RASSEGNA STAMPA giovedì 10 aprile 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RASSEGNA STAMPA giovedì 10 aprile 2014"

Transcript

1 RASSEGNA STAMPA giovedì 10 aprile 2014 ESTERI INTERNI LEGALITA DEMOCRATICA RAZZISMO E IMMIGRAZIONE SOCIETA BENI COMUNI/AMBIENTE INFORMAZIONE CULTURA E SCUOLA INTERESSE ASSOCIAZIONE ECONOMIA E LAVORO CORRIERE DELLA SERA LA REPUBBLICA LA STAMPA IL SOLE 24 ORE IL MESSAGGERO IL MANIFESTO L UNITÀ AVVENIRE IL FATTO REDATTORE SOCIALE PANORAMA L ESPRESSO VITA LEFT IL SALVAGENTE INTERNAZIONALE

2 L ARCI SUI MEDIA Da il Mattino.it del 09/04/14 Ciak, gli studenti girano: ecco Filmap, nuovo centro di produzione a Ponticelli Un progetto che nasce come risposta emergenziale ai vuoti istituzionali, culturali, sociali, familiari della periferia est di Napoli. FILMaP è un centro di formazione e produzione cinematografica che nasce a Ponticelli nella masseria Morabito, sede storica di Arci Movie, quale esito di un lavoro culturale e sociale che l associazione svolge da 25 anni sul vasto territorio della periferia orientale di Napoli. Arci Movie, nata nel 1990 per scongiurare la chiusura del cinema Pierrot, unica sala della zona orientale di Napoli, ha da sempre caratterizzato la sua azione di promozione sociale e culturale con cineforum, rassegne, arene estive, attività educative e formative. In particolare, i laboratori di cinema realizzati con i giovani e le scuole hanno incontrato da sempre una straordinaria partecipazione. Da qui l idea di un cinema leggero, promosso con la cooperativa Parallelo 41 Produzioni, realizzato con costi bassissimi, tecnologie digitali, troupe ridotte, location di strada, attori e talenti provenienti dalla realtà al fine di creare film scritti e diretti da ragazzi, coinvolti in prima persona in un ampio processo che, attraverso la dimensione del lavoro collettivo, tende a valorizzare le singole competenze. A questa esperienza, nel corso del tempo, si è affiancata la promozione del cinema documentario napoletano e nazionale, particolarmente vivace negli ultimi 15 anni, attraverso AstraDoc - Viaggio nel cinema del reale, rassegna sul documentario d autore che Arci Movie organizza dal 2009 in collaborazione con l Università degli Studi di Napoli Federico II ed il Coinor, riaprendo le porte dello storico Cinema Academy Astra di Napoli. Giunta alla sua V edizione, Astradoc è oggi per il pubblico napoletano e per i documentaristi italiani un appuntamento importante ed un apprezzata occasione di promozione delle loro opere. Di questo percorso educativo, formativo, produttivo e di difussione, FILMaP è il naturale sviluppo, prevedendo tre diverse attività: Movielab Laboratori gratuiti di cinema per bambini e ragazzi dai 10 ai 18 anni condotti da filmmakers napoletani, con oltre 200 partecipanti, 60 ore di didattica per ogni modulo, circa 40 scuole coinvolte e 20 cortometraggi da realizzare. I laboratori, concordati con le scuole e con il sostegno dei dirigenti scolastici e degli insegnanti, prevedono un alfabetizzazione al linguaggio cinematografico unita ad esercitazioni pratiche di ripresa e di montaggio. Durante lo svolgimento di ogni laboratorio, sotto la guida di docenti esperti, i ragazzi lavorano allo sviluppo di soggetti per la realizzazione di cortometraggi, di cui saranno protagonisti. I film realizzati saranno poi distribuiti attraverso i canali dei festival di riferimento. Tra i filmmakers coinvolti al momento, Lorenzo Cioffi, Claudio D'Avascio, Antonio Manco, Sebastiano Mazzillo e Marcello Sannino. Atelier di Cinema del Reale Percorsi gratuiti di formazione e produzione cinematografica per giovani dai 18 ai 28 anni, in un arco temporale che andrà da settembre 2014 a luglio 2015, articolati in 4 moduli con il coordinamento scientifico del regista Leonardo Di Costanzo, riservato a 16 partecipanti selezionati con bando pubblico. Previste 400 ore di full immersion formativa per un totale di 10 settimane con incontri giornalieri di 8 ore per 5 giorni a settimana; 22 giornate di master class con professionisti ed eccellenze del mondo del cinema; 10 settimane per l elaborazione dei film; 200 ore di stage da svolgersi presso i partner di produzione cinematografica del progetto; 20 film 2

3 documentari da realizzare con i partecipanti che saranno registi, operatori, montatori, tecnici del suono. Il percorso formativo, orientato al cinema documentario e condotto da Leonardo Di Costanzo, sarà per i giovani partecipanti una reale occasione di esperienza formativa, creativa e professionale da affrontare, con esperti dei vari settori, in tutte le sue parti, dall ideazione di un soggetto fino al montaggio. Al termine di questa prima fase ognuno dei partecipanti realizzerà un cortometraggio documentario. I partner produttivi, dopo la fase di formazione, seguiranno il percorso di sviluppo e realizzazione di 4 lungometraggi documentari con 4 troupe formate dai 16 partecipanti e seguite da esperti e tutor con professionalità riconosciute. L Atelier si concluderà con una presentazione pubblica di tutte le opere realizzate, che, grazie al coinvolgimento di partner distributivi, saranno diffuse attraverso i circuiti nazionali ed internazionali dei festival di cinema. Service e produzioni Punto di riferimento tecnico per la produzione con noleggio di attrezzature e personale specializzato. Il progetto prevede l acquisto di attrezzature di ripresa e montaggio professionali, che permetteranno di produrre lavori audiovisivi di alta qualità, fino al formato 4k, ed utilizzabili sia per la realizzazione di film documentari che di film di finzione. Grazie alla costituzione di un parco di strumenti tecnici digitali, FILMaP ambisce a diventare un polo culturale di riferimento non solo sul territorio napoletano e campano, ma anche su quello nazionale e internazionale, con il coinvolgimento di partner diversi per competenza e specificità. Quattro sono le società di produzione cinematografica che parteciperanno attivamente: Indigo film, Oscar con La grande bellezza di Paolo Sorrentino; Figli del Bronx, Leone d Oro come Miglior Opera Prima alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia con La-Bas di Guido Lombardi; Parallelo 41 Produzioni, Miglior Opera Prima al Festival Internazionale Cinemà du Reel di Parigi con Il Segreto di Cyop&Kaf; ed infine Teatri Uniti, produttrice del film documentario 394 Trilogia nel Mondo sulla tournée teatrale mondiale di Toni Servillo. Inoltre, l associazione Cinema e Diritti, che promuove il Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli, il Festival Prix Jeunesse di Monaco di Baviera e l associazione nazionale di cultura cinematografica UCCA (Unione dei Circoli Cinematografici Arci), per garantire una circuitazione delle opere realizzate. Infine, la Mediateca Il Monello di Napoli, con un patrimonio di oltre 7000 film a disposizione gratuita, e numerosi istituti scolastici, interlocutori primari per quanto riguarda lo svolgimento dei laboratori di cinema dedicati ai bambini e ai ragazzi. Da Redattore Sociale del 09/04/14 Sopravvissuto al massacro di Sabra e Chatila, racconta la sua storia in un libro Nidal Hamad, palestinese sopravvissuto alla strage del 1982 in Libano in cui ha perso una gamba, è stato curato all Istituto ortopedico Rizzoli, insieme a oltre 50 feriti. Domani presenterà a Bologna la raccolta di racconti L alba degli uccelli liberi BOLOGNA Nato in un campo profughi in Libano da una famiglia palestinese in fuga dalla Galilea occupata, Nidal Hamad è rimasto ferito durante l invasione israeliana del Nel massacro di Sabra e Chatila che provocò migliaia di morti e di feriti, Hamad perse una gamba. Il Comune di Bologna rispose alla richiesta di aiuto da parte di palestinesi e libanesi e ospitò e curò a sue spese oltre cinquanta feriti. Tra di loro c era 3

4 anche Hamad, che fu ricoverato all Istituto ortopedico Rizzoli. Da quell esperienza è nato il libro di racconti L alba degli uccelli liberi. Scrittore e giornalista, Hamad oggi vive a Oslo dove è presidente della comunità palestinese di Norvegia. Il 10 aprile Nidal Hamad parteciperà a Dalla Palestina con Bologna nel cuore, evento promosso da Assopace Palestina Bologna con il circolo Arci e con il patrocinio dell Istituto ortopedico Rizzoli e della Fondazione Carisbo. Sarà l occasione per ricordare quella vicenda e per parlare della situazione attuale in Palestina, dice Roberto Morgantini di Assopace Palestina Bologna. Nidal Hamad sarà intervistato da Franco Di Giangirolamo. Saranno le parole del poeta palestinese Mahmoud Darwish, lette dall attore Fiorenzo Fiorito, ad accompagnare il racconto dell esperienza bolognese di Nidal Hamad. L incontro si tiene il 10 aprile alle 18 nella Sala Vasari dell Istituto Rizzoli (via Pupilli, 1 ingresso dall area ospedaliera). 4

5 ESTERI del 10/04/14, pag. 12 Palestina, Kerry critica lo stop di Israele ai colloqui Gerusalemme decide il blocco dei contatti con l Anp Gli Usa: falliscono i negoziati di pace Umberto De Giovannangeli L ira statunitense non fa breccia nelle granitiche certezze di Benjamin Netanyahu. Le affermazioni critiche da parte del segretario di Stato John Kerr y sulle ragioni che hanno determinato lo stop ai negoziati di pace con l Autorità nazionale palestinese di Mahmoud Abbas (Abu Mazen) hanno scatenato la reazione del primo ministro dello Stato ebraico. Netanyahu passa alla controffensiva. In una duplice direzione: Washington e Ramallah. Al «moderato» Abu Mazen, Netanyahu imputa di voler scatenare il secondo tempo della sua «intifada diplomatica», minacciando di chiedere di far parte di 15 organismi internazionali legati alle Nazioni Unite. Per i falchi di Gerusalemme si tratta di una provocazione inaccettabile. Ecco allora le contromisure, BRACCIO DI FERRO «Bibi» ordina a tutti i suoi ministri di interrompere qualsiasi relazione, dialogo, negoziazione, con i loro omologhi palestinesi. L Anp «deve pagare un prezzo alto» per le sue «provocazioni» unilaterali, avverte il ministro degli Esteri israeliano, Avigdor Lieberman. Da Ramallah si prova a minimizzare ma l impatto più pesante che l «ordinanza» di Netanyahu potrebbe avere riguarda la possibilità pressoché una certezza, di uno stop all erogazione del trasferimento delle tasse raccolte da Israele per conto dell Autorità palestinese. Si tratta di un a somma che si aggira attorno ai cento milioni di dollari, vitali per pagare gli stipendi a i funzionari e dipendenti pubblici dell Anp. Non basta, l intesa mediata nel novembre scorso dal segretario di Stato Usa, faceva sì che Israele s impegnasse a liberare in quattro fasi 104 palestinesi detenuti prima degli accordi di Oslo del 1993, in cambio della disponibilità palestinese a tenere in sospeso ogni iniziativa di adesione a organizzazioni internazionali fino al termine dei colloqui, il prossimo29 aprile. Ma anche questa mediazione è saltata. Lo scontro è totale. Ed è uno scontro che riguarda non solo i rapporti tra Israele e la leadership palestinese di Abu Mazen, ma anche, e per certi versi soprattutto, i rapporti tra Gerusalemme e Washington. La Casa Bianca non ha nascosto la crescente irritazione del presidente Obama verso l atteggiamento del governo israeliano, ritenuto «troppo chiuso» rispetto alla necessità di dare segnali concreti all Anp di disponibilità a trattare, almeno su due punti chiave: il blocco della politica di colonizzazione degli insediamenti nei Territori, e il mantenimento degli impegni assunti sulla liberazione dei detenuti palestinesi. Ora l eterna partita del negoziato sembra azzerarsi. Il linguaggio che torna a dettar legge è quello della forza. Gli innumerevoli tour diplomatici di Kerry in Terrasanta non hanno prodotto risultati. «La misura è colma», è sbottato nei giorni scorsi Obama. Ma da Gerusalemme, gli «alleati» israeliani non intendono mollare. La destra non ha mai amato Barack Hussein Obama, considerandolo troppo attento alle invocazioni arabe. Eallora se braccio di ferro deve essere, che sia. Via libera ad un piano di costruzione di altre 708 unità abitative a Gerusalemme Est, e un aut aut a Ramallah: chiedere di essere parte di organismi internazionali è per Netanyahu una forzatura politica che rasenta il ricatto. E Israele, ribadiscono fonti vicine al premier, ai ricatti non si è mai chinato. E poco importa se questa «legge non scritta» faccia 5

6 imbestialire l amministrazione Obama. D altra parte, Netanyahu sa di poter contare su una trasversale «lobby israeliana» al Congresso. Quegli «amici», democratici e repubblicani, non tradiranno mai. del 10/04/14, pag. 7 No alla maratona di Palestina, Israele ferma la corsa di al Masri Israele/Territori Occupati. L'atleta assieme ad altri 30 abitanti di Gaza doveva partecipare alla maratona della Palestina in programma domani a Betlemme. Sullo sfondo le restrizioni sempre più rigide che paralizzano lo sport palestinese Benyamin Netanyahu, a fronte della crisi nei negoziati, ha ordinato la sospensione della cooperazione civile con l Anp di Abu Mazen e nuove sanzioni sono attese nei prossimi giorni. Una prospettiva che, forse, preoccupa i dirigenti dell Anp ma che non spaventa la popolazione palestinese sanzionata tutti i giorni dall occupazione israeliana, in tanti aspetti della vita quotidiana. Incluso lo sport. Domani si corre la Maratona della Palestina dalla Chiesa della Natività di Betlemme al Muro, passando per i campi profughi di Aida e Deheishe fino al villaggio di Khader e le autorità israeliane impediranno la partecipazione agli atleti di Gaza. Come nel Motivo? Per ragioni di sicurezza, ma le autorità militari e i giudici dell Alta Corte israeliana non hanno fornito spiegazioni. Il giudice Daphne Barak-Erez ha detto soltanto che la magistratura non può intervenire sulle decisioni discrezionali del Ministero della Difesa. Tra gli atleti di Gaza bloccati dagli israeliani c è anche l olimpionico Nader al-masri, 34 anni, che vanta una partecipazione a Pechino Al Masri ha viaggiato non poco in questi ultimi anni, ha preso parte a maratone in vari paesi e ha superato senza problemi le procedure e i rigidi controlli di sicurezza dei giochi olimpici in Cina. Per Israele invece è un pericolo, non idoneo per la trasferta in Cisgiordania, distante poche decine di chilometri da Gaza. «Mi sono preparato per due mesi alla maratona di Betlemme, sapendo di poter lottare per il primo posto. Per allenarmi ho percorso su e giù i 45 km di lunghezza di Gaza e al momento decisivo Israele mi dice che non posso andare a Betlemme. E senza alcun motivo. Sono solo un atleta, pratico uno sport e non faccio nulla di male», ci dice al Masri che vive a Beit Hanun, a nord di Gaza. «La verità è che (gli israeliani) ci vogliono tenere chiusi in una gabbia, bloccarci dentro Gaza, impedirci di vivere. Eppure non ci arrenderemo, continueremo a chiedere i nostri diritti, anche quello di praticare uno sport», aggiunge al Masri con tono fermo. A nulla è servito il tentativo di far revocare il divieto da parte dell ong israeliana Gisha impegnata a monitorare le violazioni ai valichi tra Israele e i Territori palestinesi occupati. «Nader al-masri è l ennesima vittima della politica di separazione e di decisioni arbitrarie che ogni giorno colpiscono decine di migliaia di palestinesi», ha protestato Gisha, ricordando che Israele, sulla base degli accordi di Oslo del 1994 deve garantire la partecipazione dei palestinesi alle competizioni sportive. E alle restrizioni israeliane si aggiungono quelle altrettanto pesanti che ha introdotto l Egitto nei confronti della popolazione di Gaza. Ne sa qualcosa un altro atleta, Bahaa al Farra, compagno di corse di Nader al Masri. Nell agosto 2012 ha preso parte ai giochi olimpici di Londra, ora è prigioniero a Gaza. Gli egiziani non lo fanno uscire da valico di Rafah, gli israeliani da 6

7 quello di Erez. Bahaa al Farra spera di gareggiare nelle Olimpiadi del 2016 in Brasile, mancano ancora due anni ma a Gaza pochi credono la situazione cambierà sensibilmente nei prossimi 24 mesi, specie nei rapporti con l Egitto. La carriera sportiva è sicuramente terminata per Jawhar Nasser, di 19 anni, e Adam Halabiya, di 17 anni. Questi due ragazzini, promesse del football palestinese, non potranno mai più giocare a calcio. Lo scorso 31 gennaio, al termine di un allenamento nello stadio Faisal Husseini di Ram (Gerusalemme), sono stati sparati nei piedi e nelle gambe dai soldati israeliani di guardia a un posto di blocco. Secondo la versione dei militari i due ragazzi avevano cercato di attaccare la loro postazione. Le due vittime ripetono che i soldati hanno sparato loro senza nemmeno lanciargli un avvertimento e sospettano che le forze armate israeliane sapessero bene che erano due calciatori poichè hanno sparato loro appositamente sui piedi. A Jawhar cinque proiettili su un piede e sei sull altro, ad Adam una pallottola per piede. Una precisione chirurgica. I palestinesi hanno chiesto l espulsione della Federazione israeliana dalla Fifa. del 10/04/14, pag. 7 Nucleare, a Vienna si volta pagina Iran. Gli Usa bocciano la nomina di Aboulatebi. La guida suprema, Ali Khamenei ha assicurato che l Iran non rinuncerà mai al suo programma nucleare Giuseppe Acconcia La guida suprema, Ali Khamenei ha assicurato che l Iran non rinuncerà mai al suo programma nucleare. «Nessuno potrà fermare le conquiste nucleari iraniane», ha aggiunto Khamenei per contenere le polemiche sollevate dai radicali iraniani, contrari all intesa di Ginevra. Nonostante le parole di Khamenei, l accordo sul programma nucleare iraniano potrebbe essere a portata di mano. Proprio ieri si è chiuso a Vienna il terzo round negoziale tra autorità iraniane e P5+1 (paesi del Consiglio di sicurezza delle Nazioni unite e Germania) per la definizione dell intesa tecnica che attui l accordo temporaneo, raggiunto a Ginevra il 24 novembre scorso, mettendo fine a dieci anni di contenzioso con la comunità internazionale. Il prossimo round negoziale si terrà a Vienna il 13 maggio prossimo. Alla fine dei colloqui, Catherine Ashton ha parlato dell avvio di una nuova fase con la stesura scritta dell intesa. Secondo l Alto rappresentante della politica Estera dell Unione europea, spesso scettica per un raggiungimento di un intesa definitiva con Tehran, è necessario ancora un «lavoro intenso». Più ottimista è apparso il ministro degli Esteri iraniano, Javad Zarif. «Abbiamo raggiunto un accordo sul 60% della bozza», ha ammesso. I punti controversi dell accordo riguardano la cancellazione graduale delle sanzioni internazionali contro la Repubblica islamica e il futuro del reattore ad acqua pesante di Arak. I negoziati erano arrivati ad un momento di stallo nei mesi scorsi con l inasprimento della crisi in Ukraina che ha causato tensioni tra la Russia e gli altri paesi coinvolti nei colloqui. I negoziati di Vienna erano partiti in salita. Proprio ieri, il Senato degli Stati uniti aveva votato all unanimità contro il gradimento all ambasciatore iraniano alle Nazioni unite, nominato da Tehran, Hamid Aboutalebi, che aveva preso parte al rapimento di 52 cittadini americani nell ambasciata Usa a Tehran nel Aboutalebi ha assicurato in un intervista di non aver partecipato al rapimento ma di aver solo facilitato il rilascio, intervenendo come 7

8 traduttore. Dal canto loro, le autorità iraniane hanno definito «inaccettabile» il rifiuto degli Usa di approvare la nomina. Intervenendo sulla vicenda, Khamenei aveva assicurato che non ci potrà mai essere accordo completo fra Iran e Stati uniti. «Il governo Usa fa ricorso alla scusa dei diritti umani», ha aggiunto in un tweet la guida suprema. Il segretario di Stato Usa, John Kerry aveva dichiarato ieri al Congresso che Washington sarebbe pronta a imporre nuove sanzioni nei confronti dell Iran non solo contro il programma nucleare, ma anche in riferimento alle «violazioni dei diritti umani e al sostegno al terrorismo». A complicare le cose, ieri anche il parlamento europeo aveva duramente criticato le autorità iraniane, definendole non democratiche. Nel testo si punta il dito contro la «violazione permanente e sistematica dei diritti fondamentali» e la necessità che le delegazioni europee incontrino in Iran rappresentanti delle opposizioni politiche. del 10/04/14, pag. 1/31 Se la Turchia è una potenza con l immunità BARBARA SPINELLI ISTITUITA nel 1949 per unire Europa e America nella guerra fredda, la Nato sta diventando uno strumento spesso pernicioso, che sopravvive nel disorientamento, implicato in conflitti armati fallimentari. Alla sua guida una potenza Usa poco disposta a immettersi in un mondo multipolare, impelagata costantemente in manovre torbide, abituata a suscitare spettri che poi non controlla. ALCUNI Stati membri Turchia in testa usano la Nato per dilatare nazionalismi e squilibri regionali senza mai doverne rispondere. Non incarnando più una linea chiara, l Alleanza andrebbe sciolta e l idea d occidente ridiscussa sul serio: nessuno lo fa.è quanto si evince dall inchiesta, pubblicata ieri nel nostro giornale e come sempre accuratissima, condotta da Seymour Hersh sulla recente crisi siriana. Al centro dell indagine: la guerra sventata per un pelo contro Damasco, nell autunno scorso, e la maniera in cui l amministrazione Usa ha rischiato di cadere in una trappola che si era confezionata con le proprie mani. Una trappola congegnata dal governo Erdogan, in congiunzione con regimi che l occidente s ostina a ritenere amici (Arabia Saudita, Qatar) e assecondata agli esordi dallo stesso Obama. Tutti ricordiamo l incidente che quasi trascinò America e Europa in un ennesima guerra, nel All origine, un micidiale attacco con armi chimiche (il sarin), il 21 agosto nelle periferie di Damasco, che fece centinaia di morti. Fu subito accusato il governo siriano, e Obama dichiarò che la Linea Rossa, da lui fissata il 20 agosto 2012, era stata sorpassata. L intervento militare fu presentato come ineludibile, e il governo inglese e quello francese assentirono (il ministro Bonino annunciò che l Italia non avrebbe partecipato, senza un mandato del Consiglio di sicurezza dell Onu). Come in Iraq, mancavano tuttavia prove evidenti delle colpe di Assad. L occidente e la Nato sono rapidi a parlare; lenti a comprendere gli intrichi regionali, oltre che a imparare da sbagli passati. Ubriacati dalle rivoluzioni arabe, non avevano calcolato le loro degenerazioni islamiche, bellicose. Avevano spento Gheddafi creando caos, e il disastro minacciava di ripetersi, amplificato, a Damasco. Inutilmente lo spionaggio americano aveva fornito le prove, sin dalla primavera del 2013, che l esercito siriano non era l unico a possedere il gas nervino. La Casa Bianca prima ignorò l avvertimento, poi fu presa dai dubbi, poi cambiò di nuovo idea e presentò l ipotesi dell attacco siriano come un fatto incontrovertibile che giustificava la rappresaglia. Proprio come era avvenuto in Iraq, ai 8

9 tempi di Bush jr. O in occasione dell incidente del Golfo del Tonchino nel 64, quando Johnson s inventò un offensiva viet-cong per scatenare bombardamenti del Vietnam del Nord. Hersch constata il barcollare nefasto dell amministrazione Usa, in Siria. Ingenti quantitativi di gas nervino sono finiti nelle mani del Fronte Al-Nusra, la fazione jihadista presente nel movimento anti-assad. Tra i principali fornitori c era Erdogan (tramite l azienda turca Zirve Export), e le consegne vennero organizzate all inizio del 2012 in accordo con Arabia Saudita e Qatar, con l assidua assistenza americana e dei servizi britannici. Si trattava di piegare l Iran, alleato chiave di Damasco, e a questo scopo Washington consentì a incanalare armi chimiche in provenienza dagli arsenali di Gheddafi in Libia. Quando Washington cominciò a tergiversare, nel 2013, l asse turco-saudita si diede un obiettivo preciso: «fabbricare» un attacco chimico di vaste proporzioni, attribuirlo a Assad, e mettere nell angolo Obama stringendolo nella morsa della Linea Rossa. Nell ultima fase dell operazione Obama tentò una marcia indietro, cercando di divincolarsi dall accordo segretamente concluso con i tre «amici» dell occidente: con la Turchia membro della Nato, e con Arabia Saudita e Qatar. Fu a quel punto che Erdogan, sentendosi abbandonato, ordì l eccidio del 21 agosto. L orrore causato dall uso del sarin nei sobborghi di Damasco avrebbe indotto la Casa Bianca a rientrare nei ranghi e a proclamare infranta la Linea Rossa. Cosa che Obama fece, anche se ancora una volta, alla fine, tornò sui suoi passi: accolse la promessa siriana di smantellare le armi chimiche, accettò la mediazione di Putin, e fermò l offensiva contro Damasco. C è qualcosa di marcio in occidente e nella Nato, se un paese membro può impunemente, addirittura tramite carneficine, portare l Alleanza sul bordo della guerra. Se l impunità impedisce che la verità venga alla luce: la verità di un America incapace di imbrigliare le deviazioni violente di propri alleati, e l uso che vien fatto della Nato come scudo, e come scusa. E c è del marcio nell Unione europea, che da anni tratta con Ankara senza mai indagare sulle sue condotte di potenza regionale irresponsabile. Erdogan ha vinto di nuovo le elezioni, il 30 marzo, e subito ha minacciato gli oppositori interni ed esterni senza tema d esser redarguito: «Chi ha attaccato la Turchia è rimasto deluso, e da domani può essere che qualcuno scapperà. Noi però entreremo nei loro covi, e loro pagheranno il prezzo». Questo significa che nessuna istituzione occidentale Nato o Unione europea è in grado di garantire un ordine nel mondo, come pretende. È vero piuttosto il contrario: ambedue stanno divenendo garanti del caos, e di manovre che mal-governano e neppure capiscono. Continuano a considerare Siria e Iran grandi nemici, e non si rendono conto che stanno invischiandosi in un Grande Gioco a fianco di alleati inaffidabili (Turchia, Arabia Saudita, Qatar), il cui primo interesse strategico è regolare i conti con l Islam sciita. La cosa più inquietante è la volubile incompetenza degli Stati Uniti, nel Grande Gioco. Solo in parte dominano la storia che fanno, divisi tra establishment militare, servizi, ideologi politici. Washington precipita spesso in imboscate di cui si libera a stento (quando si libera, ricade nel vecchio bipolarismo russo-americano). Lo si è visto in Iraq, Afghanistan, Libia. Appena due giorni prima dell attacco che aveva programmato in Siria Obama chiese l approvazione del Congresso, e fu il primo segno di un ritiro volontario dall operazione turco-saudita, opportuno ma umiliante. Lo stesso era successo nell ormai irrilevante Inghilterra: Cameron s era già armato di tutto punto, e il 30 agosto 2013 il Parlamento votò contro e lo svestì. L accumularsi di simili incidenti dovrebbe spingere l Europa a dotarsi di una comune politica estera e di difesa, che non sia al traino della sempre più fiacca, ingabbiata potenza Usa. Dal 2005 Bruxelles negozia con Ankara, rinviando continuamente l ingesso nell Unione, ma la questione decisiva non l affronta: in Europa non si entra con un intatta sovranità assoluta, e questo nessuno s azzarda a dirlo a chi si candida all adesione 9

10 (analogo errore fu commesso nell allargamento a Est). Non si entra neppure senza la memoria dei propri misfatti: nel caso turco, il genocidio degli armeni nel Non è una questione minore, visto che Erdogan non esita a produrre e distribuire nel mondo il gas nervino, e a provocare massacri pur di raggiungere sotto l ombrello della Nato le proprie mire nazionaliste. Il caso siriano e la trappola turco-saudita (originariamente turco-saudita-americana) confermano che l ordine mondiale non può più essere affidato alla sola e imprevedibile leadership Usa. Il nuovo ordine ha da essere multipolare, e l Europa dovrà, in esso, conquistarsi un suo spazio. L attacco occidentale contro la Siria è stato cancellato all ultimo minuto, ma casi simili possono riprodursi, e che le cose erano marce lo si saprà sempre troppo tardi. Troppo tardi si apprenderà che Occidente è parola piena di strepito, buoni propositi, vista corta, e anche inciviltà. del 10/04/14, pag. 17 L ultimatum di Kiev ai filorussi 48 ore per risolvere la crisi Ma Putin avverte: «Non fate errori» MOSCA Il governo di Kiev ha deciso di minacciare il ricorso alle maniere forti per liberare gli edifici pubblici occupati in due città dell Est, Luhansk e Donetsk. Dentro i palazzi non ci sarebbero ostaggi, come le autorità avevano detto in un primo momento, ma ingenti quantità di armi. «Una soluzione si troverà in ogni caso entro le prossime 48 ore» ha annunciato ieri il ministro dell Interno. Alcuni degli occupanti, una cinquantina, hanno spontaneamente abbandonato l impresa, mentre altri hanno rinforzato le difese con filo spinato e bottiglie incendiarie pronte all uso. «La minoranza che vuole lo scontro avrà una risposta decisa da parte delle autorità ucraine» ha ammonito il ministro. Questo mentre la diplomazia internazionale è al lavoro per organizzare un incontro tra tutte le parti per la settimana prossima. Gli Stati Uniti avevano già annunciato una data, ma il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov frena, perché vuole che al vertice partecipino anche rappresentanti delle regioni in rivolta e che si parli della nuova costituzione che Kiev dovrebbe varare. Sia Lavrov sia il segretario di Stato John Kerry si sono intanto appellati a tutti gli ucraini per evitare il ricorso alla violenza. Ma la tensione non scende, anche perché da tutte le parti continuano ad arrivare dichiarazioni che vengono giudicate provocatorie dagli interlocutori. «Spero che le autorità provvisorie non faranno niente di irreparabile» ha dichiarato per esempio Putin. A Mosca si è parlato delle forniture di gas in una riunione di Vladimir Putin con il governo trasmessa in parte dalle televisioni. Come se la cosa fosse stata orchestrata, ha iniziato il ministro dell Energia il quale, con aria seria, ha comunicato che gli ucraini «non hanno pagato il debito di 2,2 miliardi di dollari». Poi ha preso la parola l ex delfino di Putin, Dmitrij Medvedev, che negli anni passati era stato visto come il possibile «democratizzatore». Medvedev, che ora è primo ministro, ha interpretato il classico ruolo del poliziotto cattivo dei telefilm. «Veramente, ha esordito, il debito complessivo è di 16,6 miliardi. Perché il gas non pagato ammonta a 2,2; poi ci sono i 3 miliardi del mutuo; quindi 11,4 miliardi di anticipo di sconto e di mancato profitto per la Russia». Questo, dunque, calcolando la prima fetta dell accordo da 15 miliardi che aveva spinto l ex presidente ucraino ad allontanare il suo Paese dall Europa. E con un curioso ragionamento sull annessione della 10

11 Crimea: visto che ora la base della marina russa a Sebastopoli non è più in territorio ucraino, salta l intesa sull affitto e quindi Kiev deve restituire tutti i soldi incassati dall inizio. Putin ha quindi riassunto la situazione: «Dunque Gazprom fornirà solo il gas pagato con un mese di anticipo». E, da bravo padre di famiglia, ha proposto la sua mediazione: «Chiederei al governo e a Gazprom per ora di astenersi dall applicare queste norme previste dal contratto. In attesa di consultazioni con i partner». Naturalmente se la controparte si comporterà bene. Cioè come vuole il Cremlino. Fabrizio Dragosei del 10/04/14, pag. 18 Fra gli eredi di Stakhanov in rivolta. Quelli di Kiev non ci fanno paura, siamo pronti a combattere Ultimatum ai filo-russi per sgomberare i palazzi governativi. Mosca: Pagate il gas in anticipo Nelle miniere di Donetsk La Madre Russia è il nostro destino NICOLA LOMBARDOZZI DAL NOSTRO INVIATO GORLOVKA (UCRAINA) L ULTIMA boccata d aria prima di scomparire a più di un chilometro sottoterra, sa di uova marce e di un fumo tanto denso da poterlo masticare. È un regalo delle decrepite e sforacchiate ciminiere del vicino impianto chimico per tutti i mille e duecento minatori della Gaevogo, orgoglio della produzione carbonifera del Donbass e anima della rivolta che sta spezzando in due l Ucraina. Fazzoletto sul volto, occhi lucidi, tosse profonda, Yurij, biondo e muscoloso quarantenne, si guarda intorno e prova a mostrarsi sicuro di sé: «Ancora pensate che a gente come noi possano fare paura la polizia ucraina o quegli sciacalli di Kiev? Vogliono attaccarci? Ci hanno dato un ultimatum di 48 ore per sgomberare i palazzi governativi? Peggio per loro». Da giorni, da quando è cominciata la protesta dei filo russi in tutta l Ucraina dell Est, Yurij si fa ogni giorno i suoi turni di sei ore in fondo al pozzo. Scava, il più possibile perché il salario (in media di 900 euro) è legato alla produzione e perché in giornate come queste basta qualche minuto di ritardo per rischiare il licenziamento da parte dell azienda statale ucraina che dirige le miniere. Poi torna a casa, nella sua baracca con il tetto di lamiera, e un orto devastato da una polvere grigiastra che impregna tutta la campagna. Un paio di ore di riposo e poi un altro turno questa volta volontario. Insieme alla moglie Irina, sulla piccola Lada rossa comprata a rate, Yurij attraversa 45 chilometri di campagne incolte, capannoni industriali e case popolari sovietiche per montare la guardia, con tanti altri colleghi, alla sede degli uffici regionali del capoluogo Donetsk occupati dai russi che vogliono l indipendenza da Kiev. O almeno una autonomia tale da garantire loro «sopravvivenza e dignità» come ripetono nelle innumerevoli discussioni che si fanno a tutte le ore a Mariupol, Artemivsk, Sloviansk e in tutta la valle satura di carbone del fiume Donec. Strani tipi di lavoratori questi minatori del Donbass. Aria dimessa, poche chiacchiere, una sorta di rassegnazione allo sfascio delle strutture, alla povertà dei salari, alla spaventosa insicurezza degli impianti che tra esplosioni e fughe di gas avrebbero fatto quasi 11

12 cinquemila morti in vent anni. Ma quando si tratta di politica interna, degli equilibri tra minoranze, e dell orgoglio russo, cambia tutto. Il dibattito si fa intenso, la partecipazione totale. Te ne accorgi proprio all ingresso della Gaevogo. Sul piazzale attraversato dai binari e delineato da quattro monumentali palazzi in stile sovietico. I minatori entrano da questi giganteschi portoni neoclassici più adatti a un ufficio che a una miniera di carbone. Anche all interno l effetto è più ministeriale che industriale: un grande atrio con lucernario, bandiere, busti di autorità dimenticate. E gli immancabili pannelli fotografici con immagini ingiallite di personaggi sorridenti con le grigie giacche sovietiche ricolme di medaglie. Sembrano antichi esponenti del Politburo o cosmonauti degli anni Sessanta. Sono invece minatori pluripremiati negli anni per i loro record di estrazione. Seguaci del conterraneo Stakhanov entrato nella storia, e in tutti i vocabolari del Pianeta, nel lontano Prima di attraversare tutto l atrio, accedere agli spogliatoi, alle docce e, finalmente, «all ascensore per l inferno», ci si ferma nell ufficio della propria sezione a fare il punto. È qui che il dibattito raggiunge il top. Dalla porta aperta della sezione numero 17 si sentono parole forti. Si commenta il rialzo, quasi il raddoppio, del prezzo del gas all Ucraina e la decisione di Mosca di imporre il pagamento con un mese di anticipo delle forniture: «Kiev non può permetterselo, non ha vie d uscita. Qualche mese ancora e poi l economia ucraina finirà a pezzi». Il capo sezione Sergej, 52 anni, riceve nel suo ufficio in perfetto stile sovietico tra targhe di bronzo, mobili dozzinali e incredibili tendine rosa con ricami floreali. Parla come un soldato: «Credo che il conflitto armato sia molto probabile. E sono pronto. Ho combattuto in Nagorno Karabakh con l Armata Rossa, posso tornare a farlo per il mio Paese». E spiega le ragioni dei russi: «Mio padre venne qui per guadagnare, come adesso si va in Siberia a lavorare nei pozzi di petrolio. Incontrò mia madre e sono nato io. Non voglio la guerra. Mi accontento di una repubblica federale che consenta alla nostra regione di continuare i commerci con la Russia. L Europa non sa che farne del nostro carbone né dei nostri metalli. Chiudere tutto questo porterebbe al caos totale». Razionali, forse meglio informati sulle strategie di Mosca, i minatori non si lanciano come altri manifestanti in desideri apparentemente impossibili come l annessione alla Russia o la divisione in due del Paese. «Il federalismo ci basta. Certo invidiamo la Crimea, sappiamo che in Russia guadagneremmo di più, ma non vogliamo rompere con l Ucraina. Vogliamo solo convincere Kiev a prenderci sul serio». Salvo reagire in caso di azioni di forza della polizia. Ma con quali armi? Con quale organizzazione militare? Sergej si illumina in un sorriso marziale: «Di questo, per il momento, non è ancora il caso di parlare. Speriamo». del 10/04/14, pag. 13 L India va alle urne Trema la dinastia Gandhi Gabriel Bertinetto Ieri è toccato a Nagaland, Manipur, Arunachal Pradesh e Meghalaya, tutti Stati del nordest, come l Assam e il Tripura che erano già andati alle urne lunedì. Domani sarà il turno del Mizoram. E poi, a scaglioni, altri seggi apriranno il 12, 17, 24, 30 aprile, e ancora il 7 e 12 maggio. Così si svolgono le elezioni in India. Non è una novità. È piuttosto una necessità, imposta dai tempi che servono a ridislocare esercito e polizia da un parte all altra dell immenso territorio per garantire ovunque condizioni di voto sufficientemente 12

13 sicure. Ci vorrà dunque ancora più di un mese per sapere se i nazionalisti del Bharatiya Janata (Bjp) subentreranno al Congresso nel governo del Paese. Così prevedono i sondaggi, che in India però sbagliano sovente. L esito delle parlamentari tra l altro questa volta interessa in maniera particolare l Italia, perché influirà sulla vicenda dei due marò nostri connazionali che sono trattenuti a Delhi per l uccisione di due pescatori scambiati per pirati del mare. Chiunque prevalga, la sorte di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, sarà finalmente svincolata dagli opportunismi elettoralistici che hanno probabilmente condizionato finora le scelte e le non scelte delle autorità locali nei loro confronti. INCUBO CORRUZIONE Campagna elettorale come sempre caldissima in India. Polemiche, scambi di accuse. E un tema al centro dell interesse nazionale: la corruzione. Tutti promettono di sradicarla, ma qualcuno fa più fatica a essere convincente, ed è il partito del Congresso. Che ha governato da solo o con altri per 54 anni dei 67 trascorsi dall indipendenza. Devastanti per la sua immagine gli ultimi quattro anni in cui la rabbia popolare per le mille piccole e grandi tangentopoli è esplosa. Diventando movimento d opinione, mobilitazione di massa, e infine organizzazione politica. Fra i partiti in gara infatti, l Aam Aadmi Party (letteralmente il Partito dell Uomo Comune) di Arvind Kejriwal chiama i cittadini a raccolta intorno a un unico obiettivo: punire severamente i corrotti e spezzare il legame che secondo loro tiene strettamente avvinghiati gli uni agli altri i leader dei partiti tradizionali, buona parte del mondo degli affari e la grande stampa. Quattro mesi fa Kejriwal fra la sorpresa generale ha conquistato la maggioranza relativa nelle elezioni locali a Delhi, la capitale. E ha subito sperimentato quanto fosse difficile mettere in atto i suoi propositi riformatori, incontrando l opposizione di tutte le altre formazioni politiche contro il progetto di nominare una figura indipendente che indagasse su amministratori pubblici e affaristi privati accusati di reati contro il patrimonio statale. Dopo 49 giorni ha gettato la spugna rinunciando alla carica di governatore. La sua popolarità da allora è però andata aumentando. Ecco perché molti analisti vedono nell Aam Aadmi una forza in grado di sconvolgere l equilibrio bipolare imperniato sul Congresso e sul Bjp. Quest ultimo partito, se i pronostici saranno rispettati, conquisterà la maggioranza relativa dei seggi. Per formare un governo avrà però bisogno di stringere alleanze con qualcuno degli undici partiti regionali, che al momento sono coalizzati fra loro, ma come è spesso accaduto in passato, si muoveranno poi in ordine sparso a elezioni concluse. Qualcuno schierandosi all opposizione, altri saltando sul carro del vincitore. Il potere condizionante delle forze regionaliste è parte integrante della fisiologia politica indiana, quasi una regola del gioco. In questo contesto il probabile successo del partito anti- corruzione potrebbe inserire un elemento di disturbo rilevante, anche perché Kejriwal ha detto di non volersi alleare con nessuno. Il suo attacco alla mercificazione della politica investe il Bjp non meno del Congresso. Se quest ultimo si affida stavolta a Raul Gandhi, figlio dell italiana Sonia Maino, orfano dell ex-premier Rajiv e nipote della celebre Indira, il Bjp ha come leader Narendra Modi, figura particolarmente controversa. Nel suo curriculum sono i successi economici realizzati come premier del Gujarat, ma anche l appoggio ai movimenti estremisti indù. Il Bharatiya Janata (Bjp) ha sempre fatto dell Hindutva («Identità Indù») il suo cavallo di battaglia ideologico. L orientamento pro-business in materia economica si abbina a un populismo di stampo religioso ed etnico. Modi si è distinto più di altri nel suo partito per il sostegno alle campagne anti-islamiche di gruppi oltranzisti e violenti. Benché nei comizi delle ultime settimane abbia tentato di mettere la sordina a un certo tipo di invettive, nessuno dimentica la frase con cui solo pochi mesi fa commentò gli scontri fra estremisti di diversa appartenenza politico-religiosa in cui alcuni musulmani erano rimasti uccisi: «Non soffro più di quanto non mi addolori la morte di un cane investito da un auto». 13

14 INTERNI del 10/04/14, pag. 4 Europee, la cavalleria rusticana Pd Daniela Preziosi Democrack/Europee. Renzi: donne capolista, ma esplode il caso Sicilia. L escluso accusa: vendetta mafiosa. Duello Crocetta-Raciti. Il premier fa lo show e la pace con le donne. Ma non riesce a oscurare la guerriglia. I pugliesi chiedono il ritiro di Emiliano. Soru vuole garanzie Ormai la direzione ha il format di uno show, il suo show in diretta streaming. Matteo Renzi apre la riunione metà torrente impetuoso metà rullo compressore: gag, battute, scherzi. Saluta il ritorno Dario Franceschini che si è «ripreso dal coccolone», «faccia una vita meno spericolata, meno inciuci e trattative». Ironico, persino autoronico. Lo schema è lo stesso delle conferenze stampa a Palazzo Chigi: lui ci mette la faccia (e fa lo spot), i suoi uomini (e donne) si smazzano i contenuti. Ieri all ordine del giorno c erano le liste per le europee. Parto difficile, dopo mesi anni in alcuni casi di travagli, lavorii e logorii interni. Renzi fa l annuncio che colpirà l opinione pubblica e gli fa fare pace con le donne del suo partito: a volte, dice, è stato «eccessivo il tono di alcuni e alcune sulla parità di genere in legge elettorale». Di cui lui, ammette, non è «un pasdaran». Il calumet è avere tutte donne capolista, «non come bandierine, ma come persone che per esperienza, storia personale e lavoro fatto possano dare un contributo all Europa». Le prescelte sono cinque, una per circoscrizione ma anche una per corrente: la lettiana poi renziana Alessia Mosca nel nord ovest; la bersaniana con qualche sbandamento Alessandra Moretti nel nord est, la renziana doc Simona Bonafè al centro, la franceschiniana Pina Picierno al sud e la siciliana Caterina Chinnici per le isole, figlia del magistrato ucciso dalla mafia e già assessora della giunta Lombardo. Renzi chiude in fretta pregando i suoi di glissare su quello che bolle in parlamento: ddl costituzionale, decreto Poletti, Italicum. «Abbiamo un pluralità di questioni aperte, se le affrontiamo tutte non reggiamo la discussione di oggi: nei prossimi 50 giorni darei priorità alla campagna elettorale. Capisco le discussioni, le polemiche, le posizioni diverse ma siamo ad un passo da una campagna elettorale importante». Preoccupazione superflua. Da giorni le opposizione interne hanno messo la sordina alle polemiche (al netto dei 22 senatori dissidenti e di Fassina sul Def). La tregua è dovuta alla consapevolezza che un affermazione del Pd alle europee è la precondizione per tutto, anche per le trattative interne. Ma soprattutto da giorni tutte le correnti sono impegnate nella delicata partita delle liste. Sotto i nomi noti come Sergio Cofferati e Paolo De Castro, riconfermati, e il recupero dell ex ministra Cecile Kyenge, cova la brace. Renzi passa la palla a Lorenzo Guerini, il vicesegretario di saggezza democristiana nominato apposta per governare la guerriglia interna. Che esplode subito, mentre il premier si eclissa. I romani, reduci dalle risse della propria federazione (nel centro corrono i big Sassoli, Gualtieri, Silvia Costa, Bettini, Domenici) incrociano i ferri sul «poco rinnovamento». Altro capitolo: la direzione concede la deroga ai tre mandati solo a Gianni Pittella, candidato alle primarie poi schieratosi con Renzi. Stavolta a spaccarsi è nientemeno che la commissione di garanzia: per Aurelio Mancuso a norma di statuto manca il quorum, il presidente Franco Marini lo invita a soprassedere sulle regole. In diretta streaming. Ma sono bazzecole in confronto alla cavalleria rusticana che va in scena sul caso Sicilia. Il governatore Crocetta ha appena rimpastato la sua giunta d accordo con il renziano 14

15 Faraone, e facendo invece imbufalire Fausto Raciti, segretario regionale e giovane turco (ma eletto con un accordone interno bipartisan). Crocetta si materializza, i due si attaccano in più round. Il segretario vuole capolista l ex assessora Chinnici, il presidente la sindaca di Lampedusa Giusy Nicolini, che inveve finisce al terzo posto. Crocetta non ottiene neanche il posto per Beppe Lumia e lamenta un attacco all antimafia. Raciti però deve rinunciare a Antonello Cracolici, che nelle liste varate dall assemblea regionale c era. Al suo posto a Roma hanno messo proprio lui, che prova a ritirarsi a favore dell escluso. Fra i nomi siciliani ci sono altre perle: come Marco Zambuto, ex Udc, cuffariano, poi forzista, infine passato nelle truppe renziane. Guerini invita alla calma, e in cambio dell approvazione si impegna a un confronto con i vertici siciliani. Cracolici va giù pesante: «Una vendetta trasversale tipicamente mafiosa dal duo Crocetta-Faraone». Nella circoscrizione isole i guai non sono finiti.l ex governatore sardo Renato Soru, candidato, vuole garanzie: la Sardegna ha meno abitanti e di solito non elegge eurodeputati. Al Sud non c è pace: la segreteria pugliese, saputo che Michele Emiliano nonè capolista, gli chiede di ritirarsi. E dedicarsi da subito alle regionali di marzo. Dove il dopo-vendola già divide il Pd. Neanche a dirlo. del 10/04/14, pag. 8 Tav, il sì del Senato dopo la battaglia IN AULA LA PROTESTA DEI 5 STELLE CONTRO IL TUNNEL DELLE MAFIE. PD E FI: FASCISTI. RISCHIO SANZIONI PER I GRILLINI di Luca De Carolis Un arena chiamata Senato. Con i Cinque Stelle a urlare senza sosta contro il tunnel delle mafie e gli altri a rispondere con un grande classico, fascisti. Cronaca di una mattinata a Palazzo Madama: trascorsa sempre a un passo dalla rissa, terminata con il via libera alla Tav, la linea ad alta velocità Torino-Lione. Alla ratifica dell accordo Italia-Francia sul corridoio ferroviario hanno detto sì in 173, a fronte di 50 contrari e 4 astenuti. I numeri dopo la battaglia. I 5 Stelle hanno fatto di tutto per fermare un accordo di cui da settimane denunciano i rischi. Il principale pericolo, secondo M5S, è l in - filtrazione della malavita nei lavori, una torta da 2,8 miliardi in 12 anni. Marco Scibona lo ha ricordato in aula: All accordo del 2012 non si applica il codice nazionale antimafia, perché agli appalti e subappalti in territorio italiano verrà applicata solo la normativa francese, come recita l articolo 6.5 comma 2. M5S protesta anche per la cessione di sovranità alla Francia, così non decidiamo in casa nostra. LA GIORNATA parte con la discussione generale. I primi scossoni arrivano dal delegato d aula di M5S, Vito Petrocelli, che incrocia il fioretto sul regolamento con la vicepresidente d aula, Valeria Fedeli. Il presidente Pietro Grasso non c è: un assenza che colpisce molti. E allora tocca alla senatrice del Pd. M5S ha presentato emendamenti, i suoi senatori si sono iscritti in massa a parlare. Ma in aula si va veloci. Il capogruppo grillino Santangelo (uscente, il nuovo è Maurizio Buccarella) si sbraccia presto. Carlo Martelli: La Tav costerà 700 milioni all anno per 12 treni al giorno. Dice no anche Maurizio Rossi (Popolari per l Italia): Le priorità sono altre. Stefano Esposito (Pd) difende la linea: Il corridoio ci consentirà di essere parte del grande progetto di miglioramento dell ambiente e di abbassamento del Co2. Alla presidenza si siede Linda Lanzillotta (Sc). I 5 Stelle indossano fazzoletti No Tav, cantano in coro battendo sui banchi: Fuori la mafia dello 15

16 Stato. I commessi accorrono, da sinistra arrivano le prime urla contro i fascisti. Lanzillotta si sgola a vuoto. Il grillino Alberto Airola, piemontese, grida senza fermarsi: Vergognate - vi. La parola va al leghista Giacomo Stucchi, e sono subito insulti a distanza con il 5 Stelle Andrea Cioffi. L aula diventa una curva. Gian Marco Centinaio (Lega) se la prende con un imprecisata grillina: Stai zitta scimmia. Dalle tribune una scolaresca guarda atterrita. Santangelo: Presidente ci stanno dando dei fascisti, intervenga. Lanzillotta sospende la seduta. Dieci minuti, e si riparte. I 5 Stelle mostrano banconote finte, accusano: Mafiosi. Massimo Cervellini (Sel) prova a intervenire, contro la Tav. Ma il frastuono dai banchi di M5S è assordante. Prende atto: Non ci permettete di parlare. Un suo collega mostra il pugno chiuso. Lanzillotta monita: Non si può impedire al Senato di lavorare. Informerò l ufficio di presidenza, verrà chiesto di valutare sanzioni. I leghisti inferiscono: Presidente, la sua gestione è oscena. Petrocelli twitta: Sono mafiosi, tutti i pro Tav. Tocca al dem Borioli. Parla circondato dai democratici, come fossero un cordone di protezione. Interviene la civatiana Laura Puppato, in dissenso dai suoi. Esposito non gradisce. Vai con loro le urla, indicando i grillini. Luigi Zanda la fissa, severo. Si vota. L accordo passa, la tensione continua. Airola e Franco Cardiello (Forza Italia) vengono quasi alle mani, Esposito sfotte con un ciao, ciao i 5 Stelle. Per i grillini potrebbero arrivare sanzioni. Se ci sospendono andiamo a fare campagna in Val di Susa sbotta un senatore. del 10/04/14, pag. 15 Quanto ci costa il Def della Nato Manlio Dinucci Il governo taglia tutto, ma non le spese militari Mentre nella «spending review» il governo promette una riduzione di milioni nel bilancio della difesa senza dire nulla, a quanto pare sugli F35, l Italia sta assumendo nella Nato crescenti impegni che portano a un inevitabile aumento della spesa militare, diretta e indiretta. La Nato non conosce crisi. Si sta costruendo un nuovo quartier generale a Bruxelles: il costo previsto in 460 milioni di euro, è quasi triplicato salendo a 1,3 miliardi. Lo stesso è stato fatto in Italia, dove si sono spesi 200 milioni di euro per costruire a Lago Patria una nuova sede per il Jfc Naples: il Comando interforze Nato agli ordini dell ammiraglio Usa Bruce Clingan allo stesso tempo comandante delle Forze navali Usa in Europa e delle Forze navali Usa per l Africa a sua volta agli ordini del Comandante supremo alleato in Europa, Philip Breedlove, un generale statunitense nominato come di regola dal presidente degli Stati uniti. Tali spese sono solo la punta dell iceberg di un colossale esborso di denaro pubblico, pagato dai cittadini dei paesi dell Alleanza. Vi è anzitutto la spesa iscritta nei bilanci della difesa dei 28 stati membri che, secondo i dati Nato del febbraio 2014, supera complessivamente i 1000 miliardi di dollari annui (circa 750 miliardi di euro), per oltre il 70% spesi dagli Stati uniti. La spesa militare Nato, equivalente a circa il 60% di quella mondiale, è aumentata in termini reali (al netto dell inflazione) di oltre il 40% dal 2000 ad oggi. Sotto pressione degli Stati uniti, il cui budget della difesa (735 miliardi di dollari) è pari al 4,5% del prodotto interno lordo, gli alleati si sono impegnati nel 2006 a destinare al bilancio della difesa come minimo il 2% del loro pil. Finora, oltre agli Usa, lo hanno fatto solo Gran Bretagna, Grecia ed Estonia. L impegno dell Italia a portare la spesa militare al 2% del pil è stato sottoscritto nel 2006 dal governo Prodi. Secondo i dati Nato, essa 16

17 ammonta oggi a 20,6 miliardi di euro annui, equivalenti a oltre 56 milioni di euro al giorno. Tale cifra, si precisa nel budget, non comprende però diverse altre voci. In realtà, calcola il Sipri, la spesa militare italiana (al decimo posto su scala mondiale) ammonta a circa 26 miliardi di euro annui, pari a 70 milioni al giorno. Adottando il principio del 2%, questi salirebbero a oltre 100 milioni al giorno. Agli oltre 1000 miliardi di dollari annui iscritti nei 28 bilanci della difesa, si aggiungono i «contributi» che gli alleati versano per il «funzionamento della Nato e lo sviluppo delle sue attività». Si tratta per la maggior parte di «contributi indiretti», tipo le spese per «le operazioni e missioni a guida Nato». Quindi i molti milioni di euro spesi per far partecipare le forze armate italiane alle guerre Nato nei Balcani, in Afghanistan e in Libia costituiscono un «contributo indiretto» al budget dell Alleanza. Vi sono poi i «contributi diretti», distribuiti in tre distinti bilanci. Quello «civile», che con fondi forniti dai ministeri degli esteri copre le spese per lo staff dei quartieri generali (4000 funzionari solo a Bruxelles). Quello «militare», composto da oltre 50 budget separati, che copre i costi operativi e di mantenimento della struttura militare internazionale. Quello di «investimento per la sicurezza», che serve a finanziare la costruzione dei quartieri generali, i sistemi satellitari di comunicazione e intelligence, la creazione di piste e approdi e la fornitura di carburante per le forze impegnate in operazioni belliche. Circa il 22% dei «contributi diretti» viene fornito dagli Stati uniti, il 14% dalla Germania, l 11% da Gran Bretagna e Francia. L Italia vi contribuisce per circa l 8,7%: quota non trascurabile, nell ordine di centinaia di milioni di euro annui. Vi sono diverse altre voci nascoste nelle pieghe dei bilanci. Ad esempio l Italia ha partecipato alla spesa per il nuovo quartier generale di Lago Patria sia con la quota parte del costo di costruzione, sia con il «fondo per le aree sottoutilizzate» e con uno erogato dalla Provincia, per un ammontare di circa 25 milioni di euro (mentre mancano i soldi per ricostruire L Aquila). Top secret resta l attuale contributo italiano al mantenimento delle basi Usa in Italia, quantificato l ultima volta nel 2002 nell ordine del 41% per l ammontare di 366 milioni di dollari annui. Sicuramente oggi tale cifra è di gran lunga superiore. Si continua così a gettare in un pozzo senza fondo enormi quantità di denaro pubblico, che sarebbero essenziali per interventi a favore di occupazione, servizi sociali, dissesto idrogeologico e zone terremotate. E i tagli di 6,6 miliardi, previsti per il 2014, potrebbero essere evitati tagliando quanto si spende nel militare in tre mesi. del 10/04/14, pag. 10 Berlusconi avverte Senza agibilità politica scateneremo l inferno Oggi la decisione su servizi sociali o arresti domiciliari Se saranno concilianti, non parlerò più dei pm CARMELO LOPAPA ROMA. «Tenetevi pronti, perché se va come temo, scateniamo la fine del mondo». La voce di Silvio Berlusconi sembra provenire dal regno dell Ade alle orecchie di dirigenti e parlamentari che chiamano Arcore per infondere coraggio. Il loro leader non fa nulla per smorzare la tensione, nella più angosciosa delle vigilie che precede l udienza di oggi pomeriggio del Tribunale di sorveglianza. 17

18 Nonostante le indiscrezioni filtrate alla vigilia, la storia dell affidamento ai servizi sociali in un istituto per anziani e disabili del milanese dove verrebbe impegnato mezza giornata a settimana tutto lascia presagire nell enclave di Villa San Martino che il finale non sarà così roseo. «Io sono sempre Berlusconi e loro i giudici di Milano, vedrete è lo sfogo ancora di queste ore comunque faranno di tutto per mettermi fuori gioco». L ex Cavaliere, raccontano, si muove ancora con difficoltà aiutandosi con la stampella, il nervosismo è a fior di pelle. A casa è un via vai dei figli Piersilvio e Marina, in un crescendo di preoccupazione per lo stato d animo del padre. «Anche perché se c è una cosa che lo deprime, è proprio la vista e il contatto con persone in difficoltà e quel genere di soluzione lo butterebbe giù» racconta chi gli sta vicino da parecchio tempo. Attorno a lui, solo la compagna Francesca Pascale e Maria Rosaria Rossi, con l avvocato Niccolò Ghedini. Il legale predica prudenza e silenzio stampa assoluto in attesa del responso. Cautela anche per i giorni successivi alla sentenza: la campagna elettorale non potrà ruotare attorno alla «persecuzione giudiziaria» e agli attacchi alla magistratura, gli è stato detto. «Perché le misure che saranno decise nelle prossime ore potranno essere revocate in qualsiasi momento» è l avvertimento del legale, che gli ha sconsigliato anche di presenziare oggi pomeriggio all udienza. Suggerimenti, consigli che cadono presto nel vuoto se l assistito è Berlusconi. Basti pensare che nella lunga nota comunque diramata in mattinata da Arcore per mettere all angolo Forza Campania di Nicola Cosentino, ecco la zampata contro la magistratura «braccio giudiziario della sinistra che vuole impedirmi di fare campagna elettorale». Non proprio una considerazione leggera se messa per iscritto dal condannato che dovrebbe manifestare «ravvedimento» per ottenere i servizi sociali. Che non sia ancora sicura la destinazione è confermato dalla circostanza che funzionari del palazzo di giustizia di Milano ancora questa settimana avrebbero bussato al centro di ascolto dell Associazione italiana vittime di malagiustizia, già sondato dallo staff di Berlusconi. Lui resta convinto che lo vogliano vincolare ai domiciliari. «Silenziarlo in campagna elettorale sarebbe l ennesima ingiustizia ad personam» mette le mani avanti il capolista nel Nordovest Giovanni Toti. Non è chiaro su quali basi, ma i forzisti alla Camera ieri si dicevano invece certi che il pronunciamento arriverà tra domani e lunedì. «Qualunque sarà la decisione, un giorno triste per la democrazia» dice Maria Stella Gelmini. Poco o nulla contribuiscono a risollevare gli animi ad Arcore la notizia che l avvocato ed ex ministro spagnolo Ana Palacio, con le deputate Deborah Bergamini e Elena Centemero (ieri in Francia per l iniziativa), lavoreranno a un ricorso d appello alla Corte di Strasburgo, dopo il no alla candidabilità già pronunciato due giorni fa. Di Europa, intesa come competizione elettorale, il leader forzista vorrebbe occuparsene dopo la sentenza del Tribunale. Ma le scadenze incombono, le liste vanno presentate entro martedì 15: nel fine settimana, per metterle a punto, con Toti raggiungerà Arcore anche Denis Verdini (dopo che ieri il Senato ha dato via libera alla richiesta dei magistrati di usare le intercettazioni che lo chiamano in causa in diversi procedimenti). La campagna mediatica è stata già pianificata: niente attacchi al governo sulle riforme, ma sull economia sì. Nelle slide diffuse dal responsabile Antonio Palmieri, gli slogan sono sulla soglia dell antieuropeismo alla Le Pen: oltre a «Più Italia, meno Germania», campeggia un «Basta con l Euro moneta straniera». 18

19 del 10/04/14, pag. 13 Trenta adesioni al testo Minzolini, firme anche dal Ncd Civati: fate presto. E prepara l offensiva tra i democratici Senato di 200 eletti fronda di Forza Italia si salda al dissenso pd GOFFREDO DE MARCHIS ROMA. I nemici della riforma del Senato parlano tra di loro, organizzano alleanze trasversali, sono pronti a bombardare il fortino di Renzi con altri disegni di legge, altre proposte, contando sull istinto di autodifesa dei senatori che non vogliono smettere di essere eletti. Accanto al disegno di legge firmato da Vannino Chiti, sta prendendo corpo un nuovo testo, stavolta dalle file di Forza Italia. Il primo firmatario è Augusto Minzolini, ex direttore del Tg1, senatore berlusconiano, da sempre critico verso il progetto di trasformazione di Palazzo Madama in Camera delle autonomie. Dicono che abbia già raccolto 30 firme nel suo gruppo e dentro il Nuovo centrodestra. La fronda comunque è a uno stadio avanzato. Pippo Civati, al quale fanno riferimento molti dei 22 senatori che hanno sottoscritto il ddl Chiti, ha chiesto a Minzolini di presentare il suo testo prima di martedì quando si riunisce l assemblea dei senatori Pd. Ha bisogno di sponde per spostare gli equilibri interni al Partito democratico, di dimostrare che un altra maggioranza è possibile per correggere in profondità il provvedimento varato dall esecutivo. Alla base del dissenso c è uno dei paletti fissati dal premier: la non elezione dei parlamentari. «Io parto dall eleggibilità come Chiti spiega Minzolini rispettando le altre condizioni del governo». Nel progetto del senatore di Fi ci sono due Camere, una di 400 membri l altra di 200. La fiducia e la legge di stabilità la votano in seduta congiunta realizzando il monocameralismo. Il Senato poi si occupa di esteri, difesa, giustizia, Europa e autonomie locali. La Camera del resto. «Così valorizziamo le competenze. Poi decideremo come modulare l indennità». E la promessa di rispettare i patti confermata da Berlusconi? «Ma io voglio la riduzione del numero dei parlamentari e la fine del bicameralismo perfetto. In questa storia la differenza è tra innovatori, conservatori e arruffoni. Renzi appartiene alla terza categoria. La sua riforma è un pasticcio. Allora è meglio cancellare del tutto il Senato». In realtà, il processo per arrivare al 25 maggio con la legge approvata in prima lettura, è cominciato ieri. Sono stati scelti i relatori del provvedimento. Sono Roberto Calderoli per la minoranza (seguirà soprattutto il Titolo V ossia i poteri delle regioni) e Anna Finocchiaro per la maggioranza. Finocchiaro e Renzi sono nemici giurati, però ci sono delle novità in questo rapporto. La presidente della commissione Affari costituzionali può gestire al meglio le divisioni interne al Pd e questo risponde a criteri di convenienza. In più, lei e il ministro delle Riforme Boschi sono ormai «pappa e ciccia», come maligna un dalemiano. Vale a dire che si sentono spesso, lavorano a stretto contatto e che si è creata una sintonia. Il Pd sta cercando di convincere Chiti a ritirare il suo ddl. Per evitargli una cocente sconfitta nell assemblea di martedì. Ma Civati annuncia battaglia: «Non credo che Vannino archivierà il suo progetto. Comunque dietro di lui ci sono anche altri. Noi vogliamo che il testo arrivi in commissione e che sia esaminato liberamente da tutti». Senza farsi troppi problemi sulle alleanze possibili. «Va benissimo Minzolini, vanno benissimo i grillini. Vediamo se sono davvero interessati dice Civati. Le riforme si fanno con tutti, è la regola delle regole». 19

20 LEGALITA DEMOCRATICA del 10/04/14, pag. 9 Pd si tura il naso, il voto di scambio sarà legge Giarrusso (M5S): Affossata la lotta alla mafia di Sara Nicoli Un compromesso al ribasso. Entrando ieri a tarda sera in commissione Giustizia del Senato per la lunga notte del voto di scambio politico mafioso ddl che stamattina sarà in aula per l approvazione definitiva Felice Casson, senatore Pd, aveva l aria di chi sta per fare qualcosa che non gli piace. Neanche un po. La pena doveva rimanere alta ci dice perché il fatto che un politico possa venire a patti con la mafia deve essere considerato più grave rispetto al comportamento di un cittadino normale. E sulla questione, che avevamo inserito, della messa a disposizione del politico, nella nostra ottica era un modo per precisare meglio i confini dell illecito penale, invece.... Invece il provvedimento uscirà da Palazzo Madama nella stessa, identica, declinazione con cui è stato licenziato da Montecitorio. Ieri notte, infatti, il Pd si è astenuto sul voto degli emendamenti e a palazzo Madama l astensione è voto contrario. Insomma, oggi all ora di pranzo, il voto di scambio politico mafioso sarà legge. Non possiamo fare altrimenti è ancora il giudizio di Casson perché deve entrare in vigore prima delle elezioni Europee, non possiamo permettere che si perda in un ping pong con la Camera, mentre c'è chi ha remato perché questo avvenisse. Casson non lo dice, ma il suo pensiero è corso alla compagine grillina al Senato. Gli M5S hanno messo in atto una resistenza quasi eroica, ieri notte in commissione Giustizia, presentando oltre un centinaio di emendamenti per tentare di arginare l'inevitabile. Chi ha votato questa cosa dichiara Michele Giarrusso, senatore stellato è un soggetto che sostiene il voto di scambio politico mafioso. Renzi si è incontrato con Verdini e hanno deciso che doveva essere fatto questo regalo. Bocciata anche la richiesta di sospensiva del voto fino al chiarimento, da parte del ministero della Giustizia, di chi siano i beneficiari della decurtazione di pena in questione. Insomma, se il Senato (questo il punto qualificante della richiesta) si appresta ad approvare con urgenza il testo licenziato dalla Camera a parere di fonti qualificate a Palazzo Madama si paventa il rischio che così com è il ddl renda possibile, per il principio del favor rei, di far punire con pene più lievi anche i mafiosi. CIOÈ: IL TESTO della Camera mantiene la previsione che la pena della reclusione da 4 a 10 anni possa venire applicata non solo a chi commette il reato di voto di scambio, ma anche al mafioso che procura voti con metodi mafiosi. Una questione non da poco che, tuttavia, resterà nel novero del dubbio. O della certezza nel caso M5S di aver fatto davvero un regalo alla mafia. Dicevano, infatti, i grillini in commissione ieri notte: Così si rischia di far pagare meno ai mafiosi veri e propri visto che il codice penale, all'articolo 416 bis, comma terzo, punisce con una pena da 7 a 12 anni la stessa tipologia di comportamento; l'associazione è di tipo mafioso, recita il 416 bis che punisce questo 20

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

2. PRESENTAZIONE ATELIER DI CINEMA DEL REALE

2. PRESENTAZIONE ATELIER DI CINEMA DEL REALE 1. INTRODUZIONE Progetto FILMaP Centro di formazione e produzione cinematografica a Ponticelli BANDO DI SELEZIONE Atelier di Cinema del Reale Coordinamento scientifico di Leonardo Di Costanzo Il progetto

Dettagli

La Siria e lo scacchiere internazionale

La Siria e lo scacchiere internazionale La Siria e lo scacchiere internazionale Dalla primavera araba alla guerra civile Clicca sugli stati per l approfondimento USA UK FRANCIA ITALIA TURCHIA EGITTO ISRAELE LIBANO ARABIA QATAR IRAN RUSSIA SAUDITA

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Notizie in breve Italia Esteri. pag. 1 pag. 2. Notizie per parlare. pag. 3

Notizie in breve Italia Esteri. pag. 1 pag. 2. Notizie per parlare. pag. 3 N.80 31 agosto 2004 aggiornate alle ore 13.00 del lunedì Notizie in breve Italia Esteri pag. 1 pag. 2 Notizie per parlare pag. 3 Pioggia di pesci in Inghilterra Olimpiadi di Atene Medicina estetica per

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ

IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ 440 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com IL MODELLO TURCO TRA REALTÀ E GRAVI LIMITI 6 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 La guerra civile siriana Le fasi iniziali del conflitto

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Storia d Israele in mappe

Storia d Israele in mappe Storia d Israele in mappe INDICE Introduzione............................................................. p. 1 MAPPE DEL PERIODO ANTICO ll regno di Davide e Salomone..........................................

Dettagli

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni

Il mondo diviso. Francesco Ciafaloni Menu Il mondo diviso Francesco Ciafaloni 30 gennaio 2016 Sezione: Mondo, Società Oggi circa l 80% della popolazione del mondo possiede solo il 6% della ricchezza. Circa il 61% non ha un contrattto di lavoro

Dettagli

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita?

Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Siria, possibile l intervento di terra di Turchia e Arabia Saudita? Lookout News Rocco Bellantone I turchi continuano a bombardare a nord, mentre a Incirlik arrivano i caccia sauditi. La riunione del Gruppo

Dettagli

Il1968 è anno di rottura col passato

Il1968 è anno di rottura col passato Il1968 è anno di rottura col passato Evento chiave: la guerra in Vietnam perché non si riconosce all intervento di Usa quella valenza di tutela della libertà contro i rischi del comunismo Giovani di paesi

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. Rubrica Mercato immobiliare 1 Corriere della Sera - Ed. Roma 14/02/2016 CASE VUOTE, "L'ALTRO SCANDALO "ROMANO" (E.Dellapasqua) 3 49 Il Messaggero

Dettagli

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti

Le armi leggere hanno alimentato il conflitto in Siria causando oltre 93mila morti Osservatorio Permanente Armi Leggere e Politiche di Sicurezza e Difesa Onlus Viale Venezia 112 25123 Brescia C.F.98114040177 Website: www.opalbrescia.org - Email: info@opalbrescia.org Le armi leggere hanno

Dettagli

I GENERALI SOTTO ACCUSA

I GENERALI SOTTO ACCUSA Mondo in fiamme Algeria Il conflitto algerino Habib Souaïdia, l ex ufficiale autore del libro La Sale Guerre, torna ad attaccare i vertici militari algerini. Per questa intervista la procura di Algeri

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

È morta l architetta Zaha Hadid

È morta l architetta Zaha Hadid È morta l architetta Zaha Hadid Edifici distrutti dai bombardamenti del governo siriano a Damasco, il 10 febbraio 2016. (Bassam Khabieh, Reuters/Contrasto) 11MAR 201618.40 La spartizione della Siria è

Dettagli

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine

Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia. William Shakespeare. Una guerra al male è una guerra senza fine Ci son più cose in cielo e in terra, Orazio, che non sappia la tua filosofia William Shakespeare Una guerra al male è una guerra senza fine Paul Kennedy Sequenza A La crisi della presidenza Obama Parte

Dettagli

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO

Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010. 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Città di Seregno Consiglio Comunale dei Ragazzi anno scolastico 2009/2010 20 anniversario della CADUTA del MURO di BERLINO Premessa Al termine della seconda guerra mondiale (1939 1945) la Germania, sconfitta,

Dettagli

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE»

MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» RASSEGNA STAMPA MANIFESTAZIONE «CONTRO LE MAFIE» A cura di Agenzia Comunicatio COMUNICATO STAMPA MAFIA CAPITALE: DALLE ACLI DI ROMA APPREZZAMENTO PER LA MANIFESTAZIONE DEL 3/9 "CONTRO LE MAFIE" AL TUSCOLANO

Dettagli

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA

INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA INTERROGAZIONE DEL CONSIGLIERE COMUNALE DI FORZA ITALIA GIANNI MONTALI SULL ACQUISTO DA PARTE DEL COMUNE DEL PALAZZETTO DELLA SCHERMA Il sottoscritto Gianni Montali consigliere comunale di Forza Italia,

Dettagli

00.48-1.23. La questione nordirlandese

00.48-1.23. La questione nordirlandese 00.48-1.23 La questione nordirlandese La questione nordirlandese: Secolo XVI Elisabetta I figlia di Enrico VIII, anglicana, decide di imporre la legge inglese agli irlandesi, quasi come una sorta di missione

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 SETTEMBRE 1939 - GERMANIA INVADE POLONIA Il 1 settembre 1939 l esercito tedesco invade la Polonia. La Gran Bretagna e la Francia dichiarano guerra alla Germania. I generali

Dettagli

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015

i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 1024 www.freefoundation.com www.freenewsonline.it i dossier IL GOVERNO GIOCA COI PENSIONATI: RESTITUISCA I SOLDI O VADA A CASA Editoriale per Il Giornale, 17 maggio 2015 17 maggio 2015 a cura di Renato

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle

Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle Regionali in Sicilia, Crocetta vince nell Isola degli astenuti. Boom del Movimento 5 Stelle di Vincenzo Emanuele Che la Sicilia non fosse più l Eden del consenso berlusconiano lo si era capito già alcuni

Dettagli

CONFLITTI nel MONDO (2015)

CONFLITTI nel MONDO (2015) CONFLITTI nel MONDO (2015) I giornali e le televisioni di tutto il mondo parlano ogni giorno del conflitto in corso tra Israele e Palestina. Continui aggiornamenti sul numero di vittime, sulle brevi tregue

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita

data, non solo i martiri di Nassiriya, morti per cercare di fermare la guerra civile presente in Iraq, ma anche tutti coloro che hanno perso la vita Costituita in memoria di Piero Salvati, carabiniere e poi funzionario della Pubblica Amministrazione, ottimo maresciallo dell ANC di Tortona, mancato all affetto dei suoi cari e dei suoi tanti amici il

Dettagli

INFORMAZIONI SULL ISIS

INFORMAZIONI SULL ISIS INFORMAZIONI SULL ISIS Brevi linee di storia da Maometto all ISIS 1 2 3 L ISIS OGGI 4 IL MEDIO ORIENTE Superficie Italia kmq. 300.000 Superficie Iraq kmq. 430.000 Superficie Iran kmq. 1.640.000 Superficie

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

PARTITO DEMOCRATICO ZONA ADDA - MARTESANA

PARTITO DEMOCRATICO ZONA ADDA - MARTESANA La Federazione Metropolitana ha avviato un percorso di coinvolgimento dei territori, in vista della elezione nel 2016 del Sindaco di Milano e di tanti altri Sindaci in Comuni dell area metropolitana (per

Dettagli

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore

La Prima guerra mondiale. Lezioni d'autore La Prima guerra mondiale Lezioni d'autore Carta dell Europa al 1914, da www.silab.it/storia L Europa del secondo Ottocento Periodo di pace, dalla guerra franco-tedesca del 1870 alla guerra 1914-1918. Modifiche

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014

RASSEGNA STAMPA Sabato, 06.09.2014 RASSEGNA STAMPA Sabato, Il Sole 24 Ore 1 Partecipate avanti, sanità alt La Repubblica 1 Fecondazione eterologa via libera in Liguria Cerchiamo donatori ticket in base al reddito Il Secolo XIX 1 Eterologa,

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE

ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 835 ADESSO VI SPIEGHIAMO PERCHÉ IL PREZZO DEL PETROLIO DIMINUISCE 24 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà EXECUTIVE

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e le elezioni presidenziali USA

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est e le elezioni presidenziali USA OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est e le elezioni presidenziali USA Il Gazzettino, 06.11.2012 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato condotto

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015

COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 COMUNE DI ANZOLA Venerdì, 23 gennaio 2015 Politica locale 23/01/2015 La Repubblica (ed. Bologna) Pagina 7 SILVIA BIGNAMI Riforme, i renziani ai dissidenti Pd:

Dettagli

Parole Chiave. Terra Promessa Diaspora Antisemitismo Pogrom Sionismo Shoah (Olocausto)

Parole Chiave. Terra Promessa Diaspora Antisemitismo Pogrom Sionismo Shoah (Olocausto) Parole Chiave Terra Promessa Diaspora Antisemitismo Pogrom Sionismo Shoah (Olocausto) Cisgiordania Siria Libano Iraq Giordania Arabia Saudita Egitto Qualche nome Fiume Giordano (forma il Lago di Tiberiade

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio

Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Un sondaggio rivela che il 70% delle donne detesta questa ricorrenza Marte & Venere a confronto il 14 Febbraio Sapevate che sia le donne single che quelle in coppia hanno gli incubi pensando alla Festa

Dettagli

La seconda guerra mondiale

La seconda guerra mondiale La seconda guerra mondiale Il 1 settembre 1939 Hitler attacca la Polonia con il pretesto di occupare il corridoio di Danzica video A questo punto Francia e Inghilterra, decise a non permettere ulteriori

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

La questione curda CHI SONO I CURDI?

La questione curda CHI SONO I CURDI? Il conflitto politico culturale tra il governo turco e la minoranza curda nel paese ha una lunga storia alle spalle, che risale agli accordi di pace dopo il primo conflitto mondiale quando, dopo lo scioglimento

Dettagli

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori

FRATELLI D'ITALIA. spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori FRATELLI D'ITALIA spettacolo teatrale per scuole medie inferiori e biennio delle scuole medie superiori Di seguito vi proponiamo una serie di tematiche, presenti nello spettacolo teatrale, che possono

Dettagli

Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere

Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere Parigi sotto attacco oltre 120 morti. Il Presidente Hollande chiude le frontiere Diverse sparatorie a Parigi, almeno tre esplosioni vicino allo stadio: è l inferno in tutta la capitale francese, con decine

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Rubrica Lavori pubblici Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. 12 Il Sole 24 Ore 28/11/2015 CANTONE: RILANCIO APPALTI SOLO CON REGOLE CHIARE (M.Frontera) 1 La Repubblica - Cronaca di

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare?

Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? Imprese in Libia: quando sarà possibile ricominciare? di Alessandra Repetto Se la Camera di Commercio di Genova continua a svolgere il ruolo di osservatore sui mercati esteri è anche e soprattutto per

Dettagli

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI

REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI REPEATPLEASE.IT : RIPETIZIONI ON LINE PER STUDENTI UNIVERSITARI E DELLE SCUOLE SUPERIORI LICEO SCIENTIFICO MUSICALE MARCONI PESARO PROGETTO REALIZZATO DA: LETIZIA CARONI, THOMAS PARADISI, DENIS ESPOSITO

Dettagli

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani

Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Il PD vuole aprire le porte ai nuovi italiani Autore: Alban Trungu Categoria : Mondo Migrante Data : 15 febbraio 2011 Intervista con Khalid Chaouki, responsabile immigrazione e seconde generazioni dei

Dettagli

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica.

FRANCO DANIELI : NON C'E' CONTINUITA' CON LA POLITICA ESTERA DI BERLUSCONI di Silvia Garnero in collaborazione con http://www.italianosenamerica. FARONOTIZIE.IT Anno II - n 11 Febbraio 2007 Redazione e amministrazione: Scesa Porta Laino, n. 33 87026 Mormanno (CS) Tel. 0981 81819 Fax 0981 85700 redazione@faronotizie.it Testata giornalistica registrata

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli

CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli CROLLO BORSA/ 1. Sapelli: l Europa ha fallito il salvataggio dell Italia Il Sussidiario.it INT. Giulio Sapelli Già si erano visti alcuni segnali preoccupanti prima di Pasqua, con la Borsa di Milano tornata

Dettagli

UNCC: Cosa è e come funziona la Commissione Onu per i Risarcimenti

UNCC: Cosa è e come funziona la Commissione Onu per i Risarcimenti UNCC: Cosa è e come funziona la Commissione Onu per i Risarcimenti Uno dei meccanismi essenziali della strategia di annientamento dell Iraq è tuttora sconosciuto al grande pubblico. Si tratta della United

Dettagli

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014

MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 MOVIMENTO EUROPEO CONSIGLIO NAZIONALE ROMA Spazio Europa, 14 ottobre 2014 PREMESSA Il Consiglio nazionale del Movimento europeo ha discusso della situazione europea alla vigilia del voto di fiducia del

Dettagli

News > Esteri > Politica - Giovedì 06 Dicembre 2012, 19:44

News > Esteri > Politica - Giovedì 06 Dicembre 2012, 19:44 "Ancora dubbi sulle..." Guerra civile in Siria: il punto della situazione Lo scontro si fa ogni giorno più teso fra Al Assad e le forze ribelli, che si stanno rafforzando" Caterina Varenna Lo scontro si

Dettagli

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS

Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS Scheda didattica GLI ACCORDI DI BRETTON WOODS La fine della Seconda Guerra Mondiale aprì un periodo di gravi problemi economici, politici e sociali. Gli unici che uscirono economicamente rafforzati dalla

Dettagli

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane

L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Nuovi sviluppi Un percorso didattico per cambiare il proprio punto di vista L'esperienza di giovani fotografi ugandesi raccontata alle scuole italiane Ottobre 2009 Premessa Cesvi lavora in Uganda dal 2001

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 297 MOZIONE SULLA SIRIA 11 settembre 2013 2 La Camera, premesso che: la crisi siriana ha raggiunto

Dettagli

Gruppo SACE - Country Risk Map

Gruppo SACE - Country Risk Map LIBANO Capitale Beirut Popolazione (milioni) 4,06 73/100 71/100 81/100 PIL nominale (miliardi USD PPP) 64,31 Mancato pagamento controparte sovrana Esproprio e violazioni contrattuali Mancato pagamento

Dettagli

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT

FOCUS ON. Iran: sanzioni, export italiano e prospettive. A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT FOCUS ON Iran: sanzioni, export italiano e prospettive A cura dell Ufficio Studi Economici ABSTRACT Le sanzioni applicate a partire dal 2006 all Iran da Stati Uniti, ONU e Unione Europea (UE) hanno avuto

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 COMUNE DI SAN GIOVANNI IN PERSICETO Giovedì, 16 giugno 2016 16/06/2016 Pagina 21 PIER LUIGI TROMBETTA Dipendente in prova denuncia il titolare:

Dettagli

I mercati di fronte alla crisi russo-georgiana

I mercati di fronte alla crisi russo-georgiana I mercati di fronte alla crisi russo-georgiana La crisi tra Russia e Georgia, scoppiata in tutta la sua drammaticità lo scorso 8 agosto, sembra spaventare i mercati finanziari, già messi a dura prova dalla

Dettagli

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41

News > Esteri > Politica - Venerdì 30 Novembre 2012, 19:41 "COP18" A Doha la conferenza dell'onu sul cambiamento climatico 17mila partecipanti e 194 nazioni per cercare un nuovo "accordo globale sul clima". Ma è polemica per la scelta del Qatar, il paese che detiene

Dettagli

MAGARI LE COSE CAMBIANO

MAGARI LE COSE CAMBIANO MAGARI LE COSE CAMBIANO di Andrea Segre Documentario, 62, Italia 2009 http://magarilecosecambiano.blogspot.com Sinossi Un film nel cuore delle nuove centralità romane: le moderne borgate di una società

Dettagli

La Scuola a Cinema. I.T.I.S. Antonio Monaco (CS) Coordinatrice e referente: Professoressa Florio Francesca. Classi: 5 Eia, 5 Bet, 5 Ci, 5 Aet, 5 Am

La Scuola a Cinema. I.T.I.S. Antonio Monaco (CS) Coordinatrice e referente: Professoressa Florio Francesca. Classi: 5 Eia, 5 Bet, 5 Ci, 5 Aet, 5 Am La Scuola a Cinema 12 Edizione I.T.I.S. Antonio Monaco (CS) Classi: 5 Eia, 5 Bet, 5 Ci, 5 Aet, 5 Am Coordinatrice e referente: Professoressa Florio Francesca Il progetto La Scuola a Cinema è giunto quest

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un

Diritti bambini. I dati riportati sono tratti da un Diritti bambini L assemblea Generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1959 ha stilato la Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo ampliata e integrata nel 1989 con la Dichiarazione dei Diritti del Bambino

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Il Margine, 32 (2012), n. 4. AMER AL SABAILEH (http://amersabaileh.blogspot.com)

Il Margine, 32 (2012), n. 4. AMER AL SABAILEH (http://amersabaileh.blogspot.com) Il Margine, 32 (2012), n. 4 AMER AL SABAILEH (http://amersabaileh.blogspot.com) utti ci chiediamo perché la rivolta popolare egiziana e tunisina sono state non violente, a differenza di quella libica e

Dettagli

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento?

Il Risorgimento. Com era l Italia dopo il Congresso di Vienna, ossia prima del Risorgimento? Il Risorgimento Risorgimento (una definizione semplice): Si chiama Risorgimento la serie di avvenimenti che portano l Italia, nel corso dell Ottocento, all unità e all indipendenza. L Italia diventa un

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE Premessa: Le nazioni europee più forti Vogliono imporsi sulle altre Rafforzano il proprio esercito Conquistano le ultime zone rimaste libere in Africa e Asia (colonie) Si creano

Dettagli

LEGGERE DENTRO. Diritti umani in primo luogo. www.al-maqdese.org. Problema 2 / marzo 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme

LEGGERE DENTRO. Diritti umani in primo luogo. www.al-maqdese.org. Problema 2 / marzo 2011. Introduzione. Le attività del progetto a Gerusalemme NewsLetter Mensile Emesso da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società - in arabo, inglese, e in Italia LEGGERE DENTRO «La promozione di opportunità di pace attraverso lo sfruttamento finale contro i diritti

Dettagli

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne

Introduzione Risultati del Progetto Storie di Sofferenza Una donna di Gerusalemme Parità retributiva in Italia tra uomini e donne Newsletter n 6 Ottobre e Novembre 2011 Newsletter mensile pubblicata da: Al-Maqdese per lo sviluppo della società in arabo, inglese, italiano Promozione delle opportunità di pace attraverso la fine dello

Dettagli

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo.

Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. RINNOVO DEL PARLAMENTO ITALIANO RINNOVO DEL CONSIGLIO REGIONALE : Lombardia Lazio Molise Esito del voto elettorale nazionale: nel nuovo Parlamento sarà difficile garantire una stabilità di governo. La

Dettagli

Dati in milioni di euro.

Dati in milioni di euro. Il debito pubblico è fortemente legato al Signoraggio Bancario, e senza fare complottismo, vediamo di capire se il debito è una truffa o no. Per rendere evidente il fatto che il signoraggio non è un argomento

Dettagli

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA

ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi Presidente 87 ALTRO CHE ATTACCO ALLA MAGISTRATURA Stralcio del discorso del Presidente Silvio Berlusconi sulla

Dettagli

La tragedia di Chernobyl

La tragedia di Chernobyl Da L Epresso Articolo di Margherita Belgioioso testo semplificato. 1 La tragedia di Chernobyl Per comprendere bene questo articolo, devi conoscere il significato delle seguenti parole: Centrale nucleare:

Dettagli

Introduzione. Guarda il filmato:

Introduzione. Guarda il filmato: Introduzione. Guarda il filmato: Lo sfruttamento del lavoro minorile e il caso di Iqbal Masih http:///il-lavoro-minorile.htm Cosa dice l articolo 32 della convenzione ONU sui diritti dell infanzia? Quell

Dettagli

"Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili

Macerie dentro e fuori, il libro di Umberto Braccili La presentazione venerdì 14 alle 11 "Macerie dentro e fuori", il libro di Umberto Braccili "Macerie dentro e fuori" è il libro scritto dal giornalista Umberto Braccili, inviato della Rai Abruzzo, insieme

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

Notizie in breve Esteri Italia. pag. 1 pag. 2

Notizie in breve Esteri Italia. pag. 1 pag. 2 N.90 2 novembre 2004 aggiornate alle ore 13.00 del lunedì Notizie in breve Esteri Italia pag. 1 pag. 2 Notizie per parlare Dieci anni fa l alluvione in Piemonte Una città del Piemonte adotta un immigrato

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli