L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi"

Transcript

1 Workshop Sostenibilità ambientale ed efficienza energetica dell innovativo hangar dell Aerobase di Amendola La prima certificazione LEED in Italia ad un infrastruttura del Ministero della Difesa L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Arch. Alessandro Gubitosi, LEED GA Direttore Progettazione Interplan 2 Architetti Segretario GBC Italia Chapter Campania

2 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Introduzione ai Green Buildings Strumenti di pianificazione della progettazione LEED Teamwork - Approccio olistico e LEED Online Pianificare il cantiere LEED Progettazione del sito Progettazione dell involucro: isolamento e protezione dal surriscaldamento, ventilazione e illuminazione naturale Materiali: riduzione alla fonte, contenuto di riciclato, provenienza regionale Integrazione impianti: fotovoltaico Conclusioni: orizzonti della progettazione - LEED & BIM

3 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Introduzione ai Green Buildings

4 Green Buildings

5

6

7 Uomo Vitruviano Leonardo Da Vinci, 1490 Circa

8

9

10 Gli edifici sono responsabili di: 40% dell uso di materie prime 12% del consumo di acqua potabile 33% delle emissioni di gas dannosi allo strato di ozono 65% della produzione di rifiuti 40% del consumo di energia elettrica

11

12 Politica di livello sovranazionale: Regolamento (UE) n. 525/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2013: meccanismo di monitoraggio e comunicazione delle emissioni di gas a effetto serra e di comunicazione di altre informazioni in materia di cambiamenti climatici a livello nazionale e dell Unione europea: impegno a una riduzione delle emissioni europee del 20 % entro il 2020

13

14 TIME KNOW WHY SCIENCE (USEFUL) 2000 KNOW HOW TECHNOLOGY (POSSIBLE) 1960 AIR CONDITIONING

15

16 Perché scegliere LEED: Autorevole e riconosciuto a livello internazionale Edifici salubri e a basso impatto ambientale Riduce i costi di gestione Aumenta il valore dell immobile Sistema dinamico e in continuo aggiornamento

17

18

19 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Strumenti di pianificazione della progettazione LEED Piano di implementazione LEED

20

21

22

23 Misure di sostenibilità attive: Orientamento della forma costruita Distribuzione interna in funzione dell irraggiamento solare Progetto dell involucro (finestratura, schermi solari, isolamento, parete ventilata, massa termica, facciate dinamiche Vegetazione (schermo al vento, ombreggiamento, tetti verdi, facciate verdi ) Gestione acqua (raffrescamento estivo, raccolta e riuso per irrigazione, riciclo acque grige, apparecchi sanitari a risparmio d acqua) Ventilazione naturale / wind wall / wind catch / camino solare / musharab (accelleratore d aria per finestre) Atri vetrati (estate/inverno)

24 Misure di sostenibilità attive: Fotovoltaico Solare termico Building system management (controllo sistemi MEP) Sistemi di cogenerazione a Gas Geotermia / Talassotermia per sistemi di raffrescamento Schemi solari regolabili Facciate dinamiche elettromeccaniche Dispositivi per la gestione delle acque Generatori eolici

25 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Teamwork Approccio olistico e LEED Online

26 Discipline progettuali coinvolte ai fini LEED e tipologia di misure gestite: Progetto architettonico: piena integrazione multidisciplinare Strategie architettoniche bio-climatiche: misure passive e integrazione delle misure attive Progetto del sistema elettromeccanico (MEP): misure attive Progetto del sistema di comunicazione e informazione: misure attive e misure di gestione (BMS)

27 27

28 28

29 29

30 30

31 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Pianificare il cantiere LEED Piano di controllo dell erosione e della sedimentazione e gestione dei materiali di risulta

32 Obiettivi: a. Evitare la perdita di terreno durante la costruzione causata dal deflusso superficiale delle acque meteoriche e/o dall erosione dovuta al vento, includendo la protezione del terreno superficiale rimosso e accumulato per il riuso. b. Prevenire la sedimentazione nel sistema fognario di raccolta delle acque meteoriche o nei corpi idrici recettori. c. Evitare di inquinare l aria con polveri o particolati. d. Minimizzare la quantità di materiali conferiti in discarica.

33 Prevenzione dell erosione e della sedimentazione

34 Abbattimento delle polveri

35 Gestione dei materiali di risulta

36 Vagliatura e raccolta differenziata dei materiali

37 Impianto di lavaggio ruote veicoli in uscita dal cantiere

38 Planimetria del cantiere

39 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Sostenibilità del sito

40 Densità edilizia Costruire o ristrutturare un edificio in un area già edificata e all interno di una zona con una densità edilizia (o un indice di utilizzazione fondiaria) minima di 2,5 mq/mc

41 Vicinanza ai servizi

42 Mezzi di trasporto alternativi e servizi per accessibilità ciclo-pedonale

43 Mitigazione dell effetto isola di calore

44 Mitigazione dell effetto isola di calore

45 Mitigazione dell effetto isola di calore

46 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Progettazione dell involucro Isolamento e protezione dal surriscaldamento; ventilazione e illuminazione naturale

47 NATO JFC HQ, Lago Patria, Napoli

48 NATO JFC HQ, Lago Patria, Napoli

49 NATO JFC HQ, Lago Patria, Napoli

50

51

52 NATO JFC HQ, Lago Patria, Napoli

53

54

55

56

57

58

59

60 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Materiali Riduzione alla fonte, contenuto di riciclato, provenienza regionale

61 Embodied energy in construction materials

62 Embodied energy in buildings

63 Calcolo del valore del riciclato e dei materiali regionali > 10% o 20% Costo totale dei materiali in accordo con Master Format v.1 versione italiana Divisioni 03-10, , , e ,00 [ ] Celle compilabili Celle in sola lettura Tabella L-3. Materiali indicati in Master Format v.1 versione italiana, Divisioni 03-10, , , e Numero di righe necessarie Nota: Aggiungi o elimina righe 3 Generale MRc4 MRc5 OPZIONE 1 Nome/ descrizione dell articolo Costo unitario prodotto/ articolo [ ] Numero di prodotti/ articoli Nome del produttore/ fornitore % Post riciclato % Pre riciclato Certificato % Materiali regionali Dist. sito di estraz. [km] Dist. sito di lavoraz. [km] Certificato Cemento per calcestruzzo 50, Industria Cementi Giovanni Rossi 0 34 SI SI P Fluidificante estivo per cls Dynamon SX 42 10, Mapei 0 0 NO SI P Inerti per cls 15, Sipeg 0 0 NO SI P Totale [ ] (Div , , , e ) ,00 Valore totale dei materiali scelti con criteri di sostenibilità: [ ] , ,00 Percentuale di materiali scelti con criteri di sostenibilità (Div , , , e ) [%]: 0,60 4,82

64 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Integrazione impianti Fotovoltaico

65

66 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi Conclusioni: orizzonti della progettazione LEED & BIM

67

68

69

70

71

72 L attività di progettazione per la certificazione LEED: vincoli e vantaggi GRAZIE