Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004"

Transcript

1 Normative trasversali: SGP e REACh Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004

2 Sicurezza Generale dei Prodotti Nuova direttiva: 2001/95/CE del 3 dicembre 2001 (G.U.C.E. il 15 gennaio 2002) Abroga la direttiva 92/59/CEE a partire dal 15 gennaio 2004 Termine di recepimento: 15 gennaio 2004 Recepimento: D.Lgs. 21 maggio 2004, n. 172 (G.U.R.I. n. 165 del 16 luglio 2004) Entrata in vigore: 31 luglio 2004 Abroga D.Lgs. 17 marzo 1995, n psd/revisedgpsd_en.htm

3 Sicurezza Generale dei Prodotti La Direttiva sulla Sicurezza Generale dei Prodotti è completata dalla Direttiva 87/357/CEE (D.Lgs. 23 gennaio 1992, n. 73) relativa ai prodotti che, avendo un aspetto diverso da quello che sono in realtà, compromettono la salute o la sicurezza dei consumatori. Questa direttiva si applica ai prodotti non alimentari che possono essere confusi, soprattutto dai bambini,, con alimenti a causa dell aspetto, dell odore o del packaging.. Le Autorità competenti devono adottare tutte le misure necessarie per proibire la commercializzazione, l importazione l e la fabbricazione di tali prodotti. Vedere anche Articolo 9 della Legge 713/86.

4 Sicurezza Generale dei Prodotti produttore: il fabbricante del prodotto stabilito nella Comunità e qualsiasi altra persona che si presenti come fabbricante apponendo sul prodotto il proprio nome, il proprio marchio o un altro segno distintivo, o colui che rimette a nuovo il prodotto; il rappresentante del fabbricante se quest'ultimo non e' stabilito nella Comunità o, qualora non vi sia un rappresentante stabilito nella Comunità, l'importatore del prodotto; gli altri operatori professionali della catena di commercializzazione nella misura in cui la loro attività possa incidere sulle caratteristiche di sicurezza dei prodotti;

5 Sicurezza Generale dei Prodotti distributore: qualsiasi operatore professionale della catena di commercializzazione, la cui attività non incide sulle caratteristiche di sicurezza dei prodotti; autorità competenti ai controlli: Ministero delle attività produttive Ministero della salute Ministero del lavoro e delle politiche sociali Ministero dell'interno Ministero dell'economia e delle finanze Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

6 Sicurezza Generale dei Prodotti richiamo: le misure volte ad ottenere la restituzione di un prodotto pericoloso che il fabbricante o il distributore ha già fornito o reso disponibile ai consumatori; ritiro: qualsiasi misura volta a impedire la distribuzione e l'esposizione di un prodotto pericoloso, nonchè la sua offerta al consumatore.

7 Sicurezza Generale dei Prodotti Obblighi dei Produttori Obblighi dei Distributori Obblighi e poteri degli Stati membri Scambio di informazioni e situazioni intervento rapido

8 Sicurezza Generale dei Prodotti Obblighi dei Produttori 1. Obbligo generale di sicurezza: articolo 2, lettere b) e c) e articoli 3 e 4 immettere sul mercato soltanto prodotti sicuri e adottare norme a copertura dei rischi e delle categorie di rischio. Queste disposizioni si applicano ai rischi ed alle categorie di rischio non previsti dalla direttiva di settore. Commissione Deve applicarsi ai cosmetici per rischi non contemplati dalla direttiva 76/768 (es. rischi meccanici) a condizione che non siano applicabili altre normative di settore.

9 Sicurezza Generale dei Prodotti 2. Follow-up sicurezza consumatori per prodotti già commercializzati: articolo 5, par. 1, commi terzo, quarto e quinto adozione di opportune misure per i prodotti commercializzati, tra cui controlli a campione, esame dei reclami e informazioni ai distributori. Obiettivo = garantire opportune azioni preventive e nell individuare i rischi. Commissione Si applica ai cosmetici per gli aspetti non contemplati dalla direttiva 76/768: questa non contiene disposizioni specifiche dopo la commercializzazione dei prodotti, anche se alcune norme vi fanno implicito riferimento (es. art. 7, lettera a: raccolta effetti indesiderati che generalmente derivano da reclami clienti).

10 Sicurezza Generale dei Prodotti 3. Informazione alle Autorità competenti riguardo ai prodotti pericolosi: articolo 5, par. 3 informazione alle Autorità competenti (A.C.) sui prodotti pericolosi e sulle azioni intraprese per prevenire i rischi. Obiettivo = consentire alle A.C. di adottare gli opportuni provvedimenti e garantire un coordinamento degli stessi. Commissione L articolo 7, lettera a) della Dir. 76/768 contiene disposizioni specifiche relative alle informazioni da tenere a disposizione delle A.C., ma esse non riguardano la comunicazione attiva. Si applica ai cosmetici qualora prodotto non conforme alla direttiva 76/768 o, per gli altri rischi, all articolo 2, lettera b) (definizione di prodotto pericoloso) della DSGP.

11 Sicurezza Generale dei Prodotti 4. Collaborazione con le A.C.: articolo 5, par. 4 collaborazione con le A.C. dietro richiesta delle stesse. Obiettivo = garantire un coordinamento delle azioni volte ad evitare i rischi Commissione L articolo 7, par. 3 e lettera a) della Dir. 76/768 contiene alcune disposizioni specifiche relative alle informazioni da fornire alle A.C., ma esse non contemplano, ad es., avvertenze, richiamo di prodotti ed altre forme di collaborazione. Si applica ai cosmetici perché la collaborazione con A.C. è implicitamente prevista, ma non disciplinata da una norma specifica. Le modalità di collaborazione dovranno essere stabilite dalle A.C. del settore.

12 Sicurezza Generale dei Prodotti Obblighi dei Distributori Varie disposizioni: articolo 5, paragrafi 2, 3 e 4 Obiettivo = garantire che i distributori non forniscano prodotti pericolosi e partecipino alle misure adottate per ridurre i rischi: - non fornire prodotti non conformi - partecipare ai controlli sul mercato - conservare e fornire la documentazione atta a rintracciare l origine dei prodotti (in Italia, per 10 anni) Commissione La Dir. 76/768 non contempla questi aspetti ed obiettivi. Si applica ai cosmetici quanto previsto per gli obblighi dei distributori.

13 Sicurezza Generale dei Prodotti Obblighi e poteri degli Stati membri 1. Sanzioni: articolo 7 devono essere: - effettive - proporzionate - avere efficacia dissuasiva Commissione La Dir. 76/768 non contiene norme specifiche in relazione alle sanzioni. L art. 7 si applica ai cosmetici. La Legge 713/86 prevede già alcune sanzioni che sono integrate da quelle del decreto di recepimento.

14 Sicurezza Generale dei Prodotti 2. Attribuzione dei poteri alle autorità competenti: articolo 8, par. 1 Tre diversi aspetti: - lettera a): raccolta di informazioni (campioni, verifiche e informazioni). Obiettivo = garantire che A.C. dispongano dei poteri necessari per acquisire conoscenza dell organizzazione; - lettere b) e c): poteri necessari per assoggettare la commercializzazione a condizioni preventive (es. apposizione su prodotto di marcature / avvertenze). Obiettivo = ridurre i rischi; - lettere da d) a f): divieti e richiami, compreso il richiamo del prodotto dai consumatori. Obiettivo = evitare che i prodotti pericolosi possano causare danni.

15 Sicurezza Generale dei Prodotti Segue punto 2. Commissione L art. 7, par. 3 e l art. 12 della Dir. 76/768 contengono disposizioni relative al potere di raccogliere informazioni e vietare determinati prodotti, ma non contemplano il potere di richiamare i prodotti. Il potere di assoggettare la commercializzazione del cosmetico a condizioni preventive è contemplato dall art. 12. L art. 8, par. 1, si applica ai cosmetici per quanto concerne il richiamo dei prodotti. L applicazione è subordinata alle disposizioni dei paragrafi 2, 3 e 4 dell art. 8 della DSGP.

16 Sicurezza Generale dei Prodotti 3. Approccio alla sorveglianza del mercato: articolo 9 gli SM devono adottare un approccio alla sorveglianza del mercato, basato su misure quali i programmi di sorveglianza e sul costante controllo e aggiornamento delle conoscenze scientifiche e tecniche sulla sicurezza. Alle parti interessate deve essere concessa l opportunità di presentare reclami e ottenere informazioni sulle procedure istituite. Commissione La Dir. 76/768 non contiene disposizioni relative all approccio alle attività di sorveglianza del mercato. L articolo 9 si applica ai cosmetici.

17 Sicurezza Generale dei Prodotti Scambio di informazioni e situazioni intervento rapido 1. Notifica: articolo 11 SM devono informare Commissione su tutte le misure per limitare immissione sul mercato di prodotti o per disporne il ritiro o il richiamo. L obbligo di comunicazione viene meno, qualora la notifica sia prevista attraverso il RAPEX o da una normativa comunitaria specifica (es. clausola di salvaguardia). Commissione L art. 12, par. 1, della Dir. 76/768 fa riferimento alla notifica delle misure concernenti i prodotti conformi alla direttiva. Ulteriori misure, adottate sulla base di considerazioni su salute e sicurezza, devono essere notificate in conformità alla DSGP o il RAPEX. L articolo 11 si applica ai cosmetici, salvo i casi della notifica prevista dalla direttiva cosmetici o dal RAPEX.

18 Sicurezza Generale dei Prodotti 2. RAPEX: articolo 12 sistema di scambio di informazioni nelle situazioni di emergenza. Obiettivo = fornire le informazioni a tutti gli SM per prendere provvedimenti immediati. Commissione La Dir. 76/768 non contiene disposizioni specifiche con lo stesso obiettivo. L articolo 12 si applica ai cosmetici.

19 Sicurezza Generale dei Prodotti 3. Procedure di intervento rapido: articolo 13 rapido intervento della Commissione nei casi di rischio grave. Obiettivo = eliminare efficacemente il rischio. Commissione La Dir. 76/768 contiene una disposizione relativa all adeguamento della direttiva, ma non affronta i temi dell intervento e della rapida prevenzione dei rischi. L articolo 13 si applica ai cosmetici relativamente al rapido intervento.

20 Sicurezza Generale dei Prodotti Procedure di comitato e disposizioni finali 1. Tutela della riservatezza e motivazione delle misure: articoli 16 e 18 Art. 16 regola l accesso alle informazioni e la tutela della riservatezza; Art. 18 prevede che, quando vengono adottate misure, siano fornite motivazioni, indicati i mezzi di impugnazione, ecc.. Obiettivo = garantire la salvaguardia degli interessi delle parti e raggiungere gli obiettivi della direttiva. Commissione La Dir. 76/768 non contiene disposizioni specifiche con gli stessi obiettivi. Gli articoli 16 e 18 si applicano ai cosmetici laddove la direttiva non affronti tali aspetti.

21 Cosmetici infiammabili 1. Quaderno 28, capitolo 6, pagine 75-77: è una autoregolamentazione; 2. per il trasporto (ADR, IMDG, ICAO) di questi prodotti: Federchimica, Sig. Mari (tel ); 3. per il trasporto su strada: software ADR di Sviluppo Chimica (Federchimica).

22 REACh Nuova Politica Chimica Così è chiamato il futuro regolamento sulle sostanze chimiche (sostanze pericolose + esistenti + nuove): Registration Evaluation Authorization of Chemicals

23 REACh Nuova Politica Chimica REACh sostituirà circa 40 atti legislativi: 1. Direttiva Sostanze Pericolose (notifica di nuove sostanze) 2. Regolamento Sostanze chimiche esistenti (obbligo di raccolta dati su 140 sostanze chimiche esistenti) 3. Regolamento sulla Valutazione del rischio (valutazione del rischio su sostanze nuove e 140 esistenti) 4. Direttiva restrizioni di commercializzazione ed uso (divieto o restrizioni di sostanze in uso nella UE) e molte altre!

24 REACh Attori Consiglio UE: Parlamento UE: Consiglio Competitività + Ambiente Commissione Ambiente leader Commissione Industria Commissione Mercato Interno Commissione UE: DG ENT e DG ENV Autorità competenti degli Stati Membri NGOs Industria

25 REACh Scopo Copre tutte le sostanze prodotte/importate qtà > 1 t/anno/produttore-importatore. Numero di sostanze 180, , , ,000 Sostanze > 1t/a/ prod-import. 103,000 Polimeri? 90,000 60,000 30, ,000 33,000 Sostanze esistenti (EINECS) Intermedi Sostanze esistenti (EINECS) Intermedi Sostanze esistenti (EINECS) Nuove sostanze

26 REACh Principali caratteristiche Un solo sistema per sostanze nuove ed esistenti: decade anche il valore giuridico dell EINECS. Alla data di entrata in vigore del regolamento si distinguerà fra sostanze phase-in (che entrano gradualmente nel sistema), cioè le sostanze già sul mercato, per le quali l obbligo di registrazione è scaglionato nel tempo in funzione dei quantitativi, e sostanze non phase-in in, cioè sostanze nuove, per le quali vale il principio no registration no marketing Passaggio di responsabilità/doveri e della prova passa da Autorità competenti a industria

27 REACh Principali caratteristiche Responsabilità estesa a tutta la catena di fornitura: utenti a valle (Downstream users) e distributori saranno coinvolti Divieto per sostanze estremamente problematiche Nuova Agenzia europea per gestire il sistema Numero di sostanze coinvolte: > 30,000 Tempistica finale: 11 anni dall entrata in vigore Flowchart che descrive il processo

28 REACh Principali procedure Registrazione: l'industria deve acquisire adeguate informazioni sulle sostanze ed utilizzarle per garantirne la sicurezza, da comunicare all Agenzia; Valutazione: si giudicano le proposte di test (valutazione dossier) e le autovalutazioni effettuate dall industria (valutazione sostanze); Autorizzazione: si prescinde da limite quantitativo di 1 ton/anno, non legata a registrazione. Sostanze: CMR cat.. 1 e 2; 2 PBT e vpvb; distruttori endocrini e sostanze che pur non rientrando nei precedenti criteri possono presentare rischi analoghi per l uomo e per l ambiente. Lista apposita (Allegato XIII); Restrizione: trasposizione della 76/769/CE; si prescinde da limite quantitativo di 1 ton/anno, non legata a registrazione; può essere emanata con procedura rapida o dipendere dalla valutazione; allegato specifico (All.. XVII) per i POPs (Persistant Organic Pollutants). ).;

29

30 REACh Definizioni Downstream user/utente a valle: ogni persona fisica o giuridica stabilita nella Comunità diversa dal fabbricante e dall'importatore che utilizza una sostanza, in quanto tale o in quanto componente di un preparato, nell'esercizio delle sue attività industriali o professionali. I distributori e i consumatori non sono considerati utenti a valle. Un reimportatore cui si applica l'esenzione di cui all'articolo 4, paragrafo 2, lettera c) è considerato un utente a valle; Uso: ogni operazione di trasformazione, formulazione, consumo, immagazzinamento, conservazione, trattamento, riempimento di contenitori, trasferimento da un contenitore ad un altro, miscelazione, produzione di un articolo od ogni altra utilizzazione. Per ogni sostanza, un industria deve quindi definire il proprio ruolo nella catena di fornitura.

31 REACh Esempi Qualunque azienda che usa una sostanza, che essa stessa non ha prodotto o importato, è un utente a valle. Importatore di un articolo: dovrà verificare se deve registrare o semplicemente notificare una specifica sostanza presente nell articolo; Produttore di articoli: è un utente a valle che incorpora una sostanza in un articolo e dovrà verificare se deve registrare o semplicemente notificare una specifica sostanza presente nell articolo

32 REACh Tempistica prevista Sostanze t/a (~25,000 sost.) e Sostanze intenzionalmente rilasciate da articoli (>1t/a) Pre-Registrazione Registrazione Sostanze t/a (~2,900 sost.) Pre-Registrazione Registrazione Sostanze > 1,000 t/a (~2,500 sost.) + Sostanze CMR Cat. 1 & 2 (> 1t/a) Pre-Reg. Registrazione anno O 3 anni 6 anni 11 anni

33 REACh Registrazioni File di Pre-Registrazione sulla sostanza X: Nome della sostanza; Nome ed indirizzo della persona di contatto; Tonnellaggio/anno; Indicazione dei dati fisico-chimici, tossicologici e ambientali per i quali il registrante è in possesso di importanti studi/informazioni; Indicare se tali informazioni includono test su animali vertebrati e, per test non su animali vertebrati, se il registrante permette di condividere tali studi con altri registranti a fronte di un pagamento. Documenti per la Registrazione Dossier Tecnico; Chemical Safety Report.

34 REACh Dossier Tecnico Dati in comune a tutte le registrazioni: Allegato IV Identità del fabbricante o dell importatore; Identità della sostanza; Informazione su fabbricazione e tutti usi identificati dal dichiarante; Classificazione ed etichettatura della sostanza; Istruzioni riguardanti la sicurezza d uso; Dati in funzione dei quantitativi: Fra 1 e 10 ton/anno: Allegato V; Fra 10 e 100 ton/anno: Allegati V e VI; Fra 100 e 1000 ton/anno: Allegati V, VI e proposte di test dell Allegato VII; Oltre 1000 ton/anno: Allegati V, VI e proposte di test degli Allegati VII e VIII

35 REACh Chemical Safety Report Il CSR per sostanze in qtà > 10 t/a e contiene la valutazione della sicurezza chimica (CSA). La valutazione della sicurezza chimica (CSA) deve contenere: Valutazione dei pericoli per la salute umana; Valutazione dei pericoli per la salute umana dovuti alle proprietà fisico-chimiche; Valutazione dei pericoli per l ambiente; Valutazione PBT (Persistant( Persistant, Bioaccumulative, Toxic) e vpvb (very Persistant, very Bioaccumulative) Se la sostanza risulta classificabile ai sensi della dir. 67/548 o se risulta un PBT o un vpvb, vanno anche effettuate: Valutazione dell esposizione; Caratterizzazione del rischio.

36 REACh Utenti a valle Cosa dovrà fare l utente a valle (Du( Du)? 1. se sostanza non è pericolosa e qtà 1 < x < 10 t/a, non c è CSA né SDS e DU non riceve SDS non ha obbligo di fare CSA; 2. se sostanza non è pericolosa e qtà > 10 t/a, non c è SDS e c è CSA: DU non riceve SDS non ha obbligo di fare CSA; 3. se sostanza è pericolosa e qtà 1 < x < 10 t/a, non c è CSA, c è SDS e DU riceve SDS senza scenario di esposizione allegato non ha obbligo di fare CSA; 4. se sostanza è pericolosa e qtà > 10 t/a, ci sono SDS e CSA, DU riceve SDS con scenario esposizione allegato in determinate circostanze dovrà fare il CSA; 5. se sostanza è pericolosa, qtà > 10 t/a, in preparato al di sotto di determinate concentrazioni, c è SDS ma non c è CSA: DU riceve SDS senza scenario esposizione allegato non ha obbligo di fare il CSA.

37 REACh Utenti a valle Se DU riceve SDS con scenario esposizione allegato? usa la sostanza in uno scenario previsto da SDS? Se sì e mette in essere misure di gestione del rischio pari o più restrittive rispetto a SDS non deve fare CSA; usa la sostanza in uno scenario previsto da SDS ma non è d accordo su misure gestione rischio? Deve scrivere a fornitore che può modificare la SDS tenendo in considerazione l uso fatto dal DU oppure rifiutarsi di fornire la mp; usa la sostanza in uno scenario non previsto da SDS o non ne fa uso identificato? Entro 6 mesi deve notificare Agenzia e entro 12 mesi da ricezione SDS fare da solo CSA (Allegato XI): scenario esposizione, valutazione esposizione, caratterizzazione rischio, misure gestione rischio + se animal testing, notifica Agenzia.

38 REACh Chemical Safety Report Il Chemical Safety Report può essere effettuato su un gruppo di sostanze. Può essere effettuato su preparati (Allegato Ib) anzichè su sostanze. Questo tipo di CSR che contiene il CSA dovrà basarsi sulle informazioni relative alle singole sostanze contenute nel preparato. 1. Uso identificato Downstream users 2. Uso non identificato (DU lo tiene confidenziale) Registrante Dossier di registrazione Agenzia Centrale UE Notifica

39 REACh Chemical Safety Report Art. 13 (5) (b) Il CSR non deve prendere in considerazione i rischi per la salute umana... per l uso finale in prodotti cosmetici che rientrano nel campo di applicazione della Direttiva 76/768/CEE.

40 REACh Supply Chain DOWN the SC Sostanze e preparati pericolosi - Obbligo M, I, DU e distributori: fornire SDS o SDS con scenario esposizione a DU e/o distributori a valle. Sostanze e preparati non pericolosi - Obbligo M, I e DU: fornire alcune informazioni (non c è SDS) a DU e/o distributori a valle, ovvero numero(i) registrazione; se sostanza è soggetta a autorizzazione o restrizioni (da verificare), istruzioni sull uso sicuro e qualunque informazione utile per prendere adeguate misure gestione rischio. UP the SC Obbligo M, I, DU e distributori: comunicare nuove informazioni fino a raggiungere produttore/importatore della sostanza.

41 REACh Articoli Obbligo di registrazione se esistono tutti e 3 i seguenti requisiti: 1. La sostanza è contenuta in tali articoli in quantità superiore ad una tonnellata per Produttore o Importatore all anno (ogni tipo di articolo è considerato separatamente); 2. La sostanza risponde ai criteri di classificazione delle sostanze pericolose di cui alla direttiva 67/548/CEE; 3. La sostanza è destinata a essere rilasciata in condizioni d uso normali e ragionevolmente prevedibili.

42 REACh Articoli Obbligo di notifica se esistono tutti e 4 i seguenti requisiti: 1. La sostanza è contenuta in tali articoli in quantità superiore ad 1 ton/an per produttore o importatore; 2. La sostanza risponde ai criteri di classificazione delle sostanze pericolose di cui alla direttiva 67/548/CEE; 3. La quantità di sostanza rilasciata può avere effetti nocivi per la salute umana o per l ambiente; 4. Il produttore o importatore sa o è informato che è probabile che la sostanza sia rilasciata in condizioni d uso normali o ragionevolmente prevedibili,anche se tale rilascio non è una funzione voluta dell articolo;

43 REACh Opportunità offerte Se si rivelerà un successo, potrà diminuire l attenzione delle NGO nei confronti dell industria chimica; Sarà di supporto per le aziende nell effettuare la valutazione del rischio (dati disponibili al pubblico); Fornirà una maggiore trasparenza nei confronti dei consumatori; I lavoratori avranno a disposizione maggiori informazioni; Favorirà lo sviluppo di nuove sostanze chimiche; E una sfida per tutti (UE, SM, NGO, Industria).

44 REACh Posizione DUCC Scopo: occorre una maggiore focalizzazione ed evitare la sovrapposizione con legislazioni esistenti. Chemical Safety Report/Safety Assessment: da semplificare. Autorizzazione: il divieto di sostanze chimiche deve essere basato su basi scientifiche con uno scopo limitato. Maggiori responsabilità all Agenzia Centrale. Comunicazione al pubblico: deve essere rilevante e basata sul rischio.

45 REACh Situazione attuale Nuovo Parlamento (Giugno 2004) Nuova Commissione UE (Gennaio 2005) Libro Bianco Consultazione Internet Siamo qui Proposta Commissione inviata a Consiglio e Parlamento UE (29 ottobre 2003) Prima lettura Parlamento? Seconda lettura Parlamento? Regolamento finale?

46 REACh Conclusioni Cosa fare nel frattempo? controllare sostanza per sostanza quali e quante informazioni sono a disposizione; valutare l importanza strategica della sostanza per i vostri prodotti; valutare la facilità di alternative e di sostituzione; iniziare a parlare con i vostri fornitori e chiedere, sulla base dell importanza economica o strategica per loro, come prevedono di gestire quella sostanza: continueranno a produrla, ridurranno i quantitativi oppure cesseranno la produzione?

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle Rev. 01 - Novembre 2012 Documento elaborato dall ASL di MONZA e BRIANZA in collaborazione con Confindustria Monza, APA Confartigianato,

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione GUIDA Maggio 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Maggio 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione giugno 2007 Versione 1 Prima revisione 18/02/2008

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza ORIENTAMENTI Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013 2 Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013

Dettagli

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia INDICE 1. Premessa... pag. 2 2. Finalità... pag. 2 3. Campo di applicazione... pag. 2 4. Aggiornamento...

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci Associazione nazionale imprese agrofarmaci La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole Finito di stampare nel mese di Marzo 2014 dalla Compagnia della Stampa - Massetti Rodella

Dettagli

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier

Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier Attivitá dei Comitati dell ECHA e Valutazione dei Dossier II CONFERENZA NAZIONALE SUL REGOLAMENTO REACH 11 Dicembre 2009 Claudio Carlon ECHA Evaluation http://echa.europa.eu 1 Comitati dell ECHA Attivitá

Dettagli

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Guida alla compilazione delle schede di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011. Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Guida alla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 1.1 Dicembre 2011 AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul regolamento REACH, che spiegano gli obblighi

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH

e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Seminario Formativo di approfondimento: REACH e i settori della carta e della stampa L identificazione e la denominazione delle sostanze chimiche in ambito REACH Udine, 9-10 Luglio 2008 FEDERICA CECCARELLI

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 15.1.2011 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 12/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 10/2011 DELLA COMMISSIONE del 14 gennaio 2011 riguardante i materiali e gli oggetti

Dettagli

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione

n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione UADERNI DI CONFORMA QUADERNI DI CONFORMA I QUAD n.1 2013 Guida al Regolamento Prodotti da Costruzione La riproduzione totale o parziale con qualunque mezzo di questo documento nella sua versione italiana

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria

Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile. Commissione europea Imprese e industria LA SICUREZZA DEI GIOCATTOLI Perché i nostri bambini siano protetti il meglio possibile Commissione europea Imprese e industria Fotolia Orange Tuesday L Unione europea (UE) conta circa 80 milioni di bambini

Dettagli

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO

SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO SPECIFICA TECNICA RISPARMIO CASA FORM 750 ML CLASSICO FORMATO: Flacone 1 lt bianco in PE TAPPO: blu CODICE E.A.N.: 8033447581230 NATURA: tensioattivi non ionici, tensioattivi cationici, profumo, coloranti,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 10002430, 10002066, 10033113 Numero CAS: 67-68-5 Numeri CE:

Dettagli

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive

Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Attuazione e applicazione del Regolamento REACH: sfide e prospettive Aspetti critici e rimedi Avv. Giovanni Indirli Senior attorney +32 2 5515961 gindirli@mayerbrown.com 21 Maggio 2010 Mayer Brown is a

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: A4972 Numero CAS: 9001-63-2 Numeri CE: 232-620-4 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 13.04.2010 Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e

Dettagli

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14

Contenuti della presentazione. Import EU di legno illegale. Introduzione al Regolamento EUTR 01/07/14 FSC Italia TOUR # 6 Matera, 25 giugno 2014 Contenuti della presentazione Introduzione al Regolamento (UE) 995/2010 (EUTR) EUTR e certificazione forestale EUTR e certificazione FSC Alcune premesse Il Regolamento

Dettagli

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL

Bollettino ECEPA. In questo numero 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 3 DIRITTI E LIMITAZIONI NELL USO DEL Bollettino ECEPA In questo numero N 6 1 VERIFICA ISPETTIVA DI CAMPIONAMENTO ED ANALISI DEI PRODOTTI DOP 2 ETICHETTATURA DEI PRODOTTI DOP. 2.1. Marchi di conformità ECEPA 2.2. Marchio Comunitario DOP 2.3.

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Attenzione agli ftalati. Difendiamo i nostri bambini

Attenzione agli ftalati. Difendiamo i nostri bambini Attenzione agli ftalati Difendiamo i nostri bambini Luglio 2012 Cosa sono gli ftalati DINP DEHP DNOP DIDP BBP DBP ftalato di diisononile ftalato di bis(2-etilesile) ftalato di diottile ftalato di diisodecile

Dettagli

Primi passi con ChemGes

Primi passi con ChemGes Descrizione Primi passi con ChemGes DR Software Version 40.0 Sommario Introduzione... 1 Start del programma... 1 Ricercare e visualizzare delle sostanze... 1 Immissione di materie prime... 4 Immissione

Dettagli

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005

Commissione europea. DG Occupazione, affari sociali e pari opportunità. Unità F.4. Redazione completata nel giugno 2005 LINEE DIRETTRICI PRATICHE DI CARATTERE NON OBBLIGATORIO SULLA PROTEZIONE DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA DEI LAVORATORI CONTRO I RISCHI CONNESSI CON GLI AGENTI CHIMICI SUL LAVORO (Articoli 3, 4, 5, 6 e

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES

ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES ACCORDO INTERCONFEDERALE PER IL RECEPIMENTO DELL ACCORDO-QUADRO EUROPEO SUL TELELAVORO CONCLUSO IL 16 LUGLIO 2002 TRA UNICE/UEAPME, CEEP E CES Addì, 9 giugno 2004 Tra CONFINDUSTRIA, CONFARTIGIANATO, CONFESERCENTI,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA

FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA FARMACI DI IMPORTAZIONE PARALLELA Anna Rosa Marra, Ugo Santonastaso (Ufficio Valutazione e Autorizzazione, Agenzia Italiana del Farmaco) Cosa significa farmaco di importazione parallela Il farmaco, come

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali

FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto. Carrelli industriali FEM-IT-T/N863 FEDERATION EUROPEENNE DE LA MANUTENTION Gruppo di prodotto Carrelli industriali FEM Breve guida all identificazione dei carrelli industriali non conformi 05.2012 (I) - marcatura macchina,

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Articolo numero:chr../cosvud../cosvue../ CR../COSVI../TENDERFP Usi pertinenti identificati

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/6 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis)

ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI. (omissis) Decreto lgs. 24 febbraio 1997, n. 46 emendato col D. lgs. 25.01.2010, n.37 - Recepimento Direttiva 2007/47/CE ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 93/42/CEE CONCERNENTE I DISPOSITIVI MEDICI IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI SILICONEML140

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI SILICONEML140 Scheda di sicurezza del 12/9/2014, revisione 2 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale:

Dettagli

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL

C.A-L. ITALIA SRL C.A-L. VISION SOL Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/im presa 1.1. Identificatore del prodotto Denominazione 1.2. Pertinenti usi identificati della

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/7 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l.

Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. General Terms and Conditions of Condizioni Generali di Contratto per la vendita e fornitura di prodotti e servizi Lauterbach S.r.l. Articolo I: Disposizioni Generali 1. I rapporti legali tra il Fornitore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

(Atti legislativi) DIRETTIVE

(Atti legislativi) DIRETTIVE 29.4.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 127/1 I (Atti legislativi) DIRETTIVE DIRETTIVA 2014/40/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 3 aprile 2014 sul ravvicinamento delle disposizioni

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE

GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE 1 GESTIONE DEL RISCHIO NEI DISPOSITIVI MEDICI: DALLA CLASSIFICAZIONE ALLA COMMERCIALIZZAZIONE Ing. Enrico Perfler Eudax s.r.l. Milano, 23 Gennaio 2014 Indice 2 Il concetto di rischio nei dispositivi medici

Dettagli

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1).

D.Lgs. 16 febbraio 2011, n. 15 (1). D.Lgs. 16-2-2011 n. 15 Attuazione della direttiva 2009/125/CE relativa all'istituzione di un quadro per l'elaborazione di specifiche per progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all'energia.

Dettagli

Scheda di sicurezza RISPARMIO CASA CANDEGGINA IN GEL 750ML Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA

Scheda di sicurezza RISPARMIO CASA CANDEGGINA IN GEL 750ML Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA Scheda di sicurezza Scheda di sicurezza del 20/9/2012, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1. Identificatore del prodotto Identificazione della miscela:

Dettagli

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE

Scheda di sicurezza AF-REFL-LIQ-SNGL-SIS CASA AGRUMI&TEVERDE Scheda di sicurezza del 18/4/2011, revisione 1 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/DELLA MISCELA E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA 1.1 Identificatore del prodotto Identificazione della miscela: Nome commerciale: Codice

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm

Kit Components. IPTG, Dioxane Free, 5gm 07/30/2014 Kit Components Product code V3951 Components: V395 Description IPTG IPTG, Dioxane Free, 5gm IPTG Pagina: 1/6 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici.

Classificazione secondo la direttiva 67/548/CE o 1999/45/CE Altamente tossico per gli organismi acquatici. 1. Identificazione della miscela e della società 1.1. Identificatore del prodotto 1.2. Usi pertinenti identificati della miscela e usi sconsigliati Brillantante per impiego industriale a macchina 1.3.

Dettagli

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico

Scheda Informativa. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. 78002 - Copper XS Hi-Temp RTV Silicone. Reparto Tecnico Pagina n. 1 / 6 Scheda Informativa SEZIONE 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: 78002 Denominazione 78002 - Copper XS Hi-Temp

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities

ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento. Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities ACCREDIA L Ente Italiano di Accreditamento Accreditation process for abilitation/notification: experiences and criticalities 1-32 28 giugno 2013 IL QUADRO DI RIFERIMENTO Cambiano gli scenari europei Regolamento

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE

INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE NON CONFORMITA RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE INDIVIDUAZIONE E GESTIONE DELLE RILEVATE IN OCCASIONE DELLE ATTIVITA DI CONTROLLO UFFICIALE CRITERIO OPERATIVO N 3 CRO 03 CRITERI OPERATIVI Revisione 01 del 15.02.13 Pagina 1 di 12 CRITERI OPERATIVI PER

Dettagli

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano

REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE Alla luce del D.LGS. 219 DEL 2006 Codice di recepimento normativa europea farmaci ad uso umano REQUISITI FORMALI DELLA RICETTA NON RIPETIBILE [STUDIO avv. Paola Ferrari ] info@studiolegaleferrari.it per Pronto Soccorso fimmg lombardia QUESITO: Mi è arrivata una notifica di violazione amministrativa

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto Articolo numero: 00511319BT, (4)511310BT, (4)511311BT, (4)511312BT, 511313, 5113130,

Dettagli

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO

LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTITRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO SCHEMA DI ACCORDO STATO- REGIONI CONCERNENTE LINEE GUIDA AI FINI DELLA RINTRACCIABILITA DEGLI ALIMENTI E MANGIMI PER FINI DI SANITA PUBBLICA AI SENSI DEL REGOLAMENTO 178/2002 LA CONFERENZA PERMANENTE PER

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza

Scheda di dati di sicurezza Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 Identificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014

REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE. del 7.1.2014 COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 7.1.2014 C(2013) 9651 final REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. /.. DELLA COMMISSIONE del 7.1.2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell'ambito dei fondi strutturali

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI

SPRING COLOR SRL PRIM. C.S. - PRIMER CENTRI STORICI Pagina n. 1 / 6 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Codice: Denominazione PRIM. C.S. PRIMER CENTRI STORICI

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006

Scheda di dati di sicurezza a norma dell'articolo 31, regolamento (CE) n. 1907/2006 Pagina: 1/6 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Data di compilazione: 31.01.2005 1.1 Identificatore del prodotto Numero CAS: 111211-39-3 1.2 Usi pertinenti

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC

Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Guida alla prevenzione della pirateria software SIMATIC Introduzione Questa guida è stata realizzata per aiutare la vostra azienda a garantire l utilizzo legale del software di Siemens. Il documento tratta

Dettagli

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3

14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 14.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 335/3 REGOLAMENTO (UE) N. 1332/2013 DEL CONSIGLIO del 13 dicembre 2013 che modifica il regolamento (UE) n. 36/2012 concernente misure restrittive in

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro

A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro 2 DESC Versione 2010 Guida alla consultazione del sito web Realizzato da IRSA-CNR A. Barra Caracciolo, A. B. Petrangeli, P. Grenni, G. De Donato, F. Falconi, S. Santoro Indice GUIDA ALLA CONSULTAZIONE

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010

Scheda di dati di sicurezza conforme al Regolamento (CE) N. 453/2010 Antifrogen SOL HT Pagina 1(10) SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome commerciale Antifrogen SOL HT Numero materiale: 232512

Dettagli

La nuova normativa di Farmacovigilanza

La nuova normativa di Farmacovigilanza La nuova normativa di Farmacovigilanza 1 Due nuove disposizioni in materia di farmacovigilanza Pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale Europea L 348 del 31 Dic 2010: Regulation (EU) 1235/2010 of the European

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l.

di seguito verrà utilizzato il termine ENTE per Certification International UK (Ltd) e SEDE LOCALE per Divulgazione e Accreditamento DeA S.r.l. Certification International (UK) Limited [CI UK] è un Organismo di Certificazione accreditato UKAS che fornisce i propri servizi di certificazione attraverso una rete di uffici di rappresentanza in tutto

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici:

Direttive comunitarie che coordinano le seguenti procedure di aggiudicazione degli appalti pubblici: Versione finale del 29/11/2007 COCOF 07/0037/03-IT COMMISSIONE EUROPEA ORIENTAMENTI PER LA DETERMINAZIONE DELLE RETTIFICHE FINANZIARIE DA APPLICARE ALLE SPESE COFINANZIATE DAI FONDI STRUTTURALI E DAL FONDO

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE

2.1 Classificazione della sostanza o della miscela Il prodotto è classificato come pericoloso ai sensi della direttiva 1999/45/CE (Regolamento n 453/2010/UE) Data emissione: 09-05-2005 Numero revisione: 07.13 Data revisione: 07 giugno 2013 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA O DELLA MISCELA E DELLA SOCIETA /IMPRESA 1.1 Identificazione

Dettagli