Il percorso clinico-diagnostico della coppia infertile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il percorso clinico-diagnostico della coppia infertile"

Transcript

1 Il percorso clinico-diagnostico della coppia infertile Tecniche di recupero del 1 globulo polare Gismano E., Fusi F.M., Brigante C., Calzi F., De Michele F., De Santis L. Centro Scienze Natalità, Fisiopatologia della Riproduzione, H San Raffaele, Università Vita-Salute, Milano Esistono differenti formule di diagnosi genetica preimpianto - Preimplantation Genetic Diagnosis (PGD) - che vengono eseguite dopo la fecondazione dell ovocita e sono rappresentate dall analisi del secondo globulo polare, del blastomero prelevato allo stadio embrionale di 6-8 cellule e/o del trofoblasto della blastocisti. La PCGD (acronimo di Pre Conceptional Genetic Diagnosis) rappresenta la forma di diagnosi prenatale più precoce ed è pertanto di notevole interesse clinico. Può essere applicata in caso di malattie geneticamente trasmissibili a carico dell ovocita per incrementare le possibilità di gravidanza a termine con bimbo sano. Si effettua durante un ciclo di PMA, mediante analisi genetica effettuata sul primo globulo polare (1PB), quindi prima della fecondazione. La PCGD e la PGD possono quindi essere offerte ai pazienti con un elevato rischio di trasmettere aberrazioni cromosomiche e malattie monogeniche alla progenie. Allo stesso modo, anomalie dei cromosomi sessuali e trisomie degli autosomi 13, 18 e 21 possono essere evitate. La PGD è stata anche offerta come tecnica di screening di aneuploidie (PGD-AS) in embrioni derivati da donne di età avanzata che si erano precedentemente sottoposte a trattamenti fallimentari contro l'infertilità (Gianaroli et al., 1999; Munnè et al., 1999; Verlinsky et al., 1999a). Più recentemente si è invece ottenuta una gravidanza (con relativo parto di bimbo sano) da un ovocita sottoposto a biopsia del 1PB in una paziente con numerosi tentativi falliti alle spalle, con una sterilità definita idiopatica (Fishel et al., 2010). L importanza della differenza tra i due approcci è ribadita sia nelle linee guida dell ESHRE che in quelle dell ASRM (Thornhill et al., 2004; ASRM, 2008). Lo scopo di queste metodiche è aumentare i tassi di gravidanza, diminuire gli aborti e/o migliorare il tasso d'impianto per numero di embrioni trasferiti. Tuttavia, il vero vantaggio di questa procedura deve ancora essere valutato in studi randomizzati controllati su una casistica statisticamente significativa. Poiché entrambi i globuli polari rappresentano materiale extra-embrionario che viene estruso il primo durante la meiosi e il secondo successivamente all avvenuta fecondazione, essi sembrano non avere alcun ruolo biologico definito per lo sviluppo del futuro embrione, pertanto la loro rimozione

2 non dovrebbe interferire con la fecondazione e il successivo sviluppo (Verlinsky et al., 1990a; Verlinsky and Kuliev, 1992; Dawson et al., 2006). A seconda delle leggi vigenti nei singoli Paesi, può essere consentita l esclusiva analisi del 1PB, l estrusione del quale si verifica prima dell evento fecondazione (Montag et al., 2009). L'assenza di un significativo effetto deleterio della rimozione del globulo polare sulla fecondazione e sullo sviluppo pre-embrionale concorda con l'ipotesi che il 1PB non giochi un ruolo durante lo sviluppo dell'embrione. Dallo studio del modello murino non è stato osservato nessun effetto dannoso sulla vitalità degli embrioni biopsizzati risultanti (Kaplan et al., 1995) e ciò ha permesso l applicazione clinica della metodica in campo umano (Verlinsky and Kuliev, 1996). Inoltre dati, seppur non recentissimi, non riportano nessun effetto dannoso in uno studio di follow up di più di 100 bambini nati da biopsia del primo e secondo globulo polare (Strom et al., 2000). Il recente studio di Griesinger et al., (2009) ha riportato la nascita di tre bimbi sani da biopsia del primo PB per analisi di malattie monogeniche. Poiché il globulo polare contiene materiale genetico speculare a quello presente nell ovocita, la biopsia del medesimo permette di eseguire un analisi accurata che rispecchia la situazione presente nella componente cellulare protagonista nello sviluppo del futuro embrione, rappresentando pertanto un metodo indiretto d indagine genetica. A questo punto sarebbe opportuno entrare nel dettaglio delle considerazioni di tipo genetico e della relativa interpretazione dei risultati, ma queste verranno trattate nel capitolo ad esse dedicato Analisi genetiche su gameti ed embrioni. Cenni storici: Da un punto di vista storico le prime applicazioni cliniche dell analisi del 1PB per diagnosticare malattie monogeniche risalgono ai primi anni Novanta quando il gruppo di Verlinsky è stato in grado d individuare disordini numerici dei cromosomi, pur senza l ottenimento di gravidanze (Verlinsky et al., 1990b, Verlinsky and Kuliev, 1992). Successivamente lo stesso gruppo ha eseguito l'analisi simultanea del primo e del secondo globulo polare per testare aneuploidie comuni (Verlinsky et al., 1996, 1998, 1999, 2001a) o disturbi monogenici (Strom et al., 1998; Kuliev et al., 1999, 2001; Retchisky et al., 2001,Verlinsky et al., 1997, 1999b, 2001 b, c, d, e) con la conseguente nascita di bambini sani. Nel 2006 sono stati prodotti i primi risultati sulle malattie X-linked (Verlinsky et al., 2006) mentre a partire dal 1998 il gruppo di Munnè è stato in grado di diagnosticare traslocazioni di origine femminile ottenendo una riduzione significativa del tasso di aborto spontaneo (Munnè et al., 1998a, b, c, d, 2000).

3 Metodiche di prelievo del globulo polare: La manipolazione sperimentale di ovociti e di embrioni animali (soprattutto murini) è stata un passo importante nello sviluppo delle tecniche di apertura o penetrazione della ZP. Prima della loro applicazione nella biopsia dell embrione umano, queste tecniche sono state sviluppate come tentativo di aiutare la fecondazione dell ovocita in coppie con gravi fattori maschili (Cohen et al., 1988, 1989; Malter and Cohen, 1989) o di aumentare la percentuale d impianto dell'embrione aiutando il processo di hatching (Cohen et al., 1990, 1992). In tali esperimenti, l apertura della ZP si otteneva esclusivamente attraverso mezzi meccanici o chimici. La procedura di biopsia coinvolge sempre due fasi: apertura della zona pellucida e rimozione del materiale cellulare. Se per quest ultima fase c è una sostanziale uniformità di approccio, esiste un ampia bibliografia in merito alle diverse modalità di apertura della ZP. Potrebbe essere superfluo, ma è comunque utile, premettere che dopo la biopsia dell ovocita segue necessariamente la ICSI come metodo di fecondazione. In questo modo viene evitato il problema della polispermia e viene superato quello dello zona hardening indotto dall apertura della ZP (Munnè et al.,1995). Ogni fase della biopsia cellulare viene eseguita su un piano riscaldato a 37 C mediante l ausilio di un micromanipolatore, che permette l esecuzione di movimenti finissimi e molto delicati. Il PB viene prelevato con il micromanipolatore, all invertoscopio, aspirandolo delicatamente mediante una micropipetta di vetro con diametro interno di µm oppure l ovocita viene delicatamente schiacciato aiutandosi con le due pipette del micromanipolatore per permettere al PB di fuoriuscire. E stato descritto un altro metodo per permettere la fuoriuscita del PB mediante la progressiva aspirazione della ZP (una volta forata) con la pipetta holding posizionata in sede diametralmente opposta a quella del foro agevolando quindi la fuoriuscita del PB stesso (Payne, 1994). Successivamente il PB viene trasferito in provette da PCR da 0.2 ml contenenti PBS o buffer di lisi, ricoperto da un menisco di olio minerale se va incontro ad analisi molecolare oppure su vetrino se viene successivamente eseguita un indagine citogenetica. Il foro nella ZP può essere eseguito con diverse metodiche. Per quanto concerne l approccio meccanico la tecnica maggiormente utilizzata è la partial zona dissection (PZD) nella quale con l ausilio di una pipetta affilata (PZD cutting pipette) viene praticato un foro di µm tangenzialmente alla ZP. La procedura è stata descritta per la prima volta in ovociti umani (Cohen et al., 1989;. Malter and Cohen, 1989) come stratagemma per facilitare la penetrazione degli spermatozoi attraverso fori creati meccanicamente nella ZP, ma è comunque applicabile alle fasi di clivaggio degli embrioni (Cohen et al., 1990) per migliorare il processo di hatching o per eseguire la biopsia embrionale

4 (Grifo et al., 1990). Una delle strategie suggerite per rendere più agevole l esecuzione della biopsia è l utilizzo di terreno addizionato di saccarosio 0.1M per indurre un raggricciamento (shrinkage) dell ovocita e permettere una più netta separazione tra il PB e l oolemma (Payne, 1994). Tuttavia questa tecnica è stata abbandonata per gli ovvi effetti collaterali legati allo shock osmotico indotto nella cellula, che risultava funzionalmente compromessa. La penetrazione diretta attraverso la ZP viene eseguita prevalentemente con una pipetta smussata (Roudebush et al., 1990; Takeuchi et al., 1992; Cui et al., 1993) che è spinta attraverso la zona come un ago e che può essere utilizzata sia per l'aspirazione dei globuli/blastomeri che per lo spostamento della ZP stessa (quest'ultimo approccio implica una seconda apertura). La puntura diretta della ZP si è dimostrata molto efficiente per la rimozione del globulo polare (Verlinsky and Cieslak, 1993). La pipetta consente la perforazione meccanica della ZP, ed una volta all'interno della spazio perivitellino (SPV), il globulo può essere aspirato con la medesima pipetta (illustrato in Gianaroli, 2000). La PZD convenzionale consiste, invece, nell esecuzione di una fessura nella ZP per mezzo di un microago tagliente e chiuso all estremità (illustrato in Selva, 2000); pertanto la successiva rimozione del globulo deve essere eseguita con un apposita pipetta. Spesso si ottengono incisioni longitudinali di forma irregolare. Le dimensioni della fessura possono dipendere dalla distanza tra il primo e il secondo punto in cui la ZP è stata trafitta dal microago. Malter e Cohen (1989) descrivono aperture non superiori a 20 µm che nella maggior parte dei casi sono difficili da individuare dopo coltura degli ovociti, tuttavia sono state documentate aperture larghe fino a 40 µm di lunghezza, ma solo 2 µm di larghezza (Payne et al., 1991). L apertura meccanica della ZP umana mediante perforazione e sfregamento è relativamente semplice da eseguire e non traumatica per gli ovociti (Malter and Cohen, 1989) ed il rischio di danno all embrione nelle fasi di clivaggio è limitato (Cohen et al., 1990). Questo procedimento può risultare più difficoltoso nel recupero del secondo PB in quanto il processo di fecondazione provoca di per sé un indurimento della ZP (Cohen and Feldberg, 1991), tuttavia non riguarda applicazioni pratiche nella realtà italiana, dove questo tipo di analisi non è attualmente consentito per le limitazioni di legge. Un altro approccio meccanico è rappresentato dalla 3-dimensional PZD (3D-PZD) mediante la quale vengono operati due tagli perpendicolari ovvero un taglio a croce nella ZP permettendo l accesso allo SPV con un maggior agio e consentendo il recupero anche contemporaneo dei 2PB (Cieslak et al., 1999). Invece di fare una singola fenditura di circa µm di lunghezza, viene eseguita un apertura più ampia a forma di croce che crea un secondo spacco perpendicolare alla prima fessura. La 3D-PZD permette la creazione di un apertura maggiore rispetto a quella della PZD convenzionale ed evita la

5 formazione di un foro permanente che lascia l embrione o l ovocita non protetto (come avviene invece utilizzando l acido di Tyrode). L'apertura a forma di croce eseguita alla stadio di zigote permette la rimozione simultanea di entrambi i globuli polari, anche quando sono situati in aree separate nello spazio perivitellino. Questo approccio è applicabile anche agli embrioni allo stadio di clivaggio. Per la biopsia del blastomero viene eseguito un taglio a forma di V che permette il passaggio di una micropipetta del diametro di circa 25 µm ed una rimozione non traumatica di uno o più blastomeri. Questo metodo sembra essere sicuro e semplice sia per gli ovociti che per gli embrioni, ma sono necessari più dati per stabilire il suo significato clinico come alternativa all'uso di sostanze chimiche o alle altre procedure che richiedono apparecchiature più sofisticate come i laser. Va detto che la 3D-PZD richiede un tempo maggiore d esecuzione ed è sconsigliata nei casi in cui sia previsto il recupero del solo 1PB. La tecnica di apertura della zona mediante l impiego di sostanze chimiche si realizza prevalentemente tramite il rilascio controllato di una soluzione di acido di Tyrode (Tyrode s acid ph 2.3), la tecnica va sotto il nome di acid zona drilling (Gordon and Talansky, 1986). A differenza della PZD, la perforazione chimica della ZP crea un foro più grande e rotondo la cui dimensione non è sempre facile da controllare. Infatti, la ZP umana è molto più resistente al trattamento acido rispetto a quella murina (Gordon et al., 1988) e di conseguenza, è spesso necessario applicare una quantità relativamente più elevata di acido. Bisogna quindi tenere in grande considerazione, quando si valuta la sicurezza di questo approccio tecnico, la risultante acidificazione del terreno di coltura o anche la deposizione della soluzione acida di Tyrode nello SPV (Garrisi et al., 1990). Oltre alla lisi cellulare immediata possono verificarsi danni agli ovociti che possono interferire con lo sviluppo o l impianto embrionario. Gli embrioni o gli ovociti sono normalmente micromanipolati individualmente e vengono lavati immediatamente dopo la foratura della ZP un paio di volte per rimuovere la soluzione acida (Cohen et al., 1992) esponendo eccessivamente la cellula ad un ambiente acido. I dati disponibili sugli embrioni ci dicono che la foratura e l aspirazione del blastomero con un unica pipetta non sembrano essere un buon approccio (Chen et al., 1998). Nonostante siano stati riportati eccellenti tassi di gravidanza mediante l utilizzo di un'unica pipetta, il tasso di lisi del blastomero alla biopsia sembra essere piuttosto alto (11%) (Inzunza et al., 1998; Iwarsson et al., 1998, 2000). La perforazione chimica seguita dall aspirazione del PB avviene normalmente con due diverse pipette: una pipetta di perforazione con un diametro interno di circa 5-7 µm e una di aspirazione con un diametro interno di circa µm utilizzando un doppio supporto.

6 L'uso di soluzione acida di Tyrode su ovocita umano per digerire chimicamente la ZP si è dimostrato inadeguato (Gordon et al., 1988;. Garrisi et al., 1990;. Depypere and Leybaert, 1994) perché sembra compromettere la vitalità dell ovocita stesso (Payne et al., 1991) ma - nonostante la tossicità e l'acidificazione citoplasmatica è considerata sicura sulla base delle gravidanze e delle nascite riportate in letteratura (Harper, 1996; ESHRE PGD Consortium, 1999, 2000, Goossens et al., 2009). Il foro che si ottiene con questa tecnica è però estremamente più ampio di quello che si ottiene con le tecniche meccaniche e per evitare che il processo sfugga al controllo a causa dell eccessiva azione dell acido è necessario che l ovocita venga spostato rapidamente in una goccia di terreno priva di acido e lavato numerose volte per evitare che eccessive differenze di ph portino a lisi cellulare (Cohen et al., 1992). E noto infatti che l ovocita sia una cellula particolarmente sensibile ad ambienti acidi pertanto questa condizione, se prolungata, può compromettere irreversibilmente la competenza evolutiva della cellula stessa (Payne, 1995). La perforazione chimica della ZP è una procedura di per sé estremamente semplice in termini di attrezzature necessarie ma richiede grandi capacità tecniche. La struttura a doppio stato della ZP umana può essere vantaggiosa: lo strato esterno viene rimosso facilmente, mentre lo strato interno varia molto nella sua suscettibilità alla dissoluzione con l acido di Tyrode (Gordon et al., 1988; Tucker et al., 1993). Quando lo strato interno è refrattario alla perforazione, gli ovociti tendono ad i andare incontro a lisi e degenerare. Il tasso di dissolvimento della ZP può variare e il tempo necessario per completare questo processo varia di conseguenza (tra 30 sec e 2 min). La tecnica probabilmente migliore, poiché abbina un approccio meccanico ad uno fisico è la perforazione della zona pellucida mediante laser (laser drilling) (Palanker et al., 1991; Tadir et al., 1991, 1992, 1993; Neev et al., 1992). Tale tecnica è stata introdotta negli anni 90 per la biopsia dell embrione (Palanker et al., 1991; Tadir et al., 1991,1992, 1993) e successivamente è stata applicata anche per la biopsia del primo globulo polare (Montag et al., 1997, 1998, 2004). I raggi laser in una specifica configurazione sono in grado di indurre un danno esclusivamente superficiale e circoscritto alla ZP di ovociti o di embrioni di varie specie ed hanno come scopo quello di aumentare il tasso di fecondazione e di attecchimento (ed il conseguente impianto) o di permettere la biopsia del 1PB o degli embrioni. I raggi laser sono onde elettromagnetiche con caratteristiche uniche e differiscono fra loro in base a lunghezze d'onda che si trovano nel campo del visibile (rosso, verde o blu), ultravioletto (UV) ed infrarosso (IR). E stato riportato in letteratura che un laser a UV che emette a 193 nm consente l apertura della ZP senza interferire con lo sviluppo in vitro o in vivo di embrioni (Palanker et al., Laufer et al., 1993). Tuttavia, lunghezze d'onda più lunghe (266, 308, 355, 366 e 532 nm), meno assorbite dall acqua e quindi

7 senza un contatto diretto attraverso le lenti del microscopio, si sono dimostrate più pratiche (Neev et al., 1992). Un importante svantaggio delle radiazioni UV è dato dal loro potenziale effetto mutageno (Rasmussen et al., 1989). Per prevenire il danno genetico, la lunghezza d'onda dovrebbe essere sufficientemente distante da quella di massimo assorbimento del DNA. Nella gamma dei raggi infrarossi sono stati descritti due tipi di laser: un laser a contatto 2,9 µm erbio-yag (Strohmer and Feichtinger, 1992; Antinori et al., 1994) ed un laser generato da un diodo senza contatto di 1,48 µm (Rink et al., 1994; Germond et al., 1995, 1996; Boada et al., 1998). Il laser a tecnologia erbio- YAG è stato applicato per l assisted hatching (Strohmer and Feichtinger, 1992) e per la fecondazione assistita (Antinori et al., 1994) ed è considerato sicuro in base al numero di nati vivi. Tuttavia sarebbe auspicabile dirigere il raggio laser non direttamente contro la cellula producendo una perforazione della ZP senza effetti meccanici, termici o mutageni. Il laser a diodo a 1,48 µm (Fertilase, MTM, Montreux, Svizzera) soddisfa tutti questi requisiti ed è stato ampiamente descritto e valutato sia per l efficacia che per la sicurezza da Germond et al. (1995, 1996). Se vogliamo trarre conclusioni definitive è sicuramente necessario ampliare la casistica ma sembra evidente che i tassi di gravidanza ottenuti siano simili sia a quelli con soluzione acida di Tyrode. Inoltre è stato riportato un incoraggiante tasso di bambini nati dopo biopsia del 1PB mediante laser drilling su numero di embrioni trasferiti per ciclo del 18.3% (Montag et al., 2004). E importante sottolineare che l interpretazione dei dati di letteratura di provenienza bibliografica tedesca necessitano di una lettura critica. I dati di Montag et al. (2004) infatti si riferiscono ad un analisi del 1PB in cui quest ultimo viene prelevato successivamente all esecuzione della ICSI, ad uno stadio cioè zigotico o pre-zigotico comunque incompatibile con l approccio possibile nei termini della Legge 40/2004. Si può quindi supporre che l alta efficienza sia legata proprio alla tempistica. Usando il microscopio associato ad un sistema di micromanipolazione, l'ovocita o l embrione è posizionato in modo che il raggio colpisca esattamente la ZP. L ampiezza del foro può essere scelta variando l intensità e il tempo di irradiazione generando un foro con un diametro di 5-10 µm in ms (Germond et al., 1996). Se si vuole aumentare il diametro basta aumentare il tempo di irradiazione. E fondamentale perforare la ZP senza colpire l oolemma, perchè potrebbe irrimediabilmente danneggiarsi. L utilizzo del raggio laser permette di regolare l ampiezza e la precisione del foro praticato, molto di più rispetto all utilizzo della soluzione acida di Tyrode. Attualmente non esiste nessuna evidenza convincente del fatto che una tecnica sia più sicura e migliore dell altra. Per una maggiore semplicità di utilizzo e velocità di esecuzione viene principalmente utilizzato il laser-drilling. Tale tecnologia - estremamente accurata e rappresentata

