Protocolli clinici e terapeutici di igiene orale in pazienti in particolari situazioni fisiologiche e patologiche. Seconda parte

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocolli clinici e terapeutici di igiene orale in pazienti in particolari situazioni fisiologiche e patologiche. Seconda parte"

Transcript

1 Protocolli clinici e terapeutici di igiene orale in pazienti in particolari situazioni fisiologiche e patologiche. Seconda parte LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA Eziologia ed eziopatogenesi La gravidanza rappresenta una condizione fisiologica, durante la quale si verificano scompensi a livello fisico in grado di comportare diverse problematiche, specialmente se associati a fattori di rischio. È fondamentale per la donna in età fertile, soprattutto in previsione di una gravidanza, effettuare un corretto programma di prevenzione della salute orale atto ad evitare situazioni di emergenza; per questo motivo risultano necessarie visite di controllo e sedute di igiene orale professionale. In occasione dell incontro con gli operatori sanitari, si valuteranno eventuali patologie orali che potrebbero richiedere l utilizzo di farmaci e indagini radiografiche dannose per il feto (1). Essi rappresentano i principali fattori di rischio che possono presentarsi in campo odontoiatrico; sono da evitarsi soprattutto durante il primo Cristina Comi Michela A.A. Rossini Alessandra Matassa Martina Gangale Marco Ballestrin Martina Gattuso* Università degli Studi dell Insubria, Corso di Laurea in Igiene Dentale, Coordinatore: dott. MAA Rossini * Igienista Dentale, libera professionista trimestre gestazionale, nel quale si verifica l organogenesi, in quanto costituisce il periodo maggiormente a rischio per la possibilità di aborto spontaneo. In caso di necessità di esami radiografici, è importante proteggere l addome con appositi schermi. Per quanto riguarda l utilizzo dei farmaci, è necessario valutare sia la comparsa di nuove variabili in grado di condizionarne l assorbimento e la metabolizzazione, sia la capacità del farmaco stesso di oltrepassare la barriera placentare, diventando tossico per il feto (2, 3). A tal proposito la FDA (Food and Drug Administration) ha suddiviso i farmaci in cinque categorie di rischio illustrate nella tabella 1 (4). Valutazione e inquadramento anamnestico e clinico della paziente L anamnesi rappresenta la raccolta, a fine diagnostico, di tutti i dati sui precedenti fisiologici e patologici di un paziente. Essa è importante anche per intercettare i fattori di 238

2 CATEGORIA A B C D X tab. 1 gli studi sull uomo portano a dati di sicurezza e atossicità per il feto gli studi sugli animali non hanno segnalato presenza di rischi per né per la madre, né per il feto gli studi sugli animali hanno rilevato una tossicità per il feto, tuttavia i potenziali benefici del farmaco potrebbero giustificarne l utilizzo nella madre gli studi sull uomo hanno evidenziato un rischio per il feto, tuttavia i potenziali benefici del farmaco potrebbero giustificarne l utilizzo nella donna in gravidanza gli studi sull uomo o sugli animali hanno dimostrato l'insorgere di anomalie fetali ed i rischi associati all'utilizzo del farmaco in gravidanza sono chiaramente prevalenti rispetto a qualsiasi possibile beneficio rischio che, se non rimossi, possono essere nocivi per la gravidanza. Fumo: la nicotina, respirata sia in modo attivo che passivo, può avere conseguenze come il precoce invecchiamento placentare, la mortalità perinatale, il VLBW (Very Low Birth Weight), la possibilità di aborto spontaneo e lo sviluppo di labiopalatoschisi nel bambino. L operatore sanitario, in prima seduta, deve verificare abitudini della gestante che, se fumatrice, va esortata a smettere tramite consigli personalizzati, councelling antitabagico e utilizzo di sostituti nicotinici tramite la NRT (Nicotine Replacement Therapy). Alcol: recenti studi mostrano un legame tra l abuso di alcol in gravidanza e il VLBW, oltre alla possibilità di parto prematuro e anomalie congenite; tuttavia, da alcuni studi di coorte in relazione ad un consumo basso-moderato, non sono emersi risultati statisticamente significativi circa l effettiva tossicità. Ad ogni modo, per Amoxicillina Insulina Paracetamolo Ibuprofene Lidocaina Ketoprofene Metronidazolo Articaina Nimesulide Ciclosporina Benzocaina Eritromicina Tetraciclina Fluorbiprofene Gentamicina Litio Streptomicina Metotrexate Ciclofosfamide Retinoidi precauzione, si sconsiglia l uso di alcol. Droghe: marijuana, metadone, cocaina, eroina e altre sostanze simili sono le principali responsabili di parti pretermine, aborti spontanei, VLBW, anomalie congenite, problematiche nello sviluppo fetale, sindrome dell astinenza (Withdrawal Syndrome) e alterazioni del sistema nervoso. Per quanto riguarda gli effetti a lungo termine, sono emersi disturbi correlati alla crescita, al linguaggio e alle facoltà cognitivo-comportamentali, oltre che una predisposizione all utilizzo futuro di droga (5, 6). Farmaci: evitare i vasocostrittori poiché potenzialmente in grado di modificare il ritmo cardiaco fetale, interferendo sulla circolazione feto-placentare, e prestare attenzione alla classificazione della FDA riportata nella tabella 1. Dall esame clinico si possono evidenziare altri fattori di rischio come la gengivite gravidica che può sfociare in parodontite; quest ultima può essere causa di nascite premature e di VLBW. Inoltre, in quanto processo infettivo, è in grado di avere influenze negative sulla gravidanza, alterando l equilibrio dell organismo attraverso la liberazione di mediatori della risposta infiammatoria, come citochine e prostaglandine (7). Manifestazioni orali associate al quadro sistemico specifico I fattori che influenzano la salute del cavo orale in gravidanza sono: aumento delle specie parodontopatogene della placca batterica a causa della interazioni ormonali; diminuzione della risposta immunitaria con rilascio di istamina e inibizione dei linfociti T; aumento di batteri anaerobi con conseguente acidificazione della saliva, che perde il suo potere remineralizzante nei confronti dello smalto, portando ad un aumento della cariorecettività; durante il periodo in cui insorgono nausea e vomito, alla gestante viene consigliato di assumere spesso piccole quantità di cibo, causando un peggioramento della qualità dell igiene; l aumento delle spese sanitarie ginecologiche può portare la paziente a trascurare interventi terapeutici da lei ritenuti meno importanti. Le patologie orodentali vengono rilevate tramite un accurato esame intraorale. Le principali sono: gengivite gravidica: arrossamento, edema, sanguinamento e ipertrofia causate dall aumento di estrogeni. Tale patologia può insorgere già dal primo trimestre e, solitamente, scompare spontaneamente dopo il parto; parodontite: infiammazione dei tessuti di supporto del dente caratterizzata da retrazione gengivale, distruzione dell osso e del lega- 239

3 mento parodontale; può svilupparsi in seguito ad una gengivite trascurata; epulide gravidica: neoformazione benigna derivata da una gengivite ormonale, che compare di solito nel primo trimestre e che tende a presentarsi nella zona interpapillare; candidosi: infezione micotica caratterizzata da placche molli e biancastre che, se rimosse, lasciano una zona edematosa. Si associa in genere a xerostomia, assunzione di antibiotici ad ampio spettro e immunodepressione; cheilite angolare: infiammazione localizzata agli angoli della bocca rappresentata da esfoliazione della pelle con successiva comparsa di tagli, riconducibile a una carenza vitaminica; carie: processo patologico che comporta il rammollimento del tessuto dentale e procede con la formazione di una cavità (8, 9). Procedure di igiene orale professionale: protocolli operativi La paziente in gravidanza, nonostante la sua condizione fisiologica, va trattata seguendo determinati protocolli, in quanto bisogna considerare il fatto che qualsiasi terapia coinvolgerebbe sia la donna che il feto. Le sedute di igiene orale professionale devono svolgersi frequentemente, con lo scopo di trasmettere le giuste nozioni alla paziente e prevenire l insorgenza di patologie orali. L igienista dentale dovrà: eseguire un accurata indagine anamnestica; effettuare sedute di breve durata, specialmente nel secondo e terzo trimestre di gravidanza, altrimenti la prolungata compressione della vena cava inferiore potrebbe alterare il circolo utero-placentare (10); adottare le giuste protezioni in caso di necessità di radiografie endorali; somministrare clorexidina attraverso collutori; istruire la paziente circa il mantenimento di un ottima igiene orale domiciliare (IOD) e motivarla, anche attraverso l ausilio di video, questionari e opuscoli, alla dismissione di tutte le abitudini viziate che possono rappresentare un pericolo per la gravidanza. È di fondamentale importanza, al fine di raggiungere risultati ottimali, che sia i consigli che le istruzioni di IOD siano personalizzati. Igiene orale domiciliare Una corretta Igiene orale domiciliare è estremamente importante. L igienista dentale dovrà attuare un councelling motivazionale efficiente al fine di ottenere la completa compliance da parte della gestante. A causa delle problematiche che possono derivare dall alimentazione, dalle interazioni ormonali e dall aumento dei batteri anaerobi presenti nel cavo orale, c è una maggiore probabilità di insorgenza di patologie orali. Ecco perché la paziente in gravidanza dovrà prestare maggiore attenzione al mantenimento di un ottimo HI (Hygiene Index). L operatore sanitario presterà le informazioni necessarie, insegnerà le corrette tecniche di spazzolamento e di utilizzo dei presidi interdentali, consiglierà l utilizzo di spazzolini a setole morbide, dentifrici e collutori fluorati, e suggerirà una dieta equilibrata e povera di zuccheri. Nell eventualità di insorgenza di gengivite, l igienista dentale valuterà se raccomandare l uso di prodotti a base di clorexidina. Quest ultima, inoltre, così come lo xilitolo, riduce la trasmissione di batteri cariogeni dalla madre al bambino; ne viene quindi consigliato il consumo sia nei mesi finali della gravidanza sia nella fase post partum (9). IL PAZIENTE ANZIANO Le migliorate condizioni di vita, una maggior attenzione alla prevenzione e ancor più il progresso della tecnologia medico sanitaria, accanto a stili di vita più salutari, hanno fatto sì che la vita media sia aumentata (78 anni per gli uomini e 84 per le donne). I dati Istat del 2012 ci indicano che ci sono 148,6 anziani ultrasessantacinquenni ogni 100 giovani. La regione più anziana è la Liguria, la più giovane la Campania (11). Il rapporto tra popolazione giovane e anziana e popolazione in età attiva (indice di dipendenza) supera il 52% (dati censimento Istat 2010). L Italia è ai primi posti nella graduatoria europea, evidenziando una situazione di maggiore squilibrio generazionale. Da ciò consegue che un sempre maggiore numero di anziani necessitino di cure odontoiatriche che dovranno tener presente lo stato di invecchiamento e di salute reale del paziente. Nel mantenimento in salute non solo del cavo orale, ma anche a livello generale, fondamentale è il ruolo della prevenzione sia primaria che secondaria e la motivazione ad una corretta igiene orale. Infatti la salute del cavo orale incide notevolmente sulla qualità di vita della persona anziana e sulle capacità di mantenere le abitudine quotidiane come il riuscire a mangiare in modo adeguato, parlare chiaramente e correttamente, tenersi in attività e mantenere dei buoni rapporti familiari e sociali. Per valutare quanto la salute orodentale può incidere sulla qualità di vita individuale si può utilizzare il Dental Impact on Daily Living (DIDL), un 240

4 indice che valuta la percezione che ognuno ha della propria salute orale prendendo in cosiderazione comfort, aspetto, dolore, restrizione alimentare e performance (12). Eziologia ed eziopatogenesi Con il termine invecchiamento si intende una progressiva perdita delle capacità fisiologiche e deterioramento delle strutture tissutali. Sebbene il termine anziano si riferisca ad un soggetto che abbia almeno 65 anni, può indicare qualcuno più giovane che abbia assunto gli attributi della persona anziana, ad esempio una giovane vittima di un ictus. Peraltro è sbagliato definire anziano un soggetto vitale ed attivo indipendentemente dalla sua età. Di un individuo dobbiamo considerare l età biologica, che corrisponde alla sua età fisiologica e che è determinata dalle modificazioni di struttura e di funzioni dell organismo (postura, conduzione nervosa, forza muscolare), e l età cronologica, cioè il tempo intercorso dalla nascita. L età biologica non sempre è sinonimo di età cronologica, perché i segni d invecchiamento si presentano ad età cronologiche differenti in individui diversi. Alcuni gerontologi hanno diviso popolazioni anziane in diverse categorie basate sull età (13): anziani giovani (65-74 anni); anziani medi (75-84 anni); anziani vecchi (oltre gli 85 anni). Esiste un altra classificazione definita funzionale che si basa sul livello di salute generale e di attività fisica. In relazione al grado di inabilità, le persone anziane possono essere: funzionalmente indipendenti; deboli; funzionalmente dipendenti. Durante l invecchiamento le capacità funzionali della maggior parte degli organi diminuiscono, con rallentamento del metabolismo delle cellule; i tessuti mostrano segni di disidratazione, atrofia, fibrosi, minore elasticità e ridotta capacità riparativa. Anche il cavo orale subisce, durante l invecchiamento, dei processi fisiologici di deterioramento morfologico e funzionale. Spesso a questo fisiologico cambiamento si aggiungono altre patologie sistemiche che comportano il sottoporsi a diverse terapie farmacologiche. Valutazione e inquadramento anamnestico e clinico del paziente L anziano di per sé ha una maggiore prevalenza di problemi legati al cavo orale, che comprendono sia i tessuti duri che quelli molli, non tanto per il naturale e fisiologico invecchiamento, ma per una più elevata incidenza di patologie che interessano direttamente il cavo orale. Come precedentemente detto, non sempre l età biologica corrisponde all età fisiologica, per cui se da un lato ci sono casi di un buon invecchiamento in cui c è anche un buon mantenimento della salute orale, dall altro ci sono perdita di numerosi elementi dentali, lesioni di tipo neoplastico della mucosa orale che possono causare limitazioni funzionali e parodontopatie. A questo quadro si devono aggiungere gli effetti negativi di malattie sistemiche che spesso si presentano insieme (comorbilità) e la polifarmacoterapia con i suoi effetti secondari, come ad esempio la xerostomia o le candidosi (14). Nei soggetti anziani possono coesistere problematiche patologiche come disturbi della mobilità, Parkinson, demenza, disturbo del ritmo sonno-veglia, problemi cardiovascolari, renali, epatici, diabete, artrosi e stati depressivi (15). Anche i problemi economici e la difficoltà di accedere ai servizi di assistenza rendono faticosa la prevenzione e la cura delle patologie del cavo orale. L assistenza odontoiatrica dovrebbe essere affrontata tenendo conto di tutte le problematiche patologiche, psicologiche e socioeconomiche e in stretta collaborazione tra odontoiatra, igienista dentale, geriatra. La raccolta di una attenta anamnesi che tenga anche ben presente le alterazioni funzionali del paziente, come ad esempio la perdita dell udito, della vista, della sensibilità tattile e delle capacità cognitive, permetterà agli operatori odontoiatrici di stilare il piano di cura e prevenzione più adatto al paziente. Manifestazioni orali associate al quadro sistemico specifico Con l avanzare dell età una delle più frequenti patologie a cui i pazienti sono esposti è la malattia parodontale. Una delle conseguenze è l esposizione delle superfici radicolari con una più frequente comparsa di carie a livello cervicale. Da un punto di vista clinico, la carie radicolare si presenta con il coinvolgimento di una superficie della radice dentale, o in casi particolari può svilupparsi circolarmente intorno alle radici stesse. Si è detto che la perdita di tessuto duro del dente debba essere considerata fisiologica con l avanzare dell età, tuttavia la presenza di bordi coronali taglienti e di residui radicolari deve essere attentamente valutata al fine di evitare lesioni traumatiche di difficile risoluzione in casi di complicate situazioni sistemiche che possono alterare le difese immunitarie. Tra le patologie più comuni delle mucose riscontrate nell anziano troviamo: lichen planus: è una malattia mucocutanea relativamente comune, a carattere cronico e dall eziolo- 241

5 gia sconosciuta. La patogenesi del lichen planus è strettamente collegata a un alterata immunoregolazione mediata dai linfociti T citotossici che determina un danno dei cheratinociti epiteliali; lesioni leucoplasiche precancerose: sono alterazioni della mucosa orale che presentano una maggiore possibilità statistica di trasformazione maligna rispetto alla mucosa indenne. Il 60% dei carcinomi del cavo orale è preceduto o coesiste con una lesione preneoplastica, il restante 40% dei casi origina da una mucosa sana; cheilite angolare: determinata da carenze vitaminiche, dalla perdita degli elementi dentari posteriori che determina ristagno di saliva e conseguente macerazione della mucosa degli angoli della bocca. I principali agenti eziologici sono la candida albicans e lo streptococcus mutans. La manifestazione clinica più frequente è rappresentata da fessurazioni dolorose che si irradiano agli angoli della bocca (fig. 1); candidosi: il termine si riferisce ad un gruppo di lesioni che possono interessare le mucose del cavo orale, sostenute da miceti appartenenti al genere candida. xerostomia: causata da patologie, degenerazione delle ghiandole salivari o come conseguenza di terapie. Il paziente che ha la sensazione di avere la bocca asciutta lamenta difficoltà nella deglutizione, nell eloquio e nella masticazione (16). Procedure di igiene orale professionale: protocolli operativi (tab. 2) Un approccio corretto al paziente anziano deve necessariamente tenere in considerazione un attenta raccolta anamnestica sullo stato di salute generale e sullo stato del cavo orale. fig. 1 Protocolli di igiene orale Limitare la durata della seduta di igiene e fare pause frequenti Non esigere risposte rapide alle richiesta di cambiamento di posizione o di risciacquo Suggerire cure post trattamento per favorire la guarigione dei tessuuti, lasciando indicazioni scritte. (es Tipo di apzz, dentifricio, collutorio...) Motivare il paziente, facendo leva sull importanza di un buon mantenimento dell igiene orale per una buona salute generale. Fissare degli obiettivi raggiungibili facilmente dal paziente e verificarne i progressi. tab. 2 La valutazione di dati raccolti permetterà all igienista dentale, in collaborazione con l odontoiatra, di stilare un corretto programma terapeutico. In cartella andranno riportati valutazioni e diagnosi di: stato di salute attuale e farmacoterapia; disabilità fisiche; stato emozionale; dieta seguita; stili di vita. L esame obiettivo del cavo orale comprende la valutazione oltre che dei tessuti duri (erosioni, abrasioni, carie ) anche delle mucose, delle ghiandole salivari e la rilevazione degli indici parodontali. Se il paziente è un portatore di protesi mobile è necessario valutare attentamente le mucose per intercettare eventuali lesioni traumatiche. Sarebbe buona norma limitare la durata delle sedute di igiene e lasciare agio al paziente di fare anche delle pause durante il trattamento. Di fondamentale importanza risulta essere una buona motivazione e delle chiare istruzioni di igiene orale domiciliare. Per facilitare la comprensione bisogna cercare di dimostrare direttamente, con l ausilio di specchi, l utilizzo degli strumenti di igiene orale quotidiana (spazzolino, filo, scovolino eccetera). I protocolli operativi devono necessariamente tener conto dello stato di salute generale del paziente e della sua collaborazione. Igiene orale domiciliare Come precedentemente sottolineato l igienista dentale deve istruire il paziente anziano ad un buon mantenimento domiciliare evitando però di dare troppe nuove informazioni in una sola volta e di introdurre nuove metodiche di igiene orale, ma modificando e migliorando quelle già in atto. In considerazione delle reali capacità manuali, della collaborazione o dei limiti legati all età bisogna porre al paziente obiettivi facilmente raggiungibili. Ai pazienti con qualche disabilità manuale può essere di aiuto l utilizzo dello spazzolino elettrico. Spesso i pazienti anziani sono portatori di manufatti protesici e, a seconda della tipologia, l igienista dentale dovrà modulare le istruzioni di igiene orale. 242

6 Manufatti protesici più comuni negli anziani Protesi totali rimovibili Overdenure Protesi parziali rimovibili Protesi fisse Il paziente portatore di protesi mobile deve essere istruito sulla manutenzione del manufatto e sul mantenimento in buona salute dei tessuti sottostanti. La pulizia della protesi deve essere fatta dopo ogni pasto utilizzando uno spazzolino specifico e avendo cura di spazzolare tutte le superfici, è opportuno utilizzare periodicamete le soluzioni disinfettanti e detergenti. I detergenti comunemente in commercio sono a base di: perossidi alcalini che disciogliendosi producono idrogeno (efficaci solo se la protesi è ben pulita anche dai residui alimentari); soluzioni a base di ipoclorito che hanno capacità antibatteriche e detergenti e che vanno preparate diluendo un cucchiaio di ipoclorito al 5% in un bicchiere di acqua. Nel caso di protesi totale, almeno una volta al giorno è necessario detergere le mucose utilizzando uno spazzolino morbido (17, 18). Nel caso in cui siano presenti riabilitazioni protesiche tradizionali o su impianti, bisogna fornire, dimostrandole direttamente, le istruzioni di igiene orale per la pulizia degli spazi interprossimali attraverso scovolino e/o filo interdentale. COUNSELLING MOTIVAZIO- NALE E COMUNICAZIONE NEI PAZIENTI CON PATOLOGIE SISTEMICHE DI INTERESSE ODONTOIATRICO Già si è a lungo parlato di come una comunicazione efficace possa garantire compliance, fidelizzazione, soddisfazione del professionista e del paziente, diminuire i contenziosi e promuovere un marketing etico (19). Ma come comportarsi praticamente con alcune tipologie speciali di pazienti come quelle in oggetto? Sulla scia della Medicina Centrata sul Paziente è imprescindibile considerare gli aspetti personali degli assistiti, lo stile di vita e il modo di percepire e vivere la malattia (Illness) (20), per fare in modo che il counselling possa esser loro utile a fronteggiare le difficoltà, ricorrere e potenziare le risorse personali, facilitare la presa di decisioni. APPROCCIO AL PAZIENTE DIABETICO Autopercezione di malattia Nel paziente insulino-dipendente si riscontrano maggiori livelli di autopercezione rispetto al paziente con diabete di tipo 2, poiché questi è portato a doversi occupare quotidianamente delle conseguenze che il disturbo comporta. Tuttavia entrambe le categorie non sono particolarmente coscienti di come effettuare un efficace prevenzione (21) né dell impatto che le abitudini, gli stili di vita e le condizioni orali possano avere sulla patologia e viceversa (22). Caratteristiche psicologiche Una delle complicanze è il possibile sviluppo di sindromi depressive, caratterizzate da un basso tono dell umore, calo dell autostima e anedonia (23). Interventi motivazionali Rimarcare la relazione tra diabete e malattia parodontale, motivare all igiene orale e richiami frequenti. A livello generale è necessario ricordare l importanza dell esercizio fisico, il controllo del regime alimentare, la cessazione dell abitudine al fumo, il corretto utilizzo e somministrazione dei farmaci (ove è richiesto dalla terapia) e l automonitoraggio dei livelli di zucchero nel sangue (24, 25). Modalità comunicative Modulare gli interventi motivazionali valutando lo stato di Illness; dimostrare comprensione verso le difficoltà riportate e trovare insieme strategie per fronteggiarle. Nel caso in cui il paziente dimostri un tono dell umore particolarmente depresso, cercare un canale comunicativo privo di invadenza, per consentire l espressione di reali disagi, suggerendo di consultare uno psicologo. Leva motivazionale È utile la leva salutistica per sottolineare gli effetti che la malattia ha sulle condizioni parodontali. Altresì è valido il rinforzo positivo per incrementare l efficacia (26, 27). APPROCCIO AL PAZIENTE CON DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Autopercezione di malattia Si tratta di patologie di interesse psichiatrico caratterizzate dal rifiuto ad ammettere la gravità delle condizioni fisiche (28). Questo aspetto e l alterata attribuzione di significato al cibo come nutrimento testimoniano un incapacità di percepire la malattia. Caratteristiche psicologiche Il disturbo è contraddistinto da un alterazione del modo in cui il soggetto vive il peso e la forma del corpo (29). È fondamentale non attribuire esclu- 243

7 sivamente il problema alle donne, in quanto non è il sesso esclusivo ad esserne affetto, ma soprattutto perché l ossessione verso particolari ideali estetici sta incrementando l incidenza del disturbo nei giovani maschi: dapprima emergendo come fenomeno di machismo nelle palestre, poi incrementando verso condotte ortoressiche e successivamente sviluppandosi in patologia (30). Interventi motivazionali Questi pazienti tendono a lavarsi spessissimo non solo a causa dell emesi, ma anche per una cura ossessiva del corpo; vanno suggeriti tempi e modalità di spazzolamento adeguati e consigliati sciacqui o spray a base di bicarbonato dopo gli episodi di vomito e utilizzo di fluoro (31). Bisogna inoltre incoraggiare l assunzione di almeno un pasto al giorno (in caso di AN), scoraggiare condotte compensatorie, aumentare il livello di self-perception rispetto al problema e mostrare allo specchio le conseguenze orodentali. È opportuno promuovere il contatto con uno psichiatra. Modalità comunicative Si denotano difficili interazioni comunicativo-relazionali: se si sospetta la presenza di un DA non ci si deve aspettare che il soggetto lo confermi; potrebbe essere utile fare domande aperte permettendo una libera espressione da parte dell assistito. Questa non avverrà immediatamente, a meno che il soggetto non sia già in cura, ma saranno le capacità comunicative, le doti umane del professionista e la graduale costruzione di un rapporto di fiducia a permetterlo. Leva motivazionale Qualsiasi leva risulta di scarsa efficacia poiché il disturbo è complesso: stato psichico, paure e angosce esistenziali in atto non danno spazio ad altri bisogni (32). Può essere utile la leva estetica poiché giovani donne possono cercare cure odontoiatriche, prima che mediche, perché preoccupate dall aspetto dei denti (33). Altra leva è quella dell evitare il dolore: alcuni tendono a non presentarsi dal dentista a causa della paura di provare dolore, spesso in relazione all alta ipersensibilità dentinale già esistente data dalla presenza di erosioni (34). APPROCCIO ALLA PAZIENTE IN GRAVIDANZA Autopercezione dello stato di salute/ fragilità La preoccupazione primaria è rivolta alla salute del feto, specie per la primipara, perciò le donne sono particolarmente attente ad acquisire e mantenere stili di vita salubri in gravidanza, che talvolta abbandonano progressivamente dopo il parto (35). Gli alti livelli di autopercezione sono dati anche dalle numerose indagini diagnostiche richieste dai ginecologi, tuttavia non viene percepito il sanguinamento gengivale come un indicatore di infiammazione (36). Caratteristiche psicologiche Durante l attesa la donna rielabora il passato per progettare il futuro e passare da figlia a madre, dimostrando a se stessa e agli altri di essere in grado di portare a termine la gravidanza e dare alla luce un figlio sano. Questa fase di regressione è funzionale a renderla sensibile ai reali bisogni del bambino, ma la espone a sbalzi di umore e confusione per adeguare la propria identità (37). Interventi motivazionali Bisogna sfatare i miti della pericolosità dei trattamenti di prevenzione suggerendo almeno tre visite durante la gravidanza (38), preparare alle conseguenze che il cambiamento ormonale potrebbe produrre nel cavo orale e all incremento dell esposizione al rischio (39), promuovere l utilizzo di fluoro/ bicarbonato all occorrenza e una corretta gestione degli episodi emetici. È opportuno sconsigliare anestesie e radiografie e l assunzione di farmaci se non strettamente indispensabili e in accordo con il medico, sostenere uno stile di vita salubre incoraggiando la cessazione dell abitudine al fumo e il consumo di alcool (40). Modalità comunicative Parlare in maniera calma e serena rassicura la madre che assume normalmente un atteggiamento misto tra ansia e curiosità. Le informazioni devono essere espresse con chiarezza e completezza, dando l opportunità di approfondire gli argomenti con ulteriori domande. Per la gestante è più importante sciogliere dubbi che affrontare la sessione clinica di per sé, pertanto bisogna dedicare tempo al dialogo e prediligere un approccio narrativo. Il professionista deve quindi apparire neutro a livello emotivo, ma partecipe dal punto di vista umano, per riconoscere il vissuto femminile dell evento e sostenere l accettazione graduale dei cambiamenti fisici e personali (37). Leva motivazionale La madre si sente responsabile della salute del figlio e le aspettative determinano un legame anticipato con il nascituro; il senso di colpa per un figlio malato dato dal mancato adeguamento ai consigli può determinare una crisi profonda della puerpera. 244

8 La leva adeguata è quella salutistica nei confronti del figlio, promuovendo il senso di sicurezza. APPROCCIO AL PAZIENTE ANZIANO Autopercezione dello stato di salute/ fragilità Le modalità di invecchiamento sono personali e determinate dalle esperienze: spesso età biologica e mentale del soggetto appaiono svincolate, in una società dove si assiste all allungamento della vita media e di durata dei denti. L autopercezione è mediata da molteplici fattori: educazione, livello culturale, livello economico, grado di autosufficienza, stile di vita; ciò può essere elemento rilevante per la prevenzione, l intercettazione e la cura delle patologie (41). L anziano tende a credere che sia fisiologico prima o poi perdere i denti, dal momento che invecchia tutto il corpo, noncurante di poter provvedere al loro efficace mantenimento. Caratteristiche psicologiche La progressiva perdita di autonomia e la necessità di rallentare i propri ritmi, scatenano sentimenti negativi ed emozioni legate alla solitudine. Le condizioni orali sfavorevoli possono portare a sviluppare depressione ed insicurezza, calo dell autostima e rinuncia alla vita (42). Gli anziani sono legati alle proprie abitudini e il fatto di affrontare dei cambiamenti li porta a voler minimizzare le complicanze di salute, negare i problemi, ritardare le cure dentistiche e preferire l autocura (43). Interventi motivazionali Informare chiaramente riguardo le necessità del cavo orale orientandosi su consigli pratici (gestione spazzolamento e protesi) (44). Promuovere stili di vita salubri e rapportare le necessità orali alla salute sistemica, riferendosi anche alle esigenze nutrizionali, l interazione con i farmaci e le capacità di masticazione (45, 46). Le riabilitazioni protesiche e i bisogni clinici vanno rapportate ad attitudini, preferenze, spirito di accettazione in maniera graduale, in rapporto alle necessità estetiche e sociali sempre più emergenti (47), indagabili attraverso questionari specifici, come GOHAI e OHIP-14, e interviste strutturate. Se l assistito non fosse autosufficiente, bisogna calibrare l intervento sulla base delle capacità psicofische, coinvolgendo i caregiver di riferimento. Modalità comunicative Bisogna proporre cambiamenti come opportunità e non come limitazioni, spronando il soggetto a mettersi alla prova e facendogli acquistare sicurezza e familiarità con metodi e strumenti innovativi. Parlare chiaramente e ripetere più volte i concetti, accertandosi di avere un feedback corretto. Rafforzare la relazione facendo argomento di conversazione riguardo agli hobby, ai nipoti, ai tempi passati: gli anziani amano aprirsi, raccontare ed esprimere nel dettaglio come si sentono; bisogna pertanto prevedere tempi lunghi di seduta. Leva motivazionale È utile la leva economica quando si riesce a far apprezzare al paziente che prevenzione e cura adeguate costituiscono un investimento in salute e in benessere, ma soprattutto monetario a lungo termine. Altra leva è quella funzionale: dare la possibilità di continuare a masticare e parlare correttamente garantisce collaborazione, apportando anche risvolti sociali. BIBLIOGRAFIA 1. Nayak AG, Denny C, Veena KM. Oral healthcare considerations for the pregnant woman. Dent Update 2012 Jan-Feb;39(1): Sammartino G, Marenzi G, Di Lauro AE et al. Trattamenti odontoiatrici in gravidanza e allattamento. Aspetti farmacologici e diagnostici. Dental Cadmos 2003;9: Law R, Bozzo P, Koren G, Einarson A. FDA pregnancy risk categories and the CPS: do they help or are they a hindrance? Can Fam Physician 2010 Mar;56(3): Delemotte M, Valcarcel J, Tramini P. Oral health and precariousness in pregnant women. Odontostomatol Trop 2013 Mar;36(141): Behnke M, Smith VC. Committee on Fetus and Newborn. Prenatal substance abuse: short and longterm effects on the exposed fetus. Pediatrics 2013 Mar;131(3): Spiegler J, Jensen R, Segerer H et al. Influence of smoking and alcohol during pregnancy on outcome of VLBW infants. Z Geburtshilfe Neonatol 2013 Dec;217(6): Jeffcoat MK et al. Periodontal disease and pregnancy outcomes: exposure risk and intervention. Best Pract Res Clean Obstet Gynaecol 2007 Jun;21(3): Offenbacher S, Jared HL, O Realy PG. Potential pathogenic mechanism of periodontitis associated pregnancy complications. Ann Periodont 1998;3(1): Silk H, Douglass AB, Douglass JM, Silk L. Oral health during pregnancy. Am Fam Physician 2008 Apr;77(8): Gaffield ML, Gilbert BJ. Oral health during pregnancy: an analysis of information collected by the pregnancy risk assessment system. J Am Dent Assoc 2001 Jun;132: Goldie MP. Oral health care for pregnant and postpartum women. Int J Dent Hyg 2003;1: Rapporto ISTAT Lunardelli MI, Pizzi S. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita. G. Gerontol 2004;52; Darby ML Mosby s. Comprehensive Review of Dental Hygiene. Settima edizione. Elsevier; Farronato G. Odontostomatologia per l Igienista Dentale. Padova: Ed. Piccin; Favia G. Manifestazioni oro-facciali di malattie sistemiche e generalizzate. Bari: Schena Editore;

9 17. Cortesi Ardizzone V, Abbinante A et al. Igienista orale. Teoria e pratica professionale. Pisa: Ed Edra; Guastamacchia C, Cortesi Ardizzone V. Igiene orale domiciliare. Padova: Ed. Piccin. 19. Gangale M. Counselling motivazionale e comunicazione nei pazienti con patologie sistemiche di interesse odontoiatrico. In: Macchi A. et al. Protocolli clinici e terapeutici di igiene orale in pazienti affetti da malattie sistemiche. Doctor Os 2013;24(2): Moja EA, Vegni E. La visita medica centrata sul paziente. Milano: Raffaello Cortina Editore; Bruno M. The integration of diet and nutrition lifestyle management strategies into the dental office visit for diabetes risck reduction and management. J Am Dent Assoc 2012 Dec;143(12): Elderrat AH. Awareness and attitude of diabetic patients about their increased risk for oral disease. Oral Health Prev Dent 2011;9(3): Moore PA, Orchard T, Guggenheimer J, Weyant RJ. Diabets and oral health promotion: a survey of disease prevention behaviors. J Am Dent Assoc 2000 Sep;131(9): Johnson RL. Depression in diabets patients. An overview of screening tools for use in primary care settings. Adv NPs PAs 2013 Jul;4(7): Syrjälä AM, Kneckt MC, Knuuttila ML. Dental selfefficacy as a determinant to oral health behaviour, oral hygiene and HbA1c level among diabetic patients. J Clin Periodontol 1999 Sep;26(9): Kneckt MC, Syriälä AM, Laukkanen P, Knuuttila ML. Self-efficacy as a common varible in oral health behaviour and diabetes adherence. Eur J Oral Sci 1999 Apr;107(2): American Psychiatric Association. DSM-IV-TR. Milano: Elsevier; Fassino S, Abbate Daga G, Leombruni P. Manuale di psichiatria biopsicosociale. Milano: Edi-Ermes, Centro Scientifico Editore; Pietropolli Charmet G. La paura di essere brutti Gli adolescenti e il corpo. Milano: Raffaello Cortina Editore; Faine MP. Recognition and management of eating disorders in the dental office. Dent Clin North Am 2003 Apr;47(2): Maslow A. Verso una psicologia dell essere. Roma: Astrolabio-Ubaldini; Willumsen T, Graugaard PK. Dental fear, regularity of dental attendance and subjective evaluation of dental erosion in women with eating disorders. Eur J Oral Sci 2005 Aug;113(4): Kaneko A et al. Smoking trends before, during, and TEST DI APPRENDIMENTO 1. I FARMACI CHE, SECONDO LA CLASSIFICAZIONE DELLA FDA, RAPPRESENTANO IL PIÙ ALTO FATTORE DI RISCHIO PER LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA, APPARTENGONO ALLA CATEGORIA a. B b. C c. X d. D 2. L EPULIDE GRAVIDICA È a. neoformazione benigna derivante da una gengivite ormonale b. neoformazione benigna che si presenta sempre dopo il primo trimestre gestazionale c. neoformazione maligna con localizzazione interpapillare d. neoformazione maligna che compare nel primo trimestre gestazionale 3. L AUMENTO DI BATTERI ANAEROBI NEL CAVO ORALE COMPORTA a. diminuzione dell acidità del ph salivare b. aumento dell acidità del ph salivare con conseguente diminuzione della cariorecettività c. aumento dell acidità del ph salivare con conseguente aumento della cariorecettività d. nessuna alterazione del ph salivare 4. PERCHÉ LA SEDUTA DI IGIENE ORALE PROFESSIONALE CON LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA DEVE ESSERE DI BREVE DURATA? a. per evitare la troppa compressione della vena cava inferiore b. per non stancare la paziente c. per non danneggiare il feto d. nessuna delle precedenti 5. LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA VA MOTIVATA TRAMITE a. councelling motivazionale personalizzato b. questionari e opuscoli c. video d. tutte le precedenti 6. LA CLOREXIDINA a. non va assolutamente consigliata alla paziente gravida b. va consigliata sia durante la gravidanza che nel periodo di allattamento c. va somministrata solo durante le sedute di igiene orale professionale d. va consigliata solo durante il periodo gestazionale 7. QUALI FATTORI POSSONO PORTARE ALL INSORGENZA DI PATOLOGIE ORALI NELLA PAZIENTE IN GRAVIDANZA? a. l alimentazione b. l aumento di batteri anaerobi c. le interazione ormonali d. tutte le precedenti 8. LE ASPETTATIVE DI VITA MEDIA SECONDO GLI ULTIMI DATI SONO a. 80 per gli uomini, 90 per le donne b. 80 per le donne, 90 per gli uomini c. 78 per gli uomini, 84 per le donne d. uguali per gli uomini e le donne 246

10 after pregnancy among women and their spouses. Pediatr Int 2008 Jun;50(3): Keirse MJ, Plutzer K. Women s attitudes to and perceptions of oral health and dental care during pregnancy. J Perinat Med 2010;38(1): Ruberto G, Ferrari G, Fonte ML. Quando si è in due: donne in gravidanza. In: La comunicazione della salute un manuale. A cura della Fondazione Zoè. Sez. 5. Milano: Raffaello Cortina Editore; p Detman LA, Cottrel BH, Denis-Luque MF. Exploring dental care misconceptions and barriers in pregnancy. Birth 2010 Dec;37(4): Rieken SE, Terezhalmy GT. The pregnant and breastfeeding patient. Anesthesiology 1999;91(4): California Dental Association. Oral health during pregnancy and early childhood: evidence-based guidelines for health professionals. Feb MacEntee MI. The educational challenge of dental geriatrics. J Dent Educ 2010 Jan;74(1): Nitschke I. Müller F. The impact of oral health on the quality of life in elderly. Oral Health Prev Dent 2004;2(Suppl 1): De Marchi RJ, Leal AF, Padillha DM, Brondami MA. Vulnerability and the psychosicial aspects of tooth loss in old age: a Southern Brasilian study. J Cross Cult Gerontol 2012 Sept;27(3): Patil MS, Patil SB. Griatric patient psyhological and emotional considerations during dental treatment. Gerodontology 2009 Mar;26(1): Bradbury J, Thomason JM, Jepson NJ, Walls AW, Allen PF, Moyniham PJ. Nutrition counseling increase fruit and vegetable intake in the edentulous. J Dent Res 2006 May;85(5): Palmer CA. Gerodontic nutrition and dietary counseling for prosthodontic patients. Dent Clin North Am 2003 Apr;47(2): Dindaroǧlu F, Doğan S, Erdinç AM. Smile esthetics: age reòated changes, and objective differences between social and spontaneous smiles. J Clin Pediatr Dent 2011 Fall;36(1): De Baat C. Quality of life in gerodontology. Ned Tijdschr Tandheelkd Apr;118(4): Johnson TE, Shuman SK, Ofstenhage JC. Fitting the pieces togheter: treatment planning in the geriatric dental patient. Dent Clin North Am 1997 Oct;41(4): CON IL TERMINE COMORBILITÀ SI INTENDE a. il manifestarsi in più soggetti della stessa malattia b. il manifestarsi di più patologie nello stesso soggetto c. il manifestarsi di un quadro patologico in più soggetti insieme d. nessuna delle precedenti 10. LE SEDUTE DI IGIENE ORALE PROFESSIONALE CON IL PAZIENTE ANZIANO a. devono essere preferibilmente brevi b. devono prevedere frequenti pause c. devono dare semplici istruzioni sui presidi dominciliari d. A+B+C 11. IN TEMA DI AUTOPERCEZIONE IL PAZIENTE DIABETICO a. è perfettamente cosciente dell impatto che salute orale e stili di vita hanno sulla malattia b. è cosciente solo colui che è affetto dal tipo 1 c. è cosciente solo colui che è affetto dal tipo 2 d. entrambi non sono coscienti 12. TRA LE COMPLICANZE DEL DIABETE PUÒ PRESENTARSI A LIVELLO PSICOLOGICO a. depressione b. iperattività c. enuresi d. episodi maniacali 13. L INCIDENZA DEI DISTURBI ALIMENTARI RIGUARDA PRINCIPALMENTE a. maschi e femmine in rapporto 1:1 b. prevalentemente le femmine c. prevalentemente i maschi d. esclusivamente le femmine 14. QUAL È LA MIGLIORE MODALITÀ DI APPROCCIO COMUNICATIVO CON IL PAZIENTE AFFETTO DA DISTURBI ALIMENTARI? a. fare domande dirette b. prediligere domande aperte favorendo la libera espressione c. non vedere il problema perché di sola competenza dello psichiatra d. spaventare il paziente per scuoterlo a contattare uno psichiatra 15. INDIVIDUA LA RISPOSTA SCORRETTA RELATIVA AI LIVELLI DI AUTOPERCEZIONE DELLA PAZIENTE IN GRAVIDANZA a. il livello è alto perché consapevole del momento di vita delicato rispetto alla salute figlio b. il livello è alto per la richiesta di numerose indagini strumentali e diagnostiche da parte dei ginecologi c. il livello è alto e stili di vita salubri vengono adottati e mantenuti anche dopo il parto d. il livello è individuale, ma tendenzialmente medio-alto 16. INDIVIDUA LA RISPOSTA CORRETTA RIGUARDO ALLA MODALITÀ COMUNICATIVA DA ADOTTARE CON LA PAZIENTE IN GRAVIDANZA a. calibrare le informazioni a seconda del numero della gravidanza in corso b. la comunicazione è tendenzialmente più semplice con le primipare c. optare per una comunicazione narrativa d. fornire le informazioni con completezza ma in poco tempo 17. L AUTOPERCEZIONE DEL PROPRIO STATO DI SALUTE NEL PAZIENTE ANZIANO È MEDIATA DA a. educazione, livello culturale, livello economico, grado di autosufficienza, mantenimento delle capacità cognitive, stile di vita b. le sue capacità di fronteggiare il mondo circostante c. un concetto statico che si acquisisce alla nascita d. un concetto dinamico determinato dalla somma di diversi fattori con implicazioni fisico-emotivo-psicologico-sociali concorrono a sviluppare la capacità di gestire in maniera soddisfacente gli atti quotidiani 247

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia

Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Abstract: Diagnosi e gestione della xerostomia Autore: Dott.ssa Caterina Ardito Razionale La xerostomia è definita come una denuncia soggettiva di secchezza della bocca derivante da una diminuzione della

Dettagli

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T.

Salute orale dell anziano: qualità della vita. un aspetto determinante per la. Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Salute orale dell anziano: un aspetto determinante per la qualità della vita Tiziana Miola CPSE S.C. A.S.T. Una delle condizioni di salute che più influisce sulla qualità della vita degli anziani è quella

Dettagli

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio

Il diabete nell anziano e il rischio di. Claudio Marengo Marco Comoglio Il diabete nell anziano e il rischio di disabilità Claudio Marengo Marco Comoglio SEEd srl C.so Vigevano, 35-10152 Torino Tel. 011.566.02.58 - Fax 011.518.68.92 www.edizioniseed.it info@edizioniseed.it

Dettagli

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale

Gengivite e parodontite. Scovolini TePe. guida per il paziente. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe

Scovolini TePe. Prodotti in Svezia, usati in tutto il mondo. Angle. Originali. TePe Gel Gengivale. Extra soft. Spazzolini Speciali TePe Scovolini TePe Originali 0.4 mm 930410826 0.45 mm 930410840 0.5 mm 930410853 0.6 mm 930410865 0.7 mm 930410877 0.8 mm 930410889 1.1 mm 930410891 1.3 mm 935421305 1.5 mm Angle 0.4 mm 931080461 0.45 mm 931080473

Dettagli

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite

Guida per il paziente. Gengivite e parodontite Guida per il paziente Gengivite e parodontite La parodontite è più comune di quanto tu possa immaginare. Circa il 40% degli adulti soffre di questa patologia - spesso senza esserne a conoscenza. Le condizioni

Dettagli

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE

IGIENE DENTALE E PREVENZIONE IGIENE DENTALE E PREVENZIONE Dispensa n.3 Introduzione Secondo l Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), l origine di molte patologie organiche sono dovute ai rapidi cambiamenti dello stile di vita

Dettagli

Prevenzione della carie dentaria

Prevenzione della carie dentaria Studio Medico Dentistico Prestigiacomo s.n.c. Via B. Mattarella, 30 90011 Bagheria (Pa) Tel. 091.903448 Cell. 320.7104860 E-mail: studioprestigiacomo@yahoo.it Campagna di: Prevenzione della carie dentaria

Dettagli

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE

SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE ARTICOLO CASTELLETTO TICINO SCONFIGGERE LA CARIE DENTALE OGGI SI PUO! COME FARE CE LO SVELA L IGIENISTA DENTALE Esiste un miglior biglietto da visita di un bel sorriso? La nostra epoca è sicuramente dominata

Dettagli

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione

Opuscolo informativo per i pazienti. I quattro pilastri della prevenzione Opuscolo informativo per i pazienti I quattro pilastri della prevenzione La carie, le parodontiti e le erosioni La carie insorge quando la placca batterica, che aderisce sulla superficie dei denti, non

Dettagli

Igiene e cura dei denti

Igiene e cura dei denti Igiene e cura dei denti Capitolo 3 La salute della bocca La nostra bocca (cavo orale) è un sito anatomico riccamente abitato da microrganismi, che insieme formano un complesso e delicato ecosistema in

Dettagli

Una bocca sana. ad ogni età

Una bocca sana. ad ogni età Una bocca sana ad ogni età La bocca e i denti Attraverso la bocca possiamo nutrirci e assaporare il cibo, parlare e comunicare, sorridere. Prendersi cura della bocca è importante, per tutta la durata della

Dettagli

ODONTOIATRIA SPECIALE INDIVIDUALIZZATA

ODONTOIATRIA SPECIALE INDIVIDUALIZZATA CORSO DI LAUREA IN IGIENE DENTALE Presidente: Prof. Luca Levrini ODONTOIATRIA SPECIALE INDIVIDUALIZZATA Michela Rossini Oltre 1 miliardo di persone sono le persone disabili al mondo, secondo le stime del

Dettagli

Fili interdentali: istruzioni per l uso

Fili interdentali: istruzioni per l uso 4_Leaflet_Fili:Layout 1 21-12-2007 12:29 Pagina 1 Fili interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una

Dettagli

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE

BATTERI ORALI E MALATTIE SISTEMICHE SANIT 2008 V Forum internazionale della salute INTERVENTI DI PREVENZIONE ORALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE Roma, 23 giugno 2008 Daniela Carmagnola & Clinica Odontoiatrica Dip.. di Medicina, Chirurgia

Dettagli

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica

Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Lo spazzolino adeguato per ogni esigenza specifica Per una protezione quotidiana dalla carie accurata dei colletti dentali scoperti efficace ma delicata del margine gengivale Balsamo per le gengive Nuovo

Dettagli

Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco

Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Studio Ortodontico Dott. Giovanni Bavaresco Specialista in Odontostomatologia ed Ortodonzia OPUSCOLO IGIEE Documento informativo per il paziente Pratica esclusiva in Ortodonzia In accordo UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO. Tommaso Favale, Lucia Giannini

TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO. Tommaso Favale, Lucia Giannini TRATTAMENTO ORTODONTICO NEL PAZIENTE ADULTO Tommaso Favale, Lucia Giannini RIABILITAZIONE ORALE IN PAZIENTI ADULTI 1970 meno del 5% dei pazienti ortodontici aveva più di 18 anni 1990 25% del totale 2000

Dettagli

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA

PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA e spec. in Ortognatodonzia PARODONTITE ED ESITI AVVERSI IN GRAVIDANZA Per la maggior parte delle donne, la gravidanza è un processo naturale e fisiologico che porta alla nascita di una nuova vita in circa

Dettagli

Scovolini interdentali:

Scovolini interdentali: Scovolini interdentali: istruzioni per l uso UN COSTANTE IMPEGNO IN DIFESA DELLA SALUTE Migliorare il benessere e la salute delle persone anche attraverso una corretta igiene orale: questa la filosofia

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Obiettivi dell intervento

Obiettivi dell intervento Alessandro Dr Vitali Guido Dr Benedetti Centro di Collaborazione OMS Epidemiologia e Odontoiatria di Comunità Università degli Studi di Milano Nuove prospettive in odontoiatria geriatrica: la ricerca della

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

terapia della carie con ozono.

terapia della carie con ozono. Il vostro dentista consiglia: terapia della carie con ozono. "Per tutti quelli che danno importanza ad un trattamento delicato e approfondito!" 99,9% senza carie indolore 100% "Salve, io sono il Dott.

Dettagli

guida pratica per la salute orale del paziente disabile

guida pratica per la salute orale del paziente disabile Azienda Ospedaliero Universitaria di Sassari U.O. di Odontostomatologia Direttore: Prof.ssa Pietrina Franca Lugliè guida pratica per la salute orale del paziente disabile A cura dell Igienista dentale

Dettagli

IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA

IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA IGIENE DOMICILIARE PER PAZIENTI CON ORTODONZIA Linee guida per l igiene orale in caso di apparecchi ortodontici. Durante il periodo di trattamento con l apparecchiatura ortodontica il paziente deve mantenere

Dettagli

Igiene orale e salute generale dell organismo

Igiene orale e salute generale dell organismo Igiene orale e salute generale dell organismo È provato, oramai, che la mancanza di igiene orale è la principale causa delle problematiche orali dell uomo. I vari livelli di infiammazione, progredendo,

Dettagli

Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione!

Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione! Vuoi risparmiare dal dentista? Comincia con una buona prevenzione! Prenderti cura della tua salute non dà solo benefici riguardanti il tuo benessere ma ti aiuta anche ad acquisire fiducia in te stesso,

Dettagli

UN POMERIGGIO DEDICATO ALLA CURA E AL BENESSERE DELLA BOCCA

UN POMERIGGIO DEDICATO ALLA CURA E AL BENESSERE DELLA BOCCA UN POMERIGGIO DEDICATO ALLA CURA E AL BENESSERE DELLA BOCCA I PROBLEMI CHE SI POSSONO AVERE A LIVELLO DEL CAVO ORALE Prevenzione della Carie, della Malattia Parodontale e delle Patologie Orali Dott.ssa

Dettagli

Bocca sana in corpore sano.

Bocca sana in corpore sano. Bocca sana in corpore sano. www.boccasana.ch La salute orale prima di tutto! Problemi cardiocircolatori È risaputo che il sovrappeso e il fumo sono fattori di rischio per l infarto cardiaco. E le patologie

Dettagli

Gengivite e parodontite

Gengivite e parodontite Gengivite e parodontite Opuscolo informativo per il paziente La malattia parodontale (chiamata anche parodontite, parodontosi, piorrea, parodontopatia) è una infezione batterica che colpisce il parodonto,

Dettagli

IL VERO MANUALE A CASA SULL IGIENE ORALE

IL VERO MANUALE A CASA SULL IGIENE ORALE IL VERO MANUALE SULL IGIENE ORALE A CASA Prenderti cura della tua salute non dà solo benefici riguardanti il tuo benessere ma ti aiuta anche ad acquisire fiducia in te stesso, facilitando i rapporti con

Dettagli

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA

PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE. Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA PSICOPATOLGIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Dott.ssa Lisa De Simone Esperta in Cinica psicoanalitica dei DCA 1930-40 1940-50 1950-60 1960-70 1970-80 1980-90 Anoressia nervosa e Bulimia:chi

Dettagli

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI

ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI 1 CORSO FORMATIVO/INFORMATIVO MESORACA (KR) 24/ 28 MAGGIO ANZIANO FRAGILE E DISTURBI NEURO-PSCHIATRICI DOTT.SSA MARIANTONIA ALTIMARI DIRIGENTE RESPONSABILE CSM MESORACA ASPETTATIVA DI VITA Il miglioramento

Dettagli

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER?

COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? COS E LA MALATTIA DI ALZHEIMER? E la forma più frequente di demenza. La DEMENZA è la perdita delle funzioni intellettive (il RICORDARE, il PENSARE, il RAGIONARE) di gravità tale da rendere la persona malata

Dettagli

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati Caro paziente, se sei in procinto di iniziare o hai già effettuato un trattamento terapeutico con aminobisfosfonati, sarebbe opportuno

Dettagli

Scopri come vincere un trattamento di igiene orale professionale a pag.15.

Scopri come vincere un trattamento di igiene orale professionale a pag.15. Scopri come vincere un trattamento di igiene orale professionale a pag.15. E un iniziativa di guida per una corretta igiene orale Per rafforzare la relazione con i nostri clienti con pubblicazioni e articoli

Dettagli

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid

3M ESPE. Comfortable Oral Care. Il concetto di. sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid 3M ESPE Comfortable Oral Care Il concetto di sorriso sano. Clinpro Gel Clinpro Fluid Profilassi sistematica con un programma di prodotti completo All avanguardia nel progresso scientifico Aroma gradevole

Dettagli

Guida all Igiene Dentale

Guida all Igiene Dentale Guida all Igiene Dentale Education Scuola & Lavoro srl Torino Tutti i diritti riservati I DENTI La bocca o cavità orale è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide con

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

STATO DI SALUTE ORALE IN UN GRUPPO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI SISTEMICA Benetti A., Petrignano G., Rozza R., L. Strohmenger

STATO DI SALUTE ORALE IN UN GRUPPO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI SISTEMICA Benetti A., Petrignano G., Rozza R., L. Strohmenger STATO DI SALUTE ORALE IN UN GRUPPO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI SISTEMICA Benetti A., Petrignano G., Rozza R., L. Strohmenger Reparto di odontoiatria per pazienti disabili. Clinica Odontoiatrica Ospedale

Dettagli

CONSULENZA PRECONCEZIONALE

CONSULENZA PRECONCEZIONALE CONSULENZA PRECONCEZIONALE Questo articolo è rivolto a tutte le coppie che desiderano un figlio, o che non escludono di averlo in futuro, e che vogliono conoscere con maggior precisione quali siano le

Dettagli

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA

Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA Dottor Fabio Lupi igienista dentale LA NOSTRA BOCCA La bocca Ä una parte molto importante del corpo e non solo per l aspetto estetico. Attraverso la bocca parliamo, comunichiamo con gli altri ma soprattutto

Dettagli

Le tue gengive. La tua salute.

Le tue gengive. La tua salute. Noi tutti pensiamo che il colesterolo sia importante per la malattia cardiaca. La salute delle vostre gengive è un più importante fattore indicativo se avrete un infarto cardiaco o meno. Mehmet C. Oz,

Dettagli

L integrazione in gravidanza

L integrazione in gravidanza L integrazione in gravidanza Dr. Italo Guido Ricagni Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita OBIETTIVI GENERALI Fornire competenze al MMG: a) Fabbisogni alimentari in gravidanza

Dettagli

NOVITÀ L UNICO SISTEMA COMPLETO CON SOLUZIONI SPECIFICHE PER I PORTATORI DI APPARECCHI ORTODONTICI

NOVITÀ L UNICO SISTEMA COMPLETO CON SOLUZIONI SPECIFICHE PER I PORTATORI DI APPARECCHI ORTODONTICI 2011 McCann Healthcare NOVITÀ L UNICO SISTEMA COMPLETO CON SOLUZIONI SPECIFICHE PER I PORTATORI DI APPARECCHI ORTODONTICI PORTATORI DI APPARECCHI ORTODONTICI: UNA POPOLAZIONE CON SPECIFICHE ESIGENZE DI

Dettagli

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO

SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO SC GERIATRIA Direttore Dott. Paolo Bonino LA GESTIONE DELLA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO LA MALNUTRIZIONE LE CAUSE LE CONSEGUENZE COS È COME CONTRASTARLA COS È LA MALNUTRIZIONE? La malnutrizione è un alterazione

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

Prognosi parodontale: metodo di valutazione obiettiva e implicazioni clinico-pratiche

Prognosi parodontale: metodo di valutazione obiettiva e implicazioni clinico-pratiche 12 Prognosi parodontale: metodo di valutazione obiettiva e implicazioni clinico-pratiche Leonardo Trombelli, DDS, PhD, Roberto Farina, DDS, PhD, MSc Centro di Ricerca e Servizi per lo Studio delle Malattie

Dettagli

Gengiva infiammata E adesso? Informazioni per il paziente Aumento di gengiva cheratinizzata

Gengiva infiammata E adesso? Informazioni per il paziente Aumento di gengiva cheratinizzata Gengiva infiammata E adesso? Informazioni per il paziente Aumento di gengiva cheratinizzata Cosa succede se non c é abbastanza gengiva cheratinizzata? Se non c é abbastanza gengiva cheratinizzata (il tessuto

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA PARODONTALE

EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA PARODONTALE EPIDEMIOLOGIA DELLA MALATTIA PARODONTALE Studio della distribuzione della Malattia o della Condizione Fisiologica nella popolazione e dei fattori ereditari, biologici, ambientali, sociali e culturali che

Dettagli

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti in cura con bisfosfonati Caro paziente, se sei in procinto di iniziare o hai già effettuato un trattamento terapeutico con farmaci quali aminobisfosfonati,

Dettagli

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti

BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello. Drssa Grazia Foti BELLI DI DENTRO Stili di vita e stili alimentari per mantenere giovani cuore e cervello Drssa Grazia Foti MALATTIE CARDIOVASCOLARI Più importante causa di morte nel mondo, (17.3 milioni di morti ogni anno)

Dettagli

Bocca e Cuore ooklets

Bocca e Cuore ooklets Bocca e Cuore ooklets Una guida per i pazienti Booklets Per aiutare a migliorare qualità e sicurezza delle cure pubblichiamo una collana di guide ( ) con lo scopo di fornire ai pazienti ed ai loro famigliari

Dettagli

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide

Una forte struttura ossea per denti splendidi. Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Una forte struttura ossea per denti splendidi Informazioni per il paziente Ricostruzione ossea con Geistlich Bio-Oss e Geistlich Bio-Gide Indice Il sorriso è il più bel modo di mostrare i tuoi denti 3

Dettagli

IL PROBLEMA NON È MIO. È NOSTRO. OGGI, LA SOLUZIONE C È. UN NUOVO MODO DI PENSARE AL BENESSERE SESSUALE DI COPPIA

IL PROBLEMA NON È MIO. È NOSTRO. OGGI, LA SOLUZIONE C È. UN NUOVO MODO DI PENSARE AL BENESSERE SESSUALE DI COPPIA IL PROBLEMA NON È MIO. È NOSTRO. OGGI, LA SOLUZIONE C È. UN NUOVO MODO DI PENSARE AL BENESSERE SESSUALE DI COPPIA La nuova alleanza al servizio della coppia IMPARIAMO AD OCCUPARCI DELLA SALUTE SESSUALE

Dettagli

I DENTI nell Epidermolisi bollosa simplex di Dowling-Meara

I DENTI nell Epidermolisi bollosa simplex di Dowling-Meara I DENTI nell Epidermolisi bollosa simplex di Dowling-Meara 1. Introduzione Nel caso di numerose forme di EB, i disturbi dentali possono comparire con una diversa frequenza e con vari livelli di gravità.

Dettagli

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE

PROGETTO NELL AMBITO DELLE CURE DOMICILIARI DI APPRENDIMENTO IN AMBITO CLINICO PROBLEMA PRIORITARIO DI SALUTE A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

ImPIANtI dentali. LA migliore SoLuZIoNe A LuNGo termine

ImPIANtI dentali. LA migliore SoLuZIoNe A LuNGo termine ImPIANtI dentali LA migliore SoLuZIoNe A LuNGo termine 1. Sorriso & funzione Nei rapporti di ogni giorno il sorriso ci aiuta a comunicare: è il miglior modo di dimostrare affetto, aiuta a socializzare,

Dettagli

Perche l, igiene orale si impara da piccoli!

Perche l, igiene orale si impara da piccoli! Prevenzione avanzata della carie Perche l igiene orale si impara da piccoli! I tuoi denti.. un mondo pieno di sorprese Lo sapevi che......i tuoi primi dentini si sono formati ancor prima di nascere? Nella

Dettagli

ALESSANDRIA 23 GIUGNO 2009 OSTEONECROSI DEI MASCELLARI (ONJ) PREVENZIONE, DIAGNOSI, TRATTAMENTO UPDATE 2009

ALESSANDRIA 23 GIUGNO 2009 OSTEONECROSI DEI MASCELLARI (ONJ) PREVENZIONE, DIAGNOSI, TRATTAMENTO UPDATE 2009 ALESSANDRIA 23 GIUGNO 2009 OSTEONECROSI DEI MASCELLARI (ONJ) PREVENZIONE, DIAGNOSI, TRATTAMENTO UPDATE 2009 Ruolo dell Igiene Orale nella prevenzione della ONJ. Mario Migliario Andrea Melle Corso di Laurea

Dettagli

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti che assumono Bisfosfonati o altri farmaci per la cura delle ossa

RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti che assumono Bisfosfonati o altri farmaci per la cura delle ossa RACCOMANDAZIONI per la SALUTE ORALE nei pazienti che assumono Bisfosfonati o altri farmaci per la cura delle ossa Gentile paziente, se sei in procinto di iniziare o hai già effettuato un trattamento terapeutico

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Tesi di Laurea in Igiene Dentale Anno Accademico 2010-2011 APPROCCIO INTEGRATO NELLA GESTIONE DELLA SALUTE ORALE DEI PAZIENTI PROTESICAMENTE RIABILITATI NELLA COMUNITÀ

Dettagli

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE

ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE ALZHEIMER: PERCHE UNA DIAGNOSI PRECOCE Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un progressivo allungamento della durata media della vita, e quindi ad un invecchiamento della popolazione, che determina l

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare Guida pratica per limitare i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante la terapia oncologica La mucosite orale (stomatite) La mucosite orale (stomatite) Guida pratica per

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

IMPLANTOLOGIA. sono fatto così. come funziono I TUOI DENTI: BENESSERE E SALUTE

IMPLANTOLOGIA. sono fatto così. come funziono I TUOI DENTI: BENESSERE E SALUTE IMPLANTOLOGIA I TUOI DENTI: BENESSERE E SALUTE Un bel Sorriso è il nostro primo biglietto da visita, la prima espressione di benessere interiore e armonia estetica. A causa dell età, carie, malattie o

Dettagli

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo

Disturbi del Comportamento Alimentare. Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Disturbi del Comportamento Alimentare Modi diversi per esprimere un disagio affettivo Centro di Riferimento Provinciale per i Disturbi del Comportamento Alimentare Azienda per i Servizi Sanitari Trento

Dettagli

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini

Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER. David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini Parte VI - SUPPORTO E FORMAZIONE AI CAREGIVER David Simoni, Claudia Cantini, Sandra Passini INTRODUZIONE La famiglia costituisce in Italia la principale risorsa assistenziale per l anziano disabile. La

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

Un sorriso da salvare

Un sorriso da salvare R O T A R Y I N T E R N A T I O N A L Service Above Self He Profits Most Who Serves Best DISTRETTO 2110 SICILIA E MALTA - ROTARY CLUB COSTA GAIA Un sorriso da salvare Progetto prevenzione della carie dentale

Dettagli

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it

Corso nursing Ortopedico. Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide. www.slidetube.it Corso nursing Ortopedico Assistenza infermieristica ai pazienti con artrite reumatoide DEFINIZIONE MALATTIA INFIAMMATORIA SU BASE IMMUNITARIA DEL TESSUTO CONNETTIVO,ESSENZIALMENTE POLIARTICOLARE AD EVOLUZIONE

Dettagli

Dott.ssa Gloria Funiciello

Dott.ssa Gloria Funiciello MANUALE PRATICO DI PREVENZIONE DENTALE PER TUTTA LA FAMIGLIA A Cura della Dott.ssa Gloria Funiciello Odontoiatra e Specialista in Ortodonzia e Gnatologia Quando un bel SORRISO vuol dire BUONA SALUTE! La

Dettagli

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE

EZIOPATOGENESI DELLA CARIE STORIA DELLA CARIE Numerose sono le teorie formulate a proposito della etiologia e patogenesi della carie dentaria. Le teorie ESOGENE considerano l agente eziologico responsabile della patologia cariogena

Dettagli

Il controllo della paura

Il controllo della paura m2008m Carta dei Servizi Studio Dentistico Dott. Antonio Grimaldi Il controllo della paura Via C. Alessi, 16 23100 Sondrio Tel. 0342 511457 ( 2 linee) Fax 0342571625 m2 Il controllo della paura nel nostro

Dettagli

PROGETTO DI APPRENDIMENTO

PROGETTO DI APPRENDIMENTO A.S.O. S. Giovanni Battista di Torino Organizzazione e Sviluppo Risorse Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie Corso di Laurea in Infermieristica Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina

Dettagli

Attività ospedaliera con pazienti autistici

Attività ospedaliera con pazienti autistici Attività ospedaliera con pazienti autistici DIRIGENTE DR ARRIGONI CARLO RESPONSABILE DR TEALDI RODOLFO COLLABORATORI DR FIORELLINO MARIO MEDICO FREQUENTATORE INFERMIERE BONGIOVANNI ISABELLA GIRAUDI CARMEN

Dettagli

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA

LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA LA PROMOZIONE DELLA SALUTE NELLA MALATTIA Insufficienza Intestinale cronica benigna pediatrica. Scienza, tecnica e psicologia: nuove frontiere a confronto Spello, 2-3 novembre 2012 Dott.ssa Cadonati Barbara

Dettagli

Cura dell igiene orale per adulti con demenza nelle case di cura per anziani

Cura dell igiene orale per adulti con demenza nelle case di cura per anziani Traduzione a cura di: infermiera CINZIA MAZZINI Centro studi EBN - Direzione Servizio Infermieristico e Tecnico Azienda Ospedaliera di Bologna Policlinico S.Orsola-Malpighi Via Massarenti, 9-40138 Bologna,

Dettagli

U.O.S. Pediatria di Comunità

U.O.S. Pediatria di Comunità U.O.S. Pediatria di Comunità U.O. C. Materno Infantile come avere denti da campione prevenzione primaria della carie anno scolastico 2012-2013 classi seconde della scuola primaria aggiornato al 25.07.2012

Dettagli

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla

- All inizio, la carie può essere solo visibile, senza dare sintomi particolari. Man mano che la lesione cariosa progredisce fino a giungere alla LA CARIE La carie è una malattia degenerativa dei tessuti duri del dente (smalto dentina) e che origina dalla superficie e procede in profondità fino alla polpa dentale. CAUSE: Le cause della carie sono

Dettagli

Epidemiologia della salute orale nell anziano ed interventi di salute pubblica

Epidemiologia della salute orale nell anziano ed interventi di salute pubblica G GERONTOL 2006;LIV:110-114 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria ARTICOLO DI AGGIORNAMENTO REVIEW Epidemiologia della salute orale nell anziano ed interventi di salute pubblica Oral health epidemiology

Dettagli

La cura ottimale per i suoi impianti

La cura ottimale per i suoi impianti Informazioni per i pazienti sulla cura degli impianti dentali La cura ottimale per i suoi impianti Più che un restauro. Una nuova qualità di vita. Congratulazioni per i suoi nuovi denti. Gli impianti Straumann

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma

L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali. Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma L alimentazione nell anziano non autosufficiente: strategie nutrizionali Claudio Pedone Università Campus Biomedico Roma Disabilità e malnutrizione Limitazioni funzionali frequenti nell anziano sono associate

Dettagli

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3

Dr antonella arata Centro Disturbi Alimentari ASL3 U.O. Igiene degli Alimenti e della Nutrizione Centro Disturbi Alimentari TITOLO: PROGETTO EDUCATIVO PER LA PREVENZIONE PRIMARIA DEI DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE (DCA) RIVOLTO A DOCENTI E ALLIEVI

Dettagli

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA

U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA Regione del Veneto Azienda Unità Locale Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO U.O.C. MATERNO INFANTILE U.O. PEDIATRIA DI COMUNITA educazione alla salute come avere denti da campione prevenzione

Dettagli

Recessione gengivale E adesso? Informazioni per il paziente Copertura della recessione

Recessione gengivale E adesso? Informazioni per il paziente Copertura della recessione Recessione gengivale E adesso? Informazioni per il paziente Copertura della recessione Cosa succede se le recessioni gengivali non vengono trattate? Se le recessioni gengivali e le loro cause non vengono

Dettagli

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN ODONTOSTOMATOLOGIA GERIATRICA: focus sulle strutture residenziali

LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN ODONTOSTOMATOLOGIA GERIATRICA: focus sulle strutture residenziali LA VALUTAZIONE MULTIDIMENSIONALE IN ODONTOSTOMATOLOGIA GERIATRICA: focus sulle strutture residenziali 49 Congresso della SIGG Firenze 3-7 novembre 2004 Fernando Anzivino Direttore UU. OO. di Geriatria

Dettagli

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA:

CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: HPV-test Pap-test 71% CARCINOMA DELLA CERVICE UTERINA: FALSI MITI & REALTÀ DA CONOSCERE 1 Il carcinoma della cervice uterina colpisce solo donne in età avanzata 1 Studi recenti hanno evidenziato che il

Dettagli

Guida per il paziente. Consigli utili per un sorriso sano

Guida per il paziente. Consigli utili per un sorriso sano Guida per il paziente Consigli utili per un sorriso sano 2 Denti sani per tutta la vita Hai parecchio da guadagnare dedicando ai tuoi denti qualche minuto di attenzione ogni giorno. Lo sapevi che una bocca

Dettagli

Maternità:istruzioni per l uso

Maternità:istruzioni per l uso Maternità:istruzioni per l uso Centro Studi Prevenzione e Cura dei Disturbi Depressivi nella Donna WWW.CENTROPSICHEDONNA.IT Presidio Ospedaliero. M.Melloni Az. Osp. Fatebenefratelli, Milano Psicopatologia

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

Strumenti di rilevamento

Strumenti di rilevamento Strumenti di rilevamento Prodotti per il risciacquo e la pulizia Lista dei prodotti disinfettanti, Trattamento antalgico Mucosite Sezione 6/1 Wisecare +Cure infermieristiche-protocollo 2002 Nome del paziente:

Dettagli

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE

LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE LE SPECIALITA MEDICHE, PSICOLOGICHE E RIABILITATIVE Cardiologia Il servizio di Cardiologia si rivolge ai pazienti che presentano le principali forme di patologia cardiologica e cardiovascolare, attraverso

Dettagli

EDUCAZIONE ALIMENTARE

EDUCAZIONE ALIMENTARE EDUCAZIONE ALIMENTARE E uno dei pilastri fondamentali per la prevenzione della carie, insieme alla: sigillatura dei solchi Fluoroprofilassi Igiene orale Controlli periodici CARIE E ALIMENTAZIONE PLACCA

Dettagli