UFC 6. Organizzazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UFC 6. Organizzazione"

Transcript

1 UFC 5 Informatica 1 Anno 1 Competenze conoscenze e competenze tecniche per un efficiente utilizzo del Personal Computer, per la corretta gestione della modulistica aziendale e per le altre operazioni correlate, con particolare riguardo ai modelli, alle tabelle, alla gestione contemporanea di testo e grafica all'interno di documenti e le molteplici funzionalità offerte dai fogli elettronici nella gestione di pratiche d'ufficio Durata in ore 24 Unità didattiche 5.1 Informatica 1 (24)

2 UD 5.1 Informatica 1 Anno 1 Competenze MICROSOFT WORD Operazioni sui file Gestione del testo; Utilizzo delle intestazioni e delle note a piè pagina; Utilizzo della correzione automatica del testo e creazione di dizionari personalizzati; Creazione e gestione di documenti su colonne multiple Sessione 2 Inserimento di elementi grafici nel documento; Utilizzo delle sezioni per la creazione di formati particolari di documenti; Introduzione ai modelli e agli stili; Utilizzo delle tabelle;utilizzo delle stampe unioni; Inserimento di collegamenti ipertestuali; Utilizzo degli indici e sommari automatici; Inserimento e utilizzo delle note e delle didascalie Sessione 3 MICROSOFT EXCEL Celle, righe, colonne; Formattazione manuale dei fogli di lavoro: carattere, colore, bordo, sfondo, Formattazione automatica dei fogli di lavoro Inserimento di commenti nelle celle o gruppi di celle; Descrizione con esempi pratici delle formule di calcolo Sessione 4 Ricalcolo manuale ed automatico; Creazione e gestione di grafici: a barre, a torta, ecc; Scambio di informazioni con il programma Microsoft Word; Protezione dei dati: blocco dei file e dei fogli di lavoro. Formattazione avanzata dei fogli di lavoro; Sessione 5 Introduzione ai Browers ; Pagine Web, Utilizzo di Microsoft Explorer per la navigazione: Reperibilità delle informazioni: utilizzo dei motori di ricerca più diffusi; Sessione 6 La posta elettronica Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 24 2A1P Comparto 14 P 2A1P Comparto 14 P 2A1P Comparto 14 P 2A1P Comparto 14 P 2A1P Comparto 14 P 2A1P Comparto 14 P 2

3 UFC 6 Organizzazione Anno 1 Competenze Conoscere la propria collocazione all interno dell impresa, saper cogliere correttamente il funzionamento del sistema informativo ed i flussi comunicativi in entrata ed in uscita; Eseguire una corretta lettura del comportamento dell impresa Durata in ore 8 Unità didattiche 6.1 Organizzazione (8) 3

4 UD 6.1 Organizzazione Anno 1 Competenze Modelli organizzativi (gerarchico, funzionale, misto, a matrice; definizione della mission aziendale; L azienda come sistema di qualità: i principi di produttività, efficacia ed efficienza; L azienda come sistema socio tecnico: organizzazione del lavoro, mansionari Sessione 2 Cenni sulla gestione dell archivio; Sviluppo delle capacità organizzative: gestione del tempo, capacità di analisi e soluzione dei problemi. Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 8 2A1P Comparto 14 T 2A1P Comparto 14 P 4

5 UFC 7 Comunicazione Anno 1 Competenze Sapersi rapportare in modo positivo con i colleghi mantenendo chiara la posizione di lavoro occupata nel contesto aziendale; Essere in grado di dare e ricevere informazioni in forma appropriata a seconda del contenuto e del contesto; Saper ascoltare in forma attiva e reattiva; Saper comunicare ed interagire in modo efficace all'interno di gruppi di lavoro; Relazionarsi correttamente con le persone per rispondere alle richieste del compito Durata in ore 12 Unità didattiche 7.1 Comunicazione (12) 5

6 UD 7.1 Comunicazione Anno 1 Competenze Cos è la comunicazione, quali sono le sue funzioni, i modi in cui si articola e l importanza di un suo corretto uso all interno dei gruppi che lavorano in un azienda; Il processo della comunicazione; La comunicazione ad una e due vie; La comunicazione verbale e non verbale; Messaggio di contenuto e di relazione; La comunicazione telefonica; Sessione 2 L efficacia comunicativa nel contesto di lavoro; Le dinamiche di gruppo: giochi di ruolo; Le dinamiche dell affettività nel gruppo; Disturbi comunicativi, riconoscimento dei conflitti e apprendimento di tecniche atte a superare le difficoltà riscontrabili in un gruppo Sessione 3 Ascoltare in modo attivo, creare sintonia all interno di un gruppo Metodologia Simulazioni; Giochi psicologici; Casi situazionali; Attività di gruppo Valutazione osservazione in situazione Durata in ore 12 2A1P Comparto 14 T 2A1P Comparto 14 P 2A1P Comparto 14 T 6

7 UD 7.2 Parlare in pubblico Anno 1 Competenze conoscere quali sono i principali problemi relativi ad una comunicazione in pubblico imparare gli accorgimenti più efficaci per la preparazione di un intervento accurato acquisire gli strumenti utili a mantenere l attenzione e il coinvolgimento del pubblico e a verificare l effetto ottenuto nessuno La comunicazione che cos è l emittente il ricevente la comunicazione in pubblico La preparazione dell intervento i momenti chiave la scelta della modalità di comunicazione e dell ambiente la predisposizione dei supporti la verifica della preparazione Sessione 2 Il momento della presentazione trasmettere positività le metafore, i presupposti, le domande spezzare la presentazione gestire le obiezioni la voce, la mimica, il corpo, lo spazio la valutazione del risultato Metodologia Simulazioni; Giochi psicologici; Casi situazionali; Attività di gruppo Valutazione osservazione in situazione Durata in ore 12 2A1P Comparto 14 P 7

8 UD 7.3 Come motivare i propri collaboratori Anno 1 Competenze comprendere i concetti chiave relativi alle potenzialità della motivazione apprendere le dinamiche motivazionali migliorare la capacità di determinare il proprio livello di motivazione individuare le azioni da svolgere per motivare gli altri nessuno Che cos è la motivazione Il ciclo motivazionale Il contenuto della motivazione: cosa motiva la gerarchia dei bisogni il fascino del vertice gli aspetti relazionali Il processo della motivazione: come motivare la forza del rinforzo la probabilità e il valore la definizione degli obiettivi L applicazione della motivazione fattori igienici e fattori motivazionali la profezia che si autoavvera la criticità della partecipazione La mancanza di motivazione Appartenere per motivare Coinvolgere per motivare Legare per motivare Investire per motivare Metodologia FAD Simulazioni; Giochi psicologici; Casi situazionali; Attività di gruppo Valutazione osservazione in situazione Durata in ore 4 2A1P Comparto 14 P 8

9 UD 7.4 Il centralino Anno 1 Competenze imparare metodi e strumenti efficaci per affrontare meglio il contatto telefonico con l interlocutore, sviluppare le proprie capacità relazionali, gestire con efficacia le situazioni difficili e lo stress da contatto nessuno Concetti di base il ruolo del centralinista la qualità del servizio La comunicazione al telefono l empatia il processo di comunicazione: il mittente il processo di comunicazione: il ricevente Gli interlocutori il dogmatico l aggressivo il passivo il prolisso Sessione 2 Strumenti pratici rispondere al telefono la prima telefonata le telefonate successive ascoltare efficacemente controllare il tono della voce le frasi da evitare affrontare le lamentele concludere la telefonata Metodologia FAD Simulazioni; Giochi psicologici; Casi situazionali; Attività di gruppo Valutazione osservazione in situazione Durata in ore 8 2A1P Comparto 14 P 2A1P Comparto 14 P 9

10 UD 7.5 L operatore di call center Anno 1 Competenze approfondire le abilità comunicative specifiche richieste dal ruolo imparare ad usare le parole e la modalità espressiva più adeguate a soddisfare le richieste dei clienti nessuno Come gestire un reclamo capire cosa è successo capire perché è successo individuare le soluzioni possibili La comunicazione assertiva riconoscere il comportamento assertivo lo stile aggressivo lo stile passivo lo stile assertivo importanza dell autostima Metodologia FAD Simulazioni; Giochi psicologici; Casi situazionali; Attività di gruppo Valutazione osservazione in situazione Durata in ore 4 2A1P Comparto 14 P 10

11 UD 7.6 L uso del telefono nelle organizzazioni Anno 1 Competenze imparare a comunicare in modo efficace al telefono acquisire strumenti di soddisfazione e fidelizzazione del cliente nell ambito di un contatto telefonico nessuno Chi è il nostro interlocutore L empatia La comunicazione Tecniche di comunicazione rispondere tempestivamente rispondere con un sorriso trasmettere entusiasmo fare attenzione al gergo capire, approfondire e rispondere alle richieste non lasciare il cliente in attesa chiudere positivamente rispettare le promesse Metodologia FAD Simulazioni; Giochi psicologici; Casi situazionali; Attività di gruppo Valutazione osservazione in situazione Durata in ore 4 2A1P Comparto 14 P 11

12 UFC 8 Lingua straniera 1 Anno 1 Competenze conoscere e saper utilizzare il metodo e la terminologia inglese sia per la traduzione della comunicazione aziendale in forma commerciale, sia per la tenuta dei rapporti con l esterno Durata in ore 40 Unità didattiche 8.1 Lingua straniera 1 (40) 12

13 UD 8.1 Lingua straniera 1 Anno 1 Competenze Modelli di lettere commerciali Sessione 2 Promemoria e e mail; Organizzare e confermare appuntamenti Sessione 3 Gestire spedizioni e consegne Sessione 4 Contabilità e pagamenti Sessione 5 Redazione di verbali Interacting with people Sessione 6 Incontrare persone; Dare/ ricevere indicazioni Sessione 7 Chiedere informazioni e rispondere a richieste di informazioni Language of telephoning Sessione 8 Preparare una chiamata telefonica; Contatto telefonico iniziale Sessione 9 Strutturare le informazioni; Scambiare informazioni Sessione 10 Fare richieste; Fare un reclamo; Chiudere la chiamata esercitazione conclusiva Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 40 2A1P P 2A1P P 2A1P P 2A1P P 2A1P P 2A1P P 2A1P P 2A1P P 2A1P P 2A1P P 13

14 UFC 9 Archiviazione e protocollo Anno 1 Competenze conoscere modelli e strategie di organizzazione e di comportamento mirate all efficacia dell ufficio. Durata in ore 20 Unità didattiche 9.1 Archiviazione e protocollo (20) 14

15 UD 9.1 Archiviazione e protocollo Anno 1 Competenze Gestione archivio prima parte Sessione 2 Gestione archivio seconda parte Sessione 3 Archiviazione atti in arrivo e in partenza Sessione 4 Protocollo della corrispondenza in arrivo e partenza Sessione 5 Gestione registri e documenti obbligatori Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Esercitazioni sulle procedure Durata in ore 20 2A1P A1P A1P A1P A1P T P T P T 15

16 UFC 10 Rapporti con banche e pagamenti Anno 1 Competenze conoscere gli strumenti e le metodologie utili a gestire i pagamenti nazionali in maniera corretta, sicura ed efficiente Durata in ore 12 Unità didattiche 10.1 Rapporti con banche e pagamenti (12) 16

17 UD 10.1 Rapporti con banche e pagamenti Anno 1 Competenze Cenni sul funzionamento delle aziende di credito; Il Conto Corrente: caratteri generali Sessione 2 Assegni bancari, assegni circolari; Le ricevute bancarie Sessione 3 Gli affidamenti: le garanzie, le aperture di credito, gli anticipi su fatture, le anticipazioni garantite; Le operazioni di leasing L Euro e le sue conseguenze sui sistemi di pagamento delle aziende Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Esercitazioni sulle procedure Durata in ore 12 2A1P T 2A1P P 2A1P T UFC 11 Contabilità e bilancio Anno 1 Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Competenze le conoscenze relative alle tecniche, alle registrazioni e alla documentazione obbligatoria per una corretta tenuta della contabilità Durata in ore 16 Unità didattiche 11.1 Contabilità e bilancio (16) 17

18 UD 11.1 Contabilità e bilancio Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Anno 1 Competenze I documenti contabili di base e analisi fiscale dei medesimi Fatture Documenti di trasporto Sessione 2 I documenti contabili di base e analisi fiscale dei medesimi Note di variazione Ricevute, scontrini fiscali Strumenti di pagamento (ricevuta bancaria, assegno, ecc ) Sessione 3 Registrazione contabili di base: Prima nota Cassa e Banche Registrazioni fatturazione attiva e passiva Libro dei cespiti ammortizzabili Sessione 4 Registrazioni contabili complesse: Relative a incassi e pagamenti Relative a paghe e contributi Relative a crediti e debiti (mutui, leasing, ecc ) Sessione 5 Le registrazioni relative all IVA e libri contabili Le registrazioni delle ritenute e relativi scadenziari Gli errori in contabilità, la loro correzione, le sanzioni penali, civili, amministrative. La redazione del bilancio ed i suoi depositi. Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 20 2A1P A1P A1P T 2A1P A1P A1P P 2A1P A1P A1P T 2A1P A1P A1P P 18

19 UFC 12 Archiviazione e contabilità Anno 1 Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità; 31 Addetto alla segreteria Competenze L unità didattica si rivolge al personale addetto alle funzioni di amministrazione e si propone di approfondire le conoscenze relative alle tecniche, alle registrazioni e alla documentazione obbligatoria per una corretta tenuta della contabilità. Durata in ore 16 Unità didattiche 12.1 Archiviazione e contabilità (16) 19

20 UD 12.1 Archiviazione e contabilità Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità; 31 Addetto alla segreteria Anno 1 Competenze I documenti contabili di base e analisi fiscale dei medesimi: Fatture Documenti di trasporto Note di variazione Ricevute, scontrini fiscali Strumenti di pagamento (ricevuta bancaria, assegno, ecc ) Sessione 2 Registrazione contabili di base: Prima nota Cassa e Banche Registrazioni fatturazione attiva e passiva Libro dei cespiti ammortizzabili Sessione 3 Registrazioni contabili complesse: Relative a incassi e pagamenti Relative a paghe e contributi Relative a crediti e debiti (mutui, leasing, ecc ) Sessione 4 Le registrazioni relative all IVA e libri contabili Le registrazioni delle ritenute e relativi scadenziari Gli errori in contabilità, la loro correzione, le sanzioni penali, civili, amministrative. Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 16 2A1P Comparto 14 T 2A1P Comparto 14 P 2A1P Comparto 14 T 2A1P Comparto 14 P 20

21 UFC 13 Documenti doganali e trasporti Anno 1 Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Competenze conoscere gli aspetti tecnici e operativi delle attività di ufficio proprie di spedizionieri internazionali Durata in ore 12 Unità didattiche 13.1 Documenti doganali e trasporti (12) 21

22 UD 13.1 Documenti doganali e trasporti Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Anno 1 Competenze Le dogane, i dazi doganali, le licenze, i contingenti, i controlli sanitari, veterinari, fitosanitari; L origine delle merci e relativi accertamenti; Il mercato interno unico europeo: transiti comunitari ed extracomunitari Sessione 2 I documenti negli scambi internazionali: bolle doganali, lettere di vettura, documenti di trasporto; le Rese Merci ;. Sessione 3 I trasporti negli scambi internazionali: ferroviari, marittimi, stradali, aerei, postali, intermodali Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 12 2A1P A1P A1P T 2A1P A1P A1P P 2A1P A1P A1P T 22

23 UFC 14 Strumenti di pagamento nazionali Anno 1 Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Competenze le conoscenze, gli strumenti e le metodologie utili a gestire i pagamenti nazionali in maniera corretta, sicura ed efficiente. Durata in ore 4 Unità didattiche 14.1 Strumenti di pagamento nazionali (4) 23

24 UD 14.1 Strumenti di pagamento nazionali Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Anno 1 Competenze Il Conto Corrente: caratteri generali Assegni bancari, assegni circolari; Le ricevute bancarie; Gli affidamenti: le garanzie, le aperture di credito, gli anticipi su fatture, le anticipazioni garantite; Le operazioni di leasing I pagamenti automatizzati L Euro e le sue conseguenze sui sistemi di pagamento delle aziende. Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 4 2A1P A1P T 24

25 UFC 15 Strumenti di pagamento internazionali Anno 1 Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Competenze conoscenze, gli strumenti e le metodologie utili a gestire i pagamenti internazionali in maniera corretta, sicura ed efficiente. Durata in ore 4 Unità didattiche 15.1 Strumenti di pagamento internazionali (4) 25

26 UD 15.1 Strumenti di pagamento internazionali Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Anno 1 Competenze I metodi di pagamento tradizionali; I metodi di pagamento in area Euro; L incasso documentario: principi giuridici, forme di incasso, rischi ed opportunità; Il credito documentario: principi giuridici, forme di credito, le N.U.U. pubbl. 500 della Camera di Commercio Internazionale di Parigi; Le garanzie internazionali: mancato pagamento, lettera di credito stand by, garanzie contrattuali Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 4 2A1P A1P T 26

27 UFC 16 Bilancio e sua analisi Anno 1 Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Competenze interagire con le dovute competenze nel processo di costruzione, lettura ed interpretazione del bilancio di esercizio Durata in ore 20 Unità didattiche 16.1 Bilancio e sua analisi (16) 27

28 UD 16.1 Bilancio e sua analisi Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Anno 1 Competenze Il bilancio d esercizio: i documenti che lo compongono ed i rispettivi contenuti (Stato Patrimoniale, Conto Economico, Nota Integrativa, Relazione sulla Gestione); parte prima Sessione 2 Il bilancio d esercizio parte seconda Sessione 3 I libri ed i registri contabili obbligatori a fini civilistici; Le imposte differite ed anticipate; I criteri civilistici e i criteri fiscali Sessione 4 La valutazione del bilancio: analisi per indici. Presentazione e interpretazione degli indicatori di economicità, di redditività, di attività, di produttività, di liquidità e di solidità patrimoniale parte prima Sessione 5 La valutazione del bilancio: analisi per indici. Presentazione e interpretazione degli indicatori di economicità, di redditività, di attività, di produttività, di liquidità e di solidità patrimoniale parte seconda Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 16 2A1P A1P A1P T 2A1P A1P A1P P 2A1P A1P A1P T 2A1P A1P A1P P 2A1P A1P A1P P 28

29 UFC 17 Tesoreria e flussi Anno 1 Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Competenze conoscere le nozioni basilari riguardanti la programmazione ed il controllo in ambito finanziario, utilizzando in particolare la tecnica dei flussi. Durata in ore 8 Unità didattiche 17.1 Tesoreria e flussi (8) 29

30 UD 17.1 Tesoreria e flussi Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Anno 1 Competenze La finanza aziendale come modello interpretativo di lettura dell impresa; L analisi delle diverse aree che provocano i movimenti finanziari: le immobilizzazioni, il capitale circolante, le operazioni di gestione, i movimenti finanziari vincolati; La determinazione del fabbisogno o eccedenza finanziaria di periodo attraverso i flussi di tesoreria e di capitale circolante netto Sessione 2 La scelta del grado d indebitamento e la sua struttura: composizione per tassi (variabili e fissi), per valute, per scadenze; Il controllo del capitale circolante: le tecniche di cash management Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Studio di casi Durata in ore 8 2A1P A1P A1P T 2A1P A1P A1P P 30

31 UFC 18 Contabilità analitica e budget Anno 1 Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Competenze conoscere le principali fasi ed aspetti del controllo budgetario, nonché la sua utilità ai fini di una corretta e proficua gestione d impresa Durata in ore 16 Unità didattiche 18.1 Contabilità analitica e budget (16) 31

32 UD 18.1 Contabilità analitica e budget Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Anno 1 Competenze La pianificazione d impresa: i suoi obiettivi e le fasi che la compongono Sessione 2 Il controllo di gestione: significato e strumenti Sessione 3 Le diverse tipologie di classificazione di costi e di ricavi Sessione 4 I vari tipi di budget: commerciale, di produzione, degli investimenti, delle altre aree funzionali Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 16 2A1P A1P A1P T 2A1P A1P A1P P 2A1P A1P A1P T 2A1P A1P A1P P 32

33 UFC 19 Assunzione e paghe personale Anno 1 Profilo professionale 30 Addetto alle paghe Competenze la conoscenza delle leggi e della normativa riguardo il personale dipendente, l elaborazione delle retribuzioni e l adempimento degli obblighi previsti dalle leggi vigenti Durata in ore 20 Unità didattiche 19.1 Assunzione e paghe personale (20) 33

34 UD 19.1 Assunzione e paghe personale Profilo professionale 30 Addetto alle paghe Anno 1 Competenze I contratti di lavoro: nozione, varie tipologie (apprendistato, contratto di formazione e lavoro, lavoro part time, contratti atipici) e modalità di costituzione (procedure e modulistica per l iscrizione agli enti; libro matricola, libro paga, registro infortuni, ecc.); Parte prima Sessione 2 I contratti di lavoro: nozione, varie tipologie (apprendistato, contratto di formazione e lavoro, lavoro part time, contratti atipici) e modalità di costituzione (procedure e modulistica per l iscrizione agli enti; libro matricola, libro paga, registro infortuni, ecc.); Parte seconda Sessione 3 Lo svolgimento del rapporto di lavoro: obblighi e diritti, inquadramento e mansioni, orario di lavoro, sicurezza sul lavoro; assenze (malattia, maternità, infortuni e malattie professionali, ferie, permessi); Sessione 4 La retribuzione e le sue componenti: elementi fissi (paga base, indennità di contingenza, EDR, scatti di anzianità), elementi variabili (superminimo, compenso per lavoro straordinario, lavoro notturno o a turni, indennità, mance), compensi assistenziali (assegno per il nucleo familiare), compensi durante le assenze; Contributi, premi e imposte: base imponibile contributiva, contributi all INPS, premi INAIL, contributi enti autonomi, pensioni INPS; calcolo e versamento IRPEF; Sessione 5 La cessazione del rapporto di lavoro: le cause, le tipologie (raggiungimento dei limiti d età, licenziamento per giusta causa, dimissioni, ecc.), la procedura. Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Durata in ore 20 2A1P T 2A1P P 2A1P T 2A1P P 2A1P T 34

35 35

36 UFC 21 Revisione e certificazione di bilancio Anno 2 Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Competenze conoscere gli strumenti per diverse forme di auditing aziendale Conoscere i principi legislativi ed operativi della revisione e della certificazione del bilancio aziendale Durata in ore 16 Unità didattiche 21.1 Revisione e certificazione di bilancio (16) 36

37 UD 21.1 Revisione e certificazione di bilancio Profilo professionale 29 Addetto alla contabilità Anno 2 Competenze Il processo di revisione contabile e le sue fasi; Il quadro giuridico di riferimento della certificazione contabile Sessione 2 I principi contabili di riferimento per la revisione e certificazione del bilancio: principi generali e principi specifici; I principi di revisione Sessione 3 La relazione di certificazione: contenuti e tipologia di giudizi; La pianificazione e la documentazione della revisione Sessione 4 Le diverse procedure di revisione; La revisione gestionale: la valutazione del quadro ambientale, dei cicli gestionali e dei sistemi di informazione e controllo gestionali Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 16 2A2P T 2A2P P 2A2P T 2A2P P 37

38 UFC 22 Informatica 2 Anno 2 Competenze conoscenze e le competenze tecniche per un efficiente utilizzo del Personal Computer, per la corretta gestione della modulistica aziendale e per le altre operazioni correlate Durata in ore 28 Unità didattiche 22.1 Informatica 2 (28) 38

39 UD 22.1 Informatica 2 Anno 2 Competenze MICROSOFT ACCESS progettazione di banche dati Sessione 2 costruzione di tabelle e relazioni Sessione 3 le maschere; le query; i reports Sessione 4 Le macro come strumento di automazione; Sessione 5 Le reti aziendali le reti intranet LAN (local area network) e WAN (wide area network); Sessione 6 Procedure di connessione: installazione di modem e configurazione di accesso remoto Sessione 7 Il programma OUTLOOK per la gestione della posta, dei calendari, dei contatti; Configurazione del client di posta elettronica con Microsoft OUTLOOK L uso di internet e della posta elettronica per finalità aziendali; Esempi pratici di download Le basi del linguaggio HTML Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 28 2A2P Comparto 14 P 2A2P Comparto 14 P 2A2P Comparto 14 P 2A2P Comparto 14 P 2A2P Comparto 14 P 2A2P Comparto 14 P 2A2P Comparto 14 P 39

40 UFC 23 Selezione e valutazione del personale Anno 2 Profilo professionale 30 Addetto alle paghe Competenze conoscere gli strumenti di carattere teorico, tecnico e procedurale che consentano all addetto alla gestione del personale e di svolgere tale funzione in relativa autonomia decisionale ed operativa Durata in ore 16 Unità didattiche 23.1 Selezione e valutazione del personale (16) 40

41 UD 23.1 Selezione e valutazione del personale Profilo professionale 30 Addetto alle paghe Anno 2 Competenze Contenuti di formazione La pianificazione aziendale di medio lungo periodo Sessione 1 Il processo di pianificazione e controllo e le sue fasi; La definizione del sistema dei piani aziendali; Sessione 2 I destinatari dei piani aziendali; L analisi di mercato per la pianificazione aziendale Il sistema dei budget aziendali Sessione 3 I contenuti e gli scopi della programmazione e del controllo; Sessione 4 Il budget delle vendite, della produzione, del magazzino e degli approvvigionamenti, del personale, degli investimenti Sessione 5 Budget settoriali e budget globali d impresa Sessione 6 Preventivo economico, preventivo fonti ed impieghi, preventivo di tesoreria; Rilevazione degli scostamenti dal budget e loro interpretazione; Modelli non tradizionali di budgettazione e controllo Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 16 2A2P T 2A2P P 2A2P T 2A2P P 41

42 UFC 24 Lingua straniera 2 Anno 2 Competenze conoscere e saper utilizzare il metodo e la terminologia inglese a livello avanzato sia per la traduzione della comunicazione aziendale in forma commerciale, sia per la tenuta dei rapporti con l esterno Durata in ore 40 Unità didattiche 24.1 Lingua straniera 2 (40) 42

43 UD 24.1 Lingua straniera 2 Anno 2 Competenze Le notizie economiche, le trattative economiche 1 Sessione 2 Le notizie economiche, le trattative economiche 2 Sessione 3 Le notizie economiche, le trattative economiche 3 Sessione 4 Le notizie economiche, le trattative economiche 4 Sessione 5 Esprimersi nelle riunioni, esporre una relazione 1 Sessione 6 Esprimersi nelle riunioni, esporre una relazione 2 Sessione 7 Esprimersi nelle riunioni, esporre una relazione 3 Sessione 8 La corrispondenza commerciale 1 Sessione 9 La corrispondenza commerciale 2 Sessione 10 La corrispondenza commerciale 3 Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 40 2A2P A2P A2P A2P A2P A2P A2P A2P A2P A2P P P P P P P P P P P 43

44 UD 24.2 Lingua inglese commerciale Anno 2 Competenze Sales calls Sessione 2 The competition Sessione 3 Marketing Sessione 4 Crisis Sessione 5 On the road Sessione 6 The annual report Sessione 7 The offer Sessione 8 At the fair Sessione 9 Relocation Sessione 10 Headhunters Sessione 11 Training Sessione 12 Building the team Sessione 13 The new boss Sessione 14 Working and playing Sessione 15 Esercizi Metodologia FAD Lezioni frontali con approccio dialogico Simulazioni Esercitazioni di apprendimento Durata in ore 60 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 2A2P COMPARTO 14 P 44

45 UFC 25 Assicurazioni e trasporti internazionali Anno 2 Profilo professionale 32 Spedizioniere / addetto import export Competenze saper seguire il ciclo della ricerca e selezione degli strumenti e delle proposte contrattuali delle compagnie di assicurazione che operano nel settore dei trasporti internazionali Durata in ore 16 Unità didattiche 25.1 Assicurazioni e trasporti internazionali (16) 45

46 UD 25.1 Assicurazioni e trasporti internazionali Profilo professionale 32 Spedizioniere / addetto import export Anno 2 Competenze I contratti di assicurazione: generalità; La spedizione di merci all estero: quando assicurare, cosa assicurare e come assicurare Sessione 2 I diversi contratti di assicurazione e le polizze tipo (in part. la polizza Italia di Assicurazione delle Merci trasportate); I capitolati e le garanzie Sessione 3 Le convenzioni assicurative internazionali per i trasporti: CMR (convention marchandises ruotieres) per i trasporti su strada, CIM per i trasporti ferroviari, Convenzione di Varsavia per i trasporti aerei, Convenzione di Bruxelles regole di Visby per i trasporti marittimi Sessione 4 Il dimensionamento della copertura assicurativa; Le avarie nel trasporto: avarie generali ed avarie particolari; La procedura di stipula dell assicurazione; Le procedure per la richiesta di rimborso del danno Metodologia Lezioni frontali con approccio dialogico Utilizzo di documenti tipo (polizze, richieste danni, ecc ) per esercitazioni di compilazione degli stessi Simulazioni e casi studio concreti Durata in ore 16 2A2P T 2A2P P 2A2P T 2A2P P 46

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013

PASSEPARTOUT SPA Contenuti aggiornati a Giugno 2013 UNA SOLUZIONE INNOVATIVA Businesspass è la soluzione Cloud Computing, usufruibile anche tramite Tablet, ipad, iphone o Smartphone, per gestire l intero processo amministrativo e gestionale dello Studio,

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali.

Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. INFORMATIVA PAGHE N. 1/14 Assago, 23 Gennaio 2014 Alle Aziende Clienti Settore Metalmeccanico Oggetto: Stesura definitiva CCNL Metalmeccanico - Aziende Industriali. Riferimenti: CCNL Metalmeccanico Aziende

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

responsabile procedimento respons abile

responsabile procedimento respons abile Elaborazione indennità mensili amministratori Cedolino mensile per Sindaco e Assessori mensile - no entro il 27 di ogni mese Predisposizione F24EP (per versamento oneri previdenziali e ritenute operate

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome CAPPELLI CRISTINA Telefono Uff. 050 509750 Fax 050 509471 E-mail c.cappelli@sns.it Nazionalità ITALIANA ESPERIENZA LAVORATIVA Nome e

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale

Freight&Shipping. www.sp1.it. TRASPORTO marittimo TRASPORTO VIA TERRA TRASPORTO AEREO. business intelligence. doganale Freight&Shipping www.sp1.it marittimo AEREO VIA TERRA dogana magazzino doganale business intelligence SP1, il Freight & Shipping entra spedito nel futuro SP1 è un nuovo applicativo web. Non si installa

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari

Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari Sistema Regionale ECM Pagina 1 di 7 1 Sviluppo di Excel base in Farmacia applicato al monitoraggio dei consumi di materiali sanitari 1. Presentazione: L evento, destinato alle figure professionali di Tecnici

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali

Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali Speedy procedura per spedizionieri internazionali e doganali La procedura è multi aziendale. L'accesso al software avviene tramite password e livello di accesso definibili per utente. L'interfaccia di

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Pacchetto verticale vitivinicolo

Pacchetto verticale vitivinicolo Pacchetto verticale vitivinicolo Descrizione della soluzione Pag. 1 La Cooperativa Seled ha realizzato una completa copertura delle procedure informatiche per Cooperative Vitivinicole in ambiente Windows,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Gestione Servizi Doganali

Gestione Servizi Doganali Gestione Servizi Doganali GESTIONE SERVIZI DOGANALI Background La gestione delle attività dogali di import/export o transito richiede da sempre figure specializzate all interno delle aziende in grado di

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

(1) Livello Inquadramento

(1) Livello Inquadramento di Mutualità ed Assistenza MACERATA Via Gramsci, 38 Tel. 0733 230243 Fax. 0733 232145 E mail: info@cassaedilemacerata.it www. cassaedilemacerata.it DATI ANAGRAFICI DEL LAVORATORE ( per i nuovi assunti

Dettagli

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO.

CCNL APL IN PILLOLE CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO. una sintesi del CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER LA CATEGORIA DELLE AGENZIE DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO DATA DI SOTTOSCRIZIONE: 27 DATA DI ENTRATA IN VIGORE: 1 GENNAIO 2014 Pagina 1 di 32

Dettagli

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE

IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE IL PROGETTO CERT APP: GLI STRUMENTI E I RISULTATI DELLA SPERIMENTAZIONE 12 DICEMBRE 2013 JOB MATCHPOINT Eliana Branca Direttore Scuola Superiore del Commercio del Turismo dei Servizi e delle Professioni

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92)

TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA. DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) TARIFFA PROFESSIONALE CONSULENTI DEL LAVORO MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA DECRETO 15 LUGLIO 1992, n. 430 (G.U. n. 265 10/11/92) REGOLAMENTO RECANTE APPROVAZIONE DELLE DELIBERAZIONI IN DATA 16 MAGGIO

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli