CELLULE STAMINALI EMBRIONALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CELLULE STAMINALI EMBRIONALI"

Transcript

1 UNA PERCEZIONE CONFUSA E DISINFORMATA CELLULE STAMINALI EMBRIONALI Michela Luraschi e Giovanni Pellegri Foglio n 3, 2010

2

3 UNA PERCEZIONE CONFUSA E DISINFORMATA CELLULE STAMINALI EMBRIONALI Foglio n 3, 2010 SCIENZA E SOCIETÀ

4 Impressum Università della Svizzera italiana Science et Cité Dicembre 2010 Testi: Michela Luraschi e Giovanni Pellegri Impaginazione: Tania Vanetti

5 INTRODUZIONE p. 7 METODO E OBIETTIVI p. 9 LE OPINIONI DEGLI ESPERTI p. 11 RISULTATI p. 13 RACCOMANDAZIONI PARLAMENTARI p. 17 DISCUSSIONE E CONCLUSIONI p. 19 BIBLIOGRAFIA p. 25

6

7 INTRODUZIONE 7 "STAMINALI" Si chiamano "staminali" e sono le cellule al centro dell attenzione della ricerca scientifica degli ultimi anni. Sono delle cellule ancora "immature" in grado di differenziarsi in qualsiasi cellula del tessuto in cui risiedono o, a seconda del loro stato di sviluppo, persino in qualsiasi cellula del corpo umano. La loro funzione naturale è di generare ogni cellula dell'organismo e di regolare il corretto ricambio delle cellule del nostro corpo, e proprio per queste incredibili capacità le cellule staminali sono sotto i riflettori dei ricercatori e delle industrie farmaceutiche perché potrebbero portare allo sviluppo di nuove soluzioni terapeutiche per sostituire tessuti malati. Le patologie il cui trattamento potrebbe avvalersi dell'uso di cellule staminali includono una serie di tumori e malattie degenerative del sistema cardiocircolatorio, muscolare e nervoso. La grande potenzialità terapeutica delle cellule staminali è già ampiamente dimostrata da terapie in uso da decenni con le cellule staminali somatiche quali l'autotrapianto di cellule staminali adulte ematopoietiche e il trapianto di cellule staminali adulte per riparare la cornea o la cute danneggiate da cause traumatiche o genetiche. La disponibilità di embrioni umani fuori dal corpo della donna, permise per la prima volta nel , la derivazione di linee cellulari di staminali embrionali umane. Sebbene in 12 anni di ricerche, nessuna terapia sia stata sviluppata con le cellule staminali embrionali, esse presentano una grande plasticità e potrebbero offrire nuovi strumenti per lo sviluppo di terapie future. Alcuni governi, Svizzera inclusa 2, hanno reso possibile l utilizzo per la ricerca di cellule staminali embrionali prelevate da embrioni umani rimasti nei congelatori in seguito a procedure di fecondazione assistita. Altri governi si stanno chiedendo che cosa sia giusto fare, tra rispetto per l embrione dell uomo e possibilità terapeutiche. Le cellule staminali somatiche (prelevate da organi adulti, dal cordone ombelicale) e le cellule staminali embrionali (prelevate da embrioni umani che sono in seguito distrutti) sono due tematiche completamente diverse, soprattutto dal profilo etico. La differenza tra cellule staminali somatiche e embrionali è rilevante e comporta tecniche e conseguenze ben distinte: eppure spesso le confondiamo, anche sostenuti dai media che non sempre danno la giusta attenzione alle terminologie usate. La problematica staminali è quindi particolarmente interessante perché contiene i vari aspetti che rendono complessa non solo la comunicazione di un informazione scientifica, ma anche la sua percezione. Non è solo una tematica nuova ed emergente e che richiede la comprensione di meccanismi biologici di una certa complessità, ma è anche una tematica che ha sollevato un ampio dibattito con prese di posizione da parte di diversi gruppi. Alcune associazioni di pazienti hanno per esempio fortemente sostenuto la ricerca sulle cellule staminali embrionali nella speranza di vedere nascere nuove terapie contro mali incurabili, mentre vari gruppi religiosi o chiese si sono opposti a queste ricerche riaffermando il rispetto e la dignità 1 Thomson et. al (1998). "Blastocysts Embryonic Stem Cell Lines Derived from Human". Science 282 (1145): Online: 2 In Svizzera la legge sulle cellule staminali embrionali è entrata in vigore il 1 marzo Contro la legge, votata dal parlamento il 19 dicembre 2003, avevano lanciato il referendum sia gli ambienti anti-abortisti, sia alcuni ambienti della sinistra ecologista. Il 28 novembre 2004 il popolo svizzero approvò (66,4% di sì) una legge che regola l'uso a scopo di ricerca delle cellule staminali ricavate da embrioni umani «soprannumerari», vale a dire da embrioni nati per la fecondazione in vitro che non hanno potuto essere impiantati nell'utero della madre. 3 Panoramica della situazione internazionale al sito: panoramica europea:

8 INTRODUZIONE 8 dell embrione umano. È inoltre un settore che richiede non solo una riflessione etica, ma anche strumenti politici per regolamentare la ricerca scientifica. Non da ultimo, presenta forti interessi economici. In questo contesto, spesso animato da numerosi articoli e dibattiti, abbiamo incontrato dei giovani per capire come viene percepita questa tematica e quale regolamentazione ritengono giusto applicare. L indagine è parte di un ampio progetto organizzato in 30 città europee all interno del progetto 2Ways (finanziato dal Settimo programma quadro dell UE) 4. Il presente Foglio espone i risultati raccolti nella Svizzera italiana; l indagine in Ticino è stata realizzata dall Università della Svizzera italiana coinvolgendo un gruppo di 60 studenti del terzo anno di una scuola media superiore 5. 4 Il progetto è stato realizzato in parallelo in 30 città europee dove sono stati organizzati dei parlamenti degli studenti con dibattiti attorno ad alcune tematiche controverse nell ambito delle scienze della vita. I giovani discuteranno ancora a dicembre 2010 a Bruxelles, dove si riuniranno le diverse città (rappresentate ognuna da due studenti) per confrontare le loro opinioni nell ambito delle tematiche trattate. Informazioni riguardanti il progetto: 5 Hanno preso parte al progetto un gruppo di 60 studenti di anni della Scuola cantonale di commercio di Bellinzona, Svizzera.

9 METODOLOGIA 9 METODO E OBIETTIVI Scopo del progetto era valutare da una parte, la conoscenza dei ragazzi (in età con diritto di voto) sulla tematica cellule staminali embrionali e dall altra, un possibile cambiamento di opinione in seguito a dei momenti informativi con esperti e discussioni fra pari. La raccolta dei dati è avvenuta in tre giornate distinte. In un primo momento gli studenti hanno espresso il loro parere sulle cellule staminali embrionali sulla base delle conoscenze acquisite prima dell incontro, dunque senza l appoggio di informazioni specifiche. In un secondo momento hanno ascoltato la voce di due esperti un biologo e una filosofa morale 6 che hanno approfondito e spiegato le varie tematiche in questione. Un terzo momento è stato invece dedicato alle discussione tra loro, con la costituzione di un parlamento degli studenti. Per analizzare l eventuale cambiamento di opinione in funzione delle informazioni ricevute, abbiamo sottoposto la stessa domanda in tre momenti diversi. La domanda era: Ritieni importante utilizzare embrioni umani per lo sviluppo di nuove terapie con le cellule staminali embrionali? giorno 1 giorno 2 giorno 8 Momento 1: Prima dell inizio del progetto Momento 2: Informazioni ricevute dagli esperti Momento 3: Discussioni tra pari Sondaggio 1 Sondaggio 2 Raccomandazioni e sondaggio 3 Figura 1: Metodologia della raccolta dati 6 Angelo Vescovi, biologo e Elena Colombetti, filosofa morale. I due esperti hanno mostrato aspetti controversi delle tematiche in questione, e chiarito dubbi, rispondendo alle domande degli studenti.

10 METODOLOGIA 10 Sondaggio 1: conoscenza di base. Gli studenti hanno risposto a un semplice formulario a casa, o tra i banchi di scuola senza ricevere informazioni sulle questioni affrontate. I risultati rappresentano quindi la conoscenza di base dei ragazzi, prima di approfondire il tema. I dati raccolti in questo modo sono comparabili a dati raccolti in strada da un qualsiasi sondaggio che pone improvvisamente una domanda. La risposta scaturisce dalle nostre rappresentazioni magari fondate su conoscenze parziali e incomplete, a volte anche sbagliate. Sondaggio 2: informazione scientifica ed etica. I ragazzi hanno seguito una lezione durante la quale due esperti hanno presentato pareri molto forti: uno laico e uno cattolico, ma entrambi contrari all uso di embrioni umani per la produzione di cellule staminali embrionali. Anche se con argomentazioni completamente diverse, le loro spiegazioni non hanno lasciato spazio alla neutralità. Alla fine di questa giornata informativa i ragazzi hanno di nuovo espresso il loro parere. Sondaggio 3: discussione approfondita tra pari. In assenza di esperti e docenti, gli studenti hanno costituito un parlamento e hanno discusso tra loro a piccoli gruppi (2 gruppi parlamentari hanno lavorato sul tema cellule staminali embrionali) e redatto delle raccomandazioni. Ogni studente ha potuto esprimere la sua opinione, ascoltare quella dei suoi compagni. Insieme hanno posto domande e hanno formulato risposte. Le discussioni sono state gestite da moderatori neutri. Questa metodologia permette di affrontare alcune domande e di abbozzare qualche risposta: Come viene percepita la tematica cellule staminali embrionali dai giovani? La differenza fra i due campi è percepita? Come giudicano le prospettive scientifiche offerte dalle cellule staminali embrionali? E infine come sviluppano un loro giudizio?

11 LE OPINIONI 11 LE OPINIONI DEGLI ESPERTI ANGELO VESCOVI: "NESSUNA TERAPIA DALLE STAMINALI EMBRIONALI" Il professor Angelo Vescovi, ricercatore nel campo delle cellule staminali, definisce un equivoco il dibattito sulle cellule staminali embrionali. Non è vero, - afferma Vescovi - che le staminali embrionali rappresentano l unica o la migliore via per la guarigione di molte malattie incurabili. A oggi non esistono terapie disponibili che implichino l impiego di staminali embrionali, né si può attualmente prevedere se e quando questo diventerà possibile, data la scarsa conoscenza dei meccanismi che regolano l attività di queste cellule, e la loro intrinseca tendenza a produrre tumori. Molto più avanzate sono invece le linee di ricerca sulle staminali somatiche, in numerosi casi già applicate alla terapia. Inoltre, la stessa produzione di staminali embrionali può avvenire senza passare attraverso gli embrioni, "deprogrammando" cellule adulte. Angelo Vescovi afferma che dietro al sostegno alla ricerca sulle staminali embrionali stanno spesso l ideologia, e anche interessi economici rilevantissimi. Ciò che però si discosta dalla norma continua Vescovi è che qui non parliamo di un qualunque business, ma di vita umana. Questo per me segna il grado di maturazione di una società: se il profitto viene anteposto al benessere dell individuo, e l embrione è individuo a tutti gli effetti, la qualità della vita decade». All obiezione che c è chi sostiene che l embrione ai primi stadi del suo sviluppo non è vita, Vescovi risponde: La maggioranza ha una posizione preconcetta, e quando si dimostra loro che da un punto di vista biologico la vita comincia con la fecondazione, rispondono: sì però non c è il cervello, sì però l embrione non comunica, e tu gli smonti le obiezioni una a una, e quelli si rifugiano dietro a una posizione che è evidentemente ostinatamente ideologica». Vescovi, che si definisce agnostico, non manca di ripetere come l embrione sia fin dall inizio vita. «Sono basi perfettamente scientifiche. All atto della fecondazione c è una transizione repentina e mostruosa, in termini di quantità d informazione. Una transizione di quantità e qualità di informazione senza paragoni, che rappresenta l inizio della vita: si passa da uno stato di totale disordine alla costituzione della prima entità biologica. Che contiene tutta l informazione che rappresenta il primo stadio della vita umana, concatenato al successivo, e al successivo, e al successivo, in un continuum assolutamente non scindibile, se non in modo arbitrario. Non è possibile fare etica o filosofia prescindendo dalla biologia e dalla fisica. Perché filosofia ed etica devono applicarsi alla realtà, e non a un astrazione».

12 LE OPINIONI 12 ELENA COLOMBETTI: "DIGNITÀ OGGETTIVA GIÀ ALLO STATO EMBRIONALE " Il primo scopo afferma Elena Colombetti è quello di capire che cosa si intende per persona umana e in che modo questa nozione funga da criterio di inclusione o di esclusione da una serie di prassi di tipo socio-assistenziali e di tutela: chi è persona umana è incluso in un certo atteggiamento di cura, chi non lo è non è incluso, così come chi è persona umana è detentore di determinati diritti e chi non lo è non è detentore di determinati diritti. In primo luogo occorrerà tenere presente che l essere umano è una realtà corporea, anche se non si esaurisce nella sua corporeità. Non c è rispetto nei suoi confronti che non sia anche rispetto della sua concreta corporeità. Come infatti ricorda Hegel ogni violenza al corpo altrui è violenza all altro. L uomo è una realtà in divenire in cui i suoi caratteri - quali l autocoscienza, la relazionalità, la possibilità di progettare sé e il proprio futuro, l autonomia, la corporeità - compaiono e scompaiono o si modificano nel tempo (si confronti ad esempio l autonomia del bambino con quella dell adulto). In questa modificazione che le caratteristiche dell uomo subiscono nel tempo quale sarà il criterio per riconoscere la presenza o l assenza di un essere umano? Il criterio minimo non può che essere la presenza di un corpo umano vivo, che in certe condizioni di sviluppo e di salute sarà in grado di camminare, vedere, compiere un operazione matematica, ricordare, ecc, ma non sempre (un neonato ad esempio non può camminare né fare una promessa). La concreta tutela della vita di questo concreto essere umano indipendentemente dalla sua età di sviluppo, dal suo sesso, dal suo grado di salute è la condizione minima per il rispetto e l esercizio di tutti gli altri diritti. Per quanto riguarda l embrione, Elena Colombetti, sottolinea che il termine embrione è solo il modo con cui si indica una fase di sviluppo di un organismo. Se si tratta dell embrione di un uomo, si tratta di un uomo allo stato embrionale. Il fatto di avere materialmente embrioni umani a portata di mano fa sorgere la problematica della loro protezione giuridica, della protezione di quegli esseri umani generati ma poi per diverse ragioni non più pensati in ordine alla genitorialità. Quale è il diritto degli esseri umani il cui normale processo di sviluppo è stato bloccato allo stato embrionale? Secondo Colombetti, l'uomo deve guardarsi dalla tentazione di fare della sua ricerca un valore assoluto, perché conserva il suo valore e il suo significato umano solo se si pone al servizio dell essere umano stesso. Quando sono distrutti embrioni umani per la produzione di cellule staminali il principio terapeutico non è rispettato: il fine non è affatto il bene dell essere umano su cui si agisce, che viene appunto distrutto. L ipotetico beneficio terapeutico è dunque pensato solo per altri soggetti: si creano così categorie di esseri umani in cui i più deboli sono sacrificabili per il bene di altri. Se la tutela dell essere umano non resta un criterio morale intangibile e si permettessero eccezioni (dall'embrione agli anziani fino ai disabili), verrebbe meno il presupposto stesso di una società non violenta il cui fine è il bene di tutti i suoi membri.

13 RISULTATI

14 RISULTATI 14 RISULTATI I risultati presentati riguardano i pareri espressi dai giovani nei tre momenti di indagine (sondaggio 1, 2 e 3) e le raccomandazioni elaborate nei gruppi parlamentari. Pro o contro le cellule staminali? Il sondaggio Sondaggio 1: conoscenza di base - il parere dei giovani Prima di iniziare i dibattiti, i ragazzi hanno espresso il loro parere. L utilizzo di embrioni umani per la produzione di cellule staminali embrionali ottiene il pieno consenso tra gli studenti. Questo risultato è stato raccolto a inizio progetto e rappresenta la loro opinione a freddo, quella che si è formata senza informazioni specifiche. Un'opinione forgiata parlando tra amici, ascoltando i dibattiti in famiglia, o sentendo le notizie alla radio, alla TV o sui quotidiani. L 83% dei ragazzi ritiene importante poter utilizzare gli embrioni umani per la ricerca scientifica, solo un 12% è indeciso e un 5% è contrario. 83% 5% 12% si no non so pre esperti Figura 2: Ritieni importante utilizzare embrioni umani per lo sviluppo di nuove terapie con le cellule staminali embrionali? Il grafico riporta i dati raccolti prima dell incontro tra studenti e esperti. È interessante notare che, dopo aver risposto a questo primo sondaggio (fase 1), abbiamo chiesto in quanti si ritenevano abbastanza informati tanto da sentirsi in grado di spiegare in poche parole ai propri compagni, che cosa fosse una cellula staminale. Solo un ragazzo ha alzato la mano. Altrimenti detto, praticamente nessuno aveva conoscenze di base sulle cellule staminali, malgrado nel sondaggio solo il 12% ha risposto non so. Indipendentemente da questo, la maggioranza ha comunque espresso un opinione a favore dell uso di embrioni umani e di cellule staminali embrionali.

15 SONDAGGIO 15 Sondaggio 2: informazione scientifica ed etica - entra in campo l esperto Nel corso di un pomeriggio i due esperti hanno fatto il punto sullo stato dell arte nell ambito delle ricerche sulle cellule staminali, spiegando nei dettagli le differenze tra le cellule staminali somatiche e quelle embrionali e i risultati ottenuti nei due campi. È stata anche proposta una riflessione basata su argomenti e principi che rifanno a un etica personalistica contraria all uso di embrioni umani per la ricerca scientifica. Gli studenti hanno ricevuto della documentazione sul tema e hanno potuto ascoltare e interrogare i due esperti. Dopo questo pomeriggio di studio abbiamo misurato una seconda volta il loro dei giovani. Ecco i risultati: 83% 76% 5% 14% 12% 10% sì no non so pre esperti post esperti Figura 3: Ritieni importante utilizzare embrioni umani per lo sviluppo di nuove terapie con le cellule staminali embrionali? Il grafico riporta il confronto dei dati raccolti prima e dopo le presentazioni degli esperti. Il risultato è chiaro: i giovani studenti restano favorevoli all utilizzo delle cellule staminali embrionali; pochi gli incerti. Il risultato evidenzia, dunque, come l aver o non aver ascoltato le spiegazioni di due esperti non abbia cambiato la loro opinione, seppur il parere di entrambi fosse palesemente contrario all utilizzo delle cellule staminali embrionali.

16 SONDAGGIO 16 Sondaggio 3: Discussione approfondita tra pari In una terza fase, a circa una settimana dall incontro con gli esperti, i ragazzi hanno potuto discutere, confrontarsi e sviluppare un loro giudizio, suddivisi in gruppi di 20. Alla fine di questo animato dibattito sono state poste nuovamente le stesse domande (sondaggio 3). I risultati ottenuti sono sorprendenti. 83% 76% 24% 14% 5% 40% 12% 10% 2% 34% si no non so...dipende pre esperti post esperti dopo parlamento Figura 4: Ritieni importante utilizzare embrioni umani per lo sviluppo di nuove terapie con le cellule staminali embrionali? Il grafico riporta il confronto dei dati prima, dopo le presentazioni degli esperti e a distanza di una settimana, dopo le discussioni tra pari. Se l opinione in merito all utilizzo di embrioni umani per la ricerca scientifica non è cambiata dopo aver ascoltato gli esperti, è stata stravolta dopo le discussioni tra pari, ossia dopo aver lasciato il tempo ai ragazzi di riflettere e di condividere la propria opinione con gli altri. I contrari sono così divenuti la maggioranza. Il risultato da sottolineare, al di là di quale sia la loro opinione, è il 34% degli studenti che ha risposto dipende. In questo dipende, si racchiude probabilmente una presa di coscienza della complessità della tematica e di quanto non sia immediata e trasparente la formulazione di un opinione.

17 RACCOMANDAZIONI 17 Raccomandazioni parlamentari Il semplice voto a favore o contrario non riesce a racchiudere la complessità delle discussioni avvenute. Ogni gruppo ha così scritto separatamente una raccomandazione e votato tutti insieme quella ritenuta migliore 8. La raccomandazione emersa dal primo gruppo parlamentare propone di porre un accento maggiore alla ricerca sulle cellule staminali somatiche ma allo stesso tempo di continuare le ricerche sulle cellule staminali embrionali utilizzando unicamente gli embrioni soprannumerari disponibili. Un analisi dei risultati periodica permetterà di capire i vantaggi dei due filoni di ricerca. RACCOMANDAZIONE 1 A. Ascoltati i pareri del prof. Angelo Vescovi (biologo) e della prof.ssa Elena Colom betti (filosofa), B. Dopo aver dibattuto e cercato un consenso all interno del nostro parlamento in data 21 aprile, C. Reso nota che la vita umana inizia dal concepimento, D. Considerato che noi stessi siamo stati delle blastocisti, E. Considerato che il sistema nervoso nell embrione umano si forma dal 14esimo giorno, F. Considerato che ad oggi esistono embrioni umani soprannumerari non più ri chiesti dai genitori, G. Considerato che ad oggi è possibile utilizzare in clinica con successo le cellule staminali somatiche Richiediamo che non siano creati embrioni umani per la ricerca scientifica, ma che siano utilizzati esclusivamente gli embrioni umani soprannumerari. Riteniamo importante incentivare la ricerca sulle cellule staminali somatiche con adeguati sostegni finanziari. Desideriamo che le prospettive cliniche dei due filoni di ricerca (staminali somatiche e staminali embrionali) siano valutate a scadenze regolari da un gruppo di esperti sovranazionale per definire i traguardi raggiunti e le prospettive delle due ricerche. 8 La raccomandazione è stata presentata a Bruxelles, a dicembre 2010, durante il parlamento europeo dei giovani.

18 RISULTATI 18 Il secondo gruppo ha espresso una raccomandazione più schierata: i giovani sono contrari all utilizzo di embrioni umani per la ricerca e propongono di investire unicamente nelle cellule staminali adulte e di abbandonare la ricerca sulle cellule staminali adulte. A sostegno di questa scelta, vi sono motivazioni etiche e paure legate ai possibili rischi provocati dall utilizzo delle cellule staminali embrionali. RACCOMANDAZIONE 2 A. Ascoltati i pareri degli esperti e di tutti noi, tra cui una persona favorevole al fatto che la ricerca sulle cellule staminali embrionali continui, B. Considerato che i costi delle due metodologie sono uguali, C. Preso nota che la vita umana secondo la biologia inizia con la fecondazione, D. Considerato che le staminali somatiche possono essere clonate e riprogrammate ridando loro la versatilità come le embrionali, E. Considerati i rischi minori delle staminali somatiche rispetto a quelle embrionali, F. A conoscenza del fatto che le cellule staminali embrionali possono provocare tumori, G. Riconoscendo che non esistono problemi morali legati alle staminali adulte, Incoraggiamo la ricerca nell ambito delle cellule staminali adulte e chiediamo che il loro utilizzo continui. Raccomandiamo che non vengano più prelevati e conservati embrioni umani al fine della ricerca sulle cellule staminali embrionali. Riaffermiamo il problema morale e dunque chiediamo l abbandono graduale delle ricerche sulle cellule staminali embrionali. Sosteniamo l utilizzo degli stock di cellule staminali embrionali umani esistenti per l adozione. La raccomandazione 1 ha raccolto la maggioranza dei voti.

19 DISCUSSIONE E CONCLUSIONI

20 DISCUSSIONE 20 UN DIBATTITO CONFUSO Da questo progetto sono emersi più risultati. Innanzitutto è interessante notare come per la quasi totalità degli studenti che vi hanno partecipato, la tematica cellule staminali fosse confusa e poco conosciuta. Durante le discussioni avute nei gruppi è chiaramente apparso che gli studenti, ignoravano completamente la differenza tra le cellule staminali somatiche e quelle embrionali. E questo non sorprende. La principale, se non unica fonte di informazione per questa tematica, sono i mass media, che, tuttavia, hanno confuso e capovolto il dibattito. Le radici della confusione sono generate dal fatto che i termini sono in parte simili (cellule staminali somatiche e cellule staminali embrionali) e vengono abbreviati con troppa facilità nell unico termine cellule staminali, senza più distinguere le importanti differenze. Ma quello che sorprende di più è il capovolgimento delle rilevanza scientifica delle due tematiche: ad oggi esistono 167 protocolli clinici per la cura di diverse malattie che si basano sulle cellule staminali somatiche, e altri trattamenti sono in fase di sperimentazione (test clinici sull uomo). Le cellule staminali embrionali, invece, non offrono attualmente nessuna terapia. Solo due studi clinici sono in corso, per il momento senza risultati che lascino sperare in una loro applicazione futura. Il dibattito sui mass media è invece completamente capovolto. La maggior parte delle notizie parlano di possibili terapie (ma inesistenti) che si basano sulle cellule staminali embrionali: sono solo promesse per ora impossibili, per la cura di mali incurabili. Da uno studio realizzato in Spagna analizzando gli articoli pubblicati sui due maggiori quotidiani nazionali emerge che la maggior parte degli articoli (58%) parla di cellule staminali embrionali, e solo il 17% di cellule staminali somatiche e il 7% di cellule staminali del midollo osseo. In altre parole, gli aspetti scientifici prioritari sulla tematica staminali che vedono le cellule staminali somatiche protagoniste e fonte di numerose terapie sono state completamente oscurate dal dibattito sull uso di embrioni umani per poter disporre di cellule staminali embrionali che invece non propongono ad oggi nessuna terapia. In campo scientifico, secondo le ricerche nella banca dati di pubblicazioni ISI - Web of Science, le percentuali sono infatti proprio invertite rispetto alla copertura della tematica sui media. Nelle pubblicazioni prettamente scientifiche, le protagoniste sono proprio le cellule del midollo osseo nel 72,5% dei casi. Mentre le cellule staminali embrionali sono citate in misura proporzionalmente minore (20%), e la presenza del termine cellule staminali embrionali umane è ancora più bassa (4%). Per quanto concerne l opinione pubblica attorno a questa tematica, conosciamo i dati dell Italia, dove i contrari alla ricerca sulle cellule staminali embrionali sono rapidamente diminuiti (dal 34% nel 2006 al 17% nel 2009). In un altra ampia ricerca svolta dalla rivista Scientific American in collaborazione con la rivista Nature (21'000 intervistati in tutto il mondo) emergono risultati simili: solo l 8% degli intervistati non approva la ricerca sugli embrioni umani. La promozione della tematica attraverso i mass media può essere legata a questo cambiamento. Non disponiamo di dati analoghi per i mass media e l opinione pubblica in Svizzera, ma non c è motivo di credere che la situazione sia diversa. Il dibattito sulle staminali è stato fortemente deformato e confuso e le conoscenze di base dei ragazzi si sono formate e deformate in questa confusione. E da qui nasce la loro prima idea, ben espressa nel primo sondaggio, e in

21 DISCUSSIONE 21 linea con quella dei loro colleghi in altri Stati coinvolti in attività analoghe. In seguito abbiamo fornito le informazioni scientifiche e proposto il parere di due esperti. Sorprendentemente, l opinione dei ragazzi non è cambiata. È importante sottolineare che gli esperti hanno espresso un opinione contraria all uso di embrioni umani per l estrazione di cellule staminali embrionali. La filosofa morale, con argomentazioni incentrate su un etica personalistica, ha ribadito il rispetto dell essere umano come punto centrale delle valutazioni morali. Il biologo, dichiaratamente agnostico, per motivi scientifici ritiene invece inefficace e insensato l utilizzo di embrioni umani per la ricerca scientifica. Entrambi dunque hanno cercato, argomentando ognuno attraverso le loro discipline, di convincere gli studenti che l utilizzo di cellule staminali embrionali è oggi inutile. Ma ecco la prima sorpresa: l informazione verticale non ha influenzato le opinioni dei giovani. Dopo aver letto le schede informative e aver ascoltato un opinione manifestamente schierata di due esperti, l opinione degli studenti non è cambiata, le risposte sono invece cambiate dopo le discussioni tra di loro, dopo il momento parlamentare, dove a piccoli gruppi hanno potuto confrontarsi, esprimendo opinioni, domande, paure, dubbi e incomprensioni. Come sono cambiate queste risposte? Nei confronti dell utilizzo di embrioni umani per la ricerca, molti sì sono diventati no, e sono apparsi molti dipende. In un certo senso si è creato uno spazio per superare la propria percezione superficiale e analizzare la tematica nella sua complessità. Così, la discussione libera ha permesso a tutti di esprimersi o di ascoltare i pensieri dei propri compagni forgiando un pensiero nuovo, sicuramente ancora influenzato e modellato dal carisma di alcuni compagni e dalle proprie credenze, ma più approfondito rispetto alla prima percezione. Il momento della scrittura delle raccomandazioni è stato un esercizio importante sotto diversi aspetti perché ha costretto gli studenti a riassumere le idee, chiarire il perché delle proprie scelte da dove scaturiscono, rispettare le opinioni di tutti e redigere in modo serio delle raccomandazioni in un ambito scientifico complesso. In pratica, il confronto, il tempo a disposizione per la riflessione, ha permesso di capire alcuni concetti, porsi delle domande, e fare chiarezza tra i propri pensieri, esprimendo infine un opinione che superasse il semplice schieramento a favore o contrari alle cellule staminali embrionali. Tutto ciò è divenuto visibile non solo nelle raccomandazioni ma anche nell ultimo sondaggio, con i risultati stravolti rispetto alle prime due fasi del progetto. I risultati del sondaggio e l osservazione delle dinamiche all interno dei gruppi parlamentari, permettono di formulare tre ipotesi su come è avvenuto il cambiamento di opinione: La discussione tra pari ha un ruolo centrale. La mente ha la tentazione di cedere ad un pensiero di tipo top-down, evitando la discussione. Questo significa tendere ad assimilare le informazioni partendo dalle proprie costatazioni e ipotesi, rendendo così la propria opinione "sommaria", l unico giudizio sulla realtà. È invece importante avere l opportunità di dire la propria opinione, di ascoltare quelle degli altri e cercare di capire il loro punto di vista. Secondo questa ipotesi il pensiero dei giovani si forma principalmente con uno scambio costruttivo

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado

PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado PROGETTO AFFETTIVITÀ secondaria di primo grado anno scolastico 2014-2015 EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITÀ E ALLA SESSUALITÀ Premessa La preadolescenza e l adolescenza sono un periodo della vita in cui vi sono

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

La medicina della riproduzione: alcuni spunti etici e politici Alberto Bondolfi Université de Genève Un ricordo del 1987 Mi ricordo il primo intervento su queste tematiche, tenuto quando il centro locarnese

Dettagli

CELLULE STAMINALI E FECONDAZIONE ASSISTITA: COME LA PENSANO GLI ITALIANI?

CELLULE STAMINALI E FECONDAZIONE ASSISTITA: COME LA PENSANO GLI ITALIANI? CELLULE STAMINALI E FECONDAZIONE ASSISTITA: COME LA PENSANO GLI ITALIANI? Primo appuntamento con l di Observa -Science in Society e tuttoscienzetecnologia - La Stampa di Massimiano Bucchi e Federico Neresini

Dettagli

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1

GRUPPO SCOUT MELEGNANO 1 GRUPPO SCOUT MELNANO 1 PROGETTO EDUCATIVO 2011 2014 Cos è il Progetto Educativo Il progetto educativo è uno strumento per la comunità capi utile a produrre dei cambiamenti nel gruppo scout. E stato pensato

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI:

DIVENTARE GENITORI OGGI: In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: ASPETTI MEDICO-SANITARI Sintesi della ricerca Roma, 2 aprile 2015 Che il nostro Paese viva un problema di scarsa natalità è un opinione che la grande parte

Dettagli

La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile

La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile Il Popolo svizzero deve potersi esprimere sulla legislazione riguardante la ricerca sulle cellule staminali embrionali. La portata

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali Corso di Comunicazione delle Scienze 2011 Lunedi 30 maggio LEZIONE 4 area biologica Le cellule staminali Yuri Bozzi, PhD bozzi@science.unitn.it Laboratorio di Neuropatologia Molecolare CIBIO, Università

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino

PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI PROGETTO Dott.ssa Valentina Zaffino GIOCO DI RUOLI Dott.ssa Valentina Zaffino PREMESSA La scuola è per i ragazzi la prima e la principale forma di aggregazione. La personalità del singolo

Dettagli

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews

Marzo 2014. OrphaNews Italia Questionario di Gradimento. www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Marzo 2014 OrphaNews Italia Questionario di Gradimento www.orpha.net/actor/cgi-bin/oahome.php?ltr=italianews Indice Introduzione... 3 Metodologia... 3 Conclusioni... 14 Ringraziamenti... 15 Questionario

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

Progetto educativo. Anno Scolastico

Progetto educativo. Anno Scolastico Scuola dell'infanzia Comunale Anna Jucker Villanuova S/Clisi Progetto educativo Anno Scolastico 2015/2016 Introduzione Per ogni genitore la nascita del proprio figlio è gioia, speranza per il futuro perchè

Dettagli

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI

LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI GfK Group e gli orientamenti degli italiani e dei giovani LE BIOTECNOLOGIE APPLICATE ALLA RICERCA FARMACEUTICA LE CONOSCENZE E GLI ORIENTAMENTI DEGLI ITALIANI E DEI GIOVANI Roma, Isabella Cecchini Direttore

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

Percorso raccomandato:

Percorso raccomandato: Percorso raccomandato: 1) Ottenere una diagnosi accurata. 2) Crescere il paziente come un bambino o una bambina (il consiglio dei medici è di grande aiuto in questa fase). 3) Ottenere informazioni dettagliate

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania

Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania Elaborazione questionario Notorietà ed efficacia del Fondo Sociale Europeo (FSE) in Campania È stata attivata una ricerca per misurare la conoscenza e la percezione dell efficacia del Programma attraverso

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE

TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE TECNICA 1 PATTO FORMATIVO RACCOLTA DELLE ASPETTATIVE Tempo di lavoro previsto: 60 minuti Partecipanti: 6 8 divisi in isole, ossia gruppetti spontanei creati sul momento Materiale: carta e penna (presente

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali

Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Sondaggio sulla modalità di redazione e valutazione delle Tesi di Laurea Triennali Le opinioni degli studenti raccolte tramite i gruppi Facebook Sondaggio promosso dai Rappresentati degli Studenti nel

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV

CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV CITTADINO VOLONTARIO: PARLIAMO DEI VOLONTARI! Rete tra i Responsabili della gestione dei Volontari delle ODV Riunione del 13/06//2013 celivo. - AIDO ass. donatori organi tessuti e cellule; - Ass. Il Cesto;

Dettagli

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c CELLULE STAMINALI Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c è la necessità di riparare un tessuto

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale CITTADINANZA E COSTITUZIONE 1 Cittadinanza e Costituzione COMPETENZE CHIAVE: Competenze sociali e civiche NUCLEO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

Il Consiglio comunale dei ragazzi.

Il Consiglio comunale dei ragazzi. Il Consiglio comunale dei ragazzi. Un Progetto per le bambine e i bambini, per i ragazzi e le ragazze tra intenzioni e scelte Premessa L Amministrazione comunale di Cento, con questo progetto, intende

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA DONAZIONE

LE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA DONAZIONE LE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA DONAZIONE Si può decidere a chi donare i propri organi? No. Gli organi vengono assegnati ai pazienti in lista d attesa in base all urgenza e alla compatibilità clinica e

Dettagli

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio -

IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - IO VOGLIO VEDERE, SENTIRE, PARLARE Progetto di educazione alla legalità Scuola Secondaria di Primo Grado Leonardo da Vinci - Nerviano Febbraio - Marzo 2016 LINEE GUIDA REGIONALI SULLA PREVENZIONE (DGR

Dettagli

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA.

I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. I TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE RELATIVI ALL IRC NEI CAMPI DI ESPERIENZA. (Cfr. Indicazioni nazionali per il curricolo Sc. Infanzia D.P.R. dell 11-02-2010) Il sé e l altro Le grandi domande,

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA

LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA LEADERSHIP E COESIONE DI SQUADRA SECONDO I PRINCIPI DELLA METODOLOGIA OPERATIVA Sul tema della leadership già a partire dai primi anni del novecento sono stati sviluppati diversi studi, che consideravano

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO

IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO IL METODO DI STUDIO PAOLA BRUNELLO APPRENDIMENTO L apprendimento è un processo attivo di costruzione di conoscenze, abilità e competenze in un contesto di interazione dei ragazzi con gli insegnanti, i

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

Diventare consapevoli che il modo in cui ci diciamo le cose ha un impatto sulla nostra neurologia.

Diventare consapevoli che il modo in cui ci diciamo le cose ha un impatto sulla nostra neurologia. SELF COACHING 1 MODULO Il dialogo interiore Diventare consapevoli che il modo in cui ci diciamo le cose ha un impatto sulla nostra neurologia. 2 MODULO Lo stato emotivo Trovare dentro di noi lo stato emotivo

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

IL COUNSELING Il counseling

IL COUNSELING Il counseling IL COUNSELING Il counseling è stato definito come un processo di interazione fra due persone il cui scopo è quello di favorire nel cliente una presa di coscienza della sua situazione esistenziale per supportarlo

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani

A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani A.G.E.S.C.I. Associazione Guide E Scout Cattolici Italiani COMPOSIZIONE DEL PROGETTO EDUCATIVO Il gruppo: Numero dei ragazzi per ciascuna unità Quanti della città, quanti fuori La Comunità capi I ragazzi

Dettagli

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro

Linee Guida. La concretezza dell oggetto di lavoro Linee Guida A partire dalle esperienze sviluppate dai singoli partner in relazione al coinvolgimento attivo dei giovani all interno delle specifiche realtà locali, il team di lavoro ha elaborato le seguenti

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Presentazione autori

Presentazione autori «Regolerò il tenore di vita per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio, mi asterrò dal recare danno e offesa. [...] In qualunque casa andrò io vi entrerò per il sollievo dei malati,

Dettagli

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore

Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Regolamento del Consiglio dei Ragazzi di Castel Maggiore Articolo 1 Nell'ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione civica delle bambine e dei bambini, delle ragazze e dei ragazzi e al

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM Sex: the Teen App! IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa di 33 anni, lavoro nel campo della formazione sia con adulti che con minori. Mi interesso inoltre di benessere sessuale, lavorando in questo ambito

Dettagli

I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede. Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010

I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede. Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010 I giovani di fronte al futuro e alla vita, con e senza fede Un indagine di Istituto IARD rps per Passio 2010 Il progetto Passio 2010 e i giovani All interno del progetto Passio 2010 è stata predisposta

Dettagli

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione

Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: prese di posizione Pensieri suicidi nelle persone affette da demenza: l Associazione Alzheimer Svizzera chiede un accompagnamento e un assistenza completi per i malati di demenza. Pensieri suicidi nelle persone affette da

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute.

I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. I ritmi di vita imposti dalla società moderna talvolta non permettono di dedicare alle persone che si amano tutto il tempo e le attenzioni dovute. Frequentemente siamo costretti ad affidare i nostri cari

Dettagli

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto

Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto Elena Giusta 1 Le attività di comunicazione e diffusione dei risultati di progetto La politica di comunicazione dell Unione Europea La comunicazione dei fondi strutturali Il piano di comunicazione di progetto

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità

Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità Tesina per il corso di Psicotecnologie dell apprendimento per l integrazione delle disabilità ANALISI DEL TITOLO Per prima cosa cercheremo di analizzare e capire insieme il senso del titolo di questo lavoro:

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario

World Social Work Day 2013. «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto di vista. Laboratorio interuniversitario Universita LUMSA -Roma Roma- Corso di Laurea in Scienze del Servizio Sociale e del No Profit A.A. 2012-2013 2013 World Social Work Day 2013 «Promuovere l uguaglianza sociale ed economica» Il nostro punto

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone

Caso. Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Caso Epidemia di acinetobacter baumannii in una UTI 4 casi Periodo: dal primo al quarto caso sono intercorsi 20 gg Luogo: UTI aperta, unico salone Cosa accade ICI verifica l esistenza dell epidemia: la

Dettagli

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA) SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI EDUCAZIONE ALL'AFFETTIVITA' ALL'AFFETTIVITÀ ED ALLA SESSUALITA' SESSUALITÀ Le attività saranno condotte dalla Dott.ssa Veronica Tresoldi (PSICOLOGA CLINICA e PSICOTERAPEUTA)

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Preparare una lezione sulla favola

Preparare una lezione sulla favola LAVORO DI GRUPPO CLASSE I B Vi presentiamo la nostra Favola! Ruoli all interno del gruppo - Capogruppo: organizza il lavoro, affida i compiti, mantiene l ordine, fa in modo che tutti facciano la propria

Dettagli

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado

Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Premessa Percorsi di Educazione alla legalità per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo e secondo grado Giovanna Baldini e Cristiana Vettori Libera Scuola Pisa Creare comunità consapevoli,

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio

La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio La Buona Scuola: il MIUR ascolta il territorio Terni, Auditorium A.Casagrande F.Cesi 3 novembre 2014 Silvio Improta Dirigente Scolastico - Staff Regionale per le Misure di accompagnamento alle Nuove Indicazioni

Dettagli

Gli italiani e la vista

Gli italiani e la vista Gli italiani e la vista La salute degli occhi al terzo posto dopo fitness e diete. La vista è un bene prezioso, inestimabile. Nella società dell immagine e della vetrinizzazione di cui parlano i sociologi,

Dettagli

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012

Il consulente aziendale di Richard Newton, FrancoAngeli 2012 Introduzione Chiedete a qualunque professionista di darvi una definizione dell espressione consulente aziendale, e vedrete che otterrete molte risposte diverse, non tutte lusinghiere! Con tale espressione,

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica

Piacenza 21 22 ottobre 2011. Philosophy for children. Esperienze di dialogo e pratica filosofica Piacenza 21 22 ottobre 2011 Philosophy for children Esperienze di dialogo e pratica filosofica Scuola dell infanzia statale Barbattini ( Roveleto di Cadeo ) Anni scolastici: 2007 2011 Insegnanti facilitatori:

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli