Università Vita-Salute San Raffaele. Guida all università anno accademico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università Vita-Salute San Raffaele. Guida all università anno accademico 2010-2011"

Transcript

1 Università Vita-Salute San Raffaele Guida all università anno accademico

2

3 Università Vita-Salute San Raffaele Guida all università anno accademico OFFERTA DIDATTICA

4

5 SOMMARIO Rettore: Sac. Prof. Luigi M. Verzé Prorettore vicario: Prof. Antonio Emilio Scala Direttore Generale: Dott.ssa Raffaella Voltolini Facoltà di Medicina e Chirurgia Preside della Facoltà: Prof. Antonio Emilio Scala Laurea magistrale Psicologia pag. 20 Facoltà di Filosofia Preside della Facoltà: Prof. Michele Di Francesco Laurea triennale Filosofia pag. 22 La foto della copertina è di Carolina Taverna Fotografa Lauree magistrali a ciclo unico Medicina e Chirurgia pag. 4 San Raffaele International MD Program pag. 7 Lauree triennali Infermieristica pag. 8 Fisioterapia pag. 10 Igiene dentale pag. 12 Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche pag. 14 Laurea magistrale Biotecnologie Mediche Molecolari e Cellulari pag. 16 Facoltà di Psicologia Preside della Facoltà: Prof. Lucio Sarno Laurea triennale Scienze e Tecniche Psicologiche pag. 18 Laurea magistrale Scienze filosofiche pag. 24 POST LAUREAM Scuole di specializzazione pag. 26 Master e Dottorati di Ricerca pag. 27 AMMISSIONI Modalità di ammissione pag. 28 Tasse e contributi universitari, borse di studio ed esoneri pag. 29 RECAPITI pag. 30 COME RAGGIUNGERCI pag. 32

6 FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Medicina e Chirurgia CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Antonio Emilio Scala Presidente del Consiglio di Corso di Laurea: Prof. Massimo Clementi PRESENTAZIONE PROGETTO FORMATIVO Il Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia è disegnato per 110 studenti altamente selezionati e motivati. Il curriculum, fortemente innovativo per la connotazione scientifica e la didattica interattiva in uno stretto e continuo rapporto tra discenti, docenti e tutori, garantisce una formazione pienamente allineata a quella dei migliori atenei europei e nordamericani, con i quali vuole competere. Il successo del Corso è testimoniato sia dal vastissimo numero di iscrizioni al Test di ammissione, sia dal basso numero di studenti fuori corso, nonché dal successo dei nostri laureati nell ammissione alle principali Scuole di Specializzazione italiane e straniere e ai corsi di Dottorato di Ricerca. La struttura del Corso è tale da assicurare la formazione di medici dotati di solide basi scientifiche e della consapevolezza di doverle mantenere aggiornate nel corso della professione; al tempo stesso la preparazione è finalizzata a conseguire un alto senso di responsabilità, indipendenza e capacità di identificare e risolvere i problemi biomedici, un profondo rispetto per la persona umana, con una conoscenza approfondita sia delle questioni bioetiche sui grandi problemi della vita, della morte e della sofferenza, sia dell evoluzione della medicina e dell organizzazione della sanità, un attitudine al management e all esposizione in pubblico, anche in lingua inglese. La presenza di ambulatori e reparti clinici afferenti alle diverse specializzazioni mediche e chirurgiche, di laboratori di ricerca, aule, spazi di studio e biblioteche, concentrati in una singola localizzazione spaziale, consente l esposizione degli studenti alla pratica clinica fin dai primi anni di corso, attraverso corsi integrati in cui le conoscenze acquisite con le discipline di base trovano una rapida e precoce integrazione con le esigenze della clinica. 4 L eccellenza della formazione è anche resa possibile dal basso numero di iscritti; da un corpo docente composto da esperti di statura internazionale e disponibili all interazione con gli studenti; dall attività di tutoraggio per l inserimento in laboratori e reparti, di orientamento e didattico con possibilità di disegnare curricula parzialmente differenziati; da modalità didattico-pedagogiche innovative basate anche sulla soluzione dei problemi (problem-based learning); dall ampia offerta di conferenze e seminari dei massimi esperti mondiali.

7 GUIDA ALLE PROFESSIONI La Laurea in Medicina e Chirurgia offre differenti sbocchi professionali, in particolare quelli di Medico di Medicina Generale, di Medico Specialista e di Ricercatore. In ognuno di questi campi, il San Raffaele prepara professionisti altamente qualificati e in grado di competere a livello internazionale. In particolare, i programmi e le caratteristiche peculiari della Facoltà forniscono ai laureati un eccellente preparazione teorica nelle discipline di base e cliniche nonché significative abilità pratiche, adatte a farne dei medici con solide competenze in tutti i campi della medicina, pronti a perfezionarsi nei differenti corsi di specializzazione successivi alla laurea. PIANO DI STUDI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE (Per le Classi 2015 e 2016) I ANNO Storia della Medicina Fisica Medica Inglese 1 Statistica, biometria ed Informatica Chimica e Propedeutica Biochimica Biologia cellulare e molecolare Genetica e Biologia dello sviluppo Anatomia e patologia dell apparato locomotore Gastroenterologia Malattie Infettive Anatomia Patologica Malattie dell apparato locomotore Immunologia clinica, reumatologia e dermatologia Attività professionalizzanti (internato in Chirurgia e Specializzazioni Chirurgiche) Chirurgia e specializzazioni chirurgiche Ematologia Oncologia Posti disponibili a.a : 110 L ammissione è regolata da una prova di selezione le cui modalità vengono comunicate sul sito II ANNO Morfologia Umana Propedeutica Chirurgica Biofisica e Fisiologia Farmacologia Generale Inglese 2 III ANNO Attività professionalizzanti (abilità tecniche, di laboratorio) Patologia Microbiologia Medicina di laboratorio Attività professionalizzanti di semeiotica generale Attività professionalizzanti (internato in Medicina Interna I parte VI semestre) Endocrinologia e malattie del ricambio Malattie dell apparato cardiovascolare Nefrologia Pneumologia IV ANNO Attività professionalizzanti (internato in Medicina Interna II parte VII semestre) V ANNO Attività professionalizzanti (internato in Medicina Interna e specializzazioni mediche) Neuroscienze Psichiatria e Psicologia Clinica Attività professionalizzanti (Chirurgia e specializzazioni chirurgiche) Diagnostica per Immagini Medicina legale e Sanità pubblica; Bioetica Terapia Medica VI ANNO Attività professionalizzanti (internato in Pediatria ed Ostetricia) (Tesi di Laurea) Clinica Chirurgica Ginecologia ed Ostetricia Pediatria Attività professionalizzanti (internato in Medicina Interna) (Tesi di Laurea) Clinica Medica Emergenze Medico-Chirurgiche Attività a scelta dello studente 5

8 PIANO DI STUDI CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA (Classi 2014, 2013, 2012, 2011, 2010) I ANNO Filosofia della scienza e storia della medicina Fisica e Tecnologia Medica Inglese Principi generali di Statistica Chimica e Propedeutica Biochimica Biologia cellulare e molecolare Genetica e Biologia dello sviluppo Malattie dell apparato locomotore 1 Bioinformatica II ANNO Morfologia Umana (comprensivo di Neuroanatomia, Istologia) Biofisica e Fisiologia Generale Farmacologia Generale Propedeutica Chirurgica Approfondimenti di Inglese III ANNO Attività professionalizzante di semeiotica generale Patologia Microbiologia Psicologia della comunicazione Attività professionalizzanti (abilità tecniche, di laboratorio) Attività professionalizzanti (internato in Medicina Interna I parte VI semestre) Medicina di Laboratorio Bioetica Cardiologia Malattie Infettive Nefrologia IV ANNO Attività professionalizzanti (internato in Medicina Interna II parte VII semestre) Gastroenterologia Endocrinologia e Malattie del Ricambio Immunologia clinica e reumatologia Oncologia Attività professionalizzanti (internato in Medicina interna e specializzazioni mediche) Chirurgia Ematologia Pneumologia Malattie dell apparato locomotore 2 Dermatologia V ANNO Attività professionalizzanti (internato in Chirurgia e Specializzazioni Chirurgiche) Neuroscienze Psichiatria e Psicologia Clinica Attività professionalizzanti (Chirurgia e specializzazioni chirurgiche) Diagnostica per Immagini Anatomia Patologica Medicina e Società Terapia Medica Fondamenti di Oftalmologia VI ANNO Attività professionalizzanti (internato in Pediatria ed Ostetricia (Tesi di Laurea) Clinica Chirurgica Ginecologia ed Ostetricia Pediatria Attività professionalizzanti (internato in Medicina Interna) (Tesi di Laurea) Clinica Medica Emergenze Medico-Chirurgiche Attività a scelta dello studente 6

9 For further information on the International MD Program please consult our websites: medicine.unisr.it and FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA San Raffaele International MD Program The International MD Program at Vita-Salute San Raffaele University has been designed to foster a new kind of doctor; this doctor will possess the necessary human, cultural and professional values to provide healthcare and share ideas in today s globalized world. Our graduates will be qualified to practice both in Europe and in the USA, and will therefore be competitive candidates on the two main job markets. Innovative features of the Program include: A personalized and innovative curriculum: based on two initial preclinical years, which take a solid in-depth look at the basic-sciences needed for the medical profession, as well as at the human sciences required to develop an effective doctor-patient relationship. The preclinical years are followed by three clinical years, which aim to develop articulate medical skills both at theoretical and practical level. The sixth, and final, year will be entirely dedicated to the preparation of a thesis and to the acquisition of specialist notions that will facilitate access to residencies and post-graduate programs; Integration of US professional licensure examinations in the course curriculum; A learning-by-practice approach to basic science and clinical teachings, based on short-term, intensive lecturing periods followed by attendance to research laboratories at the San Raffaele Scientific Institute during the first two years of the Program, and to hospital clinics and wards during the following years; End-of-semester examinations: knowledge acquisition will be assessed with the collaboration of an external independent third party using valid and reliable measurement tools. This will allow a thorough assessment of student preparation, as well as measuring teaching efficacy based on reliable international curriculum benchmarks; Small classes with multicultural diversity: a select number of students will be admitted each year following a test based on analytical and logical skills. Applications especially from non-european students will be considered. Interaction will be guaranteed at lessons, during practical exercises, at the lab bench and at the patient s bedside. Students from diverse backgrounds, from all over the world, will easily become part of the multicultural, multiethnic environment that is already present at the San Raffaele Scientific Institute: a place of mutual respect and love of diversity; English will be the official language: for lessons, practical activities and exams. 7

10 FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Infermieristica CORSO DI LAUREA TRIENNALE Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Antonio Emilio Scala Presidente del Corso di Laurea: Prof. Francesco Montorsi PRESENTAZIONE PROGETTO FORMATIVO 8 L infermiere è il professionista della salute responsabile dell assistenza infermieristica e come tale svolge funzioni di prevenzione delle malattie, assistenza ai malati di tutte le età ed educazione sanitaria e terapeutica rivolta a singoli, alla famiglia o alle collettività (D.M ). Tra tutte le professioni sanitarie quella dell infermiere si caratterizza per la peculiare relazione di continuità che offre al paziente; inoltre non solo è la più richiesta, ma anche quella che offre una maggiore possibilità di sviluppo professionale in tutti i campi della medicina. Il Corso di Laurea in Infermieristica offre allo studente un apprendimento strutturato orientato allo sviluppo del ragionamento clinico che lo porta ad identificare i problemi assistenziali della persona, a pianificare e gestire gli interventi infermieristici fondati su prove di efficacia e infine a valutare i risultati della cura prestata. Il progetto formativo è frutto di un ampio lavoro di consenso a livello nazionale che ha impegnato la nostra Università, tra le prime in Italia, nell attivazione dei nuovi ordinamenti didattici (DM ). Le logiche di fondo: Progettazione del percorso didattico dello studente a partire dalle competenze attese: questo significa orientare ogni attività formativa al gold standard per l esercizio professionale in Italia e all estero. Sviluppo dell interdisciplinarietà a partire dai domini fondamentali dell infermieristica: l infermieristica fornisce all infermiere i quadri teorici, le metodologie e gli strumenti tecnici per la diagnosi infermieristica, l intervento assistenziale e la valutazione dell outcome in termini di efficacia, efficienza e appropriatezza. Apprendimento dall esperienza e integrazione teoria-prassi, attraverso la riflessione sull esperienza che si sviluppa nei laboratori, nei percorsi di tirocinio clinico strettamente coordinati con la formazione d aula. Partecipazione attiva dello studente per la responsabilizzazione al ruolo. Lo studente partecipa a esercitazioni, lavori di gruppo, seminari o esperienze all estero nei programmi LLP\Erasmus o in progetti AISPO. Conferma e ampliamento delle aree di eccellenza della formazione infermieristica del nostro Ateneo: le aree della ricerca infermieristica, del management sanitario e della presa in cura del paziente sono in primo piano, sia nella didattica sia nella ricerca.

11 GUIDA ALLE PROFESSIONI Secondo i dati Almalaurea 2008, il tasso di occupazione per i laureati in infermieristica ad un anno dalla laurea supera il 97%. Essi possono trovare occupazione: negli ospedali in tutte le unità operative di degenza e nei servizi ambulatoriali; nelle strutture per post acuti di lungo-degenza, residenze sanitarie assistite; centri di riabilitazione, centri di assistenza per disabili, hospice; nei servizi sanitari territoriali, domiciliari e ambulatoriali; nei servizi di prevenzione e sanità pubblica. La continuazione degli studi offre un ampia scelta di Master di primo e secondo livello (area critica, wound-care, coordinamento, etc.), la Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, il Dottorato di ricerca in Scienze Infermieristiche. PIANO DI STUDI Posti disponibili a.a : 70 L ammissione è regolata da una prova di selezione le cui modalità vengono comunicate sul sito I ANNO Infermieristica generale, clinica e metodologia applicata Fondamenti biomolecolari della vita Fondamenti morfologici e funzionali della vita Fisiopatologia applicata all infermieristica Promozione della salute e della sicurezza Infermieristica clinica in area chirurgica Discipline contributive (Inglese scientifico Informatica) Laboratorio Attività formative professionalizzanti (Tirocinio professionale) II ANNO Applicazione dei processi diagnostici e terapeutici Infermieristica clinica in area medica Infermieristica clinica in chirurgia specialistica Infermieristica clinica nella cronicità e disabilità Relazione di aiuto nei processi assistenziali Organizzazione dei processi assistenziali e Principi giuridici e deontologici dell esercizio professionale Laboratorio Attività formative professionalizzanti (Tirocinio professionale) III ANNO Organizzazione del sistema sanitario e Metodologia dell infermieristica basata sulle prove di efficacia Infermieristica clinica nella criticità vitale Infermieristica clinica in area maternoinfantile Metodologie di intervento nella comunità Laboratorio Attività formative professionalizzanti (Tirocinio professionale) Attività a scelta dello studente (Tirocinio professionale a scelta dello studente) Ulteriori attività formative: Seminari multidisciplinari per approfondimenti specifici da realizzarsi nel I-II-III anno Prova finale 9

12 FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Fisioterapia CORSO DI LAUREA TRIENNALE Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Antonio Emilio Scala Presidente del Corso di Laurea: Prof. Piero Zannini PRESENTAZIONE PROGETTO FORMATIVO GUIDA ALLE PROFESSIONI Il fisioterapista cura le patologie della funzione motoria e le sintomatologie dolorose dell apparato locomotore attraverso l esercizio terapeutico, l applicazione di mezzi fisici e le tecniche manuali. I due termini che caratterizzano la professione sono quindi cura e funzione. Il fisioterapista ha come obiettivo innanzitutto la cura della funzione motoria. La crescita dell età media della popolazione e la sopravvivenza di pazienti che, dopo gravi malattie, hanno esiti alla funzione motoria, rende sempre più importante la cura delle disabilità, cioè delle limitazioni nel compiere le normali attività. Il senso generale del lavoro del fisioterapista è proprio quello di migliorare la qualità della vita dei soggetti con invalidità motorie, diminuendone il più possibile la disabilità. La professione richiede ampie competenze tecnico-scientifiche che consentono di attuare la valutazione funzionale, il trattamento fisioterapico e la valutazione dell efficacia del trattamento stesso. La formazione prevede lo studio delle scienze di base e di quelle cliniche, con una particolare attenzione a fisiologia, fisiopatologia e movimento, oltre che lo studio delle tecniche di riabilitazione. Il Corso si propone l eccellenza nella formazione dei fisioterapisti e, a questo fine, integra una solida cultura scientifica di base, ottime capacità tecnico-manuali, rigore metodologico tipico delle discipline scientifiche e competenze bioetiche necessarie a orientare le scelte professionali. Gli insegnamenti proposti sviluppano le competenze negli ambiti della fisioterapia ortopedica, neurologica, respiratoria e cardiologica dei soggetti adulti. Tra le collaborazioni del Corso vi sono quelle con il Laboratorio di Ingegneria del Sistema Neuromuscolare e della riabilitazione Motoria del Politecnico di Torino e con l A.C. Milan per quanto riguarda la fisioterapia in ambito sportivo. Il corso prevede altre attività di formazione quali: tirocini clinici, seminari, presentazione da parte degli studenti di articoli tratti dalla letteratura internazionale, presentazione di casi clinici, esercitazioni presso un aula attrezzata, utilizzo di banche dati biomediche per l aggiornamento professionale e attività didattica e scientifica presso il Laboratorio di Analisi Strumentale del Movimento. La professione del fisioterapista ha molteplici sbocchi professionali sia in strutture pubbliche che private, in regime di dipendenza o libero-professionale. I fisioterapisti neo-laureati possono trovare occupazioni: in strutture sanitarie pub- 10

13 bliche o private accreditate dal Sistema Sanitario Nazionale che erogano prestazioni di riabilitazione. Tra queste le principali sono: Ospedali e Aziende Sanitarie (presso Unità Operative e Servizi Specialistici dedicati alla Riabilitazione), Distretti Socio-Sanitari, Residenze Sanitarie Assistenziali, Servizi di Assistenza Domiciliare Integrata. Altre opportunità occupazionali sono costituite dalla libera professione erogata ad enti pubblici e privati, a Società sportive, etc. PIANO DI STUDI Posti disponibili a.a : 35 L ammissione è regolata da una prova di selezione le cui modalità vengono comunicate sul sito I ANNO Fisica e biomeccanica Scienze biologiche Anatomia umana Inglese medico scientifico 1 Cinesiologia Fisiologia (annuale) Statistica Basi di fisioterapia Psicobiologia dei processi cognitivi Corso elettivo di tecnica di bendaggio linfatico Corso elettivo di fisiologia della visione Tirocinio clinico Seminari tutoriali II ANNO Inglese medico scientifico 2 Disordini del movimento Patologia d apparato, dell età avanzata e dell età evolutiva Psicologia, neuropsicologia e neuropsichiatria Farmacologia Imaging Metodologia dell aggiornamento scientifico e professionale Cinesiologia applicata alla clinica Corso elettivo di trattamento fisioterapico della spasticità Corso elettivo di analisi elettromiografica dei movimenti posturali Corso elettivo di fisioterapia in ambito reumatologico Corso elettivo di evidenze di letteratura sulla fisioterapia in ambito neurologico Tirocinio clinico Seminari tutoriali III ANNO Psicometria Fisioterapia in ambito ortopedico Corso di medicina del lavoro e primo soccorso Percorsi decisionali in ambito clinico Fisioterapia in ambito neurologico Fisioterapia respiratoria e cardiovascolare Igiene, economia e organizzazione sanitaria Corso elettivo di fisioterapia del calciatore professionista Corso elettivo di chirurgia funzionale della mano Corso elettivo di riorganizzazione corticale e recupero Corso elettivo di bioetica e medicina Corso elettivo di tecniche di bendaggio funzionale Corso elettivo di traumatologia del calciatore professionista Corso elettivo di clinica neurologica della sclerosi multipla Corso elettivo di tecnologie per l analisi strumentale del movimento Corso elettivo di attività elettromiografica dei gesti più comuni Corso elettivo di trattamento fisioterapico della sindrome miofasciale Tirocinio clinico Seminari tutoriali 11

14 FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Igiene Dentale CORSO DI LAUREA TRIENNALE Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Antonio Emilio Scala Presidente del Corso di Laurea: Prof. Enrico Gherlone PRESENTAZIONE PROGETTO FORMATIVO I laureati in Igiene dentale sono operatori delle professioni sanitarie dell area tecnico-diagnostica e dell area tecnico-assistenziale che svolgono, in autonomia professionale, le procedure tecniche necessarie alla esecuzione di metodiche diagnostiche su materiali biologici o sulla persona. Sono dotati di un adeguata preparazione nelle discipline di base, tale da consentire loro la migliore comprensione dei processi patologici che si sviluppano in età evolutiva, adulta e geriatrica, sui quali si focalizza il loro intervento diagnostico. Il Corso di laurea forma operatori specializzati nell adempimento dei protocolli di prevenzione di igiene orale, deputati alla conoscenza delle procedure di sterilizzazione collaborando anche nelle attività gestionali e manageriali. Svolgono inoltre attività di educazione sanitaria e partecipano a progetti di prevenzione primaria nell ambito del sistema sanitario. Il raggiungimento delle competenze professionali si attua attraverso attività formative (insegnamenti, laboratori e prova finale) che includono anche l acquisizione di competenze comportamentali e che vengono svolte nel contesto lavorativo specifico di ogni profilo, così da garantire, al termine del percorso formativo, la piena padronanza di tutte le necessarie abilità e la loro immediata spendibilità in campo professionale. Particolare rilievo, come parte integrante e qualificante della formazione professionale, riveste l attività formativa pratica e di tirocinio clinico, svolta con la supervisione e la guida di tutori professionali e coordinata da un docente. La presenza all interno dell Istituto San Raffaele di un Servizio di Odontoiatria operante costantemente su un numero di prestazioni molto alto e mediamente di elevato standard clinico, utilizzando metodologie sempre più specifiche e sofisticate (riabilitazioni implantoprotesiche di elevato livello anche su basi ossee atrofiche con innesti di osso autologo, terapie laser-assistite, microscopio operatorio, elettromiografo di ultima generazione, etc.) permette agli studenti del corso di laurea di assistere a prestazioni non routinarie e di difficile attuazione in strutture istituzionali non operanti in regime di solvenza. Inoltre, la possibilità di svolgere attività di tirocinio (oltre alle normali presenze nei reparti di medicina di base e chirurgici) all interno di San Raffaelle Turro 12

15 dove esiste una presenza odontoiatrica specifica sulle patologie speciali, contribuisce notevolmente alla crescita scientifica, professionale e umana degli studenti. GUIDA ALLE PROFESSIONI I laureati in Igiene Dentale: svolgono attività di studio, di didattica, di ricerca specifica applicata e di consulenza professionale nei servizi sanitari e nei luoghi in cui si richiede la loro competenza professionale; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all aggiornamento relativo al loro profilo professionale; svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero-professionale; collaborano con altre figure professionali al trattamento multi-disciplinare previsto nel piano di riabilitazione. PIANO DI STUDI I ANNO Scienze Propedeutiche Principi di anatomia ed istologia Igiene Patologia speciale odontostomatologica e chirurgica Fisiologia, Microbiologia e Patologia generale Parodontologia ed igiene dentale 1 A scelta dello studente I anno Tirocinio I anno II ANNO Medicina Farmacologia e rianimazione Protesi e materiali dentali Ortodonzia e pedodonzia Scienze Chirurgiche Parodontologia ed igiene dentale 2 lingua inglese A scelta dello studente II anno Tirocinio II anno III ANNO Clinica odontoiatrica, Conservativa, Endodonzia Diagnostica per immagini e radioterapia Metodologia epidemiologica e medicina legale Dermatologia, anatomia patologia e scienze infermieristiche Psicopedagogia applicata e storia della medicina Parodontologia ed igiene dentale 3 Management sanitario Tirocinio III anno prova finale Posti disponibili a.a : 25 L ammissione è regolata da una prova di selezione le cui modalità vengono comunicate sul sito 13

16 FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche CORSO DI LAUREA TRIENNALE Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Antonio Emilio Scala Presidente del Corso di Laurea: Prof. Maurizio Ferrari PRESENTAZIONE PROGETTO FORMATIVO La scoperta che le informazioni per lo sviluppo degli organismi viventi risiedono nella doppia elica del DNA e la comprensione dei meccanismi che permettono a queste informazioni di tradursi in funzioni cellulari ha rivoluzionato la ricerca biomedica aprendo prospettive prima inimmaginabili in ambito clinico, diagnostico e farmaceutico. La ricerca più avanzata si avvale già appieno di approcci biotecnologici per la caratterizzazione molecolare dei processi fisiologici e patologici. Il sequenziamento del genoma umano e l individuazione di geni alterati responsabili di un gran numero di malattie ha permesso lo sviluppo di strategie innovative di terapia genica e sostituzione cellulare (uso di cellule staminali). L introduzione di approcci di ingegneria genetica ha consentito lo sviluppo di farmaci innovativi e specifici. Il percorso di studi in Biotecnologie Mediche si propone di formare una figura di Ricercatore Biomedico dotato di elevata professionalità, in grado di coniugare le conoscenze scientifiche di base e specialistiche con quelle tecnologiche più avanzate. Il progetto didattico è inserito in un contesto scientifico di profilo internazionale, in grado di mettere a disposizione docenza altamente qualificata, infrastrutture all avanguardia e realtà industriali partecipi alle finalità didattiche e disponibili a recepire studenti sia per attività formative sia per l inserimento nel mondo del lavoro. La stretta integrazione del percorso con le strutture di ricerca del San Raffaele rappresenta un iter didattico specifico e unico nel panorama nazionale, in grado di garantire una formazione competitiva anche in ambito internazionale. La laurea triennale prepara figure professionali in grado di inserirsi in modo competitivo nel mercato del lavoro, fornendo nel contempo una formazione di altissimo profilo per un accesso a successivi livelli di studio. Le conoscenze di base e avanzate dei sistemi biologici vengono integrate con attività applicative fortemente correlate: lo studente affronta in prima persona le principali tecniche preparative e analitiche nell ambito di un progetto sperimentale che si svolge nel corso del triennio ed è assimilabile all attività di ricerca svolta nella realtà lavorativa. Questo innovativo percorso formativo consente di recepire appieno le esigenze espresse dal mondo della ricerca internazionale più avanzata. 14

17 GUIDA ALLE PROFESSIONI Oltre alla preparazione finalizzata all accesso alla laurea di secondo livello, il Corso prepara laureati in grado di operare, con funzioni di elevata responsabilità, nei seguenti ambiti: organismi di ricerca pubblici o privati, centri di servizi biotecnologici, imprese biotecnologiche e farmaceutiche. In particolare, il laureato acquisisce le competenze necessarie per svolgere attività lavorativa nei diversi settori delle biotecnologie applicate alla salute umana: ricerca di base e applicata (molecolare, farmacologica, genetica, immunologica, etc.) manipolazione di cellule ed organismi animali, produzione di animali transgenici, disegno e produzione di vettori per terapia genica, disegno, produzione e controllo di farmaci biotecnologici, ormoni e vaccini, produzione e controllo di prodotti naturali bioattivi. PIANO DI STUDI I ANNO Matematica e statistica Chimica inorganica e della materia vivente Biologia cellulare Comunicazione scientifica in lingua inglese Fisica Morfologia Umana Tecniche base di ricerca sperimentale II ANNO Biochimica Biologia molecolare e genetica Fisiologia Microbiologia Patologia generale e Immunologia Tecniche sperimentali molecolari III ANNO Bioinformatica e informatica Elementi di diritto ed economia aziendale Biochimica clinica e biologia molecolare clinica Saggi cellulari molecolari e bioimaging Biotecnologie farmacologiche Medicina molecolare e bioetica Principi di gestione delle imprese biotecnologiche Altre attività elettive Posti disponibili a.a : 50 L ammissione è regolata da una prova di selezione le cui modalità vengono comunicate sul sito 15

18 FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Biotecnologie Mediche Molecolari e Cellulari CORSO DI LAUREA MAGISTRALE BIENNALE Preside della Facoltà di Medicina e Chirurgia: Prof. Antonio Emilio Scala Presidente del Corso di Laurea: Prof. Maurizio Ferrari PRESENTAZIONE PROGETTO FORMATIVO Il Corso assicura il necessario collegamento culturale fra la formazione triennale e i programmi di dottorato nazionali e internazionali in un area di interesse che risponde appieno sia allo stato attuale della ricerca biomedica sia alle sue prospettive di sviluppo futuro. Affina la preparazione di un numero selezionato di studenti formando ricercatori culturalmente preparati ad affrontare le problematiche scientifiche nell ambito della salute ed esperti nelle applicazioni biotecnologiche molecolari. Il progetto didattico nasce dall esperienza di ricerca maturata presso il Dibit-Dipartimento di Biotecnologie del San Raffaele, Centro di Ricerca fra i più importanti in Europa e parte integrante del Parco Scientifico Biomedico del San Raffaele, al quale afferiscono anche l Ospedale e numerose imprese biotecnologiche e farmaceutiche. La coesistenza di ricercatori con formazione e competenze diversificate è ulteriore elemento di valorizzazione e favorisce l ampia circolazione di idee, competenze e tecnologie. Lo stretto collegamento con il mondo del lavoro garantisce stage pre-laurea e favorisce il successivo inserimento professionale. Docenti attivi nel mondo della ricerca e riconosciuti a livello internazionale provvedono alla formazione del futuro ricercatore attraverso l approfondimento delle conoscenze e, soprattutto, lo sviluppo delle capacità critiche e analitiche individuali. Una impostazione didattica innovativa consente allo studente di assumere un ruolo responsabile e attivo (student-centred learning). I percorsi formativi sono interdisciplinari e basati sull approfondimento guidato, individuale o di gruppo, di temi specifici (problem-based learning). Ampio spazio trova l insegnamento seminariale, mirato ad approfondire i temi scientifici più attuali e ad abituare lo studente ad una interazione attiva con scienziati italiani e stranieri. Attraverso la scelta dei corsi elettivi di altre attività formative, lo studente ha la possibilità di approfondire le seguenti aree di ricerca, ossia: Ricerca in Biomedicina Molecolare. Ricerca e Sviluppo in ambito Medico-Diagnostico. Ricerca e Sviluppo in ambito Biotecnologico-Farmaceutico. 16

19 GUIDA ALLE PROFESSIONI La laurea specialistica forma ricercatori in grado di inserirsi nelle quattro grandi aree biotecnologiche della salute: ricerca di base (caratterizzazione cellulare e molecolare di processi fisiologici e patologici); ricerca applicata e sviluppo in ambito medico (approcci innovativi di terapia genica, uso di cellule staminali); ricerca applicata e sviluppo in ambito diagnostico (sviluppo di test predittivi, diagnostica molecolare); ricerca applicata e sviluppo in ambito farmaceutico (identificazione di nuovi bersagli molecolari, sviluppo e produzione di molecole biologicamente attive). L insegnamento competitivo a livello internazionale e la diretta esperienza degli studenti nella realtà della ricerca biotecnologica forniscono una preparazione culturale eccellente sia per l accesso a successivi livelli di studio (dottorati e master), sia per l inserimento nel mondo della ricerca con competenze di alto livello. PIANO DI STUDI I ANNO I semestre Logica della scoperta e dell innovazione scientifica Basi molecolari e genetiche delle malattie Virologia molecolare Espressione genica proteomica e biologia strutturale II semestre Biologia cellulare, molecolare e patologia d organello Terapia genica e cellulare e Modelli sperimentali Fisiopatologia della risposta immunitaria e Oncologia molecolare Neuroscienze cellulari e molecolari Diagnostica delle malattie genetiche II ANNO Altre attività formative Aspetti biotecnologici della procreazione assistita La qualità nei processi biotecnologici Partecipazione al S.R.2 J Club Dibit* J.Club HSR** Ingegneria dei tessuti Imaging Morfologico e Funzionale Altre attività elettive Internato di tesi **Serie di incontri guidati da docenti per la discussione e comprensione di articoli scientifici **Partecipazione al congresso scientifico annuale organizzato dall Istituto Scientifico San Raffaele. Posti disponibili a.a : 50 L ammissione è regolata da una prova di selezione le cui modalità vengono comunicate sul sito 17

20 FACOLTÀ DI PSICOLOGIA Scienze e Tecniche Psicologiche CORSO DI LAUREA TRIENNALE Preside della Facoltà di Psicologia: Prof. Lucio Sarno PRESENTAZIONE PROGETTO FORMATIVO Il Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche si propone di garantire alla disciplina il suo statuto scientifico sia nel campo delle scienze naturali che in quello delle scienze umane. L oggetto di studio specifico è costituito dal funzionamento della mente nei suoi aspetti normali e patologici. A tal fine si rende necessario conoscere approfonditamente sia gli aspetti biologici e neurofisiologici del funzionamento della mente sia i processi psicodinamici che interessano lo stesso. Anche lo sviluppo della mente è riguardato nelle sue determinanti genetiche e ambientali, così come il linguaggio e la comunicazione in relazione alle basi neurologiche e sociali. Grande importanza è assegnata alla metodologia della ricerca scientifica sia sperimentale che clinica, sia quantitativa che qualitativa. Oggetto di studio privilegiato rimane comunque la mente dell uomo nel suo funzionamento, sia normale sia patologico. Vengono pertanto studiati i meccanismi del funzionamento del cervello responsabili delle malattie mentali e le determinanti psicodinamiche (intrapsichiche e relazionali) del disagio psicologico. Tali studi trovano campo fertile presso i laboratori di ricerca e le strutture cliniche dell Istituto Scientifico San Raffaele che risultano così sinergici rispetto alle aule universitarie frequentate dagli studenti. L obiettivo specifico della formazione dello studente presso il Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche della Facoltà di Psicologia dell Università Vita- Salute San Raffaele consiste principalmente nel fornire una solida preparazione di base, teorica, metodologica e applicata nei domini fondamentali della disciplina. La formazione teorica prevede lo studio dei fondamenti della Psicologia: Psicobiologia e Neuropsicologia, Psicologia Generale e dello Sviluppo, Psicologia Sociale e Psicolinguistica, Psicologia Dinamica e Clinica. Uguale importanza è assegnata alla formazione nella Metodologia della ricerca, sia quantitativa che qualitativa, nei campi della Psicologia Sperimentale, della Psicologia Clinica e Sociale. E ugualmente prevista una formazione introduttiva all attività clinica nei campi di riferimento privilegiati: Neuroscienze cognitive e Psicologia Clinica e della Salute. Con tale bagaglio di saperi nel campo della teoria, della metodologia della ricerca e delle applicazioni alla clinica lo studente avrà la possibilità di accedere pienamente attrezzato ai Corsi di Laurea Magistrale in ambito psicologico. 18

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile

Staff - S.C. Neuropsichiatria Infantile INFORMAZIONI PERSONALI Nome Attilio Vercelloni Data di nascita 28/01/1960 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio dirigente medico ASL DI VERCELLI Staff - S.C. Neuropsichiatria

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI

RAZIONALE OBIETTIVI DIDATTICI RAZIONALE L Iperplasia Prostatica Benigna (IPB), a causa dell elevata prevalenza e incidenza, in virtù del progressivo invecchiamento della popolazione maschile, e grazie alla disponibilità di adeguati

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia ( livello) Presidente: prof. Adriano Magli

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni )

*** L ora è riservata per comunicazioni e riunioni (Collegio Studenti, Commissioni ) ORARIO LEZIONI 2 semestre - Anno accademico 2014/2015 2 semestre 1 ANNO GIORNI ORE LUNEDÌ Teologia morale fondamentale Teologia morale fondamentale Psicologia dello sviluppo I Psicologia dello sviluppo

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO

Ore lezione, tirocinio, ricerca OS401 BAS1A-BIO modulo & componenti ANNO 1 - LIVELLO 4 - YEAR 1BSc Scienze di base/mediche 1A: BIOSCIENZE Codice OS401 BAS1A-BIO Ore lezione, tirocinio, ricerca Ore di apprendimento Crediti UK 164 300 30 15 Crediti ECTS

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Università Vita~Salute San Raffaele

Università Vita~Salute San Raffaele Università Vita~Salute San Raffaele DECRETO RETTORALE N. 4185 IL RETTORE Visto lo Statuto dell'università Vita-Salute San Raffaele approvato con Decreto del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura

Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura Dip.to di Continuità Assistenziale - U.O.C. di Geriatria Gestione dei problemi della persona anziana nei contesti di cura 1^ ed. 6 maggio 2014 Centro Servizi alla Persona Fondazione Zanetti di Oppeano

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di

Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Programma di CORSO. Con il patrocinio di Mod. S4 Rev. 3 del 19/02/2013, Pagina 1 di 7 Con il patrocinio di Corso di formazione ECM con metodo Problem Based Learning LE MALFORMAZIONI VASCOLARI CONGENITE: IL SOSPETTO DIAGNOSTICO E LA COMUNICAZIONE

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI

EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI EQUIPARAZIONI TRA LAUREE DI VECCHIO ORDINAMENTO, LAUREE SPECIALISTICHE E LAUREE MAGISTRALI Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: nei bandi che fanno riferimento all ordinamento previgente

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE

LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE LINEE-GUIDA DEL MINISTRO DELLA SANITÀ PER LE ATTIVITA DI RIABILITAZIONE Premessa Obiettivo delle presenti linee-guida è fornire indirizzi per la organizzazione della rete dei servizi di riabilitazione

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE -

MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - UNIVERSITÀ TELEMATICA LEONARDO DA VINCI A.A 2012/2013 MASTER DI II LIVELLO IN DIREZIONE E MANAGEMENT DELLE AZIENDE SANITARIE (DIMAS) - II EDIZIONE - Direttore Prof. Massimo Sargiacomo Università G. d Annunzio

Dettagli