favorisce il Pd Il sistema dell editoria ha bisogno di norme che tutelino pluralismo e concorrenza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "favorisce il Pd Il sistema dell editoria ha bisogno di norme che tutelino pluralismo e concorrenza"

Transcript

1 N Giugno Agosto 2014 Lo Paese inche crisi Laspecchio mobilitàdel elettorale favorisce il Pd Il sistema dell editoria ha bisogno di norme che tutelino pluralismo e concorrenza Il trionfo alle europee: solo la DC era riuscita a ottenere percentuali più alte

2 Maggio Agosto 2014 Verso Una Più equilibrio progressiva progressivo nel pensionamento integrazione Parlamento europeo tra degli carta anni (e del boom demografico e quindi internet più confusione) La priorità assoluta in questo momento è mettere più persone al lavoro di Carlo Buttaroni A fine aprile il think tank britannico Open Europe riferiva in uno studio della possibilità che al Parlamento di Strasburgo siederanno dopo il voto del maggio (da noi, ricordiamo, si vota domenica tutte le 25 economie dalle 7 alle di 23) mercato almeno le 218 imprese esponenti sono delle soggette forze alle euroscettiche leggi della su domanda 751 seggi e dell offerta. disponibili. In Chiudono L ipotesi che e aprono, i partiti anti-europei prosperano o dal falliscono, Front Nationale in base ai di gusti Marine dei Le consumatori, Pen in Francia alla ai competitività populisti di del Gert prodotto, Wilders in alla Olanda, concorrenza. dall Ukip A in questi Gran Bretagna criteri, ineludibili, al Movimento non si 5 sottraggono Stelle in Italia le imprese possano editoriali fare incetta di l Unità consensi stessa, è dunque perché concreta. i mercati A confermare non rispondono questa ai sentimenti, idea una recente nemmeno indagine quelli proveniente più nobili. come E da non oltreoceano conta quanta a cura storia del Pew ci sia Research alle spalle, Center, se le diffusa vendite la calano scorsa e settimana. non c è equilibrio Che nel caso fra entrate italiano, e uscite. soprattutto, Piaccia certifica o no, questa il malcontento è la ruvida dei legge cittadini dei verso mercati. l Unione Talmente europea. ruvida In che, particolare in tutte le nei economie riguardi occidentali, della moneta un unica, complesso secondo sistema l istituto di statunitense. norme ne disciplina Per il ritorno il funzionamento. alla lira si direbbe Le norme infatti anti-trust, favorevole il esempio, 44% del campione. tutelano la Un concorrenza, crollo in pochi impedendo anni che che stride, le imprese ad esempio, pregiudichino con la rilevazione la regolare di com- inizio per petizione 2014 dell Eurispes economica che con aveva abusi quantificato di posizione tale dominante porzione e di condizioni popolazione di monopolio. in uno striminzito Ma c è di 25,7%. più: le politiche Anche l indagine pubbliche di dei Tecnè, Paesi che a economia avrete modo di mercato di leggere si sono più avanti, assunte va il in compito questa direzione. contenerne I sì nei gli confronti eccessi, prevenirne dell euro, stando gli squilibri alle e nostre orientarne rilevazioni, lo sviluppo, sono il operando 59% del campione direttamente e i no come appena attori il economici ogni e occupandosi modo la fiducia di far nelle crescere istituzioni quei comunitarie, settori strategici dice sui ancora quali il il Pew privato Research non nutriva Center, alcun è scesa inte- 33%. Ad resse. fino al 46% È quello con che, un ad crollo esempio, del 20% è successo dal 2007, in del molti 12% paesi in un europei solo anno dal dopoguerra in controtendenza in poi, nel rispetto welfare, ai partner nei trasporti, europei. nella In Francia, scuola, Germania nelle comunicazioni, e Spagna i nella giudizi cultura. positivi In sono questi addirittura casi, la mano aumentati, pubblica rispettivamente ha occupato dal soltanto 41 al 54, gli dal spazi 60 al lasciati 66 e dal vuoti 46 dall imprenditoria 50 per cento. Per privata, Tecnè ma il 53% ha dato degli anche intervistati una non spinta ritiene decisiva che l immagine per far crescere dell Ue sia la da ricchezza considerarsi e il benessere, positiva, secondo negativa per criteri il 44%. di qualità e uguaglianza. Tornando C è da osservare all Unità, che quando una campagna un giornale elettorale con una troppo storia personalizzata così importante come arriva quella alla cui soglia si è assistito del fallimento, in queste è un settimane, segnale preoccupante. non aiuta i cittadini E anche a comprendere chi non ne condivide meglio la la portata linea editoriale dell occasione e politica, storica. non può Dall elezione evitare di del riflettere presidente sulla ferita della profonda Commissione che si (il apre risultato nel mondo delle urne, dell informazione. per la prima volta, Un sistema sarà determinante come i in mercati, questo può senso), prosperare alle regole solo del se fiscal c è pluralismo compact, fino e concorrenza al mancato e utilizzo ha bisogno dei fondi norme strut- che, che turali ne dell Ue tutelino (un il corretto ritardo che sviluppo. riguarda Questo, soprattutto naturalmente, il nostro non paese), significa arrivando che la all annosa crisi dell Unità questione deve trovare dei flussi una migratori, soluzione la scarsa pubblica, informazione ma sarebbe crea miope piuttosto non confusione contestualizzarla e inquietudine. in un orizzonte Sono queste che va oltre le motivazioni i conti economici che, a partire della dal singola 9 maggio, impresa. ci hanno Varrebbe spinto perlomeno ad occuparci, la pena nel chiedersi dettaglio, perché dei tre il principali temi che Lussemburgo ha tassi coinvolgono di diffusione le politiche di copie comunitarie. di quotidiani quattro volte superiori all Italia, il Regno Unito il Con doppio questi e la presupposti Germania una uno volta scenario e mezza. siffatto E, sembra ancora, perché l unica via il nostro, possibile. che sarà O, almeno, pure un l esito paese più di poeti, verosimile. di artisti, eroi, santi e pensatori, è all ultimo posto in Europa per quote di quotidiani e riviste scaricate da internet. Siamo, quindi, di fronte a un problema serio, perché la pluralità dell informazione e il tasso di lettura dei quotidiani non sono elementi secondari per la crescita di un paese, sia dal punto di vista economico che democratico. D altronde, il tasso di democraticità di un paese si misura anche attraverso la pluralità delle voci che l attraversano. E non è un caso se l Economist, nel suo Democracy Index, colloca l Italia al 31 posto tra le democrazie imperfette, dopo Norvegia, Islanda e Danimarca (rispettivamente al 1, 2 e 3 posto), Paesi Bassi e Lussemburgo (10 e 11 ), Germania (14 ), Regno Unito e Stati Uniti (18 e 19 ), Costa Rica (20 ), Spagna e Francia (25 e 29 ).

3 01 Agosto 2014 La crisi dell Unità è lo specchio della crisi del paese. Una crisi che negli indici economici ha un evidenza acuta e drammatica. E il quotidiano, oggi, è anche il simbolo del precipitato di un settore strategico come l informazione, senza la quale, al netto di tutte le riforme possibili e immaginabili, nessuna democrazia può dirsi tale. Il campo di battaglia dell Unità non ha confini politici a sinistra o a destra, nel momento in cui il calo dei lettori e delle vendite riguarda, più o meno, tutte le testate e la crescita dell informazione online risulta troppo debole per compensare il calo delle nelle edicole. La crisi dell Unità, quindi, va oltre L Unità. È il riflesso di una sfida che riguarda tutto il mondo dell informazione. Una sfida che l Italia sta perdendo e non per colpa della tecnologia pervadente, visto che altrove le cose vanno diversamente. In tutto il mondo occidentale, la quantità dell informazione disponibile è cresciuta enormemente, così come la velocità di accesso ai contenuti. Se per un verso internet ha reso enormemente meno costoso le pubblicazioni, dall altro ha trasferito la funzione di filtro qualitativo, che nell epoca analogica era affidata alle grandi centrali del sapere (editori, università, enti e istituzioni), ai singoli utenti. Tutto questo arricchisce le possibilità di ciascuno di accedere direttamente alle fonti, dà responsabilità al lettore, apre alla cultura alla molteplicità, ma inevitabilmente disorienta e rende più difficile far ritrovare gli individui su un terreno culturale comune. Ecco perché nei paesi a più alto tasso di democrazia, la carta stampata, pur conoscendo una certa crisi, continua a vivere, contraddicendo tutte le previsioni che ne decretavano la fine imminente. Una progressiva integrazione, quindi, e non una veloce e inevitabile sostituzione. Questo perché il giornale stampato resta ancora uno strumento fondamentale per la libera circolazione delle idee e per un informazione capace di sedimentarsi su orizzonti che riflettono la profondità delle opinioni più che la velocità di diffusione. La società ha assunto entusiasticamente la rete, ne ha sperimentato il valore d uso, trovandoci libertà e ricchezza d idee. Ma nelle democrazie occidentali si sente forte la necessità di compensarne i limiti. E se, per un verso, quella dei giornali stampati non può più essere la posizione di chi ha l autorità culturale per definire esclusivamente la qualità dell informazione, dall altro, il nuovo ruolo al quale sono chiamati è quello di approfondimento critico, di analisi, di condivisione su terreni che continuano a essere patrimonio comune. E da questo nuovo equilibrio che può scaturire un rinnovamento dell ecosistema dell informazione, il cui motore e senso, ancor più che nella tecnologia, è nelle persone che colgono l occasione offerta dalla tecnologia per ottenere livelli più alti di conoscenze e informazioni. Se la crisi dell Unità non s inserisce in questo contesto è difficile capirne la gravità. Si perde un pezzo di storia, ma, ancor più, si spegne una voce in un paese che ambisce a guardare alla pari le democrazie e le economie più avanzate.

4 01 Agosto 2014 Troppe tasse mortificano la crescita È dell Italia il record mondiale della pressione fiscale effettiva. Secondo i calcoli dell Ufficio studi Confcommercio, diffusi in occasione del convegno Tagliamo le tasse non tassiamo la crescita. Indice di civiltà per un Paese moderno, la pressione è infatti pari al 53,2% del Pil, al netto dell economia sommersa che è intorno al 17,3% del prodotto interno lordo. Si tratta di una percentuale che supera quella di tutti i maggiori Paesi nel mondo, superiore dunque anche a quella di Paesi che hanno notoriamente una forte pressione fiscale come Danimarca (51,3%) e Francia (49,5%). A livelli molto più bassi si collocano la Gran Bretagna con il 40%, la Spagna 37,6%, l Irlanda al 32,5%, il Canada al 31,2% e gli Usa al 27,7%, Paesi dove l economia sommersa rtispetto al Pil ha un incidenza di gran lunga inferiore rispetto a quella italiana. In Italia la pressione fiscale apparente, invece, è pari al 44,1% del Pil. Secondo il Rapporto Fiscalità e crescita economica dell Ufficio Studi Confcommercio, a fronte di un auemento della pressione fiscale in Italia del 5% dal 2000 al 2013, il Pil procapite è sceso del 7%. In Germania nello stesso periodo la pressione fiscale è diminuita del 6% mentre il Pil reale procapite è aumentato del 15%. In Svezia, paese fuori dall Ue ad esempio, la pressione fiscale nello stesso periodo è scesa del 14% e il Pil reale procapite è aumentato del 21%. Troppe tasse, minore crescita Tutto ciò ha una ripercussione sui comportamenti dei consumatori, fa notare la Confcommercio poiché una pressione fiscale eccessiva mortifica la crescita. Anche se per la seconda parte dell anno è previsto un miglioramento sul fronte dei consumi (+0,2%) dettato ancora dall effetto 80 euro in più in busta paga. Ma, si avverte, le stime potranno essere tagliate se non si innesca il meccanismo per cui più fiducia, più consumi. Per il 2015, tuttavia, Confcommercio stima una crescita del Pil allo 0,9% con i consumi in ripresa dello 0,7%. Il peso dell economia illegale secondo il modello Sec 2010 Tornando al sommerso economico, si è detto che in Italia è pari al 17,3% del Pil e l imposta evasa ammonterebbe a circa 154 miliardi di euro (il 55% di 280 miliardi di imponibile evaso), un cifra che si riferisce al 2008 ma che si considera costante e che posiziona ancora una il nostro paese al primo posto nel mondo davanti a Messico e Spagna. Inoltre, ricorda la Confcommercio, che a partire da ottobre 2014 tutti i paesi dell Ue adotteranno il Sec 2010, che terrà conto del Pil e degli aggregati di bilancio, comprese infine le attività illegali (traffico di sostanze stupefacenti, servizi della prostituzione e contrabbando sigarette o alcol). A tale proposisto, secondo le elaborazioni di Confcommercio, 1,5 punti riguarderebbe proprio l economia illegale. Il rapporto debito/pil passerebbe così al 129,7% dal 134,9% stimato dal governo.

5 16 01 Maggio Agosto 2014 Il In peso crescita dell imprenditoria il Made femminile in Italy nel mercato mondiale L aumento registrato nel corso degli ultimi cinque anni della percentuale di donne sul totale degli imprenditori, passato dal 29,8% al 30,1% del 2013, La quota di mercato del Made in Italy nel mondo è aumentata, nel 2013, del 2,79% contro il si deve non tanto all aumento del numero di donne, ma alla miglior tenuta da parte delle impre- +2,74% registrato alla fine del 2012, dando così sempre più peso all export italiano. Entrando nel dettaglio dei dati presentati da Istat e Ice si possono notare una notevole crescita del 2,1% dell export dei servizi e una fase di stallo per quanto riguarda invece l import. I principali Paesi destinatari se rosa nel periodo di crisi. Il numero complessivo è infatti sceso di oltre 200 mila unità, spiega sono Germania, Francia, nei quali le quote di esportazioni nostrane si attestano rispettivamente al Confcommercio, ma la contrazione maggiore è 12,4% e al 10,8%, e gli Stati Uniti, con il 6,9%. A seguire troviamo la Svizzera con il 5,2% e il Regno Unito con il 5%. stata registrata tra le imprese guidate da uomini, scese di 158 mila unità, mentre le aziende guidate da donne che hanno chiuso i battenti sono Il Belgio risulta invece il Paese di sbocco più dinamico, ovvero il Paese che, grazie ad un +0,3%, ha registrato la crescita maggiore rispetto all anno precedente. Non male anche le performance state solo 47 mila. Tanto per fare un esempio: delle esportazioni verso Cina, Russia, Regno Unito e Iraq, verso i quali la crescita ha registrato un nel terziario, dal 2009 ad oggi, la quantità di donne imprenditrici è rimasta pressoché invariata. aumento dello 0,2%. Il terzo settore ha infatti registrato una contrazione minima, pari al -0,3%, contro il -10,7% registrato dal settore agricolo e dal -9,5% dell industria. Come se non bastasse il peso del comparto sul La quota di esportazioni Made in Italy nell Ue dei 28 è aumentata dal 4,66% del 2012 al 4,74% dello totale scorso dell economia anno, in è Africa cresciuto Settentrionale di quasi tre è punti passata percentuali, dal 7,52% passando al 9,02%, dal nel 66,6% Medio al Oriente 69%. Interessante dal 3,21% al è 3,40%, anche negli la crescita altri Paesi del numero africani delle dall 1,85% imprenditrici all 1,94% straniere e in Asia nel Orientale nostro Paese. dallo 0,82% L aumento allo 0,87%. dal 2009 è stato di 20 mila unità con in testa le imprenditrici cinesi, cresciute nel periodo di riferimento Il miglioramento del 45,5%. della situazione del Paese si nota anche grazie ai risultati ottenuti dai principali raggruppamenti Le regioni con la di più industrie. alta incidenza Nel corso di imprese del 2013 rosa lo sono scambio il Molise, di prodotti con il 34,7%, energetici e l Umbria, ha riscontrato con il una 33,4%. riduzione I settori del più deficit toccati di 54,4 dalle miliardi donne di sono euro. quelli In linea degli anche alloggi le e performance della ristorazione, del settore con 140 dei beni mila di imprese consumo, (43% per del il totale)e quale l avanzo quello dei è cresciuto servizi alla di persona, 4,5 miliardi con di 113mila euro, e di imprese quello (il dei 43% beni della strumentali, imprenditoriale). lievitato di Dal 4, miliardi. ad Bene oggi, anche il terziario i risultati il settore ottenuti più scelto dalle esportazioni dalle donne di per beni l avvio manifatturieri, di nuove attività di bevande, (nel 76% di dei pellami, casi). articoli da viaggio, macchine e apparecchi, prodotti chimici e autoveicoli. In crescita il numero delle imprese esportatrici La quota di imprese esportatrici è cresciuta nel corso del 2013 dell 1,3%. Nel complesso le imprese, comprese le semplici partite Iva, sono Ad oggi il 18,7% delle imprese non esporta, il 22,9% esporta meno del 5% della produzione, mentre il 31,3% esporta oltre l 80% della produzione. Le aziende che esportano regolarmente sono circa 13 mila, quelle in modo del tutto saltuario circa 70 mila, mentre quelle presenti nel mercato estero in maniera intermedia circa 30 mila.

6 01 Agosto 2014 Quanto costa il maltempo in estate Oltre un miliardo di euro è la perdita di fatturato causata dal maltempo. L estate che stenta a decollare (e che non promette niente di buono per i prossimi giorni) ha un costo che riguarda non solo chi opera nel turismo, ma anche chi gestisce le attività agricole. La cifra è stata stimata nei giorni scorsi dalla Coldiretti, sottolineando come a causa della pazza stagione cambino le abitudini e i consumi della frutta estiva. E poi ci sono gli alberghieri che se la prendono con il meteo e con quanti forniscono informazioni sulle condizioni climatiche. Meteo-terrorismo, lo hanno definito, perché di fatto inibisce gli spostamenti degli italiani, scoraggiati dalla pioggia e dal maltempo. In particolare le principali associazioni di albergatori della riviera romagnola e Federalberghi Emilia Romagna hanno annunciato un iniziativa legale mentre i siti di previsione meteo, come scrive il Corriere della Sera, assicurano che miglioreranno il servizio (ad esempio più accuratezza nella ripartizione delle fasce orarie e descrizione del margine di errore). Il calo di presenze nelle varie regioni Tanto per rendere l idea prendiamo in considerazione due casi, quasi fosse un esercizio di scuola. In Calabria la pioggia costante ha fatto crollare vertiginosamente i ricavi nell intero comparto turistico, dagli stabilimenti alle altre attività commerciali nelle località di solito prese d assedio dai vacanzieri. Sui laghi del Canavese si registra un terzo di presenze in meno, 15 mila per la precisione. Uguale in Lombardia, attorno al lago di Garda. Complessivamente Federalberghi Lombardia registra almeno un 15-20% di turisti in meno. Cifre analoghe lungo il litorale toscano (vanno decisamente meglio le città d arte, e comuque si tratta di un trend nazionale) e ingenti perdite si registrano nella riviera romagnola. La situazione in generale Tutto ciò va ad aggravare una situazione già di per sé delicata. Il barometro del turismo di Federalberghi, aggiornato con i nuovi dati relativi al secondo trimestre del 2014, non è infatti dei più lusinghieri. Si segnala un nuovo calo delle imprese del settore con 456 chiusure tra alberghi ed esercizi complementari tra gennaio e giugno e saldo positivo di 929 milioni di euro nel primo trimestre del 2014, ma in calo del 9,7% sul Nello specifico le spese degli stranieri da gennaio a marzo in Italia sono state pari a milioni di euro (+4,9% sul 2013) mentre gli italiani all estero hanno speso milioni (+8,7% sul 2013). Tuttavia tra gennaio e giugno le presenze negli alberghi italiani sono cresciute del 2% su base annua, grazie a un +2,3% di ospiti stranieri e a +1,8% di turisti italiani.

7 18 01 Luglio Agosto 2014 I La ricavi Francia (in calo) nuovo dell editoria malato d Europa? italiana di Fabio Germani Nel 2013, l editoria quotidiana e periodica ha perso quasi 700 milioni di ricavi. Questo è quanto emerge Il settimanale dalla tedesco Relazione Der annuale Spiegel 2014 è stato sull attività in Francia svolta durante e sui programmi il Tour che ha di lavoro visto trionfare dell Agcom, Vincenzo presentata e martedì. nelle varie In calo città-tappe il fatturato ha interrogato dei quotidiani le Nibali persone, (-7%) e dei i cittadini, periodici (-17,2%), per capire così meglio come le si condizioni ridotti del i ricavi paese provenienti che secondo dalla raccolta molti osservatori pubblicita- è sono il ria, nuovo che malato come d Europa. osservato da È davvero chi ha condotto così? Sì la e no. rilevazione Parigi non registra recita il una medesimo contrazione ruolo da che un ebbe minimo tempi del del -2,5% Merkozy, (internet) anzi a è un cambiata massimo la prospet- del 30% ai tiva. (annuari), Non molti passando giorni fa, dai parlando 8,3 miliardi in diretta del 2012 all Eliseo 7,4 dell ultimo in occasione anno delle (-10,9%). celebrazioni Nello del specifico: 14 luglio, la ai televisione passa da 3,6 miliardi a 3,2 (-10,1%), la il presidente radio da 493 francese milioni François a 461 (-6,4%), Hollande i quotidiani ricordava come con il premier italiano, Matteo Renzi, da 1,1 miliardi a 938 milioni di euro (-13,2%). ho I ricavi convinto dei quotidiani molti colleghi passano europei da 2,5 che miliardi bisognava del 2012 dare priorità a 2,3 miliardi alla crescità. di euro In dell ultimo effetti, già anno, prima dei di essere quali 1,1 eletto, miliardi era provengono in questo senso dalla vendita soprattutto delle copie che Hollande (il dato include prometterva sia quelle un cambio cartacee di rotta che digitali), 938 alle politiche milioni sono rigoriste invece di Berlino riconducibili avallate alla dal pubblicità predecessore (il computo Sarkozy. non tiene però conto della rispetto pubblicità online). Si riducono anche i ricavi dell editoria periodica, passati dai 2,8 miliardi del 2012 La ai 2,3 situazione dell ultimo socioeconomica anno, e i ricavi della radio (da 633 a 602 milioni di euro). Però sostenere che la Francia, che pure ha problemi strutturali non indifferenti, se la stia passando molto Il comparto male può delle essere telecomunicazioni fuorviante. C è chi sta peggio, l Italia ad esempio. Che secondo le stime del Fmi Il settore crescerà delle meno comunicazioni nei prossimi nel mesi corso della dell ultimo Francia anno stessa ha e registrato della Spagna. una perdita Anzi, il complessiva nostro è l unico in paese termini dell eurozona di fatturato pari a registrare a 5,4 miliardi un economia di euro rispetto stagnante. al 2012 Per (-9%). la Francia Secondo è attesa le stime una crescita dell Agcom, dello 0,7% il valore nel del 2014, macro-settore con un impennata delle comunicazioni all 1,4% nel 2015 per il e 2013 le previsioni è pari a riviste 56,1 miliardi al ribasso di euro, rispettivamente di cui 34,5 dello miliardi 0,3% dovuto e dello alle 0,1%. Tlc, 8,6 Il vero miliardi tallone a radio d Achille, e televisione, mica di 6,9 non miliardi poco conto, ai servizi è la postali disoccupazione. e 6,1 miliardi A all editoria giugno, infatti, e internet. è stato Nel segnato 2012 il settore un nuovo delle record comunicazioni negativo. Il aveva numero totalizzato di iscritti 61,4 agli uffici miliardi, collocamento calo di ha 4,4 raggiunto miliardi rispetto quasi i al tre 2011 milioni quando e 400 mila. valore Sono del novemila settore era i senza-lavoro di 65,8 miliardi. in più, in particolare con un tra gli over 50. Il governo Valls sta adottando il cosiddetto patto di responsabilità per fronteggiare l alto Il decreto tasso di Lotti disoccupazione (comunque di poco sopra il 10%), che consiste in sgravi fiscali alle imprese Il 26 giugno per scorso, favorire nuove il sottosegretario assunzioni. Luca In più, Lotti anche ha firmato al fine di il decreto incentivare sul l occupazione, fondo straordinario è stata a sostegno approvata dell editoria la riforma per il triennio del Terzo settore, segmento Molti i soldi strategico messi a disposizione ma anacronistico (120 milioni per quelle di euro, che da poco sono complessivamente). attuali esigenze Tanti dell economia sono invece sociale. gli obiettivi che il decreto vuole raggiungere: incentivare gli In investimenti più il ministro innovazione dell Economia, tecnologia Arnaud e Montebourg, digitale, favorire ha l assunzione confermato l intenzione di giornalisti di (quelle voler utilizzare a tempo almeno indeterminato un terzo potranno dei 50 miliardi godere di risparmi sgravi fiscali in bilancio al 100% (spalmati per 36 in mesi tre e anni) al 50% per assciurare per le assunzioni una copertura tempo determinato). vista della riduzione Il decreto della prevede pressione anche fiscale misure sulle di sostegno famiglie. ai programmi di ristrutturazione a aziendale con il ricorso ai prepensionamenti, parziale finanziamento degli ammortizzatori sociali e Tutte il passaggio le attenzioni a tempo indeterminato (negative) per del Hollande 20% dei contratti a tempo determinato, pena lo stop all erogazione frattempo, dei contributi. però, non si può non considerare l impopolarità che da qualche tempo ha avvolto il Nel presidente della Repubblica. Circostanza che di certo non aiuta nei periodi di vacche magre, spe-

8 Percentuale che nel Mezzogiorno raggiunge il 56,2%. Va meglio nelle regioni del Nord (31,7%) e al Centro (41%). Abbiamo toccato il fondo, ha ammesso il presidente del CONI Giovanni Malagò nel commentare i dati presentati giovedì. L obesità ha concluso è un altra partita, oltre che nostra soprattutto dello Stato. Tanto più miglioriamo quei numeri e più si spende meno in salute. Piccolo appunto: nel 2011, il 10% della popolazione adulta di 18 anni e più era obesa 19 Luglio Agosto Giugno 2014 (dati Istat). - See more at: A che punto siamo con Europa 2020 cie se c è da richiedere qualche sacrificio ai cittadini. E poi tale condizione è diventata pretestuosa al punto che le opposizioni ne approfittano per attaccarlo a qualsiasi occasione. Addirittura se indossa un paio di occhiali da vista di produzione danese anziché locale. O, ancora, per gli strascichi del caso gossipparo che ha riguardato l ex Valérie Trierweiler e l attuale compagna Julie Gayet. Recenti rumors volevano il presidente prossimo alle nozze con l attrice, in programma il 12 agosto per l esattezza. Quello è il giorno del mio compleanno, ha stigmatizzato Hollande al riguardo. di Mirko Spadoni In queste settimane, poi, il presidente non è stato aiutato neppure dagli eventi. Basti pensare alla tragedia dell aereo algerino precipitato in Mali, al cui interno viaggiavano molti connazionali francesi. E critiche le ha ricevute anche negli ultimi giorni per le posizioni ritenute troppo timide rispetto alla questione mediorientale. L Africa torna strategica? Nel mese di luglio, intanto, Hollande è stato particolarmente attivo nell Africa sub-sahariana con viaggi istituzionali in Costa d Avorio, Niger e Ciad. Un po per rinegoziare con le autorità del posto i piani anti-terrorismo e un po perché la stabilizzazione dell area è a garanzia di migliori rapporti commerciali in un angolo di mondo in cui la Francia nutre particolari interessi, ma ridotti negli anni a causa della presenza di nuovi investitori, molti dei quali cinesi. Twitter

9 06 01 Giugno Agosto 2014 Per Le sanzioni i consumi alla ai Russia livelli pre-crisi serviranno undici anni La crisi ucraina è (anche) un salasso per la Russia di Vladimir Putin. Perché la sanzioni imposte a Mosca pesano e non poco sull economia con il rischio di compromettere accordi commerciali già in essere. Un problema che preoccupa altri Paesi, ad esempio la Germania che teme come In occasione dell Assemblea annuale la Confcommercio le sanzioni ha presentato possano fare il Rapporto arretrare sulle le esportazioni economie regionali realizzato dall Ufficio Studi Confcommercio. verso Con la Russia il Pil a di +0,5% circa e il consumi 10%, per a una +0,1% perdita il 2014, la ripresa si allontana e si conferma più debole stimata e dagli lenta analisti del previsto di quattro (leggero miliardi recupero di fatturato. sì, E alcune la fiducia settimane da una fa parte, il Financial ma consumi Times, e citan- inve- nel 2015 con Pil a +0,9% e consumi a +0,7%). Cresce, stimenti mostrano l altra faccia del Paese, quella do di i un economia diplomatici europei, reale ancora scriveva drammaticamente che anche l Italia il divario non sarebbe economico-sociale particolarmente tra il d accordo Nord e il Sud; con ferma al palo e che vede ampliarsi sempre più il tra mantenimento il 2007 e il 2013 di un il prodotto atteggiamento pro capite estremo si è ridotto nei confronti di oltre della Russia. euro e fino Ma alla 2015 fine non le sanzioni ci sarà dell Ue, alcun significativo pesanti peraltro, recupero; sono continuano arrivare e ad colpiranno aumentare i settori i divari dell energia, territoriali: con finanza oltre e difesa. euro, Valle clima d Aosta, è da Lombardia guerra fredda, e Trentino per quanto Alto Adige la letteratura si confermano ci sguazzi le regioni (il più con delle il Pil volte pro a capite sproposito) più alto. su Il questi Campania, temi. Calabria Ma le accuse e Sicilia, che con arrivano circa dagli Stati euro, Uniti, quelle con la con Casa il Pil Bianca pro capite convinta più basso; della responsabilità consumi russa la musica rispetto non alla cambia: crisi dell area, a livello l abbattimento nazionale occorreranno del volo MH17 più di che 11 ha anni inasprito per tornare ulteriormen- ai livelli e per i te pre-crisi i rapporti, e al Sud, le sanzioni nel 2015, imposte si raggiungeranno (talvolta a malincuore, euro abbiamo pro capite, visto) un dall Ue livello addirittura creano condizioni inferiore poco a quello favorevoli di 20 anni per fa un ( dialogo euro); che sia con risolutivo poco più nel di breve periodo. Ci si attacca a qualsiasi cosa: il Secondo la vicepremier 80mila euro britannico a testa, lo Nick stock Clegg di beni ha strumentali proposto di destinati posto a produrre della designata ricchezza Russia. al Sud E è la inferiore questione di 1/3 sportiva candidare Londra al Mondiale di calcio del 2018 al Confcommercio non è da sottovalutare, ripensando la alle polemiche rispetto al Nord-Est che anticiparono (quasi 123mila le recenti euro); Olimpiadi per quanto riguarda ci si l export è messa di anche beni, l Italia la Corte con permanente una quota del di arbitrato invernali di Sochi. Intanto, a gravare sulle casse di Mosca, ripresa dell Aja si che allontana ha stabilito che vengano e si risconosciuti 25%, esporta 50 quasi miliardi la metà di dollari rispetto in danni alla Germania (più 60 milioni di dollari per le spese legali) a GML Ltd, l azionista (44%) e quasi di maggioranza un terzo rispetto dell ex all Olanda Yukos Oil (70%). Company, A conferma nella causa di espropriazione più debole del colosso petrolifero livello regionale, avvenuta solo nel il Veneto, Dunque l Emilia viene Romagna confermata e la tesi per cui all epoca furono avanzate la Lombardia ad hoc delle si false avvicinano accuse alla contro media l ex dell area oligarca euro Mikhail Khodorkovsky, oppositore del presidente e lenta del previsto. Vladimir (35%). Molto Putin. inferiore Il Financial la percentuale Times ricorda del questo Mezzogiorno (13%), di uno a testimonianza Stato. dell inefficienza delle po- come uno L economia dei maggiori risarcimenti reale della è storia ai danni litiche di industrializzazione attuate dai governi che ancora ferma al palo hanno trascurato il turismo, fonte naturale di export per quelle Regioni; anche le dinamiche occupazionali confermano la perdita di attrattività e competitività del Mezzogiorno rispetto al resto del Paese: mentre il numero di occupati in Italia dal 1995 al 2013 cresce del 3,6%, al Sud cala del 5,2%;altrettanto critico lo stato di salute delle attività commerciali e dei servizi con oltre imprese in meno nei primi tre mesi del L 80% di queste riguardano settori non alimentari e in particolare l abbigliamento; cambia l Italia negli ultimi anni dal punto di vista demografico: cresce la popolazione del Nord-Est (+11,3% dal 1995), si spopola il Sud (-0,2%) e, per cercare nuove opportunità di lavoro, ci si sposta dal Sud al Nord e dal Nord Italia verso l Europa; Dal 2007 si fanno meno figli e oggi il tasso di natalità è il più basso dell ultimo decennio (9 per mille nel 2012, 9,4 per mille nel 2002).

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3

Tassi di crescita reale, su base congiunturale e tendenziale, del PIL e delle sue voci nel secondo trimestre 2015 (variazioni percentuali) 0,3 IL QUADRO AGGREGATO Come già avvenuto nel primo trimestre dell anno, anche nel secondo il prodotto interno lordo ha conosciuto una accelerazione sia congiunturale che tendenziale. Tra aprile e giugno dell

Dettagli

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale

Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale OSSERVATORIO TURISTICO DELLA LIGURIA Il turismo internazionale nel mondo: trend di mercato e scenario previsionale Dossier Ottobre 2012 A cura di Panorama competitivo del turismo internazionale nel mondo

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012

Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario. Roma 22 giugno 2012 Quindici anni di turismo internazionale dell'italia (1997-2011) Andrea Alivernini, Emanuele Breda ed Eva Iannario Roma 22 giugno 2012 Arrivi e spesa per viaggi internazionali nel mondo (milioni di viaggiatori

Dettagli

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

ITALIA TURISMO Luglio 2012

ITALIA TURISMO Luglio 2012 ITALIA TURISMO Luglio 2012 LE VACANZE DEGLI ITALIANI IN TEMPO DI CRISI Cancellati 41 milioni di viaggi e 195 milioni di giornate di vacanza in cinque anni Gli ultimi aggiornamenti sull andamento del turismo

Dettagli

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015

La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 CONGIUNTURA & APPROFONDIMENTI Report n. 7 Maggio 2015 La situazione congiunturale per l industria manifatturiera trevigiana al primo trimestre 2015 A cura dell Area Studi e Sviluppo Economico Territoriale

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Presentazione del Rapporto L economia del Molise Francesco Zollino Servizio di Congiuntura e politica monetaria Banca d Italia Università degli Sudi del Molise, Campobasso 18 giugno 215 Il contesto internazionale

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA

IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA IL TURISMO INTERNAZIONALE E L ITALIA CERNOBBIO 28 MARZO 2015 PREMESSA L esposizione universale, a due mesi dall avvio, è considerata come la grande occasione per il rilancio del turismo italiano. Non solo

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE I DATI RELATIVI AL 2014 Nel 2014 l economia mondiale ha mantenuto lo stesso ritmo di crescita (+3,1%) dell anno precedente (+3,1%).

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale

L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro: l 84% del totale Il commercio con l estero dell Italia: I vini Doc-Docg e PREVISIONI Igt nel 2014 di PRODUZIONE Il commercio con l estero dell Italia 14 aprile 2015 L export di vini Doc-Docg e Igt vale 4,3 miliardi euro:

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso

MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso MADE IN ITALY SENZA ITALY I nuovi scenari della Moda e del Lusso Moda e lusso nell attuale contesto macroeconomico Intervento di Gregorio De Felice Chief Economist, Intesa Sanpaolo 8 Novembre 2013 (Sintesi)

Dettagli

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro

2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro 2.1.3 Inquadramento: numeri, sviluppo storico, previsioni per il futuro Nel 2004 (dopo 3 anni di crescita stagnante dovuta principalmente agli effetti degli attacchi terroristici dell 11 settembre e all

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la

Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la Migranti nel mondo Dalla presentazione Ocse di Berlino Integration von Zuwanderern: OECD-Indikatoren 2012, 03/12/2012. Sviluppo del tasso di occupazione tra la popolazione immigrata periodo 2000/2001

Dettagli

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia

Le società non finanziarie III. 1 La rilevanza del settore industriale nell economia III 1 La rilevanza del settore industriale nell economia Il peso del settore industriale nell economia risulta eterogeneo nei principali paesi europei. In particolare, nell ultimo decennio la Germania

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009

LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 2009 LE IMPRESE ITALIANE IN RUSSIA: TRA CRISI E NUOVE OPPORTUNITÀ Manuela Marianera, Centro Studi Confindustria, dicembre 9 "Non importa quante volte cadi. Quello che conta è la velocità con cui ti rimetti

Dettagli

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale

Capitolo 2.3. La situazione internazionale. Relazione Annuale Capitolo 2.3 Il turismo in Piemonte Carlo Alberto Dondona Si ringraziano Cristina Bergonzo (Sviluppo Piemonte Turismo), Amedeo Mariano(Città Metropolitana di Torino Sistema Informativo Turistico) La situazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE LA CONGIUNTURA ITALIANA 1 (aggiornata al 3 giugno 2015) IIL PRODOTTO IINTERNO LORDO IIL COMMERCIIO ESTERO DII BENII LA PRODUZIIONE IINDUSTRIIALE L IINFLAZIIONE IIL MERCATO DEL LAVORO 1 Il presente documento

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015

La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Turismo & Toscana La Toscana del turismo tra crisi e capacità competitiva Enrico Conti Firenze, 8 luglio 2015 Il turismo nell economia Toscana Nel 2014 oltre 43,5 milioni di presenze ufficiali (+ 3 milioni

Dettagli

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE

IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE FUTURE IL VINO ITALIANO ALLA LUCE DEI NUOVI SCENARI EVOLUTIVI: OPPORTUNITÀ E DENIS PANTINI Direttore Area Agricoltura e Industria Alimentare Nomisma spa PROSPETTIVE FUTURE I temi di approfondimento I consumi

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI

Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Le dinamiche degli investimenti in comunicazione in Italia nel 2010 COMUNICARE DOMANI Milano, 30 Giugno 2010 Scaricato da www.largoconsumo.info Il mercato della comunicazione mondiale Le previsioni per

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 20 novembre 2014 S.A.F.

Dettagli

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0

R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 A N A L I S I D E L L A D O M A N D A T U R I S T I C A N E G L I E S E R C I Z I A L B E R G H I E R I D I R O M A E P R O V I N C I A A N N O 2 0 1 0 R A P P O R T O A N N U A L E 2 0 1 0 1. L andamento

Dettagli

Nel mondo ci sono molte classifiche che

Nel mondo ci sono molte classifiche che L opinione pubblica viene spesso bombardata da una grande quantità di statistiche sui sistemi Paese che dicono tutto e il contrario di tutto. Come orientarsi in questo mare magnum? E come si colloca il

Dettagli

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici:

Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Barometro Ipsos / Europ Assistance Intenzioni e preoccupazioni degli europei per le vacanze estive Sintesi Ipsos per il Gruppo Europ Assistance Giugno 2015 Contatti Ipsos per gli Affari Pubblici: Fabienne

Dettagli

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE

TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE TRA ASPETTATIVE DI RECUPERO ED INCERTEZZE (febbraio 2015) Il ciclo internazionale, l area euro ed i riflessi sul mercato interno Il ciclo economico internazionale presenta segnali favorevoli che si accompagnano

Dettagli

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA.

CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. CONFINDUSTRIA-CRM: CHECK-UP MEZZOGIORNO, LA CADUTA SI ARRESTA, PROVE DI RIPARTENZA. Segnali positivi, ma ancora insufficienti a recuperare i valori pre-crisi. Il Mezzogiorno non può attendere il 2025.

Dettagli

Annuario Istat-Ice 2008

Annuario Istat-Ice 2008 Le informazioni statistiche sul Commercio estero e sulle Attività Internazionali delle imprese Luigi Biggeri 1 Struttura della presentazione 1. L Annuario e lo sviluppo delle informazioni statistiche sul

Dettagli

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA

A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N A L IS I D E L L A D O M A N D A TU R IS TIC A N E G L I E S E R C IZI A L B E R G H IE R I D I R O M A E P R O V IN C IA A N N O 2 0 0 9 R A P P O R TO A N N U A L E 2 0 0 9 1. L andamento del mercato

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 16 DICEMBRE 2010 Microimprese ancora in affanno ma emergono i primi timidi segnali di miglioramento negli investimenti Calano

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER

TITOLO GLOBAL ADVERTISING EXPENDITURE FORECAST SEPTEMBER 10 Fonte Elaborazioni ANES Monitor su dati ZenithOptimedia 2/10 Previsione della spesa pubblicitaria globale e PIL 2014-2017 (%) ZenithOptimedia (una delle più grandi centrali media del mondo) prevede

Dettagli

INDAGINE APRILE 2016

INDAGINE APRILE 2016 INDAGINE APRILE 2016 COMUNICATO STAMPA MILANO, 1 APRILE 2016 La crisi è passata anzi no, italiani confusi rispetto alla crisi e alla sua durata: il 33% degli intervistati ritiene che sia in atto una debole

Dettagli

Fondo Monetario Internazionale e Italia

Fondo Monetario Internazionale e Italia Fondo Monetario Internazionale e Italia (analisi della Public Information Notice del 13/11/2003) Antonio Forte Tutti i diritti sono riservati INTRODUZIONE Nell ambito della funzione di sorveglianza svolta

Dettagli

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE

OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1.000 1k 1,5k OUTLOOK ABI-CERVED SULLE SOFFERENZE DELLE IMPRESE Stima e previsione dei tassi di ingresso in sofferenza delle per fascia dimensionale APRILE 2015 #1 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 2 SOFFERENZE

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy

www.sviluppoeconomico.gov.it PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy PrideandPrejudice #laforzadellexport quello che non si dice del made in italy INTRODUZIONE Un economia sempre più internazionalizzata: l export è il principale volano per la crescita dell economia italiana,

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43

GLI ANDAMENTI TERRITORIALI 35 Macroarea Nord 35 Macroarea Centro 36 Macroarea Sud1 40 Macroarea Sud2 43 RAPPORTO BANCHE SOMMARIO E CONCLUSIONI 3 LA CONGIUNTURA BANCARIA IN EUROPA 7 L attivo bancario 8 Gli impieghi 8 I crediti deteriorati 14 I titoli in portafoglio 17 Le azioni e partecipazioni 19 Le passività

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI

MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI Grexit butta acqua sul fuoco" della ripresa, ma non la ferma MERCATO IMMOBILIARE EUROPEO OLTRE LA CRISI In Italia c'è ancora incertezza, ma piace agli investitori esteri Il no greco getta acqua sul fuoco

Dettagli

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC

DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC DOCUMENTO DI ILLUSTRAZIONE DELLO SCENARIO ECONOMICO DELLA FILIERA TLC INCONTRO 31 GENNAIO 2012 TRA ASSTEL E SLC-CGIL, FISTEL-CISL E UILCOM-UIL SUL RINNOVO DEL CONTRATTO COLLETTIVO DI LAVORO Sviluppo e

Dettagli

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015

Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014. Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Cerimonia di Consegna dei Premi Leonardo 2014 Roma, Palazzo del Quirinale - 27 Aprile 2015 Discorso del Vice Ministro allo Sviluppo Economico, Carlo CALENDA Signor Presidente della Repubblica, Autorità

Dettagli

Mercoledì 3 giugno 2015

Mercoledì 3 giugno 2015 Comunicato stampa 15 Barometro Vacanze Ipsos / Europ Assistance Crisi alle spalle? Il 60% degli Europei (+6 punti rispetto al 2014) dichiara che andrà in vacanza quest estate. Italiani su di 8 punti percentuali

Dettagli

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013

L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL 2013 L IMPRENDITORIA GIOVANILE NEL Confronto con il 2012 ed il 2008 e focus su amministratori e titolari d azienda febbraio 2014 P.tta Gasparotto, 8-35131 Padova Tel. 049 8046411 Fax 049 8046444 www.datagiovani.it

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro-

Economia debole, profitti deboli. -Il 2012 si prospetta ancora più duro- NOTIZIE n 42 Economia debole, profitti deboli -Il 2012 si prospetta ancora più duro- 20 settembre 2011 (Singapore) - La IATA (l Associazione internazionale del trasporto aereo) ha annunciato un aggiornamento

Dettagli

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati

Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Euro P.A. Turismo cercasi dati L ANNUARIO del TURISMO e della CULTURA 2009 Principali risultati e criticità nella raccolta dei dati Fabrizio Lucci, Centro Studi Rimini, 2 aprile 2009 INDICE DELL ANNUARIO

Dettagli

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore

La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore La crisi economica e finanziaria in Sicilia: elementi di scenario e opportunità del Terzo Settore Vincenzo Provenzano Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali e Finanziarie Università degli Studi

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413

... e i pagamenti delle imprese ... G e n n a i o 2 0 1 413 ...... Osservatorio sui protesti...... G e n n a i o 2 0 1 4 Osservatorio sui protesti In calo i mancati pagamenti e i gravi ritardi delle imprese... Sintesi dei risultati Nel terzo trimestre del i dati

Dettagli

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori.

SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013. La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. SCHEDA DATI STATISTICO-ECONOMICI NOVEMBRE 2013 1 La crisi economica colpisce soprattutto i lavoratori. A luglio 2013 gli occupati sono il 55,9% ossia 22 milioni 509 mila, mentre i disoccupati sono 3 milioni

Dettagli

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011

OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 OSSERVATORIO TURISTICO REGIONALE DELLA LIGURIA RAPPORTO ANNUALE 2011 Focus Provincia di Savona Maggio 2012 A cura di I flussi turistici nelle strutture ricettive Le principali dinamiche e tendenze manifestate

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma

Sistema paese e sicurezza economica. Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma Sistema paese e sicurezza economica Maurizio Franzini Sapienza, Università di Roma I nostri temi Invece di un sistema-paese, un paese diviso e gravato da varie forme di insicurezza economica In che senso

Dettagli

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese

2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese Osservatorio economico,coesione sociale, legalità 3 Rapporto sulla coesione sociale nella provincia di Reggio Emilia 2.1 Gli effetti della crisi sulle imprese COMUNE DI REGGIO EMILIA La crisi economica

Dettagli

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%).

Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI CREDITO DA PARTE DELLE FAMIGLIE Nel 2014 crescita record della domanda di mutui (+30,6%) ma calano ancora le richieste di prestiti da parte delle famiglie (-2,0%). Le evidenze

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI

MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI MADE 2012 EFFICIENZA E RISPARMIO ENERGETICO E RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA E URBANA: ECCO GLI ASSET PER IL RILANCIO DELLE COSTRUZIONI La riconfigurazione del mercato delle costruzioni Lo scenario delle costruzioni

Dettagli

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis

Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Presentazione del Rapporto L economia del Molise Pietro de Matteis Filiale di Campobasso, Banca d Italia Campobasso, 18 giugno 2015 L economia italiana La prolungata flessione del PIL si è attenuata Andamento

Dettagli

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni

17 luglio 2015. Italia: premi raccolti nei settori vita e danni Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi

5 - Previsioni BASE. 6.- Tre mosse per archiviare la crisi 1 2 3 INDICE 5 - Previsioni BASE 5.1 - Previsioni dell Economia Italiana 2014-2018 dopo Legge di Stabilità e Riforme Strutturali 5.2 - e se il cambio non scendesse e rimanesse all 1,33 del 2014? 6.- Tre

Dettagli

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO

MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO MEDEC CENTRO DEMOSCOPICO METROPOLITANO Bologna City Marketing 1 Aumento della popolazione Invecchiamento della popolazione attiva Abbassamento dell indice di vecchiaia e incremento dell i.s.p.a. Dal si

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi35annida3profondecrisi.nel1983,acausadella stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione, il mercato ha avuto un calo improvviso

Dettagli

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8

L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 L INDUSTRIA MONDIALE DELLA MACCHINA UTENSILE 8 L INDUSTRIA ITALIANA COSTRUTTRICE DI MACCHINE UTENSILI, ROBOT, AUTOMAZIONE 2 I DATI RELATIVI AL 2011 2 LE ESPORTAZIONI 4 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI 6 La macchina utensile 6 La robotica 7 L INDUSTRIA

Dettagli

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015

SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 SETTORE PELLETTERIA: PRECONSUNTIVO 2015 Un ulteriore consolidamento del fatturato estero del settore caratterizza questi primi 8 mesi del 2015: tra gennaio e agosto sono stati esportati prodotti per 4,2

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

1 2 3 4 5 6 7 La riduzione delle copie vendute nel quinquennio è stata di 400 milioni, oltre un milione di copie al giorno. Lievemente meno accentuato il calo degli abbonamenti, passati da circa 380mila

Dettagli

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia

L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia L economia italiana nella Relazione della Banca d Italia Paolo Sestito Servizio struttura Economica, Banca d Italia Modena, 4 giugno 215 Il contesto internazionale e l area dell euro 2 Nei paesi emergenti,

Dettagli

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia.

La maggiore partecipazione alla vita sociale ed economica delle donne determina un aumento della quota del tempo delle donne fuori dalla famiglia. Meno matrimoni In Italia ha sempre ricoperto un ruolo decisivo nel sistema di protezione sociale la rete di welfare familiare. Anche nell ambito della famiglia registriamo dinamiche demografiche, sociali

Dettagli

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni

La congiuntura. italiana. Confronto delle previsioni La congiuntura italiana N. 3 FEBBRAIO 2014 Il Pil torna positivo nel quarto trimestre ma il dato è sotto le attese. La crescita si prospetta debole, penalizzata della mancanza di credito e per ora sostenuta

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO

L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO CELEBRAZIONI UFFICIALI ITALIANE PER LA GIORNATA MONDIALE DELL ALIMENTAZIONE 2009 Conseguire la sicurezza alimentare in tempi di crisi PARTE III L AZIONE CONTRO LA FAME NEL MONDO L Italia con l ONU contro

Dettagli

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015

L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015. 30 Gennaio 2015 L'indice di fiducia del viaggiatore italiano: Rilevazione GENNAIO 2015 30 Gennaio 2015 METODOLOGIA e CAMPIONE L indagine che presentiamo è stata eseguita fra il 24 e il 28 gennaio 2015 con metodologia

Dettagli

L inflazione nel 2004

L inflazione nel 2004 L inflazione nel 2004 Un quadro generale In Italia l inflazione media annua per l anno 2004 si è attestata intorno al 2,2%, un risultato di gran lunga migliore rispetto al 2003 quando il valore medio di

Dettagli

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite

8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite 8 Consumer & Retail Summit Un autunno pieno di incognite Gregorio De Felice Servizio Studi e Ricerche Milano, 9 ottobre 214 Agenda 1 Italia: in lento recupero dal 215 2 Consumi: il peggio è alle spalle?

Dettagli

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza

IL I L R EAL A L EST S A T T A E T RESI S D I E D NZIA I L A E Paola Dezza IL REAL ESTATE RESIDENZIALE Paola Dezza Immobiliare, asset class vincente Le ricerche sull impiego del capitale nel lungo periodo mostrano quasi sempre l ottima prestazione del mattone rispetto ad altre

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini

Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini Education at the Glance 2005 edition Una summary in italiano dei principali risultati di Roberto Fini L educazione e l apprendimento lungo tutto l arco della vita svolgono un ruolo capitale nello sviluppo

Dettagli