NEV - NOTIZIE EVANGELICHE protestantesimo - ecumenismo - religioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NEV - NOTIZIE EVANGELICHE protestantesimo - ecumenismo - religioni"

Transcript

1 NEV - NOTIZIE EVANGELICHE protestantesimo - ecumenismo - religioni 27 ottobre 2010 settimanale - anno XXXI - numero 43 * INTERVISTA: Luca Maria Negro, direttore del settimanale Riforma * Battisti. Fatevi coraggio, io ho vinto il mondo : a Chianciano la 41 a Assemblea dell UCEBI * Protestanti. La Festa della Riforma 2010 guarda ai 150 anni dell'unità d'italia * Luterani. Il presidente della Federazione luterana mondiale a Roma visita la CELI * Dialogo. Presentata oggi in Conferenza stampa la IX Giornata del dialogo cristiano-islamico * Africa. Kobia alla comunità internazionale: Il Sudan può diventare un nuovo Ruanda * Convegno. Gli evangelici italiani nel Mezzogiorno tra Ottocento e Novecento * TELEGRAFO: Notizie in breve * APPUNTAMENTI * ANTEPRIMA: La legge 40 va contro la scienza e la salute, di Ignazio Marino INTERVISTA Luca M. Negro: Riforma, specchio di un cristianesimo globale, articolato e multicolore a cura di Gian Mario Gillio Roma (NEV), 27 ottobre 2010 Da questo numero Riforma, il settimanale delle chiese battiste, metodiste e valdesi, esce con una nuova vesta grafica. Abbiamo intervistato Luca Maria Negro, direttore del giornale dal febbraio del Nel 1990 le chiese battiste, metodiste e valdesi hanno sottoscritto un patto di reciproco riconoscimento. Tra i frutti di questa stretta collaborazione è sicuramente da annoverare la nascita del settimanale Riforma. Sì, dal 1993 Riforma è l'organo ufficiale delle chiese battiste, metodiste e valdesi, e raccoglie l'eredità di testate storiche del protestantesimo italiano: il battista "Il Testimonio", la "Voce Metodista", il settimanale valdese "La Luce" e "L'Eco delle Valli Valdesi", la testata più antica, fondata nel Quest'ultima continua ad avere una sua visibilità all'interno del giornale, con quattro pagine interamente dedicate alle Valli valdesi del Piemonte, l'unica area geografica del nostro paese in cui il protestantesimo ha un radicamento plurisecolare e una presenza significativa nella vita sociale. A vent'anni da questa ricorrenza "Riforma" si riforma, come ha ricordato nel titolo del suo ultimo editoriale. Una nuova veste grafica ma non solo. La nuova veste si caratterizza per una impaginazione più ariosa, ampio uso di disegni al tratto, articoli più brevi, una maggiore riconoscibilità e una suddivisione più razionale delle sette sezioni del giornale: attualità, Bibbia e spiritualità, notizie internazionali, cultura, vita delle chiese, lettere/commenti e L'Eco delle Valli, che torna ad essere il "quartino" centrale. Un altro elemento caratteristico del nuovo settimanale è la presenza di una serie di rubriche (segnalazioni librarie, cinema, televisione, internet e altre ancora). Dal punto di vista della linea editoriale, vorremmo sempre di più fare di Riforma uno spazio aperto di confronto tra le diverse "anime" del protestantesimo italiano e di dialogo con le altre

2 chiese, con le fedi viventi e con la cultura laica. Uno strumento di formazione e in-formazione, alla portata di tutti ma non superficiale, con un grande respiro internazionale. Un bel segnale di rinnovamento malgrado le gravi difficoltà che l'editoria, in particolare quella no profit, sociale e culturale, sta attraversando. Per questo ci proponiamo di rafforzare le sinergie con gli altri mezzi di comunicazione del protestantesimo e dell'area ecumenica. Va poi ricordato che il restyling del settimanale cartaceo è stato preceduto, pochi mesi fa, dal lancio di una nuova versione on-line (www.riforma.it). Su questi due strumenti complementari puntiamo per rilanciare Riforma non solo come voce comune di battisti, metodisti e valdesi, ma anche come "terminale" italiano del protestantesimo e più in generale della "ecumene" internazionale. Non specchio narcisistico delle nostre piccole chiese, ma piuttosto uno "specchio magico" per immergerci nella realtà di un cristianesimo globale articolato, multicolore, ricco di stimoli per rinnovare la nostra testimonianza. Battisti. Fatevi coraggio, io ho vinto il mondo : a Chianciano la 41 a Assemblea dell UCEBI L'assemblea sarà preceduta da un Convegno su sostenibilità, missione e solidarietà Roma (NEV), 27 ottobre 2010 Si apre venerdì 29 ottobre a Chianciano, presso Siena, la 41 a Assemblea generale dell Unione cristiana evangelica battista d Italia (UCEBI). Fino al 1 novembre un centinaio tra delegati delle chiese e pastori, faranno il bilancio della situazione generale dell'unione, valuteranno l'operato del Comitato esecutivo (CE) e definiranno le priorità per il prossimo biennio. L Assemblea si aprirà con il culto inaugurale presieduto dalla pastora Anna Maffei, presidente uscente del CE dell'ucebi, che predicherà sulle parole di Gesù che fanno da motto all'intera Assemblea: Fatevi coraggio: io ho vinto il mondo (Giovanni 16.33). Queste parole, pronunciate da Gesù prima del suo arresto e della sua passione - ha spiegato Maffei -, ci invitano al coraggio della speranza. La sfida è quella di guardare al futuro della nostra testimonianza con il coraggio che viene dalla fede, senza farsi confondere o intimidire dalle idolatrie dominanti. Tra i temi che il CE pone all'attenzione dell'assemblea, particolare rilievo avranno la solidarietà con i migranti; l'ecumenismo nell'anno del Centenario della Conferenza missionaria di Edimburgo 1910; il progetto di cooperazione e diaconia con l'unione battista dello Zimbabwe; i 150 anni dell'unità d'italia; il ventesimo anniversario del patto di reciproco riconoscimento delle chiese battiste, metodiste e valdesi in Italia. Proprio per dare risalto a questa ricorrenza, la predicazione del culto che il 1 novembre concluderà l'assemblea, sarà affidata alla pastora Maria Bonafede, moderatora della Tavola valdese, mentre la Cena del Signore sarà presieduta da Alessandra Trotta, presidente dell'opera per le chiese evangeliche metodiste in Italia (OPCEMI). L'Assemblea sarà preceduta da un convegno - che si terrà il 28 ottobre a Chianciano - sul documento Obbiettivo SMS: per una Sostenibilità Missionaria e Solidale dell'ucebi. Il convegno prevede lavori in gruppi e in plenaria su temi quali la cooperazione tra le chiese, la testimonianza, la formazione dei ministeri, la riqualificazione degli stabili, l'azione della chiesa nell'ambito della diaconia internazionale. Dalla discussione dovrebbero risultare delle proposte operative da trasformare in mozioni da sottoporre all'assemblea. Tra gli adempimenti che i circa 80 membri pastori e delegati delle chiese locali - con voce deliberativa dovranno ottemperare nei quattro giorni di lavoro, figura l'elezione del nuovo presidente del Comitato esecutivo dell'ucebi. La pastora Anna Maffei ha infatti concluso il suo terzo mandato biennale, il massimo consentito dai regolamenti. Sono previsti numerosi ospiti in rappresentanza delle chiese evangeliche italiane tra questi, il pastore Massimo Aquilante, presidente della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (FCEI) e provenienti dall'estero, in particolare dagli Stati Uniti e dallo Zimbabwe. Le chiese battiste, nate nel 600 in Inghilterra, sono presenti in Italia dal L UCEBI conta attualmente 6mila membri, un centinaio di chiese sparse in tutta Italia, e 50 pastori e pastore.

3 Protestanti. La Festa della Riforma 2010 guarda ai 150 anni dell'unità d'italia Tra gli altri temi, Lutero a Roma, Calvino e lo sviluppo delle chiese riformate Roma (NEV), 27 ottobre 2010 Culti, concerti, conferenze, rappresentazioni teatrali, sono gli eventi (vedi appuntamenti) che le chiese evangeliche organizzano in tutta Italia per celebrare la Festa della Riforma che cade ogni anno il 31 ottobre. Fu infatti in quel giorno del 1517 che il monaco agostiniano Martin Lutero affisse le sue 95 tesi contro le indulgenze sul portone della chiesa del castello di Wittenberg, in Germania, atto che convenzionalmente viene considerato l'inizio della Riforma protestante. Per molte chiese evangeliche la Festa della Riforma di quest'anno è l'occasione per iniziare a riflettere sui 150 anni dell'unità d'italia e sul significato che questa ricorrenza riveste per i protestanti italiani. E' infatti con l'unità del nostro paese che la predicazione evangelica divenne libera e poté raggiungere tutte le regioni della Penisola. Di Bibbia e Italia unita si parlerà nelle chiese valdesi di Cerignola (Foggia) e San Giacomo degli Schiavoni (Campobasso), primi incontri di un programma che si prolungherà per tutto il prossimo anno. La Bibbia e il Tricolore è invece il titolo di un ciclo di incontri che il Centro culturale protestante di Bergamo propone per il mese di novembre; mentre il Centro culturale valdese di Torre Pellice sta allestendo una mostra a disposizione delle chiese su protestanti e Risorgimento. Primi assaggi di un 2011 che, per gli evangelici, si preannuncia ricco di iniziative legate all'unità d'italia. A Roma invece la Consulta delle chiese evangeliche della capitale organizza un culto solenne nel tempio valdese di piazza Cavour, evento conclusivo di un mese in cui i protestanti della capitale hanno ricordato i 500 anni del viaggio di Martin Lutero nella città eterna (vedi NEV 39,40, 41/10). Sempre in relazione alla venuta di Lutero a Roma, la Facoltà valdese di teologia e l'associazione protestante per l'interscambio culturale e religioso (API) propongono Una passeggiata con Lutero", percorso con Corinna Landi sulle orme del riformatore tedesco nella città del primo Cinquecento. In alcune chiese valdesi la Festa della Riforma sarà occasione per continuare a riflettere su Giovanni Calvino, di cui lo scorso anno è caduto il Cinquecentenario della nascita, e sulle chiese nate dalla predicazione del riformatore della città di Ginevra. E' la scelta, tra gli altri, del Centro culturale valdese a Torre Pellice che propone la conferenza del pastore Claudio Pasquet I calvinisti dal Cinquecento ad oggi. La diffusione dei riformati dalla Ginevra di Calvino alla periferia del mondo, con particolare attenzione alla nascita, avvenuta quest'anno, della Comunione mondiale delle chiese riformate (CMCR), (vedi NEV 24 e 25/2010). Luterani. Il presidente della Federazione luterana mondiale a Roma visita la CELI Younan, al Sinodo speciale dei vescovi: Il Medio Oriente è la culla del cristianesimo Roma (NEV), 27 ottobre 2010 Venerdì 22 il vescovo Munib A. Younan, presidente neoeletto della Federazione luterana mondiale (FLM), si è recato in visita presso la sede della Chiesa evangelica luterana in Italia (CELI) e alla comunità di Roma. La visita ai luterani italiani Younan è anche alla guida della Chiesa evangelica luterana di Giordania e in Terra Santa è avvenuta in occasione della sua partecipazione all'assemblea Speciale del Sinodo dei vescovi sul Medio Oriente, invitato dal Vaticano. Vorrei sottolineare il buon rapporto tra la Chiesa evangelica luterana in Giordania e Terra Santa (ELCJHL) e la Chiesa cattolica in Palestina, Israele e Giordania. Ho la fortuna ha rilevato Younan in occasione del Sinodo sul Medio Oriente di intrattenere rapporti collegiali e fraterni con tutti i vescovi e i prelati cattolici di Gerusalemme. Ciò deve continuare per il bene del nostro popolo e per la testimonianza comune". Younan ha quindi espresso gratitudine per il fatto che il Sinodo si occupi dei cristiani del Medio Oriente: "Il Medio Oriente - ha concluso - è la culla del cristianesimo, sarebbe una tragedia se dopo duemila anni questa testimonianza scomparisse. È stata Christiane Groeben, presidente del Sinodo della CELI, a dare il benvenuto a Younan giunto presso la sede luterana di via Aurelia Antica. Nell'occasione il Vescovo ha voluto incontrare gli studenti del Melantone, centro protestante di studi ecumenici, con i quali ha partecipato anche a un breve culto celebrato nella cappella di Casa Lutero, presso il decanato, da Jens-Martin Kruse, pastore della comunità romana.

4 Infine, ospite e padroni di casa si sono raccolti intorno all'albero di Lutero, piantato nel giardino della CELI alla fine dello scorso anno in occasione delle iniziative preparatorie per il Cinquecentenario della Riforma che si terrà nel Ringrazio la CELI per l'accoglienza ha rilevato il vescovo Younan e lo faccio ricordando che non ha importanza quanto la nostra Chiesa possa essere grande, maggioritaria o minoritaria. Gli Apostoli erano in pochi, anzi pochissimi, tuttavia hanno cambiato il mondo. Dialogo. Presentata oggi in Conferenza stampa la IX Giornata del dialogo cristiano-islamico Al via, da oggi, numerose iniziative interreligiose in tutta Italia Roma (NEV), 27 ottobre La Giornata del dialogo cristiano-islamico è giunta alla nona edizione. Oggi si è tenuta la conferenza stampa di presentazione presso la sala stampa della Camera dei Deputati, promossa dal mensile "Confronti" e dall'agenzia stampa NEV. Vi hanno preso parte Izzedin Elzir, presidente dell'unione delle comunità e delle organizzazioni islamiche in Italia (UCOII) e il membro del Consiglio d'amministrazione della Grande Moschea di Roma, l'ambasciatore Mario Scialoja che ha rilevato: "Il variegato mondo musulmano oggi si è incontrato per condividere un percorso comune, il dialogo con i fratelli cristiani". Alessandra Trotta, presidente dell'opera per le chiese metodiste in Italia (OPCEMI), ha sottolineato come "in una società caratterizzata da un certo deficit di pluralismo, è significativo che proprio le grandi religioni, che storicamente sono state tanto spesso causa o pretesto di conflitti e laceranti divisioni, oggi si assumano il compito fondamentale di palestre di dialogo, rifuggendo da ogni strumentalizzazione e mostrando come si possa stare, da singoli o come comunità, nello spazio pubblico". Gian Mario Gillio, direttore della rivista Confronti; Agenzia Nev ha ricordato quanto "l islamofobia e il razzismo in questi mesi risorgenti dimostrino ancora una volta che al dialogo non si può rinunciare". "Il dialogo - ha ricordato il presidente dell'ucoii, Izzedin Elzir - deve mettere al centro l'incontro con l'altro, un incontro sincero, schietto e onesto". Dello stesso avviso Tonio dell'olio di Pax Christi, in rappresentanza del mondo cattolico. Alla Conferenza stampa, che ha visto la partecipazione di numerosi e autorevoli esponenti del modo musulmano e cristiano, si sono aggiunti gli interventi del senatore Lucio Malan (PDL) e dell'onorevole Giuseppe Giulietti (Gruppo Misto), portavoce di Articolo 21. Africa. Kobia alla comunità internazionale: Il Sudan può diventare un nuovo Ruanda A meno di cento giorni dal referendum per la secessione del sud Sudan, il rischio è concreto Roma (NEV), 27 ottobre Il Sudan può diventare un nuovo Ruanda. E' l'allarme lanciato dal pastore Samuel Kobia durante una conferenza stampa tenuta a Nairobi (Kenya) lo scorso 23 ottobre. Si sta ormai avvicinando la data del 9 gennaio quando nel sud del paese, a maggioranza cristiana e animista, e nella ricca regione petrolifera dell'abyei si terrà un referendum per decidere la secessione dalla parte nord del paese, a maggioranza musulmana. Già oggi i diritti e la sicurezza dei 2,5 milioni di sudanesi del sud che vivono nel nord del paese sono a rischio, ha denunciato Kobia, già segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC), presente in Sudan come inviato ecumenico della Conferenza delle chiese di tutta l'africa (CETA). Se il risultato del referendum non dovesse piacere al governo di Khartoum ha rimarcato Kobia queste persone sarebbero gravemente esposte al rischio genocidio. E' bene che la comunità internazionale lo sappia già da ora, in modo che nessuno possa poi affermare di non aver previsto o immaginato questa eventualità. Le preoccupazioni di Kobia nascono anche dalle dichiarazioni del ministro delle comunicazioni del governo di Khartoum, il quale ha minacciato che, in caso di secessione del Sudan meridionale, i sudanesi del sud residenti al nord perderanno il loro diritto di cittadinanza. Non avranno cittadinanza né lavoro; non riceveranno nemmeno un cerotto in ospedale, ha testualmente affermato il ministro Kamal Mohammed Obeid. Parole particolarmente minacciose, se si considera che il risultato del referendum è praticamente scontato: Credo che circa il 90% della popolazione del sud voterà a favore della secessione, ed è una stima al ribasso ha affermato Kobia -. Votare per mantenere l'unione del paese significa mantenere il sud in una situazione di minorità rispetto al nord, situazione che nessuna persona sana di mente può

5 accettare. A meno di cento giorno dalla fatidica data e considerando queste premesse e questi avvertimenti, ha concluso Kobia, riteniamo che la comunità internazionale debba impegnarsi per evitare l'eventualità di un genocidio. Come chiese riterremo la comunità internazionale responsabile di quel che accadrà. Il referendum del 9 gennaio fa parte degli accordi di pace che nel 2005 hanno posto fine a ventuno anni di guerra civile tra il nord e il sud del Sudan, un conflitto che ha fatto più di due milioni di morti. Convegno. Gli evangelici italiani nel Mezzogiorno tra Ottocento e Novecento Due giornate di studio organizzate dall'associazione Guicciardini e dall'istituto di studi filosofici Roma (NEV), 27 ottobre Il 22 e 23 ottobre scorso, si è svolto a Napoli il convegno "Il protestantesimo italiano nel Mezzogiorno tra Otto e Novecento", organizzato in stretta collaborazione tra l Associazione "Piero Guicciardini" e l'istituto italiano di studi filosofici di Napoli. Il convegno è stato aperto dalla prolusione del pastore Domenico Maselli con il motto: Mezzogiorno, terra di incontro. Questo motto è stato confermato dai lavori a cui hanno partecipato dodici tra relatori e relatrici, tra i quali qualificati rappresentanti del mondo pentecostale e avventista. In tre diverse sessioni presiedute rispettivamente dai professori Giancarlo Rinaldi, Rosanna Ciappa e Paolo Bagnoli, sono intervenuti, tra gli altri, Silvana Nitti, Sergio Aquilante, Piera Egidi, Carmine Napolitano, Giorgio Bouchard. Il convegno ha preso volentieri atto dell attuale fioritura di studi sulla Riforma nell Italia del sud e della rifioritura di studi sui valdesi medievali nel Mezzogiorno, gruppi che vanno ben al di là del valdismo calabrese. Al centro dell attenzione c è stata però la passione evangelistica tra l Ottocento e il Novecento, un tema sul quale il contributo pentecostale è stato particolarmente stimolante. Ciò non ha escluso le commemorazioni di personalità evangeliche che sono state politicamente attive tra il XIX e il XX secolo; oltre ai nomi già conosciuti (Lucio Schirò, Brando Saccomani, Vincenzo e Fausto Nitti), è stata messa in particolare rilievo la figura di Jessie White Mario, protestante inglese, mazziniana e moglie di un patriota italiano. Nel campo della cultura si è parlato soprattutto di Giuseppe Gangale, il neocalvinista amico dei meridionalisti, ma è stato anche ricordato l incontro tra Ignazio Silone e il socialista evangelico Leonhard Ragaz. In conclusione, è stato messo in rilievo il grande significato delle opere sociali evangeliche che hanno spesso inciso anche nella vita culturale e politica del Mezzogiorno. TELEGRAFO (NEV) Si riunirà domenica 7 novembre a Bari l'assemblea costituente del Consiglio ecumenico delle chiese evangeliche (CECE) del capoluogo pugliese. Al nuovo organismo hanno aderito le chiese avventista, battista, evangelica Bethel, di Cristo e valdese. L assemblea sarà preceduta da un culto comunitario con Santa Cena, presieduto dai pastori di ognuna delle chiese partecipanti, che a turno spezzeranno la Parola del Signore sul testo del capitolo 12 della I Lettera di Paolo ai Corinzi. L evento è stato promosso dalla Federazione delle chiese evangeliche di Puglia e Lucania (FCEPL) - ha spiegato Giovanni Arcidiacono, presidente della FCEPL - ed è stato preceduto da diversi incontri preparatori per la condivisione del metodo e dei contenuti. L Assemblea costituente del CECE ha proseguito Arcidiacono - vuole proporsi all attenzione delle chiese federate di Puglia e Lucania affinché la pratica ecumenica tra le diverse chiese evangeliche sul territorio costituisca uno spazio concreto alla comune testimonianza del Cristo Crocifisso e Risorto, e un ambito in cui lo Spirito di Dio possa sostenere, nella libertà, gli aneliti di fraternità e di servizio. (NEV/VE) - Grazie a un accordo tra le autorità israeliane per l'antichità e Google, i testi conservati sugli antichi rotoli ritrovati a Qumran, sulle rive del Mar Morto, saranno presto disponibili online. I manoscritti erano stati ritrovati tra il 1947 e il 1956 in alcune grotte vicino alle rovine dell'antico insediamento di Khirbet Qumran, sulla riva nord-occidentale del Mar Morto. L'operazione prevede l impiego di alta

6 tecnologia, ma si prospetta anche come un intervento di protezione e salvaguardia degli antichi documenti. Una volta digitalizzati e messi online, i manoscritti - su fragili frammenti di pergamena e di papiro - non saranno più esposti ai rovinosi effetti della luce e dell'aria. I rotoli del Mar Morto sono composti da circa 900 documenti, riconosciuti come gli scritti di una setta ebraica dissidente che, a partire dal primo secolo avanti Cristo, si sarebbe ritirata sulle rive desertiche del Mar Morto, a circa trenta chilometri in linea d'aria da Gerusalemme. Le prime immagini saranno pubblicate on-line entro dicembre. L'intero processo di acquisizione durerà invece 5 anni. (NEV/VE) - Dopo Karl Barth e Emil Brunner, Thomas Wipf - attuale presidente della Federazione delle chiese evangeliche svizzere (FCES) - è il terzo svizzero a ricevere una laurea honoris causa in teologia dall Università di Münster (Germania). La prestigiosa università tedesca ha così voluto riconoscere l'impegno di Wipf, che è anche presidente della Comunione delle chiese protestanti in Europa (CCPE), in favore del riavvicinamento e dell'unità del protestantesimo europeo. Questo riconoscimento è un incoraggiamento a proseguire sulla strada dell ecumenismo e a impegnarmi in favore della riconciliazione tra le chiese e in Europa, ha dichiarato Wipf. (NEV/WCC) - Trasformare le comunità: cristiani e musulmani costruiscono un futuro comune è il titolo della consultazione che si terrà al Centro ecumenico di Ginevra (Svizzera) dal 1 al 4 novembre prossimo. Organizzato dal Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) insieme a diverse organizzazioni islamiche, l'incontro vedrà la partecipazione di circa 60 leader cristiani e musulmani che discuteranno di questioni comuni e di possibili ambiti di cooperazione tra le due comunità religiose. Cristiani e musulmani hanno la responsabilità di offrire il meglio delle loro competenze teologiche, spirituali ed etiche per il bene comune dell'umanità, spiegano gli organizzatori. Scopo della consultazione è l'individuazione di modalità concrete per costruire un futuro comune in vista di società più giuste e compassionevoli, basate sull'equità, la cittadinanza comune e il rispetto reciproco. Tra i relatori della consultazione, il principe Gahazi bin Muhammad di Giordania, l'arcivescovo luterano svedese Anders Wejryd che apriranno l'incontro; il segretario generale del CEC, Olav Fykse Tveit, il segretario generale della World Islamic Call Society, Muhammad Ahmed Sharif. I primi tre giorni della consultazione avverranno a porte chiuse, mentre il quarto si concluderà con una conferenza stampa di presentazione del documento finale dell'incontro. (NEV) Lo scorso venerdì 22 ottobre, è mancato all'età di 80 anni il pastore Eugenio Rivoir, per molti anni voce del programma radiofonico Culto evangelico di RAI Radiouno. Per oltre un decennio, fino al 2001, Rivoir ha infatti condotto la rubrica Parliamone insieme nella quale, con il garbo e la competenza che sempre lo hanno contraddistinto, rispondeva alle numerose lettere degli ascoltatori. Nato a Dolores in Uruguay, Rivoir ha svolto per oltre 35 anni il suo ministero pastorale nelle chiese valdesi in Italia e nel Rio de la Plata. Tra i numerosi incarichi, è stato direttore del Centro ecumenico Agape nelle Valli valdesi del Piemonte. I funerali, tenuti dalla moderatora della Tavola valdese Maria Bonafede, si sono svolti martedì 27 ottobre a Stampa, in Svizzera, dove da alcuni anni risiedeva. (NEV/ENI) Per la prima volta i vescovi della chiesa luterana di Norvegia saranno guidati da una donna. Si tratta della vescova Helga Haugland Byfuglien che è stata eletta presidente dei vescovi, seppure per un periodo di interim. Il mandato di Byfuglien terminerà infatti a metà del 2011, quando la chiesa di Norvegia eleggerà il suo primo vescovo presidente con sede nell'antica capitale ecclesiastica di Nidaros, oggi Trondheim. Byfuglien, eletta alla carica episcopale nel 2006, è una delle 4 vescove della chiesa norvegese. Nel 2010 è anche stata eletta tra i vice presidenti della Federazione luterana mondiale (FLM). (NEV) Il 30 ottobre di cento anni fa moriva Henry Dunant il fondatore della Croce Rossa. Alla figura di quello che fu il primo Premio Nobel per la pace, l'editrice Claudiana dedica il volume scritto da Franco Giampiccoli Henry Dunant, il fondatore della Croce Rossa (pagg. 240, euro 15). Sconvolto dalla sanguinosa battaglia di Solferino (1859) e testimone della disorganizzazione nell'assistenza alle migliaia di feriti rimasti sul campo, Dunant si convinse della necessità di costituire un corpo di soccorso

7 permanente e neutrale. Sulla base del primo trattato multilaterale della storia moderna, la Convenzione di Ginevra del 1864, Dunant riuscì così a dar vita al Comitato Internazionale della Croce Rossa. Il volume è preceduto da un'introduzione di Massimo Barra. Claudiana, via S. Pio V 15, Torino; (NEV) E' un editoriale del decano Holger Milkau ad aprire il numero 5 del 2010 di Miteinender/Insieme, la rivista bimestrale della chiesa evangelica luterana in Italia (CELI). In sommario, meditazioni bibliche, madre Teresa di Calcutta, saluto del decano al sinodo metodista e valdese, notizie dalle comunità. Miteinender/Insieme, via Aurelia Antica 391, Roma; APPUNTAMENTI CHIANCIANO (Siena) Giovedì 28, Convegno nazionale dell'unione cristiana evangelica battista d'italia (UCEBI) dal titolo "Obiettivo missione SMS. Per una sostenibilità missionaria e solidale dell Unione cristiana evangelica battista d Italia. A partire dalle 8.30 presso l'hotel S. Chiara. ROMA Giovedì 28, presentazione del libro di Gilberto Squizzato Il miracolo superfluo (ed. Il segno dei Gabrielli). Con Erminia Anastasi, Giuseppe Florio, Giovanni Franzoni; coordina Gian Mario Gillio. Alle 18 presso in via Ostiense 152/b. ROMA Giovedì 28, la chiesa metodista invita all'incontro con i Combattenti per la pace/combatants for peace. Intervengono Roni Segoly, israeliano, e Nour Shehadah, palestinese. Alle in via Firenze 38. SONDRIO Venerdì 29, il Centro evangelico di cultura invita all'ultimo di tre incontri sul tema La Bibbia. Una biblioteca alle radici della società occidentale. Sergio Ronchi interviene su Approccio interpretativo. La Bibbia, il suo stile e linguaggio. Alle 18 in via Malta 16. CHIANCIANO (Siena) - Dal 29 ottobre al 1 novembre, 41 a Assemblea generale dell'unione cristiana evangelica battista d'italia (UCEBI). Presso l'hotel S. Chiara. FIRENZE Sabato 30, inaugurazione della mostra Il Cimitero degli Allori: storia e ipotesi di restauro. Intervengono Valdo Spini, Luciano La Penna, introduce Gerardo Kraft. Alle presso il cimitero evangelico degli Allori, via Senese 184. ROMA Sabato 30, l'associazione protestante per l'interscambio culturale e religioso (API) propongono Una passeggiata con Lutero... e Paolo Ricca". Alle 15, con partenza dalla libreria Claudiana di piazza Cavour visita guidata da Corinna Landi sulle orme del viaggio di Lutero a Roma nel Alle 18, cena dal titolo Discorsi a tavola di... Paolo Ricca presso l'hotel Casa valdese, via A. Farnese 18. Costo della visita guidata e della cena è di 50; per informazioni e prenotazioni (entro il 29 ottobre), tel. 06/ , CERIGNOLA (Foggia) Sabato 30 ottobre, la chiesa valdese e il Centro sociale evangelico, nell'ambito di una serie di incontri in vista del 150 anniversario dell'unità d'italia, invitano alla conferenza di Mario Cignoni ed Eliseo Tambone sul tema Bibbia e Italia unita. Alle 18.30, piazza Pasquale Bona 16. VELLETRI (Roma) Dal 30 ottobre al 1 novembre, seminario di studio Immigrazione senza integrazione. Qual è il ruolo delle chiese?. Coordinatore Paolo Naso. Presso il Centro metodista Ecumene, contrada Cigliolo, tel ;

8 SAN GIACOMO DEGLI SCHIAVONI (Campobasso) Domenica 31, in occasione della Festa della Riforma, conferenza di Mario Cignoni sul tema La Bibbia e l'italia. 150 anniversario dell'unità d'italia ; modera Giovanni Anziani. Alle presso il tempio valdese di via Frentana. ROMA Domenica 31, in occasione dei 500 anni della venuta di Lutero a Roma, lettura pubblica di brani del Riformatore. Alle in piazza Sonnino. ROMA Domenica 31, il Coordinamento delle chiese evangeliche della capitale, nell'ambito delle iniziative di Lutero e Roma , invita al culto della Domenica della Riforma. Testimonianze, musica, canti e mimo; predica Paolo Ricca. Alle presso il tempio valdese di piazza Cavour. TORRE PELLICE (Torino) Domenica 31, per la Festa della Riforma, il Centro culturale valdese invita alla conferenza di Claudio Pasquet I calvinisti dal Cinquecento ad oggi. La diffusione dei riformati dalla Ginevra di Calvino alla periferia del mondo. Alle 17 presso la Casa valdese, via Beckwith 2. TELEVISIONE Domenica 31, su RAIDUE all'una di notte circa, la rubrica Protestantesimo manda in onda una puntata con il servizio Domenica della Riforma. 500 anni fa Lutero a Roma. Replica lunedì 1 novembre sempre su RAIDUE all'una di notte circa. Le trasmissioni sono disponibili anche sul sito della RAI, attraverso il link alla pagina RADIO Ogni domenica mattina alle 7.30 su RAI Radiouno, Culto Evangelico propone una predicazione (31 ottobre, pastore Luca Baratto), notizie dal mondo evangelico, appuntamenti e commenti di attualità. Le trasmissioni possono essere riascoltate collegandosi al sito di RAI Radiouno, attraverso il link alla pagina 1.php La legge 40 va contro la scienza e la salute di Ignazio R. Marino ANTEPRIMA Roma (NEV), 27 ottobre Proponiamo in anteprima l articolo che verrà pubblicato sul prossimo numero di Confronti, mensile di fede, politica e vita quotidiana (www.confronti.net). Ignazio Marino è chirurgo e presiede attualmente la Commissione parlamentare d'inchiesta sul servizio sanitario nazionale. Quella di Louise Brown è la storia di una donna che ha cambiato la vita di milioni di persone. Il 25 luglio 1978 Louise vide la luce, diventando la prima bambina al mondo nata dopo un concepimento in provetta. Oggi questa mamma 32enne ringrazia Robert Edwards, padre della fecondazione assistita, premio Nobel per la medicina Negli anni Settanta la metodica utilizzata da Edwards era relativamente semplice rispetto alle tecniche attuali. I medici, infatti, per il primo concepimento artificiale avevano prelevato un ovulo materno, lo avevano fecondato in provetta con il seme del marito e lo avevano reimpiantato nell utero della donna. Non si trattava quindi di selezione di embrioni (il primo test genetico preimpianto risale al 1990 e non ha nulla a che vedere con gli studi di Edwards) e non aveva pertanto alcuna implicazione etica. Stupisce in tal senso la reazione di chi contesta l assegnazione del prestigioso riconoscimento, adducendo motivazioni etiche e addirittura scientifiche. Ed invece un plauso va a chi, come la Commissione bioetica della Tavola valdese, riconosce "l importanza di una scoperta che non solo ha reso possibile un fondamentale passo avanti nella lotta alla sterilità, ma ha anche consentito di eludere numerose gravi malattie geneticamente trasmissibili tramite la diagnosi preimpianto e, più recentemente, ha aperto la promettente strada della ricerca sulle cellule staminali". 32 anni dopo la nascita di Louise, alla fecondazione assistita non si ricorre più solo per problemi di infertilità all interno di una coppia, ma anche per evitare la trasmissione di malattie genetiche mortali o

9 gravemente invalidanti, come la cecità, dai genitori ai figli. Sono oltre 4 milioni le persone, nel mondo, di cui è diventato papà scientifico Robert Edwards. Relativamente pochi però gli italiani nati in Italia che gli devono la vita: il nostro paese, imbrigliato dalla legge 40, costringe infatti migliaia di coppie con problemi di fertilità a rivolgersi all estero. Eppure, se consideriamo normale e responsabile eseguire dei controlli prima di una gravidanza, con lo scopo di individuare eventuali malattie, allora perché in uno Stato laico non dovrebbe essere normale, avendo lo stesso obiettivo, la diagnosi preimpianto? Perché la legge dovrebbe obbligare una donna all impianto anche di un embrione con una gravissima malattia genetica e poi consentire di interrompere la gravidanza con l aborto? A rispondere è stata la Corte costituzionale, che due anni fa eliminò l obbligo di produzione di soli tre embrioni in ogni ciclo di fecondazione e l obbligo del loro contemporaneo impianto. La Consulta è adesso nuovamente chiamata a rispondere dal tribunale civile di Firenze, questa volta sulla costituzionalità della norma che vieta alle coppie sterili di accedere alla fecondazione eterologa, con ovuli e seme donati da altri. Il sottosegretario alla salute Roccella teme il ritorno al far west, ma il far west è già qui, con la confusione che regna nei centri per la riproduzione assistita e tra le coppie, costrette al turismo riproduttivo. L impostazione generale della legge 40 non è scientifica bensì ideologica, dunque sbagliata: articolo per articolo, il testo viene sostanzialmente modificato, dovendo fare i conti con le evidenze della scienza applicate alla pratica medica e con le indicazioni della nostra Costituzione. Eppure sarebbe bastato, sei anni fa, gettare uno sguardo al resto d Europa e magari fare anche un salto Oltreoceano. Nel Regno Unito, che vede il professor Edwards insegnare a Cambridge, nel 2006 è stata autorizzata per la prima volta la selezione embrionale in una coppia che non aveva problemi di fertilità. Lì a decidere è l Authority per l embriologia e la fecondazione assistita. In Spagna vi è un analoga commissione speciale. Torniamo in Italia. Si potrebbe partire con l ammettere che la legge 40 non tiene conto né delle esigenze delle coppie con problemi di infertilità né della salute delle donne, e che soprattutto ignora le possibilità che la scienza mette a disposizione della medicina. Si potrebbe provare ad avanzare una proposta concreta di riforma: prendiamo esempio da paesi che hanno legislazioni coerenti con la conoscenza scientifica e lasciamo che sia appunto un organismo scientifico a fornire linee guida, autorizzare trattamenti e codici di comportamento. Evitiamo che si arrivi ancora una volta al parere dirimente della magistratura per risolvere il conflitto tra le leggi e tra queste e i progressi della conoscenza. LE NOTIZIE NEV POSSONO ESSERE UTILIZZATE LIBERAMENTE, CITANDO LA FONTE NEV - Notizie Evangeliche, Servizio stampa della Federazione delle chiese evangeliche in Italia - via Firenze 38, Roma, Italia tel / , fax , sito web: - registrazione del Tribunale di Roma n del 10/5/ settimanale - stampato in proprio - redazione: Luca Baratto, Gaëlle Courtens, Gian Mario Gillio, Paolo Naso, Valerio Papini (direttore responsabile), Anna Pensa - abbonamenti 2010: edizione settimanale euro 20; supplemento mensile su carta con rassegna stampa euro 30, edizione settimanale + supplemento mensile su carta euro 35 - versamenti sul c.c.p. n intestato a: NEV-Notizie Evangeliche, via Firenze 38, Roma, IBAN: IT78Z

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/16 INSEGNANTI: Chirico Cecilia Calì Angela Bevilacqua Marianna CLASSE PRIMA Competenze Disciplinari Competenze

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA

MODELLO SCHEMATICO DI PROGRAMMAZIONE PER L IRC SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA SCUOLA PRIMARIA CLASSE: PRIMA ARGOMENTO CONTENUTI ESSENZIALI PERIODO ORE PREVISTE Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Gesù di Nazaret, l Emmanuele Dio con noi La Chiesa, comunità dei cristiani aperta

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 10 al 17 gennaio 2016

PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 10 al 17 gennaio 2016 PARROCCHIA SAN BERNARDO CALENDARIO settimana dal 10 al 17 gennaio 2016 DOMENICA 10 Gennaio Battesimo di GESU' ore 9,00-11,00 S.MESSA Battesimo : FISCHIETTI Rebecca LUNEDI' 11 Gennaio Non c'è la messa ore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di vatican Service News

www.korazym.org - Le anticipazioni con foto della puntata 140 di <i>vatican Service News</i> Pagina 4 Angelus dell Acr con il papa in Vaticano, i Messaggi pontifici per la Giornata Mondiale del Malato e la Giornata Mondiale della Comunicazioni Sociali, l AdunanzA Eucaristica a Catanzaro, una giovane

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo

SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015. 2 Anno. L uomo in Cristo SCUOLA di FORMAZIONE TEOLOGICA per LAICI 2014-2015 2 Anno L uomo in Cristo DIOCESI DI MILANO Zona Pastorale IV Decanato di Bollate INTRODUZIONE La rivelazione cristiana, oltre a comunicarci il volto di

Dettagli

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO

LA CHIESA NEL RINASCIMENTO LA CHIESA NEL RINASCIMENTO SI PERCEPISCE L URGENTE NECESSITA DI UN RINNOVAMENTO DI TUTTA LA CHIESA IL LIVELLO DI DECADENZA AVEVA RAGGIUNTIO IL CAMPO RELIGIOSO, MORALE E CIVILE LA VITA MORALE DI ALCUNI

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL PIANO DI LAVORO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI VOLVERA Anno scolastico 2014-2015 Le insegnanti Ferraris Paola Lupo Rosalia Merino Alessia RELIGIONE CLASSE PRIMA

Dettagli

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16

Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale. Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale Istituto Comprensivo 2 Nord Sassuolo A. S. 2015/16 Progetto di religione cattolica in prospettiva interculturale COMPETENZE Riconoscere i linguaggi

Dettagli

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013

PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA CIRCOLO L. DA VINCI Anno scolastico 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE LEONARDO DA VINCI Via Virgilio, 1 Mestre (VE) Tel. 041/614863 Fax 041/5346917 Cod. Fisc. 82011580279 * * * * * PREMESSA ALLA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI CIRCOLO L. DA VINCI

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Questionario Io, la mia chiesa e la mia contribuzione

Questionario Io, la mia chiesa e la mia contribuzione Chiesa Evangelica Valdese unione delle chiese metodiste e valdesi Questionario Io, la mia chiesa e la mia contribuzione 1) Mi presento inserisci in forma anonima i tuoi dati Sesso F M Professione Lavoratore

Dettagli

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico.

Riconosce nella bellezza del mondo e della vita umana un dono gratuito di Dio Padre. Ascoltare alcuni brani del testo biblico. Classe prima L alunno riflette su Dio Creatore e Padre e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive. Riconosce nella bellezza del mondo e della vita

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA.

I SIGNIFICATI DEL TERMINE CHIESA. LA NASCITA DELLA CHIESA (pagine 170-177) QUALI SONO LE FONTI PER RICOSTRUIRE LA STORIA DELLA CHIESA? I Vangeli, gli Atti degli Apostoli le Lettere del NT. (in particolare quelle scritte da S. Paolo) gli

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012

PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 PIANI DI STUDIO D ISTITUTO INSEGNAMENTO RELIGIONE CATTOLICA AS 2012 CURRICOLO DI BASE PER IL PRIMO BIENNIO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ABILITA Scoprire che gli altri sono importanti per la vita. Saper

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA Liceo Artistico E. Catalano Palermo PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2010/2011 Palermo, settembre 2010 Programmazione dipartimento Religione Cattolica a.s. 2010-2011

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI

Allegato n. 9 UNITA DI APPRENDIMENTO 1 DATI IDENTIFICATIVI UNITA DI 1 gli alunni delle classi prime Riconoscere l importanza dello stare insieme e del conoscere se stessi e gli altri. Riconoscere l importanza dell imparare legata alla nuova esperienza scolastica.

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale

AZIONE CATTOLICA ITALIANA. Partecipazione e responsabilità dei laici nella Chiesa locale AZIONE CATTOLICA ITALIANA ASSOCIAZIONE DIOCESANA DI TORINO Corso Matteotti, 11 10121 TORINO Tel. 011.562.32.85 Fax 011.562.48.95 E-mail: presidenza.ac@diocesi.to.it Partecipazione e responsabilità dei

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù.

Conoscere l ambiente geografico, storico, culturale della Palestina al tempo di Gesù. RELIGIONE CATTOLICA CLASSE I U A OBIETTIVI GENERALI OBIETTIVI SPECIFICI CONTENUTI/ ATTIVIT À COMPETENZE PERIODO UA n 1 Unici e speciali Cogliere la diversità tra compagni ed amici come valore e ricchezza.

Dettagli

BATTESIMO: PROPOSTA DI ARTICOLI PER I REGOLAMENTI ECCLESIASTICI. Testi di riferimento. basati sulla posizione della FCES

BATTESIMO: PROPOSTA DI ARTICOLI PER I REGOLAMENTI ECCLESIASTICI. Testi di riferimento. basati sulla posizione della FCES BATTESIMO: PROPOSTA DI ARTICOLI PER I REGOLAMENTI ECCLESIASTICI Testi di riferimento basati sulla posizione della FCES Il battesimo in prospettiva evangelica Osservazione preliminare I seguenti testi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

I ColoRI del. nuovo VERSIONE MISTA. strumenti per una didattica inclusiva. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

I ColoRI del. nuovo VERSIONE MISTA. strumenti per una didattica inclusiva. Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi nuovo Pasquale Troìa Roberta Mazzanti Cecilia Vetturini I ColoRI del strumenti per una didattica inclusiva Alta leggibilità con audio Attività facilitate Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

Percorso di riflessione e speranza per credenti e non Vivere in pace con Dio e con gli uomini. ovvero della reciproca tolleranza religiosa e civile.

Percorso di riflessione e speranza per credenti e non Vivere in pace con Dio e con gli uomini. ovvero della reciproca tolleranza religiosa e civile. Nutrirsi della Parola Percorso di riflessione e speranza per credenti e non Vivere in pace con Dio e con gli uomini ovvero della reciproca tolleranza religiosa e civile. RELATORI Elena Bartolini Docente

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ

BUON ANNO PASTORALE A TUTTA LA COMUNITÀ All inizio del nuovo anno pastorale 2014-2015 viene distribuito alla comunità il Calendario Pastorale, segno del cammino comunitario e strumento utile per la programmazione delle diverse attività della

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO

OSSERVATORIO SOCIO-RELIGIOSO TRIVENETO - Documentazione grafica - CONFERENZA STAMPA Zelarino, giovedì 16 febbraio 2012 1 Identità religiose del Nord Est - stime - 3,3 8,2 1,4 11,6 75,6 italiani cattolici immigrati cattolici italiani di altre

Dettagli

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio

Roma, gennaio 2011. EcclesiaStudio La Chiesa ha bisogno di santi, lo sappiamo, ma essa ha bisogno anche di artisti bravi e capaci; gli uni e gli altri, santi e artisti, sono testimoni dello spirito vivente in Cristo. PAOLO VI Lettera ai

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA ***********

ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** ISTITUTO COMPRENSIVO MONTE SAN PIETRO PROGRAMMAZIONE IRC SCUOLA PRIMARIA *********** Classe Prima 1. Dio creatore e Padre di tutti gli uomini. 2. Gesù di Nazareth, l Emmanuele, Dio con noi. 3. La Chiesa,

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO

ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO ITALIANO PONTE TRA LE CULTURE NEL MEDITERRANEO 1 Il nostro ruolo nel Mediterraneo Loredana Cornero - Segretaria generale Comunità radiotelevisiva italofona. Desidero ringraziare tutti i relatori presenti

Dettagli

PROGRAMMA O R A R I O

PROGRAMMA O R A R I O PROGRAMMA O R A R I O in gesù cristo il nuovo umanesimo 5 Convegno Ecclesiale Nazionale Firenze, 9-13 novembre 2015 9 Novembre, Lunedì APERTURA DEL CONVEGNO 15.30 AVVIO DELLE PROCESSIONI nelle quattro

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

" UN AMORE Celeste Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2015-2016

 UN AMORE Celeste Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2015-2016 " UN AMORE Celeste Programmazione di Educazione Religiosa Scuola dell Infanzia Paritaria C. Arienta Prato Sesia a.s. 2015-2016 Alle Scuole Paritarie è assicurata piena libertà per quanto concerne l orientamento

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s.

Istituto Comprensivo n. 15 Bologna Scuola primaria statale Casaralta e Succursale Casaralta. Programmazione annuale IRC a.s. Classi 1^B-1^C- 2^A-2^B- 3^A-3^B- 4^A-4^B-4^C-5^A-5^B Insegnante Londino Irene Natura e finalità dell insegnamento della religione cattolica L insegnamento della religione cattolica si inserisce nel quadro

Dettagli

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB.

CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 DISCIPLINA: Religione CLASSI: 4SU DOCENTE: Brunoni Stefano LIBRO DI TESTO: S. BOCCHINI, Religione e religioni. Triennio, EDB. ELENCO MODULI 1 Vivere secondo la Bibbia 2 Gesù,

Dettagli

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015

I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE Anno 2014-2015 I A ISTITUTO TECNICO L. EINAUDI MURAVERA MATERIA:RELIGIONE. PROFESSORE: FAEDDA SIMONE 1. Unità di apprendimento: IL MISTERO DELL ESISTENZA - Chi sono io? Le domande di senso nell esistenza di qualsiasi

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano

Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Percorso di preparazione al matrimonio cristiano Da qualche anno si tiene un unico percorso per entrambe le parrocchie. Si svolge unna volta l'anno (indicativamente da ottobre a febbraio). Il percorso

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

!! " " " # $ "! %& ' ( " # ))' * * * +!" +

!!    # $ ! %& ' (  # ))' * * * +! + !! " " " # $ "! %& ' ( " # ))' * * * +!" + , $ "!$ " " - )." $ -! $-$ ) / / " )/ 0 1 +, %" " --!/ + 2 /!" "-! - " ".!! $ # 3 # ""!"! % 4 + - " " 5 6 6 7 8& - $ -)" 9! %+! " #! $ % 4 + : ;, < = > 0 " )"

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

FORUM ETICO ANNO 2004

FORUM ETICO ANNO 2004 GRUPPO MINISTERIALE CENTRO CRISTIANO IL BUON SAMARITANO FORUM ETICO ANNO 2004 1. Premessa 2. Patologie e Tecniche della PMA 3. Quadro della nuova legge 4. Opinioni della stampa e della cultura 5. Spunti

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN. Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2337 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI LABRIOLA, RAMPI, ROSTAN Modifiche alla legge 19 febbraio 2004, n. 40, recante norme in materia

Dettagli

Cardinal Bagnasco sostiene utilizzo combustibile da disarmo nucleare

Cardinal Bagnasco sostiene utilizzo combustibile da disarmo nucleare Cardinal Bagnasco sostiene utilizzo combustibile da disarmo nucleare - 22 febbraio 2011- Il Cardinale Angelo Bagnasco accoglie il Programma Megatons to Development come occasione di sviluppo per l umanità,

Dettagli

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa

Sintesi e prospettive. L insegnamento della religione una risorsa per l Europa DOCUMENTO FINALE Sintesi e prospettive L insegnamento della religione una risorsa per l Europa Introduzione La Chiesa cattolica d Europa avverte l esigenza di conoscere meglio e riflettere sulle molteplici

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE

CURRICOLO DI RELIGIONE CLASSE 1^ L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti principali del suo insegnamento alle tradizioni dell ambiente in cui vive; Scoprire

Dettagli

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

SINTESI SUL DOCUMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO CHIESA CRISTIANA EVANGELICA BATTISTA VIALE MICHELANGELO GRIGOLETTI, 5 PORDENONE Tel. 0434/362431 - Fax 0434/1702623 - Cell. 340-5900148 e-mail: chiesabattistapn@libero.it chiesabattistapn@gmail.com sito:

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

Diocesi di Teramo-Atri

Diocesi di Teramo-Atri Diocesi di Teramo-Atri CALENDARIO PASTORALE anno 2015-2016 Settembre 2015 1 Ma 10.ma Giornata per la custodia del creato 2 Me 3 G Teramo, Sala Convegni Palazzo Vescovile ore 19: Sessione Straordinaria

Dettagli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli

PROF. ELISABETTA BENVENUTI PIANO DI LAVORO Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 Livelli di partenza: la rilevazione dei livelli Materia: religione Classe Prima Anno Scolastico 2015-2016 linguaggio. poter aprire con i ragazzi un confronto sulle tematiche del mondo giovanile proposte dal testo. lo studente impara a riflettere sulle

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli