PROGETTO, REALIZZAZIONE E COLLAUDO DI UN SISTEMA DI PESATURA GAS PER L ESPERIMENTO EUROPEO Extreme Energy Events

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROGETTO, REALIZZAZIONE E COLLAUDO DI UN SISTEMA DI PESATURA GAS PER L ESPERIMENTO EUROPEO Extreme Energy Events"

Transcript

1 I.T.T. Tito Sarrocchi SIENA A.S. 0-0 CLASSE a ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI PROGETTO, REALIZZAZIONE E COLLAUDO DI UN SISTEMA DI PESATURA GAS PER L ESPERIMENTO EUROPEO Extreme Energy Events Alunni: JACOPO SESTINI GIACOMO NANNINI 0

2 Sommario INTRODUZIONE Motivazioni sulla scelta del progetto... Progetto Extreme Energy Events... Il nostro contributo al progetto... HARDWARE Schema a blocchi... Schema elettrico... 6 Trasduttori di peso... 7 Condizionamento del segnale degli estensimetri (strain gages)... 8 Alimentazione catena di acquisizione... 9 CPU Microcontrollore... 0 Real Time Clock... Display LCD... Connettori lato host (Alimentazione e I C)... Circuiti accessori... Componenti utilizzati... 6 PROTOCOLLO I C... SOFTWARE... COLLAUDO... REALIZZAZIONE PCB... MANUALE DI UTILIZZO... Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

3 Motivazioni sulla scelta del progetto La scelta del progetto è nata da una proposta dell Università di Siena, nell ambito di una collaborazione riguardante un progetto su scala europea denominato EEE. Il Dipartimento di Elettronica del Sarrocchi ha ritenuto valida l iniziativa, in quanto essa potrebbe avere notevoli risvolti al di fuori della scuola soprattutto a livello di ricerca e sperimentazione europea. EXTREME ENERGY EVENTS Extreme Energy Events EEE) è un progetto che mira a capire dove, come e quando nascono i raggi cosmici. Quando un raggio gamma entra nell atmosfera terrestre, scontrandosi con le molecole presenti, dà origine ad uno sciame di particelle molto energetiche che attraversano l atmosfera e colpiscono la Terra. Disponendo di numerosi rivelatori, sparsi sul territorio nazionale e oltre, è possibile correlare i dati ottenuti per determinare il numero di eventi gamma che e la direzione da cui i raggi provengono. In genere si hanno alcune decine di eventi al secondo per ogni rivelatore. Per ottenere tutto ciò vengono installati dei rilevatori MRPC (Multigap Resistive Plate Chamber), come quello visibile in figura. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

4 Si tratta di strumenti molto sofisticati, benché semplici da realizzare, normalmente assemblati da studenti durante specifici stage presso il CERN di Ginevra, il cui principio di funzionamento può essere così riassunto: i tre piani che si vedono in figura sono costituiti ognuno da due lastre di vetro, separati da un sottilissimo spazio in cui scorre del gas ionizzabile. Sulle due lastre sono presenti due strati metallici mantenuti ad un potenziale di circa 0kV, ognuno dei tre elementi può quindi essere paragonato ad un semplice condensatore piano riempito di gas. Quando una particella dotata di carica elettrica attraversa il gas genera uno sciame di cariche elettriche per il fenomeno della ionizzazione. Queste cariche elettriche si muovono verso le armature del condensatore e ogni loro impatto sugli strati metallici genera un impulso elettrico che viene elaborato per rilevare il passaggio di una particella. Vi è infatti un sistema elettronico più complesso in grado di determinare la coordinata x-y del punto in cui è avvenuto il passaggio della particella. Se i punti sui tre piani risultano allineati l evento viene considerato valido e dalle tre coordinate è possibile individuare la direzione da cui è giunta la particella. IL NOSTRO CONTRIBUTO AL PROGETTO Il problema di cui ci siamo occupati riguarda il monitoraggio della quantità di gas ancora disponibile nelle bombole per poter predisporre la sostituzione della bombola con sufficiente anticipo. Il gas scorre con molta lentezza tra le lastre di vetro e la quantità giornaliere consumata è molto piccola (da 60 a 00 grammi al giorno); le bombole quindi durano diversi mesi, a volte anche un anno. E importante inoltre sapere anche se esso scorre con regolarità. Abbiamo quindi realizzato una scheda che è in grado di acquisire il peso del gas con sufficiente precisione e accuratezza (errore massimo pari a 00g), memorizzandone il valore ad intervalli di tempo regolari (da ora a ore), grazie alla presenza a bordo di un proprio RTC (real time clock). La scheda è in grado di memorizzare le ultime 0 letture, che coprono quindi un arco di tempo Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

5 fino a 0 giorni. Essendo dotata di una interfaccia I C, essa può essere interrogata da un sistema master (host), al quale risponde trasmettendo sul bus i dati memorizzati. La scheda è stata pensata anche per funzionare in maniera autonoma, in quanto è dotata di un display LCD per la visualizzazione di data, ora, peso lordo e tara della bombola. Segnala inoltre con un led rosso lampeggiante la situazione di allarme dovuta al gas che si sta esaurendo oppure dovuta al mancato consumo regolare di gas. Come trasduttore di peso si è usata una bilancia commerciale a cui è stata smontata l elettronica e le cui celle di carico sono state collegate alla nostra scheda secondo una configurazione a ponte di Wheatstone. La scheda di acquisizione dati è stata interamente progettata, realizzata e collaudata nei laboratori del Dipartimento di Elettronica del Sarrocchi. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

6 SCHEMA A BLOCCHI Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

7 Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA J J PC-RJ PC-IC VIN VIN VIN SCL SDA SDA SCL VIN CONNETTORI IC LATO PC J J6 BILANCIA 6 ICD RB7 RB6 J PC-RJ F FUSE J PC-IC VREF MCLR C6 00u R7 70 J9 TEST C7 70uF -V C7 00u C 00nF C0 7uF P P CATENA DI ACQUISIZIONE STRAIN GAGES R8 0K CIRCUITI ACCESSORI U RS EN DB0 DB DB DB ZERO T T T SCLK LCD RB6 RB7 MCLR CPU MICROCONTROLLORE RG RG VIN- VIN V- INA8 LDV R K D RR RG V VOUT REF LDG R K IC RA0/AN0 RA/AN RA/AN/VREF- RA/AN/VREF RA/T0CKI RA/AN/SS RB0/AN/INT RB/AN0 RB/AN8 RB/AN9/PGM RB/AN RB/AN RB6/PGCLK RB7/PGDAT RE/MCLR/VPP PIC6F886 D LDR V R K D C 00nF C9 0n RC0/TOSO/TCKI RC/TOSI/CCP RC/CCP RC/SCK/SCL RC/SDI/SDA RC/SDO RC6/TX/CK RC7/RX/DT OSC/RA7/CLKIN OSC/RA6/CLKOUT VCOND SCLK C8 00u T S VSS VSS VDD U REF0 OUT VREF U T S T S G N D 0 REF_IN VIN SCLK AD789 SDA_INT SCL_INT DATI SCL SDA LDV LDG LDR ST_CONV BUSY VIN VDD CONVST BUSY SDATA RB6 RB7 C 00nF TP VCOND R9 0K V C 0nF V ST_CONV BUSY DATI J8 IC_ADDR R K SDA_INT SCL_INT REAL TIME CLOCK C u C u RV 0K J0 TEST D R K 0 ZERO IC SDA SCL INT R6 7 PCF86 U C C C- C- TIN TIN ROUT GN D VDD ALIMENTAZIONE OSCIN OSCOUT CLKOUT V V- MAXE ROUT RIN 6 C F C pf TOUT TOUT RIN 7 Eseguito da: Y KHz C6 7uF Titolo Progetto C 7uF C8 7uF LCD R K R 0K DISPLAY LCD RV 0K U6 780 VIN OUT G N D U 790 VIN OUT G N D Nannini - Sestini DB Q DB BC7 DB DB0 C 7uF C9 7uF R EN RS V -V C 00nF C0 00nF Gruppo: Bilancia Progetto 0 - BILANCIA SU BUS IC J LCD SCHEMA ELETTRICO COMPLESSIVO SISTEMA DI PESATURA GAS PER L ESPERIMENTO EUROPEO 6 Size A Nome File: Ultima modif ica: Wednesday, May, 0

8 TRASDUTTORI DI PESO BIANCO BIANCO RV 70 ROSSO ROSSO RV 70 R 70 R EMPIRICA. OHM R7 70 BLU J CON BLU BLU BLU R 70 ROSSO ROSSO R 70 RV 70 RV 70 BIANCO BIANCO Per praticità, come trasduttore di peso è stata utilizzata una bilancia facilmente reperibile in commercio, alla quale è stata tolta l elettronica per poterne utilizzare la struttura e i relativi sensori. I trasduttori sono costituiti da celle di carico (strain gages) collegate a ponte di Wheatstone. Ogni cella è formata da una resistenza fissa da 70 Ohm e una variabile, dipendente dal peso. Per problemi di tolleranza il ponte, di per sé, non è equilibrato e quindi abbiamo dovuto aggiungere una resistenza da, Ohm per portare il ponte all equilibrio in assenza di carico sulla bilancia. Il ponte è alimentato con una tensione di.v, molto stabile, opportunamente generata. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 7

9 CONDIZIONAMENTO DEL SEGNALE DEGLI STRAIN GAGES J BILANCIA VREF C6 00u C0 7uF P P -V C7 00u CATENA DI ACQUISIZIONE STRAIN GAGES U RG RG VIN- VIN V- INA8 RR RG V VOUT REF C 00nF VREF V U VCOND REF_IN VDD VIN CONVST SCLK BUSY SCLK SDATA C9 0n C8 00u U REF0 OUT AD789 VIN V TP VCOND C 0nF V ST_CONV BUSY DATI Sul connettore J arrivano i segnali degli strain gages, che vengono mandati ad un circuito di condizionamento integrato, l INA8, che è un amplificatore per strumentazione a basso rumore con un elevato CMR, pari a 0 db. Per gestire il guadagno l INA prevede una resistenza collegata fra i pin e 8, scelta in base alla tabella fornita dal costruttore. Il segnale condizionato viene dopo mandato ad un convertitore A/D a bit di risoluzione, che poi comunica il dato convertito al microcontrollore tramite comunicazione seriale. Il C.I. REF0 serve appunto per generare la tensione di riferimento per il convertitore A/D e per il ponte con le celle di carico. Come ADC non è stato usato quello del PIC perché ha una risoluzione di soli 0 bit e per ottenere la precisione richiesta era necessario disporre di un numero maggiore di bit. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 8

10 ALIMENTAZIONE DELLA CATENA DI ACQUISIZIONE C u C u 0 U C C C- C- TIN TIN ROUT V V- TOUT TOUT RIN ROUT RIN 6 7 C6 7uF U6 780 VIN OUT C 7uF C8 7uF U 790 VIN OUT C 7uF C9 7uF V -V C 00nF C0 00nF ALIMENTAZIONE MAXE L intera scheda viene alimentata tramite il connettore dell I C collegato all host, sul quale è presente una tensione fissa di V, adatta quindi ad alimentare tutti i circuiti digitali della scheda, ma non la catena di acquisizione dati analogica utilizzata. Nella sezione analogica sono infatti presenti un operazionale a basso rumore INA8, che richiede una alimentazione duale ±V, e un convertitore AD789 che richiede una tensione di riferimento.v ad alta stabilità per poter fornire la risoluzione adeguata. Abbiamo quindi usato un C.I. MAX per generare, a partire dalla tensione V in ingresso (pin6), una tensione duale ±9V (pin e pin6). Questo è possibile grazie alla circuiteria interna a pompa di carica e ai relativi due condensatori da uf (C e C) posti rispettivamente tra i pin e (C,C-) e i pin e (C,C- ). La tensione duale ±9V viene poi stabilizzata a ±V tramite un C.I. 780 (V) e un C.I. 790 (-V). Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 9

11 IL MICRONTROLLORE RS EN DB0 DB DB DB ZERO T T T SCLK LCD RB6 RB7 MCLR IC RA0/AN0 RA/AN RA/AN/VREF- RA/AN/VREF RA/T0CKI RA/AN/SS RB0/AN/INT RB/AN0 RB/AN8 RB/AN9/PGM RB/AN RB/AN RB6/PGCLK RB7/PGDAT RE/MCLR/VPP PIC6F886 CPU MICROCONTROLLORE RC0/TOSO/TCKI RC/TOSI/CCP RC/CCP RC/SCK/SCL RC/SDI/SDA RC/SDO RC6/TX/CK RC7/RX/DT OSC/RA7/CLKIN OSC/RA6/CLKOUT VSS VSS VDD SDA_INT SCL_INT DATI SCL SDA LDV LDG LDR ST_CONV BUSY C 00nF Il microcontrollore usato è un PIC6F886 della Microchip. È stato scelto questo PIC perché: -al suo interno ha già un oscillatore attivabile tramite software e quindi non necessita di quarzo esterno, liberando due ulteriori piedini di I/O -ha un numero di pin giusto per il nostro utilizzo -è un dispositivo già conosciuto in quanto utilizzato più volte in laboratorio e quindi disponibile a magazzino con un costo contenuto. I primi 6 pin del porta, ovvero dall A0 all A, sono usati per gestire il display, mentre l A6 e l A7 sono usati rispettivamente per avviare la conversione dell ADC e per vedere quando la conversione è completata ed il dato è disponibile. Collegati al portb possiamo trovare, nell ordine, un trimmer per tarare la lettura del peso a vuoto, i tasti per gestire il menu, il segnale di clock per la conversione, la retroilluminazione dell LCD e infine, collegati a RB6 e Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 0

12 RB7, troviamo due jumper per cambiare l indirizzo I C del dispositivo (utilizzati anche per la programmazione e il debug del PIC). Sul portc troviamo il bus I C interno, l ingresso dei dati convertiti dall ADC, il bus I C esterno, e i LED spia. Sull alimentazione del PIC è stato aggiunto un condensatore di filtro da 00nF per eliminare ogni possibile rumore elettrico ad alta frequenza. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

13 REAL TIME CLOCK L integrato PCF86 è un RTC (Real Time Clock) della Philips, cioè un completo orologio controllabile via I C. E un dispositivo slave che risponde all indirizzo 0x ed è gestito dal PIC su una linea I C interna, non disponibile quindi sui connettori della scheda: in questo caso il PIC si comporta da master. Sulle due linee SDA e SCL del bus è necessario collegare due resistenze da. KOhm di pull-up, in quanto le uscite del driver sono di tipo open collector. Per funzionare ha bisogno di un risonatore da KHz, nel nostro caso a quarzo perché è più stabile e preciso di un RC. Il condensatore da F fa da batteria tampone, serve cioè a non perdere l ora nel caso manchi la corrente anche per un lungo periodo. La resistenza serve per limitare il picco di corrente di carica del condensatore, nel caso fosse completamente scarico al momento dell accensione, e a non far saltare il fusibile. Il PCF86 contiene diversi registri. Il registro 0 e sono di control/status. I registri dal all 8 sono usati per l ora e la data, espressi in secondi, minuti, ore, giorni, giorno della settimana, mese e anno. I registri dal 9 al sono allarmi, che nel nostro caso sono stati disattivati. Informazioni più dettagliate sono reperibili sul data sheet fornito dal costruttore. È stato scelto di utilizzare un real time clock per avere la possibilità di salvare le pesate con l ora e la data in cui sono state effettuate, in modo che l host possa fare una media del consumo. R K SDA_INT SCL_INT REAL TIME CLOCK D R K IC SDA SCL INT R6 7 PCF86 VDD OSCIN OSCOUT CLKOUT C F C pf Y KHz Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

14 DISPLAY LCD LCD R K R 0K DISPLAY LCD RV 0K R DB Q DB BC7 DB DB0 EN RS J LCD E un display LCD alfanumerico, con righe di 6 caratteri ciascuna, utilizzato per visualizzare data, ora, peso lordo e tara della bombola. I primi due pin sono di alimentazione. Il piedino serve per regolare il contrasto e accetta in ingresso una tensione variabile da 0-V; per regolare al meglio il contrasto abbiamo utilizzato un trimmer. Il pin è il register-select signal RS, che dice al controller del display se i dati che gli vengono mandati sono comandi (RS=0) oppure dati (RS=). Il pin è il read/write, cioè indica se i dati sono scritti (R/W=0) o letti (R/W=) dalla Ram interna: nel nostro caso è stato messo fisso a massa, perché non avevamo la necessità di rileggere i dati. Il pin 6 è il piedino di enable (EN) e serve come clock nell invio dati all LCD. I pin dal 7 al rappresentano il bus dati. La comunicazione con il display può avvenire a o 8 bit, nel nostro caso è stato scelta a bit per ragioni di economia nell uso dei pin di I/O digitali disponibili. Gli ultimi due pin servono per la retroilluminazione del display, che viene comandata dal PIC; è stato necessario mettere un transistor in configurazione ON/OFF in quanto l uscita del PIC non è in grado di fornire la corrente necessaria. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

15 CONNETTORI LATO HOST (ALIMENTAZIONE E I C) J PC-RJ VIN VIN VIN SCL SDA J PC-RJ J PC-IC SDA SCL VIN F FUSE CONNETTORI IC LATO PC J PC-IC J9 TEST C7 70uF Sono quattro connettori utilizzati per la comunicazione I C su cui sono presenti anche le linee di alimentazione provenienti dall host. J e J sono connettori di tipo RJ- a 8 poli, mentre J e J sono semplici connettori molex a pin. I connettori sono tutti doppi per prevedere un entrata e un uscita così da consentire l estensione del bus verso altre periferiche. Il connettore J9 è un semplice test-point che abbiamo usato in fase di collaudo sui segnali SCL e SDA. Il fusibile serve a proteggere la linea di alimentazione proveniente dall host da eventuali sovraccarichi, come ad esempio un cortocircuito accidentale sulla scheda. Il condensatore C7 è stato messo per filtrare l alimentazione. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

16 CIRCUITI ACCESSORI J6 6 ICD MCLR RB7 RB6 R7 70 R8 0K C 00nF LDV R K D LDG R K D LDR R K D T S T S T S RB6 R9 0K RB7 J8 IC_ADDR RV 0K J0 TEST ZERO CIRCUITI ACCESSORI Il connettore J6 serve per programmare il PIC ed effettuare il debug del software. E il connettore standard a 6 poli usato da Microchip nei suoi sistemi di sviluppo PicKit e ICD. Sono stati previsti LED spia, verde, giallo e rosso, il cui significato è specificato nel manuale di utilizzo. I tre tasti servono per selezionare le voci del menù e impostarne i relativi valori. I due jumper servono a impostare la parte bassa dell indirizzo I C della scheda ed è quindi possibile utilizzare fino a quattro schede sullo stesso bus. Infine abbiamo un trimmer per azzerare il valore acquisito dalla bilancia quando essa è scarica. Non fa parte della catena di acquisizione e interviene solo a livello software. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

17 COMPONENTI UTILIZZATI Item Quantity Reference Value C F C pf C,C0,C,C,C 00nF C,C uf 6 C6,C8,C9,C,C,C0 7uF 6 C7 70uF 7 C 0nF 8 C6,C7,C8 00uF 9 C9 0nF 0 D N007 D,D,D LED F FUSE IC PIC6F886 IC PCF86 J,J PC-RJ 6 J,J PC-IC 7 J BILANCIA 8 J6 ICD 9 J7 LCD 0 J8 IC_ADDR J9,J0 TEST Q BC7 RG RR RV,RV,R8,R9,R 0K R,R,R K 6 R,R K 7 R6 7 8 R R K 0 R S,S,S TASTO TP TP U MAXE U INA8 U U REF0 7 U AD789 8 U Y KHz Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 6

18 PIC6F886 Il PIC6F886 è un microcontrollore a 8 pin, con una clock interno o esterna che può arrivare fino a 0MHz. Ha un consumo molto ridotto, dell ordine dei nw in situazione di standby. PIEDINATURA Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 7

19 INA 8 L INA8 è un amplificatore per strumentazione con basso rumore, che offre un eccellente accuratezza nell amplificazione dei segnali. Il numero degli operazionali al suo interno () e le dimensioni ridotte offrono una versatilità in molti campi, sia in ambito industriale che per applicazioni mediche. Ha un guadagno regolabile tramite una sola resistenza, il cui valore può essere stabilito mediante una tabella riportata sul datasheet. Necessita di un alimentazione duale ed è questo che ci ha indotto usare un MAX. PIEDINATURA PIN/8 Resistenza di regolazione del guadagno PIN Vin - PIN Vin PIN V- PIN Ref out PIN6 Vout PIN7 V Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 8

20 AD789 L AD789 è un convertitore A/D, ad approssimazioni successive, a bit. Lavora con un alimentazione singola di V ed accetta in ingresso tensioni comprese fra 0V e Vref: nel nostro caso da 0 a. Volt. I dati convertiti vengono trasmessi tramite interfaccia seriale. PIEDINATURA PIN - REF IN: un riferimento esterno deve essere connesso a questo pin per fornire una tensione di riferimento per il processo di conversione. PIN VIN: è il pin analogico a cui deve essere collegata la tensione da convertire. PIN : è il terminale di massa PIN SCLK: un clock esterno deve essere immesso in questo pin per avere in uscita dei dati seriali. PIN SDATA: i dati convertiti vengono trasmessi in forma seriale tramite questo pin. PIN6 BUSY: questo pin indica se l A/D sta effettuando una conversione o se è nello stato di libero. PIN7 CONVST: questo pin serve per avviare il processo di conversione. PIN8 VDD: è il pin di alimentazione dell integrato. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 9

21 ESTENSIMETRI (STRAIN GAUGE) Gli estensimetri a filo, detti anche strain gauge, basano il loro funzionamento sull aumento della resistenza di un filo conduttore soggetto a trazione. Questo avviene perché il valore di un resistore, oltre che dalla sua resistività elettrica, dipende anche dalla lunghezza e dalla sezione del conduttore. La relazione è la seguente: Quando il filo viene sottoposto a trazione esso si allunga, causando così sia un aumento del parametro l che una riduzione della sezione S: ambedue le variazioni inducono un aumento della resistenza R. Il filo in genere è disposto a serpentina per aumentare la sensibilità dell estensimetro. Il parametro che individua la sensibilità di un estensimetro è il fattore di gauge, definito dalla seguente relazione: / / Dove, con riferimento ad un certa sollecitazione, si ha: / = variazione relativa della resistenza dell estensimetro / = variazione relativa della lunghezza dell estensimetro. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 0

22 PROTOCOLLO I C Il protocollo I C utilizza un bus bidirezionale a due fili, indicati rispettivamente con SDA (Serial Data) e SCL (Serial Clock). Questo protocollo nacque negli anni 80 e fu brevettato dalla Philips per lo scambio di dati fra dispositivi elettronici all interno di uno stesso apparato (p.es. all interno di un televisore). Gli attori principali della comunicazione sono due: il MASTER e lo SLAVE. In genere il MASTER è un microcontrollore e gli SLAVE sono le periferiche esterne come una eeprom o un RTC. Il MASTER gestisce la tempistica e inizia la trasmissione, lo SLAVE gestisce solo le richieste del MASTER a lui indirizzate. Infatti, dato che possono essere collegati più dispositivi allo stesso bus, ad ognuno di loro viene attribuito un indirizzo normalmente a 7 bit che lo identifica. Il MASTER, dato che gestisce lui le temporizzazioni, è l unico a muovere l SCL, mentre l SDA può essere mosso sia dal MASTER che dallo SLAVE a seconda della direzione dei dati. La comunicazione deve sempre iniziare con una condizione di START e finire con una condizione di STOP. È importante sapere anche che il segnale SDA può essere mosso solo quando l SCL è basso; l uniche eccezioni a questa regola sono le condizioni di START e STOP. Dopo la condizione di START il MASTER trasmette sulla linea SDA l indirizzo a 7 bit dello SLAVE con cui vuole comunicare, sia che voglia ricevere dati, sia che li voglia trasmettere. Come ottavo bit viene in genere trasmesso un bit di R/W (=READ)/(0=WRITE). Lo slave, che riconosce il suo indirizzo e si sente chiamato in causa, segnala la sua risposta sul bus dati con un segnale di ACKNOWLEDGE (0=ACK). Ricevuto l ACK il MASTER provvede a trasmettere i dati allo SLAVE oppure a riceverli, a seconda della direzione della comunicazione. In caso di assenza dell ACK (=NACK) il MASTER interrompe la comunicazione e manda un bit di STOP. Esistono due principali tipi di comunicazione tra MASTER e SLAVE Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

23 Il MASTER vuole trasmettere dati allo SLAVE (Write mode) Il master vuole ricevere dati dallo SLAVE (Read mode) WRITE MODE Il master trasmette l indirizzo dello slave a cui vuole trasmettere seguito da uno 0 (write) Il master invia i dati che vuole trasmettere Il master termina la comunicazione In questo caso è lo Slave che genera il segnale A di ACK (0=ACK). Se giunge invece un segnale di NOT ACK (=NAK) il master dovrà generare una condizione di STOP o di REPEATED START. READ MODE Il master trasmette l indirizzo dello slave a cui vuole trasmettere seguito da (read) Lo slave trasmette i dati al master Il master termina il trasferimento In questo caso è il master genera il segnale di ACK dopo aver ricevuto i dati, e quando vuole indicare allo slave che non ha più bisogno di dati genera invece un NAK. Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

24 SOFTWARE Il software del PIC acquisisce i dati convertiti dall A/D e li elabora. A questo punto salva la pesata nella eeprom interna, insieme alla data e all ora in cui è stata effettuata. sul display mostra la data, l ora, il peso lordo e la tara. La data, l ora e la tara sono impostabili tramite i tre tasti sulla scheda. Il software permette inoltre di far comunicare la scheda con altri dispositivi remoti tramite I C. SOFTWARE MAIN // //SOFTWARE PROTOTIPO SCHEDA BILANCIA BETA.0 //NANNINI SESTINI ^TELE 0/0 //TUTTI I DIRITTI RISERVATI // #include <6F886.h> #DEVICE ADC=0 #fuses INTRC_IO,NOWDT,NOPROTECT,DEBUG,NOLVP, PUT #use delay(clock= ) #use ic(master, SDA=PIN_C0, SCL=PIN_C, STREAM=RTC) #use ic(slave, SDA=PIN_C, SCL=PIN_C, STREAM=EXT, ADDRESS=0x, FORCE_HW) #use fast_io(a) #use fast_io(b) #include <Lcd_Function_Bilancia.h> #include <RTC_Function_Bilancia.h> //COSTANTI #define LEDV PIN_C #define LEDG PIN_C6 #define LEDR PIN_C7 #define TASTO PIN_B #define TASTO PIN_B #define TASTO PIN_B #define ADCCLK PIN_B #define ADCDATA #define ADCBUSY #define ADCSOC PIN_C PIN_A6 PIN_A7 #define PREMUTO 0 #define NON_PREMUTO #define EXT_SCL PIN_C #define EXT_SDA PIN_C //VARIABILI int flag_timer0; int T, T, T, Ta, Ta, Ta, Tp, Tp, Tp; int variata_ora, cmd_ic_da_eseguire; int8 mset, deltat, offset, kk; int6 tara=0; int8 conta_int, conta_ciclo; int8 conta, conta, sec_prec; int6 peso[8]; int8 reg[6], nreg; // // VISUALIZZAZIONE HOME LCD // // "GG/MM/AAAA HH:MM" :lampeggianti // "PP,PKgTaraTT,T" // Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

25 // PROTOTIPI void inizializza(void); void leggi_tasti(void); voidrimetti_ora(void); voidrimetti_tara(void); voidrimetti_data(void); void salvalettura(void); void elabora_tasti(void); void esegui_cmd_ic(void); voidvisualizza_su_lcd (void); int8 binbcd(int8 dato); int6 leggi_peso(void); // void main (void) { int8 i; inizializza(); while (TRUE) { while (!flag_timer0); //ciclo 0ms flag_timer0=0; if (((mset==0) (mset==6))) RTC_read(); if (((mset==0) (mset==6))&&((conta_ciclo%)==0)) RTC_read(); if (sec!=sec_prec) { for (i=7; i>0; i--) peso[i]=peso[i-]; peso[0] = leggi_peso(); if (deltat==0) salvalettura(); else { if ((sec==0)&&(min==0)&&((hour%deltat)==0)) salvalettura(); sec_prec=sec; leggi_tasti(); elabora_tasti(); visualizza_su_lcd(); if (cmd_ic_da_eseguire) esegui_cmd_ic(); // void inizializza(void) { setup_oscillator(osc_8mhz); //setta l'oscillatore interno del PIC con frequenza di 8MHz set_tris_a(0b ); set_tris_b(0b00); output_bit(adcclk, 0); output_bit(adcsoc, 0); setup_adc_ports(san) setup_adc(adc_clock_internal); //setta il pin...come analogico setup_timer_0 (RTCC_INTERNAL RTCC_8_BIT RTCC_DIV_6); //inizializza il timer0 enable_interrupts (INT_TIMER0); //abilita interrupt timer0 enable_interrupts (INT_SSP); //abilità interrupt sui pin IC enable_interrupts (GLOBAL); //abilità gli interrupt LCD_Init(); //inizializza LCD RTC_Init(); //iniziallizza RTC output_bit(pin_b, ); //accende retroilluminazio dell' LCD tara=((int6)read_eeprom(8)<<8)read_eeprom(9); //legge la tara dalla eeprom if (tara>99) //se è maggiore di 99 { tara=0; //la mette a 0 write_eeprom(8, 0); //e la scrive nella eeprom Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

26 write_eeprom(9, 0); write_eeprom(9, tara); write_eeprom(8, tara>>8); deltat=0; //setta l'intervallo delle letture a 0 cioè una ogni secondo write_eeprom(7, deltat); //e lo scrive nella eeprom if (deltat>) //se è maggiore di { deltat=0; //la rimette a 0 write_eeprom(7, 0); //e la salva nella eeprom offset = read_eeprom(); //legge l offset del peso dalla eprom conta_ciclo=conta_int=0; mset=0; for (nreg=0; nreg<6; nreg) reg[nreg]=; nreg=0; cmd_ic_da_eseguire=false; // void leggi_tasti(void) { Ta = (input(tasto)); //fa l'input del tasto Ta = (input(tasto)); //fa l'input del tasto Ta = (input(tasto)); //fa l'input del tasto T = (Ta==0 && Tp==); //antirimbalzo tasto T = (Ta==0 && Tp==); //antirimbalzo tasto T = (Ta==0 && Tp==); //antirimbalzo tasto if(t) conta=0; if (Ta==0&&Tp==0) //autorepeat tasto { conta; if (conta>=0) {conta=0; T=TRUE; if(t)conta=0; if(ta==0&&tp==0) //autorepeat tasto { conta; if (conta>=0) {conta=0; T=TRUE; Tp = Ta; Tp = Ta; Tp = Ta; // void elabora_tasti(void) { int dataok; if (T) //se t viene pigato cambia campo menu { switch (mset) { case 0: mset; case : mset; case : mset; case : dataok=; //rimette giorno del mese if ((month==) (month==) (month==6) (month==9)) { if (day>0) {day=0; dataok=0; else if (month==) { if ((year%)==0) {if (day>9) {day=9; dataok=0; else {if (day>8) {day=8; dataok=0; if (dataok) //se va tutto bene scrive nell rtc la data { RTC_Scrivi_registro(, binbcd(day)); RTC_Scrivi_registro(7, binbcd(month)); RTC_Scrivi_registro(8, binbcd(year)); mset=; Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA

27 else mset=; case : mset; case : if (variata_ora) //se l ora è stata rimessa va a scriverla nell rtc { RTC_Scrivi_registro(, binbcd(hour)); RTC_Scrivi_registro(, binbcd(min)); RTC_Scrivi_registro(, 0); variata_ora=false; mset; case 6: write_eeprom(9, tara); //rimette la tara e la salva nella eeprom write_eeprom(8, tara>>8); tara=((int6)read_eeprom(8)<<8)read_eeprom(9); mset=0; if (T) //se viene pigiato incrementa la variabile da rimettere { switch (mset) { case : if (day<) day; else day=; case : if (month<) month; else month=; case : if (year<99) year; else year=0; case : if (hour<) hour; else hour=0; variata_ora=true; case : if (min<9) min; else min=0; variata_ora=true; case 6: if (tara<99) tara; else tara=0; if (T) //se viene pigiato decrement la variabile da rimettere { switch (mset) { case : if (day>) day--; else day=; case : if (month>) month--; else month=; case : if (year>0) year--; else year=99; case : if (hour>0) hour--; else hour=; variata_ora=true; case : if (min>0) min--; else min=9; variata_ora=true; case 6: if (tara>0) tara--; else tara=99; Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 6

28 // voidvisualizza_su_lcd (void) { int blink_off; //lampeggio cifra da rimettere blink_off = (((conta_ciclo>6)&&(conta_ciclo<0)) (conta_ciclo>6))&&(!t)&&(!t)&&(!t); LCD_Locate(,); if ((mset==)&&blink_off) LCD_Write(" "); else { LCD_Write((day/0)'0'); LCD_Write((day%0)'0'); LCD_Write('/'); if ((mset==)&&blink_off) LCD_Write(" "); else { LCD_Write((month/0)'0'); LCD_Write((month%0)'0'); LCD_Write("/"); if ((mset==)&&blink_off) LCD_Write(" "); else { LCD_Write("0"); LCD_Write((year/0)'0'); LCD_Write((year%0)'0'); LCD_Write(' '); if ((mset==)&&blink_off) LCD_Write(" "); else { LCD_Write((hour/0)'0'); LCD_Write((hour%0)'0'); if (conta_ciclo<) LCD_Write(':'); else LCD_Write(' '); if ((mset==)&&blink_off) LCD_Write(" "); else { LCD_Write((min/0)'0'); LCD_Write((min%0)'0'); LCD_Locate(,); //scrivenell LCD if ((peso[0]/00)>0) LCD_Write((peso[0]/00)'0'); else LCD_Write(' '); LCD_Write(((peso[0]/0)%0)'0'); LCD_Write(','); LCD_Write((peso[0]%0)'0'); LCD_Write("Kg "); LCD_Write(deltaT'0'); LCD_Write("Tara"); //tara=((int6)read_eeprom(8)<<8)read_eeprom(9); if ((mset==6)&&blink_off) LCD_Write(" "); else { if ((tara/00)>0) LCD_Write((tara/00)'0'); else LCD_Write(' '); LCD_Write(((tara/0)%0)'0'); LCD_Write(','); LCD_Write((tara%0)'0'); if (conta_ciclo==) output_high(ledv); //fa un lampeggio ogni secondo else output_low(ledv); // int6 leggi_peso(void) { int6 tmp_peso; Classe A TELECOMUNICAZIONI A.S. 0/ - IIS T. SARROCCHI SIENA 7

Il sensore ad ultrasuoni

Il sensore ad ultrasuoni Il sensore ad ultrasuoni Caratteristiche elettriche Alimentazione: 5 Vcc Il sensore rileva oggetti da 0 cm fino a 6,45 metri. Tre diverse possibiltà per leggere il dato di uscita del sensore: 1. lettura

Dettagli

In questa puntata scopriremo

In questa puntata scopriremo TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259 - Gennaio 2007 Interfacce SPI, I2C e 1-Wire Ottava parte n 260 - Febbraio 2007 Uso

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio.

mendiante un ciclo e finché il segnale rimane alto, si valuta il tempo T3 usando il timer del microcontrollore e una variabile di conteggio. Svolgimento (a) Il sensore di temperatura ha un uscita digitale a 9 bit, emettendo un codice binario proporzionale al valore Temp richiesto. Possiamo pensare si tratti di un dispositivo 1-Wire. Un sistema

Dettagli

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II)

DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) DISPLAY LCD HD44780U(LCD-II) 1. Descrizione 1.1 Introduzione Molti dispositivi a microcontrollore usano un visualizzatore (display) LCD per mostrare delle informazioni, uno dei tipi più usati può mostrare

Dettagli

OROLOGIO DIGITALE a MICROCONTROLLORE con PIC 16F628A

OROLOGIO DIGITALE a MICROCONTROLLORE con PIC 16F628A OROLOGIO DIGITALE a MICROCONTROLLORE con PIC 6F68A Realizzazione di un preciso orologio digitale (formato HH:MM:SS) utilizzando un microcontrollore della Microchip, il PIC 6F68A http:///progetti/orologio-digitale-con-picmicro.html

Dettagli

Un semplice timer per

Un semplice timer per Timer programmabile 50 Un semplice timer per bromografo, programmabile da 1 a 3600 sec, con visualizzazione del tempo impostato e del tempo trascorso su display LCD 16x2. Utilissimo in laboratorio per

Dettagli

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it

PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it PLC51 di G.Filella e C. Befera filella@tin.it Ecco il piccolo Davide, un ottimo esempio di come l elettronica si integra con l informatica: un potente PLC controllabile tramite la porta seriale di un personal

Dettagli

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia

Progetto di Microcontrollori. Cronotermostato per Caldaia Progetto di Microcontrollori Cronotermostato per Caldaia Obiettivo del Progetto Realizzazione di un dispositivo elettronico capace di gestire l accensione di una caldaia mediante il controllo della temperatura

Dettagli

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici Lettore General Porpouse di Badge Magnetici I sistemi di controllo degli accessi trovano da sempre ampio consenso tra il nostro pubblico; questo è il motivo per cui proponiamo regolarmente all interno

Dettagli

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE Chi ha costruito e utilizzato il Controllo GSM bidirezionale con cellulari Siemens, descritto nel fascicolo n 71 della nostra rivista, ha certamente apprezzato le sue possibilità

Dettagli

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori

Microcontrollore. Ora invece passiamo a spiegare come funzionano i convertitori A/D interni ai microcontrollori Microcontrollore Il microcontrollore è un sistema a microprocessore completo,integrato in un unico chip, progettato per avere la massima autosufficienza e versatilità. Infatti visto il loro prezzo esiguo,

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

Questa puntata conclude il

Questa puntata conclude il PRATICA TEORIA RISORSE SPECIALE Decima parte n 248 - Febbraio 2006 La scheda di sviluppo EasyPIC3 Undicesima parte n 249 - Marzo 2006 Conversionie analogico/digitale con il PIC Dodicesima parte n 250 -

Dettagli

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto.

è importante farci conoscere e comunicare ai giovani la nostra passione e poi, si sa, da cosa nasce cosa... Premessa. Il Progetto. La Radio nelle scuole, storia di un progetto portato a termine dalla Sezione ARI di Padova in collaborazione con l Istituto Tecnico Industriale F. Severi di Padova. è importante farci conoscere e comunicare

Dettagli

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA Sulla scia dei differenti tipi di display multifunzionali già presentati, ecco un nuovo dispositivo che utilizza i moduli giganti a sette segmenti con led

Dettagli

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW Z USB IO A&D con LABVIEW L interfaccia nasce dalla necessità di sostituire le periferiche usate fin ora in laboratorio basate sulla porta parallela e seriale del PC. Questo tipo di interfacce ormai poco

Dettagli

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole.

Nicola Amoroso. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Microcontrollori Microchip PIC 8 bit. namoroso@mrscuole. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L2 1 Microcontrollori Microchip PIC 8 bit PIC: Peripheral Interface

Dettagli

OROLOGIO E TERMOMETRO DA MACCHINA

OROLOGIO E TERMOMETRO DA MACCHINA OROLOGIO E TERMOMETRO DA MACCHINA Descrizione del progetto.... Descrizione delle parti elettroniche...6. µcontrollore...6. Display x6...6.4 DS0...6.5 DS8B0...6 Schema...7 Parte codice...8 4 Funzionamento...8

Dettagli

PICOTEP - Ing. Ferdinando FUSCO

PICOTEP - Ing. Ferdinando FUSCO 1 2 Il nome del dispositivo nasce tra la fusione di quattro parole: PI CO TE P P.I.C. - Microcontrollore CONTROL Controllo TEMPERATURE - Temperatura P.W.M. Pulse Width Modulation (Modulazione di larghezza

Dettagli

L ELETTRONICA. Il progetto completo della scheda di interfaccia col PC tramite porta parallela e del driver da 2A per il pilotaggio dei motori

L ELETTRONICA. Il progetto completo della scheda di interfaccia col PC tramite porta parallela e del driver da 2A per il pilotaggio dei motori SPECIALE CNC IL PROGETTO DELLA CNC L ELETTRONICA Il progetto completo della scheda di interfaccia col PC tramite porta parallela e del driver da 2A per il pilotaggio dei motori FIGURA 15: la scheda di

Dettagli

Progetto di un contatore Geiger Muller

Progetto di un contatore Geiger Muller CAPITOLO V Progetto di un contatore Geiger Muller 1 Introduzione Nel presente capitolo verrà presentato un possibile progetto di un contatore Geiger- Muller. Nei paragrafi due e tre sarà analizzato lo

Dettagli

Finalità delle misure

Finalità delle misure Sistemi di controllo industriale tramite Ing. Lorenzo Comolli Finalità delle misure In ambito scientifico,, studiare i fenomeni, verificare sperimentalmente modelli matematici e teorie scientifiche, monitorare

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC

Il Microcontrollore. Microcontrollore PIC Il Microcontrollore Per realizzare un automatismo l elettronica ci mette a disposizione diverse possibilità. La prima, la più tradizionale, si basa su componenti transistor, mosfet, integrati con porte

Dettagli

SISTEMI DI ACQUISIZIONE

SISTEMI DI ACQUISIZIONE SISTEMI DI ACQUISIZIONE Introduzione Lo scopo dei sistemi di acquisizione dati è quello di controllo delle grandezze fisiche sia nella ricerca pura, nelle aziende e, per i piccoli utenti. I vantaggi sono:

Dettagli

Uno dei metodi più utilizzati e

Uno dei metodi più utilizzati e TEORIA MHZ RISORSE SPECIALE PRATICA Quinta parte n 257 - Novembre 2006 Realizzazione di un timer digitale programmabile Sesta parte n 258 - Dicembre 2006 Uso delle interfacce seriali Settima parte n 259

Dettagli

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE Scheda d interfaccia per PC da collegare alla porta seriale. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi digitali e due analogici. Un

Dettagli

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 Il minipic è uno strumento mediante il quale è possibile programmare i microcontrollori della Microchip ed eseguire, su prototipi

Dettagli

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza

Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Progetto e realizzazione di un sistema che rileva la temperatura a distanza Obiettivo e specifiche del progetto 1. Monitoraggio in tempo reale della temperatura in una stanza (Tacq= 4 sec, Input range=

Dettagli

Impianto civile di una casa

Impianto civile di una casa Modolo Nicola Vettorel Denis BET ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE I.T.I.S. TESINA ESAME DI STATO A.S. 0/0 Indice Introduzione Pag. Schema a blocchi Pag. Schema elettrico

Dettagli

ALBRE24R2M3A. Descrizione pagina 2. Specifiche tecniche pagina 3. Layout pagina 4, 5. Mappe di cablaggio pagine 6, 7. Dimensioni pagina 8

ALBRE24R2M3A. Descrizione pagina 2. Specifiche tecniche pagina 3. Layout pagina 4, 5. Mappe di cablaggio pagine 6, 7. Dimensioni pagina 8 Ultimo aggiornamento: 12.11.2004 albatros ALBRE24R2M3A Descrizione pagina 2 Specifiche tecniche pagina 3 Layout pagina 4, 5 Mappe di cablaggio pagine 6, 7 Dimensioni pagina 8 Autodiagnosi pagina 9 tel.

Dettagli

Introduzione. Funzionamento

Introduzione. Funzionamento Introduzione Il Driver per SAA1064 v1.0 pilota, seguendo il protocollo I2C, un dispositivo SAA1064 in modo da gestire 4 display 7 segmenti, sfruttando l utilizzo di un dispositivo programmabile (FPGA).

Dettagli

FT530 COMBINATORE TELEFONICO GSM CON SINTESI VOCALE. Schema Elettrico 1/5 FT530K CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT530 COMBINATORE TELEFONICO GSM CON SINTESI VOCALE. Schema Elettrico 1/5 FT530K CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO FT530 COMBINATORE TELEFONICO GSM CON SINTESI VOCALE Il nostro combinatore GSM è sicuramente un sistema all avanguardia, basato su un modem cellulare GM47 e su un PIC16F877 opportunamente programmato per

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE DIPARTIMENTO DI ELETTROTECNICA, ELETTRONICA E INFORMATICA ANNO ACCADEMICO 2002/2003 TESINA DI ELETTRONICA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE DIPARTIMENTO DI ELETTROTECNICA, ELETTRONICA E INFORMATICA ANNO ACCADEMICO 2002/2003 TESINA DI ELETTRONICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE DIPARTIMENTO DI ELETTROTECNICA, ELETTRONICA E INFORMATICA ANNO ACCADEMICO 00/00 TESINA DI ELETTRONICA TERMOMETRO DIGITALE GESTITO DA MICROCONTROLLORE PIC F8 Professore:

Dettagli

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione

ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione ELETTRONICA Tema di Sistemi elettronici automatici Soluzione La traccia presenta lo sviluppo di un progetto relativo al monitoraggio della temperatura durante un processo di produzione tipico nelle applicazione

Dettagli

Introduzione ai Microcontrollori Workshop 08/06/2011 Dott.Ing.Marco Frosini Qprel srl Dott.Ing.Lorenzo Giardina Qprel srl Slide 1 di 27 L'elettronica digitale PRIMA dei microcontrollori Elemento base:

Dettagli

ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board 0216 - GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System

ExpBoard 0216 Manual. Expansion Board 0216 - GAS versione Base. FluctuS Intelligent Sensor System Cod. Doc.: 88021600_rev10_FluctuS ExpBoard 0216 Manual Revisione: 1.0 Data: 17/05/2013 Pag. 1/14 ExpBoard 0216 Manual Expansion Board 0216 - GAS versione Base FluctuS http://www.e-fluctus.com Sommario

Dettagli

PANNELLO LUMINOSO A MATRICE DI LED I 2 C

PANNELLO LUMINOSO A MATRICE DI LED I 2 C PANNELLO LUMINOSO A MATRICE DI LED I 2 C prima parte di Luca Calore l.calore@farelettronica.com Il pannello luminoso a matrice di led che mi accingo a proporvi è un progetto unico nel campo amatoriale,

Dettagli

IL BUS I 2 C. Figura 1 Esempio di bus I 2 C

IL BUS I 2 C. Figura 1 Esempio di bus I 2 C IL BUS I 2 C In molti progetti d'elettronica, anche riferiti ad ambiti tra loro diversi (industriale, telecomunicazioni, etc.), spesso è rintracciabile una situazione ricorrente in cui un dispositivo intelligente,

Dettagli

Progetto di Domotica

Progetto di Domotica Progetto di Domotica Titolo dell esercitazione: Progetto di Domotica Descrizione sommaria dell esperienza: Realizzazione di un circuito che permette il controllo di vari sensori all interno di un edificio.

Dettagli

Arethusa V22 User manual

Arethusa V22 User manual Arethusa V22 User manual Parsic Italia Via Santerno,8 48010 Savio di Cervia Sito web : www.parsicitalia.it www.parsicitalia.com Copyright e-mail info@parsicitalia.com Copyright Nessuna parte del presente

Dettagli

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Indice: pag. Introduzione 2 Descrizione 3 Alimentazione 3 Sensori IR OMRON e adattamento del segnale 4 Fotodiodi IR, trattazione del segnale, comparazione e stadio

Dettagli

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.

-V- Novità. Unità operative FED, Front End Display 7.1. Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6. D07_01_010_F-FED D07_01_009_E-FED Unità operative FED, Interfaccia Ethernet (opzionale) Semplice progettazione con l editor designer 6.02 Interfaccia PC/stampante (FED-90) Clock interno 2003/10 Con riserva

Dettagli

Il PLC per tutti PRATICA

Il PLC per tutti PRATICA Settima parte: Settembre 2007 I Relays e la gestione dei dati Ottava parte: Ottobre 2007 Utilizzare il modulo Led a 7 segmenti giganti Nona parte: Novembre 2007 Applicazioni con i display a 7 segmenti

Dettagli

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO

progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO progettare & costruire di NICOLA DE CRESCENZO GENERATORE di funzionilow-cost Vi proponiamo il progetto di un generatore di funzioni semplice ed economico, ideale per coloro che, essendo agli inizi, vogliono

Dettagli

la conversione digitale/analogica

la conversione digitale/analogica Conversione A/D-D/A Esiste la possibilità di mettere in comunicazione un dispositivo analogico con uno digitale. -Un segnale analogico è un segnale che varia con continuità, al quale possono essere associate

Dettagli

Per la corretta comunicazione tra PC e apparato, è necessario:

Per la corretta comunicazione tra PC e apparato, è necessario: 765HPRWH&RQWUROOHU 0DQXDOHXWHQWH 1 6RPPDULR 1 Introduzione... 3 1.1 Scopo del programma e filosofia di funzionamento... 3 1.2 Scarico di responsabilità... 3 1.3 Requisiti hardware... 3 1.4 Condizioni di

Dettagli

MONTAGGIO E PROGRAMMAZIONE DEI PIC

MONTAGGIO E PROGRAMMAZIONE DEI PIC MONTAGGIO E PROGRAMMAZIONE DEI PIC Il montaggio di KDCCX è facile grazie al pcb industriale (già disponibile) con piazzole stagnate solder resist e serigrafie dei componenti. Una buona regola consiglia

Dettagli

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8.

Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008. Programmare i PIC in C. Timers Interrupts Prerequisiti: Lezione7 Lezione8. Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2007 2008 Programmare i PIC in C Prerequisiti: Lezione7 Lezione8 Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net NA L15 1 Timers - Interrupts I timers e gli Interrupts

Dettagli

Categorie di sistemi Digitali

Categorie di sistemi Digitali Vivian Marco 3isc AS 2007/08 Categorie di sistemi Digitali A Logica cablata Il comportamento di questi sistemi è legato dalla loro struttura fisica. Se si desidera modificarne il comportamento è necessario

Dettagli

Chiave DTMF con PIC16F84. Angelo - IT9DOA

Chiave DTMF con PIC16F84. Angelo - IT9DOA Chiave DTMF con PIC16F84 Angelo - IT9DOA Mettendo in ordine la mia libreria ho avuto modo di rileggere degli appunti che trattano alcuni circuiti elettronici che ho realizzato diversi anni fa e di cui

Dettagli

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi

Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014. Tracking ADC. M. De Vincenzi Esperimentazioni di Fisica 3 AA 2013-2014 Tracking ADC M. De Vincenzi 1 Introduzione La digitalizzazione di segnali analogici si realizza tramite dispositivi che vengono detti ADC (acronimo per Analog

Dettagli

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo SCH 33 Voltmetro a 3 digit Obiettivi Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo IC1 = CA 3162 A/D converter for 3-Digit Display IC2 = CA 3161 BCD to seven segment

Dettagli

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione

Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Remote Terminal Unit B-200 Pag. 1 Descrizione Introduzione La RTU B200, ultima nata del sistema TMC-2000, si propone come valida risposta alle esigenze di chi progetta e implementa sistemi di automazione

Dettagli

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA

progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA progettare & costruire di GIOVANNI DI MARIA Interfacciare il PC con il mondo esterno LA PORTA SERIALE DEL PC in uscita con il PIC In questa puntata interfacceremo il Personal Computer con le nostre apparecchiature

Dettagli

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet. (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet. (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00 Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet (Foto) Manuale d installazione e d uso V1.00 Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso.

Dettagli

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica

Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica Dipartimento di Fisica Sperimentale Laboratorio di Elettronica D.Gamba,P.P.Trapani April 9, 2004 1 1 Circuiti Digitali Integrati: Timer, ADC e DAC In questo Lab. si imparera ad usare alcuni circuiti integrati

Dettagli

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA

Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta. Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA Risposta al quesito a Esami di Stato 2008 - Soluzione della seconda prova scritta Indirizzo: Elettronica e Telecomunicazioni Tema di ELETTRONICA (A CURA DEL PROF. Giuseppe SPALIERNO docente di Elettronica

Dettagli

Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena

Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Protocolli di Comunicazione Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Università di Bologna, Cesena Aldo Romani A.a. 2005-2006 UART UART Universal Asynchronous Receiver/Transmitter Clock implicito e trasmissione

Dettagli

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet

Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet Da RS232/RS485 a LAN 10/100BaseT Ethernet APICE S.r.l. Via G.B. Vico, 45/b - 50053 Empoli (FI) Italy www.apice.org support@apice.org BUILDING AUTOMATION CONTROLLO ACCESSI RILEVAZIONE PRESENZE - SISTEMI

Dettagli

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: ELETTRONICA PIANO DELLE UDA PER LA CLASSE 4IA

PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: ELETTRONICA PIANO DELLE UDA PER LA CLASSE 4IA PIANO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA DISCIPLINA: ELETTRONICA PIANO DELLE PER LA CLASSE 4IA della n. 1 correnti alternate Ore:20 settembre - ottobre Uso specifico del nella risoluzione dei problemi sia in classe

Dettagli

DCC. Se avete digerito il contenuto. Il sistema

DCC. Se avete digerito il contenuto. Il sistema Primaparte Introduzione PRATICA Seconda parte Il modulo di comando Terza parte Il booster, il modulo di servizio e il software di controllo TEORIA RISORSE SPECIALE Il sistema DCC 32 Se avete digerito il

Dettagli

Interfacciamento DCREG via PROFIBUS- DP

Interfacciamento DCREG via PROFIBUS- DP 16B0221A3 Interfacciamento via PROFIBUS- DP Agg. 03/05/04 R.00 Versione D3.09 Italiano Il presente manuale costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto. Leggere attentamente le avvertenze contenute

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle

Dettagli

HW USER MAUAL. RF Pallet LC-ASS-009/011/012. Rel 1.3

HW USER MAUAL. RF Pallet LC-ASS-009/011/012. Rel 1.3 RF Pallet LC-ASS-009/011/012 HW USER MAUAL Rel 1.3 1) Descrizione Generale...2 2) Montaggio Meccanico...3 3) Connessioni Elettriche...4 4) Descrizione Interface Connector...5 5) Indicatori luminosi...7

Dettagli

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F

Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F Architettura dei Microcontrollori Microchip PIC18F A. Romani Elettronica dei Sistemi Digitali L-A Cos è un microcontrollore? Differenza tra Microprocessore e Microcontrollore à Microprocessore: normalmente

Dettagli

Progetto di un circuito a microcontrollore per la gestione del ricetrasmettitore impiegato nel satellite Atmocube

Progetto di un circuito a microcontrollore per la gestione del ricetrasmettitore impiegato nel satellite Atmocube UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica, Elettrotecnica ed Informatica TESI DI LAUREA TRIENNALE in ELETTRONICA Progetto di un circuito a microcontrollore per

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

CHIAVE ELETTRONICA CON CHIP CARD (EEPROM) di Massimo e Leonardo Divito div.massimo@tiscali.it

CHIAVE ELETTRONICA CON CHIP CARD (EEPROM) di Massimo e Leonardo Divito div.massimo@tiscali.it CHIAVE ELETTRONICA CON CHIP CARD (EEPROM) di Massimo e Leonardo Divito div.massimo@tiscali.it Ecco a voi un semplice circuito utile ad attivare una serratura elettrica o a tenere sotto chiave qualsiasi

Dettagli

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE

Esame di Stato 2015. Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Esame di Stato 2015 Materia: SISTEMI AUTOMATICI PRIMA PARTE Il problema proposto riguarda un sistema di acquisizione dati e controllo. I dati acquisiti sono in parte di natura digitale (misura del grado

Dettagli

Descrizione e modalità d uso del modulo bluetooth pic-blu

Descrizione e modalità d uso del modulo bluetooth pic-blu MANUALE D USO MODULO PIC-BLU Descrizione e modalità d uso del modulo bluetooth pic-blu Rev.0809 Pag.1 di 15 www.carrideo.it INDICE 1. IL MODULO PIC-BLU... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE GENERALE

Dettagli

I PIC Partendo da Zero By link_89

I PIC Partendo da Zero By link_89 I PIC Partendo da Zero By link_89 Indice: 1. Introduzione 2. Che cosa serve 3. I più usati 4. I registri 5. Il Primo progetto Introduzione Con questa guida non pretendo di insegnarvi a usare perfettamente

Dettagli

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON...

A/D CON PIC 16F877. Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2 ADCON0... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... A/D CON PIC 16F877 Sommario INTRODUZIONE... 2 SELEZIONARE I BANCHI... 2... 4 ADCS1, ADCS0... 4 CH2, CH1 E CH0... 5 GO/DONE... 6 ADON... 7 ESEMPIO 1... 7 ADCON1... 8 ADFM... 8 PGF3, PGF1 E PGF0... 9 ESEMPIO

Dettagli

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1

IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 1 Davide Oldani (Galaxi93) IMPARIAMO CON IL PIERIN - IL BUS SPI 20 July 2013 Premesse Lo scopo di questo articolo è quello di riuscire a interfacciare un DAC della Maxim (MAX541) al PIERIN PIC18 via SPI.

Dettagli

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI

UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI UNA INTRODUZIONE AL MONDO DEI MICROCONTROLLORI 1 Microcontrollori? Molti prodotti utilizzati quotidianamente contengono più intelligenza di quanto ogni utente possa immaginare. Uno studio indica che ogni

Dettagli

Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile

Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile Centrale di rilevazione incendio analogica-indirizzabile Rivelatori analogici HFA-2000 Centrale incendio analogica-indirizzabile Progettata per funzionare esclusivamente con i rivelatori incendio Serie

Dettagli

Architettura del computer (C.Busso)

Architettura del computer (C.Busso) Architettura del computer (C.Busso) Il computer nacque quando fu possibile costruire circuiti abbastanza complessi in logica programmata da una parte e, dall altra, pensare, ( questo è dovuto a Von Neumann)

Dettagli

Interfacciamento DCREG via CANopen

Interfacciamento DCREG via CANopen 15Q0059A00 Interfacciamento via CANopen Agg. 21/11/07 R.00 Versione SW D4.02 o superiore Italiano Il presente manuale costituisce parte integrante ed essenziale del prodotto. Leggere attentamente le avvertenze

Dettagli

Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software

Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software Progettazione e realizzazione di un trasmettitore infrarosso per ricevitori X-10 45 Capitolo 4: Progettazione e realizzazione dell hardware e del software 4.1 Introduzione Noto il protocollo Marmitek,

Dettagli

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392

attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 attrezzatura varia 5.4 celle di carico 5.4.1 celle di carico pag. 392 392 5.4.1 celle di carico tecnotest unità di controllo digitale monotronic monotronic - centralina digitale a microprocessore AD 005

Dettagli

TUTORIAL: COME USARE UN LM35 PER MISURARE UNA TEMPERATURA SU TUTTA LA SCALA CENTIGRADA

TUTORIAL: COME USARE UN LM35 PER MISURARE UNA TEMPERATURA SU TUTTA LA SCALA CENTIGRADA TUTORIAL: COME USARE UN LM35 PER MISURARE UNA TEMPERATURA SU TUTTA LA SCALA CENTIGRADA Molte persone (io compreso) che comprano la prima volta un LM35, lo fanno perché sono spinti da come sia facile da

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net

Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net Corso introduttivo sui microcontrollori A. S. 2013 2014 Il Bus SPI (Serial Peripheral Interface) Vedi anche: l interfaccia SPI di Mauro Laurenti [http://www.laurtec.it] Nicola Amoroso namoroso@mrscuole.net

Dettagli

Rilheva - LAN. Manuale d uso. Ethernet System

Rilheva - LAN. Manuale d uso. Ethernet System Rilheva - LAN Manuale d uso Ethernet System INDICE DIMENSIONI 3 AVVERTENZE DI SICUREZZA 4 DESCRIZIONE GENERALE 4 ARCHITETTURA DEL SISTEMA 5 APPLICAZIONI 6 CONFIGURAZIONE DEL DISPOSITIVO 6 DIAGNOSTICA 7

Dettagli

Eura Versione 2.0 MANUALE TECNICO

Eura Versione 2.0 MANUALE TECNICO Eura Versione 2.0 MANUALE TECNICO AEM Acotel Engeneering and Manufactoring Spa Via della Valle dei Fontanili 29/37 00168 - ROMA 06/61141000 r.a. 06/6149936 www.acotelnet.it Le informazioni contenute in

Dettagli

Analisi della qualità dell energia

Analisi della qualità dell energia Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 412 e 413 Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 202 e 303 Analizzatore tot ale della qualità di rete 3196 Analisi

Dettagli

8400/20LR - 8401/20LR - 8402/20LR

8400/20LR - 8401/20LR - 8402/20LR Data logger portatili dotati di n 30, espandibili fino a 60, per misure da trasduttori, termocoppie termoresistente, contatori e segnali logici. 8400/20LR Registratore data logger dotato di n 30 per la

Dettagli

Te & Te@Europe (Telemonitoraggio e telecontrollo in Europa)

Te & Te@Europe (Telemonitoraggio e telecontrollo in Europa) Te & Te@Europe (Telemonitoraggio e telecontrollo in Europa) Nell ambito del programma comunitario SOCATES/Comenius, Progetti di Sviluppo della Scuola, l ITIS Montani di Fermo ha partecipato insieme ad

Dettagli

OSCILLATORI AL QUARZO: CONTASECONDI

OSCILLATORI AL QUARZO: CONTASECONDI ... OSCILLATORI AL QUARZO: CONTASECONDI di Maurizio Del Corso m.delcorso@farelettronica.com Come può un cristallo di quarzo oscillare ad una determinata frequenza? Quale spiegazione fisica c è dietro a

Dettagli

Dispositivo Modbus. Manuale di installazione e uso. Doc-0074756 Rev.1 (03/15)

Dispositivo Modbus. Manuale di installazione e uso. Doc-0074756 Rev.1 (03/15) Dispositivo Modbus Manuale di installazione e uso Doc-0074756 Rev.1 (03/15) INDICE 1 Generalità... 3 2 Interfaccia Modbus... 3 2.1 Configurazione Modbus... 3 3 Collegamento... 4 3.1 Schema di collegamento...

Dettagli

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED

SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED SISTEMI E DISPOSITIVI EMBEDDED Fasar Elettronica propone un innovativa e performante famiglia di prodotti per l'ambiente embedded, che comprende sistemi completi e singoli

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

Galileo Galilei Via G. Galilei, 16 31015 Conegliano (TV)

Galileo Galilei Via G. Galilei, 16 31015 Conegliano (TV) Istituto Tecnico Industriale Statale Galileo Galilei Via G. Galilei, 6 05 Conegliano (TV) OROLOGIO DIGITALE PROGRAMMABILE Mocchi Andrea Classe 5^Bet Anno scolastico 0-0 Tesina per gli esami di stato. SOMMARIO

Dettagli

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1

ADX. Misuratore di coppia. Manuale Utente Ver. 2.10. (Da versione FW 1.20 in poi) 1 / 1 ASA-RT srl -- Strada del Lionetto, 16/a 10146 Torino ITALY Tel: +39 011 796 5360884 333r.a.. Fax: +39 011712 19835705 339 E_mail: info@asa-rt.com Url: www.asa-rt.com ADX Misuratore di coppia Manuale Utente

Dettagli

Università degli studi di Lecce

Università degli studi di Lecce Università degli studi di Lecce Tesina di elettronica 2 Studente: Distante Carmelo Facoltà: Ingegneria Informatica teledidattica Generatore di Numeri casuali Anno Accademico 2002/2003 Generatore di numeri

Dettagli

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM

UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM MANUALE DEL CONTROLLO ELETTRONICO UNITA DI RINNOVO ARIA E RECUPERO TERMICO CON CIRCUITO FRIGORIFERO INTEGRATO A POMPA DI CALORE SERIE RFM Il sistema di controllo elettronico presente a bordo delle unità

Dettagli

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI

M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO. Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI M320 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTIALE COSO DI ODINAMENTO Indirizzo: ELETTONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: ELETTONICA (Testo valevole per i corsi di ordinamento e per i corsi del progetto

Dettagli

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM.

Manuale istruzioni. 01941 Comunicatore GSM. Manuale istruzioni 094 Comunicatore GSM. Indice. Descrizione................................................................ 2 2. Campo di applicazione.......................................................

Dettagli