L esperienza procreativa in Italia dopo la Legge 40/2004.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L esperienza procreativa in Italia dopo la Legge 40/2004."

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MACERATA DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA CORSO DI DOTTORATO DI RICERCA IN Teoria del Diritto e della Politica CICLO XXV TITOLO DELLA TESI L esperienza procreativa in Italia dopo la Legge 40/2004. Uno studio antropologico fra bioetica e biopolitica. TUTOR Chiar.ma Prof.ssa Carla Faralli DOTTORANDO Dott.ssa Maria Luisa Parisi COORDINATORE Chiar.mo Prof. Adriano Ballarini ANNO 2012

2

3 Indice Introduzione PARTE PRIMA 1. La rivoluzione procreativa : intersezioni fra campi di sapere, meccanismi di disciplinamento e forme di soggettività. 1.1 Una prospettiva biopolitica della procreazione. 1.2 Forme di competenza somatica al tempo dell etopolitica: fra bioetica e diritto. 1.3 La libertà procreativa PARTE SECONDA 2. Scelte riproduttive: la famiglia al tempo dei cromosomi. Il caso italiano. 2.1 La Diagnosi Genetica Preimpianto 2.2 La Fecondazione E(s)terologa Conclusioni Interviste Bibliografia Sitografia 2

4

5 Introduzione Questa ricerca si propone il fine di indagare le forme assunte dall esperienza procreativa nella contemporaneità, in relazione al forte legame che le vincola al più ampio contesto biopolitico all interno del quale esse si realizzano. Attraverso un approccio multidisciplinare, capace di riunire insieme i saperi della disciplina bioetica e la metodologia di analisi antropologica delle prassi incorporate della realtà, proveremo quindi a delineare i modi attraverso cui si strutturano i processi procreativi alla luce del grande sviluppo delle tecnologie biomediche ad essi dedicati. Mediante l uso di un metodo qualitativo di ricerca, proveremo ad elaborare delle cartografie del presente (Braidotti, 2008), per poter abbozzare una storia dei futuri possibili : essi sono racchiusi nelle trasformazioni sociali e politiche, prodotte dalle prassi incorporate, in un mondo tecnologicamente mediato (Rose, 2007). Lo studio si compone di due parti: la prima, prettamente teorica; la seconda, di stampo empirico. Cominceremo col prendere in esame i modi attraverso i quali, nel corso degli ultimi cinquant anni, si sia realizzata una vera e propria rivoluzione procreativa : come cioè il raggiungimento di nuove conoscenze e di nuovi saperi in ambito medico abbia influito non solo sullo sviluppo di nuove competenze tecniche ma, soprattutto, sul processo di ridefinizione delle forme del venire al mondo. L ingresso delle tecnologie della riproduzione in un ambito che, sino ad allora, era sempre ricaduto nel dominio dei fatti di natura ha riconfigurato, in maniera sostanziale, in primo luogo, l epistemologia più profonda della prassi medica e, cosa di non secondaria importanza, ha avuto un più ampio impatto costrittivo e costruttivo sui soggetti che in tali pratiche erano coinvolti e sulla realtà socio-politica 3

6 all interno della quale tutti questi elementi sono implicati e trovano la loro realizzazione. L esperienza procreativa della contemporaneità viene così a delinearsi come la risultante dell intersezione di tre aspetti diversi ma complementari: i campi di sapere, le forme di soggettività e i tipi di normatività. Proveremo quindi ad analizzare queste tre dimensioni proponendo una sorta di genealogia dell esperienza procreativa al tempo delle biotecnologie, considerando qui l esperienza nell accezione foucaultiana del termine, come, cioè, la correlazione dei tre aspetti sopra citati: soggettività, normatività e sapere (Foucault, 1984). Cercheremo inoltre di comprendere come, quando, perché ed in quale forma l attività procreativa si sia costituita come campo morale e come la vita intrauterina sia diventata, nel corso degli ultimi anni, il luogo di riproduzione e di esercizio del biopotere. Queste indagini ci permetteranno di formulare delle più ampie teorizzazioni sulle forme di autorità che esercitano il loro sapere/potere sulle prassi procreative: da quando esse si sono andate costituendo come «sostanza etica» (Foucault, 1984, p.31), vi si sono concentrate tutta una serie di attenzioni non solo, come si potrebbe ben pensare, da parte della classe medica, ma anche da parte di discipline come la bioetica e il biodiritto, volte rispettivamente all analisi e alla normazione dei nuovi interrogativi posti in essere dallo sviluppo delle tecnologie della vita. Tali discipline hanno assunto, con pesi diversi, un ruolo di primo piano nel presiedere e orientare la sfera delle prassi etiche dei soggetti coinvolti nei processi procreativi postmoderni, prassi che chiamano in causa concetti come libertà, scelta ed autonomia. Ci avvarremo dell impianto teorico sviluppato dalla bioetica per indagare l intreccio delle questioni poste in essere dalle nuove forme del venire al mondo e, più nello specifico, della legittimità 4

7 del riconoscimento del diritto, che viene a configurarsi come prima facie: il diritto alla libertà procreativa, la sua estensione, gli eventuali limiti da porre e i modi della sua codificazione giuridica. Adottando e adattando le ultime elaborazioni del filosofo francese Michel Foucault sulle pratiche di libertà e sulle tecnologie del sé proporremo una diversa teleologia dei soggetti etici della contemporaneità; questi riferimenti teorici saranno le basi su cui argomenteremo la tesi principale di questo lavoro: la possibilità di pensare la libertà procreativa come un diritto morale positivo. Concluderemo questa prima parte dello studio con delle considerazioni in merito alla possibile regolamentazione giuridica delle prassi procreative che, pur rivestendo sempre più un carattere pubblico e socialmente negoziato, possono essere ancora riconosciute come azioni cariche di un significato simbolico per ciascun individuo che decide di porle in essere. Nella seconda parte del nostro lavoro cercheremo di comprendere come si costituisce l esperienza procreativa nello specifico contesto italiano dopo l entrata in vigore della legge 40/2004, volta a disciplinare le tecniche di procreazione medicalmente assistita. Daremo voce alle narrazioni raccolte presso il centro HERA di Catania, il più grande del Sud Italia, per numero di pazienti e cicli effettuatati di coloro che vivono l esperienza di convivere con una malattia geneticamente trasmissibile e di coloro che invece vivono la condizione di infertilità. Queste persone sono coloro che hanno pagato di più e non solo da un punto di vista simbolico i dettami restrittivi della legge italiana che, de facto, proibiva una tecnica come la Diagnosi Genetica Preimpianto (che permette di conoscere il corredo cromosomico dell embrione prima del suo trasferimento in utero) e a tutt oggi proibisce la fecondazione con donazione 5

8 di gameti. Racconteremo la loro esperienza di ricerca di un figlio le scelte, i dubbi, le difficoltà ed il loro impegno affinché, attraverso lo strumento giurisprudenziale, la legge venisse cambiata; parleremo con loro del significato che ha assunto la medicalizzazione dell evento procreativo, cosa abbia implicato e come si siano confrontati con le incertezze morali ed etiche che l ingresso delle tecniche in una sfera così privata ha scatenato. A nostro sentire, solo guardando da vicino le esperienze del presente è possibile pensare a come orientare quelle del futuro. 6

9 PARTE PRIMA 7

10 1. La rivoluzione procreativa : intersezioni fra campi di sapere, meccanismi di disciplinamento e forme di soggettività. Le molteplici conoscenze acquisite nel campo della biomedicina ed i risultati empirici ottenuti a livello applicativo hanno di gran lunga ampliato, dalla seconda metà del XX secolo in poi, le possibilità di intervento medico sul corpo individuale e, cosa non meno importante, hanno notevolmente contribuito alla qualificazione del nostro tempo come secolo biotecnologico. Un tempo in cui le pratiche ed i saperi medici si sono intrecciati, sempre più, agli studi di biogenetica e neuroscienza, alle scoperte in campo farmaceutico e all utilizzo di nuovi strumenti di monitoraggio e di indagine del corpo umano. Queste nuove prassi, nel corso della loro continua evoluzione, hanno non solo alimentato un forte dibattito all interno del più ampio corpo sociale in cui prendevano forma ponendo le basi per lo sviluppo, ad esempio, di una disciplina come la bioetica, volta proprio all analisi e all arbitrio dei nuovi interrogativi posti in essere dallo sviluppo delle tecnologie della vita ma, allo stesso tempo, hanno contribuito a ridefinire l antropologia più profonda dell essere umano. Nello specifico, si vuole qui riflettere su come lo sviluppo di nuove tecniche di procreazione e le scoperte di ingegneria genetica e biologia molecolare rappresentate nella cultura biomedica come progresso della ricerca scientifica abbiano avuto un impatto costruttivo e costrittivo sul più ampio ordine politicoeconomico e sul piano culturale. Tali innovazioni 8

11 biotecnologiche hanno contribuito e contribuiscono, cioè, alla messa in opera di una biopolitica 1 che, attraverso la manipolazione dei corpi umani, ridefinisce le categorie di natura, soggetto, persona, sé, e produce la legittimazione istituzionale e morale di nuove idee di natura, famiglia, vita, salute e malattia (Strathern,1992; Duden, 1991; Pizza, 2005). In ottica antropologica le pratiche e i saperi delle biotecnologie vanno quindi apprezzati nei termini di veri e propri dispositivi di costruzione culturale della realtà, attraverso cui non si va ad intervenire sulla vita umana, come se questa fosse data in natura a prescindere dai processi della sua qualificazione simbolica, ma la si pone in essere, la si produce ; si tratta cioè di mettere in luce come le tecnologie siano socialmente informate e cosa generino, attraverso un approccio capace di cogliere come il biologico acquista forma culturale e viene ad essere organizzato nei termini di una pratica sociale (Brodwin, 2000; Franklin, 1995; Franklin e Lock, 2003). Proprio per sottolineare, ancora una volta, la capacità generativa sia sul piano biologico sia su quello simbolico-culturale delle biotecnologie, per riferirci alla grande trasformazione che esse hanno prodotto sulle forme del venire al mondo (o del non venire al mondo, in certi casi) adotteremo qui l uso dell espressione rivoluzione procreativa, il cui significato è da ricercarsi nell etimologia latina del termine procreo, generare. La preferiamo alla più diffusa 1 Cfr. Lock, Young, Cambrosio, 2000; Rabinow,2003. Il concetto di biopolitica deriva dagli studi di Michel Foucault sulle modalita attraverso le quali i poteri istituzionali agiscono sulla corporeita dei soggetti e sulle loro forme di vita; avremo modo di approfondire questi concetti nel corso della trattazione. Cfr. Foucault,1976; Agamben,

12 rivoluzione riproduttiva (Robertson, 1994) proprio perché il termine riproduzione cela, a nostro sentire, un ambigua neutralità, non tiene in dovuta considerazione le differenze diacroniche e diatopiche della procreazione e, soprattutto, crea un rimando quasi immediato ad un contesto biologico/naturalistico. Il dato biologico è, ovviamente, non eludibile dall intero processo riproduttivo, ma non deve comunque essere scisso dall azione e dalle pratiche umane che lo pongono in essere: i modi della riproduzione chiamano in causa sia i procedimenti tecnici ad essa sottesi sia i livelli simbolici evocati. Come ben sottolineato da Jordanova, sono proprio i livelli simbolici quelli a cui si dovrebbe prestare maggiore attenzione, soprattutto nell analisi dei modelli riproduttivi delle società occidentali contemporanee che, a partire dal XIX secolo, vengono profondamente permeati dalla razionalità scientifica, intrisi di biologismo ed orientati, come evoca il termine stesso, ad una mera ri-produzione seriale del genere umano (Jordanova, 1995). Ma la riproduzione umana «non è mai ripetizione» (Held, 1993; trad.it. p.68). Qualora le evidenti differenze somatiche, ambientali, psicologiche e culturali esperite da ciascuno di noi non fossero già una fonte autorevole per affermare l indubbia unicità di ogni essere umano, la scienza biologica, con il sequenziamento del genoma umano, ha confermato questo dato: ciascun individuo è geneticamente differente da qualsiasi altro 2. Procedere attraverso un analisi simbolica dei processi riproduttivi significa quindi, da una parte, evidenziarne il carattere socialmente e culturalmente costruito e l importanza da 2 Questa affermazione vale per tutti i viventi umani, fatto salvo per i cosiddetti gemelli omozigoti i quali condividono il medesimo patrimonio genetico ed epigenetico. 10

13 essi rivestita all interno di specifici contesti di norme e valori; dall altra, demistificare le relazioni di potere all interno delle quali essi sono inseriti e continuamente negoziati, a partire dal nudo dato biologico che assegna alle donne un ruolo così rilevante e centrale per la sopravvivenza collettiva. In particolar modo, proveremo qui a delineare i tratti peculiari di questa rivoluzione procreativa e, soprattutto, sulla scorta delle analisi foucaultiane, cercheremo di sviscerare le ragioni ed i meccanismi che stanno alla base della problematizzazione morale della procreazione e le pratiche a partire dalle quali queste problematizzazioni si formano (Foucault, 1984). Come, perché ed in quale forma l attività riproduttiva viene a configurarsi non più come un attività meramente ripetitiva, ma come un attività procreativa/generativa? Come, perché ed in quale forma è andata costituendosi come campo morale? Perché questa problematizzazione? Cosa c è realmente in gioco? Cercheremo quindi di indagare le modalità attraverso le quali si è costituita, nelle società occidentali moderne e contemporanee, un esperienza per cui gli individui hanno cominciato a percepirsi e a riconoscersi come liberi soggetti riproduttivi: un esperienza che coinvolge e pone in essere forme di soggettività specifiche radicate in «mondi morali locali» (Kleinman, 1995), che tocca campi di conoscenza e tipi di sapere molto diversi e che si articola in base ad un sistema di regole, norme e obblighi, tanto morali quanto giuridici. Questi tre aspetti che vanno a costituire l ontologia dell esperienza procreativa della modernità sono strettamente intrecciati l uno all altro: essi possono e devono essere pensati ed analizzati non solo nelle loro specificità storico-culturali 11

14 ma, soprattutto, come un insieme di campi reciprocamente connessi, strutturati e strutturanti. 12

15 1.1 Una prospettiva biopolitica della procreazione. Il comune denominatore fra soggettività, normatività e sapere è il luogo sul quale essi si iscrivono: il corpo del vivente umano. Sulla scorta delle analisi di Michelle Foucault, ci sentiamo in grado di sostenere che è stato proprio il rimodellamento epistemologico, ontologico e tecnico della percezione del corpo la vera chiave di volta della cosiddetta modernità. Come oramai ben noto, il corpo è divenuto oggetto, dalla seconda metà del XX secolo, di numerose trattazioni ed attenzioni analitiche. A nostro sentire, una delle più interessanti è quella elaborata proprio da Foucault, il quale propone un classificazione binaria del biopotere, il potere politico il cui compito era quello di «gestire la vita» (Foucault, 1976; trad.it. p. 123) e, di conseguenza, i corpi attraverso i quali essa veniva posta in essere. Secondo il filosofo francese, è a partire dal XVII secolo che viene a configurarsi il primo dei due poli del biopotere: esso si focalizza su un anatomo-politica del corpo umano, volta a potenziarne la forza, l utilità e il docile inserimento in sistemi efficienti (come l esercito o le fabbriche, ad esempio). È invece con lo stato amministrativo del XVIII secolo e con la nascita delle scienze positive dalla biologia alla demografia che, secondo Foucault, vengono a costituirsi: i meccanismi di gestione e controllo del corpo riproduttivo individuale inscritto nella massa della popolazione, i discorsi di verità prodotti dalla scienza medica attraverso il nuovo sguardo esercitato sui corpi e la produzione di un sapere scientifico organizzato intorno alla sessualità. È questo il tempo della 13

16 biopolitica: l altro polo del biopotere che ha originato tecniche, tecnologie ed apparati propri volto al controllo degli individui, intesi non più come mere entità biologiche ma come specie, attraverso il disciplinamento dei loro corpi e dei processi di riproduzione della vita stessa (ibidem). Come ben osservato da Rose: «Il biopotere è più una prospettiva che un concetto: fa emergere da parte di autorità differenti una molteplicità di tentativi più o meno razionalizzati di intervento sulle caratteristiche vitali dell esistenza umana: cioè sugli esseri umani, individualmente e collettivamente, come creature viventi che sono nate, maturano, abitano un corpo addestrabile e potenziabile, e poi si ammalano e muoiono» (Rose, 2007; trad.it. pp ). Sulla scorta di questa riflessione ci avvarremo della prospettiva biopolitica per indagare le pratiche, i dispositivi ed i saperi, sviluppatisi in campi diversi ma intrinsecamente connessi, che emergono come peculiari dell esperienza procreativa nella modernità e che, a loro volta, hanno contribuito a ridefinire ed ampliare la nozione contemporanea di politiche della vita. Riteniamo in primo luogo necessario fare una breve premessa sulla grande rivoluzione socio-culturale che ha investito le società occidentali a partire dalle prime decadi del Novecento e che, secondo lo storico Eric Hobsbawn, passa proprio attraverso la rimodulazione del luogo della riproduzione per antonomasia: la famiglia; questa subisce una importante trasformazione a seguito dei profondi cambiamenti che investono «i modelli pubblici che regolavano la condotta sessuale, il rapporto di coppia e la procreazione» (Hobsbawn, 1994; trad.it. p. 379). Assetti sino ad allora ritenuti portanti e 14

17 immutabili quali il matrimonio formalmente sancito, i rapporti inter e intra generazionali e le relazioni di genere cominciano, a livello diacronico e diatopico in Europa, a subire notevoli trasformazioni; queste trasformazioni sono, allo stesso tempo, matrice e prodotto di una più ampia riconfigurazione che investe svariati campi del sociale e che non può prescindere dal tenere in considerazione le varianti di tipo economico e culturale. Non è questa la sede per indagare a fondo le questioni relative alla mobilità sociale nel secondo dopoguerra, all ingresso delle donne nel mondo del lavoro, all incremento della scolarizzazione e alla nascita del movimento femminista; ci basta qui sottolineare come tutti gli ormai noti fenomeni socio-economici peculiari del Novecento siano strettamente intrecciati gli uni agli altri e in grado di riverberare reciprocamente significati e valori in trasformazione. Uno degli ambiti che più riflette queste trasformazioni valoriali è proprio quello della riproduzione il quale, per un intreccio di motivi che ora andremo ad analizzare nello specifico, si fa portatore di una rivoluzione antropologica tanto silenziosa quanto profonda. Cercheremo quindi di rispondere alla prima domanda che abbiamo posto all inizio di questa trattazione: quali sono stati gli elementi che hanno contribuito alla ridefinizione sia del significante dal momento che preferiamo parlare di pro-creazione piuttosto che di riproduzione sia del significato dei modi del venire al mondo? Una delle peculiarità più significative delle cosiddetta rivoluzione procreativa è il progressivo slittamento della linea di confine fra caso e scelta. Nell ambito della riproduzione, quando si fa riferimento al binomio 15

18 oppositivo caso/scelta si intende sottolineare, fondamentalmente, l inversione di segno della valenza dell atto generativo che, da improcrastinabile e naturale, diventa oggetto di decisione e arbitrio da parte dei soggetti coinvolti. Questo binomio che, a seconda della disciplina all interno della quale viene analizzato può presentarsi con termini diversi, ha, tuttavia, sempre lo stesso significato idealizzato: «il dominio del caso comprende eventi, cioè stati o processi che accadono. [ ] Il dominio della scelta comprende azioni finalizzate, che non accadono semplicemente ma vengono determinate. Nella realtà di cui facciamo quotidianamente esperienza, la complessità si presenta come un intreccio di elementi casuali e di elementi oggetto di scelta: le nostre scelte inevitabilmente modificano gli eventi naturali indipendenti ma anche questi possono limitare, vincolare, influire imprevedibilmente sulle nostre scelte. Non solo, il termine caso non rimanda necessariamente ad una realtà imprevedibile e capricciosa: esso può designare un complesso di eventi che possiede un ordine interno, per lo più finalistico, governato da leggi biologiche e fisiche» (Galletti, 2010; p.6) 3. Ovviamente, non è possibile rintracciare nella storia contemporanea il momento esatto in cui la linea di confine tra caso e scelta si è dilatata perché, per quanto possano risultare evidenti e ben analizzabili le circostanze concomitanti quei cambiamenti nell ambito socio-economico a cui prima si faceva accenno le variabili correlate che accompagnano la tendenza a ricercare il momento giusto per la 3 Della natura del binomio caso/scelta avremo modo di parlare più avanti nel corso della trattazione. 16

19 procreazione, possono essere tante quanti sono gli esseri umani. Come hanno dimostrato molti studi qualitativi 4, la piena assunzione di volontà e discrezionalità nell atto procreativo sembra ormai comunemente condivisa: anzi, esso assume ancora più valore proprio perché va ad inscriversi all interno di una configurazione più ampia di ruoli sociali, genere e forme di soggettività. Come ben evidenziato da Solinas: «i modelli minimalisti che hanno ormai guadagnato un egemonia incontestata nell Occidente industrializzato corrispondono ad un regime di riproduzione e trasmissione della vita che ne potenzia a dismisura il valore, la rende estremamente durevole e distanzia fino al limite del possibile il ricambio fra generazione e generazione. La vita dura molto di più di prima, si concede a nuovi titolari con grande parsimonia e assorbe quote di valore, di investimento riproduttivo, sociale ed economico incomparabilmente più alte di quelle che, nel passato, i progenitori trasmettevano ai discendenti, e che in molta parte finivano per disperdersi» (Solinas, 2010; pp ). Senza alcuna ombra di dubbio, un notevole contributo al dilatarsi dei significati e delle pratiche implicati nel binomio caso/scelta e alla ridefinizione in chiave valoriale della vita come concetto sostantivo e come sostanza viene proprio dal grande sviluppo conosciuto, nel secondo Novecento, dalle biotecnologie mediche e dai profondi mutamenti che esse hanno posto in essere. Veniamo ora ad analizzare l ambito forse più complesso quello costituito dai campi del sapere e, nello specifico, del sapere medico che ha ampiamente contribuito a 4 Cfr. Siebert, 1991; Ginatempo, 1993; D Aloisio, 2007; Solinas,

20 ridefinire, non ci sembra un azzardo scriverlo, l antropologia più profonda dell essere umano e le sue forme di immanenza nel mondo. Al fine di proporre un analisi esaustiva del fenomeno, ci avvarremo del pregevole lavoro di Nikolas Rose, il quale elabora una cartografia, articolata e pregnante, della nuova fisionomia assunta dalle scienze biomediche in relazione alle forme dalla biopolitica contemporanea. Secondo l autore, la rimodulazione della percezione della pratica medica e politica si è realizzata attraverso le interconnessioni tra cambiamenti su diversi piani; nello specifico, possono essere individuati cinque percorsi che segnano le traiettorie delle modificazioni più profonde: «la molecolarizzazione, l ottimizzazione, la soggettivazione, la competenza somatica e le economie della vitalità» (Rose, 2007; trad. it. pp. 9-10). Ciascuno di questi temi meriterebbe una trattazione a parte ma, per ovvi motivi, non potremo affrontarli tutti in questa sede. Ci concentreremo qui sui primi tre, proprio perché più funzionali allo sviluppo del nostro lavoro e poi, nel paragrafo successivo ci occuperemo dell aspetto della competenza somatica. Per cercare di comprendere appieno il processo di ridefinizione di ciò che significa essere umani posto in essere dalle biotecnologie, è necessario effettuare un passaggio preliminare per capire come esse riconfigurino, in primo luogo, il significato di esseri biologici. Una caratteristica peculiare delle nuove tecnologie della vita è quella di essere principalmente tecnologie della visione (Haraway, 1997; trad. it. p. 245): le immagini rimandate da telecamere, TAC, PET, ecografie e microscopi rappresentano le modalità attraverso le 18

21 quali una classe di specialisti (biologi, radiologi, ecografisti, genetisti, medici della riproduzione,ecc ), acquisisce una competenza somatica sul corpo (Rose, 2007) e ne conosce la realtà biologica rappresentandola non più a livello molare secondo la scala degli arti, degli organi, dei tessuti, ecc - ma a livello molecolare, come un insieme di meccanismi vitali intellegibili (Cartwright, 1995; Rose 2001, 2007). Il paradigma visivo, dopo aver soppiantato quello tattile ed esperienziale, ha rappresentato il modello privilegiato della conoscenza scientifica in Occidente e, più in generale, della pratica clinica fino al XIX secolo; dagli anni Sessanta del Novecento la modalità di indagine visuale della biomedicina si arricchisce di nuovi strumenti e nuove tecniche, che permettono di pensare il corpo individuale non più come un unicum indivisibile, bensì come un insieme di elementi molecolari che, tutti insieme, concorrono a formare il vivente umano. Ciò che appare inoltre importante sottolineare è proprio il regime di verità prodotto dalle tecnologie della visione, che si basano su un epistemologia in cui tanto maggiore e profonda e la penetrazione dello sguardo tanto piu veridica e reale e la sua conoscenza. Esse vanno a conferire un nuovo status ai corpi e al concetto di vita stesso. I corpi vengono reificati possono essere controllati, gestiti, progettati, riplasmati, modulati acquistano una propria fantomatica esistenza autonoma, alienata nelle sue vesti somatiche dalle persone che sono quei particolari corpi e dalle relazioni sociali in cui sono inseriti; la vita stessa diventa un fatto, nell accezione latina del verbo facere: è il risultato di un azione e di un processo conoscitivo che la pone in essere. 19

22 L universo della procreazione medicalmente assistita e della genetica clinica ad essa connessa appare come paradigmatico delle prospettive tracciate dalla biopolitica contemporanea; esso emerge non solo in quanto inedita forma e modalità di riproduzione, ma anche come spazio privilegiato per la diffusione del pensiero scientifico molecolare su di essa, con il suo corredo di immaginario legato ai corpi, agli organi, alle sostanze e ai prodotti dell intero processo riproduttivo. Sono innumerevoli gli studi sulla valenza simbolica e sull estetica dei processi biologici della riproduzione oramai disvelati all occhio umano 5 ; riteniamo importante qui citare solo quello realizzato dalla storica delle donne Barbara Duden che, ne Il corpo della donna come luogo pubblico, indaga proprio i meccanismi di costruzione culturale del feto umano, attraverso il senso della vista, da Leonardo ai giorni nostri. Non è nostra intenzione addentrarci qui nel dibattito sulla natura del feto (cosa sia, cosa rappresenti, cosa potrebbe essere, come dovrebbe essere pensato): esso ci interessa solo come epitome e simbolo di un più ampio processo di costruzione culturale del reale. In questo saggio del 1991, quasi pioneristico per certi versi, Duden elabora una vera e propria epistemologia storica del feto come risultato della visione: «dal punto di vista della storia della cultura, il nascituro fa parte della categoria dell occulto, [ ] della società degli invisibili. Ciò che lo contraddistingue dagli altri invisibili è il suo essere sulla soglia dell esistenza» (Duden, 1991; trad. it. p. 19). Dalla fine dell Ottocento in poi con la nascita della fotografia prima e poi con lo sviluppo dei raggi X, degli ultrasuoni e con la loro applicazione in campo 5 Si vedano: Martin, 1991; Héritier, 1996; Duden, 2002; Gribaldo, 2005; 20

23 scientifico la pelle, che sino ad allora aveva racchiuso un volume naturale molare e segnato il limen fra interno ed esterno della corporeità, viene oltrepassata dallo sguardo clinico e disvela l invisibile, il feto, che acquista forma di contingenza: «grazie alla tecnica [ ] si può contemplare l emblema (della procreazione) con i propri occhi e conferirgli lo status di realtà. La percezione della donna viene oggettivata biologicamente» (Duden, 1991; trad. it. p. 87). Attraverso le nuove tecnologie della visione si pone cioè in essere un discorso nell accezione foucaultiana del termine che, soppiantando la percezione somatica individuale, allo stesso tempo, istruisce e costruisce il visibile ed il reale: «le nuove tecnologie visive raffinano sempre più quelle tecniche di rappresentazione del reale che producono una quantità di immagini simulate attraverso le quali si viene a conoscenza della realtà. [ ] Questa tecnologia post-moderna, in cui l immagine è specchio del reale, mette in scena una retorica del corpo naturale che oltrepassa la scienza e presiede ovunque alla formazione di un immaginario simbolico e scientifico sulla verità del nostro essere» (Gribaldo, 2005, p ). Le immagini di rimando dell intero processo riproduttivo ormai disvelato dalle tecniche di visualizzazione dall incontro tra ovociti e spermatozoi sul disco di Petri sino ad arrivare alla prima ecografia del feto nel grembo della donna contribuiscono cioè alla ridefinizione dell essere umano nei termini di una forma biologicamente specifica di esistenza materiale, quasi ipostatizzata, percepita e rappresentata a livello molecolare. Ci preme inoltre sottolineare che, se in un qualche modo, soprattutto all inizio della loro diffusione, 21

24 le tecniche di procreazione medicalmente assistita sono state accompagnate da una retorica che le voleva come alleate degli esseri umani e, nello specifico, del genere femminile nella lotta contro l incedere inesorabile del tempo biologico e nell allontanamento del momento della riproduzione rinforzando, ancora una volta, la dilatazione del limen tra caso e scelta esse hanno, in realtà, notevolmente contribuito a quel processo di ridefinizione dell essere umano proprio nei termini di quel dato biologico che volevano eludere: attraverso una percezione e una costruzione, individuale e sociale, di un corpo molecolare che, nell intreccio inestricabile che si è venuto a creare tra biotecnologie ed esseri umani, connota questi ultimi in termini «ancora più biologici» (Rose, 2007; trad.it. p. 130). Le tecnologie vengono quindi a configurarsi come: «assemblaggi ibridi di conoscenze, strumenti, persone, sistemi di giudizio, costruzioni e spazi, sorretti a livello programmatico da certi presupposti e assunti riguardo agli esseri umani» (cfr. Rose 1996, p.26); da esse non può essere scisso il dato relazionale e, non meno importante, quello simbolico. Le biotecnologie della procreazione si connotano quindi come veri e propri dispositivi di costruzione culturale della realtà dal momento che esse generano specifici modi di esperire la riproduzione (per tutti i soggetti coinvolti, siano essi medici o pazienti) e peculiari forme di ritualità (basti pensare alla diversa scansione del tempo e dello spazio nella frammentazione dell evento riproduttivo) 6. In particolar modo, esse emergono come il luogo di intersezione dei due processi che Didier Fassin individua 6 Per una più approfondita epistemologia delle tecniche di procreazione medicalmente si vedano: Franklin, 1997; Rapp, 1999; Strathern, 1992; Gribaldo,

La medicina della riproduzione: alcuni spunti etici e politici Alberto Bondolfi Université de Genève Un ricordo del 1987 Mi ricordo il primo intervento su queste tematiche, tenuto quando il centro locarnese

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA PRESENTAZIONE DELLA RICERCA IL CONSUMO CONSAPEVOLE DI ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA ROMA 23 OTTOBRE 2008 Vorrei ringraziare gli intervenuti, i relatori, le Istituzioni ed il GSE che con la sua collaborazione

Dettagli

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE URIE BRONFENBRENNER E L APPROCCIO ECOLOGICO - PRIMA PARTE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Il corpo come fatto sociale e culturale

Il corpo come fatto sociale e culturale Il corpo come fatto sociale e culturale I gruppi umani pensano che le proprie concezioni del corpo, l uso che essi fanno del corpo siano ovvi, parti dell ordine naturale e non convenzioni sociali. Il corpo

Dettagli

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA

L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA L EDUCAZIONE AFFETTIVA SESSUALE NELLA SCUOLA PRIMARIA FINALITA L educazione all affettività rappresenta per l alunno un percorso di crescita psicologica e di consapevolezza della propria identità personale

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano

I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano I fattori di contesto. La famiglia. Caratteri e trasformazioni. Il caso italiano Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 La famiglia

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 725 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RIPAMONTI, PALERMI, SILVESTRI e TIBALDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GIUGNO 2006 Modifiche alla legge 19 febbraio

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica

Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Quadro di Riferimento PISA per la Literacy Scientifica Il testo che segue è una sintesi della prima parte dello Science Framework di PISA 2006. Il testo definitivo sarà pubblicato dall OCSE entro il mese

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Politiche e Lettere e Filosofia Corso di Laurea in Mediazione Linguistica e Culturale LA STAMPA TRA GENERE E IMMIGRAZIONE: IMMAGINI DI DONNE MIGRANTI

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

anno V, n. 2, 2015 data di pubblicazione: 1 luglio 2015

anno V, n. 2, 2015 data di pubblicazione: 1 luglio 2015 F. Antonelli, E. Rossi (cur.), Homo dignus. Cittadinanza, democrazia e diritti in un mondo in trasformazione, Wolters Kluver Italia Cedam, Roma - Padova, 2014, pp. XIII-146 Homo Dignus. Cittadinanza, democrazia

Dettagli

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013

Corso di Sociologia. Politica e Relazioni Internazionali. Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Corso di Sociologia Politica e Relazioni Internazionali Stefania Fragapane A.A. 2012-2013 Programma delle lezioni 1) MODULO - Tradizione classica e sviluppo della disciplina: Introduzione alla sociologia

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà

COMUNITÀ DI PRATICA. i loro membri condividono modalità di AZIONE E INTERPRETAZIONE della realtà Comunità di pratica e reti professionali di Massimo Tomassini Vorrei ringraziare per questo invito. Sono molto lieto di essere in questa sala in cui sono stato circa quattro anni fa, presentando con altri

Dettagli

Facciamo un calendario

Facciamo un calendario ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO DOCUMENTAZIONE PERCORSO DI STORIA Scuola dell Infanzia Facciamo un calendario Scuola dell Infanzia Insegnanti: F Aloisio,

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto".

Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto. Una esperienza di formazione e ricerca nel settore turistico: il progetto "Nuove professionalità per il mercato del lavoro Veneto". M. Fontana*, C. Felicioni** *Cultore della materia, Dip. di Psicologia

Dettagli

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1)

Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) Lezione n 1 L educazione come atto ermeneutico (1) La conoscenza pedagogica, nella misura in cui fa riferimento alla persona considerata nel suo complesso, non si fonda sul procedimento conoscitivo della

Dettagli

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008

Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa a Strasburgo il 27 novembre 2008 PROTOCOLLO ADDIZIONALE ALLA CONVENZIONE DEL CONSIGLIO D EUROPA SUI DIRITTI UMANI E LA BIOMEDICINA RELATIVO AI TEST GENETICI A FINI SANITARI (2008) Adottato dal Comitato dei Ministri del Consiglio d Europa

Dettagli

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia

Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia Presentazione a cura dell Ufficio per l Educazione, la Scuola e l Università della Diocesi di Brescia 1. Indicazioni Nazionali Curricolo (2012): spunti per ripensare la didattica scolastica. 2. Indicazioni

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE

RELAZIONE DI ADRIANA BOVE RELAZIONE DI ADRIANA BOVE INTRODUZIONE Il sistema brevettuale europeo appare fondato su vari principi. Alla previsione, contenuta nell art. 52, I comma CBE, secondo cui un invenzione per essere brevettabile

Dettagli

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità

Auser: Sistemi di Welfare e Comunità Auser: Sistemi di Welfare e Comunità 1. Ricomporre i Bisogni della Persona Provando a declinare alcune problematiche dall'agenda sociale, sembra che il tema degli anziani, dei mutamenti demografici, delle

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario.

Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. Quadro di riferimento sull attuale sistema di esercizio della libera professione in ambito sanitario. L attuale quadro normativo sulla libera professione prevede la possibilità di esercizio dell attività

Dettagli

12 Famiglie affidatarie

12 Famiglie affidatarie INTRODUZIONE Con questo volume avviamo la collana di studi e ricerche Essere, crescere volontari, dalla casa editrice La Scuola messa a disposizione dell Osservatorio sul Volontariato, nato da una concordanza

Dettagli

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA

PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PROGETTO A.M.A. PER FORMARE ALLA CURA PREMESSA L Associazione Italiana Malattia di Alzheimer (AIMA) nasce a livello nazionale nel 1985 con l obiettivo di dare voce alle necessità delle famiglie colpite

Dettagli

Presentazione autori

Presentazione autori «Regolerò il tenore di vita per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio, mi asterrò dal recare danno e offesa. [...] In qualunque casa andrò io vi entrerò per il sollievo dei malati,

Dettagli

DIVENTARE GENITORI OGGI

DIVENTARE GENITORI OGGI In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia Sintesi della ricerca Roma, 1 ottobre 2014 La genitorialità come dimensione individuale L esperienza della genitorialità

Dettagli

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA

LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA LA MEDICINA DEI TRAPIANTI: 25 ANNI DI STORIA Brescia, 1 dicembre 2012 Il valore etico della medicina dei trapianti Adelaide Conti - Cattedra di Medicina Legale Università degli Studi di Brescia ETICA DEI

Dettagli

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti

Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Le politiche sociali e il Welfare State. Definizioni e Concetti Corso di Politiche Sociali Facoltà di Scienze della Formazione Università Milano Bicocca Anno Accademico 2011-12 Con il termine Politica

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado

Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado Istituto Comprensivo "San Giovanni Bosco" Naro ISTITUTO COMPRENSIVO "SAN GIOVANNI BOSCO" NARO Progettazione curriculare verticale Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di I grado A.S.2015-16

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

[Digitare il testo] Pagina 1

[Digitare il testo] Pagina 1 [Digitare il testo] Pagina 1 Il concetto di gruppo si sviluppa a partire dal 1895 con Gustave Le Bon e la Psicologia delle folle, in cui i gruppi vengono considerati come forme pericolose ed irrazionali;

Dettagli

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come:

Introduzione. Sul piano analitico, l improvvisazione è un concetto multidimensionale che può assumere diverse forme. Può essere vista come: Disciplina, inciampo felice, responsabilità: i tre contributi che fanno da prefazione a questo mio testo colgono ciascuno una componente rilevante del tema dell improvvisazione. Punti di vista peculiari

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

M. FOUCAULT (1926 1984) Nascita della clinica (1963) Storia della follia (1961) Sorvegliare e punire (1975) La volontà di sapere (1976)

M. FOUCAULT (1926 1984) Nascita della clinica (1963) Storia della follia (1961) Sorvegliare e punire (1975) La volontà di sapere (1976) M. FOUCAULT (1926 1984) Nascita della clinica (1963) Storia della follia (1961) Sorvegliare e punire (1975) La volontà di sapere (1976) Sorvegliare e punire Nascita della prigione Il testo ha come protagonista

Dettagli

LA VITA PRE-NATALE: INIZIO DI UN VIAGGIO. Prefazione (G. Palestro) *

LA VITA PRE-NATALE: INIZIO DI UN VIAGGIO. Prefazione (G. Palestro) * LA VITA PRE-NATALE: INIZIO DI UN VIAGGIO Prefazione (G. Palestro) * In tempi recenti, la dinamica dei complessi rapporti materno-embrio-fetali, nella specie umana, è stata oggetto di numerosi studi scientifici

Dettagli

Alberto Bondolfi Università di Ginevra

Alberto Bondolfi Università di Ginevra Invecchiare ieri, oggi e domani: la condizione anziana di fronte alle sfide della medicina e della biologia contemporanee. Alcune considerazioni etiche Alberto Bondolfi Università di Ginevra Oggi si parla

Dettagli

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA

Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA Elisa Vecchi, LA RIDEFINIZIONE DEI RAPPORTI INTERGENERAZIONALI FRA MAROCCO E ITALIA: UN ANALISI DELLE PROBLEMATICHE INCONTRATE DAI GENITORI NEL CONTESTO DI MIGRAZIONE ITALIANO, Università degli studi di

Dettagli

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA

ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA ASSISTEST 2015 ASSISTEST 2015 MODULO DI FILOSOFIA Di cosa ci occuperemo? 2 Saperi essenziali richiesti dal bando: - Elementi di storia del pensiero filosofico: Glossario - Scetticismo - Kant - Marxismo

Dettagli

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione

I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione I voucher come metodo di finanziamento e accesso ai servizi: elementi per una discussione Premessa Obiettivo di questo breve documento è fornire una contributo in vista dell incontro dell 8 luglio; a tale

Dettagli

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia

Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia In collaborazione con DIVENTARE GENITORI OGGI: IL PUNTO DI VISTA DELLE COPPIE IN PMA Indagine sulla fertilità/infertilità in Italia SINTESI DEI RISULTATI Roma, 18 maggio 2016 A otto anni di distanza dalla

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA GEOGRAFIA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE si orienta nello spazio conosciuto colloca elementi dell ambiente conosciuto secondo criteri spaziali si orienta nello spazio

Dettagli

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Che volontari cerchiamo? Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Premessa All arrivo di un nuovo volontario l intero sistema dell associazione viene in qualche modo toccato. Le relazioni si strutturano diversamente

Dettagli

introduzione LICARI - Wayfinding.indd 21 22/05/2009 16.11.58

introduzione LICARI - Wayfinding.indd 21 22/05/2009 16.11.58 introduzione Il Duomo di Firenze è un ottimo esempio di riferimento lontano: visibile da vicino e da lontano, di giorno e di notte; inconfondibile, dominante per dimensioni e profilo, strettamente legato

Dettagli

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo

APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO. di Gaetana Fatima Russo APPENDICE 1 IL PROGETTO FLOW S CHOICE COME CONTRIBUTO INNOVATIVO NELLE ATTIVITÀ DI ORIENTAMENTO di Gaetana Fatima Russo Nella logica del percorso ROAD MAP che abbiamo assunto nel progetto Analisi delle

Dettagli

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO

ISIS Carducci-Dante Trieste PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 ISIS Carducci-Dante Trieste INDIRIZZI NUOVO ORDINAMENTO Liceo delle scienze umane Liceo delle scienze umane opzione economico-sociale Liceo classico Liceo linguistico Liceo musicale

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico

Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico Un Contributo per una Interpretazione Attuale della Teoria Mazziniana dell Economia di Sergio d Errico L approccio alle tematiche dello Sviluppo Economico sviluppa la percezione e la consapevolezza di

Dettagli

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile.

COMPETENZE DIGITALI. Le digital Competence Framework mi permettono di : Esplorare nuovi contesti tecnologici in modo flessibile. COMPETENZE DIGITALI Competenze digitali o digital skills. Un approccio in 3D, un mutamento in corso. L immersività generata dagli ambienti multimediali ci sollecitano un esigenza nuova e educabile: sviluppare

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio

Da alcuni anni Anffas Trentino Onlus è testimone diretta della funzionalità di alcune esperienze di integrazione lavorativa. Se ne occupa un servizio I prerequisiti dell inserimento d lavorativo: la funzionalità del metodo di Anffas Trentino a cura di Linda Pizzo Responsabile del Servizio Inserimenti Lavorativi di Anffas Trentino Onlus Da alcuni anni

Dettagli

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche

A. PARTE PRIMA. Capitolo I. I.1 Note metodologiche INTRODUZIONE La presente trattazione ha come oggetto l analisi di un caso, che ho seguito durante il tirocinio, svolto durante la mia formazione in psicoterapia sistemica, in qualità di osservatrice. L

Dettagli

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna

Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Il now-for-next in psicoterapia La psicoterapia della Gestalt raccontata nella società post-moderna Autore: Margherita Spagnuolo Lobb QUARTA DI COPERTINA La psicoterapia della Gestalt vede la relazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA

PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA PROGRAMMA DI SCIENZE UMANE - OPZIONE ECONOMICO SOCIALE MONOENNIO CLASSE QUINTA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente si orienta con i linguaggi propri della cultura nelle

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1

I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 I. OBIETTIVI E FINALITA DELL INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO DELLA STORIA 1 L idea di Storia insegnata ha sicuramente subito profonde trasformazioni nel presente, sia per le mutazioni dello statuto epistemologico

Dettagli

4.3 Ultima fase: lo scioglimento

4.3 Ultima fase: lo scioglimento 4.3 Ultima fase: lo scioglimento È poco usuale pensare la fine delle relazioni. Ma, se la relazione educativa è un processo, e un processo affettivo, ha una fine che sancisce delle acquisizioni, degli

Dettagli

L'Economia della Buona Vita

L'Economia della Buona Vita L'Economia della Buona Vita Un'intervista con il filosofo brasiliano Euclides André Mance di Anna Chiesura Dalla filosofia della liberazione all'elaborazione di un progetto alternativo alla società capitalistica

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali

Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Focus di pratica professionale di Andrea Bongi Società tra professionisti all esame di convenienza: riflessi operativi, fiscali e previdenziali Il comma 3 dell art.10 della c.d. Legge di stabilità per

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Sessualità coniugale e metodi naturali

Sessualità coniugale e metodi naturali INER-Italia Istituto per l Educazione alla Sessualità e alla Fertilità Sessualità coniugale e metodi naturali Corso di preparazione per animatori di fidanzati e giovani coppie di sposi INER BS www.fecunditas.it

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

8 Educare cittadini globali

8 Educare cittadini globali Presentazione Flavia Virgilio è componente (insieme a Davide Zoletto e ad Anselmo Roberto Paolone) del Gruppo di Ricerca in Pedagogia Generale e Sociale dell Università di Udine, da me coordinato. Questa

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura)

Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo. LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Programmazione annuale 2010-2011 Scuola dell infanzia di Coniolo LA CONOSCENZA DEL MONDO (Ordine, misura, spazio, tempo, natura) Raggruppare e ordinare Confrontare e valutare quantità Utilizzare semplici

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA

PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA FIRENZE 1 PROGETTO DI FORMAZIONE SUL TEMA IL SISTEMA DI PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO: RIFERIMENTI CONCETTUALI E NORMATIVI POSTI A CONFRONTO CON LA REALTÀ AZIENDALE FIRENZE 2 INDICE PREMESSA 3 MOTIVAZIONI

Dettagli

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org

ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti. www.trevisovolontariato.org ATTIVARE LA SOLIDARIETÀ Percorsi formativi per studenti www.trevisovolontariato.org Il Laboratorio Scuola & Volontariato è un iniziativa del Coordinamento delle associazioni di volontariato della Provincia

Dettagli

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro.

Adotta il futuro. Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa. Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro. Adotta il futuro ovvero Indagine del mercato del lavoro: analisi tra Scuola e Impresa Progetto di intervento nella relazione tra scuola e lavoro Promosso e realizzato da: Ufficio Scolastico Provinciale

Dettagli

Non poter avere figli: il supporto che cura

Non poter avere figli: il supporto che cura Non poter avere figli: il supporto che cura Sterilità, infertilità, fecondazione assistita: diagnosi pesanti, appesantite dal dubbio di non poter avere (mai) figli. Si supera? Ne parliamo con Emilse Dumit,

Dettagli

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI?

MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Carla Geuna - Jessica Lamanna MAMMA E PAPÀ MI RACCONTATE COME SI FANNO I BAMBINI? Una storia per educare il cuore di chi sta crescendo ARMANDO EDITORE SOMMARIO Ringraziamenti 7 Introduzione di Fabio Veglia

Dettagli

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare

educazione agli usi creativi della lingua riflessione su di essa controllo progressivo dei linguaggi in ambito disciplinare INTRODUZIONE Lo sviluppo di competenze linguistiche ampie e sicure è condizione indispensabile per la crescita della persona e per l'esercizio pieno della cittadinanza, per l'accesso critico a tutti gli

Dettagli

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE

PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia PROGETTO DI FORMAZIONE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE SULLE DONNE 0. Premessa La violenza sulle donne è un fenomeno sempre più drammaticamente presente nel nostro

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE

CAPITOLO 1 INTRODUZIONE CAPITOLO 1 INTRODUZIONE 1. EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI QUALITÀ 2. DEFINIZIONE DI QUALITÀ 3. IL SISTEMA QUALITÀ 4. CERTIFICAZIONE DI QUALITÀ 5. LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO 6. LA NORMA UNI EN ISO 8402 1.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 12

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 12 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 12 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 20 maggio 1985, n. 222, in

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico

Facciamo Sicurezza. Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico Facciamo Sicurezza Affrontare in modo coinvolgente, innovativo ed efficace la sfida della sicurezza sul lavoro in coerenza con il Testo Unico 1 Indice Premessa Finalità e destinatari dell intervento Metodologia

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI

BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI FORMAZIONE UNIVERSITARIA ON-LINE MASTER IN BIOETICA PER LE SPERIMENTAZIONI CLINICHE E I COMITATI ETICI A Distanza e con Campus Virtuale A partire dall A.A. 2009-2010 Coordinamento Prof. Adriano Tagliabracci

Dettagli

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE Prefazione...................................... v Introduzione..................................... 1 Parte prima BIOETICA GENERALE Capitolo I CHE COSA È LA BIOETICA 1. Definizione di bioetica e suo statuto

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA

LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA LA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE IN ASP CITTA DI BOLOGNA LINEE GUIDA 1. Premessa L ASP Città di Bologna è il frutto di un percorso complesso di unificazione di tre Istituzioni cittadine storiche con una

Dettagli

Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare

Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare Workshop interregionale Prevenzione del tabagismo nei luoghi di lavoro: realtà e prospettive. La rete degli operatori come strumento per migliorare l'efficacia dell'intervento del Medico del lavoro Workshop

Dettagli

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO

COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO COMUNICAZIONE CONSIGLIO DIRETTIVO SOCIETA MEDICO LEGALE DEL TRIVENETO Considerazioni interpretative tecniche per la valutazione medico legale del danno biologico per lesioni di lieve entità, ex DL 209/2005,

Dettagli