Manuale di laboratorio WHO per l esame del liquido seminale QUINTA EDIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Manuale di laboratorio WHO per l esame del liquido seminale QUINTA EDIZIONE"

Transcript

1 Manuale di laboratorio WHO per l esame del liquido seminale QUINTA EDIZIONE

2 Manuale di laboratorio WHO per l esame del liquido seminale QUINTA EDIZIONE Traduzione del WHO laboratory manual for the examination and processing of human semen, fifth edition, a cura della Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità (SIAMS)

3 WHO laboratory manual for the examination and processing of human semen, fifth edition, pubblicato dall Organizzazione Mondiale della Sanità, Organizzazione Mondiale della Sanità, Il Direttore Generale dell Organizzazione Mondiale della Sanità ha concesso i diritti di traduzione e pubblicazione per l edizione italiana alla SIAMS che è la sola responsabile per l edizione italiana. Manuale di laboratorio WHO per l esame del liquido seminale, quinta edizione. Società Italiana di Andrologia e Medicina della Sessualità (SIAMS), Tutti i diritti sono riservati. Le pubblicazioni dell Organizzazione Mondiale della Sanità possono essere ottenute da WHO Press, World Health Organization, 20 Avenue Appia, 1211 Ginevra 27, Svizzera (tel.: ; fax: , Le richieste di autorizzazione a riprodurre o tradurre le pubblicazioni WHO sia per la vendita che per la distribuzione non commerciale devono essere indirizzate a WHO Press, all indirizzo sopra indicato (fax: ; Le denominazioni usate e la presentazione del materiale in questa pubblicazione non implicano l espressione di qualsiasi opinione da parte dell Organizzazione Mondiale della Sanità, relativa allo status giuridico di qualsiasi paese, territorio, città o area o delle sue autorità, o relative alla delimitazione delle loro frontiere o confini. Le linee tratteggiate sulle cartine rappresentano linee di confine approssimative per le quali potrebbe non esserci pieno accordo. La menzione di specifiche aziende o di prodotti di determinati costruttori non implica che essi siano approvati o raccomandati dall Organizzazione Mondiale della Sanità rispetto ad altri della stessa natura che non sono menzionati. Salvo errori e omissioni, i nomi dei prodotti di proprietà si distinguono per la lettera iniziale maiuscola. Tutte le precauzioni necessarie sono state prese dall Organizzazione Mondiale della Sanità per verificare le informazioni contenute nella presente pubblicazione. Tuttavia, il materiale pubblicato viene distribuito senza garanzie di alcun tipo, sia espressa che implicita. La responsabilità per l interpretazione e per l uso del materiale spetta al lettore. In nessun caso l Organizzazione Mondiale della Sanità è responsabile per i danni derivanti dal suo uso. Finito di stampare nel dicembre 2010 per i tipi della Eurolit, Roma. Si ringrazia per il gentile contributo dato alla realizzazione di questo manuale il Centro Interuniversitario di Andrologia Sperimentale (CASPER).

4 III INDICE Ringraziamenti XII Acronimi e abbreviazioni usati in questo manuale XIV Capitolo 1 Stato dell arte Introduzione La quinta edizione Scopo del manuale 3 PARTE I. ANALISI DEL LIQUIDO SEMINALE Capitolo 2 Procedure standard Introduzione Raccolta del campione seminale Preparazione Raccolta del campione a fini diagnostici o di ricerca Raccolta in contenitore sterile per la riproduzione assistita Raccolta in contenitore sterile per analisi microbiologica Raccolta del campione a casa Raccolta del campione con profilattico Sicurezza nella manipolazione dei campioni Valutazione macroscopica iniziale Fluidificazione Viscosità del liquido seminale Aspetto dell eiaculato Volume del liquido seminale ph del liquido seminale Valutazione microscopica iniziale Accurato miscelamento del campione e prelevamento di aliquote rappresentative dell intero campione seminale Allestimento del preparato a fresco Aggregazione nemaspermica Agglutinazione nemaspermica Componente cellulare non nemaspermica Motilità nemaspermica Categorie di movimento nemaspermico Preparazione e valutazione di un campione per la motilità Esempi Limiti inferiori di riferimento Vitalità nemaspermica Test di vitalità mediante eosina-nigrosina Test di vitalità con l utilizzo della sola eosina Test di vitalità mediante l uso del rigonfiamento iposmotico Concentrazione nemaspermica Tipi di camere di conta Emocitometro di Neubauer modificato Utilizzo della griglia dell emocitometro 36

5 IV Manutenzione della camera di conta Fissativo per la diluizione del liquido seminale Importanza di una conta sufficiente di spermatozoi Procedura di conta di routine Determinazione della diluizione richiesta Preparazione delle diluizioni e caricamento delle camere emocitometriche Valutazione del numero di spermatozoi nelle camere di conta Calcolo della concentrazione degli spermatozoi nel liquido seminale Esempi Limiti di riferimento inferiori per la concentrazione degli spermatozoi Calcolo del numero totale di spermatozoi nell eiaculato Limiti di riferimento inferiori per la concentrazione totale degli spermatozoi Numero di spermatozoi basso: criptozoospermia e sospetto di azoospermia Quando non è necessaria una valutazione accurata del basso numero di spermatozoi Casi che non richiedono ulteriori valutazioni Valutazione dei campioni centrifugati per identificare gli spermatozoi Esame dei campioni non centrifugati per identificare spermatozoi mobili Quando è richiesta una accurata valutazione di un basso numero di spermatozoi Valutazione di bassi numeri di spermatozoi nell intera camera Neubauer modificata (con microscopio a contrasto di fase) Valutazione di bassi numeri di spermatozoi in vetrini monouso per grandi volumi (microscopia a fluorescenza) Conta delle cellule non nemaspermiche Calcolo della concentrazione delle cellule rotonde nel liquido seminale Sensibilità del metodo Esempi Morfologia nemaspermica Il concetto di spermatozoi normali Preparazione degli strisci seminali Metodi di colorazione Fissazione tradizionale e colorazione sequenziale Procedimento di colorazione Papanicolaou per la morfologia nemaspermica Procedura di colorazione Shorr per la morfologia nemaspermica Procedura di colorazione rapida per la morfologia nemaspermica Esame delle preparazioni colorate Classificazione della normale morfologia nemaspermica Classificazione della morfologia degli spermatozoi atipici Tavole della morfologia Analisi morfologica di uno striscio di liquido seminale Valutazione della normale morfologia degli spermatozoi Esempi pratici Limite di riferimento inferiore Valutazione della morfologia degli spermatozoi atipici Esempi Valutazione di particolari difetti degli spermatozoi 106

6 V 2.18 Valutazione dei leucociti nel liquido seminale Colorazione della perossidasi cellulare mediante o-toluidina Valutazione delle cellule germinali immature nel liquido seminale Analisi degli antigeni di superficie degli spermatozoi Mixed antiglobulin reaction test L IBT diretto L IBT indiretto 118 Capitolo 3 Procedure facoltative Indici di difetti multipli degli spermatozoi Calcolo degli indici di difetti morfologici multipli Esempio Colorazione immunocitochimica per i globuli bianchi (CD45) Principi Reagenti Procedura Interazione fra spermatozoi e muco cervicale Test in vivo (post-coital test) Test in vitro Test in vitro semplificato Test del capillare Saggi biochimici per la funzione delle ghiandole accessorie Misurazione dello zinco nel plasma seminale Dosaggio del fruttosio nel plasma seminale Dosaggio dell alfa-glucosidasi neutra nel plasma seminale Analisi computerizzata del liquido seminale Introduzione Uso del CASA per valutare la motilità nemaspermica Uso del CASA per valutare la concentrazione di spermatozoi Valutazione morfometrica computerizzata dello spermatozoo 146 Capitolo 4 Procedure di ricerca Specie reattive dell ossigeno Introduzione Misurazione delle specie reattive dell ossigeno generate da sospensione di spermatozoi Test di interazione fra spermatozoo e ovocita Test di legame alla zona pellucida Valutazione della reazione acrosomiale Procedura mediante fluorescenza per la valutazione dello status acrosomiale Test per la reazione acrosomiale indotta Hamster test Protocollo Valutazione della cromatina nemaspermica 164 PARTE II. PREPARAZIONE DEGLI SPERMATOZOI Capitolo 5 Tecniche di preparazione degli spermatozoi Introduzione 167

7 VI Quando gli spermatozoi devono essere separati dal plasma seminale Scelta del metodo Efficienza di separazione degli spermatozoi dal plasma seminale e da organismi infettivi Principi generali Lavaggio semplice Reagenti Procedura Swim-up diretto Reagenti Procedura Gradienti discontinui di densità Reagenti Procedure Preparazione di campioni seminali con infezione da HIV Preparazione di spermatozoi testicolari e dell epididimo Metodo enzimatico Metodo meccanico Preparazione delle sospensioni di spermatozoi per l iniezione intracitoplasmatica Preparazione di campioni da eiaculazione retrograda Preparazione di campioni con eiaculazione stimolata 175 Capitolo 6 Crioconservazione di liquido seminale Introduzione Protocolli di crioconservazione del liquido seminale Procedura standard Protocolli di congelamento modificati per campioni oligozoospermici e spermatozoi recuperati chirurgicamente Codifica delle paillettes e registrazione 183 PARTE III. L ASSICURAZIONE DI QUALITÀ Capitolo 7 Assicurazione di qualità e controllo di qualità Controllo di qualità nel laboratorio di andrologia La natura degli errori nell analisi del liquido seminale Ridurre al minimo l errore di campionamento statistico Il programma di assicurazione di qualità Il manuale delle procedure di laboratorio Il controllo di qualità interno Campioni per il QC acquistati Campioni per il QC realizzati in laboratorio Campioni conservati (acquistati o prodotti in laboratorio) Campioni freschi per il QC (prodotti in laboratorio) Procedure statistiche di analisi e registrazione degli errori sistematici intra e inter seminologi La carta X bar La carta S QC per le percentuali Valutazione delle carte X bar e S 198

8 VII Come riconoscere i valori fuori controllo Cause di valori fuori controllo Risposte ai valori fuori controllo Procedure statistiche per l analisi e la registrazione della variabilità fra seminologi Comparare i risultati tra due o più seminologi Controllo mensile delle medie Controllo e assicurazione di qualità esterni Valutazione dei risultati EQC Le risposte ai risultati fuori del controllo Frequenza e priorità del controllo di qualità Addestramento Consigli pratici per quando si incontrano difficoltà nel valutare la concentrazione degli spermatozoi Consigli pratici quando si verificano difficoltà nel valutare la morfologia degli spermatozoi Consigli pratici in caso di difficoltà nella valutazione della motilità degli spermatozoi Consigli pratici quando si verificano difficoltà nel valutare la vitalità degli spermatozoi 213 BIBLIOGRAFIA 217 APPENDICI Appendice 1 Valori di riferimento e nomenclatura seminale 235 A1.1 Valori di riferimento 235 A1.2 Nomenclatura 237 Appendice 2 Attrezzature e sicurezza 239 A2.1 Forniture di base necessarie in un laboratorio di andrologia 239 A2.2 Possibili rischi biologici in un laboratorio di andrologia 242 A2.3 Procedure di sicurezza per il personale di laboratorio 242 A2.4 Procedure di sicurezza per le apparecchiature di laboratorio 244 A2.5 Procedure di sicurezza per la manipolazione dell azoto liquido 245 Appendice 3 Microscopia 247 A3.1 Allestimento del campione 247 A3.2 Regolazione degli oculari 249 A3.3 Messa a fuoco dell immagine 249 A3.4 Messa a fuoco degli oculari 250 A3.5 Messa a fuoco del condensatore di luce 250 A3.6 Centratura del condensatore 250 A3.7 Regolazione degli anelli di fase 251 A3.8 Microscopia a fluorescenza 251 Appendice 4 Soluzioni madre 252 A4.1 Biggers, Whitten e Whittingham 252

9 VIII A4.2 Tampone fosfato salino Dulbecco 252 A4.3 Soluzione di Earle 253 A4.4 Soluzione di Ham F A4.5 Soluzione salina bilanciata di Hanks 254 A4.6 Fluido tubarico umano 254 A4.7 Terreno Krebs-Ringer 255 A4.8 Soluzione salina Tris tamponata 255 A4.9 Soluzione di Tyrode 255 A4.10 Colorante Papanicolaou 255 Appendice 5 Muco cervicale 260 A5.1 Introduzione 260 A5.2 Raccolta e conservazione del muco cervicale 261 A5.3 Valutazione del muco cervicale 262 Appendice 6 Scheda di registrazione per l analisi del liquido seminale e del muco cervicale 266 A6.1 Modello di registrazione di analisi del liquido seminale 266 A6.2 Modello di registrazione del muco cervicale 268 Appendice 7 Errori di campionamento e controllo di qualità 269 A7.1 Errori nella misurazione della concentrazione di spermatozoi 269 A7.2 L importanza di comprendere gli errori di campionamento 271 A7.3 Errori nella misurazione delle percentuali 272 A7.4 Produzione di campioni seminali per il controllo di qualità 276 A7.5 Preparazione di una video-registrazione per il controllo di qualità interno dell analisi della motilità spermatica 277 A7.6 Preparazione del seme diluito per il controllo di qualità interno e determinazione della concentrazione di spermatozoi 281 A7.7 Preparazione dei vetrini per il controllo di qualità interno per la valutazione della morfologia nemaspermica 285 A7.8 Taratura delle apparecchiature 287 Appendice 8 Programmi nazionali di controllo di qualità esterno per l analisi del liquido seminale 289 FIGURE Fig. 2.1 Variazione nella concentrazione di spermatozoi per eiaculato e per ml in un periodo di oltre un anno e mezzo 9 Fig. 2.2 Aggregazione non-specifica di spermatozoi nel liquido seminale 20 Fig. 2.3 Schema delle diverse localizzazioni delle agglutinazioni nemaspermiche 21 Fig. 2.4 Supporti alla valutazione della motilità 25 Fig. 2.5 Striscio con colorazione eosina nigrosina osservato al microscopio ottico in campo chiaro 29 Fig. 2.6 Rappresentazione schematica delle tipiche modificazioni morfologiche in spermatozoi umani sottoposti a stress iposmotico 33 Fig. 2.7 Emocitometro di Neubauer modificato 36 Fig. 2.8 Quali spermatozoi contare nei quadrati della griglia 37

10 IX Fig. 2.9 Valutazione dell intero vetrino coprioggetto per la presenza di spermatozoi mobili 49 Fig Spermatozoi morfologicamente normali 60 Fig Metodi di striscio seminale per la morfologia nemaspermica 61 Fig Preparazione di uno striscio di un liquido seminale normale 62 Fig Disegni schematici di alcune forme atipiche di spermatozoi umani 73 Fig Cellule perossidasi-positive e negative in liquido seminale umano 109 Fig. 3.1 Leucociti in liquido seminale 125 Fig. 3.2 La scala di valutazione per il test di Kremer 133 Fig. 3.3 Terminologia standard per le variabili misurate dai sistemi CASA 145 Fig. 4.1 Chemioluminescenza generata in risposta a trattamento con zimosan opsonizzato 151 Fig. 4.2 Rispettivi contributi delle sottopopolazioni di leucociti e spermatozoi alla capacità di generare specie reattive dell ossigeno da parte di sospensioni cellulari 152 Fig. 4.3 Colorazione degli spermatozoi umani mediante agglutinina fluorescente Pisum sativum (PSA) 156 Fig. 4.4 Microfotografia a contrasto di fase di un ovocita di hamster contenente spermatozoi umani 164 Fig. 7.1 Un diagramma X bar per la concentrazione degli spermatozoi 196 Fig. 7.2 Un diagramma S per la concentrazione degli spermatozoi 198 Fig. 7.3 Una carta Bland-Altman di stime manuali e col sistema CASA della percentuale progressiva di motilità spermatica 201 Fig. 7.4 Un grafico di Youden per la stima delle concentrazioni degli spermatozoi 202 Fig. A2.1 Nomogramma per la determinazione della forza centrifuga relativa (RCF) a partire dal raggio del rotore e dalla velocità di rotazione 243 Fig. A5.1 Esempi di cristallizzazione a foglia di felce nel muco cervicale essiccato all aria su vetrino 261 Fig. A7.1 Differenze accettabili tra due conte replicate in una funzione del numero totale di spermatozoi valutati 270 Fig. A7.2 Le differenze accettabili tra le percentuali replicate sono funzione della percentuale vera e del numero totale di spermatozoi valutati 274 Fig. A7.3 Supporto alla valutazione della motilità degli spermatozoi 280 Fig. A7.4 Vista attraverso un oculare con reticolo (reticolo rosso) 280 Fig. A7.5 Immagine video-registrata del micrometro sul monitor e la sovrapposizione dei tratti 281 RIQUADRI Riquadro 2.1 Conferma della qualità del contenitore in cui è stato raccolto il campione 11 Riquadro 2.2 Preparazione della bromelina 15 Riquadro 2.3 Accurato miscelamento del liquido seminale 19 Riquadro 2.4 Spessore del preparato a fresco 19 Riquadro 2.5 Errori nella valutazione delle percentuali 26 Riquadro 2.6 Confronto tra percentuali di replicati 26 Riquadro 2.7 Errori nella valutazione del numero 38 Riquadro 2.8 Ottenere una conta di 200 spermatozoi per replicati nelle tre griglie centrali della camera Neubauer modificata 39 Riquadro 2.9 Volume osservato per pcv in una preparazione a fresco con spessore di 20 μm 40

11 X Riquadro 2.10 Confronto tra conte replicate 44 Riquadro 2.11 Ottenere 200 spermatozoi per replicato in tutte le 9 griglie della camera Neubauer modificata 50 Riquadro 2.12 Ottenere 200 spermatozoi per replicato in una camera monouso per volumi grandi di 100 μm di profondità. 54 Riquadro 2.13 Volume osservato per campo visivo in una camera monouso a grande volume, 100 μm di profondità 56 Riquadro 2.14 Mezzi di montaggio 65 Riquadro 3.1 Preparazione della cera di vaselina 128 Riquadro 3.2 Volume osservato per campo visivo in una preparazione di muco cervicale di profondità 100 μm 128 Riquadro 4.1 Induzione dell ovulazione in hamster 161 Riquadro 4.2 Preparazione di pipette di vetro 162 Riquadro 6.1 Motivi per la crioconservazione degli spermatozoi 177 Riquadro 6.2 Valutazione del rischio della crioconservazione e dello stoccaggio del liquido seminale umano 178 Riquadro 7.1 Terminologia nell assicurazione e nel controllo di qualità 188 Riquadro 7.2 Determinazione dei valori per i limiti di controllo di azione e di allarme di una carta X bar 195 Riquadro 7.3 Metodo alternativo per il calcolo dei limiti di controllo X bar dall insieme delle deviazioni standard 196 Riquadro 7.4 Determinazione dei valori per i limiti di controllo di allarme e di azione di una carta S 197 Riquadro 7.5 Regole di controllo di base per le carte QC 199 Riquadro 7.6 Valutazione delle differenze sistematiche tra seminologi 204 Riquadro 7.7 Principali caratteristiche delle procedure IQC 205 Riquadro 7.8 Calendario per il controllo di qualità 207 Riquadro 7.9 Sommario dei test QC 208 Riquadro A2.1 Calcolo forze centrifughe 242 Riquadro A3.1 L obiettivo 248 Riquadro A5.1 Misurare il volume del muco raccolto 263 Riquadro A5.2 Volume di un preparato di muco profondo 100 μm osservato al microscopio con un obiettivo a 40x 264 TABELLE Tabella 2.1 Differenze accettabili tra due percentuali medie, determinate da conte replicate di 200 spermatozoi (400 spermatozoi totali contati) 26 Tabella 2.2 Errori di conta arrotondati (%) secondo il numero totale di spermatozoi contati 38 Tabella 2.3 Diluizioni necessarie del liquido seminale, modalità di preparazione, camere da utilizzare, potenziali aree da valutare 40 Tabella 2.4 Differenze accettabili tra due conte replicate relative ad una data somma 43 Tabella 2.5 Differenza accettabile tra due conte per una data somma: basse concentrazioni 52 Tabella 2.6 Spiegazioni utilizzate nei commenti alle Tavole Tabella 2.7 Quantità di liquido seminale da utilizzare per l Immunobead test 116 Tabella 3.1 Calcolo degli indici dei difetti multipli degli spermatozoi 121

12 XI Tabella 3.2 Indici dei difetti nemaspermici da uomini di coppie fertili e infertili 122 Tabella 3.3 Grado di densità di penetrazione degli spermatozoi 134 Tabella 3.4 Classificazione dei risultati del test del capillare 135 Tabella 7.1 Fattori per la determinazione dei limiti di controllo per le carte X bar e S basati sulla deviazione standard media (S bar ) 195 Tabella 7.2 Fonti di variazione (errore) nella valutazione della concentrazione nemaspermica e soluzioni proposte 209 Tabella 7.3 Fonti di variazione (errore) nella valutazione della morfologia degli spermatozoi e soluzioni proposte 211 Tabella 7.4 Fonti di variazione (errore) nella valutazione della motilità degli spermatozoi e soluzioni proposte 212 Tabella 7.5 Fonti di variazione (errore) nella valutazione della vitalità degli spermatozoi e soluzioni proposte 213 Tabella A1.1 Valori di riferimento minimi delle caratteristiche seminali (5 percentile e intervallo di confidenza del 95%) 236 Tabella A1.2 Distribuzione dei valori per i parametri seminali relativi a uomini le cui partner sono entrate in gravidanza entro 12 mesi dalla sospensione dell uso di metodi contraccettivi 237 Tabella A1.3 Nomenclatura seminale 238 Tabella A7.1 Differenze accettabili tra 2 conte replicate relative ad una data somma 271 Tabella A7.2 Differenze accettabili tra due percentuali medie, derivate da conte replicate di 100 spermatozoi (200 contati) 275 Tabella A7.3 Differenze accettabili tra due percentuali medie, derivate da conte replicate di 200 spermatozoi (400 contati) 275 Tabella A7.4 Differenze accettabili tra due percentuali medie, derivate da conte replicate di 400 spermatozoi (800 contati) 276

13 XII Ringraziamenti Questa pubblicazione è stata prodotta dalla UNDP / UNFPA / WHO / Programma Speciale di Ricerca, Sviluppo e Formazione in Riproduzione Umana (HRP) della Banca Mondiale, dall OMS Dipartimento di Salute Riproduttiva e Ricerca (RHR). Per la partecipazione nella preparazione e redazione di questo manuale si ringraziano le seguenti persone: Editor Dr Trevor G Cooper Centre of Reproductive Medicine and Andrology of the University, Münster, Germany (WHO Collaborating Centre for Research in Male Reproduction) Team editoriale Dr John Aitken Biological Sciences School of Life and Environmental Sciences University Drive Callaghan, New South Wales, Australia Dr Jacques Auger Service de Biologie de la Réproduction Pavillon Cassini Hôpital Cochin Paris, France Dr HW Gordon Baker University of Melbourne Department of Obstetrics and Gynaecology Royal Women s Hospital Carlton, Victoria, Australia Dr Chris LR Barratt Division of Maternal and Child Health Sciences The Medical School Ninewells Hospital Dundee, Scotland Dr Hermann M Behre Centre for Reproductive Medicine and Andrology Martin-Luther-University Halle, Germany Dr Lars Björndahl Andrology Centre, Karolinska University Hospital and Institute, Stockholm, Sweden Ms Charlene Brazil Center for Health and the Environment University of California Davis, CA, USA Dr Christopher De Jonge University of Minnesota Reproductive Medicine Center Minneapolis, MN, USA Dr Gustavo F Doncel CONRAD Department of Obstetrics and Gynecology Eastern Virginia Medical School Norfolk, VA, USA Dr Daniel Franken Department of Obstetrics and Gynaecology Tygerberg Hospital Tygerberg, South Africa Dr Trine B Haugen Faculty of Health Sciences Oslo University College Oslo, Norway Dr Aucky Hinting Andrology Unit, Department of Biomedicine School of Medicine Airlangga University, Surabaya, Indonesia

14 XIII Mr Godwin E Imade Department of Obstetrics and Gynaecology Faculty of Medical Sciences University of Jos Jos, Nigeria Dr Thinus F Kruger Reproductive Biology Unit Stellenbosch University Tygerberg, South Africa Dr Hesbon O Odongo Department of Zoology University of Nairobi Nairobi, Kenya Ms Elizabeth Noonan Fred Hutchinson Cancer Research Center Statistical Center for HIV/AIDS Research and Prevention Seattle, WA, USA Dr Steven M Schrader National Institute for Occupational Safety and Health Centers for Disease Control and Prevention Cincinnati, OH, USA Dr Christina CL Wang Harbor-UCLA Medical Center Torrance, CA, USA Dr William Shu-Biu Yeung Department of Obstetrics and Gynaecology University of Hong Kong Hong Kong SAR, China Segreteria WHO, Dipartimento di Salute Riproduttiva e Ricerca Dr Kirsten M Vogelsong Scientist Research Area Manager Dr Sigrid von Eckardstein Former Acting Research Area Manager Dr Michael T Mbizvo Direttore ad interim Ms Maud Keizer Segretario Ulteriori ringraziamenti vanno a: Ms Cathy Treece, Ms Charlene Tollner e il Professor Jim Overstreet (University of California, Davis, CA, USA) per la produzione di fotografie della morfologia e il controllo dei terreni di coltura; al Dr Rune Eliasson (Sophiahemmet Hospital, Stockholm, Sweden) per l aiuto nella definizione di cellule non nemaspermiche; al Dr Timothy Farley (World Health Organization, Geneva, Switzer land) per la revisione delle sezioni sul controllo di qualità; e al Dr Gary N Clarke (The Royal Women s Hospital, Carlton, Australia), al Dr Roelof Menkveld (Tygerberg Academic Hospital and University of Stellenbosch, Tygerberg, South Africa), e al Professor Pieter Wranz (University of Stellen bosch, Tygerberg, South Africa) per aver fornito ulteriori informazioni utilizzate nella compilazione del manuale. Si ringrazia la Società Internazionale di Andrologia per il sostegno finanziario. Questa edizione del manuale è dedicata alla memoria del compianto Geoffrey Waites ( ), ex direttore del WHO Task Force sui metodi di regolazione della fertilità maschile e coeditore della seconda, terza e quarta edizione di questo manuale di laboratorio. La devozione del comitato editoriale per la sua missione era guidata dall apprezzamento per l onestà, l equità e l impegno per i bisognosi di Geoff.

15 XIV Acronimi e abbreviazioni usati in questo manuale Ab AI AID AIH ALH ANOVA APAAP AR ART ASA BAEE BCF BSA BWW CASA CASMA CBAVD CD CD CD45 CD46 CO 2 DMSO DNA DPBS DS DVD EDTA EQA EQC ERC ES FITC FMLP GIFT GPC H 2 O 2 anticorpo inseminazione artificiale inseminazione artificiale con seme di donatore inseminazione artificiale con seme del partner ampiezza dello spostamento laterale della testa analisi della varianza complesso fosfatasi alcalina anti-fosfatasi alcalina acrosoma reagito tecniche di riproduzione assistita anticorpo antispermatozoo N-benzoil-L-arginina etil estere frequenza del battito laterale (Hz) albumina sierica bovina Biggers, Whitten e Whittingham computer aided sperm analysis computer aided sperm morphometric assessment assenza bilaterale congenita dei vasi deferenti compact disk goccia citoplasmatica cluster di determinazione 45 (marker pan-leucocitario) cluster di determinazione 46 (antigene acrosomiale) diossido di carbonio dimetil sulfossido acido deossiribonucleico tampone fosfato salino di Dulbecco deviazione standard digital versatile disc acido etilendiaminotetracetico garanzia di qualità esterna controllo di qualità esterno eccesso di residuo citoplasmatico errore standard isotiocianato di fluoresceina formil-metionil-leucil-fenilalanina transfer gametico intratubarico glicerofosfolcolina perossido di idrogeno

16 XV HBSS HBV hcg HCV HIV HOP HOS HRP HSA HTF IB IBT IC ICSI Ig IM IQC IR IUI IVF KRM LC LIN LLQ MAD MAI MAR NA NP PBS pcv PDCA PMA PMSG PNPG PR PSA QA QC Hanks balanced salt solution virus epatite B gonadotropina corionica umana virus epatite C virus da immunodeficienza umana penetrazione nell ovocita di hamster rigonfiamento iposmotico perossidasi di rafano albumina serica umana fluido tubarico umano immunobead Immunobead test intervallo di confidenza iniezione intracitoplasmatica di spermatozoo immunoglobulina assenza di motilità controllo di qualità interno indice di rifrazione inseminazione intrauterina fecondazione in vitro Krebs Ringer Medium limiti di confidenza linearità limite inferiore di quantificazione spostamento angolare medio indice di anomalie multiple mixed antiglobulin reaction apertura numerica motilità non progressiva tampone fosfato salino campo visivo pianificare, fare, controllare, agire forbolo 12-miristato 13-acetato gonadotropine di siero di cavalla gravida p-nitrofenolo glucopiranoside motilità progressiva agglutinina Pisum sativum assicurazione di qualità controllo di qualità

17 XVI RCF RNA ROS r.p.m. SDI SDS SOP STR TBS TGG TZI UI VAP VCL VSL WHO WOB forza centrifuga relativa acido ribonucleico specie reattive dell ossigeno giri al minuto indice di alterazione spermatica sodio dodecilsolfato procedura operativa standard rettilineità (VSL/VAP) Tris-buffered saline Tyrode s glucose glycerol indice di teratozoospermia unità internazionale velocità media di percorso velocità curvilinea velocità in linea retta (rettilinea) World Health Organization oscillazione (VAP/VCL)

18 1 CAPITOLO 1 Stato dell arte 1.1 Introduzione Il Manuale di laboratorio per l esame del liquido seminale e dell interazione spermatozoi-muco cervicale è stato pubblicato la prima volta nel 1980 per rispondere alle crescenti esigenze di una standardizzazione delle procedure necessarie per l esame del liquido seminale umano. Da allora è stato aggiornato tre volte e tradotto in numerose lingue. Negli ultimi trent anni, il manuale ha fornito degli standard globali ed è stato ampiamente impiegato nei laboratori di ricerca e clinici di tutto il mondo. Nonostante questo successo, ci si è resi progressivamente conto che alcune delle raccomandazioni presenti nelle edizioni precedenti del manuale dovevano essere riviste alla luce delle nuove acquisizioni, e che alcuni concetti dovevano essere spiegati in maniera più approfondita e con maggiori prove a sostegno. Sulla base di queste considerazioni, il WHO ha istituito un comitato di redazione che rivedesse tutti i metodi descritti nel manuale, al fine di confermarli, modificarli o aggiornarli. In molti casi questo si è dimostrato estremamente difficile, in quanto con i metodi descritti nel manuale erano stati ottenuti dati insufficienti. In alcuni casi, i laboratori più accreditati sono stati in grado di ottenere risultati consistenti che, peraltro, non sono stati confermati da altri. Alla luce di tutto questo, il comitato di redazione ha messo a punto una consensus, dopo aver valutato la letteratura pertinente. Ulteriori raccomandazioni sono state fatte ai seminologi e ai ricercatori, in particolare per quanto riguarda la necessità di maggiori dettagli per molti dei metodi descritti. La mancanza di dettagli nelle precedenti edizioni ha fatto sì che alcuni laboratori hanno utilizzato metodi descritti altrove, o hanno messo a punto personali versioni di tali metodi, pur sostenendo di effettuare l analisi del liquido seminale secondo i criteri del manuale del WHO. Per tale motivo, al fine di rendere più semplice il confronto fra i laboratori di tutto il mondo, questa edizione del manuale è molto più dettagliata, spiegando approfonditamente il razionale dell impiego di una particolare tecnica nei casi in cui ci siano più metodi di analisi a disposizione per quel singolo parametro. Raccomandiamo pertanto ai laboratoristi che fanno riferimento a questo manuale, di riportare nella descrizione dei risultati pubblicati negli articoli scientifici il metodo specifico impiegato. 1.2 La quinta edizione La quinta edizione consta di tre parti: l analisi del liquido seminale (capitoli 2-4), la preparazione degli spermatozoi (capitoli 5 e 6) e il controllo di qualità (capitolo 7). La Parte I, che riguarda l analisi del liquido seminale, ricalca le edizioni precedenti, ma è stata divisa in tre capitoli: i metodi standard, rappresentati dalle procedure di routine universalmente accettate per la determinazione della qualità del liquido seminale; i test opzionali, che possono essere utilizzati in determinate situazioni o per scelta del laboratorio; i test di ricerca, che non sono attualmente considerati di routine. Dal momento che la spermiocoltura non viene eseguita routinariamente nel laboratorio di seminologia, è stata menzionata solo nella sezione relativa alla raccolta sterile del liquido seminale. La sezione sulla preparazione degli spermatozoi comprende, oltre agli spermatozoi eiaculati, anche gli spermatozoi ottenuti dal testicolo e dall epididimo. Intercalati agli elenchi puntati delle istruzioni metodologiche, si

19 2 CAPITOLO 1 Stato dell arte trovano Note (spiegazioni della metodologia), Commenti (interpretazione dei risultati) e Riquadri (contenenti ulteriore materiale esplicativo). Le caratteristiche principali di questa quinta edizione sono le seguenti. I capitoli relativi all analisi del liquido seminale includono dettagli su tutte le soluzioni di lavoro, procedure, calcoli e interpretazioni, in modo che ogni metodologia sia quanto più possibile completa, con rimandi minimi ad altre parti del manuale. La sezione sulla preparazione del seme è stata ampliata, ed è stato aggiunto un nuovo capitolo sulla crioconservazione degli spermatozoi. Le procedure per l analisi del muco cervicale sono state divise tra il capitolo sulle procedure opzionali e un appendice sulle caratteristiche del muco. Ci sono meno appendici rispetto alle edizioni precedenti, e sono limitate alle informazioni altamente specialistiche o raramente impiegate. Valutazione del numero degli spermatozoi. Le diluizioni del seme e le aree della camera di conta utilizzate per valutare il numero di spermatozoi nel liquido seminale sono state modificate per consentire la conta di 200 spermatozoi per replicato. È stata ribadita l importanza sia degli errori di campionamento, che della certezza dei risultati numerici ottenuti. Il comitato di redazione ha ritenuto che il numero totale di spermatozoi per eiaculato fornisca una valutazione più accurata della funzionalità del testicolo rispetto alla concentrazione degli spermatozoi, ma è imperativo che il volume del liquido seminale venga misurato con estrema precisione. Valutazione della azoospermia. Anche se apparentemente semplice, la diagnosi di azoospermia può essere resa difficile da vari fattori, fra cui grossi errori legati al conteggio di pochi spermatozoi, l elevato numero di campi microscopici da analizzare e le difficoltà nell esaminare il pellet post-centrifugazione in caso di campioni ricchi di detriti. Modifiche raccomandate includono la necessità di esaminare campioni fissati, non centrifugati, indicando la sensibilità dei metodi di conta utilizzati. Tuttavia, sono previsti anche metodi di centrifugazione per accumulare un numero sufficiente di cellule a fini terapeutici, e metodi per la valutazione di spermatozoi mobili in campioni non fissati di liquidi seminali post-vasectomia. Valutazione della motilità nemaspermica. Un cambiamento importante rispetto alle precedenti edizioni è la classificazione della motilità degli spermatozoi. Attualmente viene consigliato di classificare gli spermatozoi come progressivamente mobili, non progressivamente mobili e immobili (invece dei gradi a, b, c, d). Valutazione della morfologia nemaspermica. Alcuni laboratori valutano solo le forme normali, mentre altri considerano più importanti il tipo, la localizzazione e l estensione delle atipie. È ancora controverso se queste o altri tipi di valutazione o valutazioni semiquantitative rendano più attendibile l analisi del liquido seminale. Prove a sostegno della relazione tra la percentuale di forme normali (definite dai criteri stretti o dalla valutazione computerizzata della morfologia) e tassi di fecondazione in vivo giustificano il tentativo di identificare, nel liquido seminale, una sottopopolazione di spermatozoi morfologicamente distinta. In questa edizione, abbiamo incluso un numero maggiore di fotografie di migliore

20 CAPITOLO 1 Stato dell arte 3 qualità di spermatozoi considerati normali e borderline, accompagnate da spiegazioni del perché ogni spermatozoo è stato classificato in quel modo. Questo dovrebbe aiutare i seminologi a classificare gli spermatozoi in maniera uniforme. Dati recenti, provenienti da una popolazione fertile, hanno permesso di fornire valori di riferimento per la percentuale di forme morfologicamente normali. Controllo di qualità. Questo capitolo è stato completamente riscritto. Affinché i metodi analitici siano attendibili è necessario che ci sia un rigoroso controllo di qualità dell analisi seminale. Vengono forniti consigli e suggerimenti su come migliorare le prestazioni di laboratorio nei casi in cui i risultati del controllo di qualità siano insoddisfacenti. Range e limiti di riferimento. I range di riferimento di questo manuale sono stati dedotti dai dati della qualità del liquido seminale di uomini fertili, la cui partner ha ottenuto una gravidanza entro i 12 mesi. Per i valori di riferimento, sono stati impiegati i dati grezzi di un numero variabile da 400 a campioni di liquido seminale provenienti da uomini di otto paesi di tre continenti, che sono diventati padri di recente. Per convenzione statistica si considera il 2.5 percentile, di un intervallo di riferimento a due estremi, come soglia sotto la quale i valori possono essere considerati provenienti da una popolazione differente. Tuttavia, un intervallo di riferimento ad un solo estremo è stato ritenuto più opportuno per il liquido seminale, dal momento che elevati valori di qualunque parametro difficilmente sono pregiudizievoli per la fertilità. Il quinto percentile è dato come limite inferiore di riferimento, e la distribuzione completa per ogni parametro seminale è riportata nell Appendice Scopo del manuale I metodi descritti in questo manuale hanno l intento di linee guida per migliorare la qualità dell analisi del liquido seminale e la comparabilità dei risultati. Non dovrebbero essere necessariamente presi come obbligatori da strutture di accreditamento locale, nazionale o internazionale. L analisi seminale può essere utile sia in campo clinico che di ricerca, per valutare lo stato della fertilità maschile così come per monitorare la spermatogenesi nel follw-up della regolazione della fertilità maschile.

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV

PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA RESPONSABILE PER le COPPIE con INFEZIONE DA HIV/HCV Arcispedale S. Maria Nuova Dipartimento Ostetrico Ginecologico e Pediatrico Prof. Giovanni Battista La Sala - Direttore PROGETTO MULTIDISCIPLANARE di PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) e GENITORIALITA

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE.

L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. L AUTOMAZIONE IN CITOLOGIA SU STRATO SOTTILE: CONTROLLO DELLE FASI OPERATIVE. C. Sintoni C. Galli Servizio di Anatomia Patologica - Presidio Ospedaliero S. M. delle Croci - Ravenna Attualmente nel nostro

Dettagli

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay

Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Aptima Aptima HIV-1 Quant Dx Assay Per uso diagnostico in vitro. Solo per l esportazione dagli USA. Informazioni generali................................................ 2 Utilizzo previsto................................................................

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI

SERVIZI TRASFUSIONALI REQUISITI MINIMI STRUTTURALI TECNOLOGICI E ORGANIZZATIVI SPECIFICI Allegato A). Requisiti strutturali, tecnologici e organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie dei servizi trasfusionali e delle unità di raccolta del sangue e degli emocomponenti, ai

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE

CRISTALLIZAZIONE SENSIBILE L analisi chimica delle sostanze presenti all interno di un composto organico fornisce informazioni sulla loro natura e sulla loro quantità, ma non è in grado di definirne la vitalità. Se infatti consideriamo

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1

Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni. Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 Criteri di valutazione e certificazione della sicurezza delle informazioni Cesare Gallotti Milano, 14 maggio 2004 1 AGENDA Introduzione Valutazione dei prodotti Valutazione dell organizzazione per la sicurezza

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

GETINGE DA VINCI SOLUTION

GETINGE DA VINCI SOLUTION GETINGE DA VINCI SOLUTION 2 GETINGE DA VINCI SOLUTION SOLUZIONE ALL AVANGUARDIA, VALIDATA E PREDISPOSTA PER LA CHIRURGIA ROBOTICA Da oltre un secolo, Getinge fornisce costantemente prodotti a elevate prestazioni

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano

ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA Genetisti Forensi Italiani (Ge.F.I) Presidente Prof. Francesco De Stefano Vice ASSOCIAZIONE SCIENTIFICA (Ge.F.I) Presidente LINEE GUIDA PER LA REPERTAZIONE DI TRACCE BIOLOGICHE PER LE ANALISI DI GENETICA FORENSE NEL PERCORSO ASSISTENZIALE DELLE VITTIME DI VIOLENZA SESSUALE E/O

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o

Migl g i l or o am a e m n e t n o co c n o t n inu n o Gli Indicatori di Processo Come orientare un azienda al miglioramento continuo Formazione 18 Novembre 2008 UN CIRCOLO VIRTUOSO Miglioramento continuo del sistema di gestione per la qualità Clienti Gestione

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN

SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN SCHEDA DI SICUREZZA ESSENZA MIRRA-VANIGLIA PER EMANATORE SANDOKAN 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1. Identificazione della sostanza o del preparato Miscela di oli essenziali

Dettagli

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide

Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Esperienza 3: clonaggio di un gene in un plasmide Il clonaggio molecolare è una delle basi dell ingegneria genetica. Esso consiste nell inserire un frammento di DNA (chiamato inserto) in un vettore appropriato

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido

Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Istruzioni per l uso sicuro delle batterie al piombo-acido Questo documento è stato redatto in collaborazione con la Commissione per gli Affari Ambientali di EUROBAT (maggio 2003) ed esaminato dai membri

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit

1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit 1,25 (OH) 2 Vitamina D ELISA kit Per la determinazione in vitro della 1,25 (OH) 2 Vitamina D in plasma e siero Gültig ab/valid from 17.03.2008 +8 C IMM-K 2112 +2 C 48 1. APPLICAZIONE Il kit ELISA (Enzyme-Linked-Immuno-Sorbent-Assay)

Dettagli

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto.

Controllo della varroa in apicoltura biologica. Formiche e forbicine possono rimuovere gli acari dall inserto. PROMEMORIA Controllo della varroa in apicoltura biologica In breve Mantenere la varroa sotto controllo continua a essere la principale sfida degli apicoltori. Il promemoria presenta due metodi diversi

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La Banca del seme più grande del mondo

La Banca del seme più grande del mondo La Banca del seme più grande del mondo Un sogno che diventa realtà Tutto iniziò con uno strano sogno riguardante seme congelato. Oggi, la Cryos International - Danimarca è la più grande banca del seme

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso

Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso Samuele Di Rita - Classe 2 B sa - 16/03/2015 - Gruppo 5: Di Rita, Dal Maso SAGGI ANALITICI SU ALIMENTI CONTENENTI CARBOIDRATI OBIETTIVI Fase 1: Dimostrare, mediante l uso del distillato di Fehling, se

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

malattie sessualmente trasmissibili

malattie sessualmente trasmissibili malattie sessualmente trasmissibili prevenzione, diagnosi e terapia a cura di Tiziano Cappelletto, ginecologo in collaborazione con Giampaolo Contemori, andrologo Sandro Pasquinucci, infettivologo Patrizio

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Flosina B(C.I. 45410) 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA,

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Per far sviluppare appieno la

Per far sviluppare appieno la 2008;25 (4): 30-32 30 Maria Benetton, Gian Domenico Giusti, Comitato Direttivo Aniarti Scrivere per una rivista. Suggerimenti per presentare un articolo scientifico Riassunto Obiettivo: il principale obiettivo

Dettagli

: Basfoliar 20+20+20 SP

: Basfoliar 20+20+20 SP 1. Identificazione della sostanza o della miscela e della società/ impresa 1.1 Identificatore del prodotto Nome commerciale : 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Il Biologo Figura dinamica nel mondo del lavoro. Vademecum di orientamento alla professione

Il Biologo Figura dinamica nel mondo del lavoro. Vademecum di orientamento alla professione Il Biologo Figura dinamica nel mondo del lavoro Vademecum di orientamento alla professione A cura della: Commissione Permanente di studio Rapporti con le Università Ordine Nazionale dei Biologi 1 Consiglio

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O

U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I T O R I N O Il Centro della Innovazione Nato inizialmente per ospitare alcune attività didattiche dell Università di Torino, il complesso polifunzionale di Via

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile

L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile Per la terapia DOSSIER MASTITI di una mastite in atto il ricorso a tale test L antibiogramm Inutile,necessar ed indispensabile riveste scarsa importanza. Ma fornisce preziosissime informazioni per le cure

Dettagli

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE

CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE ASO S. Croce e Carle di Cuneo C.I.O. COMITATO INFEZIONI OSPEDALIERE DOCUMENTO DESCRITTIVO TITOLO CONTROLLO MICROBIOLOGICO AMBIENTALE NELLE SALE OPERATORIE Data di emissione: 20 aprile 2004 revisione n

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

General Linear Model. Esercizio

General Linear Model. Esercizio Esercizio General Linear Model Una delle molteplici applicazioni del General Linear Model è la Trend Surface Analysis. Questa tecnica cerca di individuare, in un modello di superficie, quale tendenza segue

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 -

SeroCP Quant IgA. Applicazioni. Introduzione - 2 - SeroCP Quant IgA I Applicazioni SeroCP Quant IgA è un Enzyme Linked Immunosorbent Assay (ELISA) per la determinazione semiquantitativa di anticorpi IgA specie specifici anti Chlamydia pneumoniae nel siero

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA

DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE DI SVILUPPO DELL ATTREZZATURA PROTOTIPO PER LA CONCENTRAZIONE DI BIOMASSA MICROBICA DA ESTRATTO DI CASTAGNA Premesso che nell ambito del progetto Castagna di Montella:

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli