollo Master-Slave, dove il Master (di solito un PC) è l unico dispositivo che può prendere l iniziativa di interrogare gli slave. Questi, quando interrogati, rispondono al master secondo delle regole prestabilite. Essi non generano mai messaggi di propria iniziativa e rimangono normalmente in stato passivo in attesa di essere interrogati. Quando si lavora con l interfaccia RS-485, sullo stesso bus (cavo di collegamento) possono essere collegati diversi slave (apparecchi) che devono avere un indirizzo univoco, cioè diverso da tutti gli altri. Il Master si rivolge ad uno slave piuttosto che a un altro utilizzando il relativo indirizzo. Il protocollo RTU è di tipo binario. Esso è il più diffuso e veloce, avendo una lunghezza di messaggio inferiore di quasi il 50% rispetto al protocollo ASCII. Il protocollo ASCII viene utilizzato quando si lavora con modem o altri apparecchi che non sono in grado di garantire la tempistica della trasmissione/ricezione. Per poter dialogare fra loro, il master e tutti gli slave devono avere la stessa impostazione di protocollo, velocità, parità ecc. I parametri evidenziati sono presenti solo sulla versione M7000CB/EVO 1.1 Impostazione parametri di comunicazione I parametri riguardanti il protocollo di comunicazione seriale sono raggruppati nel menu P6, riportato nella tabella seguente. Menu Interfacce Seriali P6.01 B Indirizzo seriale RS P6.02 B Velocità (baudrate) RS = = = = = P6.03 B Protocollo RS-232 Rtu = Modbus RTU ASC = Modbus ASCII P6.04 B Parità RS-232 No = Nessuna EVE = Even (pari) Odd = Odd (dispari) P6.05 Indirizzo seriale RS P6.06 Velocità (baudrate) RS = = = = = P6.07 Protocollo RS-485 Rtu = Modbus RTU ASC = Modbus ASCII P6.08 Parità RS-485 No = Nessuna EVE = Even (pari) Odd = Odd (dispari) 960 RTU No 960 RTU No

5 5 2. Protocollo Modbus RTU Quando si utilizza il protocollo Modbus RTU, la struttura del messaggio di comunicazione è così costituita: T1 T2 T3 Indirizzo (8 bit) Funzione (8 bit) Dati (N x 8 bit) CRC (16 bit) T1 T2 T3 Il campo Indirizzo contiene l indirizzo dello strumento slave cui il messaggio viene inviato. Si possono teoricamente collegare fino ad un massimo di 245 apparecchi (slaves). Il campo Funzione contiene il codice della funzione che deve essere eseguita dallo slave. Il campo Dati contiene i dati inviati allo slave o quelli inviati dallo slave come risposta ad una domanda. Per la Centralina, la lunghezza massima consentita per il campo dati è di 32 registri da 16 bit (64 bytes). Il campo CRC consente sia al master che allo slave di verificare se ci sono errori di trasmissione. Questo consente, in caso di disturbo sulla linea di trasmissione, di ignorare il messaggio inviato per evitare problemi sia dal lato master che slave. La sequenza T1 T2 T3 corrisponde al tempo durante il quale non devono essere scambiati dati sul bus di comunicazione, per consentire agli strumenti collegati di riconoscere la fine di un messaggio e l inizio del successivo. Questo tempo deve essere pari a 3.5 caratteri. La Centralina misura il tempo trascorso tra la ricezione di un carattere e il successivo e se questo tempo supera quello necessario per trasmettere 3.5 caratteri, riferiti al baud rate impostato, il prossimo carattere viene considerato l inizio di un nuovo messaggio. 2.1 Funzioni Modbus implementate Le funzioni disponibili nella Centralina sono: 04 = Read input register Consente la lettura delle misure disponibili nella Centralina 06 = Preset single register Permette di modificare i parametri del setup e di inviare comandi 07 = Read exception Permette di leggere lo stato dell apparecchio 17 = Report slave ID Permette di leggere informazioni relative alla versione dell apparecchio Per esempio, se si vuole leggere dalla Centralina con indirizzo 1 il valore della tensione L3 linea principale che si trova alla locazione 6 (06 Hex), il messaggio da spedire è il seguente: CA Dove: 01 = indirizzo slave 04 = funzione di lettura locazione = indirizzo della locazione diminuito di un unità, contenete il valore della tensione L3 linea principale = numero di registri da leggere a partire dall indirizzo CA = checksum CRC La risposta della Centralina è la seguente: E7 BB CE Dove: 01 = indirizzo della Centralina (Slave 01) 04 = funzione richiesta dal Master 04 = numero di byte inviati dalla Centralina E7 = valore esadecimale della tensione L3 linea principale = 231 VAC BB CE = checksum CRC

6 Protocollo Modbus Funzione 04 - Read input register La funzione 04 permette di leggere una o più grandezze consecutive in memoria. L indirizzo di ciascuna grandezza è indicato nelle Tabelle riportate nelle ultime pagine del presente manuale. Come da standard Modbus, l indirizzo specificato nel messaggio va diminuito di 1 rispetto a quello effettivo riportato nella tabella. Se l indirizzo richiesto non è compreso nella tabella o il numero di registri richiesti è maggiore di 32 la Centralina ritorna un messaggio di errore (vedi tabella errori). Richiesta Master Indirizzo slave Funzione MSB Indirizzo registro LSB Indirizzo registro MSB Numero registri LSB Numero registri MSB CRC LSB CRC 01h 04h 00h 0Fh 00h 08h C1h CFh Nell esempio vengono richiesti allo slave numero 18 registri consecutivi a partire dall indirizzo 10h. Quindi vengono letti i registri dal 10h al 17h. Il comando termina sempre con il valore di checksum CRC. Risposta Slave Indirizzo slave Funzione Numero di byte MSB Dato 10h LSB Dato 10h 01h 04h 10h 00h 00h MSB Dato 17h LSB Dato 17h 00h 00h MSB CRC --- LSB CRC --- La risposta è composta sempre dall indirizzo dello slave, dalla funzione richiesta dal Master e dai dati dei registri richiesti. La risposta termina sempre con il valore di checksum CRC.

7 7 2.3 Funzione 06 - Preset single register Questa funzione permette di scrivere nei registri. Essa può essere utilizzata solo con i registri di indirizzo superiore a 1000 Hex. È possibile ad esempio impostare i parametri del setup. Qualora il valore impostato non rientri nel valore minimo e massimo della tabella la Centralina risponderà con un messaggio di errore. Se viene richiesto un parametro ad un indirizzo inesistente verrà risposto con un messaggio di errore. L indirizzo ed il range valido per i vari parametri può essere trovato nelle Tabelle 5, 6 e 7. Con la funzione 06 è inoltre possibile eseguire dei comandi (come il passaggio da manuale ad automatico e viceversa) utilizzando gli indirizzi ed i valori riportati nella Tabella 4. Richiesta Master Indirizzo slave Funzione MSB Indirizzo registro LSB Indirizzo registro MSB Dato LSB Dato MSB CRC LSB CRC 01h 06h 31h 01h 00h 32h 57h 23h Nell esempio viene richiesto di modificare il parametro P1.03 all indirizzo 3102 Hex (Tempo di interblocco) con il valore 50 (5.0 sec). Risposta Slave La risposta è un echo della domanda, cioè viene inviato al master l indirizzo del dato da modificare e il nuovo valore del parametro. 2.4 Funzione 07 - Read exception status Tale funzione permette di leggere lo stato in cui si trova la Centralina. Richiesta Master Indirizzo slave Funzione MSB CRC LSB CRC 01h 07h 41h E2h Risposta Slave Indirizzo slave Funzione Byte Dati MSB CRC LSB CRC 01h 07h 01h E3h F0h La tabella seguente riporta il significato del byte inviato dalla Centralina come risposta: Bit Significato 0 Modo operativo reset/off 1 Modo operativo Manuale 2 Modo operativo Automatico 3 Allarme in corso

8 Protocollo Modbus Funzione 17 - Report slave ID Questa funzione permette di identificare il tipo di apparecchio e le revisioni interne. Richiesta Master Indirizzo slave Funzione MSB CRC LSB CRC 01h 11h C0h 2Ch Risposta Slave Indirizzo slave 01h Funzione 11h Numero di bytes 04h Dato 1 (Tipo Centralina)* 01h Dato 2 (Revisione software) 00h Dato 3 (Revisione hardware) 00h Dato 4 (Revisione parametri) 00h MSB CRC F8h LSB CRC BDh * 00h = CENTRALINA BASE - 01h = CENTRALINA COM 2.6 Errori Nel caso lo slave riceva un messaggio errato, segnala la condizione al master rispondendo con un messaggio composto dalla funzione richiesta in OR con 80 Hex, seguita da un codice di errore. 2.7 Tabella 1 - Codici errore Nella seguente tabella vengono riportati i codici di errore inviati dallo slave al master. Cod. Errore 01 Funzione non valida 02 Indirizzo registro illegale 03 Valore del parametro fuori range 04 Impossibile effettuare operazione 06 Slave occupato, funzione momentaneamente non disponibile

9 9 3. Protocollo Modbus ASCII Il protocollo Modbus ASCII viene utilizzato normalmente nelle applicazioni che richiedono di comunicare via modem. Le funzioni e gli indirizzi disponibili sono gli stessi della versione RTU, ma i caratteri trasmessi sono in ASCII e la terminazione del messaggio non è effettuata a tempo ma con dei caratteri di ritorno a capo. Se si seleziona da menu il protocollo Modbus ASCII, la struttura del messaggio di comunicazione sulla relativa porta di comunicazione è così costituita: : Indirizzo 2 chars Funzione 2 chars Dati (N chars) LRC 2 chars CR LF L inizio del messaggio è segnalato dal carattere : (ASCII 3Ah). Il campo Indirizzo contiene l indirizzo dello strumento slave cui il messaggio viene inviato. Il campo Funzione contiene il codice della funzione che deve essere eseguita dallo slave. Il campo Dati contiene i dati inviati allo slave o quelli inviati dallo slave come risposta ad una domanda. La massima lunghezza consentita è di 32 registri consecutivi. Il campo LRC consente sia al master che allo slave di verificare se ci sono errori di trasmissione. Questo consente, in caso di disturbo sulla linea di trasmissione, di ignorare il messaggio inviato per evitare problemi sia dal lato master che slave. Il messaggio termina sempre con i caratteri di controllo CRLF (0D 0A). Esempio: Per esempio, se si vuole leggere dalla Centralina con indirizzo 8 il valore della tensione concatenata equivalente che si trova alla locazione 04 (04 Hex), il messaggio da spedire è il seguente: : E F CR LF Dove: : = ASCII 3Ah - delimitatore inizio messaggio 08 = ASCII 30h 38h - indirizzo slave 04 = ASCII 30h 34h - funzione di lettura locazione = ASCII 30h 30h 30h 33h - indirizzo della locazione diminuito di un unità, contenente il valore di tensione concatenata = ASCII 30h 30h 30h 32h - numero di registri da leggere a partire dall indirizzo 04 EF = ASCII 45h 46h - checksum LRC CRLF = ASCII 0Dh 0Ah - delimitatore fine messaggio La risposta della Centralina è la seguente: : A 0 4 F CR LF Dove: : = ASCII 3Ah - delimitatore inizio messaggio 08 = ASCII 30h 38h - indirizzo della Centralina (Slave 08) 04 = ASCII 30h 34h - funzione richiesta dal Master 04 = ASCII 30h 34h - numero di byte inviati dallo slave A0 = ASCII 30h 30h 30h 30h 30h 31h 41h 30h - valore esadecimale della tensione concatenata = 416 V 4F = ASCII 34h 46h - checksum LRC CRLF = ASCII 0Dh 0Ah - delimitatore fine messaggio

10 Protocollo Modbus Calcolo del CRC (CHECKSUM per RTU) Esempio di calcolo: Messaggio da trasmettere = 0207h Algoritmo di calcolo del CRC Nota: Il byte 41h viene spedito per primo (anche se è il LSB), poi viene trasmesso 12h Inizializzazione CRC Carica primo byte Esegue xor con il primo Byte della frame Esegue primo shift a dx Carry=1,carica polinomio Esegue xor con il polinomio Esegue secondo shift dx Carry=1, carica polinomio Esegue xor con il polinomio Esegue terzo shift Esegue quarto shift Carry=1, carica polinomio Esegue xor con il polinomio Eseque quinto shift dx Eseque sesto shift dx Carry=1, carica polinomio Esegue xor con polinomio Esegue settimo shift dx Esegue ottavo shift dx Carry=1, carica polinomio Carica secondo byte della frame Esegue xor con il Secondo byte della frame Esegue primo shift dx Carry=1, carica polinomio Esegue xor con il polinomio Esegue secondo shift dx Carry=1, carica polinomio Esegue xor con il polinomio Esegue terzo shift dx Carry=1, carica polinomio Esegue xor con il polinomio Esegue quarto shift dx Esegue quinto shift dx Carry=1, carica polinomio Esegue xor con il polinomio Esegue sesto shift dx Esegue settimo shift dx Esegue ottavo shift dx Risultato CRC h 41h 3.2 Calcolo del LRC (CHECKSUM per ASCII) Esempio di calcolo: Indirizzo Funzione Start address hi Start address lo Numero registri Somma Complemento a Complemento a Risultato LRC F4

11 11 4. Tabelle degli indirizzi 4.1 Tabella 2 - Misure fornite dal protocollo di comunicazione Indirizzi utilizzabili con funzioni 03 e 04. Indirizzo Words Misura Unità Formato 02h 2 Tensione di linea principale L1-N VAC long 04h 2 Tensione di linea principale L2-N VAC long 06h 2 Tensione di linea principale L3-N VAC long 08h 2 Tensione di linea principale L1-L2 VAC long 0Ah 2 Tensione di linea principale L2-L3 VAC long 0Ch 2 Tensione di linea principale L3-L1 VAC long 0Eh 2 Tensione di linea secondaria L1-N VAC long 10h 2 Tensione di linea secondaria L2-N VAC long 12h 2 Tensione di linea secondaria L3-N VAC long 14h 2 Tensione di linea secondaria L1-L2 VAC long 16h 2 Tensione di linea secondaria L2-L3 VAC long 18h 2 Tensione di linea secondaria L3-L1 VAC long 1Ah 2 Frequenza linea principale Hz / 10 long 1Ch 2 Frequenza linea secondaria Hz / 10 long 1Eh 2 Tensione di batteria VDC / 10 long 20h 2 Tempo totale di funzionamento della Centralina sec long 22h 2 Tempo totale tensione linea principale nei limiti sec long 24h 2 Tempo totale tensione linea secondaria nei limiti sec long 26h 2 Tempo totale tensione linea principale fuori dai limiti sec long 28h 2 Tempo totale tensione linea secondaria fuori dai limiti sec long 2Ah 2 Tempo totale interruttore linea principale chiuso sec long 2Ch 2 Tempo totale interruttore linea secondaria chiuso sec long 2Eh 2 Contatore messe in tensione apparecchio contatore long 30h 2 Contatore numero di chiusure interruttore linea principale contatore long 32h 2 Contatore numero di chiusure interruttore linea secondaria contatore long 40h 2 Stato bit di errore* bits long * Leggendo le word all indirizzo 40h vengono restituiti 32 bit con significato come da tabella: Bit Codice Allarme 0 A01 Tensione batteria troppo bassa 1 A02 Tensione batteria troppo alta 2 A03 Timeout Interruttore linea principale 3 A04 Timeout Interruttore linea secondaria 4 A05 Sequenza fase errata linea principale 5 A06 Sequenza fase errata linea secondaria 6 A07 Timeout carico non alimentato 7 A08 Generatore non pronto 8 A09 Emergenza 9 - (Libero) 10 A11 Frequenza linea principale fuori limiti 11 A12 Frequenza linea secondaria fuori limiti 12 A13 Asimmetria linea principale 13 A14 Asimmetria linea secondaria 14 - Interruttore linea principale scattato 15 - Interruttore linea secondaria scattato 16 - Interruttore linea principale non inserito 17 - Interruttore linea secondaria non inserito (Libero)

12 Protocollo Modbus Tabella 3 - Bit di stato generali Indirizzi utilizzabili con funzioni 03 e 04. Indirizzo Words Misura Unità Formato 2070h 1 Stato pulsanti tastiera bits 2071h 1 Stato ingressi digitali bits 2072h 1 Stato uscite a relè bits 2074h 1 Stato tensione linea principale bits 2075h 1 Stato interruttore linea principale bits 2076h 1 Stato tensione linea secondaria bits 2077h 1 Stato interruttore linea secondaria bits 2078h 1 Stato funzioni di ingresso bits 2079h 1 Stato funzioni di uscita bits Leggendo le word all indirizzo 2070h vengono restituiti 16 bit con significato come da tabella: Bit Tasto Bit Tasto 0 Apri/Chiudi linea secondaria 5 Apri/Chiudi linea principale 1 Reset 6 Sel. Misure linea secondaria 2 Man 7 Sel. Misure linea principale 3 Aut 8 15 (Libero) 4 Setup Leggendo le word all indirizzo 2071h vengono restituiti 16 bit con significato come da tabella: Bit Ingresso Bit Ingresso 0 Contatto AUX linea principale 5 Linea secondaria non inserito 1 Linea principale scattato 6 Prog. 1 2 Linea principale non inserito 7 Prog. 2 3 Contatto AUX linea secondaria 8 15 (Libero) 4 Linea secondaria scattato Leggendo le word all indirizzo 2072h vengono restituiti 16 bit con significato come da tabella: Bit Uscita a relè Bit Uscita a relè 0 Apri linea principale 4 Prog. 1 1 Apri linea secondaria 5 Prog. 2 2 Chiudi linea principale 6 Prog. 3 3 Chiudi linea secondaria 7 15 (Libero) Leggendo le word all indirizzo 2074h (linea principale) o 2076h (linea secondaria) vengono restituiti 16 bit con significato come da tabella: Bit Stato linea Bit Stato linea 0 Linea nei limiti 7 Tensione > massima 1 Linea ok 8 Tensioni fuori soglia asimmetria 2 Tensione nei limiti 9 Tensione < soglia mancanza fase 3 Tensione ok 10 Frequenza < minima 4 Frequenza nei limiti 11 Frequenza > massima 5 Frequenza ok 12 Sequenza fasi errata 6 Tensione < minima (Libero)

13 13 Leggendo le word all indirizzo 2075h (linea principale) o 2077h (linea secondaria) vengono restituiti 16 bit con significato come da tabella: Bit Stato interruttore Bit Stato interruttore 0 Interruttore chiuso 4 Uscita comando chiusura 1 Allarme scattato 5 Uscita comando apertura 2 Allarme non inserito 6 15 (Libero) 3 Stato comandato (1 = chiuso) (Libero) Leggendo la word all indirizzo 2078h vengono restituiti 16 bit con significato come da tabella: Bit Stato funzioni ingresso Bit Stato funzioni ingresso 0 Interruttore linea principale chiuso 8 Pulsante emergenza 1 Interruttore linea principale scattato 9 Start generatore 2 Interruttore linea principale non inserito 10 Generatore pronto 3 Interruttore linea secondaria chiuso 11 Blocco tastiera 4 Interruttore linea secondaria scattato 12 Blocco programmazione 5 Interruttore linea secondaria non inserito 13 Blocco controllo remoto 6 Forzatura su linea secondaria (Libero) 7 Inibizione ritorno su linea principale Leggendo la word all indirizzo 2079h vengono restituiti 16 bit con significato come da tabella: Bit Stato funzioni uscita Bit Stato funzioni uscita 0 Apertura linea principale 5 Start generatore 1 Apertura linea secondaria 6 Centralina pronta 2 Chiusura linea principale 7 Load shed 3 Chiusura linea secondaria 8 15 (Libero) 4 Allarme globale

14 Protocollo Modbus Tabella 4 - Comandi da remoto Indirizzi utilizzabili con funzione 06. Indirizzo Words Funzione Formato 2F00h 1 Cambio modalità operativa 2F01h 1 Reset apparecchio (warm boot) 2F02h 1 Ripristino a default di tutti i parametri di setup 2F03h 1 Salvataggio parametri in memoria EEPROM 2F04h 1 Azzeramento di tutti i contatori del tempo di lavoro 2F05h 1 Azzeramento di tutti i contatori di manovre di lavoro La seguente tabella indica i valori da scrivere all indirizzo 2F00h per ottenere le corrispondenti funzioni: Valore Funzione 0 Passaggio a modalità reset 1 Passaggio a modalità manuale 2 Passaggio a modalità automatica Scrivendo il valore 0001h all indirizzo specificato si ottiene l esecuzione della funzione. Scrivendo il valore 00AAh all indirizzo specificato si ottiene l esecuzione della funzione. La seguente tabella indica i valori da scrivere all indirizzo 2F03h per ottenere le corrispondenti funzioni: Valore Funzione 1 Solo memorizzazione parametri in EERPOM 2 Memorizzazione in EEPROM e successivo reset dell apparecchio 4 Memorizzazione in EEPROM e successivo reset dell apparecchio

15 Tabella 5 - Parametri di Setup Indirizzi utilizzabili con funzioni 04 e 06. Le impostazioni dei parametri di setup possono essere lette dal master usando la funzione 04 o scritte nello slave utilizzando la funzione 06. L indirizzo di ciascun parametro può essere calcolato come segue: 3000h + 100h* numero del gruppo di parametri (menu) + numero del parametro - 1. Per esempio P3.07 diverrà 3000h + 3*100h = 3306h. Il valore numerico che si trasmette è sempre un numero intero. Nel caso di parametri che vengono impostati con virgola decimale, essa va ignorata. Per esempio, se P1.03 va impostato a 3,5 s bisognerà trasmettere 35. Se il tipo di parametro consente una impostazione numerica + OFF, per impostare ad OFF trasmettere il valore ad uno degli estremi del range di impostazione (se OFF è verso il basso, allora trasmettere valore minimo del range, altrimenti valore massimo). Se il tipo di parametro è costituito da una selezione di funzioni, allora la prima funzione della lista corrisponderà al valore 0, la seconda al valore 1 e così via. La modifica dei parametri va effettuata sempre partendo dalla Centralina in modalità reset, anche se il protocollo accetta i comandi anche fuori da questa modalità. Dopo che uno o più parametri sono stati modificati, per rendere effettivi i cambiamenti è necessario eseguire il comando di memorizzazione in EEPROM e successivamente il reset apparecchio (vedere tabella precedente). Menu dati nominali Indirizzo Words Parametro Range Formato 3000h 1 P0.01 Tensione nominale di linea h 1 P0.02 Rapporto TV h 1 P0.03 Tipo di collegamento 3003h 1 P0.05 Frequenza nominale 3004h 1 P0.06 Tensione nominale batteria = Trifase 1 = Bifase 2 = Monofase = 50Hz 1 = 60Hz = OFF 1 = 24 VDC 2 = 48 VDC

16 Protocollo Modbus 16 Menu dati generali Indirizzo Words Parametro Range Formato 3100h 1 P1.01 Tipo di applicazione 3101h 1 P1.02 Controllo sequenza fase 3102h 1 P1.05 Controllo interruttori = Utility-to-Generator 1 = Utility-to-Utility = OFF 1 = L1 L2 L3 2 = L3 L2 L = Normale 1 = Feedback 3103h 1 P1.06 Tempo timeout interruttori h 1 P1.07 Abilitazione ingressi non inserito = OFF 1 = Abilitati 3105h 1 P1.08 Tempo timeout carico non alimentato h 1 P1.09 Ritardo avviamento generatore h 1 P1.10 Tempo raffreddamento generatore h 1 P1.11 Minima tensione batteria 3109h 1 P1.12 Massima tensione batteria OFF = OFF = Ah 1 P1.13 Ritardo allarmi batteria 0 60

17 17 Menu linea principale Indirizzo Words Parametro Range Formato 3200h 1 P2.01 Soglia minima tensione (sgancio) h 1 P2.02 Soglia di minima tensione (ripristino) h 1 P2.03 Tempo ritardo minima tensione h 1 P2.04 Soglia massima tensione (sgancio) OFF = h 1 P2.05 Soglia massima tensione (ripristino) h 1 P2.06 Tempo ritardo massima tensione h 1 P2.07 Soglia mancanza fase OFF = h 1 P2.08 Tempo ritardo mancanza fase h 1 P2.09 Soglia asimmetria tensioni 1 21 OFF = h 1 P2.10 Tempo ritardo asimmetria tensioni Ah 1 P2.11 Soglia minima frequenza OFF = Bh 1 P2.12 Tempo ritardo minima frequenza Ch 1 P2.13 Soglia massima frequenza OFF = Dh 1 P2.14 Tempo ritardo massima frequenza Eh 1 P2.15 Tempo presenza tensione linea principale (quando int. linea secondaria aperto) Fh 1 P2.16 Tempo presenza tensione linea principale (quando int. linea secondaria chiuso)

18 Protocollo Modbus 18 Menu linea secondaria Indirizzo Words Parametro Range Formato 3300h 1 P3.01 Soglia minima tensione (sgancio) h 1 P3.02 Soglia di minima tensione (ripristino) h 1 P3.03 Tempo ritardo minima tensione h 1 P3.04 Soglia massima tensione (sgancio) OFF = h 1 P3.05 Soglia massima tensione (ripristino) h 1 P3.06 Tempo ritardo massima tensione h 1 P3.07 Soglia mancanza fase OFF = h 1 P3.08 Tempo ritardo mancanza fase h 1 P3.09 Soglia asimmetria tensioni 1 21 OFF = h 1 P3.10 Tempo ritardo asimmetria tensioni Ah 1 P3.11 Soglia minima frequenza OFF = Bh 1 P3.12 Tempo ritardo minima frequenza Ch 1 P3.13 Soglia massima frequenza OFF = Dh 1 P3.14 Tempo ritardo massima frequenza Eh 1 P3.15 Tempo presenza tensione linea principale (quando int. linea secondaria aperto) Menu Ingressi Programmabili Indirizzo Words Parametro Range Formato 3400h 1 P4.01 Funzione ingresso programmabile = OFF 1 = Forzatura linea secondaria 2 = Inib. ritorno su linea principale 3 = Start generatore 4 = Emergenza 5 = Generatore pronto 6 = Blocco tastiera 7 = Blocco impostazioni 8 = Blocco controllo remoto 3401h 1 P4.02 Funzione ingresso programmabile = OFF 1 = Forzatura linea secondaria 2 = Inib. ritorno su linea principale 3 = Start generatore 4 = Emergenza 5 = Generatore pronto 6 = Blocco tastiera 7 = Blocco impostazioni 8 = Blocco controllo remoto

19 19 Menu uscite programmabili Indirizzo Words Parametro Range Formato 3500h h h 1 P05.01 Funzione uscita programmabile 1 P05.02 Funzione uscita programmabile 2 P05.03 Funzione uscita programmabile = OFF 1 = Start/Stop generatore 2 = Centralina pronta 3 = Allarme globale 4 = Bobina minima linea principale 5 = Bobina minima linea secondaria 6 = Load shed = OFF 1 = Start/Stop generatore 2 = Centralina pronta 3 = Allarme globale 4 = Bobina minima linea principale 5 = Bobina minima linea secondaria 6 = Load shed = OFF 1 = Start/Stop generatore 2 = Centralina pronta 3 = Allarme globale 4 = Bobina minima linea principale 5 = Bobina minima linea secondaria 6 = Load shed Menu Interfaccia Seriale* Indirizzo Words Parametro Range Formato 3600h 1 Indirizzo seriale Centralina slave (RS-232) h 1 Velocità porta seriale (RS-232) 3602h 1 Protocollo (RS-232) 3603h 1 Controllo parità (RS-232) = 2400 baud 1 = 4800 baud 2 = 9600 baud 3 = baud 4 = baud = Modbus RTU 1 = Modbus ASCII = Nessuna 1 = Dispari (Odd) 2 = Pari (Even) 3604h 1 Indirizzo seriale Centralina slave (RS-485) h 1 Velocità porta seriale (RS-485) 3606h 1 Protocollo (RS-485) 3607h 1 Controllo parità (RS-485) = 2400 baud 1 = 4800 baud 2 = 9600 baud 3 = baud 4 = baud = Modbus RTU 1 = Modbus ASCII = Nessuna 1 = Dispari (Odd) 2 = Pari (Even) * Per questi parametri, modificare le impostazioni della interfaccia seriale utilizzando la interfaccia seriale stessa può provocare un disallineamento Master-Slave e il conseguente blocco della linea di comunicazione. Si consiglia quindi di utilizzare solamente la funzione 04 (in lettura).

20 Protocollo Modbus Connessione PC-Centralina via RS Connessione PC-Centralina via RS-485

21

22 Bticino SpA Via Messina, Milano - Italia Call Center Servizio Clienti (Telefonata a carico del chiamante a tariffazione specifica) Bticino SpA si riserva il diritto di variare in qualsiasi momento i contenuti del presente stampato e di comunicare, in qualsiasi forma e modalità, i cambiamenti apportati.

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO

Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO Capitolo 8 - Protocollo Modbus RTU per Drive SIRCO 8.1 Introduzione I parametri Drive vengono riferiti nel capitolo come registri Modbus di 16 bit; un parametro Drive di 32 bit occupa quindi 2 registri

Dettagli

Descrizione del protocollo

Descrizione del protocollo EFA Automazione S.r.l.Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Atlas Copco Power MACS (01 ITA).doc pag. 1 / 8 Descrizione del protocollo Sulla porta seriale collegata ad ATLAS COPCO vengono intercettate le

Dettagli

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1

Reti e Sistemi per l Automazione MODBUS. Stefano Panzieri Modbus - 1 MODBUS Stefano Panzieri Modbus - 1 La Storia Diventa uno STANDARD nel 1979 Nato come protocollo di comunicazione SERIALE si è successivamente adattato alle specifiche TCP/IP Permette una comunicazione

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to Technolife (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Applicazione Integrazione di tutta la gamma di Centrali Techno (Technodin, Techno32, Techno88 e Techno200)

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Configurazione moduli I/O serie EX

Configurazione moduli I/O serie EX Configurazione moduli I/O serie EX aggiornamento: 20-12-2014 IEC-line by OVERDIGIT overdigit.com Tabella dei contenuti 1. Moduli di I/O con protocollo Modbus... 3 1.1. Parametri di comunicazione... 4 1.2.

Dettagli

Centralina. di commutazione. art. M7000CB - art. M7000CB/EVO. Part. Y1791C - 10/08-01 PC

Centralina. di commutazione. art. M7000CB - art. M7000CB/EVO. Part. Y1791C - 10/08-01 PC Part. Y1791C - 10/08-01 PC Centralina di commutazione art. M7000CB - art. M7000CB/EVO 3 INDICE 1. Caratteristiche generali Pag. 4 1.1 Versioni Pag. 4 1.2 Descrizione Pag. 4 1.3 Applicazioni Pag. 4 1.4

Dettagli

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS

ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS ISTRUZIONI PER L'UTILIZZO DEL PROTOCOLLO MODBUS INDICE 1. Introduzione... 2 1.1 Abbreviazioni... 2 1.2 Specifiche Modbus... 2 1.3 Tipologia rete Modbus... 2 2. Configurazione MODBUs... 3 2.1 Cablaggio...

Dettagli

3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð 0DQXDOHG XVR 8VHUPDQXDO

3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð 0DQXDOHG XVR 8VHUPDQXDO 3URWRFROOR0RGEXVSHUS&2ñ0RGEXVSURWRFROIRUS&2ð Ã 0DQXDOHG XVR Ã 8VHUPDQXDO 9RJOLDPRIDUYLULVSDUPLDUHWHPSRHGHQDUR 9LDVVLFXULDPRFKHODFRPSOHWDOHWWXUDGLTXHVWRPDQXDOHYLJDUDQWLUjXQD FRUUHWWDLQVWDOOD]LRQHHGXQVLFXURXWLOL]]RGHOSURGRWWRGHVFULWWR

Dettagli

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11

Il protocollo MODBUS. Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 Il protocollo MODBUS Il protocollo MODBUS Pag. 1 di 11 1. IL PROTOCOL MODBUS II protocollo MODBUS definisce il formato e la modalità di comunicazione tra un "master" che gestisce il sistema e uno o più

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips

Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Technical Support Bulletin No. 18 ModBus Tips Sommario! Chiarimenti! Comandi implementati! Esempi di comandi o frames! Calcolo dell area logica! Lettura di variabile con segno! Esempi di comando con Ech200B!

Dettagli

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD

I N T E G R A S. R. L. Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 MANUALE UTENTE T-MOD Via Lecco, 5/E - 22036 Erba (CO) - ITALY Tel/Fax: +39-031 3338884 P.I. 02608090136 N CCIAA 269444 UNI EN ISO 9001:2008 CERT. N. 50 100 6048 Controllo ambientale integrato MANUALE UTENTE T-MOD Rev. Data

Dettagli

Contatore d impulsi S0

Contatore d impulsi S0 Informazioni tecniche www.sbc-support.com Contatore d impulsi S con Modbus Il modulo S-Modbus è un apparecchio per la raccolta di impulsi S. Con questo modulo i dati di consumo di qualsiasi contatore con

Dettagli

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it

Datalogger. Protocolli di comunicazione. Aggiornamento 09/06/2014. INSTUM_00727_it Datalogger Protocolli di comunicazione Aggiornamento 09/06/24 INSTUM_727_it Copyright 20-24 LSI LASTEM. Tutti i diritti riservati. Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche

Dettagli

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface

CANPC-S1. Programmable CanBus-PC interface CANPC-S1.doc - 01/03/04 SP02002 Pagina 1 di 13 Specifica tecnica CANPC-S1 Programmable CanBus-PC interface Specifica tecnica n SP02002 Versione Autore Data File Note Versione originale BIANCHI M. 16/09/02

Dettagli

COMUNICAZIONE SERIALE

COMUNICAZIONE SERIALE LA COMUNICAZIONE SERIALE Cod. 80034-02/2000 1 INDICE GENERALE Capitolo 1 Introduzione alla comunicazione seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo CENCAL Pag. 19 Capitolo 3 Protocollo MODBUS Pag. 83 2 CAPITOLO

Dettagli

Misura di livello e di pressione. Istruzioni d uso. Uscita segnale Modbus VEGASCAN 850. Modbus. out

Misura di livello e di pressione. Istruzioni d uso. Uscita segnale Modbus VEGASCAN 850. Modbus. out Misura livello e pressione Istruzioni d uso Uscita segnale Modbus VEGASCAN 850 0100110010100 Modbus in out Ince Ince Informazioni per la sicurezza... 2 Attenzione Zona pericolosa... 2 1 Configurazione

Dettagli

ENERGY METER MOD.320C Energy Meter Din Rail per sistemi elettrici monofase

ENERGY METER MOD.320C Energy Meter Din Rail per sistemi elettrici monofase ENERGY METER MOD.320C Energy Meter Din Rail per sistemi elettrici monofase USER MANUAL v1.0 Importanti informazioni di sicurezza sono contenute nella sezione Manutenzione.. L utente quindi dovrebbe familiarizzare

Dettagli

Istruzioni per l uso Sartorius

Istruzioni per l uso Sartorius Istruzioni per l uso Sartorius Descrizione dell interfaccia per le bilance Entris, ED, GK e GW Indice Impiego previsto Indice.... 2 Impiego previsto.... 2 Funzionamento.... 2 Uscita dati.... 3 Formato

Dettagli

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP

ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP Documentazione Profibus-DP ENCODER SERIE Pxx EQUIPAGGIATO CON INTERFACCIA PROFIBUS-DP PxxDocSTD R4/0/701 1 SOMMARIO DEGLI ARGOMENTI: 1. Procedura di installazione meccanica:...3 2. Procedura d installazione

Dettagli

EML-16 EML-16. Pulses concentrator. Concentratore impulsi MODBUS COMMUNICATION PROTOCOL PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS

EML-16 EML-16. Pulses concentrator. Concentratore impulsi MODBUS COMMUNICATION PROTOCOL PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS MANUALE OPERATIVO / INSTRUCTION MANUAL IM-IU v0.1 EML-16 Concentratore impulsi PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS EML-16 Pulses concentrator MODBUS COMMUNICATION PROTOCOL PROTOCOLLO MODBUS Il concentratore

Dettagli

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2

DATAPROCESS INDUSTRIA S.p.A. INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 Indice INDICE 1. CONFIGURAZIONE DEL VISORE 1 2. ACCENSIONE DELLO STRUMENTO 1 3. OPERAZIONI DI PESATURA 2 3.1. PESATURA SEMPLICE 2 3.2. TARA SEMIAUTOMATICA 2 3.3. BLOCCO DELLA TARA 3 4. TASTIERA 3 5. INTERFACCIA

Dettagli

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9

EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 EFA Automazione S.r.l. Serial Bridge 3 - Modbus RTU slave to EIB (01 ITA).doc pag. 1 / 9 Configurazione Una volta lanciato il Configuratore, per creare un nuovo progetto accedere al menu File -> Nuovo

Dettagli

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) Serie GBW QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO () Generalità Quadro di comando e controllo manuale/automatico () fornito a bordo macchina, integrato e connesso al gruppo elettrogeno. Il quadro utilizza un compatto

Dettagli

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it

BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 www.reer.it 2 8540641 Rev.1-11 Aprile 2008 BARRIERA DI MISURA METRON GESTIONE LINEA SERIALE RS-485 SOMMARIO Gestione linea seriale...5 Modalità linea

Dettagli

Configurazione Modem ROBUSTEL M1000 SMS Direct

Configurazione Modem ROBUSTEL M1000 SMS Direct Configurazione Modem ROBUSTEL M1000 SMS Direct Invio SMS in Normal Mode (Cursore MODE in Normal) Nella modalità NORMAL (selettore in posizione Normal) è possibile inviare e ricevere SMS attraverso comandi

Dettagli

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni

Comunicazione codifica dei dati. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Comunicazione codifica dei dati Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Sesto San Giovanni Trasmissione dati La trasmissione dati,permette di trasmettere a distanza informazioni di tipo digitale

Dettagli

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface

CANUSB. Programmable CAN bus-pc interface CANUSB-Man-Ita_revd.doc - 05/04/05 SP04002 Pagina 1 di 12 Specifica tecnica CANUSB Programmable CAN bus-pc interface Specifica tecnica n SP04002 Versione Autore Data Note Rev. 0 M. BIANCHI 10/09/04 Prima

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE AUDITGARD Serratura elettronica a combinazione LGA ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE Le serrature AuditGard vengono consegnate da LA GARD con impostazioni predefinite (impostazioni di fabbrica); pertanto non

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo MatrixCTLR

Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo MatrixCTLR Manuale di installazione ed utilizzo del software di Controllo MatrixCTLR Vi preghiamo di leggere attentamente queste istruzioni prima di installare il software e di lavorare con esso. Ver.3.0.0 1 rev.

Dettagli

A OMUNICAZIONE ERIALE

A OMUNICAZIONE ERIALE A OMUNICAZIONE ERIALE 1 INDICE Capitolo 1 Introduzione alla Comunicazione Seriale Pag. 3 Capitolo 2 Protocollo MODBUS Pag. 35 2 CAPITOLO 1 INTRODUZIONE ALLA COMUNICAZIONE SERIALE 3 CONTENUTI - Introduzione

Dettagli

MANUALE UTENTE PEL 2500 / PEL 2500-M V2.0.0 (24.10.2014) 1 (7)

MANUALE UTENTE PEL 2500 / PEL 2500-M V2.0.0 (24.10.2014) 1 (7) V2.0.0 (24.10.2014) 1 (7) MESSA IN ESERCIZIO Montaggio - Il trasmettitore deve essere installato sopra il punto di misurazione per evitare problemi di condensa. - La sovrapressione del canale è rilevata

Dettagli

Manuale ModBus. ver.1 rev. 01/'09. Allegato al Manuale di Servizio di: McbNET Digital TM Magnum400 TM MiniMagnum400 TM FastBack TM

Manuale ModBus. ver.1 rev. 01/'09. Allegato al Manuale di Servizio di: McbNET Digital TM Magnum400 TM MiniMagnum400 TM FastBack TM 6) Speeder One VIALE STAZIONE 5-36054 MONTEBELLO VIC. - VI - ITALY Phone (+39) 0444 440441 - Fax (+39) 0444 440418 www.axorindustries.com - INFO@AXORINDUSTRIES.COM Manuale ModBus ver.1 rev. 01/'09 Allegato

Dettagli

MODULO MODBUS. Soluzione comunicazione. Guida dell utente. trasmesso all utente finale. Protocol. Address. Baud Rate. Parity.

MODULO MODBUS. Soluzione comunicazione. Guida dell utente. trasmesso all utente finale. Protocol. Address. Baud Rate. Parity. 4376 it - 211.11 / c Stop Ready Run Start Trip Reset Local LCL RMT Questo manuale deve essere trasmesso all utente finale Protocol Address Baud Rate Parity Timeout (seconds) AP ASCII +16 +8 +4 +2 +1 48

Dettagli

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M)

Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) Kit A72 MANUALE DEL SOFTWARE TWIDO PER IL DISTACCO UTENZE (CEI 0-16 ALLEGATO M) INDICE 1 OBIETTIVO...2 2 CONFIGURAZIONE DEL PROGRAMMA...2 2.1 Configurazione oggetti di memoria...2 3 FUNZIONAMENTO...5 3.1

Dettagli

Unità intelligenti serie DAT9000

Unità intelligenti serie DAT9000 COMPONENTI PER L ELETTRONICA INDUSTRIALE E IL CONTROLLO DI PROCESSO Unità intelligenti serie DAT9000 NUOVA LINEA 2010 www.datexel.it serie DAT9000 Le principali funzioni da esse supportate, sono le seguenti:

Dettagli

LETTORE BARCODE BLASTER LINE

LETTORE BARCODE BLASTER LINE LETTORE BARCODE BLASTER LINE MANUALE UTENTE V 4.0 IT BLASTER Contents - 1 - Barcode Scanner Install Flow Chart Leggere il barcode Programmazione Leggere i codici di Resetta i Parametri impostazione necessari

Dettagli

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica

Comunicazione. Prof. Antonino Mazzeo. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Comunicazione Seriale Prof. Antonino Mazzeo Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica UART/USART Intel 8251A Standard Universal Synchronous/Asynchronous Receiver/Trasmitter (USART) Progettata

Dettagli

PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: Per configurare i parametri di rete dell RCX LAN è necessario installare il software Tibbo DS Manager

PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: Per configurare i parametri di rete dell RCX LAN è necessario installare il software Tibbo DS Manager Via S. Antonio, 47 35030 Veggiano PD Tel: 04441800191 Fax: 0497960910 www.shitek.it info@shitek.it RCX LAN Wi -Fi RCX LAN Wi-Fi MAN_00023_ita_RCX_LAN Ca PROCEDURA DI CONFIGURAZIONE: 1. PARAMETRI PER LA

Dettagli

Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software

Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software Invert er LG Manuale di programmazione BerMar_Drive_Software Mot ori elet t ric i Informazioni preliminari... 2 Installazione... 3 Avvio del programma... 4 Funzionamento Off-Line... 7 Caricamento di una

Dettagli

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232

Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V. Interfaccia BL232 BIT LINE STRUMENTAZIONE PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Interfaccia BL232 con uscite RS232/422/485 MODBUS e 0-10V Facile e rapida installazione Ideale domotica e building automation Alimentazione estesa

Dettagli

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013

Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 Operazioni Aritmetiche e Codici in Binario Giuseppe Talarico 23/01/2013 In questo documento vengono illustrate brevemente le operazioni aritmetiche salienti e quelle logiche ad esse strettamente collegate.

Dettagli

Caratteristiche tecniche unità di gestione stazioni di sollevamento.

Caratteristiche tecniche unità di gestione stazioni di sollevamento. Caratteristiche tecniche unità di gestione stazioni di sollevamento. Caratteristiche generali: L apparato dovrà essere un unità elettronica specificatamente sviluppata per applicazioni di drenaggio ed

Dettagli

1. INTRODUZIONE ETH-BOX

1. INTRODUZIONE ETH-BOX Software ETH-LINK 10/100 Manuale d uso ver. 1.0 1. INTRODUZIONE Il Convertitore Ethernet/seriale ETH-BOX, dedicato alla connessione Ethernet tra PC (TCP/IP e UDP) e dispositivi di campo (RS-232, RS-485),

Dettagli

TiAxoluteNighterAndWhiceStation

TiAxoluteNighterAndWhiceStation 09/09-01 PC Manuale d uso TiAxoluteNighterAndWhiceStation Software di configurazione Video Station 349320-349321 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

SMARTDIAL VOX COMUNICATORE VOCALE E DIGITALE DI ALLARME I S T R U Z I O N I P E R L I N S T A L L A Z I O N E

SMARTDIAL VOX COMUNICATORE VOCALE E DIGITALE DI ALLARME I S T R U Z I O N I P E R L I N S T A L L A Z I O N E SMARTDIAL VOX COMUNICATORE VOCALE E DIGITALE DI ALLARME ISTRUZIONI PER L INSTALLAZIONE SmartDial Vox è un comunicatore di allarme che supporta diversi formati di trasmissione quali Ademco Fast, Ademco

Dettagli

OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV

OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV SPECIFICHE TECNICHE OPERA Specifiche tecniche per moduli telegestione Hardware, Quadri di campo e di rete FV RSST04I00 rev. 0 0113 SPECIFICA SIGLA TIPO DI PRODOTTO A DIM/F TELEGESTIONE QUADRI DI CAMPO

Dettagli

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC

IRSplit. Istruzioni d uso 07/10-01 PC 3456 IRSplit Istruzioni d uso 07/10-01 PC 2 IRSplit Istruzioni d uso Indice 1. Requisiti Hardware e Software 4 1.1 Requisiti Hardware 4 1.2 Requisiti Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

System Manual. TSX PREMIUM MICRO (TER-SCP111) con Modem Digicom SNM50 SM_0010 ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI

System Manual. TSX PREMIUM MICRO (TER-SCP111) con Modem Digicom SNM50 SM_0010 ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI System Manual ESEMPI INTEGRAZIONE PRODOTTI TSX PREMIUM MICRO (TER-SCP111) con Modem Digicom SNM50 SM_0010 Come si effettuava la teleassistenza con TSXDIGV34T (SNM50). Lo schema seguente illustra un esempio

Dettagli

MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137

MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137 C.D.V.ITALIA S.r.l. MANUALE FIRMWARE PRESENZE TERMINALE TEMPO CDV-137 ver. CDV-137 007 rev. 1.9 \\Z8xdm2vfarmupsa\shareddocs\documentazione tecnica\doko\cdv italiano\cdv 137 007_19_utente_A5.doc CDV-137

Dettagli

Analizzatore Larson-Davis

Analizzatore Larson-Davis Analizzatore Larson-Davis System 824 MANUALE di RIFERIMENTO Versione 1.22 Pagina lasciata vuota intenzionalmente Indice Introduzione 2 Gestione dei Setup 3 Aprire un Setup 3 Salvare un Setup 3 Lettura

Dettagli

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione:

GENERALITÀ. Unità: Canali di comunicazione: GENERALITÀ L'apparecchiatura CON232E è una unità a microprocessore equipaggiata di un canale ethernet e due canali seriali rs232c. Il dispositivo trasmette i dati ricevuti dal canale Ethernet con protocollo

Dettagli

DUCA-LCD96 ETH MANUALE INTERFACCIA ETHERNET

DUCA-LCD96 ETH MANUALE INTERFACCIA ETHERNET DUCA-LCD96 ETH MANUALE INTERFACCIA ETHERNET Vers. 0 Rev. A FileName: Man_Ethernet_Ita_DUCA-LCD96_v0rA Pag. 1 di 27 REVISIONI VER. Rev. DATA MOTIVO 0 A 20/06/12 Prima emissione FileName: Man_Ethernet_Ita_DUCA-LCD96_v0rA

Dettagli

PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS

PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS 77 RGAM40-41-42 RGAM40-41-42 CONTROLLO GRUPPI ELETTROGENI GENERATING SET CONTROLLER I237 I GB 0908 PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS MODBUS COMMUNICATION PROTOCOL Doc. AHIT303B0206.doc Date: 15/09/2008

Dettagli

Visualizzatore Posizionatore e Applicazioni

Visualizzatore Posizionatore e Applicazioni PAG. 1 PAG. 2 VISUALIZZATORE POSIZIONATORE e Applicazioni Aprile 2009 Visualizzatore Posizionatore e Applicazioni VISUALIZZATORE di QUOTE - TELEMACO Il VisualizzatoreTelemaco è costituito da una unità

Dettagli

ATL20 ATL30 Commutatore automatico di rete

ATL20 ATL30 Commutatore automatico di rete ATL20 ATL30 Commutatore automatico di rete I 194 I 07 07 MANUALE DEL SOFTWARE DI CONTROLLO REMOTO Sommario Introduzione... 2 Risorse minime del PC... 2 Installazione... 2 Attivazione della connessione

Dettagli

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0

Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 Manuale di installazione del software di Controllo Surv-Controller Ver.3.0 1 Indice Indice... 2 Introduzione... 3 Specifiche tecniche... 3 Installazione del software... 4 Collegamenti della porta seriale

Dettagli

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15

Xpress MANUALE OPERATIVO. Software di configurazione e controllo remoto I440I04_15 Xpress I440I04_15 Software di configurazione e controllo remoto MANUALE OPERATIVO INDICE 1 INTRODUZIONE... 3 2 REQUISITI HARDWARE E SOFTWARE... 3 3 SETUP... 3 4 PASSWORD... 4 5 HOME PAGE... 4 6 CANALE...

Dettagli

Manuale d uso Giove CA3MKII

Manuale d uso Giove CA3MKII Manuale d uso Giove CA3MKII Linea GIOVE indice ----Descrizione comandi pag 3 ----Connessioni pag 3 ----Schema di collegamento Giove CA3 mk2 con Giove CA20/21 pag 4 ----Cavo di collegamento RS485 pag 5

Dettagli

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1 ASA-RT srl -- Strada del Lionetto, 16/a 10146 Torino ITALY Tel: +39 011 796 5360884 333r.a.. Fax: +39 011712 19835705 339 E_mail: info@asa-rt.com Url: www.asa-rt.com ADX Misuratore di coppia Manuale Utente

Dettagli

TO-PASS. TO-PASS -FAQ- Telecontrollo. Quali sono gli utilizzi di TO-PASS? Quali sono le funzioni principali di TO-PASS?

TO-PASS. TO-PASS -FAQ- Telecontrollo. Quali sono gli utilizzi di TO-PASS? Quali sono le funzioni principali di TO-PASS? TO-PASS -FAQ- Telecontrollo Quali sono gli utilizzi di TO-PASS? I moduli TO-PASS sono utilizzati per: collegamenti permanenti on-line rilevazione guasti lettura dati a distanza archiviazione dati modulo

Dettagli

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5

Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Guida di Riferimento Collegamento dei Sistemi SLC come I/O remoti ai Processori PLC 5 Questo documento utilizza la documentazione disponibile sui PLC e SLC per mostrare come è possibile comunicare tra

Dettagli

Note applicative AN001: Driver ModBus

Note applicative AN001: Driver ModBus WebCommander e WebLog Note applicative AN001: Driver ModBus Generalita Questo documento descrive la configurazione dei parametri ModBus nei dispositivi WebLog e WebCommander, al fine di definire le variabili

Dettagli

PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS

PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS 77 ATL ATL COMMUTATORE AUTOMATICO DI LINEA AUTOMATIC TRANSFER SWITCH I169IGB0111 PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS MODBUS COMMUNICATION PROTOCOL Doc. AHIT201A0205.doc Date: 20/01/2011 P. 1 / 19 PROTOCOLLO

Dettagli

MANUALE CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GATEWAY MBUS-MODBUS (RTU/TCP) MODELLO PiiGAB M900

MANUALE CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GATEWAY MBUS-MODBUS (RTU/TCP) MODELLO PiiGAB M900 MANUALE CONFIGURAZIONE ED UTILIZZO GATEWAY MBUS-MODBUS (RTU/TCP) MODELLO PiiGAB M900 1. SOFTWARE La configurazione del gateway M900 è realizzata attraverso il software PiiGAB M-Bus Explorer, fornito a

Dettagli

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860

Modulo plug&play MKMB-3-e-3. Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 Modulo plug&play MKMB-3-e-3 Interfaccia Modbus/RTU per contatori Iskraemeco MT831 / MT860 Informazioni generali Il modulo MKMB-3-e-3 realizza un interfaccia seriale RS485 con protocollo Modbus/RTU. Limitazioni

Dettagli

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso

Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Domino Domino Interfaccia di Comunicazione DFTS Manuale d'uso Versione 1.2 - Giugno 2002 srl Via Longhena 4-20139 MILANO Tel. 02/57300377 - FAX 02/55213686 Domino - DFTS: Manuale d'uso r.1.2 Indice 1-

Dettagli

Catalogo dispositivi per Telecontrollo della serie SRCS Teleletture della serie STxx

Catalogo dispositivi per Telecontrollo della serie SRCS Teleletture della serie STxx Catalogo dispositivi per Telecontrollo della serie SRCS Teleletture della serie STxx Catalogo dispositivi di telecontrollo e telelettura Rev. 3.2 Pag. 1/17 Indice Dispositivi di telecontrollo SRCS 2.0

Dettagli

Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena

Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Aldo Romani A.a. 2005-2006 UART UART Universal Asynchronous Receiver/Transmitter Clock implicito e trasmissione

Dettagli

LETTORE BARCODE V 2.1 EN MANUALE UTENTE

LETTORE BARCODE V 2.1 EN MANUALE UTENTE LETTORE BARCODE V 2.1 EN MANUALE UTENTE INSTALLAZIONE LETTORE Connessione PS-2 Connessione RS-232 (Necessita di alimentatore 5V) 1 INSTALLAZIONE LETTORE Connessione USB 2 COME USARE IL MANUALE Per impostare

Dettagli

LOCALIZZAZIONE SATELLITARE GEOREFENRENZIATA

LOCALIZZAZIONE SATELLITARE GEOREFENRENZIATA LOCALIZZAZIONE SATELLITARE GEOREFENRENZIATA 1 Indice 1 Indice... 2 2 Introduzione... 3 2.1 Glossario... 3 2.2 Generalità... 3 3 Applicativo... 4 4 Stato del mezzo... 6 4.1 Toolbar Mezzo... 6 4.2 Identificativo

Dettagli

Selezionare il tipo di lettore e aggiorna Firmware per l aggiornamento del programma. Sul QuickData Selezionare Configurazione/Ricezione programma

Selezionare il tipo di lettore e aggiorna Firmware per l aggiornamento del programma. Sul QuickData Selezionare Configurazione/Ricezione programma Procedura di inventario totale con l utilizzo del Gestionale E-SHOP Le operazioni di Inventario Totale possono essere effettuate utilizzando il Lettore QuickData/Datalogic Formula 725 osservando i seguenti

Dettagli

Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso

Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso MANUALE D USO CONTROLLO ACCESSI GSM Modulo di controllo accessi ed apricancello Descrizione e modalità d uso Rev.0710 Pag.1 di 8 www.carrideo.it INDICE 1. IL SISTEMA DI CONTROLLO ACCESSI - APRICANCELLO...

Dettagli

Catalogo dispositivi per Telecontrollo della serie SRCS Teleletture della serie STxx

Catalogo dispositivi per Telecontrollo della serie SRCS Teleletture della serie STxx Catalogo dispositivi per Telecontrollo della serie SRCS Teleletture della serie STxx Indice Dispositivi di telecontrollo SRCS 2.0 - telecontrollo per centraline «Controlli serie 500».. pag. 3 SRCS-EMU-2T

Dettagli

INTERFACCIA SERIALE RS232PC

INTERFACCIA SERIALE RS232PC PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it STARLIGHT INTERFACCIA SERIALE RS232PC STARLIGHT

Dettagli

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma

1. Introduzione. 2. Installazione di WinEMTLite. 3. Descrizione generale del programma Indice 1. Introduzione...3 2. Installazione di WinEMTLite...3 3. Descrizione generale del programma...3 4. Impostazione dei parametri di connessione...4 5. Interrogazione tramite protocollo nativo...6

Dettagli

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme.

WIN6. Limitatore di carico. Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. WIN6 Limitatore di carico Limitazione del carico rilevato tramite l intervento di soglie di allarme e preallarme. Limitazione del carico a doppia sicurezza mediante connessione di 2 unità. Limitazione

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONE CONV 61850. TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783. http://www.tecsystem.it R. 1.

MANUALE D ISTRUZIONE CONV 61850. TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783. http://www.tecsystem.it R. 1. MANUALE D ISTRUZIONE TECSYSTEM S.r.l. 20094 Corsico (MI) Tel.: +39-024581861 Fax: +39-0248600783 http://www.tecsystem.it R. 1.1 01/01/12 1) SPECIFICHE TECNICHE ALIMENTAZIONE Valori nominali 24 VAC-DC ±10%

Dettagli

FACILE QA-OMNI. Guida veloce

FACILE QA-OMNI. Guida veloce FACILE QA-OMNI Guida veloce PRIMO PASSAGGIO Dopo aver lanciato il programma, viene visualizzata la pagina iniziale. E possibile modificare la lingua del programma attraverso il pulsante Azioni in alto

Dettagli

I.T.I. LEONARDO DA VINCI

I.T.I. LEONARDO DA VINCI I.T.I. LEONARDO DA VINCI 1 2 A.s. 2006-2007 Classe V Elettrotecnica e Automazione 3 Automazione Industriale in Rete Ethernet mediante dispositivi miniaturizzati 4 Esperienze realizzate nel 2006 nella nostra

Dettagli

77 DMG210 DMG300 DMG210 DMG300 MODBUS I302 I GB 1109. Doc. AHIT101C0208.doc Date: 10/11/2009 P. 1 / 18

77 DMG210 DMG300 DMG210 DMG300 MODBUS I302 I GB 1109. Doc. AHIT101C0208.doc Date: 10/11/2009 P. 1 / 18 77 210 300 210 300 700 800 700 800 I302 I GB 1109 Multimetro digitale PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS Digital multimeter MODBUS COMMUNICATION PROTOCOL Doc. AHIT101C0208.doc Date: 10/11/2009 P. 1 / 18

Dettagli

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative.

Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Il GSM COMMANDER mod. ADVANCE è il nuovo prodotto GSM con caratteristiche innovative. Principali caratteristiche : - Permette, di attivare un contatto elettrico Contatto 2, attraverso una chiamata telefonica

Dettagli

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal

Configurazione & Programmazione Profibus DP. in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione & Programmazione Profibus DP in Ambiente Siemens TIA Portal Configurazione Optional: Aggiungere File GSD Inserire Masters e Slaves Inserire Sottorete Profibus DP e collegare tutte le interfacce

Dettagli

SUITE BY11250. GSM Direct Monitor

SUITE BY11250. GSM Direct Monitor Via Como, 55 21050 Cairate (VA) Pagina 1 di 10 SUITE BY11250 (1.0.0.1) GSM Direct Monitor (1.0.0.1) IMPORTANTE Pagina 2 di 10 Le immagini riportate nel presente manuale fanno riferimento alla versione

Dettagli

BICI 2000 - Versione 1.9

BICI 2000 - Versione 1.9 Pagina 1/8 BICI 2000 - Versione 1.9 Il controllo BICI 2000 nasce per il pilotaggio di piccoli motori a magnete permanente in alta frequenza per veicoli unidirezionali alimentati da batteria. La sua applicazione

Dettagli

MODBUS RTU MODBUS RTU

MODBUS RTU MODBUS RTU 577 RGAM RGAM I171 I.GB.02 05 PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE COMMUNICATION PROTOCOL MODBUS RTU MODBUS RTU ADDENDUM ADDENDUM Doc: AD2005B1.doc 22/02/2005 p. 1 / 13 PROTOCOLLO MODBUS A partire dalla revisione

Dettagli

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione

Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione MANUALE UTENTE G-MOD Manuale di installazione, uso e manutenzione A Gennaio 2015 Prima Versione S. Zambelloni M. Carbone Rev. Data Descrizione Redazione Approvazione Rev.A Pag. 1 di 16 Le informazioni

Dettagli

Parte II.2 Elaboratore

Parte II.2 Elaboratore Parte II.2 Elaboratore Elisabetta Ronchieri Università di Ferrara Dipartimento di Economia e Management Insegnamento di Informatica Dicembre 1, 2015 Elisabetta Elisabetta Ronchieri II Software Argomenti

Dettagli

GUIDA RAPIDA INDICATORE WIN 22 PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL MANUALE COMPLETO DISPONIBILE NELL AREA DOCUMENTI:

GUIDA RAPIDA INDICATORE WIN 22 PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL MANUALE COMPLETO DISPONIBILE NELL AREA DOCUMENTI: info@asmi-italy.it tel./fax 041-5190439 www.asmi-italy.it GUIDA RAPIDA INDICATORE WIN 22 PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONSULTARE IL MANUALE COMPLETO DISPONIBILE NELL AREA DOCUMENTI: PW220902: CARATTERISTICHE

Dettagli

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA

Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA Hi-Pro 832 Hotel GUIDA RAPIDA 7IS-80376 29/06/2015 SOMMARIO FUNZIONI ALBERGHIERE... 3 Richiamo funzioni tramite menu... 3 Check-in... 3 Costi... 4 Cabine... 4 Stampe... 5 Sveglia... 6 Credito... 6 Stato

Dettagli

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM

ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM ACCESSO A DRIVE REMOTO TRAMITE MODEM Autore: Giulio Sassetti Indice revisione Data Descrizione modifica V01.0000 14/6/2006 Emissione V01.1000 29/6/2006 Aggiunti link sommario e ingrandite immagini V01.2000

Dettagli

DEL FATTORE DI POTENZA PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS COMUNICATION PROTOCOL MODBUS. Doc. I427IGB09_15.docx Date: 28/09/2015 P.

DEL FATTORE DI POTENZA PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS COMUNICATION PROTOCOL MODBUS. Doc. I427IGB09_15.docx Date: 28/09/2015 P. 577 REGOLATORE AUTOMATICO DEL FATTORE DI POTENZA DCRL 3 DCRL5 DCRL8 DIGITAL POWER FACTOR CONTROLLER DCRL3 DCRL5 DCRL8 PROTOCOLLO DI COMUNICAZIONE MODBUS COMUNICATION PROTOCOL MODBUS ADDENDUM ADDENDUM Doc.

Dettagli

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP.

EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. MANUALE ISTRUZIONI IM471-I v0.2 EMI-10L Introduzione Il convertitore EMI-10L permette di convertire una porta di comunicazione seriale RS485 in un bus ethernet con protocollo TCP/IP. Transmission Control

Dettagli

SPECIFICHE FUNZIONALI DEL PUNTO DI ACCESSO

SPECIFICHE FUNZIONALI DEL PUNTO DI ACCESSO SPECIFICHE FUNZIONALI DEL PUNTO DI ACCESSO 05 OTTOBRE 2011 PAG. 2 DI 33 INDICE PREMESSA 4 1. COMUNICAZIONE TRA PUNTO DI ACCESSO E SISTEMA DEL CONCESSIONARIO AWP 5 1.1 MESSAGGI DAL PUNTO DI ACCESSO AL SISTEMA

Dettagli

DUCA-LCD ETH MANUALE INTERFACCIA ETHERNET

DUCA-LCD ETH MANUALE INTERFACCIA ETHERNET DUCA-LCD ETH MANUALE INTERFACCIA ETHERNET Vers. 0 Rev. A FileName: Man_Ethernet_Ita_DUCA-LCD_v0rA.doc Pag. 1 di 32 REVISIONI VER. Rev. DATA MOTIVO 0 A 30/01/15 Prima emissione FileName: Man_Ethernet_Ita_DUCA-LCD_v0rA.doc

Dettagli

E-Box Quadri di campo fotovoltaico

E-Box Quadri di campo fotovoltaico Cabur Solar Pagina 3 Quadri di campo fotovoltaico Quadri di stringa con elettronica integrata per monitoraggio e misura potenza/energia CABUR, sempre attenta alle nuove esigenze del mercato, ha sviluppato

Dettagli

Gateway RS485 DLMS-MODBUS. Dispositivo di Comunicazione tra DLMS RS485 e MODBUS RTU e/o MODBUS TCP

Gateway RS485 DLMS-MODBUS. Dispositivo di Comunicazione tra DLMS RS485 e MODBUS RTU e/o MODBUS TCP Gateway RS485 DLMS-MODBUS Dispositivo di Comunicazione tra DLMS RS485 e MODBUS RTU e/o MODBUS TCP Gateway RS485 DLMS-MODBUS Il Protocollo DLSM (Device Language Message Specification) viene utilizzato nell'ambito

Dettagli

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS SelCONTROL-2 OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS Il SelCONTROL è la risposta a quegli utilizzatori, stampisti in particolare, che

Dettagli

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0

USART PIC 16F876. R/W-0 R/W-0 R/W-0 R/W-0 U-0 R/W-0 R-1 R/W-0 CSRC TX9 TXEN SYNC _ BRGH TRMT TX9D Bit 7 Bit 6 Bit 5 Bit 4 Bit 3 Bit 2 Bit 1 Bit 0 USART PIC 16F876 L USART (Universal Synchronous Asynchronous Receiver Trasmitter) è uno dei due moduli di I/O seriali, esso è conosciuto anche come Serial Comunications Interface (SCI). L USART può essere

Dettagli