8 da una curva di apprendimento piuttosto rapida - si è dimostrata molto efficace per la biopsia del 1PB ma richiede un investimento economico iniziale consistente. Per una migliore sicurezza nel prelievo del 1PB contenente il materiale genetico da analizzare, l ovocita dovrebbe essere preventivamente osservato al microscopio a luce polarizzata, per stabilire esattamente la posizione del fuso meiotico e far sì che non venga danneggiato durante tutta l operazione di biopsia. Un ovvia critica che si potrebbe muovere ai contenuti di questo capitolo risiede nella vetustà del bagaglio bibliografico, tuttavia le metodiche di apertura della ZP sono state ampiamente sviluppate tra la seconda metà degli anni Ottanta e i primi anni Duemila (De Vos and Van Steirteghem, 2001) mentre recentemente la ricerca si è focalizzata sull approfondimento e l interpretazione dei dati genetici. Problemi connessi: Occorre sottolineare con grande enfasi che la tecnica di recupero e analisi del 1PB può essere eseguita solo in pazienti che abbiano prelevato un numero idoneo di ovociti, generalmente superiore a 5, meglio se 8, poiché si tratta di una tecnica invasiva, anche se eseguita da mani esperte e perché è insito nella tecnica che alcuni ovociti potrebbero essere scartati dopo l analisi genetica. Pertanto è necessario che la paziente abbia eseguito un adeguato esame di conta follicolare e che abbia una buona riserva ovarica. Chiaramente l analisi genetica del secondo globulo polare permetterebbe una maggior riduzione del numero di ovociti eliminati e fornirebbe un analisi più esaustiva, ma questa è attualmente vietata nel nostro Paese (L. 40/2004). Di fondamentale importanza è la tempistica dell esecuzione della biopsia: non esiste una tempistica codificata né tanto meno standardizzata, ma è intuitivo pensare che tutta la procedura dovrebbe essere eseguita nel minor tempo possibile ovvero non più di 5 minuti complessivi ad ovocita e comunque in un intervallo che va dalle 36 alle 42 ore dopo la somministrazione alla paziente dell hcg per evitare la degenerazione o la frammentazione del PB stesso (Gianaroli et al. 2010). Inoltre le condizioni subottimali di temperatura e osmotiche a cui è sottoposto l ovocita durante la procedura di biopsia dovrebbero essere il più controllate possibile. Bisogna considerare che tutta la metodica, compresa l analisi e l esecuzione della microiniezione dello spermatozoo dovrebbero essere eseguite entro 6 ore dal prelievo ovocitario (Ducibella, 1998; Dubey et al., 1998). Questo problema tecnico può essere superato con la crioconservazione dell ovocita in attesa di avere l esito dell analisi genetica..

9 Quale metodica di crioconservazione degli ovociti sottoposti a biopsia scegliere? In letteratura sono riportati solo pochi lavori a riguardo, ma la tecnica più accreditata sembra essere la vitrificazione (Naether et al., 2008; Keskintepe et al., 2009). Precedenti risultati su embrioni murini hanno mostrato eccellenti tassi di sopravvivenza, ulteriore sviluppo in vivo e impianto dopo biopsia e crioconservazione (Wilton et al., 1989; Liu et al., 1993; Snabes et al., 1993). Tuttavia, al fine di congelare ovociti dopo la biopsia in attesa dell esito dell analisi genetica è opportuno scegliere il protocollo di congelamento più adeguato per cellule con una ZP non perfettamente intatta. Il foro praticato nella ZP è ritenuto il principale responsabile della maggiore suscettibilità cellulare ai fenomeni di congelamento-scongelamento. Esistono in letteratura solo tre lavori datati di gruppi che hanno riportato gravidanze dopo crioconservazione di ovociti o embrioni umani biopsizzati (Carson et al., 1997 biopsia embrionale precedente alla crioconservazione; Lee and Munnè, 2000, Ozmen et al., 2008 biopsia ovocitaria e successiva criopreservazione embrionaria), sottolineando la bassa percentuale di successo di questo approccio. Il globulo polare prelevato può essere analizzato mediante PCR (Polimerase Chain Reaction) e sequenziamento, FISH (Fluorescence In Situ Hybridization), CGH (Comparative Genomic Hybridization) o array CGH, dopo una preventiva amplificazione del materiale genetico reperito mediante whole genome amplification. Non tratterò tali argomenti né le rispettive problematiche poiché queste sono materia di indagine di un altro capitolo. In conclusione si può affermare che l analisi del 1PB permette di superare i problemi etici (ed in determinati Paesi, problemi relativi alle legislazioni vigenti (Montag et al., 2009)) connessi all analisi genetica sugli embrioni, inoltre la biopsia del 1PB non incide sullo sviluppo embrionario se eseguita rispettando tempi e gli standard propri della buona pratica di laboratorio. Se è vero che esistono riferimenti bibliografici di confronto tra le tre principali metodiche di apertura della zona eseguite in embrioni (Joris et al., 2003), non si può dire lo stesso per l ovocita. Attualmente non ci sono indicazioni che facciano rientrare l analisi del 1PB tra le tecniche di screening applicabile di routine a tutte le categorie di pazienti poiché si tratta comunque di una tecnica invasiva, dove il costo-beneficio dev essere opportunamente ponderato. In virtù di questo, tale metodica dev essere proposta esclusivamente a classi ben selezionate di pazienti (ad esempio, pazienti a cattiva prognosi per età avanzata, dopo ripetuti fallimenti FIVET, poliabortività o sterilità idiopatica) (Thornhill et al., 2004; ASRM, 2008; PGDIS, 2008; Montag et al., 2009, Harper et al., 2010) oppure in quei pazienti in cui tale tipo di analisi sia giustificata da fondati sospetti relativi alla possibilità di trasmissione di patologie genetiche alla prole. Attualmente il dibattito è molto acceso

10 relativamente a quale stadio dello sviluppo embrionale sia più opportuno effettuare la biopsia per indagare patologie genetiche a carico materno; sembra comunque che la biopsia del 1PB (o meglio, quella di entrambi i PB) possa essere una valida alternativa alla biopsia embrionale (Montag et al., 2009; Simpson, 2010). BIBLIOGRAFIA Antinori S, Versaci C, Fuhrberg P, et al. (1994). Seventeen live births after the use of an erbium-yttrium aluminium garnet laser in the treatment of male factor infertility. Hum Reprod 9: ASRM Preimplantation genetic testing: a practice committee opinion. 2008; Fert Ster 90:S Boada M, Carrera M, De La Iglesia C, et al. (1998). Successful use of a laser for human embryo biopsy in preimplantation genetic diagnosis: report of two cases. J Assist Reprod Genet 15: Carson RS, Burgess CM, Glatstein IZ, et al. (1997). Preimplantation genetic diagnosis and cryopreservation of embryos. Fertil Steril 68 (Suppl. 1): 198. Chen SU, Chao KH, Wu MY, et al. (1998). The simplified two-pipette technique is more efficient than the conventional three-pipette method for blastomere biopsy in human embryos. Fertil Steril 69: Cieslak J, Ivakhnenko V, Wolf G, et al. (1999). Three-dimensional partial zona dissection for preimplantation genetic diagnosis and assisted hatching. Fertil Steril 71: Cohen J, Malter H, Fehilly C, et al. (1988). Implantation of embryos after partial opening of oocyte zona pellucida to facilitate sperm penetration. Lancet 2: 162. Cohen J, Malter H, Wright G, et al. (1989). Partial zona dissection of human oocytes when failure of zona pellucida penetration is anticipated. Hum Reprod 4: Cohen J, Elsner C, Kort H, et al. (1990). Impairment of the hatching process following IVF in the human and improvement of implantation by assisting hatching using micromanipulation. Hum Reprod 5: Cohen, J, and Feldberg D. (1991). Effects of the size and number of zona pellucida openings on hatching and trophoblast outgrowth in the mouse embryo. Mol Reprod Dev 30:70-8. Cohen J, Alikani M, Trowbridge J, et al. (1992). Implantation enhancement by selective assisted hatching using zona drilling of human embryos with poor prognosis. Hum Reprod 7: Cui KH, Verma PJ and Matthews CD. (1993). Hatching rate: an optimal discriminator for the assessment of single-blastomere biopsy. J Assist Reprod Genet 10: Dawson, A, Griesinger G and Diedrich K. (2006). Screening oocytes by polar body biopsy. Reprod Biomed Online 13: Depypere HT and Leybaert L. (1994). Intracellular ph changes during zona drilling. Fertil Steril 61: De Vos A and Van Steirteghem A. (2001). Aspects of biopsy procedures prior to preimplantation genetic diagnosis. Prenat Diagn 21:

11 Fishel S, Gordon A, Lynch C et al. (2010). Live birth after polar body array comparative genomic hybridization prediction of embryo ploidy the future of IVF? Fertil Steril 93: 1006.e7-10. Dubey AK, Penzias AS, Reindollar RH, et al. (1998). Technical and physiological aspects associated with the lower fertilization following intra cytoplasmic sperm injection (ICSI) in human. Theriogenology 49(1): Ducibella T. (1998). Biochemical and cellular insights into the temporal window of normal fertilization. Theriogenology 49(1): ESHRE Preimplantation Genetic Diagnosis (PGD) Consortium. (1999). Preliminary assessment of data from January 1997 to September Hum Reprod 14: ESHRE Preimplantation Genetic Diagnosis (PGD) Consortium. (2000). Data collection II (May 2000). Hum Reprod 15: Garrisi GJ, Talansky BE, Grunfeld L, et al. (1990). Clinical evaluation of three approaches to micromanipulation- assisted fertilization. Fertil Steril 54: Germond M, Nocera D, Senn A, et al. (1995). Microdissection of mouse and human zona pellucida using a 1.48 mm diode laser beam: efficacy and safety of the procedure. Fertil Steril 64: Germond M, Nocera D, Senn A, et al. (1996). Improved fertilization and implantation rates after non-touch zona pellucida microdrilling of mouse oocytes with a 1.48 mm diode laser beam. Hum Reprod 11: Gianaroli L, Magli MC, Ferraretti AP, et al. (1999). Preimplantation diagnosis for aneuploidies in patients undergoing in vitro fertilization with a poor prognosis: identification of the categories for which it should be proposed. Fertil Steril 72: Gianaroli L. (2000). Preimplantation genetic diagnosis: polar body and embryo biopsy. Hum Reprod 15 (Suppl. 4): Gianaroli L, Magli MC and Ferraretti AP (2010). Metodi di diagnosi genetica su gameti ed embrioni. In Medicina della riproduzione umana, Borini A e Ubaldi FM (eds). CIC Edizioni Internazionali: Roma; Goossens V, Harton G, Moutou C, et al. (2009). ESHRE PGD Consortium data collection IX: cycles from January to December 2006 with pregnancy follow-up to October Hum Reprod 24: Gordon JW and Talansky BE. (1986). Assisted fertilization by zona drilling: a mouse model for correction of oligozoospermia. J Exp Zool 239: Gordon JW, Grunfeld L, Garrisi GJ, et al. (1988). Fertilization of human oocytes by sperm from infertile males after zona pellucida drilling. Fertil Steril 50: Griesinger G, Bündgen N, Salmen D et al.(2009) Polar body biopsy in the diagnosis of monogenic diseases. Dtsch Arztebl Int 106: Grifo JA, Boyle A, Fisher E, et al. (1990). Preembryo biopsy and analysis of blastomeres by in situ hybridization. Am J Obstet Gynecol 163: Harper JC. (1996). Preimplantation diagnosis of inherited disease by embryo biopsy: an update of the world figures. J Assist Reprod Genet 13:

12 Harper J, Coonen E, De Rycke M, et al.(2010). What next for preimplantation genetic screening (PGS)? A position statement from the ESHRE PGD Consortium steerin committee. Hum Reprod 25(4): Inzunza J, Iwarsson E, Fridstrom M, et al. (1998). Application of single-needle blastomere biopsy in human preimplantation genetic diagnosis. Prenat Diagn 18: Iwarsson E, Ahrlund-Richter L, Inzunza J, et al. (1998). Preimplantation genetic diagnosis of a large pericentric inversion of chromosome 5. Mol Hum Reprod 4: Iwarsson E, Malmgren H, Inzunza J, et al. (2000). Highly abnormal cleavage divisions in preimplantation embryos from translocation carriers. Prenat Diagn 20: Joris H, De Vos A, Janssens R, et al. (2003). Comparison of the results of human embryo biopsy and outcome of PGD after zona drilling using acid Tyrode medium or a laser. Hum Reprod 18: Kaplan B, Wolf G, Kovalinskaya L, et al. (1995). Viability of embryos following second polar body removal in a mouse model. J Assist Reprod Genet 12: Keskintepe L, Agca Y, Sher G, et al. (2009). High survival rate of metaphase II human oocytes after first polar body biopsy and vitrification: determining the effect of previtrification conditions. Fertil Steril. 92: Kuliev A, Rechitsky S, Verlinsky O, et al. (1999). Birth of healthy children after preimplantation diagnosis of thalassemias. J Assist Reprod Genet 16: Kuliev A, Rechitsky S, Verlinsky O, et al. (2001). Preembryonic diagnosis for sickle cell disease. Mol Cell Endocrinol 183 Suppl 1:S Laufer N, Palanker D, Shufaro Y, et al. (1993). The efficacy and safety of zona pellucida drilling by a 193- nm excimer laser. Fertil Steril 59: Lee M and Munnè S. (2000). Pregnancy after polar body biopsy and freezing and thawing of human embryos. Fertil Steril 73: Legge 19 febbraio 2004, n. 40 "Norme in materia di procreazione medicalmente assistita" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio 2004 Liu J, Van den Abbeel E and Van Steirteghem AC. (1993). The in-vitro and in-vivo developmental potential of frozen and non-frozen biopsied 8-cell mouse embryos. Hum Reprod 8: Malter HE and Cohen J. (1989). Partial zona dissection of the human oocyte: a nontraumatic method using micromanipulation to assist zona pellucida penetration. Fertil Steril 51: Montag M, van der Ven K, Delacrètaz G, et al. (1997). Efficient preimplantation genetic diagnosis using laser assisted microdissection of the zona pellucida for polar body biopsy followed by primed in situ labelling (PRINS). J Assist Reprod Genet 14, Montag M, van der Ven K, Delacrètaz G, et al. (1998). Laser-assisted microdissection of the zona pellucida facilitates polar body biopsy. Fertil Steril 69: Montag M, van der Ven K, Dorn C, et al. (2004). Outcome of laser-assisted polar body biopsy and aneuploidy testing. Reprod Biomed Online 9: Montag M, van der Ven K, Rosing B, et al. (2009). Polar body biopsy: a viable alternative to preimplantation genetic diagnosis and screening. Reprod Biomed Online 18 Suppl 1:6-11.

13 Munne S, Daily T, Sultan KM, et al. (1995). The use of first polar bodies for preimplantation diagnosis of aneuploidy. Mol Hum Reprod 10: Munnè S, Morrison L, Fung J, et al. (1998a). Spontaneous abortions are reduced after preconception diagnosis of translocations. J Assist Reprod Genet 15: Munnè S, Scott R, Sable D, et al. (1998b). First pregnancies after preconception diagnosis of translocations of maternal origin. Fertil Steril 69: Munnè S, Fung J, Cassel MJ, et al. (1998c). Preimplantation genetic analysis of translocations: case-specific probes for interphase cell analysis. Hum Genet 102: Munnè S, Bahce M, Schimmel T, et al. (1998d). Case report: chromatid exchange and predivision of chromatids as other sources of abnormal oocytes detected by preimplantation genetic diagnosis of translocations. Prenat Diagn 18: Munnè S, Magli C, Cohen J, et al. (1999). Positive outcome after preimplantation diagnosis of aneuploidy in human embryos. Hum Reprod 14: Munnè S, Sandalinas M, Escudero T, et al. (2000). Outcome of preimplantation genetic diagnosis of translocations. Fertil Steril 73: Neather OGJ, Rudolf K, Fischer R et al. (2008). Pregnancy after vitrification of pronuclear stage oocytes biopsied for polar body aneuploidy screening. Reprod Biomed Online 16: Neev J, Tadir Y, Ho P, et al. (1992). Microscope-delivered ultraviolet laser zona dissection: principles and practices. J Assist Reprod Genet 9: Ozmen B, Schopper B, Schultz-Mosgau A, et al. (2008). A live birth after transfer of a day 2 embryo derived from frozen-thawed zygotes that had undergone polar body biopsy: a case report. Fertil Steril 90: 1201 e9-11. Payne D, McLaughlin KJ, Depypere HT, et al. (1991). Experience with zona drilling and zona cutting to improve fertilization rates of human oocytes in vitro. Hum Reprod 6: Payne D. (1994). Embryo viability associated with microassisted fertilization. Baillieres Clin Obstet Gynaecol 8: Payne D (1995). Micro-assisted fertilization. Reprod Fertil. Dev 7: Palanker D, Ohad S, Lewis A, et al. (1991). Technique for cellular microsurgery using the 193-nm excimer laser. Lasers Surg Med 11: Rasmussen RE, Hammer-Wilson M and Berns MW. (1989). Mutation and sister chromatid exchange induction in Chinese hamster ovary (CHO) cells by pulsed excimer laser radiation at 193 nm and 308 nm and continuous UV radiation at 254 nm. Photochem Photobiol 49: Rechitsky S, Verlinsky O, Amet T, et al. (2001). Reliability of preimplantation diagnosis for single gene disorders. Mol Cell Endocrinol 183 Suppl 1:S65-8. Rink K, Delacrètaz G, Salathè RP et al., (1994)1.48 µm diode laser microdissection of the zona pellucida of mouse zygotes. Proceedings Society of Photo-Optical Instrumentation Engineers 213A: Roudebush WE, Kim JG, Minhas BS, et al. (1990). Survival and cell acquisition rates after preimplantation embryo biopsy: use of two mechanical techniques and two mouse strains. Am J Obstet Gynecol 162:

14 Selva J. (2000). Assisted hatching. Hum Reprod 15 (Suppl. 4): Simpson JL, (2010). Preimplantation genetic diagnosis at 20 years. Prenat Diagn 30(7): Snabes MC, Cota J and Hughes MR. (1993). Cryopreserved mouse embryos can successfully survive biopsy and refreezing. J Assist Reprod Genet 10: Strom CM, Ginsberg N, Rechitsky S, et al. (1998). Three babies after preimplantation genetic diagnosis for cystic fibrosis with sequential first and second polar body analysis. Am J Obstet Gynecol 178: Strom CM, Levin R, Strom S, et al. (2000). Neonatal outcome of preimplantation genetic diagnosis by polar body removal: the first 109 infants. Pediatrics 106: Strohmer H and Feichtinger W. (1992). Successful clinical application of laser for micromanipulation in an in vitro fertilization program. Fertil Steril 58: Tadir Y, Wright WH, Vafa O, et al. (1991). Micromanipulation of gametes using laser microbeams. Hum Reprod 6: Tadir Y, Neev J and Berns MW. (1992). Laser in assisted reproduction and genetics. J Assist Reprod Genet 9: Tadir Y, Neev J, Ho P and Berns MW. (1993). Lasers for gamete micromanipulation: basic concepts. J Assist Reprod Genet 10: Takeuchi K, Sandow BA, Morsy M, et al. (1992). Preclinical models for human pre-embryo biopsy and genetic diagnosis. I. Efficiency and normalcy of mouse pre-embryo development after different biopsy techniques. Fertil Steril 57: Thornhill AR, dedie-smulders CE, Geraedts JP, et al. (2005). ESHRE PGD Consortium 'Best practice guidelines for clinical preimplantation genetic diagnosis (PGD) and preimplantation genetic screening (PGS)'. Hum Reprod 20: Tucker MJ, Luecke NM, Wiker SR, et al. (1993). Chemical removal of the outside of the zona pellucida of day 3 human embryos has no impact on implantation rate. J Assist Reprod Genet 10: Verlinsky Y, Ginsberg N, Lifchez A, et al. (1990a). Analysis of the first polar body: preconception genetic diagnosis. Hum Reprod 5: Verlinsky Y, Pergament E and Strom C. (1990b). The preimplantation genetic diagnosis of genetic diseases. J In Vitro Fert Embryo Transf 7: 1-5. Verlinsky Y and Kuliev A. (1992). Micromanipulation of gametes and embryos in preimplantation genetic diagnosis and assisted fertilization. Curr Opin Obstet Gynaecol 4: Verlinsky Y and Cieslak J. (1993). Embryological technical aspects of preimplantation genetic diagnosis. In Preimplantation Diagnosis of Genetic Disorders: A New Technique for Assisted Reproduction, Verlinsky Y, Kuliev AM (eds). Wiley-Liss: New York; Verlinsky Y and Kuliev A. (1996). Preimplantation polar body diagnosis. Biochem Mol Med 58: Verlinsky Y, Cieslak J, Ivakhnenko V, et al. (1996). Birth of healthy children after preimplantation diagnosis of common aneuploidies by polar body fluorescent in situ hybridization analysis. Fertil Steril 6:

15 Verlinsky Y, Rechitsky S, Cieslak J, et al. (1997). Preimplantation diagnosis of single gene disorders by twostep oocyte genetic analysis using first and second polar body. Biochem Mol Med 62: Verlinsky Y, Cieslak J, Ivakhnenko V, et al. (1998). Preimplantation of common aneuploidies by the firstand second-polar body FISH analysis. J Assist Reprod Genet 15: Verlinsky Y, Cieslak J, Ivakhnenko V, et al. (1999a). Prevention of age-related aneuploidies by polar body testing of oocytes. J Assist Reprod Genet 16: Verlinsky Y, Rechitsky S, Verlinsky O, et al. (1999b). Prepregnancy testing for single-gene disorders by polar body analysis. Genet Test 3: Verlinsky Y, Cieslak J, Ivakhnenko V, et al. (2001a). Chromosomal abnormalities in the first and second polar body. Mol Cell Endocrinol 183 Suppl 1:S47-9. Verlinsky Y, Rechitsky S, Schoolcraft W, et al. (2001b). Preimplantation diagnosis for Fanconi anemia combined with HLA matching. JAMA 285: Verlinsky Y, Rechitsky S, Verlinsky O, et al. (2001c). Preimplantation diagnosis for long-chain 3- hydroxyacyl-coa dehydrogenase deficiency. Reprod Biomed Online 2: Verlinsky Y, Rechitsky S, Verlinsky O, et al. (2001d). Preimplantation testing for phenylketonuria. Fertil Steril 76: Verlinsky Y, Rechitsky S, Verlinsky O, et al. (2001e). Preimplantation diagnosis for p53 tumour suppressor gene mutations. Reprod Biomed Online 2: Verlinsky Y, Rechitsky S, Laziuk K, et al. (2006). Preimplantation genetic diagnosis for Pelizaeus- Merzbacher disease with testing for age-related aneuploidies. Reprod Biomed Online 12: Wilton LJ, Shaw JM and Trounson AO. (1989). Successful single-cell biopsy and cryopreservation of preimplantation mouse embryos. Fertil Steril 51:

La Diagnosi Genetica Preimpianto

La Diagnosi Genetica Preimpianto CRA Centro Riproduzione Assistita - Catania www.cragroup.it 19-20-21 Giugno 2012 La Diagnosi Genetica Preimpianto Dott.ssa Raffaella Cavallaro Cos è la PGD? È una procedura ormai collaudata utilizzata

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Screening Preimpianto delle alterazioni cromosomiche numeriche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmile).. Data

Dettagli

Cor o t r e t e C os o t s it i uzi uz o i na U f f i f c i io i o S ta t mpa L g e ge e s ulla f e f c e o c ndazione e a ssist s ita

Cor o t r e t e C os o t s it i uzi uz o i na U f f i f c i io i o S ta t mpa L g e ge e s ulla f e f c e o c ndazione e a ssist s ita La diagnosi pre-impianto Claudia Livi Centro DEMETRA Firenze www.centrodemetra.com Corte Costituzionale Ufficio Stampa Legge sulla fecondazione assistita La Corte ha dichiarato l illegittimità costituzionale

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo e secondo globulo polare (PB) Diagnosi Preimpianto delle alterazioni cromosomiche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmiile).. Data

Dettagli

Il ruolo del LABORATORIO

Il ruolo del LABORATORIO Il ruolo del LABORATORIO di Biologia della Riproduzione Alessandra Fusconi Infertilità: passato, presente, futuro Ascona 23 ottobre 2015 L Andrologo Il Lab e la DIAGNOSI La fertilità maschile tradizionalmente

Dettagli

GRAVIDANZA GEMELLARE OGGI: dallo screening alla gestione dell alto rischio. 23 Settembre 2014

GRAVIDANZA GEMELLARE OGGI: dallo screening alla gestione dell alto rischio. 23 Settembre 2014 GRAVIDANZA GEMELLARE OGGI: dallo screening alla gestione dell alto rischio 23 Settembre 2014 EPIDEMIOLOGIA E FATTORI DI RISCHIO DELLA GRAVIDANZA MULTIPLA Bruno Ferrari Prima del 1980: l incidenza della

Dettagli

Analisi genetica su gameti e embrioni Daniela Zuccarello

Analisi genetica su gameti e embrioni Daniela Zuccarello Analisi genetica su gameti e embrioni Daniela Zuccarello Dipartimento di Istologia, Microbiologia e Biotecnologie Mediche, Sezione di Patologia Clinica, Centro di Crioconservazione dei Gameti Maschili,

Dettagli

IL CONGELAMENTO DEGLI OVOCITI: UNA VALIDA ALTERNATIVA AL CONGELAMENTO DEGLI EMBRIONI?

IL CONGELAMENTO DEGLI OVOCITI: UNA VALIDA ALTERNATIVA AL CONGELAMENTO DEGLI EMBRIONI? IL CONGELAMENTO DEGLI OVOCITI: UNA VALIDA ALTERNATIVA AL CONGELAMENTO DEGLI EMBRIONI? Silvia Bernardi Centri Medici GynePro Bologna Congelamento degli ovociti umani Le prime gravidanze ottenute con ovociti

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA AA 2011/12. Prof Alberto Turco. Giovedi 27.10.11 Lezioni 21 e 22 DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PREIMPIANTO

CORSO INTEGRATO DI GENETICA AA 2011/12. Prof Alberto Turco. Giovedi 27.10.11 Lezioni 21 e 22 DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PREIMPIANTO CORSO INTEGRATO DI GENETICA AA 2011/12 Prof Alberto Turco Giovedi 27.10.11 Lezioni 21 e 22 DIAGNOSI PRENATALE DIAGNOSI PREIMPIANTO Definizione DPN Peculiarità - Non è richiesta dall interessato - Non correlazione

Dettagli

CONSENSO INFORMATO ALL ESECUZIONE DEL TEST GENETICO PER LA DIAGNOSI DI ALTERAZIONI CROMOSOMICHE NUMERICHE MEDIANTE TECNICA ARRAY-CGH

CONSENSO INFORMATO ALL ESECUZIONE DEL TEST GENETICO PER LA DIAGNOSI DI ALTERAZIONI CROMOSOMICHE NUMERICHE MEDIANTE TECNICA ARRAY-CGH CONSENSO INFORMATO ALL ESECUZIONE DEL TEST GENETICO PER LA DIAGNOSI DI ALTERAZIONI CROMOSOMICHE NUMERICHE MEDIANTE TECNICA ARRAY-CGH Il sottoscritto (partner maschile) Data di nascita Luogo di nascita

Dettagli

Portatore Malattia genetica.mutazione. La sottoscritta...nata a.il. Portatrice Malattia genetica Mutazione. PREMESSO. con il/la Dott.

Portatore Malattia genetica.mutazione. La sottoscritta...nata a.il. Portatrice Malattia genetica Mutazione. PREMESSO. con il/la Dott. CONSENSO INFORMATO PER DIAGNOSI GENETICA PRE-IMPIANTO (PGD)* PER MALATTIE GENETICHE EREDITARIE O ALTERAZIONI CROMOSOMICHE NUMERICHE E/O STRUTTURALI SBILANCIATE. *(Preimplantation Genetic Diagnosis) Ai

Dettagli

LA GENETICA EMBRIONARIA E LA VARIABILE DETERMINANTE PER LA GRAVIDANZA

LA GENETICA EMBRIONARIA E LA VARIABILE DETERMINANTE PER LA GRAVIDANZA Riv. It. Ost. Gin. - Vol. 3 - La genetica embrionaria è la variabile determinante per la gravidanza L. Gianaroli et al. - pag.41 LA GENETICA EMBRIONARIA E LA VARIABILE DETERMINANTE PER LA GRAVIDANZA Luca

Dettagli

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite

RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA. 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 4 RISULTATI DEI TRATTAMENTI PMA 1985-2012 S.I.S.Me.R - Bologna e Centri Satellite 1 2 Premessa In questo fascicolo sono presentati i risultati della attività di PMA svolta dal 1985 al 2012 in Italia dalla

Dettagli

Informazioni generali sulla diagnosi genetica preimpianto (PGD) a) Diagnosi preimpianto di aneuploidie cromosomiche (PGS) Pagina 2 di 10

Informazioni generali sulla diagnosi genetica preimpianto (PGD) a) Diagnosi preimpianto di aneuploidie cromosomiche (PGS) Pagina 2 di 10 CONSENSO INFORMATO ALL ESECUZIONE DEL TEST GENETICO PER LA DIAGNOSI DI ALTERAZIONI CROMOSOMICHE NUMERICHE E/O STRUTTURALI SBILANCIATE MEDIANTE TECNICA ARRAY-CGH Il sottoscritto (partner maschile) Data

Dettagli

CONGELAMENTO DECONGELAMENTO DEGLI OVOCITI SOPRANNUMERARI

CONGELAMENTO DECONGELAMENTO DEGLI OVOCITI SOPRANNUMERARI S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione/1 - Responsabile: Prof. Guido Ambrosini S.S. di Fisiopatologia della Riproduzione/2 - Responsabile: Prof. Michele Gangemi SCHEDA INFORMATIVA PER IL CONSENSO AL

Dettagli

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone

Glossario essenziale a cura di Salvino Leone Glossario essenziale a cura di Salvino Leone I molti termini tecnici usati dagli addetti ai lavori in materia di procreazione assistita non sono usuali. Ne proponiamo un elenco che pur non essendo completo

Dettagli

DAL PICK UP TRANSFER. Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza

DAL PICK UP TRANSFER. Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza DAL PICK UP ALL EMBRYO TRANSFER Lab. Biologia della Riproduzione - Potenza Fisiologia del gamete maschile Lo spermatozoo è costituito da tre parti principali: a) La testa: sede del patrimonio genetico;

Dettagli

Consenso Informato per l esecuzione di Diagnosi Genetica Preimpianto e Screening (PGD/PGS) MO.101.OCT.DMI. FIR

Consenso Informato per l esecuzione di Diagnosi Genetica Preimpianto e Screening (PGD/PGS) MO.101.OCT.DMI. FIR pag 1 di 5 Il sottoscritto Luogo e Data di nascita Residente a Via Documento e numero Malattia genetica Mutazione La sottoscritta Luogo e Data di nascita Residente a Via Documento e numero Malattia genetica

Dettagli

Informazioni generali sulla diagnosi genetica preimpianto (PGD) a) Diagnosi preimpianto di aneuploidie cromosomiche (PGS) Pagina 2 di 11

Informazioni generali sulla diagnosi genetica preimpianto (PGD) a) Diagnosi preimpianto di aneuploidie cromosomiche (PGS) Pagina 2 di 11 ATTO DI CONSENSO INFORMATO ALL ESECUZIONE DEL TEST GENETICO SU SINGOLA CELLULA PER LA DIAGNOSI DI ALTERAZIONI CROMOSOMICHE STRUTTURALI SBILANCIATE E/O NUMERICHE Il sottoscritto (partner maschile) Data

Dettagli

Xilografia policroma del pittore ed incisore giapponese Katsushika Hokusai (1760 1849)

Xilografia policroma del pittore ed incisore giapponese Katsushika Hokusai (1760 1849) Xilografia policroma del pittore ed incisore giapponese Katsushika Hokusai (1760 1849) UN PROGETTO IN UN LABORATORIO Dr. Giovanni Bracchitta Casa di Cura Clinica del Mediterraneo - Ragusa 30 Ottobre 2004

Dettagli

LOSSARIO HSP. Riproduzione assistita sec. WHO. Dati statistici

LOSSARIO HSP. Riproduzione assistita sec. WHO. Dati statistici HSP LOSSARIO Riproduzione assistita sec. WHO Dati statistici Vayena E, Rowe PJ, Griggin PD Current Practices and Controversies in Assisted Reproduction. Proceedings of the Meeting Medical, Ethical and

Dettagli

SCEGLIETE DI AFFRONTARE CON FIDUCIA IL VOSTRO PERCORSO.

SCEGLIETE DI AFFRONTARE CON FIDUCIA IL VOSTRO PERCORSO. SCEGLIETE DI AFFRONTARE CON FIDUCIA IL VOSTRO PERCORSO. Il Test innovativo per la valutazione precoce dello sviluppo dell embrione. Merck Serono You. Us. We re the parents of fertility. Il vostro viaggio

Dettagli

Significato dell analisi del I globulo polare

Significato dell analisi del I globulo polare Inherited disorders Master in Medicina della Riproduzione Abano Terme, 27 marzo 2009 Couples at genetic risk Significato dell analisi del I globulo polare Affected Pregnancy Children Other family members

Dettagli

Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2

Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2 Agosto 2012 contenuto 8 Diagnosi genetica preimpianto- nuovo metodo di screening di 24 cromosomi tramite il metodo Array CGH...2 Mantenimento di fertilitá-nuove possibilitá presso il GENNET...3 Isteroscopia

Dettagli

Diagnosi Genetica Preimpianto di Fibrosi Cistica. Note tecniche. Valutazioni e orientamento.

Diagnosi Genetica Preimpianto di Fibrosi Cistica. Note tecniche. Valutazioni e orientamento. Diagnosi Genetica Preimpianto di Fibrosi Cistica. Note tecniche. Valutazioni e orientamento. Documento elaborato dalla Commissione Diagnosi Genetica Preimpianto (PGD) del Gruppo Italiano Fibrosi Cistica

Dettagli

Ruolo della ICSI in assenza di fattore maschile severo

Ruolo della ICSI in assenza di fattore maschile severo Ruolo della ICSI in assenza di fattore maschile severo Fecondazione in Vitro: Dai gameti alla Società Trieste, 22-23 giugno 2001 Carlo Bulletti U.O. Fisiopatologia della Riproduzione Ospedale Infermi -

Dettagli

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico FERTILITA UMANA CAPACITA FISIOLOGICA DI UNA COPPIA, FORMATA DA UN UOMO E DA UNA DONNA, DI CONCEPIRE IN QUESTA FUNZIONE NON SONO COINVOLTI SOLO GLI

Dettagli

Aggiornamento sugli aspetti laboratoristici della Procreazione Medicalmente Assistita

Aggiornamento sugli aspetti laboratoristici della Procreazione Medicalmente Assistita Aggiornamento sugli aspetti laboratoristici della Procreazione Medicalmente Assistita Lodovico PARMEGIANI GynePro Medical Group Bologna, Italy www.gynepro.it Laboratorio di Procreazione Medicalmente Assistita

Dettagli

STUDIO DEI CROMOSOMI IN SPERMATOZOI E CELLULE UOVO

STUDIO DEI CROMOSOMI IN SPERMATOZOI E CELLULE UOVO 10 STUDIO DEI CROMOSOMI IN SPERMATOZOI E CELLULE UOVO INDICE Le cellule germinali p.03 Il gamete maschile: lo spermatozoo p.05 Il gamete femminile: la cellula uovo p.06 Gli errori cromosomici: le aneuploidie

Dettagli

La Fertilizzazione in-vitro: Procedure Cliniche ed Aspetti Normativi. www.gynepro.it

La Fertilizzazione in-vitro: Procedure Cliniche ed Aspetti Normativi. www.gynepro.it La Fertilizzazione in-vitro: Procedure Cliniche ed Aspetti Normativi Prof. Marco FILICORI GynePro Riproduzione Centri Medici GynePro www.gynepro.it Tecniche di procreazione medicalmente assistita primo

Dettagli

La diagnosi genetica pre-concepimento

La diagnosi genetica pre-concepimento Un importantissimo traguardo in tema di procreazione assistita: Prima gravidanza di una coppia italiana dopo l applicazione clinica della Diagnosi Genetica Pre-Concepimento (PCGD) sull ovocita, l alternativa

Dettagli

Dalla diagnosi prenatale alla diagnosi preconcezionale:stato dell arte e prospettive per la prevenzione delle malattie a trasmissione genetica

Dalla diagnosi prenatale alla diagnosi preconcezionale:stato dell arte e prospettive per la prevenzione delle malattie a trasmissione genetica 25-26-27 Marzo 2011 IV Incontro-Convegno Dalla diagnosi prenatale alla diagnosi preconcezionale:stato dell arte e prospettive per la prevenzione delle malattie a trasmissione genetica L. Ghisoni Presupposti

Dettagli

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino

Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino Università degli studi di Firenze Dipartimento di Scienze per la Salute della Donna e del Bambino TERAPIA DELLA INFERTILITA MASCHILE E TECNICHE DI PMA: LO STUDIO DELLA FRAMMENTAZIONE DEL DNA SPERMATICO

Dettagli

Le terapie nell infertilità femminile

Le terapie nell infertilità femminile Le terapie nell infertilità femminile Dr. Enrico Papaleo Centro Scienze della Natalità San Raffaele Hospital, Milan, Italy Agenda Indicazioni cliniche alla PMA Tecniche di PMA IUI IVF/ICSI Ciclo di stimolazione

Dettagli

Normativa Progetto di legge Gran Bretagna Sì Sì Danimarca Sì sì Norvegia Sì Sì Svezia Sì sì Italia Sì sì Spagna Sì Sì Portogallo Sì sì Francia Sì Sì

Normativa Progetto di legge Gran Bretagna Sì Sì Danimarca Sì sì Norvegia Sì Sì Svezia Sì sì Italia Sì sì Spagna Sì Sì Portogallo Sì sì Francia Sì Sì Parte specifica Parere del Comitato etico provinciale sull uso di cellule staminali embrionali con particolare riferimento alla diagnosi genetica preimpianto (ingl. preimplantation genetic diagnosis =

Dettagli

Paola Vigano San Raffaele Scientific Institute Milano

Paola Vigano San Raffaele Scientific Institute Milano Conservazione di tessuti e gameti femminili: dal congelamento al reimpianto Paola Vigano San Raffaele Scientific Institute Milano Approcci alla preservazione della fertilità Follicoli primordiali Primari

Dettagli

PROTOCOLLI OPERATIVI PER L ESECUZIONE DI TEST GENETICI NELL INFERTILITA DI COPPIA E IN PREPARAZIONE A PROCEDURE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

PROTOCOLLI OPERATIVI PER L ESECUZIONE DI TEST GENETICI NELL INFERTILITA DI COPPIA E IN PREPARAZIONE A PROCEDURE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Allegato A PROTOCOLLI OPERATIVI PER L ESECUZIONE DI TEST GENETICI NELL INFERTILITA DI COPPIA E IN PREPARAZIONE A PROCEDURE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Finalità del documento Il presente documento

Dettagli

Risultati dei trattamenti

Risultati dei trattamenti INDICE DEI RISULTATI OTTENUTI NEL NOSTRO CENTRO (dal 1 gennaio 211 al 3 giugno 213) Inseminazioni intra-uterine 2 Tecniche di fecondazione in vitro (con ovociti freschi) 5 Trattamenti con ovociti scongelati

Dettagli

Cosa è la Maturazione in Vitro degli Ovociti (in inglese: IVM = In Vitro Maturation) A ogni ciclo mestruale fisiologico nelle ovaie, da un pool di piccoli follicoli (formazioni presenti nelle ovaie in

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI. Corso di laurea triennale in Scienze Biologiche ERSILIA TUMINO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI. Corso di laurea triennale in Scienze Biologiche ERSILIA TUMINO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di laurea triennale in Scienze Biologiche ERSILIA TUMINO Applicazione del Polar Body Biopsy Pipette per l analisi

Dettagli

Attività e risultati - Tecniche di II e III livello

Attività e risultati - Tecniche di II e III livello Attività e risultati - Tecniche di II e III livello SSD Procreazione Medicalmente Assistita - IRCCS Burlo Garofalo Via Dell'Istria, / - Trieste - Trieste Codice Centro: Periodo di inserimento: Livello

Dettagli

Tecniche avanzate di PMA

Tecniche avanzate di PMA Procreazione medicalmente assistita e legge 40/04 Tecniche avanzate di PMA FIVET fecondazione in vitro ed embrio-transfer ICSI intra-citoplasmatic sperm injection GIFT gamete intra-fallopian transfer ZIFT

Dettagli

Dr. Nunzio Minniti Centro A.S.T.E.R. Clinica del Mediterraneo - Ragusa

Dr. Nunzio Minniti Centro A.S.T.E.R. Clinica del Mediterraneo - Ragusa Dr. Nunzio Minniti Centro A.S.T.E.R. Clinica del Mediterraneo - Ragusa ASPETTI NORMATIVI Prevenzione delle infezioni tra partner Sistema gestione qualità Responsabilità e competenza del personale Notifica

Dettagli

Infertilità e fattore età

Infertilità e fattore età Infertilità e fattore età F. Iannotti, GB. La Sala Struttura Complessa di Ostetricia Ginecologia Arcispedale S. Maria Nuova Azienda Ospedaliera di Reggio Emilia La fertilità, definita come capacità di

Dettagli

Diagnosi prenatale invasiva: presente e futuro

Diagnosi prenatale invasiva: presente e futuro Diagnosi prenatale invasiva: presente e futuro Gianluigi Pilu GynePro Medical Group Bologna, Italy www.gynepro.it Sintesi Frequenza delle anomalie cromosomiche I rischi delle diagnosi invasive Diagnosi

Dettagli

Lo sviluppo della genetica tra realtà e immaginazione

Lo sviluppo della genetica tra realtà e immaginazione Bruno Dallapiccola Dipartimento di Medicina Sperimentale Sezione di Genetica Medica, Università La Sapienza Istituto CSS-Mendel, Roma Lo sviluppo della genetica tra realtà e immaginazione Geneticization

Dettagli

X CICLO DI CONFERENZE

X CICLO DI CONFERENZE X CICLO DI CONFERENZE Professione Biologo Biologo della Fecondazione Assistita Giovedì 27 settembre 2012 Alessandro Miceli Promea S.p.A. - Torino alessandro.miceli@promea.net Dipartimento di Biologia Animale

Dettagli

PRESERVAZIONE DELLA FERTILITA (informazione)

PRESERVAZIONE DELLA FERTILITA (informazione) LA PRESERVAZIONE DELLA FERTILITA FEMMINILE NELLA SANITA PRIVATA Andrea Borini Tecnobios Procreazione Bologna PRESERVAZIONE DELLA FERTILITA (informazione) non è un tema prioritario mancanza di tempo per

Dettagli

Direttiva sull espletamento della attività di diagnosi genetica preimpianto (PGD)

Direttiva sull espletamento della attività di diagnosi genetica preimpianto (PGD) Allegato C Direttiva sull espletamento della attività di diagnosi genetica preimpianto (PGD) 1) INTRODUZIONE E DEFINIZIONE La Diagnosi Genetica Preimpianto (PGD) è una procedura, complementare alle tecniche

Dettagli

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012: 10.694 Lettori Ed. II 2014: 61.000 Quotidiano - Ed. Roma Dir. Resp.: Gian Marco Chiocci da pag. 16 foglio 1 Tiratura 09/2015: 68.268 Diffusione 09/2015: 48.891 Lettori

Dettagli

Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA)

Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) Infertilità e Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) Indice Definizione Epidemiologia Etiopatogenesi Diagnosi Terapia PMA Presentazione, attività e risultati del Centro per la Diagnosi e la Terapia

Dettagli

Optimizing Human Embryo Care

Optimizing Human Embryo Care Optimizing Human Embryo Care Time lapse culture system Genova 10 maggio 2013 Dott.ssa Valentina Parini Dipartimento di Ginecologia UO di Ginecologia e Medicina della riproduzione Humanitas Clinical and

Dettagli

Fitelab TS 1 dicembre 2011

Fitelab TS 1 dicembre 2011 Fitelab TS 1 dicembre 2011 Esperienza ventennale nel Laboratorio di Tossicologia e Farmacologia di Patologia Clinica. Dalla nascita del Sevizio in Procreazione Medicalmente Assistita Da tecnico di laboratorio

Dettagli

Fecondazione in vitro

Fecondazione in vitro Fecondazione in vitro Informazioni per la coppia UNITÀ OPERATIVA MEDICINA DELLA RIPRODUZIONE FONDAZIONE IRCCS CA' GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO VIA M. FANTI, 6-20122 MILANO TEL. 02 55034311-09 centrosterilita@policlinico.mi.it

Dettagli

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC.

LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. LA LEGGE 1514 E LE SCELTE RIPRODUTTIVE DELLE COPPIE DI PORTATORI FC, DEI SOGGETTI MASCHI E FEMMINE AFFETTI DA FC. Per necessità l esposizione è schematica. Si rimanda alla consultazione del genetista il

Dettagli

CGH-array in PGD. dddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddd

CGH-array in PGD. dddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddd an innovative diagnostic company dddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddddd CGH-array in PGD Padova, 18-19 gennaio 2016 Pre-implantation Genetic Diagnosis (PGD) e Non Invasive Prenatal

Dettagli

La vita è un viaggio meraviglioso. ProCrea, il primo passo.

La vita è un viaggio meraviglioso. ProCrea, il primo passo. La vita è un viaggio meraviglioso. ProCrea, il primo passo. La massima competenza nelle terapie di fecondazione assistita, il meglio del turismo verso una nuova vita. ThinkLuxury è un nuovo ed innovativo

Dettagli

LA BIOPSIA DELL EMBRIONE E LA DIAGNOSI PREIMPIANTO

LA BIOPSIA DELL EMBRIONE E LA DIAGNOSI PREIMPIANTO 6 LA BIOPSIA DELL EMBRIONE E LA DIAGNOSI PREIMPIANTO 1 INDICE - Introduzione Pag. 3 - Indicazioni alla tecnica Pag. 4 - Cenni di storia delle tecniche Pag. 4 - Come si eseguono le tecniche di biopsia Pag.

Dettagli

Chiedi al tuo medico

Chiedi al tuo medico Esame del sangue semplice e sicuro per risultati altamente sensibili Test avanzato e non invasivo per la diagnosi della trisomia fetale e del cromosoma Y Chiedi al tuo medico Le seguenti informazioni hanno

Dettagli

Diagnosi delle aneuploidie

Diagnosi delle aneuploidie Diagnosi delle aneuploidie DIAGNOSI PRENATALE NON INVASIVA: UNA RIVOLUZIONE La diagnosi prenatale delle malattie monogeniche e delle aneuploidie Bologna, è attualmente 6 Giugno eseguita2014 nel I-II trimestre

Dettagli

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET)

TECNICHE DI II - III LIVELLO. Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) TECNICHE DI II - III LIVELLO Fecondazione in Vitro e Trasferimento dell embrione (FIVET) È una tecnica di PMA in cui i gameti (ovocita per la donna e spermatozoo per l uomo) si incontrano all esterno del

Dettagli

LE METODICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IVF Lite

LE METODICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IVF Lite 2 LE METODICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA (PMA) IVF Lite INDICE Le metodiche di Procreazione Medicalmente Assistita p.03 Stimolazione ovarica p.05 Inseminazione artificiale omologa (IAO) p.05

Dettagli

Fecondazione In Vitro (FIV / ICSI)

Fecondazione In Vitro (FIV / ICSI) Fecondazione In Vitro (FIV / ICSI) In che consiste? La fecondazione in vitro (FIV) è una tecnica di procreazione assistita che consiste nella fecondazione dell ovocita (o gamete femminile) con lo spermatozoo

Dettagli

LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA

LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA Dr. Nunzio Minniti Clinica del Mediterraneo (Ragusa) Centro Genesi (Palermo) Arca Service PMA (Livorno) Le tecniche di PMA Perché? Quali? Per forza? Una

Dettagli

1 REPORT ATTIVITA DEL REGISTRO NAZIONALE ITALIANO DELLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA AUTORI

1 REPORT ATTIVITA DEL REGISTRO NAZIONALE ITALIANO DELLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA AUTORI impaginato 24-07-2007 17:12 Pagina 1 1 REPORT ATTIVITA DEL REGISTRO NAZIONALE ITALIANO DELLA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA 2005 AUTORI G. Scaravelli, V. Vigiliano, S. Bolli, J.M. Mayorga, S. Fiaccavento,

Dettagli

RISULTATI DI CICLI DI FIVET NEL 2014

RISULTATI DI CICLI DI FIVET NEL 2014 Egregie pazienti, egregi pazienti, vorremmo farvi conoscere i nostri risultati di cicli di fecondazione in vitro ottenuti nel 2014. - 1 - Per evitare le speculazioni su come si valutano i risultati della

Dettagli

Attività e risultati - Tecniche di II e III livello

Attività e risultati - Tecniche di II e III livello Attività e risultati - Tecniche di II e III livello Dipartimento di PMA - U.O. Ostetricia e Ginecologia - A.O. di Desenzano del Garda - P.O. di ManerbioVia Marconi, 7 - Manerb Codice Centro: 321 Data inserimento:

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

Le bovine hanno un potenziale riproduttivo largamente in eccesso di quello normalmente realizzato con i normali accoppiamenti.

Le bovine hanno un potenziale riproduttivo largamente in eccesso di quello normalmente realizzato con i normali accoppiamenti. Le bovine hanno un potenziale riproduttivo largamente in eccesso di quello normalmente realizzato con i normali accoppiamenti. Due particolarità degli ovari: presenza di relativamente alto numero di follicoli

Dettagli

DAI TEST GENETICI AL RISCHIO DI MALATTIA

DAI TEST GENETICI AL RISCHIO DI MALATTIA DAI TEST GENETICI AL RISCHIO DI MALATTIA Conosciamo il nostro Genoma Varese, 20 aprile 2013 Elisabetta Lenzini LE TAPPE DELLA 1953 Watson and Crick Struttura del DNA 1956 Tijo e Levan Cariotipo 46 cr 1959

Dettagli

Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma

Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma Ereditarietà delle PSE e counselling genetico Dr.ssa Gabriella Silvestri Istituto di Neurologia, UCSC, Fondazione Policlinico A. Gemelli Roma Dr.ssa Marcella Masciullo IRCSS Santa Lucia, Roma Paraparesi

Dettagli

Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18

Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18 Centro di procreazione assistita Trattamenti per l infertilità di coppia - 18 01. IL PROCESSO RIPRODUTTIVO 3 La Riproduzione umana 4 Infertilità di coppia 5 Percorsi terapeutici e opportunità 6 L Inseminazione

Dettagli

PGD screening for aneuploidy with CGH arrays. Lo screening per aneuploidie cromosomiche (PGS/PGD) mediante CGH array

PGD screening for aneuploidy with CGH arrays. Lo screening per aneuploidie cromosomiche (PGS/PGD) mediante CGH array PGD screening for aneuploidy with CGH arrays Lo screening per aneuploidie cromosomiche (PGS/PGD) mediante CGH array chromosomic@tomalab.com In partnership con: Via F. Ferrer 25/27-21052 Busto Arsizio (VA)

Dettagli

Responsabile - S.C. Ostetricia e Ginecologia.

Responsabile - S.C. Ostetricia e Ginecologia. INFORMAZIONI PERSONALI Nome Meir Yoram Jacob Data di nascita 01/12/1955 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico ASL DI BASSANO D. GRAPPA Responsabile

Dettagli

Fecondazione medicalmente assistita e difetti di imprinting

Fecondazione medicalmente assistita e difetti di imprinting Fecondazione medicalmente assistita e difetti di imprinting Giuseppe Novelli 1,2, Lamberto Camurri 1,3, Emiliano Giardina 1 1 Dipartimento di Biopatologia e Diagnostica per Immagini; Università di Tor

Dettagli

Aggiornamento sulla Diagnosi Genetica Preimpianto su Embrioni e su Globuli Polari in Fibrosi Cistica

Aggiornamento sulla Diagnosi Genetica Preimpianto su Embrioni e su Globuli Polari in Fibrosi Cistica a Aggiornamento sulla Diagnosi Genetica Preimpianto su Embrioni e su Globuli Polari in Fibrosi Cistica Questo documento è stato elaborato da un gruppo di esperti che la Società Italiana Fibrosi Cistica

Dettagli

Introduzione La fecondazione umana Cause di sterilità Alterazioni nella ovogenesi e spermiogenesi

Introduzione La fecondazione umana Cause di sterilità Alterazioni nella ovogenesi e spermiogenesi Introduzione Per la maggioranza delle coppie il desiderio di avere un figlio è una cosa quasi ovvia. Peraltro circa il 15% delle coppie ha problemi di sterilità. Si può parlare di sterilità quando una

Dettagli

Crioconservazione. Dr. F.M. Fusi

Crioconservazione. Dr. F.M. Fusi Crioconservazione Dr. F.M. Fusi Congresso Internazionale di Ginecologia Oncologica Tumori Germinali, Stromali e Forme Rare Stato dell arte, Novità e Prospettive Fertilità dopo il cancro In circa 200000

Dettagli

Screening diagnostico preimpianto: applicazioni e risultati

Screening diagnostico preimpianto: applicazioni e risultati Screening diagnostico preimpianto: applicazioni e risultati Ermanno Greco 1, Alessandra Ruberti, Elisabetta Cursio, Romualdo Polese, Maria Giulia Minasi 1 Centro di Medicina della Riproduzione European

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: NON SOLO TECNOLOGIA

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: NON SOLO TECNOLOGIA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA: NON SOLO TECNOLOGIA di Anna Pia Ferraretti, Luca Gianaroli, Maria Cristina Magli Società Italiana Studi di Medicina della Riproduzione - SISMeR, Bologna I trattamenti

Dettagli

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA

L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA L INSEMINAZIONE INTRAUTERINA Informazioni per la coppia A cura del dott. G. Ragni Unità Operativa - Centro Sterilità Responsabile: dott.ssa C. Scarduelli FONDAZIONE OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO MANGIAGALLI

Dettagli

La Diagnosi Preimpianto

La Diagnosi Preimpianto La Diagnosi Preimpianto GUIDA AL TRATTAMENTO GENOMA si occupa di diagnosi preimpianto da oltre 12 anni, nel corso dei quali più di 1.000 coppie hanno potuto realizzare il desiderio di avere un figlio,

Dettagli

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento

CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA. La sottoscritta. documento. e il sottoscritto. documento CONSENSO INFORMATO PER LE TECNICHE DI PROCREAZIONE MEDICO- ASSISTITA La sottoscritta e il sottoscritto acconsentono liberamente di sottoporsi al trattamento di procreazione medico-assistita FIVET (Fertilizzazione

Dettagli

Requisiti specifici per l'accreditamento dei Centri di procreazione medicalmente assistita (PMA)

Requisiti specifici per l'accreditamento dei Centri di procreazione medicalmente assistita (PMA) Requisiti specifici per l'accreditamento dei Centri di procreazione medicalmente assistita (PMA) Nell ambito della procreazione medicalmente assistita le prestazioni possono essere divise in tre diverse

Dettagli

Ricevimento degli ovociti

Ricevimento degli ovociti Ricevimento degli ovociti In che cosa consiste? Consiste nel fecondare in laboratorio gli ovociti provenienti da una donatrice con lo sperma del partner della donna ricevente, per trasferire in seguito

Dettagli

Dott.. Giovanni Bracchitta

Dott.. Giovanni Bracchitta Conferenza Dibattito sulla Legge 40/2004 Procreazione Medicalmente Assistita: evoluzione scientifica o fenomeno da scoraggiare? Perché il ricorso al referendum? Dott.. Giovanni Bracchitta Centro A.S.T.E.R.

Dettagli

Programma FERTISAVE. Programma di preservazione della fertilità femminile Responsabile: Prof. Alberto Revelli

Programma FERTISAVE. Programma di preservazione della fertilità femminile Responsabile: Prof. Alberto Revelli Azienda Ospedaliera Città della Salute e della Scienza, Presidio Ospedaliero S. Anna Universita degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Cattedra di Discipline Ginecologiche e Ostetriche

Dettagli

L Inseminazione Intrauterina

L Inseminazione Intrauterina L Inseminazione Intrauterina Informazioni per la coppia UNITÀ OPERATIVA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA FONDAZIONE IRCCS IRCCS CA' GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO PAD. REGINA ELENA VIA M. FANTI,

Dettagli

CURRICULUM VITAE Nome: Agnese V. Fiorentino Residenza: Data di nascita: Luogo di nascità: Stato civile: Lingue Conosciute: Titoli di Studio:

CURRICULUM VITAE Nome: Agnese V. Fiorentino Residenza: Data di nascita: Luogo di nascità: Stato civile: Lingue Conosciute: Titoli di Studio: CURRICULUM VITAE Nome: Agnese V. Fiorentino Residenza: Via degli Aranci 25, Sc. A, Sorrento 80067 Tel. 081-8772284 cell. 3356391288 C.F. : FRNGNS66A7OZ404L Data di nascita: 30 Gennaio 1966 Luogo di nascità:

Dettagli

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA

PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA PROCREAZIONE MEDICALMENTE ASSISTITA PMA ASSOCIAZIONE ITALIANA PER L EDUCAZIONE DEMOGRAFICA SEZIONE DI ROMA NUMERI E CAUSE La fertilità della specie umana è bassa. Infatti, ad ogni ciclo mestruale, una

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 725 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RIPAMONTI, PALERMI, SILVESTRI e TIBALDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GIUGNO 2006 Modifiche alla legge 19 febbraio

Dettagli

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi

Maria Gabriella Bafaro. Carta dei Servizi Maria Gabriella Bafaro Carta dei Servizi Due parole sulla Fertilità Come descritto brevemente da Wikipedia, Fertilità è in generale la capacità di riproduzione degli organismi viventi. Se intesa come misura,

Dettagli

Position paper incontro BOLOGNA 18-04- 2009. Premessa

Position paper incontro BOLOGNA 18-04- 2009. Premessa Position paper incontro BOLOGNA 18-04- 2009 Premessa Gli operatori dei sotto elencati centri di cura dell'infertilità ed i Responsabili della Subspecialità Medicina della Riproduzione della Società Italiana

Dettagli

www.analisicimatti.it

www.analisicimatti.it Il Laboratorio Cimatti da sempre attento alla innovazione tecnologica e allo sviluppo di Eccellenze nella diagnostica prenatale è partner di Bioscience Genomics, uno spin off accademico partecipato dall

Dettagli

periodo più fertile per una donna uomo

periodo più fertile per una donna uomo Quanti anni hai? Le donne italiane fanno figli tardi rispetto alle altre donne europee. Si sposano in media a 28 anni, partoriscono il primo figlio a 30 e hanno meno figli delle altre europee. Le ragioni

Dettagli

Hanno realizzato le attività sperimentali e lo studio: Referente scientifico:

Hanno realizzato le attività sperimentali e lo studio: Referente scientifico: - Istituto Sperimentale Italiano Lazzaro Spallanzani - Milano Studio sull origine embrionale dell infertilità bovina Rapporto di ricerca Dicembre 2006 1 Sperimentazione condotta nell ambito del progetto

Dettagli

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina

La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina La rete dei centri di genetica e il futuro della medicina Rosario Casalone,, MD, PhD SSD Genetica Dipartimento Materno Infantile Azienda Ospedaliera-Polo Universitario Ospedale di Circolo e Fondazione

Dettagli

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id /

Consenso Informato alla Fecondazione in Vitro con Ovociti Scongelati Id / Ai sensi della legge del 19 febbraio 2004, n. 40 e della sentenza 151/2009 della Corte Costituzionale del 31/03/2009 Noi sottoscritti: (Donna) nata a il (Uomo) nato a il Dichiariamo di essere coniugati

Dettagli