Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Normative trasversali: SGP e REACh. Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004"

Transcript

1 Normative trasversali: SGP e REACh Dr. Guido Bottini Area Tecnico-normativa Unipro 3 novembre 2004

2 Sicurezza Generale dei Prodotti Nuova direttiva: 2001/95/CE del 3 dicembre 2001 (G.U.C.E. il 15 gennaio 2002) Abroga la direttiva 92/59/CEE a partire dal 15 gennaio 2004 Termine di recepimento: 15 gennaio 2004 Recepimento: D.Lgs. 21 maggio 2004, n. 172 (G.U.R.I. n. 165 del 16 luglio 2004) Entrata in vigore: 31 luglio 2004 Abroga D.Lgs. 17 marzo 1995, n psd/revisedgpsd_en.htm

3 Sicurezza Generale dei Prodotti La Direttiva sulla Sicurezza Generale dei Prodotti è completata dalla Direttiva 87/357/CEE (D.Lgs. 23 gennaio 1992, n. 73) relativa ai prodotti che, avendo un aspetto diverso da quello che sono in realtà, compromettono la salute o la sicurezza dei consumatori. Questa direttiva si applica ai prodotti non alimentari che possono essere confusi, soprattutto dai bambini,, con alimenti a causa dell aspetto, dell odore o del packaging.. Le Autorità competenti devono adottare tutte le misure necessarie per proibire la commercializzazione, l importazione l e la fabbricazione di tali prodotti. Vedere anche Articolo 9 della Legge 713/86.

4 Sicurezza Generale dei Prodotti produttore: il fabbricante del prodotto stabilito nella Comunità e qualsiasi altra persona che si presenti come fabbricante apponendo sul prodotto il proprio nome, il proprio marchio o un altro segno distintivo, o colui che rimette a nuovo il prodotto; il rappresentante del fabbricante se quest'ultimo non e' stabilito nella Comunità o, qualora non vi sia un rappresentante stabilito nella Comunità, l'importatore del prodotto; gli altri operatori professionali della catena di commercializzazione nella misura in cui la loro attività possa incidere sulle caratteristiche di sicurezza dei prodotti;

5 Sicurezza Generale dei Prodotti distributore: qualsiasi operatore professionale della catena di commercializzazione, la cui attività non incide sulle caratteristiche di sicurezza dei prodotti; autorità competenti ai controlli: Ministero delle attività produttive Ministero della salute Ministero del lavoro e delle politiche sociali Ministero dell'interno Ministero dell'economia e delle finanze Ministero delle infrastrutture e dei trasporti

6 Sicurezza Generale dei Prodotti richiamo: le misure volte ad ottenere la restituzione di un prodotto pericoloso che il fabbricante o il distributore ha già fornito o reso disponibile ai consumatori; ritiro: qualsiasi misura volta a impedire la distribuzione e l'esposizione di un prodotto pericoloso, nonchè la sua offerta al consumatore.

7 Sicurezza Generale dei Prodotti Obblighi dei Produttori Obblighi dei Distributori Obblighi e poteri degli Stati membri Scambio di informazioni e situazioni intervento rapido

8 Sicurezza Generale dei Prodotti Obblighi dei Produttori 1. Obbligo generale di sicurezza: articolo 2, lettere b) e c) e articoli 3 e 4 immettere sul mercato soltanto prodotti sicuri e adottare norme a copertura dei rischi e delle categorie di rischio. Queste disposizioni si applicano ai rischi ed alle categorie di rischio non previsti dalla direttiva di settore. Commissione Deve applicarsi ai cosmetici per rischi non contemplati dalla direttiva 76/768 (es. rischi meccanici) a condizione che non siano applicabili altre normative di settore.

9 Sicurezza Generale dei Prodotti 2. Follow-up sicurezza consumatori per prodotti già commercializzati: articolo 5, par. 1, commi terzo, quarto e quinto adozione di opportune misure per i prodotti commercializzati, tra cui controlli a campione, esame dei reclami e informazioni ai distributori. Obiettivo = garantire opportune azioni preventive e nell individuare i rischi. Commissione Si applica ai cosmetici per gli aspetti non contemplati dalla direttiva 76/768: questa non contiene disposizioni specifiche dopo la commercializzazione dei prodotti, anche se alcune norme vi fanno implicito riferimento (es. art. 7, lettera a: raccolta effetti indesiderati che generalmente derivano da reclami clienti).

10 Sicurezza Generale dei Prodotti 3. Informazione alle Autorità competenti riguardo ai prodotti pericolosi: articolo 5, par. 3 informazione alle Autorità competenti (A.C.) sui prodotti pericolosi e sulle azioni intraprese per prevenire i rischi. Obiettivo = consentire alle A.C. di adottare gli opportuni provvedimenti e garantire un coordinamento degli stessi. Commissione L articolo 7, lettera a) della Dir. 76/768 contiene disposizioni specifiche relative alle informazioni da tenere a disposizione delle A.C., ma esse non riguardano la comunicazione attiva. Si applica ai cosmetici qualora prodotto non conforme alla direttiva 76/768 o, per gli altri rischi, all articolo 2, lettera b) (definizione di prodotto pericoloso) della DSGP.

11 Sicurezza Generale dei Prodotti 4. Collaborazione con le A.C.: articolo 5, par. 4 collaborazione con le A.C. dietro richiesta delle stesse. Obiettivo = garantire un coordinamento delle azioni volte ad evitare i rischi Commissione L articolo 7, par. 3 e lettera a) della Dir. 76/768 contiene alcune disposizioni specifiche relative alle informazioni da fornire alle A.C., ma esse non contemplano, ad es., avvertenze, richiamo di prodotti ed altre forme di collaborazione. Si applica ai cosmetici perché la collaborazione con A.C. è implicitamente prevista, ma non disciplinata da una norma specifica. Le modalità di collaborazione dovranno essere stabilite dalle A.C. del settore.

12 Sicurezza Generale dei Prodotti Obblighi dei Distributori Varie disposizioni: articolo 5, paragrafi 2, 3 e 4 Obiettivo = garantire che i distributori non forniscano prodotti pericolosi e partecipino alle misure adottate per ridurre i rischi: - non fornire prodotti non conformi - partecipare ai controlli sul mercato - conservare e fornire la documentazione atta a rintracciare l origine dei prodotti (in Italia, per 10 anni) Commissione La Dir. 76/768 non contempla questi aspetti ed obiettivi. Si applica ai cosmetici quanto previsto per gli obblighi dei distributori.

13 Sicurezza Generale dei Prodotti Obblighi e poteri degli Stati membri 1. Sanzioni: articolo 7 devono essere: - effettive - proporzionate - avere efficacia dissuasiva Commissione La Dir. 76/768 non contiene norme specifiche in relazione alle sanzioni. L art. 7 si applica ai cosmetici. La Legge 713/86 prevede già alcune sanzioni che sono integrate da quelle del decreto di recepimento.

14 Sicurezza Generale dei Prodotti 2. Attribuzione dei poteri alle autorità competenti: articolo 8, par. 1 Tre diversi aspetti: - lettera a): raccolta di informazioni (campioni, verifiche e informazioni). Obiettivo = garantire che A.C. dispongano dei poteri necessari per acquisire conoscenza dell organizzazione; - lettere b) e c): poteri necessari per assoggettare la commercializzazione a condizioni preventive (es. apposizione su prodotto di marcature / avvertenze). Obiettivo = ridurre i rischi; - lettere da d) a f): divieti e richiami, compreso il richiamo del prodotto dai consumatori. Obiettivo = evitare che i prodotti pericolosi possano causare danni.

15 Sicurezza Generale dei Prodotti Segue punto 2. Commissione L art. 7, par. 3 e l art. 12 della Dir. 76/768 contengono disposizioni relative al potere di raccogliere informazioni e vietare determinati prodotti, ma non contemplano il potere di richiamare i prodotti. Il potere di assoggettare la commercializzazione del cosmetico a condizioni preventive è contemplato dall art. 12. L art. 8, par. 1, si applica ai cosmetici per quanto concerne il richiamo dei prodotti. L applicazione è subordinata alle disposizioni dei paragrafi 2, 3 e 4 dell art. 8 della DSGP.

16 Sicurezza Generale dei Prodotti 3. Approccio alla sorveglianza del mercato: articolo 9 gli SM devono adottare un approccio alla sorveglianza del mercato, basato su misure quali i programmi di sorveglianza e sul costante controllo e aggiornamento delle conoscenze scientifiche e tecniche sulla sicurezza. Alle parti interessate deve essere concessa l opportunità di presentare reclami e ottenere informazioni sulle procedure istituite. Commissione La Dir. 76/768 non contiene disposizioni relative all approccio alle attività di sorveglianza del mercato. L articolo 9 si applica ai cosmetici.

17 Sicurezza Generale dei Prodotti Scambio di informazioni e situazioni intervento rapido 1. Notifica: articolo 11 SM devono informare Commissione su tutte le misure per limitare immissione sul mercato di prodotti o per disporne il ritiro o il richiamo. L obbligo di comunicazione viene meno, qualora la notifica sia prevista attraverso il RAPEX o da una normativa comunitaria specifica (es. clausola di salvaguardia). Commissione L art. 12, par. 1, della Dir. 76/768 fa riferimento alla notifica delle misure concernenti i prodotti conformi alla direttiva. Ulteriori misure, adottate sulla base di considerazioni su salute e sicurezza, devono essere notificate in conformità alla DSGP o il RAPEX. L articolo 11 si applica ai cosmetici, salvo i casi della notifica prevista dalla direttiva cosmetici o dal RAPEX.

18 Sicurezza Generale dei Prodotti 2. RAPEX: articolo 12 sistema di scambio di informazioni nelle situazioni di emergenza. Obiettivo = fornire le informazioni a tutti gli SM per prendere provvedimenti immediati. Commissione La Dir. 76/768 non contiene disposizioni specifiche con lo stesso obiettivo. L articolo 12 si applica ai cosmetici.

19 Sicurezza Generale dei Prodotti 3. Procedure di intervento rapido: articolo 13 rapido intervento della Commissione nei casi di rischio grave. Obiettivo = eliminare efficacemente il rischio. Commissione La Dir. 76/768 contiene una disposizione relativa all adeguamento della direttiva, ma non affronta i temi dell intervento e della rapida prevenzione dei rischi. L articolo 13 si applica ai cosmetici relativamente al rapido intervento.

20 Sicurezza Generale dei Prodotti Procedure di comitato e disposizioni finali 1. Tutela della riservatezza e motivazione delle misure: articoli 16 e 18 Art. 16 regola l accesso alle informazioni e la tutela della riservatezza; Art. 18 prevede che, quando vengono adottate misure, siano fornite motivazioni, indicati i mezzi di impugnazione, ecc.. Obiettivo = garantire la salvaguardia degli interessi delle parti e raggiungere gli obiettivi della direttiva. Commissione La Dir. 76/768 non contiene disposizioni specifiche con gli stessi obiettivi. Gli articoli 16 e 18 si applicano ai cosmetici laddove la direttiva non affronti tali aspetti.

21 Cosmetici infiammabili 1. Quaderno 28, capitolo 6, pagine 75-77: è una autoregolamentazione; 2. per il trasporto (ADR, IMDG, ICAO) di questi prodotti: Federchimica, Sig. Mari (tel ); 3. per il trasporto su strada: software ADR di Sviluppo Chimica (Federchimica).

22 REACh Nuova Politica Chimica Così è chiamato il futuro regolamento sulle sostanze chimiche (sostanze pericolose + esistenti + nuove): Registration Evaluation Authorization of Chemicals

23 REACh Nuova Politica Chimica REACh sostituirà circa 40 atti legislativi: 1. Direttiva Sostanze Pericolose (notifica di nuove sostanze) 2. Regolamento Sostanze chimiche esistenti (obbligo di raccolta dati su 140 sostanze chimiche esistenti) 3. Regolamento sulla Valutazione del rischio (valutazione del rischio su sostanze nuove e 140 esistenti) 4. Direttiva restrizioni di commercializzazione ed uso (divieto o restrizioni di sostanze in uso nella UE) e molte altre!

24 REACh Attori Consiglio UE: Parlamento UE: Consiglio Competitività + Ambiente Commissione Ambiente leader Commissione Industria Commissione Mercato Interno Commissione UE: DG ENT e DG ENV Autorità competenti degli Stati Membri NGOs Industria

25 REACh Scopo Copre tutte le sostanze prodotte/importate qtà > 1 t/anno/produttore-importatore. Numero di sostanze 180, , , ,000 Sostanze > 1t/a/ prod-import. 103,000 Polimeri? 90,000 60,000 30, ,000 33,000 Sostanze esistenti (EINECS) Intermedi Sostanze esistenti (EINECS) Intermedi Sostanze esistenti (EINECS) Nuove sostanze

26 REACh Principali caratteristiche Un solo sistema per sostanze nuove ed esistenti: decade anche il valore giuridico dell EINECS. Alla data di entrata in vigore del regolamento si distinguerà fra sostanze phase-in (che entrano gradualmente nel sistema), cioè le sostanze già sul mercato, per le quali l obbligo di registrazione è scaglionato nel tempo in funzione dei quantitativi, e sostanze non phase-in in, cioè sostanze nuove, per le quali vale il principio no registration no marketing Passaggio di responsabilità/doveri e della prova passa da Autorità competenti a industria

27 REACh Principali caratteristiche Responsabilità estesa a tutta la catena di fornitura: utenti a valle (Downstream users) e distributori saranno coinvolti Divieto per sostanze estremamente problematiche Nuova Agenzia europea per gestire il sistema Numero di sostanze coinvolte: > 30,000 Tempistica finale: 11 anni dall entrata in vigore Flowchart che descrive il processo

28 REACh Principali procedure Registrazione: l'industria deve acquisire adeguate informazioni sulle sostanze ed utilizzarle per garantirne la sicurezza, da comunicare all Agenzia; Valutazione: si giudicano le proposte di test (valutazione dossier) e le autovalutazioni effettuate dall industria (valutazione sostanze); Autorizzazione: si prescinde da limite quantitativo di 1 ton/anno, non legata a registrazione. Sostanze: CMR cat.. 1 e 2; 2 PBT e vpvb; distruttori endocrini e sostanze che pur non rientrando nei precedenti criteri possono presentare rischi analoghi per l uomo e per l ambiente. Lista apposita (Allegato XIII); Restrizione: trasposizione della 76/769/CE; si prescinde da limite quantitativo di 1 ton/anno, non legata a registrazione; può essere emanata con procedura rapida o dipendere dalla valutazione; allegato specifico (All.. XVII) per i POPs (Persistant Organic Pollutants). ).;

29

30 REACh Definizioni Downstream user/utente a valle: ogni persona fisica o giuridica stabilita nella Comunità diversa dal fabbricante e dall'importatore che utilizza una sostanza, in quanto tale o in quanto componente di un preparato, nell'esercizio delle sue attività industriali o professionali. I distributori e i consumatori non sono considerati utenti a valle. Un reimportatore cui si applica l'esenzione di cui all'articolo 4, paragrafo 2, lettera c) è considerato un utente a valle; Uso: ogni operazione di trasformazione, formulazione, consumo, immagazzinamento, conservazione, trattamento, riempimento di contenitori, trasferimento da un contenitore ad un altro, miscelazione, produzione di un articolo od ogni altra utilizzazione. Per ogni sostanza, un industria deve quindi definire il proprio ruolo nella catena di fornitura.

31 REACh Esempi Qualunque azienda che usa una sostanza, che essa stessa non ha prodotto o importato, è un utente a valle. Importatore di un articolo: dovrà verificare se deve registrare o semplicemente notificare una specifica sostanza presente nell articolo; Produttore di articoli: è un utente a valle che incorpora una sostanza in un articolo e dovrà verificare se deve registrare o semplicemente notificare una specifica sostanza presente nell articolo

32 REACh Tempistica prevista Sostanze t/a (~25,000 sost.) e Sostanze intenzionalmente rilasciate da articoli (>1t/a) Pre-Registrazione Registrazione Sostanze t/a (~2,900 sost.) Pre-Registrazione Registrazione Sostanze > 1,000 t/a (~2,500 sost.) + Sostanze CMR Cat. 1 & 2 (> 1t/a) Pre-Reg. Registrazione anno O 3 anni 6 anni 11 anni

33 REACh Registrazioni File di Pre-Registrazione sulla sostanza X: Nome della sostanza; Nome ed indirizzo della persona di contatto; Tonnellaggio/anno; Indicazione dei dati fisico-chimici, tossicologici e ambientali per i quali il registrante è in possesso di importanti studi/informazioni; Indicare se tali informazioni includono test su animali vertebrati e, per test non su animali vertebrati, se il registrante permette di condividere tali studi con altri registranti a fronte di un pagamento. Documenti per la Registrazione Dossier Tecnico; Chemical Safety Report.

34 REACh Dossier Tecnico Dati in comune a tutte le registrazioni: Allegato IV Identità del fabbricante o dell importatore; Identità della sostanza; Informazione su fabbricazione e tutti usi identificati dal dichiarante; Classificazione ed etichettatura della sostanza; Istruzioni riguardanti la sicurezza d uso; Dati in funzione dei quantitativi: Fra 1 e 10 ton/anno: Allegato V; Fra 10 e 100 ton/anno: Allegati V e VI; Fra 100 e 1000 ton/anno: Allegati V, VI e proposte di test dell Allegato VII; Oltre 1000 ton/anno: Allegati V, VI e proposte di test degli Allegati VII e VIII

35 REACh Chemical Safety Report Il CSR per sostanze in qtà > 10 t/a e contiene la valutazione della sicurezza chimica (CSA). La valutazione della sicurezza chimica (CSA) deve contenere: Valutazione dei pericoli per la salute umana; Valutazione dei pericoli per la salute umana dovuti alle proprietà fisico-chimiche; Valutazione dei pericoli per l ambiente; Valutazione PBT (Persistant( Persistant, Bioaccumulative, Toxic) e vpvb (very Persistant, very Bioaccumulative) Se la sostanza risulta classificabile ai sensi della dir. 67/548 o se risulta un PBT o un vpvb, vanno anche effettuate: Valutazione dell esposizione; Caratterizzazione del rischio.

36 REACh Utenti a valle Cosa dovrà fare l utente a valle (Du( Du)? 1. se sostanza non è pericolosa e qtà 1 < x < 10 t/a, non c è CSA né SDS e DU non riceve SDS non ha obbligo di fare CSA; 2. se sostanza non è pericolosa e qtà > 10 t/a, non c è SDS e c è CSA: DU non riceve SDS non ha obbligo di fare CSA; 3. se sostanza è pericolosa e qtà 1 < x < 10 t/a, non c è CSA, c è SDS e DU riceve SDS senza scenario di esposizione allegato non ha obbligo di fare CSA; 4. se sostanza è pericolosa e qtà > 10 t/a, ci sono SDS e CSA, DU riceve SDS con scenario esposizione allegato in determinate circostanze dovrà fare il CSA; 5. se sostanza è pericolosa, qtà > 10 t/a, in preparato al di sotto di determinate concentrazioni, c è SDS ma non c è CSA: DU riceve SDS senza scenario esposizione allegato non ha obbligo di fare il CSA.

37 REACh Utenti a valle Se DU riceve SDS con scenario esposizione allegato? usa la sostanza in uno scenario previsto da SDS? Se sì e mette in essere misure di gestione del rischio pari o più restrittive rispetto a SDS non deve fare CSA; usa la sostanza in uno scenario previsto da SDS ma non è d accordo su misure gestione rischio? Deve scrivere a fornitore che può modificare la SDS tenendo in considerazione l uso fatto dal DU oppure rifiutarsi di fornire la mp; usa la sostanza in uno scenario non previsto da SDS o non ne fa uso identificato? Entro 6 mesi deve notificare Agenzia e entro 12 mesi da ricezione SDS fare da solo CSA (Allegato XI): scenario esposizione, valutazione esposizione, caratterizzazione rischio, misure gestione rischio + se animal testing, notifica Agenzia.

38 REACh Chemical Safety Report Il Chemical Safety Report può essere effettuato su un gruppo di sostanze. Può essere effettuato su preparati (Allegato Ib) anzichè su sostanze. Questo tipo di CSR che contiene il CSA dovrà basarsi sulle informazioni relative alle singole sostanze contenute nel preparato. 1. Uso identificato Downstream users 2. Uso non identificato (DU lo tiene confidenziale) Registrante Dossier di registrazione Agenzia Centrale UE Notifica

39 REACh Chemical Safety Report Art. 13 (5) (b) Il CSR non deve prendere in considerazione i rischi per la salute umana... per l uso finale in prodotti cosmetici che rientrano nel campo di applicazione della Direttiva 76/768/CEE.

40 REACh Supply Chain DOWN the SC Sostanze e preparati pericolosi - Obbligo M, I, DU e distributori: fornire SDS o SDS con scenario esposizione a DU e/o distributori a valle. Sostanze e preparati non pericolosi - Obbligo M, I e DU: fornire alcune informazioni (non c è SDS) a DU e/o distributori a valle, ovvero numero(i) registrazione; se sostanza è soggetta a autorizzazione o restrizioni (da verificare), istruzioni sull uso sicuro e qualunque informazione utile per prendere adeguate misure gestione rischio. UP the SC Obbligo M, I, DU e distributori: comunicare nuove informazioni fino a raggiungere produttore/importatore della sostanza.

41 REACh Articoli Obbligo di registrazione se esistono tutti e 3 i seguenti requisiti: 1. La sostanza è contenuta in tali articoli in quantità superiore ad una tonnellata per Produttore o Importatore all anno (ogni tipo di articolo è considerato separatamente); 2. La sostanza risponde ai criteri di classificazione delle sostanze pericolose di cui alla direttiva 67/548/CEE; 3. La sostanza è destinata a essere rilasciata in condizioni d uso normali e ragionevolmente prevedibili.

42 REACh Articoli Obbligo di notifica se esistono tutti e 4 i seguenti requisiti: 1. La sostanza è contenuta in tali articoli in quantità superiore ad 1 ton/an per produttore o importatore; 2. La sostanza risponde ai criteri di classificazione delle sostanze pericolose di cui alla direttiva 67/548/CEE; 3. La quantità di sostanza rilasciata può avere effetti nocivi per la salute umana o per l ambiente; 4. Il produttore o importatore sa o è informato che è probabile che la sostanza sia rilasciata in condizioni d uso normali o ragionevolmente prevedibili,anche se tale rilascio non è una funzione voluta dell articolo;

43 REACh Opportunità offerte Se si rivelerà un successo, potrà diminuire l attenzione delle NGO nei confronti dell industria chimica; Sarà di supporto per le aziende nell effettuare la valutazione del rischio (dati disponibili al pubblico); Fornirà una maggiore trasparenza nei confronti dei consumatori; I lavoratori avranno a disposizione maggiori informazioni; Favorirà lo sviluppo di nuove sostanze chimiche; E una sfida per tutti (UE, SM, NGO, Industria).

44 REACh Posizione DUCC Scopo: occorre una maggiore focalizzazione ed evitare la sovrapposizione con legislazioni esistenti. Chemical Safety Report/Safety Assessment: da semplificare. Autorizzazione: il divieto di sostanze chimiche deve essere basato su basi scientifiche con uno scopo limitato. Maggiori responsabilità all Agenzia Centrale. Comunicazione al pubblico: deve essere rilevante e basata sul rischio.

45 REACh Situazione attuale Nuovo Parlamento (Giugno 2004) Nuova Commissione UE (Gennaio 2005) Libro Bianco Consultazione Internet Siamo qui Proposta Commissione inviata a Consiglio e Parlamento UE (29 ottobre 2003) Prima lettura Parlamento? Seconda lettura Parlamento? Regolamento finale?

46 REACh Conclusioni Cosa fare nel frattempo? controllare sostanza per sostanza quali e quante informazioni sono a disposizione; valutare l importanza strategica della sostanza per i vostri prodotti; valutare la facilità di alternative e di sostituzione; iniziare a parlare con i vostri fornitori e chiedere, sulla base dell importanza economica o strategica per loro, come prevedono di gestire quella sostanza: continueranno a produrla, ridurranno i quantitativi oppure cesseranno la produzione?

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità

Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Direzione Centrale Tecnico Scientifica Il Regolamento REACH: elementi principali e criticità Ilaria Malerba Cagliari, 14 maggio 2007 Direttiva 67/548. Sostanze Pericolose + Adeguamenti Obiettivo del nuovo

Dettagli

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011

Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH. Asso Service Bari 21.03.2011 Gli obblighi degli Utilizzatori a Valle sotto il Regolamento REACH Asso Service Bari 21.03.2011 ELEMENTI ESSENZIALI del REACH L onere della prova relativo alla sicurezza delle sostanze chimiche è trasferito

Dettagli

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU)

Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze UTILIZZATORE (DU) REACH Adempimenti per gli utilizzatori di sostanze (Downstream users) Schede di sicurezza (SDS) Recupero sostanze Frosinone- 8 Maggio 2008 Dr Roberto Monguzzi 1 UTILIZZATORE (DU) Chi sono i DOWNSTREAM

Dettagli

Settembre 2014. Sustaining the future

Settembre 2014. Sustaining the future Settembre 2014 Sustaining the future Il REACH dei coloranti IL REGOLAMENTO REACH Il Regolamento REACH EU 1907/2006 Registration, Evaluation, Authorisation of Chemicals Il REACH è un Regolamento Europeo

Dettagli

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba

I LEGAMI TRA CLP E REACH: LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE. Ilaria Malerba I LEGAMI TRA CLP E : LE SDS E GLI SCENARI DI ESPOSIZIONE Ilaria Malerba Bologna, 11 Giugno 2009 GHS Identificazione del pericolo Pericoli chimico-fisici Pericoli per la salute Pericoli per l ambiente Strumenti

Dettagli

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica

GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche. Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica GHS-CLP-REACH: confronti, definizioni, cenni su scenari espositivi, tempistiche Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica LUBE DAY 2010 - Milano, 14 ottobre 2010 GHS, REACH e CLP GHS Identificazione

Dettagli

Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011. Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia.

Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011. Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia. Global Chemical Regulations Federchimica, 23 Novembre 2011 Il processo di registrazione in Serbia, Svizzera, Turchia Sonia Khandjian Argomenti Processo di registrazione in: Serbia Turchia Svizzera Cenni

Dettagli

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte

VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte VALUTAZIONE DEL RISCHIO CHIMICO: IL NUOVO MODELLO INFORIK della Regione Piemonte L impatto del REACh e del CLP nel modello di valutazione Torino, 16 Novembre 2013 Claudia Sudano Registration, Evaluation,

Dettagli

UTILIZZATORE A VALLE

UTILIZZATORE A VALLE Il Regolamento REACH LE IMPLICAZIONI PER GLI UTILIZZATORI A VALLE NELLA PROCEDURA DI PRE-REGISTRAZIONE E REGISTRAZIONE DELLE SOSTANZE CHIMICHE Lamezia Terme - Lunedì, 7 luglio 2008 Relatore: Gianluca Stocco

Dettagli

Master Universitario di II livello. in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese

Master Universitario di II livello. in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese Master Universitario di II livello in REACH (Registration, Evaluation, Authorisation and restriction of Chemicals) Pietro Pistolese Ministero della Salute Camerino 2/03/2012 La REGISTRAZIONE Sostanze da

Dettagli

3 a Conferenza sul regolamento REACH

3 a Conferenza sul regolamento REACH 3 a Conferenza sul regolamento REACH Roma, 14 Novembre 2011 Quadro generale: registrazione delle sostanze, notifica delle sostanze contenute negli articoli e condivisione dei dati Dott. Carlo Zaghi Direttore

Dettagli

Il Regolamento REACH n. 1907/2006: gli adempimenti per le Vetrerie. Marchio UNI per vetrate isolanti. Immagine: Fonte ECHA

Il Regolamento REACH n. 1907/2006: gli adempimenti per le Vetrerie. Marchio UNI per vetrate isolanti. Immagine: Fonte ECHA Il Regolamento REACH n. 1907/2006: gli adempimenti per le Vetrerie Marchio UNI per vetrate isolanti Immagine: Fonte ECHA Aprile 2012 2 INDICE Introduzione Pag. 5 PREMESSA 7 1) IL REGOLAMENTO REACH 9 1.1.

Dettagli

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it

I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti. Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it I regolamenti REACH e CLP: attori coinvolti e adempimenti Antonio Mazzone Università degli Studi di Bari antonio.mazzone@uniba.it il Regolamento REACH Regolamento (CE) 1907/2006 Registration, Evaluation,

Dettagli

Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica Federchimca Roma, 26 Ottobre 2012

Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica Federchimca Roma, 26 Ottobre 2012 Regolamento CLP e redazione delle schede di sicurezza Ilaria Malerba Direzione Tecnico Scientifica Federchimca Roma, 26 Ottobre 2012 Regolamento 1272/2008 (CLP) REACH e CLP GHS Identificazione del pericolo

Dettagli

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite

REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite REACH e CLP: i problemi emersi e le soluzioni suggerite Chiara Pozzi Ufficio Sicurezza Prodotti Direzione Tecnico Scientifica Milano, 15 aprile 2010 REACH e CLP GHS Identificazione del pericolo Pericoli

Dettagli

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI

IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI IL RUOLO DEGLI IMPORTATORI E/O FABBRICANTI E DEI FORMULATORI DEI CHEMICALS IN UE E EEA Quali problematiche da affrontare Come fare per essere conformi Dott.ssa Simona Crementieri - Resp. Area Vendite Flashpoint

Dettagli

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella

Panoramica sugli obblighi REACH. Stefano Arpisella Panoramica sugli obblighi REACH Stefano Arpisella 25 marzo 2015 CENTRO REACH v Il Centro Reach è una Società a responsabilità limitata costituita il 20 febbraio 2007, su iniziativa di Federchimica e di

Dettagli

REACH Scambio di informazioni all interno della catena di approvvigionamento Comunicazione degli usi identificati Nuove schede di sicurezza (SDS)

REACH Scambio di informazioni all interno della catena di approvvigionamento Comunicazione degli usi identificati Nuove schede di sicurezza (SDS) REACH Scambio di informazioni all interno della catena di approvvigionamento Comunicazione degli usi identificati Nuove schede di sicurezza (SDS) Regolamento CE n 1907/2006 GUUE L396 30-12-2006 FEDERACCIAI

Dettagli

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza

Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Dipinto inizio 900 artista sconosciuto Regolamento CLP e la Scheda di Dati di Sicurezza Seminario regionale Firenze venerdì 9 novembre 2012 1 NORMATIVA SPECIFICA D.Lgs.194/95 che recepiva la direttiva

Dettagli

Gabriella Nicotra (AUSL di Bologna) 12 dicembre 2014

Gabriella Nicotra (AUSL di Bologna) 12 dicembre 2014 Il lavoro svolto dal nucleo REACH CLP nell anno 2014 Gabriella Nicotra (AUSL di Bologna) 12 dicembre 2014 Regolamenti comunitari che hanno assorbito le precedenti direttive Regolamento REACH (Registration,

Dettagli

Il Regolamento CE/1272/2008. Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010

Il Regolamento CE/1272/2008. Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010 Il Regolamento CE/1272/2008 Barbara Maresta Eigenmann & Veronelli S.p.A. Milano, 22 settembre 2010 1 Contenuto Classificazione ed etichettatura - scadenze Tempistiche delle SDS Conseguenze dell entrata

Dettagli

DIRETTIVA 2014/33/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2014/33/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 96/251 DIRETTIVA 2014/33/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 per l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri relative

Dettagli

28.1.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 28/1. (Informazioni)

28.1.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 28/1. (Informazioni) 28.1.2011 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 28/1 IV (Informazioni) INFORMAZIONI PROVENIENTI DALLE ISTITUZIONI, DAGLI ORGANI E DAGLI ORGANISMI DELL'UNIONE EUROPEA COMMISSIONE EUROPEA Guida alla stesura

Dettagli

Reach: cosa fare dopo la pre-registrazione? Dr. Pier Giorgio Dalzero

Reach: cosa fare dopo la pre-registrazione? Dr. Pier Giorgio Dalzero Reach: cosa fare dopo la pre-registrazione? Dr. Pier Giorgio Dalzero Il programma dell intervento Le pre-registrazioni: stato dell arte I compiti di Importatori e produttori I compiti degli utilizzatori

Dettagli

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH

Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH Eigenmann & Veronelli S.p.A. Come è cambiata la comunicazione lungo la filiera nell era REACH B. Maresta Milano, 05 giugno 2013 1 Uno degli obiettivi di REACH e CLP è di uniformare e armonizzare il modo

Dettagli

La sorveglianza del mercato alla luce del nuovo regolamento 528/2012 (UE)

La sorveglianza del mercato alla luce del nuovo regolamento 528/2012 (UE) 1 La sorveglianza del mercato alla luce del nuovo regolamento 528/2012 (UE) M A R I S T E L L A R U B B I A N I C S C - ISS ROMA Monitoraggio delle Conformità e Sorveglianza del Mercato Attività di controllo

Dettagli

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQ) SUI CONTROLLI PREVISTI DAI REGOLAMENTI REACH E CLP IN LOMBARDIA (versione 1.0)

FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQ) SUI CONTROLLI PREVISTI DAI REGOLAMENTI REACH E CLP IN LOMBARDIA (versione 1.0) FREQUENTLY ASKED QUESTIONS (FAQ) SUI CONTROLLI PREVISTI DAI REGOLAMENTI REACH E CLP IN LOMBARDIA (versione 1.0) 1 PREMESSA A seguito dei primi controlli programmati coerentemente agli indirizzi del Piano

Dettagli

GUIDA al regolamento REACH

GUIDA al regolamento REACH GUIDA al regolamento REACH Con i suoi regolamenti e direttive, l Unione Europea entra nella vita dei cittadini di tanti Stati diversi. Questi strumenti, però, proprio perché affrontano temi specialistici

Dettagli

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Safety Day Symposium Milano, 9 Novembre 2011 Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Dr. Pietro Pistolese Ministero della salute Autorità competente

Dettagli

Strumenti di comunicazione: la scheda di sicurezza

Strumenti di comunicazione: la scheda di sicurezza DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA REGGIO EMILIA SERVIZI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO SERVIZI DI IGIENE PUBBLICA SEMINARIO REACH, CLP, SDS: lo stato dell arte sul controllo di sostanze, miscele

Dettagli

Guida per gli utilizzatori a valle

Guida per gli utilizzatori a valle Guida per gli utilizzatori a valle Gennaio 2008 Guida all attuazione del regolamento REACH AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una guida a REACH, che illustra gli obblighi imposti dal regolamento

Dettagli

Newsletter del MARZO 2013. In sintesi:

Newsletter del MARZO 2013. In sintesi: Newsletter del MARZO 2013 In sintesi: Entrata in vigore del regolamento CE 453/2010 CE E CLP _ Sostanze Chimiche_ Entrata in vigore regolamento CE 305/2011 CPR_ Prodotti da Costruzione_ Entrata in vigore

Dettagli

DIRETTIVA 2014/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2014/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO 29.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 96/357 DIRETTIVA 2014/35/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 26 febbraio 2014 concernente l armonizzazione delle legislazioni degli Stati membri

Dettagli

IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA

IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA IL RUOLO DELL AUTORITÀ COMPETENTE PER L APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO REACH IN ITALIA Bologna, 8 giugno 2007 DOTT. SALVATORE SQUARCIONE 1 1 LEGGE 6 APRILE 2007, N. 46 ART.5 BIS CHI PROVVEDE ALL ATTUAZIONE

Dettagli

Attività di vigilanza su sostanze chimiche

Attività di vigilanza su sostanze chimiche Attività di vigilanza su sostanze chimiche Dr. Pietro Pistolese, Dr. Mariano Alessi DG Prevenzione sanitaria- Ministero della salute Autorità competente REACH e CLP Accordo Stato-Regioni Programmazione

Dettagli

ATTIVITA DURANTE LE QUALI IL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AUMENTA:

ATTIVITA DURANTE LE QUALI IL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AUMENTA: ATTIVITA DURANTE LE QUALI IL RISCHIO DI ESPOSIZIONE AUMENTA: LA MISCELAZIONE; L'APERTURA DEI CONTENITORI; PERDITE O SVERSAMENTI ACCIDENTALI; UN INCENDIO; IMPERIZIA E/O NEGLIGENZA NELLA MANIPOLAZIONE (NON

Dettagli

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi

Roma, 23 maggio 2011. Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali. Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi Roma, 23 maggio 2011 Alle Direzioni Regionali, Interregionali e Provinciali Protocollo: 59658/RU Rif.: Allegati: 2 Agli Uffici delle Dogane Loro Sedi All Ufficio centrale antifrode Sede e, p.c. Al Ministero

Dettagli

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle

REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle REGOLAMENTI REACH E CLP Istruzioni operative per gli Utilizzatori a valle Rev. 01 - Novembre 2012 Documento elaborato dall ASL di MONZA e BRIANZA in collaborazione con Confindustria Monza, APA Confartigianato,

Dettagli

Guida alla registrazione

Guida alla registrazione GUIDA Maggio 2012 Versione 2.0 Guida per l attuazione del regolamento REACH 2 Versione 2.0 Maggio 2012 Versione Modifiche Data Versione 0 Prima edizione giugno 2007 Versione 1 Prima revisione 18/02/2008

Dettagli

Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti

Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti Regolamento cosmetici: ripercussioni sugli ingredienti Giornata Mapic Milano, 3 maggio 2013 Paola Granata Federchimica Contenuti Background (tempistica, pilastri, novità) Impatti del nuovo Regolamento

Dettagli

Come dovrà operare nel REACH una Impresa di formulazione: simulazione delle azioni da compiere

Come dovrà operare nel REACH una Impresa di formulazione: simulazione delle azioni da compiere Direzione Centrale Tecnico Scientifica Come dovrà operare nel REACH una Impresa di formulazione: simulazione delle azioni da compiere Stefano Arpisella Cagliari, 14 maggio 2007 Vernice V1 Attività Preliminari

Dettagli

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015

Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito. Legnago 20 maggio 2015 Pericolo e rischio: Regolamento CE 1272/2008, etichetta, scheda di sicurezza e deposito Legnago 20 maggio 2015 Il Regolamento CLP Il Regolamento 1272/2008 (CLP - Classification, Labeling and Packaging)

Dettagli

SDS SCHEDA DATI DI SICUREZZA

SDS SCHEDA DATI DI SICUREZZA SDS SCHEDA DATI DI SICUREZZA La SDS rappresenta all interno del regolamento REACH Uno strumento di INFORMAZIONE destinato al titolare di una azienda per determinare se sostanze chimiche pericolose sono

Dettagli

La sicurezza dei prodotti chimici secondo le nuove norme europee REACH CLP SPISAL ROVIGO

La sicurezza dei prodotti chimici secondo le nuove norme europee REACH CLP SPISAL ROVIGO La sicurezza dei prodotti chimici secondo le nuove norme europee REACH CLP SPISAL ROVIGO 25 novembre 2013 Gianluca Stocco - Normachem Srl Introduzione alla normativa europea in materia di sicurezza prodotti

Dettagli

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci

Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa degli agrofarmaci Il Regolamento CE n. 1272/2008 (CLP) relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele. Effetti del nuovo sistema di classificazione CLP sulla gestione operativa

Dettagli

I principali cambiamenti introdotti nelle SDS dai Regolamenti REACH e CLP 2 parte

I principali cambiamenti introdotti nelle SDS dai Regolamenti REACH e CLP 2 parte Corso di Formazione Schede di sicurezza e prodotti per utilizzatori I principali cambiamenti introdotti nelle SDS dai Regolamenti REACH e CLP 2 parte Cesena, 17-04-2012 Paolo Pagliai SCOPO DEL REACH Quale

Dettagli

Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli

Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli Guida alle prescrizioni in materia di sostanze contenute in articoli Maggio 2008 Guida per l attuazione del regolamento REACH AVVISO LEGALE Il presente documento contiene una serie di orientamenti sul

Dettagli

Schede Dati di Sicurezza: criticità e possibili soluzioni

Schede Dati di Sicurezza: criticità e possibili soluzioni Schede Dati di Sicurezza: criticità e possibili soluzioni Daniela Tolentino Milano, 3 febbraio 2011 Schede Dati di Sicurezza: integrazione GHS-CLP-REACH GHS: Sistema mondiale armonizzato di classificazione

Dettagli

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute

CONFERENZA CLP. Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute CONFERENZA CLP L applicazione del titolo IX del D.lgs. 81/08: cosa cambia per le PMI Roma 19 maggio 2015 Auditorium Biagio D Alba Ministero Salute Alessandra Pera Ministero del Lavoro e delle Politiche

Dettagli

L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH

L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH 10ª Conferenza Sicurezza Prodotti Il REACH al giro di boa Milano, 05 Giugno 2013 L ESPERIENZA DI UN IMPRESA ISPEZIONATA PER IL REACH Dr.ssa Niki Psegiannaki Specialista Normativa Prodotti SCAM SpA, Modena

Dettagli

Le attività a supporto delle aziende da parte di Federchimica

Le attività a supporto delle aziende da parte di Federchimica Le attività a supporto delle aziende da parte di Federchimica Ilaria Malerba LOGO SETTIMA... 4 ottobre 2011 Organizzazione e attività di FEDERCHIMICA Comitato Sicurezza Prodotti GdL REACH e CLP TF CLP,

Dettagli

Evoluzione dei Regolamenti REACH e CLP dopo la scadenza del giugno 2013. Dott. Pietro Pistolese Ministero della salute. Milano, 29 ottobre 2013 1

Evoluzione dei Regolamenti REACH e CLP dopo la scadenza del giugno 2013. Dott. Pietro Pistolese Ministero della salute. Milano, 29 ottobre 2013 1 Evoluzione dei Regolamenti REACH e CLP dopo la scadenza del giugno 2013 Dott. Pietro Pistolese Ministero della salute Milano, 29 ottobre 2013 1 REACH&CLP: primi passaggi Dal 2008, fabbricanti e importatori

Dettagli

REACH: l esperienza di una PMI della distribuzione chimica

REACH: l esperienza di una PMI della distribuzione chimica 6 conferenza Sicurezza Prodotti REACH REACH: l esperienza di una PMI della distribuzione chimica Milano, 3 febbraio 2011 Luca Costantini - Garzanti Specialties Spa Profilo dell azienda - Fondata nel 1921

Dettagli

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export

Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Verifica della corretta applicazione del Regolamento Import-Export Dott.ssa Luigia Scimonelli ISS - Min. del lavoro, della salute e delle politiche sociali Roma, 26 novembre 2008 Indice Convenzione di

Dettagli

La revisione della direttiva 98/8/CE

La revisione della direttiva 98/8/CE I prodotti biocidi: peculiarità dell applicazione della direttiva 98/8/CE nel sistema normativo italiano Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali 25 giugno 2009 La revisione della direttiva

Dettagli

SCHEDE DATI DI SICUREZZA ACETONE

SCHEDE DATI DI SICUREZZA ACETONE Roma, 10 Giugno 2010 SCHEDE DATI DI SICUREZZA ACETONE MERI SCARINGI PAOLO LAURIOLA CENTRO TEMATICO REGIONALE AMBIENTE E SALUTE ARPA EMILIA ROMAGNA Scheda Dati di Sicurezza (SDS): Art. 31 CE N 1907/2006

Dettagli

REACH Management System

REACH Management System REACH Management System M B M Italia S.r.l. via L. Pellizzo, 14/A 35128 PADOVA Italy Tel. +39.049.2138422 Fax +39.049.2106668 E-mail: marketing@mbm.it Web: www.mbm.it 1. IL REGOLAMENTO REACH (CE) N. 1907/2006

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI

VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, LA NUTRIZIONE E LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI DIREZIONE GENERALE DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E NUTRIZIONE Uff. VII IL REGOLAMENTO (CE)

Dettagli

Commissione europea Imprese e industria. La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo!

Commissione europea Imprese e industria. La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo! Commissione europea Imprese e industria La marcatura CE vi apre le porte del mercato europeo! Sommario Che cosa rappresenta la marcatura CE? Che cosa rappresenta la marcatura CE? 3 Obblighi dei fabbricanti

Dettagli

Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione Europea devono essere sicuri, cioè non causare danno alla salute umana quando applicati nelle

Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione Europea devono essere sicuri, cioè non causare danno alla salute umana quando applicati nelle Tutti i prodotti cosmetici commercializzati nell Unione Europea devono essere sicuri, cioè non causare danno alla salute umana quando applicati nelle normali e prevedibili condizioni d uso Tutti gli ingredienti

Dettagli

Direttive Europee. Direttive Europee

Direttive Europee. Direttive Europee Direttive Europee Direttive Europee CAMPO DI APPLICAZIONE IN ACCORDO CON LE DIRETTIVE EUROPEE APPLICAZIONE DIRETTIVA 2011/65/UE DEL PARLAMENTO EUROPEO SULLA RESTRIZIONE D USO DI DETERMINATE SOSTANZE PERICOLOSE

Dettagli

Il ruolo del consulente per gli utilizzatori a valle: come prepararsi al meglio per una ispezione REACH

Il ruolo del consulente per gli utilizzatori a valle: come prepararsi al meglio per una ispezione REACH Il ruolo del consulente per gli utilizzatori a valle: come prepararsi al meglio per una ispezione REACH Dott. Angelo FIORDI Responsabile e coordinatore dell area Gestione Chemicals e Regolamento REACH

Dettagli

REACH e Titolo IX del D.Lgs. 81/08

REACH e Titolo IX del D.Lgs. 81/08 REACH e Titolo IX del D.Lgs. 81/08 Ruoli e responsabilità aziendali nella gestione della relazione tra normativa di prodotto e normativa su salute e sicurezza TdP Dott. Massimo Peruzzo Padova 25 novembre

Dettagli

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010

Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Attuazione e applicazione del regolamento REACH: sfide e prospettive Milano, 21 maggio 2010 Ruolo della Commissione Europea, degli Stati membri e delle Regioni Dott. Carlo Zaghi Dirigente Divisione VII

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

http://echa.europa.eu/web/guest/support/guidance-on-reach-and-clpimplementation/consultation-procedure/

http://echa.europa.eu/web/guest/support/guidance-on-reach-and-clpimplementation/consultation-procedure/ 1) Nella sua presentazione sono state nominate diverse linee guida. Posso avere i riferimenti? Come si possono trovare? Le linee guida per gli utilizzatori a valle possono essere reperite dal sito web

Dettagli

ISS - Roma 20 Giugno 2013 R. Porrà

ISS - Roma 20 Giugno 2013 R. Porrà I prodotti cosmetici messi a disposizione sul mercato sono sicuri per la salute umana se utilizzati in condizioni d uso normali o ragionevolmente prevedibili.. Chi garantisce la sicurezza dei prodotti???

Dettagli

Communication by the author

Communication by the author Communication by the author Design and graphics used in this presentation were partly drawn from the E-learning webpage http://ereach.dhigroup.com/, with implementation into Italian Design of graphics

Dettagli

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza

Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza ORIENTAMENTI Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013 2 Orientamenti sulla compilazione delle schede di dati di sicurezza Versione 2.0 Dicembre 2013

Dettagli

Guida introduttiva al regolamento CLP

Guida introduttiva al regolamento CLP Guida introduttiva al regolamento CLP Il regolamento CLP è il regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all etichettatura e all imballaggio delle AVVISO LEGALE Il presente documento

Dettagli

IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi. Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco

IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi. Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco IL REGOLAMENTO REACH: la nuova gestione delle sostanze chimiche in Europa e gli strumenti operativi Napoli, maggio 2014 Gianluca Stocco info@normachem.it La chimica in Europa Produzione di sostanze chimiche

Dettagli

Materiale elettrico a bassa tensione

Materiale elettrico a bassa tensione La sicurezza dei prodotti Materiale elettrico a bassa tensione Avv. LA SICUREZZA COME VALORE COMUNITARIO Reg. CE/765/2008 È necessario assicurare che i prodotti che beneficiano della libera circolazione

Dettagli

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione

Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione Sicurezza Materiale Elettrico di Bassa Tensione FONTI NORMATIVE: Legge N. 791/77 Direttiva del consiglio delle Comunità Europee N. 73/23/CEE (abrogata dalla Direttiva n. 2006/95/CEE) Prodotti inclusi:

Dettagli

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale.

Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Ruolo dei distributori/importatori di sostanze chimiche sul territorio nazionale, in un'ottica di mercato globale. Compiti, sfide e necessità di supporto Roma, 25 ottobre 2007 dott. Giorgio BONETTI - Presidente

Dettagli

Le schede di sicurezza estese: valutazione delle 16 sezioni e degli scenari di esposizione. www.progettoscenari.it

Le schede di sicurezza estese: valutazione delle 16 sezioni e degli scenari di esposizione. www.progettoscenari.it Le schede di sicurezza estese: valutazione delle 16 sezioni e degli scenari di esposizione www.progettoscenari.it Indice La Scheda Dati di Sicurezza (SDS) introduzione regolatoria che cos è quando deve

Dettagli

Orientamenti per i controlli all importazione riguardanti la sicurezza e la conformità dei prodotti. Parte generale

Orientamenti per i controlli all importazione riguardanti la sicurezza e la conformità dei prodotti. Parte generale COMMISSIONE EUROPEA DIREZIONE GENERALE FISCALITÀ E UNIONE DOGANALE Sicurezza, agevolazione degli scambi e coordinamento internazionale Protezione dei cittadini e applicazione dei diritti di proprietà intellettuale

Dettagli

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia

Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia Linee guida per l effettuazione dei controlli previsti dai Regolamenti REACH e CLP in Regione Lombardia INDICE 1. Premessa... pag. 2 2. Finalità... pag. 2 3. Campo di applicazione... pag. 2 4. Aggiornamento...

Dettagli

Quadro generale e progetti europei di vigilanza

Quadro generale e progetti europei di vigilanza SAFETY DAY SYMPOSIUM 2011 SDS Incontro con le Autorità - Sala delle Muse Villa S. Borromeo Senago - Milano 09 novembre 2011 Quadro generale e progetti europei di vigilanza Dott. Mariano Alessi dirigente

Dettagli

IL REGOLAMENTO REACH e il REGOLAMENTO CLP. Luigia Scimonelli ISS - Ministero della salute Roma, Università la Sapienza 22 marzo 2012

IL REGOLAMENTO REACH e il REGOLAMENTO CLP. Luigia Scimonelli ISS - Ministero della salute Roma, Università la Sapienza 22 marzo 2012 IL REGOLAMENTO REACH e il REGOLAMENTO CLP Luigia Scimonelli ISS - Ministero della salute Roma, Università la Sapienza 22 marzo 2012 Giornate di studio 22 marzo 2012 regolamento REACH 3 aprile 2012 regolamento

Dettagli

Master di II livello in: "Gestione delle sostanze chimiche - REACH e CLP" edizione A.A. 2013-2014

Master di II livello in: Gestione delle sostanze chimiche - REACH e CLP edizione A.A. 2013-2014 Master di II livello in: "Gestione delle sostanze chimiche - REACH e CLP" edizione A.A. 2013-2014 Direttore: prof. Luisa Schenetti Organizzato da: Dipartimento di Scienze della Vita e dall Ordine Provinciale

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1005/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 settembre 2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono

REGOLAMENTO (CE) N. 1005/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 16 settembre 2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono 2009R1005 IT 08.09.2010 001.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B REGOLAMENTO (CE) N. 1005/2009 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO PER LA SANITÀ PUBBLICA VETERINARIA, DELLA SICUREZZA ALIMENTARE E DEGLI ORGANI COLLEGIALI PER LA TUTELA DELLA SALUTE DIREZIONE GENERALE PER L IGIENE E LA SICUREZZA DEGLI

Dettagli

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni

Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni 3 Conferenza Nazionale sul Regolamento REACH Roma, 14 Novembre 2011 Regolamenti (CE) n.1907/2006 (REACH) e n.1272/2008 (CLP): stato dell arte, azioni e attuazioni Dr. Pietro Pistolese Ministero della salute

Dettagli

Catalogo corsi Centro REACH Veneto. settembre 2013- giugno 2014

Catalogo corsi Centro REACH Veneto. settembre 2013- giugno 2014 Catalogo corsi Centro REACH Veneto settembre 2013- giugno 2014 w w w. f o r e m a. i t PANORAMICA DEI CORSI Per cominciare REACH e CLP: Percorso base per utilizzatori a valle 24 settembre 2013 o 4 marzo

Dettagli

7 conferenza Sicurezza Prodotti REACH CLP&SDS: l esperienza di un distributore chimico. Milano, 4 ottobre 2011

7 conferenza Sicurezza Prodotti REACH CLP&SDS: l esperienza di un distributore chimico. Milano, 4 ottobre 2011 7 conferenza Sicurezza Prodotti REACH CLP&SDS: l esperienza di un distributore chimico Milano, 4 ottobre 2011 Luca Costantini - Garzanti Specialties Spa 1 Contenuto - REACH&CLP: responsabilità dei distributori

Dettagli

Una nuova disciplina per le sostanze chimiche Gli adempimenti per la filiera del legno- arredo. Star: Software Tecnico Adempimenti

Una nuova disciplina per le sostanze chimiche Gli adempimenti per la filiera del legno- arredo. Star: Software Tecnico Adempimenti Bari, 13 maggio 2008 REACH Una nuova disciplina per le sostanze chimiche Gli adempimenti per la filiera del legno- arredo Star: Software Tecnico Adempimenti REACH Omar Degoli Federlegno-Arredo Ufficio

Dettagli

Coordinamento Interregionale della Prevenzione delle Regioni e delle Province autonome Commissione Salute C.I.P. - Gruppo tecnico esperti REACH

Coordinamento Interregionale della Prevenzione delle Regioni e delle Province autonome Commissione Salute C.I.P. - Gruppo tecnico esperti REACH Coordinamento Interregionale della Prevenzione delle Regioni e delle Province autonome Commissione Salute C.I.P. - Gruppo tecnico esperti REACH Dr. Celsino Govoni c.govoni@ausl.mo.it cegovoni@regione.emilia-romagna.it

Dettagli

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci

La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole. Associazione nazionale imprese agrofarmaci Associazione nazionale imprese agrofarmaci La classificazione e l etichettatura degli agrofarmaci. Le nuove regole Finito di stampare nel mese di Marzo 2014 dalla Compagnia della Stampa - Massetti Rodella

Dettagli

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach.

Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Il piano nazionale dei controlli sul regolamento Reach. Prime esperienze di vigilanza da parte delle Regioni. Tecnico della Prevenzione dott. Peruzzo Massimo 23 Maggio 2012 Controlli: evoluzione normativa

Dettagli

I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO

I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO I NUOVI REGOLAMENTI EUROPEI: GLI IMPATTI SULLA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL RISCHIO CHIMICO Bruno Marchesini Gruppo di lavoro Rischio chimico in ambiente di lavoro dell Ordine dei Chimici di Bologna e Ravenna

Dettagli

Supporto alle imprese per gli obblighi del REACH

Supporto alle imprese per gli obblighi del REACH Supporto alle imprese per gli obblighi del REACH Bologna, 17 giugno 2015 Francesca Giannotti Helpdesk REACH Ministero dello Sviluppo Economico I livelli di supporto alle imprese per il REACH A chi ci si

Dettagli

REGGIO EMILIA 19 MAGGIO 2014

REGGIO EMILIA 19 MAGGIO 2014 REGGIO EMILIA 19 MAGGIO 2014 Schede di sicurezza e scenari di esposizione: la rilevanza per le aziende Scenari di esposizione e ambienti di lavoro: un caso pratico Ispezioni REACH: modello ispettivo e

Dettagli

Il Regolamento REACH: la raccolta e la trasmissione delle informazioni sulle sostanze

Il Regolamento REACH: la raccolta e la trasmissione delle informazioni sulle sostanze DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Corso di aggiornamento per RSPP/ASPP Valido per tutti i macrosettori ATECO I PRINCIPALI MODELLI PREVISIONALI PER LA STIMA DELL ESPOSIZIONE A SOSTANZE CHIMICHE NELL AMBITO

Dettagli

Direttiva Macchine 2006/42/CE

Direttiva Macchine 2006/42/CE Direttiva Macchine 2006/42/CE Tutte le macchine e i componenti di sicurezza sono soggetti alla Direttiva 2006/42/CE, nota come Direttiva Macchine, recepita in Italia con D.Lgs N. 17/2010. Questa Direttiva

Dettagli

SCHEDA 3 I giocattoli

SCHEDA 3 I giocattoli SCHEDA 3 I giocattoli Normativa di riferimento La normativa di riferimento in materia di giocattoli è molto articolata, poiché consta di leggi nazionali, decreti ministeriali, circolari e direttive CEE.

Dettagli

DIRETTIVA 2009/125/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/125/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 285/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 31.10.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/125/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 21 ottobre 2009 relativa all istituzione di un quadro per l elaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE 21.3.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 79/7 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) N. 254/2013 DELLA COMMISSIONE del 20 marzo 2013 che modifica il regolamento (CE) n. 340/2008 della Commissione relativo

Dettagli

Donatella Giacopetti Unione Petrolifera. Prove Interlaboratorio Prodotti Petroliferi Milano, 9 novembre 2011

Donatella Giacopetti Unione Petrolifera. Prove Interlaboratorio Prodotti Petroliferi Milano, 9 novembre 2011 Il regolamento CLP Donatella Giacopetti Unione Petrolifera Prove Interlaboratorio Prodotti Petroliferi Milano, 9 novembre 2011 1 Indice 1. Il processo di valutazione del rischio chimico e il REACH 2. IL

Dettagli

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO

LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO LE NORMATIVE EUROPEE E LA LORO VALENZA LE NORME DI BUONA TECNICA LE DIRETTIVE DI PRODOTTO Trento 08 aprile 2010 stefano@armprocess.com - www.armprocess.com N 1 / 39 DEFINIZIONI conformità: Soddisfacimento

Dettagli