Dinamiche emergenze e tecniche intervento. 28 Ottobre 2011 Comunità Isola bergamasca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dinamiche emergenze e tecniche intervento. 28 Ottobre 2011 Comunità Isola bergamasca"

Transcript

1 Dinamiche emergenze e tecniche intervento 28 Ottobre 2011 Comunità Isola bergamasca 1

2 Le parole chiave COLLEGIALITA CONDIVISIONE COINVOLGIMENTO COMUNICAZIONE CONOSCENZA CREATIVITA CONCRETEZZA CONTROLLO 2

3 La normativa 3

4 La legge 225/1992 PREVENZIONE SOCCORSO RIPRISTINO PREVISIONE 4

5 L. 225/92: strutture operative Art. 11 L. 225/92: a) Il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, quale componente fondamentale della Protezione Civile b) Le Forze Armate c) Le Forze di Polizia d) Il Corpo Forestale dello Stato e) I Servizi Tecnici Nazionali f) I gruppi nazionali di ricerca scientifica, g) La Croce Rossa Italiana h) Le strutture del Servizio Sanitario Nazionale i) Il Volontariato l) Il Corpo Nazionale di Soccorso Alpino 5

6 Sistema relazioni: attori Ministero dell Interno Presidenza del Consiglio Dipartimento PC Prefetture VVF Regione Comuni Servizi sanitari Forze di Polizia Esercito Corpo Forestale Servizi tecnici Evento Province Volontariato Soccorso Alpino Croce Rossa 6

7 Legge 266/1991 non definisce le organizzazioni di volontariato, bensì l attività di volontariato. attività prestata in modo personale, gratuito e spontaneo, e autonomo tramite un'organizzazione che persegue, senza fini di lucro, l'obiettivo della solidarietà sociale. Tutto il Volontariato può operare in emergenza. 7

8 Legge 266/1991 Art. 4 Assicurazione degli aderenti ad organizzazioni di volontariato 1. Le organizzazioni di volontariato debbono assicurare i propri aderenti, che prestano attività di volontariato contro gli infortuni e le malattie connessi allo svolgimento dell attività stessa, nonché per la responsabilità civile verso i terzi. 2. Con decreto del Ministero dell industria, del commercio e dell artigianato da emanarsi entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono individuati meccanismi assicurativi semplificati, con polizze anche numeriche o collettive, e sono disciplinati i relativi controlli. 8

9 DPR 194/1991 Art. 9 Disciplina relativa all'impiego delle organizzazioni di volontariato nelle attività di pianificazione, soccorso, simulazione, emergenza e formazione teorico-pratica 1. Ai volontari aderenti ad organizzazioni di volontariato vengono garantiti, entro i limiti delle disponibilità di bilancio esistenti, relativamente al periodo di effettivo impiego che il datore di lavoro e' tenuto a consentire, per un periodo non superiore a trenta giorni continuativi e fino a novanta giorni nell'anno: a) il mantenimento del posto di lavoro pubblico o privato; b) il mantenimento del trattamento economico e previdenziale da parte del datore di lavoro pubblico o privato; c) la copertura assicurativa secondo le modalità previste dall'articolo 4 della legge 11 agosto 1991, n. 266, e successivi decreti ministeriali di attuazione. Art. 10 Rimborso alle organizzazioni di volontariato delle spese sostenute nelle attività di soccorso, simulazione, emergenza e formazione teoricopratica 9

10 Albo regionale Volontariato iscritto nei Registri Regionali condizione necessaria per: ottenere i contributi pubblici; agevolazioni fiscali; stipulare convenzioni. 10

11 Legge regionale 16/2001 Art. 2 (Funzioni dei comuni singoli o associati) a) si dotano, anche attraverso forme associative, di una struttura di protezione civile, coordinata dal sindaco. Tale struttura interviene, in particolare, per fronteggiare gli eventi di livello comunale e per assicurare la necessaria collaborazione alle operazioni di soccorso coordinate dalla provincia o dalla Regione; con le medesime finalità i comuni possono promuovere la formazione di un gruppo comunale di volontari di protezione civile, anche attraverso il convenzionamento con una o più associazioni di volontariato di protezione civile presenti sul territorio, assicurandone comunque la formazione di base e l aggiornamento secondo gli standard minimi stabiliti dalla Regione; b) curano la predisposizione dei piani comunali o intercomunali di emergenza, anche nelle forme associative e di cooperazione previste dal decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 (Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali) e, in ambito montano, tramite le comunità montane, e altresì la loro attuazione, sulla base delle direttive regionali di cui all articolo 4, comma 11; 11

12 Legge regionale 16/2001 Art. 2 (Funzioni dei comuni singoli o associati) c) curano l attivazione dei primi soccorsi alla popolazione e degli interventi urgenti necessari a fronteggiare l emergenza, nonche la vigilanza sull attuazione, da parte delle strutture locali di protezione civile, dei servizi urgenti; d) dispongono l utilizzo delle organizzazioni di volontariato di protezione civile a livello comunale e intercomunale, sulla base degli indirizzi nazionali e delle direttive regionali di cui all articolo 4, comma 11; e) curano la raccolta dei dati e l istruttoria delle richieste di risarcimento per i danni occorsi sul proprio territorio alle infrastrutture pubbliche, a beni privati mobili ed immobili, a insediamenti agricoli, artigianali, commerciali, industriali e di servizio; f) provvedono, in ambito comunale, alle attivita` di previsione e agli interventi di prevenzione dei rischi, contemplatidai programmi e piani regionali e provinciali. 12

13 Legge regionale 16/2001 Art. 3 (Funzioni delle province) Le province provvedono: a) all attivazione dei servizi urgenti, anche di natura tecnica, in caso di eventi calamitosi di livello locale o provinciale compresi nel piano provinciale di emergenza di cui alla lettera d); b) al coordinamento delle organizzazioni di volontariato di protezione civile esistenti sul territorio provinciale, sulla base delle direttive regionali di cui all articolo 4, comma 11, e limitatamente agli eventi di cui all articolo 2, comma 1, lettera b), della leg ge 24 febbraio 1992, n. 225 (Istituzione del Servizio nazionale della protezione civile) raccordandosi con i comuni interessati dall evento calamitoso e dandone comunicazione alla regione; c) alla predisposizione del programma provinciale di previsione e prevenzione dei rischi e alla sua attuazione, in conformità alle direttive regionali contenute nel programma di cui all articolo 4, comma 9; d) alla predisposizione del piano provinciale di emergenza sulla base delle direttive regionali di cui all articolo 4, comma 11, con riferimento agli eventi di cui all articolo 2, comma 1, lettera b), della legge 225/1992; e) all integrazione delle strutture di rilevazione e dei sistemi di monitoraggio dei rischi sul proprio territorio, in conformità all articolo 4, comma 2. 13

14 Legge regionale 16/2001 Art. 4 (Funzioni della regione) a) previsione e prevenzione dei rischi, secondo quanto previsto dal programma regionale di previsione e prevenzione; b) partecipazione al soccorso, per l attuazione degli interventi urgenti di cui all articolo 108, comma 1, lettera a), n. 2), del d.lgs. 112/1998; c) superamento dell emergenza, secondo quanto previsto dalla vigente normativa regionale in materia di pubbliche calamità. 14

15 Legge regionale 16/2001 Art. 4 (Funzioni della regione) In particolare: a) l organizzazione del sistema regionale di protezione civile, inteso come coordinamento delle strutture tecniche dell amministrazione regionale, di enti e amministrazioni, anche diverse da quella regionale, se con essa convenzionate, per l attuazione degli interventi urgenti di cui all articolo 108, comma 1, lettera a), n. 2), del d.lgs. 112/1998; b) la definizione di indirizzi e principi direttivi in materia di protezione civile a cui devono attenersi gli enti locali, con particolare riferimento agli eventi di cui all art. 2, lettera b), della legge 225/1992; c) le attività di studio, censimento e identificazione dei rischi sul territorio regionale; d) l individuazione, sentito il parere della provincia, di interventi idonei a tutelare territorio e popolazioni dai pericoli di danni da eventi calamitosi e dall esercizio di attività industriali o di altre attività ad alto rischio; 15

16 Legge regionale 16/2001 In particolare: Art. 4 (Funzioni della regione) e) la realizzazione di sistemi di monitoraggio per la rilevazione e il controllo dei fenomeni naturali o connessi con l attività dell uomo, il convenzionamento per la loro utilizzazione, nonché il coordinamento di quelli esistenti e programmati; f) la diffusione di una moderna coscienza di protezione civile attraverso l istituzione di corsi di formazione a tutti i livelli, per operatori e cittadini, momenti di autoeducazione ed altre misure finalizzate alla diffusione di informazioni fra la popolazione, nonché la creazione, in collaborazione con gli enti locali, di capacità di autoprotezione a livello di comunità locali; g) l informazione e la realizzazione di corsi di formazione e aggiornamento professionale per il personale delle organizzazioni di volontariato di protezione civile. 16

17 Sistema relazioni: livelli Livello COMUNALE: COC/UCL (Sindaco e sue strutture) Livello PROVINCIALE: CCS (Prefetto e Presidente della Provincia) Sala Operativa UNICA e INTEGRATA. Eventuale attivazione COM Livello REGIONALE: Regione (strutture interne/esterne) Sala Operativa regionale Raccordo con Centri Operativi provinciali e comunali, raccordo con SALA SISTEMA ITALIA Livello STATALE: Presidenza del Consiglio/Dipartimento della PC SALA SISTEMA ITALIA Eventuale attivazione Di.Coma.C., di concerto con la Regione interessata 17

18 Sistema relazioni: territorio UCL UCL UCL UCL UCL UCL UCL UCL CCS UCL COM UCL UCL UCL UCL COM UCL UCL UCL SISTEMA ITALIA DICOMAC REGIONE 18

19 Augustus funzioni supporto 1 tecnico scientifico, pianificazione 2 sanità, assist. sociale veterinaria 3 mass-media e informazione 4 volontariato 5 materiali e mezzi 6 trasporto, circolazione e viabilità 7 telecomunicazioni 8 servizi essenziali 9 censimento danni persone cose 10 strutture operative S.a.R. 11 enti locali 12 materiali pericolosi 13 assistenza alla popolazione colpita 14 coordinamento centri operativi 15 beni culturali

20 Augustus funzioni supporto 1. Tecnico scientifica e di pianificazione 2. Sanità Assistenza sociale e veterinaria 3. Volontariato 4. Materiali e mezzi 5. Servizi essenziali ed attività scolastica 6. Censimento danni a persone e cose 7. Strutture operative locali - viabilità 8. Telecomunicazioni 9. Assistenza alla popolazione

21 L Unità Crisi Locale - UCL SINDACO supportato da: TECNICO COMUNALE POLIZIA LOCALE FORZE DELL ORDINE VOLONTARIATO L UCL è il modo in cui il Comune, in prima battuta, copre le 9 funzioni di supporto

22 Sistema relazioni: regione Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento Protezione civile Comitato Operativo di PC Commissione Grandi rischi Sala Sistema Italia SALA REGIONALE DICOMAC sul posto CCS CCS COM COC/UCL 22

23 I rischi in Lombardia Antropico 1976 Seveso - Icmesa Idrogeologico Incendi boschivi Sismico 1987 Val Pola Sondrio 50 vittime 1998 Ardenno Sondrio 800 Ha 2004 Salò Brescia Magnit

24 Direttiva 3 dicembre

25 Direttiva 3 dicembre

26 Sistema sala: contatti sito: numero verde Sala Situazioni: (12)

27 Sistema sala regionale 27

28 Sistema sala regionale Mass media Popolazione Servizi essenz Province Comuni OOV, CMR, CMP Dipartimento PC CCS VVF CFS Unità di Crisi 28

29 Sistema sala: funzioni Dirigente Capo sala Contratti e contabilità H24/registrazione Monitoraggio Comunicazione Mezzi e materiali Operazioni est. Servizi alla popolazione Call center Coord. Tecnici agibilità Coord. sanità. Volontariato Province Polizia Locale 29

30 Centro Funzionale Monitoraggio Rischi Il Centro Funzionale Monitoraggio Rischi: È supporto tecnico del Presidente della Regione Lombardia, responsabile dell attivazione del sistema di allertamento a livello regionale garantisce il raccordo con le Strutture nazionali di protezione civile valuta gli eventi meteorologici e gli effetti al suolo Il CFMR è parte fondamentale della catena di comunicazioni predefinite tra le Autorità di Protezione Civile, creata allo scopo di allertare per tempo la popolazione investita da potenziali eventi calamitosi. (Direttiva Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di allertamento per rischio idrogeologico ed idraulico, d.p.c.m )

31 Centro Operativo Antincendi Boschivi Attività di previsione e prevenzione contro gli incendi boschivi in Lombardia: Legge-quadro in materia (L. 353/2000) Piano regionale antincendi boschivi Al Centro Operativo AIB confluiscono i dati rilevati dalle telecamere ad infrarossi e dalle osservazioni effettuate con mezzi aerei, e si è in costante contatto radio con gli operatori degli enti coinvolti nell attività di AIB.

32 Sistema TLC regionale SITO DI DORSALE TRATTA IN PONTE RADIO PLURICANALE ANELLO NORD TRATTA IN PONTE RADIO PLURICANALE ANELLO SUD CENTRALE OPERATIVA REGIONALE: PL e PC SISTEMA FASE 1 RIPETITORE SATELLITE DELLA PROTEZIONE CIVILE STAZZONA POIRA SONDRIO EDOLO RIPETITORE MASTER DELLA PROTEZIONE CIVILE CH 9 CH 13 GIUMELLO APRIC A TAMBIONE PASPARDO BISBINO SITI RETE LO MBARDIA OVEST SITI RETE LO MBARDIA EST CAMPO DEI FIORI CORNIZZOLO BARRO CURNO GREMALTO BALDO CORNIZZOLO CAMPO dei FIORI POIRA GREMALTO BALDO PIRELLI VIGNATE MILANO VIA T AR AMELLI LODI PAVIA S.COLOMBANO CREMONA PORTO MANTOVANO 32

33 I Centri Polifunzionali di Emergenza Realizzati/in corso di ultimazione PROV COMUNE GESTORE BG AZZANO SAN PAOLO PROVINCIA BS PALAZZOLO SULL'OGLIO COMUNE - PROVINCIA MI BOVISIO MASCIAGO COMUNE - PROVINCIA MI AGRATE PROVINCIA MI LEGNANO CRI - REGIONE PV RIVANAZZANO COMUNE - PROVINCIA SO SONDRIO COMUNE - PROVINCIA SO MORBEGNO COMUNITA' MONTANA VA GALLARATE COMUNE - PROVINCIA LC LECCO - BIONE COMUNE In corso di pianificazione PROV COMUNE GESTORE BS CHIARI COMUNI BG LOVERE COMUNI E C.M. CO ERBA COMUNE - PROV. CO-LC

34 Pianificazione regionale Direttiva Regionale per la pianificazione di emergenza degli EE.LL. Direttiva Regionale grandi rischi Direttive temporali e valanghe Direttiva Centro Funzionale Monitoraggio Rischi Naturali

35 Scuola Superiore di Protezione Civile FABBISOGNO formativo nel campo della PC Coordina e monitora l erogazione delle ATTIVITÀ FORMATIVE METODI e STRUMENTI didattici Elenco di progettisti, coordinatori e docenti STANDARD formativi e didattici Da settembre 2004 ad oggi: 804 ore di formazione 1016 partecipanti formati

36 Informazione e Formazione sito: Quaderni di Protezione Civile Newsletter di Protezione Civile numero verde Sala Situazioni:

37 Il Volontariato di Protezione Civile Albo Regionale del Volontariato al 2009 PROVINCIA GRUPPI COMUNALI ASSOCIAZIONI VOLONTARI BERGAMO BRESCIA COMO CREMONA LECCO LODI MANTOVA MILANO PAVIA SONDRIO VARESE TOTALE

38 Volontariato - Strumenti Il nuovo regolamento regionale per le Organizzazioni di Volontariato di protezione civile Il Data base del Volontariato Il Bando attrezzature e mezzi per il Volontariato Il tesserino del volontariato

39 Il percorso della CMR Maggio 1999, Albania la Colonna Mobile regionale tra mille difficoltà riesce a portare il contributo dei Volontari lombardi nel campo profughi di Kukes2. I Volontari supportano con compiti generici le altre forze di Volontariato della Regione Emilia Romagna e della Provincia Autonoma di Trento presenti nel campo, che hanno Strutture meglio organizzate, con risorse e attrezzature più efficienti (soprattutto la Provincia di Trento). 39

40 Il percorso della CMR Ottobre 2002, Terremoto Molise - Un nuovo modello di intervento ha preso forma, basato sulla collaborazione Colonna regionale - Colonne Provinciali. Sono state attivate quelle di Milano, Bergamo, Brescia e Varese, le altre non sono intervenute solo perché l emergenza sismica rientrava, e se ne apriva un altra in casa nostra, di carattere idrogeologico scouting obiettivi chiari 100 volontari/5 OO.VV. rapporto diretto con il sindaco non elevato numero evacuati gemellaggio province comunicazione con popolazione team specializzati servizi e attività chiari 40

41 La colonna mobile regionale una struttura costituita da 500 operatori, di cui 100 in pronta partenza con tempi di attivazione di 6 ore. 1 nucleo di scouting con tempo di attivazione di 2 ore ARI 10/07/2009 Direzione Generale Protezione civile, Prevenzione e Polizia locale

42 Funzione 1 Direzione Funzione 2 Funzione 3 Funzione 4 Funzione 5 Logistica generale Sanità e Assistenza Sociale Servizi Essenziali e Impiantistica Generale Radiocom. alternative ARI 10/07/2009 Direzione Generale Protezione civile, Prevenzione e Polizia locale

43 Colonna Mobile Nazionale delle Regioni 7 febbraio 2008 In sede di Conferenza delle Regioni, nell ambito della Commissione Ambiente e Protezione Civile, è stata individuata come strategica la costituzione di una Colonna mobile nazionale delle Regioni chiamata a concorrere alle emergenze di rilievo nazionale e internazionale. Il progetto COLONNA MOBILE NAZIONALE DELLE REGIONI, è stato redatto dalla sottocommissione CONCORSO DELLE REGIONI ALLE EMERGENZE NAZIONALI E INTERNAZIONALI coordinata dalla Regione Emilia Romagna. 43

44 Colonne Mobili Provinciali standard mezzi standard formazione team specializzati formazione funzionari formazione volontari procedure operative team specializzati progetti ICT integrazione con il sistema standard sicurezza 44

45 Esperienze/1 Febbraio 2010, Emergenza Lambro Un emergenza legata ad un incidente antropico sversamento di idrocarburi. collaborazione con le Province Intervento tecnico delle strutture periferiche regionali (Arpa, Sedi territoriali) attivazione Unità di Crisi regionale procedure Pronto intervento Attivazione CCS Attivazione Unità di crisi interregionale Criticità coordinamento centri di gestione dell emergenza

46 Esperienze/2 Ottobre 2002, Terremoto Molise Intervento basato sulla collaborazione Colonna regionale - Colonne Provinciali. obiettivi chiari dal livello nazionale scouting rapporto diretto con il sindaco gemellaggio province collaborazione con popolazione team specializzati

47 Esperienze/3 Campagna AIB Sicilia 2008, gemellaggio Interregionale nella lotta agli incendi boschivi. Provincia di Trapani 28 giugno 30 agosto 175 volontari lombardi - 28 mezzi AIB incendi avvistati scouting obiettivi chiari con livello nazionale interazione Regione Siciliana team specializzati radiocomunicazioni in aree complesse orienteering - cartografia

48 Esperienze/4 Maggio 1999, Albania, gestione campo profughi di Kukes2. La Regione Lombardia collabora con Regione Emilia Romagna e Provincia Autonoma di Trento. evento bellico aiuti umanitari scouting fatto da altri obiettivi non chiari con livello nazionale elevato stress difficoltà logistiche condizioni meteo difficili team generici flessibilità servizi criticità con OOV criticità trasferimenti elevato numero di popolazione assistita criticità diete alimentari collaborazione con popolazione collaborazione interprete

49 Esperienze/5 Dicembre 2004, Tsunami sudest asiatico - Srilanka, Regione Lombardia, nel coordinamento del Dipartimento PC, si attiva per l invio di farmaci e attrezzature in Srilanka, dell ospedale da campo ANA, di un team Impiantistica (GVPC A2a/AEM) obiettivi chiari con livello nazionale scouting team specializzati collaborazione con ONG lombarde supporto psicologico aeroporto MPX elevato stress situazione politica problematica difficoltà logistiche criticità trasferimenti criticità diete alimentari

50 Esperienze/6 Gennaio 2010 terremoto Haiti, Regione Lombardia si attiva in autonomia per l invio di tecnici esperti, farmaci, attrezzature e per il recupero di feriti obiettivi chiari scouting collaborazione con ONG locali difficoltà interazione livelli decisionale/tecnico sala op decisiva per coordinamenti rapporti diplomatici collaborazione con strutture locali collaborazione con interprete team specializzati elevato stress no coordinamento con DIP PC situazione politica problematica difficoltà logistiche criticità trasferimenti

51 Compiti e responsabilità Caso studio: L Aquila 51

52 Centri di coordinamento 52

53 Centri di coordinamento CAMPO COM REGIONI DICOMAC 53

54 Popolazione coinvolta

55 L intervento Regione - Province Attivazione: h. 03:45 del 6 aprile 2009 Le sale operative, tutte, quelle di coordinamento del volontariato, quella della regione, quella del dipartimento L organizzazione delle attività sul campo parte da qui!

56 Le attività principali circa 100 funzionari regione, provincia e comuni, volontari, 450 OOV Allestimento e gestione 4 campi (Monticchio 1 cinema Garden, Monticchio 2 campo sportivo, Paganica 5 e Rocca di Mezzo) evacuati Realizzati impianti elettrici, fognari anche per altre tendopoli Servizi alla popolazione: assistenza sanitaria, informazione, attività ludico-ricreative strutture scolastiche, Verifiche tecniche per agibilità edifici (più di verifiche, circa 250 tecnici impiegati) Progetti di ricostruzione (nuova Casa dello Studente, prefabbricate, ) scuole sala regionale: telefonate ricevute, effettuate (esclusi cellulari) persone sul sito,

57 Il Capo missione interazione con DIP PC e Regioni coordinamento azione regionale contatti con Autorità locali per fabbisogni briefing con capicampo interazione con i COM (standard) rapporto con i massmedia relazione con capicampo (direttive standard/omogeneità) leadership continuità dell azione regionale passaggi di consegna interazione sala operativa

58 Il Capo campo interazione capo missione/scouting interazione COM rapporti con autorità locali responsabilità gestione struttura gestione amministrativa istituzione funzioni di supporto servizio H24 rapporti con la popolazione gestione massmedia briefing (funzioni di supporto, capomissione, COM, ) leadership continuità dell azione di gestione passaggi di consegna piano di emergenza, servizi notturni, analisi fabbisogni 58

59 Il Legal IL LEGAL è una struttura di gestione/supporto per gli aspetti amministrativi di una emergenza complessa. Il legal interagisce con capo missione e capo campo 59

60 Fasi intervento SCOUTING MONTAGGIO GESTIONE SMONTAGGIO 60

61 Le colonne mobili pianificazione viaggio scorte si/no collegamenti radio pedaggi autostrade mezzi pesanti/leggeri tempi diversi per veicolo autista senza navigatore aggiornamenti situazione stradale arrivi colonne al campo registrazione/documenti mezzi standard mezzi/materiali integrazione tra colonne coordinamento colonne 61

62 Trasporto materiali 62

63 Destinazioni d uso del campo Servizi essenziali Cucine/mense Servizi igienici Sottoservizi Dormitori Spazi comuni Spazi di gestione Servizi alla popolazione verifiche agibilità Servizi sanitari Infopoint Lavanderie CRITERI Separazione popolazione/soccorritori Esternalizzazione dei servizi pubblici Controllo flussi ingresso/uscita Categorie popolazione (etnie, età, ecc.) Creazione di aree residenziali di qualità Aree ludico/ricreative Servizi pubblici/privati Posta Cinema Centri commerciali Uffici 63

64 Segreteria funzione principe per capo campo da costituire immediatamente responsabile segreteria funz. pubblico segreteria separata da info point protocollazione atti archivi aggiornati risorse umane/strum.li standard segreterie 64

65 ICT e Comunicazioni al campo problemi con internet linee telefoniche in ritardo standard utilizzo radio internet popolazione impianti audio campo team installazione ICT

66 sottoservizi team specializzati autorizzazione allacciamenti planimetrie sottoservizi recupero materiali ripristino situazione iniziale coordinamento sottoservizi 66

67 Sicurezza informazione popolazione (uso-abuso) squadra sicurezza H24 interazione con organi di controllo standard e manutenzione DPI e polizze assicurative 67

68 Sicurezza 68

69 Sicurezza

70 Sicurezza Il piano di emergenza della struttura! 70

71 Le donazioni 71

72 I magazzini spazi adeguati autorizzazioni utilizzo spazi magazzino funzione di supporto al capocampo divisione merceologica NO centro commerciale smaltimento scorte carico/scarico fabbisogno reale ripristino strutture utilizzate a magazzino software gestione (standard) 72

73 Le cucine spazi adeguati autorizzazioni ASL funzione di supporto al capocampo procedure/tempistica acquisizione derrate mense separate diete alimentari conservazione derrate adeguate strutture (es. celle) interazione con organi di controllo carico/scarico fabbisogno reale ripristino strutture utilizzate orari soccorritori/popolazione servizi igienici dedicati software gestione (standard) 73

74 Controllo ingressi funzione di supporto al capocampo prima immagine del campo funzione H24 (turni) servizio notturno presidio rapporti con Forze dell Ordine tesserino popolazione/volontari relazioni con autorità/stampa/ controllo mezzi segnaletica appropriata strumentazione standard 74

75 Igienizzazione funzione di supporto al capocampo team specializzati adeguate precauzioni (DPI, detergenti) interazione con funzione sanità collaborazione con popolazione? servizi igienici separati (U/D, ) prima immagine del campo segnaletica appropriata ripristino strutture utilizzate procedure standard 75

76 Reperibilità notturna 76

77 I briefing strumento essenziale coordinamento tutte le funzioni regolarità (almeno 1/g) sintesi e concretezza ascolto e responsabilità pianificazione attività risoluzione problemi momenti per fare squadra spazi e tempi adeguati verbalizzazione utile per redazione relazione finale di pass. consegne 77

78 I passaggi di consegna strumento essenziale coordinamento cambio turno sfalsato sul capocampo continuità dell azione (no cambi rotta) relazione diretta entrante/uscente spazi e tempi adeguati (almeno 2h) documenti (verbali, file, cartografia, ) segnalazione riferimenti autorità, COM,... attenzione atti amministrativi attestati volontariato verbalizzazione utile per redazione relazione finale di pass. consegne

79 Rapporti con la popolazione 79

80 Rapporti con la popolazione 80

81 Rapporti con la popolazione 81

82 Rapporti con la popolazione 82

83 Rapporti tra la popolazione 83

84 Rapporti con le autorità 84

85 Rapporti con i media 85

86 Codice etico 86

87 Codice etico 87

88 Codice etico 88

89 Regione Lombardia UO Protezione civile Struttura Gestione delle emergenze

90 Funzioni di Servizio per la gestione della struttura di emergenza 1. Direzione 2. Segreteria 3. Sanità 4. Supporto Psicosociale 5. InfoPoint 6. Guardiania 7. Impiantistica 8. Ristorazione 9. Servizi Igienici 10. Magazzini 11. Pulizia, igiene e disinfezione 12. Funzioni accessorie

91 Protezione civile pubblicazioni.

Il sistema regionale di protezione civile

Il sistema regionale di protezione civile Provincia di Cremona Corso Base per Volontari di Protezione Civile Il sistema regionale di protezione civile (Castelleone, 25 maggio 2013) Sistema Protezione Civile Il SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE è un

Dettagli

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile

IL SISTEMA DI. Corso base di Protezione Civile IL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE Corso base di Protezione Civile La protezione civile in Italia Con protezione civile si intende l insieme delle attività messe in campo per tutelare la vita, i beni, gli

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE

INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Corso Base per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Cassano D Adda - 07.05.2010 INTRODUZIONE ALLA PROTEZIONE CIVILE! LEGISLAZIONE in MATERIA di PROTEZIONE CIVILE Materiale didattico a cura

Dettagli

5 MODELLO DI INTERVENTO

5 MODELLO DI INTERVENTO Aggiornato al: 16.09.2009 MODELLO DI INTERVENTO pag. 5.1 5 MODELLO DI INTERVENTO Una parte fondamentale della redazione del Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile è la realizzazione dei Modelli

Dettagli

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE DI PREVISIONE E PREVENZIONE DEI RISCHI E DEL PIANO PROVINCIALE D EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE Piano

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE

PIANO DI EMERGENZA COMUNALE PIANO DI EMERGENZA COMUNALE DOC. 02 - GLOSSARIO E RIFERIMENTI NORMATIVI GRUPPO DI LAVORO PER LA REALIZZAZIONE DEL : Responsabile di Progetto Il Sindaco: Luigi Chiesa Gruppo Tecnico di Lavoro Arch. Paola

Dettagli

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE

5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 5. MODELLO DI INTERVENTO- PROCEDURE 67 5.1 Il sistema di comando e controllo La procedura di attivazione del sistema di comando e controllo disciplina il flusso delle informazioni utili a gestire la risposta

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n.

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE. Visto l articolo 121 della Costituzione (come modificato dalla legge costituzionale 22 novembre 1999, n. REGIONE PIEMONTE BU30 26/07/2012 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 23 luglio 2012, n. 5/R Regolamento regionale del volontariato di protezione civile. Abrogazione del regolamento regionale

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale GLOSSARIO A ALLARME: scatta al verificarsi dell evento calamitoso od anche nelle ipotesi del pericolo grave ed imminente per l incolumità delle persone, di danni gravi ed irreparabili agli abitati nonché a strutture

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE E MODALITA OPERATIVE IN EMERGENZA

MANUALE OPERATIVO PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE E MODALITA OPERATIVE IN EMERGENZA Allegato al Decreto (DDUO) n 12172 del 17-12-2012 MANUALE OPERATIVO PROCEDURE DI ATTIVAZIONE DELLA COLONNA MOBILE REGIONALE E MODALITA OPERATIVE IN EMERGENZA 0. Premessa 1. Mission della Colonna Mobile

Dettagli

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE

Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Arch. Ferruccio Agazzi Funzionario Servizio Protezione Civile della Provincia di Bergamo NORMATIVA DI PROTEZIONE CIVILE Legge 996/1970 La P.C. è concepita come soccorso pubblico D.P.R. 66/81 Il presidio

Dettagli

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il ruolo del Volontariato nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il relatore Antonello Mazza Provincia di Varese Struttura Protezione Civile Operativo argomenti Collocazione del volontariato

Dettagli

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi

Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Il modello di pronto intervento di ARPA Lombardia per la valutazione ed il monitoraggio degli eventi di crisi Organizzazione regionale e dipartimentale Elisa Galimberti Sede Centrale Settore Attività Industriali,

Dettagli

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L.

4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4 - UNITA DI CRISI LOCALE U.C.L. 4.1 - CRITERI GENERALI Una volta definiti gli scenari di rischio e aver valutato in modo quantitativo o qualitativo il rischio (R) presente, si ritiene possibile passare

Dettagli

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE C I T T A D I I S C H I A Provincia di Napoli REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE INDICE - Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO - Art. 2 COMPITI DEL SERVIZIO - Art. 3 ORGANI COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti

PROTEZIONE CIVILE. sistema. funzione. Gli obiettivi dell attività di PC. La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti PROTEZIONE CIVILE sistema Gli attori funzione Gli obiettivi dell attività di PC La pianificazione di emergenza La ripartizione dei compiti La gestione degli interventi Le strutture in emergenza FINALITA

Dettagli

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino

Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore. Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Scatta l allarme: La predisposizione dell intervento delle prime 72 ore Cav. Luigi Fasani Istruttore tecnico Corpo Volontari Parco del Ticino Segreteria Normalità Emergenza Logistica Mezzi Materiali Specialità

Dettagli

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi

Il ruolo del. nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il ruolo del Volontariato nel Sistema di Protezione Civile Ambiti Operativi Il relatore Antonello Mazza Provincia di Varese Struttura Protezione Civile Operativo argomenti Collocazione del volontariato

Dettagli

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013

REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO. Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 REGIONE LOMBARDIA PROVINCIA DI MILANO Piano Comunale di Protezione Civile Redazione: Novembre 2013 Redazione: Dott. Alberto Ventura, Arch. e DI.MA. Graziella Vallone Regione Cantarana, 17 28041 ARONA (NO)

Dettagli

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano

in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano L Assessorato alla Protezione Civile della Provincia di Lodi in collaborazione con il Coordinamento Organizzazioni di Volontariato della Protezione Civile della Provincia di Lodi organizzano XI Corso base

Dettagli

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna

Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Protezione Civile e Mappatura dei Rischi della Provincia di Bologna Matteo Castelli Consulta Volontariato Protezione Civile Provincia di Bologna 8 maggio 2012 EMERGENZE VETERINARIE: CATASTROFI NATURALI

Dettagli

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale

Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale Comune di Concorezzo Protezione Civile Piano di Emergenza Comunale RELAZIONE D Mansionari Rev. 01 Sindaco V i g e r s r l Via Madonna del Noce 34 22070 Grandate (CO) Tel. (031) 564 933 Fax (031) 729 311

Dettagli

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO

ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO ELABORAZIONE DEL MODELLO D INTERVENTO COMUNE DI 1. FUNZIONALITA DEL SISTEMA DI ALLERTAMENTO LOCALE REPERIBILITA H 24. Il Piano deve contenere le informazioni necessarie e le modalità con cui la struttura

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI BRINDISI REGOLAMENTO DEL GRUPPO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 Costituzione E costituito il Gruppo Comunale di Volontari di Protezione Civile, cui possono aderire cittadini

Dettagli

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA

EDIZIONE 2015 PROGRAMMA COMITATO PER IL COORDINAMENTO DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE DELLA PROVINCIA DI LODI "Corso riconosciuto dalla Scuola Superiore di Protezione Civile (SSPC) come conforme alla

Dettagli

0. Introduzione. 1. Quadro normativo

0. Introduzione. 1. Quadro normativo 0. Introduzione 1. Quadro normativo 2. Organizzazione in Emilia-Romagna 3. Colonna Mobile Regionale 4. Formazione 5. Benefici Normativi 6. Prospettive 0. Introduzione Il Volontariato di Protezione Civile,

Dettagli

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO. Tipologia di evento: Eventi non prevedibili/improvvisi AL VERIFICARSI DI UN EVENTO IMPROVVISO O NON PREVEDIBILE SI ATTUANO LE MISURE PER L EMERGENZA, CON L AVVIO IMMEDIATO DELLE OPERAZIONI DI SOCCORSO.

Dettagli

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE CITTÀ DI ACIREALE SETTORE PROTEZIONE CIVILE PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Oggetto : PARTE I - GENERALITÀ GIUGNO 2013 REVISIONE ELABORATO ADEGUATO AL PARERE DELLA COMMISSIONE CONSILIARE DEL 12/09/2012

Dettagli

IL VOLONTARIATO: coordinamento e procedure di attivazione

IL VOLONTARIATO: coordinamento e procedure di attivazione IL VOLONTARIATO: coordinamento e procedure di attivazione DI COSA PARLEREMO: -- Il Volontariato -- Aspetti normativi -- Organigramma dell Organizzazione -- Coordinamento e procedure di attivazione -- Nozioni

Dettagli

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE

LE RISORSE E LA LORO GESTIONE UNIONE DEI COMUNI DI Provincia di Pavia PIANO COMUNALE DI EMERGENZA per le attività di previsione, prevenzione ed interventi in materia di Protezione Civile Parte Sesta LE RISORSE E LA LORO GESTIONE PROCEDURE

Dettagli

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO

5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO 5 RISCHIO SISMICO 5.1 SISTEMA DI ALLERTAMENTO Le procedure di intervento, previste per il Comune di TOCCO DA CASAURIA sono strutturate in due fasi: FASE DI ALLARME e FASE DI EMERGENZA. La FASE DI ALLARME

Dettagli

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT

Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI CAMERINO Scuola di Scienze e Tecnologie Anno Accademico 2012-2013 Corso di Laurea Geoenvironmental resouces and risks LM-74 DISASTER MANAGEMENT Docente: Dott. Maurizio Tesorini

Dettagli

Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni

Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni Il Volontariato e il CCV-MI ruoli e funzioni CORSO per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile - Lainate 29 Novembre 2010 OBIETTIVI dell Incontro 1.Conoscere in generale, il contesto legislativo

Dettagli

Evento meteo, idrogeologico e idraulico

Evento meteo, idrogeologico e idraulico 163 A seguito della ricezione di Avviso od Informativa di previsione per fenomeni meteorologici avversi o a seguito di un Ufficio Gestione delle Emergenze ed Eventi Servizio I/ Gestione Sala Operativa

Dettagli

Il sistema delle Colonne Mobili regionali

Il sistema delle Colonne Mobili regionali REGIONE PIEMONTE Direzione Opere Pubbliche, Difesa del Suolo, CONVEGNO Ritorno d esperienza del terremoto dell Aquila del 06 aprile 09 Il sistema delle Colonne Mobili regionali e del volontariato piemontese

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA...3

SOMMARIO PREMESSA...3 SOMMARIO PREMESSA...3 1. INCIDENTI FERROVIARI CON CONVOGLI PASSEGGERI ESPLOSIONI O CROLLI DI STRUTTURE CON COINVOLGIMENTO DI PERSONE - INCIDENTI STRADALI CHE COINVOLGONO UN GRAN NUMERO DI PERSONE...5 1.1

Dettagli

La pianificazione di emergenza

La pianificazione di emergenza La pianificazione di emergenza Antonio Gioia Dipartimento della Protezione civile antonio.gioia@protezionecivile.it Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

Regolamento comunale di Protezione Civile

Regolamento comunale di Protezione Civile Città di Lecce Regolamento comunale di Protezione Civile Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale N 38 del 04.04.03 REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1 ISTITUZIONE DEL SERVIZIO E

Dettagli

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA

4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 4. LINEAMENTI DELLA PIANIFICAZIONE E STRATEGIA OPERATIVA 54 4.1 Funzionalità del sistema di allertamento locale Il Comune deve garantire i collegamenti telefonici, via fax, e via e-mail, sia con la Sala

Dettagli

RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011

RELAZIONE AL CONTO FINANZIARIO 2011 Missione 8 Soccorso civile Programma 8.5 Protezione civile C.d.R. 13 Protezione civile Le risorse assegnate al C.d.R 13 Protezione Civile per l anno 2011 sono state pari ad euro 3.350.113.331,56 a fronte

Dettagli

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo

C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO. Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo C O M U N E D I ALTOFONTE PROVINCIA DI PALERMO C.A.P 90030 Piazza Falcone e Borsellino Altofonte Regolamento Gruppo Comunale Volontari di Protezione Civile e Anticendio Boschivo Art.1 (Oggetto) Oggetto

Dettagli

Master di I livello in: Funzione Sanità nelle Maxi Emergenze Modulo I: Classificazione dei rischi

Master di I livello in: Funzione Sanità nelle Maxi Emergenze Modulo I: Classificazione dei rischi Modulo I: Classificazione dei rischi Il rischio sismico Geologo, Professionista Il rischio idrogeologico: fenomeni franosi, idraulici ed erosivi Geologo, Professionista Il rischio idrogeologico: fenomeni

Dettagli

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione

UTG-Prefettura Bari. Il Metodo AUGUSTUS. La Funzione 2. Nella Sala Operativa - CCS. Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione UTG-Prefettura Bari Il Metodo AUGUSTUS La Funzione 2 Nella Sala Operativa - CCS Brevi note riassuntive sui compiti del responsabile della funzione Le funzioni di supporto: SALA OPERATIVA CENTRO COORDINAMENTO

Dettagli

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente:

Attuazione della direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri concernente: Dipartimento per le politiche integrate di sicurezza e per la protezione civile Sistema regionale di protezione civile Modello organizzativo di gestione delle emergenze Attuazione della direttiva del Presidente

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ORDINE DEI DOTTORI AGRONOMI E DOTTORI FORESTALI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Seminario di formazione Valutazione dei danni provocati dal sisma Aula Magna _ Facoltà di Agraria di Bologna 19 giugno 2012 Agronomi

Dettagli

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi

Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Servizio Sanitario Urgenza Emergenza 118 Medicina delle catastrofi Contenuti Il ruolo del SSUEm 118 nel sistema di protezione civile La Funzione 2 Sanità Interazione dell'intervento sanitario con gli altri

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE NUOVO REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE 1 2 INDICE ART.1COSTITUZIONEDELGRUPPOECOMPOSIZIONE...4 ART.2AMMISSIONEEPARTECIPAZIONEDIALTRISOGGETTI...4 ART.3COMPITI,PRINCIPIESANZIONI...5 ART.4COMPITIDELSINDACO...6

Dettagli

2009 Emergenza terremoto in Abruzzo. Intervento del Gruppo Volontari di Protezione Civile di Aem con il supporto delle Società del Gruppo A2A Spa

2009 Emergenza terremoto in Abruzzo. Intervento del Gruppo Volontari di Protezione Civile di Aem con il supporto delle Società del Gruppo A2A Spa 2009 Emergenza terremoto in Abruzzo Intervento del Gruppo Volontari di Protezione Civile di Aem con il supporto delle Società del Gruppo A2A Spa 6 aprile 2009 Alle ore 3,32 del mattino una forte scossa

Dettagli

5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3

5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3 Indice: 5 PROTOCOLLO D'INTESA - MODELLO D'INTERVENTO...3 5.1 FUNZIONI DI SUPPORTO...5 1 FUNZIONE TECNICA E DI PIANIFICAZIONE ENTI LOCALI:...6 2 FUNZIONE SANITARIA, DI ASSISTENZA SOCIALE E VETERINARIA:..6

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO INTERCOMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Art. 1.0 COSTITUZIONE 1. E costituito presso la sede municipale dei comuni di Mozzate e Limido Comasco il Gruppo Intercomunale di Volontari di

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA

LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA LA PIANIFICAZIONE DI EMERGENZA Rischi naturali Idraulico-idrogeologico Sismico Vulcanico Incendi boschivi e d interfaccia Maremoto Rischi antropici tecnologico trasporti chimico-industriale CNR- IRPI CNR-IRPI

Dettagli

CAPITOLO 4 Attori e competenze

CAPITOLO 4 Attori e competenze CAPITOLO 4 1. Il Comune 2 2. La Comunità Montana 4 3. La Provincia 5 4. La Prefettura 5 5. La Regione 6 6. Il Volontariato 7 6.1 Il Coordinamento Provinciale del Volontariato di Protezione Civile 8 6.2

Dettagli

Comunicare l Emergenza Terremoto

Comunicare l Emergenza Terremoto Comunicare l Emergenza Terremoto L esperienza della Protezione Civile in Abruzzo A cura del Servizio comunicazione, sviluppo conoscenze e gestione dei rapporti con il Servizio Civile Dipartimento della

Dettagli

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali

27/02/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 17. Regione Lazio. Leggi Regionali Regione Lazio Leggi Regionali Legge Regionale 26 febbraio 2014, n. 2 Sistema integrato regionale di protezione civile. Istituzione dell'agenzia regionale di protezione civile. IL CONSIGLIO REGIONALE ha

Dettagli

Capo II Funzioni pubbliche di coordinamento

Capo II Funzioni pubbliche di coordinamento Regolamento sulle organizzazioni di volontariato che svolgono attività di protezione civile, in attuazione dell articolo 15 della legge regionale 29 dicembre 2003, n. 67 (Ordinamento del sistema regionale

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta

UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco. Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DELLA VALLETTA Provincia di Lecco Regolamento del Gruppo Intercomunale di Volontari di Protezione Civile della Valletta APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA DELL UNIONE

Dettagli

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2

4. Procedure d Intervento... 2. 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 Indice 4. Procedure d Intervento... 2 4.1 Premessa... 2 4.1.1 Principio di sussidiarietà in emergenza... 2 4.2 Procedure di carattere generale per l attivazione del Sistema comunale di protezione civile..

Dettagli

ARGOMENTI DELLA SERATA

ARGOMENTI DELLA SERATA IL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale VV.F.Varese Presentazione curata dal Capo Squadra Esperto Lorenzo Canazza ARGOMENTI DELLA SERATA RUOLO E COMPETENZE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI

Dettagli

Realizzato e curato dal

Realizzato e curato dal Il ruolo del Corpo Forestale dello Stato nella Protezione Civile. La natura e il funzionamento dei sistemi di comunicazione rapida nelle situazioni di emergenza. Relatori: Isp.Capo del CFS Ruggero Bonaldi

Dettagli

REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA

REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA REGIONE TOSCANA Settore Sistema Regionale di Protezione Civile PIANO OPERATIVO DELLA PROTEZIONE CIVILE TOSCANA 1 Premessa...3 Parte Prima MODELLO ORGANIZZATIVO E PIANIFICAZIONE...4 1 MODELLO ORGANIZZATIVO...4

Dettagli

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.)

COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) COORDINAMENTO PROVINCIALE SQUADRA PROVINCIALE ANTINCENDIO BOSCHIVO (A.I.B.) Provincia di Varese Atto costitutivo Sommario Art. 1. Premessa... 1 Art. 2. Costituzione, finalità e ambiti di competenza del

Dettagli

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO PROTEZIONE CIVILE Art. 1. ISTITUZIONE DEL SERVIZIO È istituito il Servizio Comunale di Protezione Civile, con il compito di dare attuazione alle leggi nazionali e regionali in materia di Protezione

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: Volontariato e Territorio 2014 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: B02 OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi Generali: Pianificazione: La pianificazione

Dettagli

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014

Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015. Perugia, 23 ottobre 2014 Scuola Multimediale di Protezione Civile A.S. 2014-2015 Perugia, 23 ottobre 2014 Cultura di Protezione Civile Cultura di protezione civile è cultura della sicurezza, della solidarietà, del rispetto, della

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTESA TRA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI VIBO VALENTIA MINISTERO DELL INTERNO Prefettura di Vibo Valentia MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei vigili del fuoco del soccorso pubblico e

Dettagli

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio

RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO. 1.1 Caratteristiche del territorio 1 RISCHIO INCENDIO BOSCHIVO 1.1 Caratteristiche del territorio Sono state identificate come aree a rischio di incendio boschivo e di interfaccia sui centri abitati e sulle case sparse la zona di Morghe

Dettagli

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO

Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO Sintesi sul QUADRO NORMATIVO IN MATERIA DI DIFESA DEL SUOLO 1. Quadro normativo statale Il Parlamento italiano è intervenuto circa 20 anni fa con una legge organica, la legge 18 maggio 1989, n. 183 Norme

Dettagli

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011)

SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) SCUOLA PROVINCIALE ANTINCENDI Vigili del Fuoco - Trento (dati riferiti al periodo 1 settembre 2010 31 agosto 2011) Nel periodo analizzato, la Scuola Provinciale Antincendi ha garantito lo svolgimento di

Dettagli

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV

Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV DOMANDA DI ADESIONE ALLE COMPONENTI DI CMP-MI. PRIMA PARTE (anagrafica) Cognome Nome Nato a il Residente a Indirizzo Codice fiscale Numero di telefono

Dettagli

Comune di Sabbio Chiese: Piano di Emergenza PARTE 4. pag. 1

Comune di Sabbio Chiese: Piano di Emergenza PARTE 4. pag. 1 pag. 1 INDICE PARTE 4 4.1 INTRODUZIONE 3 4.1.1 SUSSIDIARIETA IN MATERIA DI PROTEZIONE CIVILE 4 4.2 PROCEDURE OPERATIVE 6 4.2.1 DEFINIZIONE DELL UCL 6 4.2.2 RISCHIO IDRAULICO 7 4.2.2.1 TABELLA DI VERIFICA

Dettagli

Vademecum Allertamento

Vademecum Allertamento Vademecum Allertamento INDICE: 1. Cos è l Allertamento pag. 1 2. Ruolo e responsabilità del Sindaco secondo la normativa vigente pag. 2 3. Emergenza e sussidiarietà pag. 7 4. Il servizio di allertamento

Dettagli

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI

d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 900 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori VALENTINI, ZANDA, AMATI, ALBANO, DI GIORGI, GRANAIOLA e PAGLIARI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 1º LUGLIO 2013

Dettagli

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE

ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE Territorio e Rischio Idrogeologico ANALISI E GESTIONE DEL RISCHIO PER SCOPI DI PROTEZIONE CIVILE DR. GEOL. FRANCESCO BENINCASA LIBERO PROFESSIONISTA PIANO TERRITORIALE DI COORDINAMENTO PROVINCIALE Il nuovo

Dettagli

Scheda azione emergente - 10

Scheda azione emergente - 10 Scheda azione emergente - 10 Azione emergente Politica cui l azione concorre Obiettivo Strategico Obiettivi operativi Attività DEFINIZIONE E ADOZIONE DI PIANI DI EMERGENZA COMUNALI ED INTERCOMUNALI Riduzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL GRUPPO VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE DI GAZZADA SCHIANNO Approvato con deliberazione consiliare n. 28 del 31.07.2014 Art. 1 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio

Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PIANO DI EMERGENZA INTERCOMUNALE ALLEGATO 2 SCENARIO DI RISCHIO INTERCOMUNALE CARTA RISCHIO TRASPOROTO Comuni di: Baricella - Budrio - Granarolo dell Emilia - Minerbio PREMESSA I pericoli potenziali derivanti

Dettagli

PROTEZIONE CIVILE Piano di Protezione Civile della Provincia di Siena. Allegato facente parte integrante e sostanziale della DCP n del / /

PROTEZIONE CIVILE Piano di Protezione Civile della Provincia di Siena. Allegato facente parte integrante e sostanziale della DCP n del / / Piano di Allegato facente parte integrante e sostanziale della DCP n del / / PIANO DI - primo stralcio - PIANO DI EMERGENZA - PROCEDURE OPERATIVE - Pagina 1 di 35 Piano di INDICE PREMESSA...4 GLOSSARIO...4

Dettagli

MODULISTICA OPERATIVA

MODULISTICA OPERATIVA MODULISTICA OPERATIVA INDICE SCHEDA OPERATIVA PER ATTIVAZIONE PIANO DI EMERGENZA Pag. 2 MESSAGGIO DI ALLARME, EMERGENZA E CESSATO ALLARME Pag. 4 COMUNICATO ALLA POPOLAZIONE Pag. 7 SCHEDA OPERATIVA RISCHIO

Dettagli

La Logistica Claudio Monteferri Basilicata 2012 - Potenza 14/12/2012

La Logistica Claudio Monteferri Basilicata 2012 - Potenza 14/12/2012 La Logistica Claudio Monteferri Basilicata 2012 - Potenza 14/12/2012 LA LOGISTICA La logistica in emergenza: struttura, assistenza alla popolazione, sistema nazionale, sicurezza Argomenti La logistica

Dettagli

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: PREMESSA A. ANALISI TERRITORIALE B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO INDICE GENERALE INDICE CAPITOLI DEL PIANO DI EMERGENZA COMUNALE: A. ANALISI TERRITORIALE A1. ANALISI DELLE PERICOLOSITA A2. ANALISI DEL TESSUTO URBANIZZATO B. SCENARI DI RISCHIO C. METODI DI PREANNUNCIO

Dettagli

Corso per volontari di protezione civile Croce Bianca Bergamo. Cav. Luigi Fasani Commissione Tecnica Valutazione Scuola Superiore Protezione Civile

Corso per volontari di protezione civile Croce Bianca Bergamo. Cav. Luigi Fasani Commissione Tecnica Valutazione Scuola Superiore Protezione Civile Corso per volontari di protezione civile Croce Bianca Bergamo Cav. Luigi Fasani Commissione Tecnica Valutazione Scuola Superiore Protezione Civile Conoscenza Nel secolo scorso le calamità naturali hanno

Dettagli

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile

Comune di Luino. Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Comune di Luino Piano di Emergenza Comunale di Protezione Civile Protezione Civile: le novità LEGGE 100 del 12 luglio 2012 (Riordino Protezione Civile) 3-bis. Il comune approva con deliberazione consiliare,

Dettagli

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO

SCENARIO DI RISCHIO SISMICO SCENARIO DI RISCHIO SISMICO Tipo di rischio SISMA Località Territorio comunale Evento sismico di modesta entità, percepito dalla Descrizione popolazione (magnitudo Richter inferiore a 4,0) Grado di rischio

Dettagli

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale

COMUNE DI CASALE LITTA - Piano di emergenza comunale Il servizio nazionale di protezione civile è regolato dalla legge 225/92 (modificata in seguito dal D. Lgs. 112/98 e dalla L. 152/2005), la quale - assegna al Sindaco il compito della prima emergenza sul

Dettagli

La pianificazione di emergenza comunale

La pianificazione di emergenza comunale 1. PREMESSA 7 La pianificazione di emergenza comunale Il Comune di Castel San Giorgio è dotato di un Piano Comunale di Protezione Civile, reperibile dal sito ufficiale del Comune di Castel San Giorgio

Dettagli

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CATTOLICA PIANO COMUNALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE SEZIONE DOCUMENTO RISCHIO IDROGEOLOGICO Relazione Stralcio Rischio Idrogeologico FILE RELAZIONE STRALCIO RISCHIO IDROGEOLOGICO.doc DATA

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009)

PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) SETTORE AMBIENTE UFFICIO PROTEZIONE CIVILE IL PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO (D.C.P n.1 del 09.01.2009) QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO E OBIETTIVI

Dettagli

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012

GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 GESTIONE EMERGENZA NEVE 31 GENNAIO 13 FEBBRAIO 2012 L EVENTO Complessivamente dal 31 gennaio al 13 febbraio sono stati registrati i seguenti spessori del manto nevoso Parte orientale della Regione: fascia

Dettagli

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE PIANO PROVINCIALE DI EMERGENZA DI PROTEZIONE CIVILE RISCHIO IDRAULICO E IDROGEOLOGICO VOL 2.2 2013 Provincia di Milano Settore Protezione Civile e GEV REVISIONE E AGGIORNAMENTO DEL PROGRAMMA PROVINCIALE

Dettagli

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PIANO INTERCOMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE PROCEDURA OPERATIVA: RISCHIO GAS Versione 0.0 del 01.07.2011 Redazione a cura di: Corpo Polizia Municipale Reno-Galliera GENERALITA Evento: Guasto o rottura con

Dettagli

HAITI L INTERVENTO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE ITALIANO Gennaio Marzo 2010

HAITI L INTERVENTO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE ITALIANO Gennaio Marzo 2010 HAITI L INTERVENTO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE CIVILE ITALIANO Gennaio Marzo 2010 Luigi D Angelo Dipartimento della protezione civile 7,2 Richter 12 Gennaio 2010 16:53 LT (22:53 CET) Presidenza Presidenza

Dettagli

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Valsamoggia PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (Provincia di Bologna) PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Redazione: Unione dei Comuni Valli del Reno, Lavino e Samoggia Servizio Associato di Protezione Civile geom. Stefano Cremonini geol. Paola Montaguti

Dettagli

Piano di Emergenza. del Fiume Po Incontro 16 Settembre 2013

Piano di Emergenza. del Fiume Po Incontro 16 Settembre 2013 Piano di Emergenza Provinciale del Fiume Po Incontro 16 Settembre 2013 Normativa di Riferimento: - L. 225/92 Istituzione del Servizio Nazionale di - LR 16/2004 Testo unico in materia di protezione civile

Dettagli

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese

ALLEGATO 7. Procedura interna del. COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese ALLEGATO 7 Procedura interna del COMANDO POLIZIA LOCALE Federazione Camposampierese PIANO DI GESTIONE DELLA VIABILITA PER IL PIANO DI EMERGENZA ESTERNA DEL SITO INDUSTRIALE AUTOSPED S.r.l. Santa Giustina

Dettagli

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI

PROCEDURE SISTEMA DI ALLERTA METEO SALA OPERATIVA COMUNALE CENTRO SITUAZIONI Procedura B04 ALLERTA 1-2 Pag. 1 di 8 OVE VENGA ADOTTATO UN AVVISO DI CRITICITÀ MODERATA O ELEVATA CON PREAVVISO INFERIORE ALLE 12 ORE DALL INIZIO DELLA CRITICITÀ (INIZIO DELLA CRITICITÀ PREVISTO PER IL

Dettagli

Piano Comunale di Protezione Civile

Piano Comunale di Protezione Civile MODELLO D INTERVENTO B/6.5 Rischio antropico e residuo Paralisi traffico automobilistico collegato alla chiusura della viabilità autostradale EVENTO PREVEDIBILE E NON La Paralisi del traffico automobilistico

Dettagli