Lode al Signore. Mese di LUGLIO. Mese di GIUGNO. Mese di AGOSTO Seuzach + CH ore 10.00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Lode al Signore. Mese di LUGLIO. Mese di GIUGNO. Mese di AGOSTO. 03.07.2005 Seuzach + CH ore 10.00"

Transcript

1

2 Lode al Signore 2 Mese di GIUGNO Kollbrunn + CH ore Sacro Cuore ore San Pietro e Paolo ore Seuzach ore Turbenthal ore Wülflingen ore Sacro Cuore ore San Pietro e Paolo ore Elgg ore Kleinandelfingen ore Kollbrunn + CH ore Wülflingen + CH ore Sacro Cuore ore San Pietro e Paolo ore Seuzach ore Turbenthal + CH ore Wülflingen ore Sacro Cuore ore San Pietro e Paolo ore Elgg ore Sabato Pfungen ore Mese di LUGLIO Seuzach + CH ore Wülflingen ore Kollbrunn + CH ore Sacro Cuore ore San Pietro e Paolo ore Turbenthal ore Wülflingen ore Sacro Cuore ore San Pietro e Paolo ore Elgg ore Wülflingen ore Sacro Cuore ore San Pietro e Paolo ore e Wülflingen ore Sacro Cuore ore San Pietro e Paolo ore Sabato Pfungen ore Mese di AGOSTO Ogni Domenica Wülflingen ore Sacro Cuore ore San Pietro e Paolo ore 18.30

3 Lavoro e Ferie: due facce di una stessa medaglia? Ciao, eh sì, stiamo quasi alla fine di un anno di attività pastorale. Fra qualche settimana, con la festa di fine attività della comunità, guidata dal motto Tutto sarà più bello con te, avremo l ultimo sprint finale; e, dopo le ferie, riprenderemo ancora il lavoro. Ma si va in ferie!?!?! Ferie!, dolce espressione piena di ricordi e spesso di sogni non realizzati. Eppure, saper vivere bene le ferie è riuscire ad imparare l arte di sapersi riposare. Esse sono parte integrante dell arte del lavorare. Sì, lavorare! Il lavoro, grande problema di oggi, grande preoccupazione di molti e anche per molti di noi. È difficile entrare in questo universo del lavoro. Si vuole che si lavori di più, ma si licenziano perché non c è lavoro. Grande mistero! È vero che le condizioni materiali della vita sono migliorate rispetto al passato, e non bisogna più lottare per soddisfare i nostri bisogni primari; è vero che il lavoro è meno duro, meglio tutelato e la sua organizzazione più sofisticata, eppure il mondo del lavoro attraversa una fase di crisi e il senso del lavoro pare essersi svuotato. Il lavoro, una volta, solo compito degli schiavi, condanna per l uomo per guadagnarsi il pane con il sudore della sua fronte, è oggi forza vitale per l uomo, per vivere e viver dignitosamente. Dal lavoro che nobilita l uomo, ai nati stanchi per non lavorare, il passo oggi è... Ma al di là di questi commenti, quello che non si può dimenticare è che al centro di tutto questo problema, politico, sociale, religioso, c è l uomo. Un uomo oggi più che mai preoccupato, dove la sua goccia di sudore, non ha più il sapore salato del sudore, ma ha il peso della preoccupazione, dell angoscia, dell ansia e a volte della depressione. Un uomo che per sentirsi gratificato e felice, ha un innato bisogno di caricare di senso l attività cui si dedica. È dell uomo, infatti, la capacità di trasformare il lavoro in una chance o in una condanna. Il lavoro si può rivelare interessante o avvilente, faticoso o divertente, nobile o degradante, secondo la modalità con cui la persona gli si pone davanti. Sarebbe bello se il tempo del lavoro, che dura un terzo del nostro vivere, potesse essere davvero un mezzo per realizzare i nostri bisogni umani più profondi. Ma se si pensa che noi viviamo ancora oggi, con regole di lavoro pensate cento anni fa, per ammaestrare masse anal- 3

4 fabete e regole che erano sostenitrici di elementari bisogni di sopravvivenza, ci accorgiamo che rischiamo di diventare schizofrenici... Oggi, grazie alla tecnologia, la maggior parte del lavoro esecutivo viene svolto da macchine autoprogrammabili, da computer sofisticati, se si pensa che la vita si è allungata e disponiamo di tanto tempo libero e che nulla è cambiato nell organizzazione del lavoro, si va in crisi. È importante e necessario che venga fatta una rivoluzione mentale che proponga all uomo un nuovo modo di considerare la qualità di vita e del lavoro. Un cammino certo non facile, e che comporta una certa confusione come tutti i cambi di mentalità, E tutto questo, si ripercuote sull andamento della famiglia. Una famiglia che oggi è alla ricerca di una sua identità. Infatti noi, spesso e volentieri, misuriamo il benessere di una persona o di uno stato in base agli interessi economici, ma forse sarebbe meglio misurarlo in base alla felicità del singolo. La gratificazione individuale è sicuramente così importante che dovrebbe portare gli stati, le associazioni o le chiese a prender qualsiasi misura pur di ottenerla. Ma si nota una indifferenza che preoccupa e sconcerta. Una indifferenza che non spinge a migliorarsi con le proprie forze, ma porta un cupo pessimismo. E questo fa paura. Allora riscoprire il bello che è dentro, vivere fino in fondo il motto della nostra festa di fine attività: Tutto è più bello con te, è come mettere in noi e attorno a noi, una iniezione di fiducia. È questa fiducia che devono sprigionare i risultati di un anno di impegno lavorativo in qualsiasi campo, è questo colpo di entusiasmo che deve scuotere il nostro animo e buttarci nella convinzione che l utopia è un orizzonte che si sposta secondo il nostro avanzare. E le ferie sono questo. Il tempo in cui si può rileggere il nostro rapporto con il lavoro, in cui inserire nell agenda della propria vita parole importanti come tranquillità, raccoglimento, silenzio, ritorno a vecchi valori. Ferie è sosta che permette di cogliere il senso della vita, è lasciare che la vita stessa riempia i nostri polmoni di energia nuova e lentamente scoprire che in fondo basta poco per essere felici, sereni. Forse basta solo accorgerci che tutto è più bello quando si è insieme e insieme si insegue lo stesso sogno, ci si spinge verso lo stesso orizzonte. È questo, allora, quello che noi auguriamo a tutti e ad ognuno in particolare: che la festa di fine attività, che il tempo delle ferie, che il nostro vivere quotidiano sia un iniezione di fiducia e di ottimismo. Buone ferie, quando arriveranno! Don Alberto BIBLIOTECA Al CENTRO PARROCCHIALE SAN FRANCESCO I collaboratori che hanno sistemato la Biblioteca del Centro Parrocchiale ha messo insieme oltre tremila testi di ogni genere. L intera ricchezza libraria è a servizio della Comunità: tutti possono usufruirne passando al Centro. Si sta cercando ancora di darle una sistemazione da mandare via Internet: un po alla volta... Intanto usiamo i vecchi sistemi di registrazione su carta! Grazie a tutti coloro che hanno collaborato in svariati modi. 4

5 Torniamo al mare! Chi fosse interessato a trascorrere alcuni giorni sulla spiaggia di TORTORETO LIDO dal 29 agosto al 12 settembre, può chiamare al Centro Parrocchiale S. Francesco: VUOI UN SABATO SERA DIVERSO? VIENI AL BAR DEL CENTRO PARROCCHIALE: C È SEMPRE QUALCOSA DI NUOVO... SABATO 4 GIUGNO: CENA con FUSILLI E POLPETTE FINE SETTIMANA 11/12 GIUGNO: ECCO LA SICILIA! FESTA DI FINE ATTIVITÀ Vedere a pag. 8-9 TUTTO SARÀ PIÙ BELLO CON TE! Asilo Italiano Si ricevono ancora iscrizioni per l anno 2005/

6 il preadolescente: un ragazzo né acerbo né maturo L intento delle riflessioni che si propongono vuole essere quello di enucleare le esigenze principali del preadolescente dovute al rapido mutamento che si trova a vivere, così fondamentale per l armonica crescita dell uomo del domani. L avventura umana trova nella fase preadolescenziale un periodo di fondamentale importanza per la crescita di ciascun individuo, un periodo in cui la maturazione è più veloce ed il ragazzo si trova in un rapido cambiamento, anche e soprattutto in quelle che sono le sue caratteristiche psicosomatiche. Questa fascia di età, così misteriosa ed affascinante, oscilla tra gli 11 ed i 14 anni, sebbene non sia così facile definirne i contorni; età originale, con potenzialità, tendenze, esigenze e mutamenti di non facile lettura. L età preadolescenziale trova, quale suo aspetto peculiare, quello della mutabilità. Difatti in essa i cambiamenti non solo fisici, ma anche cognitivi, psicologici, sessuali - affettivi, morali-religiosi e relazionali, avvengono anche nell arco di pochissimi mesi. Accanto all elemento della mutabilità, è possibile definire l età preadolescenziale quale età dei nuovi interessi : l abbandono dell infanzia ed il proiettarsi verso l adolescenza viene avvertito come bisogno di allontanarsi gradualmente o bruscamente dalla famiglia per ricercare nuove relazioni interpersonali nel gruppo dei propri coetanei. Il preadolescente si pone quindi alla ricerca di spazi propri e di una autonomia personale. Lo stare con gli amici viene sentito dapprima come una novità (soprattutto nel caso di genitori iperprotettivi) per diventare poi una consuetudine. Il rapporto tra genitori e figli si modifica perché la famiglia non è più l unico punto di riferimento. Questo crea spesso alcune difficoltà educative per molti genitori che si trovano a non poter più trattare i propri figli come dei bambini pur essendo, però, ben consapevoli del fatto che non hanno ancora raggiunto una piena maturità. Proprio tale esigenza di dovere modificare il rapporto educativo con i propri figli crea atteggiamenti estremi (di rigorismo o di permissivismo) che assumono un incidenza fondamentale nel ragazzo e che possono anche essere alla base di determinate forme di devianza che possono andare dal teppismo alla droga e, addirittura, al suicidio. In questo mutamento relazionale, il gioco continua ad avere un indice di gradimento molto elevato, ma tale interesse, col crescere dell età, cede il posto ad una maggiore propensione a maturare rapporti amicali. Luoghi di incontro preferiti dai preadolescenti sono spazi neutri quali la strada, il quartiere, la piazzetta dove parcheggiare i motorini. Perdono d importanza, in maniera crescente, luoghi strutturati quali casa, scuola, parrocchia e si affaccia il desiderio della discoteca, vista come un vero e proprio mito, come se l essere grandi dipendesse dal frequentare tali posti. Per lo sviluppo della personalità preadolescenziale, quindi, l amico assume un ruolo centrale. Ma l amico 6

7 ideale del preadolescente deve avere alcuni requisiti caratteristici: deve essere simpatico, pronto cioè (secondo il significato profondo dell etimologia greca sum-patìa ) ad aiutare e ad ascoltare e capace di condividere le proprie idee ed esperienze. Questa apertura verso l altro matura, però, un aumento del senso critico verso i genitori, soprattutto nei confronti del padre, la cui autorità sembra contrapporsi al desiderio di autonomia tipico dell età. I preadolescenti chiedono di essere considerati grandi attraverso l accordo di speciali permessi quali il portare in casa amici ed anche il partecipare a feste tra coetanei e, dato che non s e m p r e sentono i propri genitori dalla loro parte, spesso n a s c o n o scontri, litigi, distacchi e le prime fughe. In realtà, però, nonostante la gran fretta di entrare nel mondo dei grandi, il distacco dalla famiglia viene vissuto in maniera traumatica e reso ancor più penoso dalla mancata capacità di reale confidenza e comprensione dei propri coetanei, che si trovano nella stessa situazione. Alcune inquietudini, poi, il preadolescente le vive a livello morale e religioso. Fino ai 10 anni, il ragazzo vive una moralità d ambiente basata sull educazione ricevuta in famiglia o a scuola. Se il preadolescente non è stato già abituato a far scelte basate su dei valori, la sua diventerà una moralità sociologica, dipendente dal comportamento della massa. Occorre pertanto che la famiglia sia capace di trasformare la propria autorità in autorevolezza, tramite la testimonianza di valori ed il dialogo. Il preadolescente si pone anche il problema del suo futuro: deve fare delle scelte senza però avere ancora dei criteri sufficienti per esse. Spesso egli si trova in situazioni di conflitto dovute alle attese degli altri che restringono l iniziativa p e r s o - nale. Egli a v v e r t e anche la d i s c r e - panza tra i modelli di c o m p o r- t a m e n t o p r o p a - g a n d a t i dalla famiglia e quelli diffusi nella società e se da un lato egli tende al rifiuto delle regole stereotipate, dall altro prova l insicurezza di attenersi alle nuove regole del gruppo non ancora ben assimilate. Tali problematiche devono essere accolte con pazienza e amore da parte di ogni educatore e con attesa e fiducia da parte del preadolescente. Solo così, attraverso un dialogo costante, si potrà sviluppare quella armonia evolutiva tanto agognata dal preadolescente. 7

8 Festa di fine attività TUTTO SARÁ PIÙ BELLO CON TE Prima di parlare della festa in se stessa, sarà bene interrogarci sul significato dell incontrarsi, dello stare insieme, del progettare e realizzare cose in comune. La Comunità, come insieme di famiglie, di persone con varie esperienze, di giovani e di adulti, di ragazzi e di anziani, è certamente una realtà importante nella vita sociale di ciascuno, al di là del credo personale o dell appartenenza ad un gruppo specifico. La Comunità è certamente un contesto importante per la maturazione personale, sociale, civile e religiosa di ogni persona. D altro canto nella vita della Comunità si incontrano spesso fatti che limitano e fanno sentire il peso di essere insieme. C è, a volte, come una sensazione che se si fosse da soli si farebbe più strada, si perderebbe meno tempo, si risolverebbero in maniera diversa e più esauriente, alcuni problemi. Tutto ciò è vero e, in una società sempre più individualista ed indifferente, sarà bene correre il rischio di perdere tempo per acquisire la forza dell essere in relazione, del confrontare la libertà personale con la libertà dell altro, del mettere insieme i doni e le qualità individuali affinché diventino patrimonio comune. Questo è il senso dell essere Comunità: sentirsi dentro una famiglia più ampia che accoglie e dà respiro a ciò che si è. Ecco, allora, il perché delle nostre feste dove non si cercano applausi, né si vuole a tutti i costi sentirci al centro dell attenzione, ma si desidera che ognuno si senta a casa propria, libero di esprimere se stesso proprio perché capace di accogliere l altro. E, alla fine di un percorso, è bello guardarsi intorno e vedere che insieme si è costruito una parte di quel mondo diverso che si vorrebbe sempre più grande, sempre più vero, sempre più reale. In questa linea è pensata la festa di fine attività. E la festa della Comunità che si guarda dentro e vede il proprio volto riflesso in quello dell amico, del vicino di casa, della persona che incontra per caso per strada, al bar, al supermercato, in chiesa ed ora è là presente, nello stesso luogo d incontro per trascorrere gratuitamente alcune ore insieme. E in quel tempo crescono le conoscenze, si diffondono le amicizie, si apre la corresponsabilità e la partecipazione alla vita comunitaria. Allora, non limitiamoci a dire che sono cose per ragazzi ma entriamo nella festa con gioia ed entusiasmo, iscriviamoci ai giochi, offriamo il nostro servizio, rendiamoci partecipi in qualche modo e scopriremo che... INSIEME É PIÙ BELLO! 8

9 Festa di fine attività DOMENICA 19 GIUGNO - dalle alle Camposportivo Hegmatten Oberwinterthur (vicino al Technorama) Programma di massima: Raduno: Ore 09.3o S. Messa all aperto (o in tenda) Ore 10.oo Inizio giochi Ore 11.oo POSSIBILITÀ DI PRANZO... grigliato Ore 13.oo ALTRI TORNEI FINO A CHIUSURA Ore 17.oo La Festa si effettuerà con qualsiasi tempo poiché in caso di pioggia si sospenderanno i giochi, ma non la possibilità di condividere il pranzo e una buona chiacchierata sotto la tenda che ci accoglierà. È necessario iscriversi entro sabato 11 giugno telefonando al SONO OBBLIGATORIE LE SCARPE DA GINNASTICA 9

10 Consiglio Pastorale Le attività del Consiglio Pastorale della nostra Parrocchia Missione Cattolica di lingua Italiana, hanno camminato secondo il Progetto Pastorale dell anno: rimanere aperti per testimoniare il proprio essere cristiani! Non è sempre facile passare dall idea all azione, dal pensiero all operatività, ma a volte, basta poco per rendere visibile ciò in cui si crede. Così nell ultima riunione del Consiglio, anche se gli assenti erano molti, si é constatato il cammino fatto. Le feste d inizio anno, l apertura del Centro, la venuta della RAI, sono stati gli eventi più forti, ma dietro ad esse ci sono gli incontri più spiccioli, ma non meno importanti, della vita quotidiana della nostra parrocchia. L intervento di don Alberto, nel pensiero formativo della serata, ha impegnato infatti i presenti a considerare non le grandi riuscite, le grandi manifestazioni, ma la capacità di porre la massima attenzione perché il famoso paracadute del nostro motto rimanga sempre aperto. Si è discusso a lungo, e con molta partecipazione, su come sia difficile rivolgere il dito indice contro noi stessi piuttosto che colpevolizzare o cercare chi sbaglia. Una Comunità cresce e matura in proporzione a quanto è capace di uscire da se stessa e impegnarsi in prima persona affinché l altro sia felice, affinché l altro sia capace di andare avanti, sentendosi sostenuto dal nostro appoggio più che dalla nostra critica. Fintanto che non s impara a chiederci: Cosa ho fatto perché l altro evitasse questo o quel errore! Questa o quella chiusura! il nostro cammino di crescita rimane come quello dell adolescenza, dove l individuo è come un elettroencefalogramma, pieno di umori e desideri alti e bassi! L aver vissuto momenti forti, in cui si è percepito la vitalità e la vicinanza dell intera Comunità, non può renderci solo contenti del risultato, ma deve spingerci oltre, deve farci sentire maggiormente protagonisti della vita stessa della Comunità e non solo esecutori. Ecco, questo sembra sia stato il nocciolo della discussione: la difficoltà di essere propositivi! E su questo che dobbiamo proseguire il nostro cammino. Dopo la lunga verifica del proprio modo di comportarsi, si è parlato del futuro, degli impegni che ci aspettano, delle attività che continuano, della reciproca corresponsabilità nel fare bene il bene che ci viene proposto o richiesto. Ma di tutto questo viene esposto nelle prossime pagine del nostro giornalino. 10

11 Parlando di Giovani pensiero su valori assoluti e recepiti come tali da tutti. Si tratta di non generalizzare e di non vanificare il problema sulla linea del non è un mio problema, non mi interessa! Ciò che tocca l uomo, in bene o in male, tocca l intera umanità. Ciò premesso, il gruppo dei nostri Giovani Amici ha discusso a lungo sul pro e sul contro della legge spagnola, certamente senza arrivare ad alcuna conclusione. La discussione, si spera abbia aperto il loro pensiero Non si vuol essere ripetitivi nel parlare del a nuove conoscenze, abbia fatto emergere l urgenza di avere una coscienza mondo giovanile, ma solamente ritornare su argomenti già condivisi in altre occasioni. Si è detto, infatti, che i giovani mento, ciò che è bene, ciò che è male, che sa cogliere, a livello di comporta- hanno la capacità di sorprendere perché imprevedibili, perché difficilmente quel assoluto che non è dato solo dal- giusto, vero, libero, sano,...in forza di soggetti in modo passivo al parere degli la fede religiosa, ma dall essere parte altri, pronti a far emergere problematiche che gli adulti rischiano di far passare bisogno di sentirsi confrontati con ciò dell universo naturale. I giovani hanno sotto silenzio. E successo alcune settimane fa al gruppo: perché non parlia- l esperienza di un passato, che è essere che loro ancora non possiedono che è mo della Spagna? E stata la domanda liberi da opportunismi e non schiavi di provocatoria. Parlare della Spagna? E tradizionalismi privi di consistenza. Loro perché? Perché il parlamento di quella voglio confrontarsi con ciò che chiama nazione ha votato una legge che da una in campo il valore assoluto, il punto fermo che valorizza il passato e il presente, parte ha portato dello sconcerto, dall altro porta in superficie un problema che aprendo la strada al futuro che loro stessi renderanno consistente. C è un ur- non può più rimanere un problema per gli altri. L omosessualità è un argomento gente bisogno di accompagnare i nostri corrente anche nel mondo giovanile e si giovani nella capacità di interiorizzare i rischia che un problema diventi moda, veri valori, intesi come realtà assolute, in diventi modo per emergere, per assumere un ruolo, per avere pubblicità. Ma sti bisogna riferirsi per non banalizzare la modo autonomo e indipendente. A que- se è problema, va affrontato come tale vita e, con essa, ogni sua espressione. e vanno cercate tutte le soluzioni possibili affinché nessuno ne esca impoverito vivere autonomamente ogni decisione Bisognerebbe offrire loro la capacità di e colpito negativamente. Si tratta allora di evidenziare i principi, di fondare il cile, ma questa è la liberamente assunta. Cammino non fa- strada. 11

12 12

13 Gruppi di Attività... in movimento! Durante le settimane di ferie scolastiche, si è cercato di offrire ai ragazzi alcune opportunità d incontro per rafforzare il loro modo di stare insieme, la reciproca conoscenza e l apertura all interno del gruppo stesso. Così il Gruppo Gabbiani Uno si è trovato insieme, all isola di Mainau per una giornata immersa nella natura. Forse non era il massimo che potevamo offrire loro: è stata solo un occasione per scoprire il valore che il Patrono del nostro centro, San Francesco, è stato capace di lodare e ringraziare Dio, suo Creatore, con le semplici cose del creato. Se la perfezione di un fiore, di una farfalla, se l armonia di colori e di profumi ha fatto cantare Francesco, perché non può toccare, oggi, il cuore di un ragazzo che si apre alla vita? Se questo interrogativo non trova risposta nell esperienza vissuta, certamente trova consenso nella serenità sperimentata in quel giorno. Infatti, come la combinazione delle diverse piante creava delle vere opere d arte nelle varie aiuole, così i vari gruppetti dei nostri ragazzi, all inizio isolati nelle loro chiacchiere interne, ha trovato armonia verso la fine della giornata, quando gli stessi gruppetti si sono amalgamati tra loro, ampliando le reti di comunicazione e facendo percepire che si stava bene insieme ed era un peccato che fosse già ora di tornare alle proprie case, proprio ora che si stava bene insieme! Non possiamo permettere che i nostri ragazzi perdano il gusto della meraviglia! Sarà un impegno degli animatori far crescere questa esperienza che si sta bene insieme, magari proponendo degli impegni di collaborazione anche con chi si conosce meno, con gli ultimi arrivati, rinunciando a qualcosa di maggior gradimento per aprirsi a un modo di pensare e di agire meno egocentrico. Il Gruppo Raggio Azzurro e il Gruppo Birichini Due, hanno trascorso la loro giornata in battello sul lago di Zurigo. Partiti da Winterthur in treno, raggiunto Zurigo hanno proseguito con il battello fermandosi a Rapperswil dopo quasi due ore di navigazione. Un tempo utile, questo, per chiacchierare, 13

14 per raccontarsi vicende più o meno vere, per ridere e scherzare insieme, per accorgersi che si è cresciuti e per dimostrare che si sta maturando. Infatti, dopo aver pranzato lungo il lago, sotto il controllo di agili cigni e di simpatiche paperelle, dopo aver visitato qualche angolo della cittadina, si sono formati dei gruppi di riflessione con questa domanda aperta: Amico è... amico non é... e i risultati sono queste affermazioni: Amico è uno che ti ascolta e non ti lascia da solo; è sincero, conosce la tua vera anima; è fedele, ti dice la verità, ti rispetta come sei, non ti dimentica quando hai bisogno e quando stai male se ne accorge e, senza dire niente, ti fa sentire meglio; è uno con il quale ti puoi divertire, sentir bene. Non è amico chi non si fida, chi ti prende in giro e ti parla alle spalle, chi non c è mai quando serve aiuto, chi ti sfrutta, chi ti lascia solo... E hanno concluso con una raccomandazione: State attenti all amicizia! E una cosa seria: per essa ci si può/deve sacrificare e dare molto. Solo così rimane un punto di riferimento, di verifica e di dialogo! Cosa possiamo dire? Bravi ragazzi! Continuate su questa strada, crescete e aiutateci a credere sempre in voi! E, dopo un fresco gelato, il treno ci riportava a Winterthur concludendo la giornata. Ora rimane l uscita del Gruppo Birichini Uno. Per loro è pensata un uscita nel Canton Glarus, dove potranno far un pic-nic lungo le rive di uno dei laghi del posto ed incontrare un gruppo di coetanei che, come tema dell anno, hanno proprio il compito di essere accoglienti! Speriamo bene... 14

15 Alcuni dei nostri giovani sono stati nella casa di accoglienza Santa Teresa a Ravenna, a fare del volontariato.è tardi, sono passate le 22 e i ragazzi, stesi per terra, scrivono su fogli appoggiati su panche. Sentire quel tin tin sembrava l alfabeto Morse: stavano aprendo il loro cuore a Dio... Ecco alcune loro note: In questi giorni ho imparato molto e sono cresciuta...so che non sarà una di quelle avventure che si dimenticano dopo due giorni, ma mi accompagnerà per tutta la vita. In mezzo a quelle persone mi sentivo nulla: non riesco neppure a spiegarmelo, forse immenso rispetto... si dice che la sofferenza rinforza e fa crescere. Io ho sofferto vedendo quelle persone ma ringrazio Dio di avermele fatte incontrare... Questi due giorni di servizi sono stati bellissimi per noi, ma stupendi anche per i nostri ammalati o anziani. Ho capito il senso della vita e come può cambiare tutto da un momento all altro. Quando si aiuta una persona si è sempre molto felici... Cosa voglio veramente diventare? Quale è la mia meta? Chi sono? Mille domande e mille pensieri hanno attraversato la mia testa: il volontariato è un buon inizio sulla mia strada verso le risposte a tutte le mie domande... La cosa che in quei due giorni non potevo immaginare era la tristezza di quel arrivederci! le persone che ho seguito solo nelle ore dei pasti, mi hanno lasciato qualcosa di stupendo! Mentre ci si salutava ho sentito dire tante volte grazie a noi, invece, sento di dover io ringraziare per quello che mi sto portando via. È un esperienza che bisogna fare per capire veramente in che lusso viviamo e non lo apprez-...grazie! ziamo!... Il primo impatto è stato un po brutto: Lucy appena ci ha visti si è messa a gridare! Non erano grida di dolore o di sofferenza, ma di felicità! Sembra poco, ma vedere una bambina che non ti conosce gioire così, alla prima vista, è bellissimo!... quando me ne andava, Lucy teneva la mia mano stretta stretta e non mi voleva lasciare e diventava triste... È triste vedere i loro occhi che ti vogliono dire qualcosa, ma non sanno parlare... si esprimono con i gesti, con i lamenti o le risate... È emozionante sentirti dire: - Io ti aspetto qua, lo so che casa tua è lontana, ma vieni a trovarmi presto, ti aspetto! Ho risposto con sicurezza: Ritornerò! Dopo il primo momento di paura, mi sono sentita a mio agio nella stanza dei bambini. Sentivo il bisogno di voler bene e tanta voglia di far felici. Vedere gli occhi felici di una bambina di 28 anni, solo perché ero là con lei... non si può spiegare è da vivere. È stata un esperienza bella e credo di aver imparato molto in poche ore... due giorni sono bastati per farmi aprire gli occhi e vedere quanta solitudine e sofferenza esiste e come dentro ad essa ci sia anche gioia, amore, solidarietà. Mi sono subito affezionato a quelle persone malate. La fede, la forza e la classe di sua eminenza Mons Tonini, mi hanno dato il coraggio di seguire la strada giusta che mi porterà dove Dio desidera. Ricorderò tutto con molto affetto, anche perché ho capito maggiormente che la vita è il dono più bello che Dio ci ha donato A tutte queste espressioni non servono commenti: Grazie, giovani, per quello che avete vissuto! 15

16 LA NOSTRA BIBBIA QUOTIDIANA CHI AMA SPRECA LA BIBBIA CELEBRA L UNIONE TRA UOMO E DONNA. UN AMORE ESAGERATO, TOTALE E SENZA TORNACONTO Il mio diletto è per me e io per lui In una stagione dell anno in cui ci si trova così spesso a parlare di matrimonio, si è cercato nella Bibbia qualche riferimento preciso all amore fra una donna e un uomo, per capire qualcosa di più sul valore del matrimonio cristiano. E già nei primi capitoli del Cantico dei Cantici si può raccogliere un abbondante bagaglio sulla forza dell amore. Ma ci si è fermati su questa espressione: Il mio diletto è per me e io per lui (Ct 2,16). Per tre volte il Cantico dei Cantici registra questa frase (cfr anche 6,3 e 7,11) sulla bocca della donna, sempre in assenza del suo amato, esprimendo così la bellezza di una reciproca appartenenza capace di resistere alla difficoltà della lontananza, del distacco. L azione della donna descritta nel Cantico dei Cantici sembra prendere forza dalla verità di questa intima, mutua consapevolezza di appartenere al suo amato: il mio diletto è per me e io per lui. Sono parole che celebrano la misura dell amore tra uomo e donna secondo la Bibbia: la totalità. Si tratta di una totalità che paradossalmente si realizza nello spreco: chi ama spreca. L amore, si deve sapere che la vita di ognuno è in relazione allʼamore che possiede infatti, nella prospettiva biblica, non calcola il proprio tornaconto. Certo, per la mentalità odierna, osare affermare che la totalità della nostra persona è a vantaggio di un altra persona concreta, io per lei e lei per me, è semplicemente uno spreco. Per la Bibbia, invece, la bella notizia di Dio sull amore tra uomo e donna è fondamentalmente un esagerazione di amore, è un aldilà, un oltre, un qualcosa che non riesci a quantificare e nemmeno a dimostrare, se non con i fatti di una vita pienamente realizzata nella quotidianità del proprio matrimonio. il mio diletto è per me e io per lui L amore nuziale è il darsi totalmente all altro, è il diventare con lui una cosa sola senza annullare la differenza reciproca. Si entra in un amore che è un dono quotidiano, che si trasforma di giorno in giorno in conoscenza piena di se stessi e dell altro. Ti rendi conto che il tuo mondo non è l unico possibile, ma esiste anche il mondo del tuo amato, della tua amata; ti accorgi che esiste un altro carattere che è quello dell altro, che esiste un altra sensibilità che è quella dell altro: l amore sponsale ti porta a comprendere che esiste l uni- 16

17 verso dell altro. La Parola di Dio attesta che nell amore sponsale la vita diventa realmente bella, acquistando un ulteriore motivo per essere vissuta fino in fondo. In tal modo, l amore tra uomo e donna nella Bibbia diventa il paradigma privilegiato dell unione amorosa dell uomo con il suo Signore. Per la Bibbia, il rapporto con Dio è fondamentalmente una questione di amore! Il mio diletto è per me e io per lui Nel Cantico l amore sponsale è soprattutto una fiamma del Signore (8,6). Ciò significa che di sua natura l amore tra uomo e donna per la Bibbia fa conoscere Dio, viene da Dio e conduce a Dio. Dio è l origine e il termine dell amore. In questo senso, prendersi cura del proprio amore coniugale vuol dire prendersi cura del proprio rapporto con Dio. Ma è vero anche il contrario: curare il proprio rapporto con Dio alimenterà, rinvigorirà e autenticherà sempre più il nostro amore coniugale. Il libro del Cantico dei Cantici ci ricorda che non esiste, però, soltanto lo slancio gioioso dell amore, ma anche la caduta, la crisi e lo scoraggiamento: nella storia concreta di ciascuna coppia il diagramma dell amore può conoscere andamenti non sempre lineari. Ecco perché diventa indispensabile ancorare la propria relazione coniugale alla Parola di Dio, la quale ci ricorda che l amore non è un bene che si possa credere di aver conseguito una volta per tutte, bensì è un cammino da percorrere insieme, spesso in salita, ma in grado di mostrarci orizzonti sorprendentemente belli.... e tu, o Dio, ci chiami per nome e ci ami per sempre! De Chiara Dana Toma Joshua Agostino Dylan Profico Valerio De Donno Loris Puliafito Nereo Ciardo Leonardo Centoducato Nelina Ammenda Aris Agasi Enea Amolini Cinzia De Ciutiis Margherita Marzia Schatzmann Chiara Potenza Kevin Margiotta Elena 17

18 Attività del Centro Parrocchiale San Francesco Sono trascorsi poco più di due mesi dall apertura ufficiale del nostro Centro rinnovato. Dopo alcune esitazioni nel ritrovarsi in un ambiente, così lindo e accogliente, difficilmente paragonabile a ciò che era, i ragazzi e i giovani hanno ripreso possesso del luogo e sempre numerosi lo animano soprattutto nel fine settimana. Anche la gestione degli uffici ha ripreso a pieno ritmo le proprie attività. Ognuno che entra si chiede: Ma è questo il Centro Italiano? Tutto ciò fa piacere e porta soddisfazione per quanto si è fatto insieme per tutti. Anche le Associazioni si sentono più a casa: hanno nelle nostre sale un punto di riferimento e di incontro facilmente raggiungibile e utilizzabile. Anche gli amici della Mehr Lebens Qualität stanno lentamente ritornando e trovando gusto di frequentare il Centro Parrocchiale per il loro pasto quotidiano. Si fermano a giocare con il calcetto, a sfogliare riviste, ad ascoltare musica, a guardare la tivù, a parlare con gli amici... Non sono in molti, ma c è fiducia e speranza che altri si aggiungano al gruppo per far vivere un associazione aperta a chi si trova in difficoltà. Per le funzioni del Bar, si sono cercate molte possibilità per gestirlo in forme nuove e rispondenti alle esigenze che si sente di dover rispettare: rimanere un luogo di ritrovo che accolga i valori della Parrocchia e continui, a tutti i livelli, la stessa proposta formativo-educativa che ci presenta il progetto pastorale: Il cristiano è come il paracadute: serve se si apre! Si sono trovate alcune persone disponibili a provare fino alle ferie estive con una conduzione basata fondamentalmente sul volontariato. Gli orari di apertura sono generalmente gli stessi degli anni scorsi; ciò che cambia è l offerta. Il Bar non vuol essere esclusivamente un luogo di ritrovo per uomini che vivono il loro tempo libero con gli amici, attorno ad un tavolo per una partita a carte, per seguire una partita di calcio, per fumare una sigaretta tra le chiacchiere di consuetudine sul tempo, sul lavoro, sulla politica italiana,... Il Bar vuol essere un luogo d incontro per la famiglia, per i giovani, per le mamme, per le amiche che vogliono prendere un caffè in compagnia, per i pensionati che cercano compagnia. Sembra che la strada su questa linea si sta aprendo. Soprattutto il fine settimana, la sala si anima con il desiderio dello stare insieme : famiglie che si danno appuntamento per consumare insieme non solo una bibita o un caffè ma anche un piatto di pastasciutta o una porzione di dolce o una gustosa insalata. Tutto questo è preparato con generosità e disponibilità dagli attuali gestori e offerto a prezzi molto accessibili. La speranza di tutti è che il cerchio si allarghi, che raggiunga tutte quelle persone che vorrebbero uscire di casa ma non sanno dove andare, con chi stare, come occupare il 18

19 tempo libero, il tempo della distensione e della ripresa di energie per un nuovo impegno. Le stesse attività del gruppo della Terza Età sta mettendo piede in modo positivo: l appuntamento per la ginnastica settimanale è seguito e atteso dalle partecipanti; il giovedì pomeriggio incontrarsi nella sala San Filippo Neri sta diventando un appuntamento costante, magari con una bella giocata a tombola o a briscola. Per il futuro si sta pensando ad organizzare qualcosa di caratteristico che faccia emergere le nostre radici regionali, per non perdere aspetti della nostra identità e tradizione italiana. Per questo, già a metà giugno, si propone un fine settimana dal gusto tutto siciliano e dopo le ferie si continuerà con altre regioni. Intanto ringraziamo tutti coloro che si danno da fare per mettere in campo iniziative e attività che ci rendono e ci mantengono attivi e vivaci, come gli Italiani sanno essere! Il Gruppo Alpinistico Italiano di Winterthur all Albanifest: Venerdi dalle ore alle ore Sabato dalle ore alle ore Domenica dalle ore alle ore Specialità: gnocchi, piadina, carne salada, panino carne salada, antipasto misto, sangria, ecc. 19

20 Nel sessantesimo della liberazione abbiamo la possibilità di pubblicare il racconto diretto di un nostro emigrante che ha vissuto da militare quei difficili momenti. Sono un artigliere in congedo e vi voglio descrivere ciò che mi è accaduto dopo l armistizio dell 8 settembre Mi trovavo a Berani nel Montenegro, dove prestavo servizio militare nel 19 reggimento, artiglieri, divisione Venezia. Per decisione del nostro generale, che rifiutò la resa ai Tedeschi, si combatteva contro di loro. La nostra resistenza non poteva durare a lungo: dovevamo abbandonare Berani e ritirarci sulle montagne da dove si poteva continuare la resistenza con l alleanza dei partigiani montenegrini. Il comando generale si stabiliva a Plevia; il nostro generale aveva un collegamento via radio con Brindisi che prometteva un lancio paracadutato di munizioni e vestiario invernale. Purtroppo arrivò troppo tardi. Era la fine di novembre; ci trovavamo a Plevia e si combatteva per difendere il passo La Buca, unica via per accedere a Plevia. Il 5 dicembre 1943 di pomeriggio, si riceveva l ordine di battere in ritirata quando le truppe corazzate tedesche sfondavano il Passo La Buca. Là fummo catturati... Mai ho visto tanti morti! Chi si era salvato dalla furia della morte tedesca, per due giorni dovete rimanere concentrato e sotto la sorveglianza di guardie armate, nella piazza del mercato di Plevia. Era quello il tempo necessario affinché i tedeschi potevano riorganizzarsi. A piedi ci portarono, poi, al più vicino posto ferroviario e là ci fecero salire su carri bestiame: 40 persone per ogni carro. Il carro aveva un piccolo finestrino con il filo spinato. In un angolo c era un bidone per i bisogni corporali. Quella terribile tradotta si fermava solo una volta al giorno in aperta campagna. I soldati ci facevano scendere per i nostri bisogni corporali, ma sempre inquadrati e sotto la costante minaccia di essere fucilato se qualcuno avesse cercato di fare il proprio bisogno un po più in là dall altro... Non ricordo quanti giorni durò questa via crucis: da Plevia a Minschi, senza fermarci in Germania andammo direttamente nella Biellorussia. Essendo trattato in quel modo brutale, costretto costantemente al silenzio, se volevi salva la vita, dovevi eseguire gli ordini, che venivano dati. Tutto questo provocava in me la perdita della cognizione del tempo: per questo non posso fornire date precise. Ricordo solo che non ci si fermava in Germania ma in Biellorussia al tempo ancora occupata dai tedeschi. A Minschi c erano dei grandi capannoni delle officine tedesche, dove per tre giorni si svolgeva il nostro apprendistato. Eravamo in un grande stanzone, sempre sotto una ferrea e minacciosa disciplina, c erano dei banchi di lavoro, 20

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16

1. Introduzione. 2. Gli obiettivi. 3. Il percorso 2015 16 1. Introduzione Il percorso genitori è il cammino che l AC diocesana ha preparato per valorizzare l esperienza associativa che i ragazzi vivono in ACR e per maggiormente condividere con le famiglie e la

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi

Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Ciao Musica! di Riccardo Nardozzi Sono nell aula, vuota, silenziosa, e li aspetto. Ogni volta con una grande emozione, perché con i bambini ogni volta è diverso. Li sento arrivare, da lontano, poi sempre

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Oltre il sesto giorno. I Incontro, 24 Novembre 2012

Oltre il sesto giorno. I Incontro, 24 Novembre 2012 GRUPPO FAMIGLIA L essere umano è stato creato ad immagine e somiglianza di Dio per amare e si realizza pienamente in se stesso solo quando fa dono sincero di sé agli altri. La famiglia è l ambito privilegiato

Dettagli

POESIE DAL CUORE. Concorso "Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco

POESIE DAL CUORE. Concorso Don Bosco 2012. Prendimi per mano... Don Bosco POESIE DAL CUORE Concorso "Don Bosco 2012 Prendimi per mano... Don Bosco di Matteo Melis, 3 a A (primo classificato) Proprio tu sei l amico più importante PeR ragazzi come me PiEno di ideali, desideri

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri.

CHI SI CURA DI NOI? Sviluppare atteggiamenti di attenzione e cura nei confronti degli altri. CHI SI CURA DI NOI? Nel libro della Bibbia si narra come da sempre Dio si prende cura dell uomo. Con l aiuto di alcune immagini riflettiamo su chi si preoccupa di noi e in che modo. Proviamo anche noi

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative

Codice Deontologico del Volontario adottato dalla Federazione Cure Palliative Art.5. Agisce senza fini di lucro anche indiretto e non accetta regali o favori, se non di modico valore. ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI Codice Deontologico del Volontario adottato

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di

Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia. GESU rimani sempre in mezzo a noi, Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di Parrocchia Maria SS. Immacolata Fiumefreddo di Sicilia GESU rimani sempre in mezzo a noi, per aiutarci a volerci bene, come TU vuoi a tutti noi. Giornata di spiritualità PRIMA COMUNIONE di 12 Iniziamo

Dettagli

Dal film Alla luce del sole

Dal film Alla luce del sole Dal film Alla luce del sole Don Pino ha capito quali sono le vere necessità della gente di Brancaccio. Non i compromessi con la mafia, non la prepotenza, non la smania di ricchezza per qualcuno, ma vivere

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola

Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola Riflessioni sul valore dell amicizia Ogni uomo è un isola - Nessun uomo è un isola La frase, tratta da un noto film con Hugh Grant ( About a boy ), apre la strada a importanti riflessioni sul valore a

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI

IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Titolo documento: IL LINGUAGGIO NELLE RELAZIONI GENITORI FIGLI Relatore/Autore: DON. DIEGO SEMENZIN Luogo e data: S. FLORIANO, 22 APR. 2001 Categoria Documento: Classificazione: Sintesi/Trasposizione di

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

L abc dell ACR.e non solo

L abc dell ACR.e non solo AZIONE CATTOLICA ITALIANA PARROCCHIA SANT IPPOLISTO M. L abc dell ACR.e non solo SCUOLA per EDUCATORI ACR Direi che essere educatori significa avere una gioia nel cuore e comunicarla a tutti per rendere

Dettagli

La preparazione remota dei giovani alla formazione delle famiglie cristiane Note su un esperienza. Consiglio Pastorale Diocesano Roma, 5 maggio 2005

La preparazione remota dei giovani alla formazione delle famiglie cristiane Note su un esperienza. Consiglio Pastorale Diocesano Roma, 5 maggio 2005 La preparazione remota dei giovani alla formazione delle famiglie cristiane Note su un esperienza Consiglio Pastorale Diocesano Roma, 5 maggio 2005 Fabio e Tiziana PANCI Parrocchia dell Assunzione di Maria

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

SOS GIOCO! ARTICOLO 31

SOS GIOCO! ARTICOLO 31 ARTICOLO 31 1. Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo ed allo svago, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età, ed a partecipare liberamente alla vita culturale

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO

FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO FESTA DEI CRESIMANDI CON IL VESCOVO GIANNI ATTIVITÀ A CATECHISMO INTRODUZIONE Le attività proposte in preparazione all incontro con il Vescovo Gianni hanno il loro orizzonte più ampio nei contenuti della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO

CONSIGLI PER IL VOLONTARIO ASSOCIAZIONE VOLONTARI ASSISTENZA PAZIENTI ONCOLOGICI MESTRE CONSIGLI PER IL VOLONTARIO INDICE Cosa fare pag. 4 Consigli pag. 7 Cosa non fare pag. 8 Codice deontologico del volontario pag. 10 Caro Amico,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Meditazione dettata da don Adriano Migliavacca, attuale Vicario generale della diocesi di Pavia, la sera del 12 Marzo 2001 nella parrocchia di Santa Francesca Cabrini in Lodi, in occasione degli esercizi

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità

competenze trasversali che permettano loro di affrontare con maggiore serenità Il percorso in quinta elementare La proposta di lavoro è finalizzata a sostenere gli alunni nella fase di passaggio alla scuola media. È necessario infatti un azione orientativa che aiuti gli alunni a

Dettagli

E festa quando tutta la famiglia si riunisce (nonni, zii, cugini) e si scambiano tanti bacini.

E festa quando tutta la famiglia si riunisce (nonni, zii, cugini) e si scambiano tanti bacini. BAMBINI SCUOLA MATERNA E festa quando si sta a casa da scuola e passo più tempo con mamma e papà. E festa quando tutta la famiglia si riunisce (nonni, zii, cugini) e si scambiano tanti bacini. E festa

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza,

Giornale degli Alunni della Scuola Media Virgilio Via Trebbia - CREMONA. Sono in terza media Che cosa provo? Preoccupazione, gioia, speranza, Noi in poche pagine Giornale degli Alunni della Scuola Media "Virgilio" Via Trebbia - CREMONA XVI EDIZIONE ~ ANNO 2014-2015 9 ottobre 2014 SOMMARIO SPECIALE CLASSE 3^B Ø RIFLESSIONI DEI PRIMI GIORNI DI

Dettagli

Secondo incontro: La mia esperienza d amore

Secondo incontro: La mia esperienza d amore Secondo incontro: La mia esperienza d amore Prima di addentrarci nel tema dell incontro sondiamo la motivazione dei ragazzi. Propongo loro un diagramma G/T. Tutti i ragazzi pensavano ad un esercizio di

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri.

1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) ATTIVITA Giochi, filmati, web, immagini, quadri. 1) Andare a visitare gli anziani all ospedale 2) Attività in gruppo: vengono proposte diverse immagini sull amore per discutere sui vari tipi di amore

Dettagli