LA COMUNICAZIONE NELLA PROFESSIONE DI IGIENISTA DENTALE:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA COMUNICAZIONE NELLA PROFESSIONE DI IGIENISTA DENTALE:"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea Specialistica in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Assistenziali LA COMUNICAZIONE NELLA PROFESSIONE DI IGIENISTA DENTALE: EFFICACIA ED EFFICIENZA STRATEGICA Relatore: Chiar.ma Prof.ssa Brunella Venturini Candidato: Catia Benvenuti Anno accademico

2 INDICE INTRODUZIONE pag. 1 Capitolo Primo IL CONCETTO DI COMUNICAZIONE pag. 5 Capitolo Secondo GLI ELEMENTI UNIVERSALI COSTITUTIVI DELLA COMUNICAZIONE pag EMITTENTE pag RICEVENTE pag CANALE pag CODICE pag CODIFICA E DECODIFICA pag FEEDBACK, O RETROCOMUNICAZIONE pag CONTESTO pag MESSAGGIO pag. 13 Capitolo Terzo MODALITÀ COMUNICATIVE pag MODALITÀ COMUNICATIVE pag VERBALE pag NON VERBALE (ESPRESSIONE DEL VOLTO, GESTI, TONO DELLA VOCE) pag MEZZI DI COMUNICAZIONE pag DIFFICOLTÀ DI COMUNICAZIONE pag EMPATIA (CENNI STORICI) pag L EMPATIA pag L EMPATIA COLMA LO SPAZIO TRA ME E L ALTRO, È LA FONTE DELLA VICINANZA E DELLA COMUNICAZIONE AFFETTIVA CON L ALTRO pag ABILITÀ DI SUPPORTO NECESSARIE PER L EMPATIA pag. 28 Capitolo Quarto 2

3 PROCESSO DI ASCOLTO ATTIVO (La capacità di ascoltare e la consapevolezza di essere ascoltati stanno alla base di ogni relazione) pag I TRE LIVELLI DI ASCOLTO pag PARTECIPAZIONE pag ASCOLTO PARZIALE pag ASCOLTO SUPERFICIALE pag L ASCOLTO ATTIVO: SUGGERIMENTI pag L ASCOLTO ATTIVO: DIFFICOLTÀ pag L ASCOLTO ATTIVO: CRITICITÀ pag CARATTERISTICHE DEL CATTIVO ASCOLTATORE pag. 34 Capitolo Quinto STRATEGIE pag RELAZIONE D AIUTO: (DEFINIZIONE) pag LE FASI DELLA RELAZIONE DI AIUTO pag META MODELLO: PNL, STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO pag PROGRAMMAZIONE NEURO-LINGUISTICA (PNL) pag. 39 Capitolo Sesto IL COUNSELING SANITARIO pag. 42 Capitolo Settimo STUDIO SULLA PERCEZIONE DELLA QUALITÀ COMUNICATIVA IN UN GRUPPO DI IGIENISTI DENTALI pag RISULTATI DEL QUESTIONARIO SULLA COMUNICAZIONE PER IGIENISTI DENTALI pag. 46 CONCLUSIONI pag. 56 BIBLIOGRAFIA pag. 58 3

4 ALLEGATI n. 1 pag. INTRODUZIONE Non ci sono modi giusti o sbagliati di comunicare con un paziente, ci sono solo modi più efficaci e modi meno efficaci. Uno degli elementi che sicuramente caratterizza la società moderna è la comunicazione che diventa sempre più necessaria nel rapporto professionale sanitario come strumento di lavoro. È fondamentale, in qualsiasi genere di malattia, la creazione di una forte compliance (adesione al trattamento) del malato verso cure continue e costanti per una prognosi a lungo termine. La compliance, nella nostra esperienza di igienisti dentali, dipende quasi esclusivamente dalla qualità della comunicazione. Una comunicazione efficace sostiene la compliance, influenza positivamente la qualità della vita e produce miglioramenti per la salute, indirizzando le persone a migliori stili di vita quotidiana. Una comunicazione efficace aumenta la fiducia e il livello di comprensione del paziente; la fiducia e la comprensione del paziente aumentano le possibilità di una corretta compliance; una corretta compliance aumenta le possibilità di riuscita del trattamento e di soddisfazione del paziente, il quale probabilmente tornerà (fiducioso e collaborativo). Molto spesso, a determinare:. il successo del trattamento;. la soddisfazione del paziente;. la collaborazione da parte del paziente, anche nel caso di mancanza di risultati favorevoli nei tempi previsti; 4

5 . il perdurare della fiducia del paziente; è proprio l attenzione che l igienista dentale rivolge alla compliance. In uno studio di Haynes dal titolo Compliance in health care, in gran parte delle malattie croniche come l ipertensione, il diabete e l asma, l adesione dei pazienti ai regimi terapeutici è alquanto scarsa: si parla del 50% di persone che rimangono aderenti alle terapie nel corso del tempo. Questo per dire che anche nella malattia parodontale, una scarsa adesione alle terapie professionali e domiciliari, può essere alla base di numerosi fallimenti terapeutici. Lavorare affinché il paziente garantisca una piena compliance significa anche fornirgli spiegazioni accurate sul piano di trattamento, informandolo dei rischi potenziali di un mancato rispetto delle indicazioni terapeutiche, coinvolgendolo sul piano decisionale in modo che si senta partecipe e corresponsabile della riuscita della cura, accertarsi che abbia compreso nel dettaglio le indicazioni ricevute e destinare tempo ad un monitoraggio del suo comportamento in termini di adesione alla terapia. L esperienza clinica ha evidenziato che i seguenti passaggi consentono di risparmiare tempo e di migliorare la compliance:. individualizzare il trattamento;. integrare nella routine quotidiana del paziente le manovre di igiene orale domiciliari;. considerare lo stile di vita del paziente e fare una valutazione oggettiva della disponibilità/capacità di adesione al trattamento;. evitare di prescrivere procedure complesse o piuttosto, procedere un passo alla volta;. fornire istruzioni scritte in maniera chiara e leggibile e verificare la comprensione;. incoraggiare il paziente a telefonare o a tornare nel caso avesse dubbi o difficoltà. La capacità di stabilire un interazione comunicativa chiara e diretta con il pa- 5

6 ziente e di guadagnare così la sua fiducia è un sistema veramente efficace per ottenere da lui l attenzione e la disponibilità necessarie a garantire la riuscita di un trattamento. Dare al paziente il proprio sostegno a livello sia professionale che emozionale, aumentano le probabilità di compliance, come riscontrato anche nello studio condotto nel 1983 da Ross e Guggenheim. Riguardo al concetto di efficienza poi dobbiamo dire che una azienda o il singolo professionista è efficiente quando utilizza in maniera economica le risorse a propria disposizione; mentre si è efficaci quando si raggiunge con successo gli obiettivi prefissati. I giudizi di efficacia implicano quindi una valutazione qualitativa ex-post del grado di raggiungimento degli obiettivi desiderati. Tali obiettivi possono essere: il grado di soddisfazione della clientela, i guadagni conseguiti dall azienda ecc. Quanto detto implica che secondo la logica economico aziendale, l attività deve essere rivolta alla ricerca del raggiungimento degli obiettivi prefissati con l utilizzo razionale delle risorse via via disponibili. Il concetto di economicità sintetizza la capacità dell azienda nel lungo periodo di utilizzare in modo efficiente le proprie risorse raggiungendo in modo efficace i propri obiettivi. Partendo dalla definizione generale ed universale di comunicazione e dall esame di tutti i suoi elementi costitutivi, nonché dall analisi delle varie modalità comunicative ed i relativi mezzi di comunicazione interpersonali, scopo della presente tesi di laurea è quello di studiare ed approfondire le difficoltà di comunicazione (generalizzazione, cancellazione, distorsione) e valutare le varie risposte; l empatia, la relazione d aiuto e l ascolto attivo aiutano a superare gli ostacoli comunicativi. > Sviluppare strategie come la PERSONALIZAZZIONE DELL ASSISTENZA, LA CONSIDERAZIONE, prendendo spunto da metodologie non troppo sfruttate come la PNL (programmazione-neuro-linguistica) che insegna a comunicare con l altro in modo efficace, accogliendo e rispettando la sua visione del mondo. 6

7 > Studiare gli strumenti di counseling processo relazionale che coinvolge operatore sanitario e paziente a risolvere un problema in una concreta assistenza. > Anche l applicazione del META MODELLO (strumento linguistico che consente di lavorare sulle affermazioni e sulle risposte del paziente, con lo scopo di approfondire e chiarire le informazioni filtrate in modo poco funzionale) si focalizza appunto sulle aree della comunicazione verbale da cui possono scaturire ambiguità, limitazioni, confusioni e fraintendimenti. > Viene introdotto uno studio su un campione di igienisti dentali sulla percezione della qualità della comunicazione. CAPITOLO PRIMO 7

8 IL CONCETTO DI COMUNICAZIONE La comunicazione può essere definita sia come TRASMISSIONE o trasferimento di informazioni da un soggetto ad un altro per mezzo di veicoli di varia natura (Teoria matematica dell informazione) sia come CONDIVISIONE, tra due o più soggetti, di un medesimo significato (Paradigma relazionale). Nel primo caso la comunicazione è intesa come semplice trasmissione di informazioni, nel secondo come conversazione e interazione tra emittente e ricevente. La comunicazione, quindi, consiste in una duplice attività: informare e persuadere. Occorre subito pensare come l informazione non sia obiettiva, neutrale, ma unilaterale e soggettiva poiché cerca di influenzare i comportamenti dei riceventi, piegandoli ai fini di chi comunica. Più il comunicatore è credibile, maggiori sono le probabilità che egli riesca a convincere e a produrre negli ascoltatori un mutamento di attitudine (COMUNICAZIONE PERSUASIVA). È questo il caso di coloro che vengono riconosciuti come esperti di un certo prestigio in un determinato settore o argomento. Spesso il successo del comunicatore si riflette nella sua intelligenza relazionale, che non è una capacità del tutto innata, anzi, ci sono spiegazioni logiche e predittive delle nostre reazioni nei confronti degli altri e ci sono azioni che, consapevolmente studiate e formate, possono provocare un significativo, oggettivo e immediato miglioramento nei rapporti. L intelligenza relazionale o interpersonale, secondo H. Gardner, è la capacità di costruire buone relazioni con altre persone e di convincerle a cooperare. A volte è definita semplicisticamente come un insieme di abilità relazionali, ma in realtà include: 8

9 . la consapevolezza delle situazioni di relazione che si possono configurare con pazienti, colleghi, collaboratori e delle dinamiche sociali che le governano;. una buona dose di consapevolezza di sé: la comprensione di se stessi, la coscienza delle proprie percezioni e delle reazioni che inducono;. la conoscenza degli stili di comportamento e le strategie che possono aiutare a realizzare i propri obiettivi, interagendo con gli altri. Due dimensioni di comportamento rappresentano gli elementi per capire il proprio comportamento e quello degli altri: l assertività e l espressività. La combinazione dei due fattori e il loro grado di espressione determinano lo stile di comportamento di un individuo. L ASSERTIVITÀ è il modo in cui una persona cerca di ottenere qualcosa dagli altri, di portarli a sé. Le persone possono essere assertive-interrogative, e cioè parlano più lentamente, fanno poche dichiarazioni esplicite e possono essere più rilassate, con un tono di voce più basso. Poi ci sono gli assertivi-affermativi, che verbalizzano velocemente la propria posizione e il proprio pensiero. La persona assertiva-affermativa è spesso la prima a dichiarare un opinione e ama condurre il gruppo con un tono di voce più alto. L ESPRESSIVITÀ, invece, è un indicazione di quanta emozione una persona è disposta a manifestare agli altri, sia in un colloquio privato che in ambito di relazioni di gruppo. Entrare in comunicazione con l altro significa entrare in rapporto con un altro sistema chiamato persona che presenta alcune variabili che mettono in luce la sua grandezza, ma anche la sua complessità e profondità. Queste variabili sono fondamentalmente di quattro tipi:. BIOLOGICHE (età, sesso, razza);. SOCIOLOGICHE (cultura, famiglia, stile di vita);. PSICOLOGICHE (atteggiamento, immagine di sé, comunicazione, stati d animo, cono- 9

10 scenza, memoria);. SPIRITUALI (credenze, religione, valori, filosofia di vita). CAPITOLO SECONDO 10

11 GLI ELEMENTI UNIVERSALI COSTITUTIVI DELLA COMUNICAZIONE 2.1 EMITTENTE È il soggetto o l oggetto che emette il messaggio. Alcuni studiosi associano una forma di intenzionalità all emittente, escludendo dunque la possibilità che possa essere un oggetto, e lo definiscono come una persona che ha un obiettivo, una ragione per entrare in comunicazione. Sottolineare l elemento dell emittente all interno del processo comunicativo, significa quasi inevitabilmente pensare alla comunicazione come ad un processo lineare, dove un soggetto produce un messaggio e lo invia verso il ricevente che ne subirà l effetto. È ciò che viene suggerito da alcuni dei più classici schemi di lettura della comunicazione, come quello di LASWELL, quello di SHANNON & WEAVER, e an- 11

12 che dal più antico approccio allo studio della comunicazione, ovvero la retorica, l arte del persuadere RICEVENTE È il soggetto o l oggetto che riceve il messaggio. Anche nella situazione comunicativamente più estrema, quando un solo soggetto parla e l altro ascolta, il ricevente non è mai solamente passivo: in realtà genera numerosi e continui messaggi di feedback che vengono registrati dall emittente e che influenzano il modo in cui il suo discorso si sviluppa. Krippendorf (1989, 1991) ha focalizzato l importanza del ricevente, o meglio della comprensione da parte del ricevente, all interno dell atto comunicativo. Partendo dalla considerazione che il significato di ogni messaggio viene interpretato da parte del ricevente sulla base del proprio sistema cognitivo, Krippendorf sostiene che l elemento centrale della comunicazione è proprio il modo in cui il ricevente comprende il messaggio, comprensione che è sempre in una certa misura imprevedibile e incontrollabile CANALE È il mezzo attraverso cui l emittente veicola, o attraverso cui il ricevente ottiene, il messaggio. Leopardi (1961) lo definisce come il veicolo di natura fisica, sollecitato da un tramite fisiologico o tecnologico, che costituisce il mezzo attraverso il quale i messaggi sono trasmessi nella sfera sociale. Può essere inteso sia come il mezzo sensoriale coinvolto nella comunicazione (principalmente udito e vista) sia come il mezzo tecnico esterno al soggetto con cui il 12

13 messaggio arriva (telefono, fax, posta ecc). Ogni canalizzazione di un messaggio produce necessariamente una riduzione di complessità. Quando comunichiamo, nella nostra mente possediamo un messaggio complesso, dotato di molte sfaccettature e molti livelli di significato: riversando questo messaggio all esterno, siamo costretti a veicolarlo attraverso un codice, e a semplificarlo in modo che possa passare attraverso un canale. Ci sono dunque almeno tre modi di intendere il concetto di canale:. come mezzo di comunicazione utilizzato;. come processo percettivo interessato dal segnale;. come messaggio, ovvero come insieme di processi percettivi che ogni canale stimola in modo differente, i quali influenzano il contenuto del messaggio co-determinandone il significato Codice Il codice è il sistema di segni dai significati condivisi che ci permette di comunicare. I significati, ovvero le cose che vogliamo comunicare, sono inizialmente solo all interno della nostra mente. Per poter uscire all esterno, debbono essere codificati, ovvero tradotti in suoni, gesti, segni che possiedono un significato condiviso. Se non fossimo in grado di associare a una serie di segni discreti dei significati (ed è la società che ci porta a conoscere questi codici insegnandoceli fin dai primi giorni di vita) non potremmo comunicare nulla, o quasi nulla. L uomo dispone di una complessa serie di codici di cui può fare un uso creativo: ad esempio il linguaggio, o i gesti, ecc. Secondo Umberto Eco, la semiotica (ovvero la scienza che studia i segni) è la 13

14 scienza che studia tutto ciò che può essere utilizzato per mentire. Affermazione paradossale, ma condivisibile: solo quando si è in grado di mentire utilizzando un codice di segni, si è raggiunto il grado di consapevolezza necessario a parlare di comunicazione umana CODIFICA E DECODIFICA Gli studiosi descrivono con l espressione codificare l attività che l emittente compie per emettere un messaggio che sia effettivamente significativo per l ascoltatore. La codifica si riferisce al processo attraverso il quale l emittente trasforma le sue idee e le sue intenzioni in parole, o simboli di altro genere, nel tentativo di renderle comprensibili agli altri. Dunque, le idee vengono codificate in messaggi, i quali vengono inviati al ricevente, il quale compie il corrispondente processo di decodifica. La decodifica è la trasformazione delle parole e degli altri simboli ricevuti in un significato, che può essere simile, esattamente uguale o anche completamente differente rispetto al significato iniziale, quello che l emittente aveva in mente quando ha codificato la sua idea. L attività di codifica è resa non banale dal fatto che il codice non è sempre condiviso, e dunque la decodifica non è sempre corretta. Quando un medico descrive una patologia al paziente utilizzando il suo gergo tecnico, non si rende conto che il messaggio non è correttamente decodificabile da parte del ricevente, poiché solo l emittente conosce il codice utilizzato FEEDBACK, O RETROCOMUNICAZIONE È la retrocomunicazione che il ricevente invia all emittente mentre la comuni- 14

15 cazione sta avvenendo. È una informazione di ritorno che permette all emittente, mentre sta comunicando, di percepire se il messaggio è stato ricevuto, capito, approvato, ecc e dunque di reagire, cercando la via più efficace per raggiungere il risultato che si è prefisso. Nelle normali comunicazioni facciamo un grande uso di feed-back per aggiustare la mira rispetto a quello che stiamo dicendo. Se siamo impegnati a convincere qualcuno di qualcosa, mentre parliamo osserviamo periodicamente l interlocutore per cercare segnali che ci assicurino che stia ascoltando, che stia seguendo il ragionamento, che abbia capito. Se riceviamo segnali di senso contrario, ripetiamo alcune cose, o scegliamo un altro esempio, o alziamo il tono della voce, fino a quando non riusciamo a raggiungere il nostro obiettivo CONTESTO È il luogo (fisico o relazionale) in cui avviene lo scambio comunicativo, ovvero la situazione in cui l atto comunicativo si inserisce (e a cui si riferisce). Il contesto è parte integrante del messaggio, e può cambiare il significato del messaggio stesso: la frase bene, molto bene pronunciata da un insegnante significa cose molto diverse se detta al termine di un interrogazione in cui lo studente ha dato buona prova di sé, oppure appena dopo che l insegnante ha scoperto lo stesso studente a copiare durante un compito in classe. Quando inviamo messaggi come la frase questo mi sembra ok, è il contesto che permette di comprendere che la parola questo si riferisce a un determinato oggetto e non ad un altro. Bateson (1978) osserva che senza contesto, le parole e le azioni non hanno nessun significato. In ogni situazione comunicativa reale sono coinvolti molti contesti contemporaneamente, che spesso si sovrappongono. Questo può creare imbarazzo: è ciò che accade se partecipate a una festa in cui sono presenti sia i vostri amici (che richiede- 15

16 rebbero da voi un certo linguaggio un certo tipo di contenuti e un certo comportamento) sia i vostri genitori (che ne richiedono ben altri) MESSAGGIO È il contenuto di ciò che si comunica. È strettamente legato al concetto di informazione, e può essere un dato, una notizia o più semplicemente una sensazione, veicolata attraverso segni significativi (frasi, singole parole o suoni, gesti, espressioni, immagini, ecc). È la parte attiva dell atto comunicativo, quella che genera l effetto di inviare all ambiente esterno pensieri o informazioni prima contenute solo all interno della mente dell individuo che le emette. Il concetto di messaggio, apparentemente scontato, è in realtà difficile da afferrare. Se definiamo il termine messaggio dal punto di vista dell emittente, esso è il mezzo attraverso cui viene veicolata o resa disponibile una informazione, e dunque ricercata un influenza sociale, un effetto sul ricevente. Se lo definiamo dal punto di vista del ricevente, il messaggio è invece l interpretazione che il ricevente fa dello stimolo proveniente dall emittente. Non dobbiamo fare l errore infatti di credere che il significato del messaggio sia contenuto all interno del messaggio stesso. Il significato emerge solo dalla lettura contestuale del messaggio e di tutti gli altri elementi della comunicazione. Lettura contestuale che è possibile, però, solo dopo che un soggetto ha deciso di agire inviando al mondo un segnale. 16

17 CAPITOLO TERZO MODALITÀ COMUNICATIVE I Pazienti, come tutti gli esseri umani, hanno accesso alle informazioni che arrivano dall esterno mediante l udito, la vista, l olfatto, il gusto e il tatto. Tali informazioni passano attraverso filtri interni e vengono rielaborate e rappresentate internamente. Questa esperienza sensoriale precede la rappresentazione linguistica. Successivamente, i pazienti usano il linguaggio verbale per descrivere quella rappresentazione interna delle proprie sensazioni corporee, delle immagini e dei suoni percepiti: le loro parole diventano etichette dell esperienza sensoriale, e quindi in qualche modo, la allontanano dalla realtà. La cosiddetta realtà viene dunque percepita e riprodotta attraverso due filtri:. quello dell esperienza sensoriale del paziente, che la percepisce in modo unico e soggettivo, diverso dal modo unico e soggettivo in cui la percepisce qualsiasi altra persona;. e quello dell espressione linguistica che, descrivendola, la classifica, le attribuisce un ordine, e quindi né dà una rappresentazione limitata. Le parole sono per loro natura descrittive e raccontano la realtà,: non sono la realtà. 17

18 Dunque, si può pensare alle parole e al linguaggio come ad un sistema di rappresentazione della realtà, che si aggiunge alle modalità sensoriali: vista, udito, tatto, olfatto e gusto (sistemi rappresentazionali). La rappresentazione linguistica limita necessariamente la realtà per poterla descrivere. Un ulteriore impoverimento della realtà è determinato dal fatto che tutti i dati che arrivano al cervello vengono modificati nel passaggio attraverso dei filtri che sono, principalmente:. le generalizzazioni: sono affermazioni relative a ciò che le persone possono o non possono fare, devono o non devono/non dovrebbero fare; riguardano ciò che avviene sempre o che non avviene mai. Quando un paziente fa delle generalizzazioni prende parti di un esperienza e le utilizza per rappresentare un intera categoria. Nel nostro caso può dire che dall igienista dentale si sente sempre male!!! I modelli linguistici principali di generalizzazione sono: a) quantificatori universali; 18

19 b) operatori modali; c) performative perdute ;. le cancellazioni: quando il paziente, più o meno consapevolmente, cancella alcune informazioni, tralascia delle cose e quindi seleziona gli elementi a cui prestare attenzione. Questo processo opera a svantaggio del paziente in quanto cancella informazioni importanti e riduce la gamma delle scelte comportamentali. Le tipologie di cancellazioni sono: a) cancellazioni semplici; b) indici referenziali non specificati: nomi e verbi non specificati; c) cancellazioni comparative e superlative ;. le distorsioni: le persone operano continuamente delle distorsioni; sia quando rappresentano la realtà nella propria mente, sia quando la raccontano agli altri. Non esiste, infatti, alcuna riproduzione impeccabile e completamente fedele della realtà. Le distorsioni possono limitare la ricchezza delle proprie esperienze e si distinguono in: a) nominazionali; b) lettura del pensiero; c) causa-effetto; d) equivalenze complesse; e) presupposizioni MODALITÀ COMUNICATIVE La comunicazione ha una duplice tipologia: 19

20 VERBALE Utilizza le parole, il linguaggio. La superiorità del linguaggio verbale rispetto a tute le altre forme di comunicazione sta nel fatto che esso è un sistema altamente integrato fatto di costituenti (fonemi, morfemi, sintagmi, frasi, testi) che possono funzionare in combinazioni infinite grazie a regole ricorsive di riscrittura di simboli categoriali e di trasformazione di una struttura in un altra. Un altra caratteristica del linguaggio verbale è la capacità di dislocazione (displacement), cioè di potersi riferire ad eventi e luoghi non presenti alla percezione dei partecipanti alla comunicazione NON VERBALE Oltre a comunicare un messaggio con parole, si può comunicare il non detto, attraverso altre modalità: espressione del volto, gesti, tono della voce. Le parole sono sempre accompagnate ad una gestualità più o meno accentuata, a posture particolari, ad un ritaglio simbolico dello spazio della conversazione, ad un uso modulato della voce che sembra sottolineare i significati verbali espressi. Il linguaggio non verbale è normalmente più efficace di quello verbale per esprimere emozioni complesse o stati d animo insoliti o conflittuali. Le comunicazioni non verbali sono per lo più involontarie e quindi meno controllabili rispetto a quelle verbali. Una terza tipologia può essere quella simbolica, che è il nostro modo di vestire, gli oggetti di cui ci circondiamo, che costituiscono una parte molto significativa della nostra comunicazione. Interdipendenza spiccata fra natura e cultura che nella comunicazione non verbale si divide in:. Paralinguistica, modalità di emissione vocale come il tono, il timbro, l altezza e il ritmo della voce, pause effettuate e silenzi, Si tratta di un sistema vocale non verbale.. Cinesica, espressioni del corpo come movimento, gesti, postura ed espressioni del volto e degli occhi intesi come mezzi di comunicazione, mimica facciale. Successiva- 20

21 mente i gesti, come parte integrante della comunicazione e fonte problematica sulla difformità interpretativa del linguaggio gestuale, all interno della comunicazione come flusso integrato di codici, interpretabili in base ad una costruzione condivisa del significato.. Prossemica, studio dei contenuti comunicativi delle relazioni spaziali fra le persone in diverse situazioni sociali. Si tratta della gestione dello spazio territoriale, per cui abbiamo, secondo le ricerche di Hall: o una zona intima che va dalla superficie della nostra epidermide a 50 cm di distanza (regole dell attrazione e disagio); o una zona personale da 50 cm ad un metro (sottovoce e relax); o una zona sociale da uno a tre/quattro m (incontri formali e sociali); o una zona pubblica oltre quattro m (conferenze, lezioni universitarie): la più asimmetrica.. Aptica analisi delle diverse forme di contatto fisico (baci, abbracci). Ci sono poi altre competenze comunicative come: la performativa, ossia la capacità di usare intenzionalmente per determinati scopi gli strumenti della comunicazione verbale e non verbale; pragmatica, ossia la capacità di usare la comunicazione verbale e non verbale in modo adeguato agli scopi e alla situazione; socioculturale, intesa come capacità di rapportarsi correttamente ai ruoli e alle situazioni sociali. più efficaci. Un utilizzo congiunto delle diverse modalità comunicative produce i risultati MEZZI DI COMUNICAZIONE 21

22 a) LA PAROLA: quale costante bisogno dell uomo di capire e farsi capire, di uscire da sé e andare verso l altro ; b) IL PARALINGUAGGIO: si parla lentamente, in modo incerto irregolare, si modula la voce ecc. si urta contro i propri limiti (il riserbo- la timidezza- il pudore) ; c) IL CORPO: tensione muscolare, respirazione accelerata ; d) IL VOLTO: in certe espressioni del volto affiora l inconscio, la parte più profonda di sé (basti pensare agli occhi, allo sguardo) ; e) LA POSIZIONE: in piedi, accanto, protesi, distanti ; f) L UDITO: inteso come attenzione ai suoni non verbali, quali il sospiro, il silenzio, le pause ecc. ; g) L ATTEGGIAMENTO: fumare, mordersi le unghie, muoversi in continuazione ; h) I GESTI: si comunica anche con la gestualità in particolare con chi ha deficit neurosensoriali o handicap ; i) IL TATTO: il contatto fisico fra due persone può essere strumentale, oppure spontaneo ed affettivo (dalla mano sulla spalla per incoraggiare, alla stretta di mano, all abbraccio d accoglienza e condivisione di un momento difficile). Questa sensibilità al linguaggio del corpo del paziente si traduce in una relazione più positiva ed aumenta i sentimenti di stima e fiducia da parte dello stesso nei confronti del professionista. L apprendimento varia al variare delle tecniche comunicative e dunque dei diversi canali di percezione. Tecniche di comunicazione canale % di percezione di apprendicanale Verbale solo udito 20% Grafica-gestuale-iconica solo vista 30% Mista udito+vista 50% Mista udito+vista+discussione 70% 22

23 Mista+sperimentazione udito+vista+discussione+uso 90% In ogni caso occorre fare molta attenzione perché non tutto quello che viene comunicato arriva al ricevente. STUDIO 1 In un affascinante studio sulla comunicazione, considerato ormai un classico, ALBERT MEHRABIAN ha dimostrato che nella comunicazione interpersonale diretta (in pratica, quando siamo faccia a faccia con un interlocutore), soltanto il 7% del significato del proprio messaggio viene trasmesso attraverso la comunicazione verbale. Il 38% del messaggio viene comunicato tramite la comunicazione paraverbale (il tono il volume della voce, la velocità o la lentezza del parlato) e la comunicazione non verbale (la postura, i gesti le espressioni del volto) esprime il 55% della comunicazione! Benché questi numeri siano orientativi, certamente è significativa la distribuzione delle percentuali che Mehrabian ha derivato dalle sue osservazioni, per la portata che il livello di comunicazione non verbale assume nelle interazioni. 23

24 3.3 - DIFFICOLTÀ DI COMUNICAZIONE Ogni giorno ciascuno di noi professionisti incontra decine di pazienti, si entra in contatto con una varietà umana di sesso, età, di status sociale, di condizioni fisiche e psicologiche. Siamo sempre più spesso chiamati a confrontarci anche con differenze etniche e culturali e a creare con esse un ponte di comunicazione che ci consenta di definire trattamenti specifici. Pazienti diversi si comportano in modo diverso; di qui la capacità di adattare il proprio modo di parlare, nella costruzione di un intesa che porti a un efficacia di risultati nei processi di recupero della salute. Acquisire strumenti per un dialogo chiaro e diretto con i propri pazienti è tutt altro che un esigenza di secondaria importanza: la comunicazione anche emotiva del paziente e la sua collaborazione giocano un ruolo importante sia nella fase di diagnosi, sia nel corso del trattamento terapeutico. 24

comunicazione Gli elementi della Università degli Studi di Udine Dipartimento Economia Società Territorio di Claudio Melchior

comunicazione Gli elementi della Università degli Studi di Udine Dipartimento Economia Società Territorio di Claudio Melchior Università degli Studi di Udine Dipartimento Economia Società Territorio Gli elementi della comunicazione di Claudio Melchior claudio.melchior@uniud.it INDICE 1. EMITTENTE pag. 3 2. RICEVENTE pag. 5 3.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale

Storia della PNL PROGRAMMA. I presupposti della comunicazione. I sistemi rappresentazionali. Il sistema rappresentazionale preferenziale PROGRAMMA Storia della PNL I presupposti della comunicazione I sistemi rappresentazionali Il sistema rappresentazionale preferenziale Individuazione del sistema rappresentazionale primario I LEM (Lateral

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa

6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa 6 Aspetti psicologici e relazionali nel bambino sordo a cura di Raffaella Carchio psicologa Da un punto di vista psicologico, l udito è il senso che contribuisce alla formazione dei primi legami relazionali

Dettagli

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA

SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA SCUOLA MEDIA STATALE F. GUARINI SOLOFRA I. Introduzione COUNSELING E COUNSELOR Attualmente nella sua definizione più ampia, il termine Counseling indica la relazione d aiuto che si instaura tra una persona

Dettagli

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace La comunicazione carismatica CARISMATICI SI NASCE O SI DIVENTA? Cos è il Carisma? IMPRESSIONE SPECIFICA E PERSONALE CHE LASCIAMO ALLE PERSONE CHE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI

ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI ISTITUTO COMPRENSIVO COMPLETO ALESSANDRO MANZONI SAMARATE SCUOLA DELL INFANZIA BRUNO MUNARI PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE CURRICOLO delle ATTIVITA EDUCATIVE Della SCUOLA DELL INFANZIA Anno Scolastico 2012.13

Dettagli

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies

Corso MODULO C. Il sistema delle relazioni e la comunicazione. Maria Bonadies Corso MODULO C Il sistema delle relazioni e la comunicazione 2013 Programma Ruolo dell RSPP Competenze relazionali Competenze comunicative Chi sono? Perché mi occupo di sicurezza? Perché sono qui oggi?

Dettagli

Tecniche della comunicazione e relazione Dinamiche e tecniche di comunicazione

Tecniche della comunicazione e relazione Dinamiche e tecniche di comunicazione Tecniche della comunicazione e relazione Dinamiche e tecniche di comunicazione La comunicazione: definizione Per comunicazione s intende la trasmissione di informazioni mediante l uso di un codice e rappresenta

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA

CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA SVILUPPARE L AUTONOMIA FINALITÀ EDUCATIVA DESCRITTORI DELLA IGIENE PERSONALE Intesa come gestione dei propri indumenti personali OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPORTAMENTI

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione

Comunicazione. Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Comunicazione Comunicazione Verbale, non verbale e paraverbale: limiti e risorsa nella comunicazione Non si può non comunicare, afferma uno degli assiomi della comunicazione. Non esiste infatti la non

Dettagli

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo.

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. Programmazione neurolinguistica La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. OBIETTIVI della PNL Obiettivi: - individuare nella struttura

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia dello sviluppo PRAGMATICA COMUNICAZIONE UMANA 1 Pragmatica della comunicazione umana Semiologia: Pragmatica (effetti

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

La comunicazione efficace Il colloquio non direttivo Il feedback fenomenologico

La comunicazione efficace Il colloquio non direttivo Il feedback fenomenologico La comunicazione efficace Il colloquio non direttivo Il feedback fenomenologico URBINO 31-01-2014 Antonella Scalognini La comunicazione Aristotele ritiene che tre sono gli ingredienti fondamentali sui

Dettagli

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto.

Questo libro affronta in modo pratico e diretto le quaranta regole fondamentali da seguire per costruire un buon rapporto di aiuto. GUIDA AL COUNSELING. In 40 regole fondamentali cosa fare e non fare per costruire un buon rapporto d aiuto di Scott T. Meier e Susan R. Davis - Franco Angeli, 1994 Recensione a cura di MONICA MILANI Questo

Dettagli

Scuola per Coach Aziendale

Scuola per Coach Aziendale 1 Chi è il Coach Il Coach aiuta i propri clienti a costruire il futuro che desiderano, attivando le risorse necessarie affinché quel futuro diventi realtà. Coloro che richiedono il suo supporto, vengono

Dettagli

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative;

INDICE. Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; INDICE Nella Programmazione Didattica, suddivisa per campi di esperienza, si potranno trovare: - L INTRODUZIONE, che motiva le scelte educative; - LE LINEE DI METODO, che individuano le esperienze di apprendimento,

Dettagli

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO

LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO Congresso Nazionale degli psicomotricisti LINGUAGGIO E DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO 1 Elettra Trucco Borgogna Il nostro gruppo opera da oltre vent anni nel Reparto Ospedaliero dell Istituto Audiologia dell

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

IL VOLONTARIO CROCE ROSSA: ATTEGGIAMENTO - BISOGNO PSICOLOGICO E COMUNICAZIONE. Dott.ssa Lucia Giovagnoli

IL VOLONTARIO CROCE ROSSA: ATTEGGIAMENTO - BISOGNO PSICOLOGICO E COMUNICAZIONE. Dott.ssa Lucia Giovagnoli IL VOLONTARIO CROCE ROSSA: ATTEGGIAMENTO - BISOGNO PSICOLOGICO E COMUNICAZIONE Dott.ssa Lucia Giovagnoli Atteggiamento psicologico e comunicazione Obiettivi: Atteggiamento psicologico del volontario Bisogno

Dettagli

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE

IIS SELLA AALTO LAGRANGE. Sezione associata L.Lagrange. a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE IIS SELLA AALTO LAGRANGE Sezione associata L.Lagrange a.s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DI TECNICA DELLA COMUNICAZIONE DOCENTE: CLASSE: Prof.ssa COLLINO Elena 3 A OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI TRASVERSALI

Dettagli

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA

PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA Terzo Anno PSICOLOGIA GENERALE ED APPLICATA COMPETENZE ABILITA CONOSCENZE TEMPI S1. atteggiamento individuando i diversi approcci teorici che hanno caratterizzato la storia della psicologia. S1. Realizzare

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER

LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER LA COMUNICAZIONE POSSIBILE NELLA DEMENZA DI ALZHEIMER Dott. Giorgio Della Pietà Psicologo mail: giorgiodp@hotmail.com Obie%vi Cos è la comunicazione La comunicazione verbale La comunicazione non verbale

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

Comunicazione e Relazione

Comunicazione e Relazione Seminario di Comunicazione e Relazione Dott.ssa Isabella Fanelli Esperta nei Processi Formativi Facoltà di Scienze della Formazione Dipartimento di Psicologia Università degli Studi di Bari E-mail: l.fanelli@tin.it

Dettagli

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it

L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico. Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it L infermiere e l assistenza psicologica al malato neoplastico Dott. Iolanda Orsogna Psicologa-psicoterapeuta i.osogna@tiscali.it Il ruolo infermieristico È tra le figure professionali che si trova quotidianamente

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Perché diventare un professionista in programmazione neuro linguistica

Perché diventare un professionista in programmazione neuro linguistica LA PNL VIENE INSEGNATA PER CONSENTIRE UNA MIGLIORE E PIÙ ECOLOGICA COMUNICAZIONE TRA INDIVIDUI E CON SE STESSI, PIUTTOSTO CHE COME UN ARMA DI VENDITA E PERSUASIONE Perché diventare un professionista in

Dettagli

Caritas Ambrosiana. Corso base per operatori dei Centri di ascolto Caritas: Essere e fare Caritas Secondo incontro

Caritas Ambrosiana. Corso base per operatori dei Centri di ascolto Caritas: Essere e fare Caritas Secondo incontro Caritas Ambrosiana. Corso base per operatori dei Centri di ascolto Caritas: Essere e fare Caritas Secondo incontro: Il metodo Caritas: lo stile dell operatore dell ascolto La Caritas ha, da sempre, elaborato

Dettagli

Comunicare la gravità: : il cancro

Comunicare la gravità: : il cancro Comunicare la gravità: : il cancro Dott.ssa Nadia Crotti Psicologa-Psicoterapeuta Servizio di Psicologia - IST Genova ntcrotti@libero.it 010-5600603/606 COMUNICAZIONE sul CANCRO Comunicazione individuale

Dettagli

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane

Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Istituto Magistrale Statale di Rieti Elena Principessa di Napoli Liceo delle Scienze Sociali Liceo Sociopsicopedagogico Stage formativo annuale La Comunicazione nelle Scienze Umane Modulo: Aspetti generali

Dettagli

TEORIE DELLA COMUNICAZIONE

TEORIE DELLA COMUNICAZIONE TEORIE DELLA COMUNICAZIONE Clemente Danieli «La mente e l albero» Binazzi Tucci «Scienze sociali» AIME «Ciò che noi siamo» Ugo Fabietti «Antropologia» Avalle Maranzana «L individuo fra natura e cultura»

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di.

COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. COME COMUNICARE? La violenza verbale, da una parte e dall altra, è indice di. Vorrei partire da un assunto, o meglio una constatazione: è impossibile non comunicare: la comunicazione è una proprietà del

Dettagli

consolare, confortare, venire in aiuto,

consolare, confortare, venire in aiuto, COUNSELING in SANITA In una Prospettiva Multimodalale ----------- Counseling come servizio di orientamento e come strumento di supporto nei servizi socio-psico-pedagogici Counseling Aziendale tra empowerment

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it 1 «La necessità di sviluppare una capacità comunicativa più efficace è

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI

PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE SCUOLA DELL INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3, 4, 5 ANNI 3 anni IL SÉ E L ALTRO Supera il distacco dalla famiglia Prende coscienza di sé Sviluppa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Direzione per il Personale. La gestione del colloquio di valutazione UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Direzione per il Personale - Settore Sviluppo Risorse Umane - SISTEMA DI VALUTAZIONE PERFORMANCE INDIVIDUALE La gestione del colloquio di valutazione INDICE INTRODUZIONE

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 AGENDA La comunicazione Le barriere e i rimedi OBIETTIVO DEL CORSO UNA PERSONA PIU EFFICACE NEL LAVORO E NELLA VITA PERCHE CONTROLLA MEGLIO LA PROPRIA COMUNICAZIONE

Dettagli

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5

1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL INFANZIA- SCUOLA PRIMARIA 5 SCUOLA DELL'INFANZIA "PANTANO" PROGETTI CURRICULARI Anno Scollastico 2013 -- 2014 INDICE 1. PROGETTO ACCOGLIENZA 2. PROGETTO NATURA 3. PROGETTO INSIEME PER FESTEGGIARE 4. PROGETTO CONTINUITAˋ SCUOLA DELL

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR

LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 1 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR 2 LE COMPETENZE ESSENZIALI PER IL RUOLO DI COUNSELOR conoscere 1) CONOSCENZA DEL CAMPO DI APPLICAZIONE 2) CONOSCENZA DELL'ANALISI TRANSAZIONALE 3) CONTRATTUALITAʼ

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari)

Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Più donne per i C.d.A. e le posizioni apicali Leadership e governo aziendale (Maurizio Bottari) Regione Piemonte Torino, 2 aprile 2014 I veri Leader non nascono tali, lo diventano grazie all impegno e

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C

Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C Istituto Comprensivo Europa Faenza Scuola dell infanzia Il Panda PROGETTO EDUCATIVO ANNO SCOLASTICO 2015/2016 SEZIONI 1A - 1B - 1C 1 INTRODUZIONE Ai bambini e alle bambine che a tre anni, fanno il loro

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA

> RICERCA & FORMAZIONE < RAPPORT & SINTONIA RAPPORT & SINTONIA 1 RAPPORT Il termine rapport indica che esiste o che si è stabilita una reciproca comprensione tra due o più persone. Il sinonimo per tale concetto è sintonia o feeling. Per rapport,

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA

SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO IL CORPO IN MOVIMENTO Prendere coscienza della propria identità Scoprire le diversità Apprendere le prime regole di vita sociale Osservare l ambiente che lo circonda Ascoltare le narrazioni

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Psicologia dell emergenza negli eventi catastrofici annunciati LA COMUNICAZIONE EFFICACE

Psicologia dell emergenza negli eventi catastrofici annunciati LA COMUNICAZIONE EFFICACE Corso di formazione per volontari di protezione civile Psicologia dell emergenza negli eventi catastrofici annunciati LA COMUNICAZIONE EFFICACE Supporti visivi di Consuelo C. Casula Specialista Psicologia

Dettagli

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA FINALITA E LINEE EDUCATIVE SCUOLA DELL INFANZIA LA SCUOLA DELL INFANZIA Concorre all educazione armonica ed integrale dei bambini e delle bambine Contribuisce alla realizzazione del principio dell uguaglianza

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PNL. Cenni introduttivi alla Programmazione Neurolinguistica e al Rapport

INTRODUZIONE ALLA PNL. Cenni introduttivi alla Programmazione Neurolinguistica e al Rapport INTRODUZIONE ALLA PNL Cenni introduttivi alla Programmazione Neurolinguistica e al Rapport Introduzione alla PNL Primo Modulo CONTENUTI Introduzione alla PNL Il Rapport Matching & Mismatching Rispecchiamento

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI

PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI PROGETTARE LA MEDITAZIONE NELLE SCUOLE, NELLE COMUNITÁ E NEI CENTRI DI AGGREGAZIONE, PER BAMBINI E ADOLESCENTI, INSEGNANTI ED EDUCATORI Cos è la meditazione e a cosa serve nel processo educativo La meditazione

Dettagli

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro

La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici. Anselmo Cro La comunicazione, elementi teorici ed aspetti pratici Anselmo Cro LA COMUNICAZIONE I Principi NON SI PUO NON COMUNICARE OGNI COMUNICAZIONE E COMPORTAMENTO OGNI COMPORTAMENTO E COMUNICAZIONE IL SIGNIFICATO

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE

L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE L USO DELLA PNL IN AZIENDA: COME, QUANDO E PERCHE LA SCIENZA Se si cerca programmazione neurolinguistica O PNL si hanno questi risultati ( tantissimi ) Definire la PNL, Programmazione Neuro Linguistica

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE

IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE VI Incontro Formativo LA VISIONE OLISTICA DELLA CURA: IL MALATO LA LESIONE CUTANEA CRONICA IL SUPPORTO DOMICILIARE AL PAZIENTE: IL RUOLO DELL INFERMIERE Coordinatore Infermieristico Cure Domiciliari ASL

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010

ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE. Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 ASPETTI PSICOLOGICI DEL SOCCORSO E STRATEGIE DI COMUNICAZIONE Corso TI CRI Bergamo San Pellegrino, 15 novembre 2010 CONTENUTI Aspetti psicologici del soccorritore I bisogni psicologici del paziente Strategie

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario...

ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO. Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... ISTITUTO COMPRENSIVO ERASMO DA ROTTERDAM SCUOLA dell'infanzia CISLIANO Per poter accogliere teneramente... con tutto il tempo necessario... per avere lo spazio dove ascoltare le esigenze di ogni bambina

Dettagli

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi

Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Conflitto e mediazione tra pari: una proposta per prevenire e gestire il bullismo Dott. Mirko Q. Antoncecchi Introduzione al fenomeno. Il bullo è un individuo che usa la propria forza o il proprio potere

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Corso di Formazione. Introduzione al counseling

Corso di Formazione. Introduzione al counseling Corso di Formazione L infermiere e la Psicologia dell Emergenza. Le reazioni dei soccorritori negli eventi critici: fattori di rischio e protezione Introduzione al counseling Dott.ssa Concetta Crisanti

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016

Punti essenziali del Piano Triennale di Circolo 2013-2016 Direzione Didattica 2 Circolo San Giuseppe Via Enrico Costa, 63 - telefax 079/233275 - Sassari e-mail ssee00200p@istruzione.it - sito web www.secondocircolosassari.gov.it Cod. Fiscale. 80002320903 Cod.

Dettagli

Di cosa parleremo. Neurone. Regioni del cervello. CERVELLO e del suo funzionamento LINGUAGGIO COMUNICAZIONE EFFICACE

Di cosa parleremo. Neurone. Regioni del cervello. CERVELLO e del suo funzionamento LINGUAGGIO COMUNICAZIONE EFFICACE Di cosa parleremo CERVELLO e del suo funzionamento LINGUAGGIO COMUNICAZIONE EFFICACE PNL (Programmazione Neuro Linguistica) NEGOZIAZIONE STRATEGICA PERSUASIONE Neurone Regioni del cervello sinapsi neurotrasmettitori

Dettagli

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria Centro Studi Hänsel e Gretel onlus con il contributo della L EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Un progetto formativo per alunni, docenti, genitori delle classi quarte, quinte della scuola primaria

Dettagli

CORSO DI PEDAGOGIA E PSICOLOGIA APPLICATA

CORSO DI PEDAGOGIA E PSICOLOGIA APPLICATA F.I.S.E. FEDERAZIONE ITALIANA SPORT EQUESTRI Corso Formazione 1 Livello Reining CORSO DI PEDAGOGIA E PSICOLOGIA APPLICATA I PARTE Dott.ssa Francesca Morosini Psicologa PROGRAMMA 1. Cenni di Pedagogia 2.

Dettagli

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE

APPRENDIMENTO ed EDUCAZIONE EDUCARE è COSTRUZIONE DI SENSO gruppo classe = gruppo di lavoro? ma si differenzia da questo, che è regolato da ruoli, norme e obiettivi precisi e condivisi, perché non è la norma nella sua interezza che

Dettagli

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti.

L alunno esprime: vissuti; emozioni, fatti. CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA EUROPEA DI LEGITTIMAZIONE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 L alunno: SVILUPPO DELLE ASCOLTO L alunno ascolta: il lessico di

Dettagli

La comunicazione medico paziente

La comunicazione medico paziente Università degli Studi di Perugia Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia La comunicazione medico paziente Damiano Parretti I principi della comunicazione Watzlawick (1971) descrive gli aspetti della comunicazione

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli