TEMI DEL PRESENTE Bioetica, ambiente, economia, convivenza tra popoli, responsabilità civile, adolescenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TEMI DEL PRESENTE Bioetica, ambiente, economia, convivenza tra popoli, responsabilità civile, adolescenza"

Transcript

1 INDICE GENERALE 1 Indice generale Bioetica, ambiente, economia, convivenza tra popoli, responsabilità civile, adolescenza on line Ulteriori testi sui temi: La comunicazione Il futuro dell uomo Identità e differenza bioetica 4 L origine della bioetica 4 Il confronto tra le etiche 4 Il ruolo della bioetica 5 Consiglio d Europa, Convenzione sui diritti dell uomo e sulla biomedicina (testo regolativo) 6 laboratorio 10 P. Bianucci, I rischi e le promesse della sperimentazione (testo espositivoargomentativo; articolo di cronaca) 11 laboratorio 13 L eutanasia passiva, contro l accanimento terapeutico (testo espositivo-argomentativo; intervista) 15 laboratorio 17 P. Levi, L ordine a buon mercato (testo narrativo; racconto) 18 laboratorio 24 VERSO IL SAGGIO BREVE 25 VERSO L INVALSI Stati Uniti. Staminali embrionali: via ai test sull uomo (testo espositivo; articolo di cronaca) 26 ambiente 28 Ambiente ed ecologia 28 Ambiente ed economia 29 Ambientalismo e green economy 29 B. Spinelli, La nuova guerra mondiale (testo argomentativo; articolo d opinione) 30 laboratorio 32 J. Rifkin, Le prospettive per il nostro futuro (testo argomentativo; intervista) 33 laboratorio 35 R. Furlani, Biocarburanti. E la Terra è al verde (testo espositivo; articolo di cronaca) 36 laboratorio 39 E. De Luca, Il peso della farfalla (testo narrativo; racconto) 40 laboratorio 44 VERSO IL SAGGIO BREVE 45 VERSO L INVALSI Le strategie globali da Energia e salute della terra (saggio) 46 economia 48 Globalizzazione 48 L economia globale: vantaggi e svantaggi 49 Prospettive 49 K. Bales, La merce umana (testo espositivoargomentativo; saggio) 50 laboratorio 54 M. Gaggi, Amartya Sen: ricette della coscienza (testo argomentativo; intervista) 55 laboratorio 57 R. Orsi, Il banchiere dei poveri (testo espositivo; articolo di cronaca) 58 laboratorio 60 A. Campanile, La scoperta dell Europa (testo narrativo; racconto) 62 laboratorio 66 VERSO IL SAGGIO BREVE 67 VERSO L INVALSI C. Niccolini, La guerriera delle etichette (testo espositivo; articolo di cronaca) 68 convivenza tra i popoli 70 Rapporti tra popoli e culture 70 Migrazione e globalizzazione 70 Nuovi rapporti tra individui e territorio 71 Da una società multietnica a una società multiculturale e integrata 71 Convenzione-quadro per la protezione delle minoranze nazionali (testo regolativo) 72 laboratorio 75 In Italia sempre più immigrati Istat: Sono quasi quattro milioni (testo espositivo; articolo di cronaca) 76 laboratorio 78 Y. Tawfik, La straniera (testo narrativo; romanzo) 79 laboratorio 84 VERSO IL SAGGIO BREVE 85 VERSO L INVALSI Italia Immigrazione, a lavoratori stranieri il 23% dei nuovi lavori (testo espositivo; inchiesta) 86 responsabilità civile 88 I diritti umani 88 Dai diritti civili e politici ai diritti di solidarietà 88 Un po di storia 89 Diritti e istituzioni 89 M. Del Gaudio, A colloquio sulla Costituzione (testo espositivo-argomentativo; saggio) 90 laboratorio 94 L. Ciotti, Discorso d apertura di Luigi Ciotti alla manifestazione Contromafie (testo argomentativo; articolo) 95 laboratorio 98 I. Svevo, La tribù (testo narrativo; racconto) 99 laboratorio 104 VERSO IL SAGGIO BREVE 105 VERSO L INVALSI Il rifiuto della barbarie: intervista a G. Pontara (testo argomentativo; intervista) 106 difficoltà di crescere 108 L adolescenza: uno stato dell essere 108 L adolescente e il sé 108 L adolescente e gli altri 109 L adolescente e il mondo 109 F. Ramella, È più facile drogarsi che parlarne (testo espositivo-argomentativo; articolo di giornale) 110 laboratorio 113 M. Lodoli, I jeans a vita bassa delle quindicenni (testo espositivo-argomentativo; articolo d opinione) 114 laboratorio 117 F. Geda, Afganisthan (testo narrativo; romanzo) 118 laboratorio 122 VERSO IL SAGGIO BREVE 123 VERSO L INVALSI Un saggio-indagine del mulino. Giovani e valori così cambia l Italia (testo espositivo-argomentativo; recensione) 124

2 2 Durante la guerra nella ex Jugoslavia, per schivare i bombardamenti si allenava presto: le sei-sette del mattino, «Sapevamo quando ci sarebbero stati i raid aerei, quindi organizzavo gli allenamenti in base a quello». Il campo, in una Belgrado devastata, era una piscina riempita di terra. Lei era solo una ragazzina, eppure la determinazione non le mancava: si chiama Ana Ivanovic la nuova, bellissima stella del tennis. Un metro e 85, 19 anni, la tennista serba (oggi residente in Svizzera) all ultimo torneo di Wimbledon ha ceduto solo in semifinale, contro un mostro sacro come Venus Williams. E al Roland Garros di Parigi solo la numero 1 al mondo, Justine Henin, è riuscita a sconfiggerla in finale aggiudicandosi il torneo. Famosa per un servizio potentissimo, la giovane campionessa è così passata dall oltre settecentesimo posto nel ranking mondiale Wta del 2003 al sesto posto guadagnato quest estate. E di pari passo al successo sul campo avanza quello nel cuore dei fan: perché è bella, entusiasta e, garantiscono gli appassionati, capace di perdere senza abbandonare il sorriso. da L espresso Temi del Nella foto, tratta dal film A.I. (2001) di Steven Spielberg, vediamo il giovanissimo attore Haley Joel Osment (David) e Jude Law (Gigolo Joe), riconoscibile di profilo alla sua destra, nella Flesh Fair.

3 3 presente on line Ulteriori testi sui temi: La comunicazione Il futuro dell uomo Identità e differenza bioetica ambiente economia convivenza tra popoli responsabilità civile adolescenza In un futuro imprecisato, la scienza e la tecnologia sono talmente sviluppate da poter produrre dei robot assolutamente simili agli esseri umani, opportunamente programmati per assolvere determinate funzioni. David, un bambino artificiale progettato per amare senza condizioni, è affidato ai coniugi Swinton, il cui figlio, in coma, è mantenuto artificialmente in vita in attesa di opportune terapie. Quando il figlio guarisce i genitori abbandonano David e Teddy, il suo orsacchiotto meccanico e parlante, in un bosco vicino a Flesh Fair, dove i robot in rottamazione vengono distrutti in spettacoli simili alle lotte degli antichi gladiatori. Con Teddy e l amico automa Gigolo Joe, David fugge e s immerge nell oceano di New York, sommersa da secoli come tutte le città costiere del mondo, dove rimarrà per sempre.

4 4 TESTI E SCRITTURE temi del presente bioetica Il progresso vertiginoso della medicina e lo sviluppo delle biotecnologie che hanno segnato il nostro passato più recente hanno sollevato problemi nuovi: l uomo rischia di trasformarsi da soggetto protagonista del progresso scientifico in oggetto di una manipolazione e di una sperimentazione incontrollata in cui vede trasformata la sua più intima natura. In tale contesto sono emersi interrogativi di carattere morale e giuridico, su che cosa sia lecito e giusto fare, che attendono urgentemente una risposta. L ORIGINE DELLA Medici, scienziati, filosofi, ma anche giuristi e sociologi, consapevoli della pericolosità del potere di cui la scienza dispone, ma anche del limite che l uomo può o deve imporsi nella ricerca del progresso, hanno cominciato a lavorare insieme per trovare una risposta al problema fondamentale: che cosa sia giusto fare e in che modo sia lecito agire nell esercizio della medicina e della biologia. Da questo sforzo congiunto è nata la bioetica, una specializzazione dell etica (cioè della dottrina che centra la sua riflessione sui concetti di bene e male e sui comportamenti pratici dell uomo) che si propone di gettare un ponte tra il sapere scientifico e l ambito dei valori umani per tutelare la vita; nel fare ciò si basa su un principio fondamentale: non tutto ciò che è tecnicamente realizzabile è per ciò stesso moralmente accettabile e lecito. Già il giuramento di Ippocrate, elaborato nella Grecia del V secolo a.c., conteneva l indicazione dei principali doveri di un buon medico. Questo documento è rimasto per secoli il codice di deontologia (l insieme delle regole che disciplinano la professione) per i medici di tutto il mondo, ma oggi la bioetica rappresenta un passo ulteriore, il raccordo tra il passato e il futuro: deve, infatti, fare suoi quei principi antichi, ma anche elaborare gli strumenti adeguati ad affrontare le nuove problematiche che l evoluzione scientifica ha posto e applicarli alla pratica clinica di ogni giorno. Ne deriva che la bioetica come ogni ambito del sapere umano ha i propri esperti e i propri luoghi di approfondimento specialistico; tuttavia, proprio perché si propone di orientare il nostro agire, influendo sul futuro della nostra civiltà, la bioetica è tema su cui tutti sono coinvolti, chiamati da un diritto-dovere a riflettere su un etica della responsabilità. IL CONFRONTO TRA LE ETICHE Se è vero, dunque, che compito e responsabilità della bioetica è orientare le scelte delle persone, è altrettanto vero che l agire dell uomo fa comunque e sempre riferimento a modelli etici e di vita che possono essere tra loro diversi e riflettersi in posizioni anche fortemente contrapposte. Essi si confrontano soprattutto su temi cruciali per l individuo: la sua identità in relazione a Dio e al mondo, la visione che egli ha della vita e della morte, la disponibilità o meno della propria persona. La maggior parte degli orientamenti, tuttavia, si raccoglie in particolare intorno a due modelli etici che riflettono due diverse concezioni del mondo e dell uomo: una ispirata ai valori religiosi della sacralità della vita e l altra, laica, incentrata sul tema della qualità della vita.

5 bioetica 5 Secondo l etica religiosa l uomo non può disporre della propria vita, che è sacra e inviolabile in quanto dono di Dio. Secondo questa visione la dignità e il valore dell uomo si pongono oltre la pura dimensione biologica: egli, essendo stato creato per la realizzazione di un fine ultraterreno, è persona nella sua interezza corpo, anima e spirito cosicché la sua vita, così come il suo corpo, non può essere manipolata e rifiutata. Ne deriva il divieto dell aborto, della fecondazione artificiale, dell impiego di cellule staminali ricavate da embrioni, dell eutanasia e del suicidio assistito. L etica laica ritiene che la dimensione terrena sia l unica certezza dell uomo e che la credenza in una dimensione ultraterrena rientri nella dimensione personale della fede, ma non possa essere imposta come valore assoluto anche ai non credenti. L etica laica esprime la ferma convinzione, pur secondo molte sfumature, che l uomo possa disporre autonomamente del proprio corpo e della propria vita e abbia la facoltà, in situazioni particolarmente difficili, di scegliere secondo le sue considerazioni e credenze personali o secondo quanto egli ritenga importante. È dunque evidente che sulle questioni cruciali di tipo etico riconosce all individuo un estrema libertà di scelta. IL RUOLO DELLA Difficile comporre la contrapposizione; ma la bioetica non entra soltanto nel merito di questioni di morale o di scienza, dove lo scontro sembra insanabile, bensì affronta anche aspetti normativi attraverso leggi che regolamentano i comportamenti dell individuo nella sua comunità, nazionale o internazionale che sia. Questioni come fecondazione artificiale, aborto, eutanasia, ingegneria genetica raramente restano confinate entro l ambito della scienza o dell etica: per il fatto stesso che esse toccano direttamente il patrimonio dei diritti umani e il senso della legalità, acquistano sempre una dimensione giuridica e immediatamente anche politica. Proprio perché incidono sulla vita pubblica, costringono a riflettere sulle regole che una civiltà si dà, sul modo con cui vuole delimitare la libertà individuale, tutelare le persone (tutte, ma soprattutto le più deboli), imporre doveri e obblighi, garantire giustizia, equità e uguaglianza. Diventano terreno su cui ridisegnare le regole del vivere civile e responsabile, ma anche tollerante e capace di colloquio e confronto. Non è un caso che a livello sia nazionale sia internazionale la cultura occidentale senta la necessità di porre regole anche in questo campo, tanto più necessarie in quanto il rischio che l umanità corre è una vera e propria mercificazione della vita e dell uomo. Innovazione tecnologica, ricerca scientifica e interessi di mercato sovente convergono: basti pensare ai costi della ricerca orientata dai grandi investitori; a brevetti che condizionano la ricerca farmaceutica e quella genetica, più attente agli interessi commerciali che a quelli degli ammalati (soprattutto di malattie rare); a sperimentazioni a rischio condotte in paesi poveri; al commercio di organi, a manipolazioni genetiche, alla tendenza sempre più diffusa a considerare la vita e il corpo umano come beni disponibili e mercificabili. Il rischio è quello di perdere il senso della centralità dell uomo, valore condiviso sia dall etica laica sia da quella religiosa. L insieme dei testi proposti, diversi per tipologia e tematiche, vuole porre delle domande, sollecitare una riflessione su questi temi, proporre spunti di approfondimento e ricerca, presentare, pur se in modo non sistematico, alcune prospettive che rendono conto di come si tratti di temi essenziali per il nostro vivere e ineludibili.

6 6 temi del presente TESTI E SCRITTURE Consiglio d Europa Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e della dignità dell essere umano riguardo all applicazione della biologia e della medicina Convenzione sui diritti dell uomo e sulla biomedicina (Oviedo, 4 aprile 1997) da testo regolativo L ARGOMENTO I progressi scientifici registrati nell ultimo ventennio nel campo dell applicazione della biologia alla scienza medica hanno portato a tecniche molto sviluppate di manipolazione di embrioni e di cellule che si sono anche tradotti in clonazione (vedi a p. 14) di mammiferi. Se da un certo punto di vista questi eventi possono portare contributi importanti alla conoscenza scientifica e al suo utilizzo in medicina si parla infatti di biomedicina occorre però riflettere sulle conseguenze possibili nel caso in cui tali tecniche si applichino all uomo. In natura si può verificare la scissione dell embrione e, in tal caso, essa porta alla nascita di due gemelli geneticamente identici. Il problema della clonazione si pone, invece, quando è l intervento dell uomo a determinare tale evento, in base alla pratica di tecniche di manipolazione genetica. Ma è corretto, da un punto di vista etico, strumentalizzare e usare l uomo per creare volutamente degli esseri umani geneticamente identici? La questione ha suscitato un acceso dibattito sia nel mondo della scienza, in ordine al fatto che la riproduzione di un essere umano sia un fine proprio e corretto della biologia e della medicina, sia nella società civile, con riflessioni di carattere psicologico, morale, religioso, sociale. Anche il mondo della giurisprudenza, che detta le norme del vivere civile, è entrato nella discussione, che ha avuto un ampiezza internazionale. Per questo motivo la Comunità europea, attraverso il Consiglio d Europa e gli Stati membri che la compongono, ha sentito la necessità di tutelare e proteggere con una serie di norme i diritti dell uomo e della dignità dell essere umano in relazione alle applicazioni della biologia e della medicina. L Italia, così come tutti gli Stati firmatari del documento, si è impegnata a renderlo esecutivo, adeguando con leggi nazionali opportune l ordinamento giuridico italiano alle norme dettate dalla Convenzione sui diritti dell uomo e sulla biomedicina e dal Protocollo addizionale alla Convenzione. LE CARATTERISTICHE DEL TESTO Il testo che segue, tratto dai documenti citati, ha lo scopo di dettare delle norme: è un testo regolativo, infatti se ne riconoscono alcune caratteristiche tipiche, come l ordine logico-gerarchico delle affermazioni, la presenza di informazioni essenziali ma mai sottintese, un organizzazione schematica del testo. Dal punto di vista della lingua, ricorre un lessico denotativo, chiaro, senza sfumature e non ambiguo, un periodare paratattico e l uso del tempo presente. Negli articoli riportati, oltre a una notevole presenza di termini medici e scientifici, dovuti all argomento, si ritrovano anche espressioni ricorrenti nel linguaggio giuridico, richieste dalla tipologia testuale.

7 bioetica 7 Articolo 1 (Oggetto e finalità) Le parti firmatarie 1 della presente Convenzione 2 proteggono la dignità e l identità di tutti gli esseri umani e garantiscono a ciascun individuo, senza discriminazione, il rispetto della sua integrità e dei suoi diritti e libertà fondamentali nei confronti delle applicazioni della biologia e della medicina. Ciascuna parte firmataria adotta nella sua legislazione le misure necessarie a dare effetto alle 3 disposizioni della presente Convenzione. Articolo 2 (Priorità dell essere umano) L interesse e il bene dell essere umano devono prevalere sull esclusivo interesse della società o della scienza. [ ] Articolo 5 (Consenso - Regola generale) Qualsiasi intervento in campo sanitario non può essere effettuato se non dopo che la persona interessata abbia dato il proprio consenso libero e informato. 4 Questa persona riceve preventivamente un informazione adeguata in merito allo scopo e alla natura dell intervento nonché alle sue conseguenze ed ai suoi rischi. La persona interessata può liberamente ritirare il proprio consenso in qualsiasi momento. Articolo 6 (Tutela delle persone che non hanno la capacità di dare il consenso) 1. [ ] l intervento non può essere effettuato su una persona che non abbia la capacità di dare il consenso a meno che ciò non sia fatto per suo diretto beneficio. 2. Quando secondo la legge un minore non ha la capacità di dare il consenso ad un intervento, questo non può essere effettuato senza l autorizzazione del suo rappresentante, dell autorità o di una persona o un tutore 5 designato dalla legge. 3. Quando, secondo la legge, un maggiorenne non ha, a causa di un handicap mentale, di una malattia o per un motivo similare, la capacità di dare il consenso ad un intervento, questo non può essere effettuato senza l autorizzazione del suo rappresentante, dell autorità o di una persona o tutore designato dalla legge. La persona interessata, nella misura possibile, deve essere coinvolta nella procedura di autorizzazione. 4. Il rappresentante, l autorità, la persona o il tutore nominati ai paragrafi 2 e 3 devono, con le stesse modalità, avere informazione prevista dall articolo L autorizzazione prevista ai paragrafi 2 e 3 può, in qualsiasi momento, essere ritirata nell interesse della persona interessata. [ ] 1. parti firmatarie: gli Stati europei che aderiscono alla Convenzione e quindi la sottoscrivono (firmano). 2. Convenzione: trattato, accordo tra Stati. 3. dare effetto alle: rendere applicabili le. 4. consenso libero e informato: con questa espressione si intende che il paziente accetta un trattamento sanitario liberamente, senza condizionamenti, e dopo avere ricevuto le informazioni necessarie per compiere la sua scelta. 5. tutore: chi rappresenta legalmente e ha il compito di curare gli interessi di una persona non autonoma dal punto di vista giuridico (ad esempio un minorenne che non ha più i genitori oppure una persona con un handicap mentale).

8 8 TESTI E SCRITTURE temi del presente 6. genoma: il patrimonio ereditario o genetico proprio di ogni individuo (vedi anche il glossario a p. 495). 7. pertinenza scientifica: adeguatezza, coerenza scientifica. 8. esame pluridisciplinare: basato su diversi tipi di discipline (scientifiche, giuridiche ecc.). 9. ricerca su embrioni in vitro: ricerca compiuta in laboratorio, su embrioni che si sviluppano in provetta (l espressione latina in vitro letteralmente significa sotto vetro ). 10. organo ufficiale: ente ufficialmente riconosciuto. Articolo 13 (Interventi sul genoma umano) Un intervento teso a modificare il genoma 6 umano può essere attuato solo a scopi di prevenzione, diagnosi o terapia e soltanto se il suo obiettivo non è quello di introdurre una qualche modifica nel genoma dei discendenti. Articolo 14 (Non selezione di sesso) L utilizzazione di tecniche di assistenza medica alla procreazione non è ammessa per scegliere il sesso del nascituro tranne che allo scopo di evitare una malattia ereditaria grave legata al sesso. [ ] Articolo 16 (Tutela delle persone che si prestano alla ricerca) Nessuna ricerca può essere intrapresa su un soggetto se non sono rispettate tutte le seguenti condizioni: III) non esiste alcun metodo alternativo alla ricerca su esseri umani di efficacia paragonabile; III) i rischi che possono essere previsti per la persona non sono sproporzionati nei confronti dei benefici potenziali per la ricerca; III) il progetto di ricerca è stato approvato dall organismo competente a seguito di un esame che sia indipendente sul piano della sua pertinenza scientifica, 7 compresa una stima dell importanza dello scopo della ricerca, nonché di un esame pluridisciplinare 8 della sua accettabilità sul piano etico; IV) la persona che si presta ad una ricerca è informata dei propri diritti e delle garanzie previste dalla legge per la propria tutela; IV) il consenso previsto dall articolo 5 è stato dato espressamente, specificamente e consegnato per iscritto. Questo consenso può in qualsiasi momento essere ritirato. [ ] Articolo 18 (Ricerca sugli embrioni in vitro) 1. Laddove la legge consente la ricerca su embrioni in vitro, 9 questa assicura un adeguata protezione dell embrione. 2. La creazione di embrioni umani a fini di ricerca è vietata. Articolo 19 (Prelievo di organi e tessuti da donatori viventi a scopo di trapianto Regola generale) 1. Il prelievo di organi o tessuti a fini di trapianto non può essere fatto su un donatore vivente se non nell interesse terapeutico del ricevente e qualora non si disponga di organo o di tessuto adatto proveniente da persona deceduta né esistano metodi terapeutici alternativi di efficacia paragonabile; 2. il consenso previsto dall articolo 5 deve essere dato espressamente e specificamente o per iscritto o davanti a organo ufficiale. 10 [ ]

9 bioetica 9 Consiglio d Europa Protocollo addizionale alla Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e della dignità dell essere umano rispetto all utilizzazione della biologia e della medicina Divieto di clonazione di esseri umani (12 gennaio 1998) Articolo 1 1. È vietato ogni trattamento finalizzato a creare un essere umano geneticamente identico ad un altro essere umano vivente o morto. 2. Nel presente articolo, 11 l espressione essere umano geneticamente identico ad un altro essere umano individua 12 un essere umano che ha in comune con un altro l insieme dei geni nucleari. 13 da 11. Nel presente articolo: In questo articolo individua: indica. 13. nucleari: contenuti nel nucleo delle cellule; l insieme dei geni nucleari di una persona corrisponde al suo genoma. GLOSSARIO Andy Warhol ( ), Twenty-five Colored Marilyns, Cellule staminali: cellule indifferenziate, ossia non specializzate in una determinata funzione; sono numerose, ad esempio, nel cordone ombelicale, nel midollo osseo e nel sangue. Possono essere isolate, coltivate in laboratorio e indotte a costituire un determinato tessuto per curare alcune malattie; ad esempio, cellule pancreatiche per curare il diabete e cellule nervose per curare il morbo di Parkinson e quello di Alzheimer. Embrione: nell essere umano è il primo stadio dello sviluppo all interno dell utero, fino all ottava settimana di gravidanza, oltre la quale si parla di feto. Gene: il singolo elemento del patrimonio genetico (genoma) di un individuo, che contiene l informazione ereditaria per una specifica funzione o caratteristica (ad esempio, nell essere umano, il colore degli occhi o dei capelli). Genoma: l insieme dei geni che costituiscono il patrimonio ereditario (o genetico) di un individuo; ogni essere umano possiede un proprio genoma e lo trasmette ai suoi discendenti.

10 10 TESTI E SCRITTURE temi del presente Laboratorio LABORATORIO Comprensione 1 Spiega con parole tue il senso dell inciso «senza discriminazione» nell articolo 1. 2 Quali sono le condizioni poste dalla Convenzione perché un intervento sanitario possa essere effettuato? 3 Quando e perché si rende necessario un «rappresentante» o un «tutore»? 4 È possibile intervenire sul genoma umano? 5 Come spieghi il fatto che l articolo 19 limiti il prelievo ai fini di trapianto da «donatore vivente» a un ristretto numero di casi? 6 Quali argomenti vengono addotti dal Protocollo per vietare «ogni trattamento finalizzato a creare un essere umano geneticamente identico»? Elencali per iscritto. Analisi Riduci a schema il testo, sintetizzando ogni articolo con un espressione che ne riporti l idea di fondo. Ti pare che la sequenza degli articoli, così evidenziata, rispetti la caratteristica del testo regolativo di gerarchizzare per importanza e per coerenza logica l ordine delle informazioni/prescrizioni? Motiva la tua risposta. Conduci una ricerca lessicale sul testo. Evidenzia in modo diverso i termini di ambito medico rispetto a quelli di carattere giuridico. Poni poi attenzione al fatto che alcuni termini possono essere anche di uso comune, ma nel contesto di registri particolari, come questo, assumono significati specifici. Ricorri all uso del dizionario e trascrivi le definizioni di uso particolare che trovi. Sottolinea sul testo gli elementi di stile che ritieni tipici del testo regolativo. Produzione 10 A partire dagli spunti proposti dalla Convenzione e cercando anche motivazioni ulteriori, magari sottintese o tue personali, scrivi un testo argomentativo in cui sostieni la necessità di promulgare la Convenzione. Segui la scaletta che ti proponiamo: esposizione del problema; formulazione della tesi; argomentazioni a sostegno della tesi; eventuali esempi da portare a sostegno delle argomentazioni; conclusione. 11 Poni attenzione alla scrittura, che deve essere connotativa (aggettivazione ricca, ricorso a esemplificazioni, stile orientato, cioè volto a convincere), e alla struttura sintattica, che deve riproporre attraverso l ipotassi (nessi temporali, causali, finali ecc.) l organizzazione del tuo ragionamento.

11 bioetica Piero Bianucci I rischi e le promesse della sperimentazione «Fotocopie» folli e altre buone, con l ombra dell imbroglio. Per Dolly ci vollero 276 tentativi, per l essere umano è ancora più difficile 11 da testo espositivoargomentativo genere articolo di cronaca L ARGOMENTO Da decenni ormai, ma con un intensificazione negli ultimi anni, il termine clonazione (vedi a p. 9 e a p. 14) ritorna sistematicamente sulle pagine dei giornali. Allo scetticismo dei molti fa da riscontro il rigore di ricerche scientifiche serie ma anche la follia di chi pensa di poter giocare con la persona umana. Se, infatti, l impegno riservato e incessante di medici e biologi lascia intravedere possibilità di cura per malattie che sono ancora poco conosciute e mortali e, talora, i riscontri concreti e le corrette sperimentazioni già avviate testimoniano efficacia e buoni esiti, gli sviluppi della genetica rendono verosimile che si arrivi a poter clonare l essere umano. La questione risiede su che cosa sia lecito fare; su quale sia il limite morale dinanzi al quale anche la scienza si debba fermare; su quali strumenti la comunità civile si sia data per regolamentare la materia; da quali leggi l individuo sia tutelato e garantito nei suoi diritti contro la spregiudicatezza di chi può pensare secondo logiche di potere e di onnipotenza. Riguardo poi al ruolo dell informazione si può dire che se il giornalismo ha una funzione fondamentale nei confronti del lettore comune poiché lo avvicina, pur se in modo occasionale, a questioni che difficilmente egli di sua iniziativa approfondirebbe, d altra parte una certa stampa che enfatizza le notizie caricandole di un carattere sensazionale può creare un certo disorientamento e quasi sopraffare il lettore. LE CARATTERISTICHE DEL TESTO Il compito che si pone l autore dell articolo, Piero Bianucci editorialista del quotidiano La Stampa e responsabile per il giornale dell inserto di approfondimento e di divulgazione scientifica TuttoScienze è proprio cercare di fare chiarezza. Ne risulta un testo espositivo che non rinuncia, talvolta, a delle note polemiche e d opinione, quasi provocatorie, soprattutto in chiusura. Lo stile dell articolo riflette l intento dell autore. Infatti a più riprese propone una struttura abbastanza ricorrente: affida a una sintassi essenziale, che procede per frasi brevi e concise e ricorre qualche volta anche a espressioni nominali, l enunciazione della questione, salvo poi procedere con un discorso più complesso e articolato in strutture ipotattiche, quando dall esposizione del tema passa all aspetto più argomentativo. Tale soluzione conferisce chiarezza alla logica del discorso e risponde bene, dunque, allo scopo dell articolo. La volontà di chiarezza si traduce anche nella scelta di un lessico che, nonostante i termini scientifici, resi necessari dal contenuto del messaggio, risulta di ampia comprensione.

12 12 TESTI E SCRITTURE temi del presente lonare significa produrre una copia identica di un dato materiale biologico: può essere la copia di una cellula o di un suo gene, 1 ma anche la copia di un C individuo completo, come nel caso della pecora Dolly. 2 La clonazione è un processo normale in natura: i gemelli omozigoti 3 ne sono un esempio, e 5 ogni volta che trapiantiamo il rametto di un albero facciamo un clone. Clonazione di individui completi. I primi esperimenti furono fatti su rane cinquant anni fa. Nel 1997 Ian Wilmut per la prima volta, con la pecora Dolly, clonò un mammifero. L obiettivo era creare una linea riproduttiva 4 perfettamente controllata. L esito è controverso. 5 Dolly ha mostrato segni di invecchiamento precoce e il metodo registra ancora una enorme quantità di insuccessi. Quanto alla clonazione umana, al di là della sua mostruosità, va detto che, se anche per assurdo qualcuno la realizzasse, non porterebbe a una copia perfetta dell individuo da cui è stato estratto il patrimonio genetico: la nostra personalità dipende dai geni solo in parte, l ambiente e le esperienze sono ancora più determinanti nel formare il carattere e il comportamento. Clonazione di cellule. Questa strada potrebbe portare a straordinari traguardi terapeutici. Anche qui però esistono aspetti controversi. Le cellule utili sono quelle totipotenti, cioè le cellule indifferenziate, 6 che sono in grado di evolversi in ogni tipo di tessuto di qualsiasi organo e quindi di procurare «pezzi di ricambio» per il cuore, il pancreas, il fegato, il sistema nervoso. Le cellule totipotenti per eccellenza sono quelle degli embrioni. Ma l uso di embrioni umani, anche se prodotti in eccesso per la fecondazione assistita, è fortemente avversato, soprattutto in campo cattolico. Diventano allora molto interessanti altre possibilità. È abbastanza recente la scoperta che anche nelle persone adulte rimangono alcune cellule staminali 7 dei vari tessuti. Non sono totipotenti come le cellule embrionali, ma possono essere allevate in laboratorio per formare tessuti specifici. E le cellule sanguigne del cordone ombelicale, se non totipotenti, sono quantomeno pluripotenti 8 e si sono già dimostrate utili per produrre globuli rossi e bianchi. Tessuto cardiaco ottenuto da cellule staminali è già stato trapiantato per rimediare ai danni dell infarto. Questo tipo di clonazione, oltre a non porre questioni etiche, supera anche il problema del rigetto, 9 in quanto le cellule staminali vengono estratte dallo stesso paziente che riceverà poi il trapianto, e quindi non suscitano reazioni immunitarie. 10 Ma ora che la parola clonazione è stata usata in modo così scandaloso, quanti sapranno ancora distinguere tra clonazione buona e clonazione folle? da gene: il singolo elemento del patrimonio genetico di un individuo (vedi anche il glossario a p. 495). 2. pecora Dolly: il primo mammifero clonato con successo da una cellula adulta; creata in un laboratorio scozzese nel 1997, morì sette anni dopo. 3. gemelli omozigoti: gemelli che derivano da un unica cellula uovo fecondata da un unico spermatozoo. Avendo lo stesso corredo genetico, sono identici: sono dello stesso sesso, hanno il medesimo gruppo sanguigno e presentano notevoli somiglianze fisiche e psicologiche. 4. linea riproduttiva: discendenza. 5. controverso: discusso, dibattuto. 6. totipotenti indifferenziate: le cellule indifferenziate sono quelle che non sono specializzate per costituire un particolare tipo di tessuto, ad esempio del cuore, del fegato ecc.; vengono dette totipotenti perché hanno la possibilità di assumere qualsiasi tipo di specializzazione e quindi di adattarsi a ogni genere di tessuto. 7. cellule staminali: cellule indifferenziate, non specializzate in una determinata funzione (vedi anche il glossario a p. 495). 8. pluripotenti: a differenza delle cellule totipotenti, quelle pluripotenti possono adattarsi a diversi tipi di tessuto, ma non a tutti. 9. rigetto: il mancato riconoscimento di un organo trapiantato da parte del sistema immunitario del paziente, che lo attacca considerandolo come infettivo. 10. non suscitano reazioni immunitarie: non provocano reazioni da parte del sistema immunitario del paziente.

13 Laboratorio LABORATORIO Comprensione bioetica 13 1 Che cosa impedisce al clone di essere una «copia perfetta» dell originale? Quale differenza si può riscontrare tra cellule «totipotenti» e cellule «pluripotenti» e in quali tessuti si trovano rispettivamente? Quali sono le alternative all uso di embrioni umani? Quali vantaggi comportano? Si può, secondo l autore, distinguere tra clonazione «buona» e clonazione «folle»? In che cosa consiste la differenza? Analisi Nell articolo compaiono espressioni figurate: individuale, sottolineale e chiarisci il significato di ognuna. Perché, secondo te, l autore ricorre a queste strategie espressive? Poni attenzione al lessico del testo. Quali termini scientifici non riesci a comprendere aiutandoti con il contesto? Trascrivili e cercane il significato sul dizionario. Se hai letto il brano a p. 6, puoi fare un confronto: in quale percentuale ti pare ricorrano i termini medici specifici nei due brani: alta, bassa o media? puoi spiegare il fatto collegandolo ai generi testuali dei due brani? Perché? Analizza ora l articolo dal punto di vista della sintassi. Ricorrono nel testo espressioni nominali, cioè prive del predicato verbale: individuale e spiega quale significato e funzione abbiano rispetto all articolo nel suo complesso. Nell articolo compare con una certa ricorrenza la parola che. Dopo averne ripassato sulla grammatica le funzioni, sottolinea sul testo con due colori diversi il che congiunzione e il che pronome relativo. L articolo affronta un tema generale, individuando dei sottoargomenti: elencali.

14 14 TESTI E SCRITTURE temi del presente Laboratorio Produzione 10 Riassumi l articolo riducendolo della metà circa (200 parole). Segui le istruzioni seguenti: dividi il testo in blocchi logici di senso; evidenzia con colori diversi informazioni principali e informazioni di secondo livello di importanza; a margine sintetizza con un espressione o una frase le informazioni che hai evidenziato; rielabora un blocco per volta: ignora le parti non evidenziate e riscrivi il testo utilizzando le frasi di sintesi a margine; a seconda della lunghezza che devi ottenere farai ricorso alle informazioni principali e/o a quelle di secondo livello (attenzione a mantenere il lessico specifico se necessario alla comprensione); cuci linguisticamente i blocchi che hai scritto, facendo attenzione ai connettivi e alla coesione testuale. 11 Ora riduci ulteriormente il testo che hai scritto a quattro frasi (circa 30 parole complessive). GLOSSARIO Clonazione È la riproduzione di un organismo geneticamente identico all organismo donatore della cellula impiegata, cioè la creazione di un organismo senza che vi sia una riproduzione sessuata (che quindi prevede la creazione di un nuovo codice genetico). Nel processo di clonazione viene presa una cellula qualunque somatica («del corpo», non una cellula germinale). Se ne estrae il nucleo, e questo viene impiantato in un ovocita precedentemente privato del nucleo. L ovocita con il nucleo della cellula somatica può essere impiantato in un utero, svilupparsi, crescere e dare vita a un clone, e in questo caso si parla di «clonazione riproduttiva». Sperimentata sugli animali, è ovunque vietata con cellule umane. Diverso è il caso della «clonazione terapeutica», che ha un obiettivo soltanto di ricerca, in cui con lo stesso procedimento vengono create cellule staminali embrionali (senza procedere allo sviluppo di un embrione e tantomeno all impianto in utero), che si pensa possano essere usate a fini terapeutici, in quanto perfettamente compatibili con il donatore della cellula. Le sperimentazioni di clonazione terapeutica sono ammesse, sotto rigido controllo, in Gran Bretagna. da Riccardo Renzi,

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Che cos è un focus-group?

Che cos è un focus-group? Che cos è un focus-group? Si tratta di interviste di tipo qualitativo condotte su un ristretto numero di persone, accuratamente selezionate, che vengono riunite per discutere degli argomenti più svariati,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri.

[moduli operativi di formazione] Ascolto attivo. Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. [moduli operativi di formazione] Ascolto attivo Tecniche e suggerimenti per migliorare la propria comunicazione con gli altri. ASCOLTO ATTIVO Ogni giorno, passiamo il 49% del nostro tempo ascoltando. Ascoltiamo

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Come è fatto un giornale?

Come è fatto un giornale? Come è fatto un giornale? 1. Com'è fatto un giornale? 2. Per iniziare o la testata è il titolo del giornale. o le manchette (manichette) sono dei box pubblicitari che le stanno al lato 3. La prima pagina

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI

Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI Ramón Lucas Lucas BIOETICA PER TUTTI INTRODUZIONE Referenze iconografiche: Archivio San Paolo: Carmine 163; Giovannini 124c; Rolandi Fassio 130 Emilio Giannelli: copertina, 3, 9, 31, 32, 79, 113, 159 Alessandro

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli