Protocolli clinici e terapeutici di igiene orale in pazienti in particolari situazioni fisiologiche e patologiche. Seconda parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocolli clinici e terapeutici di igiene orale in pazienti in particolari situazioni fisiologiche e patologiche. Seconda parte"

Transcript

1 Protocolli clinici e terapeutici di igiene orale in pazienti in particolari situazioni fisiologiche e patologiche. Seconda parte LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA Eziologia ed eziopatogenesi La gravidanza rappresenta una condizione fisiologica, durante la quale si verificano scompensi a livello fisico in grado di comportare diverse problematiche, specialmente se associati a fattori di rischio. È fondamentale per la donna in età fertile, soprattutto in previsione di una gravidanza, effettuare un corretto programma di prevenzione della salute orale atto ad evitare situazioni di emergenza; per questo motivo risultano necessarie visite di controllo e sedute di igiene orale professionale. In occasione dell incontro con gli operatori sanitari, si valuteranno eventuali patologie orali che potrebbero richiedere l utilizzo di farmaci e indagini radiografiche dannose per il feto (1). Essi rappresentano i principali fattori di rischio che possono presentarsi in campo odontoiatrico; sono da evitarsi soprattutto durante il primo Cristina Comi Michela A.A. Rossini Alessandra Matassa Martina Gangale Marco Ballestrin Martina Gattuso* Università degli Studi dell Insubria, Corso di Laurea in Igiene Dentale, Coordinatore: dott. MAA Rossini * Igienista Dentale, libera professionista trimestre gestazionale, nel quale si verifica l organogenesi, in quanto costituisce il periodo maggiormente a rischio per la possibilità di aborto spontaneo. In caso di necessità di esami radiografici, è importante proteggere l addome con appositi schermi. Per quanto riguarda l utilizzo dei farmaci, è necessario valutare sia la comparsa di nuove variabili in grado di condizionarne l assorbimento e la metabolizzazione, sia la capacità del farmaco stesso di oltrepassare la barriera placentare, diventando tossico per il feto (2, 3). A tal proposito la FDA (Food and Drug Administration) ha suddiviso i farmaci in cinque categorie di rischio illustrate nella tabella 1 (4). Valutazione e inquadramento anamnestico e clinico della paziente L anamnesi rappresenta la raccolta, a fine diagnostico, di tutti i dati sui precedenti fisiologici e patologici di un paziente. Essa è importante anche per intercettare i fattori di 238

2 CATEGORIA A B C D X tab. 1 gli studi sull uomo portano a dati di sicurezza e atossicità per il feto gli studi sugli animali non hanno segnalato presenza di rischi per né per la madre, né per il feto gli studi sugli animali hanno rilevato una tossicità per il feto, tuttavia i potenziali benefici del farmaco potrebbero giustificarne l utilizzo nella madre gli studi sull uomo hanno evidenziato un rischio per il feto, tuttavia i potenziali benefici del farmaco potrebbero giustificarne l utilizzo nella donna in gravidanza gli studi sull uomo o sugli animali hanno dimostrato l'insorgere di anomalie fetali ed i rischi associati all'utilizzo del farmaco in gravidanza sono chiaramente prevalenti rispetto a qualsiasi possibile beneficio rischio che, se non rimossi, possono essere nocivi per la gravidanza. Fumo: la nicotina, respirata sia in modo attivo che passivo, può avere conseguenze come il precoce invecchiamento placentare, la mortalità perinatale, il VLBW (Very Low Birth Weight), la possibilità di aborto spontaneo e lo sviluppo di labiopalatoschisi nel bambino. L operatore sanitario, in prima seduta, deve verificare abitudini della gestante che, se fumatrice, va esortata a smettere tramite consigli personalizzati, councelling antitabagico e utilizzo di sostituti nicotinici tramite la NRT (Nicotine Replacement Therapy). Alcol: recenti studi mostrano un legame tra l abuso di alcol in gravidanza e il VLBW, oltre alla possibilità di parto prematuro e anomalie congenite; tuttavia, da alcuni studi di coorte in relazione ad un consumo basso-moderato, non sono emersi risultati statisticamente significativi circa l effettiva tossicità. Ad ogni modo, per Amoxicillina Insulina Paracetamolo Ibuprofene Lidocaina Ketoprofene Metronidazolo Articaina Nimesulide Ciclosporina Benzocaina Eritromicina Tetraciclina Fluorbiprofene Gentamicina Litio Streptomicina Metotrexate Ciclofosfamide Retinoidi precauzione, si sconsiglia l uso di alcol. Droghe: marijuana, metadone, cocaina, eroina e altre sostanze simili sono le principali responsabili di parti pretermine, aborti spontanei, VLBW, anomalie congenite, problematiche nello sviluppo fetale, sindrome dell astinenza (Withdrawal Syndrome) e alterazioni del sistema nervoso. Per quanto riguarda gli effetti a lungo termine, sono emersi disturbi correlati alla crescita, al linguaggio e alle facoltà cognitivo-comportamentali, oltre che una predisposizione all utilizzo futuro di droga (5, 6). Farmaci: evitare i vasocostrittori poiché potenzialmente in grado di modificare il ritmo cardiaco fetale, interferendo sulla circolazione feto-placentare, e prestare attenzione alla classificazione della FDA riportata nella tabella 1. Dall esame clinico si possono evidenziare altri fattori di rischio come la gengivite gravidica che può sfociare in parodontite; quest ultima può essere causa di nascite premature e di VLBW. Inoltre, in quanto processo infettivo, è in grado di avere influenze negative sulla gravidanza, alterando l equilibrio dell organismo attraverso la liberazione di mediatori della risposta infiammatoria, come citochine e prostaglandine (7). Manifestazioni orali associate al quadro sistemico specifico I fattori che influenzano la salute del cavo orale in gravidanza sono: aumento delle specie parodontopatogene della placca batterica a causa della interazioni ormonali; diminuzione della risposta immunitaria con rilascio di istamina e inibizione dei linfociti T; aumento di batteri anaerobi con conseguente acidificazione della saliva, che perde il suo potere remineralizzante nei confronti dello smalto, portando ad un aumento della cariorecettività; durante il periodo in cui insorgono nausea e vomito, alla gestante viene consigliato di assumere spesso piccole quantità di cibo, causando un peggioramento della qualità dell igiene; l aumento delle spese sanitarie ginecologiche può portare la paziente a trascurare interventi terapeutici da lei ritenuti meno importanti. Le patologie orodentali vengono rilevate tramite un accurato esame intraorale. Le principali sono: gengivite gravidica: arrossamento, edema, sanguinamento e ipertrofia causate dall aumento di estrogeni. Tale patologia può insorgere già dal primo trimestre e, solitamente, scompare spontaneamente dopo il parto; parodontite: infiammazione dei tessuti di supporto del dente caratterizzata da retrazione gengivale, distruzione dell osso e del lega- 239

3 mento parodontale; può svilupparsi in seguito ad una gengivite trascurata; epulide gravidica: neoformazione benigna derivata da una gengivite ormonale, che compare di solito nel primo trimestre e che tende a presentarsi nella zona interpapillare; candidosi: infezione micotica caratterizzata da placche molli e biancastre che, se rimosse, lasciano una zona edematosa. Si associa in genere a xerostomia, assunzione di antibiotici ad ampio spettro e immunodepressione; cheilite angolare: infiammazione localizzata agli angoli della bocca rappresentata da esfoliazione della pelle con successiva comparsa di tagli, riconducibile a una carenza vitaminica; carie: processo patologico che comporta il rammollimento del tessuto dentale e procede con la formazione di una cavità (8, 9). Procedure di igiene orale professionale: protocolli operativi La paziente in gravidanza, nonostante la sua condizione fisiologica, va trattata seguendo determinati protocolli, in quanto bisogna considerare il fatto che qualsiasi terapia coinvolgerebbe sia la donna che il feto. Le sedute di igiene orale professionale devono svolgersi frequentemente, con lo scopo di trasmettere le giuste nozioni alla paziente e prevenire l insorgenza di patologie orali. L igienista dentale dovrà: eseguire un accurata indagine anamnestica; effettuare sedute di breve durata, specialmente nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, altrimenti la prolungata compressione della vena cava inferiore potrebbe alterare il circolo utero-placentare (10); adottare le giuste protezioni in caso di necessità di radiografie endorali; somministrare clorexidina attraverso collutori; istruire la paziente circa il mantenimento di un ottima igiene orale domiciliare (IOD) e motivarla, anche attraverso l ausilio di video, questionari e opuscoli, alla dismissione di tutte le abitudini viziate che possono rappresentare un pericolo per la gravidanza. È di fondamentale importanza, al fine di raggiungere risultati ottimali, che sia i consigli che le istruzioni di IOD siano personalizzati. Igiene orale domiciliare Una corretta Igiene orale domiciliare è estremamente importante. L igienista dentale dovrà attuare un councelling motivazionale efficiente al fine di ottenere la completa compliance da parte della gestante. A causa delle problematiche che possono derivare dall alimentazione, dalle interazioni ormonali e dall aumento dei batteri anaerobi presenti nel cavo orale, c è una maggiore probabilità di insorgenza di patologie orali. Ecco perché la paziente in gravidanza dovrà prestare maggiore attenzione al mantenimento di un ottimo HI (Hygiene Index). L operatore sanitario presterà le informazioni necessarie, insegnerà le corrette tecniche di spazzolamento e di utilizzo dei presidi interdentali, consiglierà l utilizzo di spazzolini a setole morbide, dentifrici e collutori fluorati, e suggerirà una dieta equilibrata e povera di zuccheri. Nell eventualità di insorgenza di gengivite, l igienista dentale valuterà se raccomandare l uso di prodotti a base di clorexidina. Quest ultima, inoltre, così come lo xilitolo, riduce la trasmissione di batteri cariogeni dalla madre al bambino; ne viene quindi consigliato il consumo sia nei mesi finali della gravidanza sia nella fase post partum (9). IL PAZIENTE ANZIANO Le migliorate condizioni di vita, una maggior attenzione alla prevenzione e ancor più il progresso della tecnologia medico sanitaria, accanto a stili di vita più salutari, hanno fatto sì che la vita media sia aumentata (78 anni per gli uomini e 84 per le donne). I dati Istat del 2012 ci indicano che ci sono 148,6 anziani ultrasessantacinquenni ogni 100 giovani. La regione più anziana è la Liguria, la più giovane la Campania (11). Il rapporto tra popolazione giovane e anziana e popolazione in età attiva (indice di dipendenza) supera il 52% (dati censimento Istat 2010). L Italia è ai primi posti nella graduatoria europea, evidenziando una situazione di maggiore squilibrio generazionale. Da ciò consegue che un sempre maggiore numero di anziani necessitino di cure odontoiatriche che dovranno tener presente lo stato di invecchiamento e di salute reale del paziente. Nel mantenimento in salute non solo del cavo orale, ma anche a livello generale, fondamentale è il ruolo della prevenzione sia primaria che secondaria e la motivazione ad una corretta igiene orale. Infatti la salute del cavo orale incide notevolmente sulla qualità di vita della persona anziana e sulle capacità di mantenere le abitudine quotidiane come il riuscire a mangiare in modo adeguato, parlare chiaramente e correttamente, tenersi in attività e mantenere dei buoni rapporti familiari e sociali. Per valutare quanto la salute orodentale può incidere sulla qualità di vita individuale si può utilizzare il Dental Impact on Daily Living (DIDL), un 240

4 indice che valuta la percezione che ognuno ha della propria salute orale prendendo in cosiderazione comfort, aspetto, dolore, restrizione alimentare e performance (12). Eziologia ed eziopatogenesi Con il termine invecchiamento si intende una progressiva perdita delle capacità fisiologiche e deterioramento delle strutture tissutali. Sebbene il termine anziano si riferisca ad un soggetto che abbia almeno 65 anni, può indicare qualcuno più giovane che abbia assunto gli attributi della persona anziana, ad esempio una giovane vittima di un ictus. Peraltro è sbagliato definire anziano un soggetto vitale ed attivo indipendentemente dalla sua età. Di un individuo dobbiamo considerare l età biologica, che corrisponde alla sua età fisiologica e che è determinata dalle modificazioni di struttura e di funzioni dell organismo (postura, conduzione nervosa, forza muscolare), e l età cronologica, cioè il tempo intercorso dalla nascita. L età biologica non sempre è sinonimo di età cronologica, perché i segni d invecchiamento si presentano ad età cronologiche differenti in individui diversi. Alcuni gerontologi hanno diviso popolazioni anziane in diverse categorie basate sull età (13): anziani giovani (65-74 anni); anziani medi (75-84 anni); anziani vecchi (oltre gli 85 anni). Esiste un altra classificazione definita funzionale che si basa sul livello di salute generale e di attività fisica. In relazione al grado di inabilità, le persone anziane possono essere: funzionalmente indipendenti; deboli; funzionalmente dipendenti. Durante l invecchiamento le capacità funzionali della maggior parte degli organi diminuiscono, con rallentamento del metabolismo delle cellule; i tessuti mostrano segni di disidratazione, atrofia, fibrosi, minore elasticità e ridotta capacità riparativa. Anche il cavo orale subisce, durante l invecchiamento, dei processi fisiologici di deterioramento morfologico e funzionale. Spesso a questo fisiologico cambiamento si aggiungono altre patologie sistemiche che comportano il sottoporsi a diverse terapie farmacologiche. Valutazione e inquadramento anamnestico e clinico del paziente L anziano di per sé ha una maggiore prevalenza di problemi legati al cavo orale, che comprendono sia i tessuti duri che quelli molli, non tanto per il naturale e fisiologico invecchiamento, ma per una più elevata incidenza di patologie che interessano direttamente il cavo orale. Come precedentemente detto, non sempre l età biologica corrisponde all età fisiologica, per cui se da un lato ci sono casi di un buon invecchiamento in cui c è anche un buon mantenimento della salute orale, dall altro ci sono perdita di numerosi elementi dentali, lesioni di tipo neoplastico della mucosa orale che possono causare limitazioni funzionali e parodontopatie. A questo quadro si devono aggiungere gli effetti negativi di malattie sistemiche che spesso si presentano insieme (comorbilità) e la polifarmacoterapia con i suoi effetti secondari, come ad esempio la xerostomia o le candidosi (14). Nei soggetti anziani possono coesistere problematiche patologiche come disturbi della mobilità, Parkinson, demenza, disturbo del ritmo sonno-veglia, problemi cardiovascolari, renali, epatici, diabete, artrosi e stati depressivi (15). Anche i problemi economici e la difficoltà di accedere ai servizi di assistenza rendono faticosa la prevenzione e la cura delle patologie del cavo orale. L assistenza odontoiatrica dovrebbe essere affrontata tenendo conto di tutte le problematiche patologiche, psicologiche e socioeconomiche e in stretta collaborazione tra odontoiatra, igienista dentale, geriatra. La raccolta di una attenta anamnesi che tenga anche ben presente le alterazioni funzionali del paziente, come ad esempio la perdita dell udito, della vista, della sensibilità tattile e delle capacità cognitive, permetterà agli operatori odontoiatrici di stilare il piano di cura e prevenzione più adatto al paziente. Manifestazioni orali associate al quadro sistemico specifico Con l avanzare dell età una delle più frequenti patologie a cui i pazienti sono esposti è la malattia parodontale. Una delle conseguenze è l esposizione delle superfici radicolari con una più frequente comparsa di carie a livello cervicale. Da un punto di vista clinico, la carie radicolare si presenta con il coinvolgimento di una superficie della radice dentale, o in casi particolari può svilupparsi circolarmente intorno alle radici stesse. Si è detto che la perdita di tessuto duro del dente debba essere considerata fisiologica con l avanzare dell età, tuttavia la presenza di bordi coronali taglienti e di residui radicolari deve essere attentamente valutata al fine di evitare lesioni traumatiche di difficile risoluzione in casi di complicate situazioni sistemiche che possono alterare le difese immunitarie. Tra le patologie più comuni delle mucose riscontrate nell anziano troviamo: lichen planus: è una malattia mucocutanea relativamente comune, a carattere cronico e dall eziolo- 241

5 gia sconosciuta. La patogenesi del lichen planus è strettamente collegata a un alterata immunoregolazione mediata dai linfociti T citotossici che determina un danno dei cheratinociti epiteliali; lesioni leucoplasiche precancerose: sono alterazioni della mucosa orale che presentano una maggiore possibilità statistica di trasformazione maligna rispetto alla mucosa indenne. Il 60% dei carcinomi del cavo orale è preceduto o coesiste con una lesione preneoplastica, il restante 40% dei casi origina da una mucosa sana; cheilite angolare: determinata da carenze vitaminiche, dalla perdita degli elementi dentari posteriori che determina ristagno di saliva e conseguente macerazione della mucosa degli angoli della bocca. I principali agenti eziologici sono la candida albicans e lo streptococcus mutans. La manifestazione clinica più frequente è rappresentata da fessurazioni dolorose che si irradiano agli angoli della bocca (fig. 1); candidosi: il termine si riferisce ad un gruppo di lesioni che possono interessare le mucose del cavo orale, sostenute da miceti appartenenti al genere candida. xerostomia: causata da patologie, degenerazione delle ghiandole salivari o come conseguenza di terapie. Il paziente che ha la sensazione di avere la bocca asciutta lamenta difficoltà nella deglutizione, nell eloquio e nella masticazione (16). Procedure di igiene orale professionale: protocolli operativi (tab. 2) Un approccio corretto al paziente anziano deve necessariamente tenere in considerazione un attenta raccolta anamnestica sullo stato di salute generale e sullo stato del cavo orale. fig. 1 Protocolli di igiene orale Limitare la durata della seduta di igiene e fare pause frequenti Non esigere risposte rapide alle richiesta di cambiamento di posizione o di risciacquo Suggerire cure post trattamento per favorire la guarigione dei tessuuti, lasciando indicazioni scritte. (es Tipo di apzz, dentifricio, collutorio...) Motivare il paziente, facendo leva sull importanza di un buon mantenimento dell igiene orale per una buona salute generale. Fissare degli obiettivi raggiungibili facilmente dal paziente e verificarne i progressi. tab. 2 La valutazione di dati raccolti permetterà all igienista dentale, in collaborazione con l odontoiatra, di stilare un corretto programma terapeutico. In cartella andranno riportati valutazioni e diagnosi di: stato di salute attuale e farmacoterapia; disabilità fisiche; stato emozionale; dieta seguita; stili di vita. L esame obiettivo del cavo orale comprende la valutazione oltre che dei tessuti duri (erosioni, abrasioni, carie ) anche delle mucose, delle ghiandole salivari e la rilevazione degli indici parodontali. Se il paziente è un portatore di protesi mobile è necessario valutare attentamente le mucose per intercettare eventuali lesioni traumatiche. Sarebbe buona norma limitare la durata delle sedute di igiene e lasciare agio al paziente di fare anche delle pause durante il trattamento. Di fondamentale importanza risulta essere una buona motivazione e delle chiare istruzioni di igiene orale domiciliare. Per facilitare la comprensione bisogna cercare di dimostrare direttamente, con l ausilio di specchi, l utilizzo degli strumenti di igiene orale quotidiana (spazzolino, filo, scovolino eccetera). I protocolli operativi devono necessariamente tener conto dello stato di salute generale del paziente e della sua collaborazione. Igiene orale domiciliare Come precedentemente sottolineato l igienista dentale deve istruire il paziente anziano ad un buon mantenimento domiciliare evitando però di dare troppe nuove informazioni in una sola volta e di introdurre nuove metodiche di igiene orale, ma modificando e migliorando quelle già in atto. In considerazione delle reali capacità manuali, della collaborazione o dei limiti legati all età bisogna porre al paziente obiettivi facilmente raggiungibili. Ai pazienti con qualche disabilità manuale può essere di aiuto l utilizzo dello spazzolino elettrico. Spesso i pazienti anziani sono portatori di manufatti protesici e, a seconda della tipologia, l igienista dentale dovrà modulare le istruzioni di igiene orale. 242

6 Manufatti protesici più comuni negli anziani Protesi totali rimovibili Overdenure Protesi parziali rimovibili Protesi fisse Il paziente portatore di protesi mobile deve essere istruito sulla manutenzione del manufatto e sul mantenimento in buona salute dei tessuti sottostanti. La pulizia della protesi deve essere fatta dopo ogni pasto utilizzando uno spazzolino specifico e avendo cura di spazzolare tutte le superfici, è opportuno utilizzare periodicamete le soluzioni disinfettanti e detergenti. I detergenti comunemente in commercio sono a base di: perossidi alcalini che disciogliendosi producono idrogeno (efficaci solo se la protesi è ben pulita anche dai residui alimentari); soluzioni a base di ipoclorito che hanno capacità antibatteriche e detergenti e che vanno preparate diluendo un cucchiaio di ipoclorito al 5% in un bicchiere di acqua. Nel caso di protesi totale, almeno una volta al giorno è necessario detergere le mucose utilizzando uno spazzolino morbido (17, 18). Nel caso in cui siano presenti riabilitazioni protesiche tradizionali o su impianti, bisogna fornire, dimostrandole direttamente, le istruzioni di igiene orale per la pulizia degli spazi interprossimali attraverso scovolino e/o filo interdentale. COUNSELLING MOTIVAZIO- NALE E COMUNICAZIONE NEI PAZIENTI CON PATOLOGIE SISTEMICHE DI INTERESSE ODONTOIATRICO Già si è a lungo parlato di come una comunicazione efficace possa garantire compliance, fidelizzazione, soddisfazione del professionista e del paziente, diminuire i contenziosi e promuovere un marketing etico (19). Ma come comportarsi praticamente con alcune tipologie speciali di pazienti come quelle in oggetto? Sulla scia della Medicina Centrata sul Paziente è imprescindibile considerare gli aspetti personali degli assistiti, lo stile di vita e il modo di percepire e vivere la malattia (Illness) (20), per fare in modo che il counselling possa esser loro utile a fronteggiare le difficoltà, ricorrere e potenziare le risorse personali, facilitare la presa di decisioni. APPROCCIO AL PAZIENTE DIABETICO Autopercezione di malattia Nel paziente insulino-dipendente si riscontrano maggiori livelli di autopercezione rispetto al paziente con diabete di tipo 2, poiché questi è portato a doversi occupare quotidianamente delle conseguenze che il disturbo comporta. Tuttavia entrambe le categorie non sono particolarmente coscienti di come effettuare un efficace prevenzione (21) né dell impatto che le abitudini, gli stili di vita e le condizioni orali possano avere sulla patologia e viceversa (22). Caratteristiche psicologiche Una delle complicanze è il possibile sviluppo di sindromi depressive, caratterizzate da un basso tono dell umore, calo dell autostima e anedonia (23). Interventi motivazionali Rimarcare la relazione tra diabete e malattia parodontale, motivare all igiene orale e richiami frequenti. A livello generale è necessario ricordare l importanza dell esercizio fisico, il controllo del regime alimentare, la cessazione dell abitudine al fumo, il corretto utilizzo e somministrazione dei farmaci (ove è richiesto dalla terapia) e l automonitoraggio dei livelli di zucchero nel sangue (24, 25). Modalità comunicative Modulare gli interventi motivazionali valutando lo stato di Illness; dimostrare comprensione verso le difficoltà riportate e trovare insieme strategie per fronteggiarle. Nel caso in cui il paziente dimostri un tono dell umore particolarmente depresso, cercare un canale comunicativo privo di invadenza, per consentire l espressione di reali disagi, suggerendo di consultare uno psicologo. Leva motivazionale È utile la leva salutistica per sottolineare gli effetti che la malattia ha sulle condizioni parodontali. Altresì è valido il rinforzo positivo per incrementare l efficacia (26, 27). APPROCCIO AL PAZIENTE CON DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Autopercezione di malattia Si tratta di patologie di interesse psichiatrico caratterizzate dal rifiuto ad ammettere la gravità delle condizioni fisiche (28). Questo aspetto e l alterata attribuzione di significato al cibo come nutrimento testimoniano un incapacità di percepire la malattia. Caratteristiche psicologiche Il disturbo è contraddistinto da un alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso e la forma del corpo (29). È fondamentale non attribuire esclu- 243

7 sivamente il problema alle donne, in quanto non è il sesso esclusivo ad esserne affetto, ma soprattutto perché l ossessione verso particolari ideali estetici sta incrementando l incidenza del disturbo nei giovani maschi: dapprima emergendo come fenomeno di machismo nelle palestre, poi incrementando verso condotte ortoressiche e successivamente sviluppandosi in patologia (30). Interventi motivazionali Questi pazienti tendono a lavarsi spessissimo non solo a causa dell emesi, ma anche per una cura ossessiva del corpo; vanno suggeriti tempi e modalità di spazzolamento adeguati e consigliati sciacqui o spray a base di bicarbonato dopo gli episodi di vomito e utilizzo di fluoro (31). Bisogna inoltre incoraggiare l assunzione di almeno un pasto al giorno (in caso di AN), scoraggiare condotte compensatorie, aumentare il livello di self-perception rispetto al problema e mostrare allo specchio le conseguenze orodentali. È opportuno promuovere il contatto con uno psichiatra. Modalità comunicative Si denotano difficili interazioni comunicativo-relazionali: se si sospetta la presenza di un DA non ci si deve aspettare che il soggetto lo confermi; potrebbe essere utile fare domande aperte permettendo una libera espressione da parte dell assistito. Questa non avverrà immediatamente, a meno che il soggetto non sia già in cura, ma saranno le capacità comunicative, le doti umane del professionista e la graduale costruzione di un rapporto di fiducia a permetterlo. Leva motivazionale Qualsiasi leva risulta di scarsa efficacia poiché il disturbo è complesso: stato psichico, paure e angosce esistenziali in atto non danno spazio ad altri bisogni (32). Può essere utile la leva estetica poiché giovani donne possono cercare cure odontoiatriche, prima che mediche, perché preoccupate dall aspetto dei denti (33). Altra leva è quella dell evitare il dolore: alcuni tendono a non presentarsi dal dentista a causa della paura di provare dolore, spesso in relazione all alta ipersensibilità dentinale già esistente data dalla presenza di erosioni (34). APPROCCIO ALLA PAZIENTE IN GRAVIDANZA Autopercezione dello stato di salute/ fragilità La preoccupazione primaria è rivolta alla salute del feto, specie per la primipara, perciò le donne sono particolarmente attente ad acquisire e mantenere stili di vita salubri in gravidanza, che talvolta abbandonano progressivamente dopo il parto (35). Gli alti livelli di autopercezione sono dati anche dalle numerose indagini diagnostiche richieste dai ginecologi, tuttavia non viene percepito il sanguinamento gengivale come un indicatore di infiammazione (36). Caratteristiche psicologiche Durante l attesa la donna rielabora il passato per progettare il futuro e passare da figlia a madre, dimostrando a se stessa e agli altri di essere in grado di portare a termine la gravidanza e dare alla luce un figlio sano. Questa fase di regressione è funzionale a renderla sensibile ai reali bisogni del bambino, ma la espone a sbalzi di umore e confusione per adeguare la propria identità (37). Interventi motivazionali Bisogna sfatare i miti della pericolosità dei trattamenti di prevenzione suggerendo almeno tre visite durante la gravidanza (38), preparare alle conseguenze che il cambiamento ormonale potrebbe produrre nel cavo orale e all incremento dell esposizione al rischio (39), promuovere l utilizzo di fluoro/ bicarbonato all occorrenza e una corretta gestione degli episodi emetici. È opportuno sconsigliare anestesie e radiografie e l assunzione di farmaci se non strettamente indispensabili e in accordo con il medico, sostenere uno stile di vita salubre incoraggiando la cessazione dell abitudine al fumo e il consumo di alcool (40). Modalità comunicative Parlare in maniera calma e serena rassicura la madre che assume normalmente un atteggiamento misto tra ansia e curiosità. Le informazioni devono essere espresse con chiarezza e completezza, dando l opportunità di approfondire gli argomenti con ulteriori domande. Per la gestante è più importante sciogliere dubbi che affrontare la sessione clinica di per sé, pertanto bisogna dedicare tempo al dialogo e prediligere un approccio narrativo. Il professionista deve quindi apparire neutro a livello emotivo, ma partecipe dal punto di vista umano, per riconoscere il vissuto femminile dell evento e sostenere l accettazione graduale dei cambiamenti fisici e personali (37). Leva motivazionale La madre si sente responsabile della salute del figlio e le aspettative determinano un legame anticipato con il nascituro; il senso di colpa per un figlio malato dato dal mancato adeguamento ai consigli può determinare una crisi profonda della puerpera. 244

8 La leva adeguata è quella salutistica nei confronti del figlio, promuovendo il senso di sicurezza. APPROCCIO AL PAZIENTE ANZIANO Autopercezione dello stato di salute/ fragilità Le modalità di invecchiamento sono personali e determinate dalle esperienze: spesso età biologica e mentale del soggetto appaiono svincolate, in una società dove si assiste all allungamento della vita media e di durata dei denti. L autopercezione è mediata da molteplici fattori: educazione, livello culturale, livello economico, grado di autosufficienza, stile di vita; ciò può essere elemento rilevante per la prevenzione, l intercettazione e la cura delle patologie (41). L anziano tende a credere che sia fisiologico prima o poi perdere i denti, dal momento che invecchia tutto il corpo, noncurante di poter provvedere al loro efficace mantenimento. Caratteristiche psicologiche La progressiva perdita di autonomia e la necessità di rallentare i propri ritmi, scatenano sentimenti negativi ed emozioni legate alla solitudine. Le condizioni orali sfavorevoli possono portare a sviluppare depressione ed insicurezza, calo dell autostima e rinuncia alla vita (42). Gli anziani sono legati alle proprie abitudini e il fatto di affrontare dei cambiamenti li porta a voler minimizzare le complicanze di salute, negare i problemi, ritardare le cure dentistiche e preferire l autocura (43). Interventi motivazionali Informare chiaramente riguardo le necessità del cavo orale orientandosi su consigli pratici (gestione spazzolamento e protesi) (44). Promuovere stili di vita salubri e rapportare le necessità orali alla salute sistemica, riferendosi anche alle esigenze nutrizionali, l interazione con i farmaci e le capacità di masticazione (45, 46). Le riabilitazioni protesiche e i bisogni clinici vanno rapportate ad attitudini, preferenze, spirito di accettazione in maniera graduale, in rapporto alle necessità estetiche e sociali sempre più emergenti (47), indagabili attraverso questionari specifici, come GOHAI e OHIP-14, e interviste strutturate. Se l assistito non fosse autosufficiente, bisogna calibrare l intervento sulla base delle capacità psicofische, coinvolgendo i caregiver di riferimento. Modalità comunicative Bisogna proporre cambiamenti come opportunità e non come limitazioni, spronando il soggetto a mettersi alla prova e facendogli acquistare sicurezza e familiarità con metodi e strumenti innovativi. Parlare chiaramente e ripetere più volte i concetti, accertandosi di avere un feedback corretto. Rafforzare la relazione facendo argomento di conversazione riguardo agli hobby, ai nipoti, ai tempi passati: gli anziani amano aprirsi, raccontare ed esprimere nel dettaglio come si sentono; bisogna pertanto prevedere tempi lunghi di seduta. Leva motivazionale È utile la leva economica quando si riesce a far apprezzare al paziente che prevenzione e cura adeguate costituiscono un investimento in salute e in benessere, ma soprattutto monetario a lungo termine. Altra leva è quella funzionale: dare la possibilità di continuare a masticare e parlare correttamente garantisce collaborazione, apportando anche risvolti sociali. BIBLIOGRAFIA 1. Nayak AG, Denny C, Veena KM. Oral healthcare considerations for the pregnant woman. Dent Update 2012 Jan-Feb;39(1): Sammartino G, Marenzi G, Di Lauro AE et al. Trattamenti odontoiatrici in gravidanza e allattamento. Aspetti farmacologici e diagnostici. Dental Cadmos 2003;9: Law R, Bozzo P, Koren G, Einarson A. FDA pregnancy risk categories and the CPS: do they help or are they a hindrance? Can Fam Physician 2010 Mar;56(3): Delemotte M, Valcarcel J, Tramini P. Oral health and precariousness in pregnant women. Odontostomatol Trop 2013 Mar;36(141): Behnke M, Smith VC. Committee on Fetus and Newborn. Prenatal substance abuse: short and longterm effects on the exposed fetus. Pediatrics 2013 Mar;131(3): Spiegler J, Jensen R, Segerer H et al. Influence of smoking and alcohol during pregnancy on outcome of VLBW infants. Z Geburtshilfe Neonatol 2013 Dec;217(6): Jeffcoat MK et al. Periodontal disease and pregnancy outcomes: exposure risk and intervention. Best Pract Res Clean Obstet Gynaecol 2007 Jun;21(3): Offenbacher S, Jared HL, O Realy PG. Potential pathogenic mechanism of periodontitis associated pregnancy complications. Ann Periodont 1998;3(1): Silk H, Douglass AB, Douglass JM, Silk L. Oral health during pregnancy. Am Fam Physician 2008 Apr;77(8): Gaffield ML, Gilbert BJ. Oral health during pregnancy: an analysis of information collected by the pregnancy risk assessment system. J Am Dent Assoc 2001 Jun;132: Goldie MP. Oral health care for pregnant and postpartum women. Int J Dent Hyg 2003;1: Rapporto ISTAT Lunardelli MI, Pizzi S. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita. G. Gerontol 2004;52; Darby ML Mosby s. Comprehensive Review of Dental Hygiene. Settima edizione. Elsevier; Farronato G. Odontostomatologia per l Igienista Dentale. Padova: Ed. Piccin; Favia G. Manifestazioni oro-facciali di malattie sistemiche e generalizzate. Bari: Schena Editore;

9 17. Cortesi Ardizzone V, Abbinante A et al. Igienista orale. Teoria e pratica professionale. Pisa: Ed Edra; Guastamacchia C, Cortesi Ardizzone V. Igiene orale domiciliare. Padova: Ed. Piccin. 19. Gangale M. Counselling motivazionale e comunicazione nei pazienti con patologie sistemiche di interesse odontoiatrico. In: Macchi A. et al. Protocolli clinici e terapeutici di igiene orale in pazienti affetti da malattie sistemiche. Doctor Os 2013;24(2): Moja EA, Vegni E. La visita medica centrata sul paziente. Milano: Raffaello Cortina Editore; Bruno M. The integration of diet and nutrition lifestyle management strategies into the dental office visit for diabetes risck reduction and management. J Am Dent Assoc 2012 Dec;143(12): Elderrat AH. Awareness and attitude of diabetic patients about their increased risk for oral disease. Oral Health Prev Dent 2011;9(3): Moore PA, Orchard T, Guggenheimer J, Weyant RJ. Diabets and oral health promotion: a survey of disease prevention behaviors. J Am Dent Assoc 2000 Sep;131(9): Johnson RL. Depression in diabets patients. An overview of screening tools for use in primary care settings. Adv NPs PAs 2013 Jul;4(7): Syrjälä AM, Kneckt MC, Knuuttila ML. Dental selfefficacy as a determinant to oral health behaviour, oral hygiene and HbA1c level among diabetic patients. J Clin Periodontol 1999 Sep;26(9): Kneckt MC, Syriälä AM, Laukkanen P, Knuuttila ML. Self-efficacy as a common varible in oral health behaviour and diabetes adherence. Eur J Oral Sci 1999 Apr;107(2): American Psychiatric Association. DSM-IV-TR. Milano: Elsevier; Fassino S, Abbate Daga G, Leombruni P. Manuale di psichiatria biopsicosociale. Milano: Edi-Ermes, Centro Scientifico Editore; Pietropolli Charmet G. La paura di essere brutti Gli adolescenti e il corpo. Milano: Raffaello Cortina Editore; Faine MP. Recognition and management of eating disorders in the dental office. Dent Clin North Am 2003 Apr;47(2): Maslow A. Verso una psicologia dell essere. Roma: Astrolabio-Ubaldini; Willumsen T, Graugaard PK. Dental fear, regularity of dental attendance and subjective evaluation of dental erosion in women with eating disorders. Eur J Oral Sci 2005 Aug;113(4): Kaneko A et al. Smoking trends before, during, and TEST DI APPRENDIMENTO 1. I FARMACI CHE, SECONDO LA CLASSIFICAZIONE DELLA FDA, RAPPRESENTANO IL PIÙ ALTO FATTORE DI RISCHIO PER LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA, APPARTENGONO ALLA CATEGORIA a. B b. C c. X d. D 2. L EPULIDE GRAVIDICA È a. neoformazione benigna derivante da una gengivite ormonale b. neoformazione benigna che si presenta sempre dopo il primo trimestre gestazionale c. neoformazione maligna con localizzazione interpapillare d. neoformazione maligna che compare nel primo trimestre gestazionale 3. L AUMENTO DI BATTERI ANAEROBI NEL CAVO ORALE COMPORTA a. diminuzione dell acidità del ph salivare b. aumento dell acidità del ph salivare con conseguente diminuzione della cariorecettività c. aumento dell acidità del ph salivare con conseguente aumento della cariorecettività d. nessuna alterazione del ph salivare 4. PERCHÉ LA SEDUTA DI IGIENE ORALE PROFESSIONALE CON LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA DEVE ESSERE DI BREVE DURATA? a. per evitare la troppa compressione della vena cava inferiore b. per non stancare la paziente c. per non danneggiare il feto d. nessuna delle precedenti 5. LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA VA MOTIVATA TRAMITE a. councelling motivazionale personalizzato b. questionari e opuscoli c. video d. tutte le precedenti 6. LA CLOREXIDINA a. non va assolutamente consigliata alla paziente gravida b. va consigliata sia durante la gravidanza che nel periodo di allattamento c. va somministrata solo durante le sedute di igiene orale professionale d. va consigliata solo durante il periodo gestazionale 7. QUALI FATTORI POSSONO PORTARE ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE ORALI NELLA PAZIENTE IN GRAVIDANZA? a. l alimentazione b. l aumento di batteri anaerobi c. le interazione ormonali d. tutte le precedenti 8. LE ASPETTATIVE DI VITA MEDIA SECONDO GLI ULTIMI DATI SONO a. 80 per gli uomini, 90 per le donne b. 80 per le donne, 90 per gli uomini c. 78 per gli uomini, 84 per le donne d. uguali per gli uomini e le donne 246

10 after pregnancy among women and their spouses. Pediatr Int 2008 Jun;50(3): Keirse MJ, Plutzer K. Women s attitudes to and perceptions of oral health and dental care during pregnancy. J Perinat Med 2010;38(1): Ruberto G, Ferrari G, Fonte ML. Quando si è in due: donne in gravidanza. In: La comunicazione della salute un manuale. A cura della Fondazione Zoè. Sez. 5. Milano: Raffaello Cortina Editore; p Detman LA, Cottrel BH, Denis-Luque MF. Exploring dental care misconceptions and barriers in pregnancy. Birth 2010 Dec;37(4): Rieken SE, Terezhalmy GT. The pregnant and breastfeeding patient. Anesthesiology 1999;91(4): California Dental Association. Oral health during pregnancy and early childhood: evidence-based guidelines for health professionals. Feb MacEntee MI. The educational challenge of dental geriatrics. J Dent Educ 2010 Jan;74(1): Nitschke I. Müller F. The impact of oral health on the quality of life in elderly. Oral Health Prev Dent 2004;2(Suppl 1): De Marchi RJ, Leal AF, Padillha DM, Brondami MA. Vulnerability and the psychosicial aspects of tooth loss in old age: a Southern Brasilian study. J Cross Cult Gerontol 2012 Sept;27(3): Patil MS, Patil SB. Griatric patient psyhological and emotional considerations during dental treatment. Gerodontology 2009 Mar;26(1): Bradbury J, Thomason JM, Jepson NJ, Walls AW, Allen PF, Moyniham PJ. Nutrition counseling increase fruit and vegetable intake in the edentulous. J Dent Res 2006 May;85(5): Palmer CA. Gerodontic nutrition and dietary counseling for prosthodontic patients. Dent Clin North Am 2003 Apr;47(2): Dindaroǧlu F, Doğan S, Erdinç AM. Smile esthetics: age reòated changes, and objective differences between social and spontaneous smiles. J Clin Pediatr Dent 2011 Fall;36(1): De Baat C. Quality of life in gerodontology. Ned Tijdschr Tandheelkd Apr;118(4): Johnson TE, Shuman SK, Ofstenhage JC. Fitting the pieces togheter: treatment planning in the geriatric dental patient. Dent Clin North Am 1997 Oct;41(4): CON IL TERMINE COMORBILITÀ SI INTENDE a. il manifestarsi in più soggetti della stessa malattia b. il manifestarsi di più patologie nello stesso soggetto c. il manifestarsi di un quadro patologico in più soggetti insieme d. nessuna delle precedenti 10. LE SEDUTE DI IGIENE ORALE PROFESSIONALE CON IL PAZIENTE ANZIANO a. devono essere preferibilmente brevi b. devono prevedere frequenti pause c. devono dare semplici istruzioni sui presidi dominciliari d. A+B+C 11. IN TEMA DI AUTOPERCEZIONE IL PAZIENTE DIABETICO a. è perfettamente cosciente dell impatto che salute orale e stili di vita hanno sulla malattia b. è cosciente solo colui che è affetto dal tipo 1 c. è cosciente solo colui che è affetto dal tipo 2 d. entrambi non sono coscienti 12. TRA LE COMPLICANZE DEL DIABETE PUÒ PRESENTARSI A LIVELLO PSICOLOGICO a. depressione b. iperattività c. enuresi d. episodi maniacali 13. L INCIDENZA DEI DISTURBI ALIMENTARI RIGUARDA PRINCIPALMENTE a. maschi e femmine in rapporto 1:1 b. prevalentemente le femmine c. prevalentemente i maschi d. esclusivamente le femmine 14. QUAL È LA MIGLIORE MODALITÀ DI APPROCCIO COMUNICATIVO CON IL PAZIENTE AFFETTO DA DISTURBI ALIMENTARI? a. fare domande dirette b. prediligere domande aperte favorendo la libera espressione c. non vedere il problema perché di sola competenza dello psichiatra d. spaventare il paziente per scuoterlo a contattare uno psichiatra 15. INDIVIDUA LA RISPOSTA SCORRETTA RELATIVA AI LIVELLI DI AUTOPERCEZIONE DELLA PAZIENTE IN GRAVIDANZA a. il livello è alto perché consapevole del momento di vita delicato rispetto alla salute figlio b. il livello è alto per la richiesta di numerose indagini strumentali e diagnostiche da parte dei ginecologi c. il livello è alto e stili di vita salubri vengono adottati e mantenuti anche dopo il parto d. il livello è individuale, ma tendenzialmente medio-alto 16. INDIVIDUA LA RISPOSTA CORRETTA RIGUARDO ALLA MODALITÀ COMUNICATIVA DA ADOTTARE CON LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA a. calibrare le informazioni a seconda del numero della gravidanza in corso b. la comunicazione è tendenzialmente più semplice con le primipare c. optare per una comunicazione narrativa d. fornire le informazioni con completezza ma in poco tempo 17. L AUTOPERCEZIONE DEL PROPRIO STATO DI SALUTE NEL PAZIENTE ANZIANO È MEDIATA DA a. educazione, livello culturale, livello economico, grado di autosufficienza, mantenimento delle capacità cognitive, stile di vita b. le sue capacità di fronteggiare il mondo circostante c. un concetto statico che si acquisisce alla nascita d. un concetto dinamico determinato dalla somma di diversi fattori con implicazioni fisico-emotivo-psicologico-sociali concorrono a sviluppare la capacità di gestire in maniera soddisfacente gli atti quotidiani 247

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Le professioni nello studio medico dentistico

Le professioni nello studio medico dentistico Le professioni nello studio medico dentistico L assistente dentale AFC L assistente di profilassi La segretaria odontoiatrica L igienista dentale SSS L assistente dentale AFC Requisiti Buona formazione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70

La nutrizione nei primi 1000 giorni. Contributo n 70 Mediterranean Nutrition Group La nutrizione nei primi 1000 giorni Contributo n 70 MeNu GROUP MediterraneanNutrition LA NUTRIZIONE NEI PRIMI 1000 GIORNI UN OPPORTUNITÀ PER PREVENIRE SOVRAPPESO E OBESITÀ

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE

TRAINING E RE-TRAINING DEL PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN TRATTAMENTO DIALITICO DOMICILIARE Numero pagine: 1 di 8 PAZIENTE E/O CARE-GIVER IN Rev. Data Redatto Verificato Approvato 1 2013 GIT DP Gruppo Infermieristico Numero pagine: 2 di 8 1.COMPOSIZIONE DEL GRUPPO E METODOLOGIA DI LAVORO Le sottoscritte

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza

Fatti sull eroina. Cos è l eroina? Recettori nel cervello. Tolleranza e dipendenza. Sintomi di astinenza Fatti sull eroina L eroina è una droga che induce in breve tempo una grave forma di dipendenza. L assuefazione veloce allo stupefacente fa sì che colui che ne dipende abbia bisogno di quantità sempre più

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

La disassuefazione dal fumo

La disassuefazione dal fumo Piano regionale del Veneto per la prevenzione delle malattie legate al fumo La disassuefazione dal fumo Obiettivi Nei paesi industrializzati occidentali gli interventi che riducono i danni da fumo sono

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli