CELLULE STAMINALI EMBRIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CELLULE STAMINALI EMBRIONALI"

Transcript

1 UNA PERCEZIONE CONFUSA E DISINFORMATA CELLULE STAMINALI EMBRIONALI Michela Luraschi e Giovanni Pellegri Foglio n 3, 2010

2

3 UNA PERCEZIONE CONFUSA E DISINFORMATA CELLULE STAMINALI EMBRIONALI Foglio n 3, 2010 SCIENZA E SOCIETÀ

4 Impressum Università della Svizzera italiana Science et Cité Dicembre 2010 Testi: Michela Luraschi e Giovanni Pellegri Impaginazione: Tania Vanetti

5 INTRODUZIONE p. 7 METODO E OBIETTIVI p. 9 LE OPINIONI DEGLI ESPERTI p. 11 RISULTATI p. 13 RACCOMANDAZIONI PARLAMENTARI p. 17 DISCUSSIONE E CONCLUSIONI p. 19 BIBLIOGRAFIA p. 25

6

7 INTRODUZIONE 7 "STAMINALI" Si chiamano "staminali" e sono le cellule al centro dell attenzione della ricerca scientifica degli ultimi anni. Sono delle cellule ancora "immature" in grado di differenziarsi in qualsiasi cellula del tessuto in cui risiedono o, a seconda del loro stato di sviluppo, persino in qualsiasi cellula del corpo umano. La loro funzione naturale è di generare ogni cellula dell'organismo e di regolare il corretto ricambio delle cellule del nostro corpo, e proprio per queste incredibili capacità le cellule staminali sono sotto i riflettori dei ricercatori e delle industrie farmaceutiche perché potrebbero portare allo sviluppo di nuove soluzioni terapeutiche per sostituire tessuti malati. Le patologie il cui trattamento potrebbe avvalersi dell'uso di cellule staminali includono una serie di tumori e malattie degenerative del sistema cardiocircolatorio, muscolare e nervoso. La grande potenzialità terapeutica delle cellule staminali è già ampiamente dimostrata da terapie in uso da decenni con le cellule staminali somatiche quali l'autotrapianto di cellule staminali adulte ematopoietiche e il trapianto di cellule staminali adulte per riparare la cornea o la cute danneggiate da cause traumatiche o genetiche. La disponibilità di embrioni umani fuori dal corpo della donna, permise per la prima volta nel , la derivazione di linee cellulari di staminali embrionali umane. Sebbene in 12 anni di ricerche, nessuna terapia sia stata sviluppata con le cellule staminali embrionali, esse presentano una grande plasticità e potrebbero offrire nuovi strumenti per lo sviluppo di terapie future. Alcuni governi, Svizzera inclusa 2, hanno reso possibile l utilizzo per la ricerca di cellule staminali embrionali prelevate da embrioni umani rimasti nei congelatori in seguito a procedure di fecondazione assistita. Altri governi si stanno chiedendo che cosa sia giusto fare, tra rispetto per l embrione dell uomo e possibilità terapeutiche. Le cellule staminali somatiche (prelevate da organi adulti, dal cordone ombelicale) e le cellule staminali embrionali (prelevate da embrioni umani che sono in seguito distrutti) sono due tematiche completamente diverse, soprattutto dal profilo etico. La differenza tra cellule staminali somatiche e embrionali è rilevante e comporta tecniche e conseguenze ben distinte: eppure spesso le confondiamo, anche sostenuti dai media che non sempre danno la giusta attenzione alle terminologie usate. La problematica staminali è quindi particolarmente interessante perché contiene i vari aspetti che rendono complessa non solo la comunicazione di un informazione scientifica, ma anche la sua percezione. Non è solo una tematica nuova ed emergente e che richiede la comprensione di meccanismi biologici di una certa complessità, ma è anche una tematica che ha sollevato un ampio dibattito con prese di posizione da parte di diversi gruppi. Alcune associazioni di pazienti hanno per esempio fortemente sostenuto la ricerca sulle cellule staminali embrionali nella speranza di vedere nascere nuove terapie contro mali incurabili, mentre vari gruppi religiosi o chiese si sono opposti a queste ricerche riaffermando il rispetto e la dignità 1 Thomson et. al (1998). "Blastocysts Embryonic Stem Cell Lines Derived from Human". Science 282 (1145): Online: 2 In Svizzera la legge sulle cellule staminali embrionali è entrata in vigore il 1 marzo Contro la legge, votata dal parlamento il 19 dicembre 2003, avevano lanciato il referendum sia gli ambienti anti-abortisti, sia alcuni ambienti della sinistra ecologista. Il 28 novembre 2004 il popolo svizzero approvò (66,4% di sì) una legge che regola l'uso a scopo di ricerca delle cellule staminali ricavate da embrioni umani «soprannumerari», vale a dire da embrioni nati per la fecondazione in vitro che non hanno potuto essere impiantati nell'utero della madre. 3 Panoramica della situazione internazionale al sito: panoramica europea:

8 INTRODUZIONE 8 dell embrione umano. È inoltre un settore che richiede non solo una riflessione etica, ma anche strumenti politici per regolamentare la ricerca scientifica. Non da ultimo, presenta forti interessi economici. In questo contesto, spesso animato da numerosi articoli e dibattiti, abbiamo incontrato dei giovani per capire come viene percepita questa tematica e quale regolamentazione ritengono giusto applicare. L indagine è parte di un ampio progetto organizzato in 30 città europee all interno del progetto 2Ways (finanziato dal Settimo programma quadro dell UE) 4. Il presente Foglio espone i risultati raccolti nella Svizzera italiana; l indagine in Ticino è stata realizzata dall Università della Svizzera italiana coinvolgendo un gruppo di 60 studenti del terzo anno di una scuola media superiore 5. 4 Il progetto è stato realizzato in parallelo in 30 città europee dove sono stati organizzati dei parlamenti degli studenti con dibattiti attorno ad alcune tematiche controverse nell ambito delle scienze della vita. I giovani discuteranno ancora a dicembre 2010 a Bruxelles, dove si riuniranno le diverse città (rappresentate ognuna da due studenti) per confrontare le loro opinioni nell ambito delle tematiche trattate. Informazioni riguardanti il progetto: 5 Hanno preso parte al progetto un gruppo di 60 studenti di anni della Scuola cantonale di commercio di Bellinzona, Svizzera.

9 METODOLOGIA 9 METODO E OBIETTIVI Scopo del progetto era valutare da una parte, la conoscenza dei ragazzi (in età con diritto di voto) sulla tematica cellule staminali embrionali e dall altra, un possibile cambiamento di opinione in seguito a dei momenti informativi con esperti e discussioni fra pari. La raccolta dei dati è avvenuta in tre giornate distinte. In un primo momento gli studenti hanno espresso il loro parere sulle cellule staminali embrionali sulla base delle conoscenze acquisite prima dell incontro, dunque senza l appoggio di informazioni specifiche. In un secondo momento hanno ascoltato la voce di due esperti un biologo e una filosofa morale 6 che hanno approfondito e spiegato le varie tematiche in questione. Un terzo momento è stato invece dedicato alle discussione tra loro, con la costituzione di un parlamento degli studenti. Per analizzare l eventuale cambiamento di opinione in funzione delle informazioni ricevute, abbiamo sottoposto la stessa domanda in tre momenti diversi. La domanda era: Ritieni importante utilizzare embrioni umani per lo sviluppo di nuove terapie con le cellule staminali embrionali? giorno 1 giorno 2 giorno 8 Momento 1: Prima dell inizio del progetto Momento 2: Informazioni ricevute dagli esperti Momento 3: Discussioni tra pari Sondaggio 1 Sondaggio 2 Raccomandazioni e sondaggio 3 Figura 1: Metodologia della raccolta dati 6 Angelo Vescovi, biologo e Elena Colombetti, filosofa morale. I due esperti hanno mostrato aspetti controversi delle tematiche in questione, e chiarito dubbi, rispondendo alle domande degli studenti.

10 METODOLOGIA 10 Sondaggio 1: conoscenza di base. Gli studenti hanno risposto a un semplice formulario a casa, o tra i banchi di scuola senza ricevere informazioni sulle questioni affrontate. I risultati rappresentano quindi la conoscenza di base dei ragazzi, prima di approfondire il tema. I dati raccolti in questo modo sono comparabili a dati raccolti in strada da un qualsiasi sondaggio che pone improvvisamente una domanda. La risposta scaturisce dalle nostre rappresentazioni magari fondate su conoscenze parziali e incomplete, a volte anche sbagliate. Sondaggio 2: informazione scientifica ed etica. I ragazzi hanno seguito una lezione durante la quale due esperti hanno presentato pareri molto forti: uno laico e uno cattolico, ma entrambi contrari all uso di embrioni umani per la produzione di cellule staminali embrionali. Anche se con argomentazioni completamente diverse, le loro spiegazioni non hanno lasciato spazio alla neutralità. Alla fine di questa giornata informativa i ragazzi hanno di nuovo espresso il loro parere. Sondaggio 3: discussione approfondita tra pari. In assenza di esperti e docenti, gli studenti hanno costituito un parlamento e hanno discusso tra loro a piccoli gruppi (2 gruppi parlamentari hanno lavorato sul tema cellule staminali embrionali) e redatto delle raccomandazioni. Ogni studente ha potuto esprimere la sua opinione, ascoltare quella dei suoi compagni. Insieme hanno posto domande e hanno formulato risposte. Le discussioni sono state gestite da moderatori neutri. Questa metodologia permette di affrontare alcune domande e di abbozzare qualche risposta: Come viene percepita la tematica cellule staminali embrionali dai giovani? La differenza fra i due campi è percepita? Come giudicano le prospettive scientifiche offerte dalle cellule staminali embrionali? E infine come sviluppano un loro giudizio?

11 LE OPINIONI 11 LE OPINIONI DEGLI ESPERTI ANGELO VESCOVI: "NESSUNA TERAPIA DALLE STAMINALI EMBRIONALI" Il professor Angelo Vescovi, ricercatore nel campo delle cellule staminali, definisce un equivoco il dibattito sulle cellule staminali embrionali. Non è vero, - afferma Vescovi - che le staminali embrionali rappresentano l unica o la migliore via per la guarigione di molte malattie incurabili. A oggi non esistono terapie disponibili che implichino l impiego di staminali embrionali, né si può attualmente prevedere se e quando questo diventerà possibile, data la scarsa conoscenza dei meccanismi che regolano l attività di queste cellule, e la loro intrinseca tendenza a produrre tumori. Molto più avanzate sono invece le linee di ricerca sulle staminali somatiche, in numerosi casi già applicate alla terapia. Inoltre, la stessa produzione di staminali embrionali può avvenire senza passare attraverso gli embrioni, "deprogrammando" cellule adulte. Angelo Vescovi afferma che dietro al sostegno alla ricerca sulle staminali embrionali stanno spesso l ideologia, e anche interessi economici rilevantissimi. Ciò che però si discosta dalla norma continua Vescovi è che qui non parliamo di un qualunque business, ma di vita umana. Questo per me segna il grado di maturazione di una società: se il profitto viene anteposto al benessere dell individuo, e l embrione è individuo a tutti gli effetti, la qualità della vita decade». All obiezione che c è chi sostiene che l embrione ai primi stadi del suo sviluppo non è vita, Vescovi risponde: La maggioranza ha una posizione preconcetta, e quando si dimostra loro che da un punto di vista biologico la vita comincia con la fecondazione, rispondono: sì però non c è il cervello, sì però l embrione non comunica, e tu gli smonti le obiezioni una a una, e quelli si rifugiano dietro a una posizione che è evidentemente ostinatamente ideologica». Vescovi, che si definisce agnostico, non manca di ripetere come l embrione sia fin dall inizio vita. «Sono basi perfettamente scientifiche. All atto della fecondazione c è una transizione repentina e mostruosa, in termini di quantità d informazione. Una transizione di quantità e qualità di informazione senza paragoni, che rappresenta l inizio della vita: si passa da uno stato di totale disordine alla costituzione della prima entità biologica. Che contiene tutta l informazione che rappresenta il primo stadio della vita umana, concatenato al successivo, e al successivo, e al successivo, in un continuum assolutamente non scindibile, se non in modo arbitrario. Non è possibile fare etica o filosofia prescindendo dalla biologia e dalla fisica. Perché filosofia ed etica devono applicarsi alla realtà, e non a un astrazione».

12 LE OPINIONI 12 ELENA COLOMBETTI: "DIGNITÀ OGGETTIVA GIÀ ALLO STATO EMBRIONALE " Il primo scopo afferma Elena Colombetti è quello di capire che cosa si intende per persona umana e in che modo questa nozione funga da criterio di inclusione o di esclusione da una serie di prassi di tipo socio-assistenziali e di tutela: chi è persona umana è incluso in un certo atteggiamento di cura, chi non lo è non è incluso, così come chi è persona umana è detentore di determinati diritti e chi non lo è non è detentore di determinati diritti. In primo luogo occorrerà tenere presente che l essere umano è una realtà corporea, anche se non si esaurisce nella sua corporeità. Non c è rispetto nei suoi confronti che non sia anche rispetto della sua concreta corporeità. Come infatti ricorda Hegel ogni violenza al corpo altrui è violenza all altro. L uomo è una realtà in divenire in cui i suoi caratteri - quali l autocoscienza, la relazionalità, la possibilità di progettare sé e il proprio futuro, l autonomia, la corporeità - compaiono e scompaiono o si modificano nel tempo (si confronti ad esempio l autonomia del bambino con quella dell adulto). In questa modificazione che le caratteristiche dell uomo subiscono nel tempo quale sarà il criterio per riconoscere la presenza o l assenza di un essere umano? Il criterio minimo non può che essere la presenza di un corpo umano vivo, che in certe condizioni di sviluppo e di salute sarà in grado di camminare, vedere, compiere un operazione matematica, ricordare, ecc, ma non sempre (un neonato ad esempio non può camminare né fare una promessa). La concreta tutela della vita di questo concreto essere umano indipendentemente dalla sua età di sviluppo, dal suo sesso, dal suo grado di salute è la condizione minima per il rispetto e l esercizio di tutti gli altri diritti. Per quanto riguarda l embrione, Elena Colombetti, sottolinea che il termine embrione è solo il modo con cui si indica una fase di sviluppo di un organismo. Se si tratta dell embrione di un uomo, si tratta di un uomo allo stato embrionale. Il fatto di avere materialmente embrioni umani a portata di mano fa sorgere la problematica della loro protezione giuridica, della protezione di quegli esseri umani generati ma poi per diverse ragioni non più pensati in ordine alla genitorialità. Quale è il diritto degli esseri umani il cui normale processo di sviluppo è stato bloccato allo stato embrionale? Secondo Colombetti, l'uomo deve guardarsi dalla tentazione di fare della sua ricerca un valore assoluto, perché conserva il suo valore e il suo significato umano solo se si pone al servizio dell essere umano stesso. Quando sono distrutti embrioni umani per la produzione di cellule staminali il principio terapeutico non è rispettato: il fine non è affatto il bene dell essere umano su cui si agisce, che viene appunto distrutto. L ipotetico beneficio terapeutico è dunque pensato solo per altri soggetti: si creano così categorie di esseri umani in cui i più deboli sono sacrificabili per il bene di altri. Se la tutela dell essere umano non resta un criterio morale intangibile e si permettessero eccezioni (dall'embrione agli anziani fino ai disabili), verrebbe meno il presupposto stesso di una società non violenta il cui fine è il bene di tutti i suoi membri.

13 RISULTATI

14 RISULTATI 14 RISULTATI I risultati presentati riguardano i pareri espressi dai giovani nei tre momenti di indagine (sondaggio 1, 2 e 3) e le raccomandazioni elaborate nei gruppi parlamentari. Pro o contro le cellule staminali? Il sondaggio Sondaggio 1: conoscenza di base - il parere dei giovani Prima di iniziare i dibattiti, i ragazzi hanno espresso il loro parere. L utilizzo di embrioni umani per la produzione di cellule staminali embrionali ottiene il pieno consenso tra gli studenti. Questo risultato è stato raccolto a inizio progetto e rappresenta la loro opinione a freddo, quella che si è formata senza informazioni specifiche. Un'opinione forgiata parlando tra amici, ascoltando i dibattiti in famiglia, o sentendo le notizie alla radio, alla TV o sui quotidiani. L 83% dei ragazzi ritiene importante poter utilizzare gli embrioni umani per la ricerca scientifica, solo un 12% è indeciso e un 5% è contrario. 83% 5% 12% si no non so pre esperti Figura 2: Ritieni importante utilizzare embrioni umani per lo sviluppo di nuove terapie con le cellule staminali embrionali? Il grafico riporta i dati raccolti prima dell incontro tra studenti e esperti. È interessante notare che, dopo aver risposto a questo primo sondaggio (fase 1), abbiamo chiesto in quanti si ritenevano abbastanza informati tanto da sentirsi in grado di spiegare in poche parole ai propri compagni, che cosa fosse una cellula staminale. Solo un ragazzo ha alzato la mano. Altrimenti detto, praticamente nessuno aveva conoscenze di base sulle cellule staminali, malgrado nel sondaggio solo il 12% ha risposto non so. Indipendentemente da questo, la maggioranza ha comunque espresso un opinione a favore dell uso di embrioni umani e di cellule staminali embrionali.

15 SONDAGGIO 15 Sondaggio 2: informazione scientifica ed etica - entra in campo l esperto Nel corso di un pomeriggio i due esperti hanno fatto il punto sullo stato dell arte nell ambito delle ricerche sulle cellule staminali, spiegando nei dettagli le differenze tra le cellule staminali somatiche e quelle embrionali e i risultati ottenuti nei due campi. È stata anche proposta una riflessione basata su argomenti e principi che rifanno a un etica personalistica contraria all uso di embrioni umani per la ricerca scientifica. Gli studenti hanno ricevuto della documentazione sul tema e hanno potuto ascoltare e interrogare i due esperti. Dopo questo pomeriggio di studio abbiamo misurato una seconda volta il loro dei giovani. Ecco i risultati: 83% 76% 5% 14% 12% 10% sì no non so pre esperti post esperti Figura 3: Ritieni importante utilizzare embrioni umani per lo sviluppo di nuove terapie con le cellule staminali embrionali? Il grafico riporta il confronto dei dati raccolti prima e dopo le presentazioni degli esperti. Il risultato è chiaro: i giovani studenti restano favorevoli all utilizzo delle cellule staminali embrionali; pochi gli incerti. Il risultato evidenzia, dunque, come l aver o non aver ascoltato le spiegazioni di due esperti non abbia cambiato la loro opinione, seppur il parere di entrambi fosse palesemente contrario all utilizzo delle cellule staminali embrionali.

16 SONDAGGIO 16 Sondaggio 3: Discussione approfondita tra pari In una terza fase, a circa una settimana dall incontro con gli esperti, i ragazzi hanno potuto discutere, confrontarsi e sviluppare un loro giudizio, suddivisi in gruppi di 20. Alla fine di questo animato dibattito sono state poste nuovamente le stesse domande (sondaggio 3). I risultati ottenuti sono sorprendenti. 83% 76% 24% 14% 5% 40% 12% 10% 2% 34% si no non so...dipende pre esperti post esperti dopo parlamento Figura 4: Ritieni importante utilizzare embrioni umani per lo sviluppo di nuove terapie con le cellule staminali embrionali? Il grafico riporta il confronto dei dati prima, dopo le presentazioni degli esperti e a distanza di una settimana, dopo le discussioni tra pari. Se l opinione in merito all utilizzo di embrioni umani per la ricerca scientifica non è cambiata dopo aver ascoltato gli esperti, è stata stravolta dopo le discussioni tra pari, ossia dopo aver lasciato il tempo ai ragazzi di riflettere e di condividere la propria opinione con gli altri. I contrari sono così divenuti la maggioranza. Il risultato da sottolineare, al di là di quale sia la loro opinione, è il 34% degli studenti che ha risposto dipende. In questo dipende, si racchiude probabilmente una presa di coscienza della complessità della tematica e di quanto non sia immediata e trasparente la formulazione di un opinione.

17 RACCOMANDAZIONI 17 Raccomandazioni parlamentari Il semplice voto a favore o contrario non riesce a racchiudere la complessità delle discussioni avvenute. Ogni gruppo ha così scritto separatamente una raccomandazione e votato tutti insieme quella ritenuta migliore 8. La raccomandazione emersa dal primo gruppo parlamentare propone di porre un accento maggiore alla ricerca sulle cellule staminali somatiche ma allo stesso tempo di continuare le ricerche sulle cellule staminali embrionali utilizzando unicamente gli embrioni soprannumerari disponibili. Un analisi dei risultati periodica permetterà di capire i vantaggi dei due filoni di ricerca. RACCOMANDAZIONE 1 A. Ascoltati i pareri del prof. Angelo Vescovi (biologo) e della prof.ssa Elena Colom betti (filosofa), B. Dopo aver dibattuto e cercato un consenso all interno del nostro parlamento in data 21 aprile, C. Reso nota che la vita umana inizia dal concepimento, D. Considerato che noi stessi siamo stati delle blastocisti, E. Considerato che il sistema nervoso nell embrione umano si forma dal 14esimo giorno, F. Considerato che ad oggi esistono embrioni umani soprannumerari non più ri chiesti dai genitori, G. Considerato che ad oggi è possibile utilizzare in clinica con successo le cellule staminali somatiche Richiediamo che non siano creati embrioni umani per la ricerca scientifica, ma che siano utilizzati esclusivamente gli embrioni umani soprannumerari. Riteniamo importante incentivare la ricerca sulle cellule staminali somatiche con adeguati sostegni finanziari. Desideriamo che le prospettive cliniche dei due filoni di ricerca (staminali somatiche e staminali embrionali) siano valutate a scadenze regolari da un gruppo di esperti sovranazionale per definire i traguardi raggiunti e le prospettive delle due ricerche. 8 La raccomandazione è stata presentata a Bruxelles, a dicembre 2010, durante il parlamento europeo dei giovani.

18 RISULTATI 18 Il secondo gruppo ha espresso una raccomandazione più schierata: i giovani sono contrari all utilizzo di embrioni umani per la ricerca e propongono di investire unicamente nelle cellule staminali adulte e di abbandonare la ricerca sulle cellule staminali adulte. A sostegno di questa scelta, vi sono motivazioni etiche e paure legate ai possibili rischi provocati dall utilizzo delle cellule staminali embrionali. RACCOMANDAZIONE 2 A. Ascoltati i pareri degli esperti e di tutti noi, tra cui una persona favorevole al fatto che la ricerca sulle cellule staminali embrionali continui, B. Considerato che i costi delle due metodologie sono uguali, C. Preso nota che la vita umana secondo la biologia inizia con la fecondazione, D. Considerato che le staminali somatiche possono essere clonate e riprogrammate ridando loro la versatilità come le embrionali, E. Considerati i rischi minori delle staminali somatiche rispetto a quelle embrionali, F. A conoscenza del fatto che le cellule staminali embrionali possono provocare tumori, G. Riconoscendo che non esistono problemi morali legati alle staminali adulte, Incoraggiamo la ricerca nell ambito delle cellule staminali adulte e chiediamo che il loro utilizzo continui. Raccomandiamo che non vengano più prelevati e conservati embrioni umani al fine della ricerca sulle cellule staminali embrionali. Riaffermiamo il problema morale e dunque chiediamo l abbandono graduale delle ricerche sulle cellule staminali embrionali. Sosteniamo l utilizzo degli stock di cellule staminali embrionali umani esistenti per l adozione. La raccomandazione 1 ha raccolto la maggioranza dei voti.

19 DISCUSSIONE E CONCLUSIONI

20 DISCUSSIONE 20 UN DIBATTITO CONFUSO Da questo progetto sono emersi più risultati. Innanzitutto è interessante notare come per la quasi totalità degli studenti che vi hanno partecipato, la tematica cellule staminali fosse confusa e poco conosciuta. Durante le discussioni avute nei gruppi è chiaramente apparso che gli studenti, ignoravano completamente la differenza tra le cellule staminali somatiche e quelle embrionali. E questo non sorprende. La principale, se non unica fonte di informazione per questa tematica, sono i mass media, che, tuttavia, hanno confuso e capovolto il dibattito. Le radici della confusione sono generate dal fatto che i termini sono in parte simili (cellule staminali somatiche e cellule staminali embrionali) e vengono abbreviati con troppa facilità nell unico termine cellule staminali, senza più distinguere le importanti differenze. Ma quello che sorprende di più è il capovolgimento delle rilevanza scientifica delle due tematiche: ad oggi esistono 167 protocolli clinici per la cura di diverse malattie che si basano sulle cellule staminali somatiche, e altri trattamenti sono in fase di sperimentazione (test clinici sull uomo). Le cellule staminali embrionali, invece, non offrono attualmente nessuna terapia. Solo due studi clinici sono in corso, per il momento senza risultati che lascino sperare in una loro applicazione futura. Il dibattito sui mass media è invece completamente capovolto. La maggior parte delle notizie parlano di possibili terapie (ma inesistenti) che si basano sulle cellule staminali embrionali: sono solo promesse per ora impossibili, per la cura di mali incurabili. Da uno studio realizzato in Spagna analizzando gli articoli pubblicati sui due maggiori quotidiani nazionali emerge che la maggior parte degli articoli (58%) parla di cellule staminali embrionali, e solo il 17% di cellule staminali somatiche e il 7% di cellule staminali del midollo osseo. In altre parole, gli aspetti scientifici prioritari sulla tematica staminali che vedono le cellule staminali somatiche protagoniste e fonte di numerose terapie sono state completamente oscurate dal dibattito sull uso di embrioni umani per poter disporre di cellule staminali embrionali che invece non propongono ad oggi nessuna terapia. In campo scientifico, secondo le ricerche nella banca dati di pubblicazioni ISI - Web of Science, le percentuali sono infatti proprio invertite rispetto alla copertura della tematica sui media. Nelle pubblicazioni prettamente scientifiche, le protagoniste sono proprio le cellule del midollo osseo nel 72,5% dei casi. Mentre le cellule staminali embrionali sono citate in misura proporzionalmente minore (20%), e la presenza del termine cellule staminali embrionali umane è ancora più bassa (4%). Per quanto concerne l opinione pubblica attorno a questa tematica, conosciamo i dati dell Italia, dove i contrari alla ricerca sulle cellule staminali embrionali sono rapidamente diminuiti (dal 34% nel 2006 al 17% nel 2009). In un altra ampia ricerca svolta dalla rivista Scientific American in collaborazione con la rivista Nature (21'000 intervistati in tutto il mondo) emergono risultati simili: solo l 8% degli intervistati non approva la ricerca sugli embrioni umani. La promozione della tematica attraverso i mass media può essere legata a questo cambiamento. Non disponiamo di dati analoghi per i mass media e l opinione pubblica in Svizzera, ma non c è motivo di credere che la situazione sia diversa. Il dibattito sulle staminali è stato fortemente deformato e confuso e le conoscenze di base dei ragazzi si sono formate e deformate in questa confusione. E da qui nasce la loro prima idea, ben espressa nel primo sondaggio, e in

21 DISCUSSIONE 21 linea con quella dei loro colleghi in altri Stati coinvolti in attività analoghe. In seguito abbiamo fornito le informazioni scientifiche e proposto il parere di due esperti. Sorprendentemente, l opinione dei ragazzi non è cambiata. È importante sottolineare che gli esperti hanno espresso un opinione contraria all uso di embrioni umani per l estrazione di cellule staminali embrionali. La filosofa morale, con argomentazioni incentrate su un etica personalistica, ha ribadito il rispetto dell essere umano come punto centrale delle valutazioni morali. Il biologo, dichiaratamente agnostico, per motivi scientifici ritiene invece inefficace e insensato l utilizzo di embrioni umani per la ricerca scientifica. Entrambi dunque hanno cercato, argomentando ognuno attraverso le loro discipline, di convincere gli studenti che l utilizzo di cellule staminali embrionali è oggi inutile. Ma ecco la prima sorpresa: l informazione verticale non ha influenzato le opinioni dei giovani. Dopo aver letto le schede informative e aver ascoltato un opinione manifestamente schierata di due esperti, l opinione degli studenti non è cambiata, le risposte sono invece cambiate dopo le discussioni tra di loro, dopo il momento parlamentare, dove a piccoli gruppi hanno potuto confrontarsi, esprimendo opinioni, domande, paure, dubbi e incomprensioni. Come sono cambiate queste risposte? Nei confronti dell utilizzo di embrioni umani per la ricerca, molti sì sono diventati no, e sono apparsi molti dipende. In un certo senso si è creato uno spazio per superare la propria percezione superficiale e analizzare la tematica nella sua complessità. Così, la discussione libera ha permesso a tutti di esprimersi o di ascoltare i pensieri dei propri compagni forgiando un pensiero nuovo, sicuramente ancora influenzato e modellato dal carisma di alcuni compagni e dalle proprie credenze, ma più approfondito rispetto alla prima percezione. Il momento della scrittura delle raccomandazioni è stato un esercizio importante sotto diversi aspetti perché ha costretto gli studenti a riassumere le idee, chiarire il perché delle proprie scelte da dove scaturiscono, rispettare le opinioni di tutti e redigere in modo serio delle raccomandazioni in un ambito scientifico complesso. In pratica, il confronto, il tempo a disposizione per la riflessione, ha permesso di capire alcuni concetti, porsi delle domande, e fare chiarezza tra i propri pensieri, esprimendo infine un opinione che superasse il semplice schieramento a favore o contrari alle cellule staminali embrionali. Tutto ciò è divenuto visibile non solo nelle raccomandazioni ma anche nell ultimo sondaggio, con i risultati stravolti rispetto alle prime due fasi del progetto. I risultati del sondaggio e l osservazione delle dinamiche all interno dei gruppi parlamentari, permettono di formulare tre ipotesi su come è avvenuto il cambiamento di opinione: La discussione tra pari ha un ruolo centrale. La mente ha la tentazione di cedere ad un pensiero di tipo top-down, evitando la discussione. Questo significa tendere ad assimilare le informazioni partendo dalle proprie costatazioni e ipotesi, rendendo così la propria opinione "sommaria", l unico giudizio sulla realtà. È invece importante avere l opportunità di dire la propria opinione, di ascoltare quelle degli altri e cercare di capire il loro punto di vista. Secondo questa ipotesi il pensiero dei giovani si forma principalmente con uno scambio costruttivo

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello

Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Ufficio delle scuole comunali Collegio degli ispettori Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Bellinzona, dicembre 2010 Comunicazioni ai genitori Indicazioni sul nuovo modello Comunicazioni

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

"Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare

Ogni persona, indipendentemente dal grado di. disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare "Ogni persona, indipendentemente dal grado di disabilità, ha il diritto fondamentale di influenzare mediante la comunicazione le condizioni della sua vita". Questo è l'incipit della Carta dei Diritti della

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it

Prof. Francesco D. Capizzi - www.chirgastrolaparomaggiore.it FRANCESCO DOMENICO CAPIZZI IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione medico-malato IL MALATO HA SEMPRE RAGIONE? Informazione e consenso informato: la comunicazione

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere"

1 Il criterio Paretiano e la Nuova economia del Benessere 1 Il criterio Paretiano e la "Nuova economia del Benessere" 1.1 L aggregazione di preferenze ordinali inconfrontabili e il criterio di Pareto L aggregazione delle preferenze individuali è problematica

Dettagli

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA

Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE DI PATERNARIATO GENITORI E SCUOLA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIPARIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione generale per lo studente Ufficio III PROGETTO GENITORI E SCUOLA SCHEDA RICOGNITIVA ESPERIENZE

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare?

TECNICHE. H. Sei Cappelli per Pensare. 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? TECNICHE H. Sei Cappelli per Pensare 1. Che cos è la tecnica dei sei cappelli per pensare? Il metodo dei sei cappelli per pensare è stato inventato da Edward de Bono nel 1980. I cappelli rappresentano

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute.

Lo Schema BIAS FREE. Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute. Lo Schema BIAS FREE Uno strumento pratico per identificare ed eliminare il pregiudizio sociale nella ricerca sulla salute di Mary Anne Burke Global Forum for Health Research Ginevra, Svizzera e Margrit

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti

Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo. Rapporto dal Questionari Studenti Rapporto dal Questionari Studenti SCUOLA xxxxxxxxx Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il questionario studenti ha lo scopo di indagare alcuni aspetti considerati rilevanti per assicurare il benessere

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica

Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento. Scuola primaria: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola dell infanzia: Il corpo e il movimento Scuola primaria: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli